• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
L'analisi dei nuovi media per il turismo
 

L'analisi dei nuovi media per il turismo

on

  • 4,312 views

Corso di "Tecniche di Analisi dei Fenomeni Turistici"

Corso di "Tecniche di Analisi dei Fenomeni Turistici"
Seminario "Tecniche e linguaggio dei nuovi media nel turismo"
10 gennaio 2011 - Introduzione

Statistics

Views

Total Views
4,312
Views on SlideShare
4,104
Embed Views
208

Actions

Likes
14
Downloads
0
Comments
0

14 Embeds 208

http://blog.agnesevardanega.eu 104
http://valoriprimilab.blogspot.com 32
http://www.weebly.com 29
https://jujo00obo2o234ungd3t8qjfcjrs3o6k-a-sites-opensocial.googleusercontent.com 8
http://ssit-laboratorionline.weebly.com 6
https://twitter.com 5
http://mastertraduzioneonline.weebly.com 5
http://webcache.googleusercontent.com 4
http://www.agnesevardanega.eu 4
http://it.paperblog.com 3
http://guglielmoa.tumblr.com 2
http://valoriprimilab.blogspot.it 2
http://static.slidesharecdn.com 2
http://paper.li 2
More...

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-ShareAlike LicenseCC Attribution-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    L'analisi dei nuovi media per il turismo L'analisi dei nuovi media per il turismo Presentation Transcript

