Your SlideShare is downloading. ×
Emilia A Tavola - Lambrusco Reggiano
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Emilia A Tavola - Lambrusco Reggiano

61

Published on

Il Lambrusco Reggiano è un vino DOC la cui produzione è consentita nella provincia di Reggio Emilia. …

Il Lambrusco Reggiano è un vino DOC la cui produzione è consentita nella provincia di Reggio Emilia.
Caratteristiche organolettiche
• colore: da rosato a rubino vivace-spuma fine con svolgimento persistente.
• odore: gradevole e caratteristico.
• sapore: asciutto, amabile o dolce, frizzante, non molto di corpo, armonico, fresco e gradevole, caratteristico

http://gustodilella.blogspot.nl/

Published in: Food
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
61
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Lambrusco Reggiano Il Lambrusco Reggiano è un vino DOC la cui produzione è consentita nella provincia di Reggio Emilia. Caratteristiche organolettiche • colore: da rosato a rubino vivace-spuma fine con svolgimento persistente. • odore: gradevole e caratteristico. • sapore: asciutto, amabile o dolce, frizzante, non molto di corpo, armonico, fresco e gradevole, caratteristico Cenni storici Il 22 luglio 1971 viene riconosciuta, tramite un decreto dell'allora Presidente della Repubblica, la denominazione di origine "Lambrusco Reggiano", e ne viene contemporaneamente approvato il relativo disciplinare. La denominazione si prefigge lo scopo di qualificare le uve ed i relativi vini prodotti nel territorio provinciale, già conosciuti ed apprezzati fin dall'antichità. A tale scopo fissa una serie di norme, specificate nel relativo disciplinare, a cui il produttore deve necessariamente attenersi, affinché il prodotto sia ben caratterizzato e riconoscibile dal consumatore. Il controllo del rispetto di tali normative per salvaguardare la tipicità dei prodotti è affidato ad uno specifico ente, nato anch'esso nel 1971, e attualmente denominato "Consorzio per la Tutela dei vini "Reggiano" e "Colli di Scandiano e di Canossa". Dal 26 novembre 1996, infatti, la DOC "Lambrusco Reggiano" cambia nome e diviene semplicemente "Reggiano", con la presenza di nuove tipologie oltre al lambrusco. Abbinamenti consigliati Tradizionalmente, la versione secca (ma anche quella amabile) viene abbinata ai piatti tipici della tradizione reggiana ed emiliana (erbazzone, parmigiano reggiano, salumi, bolliti).

×