Indagine di Prevalenza: Lesioni Cutanee degli
Arti Inferiori e Patologie Podologiche in una
Popolazione di Persone Senza D...
RAPPORTO ISTAT 2011
• 47.648 senza dimora (SD) censiti su 158 comuni
• hanno utilizzato mense, dormitori, altri servizi ne...
Definition of homelessness “ETHOS light”
Operational category Living situation Definition
1 People living rough 1 Public s...
identikit
• 90% uomini
• 57,9% meno di 45 anni
• 2/3 licenzia media inferiore (10% no titoli,
quasi analfabeta)
• 72,9% vi...
identikit
• 58,5% nord
• Milano è la “capitale italiana”
della homelessness con 13.115 SD, l’1%
della popolazione.
• Roma ...
identikit
• 31% limitazioni fisiche /disabilità
(insufficienze, malattie, disturbi mentali) e
problemi di dipendenza
• 16,...
OBIETTIVO
Valutare la prevalenza di lesioni agli arti
inferiori, distrofie cutanee e ungueali,
alterazioni della deambulaz...
METODI
Sono state valutate le persone SD
afferenti al Centro Diurno e/o Dormitorio
Pubblico del comune di:
- Pisa
- Livorn...
INDAGINE NAZIONALE DI PREVALENZA
- lesioni cutanee degli arti inferiori -
SCHEDA PODOLOGICA
NOME:_________________________...
RISULTATI
91 schede compilate:
• Pisa: 45
• Livorno: 14
• Viareggio: 12
• Lucca: 10
• Grosseto: 10
Risultati
• Sesso: 78 m / 13 f
• Età: 47aa (min 18 – max 74)
• Provenienza: 25 italiani, 66 stranieri
• Anni in strada:
LESIONI: 5 SD
eziologia
Venosa 1
Piede diabetico 1
Traumatica 2
Non nota 1
sede
Gamba dx 1
Gamba sx 2
Avampiede dx 1
Avamp...
dolore
Lieve 2
Atroce 1 (trauma)
tessuto
Nero (necrosi) 1
Rosa (riepiteliz.) 2
Rosso (gran.) 1
Trattamento antalgico: 2
In...
simmetrica
64%
atassica
1%
difficoltosa
32%
necessita
ausili
3%
DEAMBULAZIONE
Simmetrica:58 sd
Difficile: 33 sd
Lieve:9 sd
Moderato: 13 sd
Forte: 10 sd
alcol
1%
fumo
52%
alcol+fumo
19%
fumo +
sovrap.9%
alcol+sovrap.
1%
sovrappeso
3%
obesità
1%
altro
1%
NO
14%
STILE DI VITA
si
6%
no
0%
giornaliera
41%settimanal
e
48%
saltuaria
5%
igiene
DISTROFIE CUTANEE
si
45%
no
55%
secchezza
si
40%
no
60%
macerazione interdigitale
si
12%
no
88%
ragadi calcaneari
si
5%
no...
si
9%
no
91%
U. Incarnita
DISTROFIE UNGUEALI
si
2%no
98%
Ematoma
si
10%
no
48%
Bilat.
42%
Distrofia
si
10%
no
74%
Bilat.
1...
IPERCHERATOSI
DX
9%
SX
4%
BILAT
87%
DIGITALE
DX
10%
SX
6%
BILAT
84%
MT DX
0%
SX
13%
BILAT
87%
CALCANEARE
↔ Correlazioni ↔
• Anni in strada ↔ Distrofie (cutanee e
ungueali)
• Igiene ↔ Distrofie (cutanee e ungueali)
• Calzature ↔...
Spunti di riflessione
• La maggior parte della popolazione
indossava calzature idonee,
• 1/3 del campione deambulava con
d...
Spunti di riflessione
• Le condizioni igieniche precarie, ma non
drammatiche, possono giustificare le
micosi (20%) e le di...
Spunti di riflessione
• In futuro sarebbe necessario implementare lo
strumento (scheda prevalenza),
• approfondendo parame...
Ringraziamenti
…Marco Iazzolino…
…Massimo..Laura…
…Michela…Paola…
...Emilio…
…tutti gli operatori
dei dormitori…
..Dott.ss...
Ringraziamenti
Elisa, Elena, Giulia, Elisa!
