Congresso AISLeC 2013 | Intervento Rivolo

1,055 views
958 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,055
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
14
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Congresso AISLeC 2013 | Intervento Rivolo

  1. 1. Epidemiologia delle lesioni arti inferiori: lo scenario internazionale VIII Congresso Nazionale AISLeC 12-14 giugno 2013 Atahotel Expo Fiera, Pero (MI) Dr. Inf. Massimo Rivolo
  2. 2. • Le ulcere degli arti inferiori sono definite come lesioni cutanee croniche non- healing delle gambe e dei piedi. Possono essere arteriose, diabetiche, vasculitiche, traumatiche o neoplastiche, ma le ulcere venose sono le più comuni. Cheesbrough M Leg ulcers. In Rai GS, Mulley GP (Eds) Elderly Medicine: A Training Guide. Martin Dunitz, London, (2002) Come studio un fenomeno? Definendolo
  3. 3. • “In caso di un'ulcera, non conviene stare in piedi, soprattutto se l'ulcera è situata sulla gamba.” Ippocrate 460 a. C • Ippocrate era affetto da ulcere alle gambe!!!
  4. 4. • In letteratura vengono descritte almeno 40 cause di ulcerazioni alle gambe: “vascolari - neuropatiche – metaboliche – infettive – ematologiche – neoplastiche.” Moffatt CJ, Franks PJ, Doherty DC, Martin R, Blewett R, Ross F. Prevalence of leg ulceration in a London population. QJM. 2004 Jul;97(7):431-7.
  5. 5. • Una delle prime indagini sul fenomeno delle ulcere degli arti inferiori è rappresentato dal Lothian and Forth Valley leg ulcer Study. • Studio eziologico su 600 pazienti con ulcerazioni alle gambe. Callam MJ, Harper DR, Dale JJ, Ruckley CV. Chronic ulcer of the leg: clinical history. Br Med J 1987
  6. 6. Lothian and Forth Valley Study Ulcere alle gambe. • Eziologia Venosa: 76% • Eziologia Arteriosa: 22% • Eziologia Mista: 15% • Eziologia Reumatica: 9% • Eziologia Diabetica: 5% Callam MJ, Harper DR, Dale JJ, Ruckley CV. Chronic ulcer of the leg: clinical history. Br Med J 1987
  7. 7. L’evoluzione nel tempo
  8. 8. Studio Anno Prevalenza Incidenza globale (Callum MJ, Ruckley CV, Harper DR, et al. Chronic ulceration of the leg: extent of the problem and provision of care. BMJ 1985) 80 1,48% 0,2 (Baker, Stacy, JoppMcKay & Thompson, 1991; Callam, Ruckley, Harper & Dale, 1985; Dore & Lewis, 1986; Nelzen et al., 1995). 90 1-6% Australian and New Zealand Clinical Practice Guideline for Prevention and Management of Venous Leg Ulcers 2011 2003 1,1% Rippon et al 2007 The economic impact of hard-to- heal leg ulcers) 2007 3-5%
  9. 9. Quali cambiamenti?
