Your SlideShare is downloading. ×
0
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Educational Technology
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Educational Technology

1,895

Published on

La tecnologia educativa (Educational Technology) in un liceo della provincia italiana

La tecnologia educativa (Educational Technology) in un liceo della provincia italiana

Published in: Technology, Business
0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,895
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
122
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Ragazzi (e Tecnologie Educative) Mario Agati
  • 2. Welcome
  • 3. Perché il Sigonio? <ul><li>10 anni di sperimentazione delle “nuove” tecnologie nella didattica </li></ul><ul><li>Introduzione di una “nuova” disciplina (Linguaggi non verbali e multimediali) </li></ul><ul><li>Compresenze </li></ul><ul><li>Partecipazione al Progetto TED </li></ul><ul><li>eccetera </li></ul>
  • 4. <ul><li>La tecnologia di per sé non genera comportamenti virtuosi </li></ul><ul><li>… dipende dal progetto pedagogico, dalle strategie didattiche, dalla abilità degli attori (studenti, docenti…) </li></ul><ul><ul><ul><li>Un docente dovrebbe valorizzare la compresenza integrata di strategie didattiche diverse (financo antitetiche) ma componibili in una logica di matrice problematicista (problematicismo pedagogico) </li></ul></ul></ul>[premessa] [preface] 1
  • 5. <ul><li>… naturalmente blended: </li></ul><ul><ul><li>apprendimento “in presenza” la mattina, a “distanza” (moodle, e-mail, blog, instant messagging…) al pomeriggio, di notte, durante le vacanze… </li></ul></ul><ul><ul><li>[  non ha senso parlare (solo) di e-learning per i ragazzi delle scuole medie] </li></ul></ul>[premessa] [preface] 2
  • 6. <ul><li>Funzione principale di ogni attività culturale collettiva è produrre opere (  esternalizzare il lavoro mentale in un’opera palpabile) </li></ul><ul><li>Il pensiero si traduce nei suoi prodotti </li></ul><ul><li>In passato il più grande strumento di esternalizzazione è stata la scrittura, oggi è il computer [e Internet: web 2.0] </li></ul><ul><ul><ul><li>Bruner, J, The Culture of Education , Harvard University Press, 1996 </li></ul></ul></ul>[premessa] [preface] 3 Nuove tecnologie come antidoto all’auditorio (VS laboratorio) e…
  • 7. Ogni percorso di apprendimento si avvale di tecnologie educative
  • 8. La nostra società può contare su diverse possibili tecnologie educative
  • 9. docente book blackboard exercise book computer moodle Web 2.0 etcetera… obiettivo Il docente sceglie le tecnologie e le strategie didattiche più adatte per raggiungere l’obiettivo (apprendimento)
  • 10. I ragazzi consolidano il loro apprendimento grazie all’uso combinato e coordinato di varie tecnologie student blackboard exercise book school trip book book book book exercise book forum chat (resources) moodle blog wiki picasa word livespace flickr Web 2.0 youtube google etcetera… etcetera… etcetera… etcetera… p.point movie maker photoshop computer podcast map etcetera… etcetera…
  • 11. Alcuni esempi di strategie didattiche adottate al Liceo Sigonio
  • 12. Apprendere tecniche di navigazione consapevole: evitare il copia-incolla acritico, saper valutare l’attendibilità delle fonti, seguire la netetiquette, rispettare i diritti (copyright, privacy…) ricerca books school trip library Internet press … … serendipity WebQuest Google wikipedia feed aggregator blogs press on line …
  • 13. narrazione workbook diary PowerPoint Movie Maker Web pages … … example example example La competenza narratologica è essenziale per creare significato, per la costruzione della nostra vita e per crearci un posto nel mondo possibile. Solo la narrazione consente di costruirsi un’identità, di sentirsi a proprio agio nel mondo sapendo dove collocarsi in una storia autodescrittiva. (J. Bruner)
  • 14. Lavoro di gruppo school magazine … … hypermedia … … Web pages (blog – CMS) Desktop Publishing PowerPoint Web pages … … creare, all&apos;interno delle scuole, delle situazioni in cui i ragazzi seguono le loro passioni portano avanti progetti a cui sono veramente interessati, fanno scoperte prendendo da Internet le informazioni di cui hanno bisogno, lavorano insieme, realizzano cose difficili… (S. Papert)
  • 15. … moltiplicare le possibilità di partecipazione e collaborazione fra studenti, fra studenti e docenti… Educazione continua books workbook diary moodle Social software E-mail … web page Link to a file text page Link to a web site Display a directory forum Assignment Journal
  • 16. [postfazione] [afterword] 1 <ul><li>Dunque: l’apprendimento centrato sul discente è sempre compatibile con l’istituzione scolastica? </li></ul><ul><li>Senza abbandonarsi a facili ottimismi né ad integralismi pedagogici (costruttivismo, costruzionismo…), io credo sia ancora possibile affrontare percorsi di apprendimento in chiave di c ooperative learning e di learning by doing , soprattutto in certe scuole e con certe fasce di studenti. </li></ul><ul><li>Noi insegnanti dobbiamo muoverci entro le coordinate di un consapevole problematicismo pedagogico che non rinunci agli slanci ideali, ma che sappia confrontarsi con la realtà. </li></ul><ul><li>I nostri percorsi educativi non devono bruciarsi al sacro fuoco della sperimentazione perenne, ma non devono nemmeno arrendersi alla comoda trincea dell&apos;istruzionismo mummificato. </li></ul>
  • 17. [postfazione] [afterword] 2 <ul><li>In alcune ambiti disciplinari (lingue, scienze, TIC…) la didattica laboratoriale è (dovrebbe essere) scontata… </li></ul><ul><li>Ma anche negli ambiti disciplinari (lettere, filosofia, storia…) che tradizionalmente si affidano all’auditorium (Io parlo e tu ascolti) e allo studio tradizionale l’attività didattica può essere talvolta curvata verso il costruttivismo… </li></ul><ul><li>I miei percorsi di letteratura, ad esempio, sono scanditi da unità didattiche (UDA, moduli…) fatte da lezioni (affabulazioni) frontali, da analisi del testo rigorose e guidate, da verifiche formali, dalla distribuzione “dall&apos;alto” di contenuti (attraverso Moodle)... </li></ul><ul><li>ma non rinunciano a sollecitare il protagonismo dei ragazzi che non subiscono – solo – interrogatori, ma devono preparare delle lezioni (con l&apos;ausilio di mappe, piuttosto che di lucidi, filmati – prodotti da loro, presentazioni...), partecipano a forum o blog specifici (su problemi letterari, estetici, esistenziali...), possono proporre itinerari letterari personalizzati (produzione divergente), eccetera, eccetera. </li></ul>
  • 18. Buona Vita
  • 19. <ul><li>[email_address] </li></ul><ul><li>http://www.agatimario.blogspot.com/ </li></ul>

×