Your SlideShare is downloading. ×

Dossier India

3,123
views

Published on

Published in: Business

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
3,123
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
95
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Ministero dello Sviluppo Economico Dossier IndiaL’Impresa verso I mercatI InternazIonaLI a cura di Interprofessionalnetwork
  • 2. Dossier India L’Impresa verso I mercatI InternazIonaLI a cura di Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per le Politiche di Internazionalizzazione e la Promozione degli Scambi • Dipartimento per l’impresa e l’internazionalizzazione www.mincomes.it • interpromo.seg@sviluppoeconomico.gov.it Interprofessionalnetwork www.interprofess.it • impresa@interprofess.itTutti i diritti sono riservatiI testi anche se curati con scrupolosa attenzione non possono comportare specifiche responsabilità per involontari errori e inesattezze;pertanto l’utente è tenuto a controllare l’esattezza e la completezza del materiale utilizzato.
  • 3. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Gli autoriGli Autori che hanno curato l’elaborazione dei vittorio Zattra, dottore in giurisprudenzacontenuti inseriti nel presente Dossier sono i seguenti: Dindo, Zorzi & Associati Studio Legale, LegAll Verona paolo Zucconelli, avvocato in VeronaMinistero dello sviluppo Dindo, Zorzi & Associati Studio Legale, LegAll VeronaeconoMico Direzione Generale per le Politiche di Si ringraziano per il loro prezioso intervento: Internazionalizzazione e la Promozione degli Scambi - Dipartimento per l’impresa e l’internazionalizzazione - dionisio archiutti, Ministero dello Sviluppo Economico Chief Marketing Officer – Gruppo Veneta Cucine Spa silvana la Bella, Direzione Generale Politiche di Marco Bachechi, Internazionalizzazione e Promozione Scambi – Ufficio Group Chief Financial Officer – Gefran Spa Asia e Oceania andrea Brollo, Fabio Giorgio, Amministratore Delegato – Brollo Siet Srl Direttore Responsabile del Bollettino Scambi con l’Estero – Note di aggiornamento enrico carraro, Vice Presidente – Gruppo CarrarounioncaMere andrea cavagnis, Fabio pizzino, Responsabile Ufficio Relazioni Amministratore Delegato – Pavan Group Internazionali Michele darderi, Corporate Marketing Manager – Pavan GroupinterproFessional network luca Fumagalli, Giulio veneri, Consigliere Delegato Direttore Generale – Edilmac Marco Bagolin, dottore in scienze della alberto Guerini, comunicazione Business Development Manager – Gefran Spa Barbara Bonafini, dottoressa in giurisprudenza Francesco lipartiti, Dindo, Zorzi e Associati Studio Legale, LegAll Verona Financial Director – Maccaferri Environmental Fabio Brusa, avvocato in Venezia-Mestre Solutions Pvt Ltd - India Studio Logos Avvocati Associati vincenzo lorenzin, pietro Butturini, dottore in giurisprudenza Titolare e Fondatore – Gruppo Simplast Gian andrea chiavegatti, avvocato in Verona Michel Marcellier, Studio Legale Chiavegatti Direttore Commerciale Far East – Isagro Spa carolina ciardini, dottoressa in giurisprudenza Manuel Monti, Studio Legale Mastellone, LegAll Firenze Presidente – Tessitura Monti India stefano dindo, avvocato in Verona riccardo remedi, Dindo, Zorzi e Associati Studio Legale, LegAll Verona Direttore Commerciale e Marketing – Faber Spa stefano Garelli, dottore commercialista in Torino Fabio saladini, Studio Garelli Dottori Commercialisti Associati Amministratore Delegato – Guarniflon Spa John kadelburger, avvocato in Stoccolma, consulente di Dindo, Zorzi & Associati Studio Legale, LegAll Verona aldo salvaneschi, Sales Manager – Breton Spa carlo Mastellone, avvocato in Firenze Studio Legale Mastellone, LegAll Firenze luca tomat, BU Director Asia Pacific & Americas – Lotto Sport Italia pietro Mastellone, avvocato in Firenze Spa Studio Legale Mastellone, LegAll Firenze Giacomo pailli, dottore in giurisprudenza Il coordinamento scientifico dell’opera ringrazia, altresì, per la Studio Legale Mastellone, LegAll Firenze preziosa collaborazione prestata lo studio chadha & co., deborah sassorossi, dottore commercialista in advocates and legal consultans di New Delhi e daniela Firenze tomiello, studentessa in Lingue per la comunicazione Sassorossi, Fraschetti e Associati turistica e commerciale. 4 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 4. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi IndiceIntroduzione Paolo Romani - Ministro dello sviluppo econoMico pag. 06 Giacomo Sanfelice di Monteforte - AMbAsciAtore d’itAliA A new delhi pag. 08 Ferruccio Dardanello - presidente di unioncAMere pag. 121. Overview Paese pag. 17 1. aspetti generali 4. principali indicatori economici 2. cenni storico – politici 5. scambi commerciali 3. Usi e costumi, cultura e abitudini2. Perché fare business in India pag. 41 1. caratteristiche del sistema paese 3. Focus settori missione 2. principali settori economici 4. conclusioni3. Strategie di ingresso pag. 51 1. Il quadro generale di riferimento degli 7. Diritto dell’economia investimenti esteri 8. strutture solitamente utilizzate dagli investitori 2. La politica industriale stranieri 3. La licenza per lo svolgimento di attività 9. Finanziamento dell’attività in India industriali (industrial licensing) 10. merger and acquisitions 4. nulla osta e autorizzazioni ambientali 11. ristrutturazioni e acquisizioni (environmental clearences) 12. scissione di imprese 5. politiche economiche per l’investimento estero 13. vendite di universalità 6. I controlli dei cambi 14. riduzione del capitale4. Aspetti legali pag. 87 1. Le società: forme giuridiche, costituzione e 3. tutela del made in Italy e Desk funzionamento anticontraffazione 2. marchi, brevetti e design 4. La risoluzione delle controversie5. Aspetti tributari pag. 105 1. aspetti generali del sistema tributario 6. Imposta sul valore aggiunto 2. Imposte indirette 7. progetto di riforma: introduzione Gst dal 2010 3. cenvat 8. Imposte dirette sulle persone giuridiche 4. service tax 9. Imposte dirette sulle persone fisiche 5. central sale tax 10. agevolazioni fiscali per gli investimenti esteri6. Il Ministero dello Sviluppo Economico per l’internazionalizzazione delle imprese pag. 161 1. L’attività promozionale del mIse 2. Gli strumenti di sostegno all’internazionalizazzione delle imprese7. Casi aziendali pag. 179 1. Breton spa 8. Guarniflon spa 2. Brollo siet srl 9. Isagro spa 3. edilmac 10. Lotto sport Italia 4. Faber spa 11. officine maccaferri spa 5. Gefran spa 12. pavan Group 6. Gruppo carraro 13. tessitura monti India 7. Gruppo simplast 14. veneta cucine spa 5 Interprofessionalnetwork
  • 5. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Introduzione Ministero dello Sviluppo Economico L a crisi internazionale ha ridisegnato in modo strutturale gli asset economici dei prossimi anni, spostando il volano della crescita verso i Paesi del Sud-Est. India, Cina, Rus- sia e Brasile, per diversi motivi, stanno dando prova di essere realtà dinamiche e fortemente produttive. È dunque interesse di un grande Paese manifatturiero come l’Italia rafforzare i rapporti economici e commerciali con queste realtà. Tra queste spicca il caso indiano, con l’esecutivo di New Delhi che - a fronte di tanti segni negativi a livello globale - per il 2012 stima una crescita del prodotto interno lordo superiore all’8%. È per questo che il governo italiano ha organizzato una missione di Sistema con oltre 110 aziende che faranno tappa prima nella capitale New Delhi e poi a Chennai, città chiave dell’industria automobilistica. L’India di oggi, con una popolazione di oltre un miliardo e due- centomilioni di persone è in grado di esprimere una domanda orientata verso le nuove necessità legate alla diversificazione dell’economia, alla modernizzazione dei sistemi produttivi infra- strutturali e dei servizi locali. Per l’Italia, l’India rappresenta dunque un partner commerciale strategico, col quale sviluppare sinergie sia sull’onda della do- manda crescente di beni di consumo di fascia alta che nell’ambito di quei settori, prodotti e know how, sui quali si focalizza la mis- sione di sistema, che la struttura produttiva italiana è particolar- mente in grado di fornire e nei quali sarebbe proficuo avviare una collaborazione. Italia e India hanno negli ultimi anni consolidato e rafforzato le proprie relazioni, grazie anche alla similitudine dei propri siste- mi imprenditoriali basati sulle piccole e medie imprese dotate di creatività e flessibilità. La strategia promozionale sviluppata dal Ministero dello Sviluppo6 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 6. