Liberamente Latino Presentazione della Tesi di Laurea Triennale

2,261 views
2,068 views

Published on

Published in: Education, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,261
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
11
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Liberamente Latino Presentazione della Tesi di Laurea Triennale

    1. 1. LIBERAMENTE LATINO Studio Sperimentale per una Nuova Didattica del Latino Tesi di laurea di Letizia Vaccarella Relatore Professoressa Patrizia Marti
    2. 2. <ul><li>Questo progetto nasce dalla necessità di trovare metodi alternativi per la didattica latina per i ragazzi delle superiori, lo scopo è di sperimentare una metodologia didattica che possa essere di supporto all'insegnante nello svolgimento dell'attività curiculare del latino facendo leva sulla motivazione e il coinvolgimento degli studenti in attività di gioco sia individuale che cooperativo . </li></ul>1 introduzione
    3. 3. <ul><li>Il progetto si è suddiviso i tre macro fasi, la prima è stata di analisi: </li></ul><ul><li>analisi sulla didattica latina (fonti on-line, caracee, conferenze); </li></ul><ul><li>analisi dei bisogni del target (Osservazioni partecipative e non, interviste non strutturate, questionari) </li></ul><ul><li>ricerca sul gioco e sulla costruzione di attività di apprendimento non convenzionali; </li></ul><ul><li>analisi dei compiti in classe svolti. </li></ul><ul><li>Grazie all’analisi è stato possibile identificare tre categorie su cui concentrare il lavoro: </li></ul><ul><li>memoria/lessico </li></ul><ul><li>analisi logica e del periodo </li></ul><ul><li>ragionamento guidato </li></ul>2 analisi
    4. 4. <ul><li>La seconda macrofase è stata di definizione (degli obiettivi di ricerca, dei requisiti e degli obiettivi didattici ) </li></ul><ul><li>“ L'obiettivo della ricerca è quello di creare attività didattiche, relative al lessico e alle strutture grammaticali, facilmente utilizzabili da insegnanti di latino per aiutare gli studenti a interiorizzare le conoscenze-competenze acquisite ed a utilizzare in maniera adeguata gli strumenti linguistici messi loro a disposizione. Nella creazione di queste attività si dovrà tener conto del coinvolgimento e della motivazione degli studenti, nonché delle dinamiche di gruppo e delle relazioni sociali della classe” </li></ul><ul><li>Definizione dei requisiti; l’attività deve essere: </li></ul><ul><li>legata gioco ; </li></ul><ul><li>svolta in gruppo e/o dal singolo; </li></ul><ul><li>svolta a scuola e/o a casa; </li></ul><ul><li>senza un sovraccarico di lavoro per i ragazzi, né a livello cognitivo, né a livello temporale; </li></ul><ul><li>svolta utilizzando strumenti semplici; </li></ul><ul><li>applicabile ai diversi argomenti e temi trattati. </li></ul>3 obiettivi & requisiti
    5. 5. <ul><li>Obiettivi didattici: </li></ul><ul><li>Comprensione delle regole grammaticali; </li></ul><ul><li>memorizzazione delle regole grammaticali; </li></ul><ul><li>memorizzazione dei singoli lessemi; </li></ul><ul><li>comprensione delle strutture morfosintattiche latine (in opposizione alle strutture dell’italiano); </li></ul><ul><li>sviluppo di capacità metalinguistiche; </li></ul><ul><li>socializzazione all’interno della classe. </li></ul><ul><li>Grazie all’analisi, alla definizione dei requisiti e degli obiettivi didattici e di ricerca, abbiamo individuato due possibili attività da proporre agli studenti, utilizzando come base di partenza il Sudoku ed il Domino . </li></ul>4 obiettivi & requisiti
    6. 6. <ul><li>La terza macro fase consiste nella progettazione, nella sperimentazione e valutazione delle due attività sviluppate: il Sudoku ed il Domino. </li></ul><ul><li>Il Sudoku ed il Domino sono stati scelti come base in quanto attività consolidate, con una struttura semplice e perché le loro regole, emergenti e non, ben si prestavano agli scopi della ricerca. </li></ul>SUDOKU DOMINO 5 sperimentazione & valutazione
    7. 7. SUDOKU Casella completa Numero mancante Parola mancante Casella vuota 6 sperimentazione & valutazione 1 completamento 2 assegnazione 3 analisi 4 consolidamento
    8. 8. DOMINO sperimentazione & valutazione 7 Frase latina Corrispettivo in italiano 1 composizione 2 confronto 3 estapolazione 4 creazione
    9. 9. 8 sperimentazione & valutazione Domino obiettivi didattici: - comprensione delle regole grammaticali; - memorizzazione delle regole grammaticali; - Riflessione sulle strutture morfosintattiche latine (in opposizione alle strutture dell’italiano); - sviluppo di capacità metalinguistiche; - collaborazione all’interno della classe/organizzazione Sudoku obiettivi didattici; - semplificazione della memorizzazione dei singoli lessemi organizzati in categorie; -riflessione metalinguistica (lessema-> contesto); - utilizzo attivo del dizionario (non per tradurre ma per cercare); -collaborazione all’interno della classe.
    10. 10. <ul><li>Analisi Quantitativa dei Risultati </li></ul>9 sperimentazione & valutazione <ul><li>Analisi qualitativa </li></ul><ul><li>Studenti </li></ul><ul><li>Insegnanti </li></ul><ul><li>Genitori </li></ul>
    11. 11. <ul><li>A questo punto è stato necessario iniziare a definire un metodo che potesse riassumere lo svolgimento delle attività. Le fasi necessarie per la creazione delle attività sono fondamentalmente quattro: </li></ul><ul><li>1 analisi dei bisogni </li></ul><ul><li>2 analisi dei contenuti didattici da proporre </li></ul><ul><li>3 costruzione dello strumento </li></ul><ul><li>4 reiterazione e verifica </li></ul><ul><li>Questa è stata una prima sperimentazione, che indubbiamente ha dato dei buoni risultati, lascia però ancora dei quesiti di ricerca aperti sarebbe infatti auspicabile poter sperimentare gli strumenti creati </li></ul><ul><li>proponendo argomenti di letteratura </li></ul><ul><li>sperimentando in ambiti diversi (diverse classi/ diversi insegnanti) </li></ul><ul><li>sperimentando in situazioni diverse (recupero/ rafforzamento di contenuti didattici) </li></ul>10 valutazione & metodo
    12. 12. <ul><li>Concludendo è possibile affermare che lo studio pilota ha indubbiamente raggiunto gli scopi prefissi, non solo infatti i ragazzi sono migliorati a latino , ma hanno acquisito competenze metalinguistiche necessarie per lo studio di ogni lingua. Inoltre hanno dimostrato una crescita per quanto riguarda la motivazione e l’attitudine allo studio della materia . </li></ul><ul><li>Il progetto è quindi quello di continuare il lavoro per indagare i quesiti di ricerca ancora aperti e per creare nuovi strumenti da poter sperimentare; per rendere lo studio del latino più interessante per gli studenti e per facilitare l’insegnamento stesso di questa materia. </li></ul>11 conclusioni
    13. 13. Vaccarella Letizia A.A. 2007/2008

    ×