I Caqdas e Atlas.ti

1,422 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,422
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
34
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

I Caqdas e Atlas.ti

  1. 1. I Caqdas 1. Obiettivi ed opportunità
  2. 2. I Caqdas: quale supporto? <ul><li>trascrizione delle registrazioni </li></ul><ul><li>organizzazione della base informativa </li></ul><ul><li>tagging e classificazione </li></ul><ul><li>codifica </li></ul><ul><li>integrazione di materiali informativi diversi (tabelle, immagini, ecc.) / importazione dei dati </li></ul><ul><li>rappresentazione concettuale dei dati </li></ul><ul><ul><li>descrizione / tassonomia / mappatura </li></ul></ul><ul><ul><li>theory building / theory testing </li></ul></ul><ul><li>esportazione dei risultati in altri formati utilizzabili (matrici dati, file XML, file Html, ecc.) </li></ul>
  3. 3. Funzioni di base <ul><li>Organizzare la base informativa </li></ul><ul><ul><li>tutti i files vengono organizzati in un progetto </li></ul></ul><ul><ul><li>anche se sono di tipo diverso (testi, foto, audio, video) </li></ul></ul><ul><li>Sviluppare una analisi del contenuto sistematica </li></ul><ul><ul><li>esplorazione ed interrogazione dei testi (text-retrieval; query) </li></ul></ul><ul><ul><li>strumenti per la “navigazione” nei testi e fra i testi (links) </li></ul></ul><ul><li>Costruire code-books complessi ed analitici </li></ul><ul><ul><li>memos, definizioni ed appunti personali </li></ul></ul><ul><li>Organizzare le nostre informazioni in report descrittivi </li></ul><ul><li>Esportare i risultati in altri formati, da usare per ulteriori analisi </li></ul>
  4. 4. Funzioni avanzate <ul><li>Utilizzare le informazioni per la verifica di ipotesi e/o il theory building </li></ul><ul><ul><li>mediante “query” complesse </li></ul></ul><ul><ul><li>mediante funzioni di modellizzazione </li></ul></ul><ul><ul><li>mediante operazioni di sintesi sui codici (alberi gerarchici / famiglie / super-codici ecc.) </li></ul></ul><ul><li>Produrre report in forma di ipertesto </li></ul>
  5. 5. A cosa non servono? <ul><li>ad automatizzare l’interpretazione </li></ul><ul><ul><li>lo scopo è costruire una base dati a partire dalle nostre informazioni </li></ul></ul><ul><ul><li>quindi l’intervento del ricercatore è fondamentale in ogni fase </li></ul></ul><ul><li>a trarre inferenze </li></ul><ul><ul><li>si tratta di un approccio abduttivo </li></ul></ul><ul><ul><li>solitamente il campione non è adeguato </li></ul></ul><ul><ul><li>MA: una corretta organizzazione e strutturazione delle informazioni consente un’analisi estensiva e puntuale, e dunque facilita una descrizione corretta dei risultati </li></ul></ul>
  6. 6. I Caqdas 2. La costruzione della base informativa
  7. 7. L’organizzazione della base informativa <ul><li>“Etichettare” ogni file </li></ul><ul><ul><li>rilevatore </li></ul></ul><ul><ul><li>data e luogo della rilevazione </li></ul></ul><ul><ul><li>(ID = identificativo) </li></ul></ul><ul><li>Tenere un diario della rilevazione </li></ul><ul><li>Ordinare i materiali raccolti cronologicamente </li></ul>
  8. 8. Progettare l’analisi TIPO DI ANALISI Presupposti dell’analisi Atteggiamento analitico Obiettivi dell’indagine Tecniche Preparazione dei file
  9. 9. Fasi dell’analisi <ul><li>La riduzione dei dati </li></ul><ul><ul><li>prima lettura estensiva dei testi </li></ul></ul><ul><ul><li>ridefinizione degli interrogativi specifici </li></ul></ul><ul><ul><li>selezione dei materiali da utilizzare (testi) </li></ul></ul><ul><ul><li>scomposizione dei testi in unità di analisi (citazioni; proposizioni; temi; ecc.) </li></ul></ul><ul><li>Descrizione : individuazione delle categorie interpretative ( codifica ) </li></ul><ul><li>Theory building : costruzione di ipotesi sulle relazioni fra le categorie </li></ul>
  10. 10. Preparazione dei testi <ul><li>controllo delle informazioni di base </li></ul><ul><ul><li>dovrebbero essere presenti … </li></ul></ul><ul><li>controllo dell’ortografia </li></ul><ul><ul><li>per la ricerca di stringhe nel testo </li></ul></ul><ul><ul><li>per utilizzare appropriatamente le eventuali funzioni di codifica automatica </li></ul></ul><ul><li>controllo della punteggiatura </li></ul><ul><li>controllo delle righe vuote </li></ul><ul><li>controllo di “simboli speciali” (@, € …) </li></ul><ul><li>regole specifiche delle tecniche di analisi utilizzate </li></ul><ul><ul><li>analisi della conversazione </li></ul></ul><ul><ul><li>analisi del discorso </li></ul></ul><ul><ul><li>… . </li></ul></ul>
  11. 11. Atlas.ti il livello testuale
  12. 12. L’unità ermeneutica
  13. 13. Livello testuale: elementi documenti codici memo citazioni commenti FAMIGLIE LINKS
  14. 14. Livello testuale: output <ul><li>output testuali </li></ul><ul><ul><li>codici + citazioni  analisi lessicometrica </li></ul></ul><ul><ul><li>famiglie (codici, documenti) </li></ul></ul><ul><ul><li>codebooks </li></ul></ul><ul><li>tabelle (famiglie / codici; documenti / codici; …) </li></ul><ul><li>spss </li></ul><ul><li>xml  html (output navigabili / esplorabili su pc, cd-rom, web) </li></ul>

×