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Economico sul mercato indiano si è articolata così su moltepli- ci settori: meccanica strumentale, tessile-abbigliamento, agro- alimentare, nuove tecnologie, cinematografia, design, gioielleria, arredamento e formazione, con l’apertura di centri specializzati per l’utilizzo di macchinari italiani. In questa Missione di sistema, che segue a distanza di quasi due anni quella svolta dal governo con le regioni, l’attenzione sarà puntata su automotive, meccanica, infrastrutture ed energie rin- novabili. L’obiettivo è quello di raccogliere i frutti della collaborazione avviata con successo nel dicembre del 2009, rendendo stabili e durature le relazioni commerciali sulla base delle priorità di svi- luppo individuate dal governo indiano e degli interessi settoriali delle aziende coinvolte, proseguendo nell’ impegno di diffondere e valorizzare l’immagine del Sistema Italia e delle caratteristiche ed eccellenze che esso può offrire al mondo. Paolo Romani Ministro dello Sviluppo Economico 7 Interprofessionalnetwork
  • 7. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Introduzione - I N el ribilanciamento degli equilibri internazionali che hanno caratterizzato l’ultimo decennio, l’India ha saputo gradualmente conquistarsi un ruolo di potenza mondiale e di interlocutore politico ormai imprescindibile, grazie soprattutto al suo crescente peso economico. Il mix che fa dell’India il paese con il secondo tasso di crescita al mondo si compone di alti tassi di risparmio e di investimento privato, una rapida crescita della forza lavoro, una forte domanda interna alimentata da una classe media in espansione, una costante crescita delle esportazioni, un surplus consolidato del conto capitale. Sono questi i fattori che hanno spinto il Governo indiano a fissare un obiettivo di crescita media complessiva del 9% del prodotto interno lordo nel documento preliminare del dodicesimo piano quinquennale 2012-2017. È interessante notare come non siano solo Delhi - la capitale - e Mumbai - il principale centro finanziario - a trainare la crescita del Paese: cresce costantemente il Sud dell’India, una realtà spesso non sufficientemente nota, caratterizzata da grande vitalità economica, ottimi servizi ed infrastrutture, redditi elevati. Con un PIL complessivo di 300 miliardi di dollari, gli Stati del Sud – Tamil Nadu, Pondicherry, Andhra Pradesh, Karnataka, Kerala – contribuiscono per più del 22% al PIL indiano, assorbono il 23% degli investimenti e rappresentano circa il 28% dell’ occupazione del Subcontinente. Il tasso di urbanizzazione è superiore a quello nazionale e le punte di eccellenza sono nei settori a più alto contenuto tecnologico, quali quello automobilistico, IT e delle biotecnologie, ma anche in ambiti più tradizionali come il tessile e conciario. In questo contesto estremamente dinamico, le imprese italiane hanno dimostrato di saper rispondere con prontezza alla domanda8 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 8. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi di “Made in Italy” e alle istanze di collaborazione articolate dal mondo imprenditoriale indiano. I dati parlano chiaro. L’Italia è attualmente, fra i paesi europei, il quarto partner commerciale dell’India. Nei primi cinque mesi del corrente anno l’interscambio bilaterale Italia-India ha registrato una crescita del 29,3%, in linea con il trend positivo del 2010, quando il valore dell’interscambio raggiunse i 7,2 miliardi di euro, superando addirittura i valori pre- crisi. Le esportazioni italiane verso il Subcontinente indiano sono aumentate del 21%, le importazioni dall’India del 36%. Tuttavia, le potenzialità dell’enorme mercato indiano rimangono in larga parte ancora da cogliere, se si considera che l’India cattura solo l’1% dell’intero export italiano. Permangono peraltro nell’economia indiana alcune criticità, quali l’elevata dinamica inflattiva, le carenze infrastrutturali, un quadro burocratico non semplice, un deficit di bilancio attorno al 5% del PIL. Criticità alle quali il governo indiano intende far fronte attraverso una nuova stagione di riforme di “seconda generazione” che si sta aprendo in India - dopo quella delle liberalizzazioni degli anni ‘90 che aveva dato slancio soprattutto all’industria indiana dei servizi. Le riforme annunciate vanno dalla semplificazione fiscale ed abolizione delle barriere interstatali, all’apertura del settore retail agli investitori stranieri; dalla riforma della legislazione in materia di acquisizione dei terreni alla liberalizzazione del sistema pensionistico e assicurativo, alla deregolamentazione dei prezzi energetici. Si preannuncia, dunque, una nuova fase di sviluppo - in particolare per l’industria manifatturiera e per dare slancio alla redditività del settore agricolo - che punta a reimpostare la crescita del Paese secondo criteri di maggiore “inclusività” e “produttività”. Questa nuova stagione dovrebbe generare ulteriori significative opportunità di 9 Interprofessionalnetwork
  • 9. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi collaborazione tra imprese italiane ed imprese indiane. In questo quadro di grandi opportunità, ma anche di grandi cambiamenti si inserisce l’azione promossa dagli attori del “Sistema Italia”, aperta dalla nuova stagione di visite istituzionali e missioni imprenditoriali avviata dalla fine del 2010 con la visita in Italia dell’allora Ministro indiano per il Trasporto su Strada, Kamal Nath, e proseguita nel corso del 2011. Ad inizio 2011 il Ministro indiano del Commercio e dell’Industria, Anand Sharma, ha visitato Roma e Milano, accompagnato da una qualificata delegazione di imprenditori guidati dal Presidente della Federazione Indiana delle Camere di Commercio e dell’Industria (FICCI). Da questi incontri con il Ministro degli Esteri Frattini e con il Ministro per lo Sviluppo Economico Romani, sono scaturiti immediati deliverables: l’individuazione dei settori strategici per il rafforzamento delle relazioni economiche bilaterali e l’avvio di un programma di iniziative mirate, con il pieno coinvolgimento di Confindustria. Sono poi seguite due missioni settoriali dedicate rispettivamente ad infrastrutture ed energia (marzo 2011) e al settore automotive (aprile 2011). Il Ministro indiano per l’Energia Shinde e il Ministro degli Esteri Krishna si sono recati in Italia in giugno. La Missione di Sistema italiana in India in calendario ad inizio novembre, con tappe a New Delhi e Chennai, rappresenta dunque un punto di arrivo ma, al tempo stesso, un punto di partenza nel rafforzamento delle relazioni economiche bilaterali. Guidata dal Ministro degli Affari Esteri Frattini e dal Ministro per lo Sviluppo Economico Romani, insieme ai massimi vertici di Confindustria, la missione coinvolgerà una cospicua rappresentanza di imprese, alcune già operative in India. Essa si concentrerà nei settori chiave dell’automotive, infrastrutture e costruzioni, energie10 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 10. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi convenzionali e non convenzionali, macchine utensili. Previsto anche un focus sulla piccola e media impresa, settore in cui l’Italia si presenta agli occhi indiani come partner privilegiato, e sull’industria della difesa. Sono lieto di ricordare in questa sede il contributo fornito non solo dall’Ambasciata e dalla Rete Consolare in India, ma anche dalla Camera di Commercio Indo-Italiana, dall’Antenna ENIT a Mumbai e dall’Istituto Italiano di Cultura, chiamati a svolgere un ruolo chiave in una realtà come quella indiana, spesso ancora non sufficientemente conosciuta dalle nostre imprese e percepita come lontana e complessa. Il 2011 si presenta, dunque, come un anno particolarmente significativo nelle relazioni tra Italia ed India, che mi auguro porterà, grazie allo sforzo sinergico di tutti gli attori del Sistema Italia, ad un vero e proprio salto di qualità nel partenariato economico indo-italiano. Giacomo Sanfelice di Monteforte Ambasciatore d’Italia a New Delhi 11 Interprofessionalnetwork
