Your SlideShare is downloading. ×
L’IGIENE DEL PAZIENTE ALLETTATO SI PUO’ FARE SENZ’ACQUA?? APPLICAZIONE, OSSERVAZIONE E VALUTAZIONE DI UN METODO PER LE CUR...
Gruppo di lavoro : Vincenza Maniaci :  Referente lesioni cutanee SITRA, Coordinatore Aziendale del progetto Elena Porta : ...
Background :  In cosa consiste l’igiene quotidiana e….serve a prevenire le lesioni cutanee? Detersione : allontanamento me...
Background :  L’igiene quotidiana serve a prevenire le lesioni cutanee? MITO <ul><li>DAI CDC DI ATLANTA : </li></ul><ul><l...
Quale una possibile soluzione? PROVIAMO A COMPARARE VECCHIO E NUOVO?????? DETERGENTI: inaridiscono la pelle (particolare a...
Quale una possibile soluzione? Individuare un metodo pratico da attuare mediante un PROTOCOLLO CONDIVISO e verificabile co...
CAMPIONE DI 16 PAZIENTI VALUTAZIONE DELLE CONDIZIONI DEL PAZIENTE E DELLA CUTE PRIMA DELL’UTILIZZO DEL METODO PAZIENTE <ul...
OSSERVAZIONI E VALUTAZIONE DEL PAZIENTE E DELL’INFERMIERE DOPO APPLICAZIONE DEL METODO PAZIENTE E INFERMIERE INFERMIERE In...
VALUTAZIONE DELLA CUTE A FINE TRATTAMENTO Evidenze riscontrate a fine trattamento su 16 pazienti campione
CONFRONTI QUALITA’ CURE/TEMPO IMPIEGATO
DOPO PRIMA RISULTATI il sistema dei panni umidificati, se utilizzato con la corretta metodologia, fornisce i vantaggi indi...
Alla luce di quanto dimostrato … .LAVARE SENZ’ACQUA SI PUO!!.............,……. ANZI SI DOVREBBE!!!!.........
NON DIMENTICARE  MAI  CHE  SULLA PELLE  C’E’ SEMPRE “APPICCICATA” UNA PERSONA……. UNA RIFLESSIONE………… PER CONCLUDERE……
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

L'igiene del paziente allettato si può fare senz'acqua?

4,981

Published on

Congresso Nazionale AISLeC 2011: relazione di Maniaci

Published in: Health & Medicine, Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
4,981
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "L'igiene del paziente allettato si può fare senz'acqua?"

