• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Congresso AISLeC 2013 | Intervento Bellingeri
 

Congresso AISLeC 2013 | Intervento Bellingeri

on

  • 1,133 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,133
Views on SlideShare
685
Embed Views
448

Actions

Likes
0
Downloads
5
Comments
0

2 Embeds 448

http://www.aislec.it 443
http://aislec.it 5

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • COS’E UNA LESIONE? L’ alterazione reversibile od irreversibile dei caratteri anatomo-istologici di un tessuto o di un organo che altera l’integrità dell’organismo.
  • La WBP, preparazione del letto di ferita è il passaggio obbligatorio che sta tra la valutazione complessiva della lesione e la scelta del prodotto che essa necessita. La WBP ci suggerisce cosa la nostra lesione ha bisogno e quale sono gli interventi da fare, ci suggerisce anche quale deve essere la priorità di raggiungimento degli obiettivi. Ad esempio se io mi trovo a dover gestire una lesione infetta non posso pormi come primo obiettivo la guarigione, ma il mio primo obbiettivo dovrà essere la gestione della carica batterica! Altro esempio: se la mia lesione è ricoperta da escara, fibrina o slogh, non posso pensare di portarla a guarigione se non mi porro lo sbrigliamento come mio primo obiettivo. Da qui vediamo cosa significa esattamente WBP e quali sono esattamente le fasi che la costituiscono.

Congresso AISLeC 2013 | Intervento Bellingeri Congresso AISLeC 2013 | Intervento Bellingeri Presentation Transcript

