Your SlideShare is downloading. ×
0
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Como nord 2013 2014 adalgisa-colombo

134

Published on

Discalculia e difficoltà di calcolo nella scuola Secondaria di Primo Grado …

Discalculia e difficoltà di calcolo nella scuola Secondaria di Primo Grado
Conoscere per agire a garanzia del successo scolastico

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
134
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Settembre primo giorno di scuola … 1 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 2. PROMEMORIA …  Primum non nocere “Le difficoltà di apprendimento” A cura di Giovanni Campana, Associazione Docenti Italiani, ops 045 Discalculia - Colombo Adalgisa 2 2
  • 3. La discalculia è un problema di automatismo riconducibile a … calcolare il numero giusto! 3 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 4. LA CONOSCENZA STRUTTURALE del numero deve portare l’insegnante a:  saper aiutare i ragazzi discalculici  non essere rigido 4 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 5. LO SAPEVATE? 12 è più difficile di 52 5 Discalculia - Colombo Adalgisa 5
  • 6. LO SAPEVATE? 24 è costruito sintatticamente in modo molto chiaro 14 non è chiaro sintatticamente 6 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 7. Regole sintattiche I numeri primitivi permettono di costruire gli altri numeri Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 8. Costruiamo i numeri 14  14 uso un primitivo sul piano linguistico: dico l’unità “4” poi  la decina “dici”  cioè semplicemente inverto dico 14 (4 unità e poi, dici, decina) Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 9. Costruiamo i numeri 24 20 primitivo  4 primitivo  regola additiva costruisco 24 semplicemente:  dico 20 (decina) e poi 4 (unità ) Discalculia - Colombo Adalgisa 9
  • 10. Costruiamo i numeri all’indietro 16 Venti  Diciannove  Diciotto  Diciassette  Diciassei poi si corregge: sedici  Quindici  Quattordici  10 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 11. Costruiamo i numeri in avanti Possiamo far contare facilmente bambini di 5 anni da 1 a 10 poi con difficoltà da 11 a 20 e poi da 30 con aiuto 11 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 12. Come conta Sa contare da 30 in poi in quanto la struttura con la quale costruiamo i numeri, gli ha bloccato la componente decina Sa contare da uno e conta correttamente e dice tutto bene fino al 39 poi continua dicendo: 30 cioè torna alla decina Oppure: trentadieci perché dopo il 9 c’è il 10 12
  • 13. Costruiamo i numeri all’indietro La reiterazione dell’unità mantenendo ferma la decina e una caratteristica di tipo strutturale: cioè arrivati alla decina si usa ancora un primitivo Cubelli e Biancardi Ricerca sulla difficoltà a contare all’indietro dei bambini DSA e discalculici: 33 32 31 20 29 28 27 13 31 20 30 29
  • 14. Cambia la struttura di tipo sintattico 17 – 18 - 19 11 – 12 – 13 – 14 - 15 - 16 Dici - sette  Dici – otto  Dici – nove Dici – uno  Dici – due  Dici – tre  Dici – quattro  Dici – cinque  Dici – sei decina e unità la regola, decina e unità, 14 non vale più anzi si inverte!   Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 15. COSTRUIAMO I NUMERI 2 componenti  Componente “additiva”  Componente “moltiplicativa” 15 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 16. COSTRUIAMO I NUMERI codici di rappresentazione Alfabetico orale  Alfabetico scritto  Il codice arabico  Il codice pittografico  Il codice dei numeri Romani  • la parola detta < nove > • la parola scritta “ nove” • l’ideogramma “9” • °°°°°°°°° • segni alfabetici: “IX” 16 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 17. COSTRUIAMO I NUMERI transcodifica  6.776  3.587 • Seimilasettecentosettantasei • Tremilacinquecentocinquantasette  7.001 • Settemilauno  2.109 • Duemilacentonove  1.254 Discalculia - Colombo Adalgisa • Milleduecentocinquantaquattro 17
  • 18. ERRORI transcodifica  6.776 Seicentosettantasei  3.587 trecentocinquantotto/sette  7.001  2.109  1.254 settecentouno duecentonove cent…milleduecentocinquantaquattro
