Your SlideShare is downloading. ×
0
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Le gare centralizzate: il parere dell'industria
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Le gare centralizzate: il parere dell'industria

441

Published on

Congresso Nazionale AISLeC 2011: Pagetti

Congresso Nazionale AISLeC 2011: Pagetti

Published in: Health & Medicine, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
441
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Le gare centralizzate: il parere dell’industria Bologna, 12 maggio 2011 Elena Pagetti Segretario Assobiomedicali Assobiomedica
  • 2. Centralizzazzione degli acquisti
    • Indichiamo con questa espressione numerose formule di aggregazione della domanda.
    • concentrazione dell’offerta
    • omologazione dei prodotti
    • penalizzazione delle imprese
    Aspetti critici Assobiomedica
  • 3. I DM non sono beni di largo consumo
    • I dispositivi medici sono prodotti sofisticati dalle cui caratteristiche e modalità di impiego nei processi sanitari dipende
    • LA QUALITÀ
    • delle prestazioni erogate ai cittadini
    Assobiomedica
  • 4. La centralizzazione porta a standardizzare
    • Il mercato dei DM è fatto di forniture: complesse, articolate, differenziate.
    • È un mercato che risponde a esigenze non standardizzabili
    In una moderna sanità i bisogni dei pazienti non possono essere considerati standardizzabili
  • 5. La centralizzazione porta a mettere in secondo piano la qualità
    • All’aumentare del grado di centralizzazione corrisponde necessariamente una diminuzione del soddisfacimento della domanda di qualità dei beni e servizi sanitari acquistati, espressa dagli operatori sanitari
    Assobiomedica
  • 6. La centralizzazione disincentiva gli investimenti in R&S
    • La qualità delle prestazioni sanitarie dipende dalla qualità delle tecnologie acquistate e utilizzate. Le imprese vanno incentivate a investire in R&S
    • Devono poter offrire tecnologie innovative e soluzioni differenziate in relazione alle esigenze specifiche dei pazienti e degli operatori
    Assobiomedica
  • 7. La centralizzazione porta a una minore concorrenza Assobiomedica
  • 8. La centralizzazione crea dei quasi-monopoli
    • La complessità dei processi d’acquisto centralizzati spinge ad allungare la durata delle gare.
    • Rischi per l’intero mercato domestico:
    • Esplulsione dal mercato di un sempre crescente numero di imprese
    • Creazione di quasi- monopoli
    • Ostacoli all’ingresso dell’innovazione tecnologica
    Assobiomedica
  • 9. La centralizzazione non significa risparmio
    • Qualora si perseguisse acriticamente una politica di acquisti centralizzati, il rischio di spendere di più invece che di risparmiare sarebbe reale.
    • Dove il servizio post-vendita e in particolare l’assistenza tecnica sono parti importanti della fornitura, la scelta di centralizzare di acquisti è spesso destinata a riservare delusioni
    Assobiomedica
  • 10. La centralizzazione non significa risparmio
    • Se ci riferiamo a forniture di dispositivi per l’assistenza domiciliare al paziente, un indicatore non solo del gradimento da parte di quest’ultimo ma anche della spesa effettiva è ricavabile dalla differenza tra quantità (spesa) autorizzata e quantità ritirata di un determinato dispositivo acquisito tramite una procedura centralizzata. Ebbene, in molti casi la spesa effettiva finisce per essere maggiore di quella attesa per via della centralizzazione dell’acquisto iniziale.
    Assobiomedica
  • 11. Proposte
    • In tema di politiche di acquisto vanno perseguite soluzioni che:
    • Mettano il paziente al centro dell’analisi dei bisogni d’acquisto
    • Riconoscano alle professioni sanitarie un importante ruolo nel processo decisionale di acquisto
    • Favoriscano la concorrenza e pertanto la numerosità delle offerte
    • Siano pensate tenendo conto delle specificità del mercato interessato e del tipo di forniture necessarie
    Assobiomedica
  • 12. Assobiomedica

×