  • 11. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Introduzione - II Con una popolazione che supera il miliardo e un tasso di crescita del PIL tra i più alti in assoluto (+8.0% nel 2009-2010, +8.6% nel 2010-2011 e +8.8% in 2011-12, secondo le stime più recenti) grazie alla crescita esponenziale della sua classe media e alla sempre maggiore apertura del Paese agli investimenti internazionali (l’India occupa oggi la 2° posizione nella classifica mondiale delle destinazioni che esercitano maggior attrattiva per gli IDE), quella indiana si sta confermando come una delle economie più dinamiche al mondo. Oltre ai settori più maturi della meccanica e dell’automotive, in cui i grandi gruppi italiani hanno già consolidato la loro presenza nei rispettivi distretti industriali indiani, le aziende italiane guardano con grande interesse ai significativi investimenti programmati dal governo di Nuova Delhi in tre aree strategiche. In primo luogo le infrastrutture: il fabbisogno indiano per il loro sviluppo ammonta a oltre 750 miliardi di € per il periodo 2012-2017, che saranno reperiti per il 50% da capitale privato e saranno destinati al finanziamento di un ampio spettro di progetti. Seguono poi le tecnologie agroalimentari: nonostante l’India sia il 2° maggior produttore di frutta e verdura al mondo e la sua produzione costituisca l’8% di quella mondiale, il settore primario costituisce solo il 15% del PIL indiano e il 25-30% della frutta e della verdura è soggetto a deperimento e spreco a causa di pratiche di trattamento improprie e di infrastrutture per l’immagazzinamento inadeguate. Per risolvere alla radice il problema sono stati stanziati 16 miliardi di euro per il settore della trasformazione alimentare e il potenziamento della catena del freddo. Infine, sul fronte dell’energia, sono previsti investimenti da 1,5 i miliardi di € per incrementare di 14,050 MW la capacità energetica indiana attraverso l’utilizzo di energia eolica, idro-elettrica, biomasse e12 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 12. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi solare. La possibilità di sfruttare appieno fonti naturali d’energia consentirebbe al Paese di raggiungere una drastica riduzione delle emissioni di anidride carbonica, una rapida elettrificazione dei villaggi dell’area rurale e di assicurarsi una quasi totale autosufficienza energetica. Si tratta di settori questi, in cui l’Italia vanta eccellenze a livello mondiale e che possono essere messe al servizio della grande crescita indiana. Nonostante la crisi che in questi ultimi anni si è abbattuta su tutto il globo, il sistema produttivo italiano ha non solo saputo presidiare i mercati esteri più pregiati, ma è anche stato in grado di trovare nuovi sbocchi ai propri prodotti. La ricetta salutare seguita dalle imprese è stata quella di individuare (ed investire) su un felice connubio fatto, da una parte, di qualità e ricerca dell’eccellenza, dall’altra di flessibilità ed efficienza. Con questi ingredienti di base, oggi le nostre aziende affermano la loro competitività sui mercati internazionali non più limitati soltanto all’area comunitaria, ma estesi ad aree extraeuropee, inevitabilmente più difficili e rischiose. Il risultato è che i nostri dati dimostrano che l’Italia è il primo Paese del Vecchio continente, dopo la Germania, per presenza sui mercati extraeuropei, ed è il primo, dopo la Cina, per quantità esportata nei paesi emergenti. I dati Istat di aprile scorso ci dicono che l’Italia è un Paese “debitore” nei confronti dell’India, visto che la bilancia commerciale è negativa, e che le esportazioni italiane verso questo vasto Paese rappresentano solo l’1% delle vendite estere nazionali. La nostra, quindi, è ancora una presenza esigua, ma nell’ultimo anno si sono registrate novità interessanti: rispetto ad aprile del 2010, le esportazioni italiane sono incrementate del 22,6%. Addirittura, nei primi due mesi del 2011, alcuni settori hanno registrato variazioni percentuali a tre cifre rispetto al 13 Interprofessionalnetwork
  • 13. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi primo bimestre dell’anno scorso. Tra questi, molti comparti della meccanica, a cominciare dalle macchine per la formatura dei metalli (+115%), gli articoli in gomma (+186%), i componenti elettronici e le schede magnetiche (+160%), gli autoveicoli (+137%) ed altre ancora. Bene, anzi, benissimo direi, perché questo significa che il mercato indiano si sta aprendo alla conoscenza della qualità del Made in Italy nel suo complesso e ci sono insomma buone possibilità perché si possano instaurare proficui e duraturi rapporti di collaborazione economica tra i due Paesi. D’altro canto, raggiungere questo continente vasto e in gran parte ancora inesplorato per le PMI italiane, richiede adeguati supporti per gli operatori, che hanno bisogno di punti di riferimento affidabili e sostegno nella loro attività. Fondamentale, insomma, è la rete di supporto alle imprese, rappresentata dalle 105 Camere di commercio italiane e da quella delle 75 Camere di commercio italiane all’estero, che sono delle vere “teste di ponte” per le imprese del Belpaese in tutti i mercati del mondo. È esattamente in quest’ottica di assistenza e servizio che la Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry, espressione del sistema camerale italiano, ha organizzato molteplici attività volte a supportare le aziende italiane in un mercato complesso, ma dalle ottime opportunità come quello indiano. La prima edizione della Indo-Italian Business Conference organizzata lo scorso mese di settembre, è stata una piattaforma di scambio di know-how e informazioni tra aziende italiane e indiane, e l’Indo-Italian Club for Infrastruscture & Building (IICIB) si è ormai imposto come un punto di riferimento per tutte le aziende italiane interessate a entrare nel mercato indiano delle infrastrutture, dell’edilizia e materiali da costruzione.14 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 14. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi La Missione di Sistema che visita il Subcontinente indiano in questi giorni, organizzata dal Ministero degli Affari Esteri, dal Ministero dello Sviluppo Economico, Confindustria, ABI e Uniocamere è la conferma del rinnovato interesse da parte delle istituzioni italiane nei confronti del gigante economico asiatico. Ferruccio Dardanello Presidente di Unioncamere 15 Interprofessionalnetwork
  • 15. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 16 Ministero dello Sviluppo Economico Interprofessionalnetwork