  • 19. TRE SOTTOINSIEMI attribuzione  corrette procedure di calcolo • sommare se appare + • moltiplicare se appare x memorizzazione fatti aritmetici, accesso senza calcolo  procedure di calcolo o dell’algoritmo  • le tabelline • semplici calcoli a mente • Il muro del 10 • l’ordine di svolgimento delle sotto operazioni • l’incolonnamento • i prestiti • i riporti 19 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 20. CARATTERISTICHE Discalculia Dislessia per le cifre Difficoltà nell’acquisizione dei processi lessicali sia nel sistema di comprensione del numero che di produzione del calcolo  Discalculia procedurale Difficoltà nell’acquisizione delle procedure e degli algoritmi del calcolo  Discalculia per i fatti aritmetici Difficoltà nell’acquisizione dei fatti aritmetici all’interno del sistema del calcolo  Discalculia - Colombo Adalgisa 20
  • 21. MOVIMENTI OCULARI DI UN NORMOLETTORE 21 MOVIMENTI OCULARI DI UN DISLESSICO Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 22. Dehaene ha l’ambizione di dare il via ad un vero e proprio studio scientifico dei meccanismi cerebrali che si attivano nel corso della lettura. Il testo spiega come “nel corso dell’acquisizione della lettura i nostri circuiti corticali originariamente destinati al riconoscimento degli oggetti si sono “riciclati” per decifrare caratteri dalle più diverse dimensioni e fogge”. Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 23. La conoscenza del sistema attentivo e delle funzioni esecutive consente di approfondire e comprendere maggiormente i meccanismi sottostanti alla lettura. Un manuale che spiega come riconoscere i segni premonitori della dislessia e con quali strumenti intervenire, sia in ambito clinico sia scolastico, e quale giusta interpretazione dare. Una visione strutturata: linguistico visuo-percettivo attentivo e loro interazione. Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 24. http://www.polobozzo.it/index.php/pagine-contatti/42-staff/1-francesco-benso
  • 25. http://www.psy.unipd.it/~tressold/cmssimple/uploads/includes/PCS01.pdf 25 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 26. Daniela Lucangeli 1/5.mov 26
  • 27. TRA I DISCALCULICI Differenti potenzialità matematiche 27 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 28. PRESUPPOSTI TEORICI i profili di discalculia evolutiva   esistono è possibile individuarli 28 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 29. 29
  • 30. 30
  • 31. 31
  • 32. http://scuolastoppani.wordpress.com/2013/11/25/disprassia-e-disgrafia-ledifficolta-della-pianificazione-motoria/ 32
  • 33. G M K MILIARDI MILIONI MIGLIAIA 100.000.000.000 10.000.000.000 1.000.000.000 100.000.000 10.000.000 1.000.000 100.000 10.000 UNITA' SEMPLICI 1.000 100 10 1 DECIMALI 0,1 0,01 0,001 hG daG uG hM daM uM hK daK uk h da u d c m centinaia di miliardi decine di miliardi unità di miliardi centinaia di milioni decine di milioni unità di milioni centinaia di migliaia decine di migliaia unità di migliaia centinaia decine unità decimi centesimi millesimi km hm dam m dm cm mm chilometro ettometro decametro metro decimetro centimetro millimetro hl t q tonellata quintale Kg dal l dl cl ml ettolitro decalitro litro decilitro centilitro millilitro hg chilogrammo ettogrammo dag g dg cg mg decagrammo grammo decigrammo centigrammo milligrammo 33 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 34. http://www.ritabartole.it/public/RiTabella.pdf Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 35. 35 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 36. STRUMENTI pronti per l’uso http://www.ilmelograno.net/home Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 37. http://www.ilmelograno.net/home Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 38. TECNOLOGIE COMPENSATIVE utilizzo   PC/calcolatrice competenze strumentali • affinate • utilizzate con sicurezza meglio e prima dei compagni Discalculia - Colombo Adalgisa 38
  • 39. LA DIFFICOLTÀ i tempi  raggiungere lo stesso obiettivo dei compagni nello stesso tempo 39 Discalculia - Colombo Adalgisa 39