    • 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 1
    • Web 2.0 ✔ Web come piattaforma ✔ Applicazioni come servizi, spesso gratuiti ✔ Differenziazione dei dispostivi, quindi software interoperabili e multipiattaforma ✔ Modello di business fondato su ➔ Controllo dei dati (generati dagli utenti) ➔ Long tail ➔ Coinvolgimento degli utenti come produttori di contenuti e cosviluppatori delle applicazioni 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 2
    • The Long Tail 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 3
    • Applicazioni “social” 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 4
    • Si informano, I turisti in rete attraverso diverse fonti Prenotano online, ma anche per telefono Prenotano spesso post-turista Web 2.0 last-minute, ma anche mesi prima Comprano pacchetti, ma vogliono anche sentirsi autonomi Una via di mezzo fra il tipo del Mettono in rete le foto “turista” e il tipo del e i ricordi “viaggiatore” 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 5
    • Raccogliere informazioni ✔ I dati delle iscrizioni al sito, o al blog ✔ I dati delle iscrizioni alle newsletter ✔ Le “tracce” lasciate sui motori di ricerca ✔ Le “tracce” lasciate dalle visite ai siti ✔ Le “tracce” lasciate dalle applicazioni sociali ✔ I contenuti prodotti dagli utenti e liberamente accessibili (testi, commenti, immagini, ecc.) Studiare i comportamenti dei turisti, monitorare il fenomeno turistico, marketing 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 6
    • I trends nel turismo 2.0 ✔ Distribuzione diretta del prodotto turistico (fuori dalle catene) ✔ Più informazione, meno pubblicità ➔ Mobile apps e Augmented Reality ➔ Comunicazione continua (the Twitter effect) ➔ Convergenza dei social media e dei servizi localizzati ✔ Marketing mirato ➔ Offer-Optimizer Technology (segmenti di mercato) ➔ Social media monitoring Fonte: PhocusWright, 2010 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 7
    • Presenza in rete Non dipende più solo da scelte e strategie predeterminate ➔ La rete parla di noi, anche se noi non ci siamo Va finalizzata ed orientata ➔ all’ascolto ed al monitoraggio ➔ Alla produzione di contenuti rilevanti e servizi, non a fare pubblicità Deve essere multi-piattaforma, perché le pratiche degli utenti sono diversificate 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 8
    • I motori di ricerca Al momento, i turisti utilizzano principalmente i motori di ricerca, come Google, Yahoo! e Bing La ricerca tipo è “tipo di struttura + destinazione” (ad es. “hotel Giulianova”, o “campeggio Abruzzo”) ➔ E’ fondamentale il posizionamento nelle ricerche ➔ Possiamo usare i dati dei motori di ricerca per ottenere informazioni estremamente utili ➔ E’ sempre più importante la geolocalizzazione (e quindi il territorio) 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 9
    • Si pagano gli esperti, ma molti strumenti sono gratuiti Trends di parole chiave 1.00 = media mondiale delle ricerche in tutti gli anni considerati – si analizzano le variazioni intorno alla media 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 10
    • http://www.google.com/trends I dati possono essere esportati in formato CSV, ed utilizzati con Excel 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 11
    • http://www.google.com/insights/search Ulteriori informazioni sui dati: http://www.google.com/support/insights//bin/answer.py?hl=it&answer=87285 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 12
    • http://www.google.com/insights/search I dati possono essere esportati in formato CSV, ed utilizzati con Excel 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 13
    • Sito web e blog ✔ Informazioni generali e foto ✔ Form di contatto e/o prenotazione ✔ Newsletter ✔ Contenuti generati dagli utenti (foto, commenti, guestbook) ✔ Informazioni sulla località - geolocalizzazione: ➔ Dove siamo ➔ Come arrivare ➔ Cosa succede (eventi nel territorio) ad es. nel blog 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 14
    • Dati e feedback ✔ Analytics (visite, “conversioni”, provenienze ecc.) ✔ Iscrizioni ai feed RSS ✔ Iscrizioni alle newsletter ✔ Tracce lasciate dagli utenti sui vari servizi “social” ✔ Contenuti prodotti dagli utenti (commenti, foto), che vanno sollecitati 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 15
    • I dati possono essere esportati in formato CSV, ed utilizzati con Excel 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 16
    • Le pagine di Facebook ✔ Marketing “virale”, far conoscere il brand ✔ Raccogliere commenti e feedbacks ✔ Coinvolgere i clienti, e i “fans” ➔ Eventi e “Contests” (concorsi a premi) ➔ Foto e video ➔ Offerte speciali ➔ Collegando altre applicazioni (Twitter, Foursquare, ecc.) ✔ Diffondere notizie contenuti, anche collegando il sito e/o il blog (Note) ✔ Aumentare le visite al sito o al blog 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 17
    • 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 18
    • Twitter ✔ Tutti i profili sono pubblici di default ✔ Customer care ➔ coinvolgere i clienti ✔ Marketing ➔ individuare le domande di potenziali clienti, e rispondere prontamente ➔ monitorare il brand (cosa si dice di noi?) ➔ trovare nuovi clienti (cercandoli, non aspettando che arrivino) ➔ Aumentare le visite al sito o al blog 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 19
    • Una piattaforma flessibile ✔ Collegare il blog all’account di Twitter ✔ Condivisione di links e files - incl. foto e video ✔ Geolocalizzazione ✔ In Usa e UK, possibilità di inviare e ricevere aggiornamenti via Sms ✔ Possibilità di effettuare ricerche per parole chiave e hashtags (#esempio) ✔ Possibilità di ricevere ed inviare notizie ed informazioni in tempo reale ✔ Tantissime applicazioni per l’integrazione con altri servizi 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 20
    • Facebook vs. Twitter ✔ A scegliere è l’utente, non noi: servono entrambi ✔ Facebook è più “virale” ➔ Le interazioni (foto, commenti, likes ecc.) appaiono nella pagina del “fan”, e quindi vengono viste (potenzialmente) anche dai suoi amici ✔ Twitter ha maggiori potenzialità di ricerca e monitoraggio ➔ Posso trovare quello che si dice di me, del mio prodotto, o anche un bisogno, e rispondere 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 21
    • Questo utente cerca una struttura con caratteristiche specifiche: ➔ Controllare di chi si tratta ➔ Nel caso, rispondere in modo appropriato Posso salvare la ricerca: i risultati saranno aggiornati in tempo reale 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 22
    • Conversare Questo utente ha una attività (affita una casa), ma invia informazioni utili e/o curiose Inoltre interagisce con altri utenti Twitter non serve a “fare pubblicità” Bisogna coinvolgere gli utenti, per essere ascoltati 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 23
    • Un po’ di Web2 ✔ Versione mobile del sito e/o del blog ✔ Servizi specifici (oltre a YouTube, Flickr, Google Maps, Facebook e Twitter) quali, ad es.: ➔ Wikipedia o altro servizio di informazioni sulla destinazione (possiamo anche aggiungere o correggere le voci!); ➔ un servizio come Google Places, Foursquare etc., (le info sulla località migliorano il posizionamento sui motori di ricerca) 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 24
    • Le informazioni sono geolocalizzate 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 25
    • 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 26
    • Offerte speciali e statistiche per gli utenti business 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 27
    • Al momento, è adatto soprattutto all’utenza mobile, e per dare info ai clienti stranieri Può essere integrato nel sito e nella pagina di Facebook 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 28
    • 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 29