Congresso AISLeC 2013 | Intervento Teobaldi
Congresso AISLeC 2013 | Intervento Teobaldi
Congresso AISLeC 2013 | Intervento Teobaldi
Congresso AISLeC 2013 | Intervento Teobaldi
Congresso AISLeC 2013 | Intervento Teobaldi
Congresso AISLeC 2013 | Intervento Teobaldi
Congresso AISLeC 2013 | Intervento Teobaldi
Congresso AISLeC 2013 | Intervento Teobaldi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Congresso AISLeC 2013 | Intervento Teobaldi

437

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
437
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • > 3 anni= (venosa) < 6 mesi (sospetto kaposi),entrambi > di 4 lesioni). L’unico con diabete (da 5-10 aa)
  • 58 ok, 33 difficoltà
  • Congresso AISLeC 2013 | Intervento Teobaldi

    1. 1. Indagine di Prevalenza: Lesioni Cutanee degli Arti Inferiori e Patologie Podologiche in una Popolazione di Persone Senza Dimora Ilaria Teobaldi Elena Oliveri, Giulia Davini, Elisa Materazzi, Elisa Banchellini, Maurilio Rossi, Veronica Ruggeri
    2. 2. RAPPORTO ISTAT 2011 • 47.648 senza dimora (SD) censiti su 158 comuni • hanno utilizzato mense, dormitori, altri servizi nel bimestre nov-dic 2011 • (no ROM, minori, piccoli comuni) • Cat. ETHOS 1 e 2, European Observatory on Homelessness (ETHOS: European Typology on Homelessness and Housing Exclusion ) [LE PERSONE SENZA DIMORA. ISTAT, fio.PSD, Caritas Italiana, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, 09/10/2012]
    3. 3. Definition of homelessness “ETHOS light” Operational category Living situation Definition 1 People living rough 1 Public space/external space Living in the streets or public spaces without a shelter that can be defined as living quarters 2 People in emergency accommodation 2 Overnight shelters People with no place of usual residence who move frequently between various types of accommodation 3 People living in accommodation for the homeless 3 4 5 6 Homeless hostels Temporary accommodation Transitional supported accommodation Women’s shelter or refuge accommodation Where the period of stay is less than one year 6 4 People living in institutions 7 8 Health care institutions Penal institutions Stay longer than needed due to lack of housing No housing available prior to release 5 People living in non-conventional dwellings due to lack of housing 9 10 11 Mobile homes Non-conventional buildings Temporary structures Where the accommodation is used due to a lack of housing and is not the person’s usual place of residence 6 Homeless people living temporarily in conventional housing with family and friends (due to lack of housing 12 Conventional housing, but not the person’s usual place of residence Where the accommodation is used due to a lack of housing and is not the person’s usual place of residence
    4. 4. identikit • 90% uomini • 57,9% meno di 45 anni • 2/3 licenzia media inferiore (10% no titoli, quasi analfabeta) • 72,9% vive solo • 28,3 % lavora (25,3% donne) • 60% stranieri (quasi il 10% è laureato, il 43,1% ha un diploma di scuola media superiore) • 2,5 anni in strada [LE PERSONE SENZA DIMORA. ISTAT, fio.PSD, Caritas Italiana, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, 09/10/2012]
    5. 5. identikit • 58,5% nord • Milano è la “capitale italiana” della homelessness con 13.115 SD, l’1% della popolazione. • Roma è seconda, con lo 0,3% della popolazione, pari a 7.827 persone SD • Palermo terza, con 3.829 persone SD [LE PERSONE SENZA DIMORA. ISTAT, fio.PSD, Caritas Italiana, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, 09/10/2012]
    6. 6. identikit • 31% limitazioni fisiche /disabilità (insufficienze, malattie, disturbi mentali) e problemi di dipendenza • 16,2% ha dichiarato di “stare male “ o “molto male”. [LE PERSONE SENZA DIMORA. ISTAT, fio.PSD, Caritas Italiana, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, 09/10/2012]
    7. 7. OBIETTIVO Valutare la prevalenza di lesioni agli arti inferiori, distrofie cutanee e ungueali, alterazioni della deambulazione e della morfologia dei piedi, stili di vita e provenienza etnica in una popolazione di persone SD.
    8. 8. METODI Sono state valutate le persone SD afferenti al Centro Diurno e/o Dormitorio Pubblico del comune di: - Pisa - Livorno - Grosseto - Viareggio - Lucca dal 1 Novembre al 10 dicembre 2012.
