1.Perchè Parlare Di Ob...

1,277 views
1,147 views

Published on

Published in: Business, Technology
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,277
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
44
Actions
Shares
0
Downloads
140
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • 1.Perchè Parlare Di Ob...

    1. 1. <ul><li>COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO </li></ul><ul><li>I caratteri distintivi nelle organizzazioni moderne </li></ul><ul><li>Prof. Domenico Bodega </li></ul><ul><li>Università Cattolica del Sacro Cuore </li></ul>
    2. 2. DUE PARADIGMI ORGANIZZATIVI Cambiamento organizzativo a servizio delle prestazioni Struttura verticale Compiti di routine Cultura rigida Strategia competitiva Sistemi formali Struttura orizzontale Cultura adattiva Arricchimento dei ruoli Strategia collaborativa Informazioni condivise Paradigma del sistema meccanico Paradigma del sistema biologico Ambiente stabile Prestazioni efficienti Ambiente turbolento Learning Organization
    3. 3. I CARATTERI DELLE MODERNE ORGANIZZAZIONI <ul><li>Essenzialità vs. “iperorganizzazione” </li></ul><ul><li>Crescere destrutturati ( informalità, network, clan ) </li></ul><ul><li>Strutture piccole e snelle </li></ul><ul><li>Gestione per processi in ottica di rete </li></ul><ul><li>Outsourcing </li></ul>
    4. 4. FATTORI ASSOCIATI ALL’ECCELLENZA ORGANIZZATIVA Orientamento strategico <ul><li>Vicinanza al cliente </li></ul><ul><li>Risposta rapida </li></ul><ul><li>Focus e obiettivi di business chiari </li></ul><ul><li>Costruzione di collegamenti interorganizzativi </li></ul>Top Management <ul><li>Visione di leadership </li></ul><ul><li>Orientamento all’azione al cambiamento </li></ul><ul><li>e all’apprendimento </li></ul><ul><li>Crezione di valori profondi </li></ul><ul><li>Facilitazione della gestione della conoscenza </li></ul>Progettazione organizzativa <ul><li>Forma semplice, </li></ul><ul><li>staff snello </li></ul><ul><li>Empowerment </li></ul><ul><li>per incrementare </li></ul><ul><li>l’imprenditorialità </li></ul><ul><li>Struttura orizzontale e collaborazione </li></ul><ul><li>Tecnologia elettronica, </li></ul><ul><li>e-commerce </li></ul><ul><li>Misurazione </li></ul><ul><li>e controllo bilanciati </li></ul>Cultura aziendale <ul><li>Produttività attraverso le persone </li></ul><ul><li>Prospettiva di lungo termine </li></ul><ul><li>Valorizzazione dell’adattamento e dell’apprendimento </li></ul><ul><li>Clima di fiducia </li></ul><ul><li>Condivisione delle informazioni </li></ul>
    5. 5. ORGANIZZARE come GESTIONE dei PARADOSSI <ul><li>Accentramento </li></ul><ul><li>Visione di lungo periodo </li></ul><ul><li>Continuità </li></ul><ul><li>Controllo </li></ul><ul><li>Efficienza </li></ul><ul><li>Leadership forte </li></ul><ul><li>Decentramento </li></ul><ul><li>Risultati di breve </li></ul><ul><li>Cambiamento </li></ul><ul><li>Consenso </li></ul><ul><li>Innovazione </li></ul><ul><li>Spirito di gruppo </li></ul>
    6. 6. LE COMPETENZE DI SETTING <ul><li>L’essenza della leadership sta nella capacità di dialogo con il contesto, come in una conversazione in cui all’interno di un sistema di conoscenze e di regole note, non tutto è prevedibile. </li></ul>
    7. 7. LA RESPONSABILITA’ CULTURALE DEL LEADER <ul><li>Le persone guardano innanzitutto al comportamento della leadership , le cui azioni e le cui responsabilità vengono identificate con le azioni e le responsabilità dell’organizzazione. </li></ul><ul><li>Le azioni del leader sono interpretabili come indicatori delle intenzioni dell’organizzazione. </li></ul><ul><li>E' la fiducia nel leader alla guida dell’azienda, la variabile in grado di influenzare il contenuto della relazione di scambio con l'organizzazione nel suo complesso. </li></ul>
    8. 8. I CARATTERI ORGANIZZATIVI <ul><li>Collante non di regole e procedure </li></ul><ul><li>People-centered </li></ul><ul><li>Valori monolitici, ma tolleranti </li></ul><ul><li>Tradizione ( trans+do =consegnare passando di mano in mano) </li></ul><ul><li>Innovazione (in+novus=apportare novità) </li></ul>
    9. 9. GLI EFFETTI DELL’IDENTIFICAZIONE <ul><li>una particolare cura applicata allo svolgimento del proprio lavoro ( Dimensione della Coscienziosità ); </li></ul><ul><li>una forte disponibilità a prendere parte attiva a tutti gli aspetti della vita dell'organizzazione ( Dimensione della Disponibilità ); </li></ul><ul><li>un atteggiamento positivo, di stimolo e lealtà nei confronti dell'organizzazione ( Dimensione di Lealtà ); </li></ul><ul><li>manifestazioni di altruismo nei confronti dei colleghi - es. fornire assistenza spontanea ai nuovi assunti o a chi si trova in difficoltà nel lavoro - ( Dimensione dell'Altruismo ); </li></ul><ul><li>atteggiamenti favorevoli ai colleghi: impegnarsi a risolvere i conflitti, essere disponibili a cooperare ( Dimensione della Cortesia ). </li></ul>
    10. 10. I CARATTERI DELLA CULTURA ITALIANA <ul><li>Preferenza per la gerarchia, </li></ul><ul><li>autonomia ridotta per il management, </li></ul><ul><li>elevati livelli di individualismo, </li></ul><ul><li>paternalismo, </li></ul><ul><li>autocrazia, mascolinità, </li></ul><ul><li>collaboratori fortemente dipendenti dai capi che si aspettano dai superiori un comportamento autocratico. </li></ul>
    11. 11. IL CARATTERE ITALIANO DELLA LEADERSHIP <ul><li>La presenza sul palcoscenico, l’allegria di passeggiare sullo spettacolo dell'organizzazione come primi attori o trionfali comparse che parlano, recitano, si agitano, gestiscono, rappresentano la commedia della organizzazione. </li></ul><ul><li>La capacità di soffrire, l’infinita pazienza, la tenace sopportazione. </li></ul>
    12. 12. <ul><li>Ampliabilità del pensiero </li></ul><ul><li>Personale e professionale si alimentano vicendevolmente </li></ul><ul><li>Dal singolare al plurale </li></ul><ul><li>Far brillare gli occhi </li></ul><ul><li>Vietato vietare </li></ul><ul><li>Una piccola azione alla volta </li></ul>LE CONDIZIONI RICHIESTE

    ×