  1. 1. L’IGIENE DEL PAZIENTE ALLETTATO SI PUO’ FARE SENZ’ACQUA?? APPLICAZIONE, OSSERVAZIONE E VALUTAZIONE DI UN METODO PER LE CURE IGIENICHE ALTERNATIVO ALL’ACQUA V. Maniaci P. Toscano F. Vela VII CONGRESSO NAZIONALE AISLeC Nel futuro da protagonisti: la ricerca, la clinica e l’organizzazione del wound care di domani Bologna 12 – 13 – 14 Maggio 2011
  2. 2. Gruppo di lavoro : Vincenza Maniaci : Referente lesioni cutanee SITRA, Coordinatore Aziendale del progetto Elena Porta : Caposala U.O. Medicina VI° B, Coordinamento dell’ equipe infermieristica Paolo Toscano, Maurizio Sarpini, Francesca Vela, Annamaria Di Noi, Laura Tronconi : Infermieri U.O. Medicina VI° B, attuatori operativi del progetto. Milano
  3. 3. Background : In cosa consiste l’igiene quotidiana e….serve a prevenire le lesioni cutanee? Detersione : allontanamento meccanico di microrganismi e di materiale organico ed inorganico. Idratazione : applicazione di emollienti e/o idratanti al fine di sostituire i lipidi cutanei persi con la detersione e mantenere la funzione di barriera idro-lipidica <ul><li>CATINI / BROCCHE </li></ul><ul><li>Manopole o spugne </li></ul><ul><li>Detergenti </li></ul><ul><li>Cotone, garze, lenzuola… </li></ul><ul><li>Creme idratanti o emollienti </li></ul>ATTUALMENTE
  4. 4. Background : L’igiene quotidiana serve a prevenire le lesioni cutanee? MITO <ul><li>DAI CDC DI ATLANTA : </li></ul><ul><li>Dividere il corpo in 8 parti diverse ; </li></ul><ul><li>Usare 8 presidi diversi per </li></ul><ul><li>LAVARE, </li></ul><ul><li>RISCIACQUARE, </li></ul><ul><li>ASCIUGARE </li></ul>REALTA’ <ul><li>bagno completo solo 1 volta alla settimana </li></ul><ul><li>L’igiene del viso, ascelle e parti intime solo al mattino </li></ul><ul><li>Lavaggio del perineo solo nel caso di scariche e non sempre ad ogni cambio del pannolone. </li></ul>
  5. 5. Quale una possibile soluzione? PROVIAMO A COMPARARE VECCHIO E NUOVO?????? DETERGENTI: inaridiscono la pelle (particolare attenzione agli anziani), rimuovono i batteri residenti ed alterano il ph cutaneo (aggressività). RUBINETTI degli ospedali: reservoir di contaminazione CATINI ed ACQUA degli ospedali: fonte di contaminazione batterica e ricettacolo di infezioni nosocomiali Metodo classico MANTENGONO E/O RIPRISTINANO il ph fisiologico . MIGLIORANO E PREVENGONO arrossamenti/irritazioni cutanee NON seccano la pelle, la idratano EVITANO la formazione di colonie batteriche sulla superficie cutanea Evoluzione Panni pre umidificati appositamente formulati
  6. 6. Quale una possibile soluzione? Individuare un metodo pratico da attuare mediante un PROTOCOLLO CONDIVISO e verificabile con metodo scientifico Strumenti e metodi Materiale: “panni umidificati” Metodo: “procedure”, “protocolli”, “verifica finale” <ul><li>Ricerca e individuazione dei diversi panni presenti sul mercato </li></ul><ul><li>Studio e valutazione di protocolli mirati </li></ul><ul><li>Strutturazione di una scheda di raccolta dati </li></ul><ul><li>Corso di formazione per gli operatori </li></ul><ul><li>Individuazione del campione per l’applicazione </li></ul>Obiettivi 1. Migliorare l’igiene quotidiana del paziente, nonché della cute 2. Rendere operativo il protocollo adattandolo alle esigenze del paziente non autosufficiente (detersione efficace ma nel contempo delicata) 4. Contenimento dei costi, garantendo sempre l’igiene del paziente 24h su 24. 3. Miglior organizzazione del lavoro (riduzione dei tempi e del carico di lavoro) Panni che non risultino essere irritanti per cute, mucose e apparato respiratorio, e non lesivi sulla membrana cellulare e proteica
  7. 7. CAMPIONE DI 16 PAZIENTI VALUTAZIONE DELLE CONDIZIONI DEL PAZIENTE E DELLA CUTE PRIMA DELL’UTILIZZO DEL METODO PAZIENTE <ul><li>Continente </li></ul><ul><li>Incontinente (singola /doppia) </li></ul><ul><li>Portatore di presidi </li></ul>CUTE <ul><li>Eritema </li></ul><ul><li>Macerazione </li></ul><ul><li>Xerosi </li></ul><ul><li>Altro </li></ul>
  8. 8. OSSERVAZIONI E VALUTAZIONE DEL PAZIENTE E DELL’INFERMIERE DOPO APPLICAZIONE DEL METODO PAZIENTE E INFERMIERE INFERMIERE Informato sul metodo Prevenuto sul metodo Riscontro di pelle morbida e idratata Stato della cute dopo aver lasciato in situ il panno Validità e accuratezza dell’igiene Miglioramenti nell’organizzazione Riduzione del tempo Uniformità del metodo protocollato Favorevole all’adozione del metodo innovativo Consigliabile ai colleghi Validità e accuratezza dell’igiene confrontato al metodo tradizionale
  9. 9. VALUTAZIONE DELLA CUTE A FINE TRATTAMENTO Evidenze riscontrate a fine trattamento su 16 pazienti campione
  10. 10. CONFRONTI QUALITA’ CURE/TEMPO IMPIEGATO
  11. 11. DOPO PRIMA RISULTATI il sistema dei panni umidificati, se utilizzato con la corretta metodologia, fornisce i vantaggi individuati negli obiettivi <ul><li>Miglior igiene quotidiana : SEMPLICITA’ CON UN’UNICA OPERAZIONE ED UN UNICO PRODOTTO. </li></ul><ul><li>Miglior idratazione e trofismo cutaneo : PREVENZIONE DI INFEZIONI CROCIATE, IRRITAZIONI E LESIONI CUTANEE. </li></ul><ul><li>Maggior frequenza e accuratezza dell’igiene : FACILITA’ DI ATTUAZIONE, RIDUZIONE DEI TEMPI. </li></ul><ul><li>Miglior operatività e razionalizzazione dei costi: MONITORAGGIO DEI COSTI, CERTI ED OMNICOMPRENSIVI. </li></ul>
  12. 12. Alla luce di quanto dimostrato … .LAVARE SENZ’ACQUA SI PUO!!.............,……. ANZI SI DOVREBBE!!!!.........
  13. 13. NON DIMENTICARE MAI CHE SULLA PELLE C’E’ SEMPRE “APPICCICATA” UNA PERSONA……. UNA RIFLESSIONE………… PER CONCLUDERE……

×