Your SlideShare is downloading. ×
Gli Incidenti Perche
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Gli Incidenti Perche

877
views

Published on

Published in: Health & Medicine, Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
877
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. GLI INCIDENTI PERCHE’ ???“Chi guida…(i) ragazzi”...
    SPUNTI DI RIFLESSIONE
    Antonio AUDI
    Fabio MARCELLO
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    1
  • 2. Nellanostra societàgliIncidentiStradalisonoquegliattiche le personecommettonoinvolontariamente.
    MA perchèl’uomo è semprepiù a rischio in strada? Perchèl’altropuòdivenire un pericolo per sè e glialtriallaguidadi un veicolo?
    AdolescenzaSolitudineTrasgessione
    Consapevolezza del rischio
    Condizioni psico fisiche
    I genitori
    I pari
    Sfida del pericolo
    Gli altri
    I docenti
    Uso di sostanze psicotrope
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    2
  • 3. Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    3
    MOLTI FATTORI SOPRATTUTTO A VALENZA SOCIALE
    Cambiamentisocioculturali (alcool)
    Uscitadalmondo del lavoro (alcool)
    CarenzeAffettive (alcool)
    Limitinell’offertadeiserviziquindi… (alcool)
  • 4. Età e motivo per cui siinizia a bere
    12 anni… Per iniziare le relazionisociali
    inattività, vuoto , diversi
    sentirsiugualiaglialtri
    emarginazionesociale
    perditeaffettive
    sensazionedivivere in terra straniera
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    4
  • 5. Trasformazionidellastrutturafamiliare
    (menospazi e tempi adolescentisenzapuntidiriferimentofamiliaristabili, donnesole separate, difficoltàeconomiche …)
    Accelerazionetecnologica
    (difficolià a stare al passo.., sensodiestraneità)
    Modificadivalori
    (scarsaimportanza al passato, nuovifalsivalori, intolleranzaallamulticulturalità…)
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    5
    CAMBIAMENTI SOCIALI E CULTURALI
  • 6. Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    6
    CARENZA DI INFRASTRUTTURE
    Problemiesistenziali
    Carenzalocalipubblici (divertimento)
    Barrierearchitettoniche
    Anonimatodellacittà, deicentricommerciali…
  • 7. L’OFFERTA DEI SERVIZI
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    7
    Limitistrutturali (non possonocoprirecertivuotiesistenziali, ancorascarsosviluppodisoluzioni alternative allaistituzionalizzazione …)
    Limitifunzionali (tendenzeprestazionali, difficoltàdiintegrazione, scarsità o impreparazione del personale …)
  • 8. La scienzaoggiciaiutaa capireche:
    • Il 40,7% dellefamiglieitaliane ha almeno un componentechefa o ha fattousodisostanzepsicotrope in genere
    • 9. Dopoi12 anni la maggior parte deigiovanidonne e uomini, dopo aver provato, continua a bere o fausodisostanze
    • 10. La maggior parte dellefamiglieitaliane è compostodapersone sole
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    8
  • 11. L’aumento del numerodipersonechebevonoe l’allungamentodella vita hannostimolatostudisu:
    vecchiaia– disabilità – solitudine:
    quanto la solitudinepuòfavorirel’usodisostanze
    quali fattori possono provocare solitudine
    9
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
  • 12. L’assenzadistrettirapportisociali è fattoredirischioall’assunzionedialcool e sostanzestupefacenti. La qualitàdeirapporti è almenoaltrettantoimportantedellaquantità
    Viveresenzaregoleciviliportasicuramenteneiragazzicomportamenti e consapevolezza del rischio
    Il passaggioallatrasgressione , sfida del pericolo, assunzionedialcool e droga, musicaassordanteportainevitabilmente a rafforzare le abilitàdell’individuo (IncidenteStradale)
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    10
  • 13. Traibisognipiùimportanti:
    Poterprendere in mano la propriavita senzaalcool e sostanze
    Essereascoltati
    Bisognodiautostima , autorealizzazione
    Bisognodi NON SENTIRSI soli
    Solo in quelcasoforsesievitanogliincidentistradali con m…
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    11
  • 14. Statistiche in breve
    Periodo di riferimento: Anno 2007Diffuso il: 20 novembre 2008Ogni giorno in Italia si verificano in media 633 incidenti stradali, che provocano la morte di 14 persone e il ferimento di altre 893. Nel complesso, nell’anno 2007 sono stati rilevati 230.871 incidenti stradali, che hanno causato il decesso di 5.131 persone, mentre altre 325.850 hanno subito lesioni di diversa gravità.
    Rispetto al 2006, si riscontra una diminuzione del numero degli incidenti (-3,0%) e dei feriti (-2,1%) e un calo più consistente del numero dei morti (-9,5%).
    L’analisi dell’incidentalità nel lungo termine mostra una costante riduzione della gravità degli incidenti, evidenziata dall’indice di mortalità (numero di morti ogni 100 incidenti), che si attesta al 2,2% nel 2007 contro il 2,8% del 2000, e dall’indice di gravità, che passa da 1,9 a 1,6 decessi ogni 100 infortunati. (Dati Istat)
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    12
  • 15. La vita nelle nostre….. mani
    Il rispetto delle regole di civile convivenza e l’attenzione alle esigenze delle nuove e vecchie generazioni darà i frutti di una società più… equilibrata e serena.
    Il destino delle nostre vite lo costruiamo insieme…
    L’associazionismo è uno strumento per far crescere la Cultura della Sicurezza Stradale.
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    13
  • 16. Considerazioni finali
    La “forza” educativa della scuola e la sinergia fra le strutture (servizi sanitari, enti locali, prefetture, forze dell’ordine, ecc.) che intervengono con proprie competenze nelle fasi primarie e secondarie della prevenzione sociale sono fondamentali in un progetto globale volto alla consapevolezza del bene prezioso della vita.
    Grazie
    Studio AIGVS Sassuolo (MO) 2009
    14

×