• Save
Politiche per ICT e Innovazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Politiche per ICT e Innovazione

on

  • 1,826 views

Presentazione preparata insieme a Giorgio De Michelis e proposta in Regione ad un incontro sulle politiche delle innovazione.

Presentazione preparata insieme a Giorgio De Michelis e proposta in Regione ad un incontro sulle politiche delle innovazione.

Statistics

Views

Total Views
1,826
Views on SlideShare
1,683
Embed Views
143

Actions

Likes
3
Downloads
0
Comments
0

4 Embeds 143

http://www.alfonsofuggetta.org 120
http://www.linkedin.com 15
http://www.slideshare.net 7
http://feeds2.feedburner.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Politiche per ICT e Innovazione Politiche per ICT e Innovazione Presentation Transcript

  • Quali politiche per l’ICT e l’Innovazione? Giorgio De Michelis Università Milano-Bicocca e ItsMe s.r.l. e Alfonso Fuggetta CEFRIEL - ICT Institute Politecnico di Milano sabato 2 gennaio 2010 1
  • ICT e innovazione: tutti ne parlano, pochi ci credono veramente sabato 2 gennaio 2010 2
  • La crisi italiana dell’ICT è soprattutto qualitativa Non solo si spende poco Si spende male sabato 2 gennaio 2010 3 View slide
  • Il vero digital divide È la grave e profonda carenza di competenze e sensibilità sui temi della ricerca, dell’innovazione e dell’ICT, soprattutto nei livelli decisionali e strategici sabato 2 gennaio 2010 4 View slide
  • Per molti ... ICT vuol dire solo PC, cellulari e soprattutto televisione e media Internet è un sinistro luogo sconosciuto e pericoloso Le tecnologie per molti sono qualcosa di remoto e ininfluente sabato 2 gennaio 2010 5
  • I falsi miti e i problemi delle TLC Italiane • “Bisogna che si sviluppi prima la domanda” • L’accesso a Internet come servizio universale • Dobbiamo superare quanto prima il digital divide • Uno sviluppo previdente delle reti e delle NGN • Investimenti, non aiuti di stato • Separazione della rete • Una nuova struttura del mercato: i layer come nell’informatica sabato 2 gennaio 2010 6
  • I mali dell’IT Italiana • Troppe imprese, troppo piccole • Troppo body leasing • Scarso sviluppo di software, • Mercato del lavoro IT depresso raramente per il mercato internazionale • Una domanda pubblica immatura e orientata al prezzo • Multinazionali in ritirata (non siamo attrattivi) • Imprese del Made in Italy spesso di successo, ma riluttanti a vedere • Scarsi rapporti con gli enti di ricerca nell’ICT una leva strategica (se non per marketing e immagine) sabato 2 gennaio 2010 7
  • Le aree di intervento • Procurement strategico • Potenziamento delle stazioni di acquisto e nuove procedure che valorizzino la qualità • Strumenti di supporto alle imprese • Supporto alla ricerca e all’innovazione • Supporto alla nascita e crescita delle imprese sabato 2 gennaio 2010 8
  • In generale, la società Chi sono gli attori e di cosa hanno bisogno Le imprese Le università sabato 2 gennaio 2010 9
  • In generale, la società Infrastrutture critiche e sviluppo del territorio Reti Trasporti (aeroporti in particolare) Accoglienza e ricettività Servizi e efficienza della PA sabato 2 gennaio 2010 10
  • Imprese • Tutte le imprese in generale: • Investimenti/procurement • Crediti per innovazione e ricerca • Incentivi fiscali alla crescita dimensionale e al merge/acquisition • Venture capital e private equity • Imprese multinazionali/estere: • Incentivi all’insediamento: è vitale rendere l’investimento in Italia conveniente • Aspetto chiave: certezza dei tempi e delle risorse sabato 2 gennaio 2010 11
  • Università Fondi per la ricerca Ospitalità, specialmente per ricercatori e studenti stranieri sabato 2 gennaio 2010 12
  • Fatto importante Troppo spesso la prima preoccupazione è “evitare il male” Così facendo rendiamo difficile “fare il bene” (controlli e procedure che complicano la vita a chi vuol fare) Creiamo fiducia e sosteniamo la sviluppo sabato 2 gennaio 2010 13
  • Alcune domande • Quali sono gli obiettivi che vogliamo perseguire? • Quali sono i destinatari e quali bisogni manifestano? • Quali sono i problemi che oggi concretamente si manifestano nei processi di innovazione e di supporto all’innovazione? • Quali sono gli strumenti esistenti che funzionano? Perché? Perché altri non funzionano? sabato 2 gennaio 2010 14