  10. 10. Anni ‘90 1:1,4 Anni 2000 1:1,35 Chronic leg ulcers: an underestimated problem in primary health care among elderly patients. J Epidemiol Community Health 1991; Prevalence of leg ulceration in a London population C.J. Moffatt, P.J. Franks, D.C. Doherty, R. Martin, R. Blewett and F. Ross 2004
  11. 11. Differenze tra Occidente e Africa
  12. 12. • L’eziologia delle ulcere degli arti inferiori varia enormemente tra i paesi industrializzati (Occidente) e i paesi sottosviluppati (Africa). A prospective evaluation of lower extremity ulcers in a Zimbabwean population. Department of Surgery, College of Health Sciences, University of Zimbabwe, Harare, Zimbabwe, International Wound Journal (INT WOUND J), 2009 Oct; 6 (5): 361-6. (37 ref)
  13. 13. Piccolo studio Infezione HIV Età media Localizza zione Eziologia 117 pazienti 46% sieropositivi 56 anni Piedi 60% Infezione Gambe 30% Insufficienza arteriosa Cosce 10% Traumi A prospective evaluation of lower extremity ulcers in a Zimbabwean population. Department of Surgery, College of Health Sciences, University of Zimbabwe, Harare, Zimbabwe, International Wound Journal (INT WOUND J), 2009 Oct; 6 (5): 361-6. (37 ref)
  14. 14. • L’eziologia più frequente delle U. era l’infezione, > con HIV+. • L’infezione, l’insufficienza arteriosa e i traumi sono le maggiori cause di ulcere agli arti inferiori, a differenza dell’Occidente dove l’insufficienza venosa, le ulcere miste e quelle arteriose sono le principali cause eziologiche delle ulcere. A prospective evaluation of lower extremity ulcers in a Zimbabwean population. Department of Surgery, College of Health Sciences, University of Zimbabwe, Harare, Zimbabwe, International Wound Journal (INT WOUND J), 2009 Oct; 6 (5): 361-6. (37 ref)
  15. 15. Principale eziologia: l’infezione Principale eziologia: l’IVC
  16. 16. Le ulcere venose
  17. 17. Studio Prevalenza Incidenza annuale Report Baker and Stacey (1994) U.V. 1% su tutta la popolazione The management of patients with venous leg ulcers. Audit protocol. Royal College of Nursing RCN (2000) 20 persone su 1000 nei soggetti di età superiore a 80 anni. ABC of arterial and venous disease. Ulcerated lower limb. British Medical Journal London N & Donnelly R. 2000;) Prevalenza pari al 4% negli adulti con età > a 65 anni (Vowden K & Vowden P. Preventing venous ulcer recurrence: a review. International Wound Journal 2006; 3(1):11–21.) 3 persone su 1000 soffre di U.V. Takahashi P, Chandra A, Cha S & Crane S. A Predictive Model for Venous Ulceration in Older Adults: Results of a Retrospective Cohort Study. Ostomy Wound Management 2010; 1,7% > 65 anni
  18. 18. • Le U.V. colpiscono indifferentemente i ceti sociali, ma guariscono più lentamente e recidivano maggiormente nei ceti sociali medio-bassi con scarsa alfabetizzazione. SIGN Management of chronic venous leg ulcers. Clinical guideline No. 120. Scottish Intercollegiate Guidelines Network. (2010)
  19. 19. Studio Anno % Recidive Moffatt C & Dorman M. Recurrence of leg ulcers within a community leg ulcer service. Journal of Wound Care 1995 22-69% Nelson E, Cullum N & Jones J. Venous leg ulcers. British Medical Journal (Clinical Research Edition); 2006 26-69% Tassi di recidive a 3 mesi Callam M, Ruckley C, Harper D & Dale J. Chronic ulceration of the leg: extent of the problem and provision of care. British Medical Journal (Clinical Research Edition) 1985; 290(6485):1855–1856. 1985 50% in tre mesi Nelzen O, Bergqvist D & Lindhagen A. Long-term prognosis for patients with chronic leg ulcers: a prospective cohort study. European Journal of Vascular and Endovascular Surgery 1997; 13(5):500–8 1997 56% in tre mesi Vowden K & Vowden P. Preventing venous ulcer recurrence: a review. International Wound Journal 2006; 3(1):11–21. 2006 70% in tre mesi Le recidive
  20. 20. • Le ulcere arteriose e miste, sono lesioni che colpiscono l’arto inferiore rispettivamente con percentuali pari al 10% e 20%. Young JR. Differential diagnosis of leg ulcers. Cardiovascular Clinics 1983;13:171–93 Le ulcere arteriose e miste
  21. 21. Studio Prevalenza Cornwall JV,Dore CJ, Lewis JD Br J Surg 1986 Sep;73(9) 9% Moffat CJ; Franks PJ; Doherty DC; Martin R; Blewett R; Ross F Q J M 2004 Jul;) 15-16 % Prevalenza
  22. 22. • Il 35% di tutte le ospedalizzazioni sono causate dal PD. Responsabile di circa l’80% delle amputazioni dell’arto inferiore. Diabetic foot: a continuing challenge. 2012;771:123-38.) • Le ulcere diabetiche affliggono circa il 4- 10% dei pazienti diabetici. (Boulton, A.J., Vileikyte, L., Ragnarson-Tennvall, G. Appelquist, J. The global burden of diabetic foot disease. Lancet 2005 Ulcere diabetiche
  23. 23. • Il 15% dei diabetici andrà incontro nella sua vita ad un’ulcera del piede. • Il 25-50% dei pazienti diabetici ricevono un’amputazione immediata al momento della prima visita a causa di un’infezione coesistente. (Epidemiology of diabetic foot Leone S, Pascale R, Vitale M, Esposito S. 2012;
  24. 24. Autori Nazione Popolazione Prevalenza DFS Kumar et al (94’) UK 811 5,3% Shera et al (04’) Pakistan 500 4% Fabian et al (05’) Polonia 27.932 0.5% (TID); 2.2% (T2D) Sabag-Ruiz et al (06’) Messico 252 10.8% Al-Mahroos et al (07’) Arabia S. 1477 5.9% Rabia et al (07’) Malesia 200 9.5% Samann et al (08’) Germania 4778 2.8%(TID); 3.6% (T2D) Vieira-Santos et al (08’) Brasile 1374 9% Iversen et al (08’) Norvegia 1494 10.4% Wolf et al (09’) Germania 4906 5.1% Prevalenza del piede diabetico (Prevalence of diabetic foot syndrome and its risk factors in the UK. Agosto 2010).
