Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione

on

  • 372 views

Alberto Biancardi - Componente Autorità per l'energia elettrica e il gas ...

Alberto Biancardi - Componente Autorità per l'energia elettrica e il gas
Seminario di formazione per giornalisti "Dall'Europa all'Italia, capire e comunicare i nuovi scenari dell'energia ", Roma 25 e 26 novembre 2011

Statistics

Views

Total Views
372
Views on SlideShare
372
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione Presentation Transcript

  • 1. Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazioneAlberto Biancardi 1
  • 2. SommarioLo scenario energetico italiano: l’assetto attualeI driver del cambiamentoIl nuovo assetto 2
  • 3. Lo scenario energetico italianoElevata dipendenza dalle importazioniAmpio utilizzo del gas naturaleEsistenza di potere di mercato in entrambi i settoriElevata correlazione tra i prezzi di energia elettrica, gas,petrolioPrezzo all’ingrosso superiore alla media europea perenergia elettrica e gas 3
  • 4. Grado di dipendenza energetica dall’estero Anno 201090%80%70%60%50% 86,2%40% 82,1%30% 63,2% 55,5% 50,3%20% 29,5%10%0% Italy France Germany Spain UK European Union 4
  • 5. Consumi di energia primaria Anno 2010 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Italia UE-27 Geotermico, s olare, biomass e 4,4% 7,4% Carbone 7,9% 16,2% Elettricità* 8,1% 17,1% Gas naturale 40,4% 26,0% Petrolio 39,3% 33,3%Fonte: Enerdata *idroelettrico, nucleare, importazioni nette 5
  • 6. Le vie di accesso del gas OLANDA OLANDA NORVEGIA SETTALA SERGNANO NORVEGIA RUSSIA 59,0 RUSSIA 59,0 107,0 107,0 COLLALTO SABBIONCELLO BRUGHERIO PORTO LEVANTECapacità fisiche diimportazione di tipo (GNL) – 26,4continuo espresse in M(m3) RIPALTA MINERBIOstandard per giorno e riferite CELLINOall’inizio dell’anno termico PANIGAGLIA CORTEMAGGIORE S. POTITO COTIGNOLA (RA)2010-2011. PANIGAGLIA (GNL) (GNL) 13,0 13,0 FIUME TRESTELa capacità di ingresso inItalia non necessariamente CONCESSIONI ANNI ‘60corrisponde alla capacitàoltre frontiera e alla capacità CONCESSIONI ANNI ‘70-’80sottostante contrattualmente. ALGERIA 99,0 ALGERIA 99,0 Siti STOGIT LIBIA LIBIA Siti EDISON T&S 29,2 29,2 6
  • 7. Composizione del mix di generazione elettrica Solidi Gas naturale Prodotti petroliferi Altre fonti non rinnovabili Idroelettrico (da pompaggi e da apporti naturali) Altre fonti rinnovabili100% 2,6% 3,0% 3,3% 3,8% 4,3% 4,6% 4,9% 5,3% 5,7% 6,9% 8,6%90% 18,4% 16,6% 15,1% 14,1% 12,3% 19,3% 16,5% 13,8% 14,8% 18,3% 18,0%80% 5,6% 6,0% 6,1% 6,1% 3,2% 5,6% 5,9% 5,9% 5,1% 7,3% 5,5%70% 11,8% 10,8% 6,0% 6,4% 15,6% 5,4% 3,3% 22,4%60% 31,0% 27,1% 26,9%50%40% 55,0% 54,1% 49,2% 50,3% 50,3% 50,6% 42,8% 39,9%30% 34,4% 35,0% 35,3%20%10% 12,5% 13,2% 15,0% 14,4% 14,1% 14,1% 13,5% 13,6% 13,2% 9,5% 11,4% 0% 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 Fonte: Elaborazione AEEG su dati Terna 7
  • 8. Bilancio dell’Energia Elettrica in Italia Anno 2000 - 2010 Inizio crisi economica 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010A)  Produzione lorda      276.629      278.995      284.401      293.865      303.321      303.672    314.090    313.888    319.130    292.642    302.062B)  Consumi dei servizi ausiliari        13.336        13.029        13.619        13.682        13.299        13.064      12.864      12.589      12.065      11.534      11.315C)  Produzione netta (A‐B)      263.293      265.965      270.783      280.183      290.023      290.608    301.226    301.299    307.065    281.107    290.748D)  Destinata ai pompaggi          9.130          9.511        10.654        10.492        10.300          9.319        8.752        7.654        7.618        5.798        4.454E)  Produzione destinata al consumo      254.163      256.454      260.129      269.691      279.722      281.289    292.474    293.646    299.447    275.309    286.294F)  Ricevuta da fornitori esteri        44.831        48.927        51.519        51.486        46.426        50.264      46.596      48.931      43.433      47.071      45.987G)  Ceduta a clienti esteri              484              549              922              518              791          1.110        1.611        2.648        3.398        2.111        1.827H)  RICHIESTA (E+F‐G)      298.510      304.832      310.726      320.658      325.357      330.443    337.459    339.928    339.481    320.268    330.455I)  Perdite di rete        19.191        19.340        19.766        20.870        20.868        20.626      19.926      20.976      20.444      20.353      20.570L)  CONSUMI (H‐I)      279.320      285.492      290.960      299.789      304.490      309.817    317.533    318.953    319.037    299.915    309.885Dati in GWhFonte: Elaborazione AEEG su dati GRTN - TERNA 8