  • 40. RIASSUMENDO: STRATEGIE COMPENSATIVE  integrare-mediare la comunicazione  facilitare la memorizzazione  facilitare l’organizzazione delle informazioni  potenziare la capacità di ascoltare e concentrarsi  rafforzare le relazioni sociali Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 41. Fattori caratteristici DSA: deficit  Deficit nella memoria di lavoro  Deficit nella rapidità di elaborazione dell’informazione  Deficit nella capacità di automatizzazione 41 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 42. CONSENSUS CONFERENCE 2007 2 PROFILI DI DISCALCULIA MANIFESTAZIONI CARATTERISTICHE • 1) debolezza nella strutturazione cognitiva delle componenti di cognizione numerica Negli aspetti basali dell’intelligenza numerica, quali: subitizing, meccanismi di quantificazione, seriazione, comparazione, strategie di calcolo mentale • 2) compromissioni a livello procedurale e di calcolo Nella lettura, scrittura e messa in colonna dei numeri, recupero dei fatti numerici e degli algoritmi del calcolo scritto Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 43. PROFILI DI DISCALCULIA  Discalculia per i fatti aritmetici  Discalculia procedurale  Dislessia per le cifre 43 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 44.  discalculia per i fattori aritmetici errori nel recupero dei fatti aritmetici • risulta compromessa l'acquisizione dei fatti numerici all'interno del sistema del calcolo:  errori di confine 6 tabellina x 3 = 21 si è attivata un'altra  errori di slittamento 4 sbagliata Discalculia - Colombo Adalgisa x 3 = 11 una sola cifra è
  • 45.  solo dislessia errori nell’individuazione del numero • risulta faticosa la flessibilità nel trasferire ciò che il modulo del sistema del calcolo è in grado di fare in una direzione (conteggio) nella direzione opposta: non attivando gli automatismi di recupero mnemonico, risultano delle ricadute sul calcolo:  non impara le tabelline  non impara le sequenze all'indietro Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 46.  discalculia per le procedure errori nell'applicazione delle procedure •    risulta caratterizzata da difficoltà nell'acquisizione e applicazione delle procedure e degli algoritmi implicati nel sistema del calcolo: errori di incolonnamento errori di riporto errori di prestito 46 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 47.  dislessia per le cifre errori di lessico (è intatta la struttura sintattica) •    risulta compromessa la processazione lessicale preposta alla selezione e al recupero dei singoli elementi lessicali: vede il numero 4 e pronuncia il numero 7 pensa al numero 15 e pronuncia il numero 13 pensa a 320 e scrive il numero 310 Discalculia - Colombo Adalgisa 47
  • 48.  dislessia per le cifre errori di sintassi (è intatta la struttura lessicale) • risulta compromessa la capacità di stabilire i rapporti tra le cifre all'interno della stessa struttura sintattica    vede il numero 30 e pronuncia il numero 300 vede 31 e lo considera uguale a 13 nel conteggio sbaglia: 1, 2, 3, 4, 15, 16, .... Discalculia - Colombo Adalgisa 48
  • 49. Personalizzazione delle strategie Dagli errori alla compensazione Finalità della formazione docente:  imparare a far apprendere le strategie compensative agli alunni  imparare a valutare 1. Saper scegliere 2. Utilizzare gli strumenti compensativi 3. Far evolvere gli strumenti compensativi 4. Uso funzionale all'operatività autonoma attuale e futura (Scuola Secondaria di secondo grado e Università) Discalculia - Colombo Adalgisa 49
  • 50. Personalizzazione delle strategie Dagli errori alla compensazione Contesto: esecuzione di esercizi 1. 2. 3. 4. 5. Ipotesi Scelte Tentativi ed errori Gestire le conseguenze Realizzare con consapevolezza la crescita del proprio saper saper fare Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 51. 2^ media Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 52. 2^ media Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 53. 2^ media Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 54. Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 55. Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 56. Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 57. Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 58. http://php.math.unifi.it/archimede/archimede/index.html Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 59. 59
  • 60. LA VALUTAZIONE IDEE VALUTAZIONE PERSONALIZZATA CONSAPEVOLE  Perché l’alunno ha operato queste scelte procedurali per rispondere alla consegna?  Quale processo di pensiero lo ha guidato?  Quale voto dà ragione dello sforzo profuso? Una valutazione che tenesse conto del solo punteggio complessivo, non collocherebbe i profili di discalculia, i processi di pensiero e i perché delle scelte effettuate Solo i perché, anche se sono scomodi, possono connotare la valutazione di significati e fornire indicazioni utili per una didattica su misura, realmente individualizzata 60 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 61. VALUTAZIONE occasione   valorizzare stimolare • per affrontare giorno per giorno le fatiche dovute alle caratteristiche personali di ogni alunno Discalculia - Colombo Adalgisa 61