  • 16. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Capitolo Primo 01 overvIew paese 1 Aspetti generali 2 Cenni storico politici 3 Usi e costumi, cultura e abitudini 4 Principali indicatori economici 5 Scambi commerciali1. Aspetti Generali la restante parte vive ancora nelle zone rurali, ma con una forte tendenza all’urbanizzazione. NonostanteA cura di Unioncamere l’impegno da parte dello Stato indiano nell’incremento degli investimenti nell’educazione, nelle zone rurali siL ’India rappresenta il secondo Paese più popoloso al mondo ed è considerata la piùgrande democrazia del pianeta. Una superficie che si registra ancora un elevato tasso di analfabetismo: solo il 74% della popolazione risulta infatti alfabetizzato. Questo dato deve essere però rivisto se si considera laestende per oltre 3.200.000 Kmq e una popolazione differenza che intercorre tra la condizione femminile (leche ha superato il miliardo di abitanti rendono il percentuali di alfabetizzazione superano il 65%) e lasubcontinente indiano una realtà caratterizzata da una condizione maschile (82%). Esistono inoltre numerosepluralità di lingue, religioni, caste e classi sociali. differenze tra i vari stati: se da un lato lo stato del Kerala registra un tasso molto elevato di alfabetizzazione,1. popoLazIone pari al 93,9%, dall’altro il Bihar registra il tasso più basso, con un valore complessivo pari al 63,8%.La popolazione dell’India (con dati aggiornati a marzo2011) è di circa 1,21 miliardi di persone che la rendonoil secondo paese più popoloso al mondo, preceduto 2. sUperFIcIesolo dalla Cina. La crescita demografica registratanel corso dell’ultimo decennio fa pensare che nei Lo Stato indiano ha una superficie di 3.284.590 kmqprossimi trent’anni si assisterà al sorpasso dei cinesi; e si colloca al settimo posto tra i più grandi paesi delattualmente il tasso di crescita della popolazione è mondo. Confina con il Pakistan a nord-ovest, con lapari all’1,34% annuo. La speranza di vita è attestata Cina, il Nepal e il Bhutan a nord e con il Bangladeshsui 67,9 anni per le donne e 65,7 per gli uomini. e il Myanmar a est; a sud-est e a sud-ovest, lo SriLa densità di popolazione è di 382 abitanti/km², Lanka e le Maldive sono rispettivamente le due isoleanche se è necessario precisare che solo il 30% della più vicine al territorio. L’India presenta un territoriopopolazione indiana risiede nelle zone urbane, mentre ampiamente diversificato: dalla zona equatoriale 17 Interprofessionalnetwork
  • 17. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi dell’estremo sud, alla tundra nella zona himalayana. Andhra Pradesh; Arunachal Pradesh,; Assam; Bengala Gli oltre 7.000 km di coste racchiudono al loro interno Occidentale; Bihar; Chhattisgarh; Goa; Gujarat; pianure, deserto, colline e montagne innevate: nella Haryana; Himachal Pradesh; Jammu e Kashmir; parte settentrionale il territorio presenta da un lato le Jharkhand; Karnataka; Kerala; Madhya Pradesh; cime dell’Himalaya e del Karakoram, dall’altro la vasta Mahaeashtra; Manipur; Meghalaya; Mizoram; pianura del Gange che divide la regione himalayana Nagaland; Orissa; Punjab; Rajasthan; Sikkim; Tamil dalla zona meridionale e si estende dal Mar Arabico Nadu; Tripura; Uttarakhand; Uttar Pradesh. I territori al Golfo del Bengala. La valle del Gange rappresenta sono invece suddivisi in questo modo: sei territori l’area più antica di popolamento del paese e vi si dell’Unione (Andatane e Nicobare, Chandigarh, Dadra trovano le zone più fertili e abitate di tutta l’India. e Nagar Haveli; Daman e Diu; Laccadive e Pondicherry) Nella zona centro-meridionale si trova l’estesissimo e un territorio della capitale (Territorio di Delhi). altopiano roccioso del Deccan con altitudini che variano tra i 300 e i 915 metri (anche se in alcuni 4. cIttà prIncIpaLI punti i picchi raggiungono i 1220 metri). Nel loro complesso i paesaggi del Deccan sono relativamente Mumbai (13.660.000 abitanti), Delhi (11.950.000 vari, anche per la presenza di due allineamenti ab.), Madras (5.180.000 ab.) Calcutta (5.020.000 montuosi periferici, i Ghati Occidentali (molto elevati) ab.), Bangalore (4.560.000 ab.), Hyderabad e i Ghati Orientali (meno elevati e caratterizzati da (3.980.000 ab.), Ahmedabad ( 3.860.000 ab.), un’orografia discontinua). Il territorio dell’Unione Pune (3.230.000 ab.), Surat (3.120.000 ab.), Indiana può quindi essere suddiviso in quattro regioni Kanpur (3.030.000 ab.), Jaipur (2.990.000 ab.), principali: l’Himalaya, le pianure fluviali settentrionali, Lucknow (2.620.000 ab.), Nagpur (2.350.000 ab.). l’altopiano del Deccan e i Ghati Occidentali e Orientali. Il più esteso fiume dell’India è il Gange, il cui sviluppo complessivo è di 2700 Km. Insieme ai suoi affluenti, il 5. moneta Gange possiede un bacino idrografico che ricopre una superficie di circa un milione di chilometri quadrati. La moneta ufficiale è la rupia indiana (INR), suddivisa Dal punto di vista climatico, la posizione tropicale del in 100 Paisa (plurale Paise). Il tasso di cambio ufficiale Paese, la sua apertura all’Oceano Indiano e la presenza della Rupia indiana a settembre 2011 è di 49,07 per della catena Himalayana rappresentano i fattori che un dollaro e 66,66 per un euro. Le banconote più maggiormente influiscono sul clima dell’India. Anche diffuse sono quelle da 5,10,20,50,100 e 500, ma è se si può parlare di clima arido, umido equatoriale, in circolazione anche la banconota da 1000 rupie. himalayano e di clima a due stagioni, è possibile affermare che all’interno del Paese non esistono 6. etnIe, LInGUe e reLIGIonI grandi anomalie. L’alternanza stagionale rende asciutta gran parte dell’India per lunghi mesi e questo L’India rappresenta una società multietnica e periodo corrisponde generalmente a una sosta della multiculturale nella quale convivono ariani, arabi, stessa attività umana, che si ravviva d’improvviso alle afgani, inglesi, turchi e decine di altri gruppi. Accanto prime manifestazioni del monsone. Soprattutto nella alle principali etnie, esistono numerosi popoli pianura settentrionale, i ritardi dei monsoni possono minori, indicati con l’espressione “gruppi tribali”. causare carestie drammatiche, cui si aggiunge Partendo dalla premessa che a livello costituzionale il rovinoso e improvviso arrivo del monsone. non esiste una lingua riconosciuta a livello nazionale, l’Hindi, secondo l’art. 343 è la lingua riconosciuta 3. statI e terrItorI come ufficiale e parlata dalla maggioranza della popolazione. L’Official languages Act del 1963 L’Unione indiana comprende 28 stati, ciascuno stabilisce che la lingua inglese è in vigore a pari titolo dotato di assemblea e governo propri, e 7 territori dell’Hindi per gli atti pubblici; in particolare l’inglese amministrati dal governo centrale. Gli stati sono: riveste un ruolo importantissimo nel contesto18 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 18. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLieconomico-industriale. Accanto a queste due lingue, Marxista (CPIM), il Partito del Congresso Nazionalistala Costituzione riconosce a ogni modo altre 22 lingue (NCP), il Partito della Società Maggioritaria (BSP), ilnazionali (lingue ufficiali sussidiarie), tra le quali Partito Socialista (SP) e il Partito Popolare Nazionalespiccano il panjabi e il bengalese. L’India è la patria (BJD). Si tratta di partiti riconosciuti a livellodi due grandi famiglie linguistiche: la Indoeuropea, nazionale dalla Commissione Elettorale dell’India,parlata da circa il 74% della popolazione e la dal momento in cui rappresentano almeno quattroDravidica, parlata da circa il 24%; le altre lingue parlate stati al Parlamento federale. Altri partiti regionaliappartengono alle famiglie tibeto-birmane e monkhmer. completano le forze politiche presenti sul territorio.Se si considera la religione, in India convivono Le consultazioni del 2009 per il rinnovo dei 543 seggil’Induismo, l’Islamismo, il Buddismo, la religione della Camera Bassa hanno sancito la vittoria del PartitoSikh e il Cristianesimo, oltre a altre religioni minori del Congresso Nazionale Indiano di Sonia Gandhi.come lo Zoroastrismo e il Jainisrno. La maggior partedella popolazione è di religione induista (80,5%),compresi gli ayyavazhi, considerati una setta 2. Cenni storico politiciinduista e presenti soprattutto nell’India meridionale. A cura di UnioncamereSeguono i musulmani che riuniscono il 