Congresso AISLeC 2013 | Intervento Bizzini

748 views
599 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
748
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Congresso AISLeC 2013 | Intervento Bizzini

  1. 1. Gli antisettici per la cute lesa,Gli antisettici per la cute lesa, quale utilizzo nel pazientequale utilizzo nel paziente pediatrico?pediatrico?
  2. 2. Principali tipologie di lesioniPrincipali tipologie di lesioni cutanee pediatrichecutanee pediatriche • UstioniUstioni • Lesioni da pressioneLesioni da pressione • Ferite chirurgicheFerite chirurgiche • Lesioni traumaticheLesioni traumatiche • Stravaso di farmaciStravaso di farmaci • Lesioni da strippingLesioni da stripping • Da dispositivi mediciDa dispositivi medici Caula C., Apostoli A. Cura e assistenza al paziente con ferite acute e ulcere croniche. Santarcangelo di Romagna (RN): Maggioli, dicembre 2010.
  3. 3. La cute del neonato comparataLa cute del neonato comparata con l’adultocon l’adulto • Alta penetrabilitàAlta penetrabilità delle sostanzedelle sostanze liposolubililiposolubili • Bassa reattività agliBassa reattività agli allergeniallergeni • Ridotta capacità diRidotta capacità di respingere lerespingere le infezioniinfezioni • BuonaBuona resistenza allaresistenza alla infiltrazioneinfiltrazione •Pronta rispostaPronta risposta agli allergeniagli allergeni Caula C., Apostoli A. Cura e assistenza al paziente con ferite acute e ulcere croniche. Santarcangelo di Romagna (RN): Maggioli, dicembre 2010.
  4. 4. Epidemiologia delle infezioni nelEpidemiologia delle infezioni nel setting pediatricosetting pediatrico • Ustioni:Ustioni: 385 pazienti (dal 2006- 2010)385 pazienti (dal 2006- 2010) di cui 133 internazionali (34,5%)di cui 133 internazionali (34,5%) i quali presentano ustioni significativamentei quali presentano ustioni significativamente più estese e di conseguenzapiù estese e di conseguenza incidenza di infezione in generale 66,9%incidenza di infezione in generale 66,9% prevalenza di infezione 51,2%prevalenza di infezione 51,2% J Burn Care Res. 2013 Jan-Feb;34(1):203-10. doi: 10.1097/BCR.0b013e3182781829. Selection of appropriate empiric gram-negative coverage in a multinational pediatric burn hospital.Friedstat JS, Moore ME, Weber JM, Fagan SP, Goverman J. Department of Surgery, Division of Burns, Massachusetts General Hospital, Massachusetts, USA.
  5. 5. Indicazioni per le ustioni superficialiIndicazioni per le ustioni superficiali  If the burn area is limited, immerse the site in cold water for 30 minutes to reduce pain and oedema and to minimize tissue damage.  If the area of the burn is large, after it has been doused with cool water, apply clean wraps about the burned area (or the whole patient) to prevent systemic heat loss and hypothermia.  Do not use alcohol-based solutions, non usare antisettici topici WHO/EHT/CPR 2004 reformatted. 2007 European Practice Guidelines for Burn Care Pavel Brychta, André Magnette with contribution of other members of the Executive Committee and PAM Committee of European Burns Association (EBA) The Hague, The Netherlands, 2011
  6. 6. Razionale del non utilizzo degliRazionale del non utilizzo degli antisettici nei bambini ustionatiantisettici nei bambini ustionati European Practice Guidelines for Burn Care Pavel Brychta, André Magnette with contribution of other members of the Executive Committee and PAM Committee of European Burns Association (EBA) The Hague, The Netherlands, 2011 •L’uso degli antisettici può indurre reazioni allergicheL’uso degli antisettici può indurre reazioni allergiche o irritazioni. Inoltre riducono l’azione delle proteineo irritazioni. Inoltre riducono l’azione delle proteine presenti nel letto della ferita.presenti nel letto della ferita. Pertanto, potrebbe anche rallentare la guarigionePertanto, potrebbe anche rallentare la guarigione
  7. 7. Epidemiologia delle infezioni nelEpidemiologia delle infezioni nel setting pediatricosetting pediatrico • Ulcere da pressione:Ulcere da pressione: sono stati segnalatisono stati segnalati tassi di prevalenza finotassi di prevalenza fino al 27% in terapiaal 27% in terapia intensiva pediatrica eintensiva pediatrica e 23% in unità di terapia23% in unità di terapia intensiva neonataleintensiva neonatale Mona Mylene Baharestani, and Catherine R. Ratliff, Pressure Ulcers in Neonates and Children: An NPUAP White Paper ADVANCES IN SKIN & WOUND CARE VOL. 20 NO. 4 APRIL 2007
