Your SlideShare is downloading. ×
How to do Project Based Learning - linee base per attivare PBL
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

How to do Project Based Learning - linee base per attivare PBL

261
views

Published on

presetnazione introduttiva su come attivare una didattica per progetti. Da combinare con altre presentazioni create da Alberto Garniga per promuovere il PBL presso propria scuola - …

presetnazione introduttiva su come attivare una didattica per progetti. Da combinare con altre presentazioni create da Alberto Garniga per promuovere il PBL presso propria scuola - www.centromoda.tn.it - come ad esempio http://www.slideshare.net/alberto.garniga/star-wars-pbl

Published in: Education

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
261
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Project  Based  Learningconcetti  basePBLmercoledì 20 marzo 13
  • 2. MODELLI    DIDATTICImercoledì 20 marzo 13
  • 3. Lezionemercoledì 20 marzo 13
  • 4. + +etc.programmazione  per  blocchi  di  contenutifocus su spiegazioni del docenteed esercizi degli allievimercoledì 20 marzo 13
  • 5. Laboratoriomercoledì 20 marzo 13
  • 6. + +etc.programmazione  per  attivitàfocus su attività degli allievie loro esercitazionimercoledì 20 marzo 13
  • 7. Progettomercoledì 20 marzo 13
  • 8. programmazione  per  fasifocus su processo del lavoroe compiti degli allievifineiniziomercoledì 20 marzo 13
  • 9. lezioni laboratori progettivelocità alta media bassaapprendimento contenuti abilità competenzeverifiche edevidenzeinterrogazioni,test, eserciziesercitazioni,performanceprodotti,risultatidocente sapiente tecnico managerDifferenzemercoledì 20 marzo 13
  • 10. IL  MODELLO    P.B.L.mercoledì 20 marzo 13
  • 11. Cambio direzione: dagli studenti al docentemercoledì 20 marzo 13
  • 12. UdA PBLdisciplina 1 prodotto 1disciplina 2 prodotto 2disciplina 3 prodotto 3prodottodisciplina 1disciplina 2disciplina 3disciplina 6disciplina 5disciplina 4Cambio focus: dalle discipline ai prodottimercoledì 20 marzo 13
  • 13. AUTO%GESTIONE+ALLIEVI+Docente+consulente,+consegna+il+brief,+monitora+il+processo+e+fa+empowerment+PROJECT+MANAGEMENT+Rigorosa+pianificazione+tempi+aIvità+risorse+IL+PRODOTTO+AL+CENTRO+Iniziare+dalla+fine,+fine+con+la+presentazione,+compito+di+realtà+e+soluzione+TEAM+WORKING+Enfasi+su+collaborazione,+divisione+ruoli,+sfida+di+squadra+TECNOLOGIE+Pensiero+tecnologico,+importanza+degli+strumenP,+in+parPcolare+digitali+Dimensioni chiave: check-listmercoledì 20 marzo 13
  • 14. Metafora chiave: scuola come esercito vecchio stampomodello delle lezioni > esercito ottocentescomodello del PBL > gruppo scelto con missionemercoledì 20 marzo 13
  • 15. Metafora chiave: dalla classe alla task-forcemodello del PBL > gruppo scelto con missionemercoledì 20 marzo 13
  • 16. Fasi chiave: concetti fondanticompiti   e   prodotti   (carefully   designed   products   and   tasks):   i   progetti   sono   tali   perché   hanno   un  termine,  una  meta,  un  6ine  osservabile  e  da  presentare;  i  risultati  del  processo  sono  prodotti/servizi  le   cui   caratteristiche   e   limiti   di   accettabilità   (standards)   devono   essere   programmati,   chiari   e  condivisi  6in  dall’inizio.  