13,4% Ldella popolazione complessiva dell’India, i cattolici ’India vanta una storia plurimillenaria, che ha(2,3%), i sikh (1,9%, soprattutto nello stato del visto l’ascesa e la caduta di numerosi stati ePunjab), i buddhisti (0,7%), soprattutto nello stato del imperi ed è stata scandita da invasioni e conquiste.Sikkim), i giainisti (0,1%) e altre comunità religiose. Nel 2007 l’India ha festeggiato il 60° anniversario della sua indipendenza, un traguardo raggiunto grazie7. DIvIsIonI poLItIco alla lotta pacifica guidata dal Mahatma Gandhi: il 14 ammInIstratIve agosto del 1947 a mezzanotte, infatti, Jawaharlala Nehru diventò il primo capo del governo indiano e laL’India è una repubblica parlamentare federale bandiera indiana venne sventolata per la prima volta.nell’ambito del Commonwealth secondo quanto L’indipendenza segnò anche la spartizione dell’exstabilito dalla Costituzione del 26 gennaio 1950 e impero coloniale britannico in due distinte entità statali:comprende, come visto precedentemente, 28 Stati e 7 l’Unione indiana e il Pakistan, a sua volta suddivisoTerritori amministrati dal potere centrale. In particolare in Pakistan Occidentale e Orientale. Questa scissionegli Stati sono retti da un governatore nominato dal provocò un doppio esodo di popolazioni dall’IndiaPresidente della Repubblica per una durata di 5 anni. verso il Pakistan e dal Pakistan verso l’India e fuIl Capo dello Stato è il Presidente della Repubblica, accompagnata da numerosi episodi di intolleranza, dieletto dai due rami del Parlamento federale e dalle cui nel 1948 fu vittima lo stesso Mahatma Gandhi. LeAssemblee degli Stati. Il Presidente della Repubblica ragioni alla base della scissione permettono di capiredura in carica 5 anni ed esercita il potere esecutivo anche gli avvenimenti che hanno segnato e segnanoinsieme al Consiglio dei Ministri. Il Governo federale è tuttora la realtà contemporanea nell’India: parte dellaresponsabile nei confronti del Parlamento, che esercita leadership musulmana guidata da Jinnah impose lail potere legislativo, e che si divide nella Camera Alta creazione di uno stato confessionale riservato allao Consiglio degli Stati e nella Camera del Popolo. popolazione di religione islamica. Peraltro la vicendaAll’interno del territorio indiano sono presenti politica del Pakistan è stata caratterizzata nel corso deglinumerosi partiti politici, anche se i due più importanti ultimi 60 anni da periodici colpi di stato che ne hannosono il Partito del Congresso Nazionale Indiano (INC) interrotto più volte i normali percorsi democratici.e il suo attuale oppositore, ovvero il Partito del Popolo Ai fini del presente volume è possibile riassumereIndiano (BJP). Accanto a questi esistono altri sei partiti la Storia dell’India in due grandi periodi storici:rilevanti non tanto per il numero di iscritti, quanto • 1947-1991piuttosto per la loro funzione di coalizione: il Partito • 1991-2011Comunista d’India (CPI), il Partito Comunista d’India 19 Interprofessionalnetwork
  • 19. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 1. perIoDo 1947-1991 opinione, alla quale il governo rispose con una serie di provvedimenti autoritari. Accusata di brogli elettorali e condannata all’interdizione dai Durante questo periodo il Paese, dichiarato pubblici uffici per sei anni, Indira Gandhi dichiarò Stato federale, laico e parlamentare dalla lo stato di emergenza e la limitazione delle libertà Costituzione del 1950, è dominato, dal punto democratiche. L’atteggiamento della Gandhi di vista politico, dal Partito del Congresso, provocò la prima sconfitta del Partito alle elezioni diretto da Jawaharlal Nehru dal 1947 al 1964. del 1977, quando il Janata Dal, partito di centro- Nehru varò un programma di sviluppo incentrato sinistra, costituì il nuovo governo. Nel 1980 Indira sulla riforma agraria e sull’adozione di tre piani Gandhi tornò alla guida del governo in un contesto quinquennali al fine di industrializzare il Paese; segnato da agitazioni sociali, etniche e religiose e nel 1950 venne ufficialmente abolito il sistema in particolare dalla richiesta dei Sikh di creare uno delle caste, anche se nella prassi continuano Stato indipendente. La repressione che ne seguì a rappresentare una peculiarità della società nel 1984 provocò centinaia di morti e nell’ottobre indiana. La coesistenza pacifica con la Cina venne dello stesso anno Indira Gandhi venne assassinata. a mancare a causa della crisi scoppiata tra i due Dal 1984 al 1989 Rajiv Gandhi, figlio di Indira, Paesi nel 1962 a causa dei confini dell’Himalaya, divenne primo ministro e presidente dell’INC, ma crisi dalla quale l’India uscì pesantemente le difficoltà economiche, la crescente turbolenza sconfitta con la perdita dell’Arunachal Pradesh. delle manifestazioni autonomistiche, un rinascente Dal 1964 al 1966 alla guida del governo ci fu L.B. fondamentalismo induista e gravi episodi di Shastri, che dovette affrontare una grave crisi corruzione provocarono la seconda sconfitta del con il Pakistan dovuta al controllo della regione Partito del Congresso alle elezioni del 1989, del Kashmir e culminata con l’invasione da parte quando il governo passò al National Front, una dell’India del Punjab pakistano nel 1965 e risolta coalizione destinata a spaccarsi nel 1990 in seguito solo in seguito all’intervento dell’Onu nel 1966. La a un’esplosione di violenza tra indù e musulmani. questione del Kashmir, diviso tra India, Pakistan e Repubblica Popolare Cinese, resta tuttora aperta in virtù della sua posizione strategica. 2. perIoDo 1991-2011 Indira Gandhi, figlia di Nehru, rimase alla guida del governo dal 1966 al 1977 e si concentrò sulla Gli anni ’90 segnarono dei profondi cambiamenti modernizzazione del Paese, varò la riforma agraria, nel Paese, dal momento in cui l’India archiviò firmò un Trattato di Amicizia e Cooperazione con in modo definitivo la politica statalista dell’era l’URSS e dovette affrontare un nuovo conflitto Nehru Gandhi e si aprì a un rapido processo con il Pakistan nel 1971, a seguito dell’intervento di modernizzazione economica. In seguito alle indiano a favore dell’indipendenza del Bangladesh. dimissioni di Gandhi, l’incarico di primo ministro La sconfitta subita nel conflitto con la Cina nel fu assunto da Vishwanath Pratap Singh del Janata 1962 portò l’India a investire maggiormente nel Dal, che formò un governo di minoranza appoggiato proprio sistema di difesa e in quest’ottica si dal Fronte delle Sinistre e dal Bharatiya Janata. deve leggere la decisione del Paese di entrare a Singh introdusse misure più severe di austerità e far parte del gruppo di paesi detentori dell’arma cercò invano di avviare un processo di pacificazione nucleare: nel 1974 l’India fece esplodere la sua con i movimenti separatistici, che intensificarono prima bomba atomica. Sul piano internazionale, la loro attività provocando numerosi incidenti. in quegli anni l’India si fece promotrice del L’uscita del Bharatiya Janata dalla coalizione Movimento dei Paesi non Allineati alla Conferenza provocò lo scioglimento della stessa. Il 23 di Bandung del 1955, insieme a Egitto e Jugoslavia. giugno del 1991 il Partito del Congresso affidò Verso la metà degli anni ’70, il peggioramento a la guida a Narasimha Rao, che avviò una politica livello economico e sociale favorì una crescita economica volta a ridurre lo statalismo rafforzando dell’opposizione, con largo consenso di20 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 20. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLil’iniziativa privata e gli scambi con l’estero.Le elezioni anticipate del 1998 confermarono 3. Usi e costumi,la crescita del Bharatiya Janata Party, unpartito nazionalista indù: questo fatto mise in cultura e abitudinidiscussione il carattere laico del Paese, dal A cura di Unioncameremomento in cui i nomi delle principali città indianevennero ridenominati secondo la tradizionenazionalista e si accentuò la predominanza N el corso della sua storia plurimillenaria, l’India ha conosciuto vari influssi: innumerevoli ondate migratorie hanno contribuito all’arricchimentoindù nella gestione della vita pubblica.La tensione nell’area crebbe immediatamente dello straordinario patrimonio linguistico,e i rapporti con il Pakistan si fecero più tesi, religioso, culturale e genetico del Paese.mentre il confronto militare in Kashmir subì Da sempre l’India e i suoi contrasti hanno affascinatouna brusca accelerazione. Il compimento di l’Occidente, colpito dalla convivenza tra modernitàalcuni esperimenti nucleari nel maggio del e tradizione, espansione economica e problemi1998 provocò una reazione da parte degli Stati sociali, spiritualità e corsa al benessere materiale.Uniti che bloccarono gli aiuti economici e la Se la storia dell’India sembra complessa, ancor dicollaborazione militare. La corsa agli armamenti più lo è la convivenza tra diverse fedi all’interno deiriaccese lo stato di tensione con il Pakistan e solo suoi confini. L’Induismo è la religione più praticatanel luglio 1999 i due Paesi giunsero a un accordo all’interno del territorio indiano: oltre l’80% degliper la riduzione dell’attività militare nel Kashmir; indiani (quasi 900 milioni di persone) si riconosconociò nonostante, nel dicembre 1999, un Airbus in questa religione, la terza al mondo dopo ilindiano venne dirottato da parte di estremisti Cristianesimo e l’Islam. Si tratta di una religione cheislamici e, nel gennaio 2000, l’esplosione non ha un testo sacro per eccellenza, né un unicodi una bomba a Srinangar riaprì il conflitto. profeta, né richiede forme di culto pubblico: l’ideaAlle elezioni legislative della fine del 1999 della reincarnazione e la venerazione di diversevenne confermato l’avanzamento dei nazionalisti divinità ne rappresentano i cardini. Per quantodi Vajpayee, leader del Bharatiya Janata Party. riguarda la trasmigrazione delle anime, secondoAlle elezioni legislative del 2004 e del 2009 questa dottrina, ogni uomo, dopo la morte, si reincarnail popolo indiano si è espresso a favore in un altro essere vivente o in un animale, a secondadell’economista Manmohan Singh del Partito della condotta tenuta durante la vita precedente, daldel Congresso, che si è concentrato su riforme momento in cui le azioni si ripercuoterebbero nelleeconomico-sociali volte allo sviluppo delle vite successive: in quest’ottica si deve considerare ilaree rurali. Sotto il profilo della politica estera grande rispetto nutrito dagli induisti verso ogni formal’India ha continuato ad attivarsi per placare le di vita, soprattutto animale. Collegato all’Induismo, ètensioni con il Pakistan promuovendo il processo il sistema delle caste, introdotto dagli arii nel secondodi pace iniziato nel 2004, anche se gli attentati millennio a.C., ufficialmente abolito dalla Costituzioneavvenuti nel corso del 2008 e, più recentemente, del 1950, ma ancora presente soprattutto nelle zonenel settembre 2011 a New Delhi, evidenziano rurali, dove continua a condizionare pesantementequanto la questione non sia stata ancora risolta. vari aspetti della vita quotidiana. Il sistema socialeL’India rappresenta oggi un interlocutore gerarchico delle caste prevedeva la divisione dellafondamentale a livello internazionale, con società indiana in quattro gruppi, caratterizzati daparticolare riguardo al G20, ma anche all’accordo specifici riti religiosi e determinate attività lavorative.di cooperazione nucleare stipulato nel 2006 con Nel dettaglio si poteva notare una distinzione tragli Stati Uniti. Il suo ruolo di potenza emergente sacerdoti (la casta più importante), guerrieri, mercantiè sancito inoltre dalla candidatura a un seggio e artigiani, e infine servi e contadini. In fondo allapermanente nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU. piramide sociale si trovavano gli “intoccabili”, destinati ai lavori più umili e a non avere contatti 21 Interprofessionalnetwork
  • 21. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi fisici con gli appartenenti a caste di livello superiore. tempo è diversa da quella occidentale: i Il Buddismo rappresenta l’altra grande religione piani e i programmi dipendono da altre nata nella regione indiana tra il VI e il V secolo persone e altri eventi, quindi il tempo non a.C., anche se in India rappresenta ormai solo una è considerato un’unità di misura obiettiva; minoranza. Frutto del pensiero di Siddharta Guatama, 5. nel caso in cui si debba programmare un il Buddismo si basa su una vita ascetica, lontana appuntamento, è opportuno fissarlo con dalle cose del mondo cui è necessario rinunciare un paio di mesi di anticipo e confermarlo al fine di raggiungere la liberazione dal desiderio di qualche giorno prima, anche se è necessario successo, potere e ricchezza e di conseguenza dal prepararsi a variazioni dell’ultimo minuto; dolore che provoca la non soddisfazione di questi. 6. l’anno finanziario per la maggior parte Gli oltre 120 milioni di musulmani dell’India delle organizzazioni indiane, le banche e costituiscono la seconda comunità religiosa del i dipartimenti governativi, inizia ad aprile Paese e la seconda comunità islamica al mondo dopo e termina a marzo, quindi è sconsigliato l’Indonesia. Negli ultimi decenni la comunità islamica prendere appuntamenti verso la fine di si è resa protagonista, insieme alla maggioranza indù, marzo, quando la chiusura dell’anno di scontri interreligiosi anche violenti, legati soprattutto finanziario assorbe molto tempo; ai rapporti delicati che intercorrono tra India e Pakistan. 7. per quanto riguarda l’abbigliamento Per grande parte della sua storia l’India è stata maschile, l’uso della cravatta non identificata con il suo commercio e la sua ricchezza è obbligatorio (viste le condizioni culturale, e, nonostante si presti a essere una climatiche) ed è preferibile scegliere società multiculturale aperta alle influenze esterne colori neutri, non troppo appariscenti; e disposta a integrarle, l’influsso dei costumi per quanto riguarda l’abbigliamento occidentali non ha intaccato la cultura popolare. femminile, è opportuno indossare pantaloni o gonne lunghe e scollature alte; 1. Le trattatIve 8. nel momento in cui ci si rivolge a una persona è consigliabile anteporre “Signor” o “Signora” e l’utilizzo dei titoli Se si pensa di andare in India per concludere degli professionali (Dottore, Ingegnere,…) è affari, è opportuno tenere presente alcune precisazioni molto importante, visto che rappresenta un relative al modo di fare business in India e più in generale riconoscimento dello sforzo compiuto dalla al modo di gestire le trattative con la controparte persona per portare a termine i suoi studi; indiana. In particolare è possibile constatare che: 9. nell’India settentrionale la maggioranza 1. in India le relazioni rivestono un ruolo della popolazione ha un cognome, che fondamentale nelle decisioni, e quindi viene riportato dopo il nome di battesimo; pensare di concludere rapidamente i nell’India meridionale, invece, gli uomini propri affari è impensabile: gli Indiani non posseggono un cognome, che viene preferiscono conoscere la persona generalmente sostituito con il nome del padre con cui si relazionano e quindi non è e/o con la città/paese d’origine; per quanto raro che pongano domande personali riguarda le donne, solitamente acquisiscono con riguardo alla famiglia, ai figli,…; il cognome (nel Nord) o il nome di battesimo 2. scambiarsi biglietti da visita è (nel Sud) del marito una volta sposate, ma fondamentale, anche in occasioni in alcuni casi, soprattutto per le donne in diverse dagli incontri di lavoro; carriera, viene mantenuto il nome da nubile; 3. l’inglese è la lingua comunemente utilizzata 10. in India fare regali è considerato un segno negli affari ed è quindi indispensabile avere di amicizia: è preferibile non regalare biglietti da visita e brochure tradotti in inglese; oggetti costosi dal momento in cui gli 4. in generale gli Indiani apprezzano la Indiani cercano di contraccambiare il puntualità, ma la loro concezione del22 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 22. