Lezione 09/2006

1,414 views

Published on

Lezione sulla gestione dei progetti web, corso di Web design, Scienze della comunicazione Torino.

Published in: Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,414
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
46
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lezione 09/2006

  1. 1. Gestione dei progetti web Andrea Crevola [email_address] http://webdesign.3juice.com
  2. 2. Sommario <ul><li>In questa lezione: </li></ul><ul><ul><li>La qualità di un sito web </li></ul></ul><ul><ul><li>Gestione del progetto </li></ul></ul><ul><ul><li>Figure professionali </li></ul></ul>
  3. 3. La qualità dei siti web <ul><li>Come possiamo affermare che il nostro sito web possiede caratteristiche e proprietà tali da essere considerato un risultato adeguato, soddisfacente e efficace rispetto agli obiettivi iniziali? </li></ul><ul><li>La risposta a questa domanda può giungere da tre tipi di fattori: </li></ul><ul><ul><li>test e valutazioni; </li></ul></ul><ul><ul><li>i &quot;voti&quot; degli utenti reali; </li></ul></ul><ul><ul><li>la metodologia di progetto e sviluppo seguita; </li></ul></ul>
  4. 4. I &quot;voti&quot; degli utenti reali <ul><li>Indubbiamente, il successo o meno di un servizio telematico è decretato dal responso in termini di utilizzo concreto da parte degli utilizzatori finali. </li></ul><ul><li>Sono innumerevoli i casi di siti web ottimamente progettati e realizzati ma che partivano da presupposti e strategie comunicativi errati. Ad esempio: </li></ul><ul><ul><li>Mancato riconoscimento dell'effettiva identità dei destinatari reali del servizio; </li></ul></ul><ul><ul><li>Errata scelta dei contenuti in rapporto alle esigenze degli utenti; </li></ul></ul><ul><ul><li>Proposta di servizi inadeguati dal punto di vista del mezzo di diffusione scelto; </li></ul></ul><ul><ul><li>Deficit di credibilità nei riguardi dell'emittente della comunicazione; </li></ul></ul><ul><ul><li>Assenza di un reale &quot;mercato&quot; per il servizio offerto; </li></ul></ul><ul><ul><li>Adozione di un piano di promozione e marketing inefficace (o inesistente); </li></ul></ul><ul><ul><li>ecc. </li></ul></ul><ul><li>In parte, queste criticità possono essere evitate praticando adeguate attività, processi e metodologie prima e dopo la progettazione e la realizzazione del sito web stesso. </li></ul>
  5. 5. Metodologia di progetto e sviluppo <ul><li>Questo corso ha avuto per filo conduttore un'ipotetico e semplificato ciclo di vita di un prodotto digitale. </li></ul><ul><li>Abbiamo avuto modo di considerare anche diverse tecniche e metodologie di progetto e sviluppo, relative a: </li></ul><ul><ul><li>la conoscenza e la rappresentazione degli utenti all'interno del progetto; </li></ul></ul><ul><ul><li>il rapporto tra il modello mentale (e l'azione) dell'utente e lo strumento; </li></ul></ul><ul><ul><li>le forme di organizzazione dei contenuti; </li></ul></ul><ul><ul><li>l'usabilità dell'interazione tra utenti e interfacce; </li></ul></ul><ul><ul><li>la scelta delle soluzioni tecnologiche più appropriate; </li></ul></ul><ul><ul><li>le strategie di sviluppo orientate agli standard per il web; </li></ul></ul><ul><ul><li>la realizzazione di strumenti accessibili; </li></ul></ul><ul><li>Oltre che assicurare un maggior controllo sull'andamento del progetto, esse rappresentano un punto di partenza fondamentale sia per l'inesperto che per il professionista. </li></ul><ul><li>La loro validità proviene o dai fondamenti teorici / scientifici su cui esse si poggiano, o dall'efficacia pratica che hanno dimostrato di possedere, o da entrambe le dimensioni. </li></ul>