  25. 25. Prevalenza Incidenza annuale Documento internazional e piede diabetico 2010 0,2-4,8% 46,1- 936 per 100.000 persone Ogni 30 secondi, nel mondo, un arto inferiore è amputato a causa del diabete. Amputazione e diabete Ogni anno, più di 1 milione di persone sono soggette ad un’amputazione dell’arto inferiore come conseguenza del diabete. Documento internazionale piede diabetico 2010
  26. 26. • In un’analisi retrospettiva (su 116 pazienti), 57 (49.1%) subiva l’amputazione omolaterale entro 3 anni dalla prima. Il 78.9% è stato riamputato nei primi 6 mesi, 53 soggetti (45.7%) sono morti entro i 3 anni e 16 (13.8%) hanno sviluppato un’infezione post- operatoria. • Conclusioni: metà dei pazienti richiede una riamputazione e muore entro 3 anni. Identifying the incidence of and risk factors for reamputation among patients who underwent foot amputation. Kono Y, Muder RR. Ann Vasc Surg. 2012 Nov;26(8):1120-6. doi: 10.1016/j.avsg.2012.02.011. Epub 2012 Jul 25. Riamputazioni
  27. 27. Studi a confronto 2004 2012 • Nel 2030 la prevalenza mondiale è stimata intorno al 4,2% con circa 366 milioni di malati nella popolazione. Wild S.Global prevalence of diabetes estimates for the year 2000 and projections for 2030. Diabetes Care 2004; 27(5): 1047-53) • Nel 2030 si stima che circa 552 milioni di persone saranno diabetiche, 8,3% della popolazione adulta. Kbakker et al. The development of global consensus guidelines in the management and prevention of the diabetic foot 2011 Diabetes Metab Res Rev 2012; 28 Suppl 1): 116- 118
  28. 28. • Le vasculiti sono patologie che determinano alterazioni infiammatorie e necrosi nelle pareti dei vasi sanguigni. Conducono ad ischemia e necrosi tissutale Langford CA (1997) Chronic immunosuppressive therapy for systemic vasculitis. Curr Opin Rheumatol 9(1): 41–7 Ulcere vasculitiche
  29. 29. Prevalenza The causes of venous ulceration Lacet 1982 2% Epidemiology of chronic wound patients and relation to serum levels of mannan-binding lectin. (2009) 6,7%
  30. 30. • Martorell hypertensive ischemic leg ulcer (HYTILU) • Sono stati riportati circa 900 casi in letteratura dalla prima descrizione (1945) Arteriolosclerotic ulcer of Martorell. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2010 Aug; Epub 2010 Jan 22. Vuerstaek JD, Reeder SW, Henquet CJ, Neumann HA. Ulcere ipertensive
  31. 31. • L’ ulcera del Buruli (UB) è un processo patologico scatenato dal Mycobacterium ulcerans • l’UB rappresenta per incidenza la terza micobatteriosi dopo la tubercolosi e la lebbra. • Nel 2012 segnalati 3213 casi in tutto il mondo! World Health Organisation Buruli Ulcer. Number of new cases of BU reported, 2012 Ulcere di Buruli
  32. 32. Casi nel 2012 Australia 105 casiCosta d’Avorio 1386 casi Ghana 632 casi Congo 284 casi Cameroon 160 casi
  33. 33. • Prevalenza globale (105 nazioni) inizio 2012 era di 0,34/10.000 • Nuovi casi rilevati nel 2011 (105 nazioni) 4.06/100.000 • Aumento continuo del tasso in tutte le regioni del mondo Global leprosy situation, 2012. Weekly epidemiological record 24 AUGUST 2012 WHO Infezioni da Mycobacterium leprae
  34. 34. Leprosy prevalence rates 2011 WHO