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi regalo e potrebbe generare imbarazzo; per dalla raffinazione del petrolio, prodotti chimici e la carta da pacchi è utile utilizzare i colori della metallurgia, computer e prodotti di elettronica rosso, giallo, verde, blu, visto che il bianco e ottica, autoveicoli e altri mezzi di trasporto. e il nero sono considerati colori nefasti; Per quanto riguarda gli IDE, i principali paesi 11. considerata la grande varietà di abitudini investitori in India sono: Mauritius (con una quota alimentari e stili di vita, è meglio adattarsi ai del 34%), Singapore (10%) e Stati Uniti (6,7%). costumi locali ed evitare quindi gaffe (allo L’Unione Europea nel suo insieme rappresenta il stesso modo quando si fanno regali è meglio primo investitore in India, e l’Italia, diciassettesima a evitare oggetti in pelle, vista la sensibilità livello mondiale e settima tra i Paesi UE, si caratterizza degli Indù a qualsiasi forma di essere vivente); per una performance discreta grazie a un aumento del 12. un’ultima, ma rilevante osservazione: in 15% contro un andamento generale degli investimenti India per annuire si muove la testa da destra a esteri nel Paese piuttosto negativo (-26,6%). sinistra, un gesto molto simile al “no” europeo. L’evoluzione dell’economia indiana, con particolare riferimento al tema delle infrastrutture, aiuta a indivi-In generale è possibile affermare che pazienza, duare alcuni campi nei quali può affermarsi la colla-flessibilità e diversa concezione del tempo borazione tra India e Italia.rappresentano dei punti sui quali è opportunosoffermarsi prima di iniziare una trattativa in India.4. rapporti economici tra Italia e IndiaA cura di UnioncamereL a Cina si conferma il principale fornitore dell’India con un quota pari all’11,6%, seguita da EmiratiArabi Uniti e Arabia Saudita. L’Italia si posiziona al26° posto con una quota pari all’1,18%; a livelloeuropeo invece il Bel Paese si posiziona al 4°posto, preceduto da Germania, Belgio e RegnoUnito. L’India importa dall’Italia principalmentemacchinari, autoveicoli e mezzi di trasporto, prodottichimici, prodotti della metallurgia e in metallo,prodotti di elettronica e apparecchiature elettriche.Dal punto di vista dei principali paesi clienti, gliEmirati Arabi Uniti si confermano come primo Paesedi destinazione delle merci indiane con una quota del13,2%, seguiti da Stati Uniti e Cina, anche se l’UnioneEuropea nel suo complesso rappresenta il primomercato dell’India con una quota del 18,62%. L’Italiasi colloca al 18° posto con una quota dell’1,73%,mentre a livello europeo occupa il 6° posto, precedutoda Regno Unito, Germania, Paesi Bassi, Belgio eFrancia. L’Italia importa dall’India principalmenteprodotti tessili e abbigliamento, prodotti derivati 23 Interprofessionalnetwork
  • 23. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi5. scambi commercialiA cura di Interprofessional Network e della Direzione Generale per le Politiche di Internazionalizzazione e la Promozione degli Scambi - Dipartimento perl’impresa e l’internazionalizzazione - Ministero dello Sviluppo EconomicoD i seguito si riporta un insieme di informazioni statistiche aggiornate riguardanti in particolar modo gli scambi commerciali tra Italia e India.tAbellA 1 - interscAMbio coMMerciAle dell’indiA (1) e relAtive quote di MercAto su export e iMport MondiAle Gen.- Gen.- 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 mar. mar. 2010 2011 export India 50.522 61.130 75.387 98.212 120.550 153.775 177.700 165.186 223.179 51.630 65.888 (milioni di dollari US) Variazione % rispetto al periodo 16,6 21,0 23,3 30,3 22,7 27,6 15,6 -7,0 35,1 - 27,6 precedente Quote India su export mondiale 0,8 0,8 0,8 0,9 1,0 1,1 1,1 1,3 1,5 1,5 1,6 Posizione India, in termini di export, nella graduatoria 29° 28° 28° 27° 26° 23° 25° 19° 19° 19° 18° mondiale Import India 58.913 74.078 99.838 139.888 176.669 235.025 281.467 257.665 328.731 81.155 103.149 (milioni di dollari US) Variazione % rispetto al periodo 17,5 25,7 34,8 40,1 26,3 33,0 19,8 -8,5 27,6 - 27,1 precedente Quote India su import mondiale 0,9 1,0 1,1 1,3 1,4 1,6 1,7 2,0 2,1 2,3 2,4 Posizione India, in termini di import, nella graduatoria 22° 22° 21° 16° 16° 16° 16° 15° 14° 13° 13° mondiale saldo India -8.391 -12.948 -24.451 -41.676 -56.119 -81.250 -103.767 -92.479 -105.552 -29.525 -37.261 (milioni di dollari US)(1) Valori a prezzi correnti I dati sono soggetti a successive revisioni.Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati FMI-DOTS ago.2011 24 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 24. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiFigurA 1 - rAppresentAzione grAFicA delle quote di MercAto MondiAli dell’indiA (vAlori in percentuAli)tAbellA 2A - principAli prodotti esportAti dAll’indiA - Anno 2010 quota principali mercati di (2) milioni di peso % su export destinazione del prodotto proDotto mondiale dollari Us totale India % paesi Quota % Oli di petrolio o di minerali bituminosi; preparazioni 1) Paesi Bassi 15,5 contenenti, in peso, >= 70% di oli di petrolio o di 1 28.922,3 16,8 4,6 minerali bituminosi e delle quali tali oli costituiscono il componente base, n.n.a. (escl. gli oli greggi) 2) E.A.U. 12,7 1) Cina 83,5 Minerali di ferro e loro concentrati, incl. le piriti di 2 11.913,8 6,9 10,4 ferro arrostite “ceneri di piriti” 2) Giappone 6,5 Diamanti, anche lavorati, (ma non montati nè incastonati) (escl. pietre (non montate) per punte 1) Hong Kong 29,6 3 di lettura, pietre lavorate riconoscibili come parti 11.020,6 6,4 12,5 di contatori, strumenti di misura o altri oggetti del 2) E.A.U. 28,0 capitolo 90) Medicamenti (escl. i prodotti delle voci 3002, 3005 e 1) Stati Uniti 25,8 3006) costituiti da prodotti anche miscelati, preparati 4 6.314,8 3,7 2,0 per scopi terapeutici o profilattici, presentati sotto forma di dosi o condizionati per la vendita al minuto 2) Russia 6,0 Autoveicoli da turismo ed altri autoveicoli costruiti principalmente per il trasporto di persone, incl. gli 1) Regno Unito 13,9 5 autoveicoli del tipo “break” e le auto da corsa (escl. 2.911,8 1,7 0,5 autoveicoli per il trasporto di 10 o più persone, incl. 2) Italia 12,0 conduttore)(2) I dati si riferiscono all’anno 2009 Classificazione utilizzata: Nomenclatura combinata (SH4) - SottocapitoliFonte: ITC - International Trade Centre 25 Interprofessionalnetwork
  • 25. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi tAbellA 2b - principAli prodotti iMportAti dAll’indiA - Anno 2010 principali mercati di peso % su quota su (2) milioni di provenienza del prodotto proDotto import totale import dollari Us India mondiale % paesi Quota % Diamanti, anche lavorati, (ma non montati né 1) E.A.U. 30,9 incastonati) (escl. pietre (non montate) per punte 1 di lettura, pietre lavorate riconoscibili come parti 12.930,4 5,9 14,9 di contatori, strumenti di misura o altri oggetti del 2) Belgio 26,2 capitolo 90) Arabia 1) 18,4 Saudita 2 Oli di petrolio o di minerali bituminosi, greggi 12.509,7 5,7 1,1 2) Iran 14,5 1) Australia 45,9 Carboni fossili; mattonelle, ovoidi e combustibili 3 10.770,3 4,9 9,0 solidi simili ottenuti da carboni fossili 2) Indonesia 31,8 Apparecchi elettrici per la telefonia o la telegrafia 1) Cina 59,1 su filo, incl. gli apparecchi telefonici per abbonati 4 su filo per telefonini cellulari e apparecchi per la 7.153,2 3,3 2,0 telecomunicazione a corrente portante o per la Corea del 2) 6,4 telecomunicazione numerica; videofoni; loro parti sud 1) Svizzera 36,1 Oro, incl. l’oro platinato, greggio o semilavorato o 5 6.123,7 2,8 7,5 in polvere 2) Australia 27,2(2) I dati si riferiscono all’anno 2009 Classificazione utilizzata: Nomenclatura combinata (SH4) - SottocapitoliFonte: ITC - International Trade Centre 26 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 26. