Open access

649 views

Published on

Presentazione del Corso Accesso all'informazione e collaborazione virtuale

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
649
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
128
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Open access

  1. 1. Accesso all'informazione e collaborazione virtuale Open Access Corso di aggiornamento finanziato dalla Regione Toscana per le biblioteche pubbliche (9 gennaio- 16 febbraio 2012) Anna Maria Tammaro
  2. 2. Outline <ul><li>Gestione dei depositi istituzionali e dei periodici OA </li></ul><ul><li>Amministrazione e gestione del flusso di lavoro </li></ul><ul><li>Promozione e advocacy </li></ul><ul><li>Buone pratiche: i diversi modelli organizzativi </li></ul><ul><li>Problematica del copyright </li></ul><ul><li>Depositi istituzionali e periodici OA in Toscana </li></ul><ul><li>Come si trovano? </li></ul>
  3. 3. Open Access <ul><li>Come lo definisci? Le 3 B (Berlino, Budapest, Bethesda) </li></ul><ul><li>Aperto (protocollo OAI-PMH) </li></ul><ul><li>Libero </li></ul><ul><li>Gratuito </li></ul>Via verde: Depositi istituzionali Come si costruiscono? http://www.rsp.ac.uk/index Tabella comparativa http://www.rsp.ac.uk/start/software-survey/results-2010/ Via d'oro: Periodici Open Access OJS consente la creazione e la gestione di un sito web per la pubblicazione elettronica di un periodico
  4. 4. Wiki sull'Open Access <ul><li>Sito Wiki in italiano per saperne di più e restare aggiornati: </li></ul><ul><li>http://wiki.openarchives.it/index.php/Pagina_principale </li></ul>
  5. 5. Depositi istituzionali <ul><li>I depositi istituzionali hanno la funzione di memorizzare, gestire, preservare e rendere accessibili nel Web i contenuti digitali prodotti dall’istituzione. </li></ul><ul><li>Danno la possibilità di integrare nel deposito diversi supporti d’informazione, come immagini, video e suoni, oppure presentare e diffondere in Internet risorse digitali fuori formato, come ad esempio mappe. </li></ul><ul><li>L’organizzazione logica che viene data all’informazione nel sistema dei depositi istituzionali parte dall’individuazione delle “comunità”, che possono identificarsi con le ripartizioni di un’università, come ad esempio le facoltà ed i dipartimenti, o anche un gruppo di ricerca finalizzato allo sviluppo di un progetto. </li></ul>
  6. 6. Politiche e procedure Sono le comunità, attraverso un comitato editoriale, che gestiscono i depositi, definendo le collezioni, la loro tipologia, le politiche di accesso, i criteri di validazione dei contenuti e le strategie di sviluppo. Le regole del servizio devono prevedere i materiali accettati, l'organizzazione delle collezioni, le limitazioni, le persone autorizzate al deposito, le condizioni di accesso Occorre un'attività di promozione ed advocacy per convincere I docenti ad inserire i loro lavori
  7. 7. Come si trova un deposito istituzionale? <ul><li>Open DOAR </li></ul><ul><li>http://www.opendoar.org/index.html </li></ul><ul><li>ROAR </li></ul><ul><li>http://roar.eprints.org/ </li></ul>Catalogo di risorse digitali Pleaidi http://www.openarchives.it/pleiadi/ OAISTER http://oaister.worldcat.org/ Archivi disciplinari Citeseer http://citeseer.ist.psu.edu/index;jsessionid=A82051186BDA2CAF5BB022F350504E0F
  8. 8. Depositi istituzionali in Toscana <ul><li>Università di Siena </li></ul><ul><li>OASI (Open Archive Universita' degli studi di Siena) </li></ul><ul><ul><ul><li>Dublin Core </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Riversamento OPAC </li></ul></ul></ul><ul><li>Università di Firenze </li></ul><ul><li>Archivio E-Print </li></ul><ul><ul><ul><li>Dublin Core (Soggetti Classi MIUR) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Collegamento OPAC solo per FUP </li></ul></ul></ul><ul><li>Università di Pisa </li></ul><ul><li>ETDdb usa b. Networked Digital Library of Theses and Dissertations NDLTD </li></ul><ul><li>Separato da OPAC </li></ul><ul><li>No standard metadati </li></ul><ul><li>UNIeprint utilizza eprints </li></ul><ul><li>Separato da OPAC </li></ul><ul><li>Dublin Core </li></ul><ul><li>Solo pre o post-print </li></ul>
  9. 9. Periodici Open Access <ul><li>Sono periodici con peer review </li></ul><ul><li>Come realizzarlo? </li></ul><ul><li>Guide a: </li></ul><ul><li>http://oad.simmons.edu/oadwiki/Guides_for_OA_journal_publishers </li></ul><ul><li>Il problema è il business model </li></ul><ul><li>Paga autore </li></ul><ul><li>Paga istituzione </li></ul><ul><li>Sponsor, pubblicità </li></ul><ul><li>I software disponibili sono elencati a: </li></ul><ul><li>http://oad.simmons.edu/oadwiki/Free_and_open-source_journal_management_software </li></ul>
  10. 10. Come si trova un Periodico Open Access? <ul><li>Registro dei periodici Open Access </li></ul><ul><li>DOAJ </li></ul><ul><li>http://www.doaj.org/ </li></ul><ul><li>195 riviste Open Access sono registrate in Italia </li></ul><ul><li>http://www.doaj.org/doaj?func=journalsByCountry&cId=95&year=2011&uiLanguage=en </li></ul>
  11. 11. Periodici Open Access in Toscana <ul><li>Università di Siena </li></ul><ul><li>3 le riviste OA prodotte </li></ul>Università di Firenze 17 riviste OA 90 e-book Università di Pisa Hyperjournal http://www.doaj.org/doaj?func=journalsByCountry&cId=95&year=2011&uiLanguage=en

×