  35. 35. • Tasso di incidenza nella popolazione europea del 0.63 su 100.000 persone- anno Incidence, Mortality, and Disease Associations of Pyoderma Gangrenosum in the United Kingdom: A Retrospective Cohort Study Journal of Investigative Dermatology 132, 2166-2170 (September 2012) • 1/100.000 ogni anno negli USA. Pyoderma Gangrenosum J Mark Jackson, MD; Chief Editor: Dirk M Elston, 23 Aprile 2012 Pioderma gangrenoso
  36. 36. • Secondo differenti studi, la frequenza delle ulcerazioni degli arti inferiori nei pazienti con RA può arrivare fino al 10% comparata alla prevalenza approssimativa delle ulcerazioni venose nella popolazione generale del 1% 6 Thurtle OA, Cawley MI: The frequency of leg ulceration in rheumatoid arthritis: a survey. J Rheumatol 1983; 10: 507–509. 7 McRorie ER, Jobanputra P, Ruckley CV, Nuki G: Leg ulceration in rheumatoid arthritis. Br J Rheumatol 1994; 33: 1078–1084. Ulcere reumatiche
  37. 37. • Età media d’insorgenza 30 anni • Colpisce circa il 0.3% dei pazienti diabetici Medscape Necrobiosis Lipoidica Cheryl J Barnes, MD; Chief Editor: Dirk M Elston, 3 Feb 2012 Necrobiosi lipoidica diabeticorum
  38. 38. • Dati limitati in letteratura sulla Prevalenza e Incidenza. • Più frequenti delle lesioni da pressione Carville K, Lewin G, Newall N, et al. STAR: a consensus for skin tear classification. Prim Intent 2007;15(1):18-28. • 1,5 milioni di skin tears in USA ogni anno nelle persone istituzionalizzate Malone M, Rozario N, Gavinski M, Goodwin J. The epidemiology of skin tears in the institutionalized elderly. JAGS 1991;39:591-5. • Prevalenza dal 5% al 20% nei settings di comunità (USA). • La prevalenza e l’incidenza in Europa e in Canada è sconosciuta Carville K, Smith JA. Report on the effectiveness of comprehensive wound assessment and documentation in the community. Prim Intent 2004;12:41-8. Skin tears
  39. 39. • Lesioni neoplastiche riscontrabili nell’arto inferiore sono pari all’1% nei pazienti affetti da ulcere. Leg ulcers: uncommon presentations. Gottrup F, Karlsmark T. Clin Dermatol. 2005 Nov-Dec;23 Lesioni neoplastiche
  40. 40. • Incidenza del 17,6% di ulcere al tallone in soggetti con apparecchi gessati Forni &c. et al. Cohort study of the incidence of heel pressure sores ni patients with leg casts at the Rizzoli Orthopedic Hospital and of the associated risck factor (2009) • Seconda sede d’insorgenza di lesioni da pressione dopo la quella sacrale (Walsh e Plonczynski, D.J. Evaluation of a protocol for prevention of facility-acquired heel pressure ulcers. J Wound Ostomy and Continence Nurs, 2007) Ulcere da pressione al tallone
  41. 41. • L’allungamento dell’età media è il denominatore comune per lo sviluppo delle ulcere agli arti inferiori. • Nei paesi sviluppati, la prima causa d’ulcerazione è l’insufficienza venosa. • Nei paesi in via di sviluppo (età media 50 anni), la causa primaria d’ulcerazione è l’infezione. Conclusioni
  42. 42. • Le ulcerazioni diabetiche sono in continuo aumento. • La prevenzione è fondamentale per il contenimento del problema e dei costi. • La formazione degli operatori e le politiche sanitarie sono il cardine centrale del successo.
  43. 43. Grazie Dr.Inf. Massimo Rivolo

×