  • Lesioni Vascolari Il trattamento non chirurgico I.C. Andrea Bellingeri Amb.Vulnologico – Chir.Vasc. Fond.Pol.S.Matteo - Pavia A. I. S. Le. C. Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee Società Scientifica Italiana a Carattere Interdisciplinare
  • ATTIVITA' VULNOLOGICA OSM 512 492 35 34 35 38 48 725 1769 2472 3018 3520 1430 1721 2070 2389 978 900 230 499 505 424 424 298 41 34 4158 842 2475 641 523 891 906 261 609 652 176 134190 150 137111 0 500 1000 1500 2000 2500 3000 3500 4000 4500 I° sem 2009 II° sem 2009 I° sem 2010 II° sem 2010 I° sem 2011 II° sem 2011 I° sem 2012 SEMESTRIDIATTIVITA' n° tot. Consulenze dispositivi VAC installati prestazioni accessi ambulatoriali ore di apertura pazienti seguiti
  • Cosa si intende per non chirurgico?Cosa si intende per non chirurgico? • Il trattamento topico non cruento?Il trattamento topico non cruento? Allora dobbiamo distinguere il caso almeno in baseAllora dobbiamo distinguere il caso almeno in base all’inquadramento diagnostico, al fine di prevedereall’inquadramento diagnostico, al fine di prevedere e seguire alcuni percorsi (PDTA) del pazientee seguire alcuni percorsi (PDTA) del paziente condivisi interprofessionalmente.condivisi interprofessionalmente. Persona FlebopaticaPersona Flebopatica Persona ArteriopaticaPersona Arteriopatica Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • •Il trattamento (gestione) del casoIl trattamento (gestione) del caso secondo altro orientamentosecondo altro orientamento disciplinare?disciplinare? Non solo quello prevalentemente medico, sistemico. Ad esempio quello Infermieristico??? Cosa si intende per non chirurgico?Cosa si intende per non chirurgico? Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • …….. Ad esempio quello Infermieristico??? Ma ……. con la logica del professionista e (magari) dello specialista in wound careMa ……. con la logica del professionista e (magari) dello specialista in wound care CHIARAMENTE ……con meno approssimazione e giochi di prestigio con medicazioni sconosciute…. Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • Alla valutazione anche delle problematicheAlla valutazione anche delle problematiche dell’universo “uomo” e non soltantodell’universo “uomo” e non soltanto della sua soluzione di continuo…..della sua soluzione di continuo….. …….. Ad esempio quello Infermieristico??? Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • Inizio del processo Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri ACCERTAMENTO
  • Accertamento • L’accertamento è la raccolta sistematica di dati rilevanti e importanti riguardanti la persona assistita. Gli infermieri raccolgono ed utilizzano i dati per : - Identificare i problemi di salute - Pianificare l’assistenza infermieristica - Valutare i risultati conseguenti dall’assistito Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • Obiettivo dell’Accertamento • Acquisire un quadro complessivo delle condizioni dell’assistito e di come è possibile aiutarlo. per quanto riguarda Lo stato di salute e di malattia, sulle deviazioni dalla norma, le risorse, la capacità di coping ed infine sui fattori di rischio per la salute. Accertamento secondo il modello Gordon Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • Ogni Struttura Sanitaria con le sue possibili risposte La persona con i suoi modelli salute malattia sessualità alimentazione Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • Ambul. 1°liv Am bul. 2°liv Am bul.3°liv La persona con i suoi modelli qualora siano diventati Dis-funzionali Ogni Struttura Sanitaria con le sue possibili risposte Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • L’accertamento infermieristico mirato attraverso il Modello di Gordon, ci permette di valutare l’uomo ……. X sviluppare Le sei fasi dell’assistenza infermieristica Accertamento (11 modelli funzionali GORDON) Diagnosi Infermieristica (NANDA-I) Pianificazione dei risultati (NOC) Pianificazione degli Interventi (NIC e attività) Gestione prestazioni assistenziali (NIC e attività) Verifica e valutazione- Indicatori di risultato (NOC) Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • ORA SI …. POTREMO ASSISTERE la persona con lesione anche con Un trattamento topico non cruentoUn trattamento topico non cruento Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • lesioni autoimmuni ulcere venose altre cause piede diabetico ferite chirurgiche ulcere arteriose lesioni neoplastiche ustioni ferite traumatiche ulcere da pressione LESIONI
  • Altre modalità di intervento? Con il lavoro fatto per la Regione Lombardia nel 2003/2005 per la definizione dei Codici di Rimborsabilità Ambulatoriale in Vulnologia, l’AISLeC ha potuto verificare la possibilità di creare oltre 100 abbinamenti di categorie differenti per poter gestire gli stessi 4 colori del fondo di lesione
  • La gestione infermieristica – Andrea Bellingeri Non solo Diagnosi Terapia Assistenza ma ….. “To care” (prendersi cura, aver cura di..)
  • ATTIVITA' VULNOLOGICA OSM 512 492 35 34 35 38 48 725 1769 2472 3018 3520 1430 1721 2070 2389 978 900 230 499 505 424 424 298 41 34 4158 842 2475 641 523 891 906 261 609 652 176 134190 150 137111 0 500 1000 1500 2000 2500 3000 3500 4000 4500 I° sem 2009 II° sem 2009 I° sem 2010 II° sem 2010 I° sem 2011 II° sem 2011 I° sem 2012 SEMESTRIDIATTIVITA' n° tot. Consulenze dispositivi VAC installati prestazioni accessi ambulatoriali ore di apertura pazienti seguiti
  • Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • Clinica delle Lesioni Vascolari
  • Caratteristiche cliniche • Sede • Forma • Grandezza • Numero • Margini • Fondo • Profondità • Colorito • Cute perilesionale • Annessi
  • Andrea Bellingeri Le lesioni cutanee dell’arto inferiore & la preparazione del letto di ferita
  • Sede • Dita, tallone (lesione arteriopatica) • Teste metatarsali e zone di carico (lesione diabetica-neuropatica) • Faccia laterale-esterna terzo medio di gamba (lesione ipertensiva) • Regione perimalleolare (lesione venosa)
  • • Lesione arteriosa
  • • Lesione arteriosa
  • Dopo 48 ore
  • 2004
  • WBP (Preparazione del letto di ferita)
  • WBP (Preparazione del letto di ferita)
  • Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri WBP
  • Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • 42 studi RCT sono stati identificati secondo i criteri di inclusione. Le categorie di medicazioni che sono state valutate sono gli Idrocolloidi (n=23), Schiume (n=6), Alginati (n=4), Idrogel (n=6) e un gruppo di medicazioni miscellanee (n=3). In nessuna delle comparazioni c’era l’evidenza che una delle medicazioni fosse migliore dell’altra in termini di numero di ulcere guarite. L’evidenza corrente non suggerisce che gli Idrocolloidi siano più efficaci che le semplici medicazioni a bassa aderenza usate sotto compressione (9 trials; RR per gli idrocolloidi 1,09 (95% CI da 0.89 a 1.34)). Per le altre comparazioni c’erano insufficienti evidenze. Revisione Cochrane 2007
  • Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • Lesioni vascolari Il trattamento non chirurgico Andrea Bellingeri
  • La strutturazione di veri e propri schemi di intervento, come e’ prassi nella gestione delle lesioni da pressione e’ praticamente impossibile, se si vogliono definire e perseguire degli obiettivi individualizzati nel campo delle lesioni di origine vascolare
  • LV LA LM LV Vasc LV Ec ze mi LV Inf LA Vasc LA ecz em i LA Inf LM Vas c LM Ecz emi LM Inf 1r 2R 2r 3N 3G 3R 3r 4 ecc. Multistrato / Monostrato …….. Corta / Media / Lunga estensibilita’? 11 situazioni di gravita’ x 12 condizioni = 131 schemi di lavoro
  • Meno maghi e fattucchiere Più professionisti preparati
  • Grazie per l’attenzione abellingeri@venus.it e prossimamente su……. www.prontuarioNET.it