  • 62. ASPETTI sui quali incide la valutazione  sugli aspetti psicologici ed emotivi  sulla costruzione di una positiva immagine di sé  su eventuali comportamenti personali, scolastici o sociali disfunzionali  sul sentimento di adeguatezza  sui livelli di autostima  sul senso di autoefficacia  sulle aspettative di successo  sulla motivazione allo studio in definitiva sul successo scolastico stesso! Discalculia - Colombo Adalgisa 62
  • 63. LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA 63 Discalculia - Colombo Adalgisa 63
  • 64. HANS FREUDENTHAL Matematica come attività di reinvenzione Una reinvenzione che:  deve essere guidata  non può essere imposta  Qui sta il fondamento principale del lavoro dell’insegnane, nella appropriazione: egli deve costantemente trarre dalle sue conoscenze, e dalla osservazione di se stesso e dei discenti la regola per il proprio lavoro 64 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 65. CARLO FELICE MANARA Cosa deve possedere un insegnante?  L’insegnante deve essere in grado di possedere il quadro generale della materia Solo così sarà in grado di: guidare quella reinvenzione che Freudenthal considera come un momento essenziale dell’apprendimento della matematica soltanto vedendo dall’alto la meta finale si può scegliere la strada giusta e guidare gli altri alla sua scelta autonoma 65
  • 66. COME CONSIDERO I DISCENTI? Una opinione corretta “il valore che si attribuisce ai discenti come esseri umani determina poi il modo in cui ci si aspetta che essi imparino la loro matematica” 66 Discalculia - Colombo Adalgisa 66
  • 67. COME CONSIDERO I DISCENTI? Quale didattica  Didattica che persegue l’addestramento e usa algoritmi da impiegare  Didattica che prescrive di partire da concetti i più generali ed i più astratti possibili, per costruire artificialmente un mondo di rapporti logici schematici  Didattica che persegue la sostituzione del docente utilizzando piani didattici con procedure prescrittive minuziose, stabilite nei minimi particolari, insegnanti come macchine 67 programmate Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 68. http://www.ma-pes.it/
  • 69. L’AMBIENTE DI APPRENDIMENTO 70 di André Giordan a margine di PISA 2006 Discalculia - Colombo Adalgisa
  • 70. Insegnanti efficaci Il nucleo essenziale della professione docente è finalizzato all’efficacia dell’apprendimento degli allievi. Tab. 1 – Gli insegnanti efficaci: una check-list dell’OCSE Fonte: Documento MIUR-ARANOrganizzazioni sindacali, 18-12-2003. 71
  • 71.  - accuratezza nella preparazione delle lezioni;  - selezione appropriata dei materiali;  - definizione chiara di obiettivi agli studenti;  - mantenimento della disciplina in classe;  - costante verifica del lavoro degli studenti;  - ripetizione della lezione in caso di difficoltà;  - buon uso del tempo;  fiducia nelle capacità di apprendimento degli studenti;  - convinzione nella propria responsabilità nell’apprendimento degli studenti;  - condivisione degli scopi dell’istruzione con i colleghi;  - essere d’accordo sul fatto che lo scopo della scuola sia promuovere l’apprendimento degli studenti;  - forte impegno nel successo accademico degli studenti;  - strette relazioni collegiali;  - flessibilità, creatività, adattamento delle proprie capacità di insegnamento ai bisogni degli studenti; 72
  • 72.  - uso di diverse strategie di insegnamento;  - uso di diversi stili di interazione,  - chiarezza espositiva ed argomentativi;  - comportamento orientato all’impegno;  - uso dei suggerimenti e delle idee degli studenti.  Se l’insegnante è un professionista “colto, riflessivo, ricercatore, progettista”, come si possono utilizzare gli spazi offerti dall’autonomia di ricerca e sviluppo, per operare nella prospettiva dello “sviluppo professionale” continuo?  … 73
  • 73. Ringrazio le famiglie, i docenti, i ragazzi e gli amici che mi hanno consentito l’utilizzo dei loro materiali e mi hanno dato tanti suggerimenti adalgisa.co@gmail.com 74 Discalculia - Colombo Adalgisa

×