  6. 6. Rischi <ul><li>Tuttavia, seguire le proposte metodologiche affrontate durante il corso non è garanzia assoluta di raggiungimento degli obiettivi. </li></ul><ul><li>Ad influenzare la qualità del progetto intervengono fattori spesso esterni dalle conoscenze che abbiamo toccato in queste lezioni: </li></ul><ul><ul><li>Tempi e scadenze di sviluppo e pubblicazione troppo ravvicinati; </li></ul></ul><ul><ul><li>Bilanciamento tra qualità e costi economici; </li></ul></ul><ul><ul><li>Disponibilità tecnologiche ridotte (es. editor di sviluppo, ambienti di escuzione lato server); </li></ul></ul><ul><ul><li>Scarse competenze e talento a disposizione del team di progetto e sviluppo; </li></ul></ul><ul><li>Spetta al responsabile del progetto saper difendere i punti di forza del sito trovando un punto di equilibrio con le forze di segno contrario: occorre una seria attività di pianificazione affinché possa essere affrontato con attenzione. </li></ul>
  7. 7. Project management (1) <ul><li>La gestione del progetto comincia con una valutazione dai requisiti del sito e con un confronto di questi con tre tipi di risorse: </li></ul><ul><ul><li>Economiche: costi, ricavati, opportunità successive al progetto ecc. </li></ul></ul><ul><ul><li>Umane: quanti e quali collaboratori ho a disposizione, cosa sanno fare, qual è il loro grado di autonomia e di esperienza ecc. </li></ul></ul><ul><ul><li>Tempo: quali sono le scadenze del progetto? </li></ul></ul><ul><li>Conoscendo adeguatamente i requisiti e la natura del progetto (importanza della fase di analisi e progettazione) è possibile distribuire le risorse nel modo migliore possibile: </li></ul><ul><ul><li>l’attività di realizzazione deve essere scomposta in fasi logicamente sequenziali; </li></ul></ul><ul><ul><li>Verifica della disponibilità di risorse rispetto a quelle attività; </li></ul></ul><ul><ul><li>Valutazione della durata delle singole fasi in rapporto alla quantità di lavoro a disposizione; </li></ul></ul><ul><ul><li>Stima dei tempi e dei costi; </li></ul></ul><ul><ul><li>Rappresentazione in forma grafica per condividere la pianificazione: diagramma di GANTT </li></ul></ul>
  8. 8. Diagramma di GANTT Software: MS Project GANTTProject
  9. 9. Project management (2) <ul><li>Il Project Manager ha inoltre altre funzioni: </li></ul><ul><ul><li>Coordinamento interno: deve assicurarsi che all’interno del gruppo di lavoro il progetto, i suoi requisiti e i suoi obiettivi siano condivisi a fondo da tutti i partecipanti e facilitare una circolazione di informazione all’interno del team; </li></ul></ul><ul><ul><li>Dialogo verso l’esterno: è la figura di collegamento tra il team di lavoro e il committente del sito, e di conseguenza deve saper mediare tra le opposte esigenze nel tentativo di soddisfare nel modo migliore entrambe; </li></ul></ul><ul><ul><li>Ricerca e valutazione dei collaboratori: capire a chi assegnare i vari compiti in funzione delle rispettive capacità ed eventualmente reperire nuove professionalità dal mercato del lavoro o di costruirle internamente con attività di formazione; </li></ul></ul><ul><ul><li>Verifica dell’avanzamento del processo di lavoro nel rispetto della qualità dello stesso; </li></ul></ul><ul><ul><li>Bilancia le risorse e le necessità del singolo progetto con quelle delle altre attività svolte in parallelo (altri siti per esempio); </li></ul></ul>
  10. 10. Le professioni del web <ul><li>In queste lezioni abbiamo spesso citato figure professionali coinvolte nelle varie fasi di costruzione del sito: </li></ul><ul><ul><li>Project Manager </li></ul></ul><ul><ul><li>Analisti </li></ul></ul><ul><ul><li>Architetti dell’informazione e interaction designer </li></ul></ul><ul><ul><li>Content manager e web editor </li></ul></ul><ul><ul><li>Art director e grafici </li></ul></ul><ul><ul><li>Web developer (server side e client side) </li></ul></ul><ul><ul><li>Esperti di accessibilità e di usabilità </li></ul></ul>

×