Your SlideShare is downloading. ×
0
Apprendere dall'esperinza
Apprendere dall'esperinza
Apprendere dall'esperinza
Apprendere dall'esperinza
Apprendere dall'esperinza
Apprendere dall'esperinza
Apprendere dall'esperinza
Apprendere dall'esperinza
Apprendere dall'esperinza
Apprendere dall'esperinza
Apprendere dall'esperinza
Apprendere dall'esperinza
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Apprendere dall'esperinza

981

Published on

Un modello per l'apprendimento dall'esperinza nel contesto della formazione professionale

Un modello per l'apprendimento dall'esperinza nel contesto della formazione professionale

Published in: Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
981
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
68
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Apprendere dall'esperienza Gli assunti di base: natura, caratteristiche del modello proposto per l’apprendimento dall’esperienza nella formazione professionale
  • 2. Perché sul lavoro... <ul><li>In situazione </li></ul><ul><li>In modo informale </li></ul><ul><li>Attraverso l'esperienza... </li></ul><ul><li>e l'imitazione </li></ul><ul><ul><li>La maggior parte degli apprendimenti significativi avviene </li></ul></ul>
  • 3. Perchè funziona ? Pro <ul><li>Semplice e poco costosa </li></ul><ul><li>Bene integrata nel lavoro quotidiano </li></ul><ul><li>Non richiede formatori professionisti </li></ul><ul><li>Efficace per ruoli e processi semplici </li></ul><ul><li>E anche per ruoli manageriali </li></ul>
  • 4. Perchè non funziona ? Contro <ul><li>Tradizionalista: ostacola l’innovazione </li></ul><ul><li>Conflitti tra anziani e giovani </li></ul><ul><li>Insegna anche competenze e atteggiamenti negativi </li></ul><ul><li>Inadatta quanso dervono saperi di base complessi </li></ul><ul><li>Lacunosa e incompleta perché dipende dalle casualità operative </li></ul><ul><li>Spesso demotivante per chi insegna </li></ul>
  • 5. Il problema <ul><ul><li>È possibile sviluppare i pregi </li></ul></ul><ul><ul><li>e limitare i difetti </li></ul></ul><ul><ul><li>dell'apprendimento situato </li></ul></ul><ul><ul><li>in un contesto di formazione finanziata ? </li></ul></ul>
  • 6. Si può Superando quattro difficoltà relative a: Storicamente la mancata soluzione di questi nodi ha prodotto una sostanziale sfiducia tra le parti sociali e nella pubblica amministrazione che ha impedito alla formazione finanziata di uscire delle aule
  • 7. Due culture Mondo Scuola
  • 8. Specificità Lo specifico della Formazione professionale consiste nel presidio professionale del modello culturale delle metodologie e delle pratiche dell'apprendimento situato
  • 9. In pratica
  • 10. Governare il sistema <ul><li>In un sistema finanziato le agenzie di formazione agiscono in un contesto determinato da scelte di tipo politico. </li></ul><ul><li>Le modalità di governo del sistema sono determinati per orientare le scelte delle agenzie formative </li></ul><ul><li>Obiettivi, risorse, modalità di verifica, sistema premiante ruoli professionali, retribuzioni, condizioni materiali lavoro ecc. dipendono da queste scelte </li></ul><ul><li>L'applicabilità e l'efficacia del modello dipendono in modo determinate dalla capacità di creare regole del gioco coerenti con esso </li></ul>
  • 11. I ruoli dei formatori cambiano Il Progettista deve centrare la sua attenzione sui processi reali di lavoro e non sulle discipline, sui ruoli o sulle singole persone. Il Tutor-formatore che che presidia le metodologie didattiche e ha la responsabilità operativa complessiva dei progetti formativi. Ruolo gestionale e formativo Il Tutor aziendale che presidia prevalentemente la pratica operativa in azienda e non necessariamente è un esperto di metodologie didattiche
  • 12. Il ruolo cruciale <ul><li>Il ruolo più importante è quello del tutor-formatore che assume compiti e responsabilità di natura dirigenziale e richiede una competenze professionale di alto profilo. </li></ul><ul><li>Questa figura non è in alcun modo equiparabile a quella del tutor d’aula. </li></ul><ul><li>Deve padroneggiare a fondo le metodologie di formazione situata, guidare l’azione del tutor aziendale, presidiare la valutazione degli apprendimenti, monitorare l’intero intervento e decidere le modifiche in itinere. </li></ul><ul><li>Deve essergli attribuita una responsabilità di tipo professionale (tecnica + etica + legale) </li></ul>

×