  • 9. Impianti di produzione elettrica Anni 2000-2010 Potenza lorda (MW) Numero impianti*Anno Eolici e  Eolici e  Idroelettrici Termoelettrici Totale Idroelettrici Termoelettrici** Totale fotovoltaici fotovoltaici 2000         20.658             57.057                    643     78.358           1.965                      886                    64       2.915 2001         20.744             57.373                    670     78.787           1.933                      902                    92       2.927 2002         20.837             57.703                    787     79.327           1.981                      932                  109       3.022 2003         20.987             59.122                    881     80.989           2.005                      975                  119       3.099 2004         21.073             62.213                 1.139     84.424           2.028                      999                  133       3.160 2005         21.343             65.357                 1.646     88.346           2.062                   1.026                  161       3.249 2006         21.429             69.061                 1.916     92.405           2.100                   1.072                  183       3.355 2007         21.476             72.951                 2.801     97.227           2.135                   1.087               7.850     11.072 2008         21.641             76.730                 3.969   102.339           2.191                   1.151             32.260     35.602 2009         21.739             77.407                 6.040   105.186           2.256                   1.241             71.550     75.047 2010         21.893             79.113                 9.284   110.290           2.736                   1.573           156.464   160.773 *Dal 2007 sono inclusi nella voce "Eolici e fotovoltaici" gli impianti fotovoltaici incentivati attraverso il "Conto Energia" gestito dal GSE. ** Sono considerate le centrali. Fonte: Elaborazioni Aeeg su dati GRTN/Terna. 9
  • 10. Nuova potenza elettrica installata nel 2010 (MW) CCGT: 1.463 MW (include potenza per la produzione di calore) Fotovoltaico: 2.328 MW Eolico: 916 MW Stima totale 2011: 12.000 MWFonte: Elaborazione Aeeg su dati Terna. 10
  • 11. I driver del cambiamentoObiettivi ambientali europei al 2020: riduzione delleemissioni di CO2, aumento della produzione da fonterinnovabile, efficienza energeticaIntegrazione dei mercati energetici europei: terzo pacchettoCrisi economica e contrazione della domanda aggregataNuove tecnologie, in particolare nei sistemi di misura deiconsumi, di gestione dei dati e di comunicazione 11
  • 12. Il nuovo assetto del settore del gas naturaleGarantire la sicurezza degli approvvigionamenti, diversificandole forniture attraverso lo sviluppo di ulteriori corridoi europei(corridoio nord-sud ed est-ovest)Favorire la concorrenza tra gli operatori del mercato italiano,attraverso la definizione di regole che disciplinano le transazioni(borsa del gas, mercato del bilanciamento, stoccaggi)Promuovere l’efficienza negli usi finali, riducendo il consumo aparità di servizio energetico 12
  • 13. I misuratori elettronici nel gasClienti industriali e grandi condomini (Gruppi di Misura >G40)Funzionalità: telelettura e telegestione Stato di attuazione: livello di adempimento medio circa 67% % di GdM messi in N° distributori servizio al 30/06/11 adempienti 100% 72 75%-100% 43 50%-75% 31 25%-50% 10 <25% 42 13
  • 14. Il nuovo assetto del settore elettricoEntrano nel settore centinaia di migliaia di piccoli impianti,alimentati da fonti rinnovabili, in parte connessi direttamente allereti di distribuzione ed in prossimità dei luoghi di consumo(producers)Aumenta da domanda di servizi di flessibilità a causa dellecaratteristiche dei nuovi impianti (intermittenti, non programmabili).Occorre rendere attive anche le reti di distribuzione (smart grid)I misuratori elettronici consentono di trasferire i segnali di prezzo alconsumatore finale (demand side management). Il focus passa dallacommodity al servizio energetico 14
  • 15. Impianto di generazione La trasformazione in atto nel settore elettrico Rete di tipo tradizionale cogenerazione ad alto rendimento sistemi di accumuloClienti domestici Clienti industriali microturbine Impianti eolici 15
  • 16. I misuratori elettronici nell’elettrico35 milioni di misuratori installati in bassa tensione Crono-programma28,7 milioni presso le famiglie Anno  Percentuale 2008 25%6,4 milioni presso le piccole e medie imprese 2009 65% 2010 90% 2011 95% Funzionalità da remoto • Attivazione e disattivazione della fornitura • Lettura mensile o bimestrale • Variazione della potenza contrattuale • Disconnessione e riconnessione • Cambio di fornitore 16
  • 17. I prezzi differenziati rispetto al tempoDue fasce orarie per il servizio di maggior tutela nel settore elettrico: picco e fuori picco.La precedente tariffa mono‐oraria prevede un consumo standard nelle ore di picco pari ad 1/3 del totale Se il consumatore riesce a ridurre il consumo nel picco al di sotto di 1/3 del totale, a parità di  volume riduce la sua spesa complessiva Per rendere realizzabile il trasferimento del consumo nelle ore, si è previsto un aumento  automatico della potenza contrattuale da 3 kW a 4,5 kW nelle sole ore di fuori‐picco 17
  • 18. Le sfide per il regolatorePerfezionare lapplicazione dei meccanismi di regolazionetradizionali nel perseguimento degli obiettivi di: efficienza,qualità, concorrenza, trasparenza tariffaria, tutela delconsumatore...Disegnare nuovi meccanismi di regolazione, per contribuire agestire il cambiamento ed orientarlo verso nuovi equilibri cheaccrescano il benessere collettivo (contenendo i prezzi laddovepossibile)Coordinare la propria azione con quella degli altri soggetticoinvolti nel processo di cambiamento, preservandoindipendenza ed autonomia di giudizio 18