• Like
  • Save
Indagine sul bullismo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Indagine sul bullismo

on

  • 5,419 views

Indagine sul bullismo della SMS Garibaldi Matteucci

Indagine sul bullismo della SMS Garibaldi Matteucci

Statistics

Views

Total Views
5,419
Views on SlideShare
5,402
Embed Views
17

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

4 Embeds 17

http://www.slideshare.net 10
http://ilcambiamentocoriglianocentro.blogspot.com 4
file:// 2
http://www.blogger.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-ShareAlike LicenseCC Attribution-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Indagine sul bullismo Indagine sul bullismo Presentation Transcript

    • Scuola Media Statale “Garibaldi – Matteucci” Anno scolastico 2005/2006 Anno scolastico 2006/2007
      • Inchiesta sul
      • “ Bullismo”
      • effettuata nelle classi della sede Matteucci
      • dalla classe 2^A nell’a.s. 2005/2006
      • dalla classe 3^A nell’a.s. 2006/2007
      • Dirigente scolastico
      • Prof. Maria Concetta Guida
      • Alunni coinvolti n° 349
      • Responsabile del progetto:
      • Prof: Carraresi Rita
      • Responsabile dei grafici:
      • Prof: Guarnieri Franca
    • La nostra indagine
      • La nostra classe, insieme alle insegnanti di Lettere e Tecnologia, già dallo scorso anno, sta portando avanti un lavoro sul bullismo.
      • Abbiamo pensato a questo argomento perché è una problematica che riguarda tutti ma in modo particolare noi adolescenti. E’ oggi, poi, una tematica di grande attualità, un fenomeno che si sta aggravando sempre più, lo dimostrano i numerosi casi accaduti in questi ultimi tempi, che riempiono le pagine dei giornali e i servizi televisivi.
      • Lo scopo del nostro lavoro è stato quello di ottenere maggiori informazioni su chi è il bullo, su come agisce e su cosa possiamo fare se siamo vittime di questi atti aggressivi.
      • Per reperire notizie sul bullismo, abbiamo raccolto articoli di giornali, riflettuto sulla letteratura in materia e letto con attenzione il materiale prodotto da “Telefono Azzurro” su questo argomento.
      • La tematica ci ha così interessato che abbiamo deciso di approfondire il nostro studio con un’indagine da condurre a scuola. Infatti, lo scorso anno scolastico, abbiamo somministrato alcuni questionari elaborati da “Telefono Azzurro” agli alunni delle classi prime, seconde e terze della sede Matteucci.
      • Per rendere più immediata ed efficace la lettura dei dati raccolti abbiamo utilizzato degli aerogrammi.
      • Vediamo cosa è emerso.
    • Quando qualcuno fa il bullo con te…. Totali 1^ 2^3^
    •  
    •  
    • Quando vedi qualcuno “fare il bullo” con qualcun altro……. Totali 1^ 2^ 3^
    •  
    •  
    • Ti è mai capitato di comportarti da prepotente? Totali 1^ 2^ 3^
    •  
    • Se vittime di bulli, i ragazzi della Matteucci
      • cercano il confronto con l’aggressore per capire i motivi del suo comportamento (24%). In buona percentuale si ribellano passando alle maniere forti (19% mi ribello e lo picchio)
      • sentono di aver bisogno di aiuto (44 %)
      • ritengono opportuno raccontare ad un amico o ad un adulto di riferimento (genitori, insegnanti) cosa è successo per poter ricevere aiuto (30%)
      • provano a non “dare ascolto” all’aggressore e a non mostrarsi spaventati per “far sgonfiare” il bullo (27%)
    • Se vedono qualcuno fare il bullo con un compagno, i ragazzi della Matteucci
      • si spaventano per ciò che succede (42%).
      • lo aiutano a difendersi, anche se non è il loro migliore amico (24%)
      • intervengono in aiuto del coetaneo in difficoltà (45%) o vanno a chiamare un adulto (23%)
      • Purtroppo registriamo anche che sono curiosi di vedere come va a finire (25%) o sono indifferenti (16%).
    • Se alcuni ragazzi della Matteucci si sono comportati da prepotenti, lo hanno fatto
      • prendendo in giro i compagni (36%) od offendendoli (21%), ma poi si sono sentiti dispiaciuti (40%), in colpa e hanno capito che non lo dovevano più fare (30%).
    • Qual è il lavoro che ci aspetta adesso?
      • Desidereremmo far conoscere a tutti coloro che operano nella nostra scuola i risultati dell’ indagine e con l’aiuto dei compagni, degli insegnanti, della Dirigente, delle famiglie e degli esperti, vorremmo individuare alcune strategie idonee per prevenire o risolvere casi di bullismo che possono verificarsi dentro e fuori la scuola.
    • Le nostre domande
      • 1- Quali comportamenti possono essere definiti da bullo e quali invece non entrano a far parte di questo fenomeno?
      • 2-Quali sono i motivi per cui un ragazzo si comporta da bullo?
      • 3- Bullo, vittima e spettatore: personalità e stili comportamentali dei protagonisti del bullismo.
      • 4-Quali sono le conseguenze del bullismo in chi compie e in chi subisce atti aggressivi?
      • 5-Secondo le ultime ricerche, cosa può essere fatto concretamente, a scuola, in famiglia, nella società, per contrastare il bullismo? Cosa, in particolare, sta facendo (o farà) la Società della Salute?