• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Presentazione del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 dell'Emilia-Romagna
 

Presentazione del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 dell'Emilia-Romagna

on

  • 768 views

Diapositive presentate lo scorso 27 Gennaio 2014 a Bologna dal Direttore Generale Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, Valtiero Mazzotti, in occasione del convegno sul nuovo Programma di Sviluppo ...

Diapositive presentate lo scorso 27 Gennaio 2014 a Bologna dal Direttore Generale Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, Valtiero Mazzotti, in occasione del convegno sul nuovo Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020.

Statistics

Views

Total Views
768
Views on SlideShare
639
Embed Views
129

Actions

Likes
1
Downloads
7
Comments
0

10 Embeds 129

http://agevo-facile.blogspot.it 102
http://agevo-facile.blogspot.com 7
http://www.scoop.it 5
http://thinkwithbelly.wordpress.com 5
http://albertocardino77.wordpress.com 4
http://news.google.com 2
http://agevo-facile.blogspot.ca 1
http://agevo-facile.blogspot.de 1
http://agevo-facile.blogspot.fr 1
http://www.slideee.com 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Presentazione del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 dell'Emilia-Romagna Presentazione del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 dell'Emilia-Romagna Presentation Transcript

    • Europa 2020 Obiettivi target Quadro strategico comune Obiettivi tematici 1) Occupazione: - il 75% della popolazione con età tra i 20 e i 64 anni 1 Ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione 2) Ricerca & Sviluppo / Innovazione: - deve essere investito il 3% del PIL Europeo (PIL inteso sia del settore pubblico che privato) 2 information Communication Technologies 3 Competitività delle piccole e medie imprese agricole e della pesca 3) Cambiamenti climatici/Risorse energetiche: - riduzione delle emissioni del 20% (o del 30%) rispetto a quanto rilevato nel 1990; - Il 20% dell’energia deve essere prodotto da fonti rinnovabili; - Incremento del 20% dell’efficienza energetica 4 Economia a basse emissioni di carbonio 4) Educazione scolastica: - ridurre il tasso di abbandono a meno del 10% - almeno il 40% della popolazione con età compresa tra i 30-34 anni deve aver completato una educazione di 3° livello 8 Occupazione e mobilità dei lavoratori 5) Povertà/Esclusione sociale: - 20 milioni in meno di persone che versano in uno stato di povertà o esclusione sociale 5 Adattamento ai cambiamenti climatici, prevenzione dei rischi 6 Agro ambiente e efficienza nell’utilizzo delle risorse 7 Trasporto sostenibile ed infrastrutture 9 Inclusione sociale e riduzione della povertà Priorità per lo Sviluppo Rurale 1 Priorità orizzontali: Promozione della conoscenza e trasferimento dell’innovazione 2 Competitività delle aziende agricole e gestione sostenibile delle foreste 3 Organizzazione della filiera alimentare e gestione del rischio 4 Preservare, ripristinare e valorizzare l’ecosistema presente 5 Efficienza delle risorse e transizione ad una economia a basse emissioni eco-sostenibile 6 Inclusione sociale, riduzione della povertà e sviluppo economico 10 Istruzione, formazione continua 11 Capacità istituzionale e efficienza della pubblica amministrazione Assistenza tecnica e condizionalità ex-ante
    • Ripartizione percentuale delle risorse fra le priorità e focus area PRIORITA’ Focus area % 1.a) stimolare l'innovazione, la cooperazione e lo sviluppo della base di conoscenze nelle zone rurali; P 1: promuovere il trasferimento della conoscenza e l’innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali 2,0% 1.b) rinsaldare i nessi tra agricoltura, produzione alimentare e silvicoltura e ricerca e innovazione, anche al fine di migliorare la gestione e le prestazioni ambientali; 4,0% 1.c) incoraggiare l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita e la formazione professionale nel settore agricolo e forestale; 2,0% Totale priorità 1 8,0%
    • Ripartizione percentuale delle risorse fra le priorità e focus area P 2: Potenziare la redditività delle aziende agricole e la competitività dell’agricoltura in tutte le sue forma, promuovere tecniche innovative per le aziende agricole e la gestione sostenibile delle foreste 2.a) migliorare le prestazioni economiche di tutte le aziende agricole e incoraggiare la ristrutturazione e l'ammodernamento delle aziende agricole, in particolare per aumentare la quota di mercato e l'orientamento al mercato nonché la diversificazione delle attività; 10,0% 2.b) favorire l'ingresso di agricoltori adeguatamente qualificati nel settore agricolo e, in particolare, il ricambio generazionale; 10,0% Totale priorità 2 20,0%
    • Ripartizione percentuale delle risorse fra le priorità e focus area P 3: Promuovere l’organizzazione della filiera alimentare, compresa la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, il benessere animale e la gestione dei rischi nel settore agricolo 3.a) migliorare la competitività dei produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualità, la creazione di un valore aggiunto per i prodotti agricoli, la promozione dei prodotti nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni e organizzazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali; 3.b) sostenere la prevenzione e la gestione dei rischi aziendali; Totale priorità 3 20,8% 4,2% 25,0%
    • Ripartizione percentuale delle risorse fra le priorità e focus area 4.a) salvaguardia, ripristino e miglioramento della biodiversità, tra l'altro nelle zone Natura 2000, nelle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici e nell'agricoltura ad alto valore naturalistico, nonché dell'assetto paesaggistico dell'Europa; P 4: Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura e alla silvicoltura 4.b) migliore gestione delle risorse idriche, compresa la gestione dei fertilizzanti e dei pesticidi; 4.c) prevenzione dell'erosione dei suoli e migliore gestione degli stessi; Totale priorità 4 8,7% 18,0% 2,3% 29,0%
    • Ripartizione percentuale delle risorse fra le priorità e focus area 5.a) rendere più efficiente l'uso dell'acqua nell'agricoltura; 5.b) rendere più efficiente l'uso dell'energia nell'agricoltura e nell'industria alimentare; P 5: Incentivare l’uso efficiente delle risorse e il passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale 2,4% 1,3% 5.c) favorire l'approvvigionamento e l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili, sottoprodotti, materiali di scarto, residui e altre materie grezze non alimentari ai fini della bioeconomia; 1,3% 5.d) ridurre le emissioni di gas a effetto serra e di ammoniaca prodotte dall'agricoltura; 1,3% 5.e) promuovere la conservazione e il sequestro del carbonio nel settore agricolo e forestale; 2,3% Totale priorità 5 8,5%
    • Ripartizione percentuale delle risorse fra le priorità e focus area 6.a) favorire la diversificazione, la creazione e lo sviluppo di piccole imprese e l'occupazione; Assistenza tecnica 6.b) stimolare lo sviluppo locale nelle zone rurali; 4,2% 6.c) promuovere l'accessibilità, l'uso e la qualità delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) nelle zone rurali. 0,4% Totale priorità 6 P 6: Adoperarsi per l’inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nella zone rurali 2,4% 7,0% Totale AT 2,5%