    9. 9. INDAGINE NAZIONALE DI PREVALENZA - lesioni cutanee degli arti inferiori - SCHEDA PODOLOGICA NOME:_____________________________ DATA:___________________________ 5 BIS: VAS DOLORE 0 ASSENTE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 PEGGIOR DOLORE IMMAGINABILE 17 BIS: Deabulazione difficile: • chirurgia • trauma • artrosi/artrite • deformità • patologia neurologica 23 BIS: MAPPA IPERCHERATOSI
    10. 10. RISULTATI 91 schede compilate: • Pisa: 45 • Livorno: 14 • Viareggio: 12 • Lucca: 10 • Grosseto: 10
    11. 11. Risultati • Sesso: 78 m / 13 f • Età: 47aa (min 18 – max 74) • Provenienza: 25 italiani, 66 stranieri • Anni in strada:
    12. 12. LESIONI: 5 SD eziologia Venosa 1 Piede diabetico 1 Traumatica 2 Non nota 1 sede Gamba dx 1 Gamba sx 2 Avampiede dx 1 Avampiede sx 1 T insorgenza < 1 mese 2 < 6 mesi 2 > 3 anni 1(venosa) n. lesioni Lesione singola 3 > 4 2 Anni diabete (8SD) < 5 1 5-10 4 10-20 2 >20 1
    13. 13. dolore Lieve 2 Atroce 1 (trauma) tessuto Nero (necrosi) 1 Rosa (riepiteliz.) 2 Rosso (gran.) 1 Trattamento antalgico: 2 Infezione: no Medicazione: 2 (tradizionale) Compressione: no Fasciatura: 1 Farmaci topici: 1 (antibiotico locale)
    14. 14. simmetrica 64% atassica 1% difficoltosa 32% necessita ausili 3% DEAMBULAZIONE Simmetrica:58 sd Difficile: 33 sd
    15. 15. Lieve:9 sd Moderato: 13 sd Forte: 10 sd
    16. 16. alcol 1% fumo 52% alcol+fumo 19% fumo + sovrap.9% alcol+sovrap. 1% sovrappeso 3% obesità 1% altro 1% NO 14% STILE DI VITA
    17. 17. si 6% no 0% giornaliera 41%settimanal e 48% saltuaria 5% igiene
    18. 18. DISTROFIE CUTANEE si 45% no 55% secchezza si 40% no 60% macerazione interdigitale si 12% no 88% ragadi calcaneari si 5% no 80% Bilat. 15% micosicutanea
    19. 19. si 9% no 91% U. Incarnita DISTROFIE UNGUEALI si 2%no 98% Ematoma si 10% no 48% Bilat. 42% Distrofia si 10% no 74% Bilat. 16% Micosi
    20. 20. IPERCHERATOSI DX 9% SX 4% BILAT 87% DIGITALE DX 10% SX 6% BILAT 84% MT DX 0% SX 13% BILAT 87% CALCANEARE
    21. 21. ↔ Correlazioni ↔ • Anni in strada ↔ Distrofie (cutanee e ungueali) • Igiene ↔ Distrofie (cutanee e ungueali) • Calzature ↔ Ipercheratosi • Deambulazione ↔ ipercheratosi • Deambulazione ↔ Alterazioni morfologiche • Etnia ↔ Distrofie (cutanee e ungueali) • Etnia ↔ Alterazioni morfologiche • Ipercheratosi ↔ Alterazioni morfologiche
    22. 22. Spunti di riflessione • La maggior parte della popolazione indossava calzature idonee, • 1/3 del campione deambulava con difficoltà e dolore, riconducibile a problematiche croniche, • ¾ del campione utilizzava uno strumento per il curettage appropriato ma, • i SD con unghia incarnita erano proprio tra quelli in possesso di uno strumento appropriato!
    23. 23. Spunti di riflessione • Le condizioni igieniche precarie, ma non drammatiche, possono giustificare le micosi (20%) e le distrofie cutanee (45%, 40%, 12%). • Lo stesso può valere per le micosi (26%) e distrofie ungueali (52%). • L’alta percentuale delle ipercheratosi dell’avampiede(digitali e MT) ovviamente corrisponde alle relative deformità avampodaliche.
    24. 24. Spunti di riflessione • In futuro sarebbe necessario implementare lo strumento (scheda prevalenza), • approfondendo parametri come il trofismo muscolare e l’escursione articolare, • associando esami strumentali (micologico, ABI…), • ripetere l'indagine su un campione più rappresentativo e… • (sogno!) rendere lo studio non solo epidemiologico ma di trattamento!
    25. 25. Ringraziamenti …Marco Iazzolino… …Massimo..Laura… …Michela…Paola… ...Emilio… …tutti gli operatori dei dormitori… ..Dott.ssa Iacopi (Betta!)…
    26. 26. Ringraziamenti Elisa, Elena, Giulia, Elisa!

    ×