LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE  EFFICACE <ul><li>di Alberto Daniele per  XXIV Master in Editoria di Comunika </li></ul>
Tanto per cominciare… <ul><li>Quando parliamo di qualcosa, siamo sicuri che intendiamo tutti lo stesso “qualcosa”? </li></...
Osservate con attenzione (avete solo pochi secondi) <ul><li>…  E appuntatevi cosa vedete </li></ul>
 
 
 
 
 
 
 
<ul><li>OGNUNO PERCEPISCE IL MONDO IN CUI VIVE IN MODO UNICO E SOGGETTIVO: NON COME REALTÀ OGGETTIVA </li></ul><ul><li>Chi...
<ul><li>L’esperienza di ognuno è la percezione della realtà attraverso i cinque sensi.  Sulla base delle percezioni sensor...
<ul><li>Ciascuno filtra quello che lo circonda: nessuno vede la  vera  realtà! </li></ul>
Il  processo  che chiamiamo  esperienza  si basa sull’interazione tra il corpo (i sensi) e la mente (ricordi e immaginazio...
MAPPA PERSONALE Poiché la mente di ciascuno di noi elabora tutto secondo criteri  soggettivi  (la propria  esperienza  e i...
Quello che comunichiamo è ciò che l'altro ha capito e non quello che pensiamo di aver comunicato.
 
<ul><li>l'emittente : è il soggetto (o i soggetti) che fa partire il messaggio </li></ul><ul><li>2. il ricevente : è il so...
<ul><li>3. il messaggio : è il contenuto di ciò che si comunica. Può essere una informazione, un dato, una notizia o più s...
<ul><li>5. il canale : può essere inteso sia come il mezzo tecnico esterno al soggetto con cui il messaggio arriva (telefo...
<ul><li>7. la decodifica : è il percorso contrario svolto dal ricevente che trasforma il messaggio da codice in idee, conc...
<ul><li>8. il feed-back : è l’informazione di ritorno fornita dal ricevente alla comunicazione data dall’emittente.  </li>...
<ul><li>9. il contesto o ambiente : è il &quot;luogo&quot;, fisico o sociale, dove avviene lo scambio comunicativo - può i...
TIPI DI COMUNICAZIONE: <ul><li>Comunicazione verbale : utilizza le parole  </li></ul><ul><li>Comunicazione paraverbale : t...
 
<ul><li>L’emittente  vuole dire 100 </li></ul><ul><li>in realtà dice 80 </li></ul><ul><li>il ricevente  sente 50 (a causa ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Intro Comunicazione Interpersonale Efficace

6,739

Published on

I modulo del Master in Editoria e Comunicazione di Comunika

Published in: Education

Intro Comunicazione Interpersonale Efficace

  1. 1. LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE EFFICACE <ul><li>di Alberto Daniele per XXIV Master in Editoria di Comunika </li></ul>
  2. 2. Tanto per cominciare… <ul><li>Quando parliamo di qualcosa, siamo sicuri che intendiamo tutti lo stesso “qualcosa”? </li></ul><ul><li>Perché gli altri dovrebbero “perdere il loro tempo” a sentirvi? </li></ul><ul><li>Quali sono gli elementi per ottenere una comunicazione efficace? </li></ul>
  3. 3. Osservate con attenzione (avete solo pochi secondi) <ul><li>… E appuntatevi cosa vedete </li></ul>
  4. 11. <ul><li>OGNUNO PERCEPISCE IL MONDO IN CUI VIVE IN MODO UNICO E SOGGETTIVO: NON COME REALTÀ OGGETTIVA </li></ul><ul><li>Chi sa veramente CHE COSA un altro pensa? </li></ul><ul><li>E… COME pensa? </li></ul><ul><li>Ciascuno pensa di conoscere la “realtà” che però differisce da persona a persona… </li></ul><ul><li>Tanto che alcuni sono preoccupati dal calo di lettori di quotidiani e altri festeggiano per lo stesso motivo! </li></ul>
  5. 12. <ul><li>L’esperienza di ognuno è la percezione della realtà attraverso i cinque sensi. Sulla base delle percezioni sensoriali e dei filtri mentali personali, costruiamo la nostra MAPPA MENTALE DEL MONDO </li></ul>
  6. 13. <ul><li>Ciascuno filtra quello che lo circonda: nessuno vede la vera realtà! </li></ul>
  7. 14. Il processo che chiamiamo esperienza si basa sull’interazione tra il corpo (i sensi) e la mente (ricordi e immaginazione). Questo consente di controllare e migliorare l’esperienza stessa .
  8. 15. MAPPA PERSONALE Poiché la mente di ciascuno di noi elabora tutto secondo criteri soggettivi (la propria esperienza e il proprio vissuto ) non possiamo illuderci che la nostra mappa sia migliore di quella dell’altro . La comunicazione deriva dalla combinazione di questi elementi soggettivi: chi parla utilizza la propria mappa mentale personale, esattamente come chi ascolta utilizza la propria. È compito di chi manda un messaggio ricordare la soggettività della comunicazione .
  9. 16. Quello che comunichiamo è ciò che l'altro ha capito e non quello che pensiamo di aver comunicato.
  10. 18. <ul><li>l'emittente : è il soggetto (o i soggetti) che fa partire il messaggio </li></ul><ul><li>2. il ricevente : è il soggetto (o i soggetti) che riceve il messaggio </li></ul>
  11. 19. <ul><li>3. il messaggio : è il contenuto di ciò che si comunica. Può essere una informazione, un dato, una notizia o più semplicemente una sensazione </li></ul><ul><li>4. il codice : è il sistema di segni che si usa quando si comunica e senza il quale non avviene la trasmissione del messaggio. Può essere sia una lingua, che un gesto, un grafico, un disegno. </li></ul>
  12. 20. <ul><li>5. il canale : può essere inteso sia come il mezzo tecnico esterno al soggetto con cui il messaggio arriva (telefono, fax, posta ecc.) sia come il mezzo sensoriale coinvolto nella comunicazione (principalmente udito e vista) </li></ul><ul><li>6. la codifica : è l'attività che svolge l'emittente per trasformare idee, concetti e immagini mentali in un messaggio comunicabile attraverso il codice </li></ul>
  13. 21. <ul><li>7. la decodifica : è il percorso contrario svolto dal ricevente che trasforma il messaggio da codice in idee, concetti e immagini mentali </li></ul>
  14. 22. <ul><li>8. il feed-back : è l’informazione di ritorno fornita dal ricevente alla comunicazione data dall’emittente. </li></ul>
  15. 23. <ul><li>9. il contesto o ambiente : è il &quot;luogo&quot;, fisico o sociale, dove avviene lo scambio comunicativo - può incentivare o al contrario disincentivare la comunicazione </li></ul>
  16. 24. TIPI DI COMUNICAZIONE: <ul><li>Comunicazione verbale : utilizza le parole </li></ul><ul><li>Comunicazione paraverbale : tono e volume della voce, pause, ritmo, etc. </li></ul><ul><li>Comunicazione non verbale : espressione dei volto, gesti, etc. E' meno facilmente controllabile, può tradire gli effettivi sentimenti, stati d'animo, opinioni. </li></ul><ul><li>Comunicazione simbolica : il nostro modo di vestire, gli oggetti di cui ci circondiamo, etc, costituiscono una parte molto significativa della nostra comunicazione. </li></ul>
  17. 26. <ul><li>L’emittente vuole dire 100 </li></ul><ul><li>in realtà dice 80 </li></ul><ul><li>il ricevente sente 50 (a causa dei disturbi dell'ambiente) capisce 30 ricorda 20 </li></ul>

×