  8. 8. Gestione dellaGestione della colonizzazione batterica ed infezionecolonizzazione batterica ed infezione nelle lesioni da pressionenelle lesioni da pressione Antiseptics should be avoided because of their potential for tissue damage and absorption. Mona Mylene Baharestani, and Catherine R. Ratliff, Pressure Ulcers in Neonates and Children: An NPUAP White Paper ADVANCES IN SKIN & WOUND CARE VOL. 20 NO. 4 APRIL 2007
  9. 9. Epidemiologia delle infezioni nelEpidemiologia delle infezioni nel setting pediatricosetting pediatrico •Ferite chirurgiche:Ferite chirurgiche: dei 231 pazienti operati 54 hanno presentatodei 231 pazienti operati 54 hanno presentato infezione della ferita chirurgicainfezione della ferita chirurgica Pediatric American College of Surgeons National Surgical Quality Improvement Program: feasibility of a novel, prospective assessment of surgical outcomes Mehul V. Raval a,b,⁎, Peter W. Dillon c, Jennifer L. Bruny d, Clifford Y. Koa,e, Bruce L. Hall a,f, R. Lawrence Moss g, Keith T. Oldham h, Karen E. Richards Charles D. Vinocur i, Moritz M. Ziegler don behalf of the ACS NSQIP Pediatric Steering Committee 1 Received 20 September 2010; accepted 30 September 2010
  10. 10. Epidemiologia delle infezioni nelEpidemiologia delle infezioni nel setting pediatricosetting pediatrico •Questi dati rappresentano la prima valutazione prospettica pluri-istituzionale dei risultati specifici degli interventi chirurgici specialistici sui bambini.
  11. 11. Indicazioni per la prevenzioneIndicazioni per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgicodelle infezioni del sito chirurgico Prevention of surgical site infections. In: Betsy Lehman Center for Patient Safety and Medical Error Reduction, JSI Research and Training Institute, Inc. Prevention and control of healthcare-associated infections in Massachusetts. Part 1: final recommendations of the Expert Panel. Boston (MA): Massachusetts Department of Public Health; 2008 Jan 31. p. 61-8. Prima dell’interventoPrima dell’intervento Preparazione del paziente Antisepsi avambracci e mani per i membri del team chirurgico Gestione del personale chirurgico infetto o colonizzato Profilassi antimicrobica
  12. 12. Indicazioni per la prevenzioneIndicazioni per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgicodelle infezioni del sito chirurgico Durante l’interventoDurante l’intervento Ventilazione Pulizia e disinfezione delle superfici ambientali Campioni microbiologici Sterilizzazione degli strumenti chirurgici Vestiario e teli chirurgici Asepsi nelle tecniche chirurgiche
  13. 13. Indicazioni per la prevenzioneIndicazioni per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgicodelle infezioni del sito chirurgico Dopo l’interventoDopo l’intervento Proteggere con una medicazione sterile da 24 a 48 ore Lavaggio delle mani prima e dopo il cambio medicazione Usare tecnica sterile Educazione sanitaria al paziente e alla famiglia Non ci sono raccomandazione per coprire l’incisione oltre le 48 ore, né quando si possa eseguire bagno o doccia con la ferita chirurgica scoperta
  14. 14. •L’unica Linea Guida specifica per l’utilizzo degli antisettici nella popolazione pediatrica
  15. 15. Gli antisettici raccomandatiGli antisettici raccomandati • Clorossidante elettroliticoClorossidante elettrolitico Antisettico a base di cloro • Clorexidina in soluzione acquosaClorexidina in soluzione acquosa Antisettico a base di clorexidina digluconato Sono stati riportati casi di ustioni in nati prematuri per disinfezioni durante i primi giorni di vita. La clorexidina gluconato , nei bambini, può causare gravi dermatiti, in particolare sul sito del prelievo venoso. • IodiopovidoneIodiopovidone Disinfettante a base di iodio Raccomandato in caso di allergie alla clorexidina, considerando il rischio in presenza di insufficienze tiroidee. Anche se…………Anche se…………
  16. 16. Per la cute lesaPer la cute lesa • Pour les plaies aiguës, suturées, comme pour les plaies chroniques l’utilisation d’antiseptiques est discutée voire proscrite car elle retarde le processus de cicatrisation. Sur une plaie, elle ne peut se faire que sur prescription médicale, en tenant compte des indications et contreindications des antiseptiques chez l’enfant. • Certaines plaies nécessitent des traitements autres (antibiothérapie par voie générale, pansements…).

×