sistematicità   (systematic   teaching   method):   non   progettini   episodici   o   marginali,   ma   visioni   di  insieme  e  articolate  in  maniera  interdipendente,  organizzando  spazi  e  tempi  non  secondo  la  logica  oraria  della  lezione,  ma  secondo  le  fasi  vitali  di  un  lavoro  progettuale  verocoinvolgimento  (engagement):  gli  studenti  devono  essere  impegnati  attivamente  come  protagonisti,  non   come   esecutori   o   elementi   passivi;   si   richiedono   pertanto   attività   riconducibili   non   alla  semplice  applicazione   di   procedure   ma   alla   negoziazione,   delega,   responsabilizzazione   degli   studenti   6in  dall’inizio,  nella  de6inizione  del  problema  e  dei  mezzicompetenze   (skills):   i progetti devono avere chiari gli obiettivi di apprendimento rispetto ai quali lediscipline sono mezzi, non fini, e devono essere rese attive calandole in situazioni concrete dove lecompetenze vengano agite: non cè competenza se non cè performance osservabile della stessaautenticità  (authentic  question):  i  problemi  devono  esser  connessi  a  questioni  reali,  non  virtuali,  e  prevedere   una   esplorazione   attiva,   una   investigazione   per   capire   come   elaborare   la   costruzione  dell’artefatto  o  servizio  che  risponda  al  problema/s6ida  di  partenzamercoledì 20 marzo 13
  • 17. Patto e Kick-off1> documento Patto+ evento-lancio+ gruppi e compiti> driving questionmercoledì 20 marzo 13
  • 18. Idea e Ricerca2> mappe concettuali+ ricerche web+ moodboard> team building+ acquisizionepre-requisitimercoledì 20 marzo 13
  • 19. Planning3> calendari+ Ganttmercoledì 20 marzo 13
  • 20. Tappe attività4in itineremercoledì 20 marzo 13
  • 21. Tappe attività4in itinere> documentare (storyboard)mercoledì 20 marzo 13
  • 22. Tappe attività4in itinere> documentare (storyboard)> fare verifiche (check-point)+ valutare con Rubricsmercoledì 20 marzo 13
  • 23. Tappe attività4in itinere> documentare (storyboard)> fare verifiche (check-point)+ valutare con Rubrics> acquisire/perfezionareconoscenze e abilità (pit-stop)mercoledì 20 marzo 13
  • 24. Tappe attività4in itinere> documentare (storyboard)> fare verifiche (check-point)+ valutare con Rubrics> acquisire/perfezionareconoscenze e abilità (pit-stop)> monitorare tempi (dead-lines)mercoledì 20 marzo 13
  • 25. Presentazioni5> slide+ performancemercoledì 20 marzo 13
  • 26. Bilancio6> valutazione individuale e di progetto(schede e rubrics su processo e prodotto)mercoledì 20 marzo 13
  • 27. Bilancio6> revisionemercoledì 20 marzo 13
  • 28. a)   rapporto  con  il  reale:  il  progetto  viene  da  una  commessa  reale?  Oppure  è  prodotto  dalla  pura  invenzione  del  docente?b)   senso   di   sfida   creativa:   gli   allievi   sono   sfidati   o   il   problema   in   verità  interessa   solo   i   formatori?   Il   prodotto   finale   previsto   ha   caratteristiche   di  innovazione  o  semplicemente  replica  l’esistente?c)   forte  strutturazione:  il  progetto  segue  i  dettami  del  project  management,  in  cui   si   definiscono   con   chiarezza   attività+tempi+risorse,   tanto   da   poterli  schedulare  e  inserire  in  un  diagramma  di  Gantt?d)   attività  auto-­‐dirette  dagli  studenti:  ciò  che  si  fa  fare  agli  studenti  è  deciso  dall’alto   dal  docente   e  condotto   da   loro  esecutivamente   o  vi  è  spazio   reale  per  loro  scelte  e  decisioni  (self-­‐driven  activities)?e)   lavori   di   gruppo:   studenti   sono   organizzati   (o   meglio:   si   organizzano)   in  team  con  precisi  ruoli  e  compiti?Domande chiave: check-listmercoledì 20 marzo 13