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi tAbellA 3 - principAli clienti e Fornitori dell’indiA (3) - Anno 2010 peso % principali paesi di peso % su principali paesi di milioni di $ US milioni di $ US su tot. destinazione dell’export tot. Export provenienza dell’import Import monDo 223.179 100,0 monDo 328.731 100,0 1 Emirati Arabi Uniti 29.455 13,2 Cina 38.161 11,6 2 Stati Uniti 23.696 10,6 Emirati Arabi Uniti 25.933 7,9 3 Cina 17.415 7,8 Arabia Saudita 20.059 6,1 4 Hong Kong 9.542 4,3 Svizzera 19.006 5,8 5 Singapore 9.107 4,1 Stati Uniti 16.786 5,1 6 Paesi Bassi 6.588 3,0 Australia 11.525 3,5 7 Regno Unito 6.449 2,9 Iran 10.907 3,3 8 Germania 6.012 2,7 Germania 10.851 3,3 9 Belgio 5.042 2,3 Nigeria 10.297 3,1 10 Francia 4.918 2,2 Corea del sud 9.488 2,9 11 Giappone 4.832 2,2 Indonesia 9.210 2,8 12 Indonesia 4.579 2,1 Kuwait 8.542 2,6 13 Arabia Saudita 4.503 2,0 Giappone 7.791 2,4 14 Italia 4.213 1,9 Iraq 7.300 2,2 15 Sudafrica 3.757 1,7 Belgio 7.228 2,2 16 Brasile 3.672 1,6 Hong Kong 6.912 2,1 17 Corea del sud 3.670 1,6 Singapore 6.831 2,1 18 Malesia 3.587 1,6 Sudafrica 6.221 1,9 19 Sri Lanka 3.316 1,5 Qatar 6.015 1,8 20 Bangladesh 3.022 1,4 Malesia 5.739 1,7(2) Dati provvisori Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati FMI-DOTS ago.2011 27 Interprofessionalnetwork
  • 27. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 4A - esportAzioni dell’unione europeA A 27 in indiA suddivise per pAese di provenienzA (vAlori in milioni di euro) 2006 2007 2008 2009 2010 Gen.-giu. 2011 U.e. a 27 24.392 29.177 31.603 27.593 34.804 20.541 Austria 407 538 639 578 667 391 Belgio 4.631 5.400 4.987 4.517 6.828 4.503 Bulgaria 26 55 53 18 44 48 Cipro 4 4 7 9 13 9 Repubblica Ceca 317 402 429 429 596 346 Germania 6.114 7.306 8.140 8.084 9.192 5.125 Danimarca 265 268 370 277 358 216 Estonia 12 15 15 14 18 19 Spagna 543 734 765 802 1.176 650 Finlandia 328 454 529 454 610 314 Francia 2.631 3.343 3.342 2.458 3.089 1.560 Regno Unito 3.953 4.005 5.123 3.232 4.392 2.862 Grecia 50 47 37 57 62 25 Ungheria 105 74 106 138 273 193 Irlanda 154 168 160 161 161 110 Italia 2.166 2.995 3.090 2.735 3.387 1.920 Lituania 15 10 267 69 109 35 Lussemburgo 25 30 27 34 44 35 Lettonia 6 8 9 8 36 38 Malta 2 3 3 3 10 8 Paesi Bassi 1.129 1.595 1.609 1.699 1.740 894 Polonia 161 119 203 242 256 180 Portogallo 29 32 46 41 61 49 Romania 191 330 210 188 143 75 Svezia 1.072 1.158 1.314 1.203 1.387 852 Slovenia 35 42 53 85 80 47 Slovacchia 21 42 69 58 72 38 Composizione percentuale su totale export U.E. a 27 Austria 1,7 1,8 2,0 2,1 1,9 1,9 Belgio 19,0 18,5 15,8 16,4 19,6 21,9 Bulgaria 0,1 0,2 0,2 0,1 0,1 0,2 Cipro 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Repubblica Ceca 1,3 1,4 1,4 1,6 1,7 1,7 Germania 25,1 25,0 25,8 29,3 26,4 24,9 Danimarca 1,1 0,9 1,2 1,0 1,0 1,1 Estonia 0,0 0,1 0,0 0,0 0,1 0,1 Spagna 2,2 2,5 2,4 2,9 3,4 3,2 Finlandia 1,3 1,6 1,7 1,6 1,8 1,5 Francia 10,8 11,5 10,6 8,9 8,9 7,6 Regno Unito 16,2 13,7 16,2 11,7 12,6 13,9 Grecia 0,2 0,2 0,1 0,2 0,2 0,1 Ungheria 0,4 0,3 0,3 0,5 0,8 0,9 Irlanda 0,6 0,6 0,5 0,6 0,5 0,5 Italia 8,9 10,3 9,8 9,9 9,7 9,3 Lituania 0,1 0,0 0,8 0,3 0,3 0,2 Lussemburgo 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,2 Lettonia 0,0 0,0 0,0 0,0 0,1 0,2 Malta 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Paesi Bassi 4,6 5,5 5,1 6,2 5,0 4,4 Polonia 0,7 0,4 0,6 0,9 0,7 0,9 Portogallo 0,1 0,1 0,1 0,1 0,2 0,2 Romania 0,8 1,1 0,7 0,7 0,4 0,4 Svezia 4,4 4,0 4,2 4,4 4,0 4,1 Slovenia 0,1 0,1 0,2 0,3 0,2 0,2 Slovacchia 0,1 0,1 0,2 0,2 0,2 0,2 Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati Eurostat I dati del 2010 e 2011 sono provvisori 28 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 28. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 4b - iMportAzioni nell’unione europeA A 27 dAll’indiA suddivise per pAese di destinAzione (vAlori in milioni di euro) 2006 2007 2008 2009 2010 Gen.-giu. 2011 U.e. a 27 22.614 26.586 29.545 25.448 33.141 20.399 Austria 177 200 262 293 318 191 Belgio 3.030 3.322 3.771 2.666 3.616 2.904 Bulgaria 38 62 58 50 49 30 Cipro 35 36 46 43 39 20 Repubblica Ceca 133 183 208 172 273 154 Germania 3.740 4.340 4.808 4.504 5.493 3.391 Danimarca 395 455 459 469 523 337 Estonia 8 16 16 12 16 7 Spagna 1.722 2.074 2.162 1.623 2.263 1.252 Finlandia 114 143 162 169 258 176 Francia 1.820 2.338 2.922 2.355 3.547 2.180 Regno Unito 4.521 5.323 5.219 4.599 5.977 3.415 Grecia 489 463 532 490 436 188 Ungheria 118 219 376 285 209 144 Irlanda 198 243 206 232 241 163 Italia 2.976 3.388 3.429 2.904 3.823 2.522 Lituania 19 23 25 20 22 16 Lussemburgo 13 22 13 11 9 7 Lettonia 22 22 21 15 23 11 Malta 16 20 31 36 60 40 Paesi Bassi 1.890 2.094 2.722 2.773 3.630 1.920 Polonia 282 392 489 383 503 345 Portogallo 238 349 475 268 411 295 Romania 172 258 422 420 521 175 Svezia 353 450 523 402 602 375 Slovenia 55 85 131 202 216 87 Slovacchia 39 65 56 52 67 52 Composizione percentuale su totale import U.E. a 27 Austria 0,8 0,8 0,9 1,2 1,0 0,9 Belgio 13,4 12,5 12,8 10,5 10,9 14,2 Bulgaria 0,2 0,2 0,2 0,2 0,1 0,1 Cipro 0,2 0,1 0,2 0,2 0,1 0,1 Repubblica Ceca 0,6 0,7 0,7 0,7 0,8 0,8 Germania 16,5 16,3 16,3 17,7 16,6 16,6 Danimarca 1,7 1,7 1,6 1,8 1,6 1,7 Estonia 0,0 0,1 0,1 0,0 0,0 0,0 Spagna 7,6 7,8 7,3 6,4 6,8 6,1 Finlandia 0,5 0,5 0,5 0,7 0,8 0,9 Francia 8,0 8,8 9,9 9,3 10,7 10,7 Regno Unito 20,0 20,0 17,7 18,1 18,0 16,7 Grecia 2,2 1,7 1,8 1,9 1,3 0,9 Ungheria 0,5 0,8 1,3 1,1 0,6 0,7 Irlanda 0,9 0,9 0,7 0,9 0,7 0,8 Italia 13,2 12,7 11,6 11,4 11,5 12,4 Lituania 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 Lussemburgo 0,1 0,1 0,0 0,0 0,0 0,0 Lettonia 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 Malta 0,1 0,1 0,1 0,1 0,2 0,2 Paesi Bassi 8,4 7,9 9,2 10,9 11,0 9,4 Polonia 1,2 1,5 1,7 1,5 1,5 1,7 Portogallo 1,1 1,3 1,6 1,1 1,2 1,4 Romania 0,8 1,0 1,4 1,6 1,6 0,9 Svezia 1,6 1,7 1,8 1,6 1,8 1,8 Slovenia 0,2 0,3 0,4 0,8 0,7 0,4 Slovacchia 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,3 Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati Eurostat I dati del 2010 e 2011 sono provvisori 29 Interprofessionalnetwork
  • 29. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 4c - interscAMbio coMplessivo dell’unione europeA A 27 con l’indiA suddiviso per pAese (vAlori in milioni di euro) 2006 2007 2008 2009 2010 Gen.-giu. 2011 U.e. a 27 47.006 55.764 61.147 53.041 67.946 40.940 Austria 584 738 901 871 985 582 Belgio 7.661 8.722 8.757 7.182 10.443 7.407 Bulgaria 64 117 111 68 93 78 Cipro 39 40 54 52 52 29 Repubblica Ceca 450 585 637 600 869 499 Germania 9.854 11.646 12.948 12.588 14.685 8.516 Danimarca 660 723 829 747 881 552 Estonia 20 31 31 25 34 26 Spagna 2.265 2.808 2.927 2.425 3.439 1.902 Finlandia 442 596 691 623 868 490 Francia 4.452 5.681 6.263 4.813 6.636 3.740 Regno Unito 8.473 9.328 10.342 7.831 10.369 6.277 Grecia 539 510 569 547 497 213 Ungheria 223 294 482 422 481 337 Irlanda 352 412 366 393 402 273 Italia 5.142 6.383 6.519 5.640 7.210 4.442 Lituania 34 32 293 90 131 52 Lussemburgo 38 52 40 45 53 41 Lettonia 29 30 30 23 58 49 Malta 17 23 34 39 69 48 Paesi Bassi 3.019 3.690 4.332 4.472 5.370 2.815 Polonia 443 511 692 625 758 526 Portogallo 267 381 521 309 472 344 Romania 363 589 631 608 664 251 Svezia 1.426 1.608 1.837 1.605 1.989 1.227 Slovenia 90 127 184 287 295 134 Slovacchia 60 107 125 110 139 89 Composizione percentuale su totale interscambio U.E. a 27 Austria 1,2 1,3 1,5 1,6 1,4 1,4 Belgio 16,3 15,6 14,3 13,5 15,4 18,1 Bulgaria 0,1 0,2 0,2 0,1 0,1 0,2 Cipro 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 Repubblica Ceca 1,0 1,0 1,0 1,1 1,3 1,2 Germania 21,0 20,9 21,2 23,7 21,6 20,8 Danimarca 1,4 1,3 1,4 1,4 1,3 1,3 Estonia 0,0 0,1 0,1 0,0 0,1 0,1 Spagna 4,8 5,0 4,8 4,6 5,1 4,6 Finlandia 0,9 1,1 1,1 1,2 1,3 1,2 Francia 9,5 10,2 10,2 9,1 9,8 9,1 Regno Unito 18,0 16,7 16,9 14,8 15,3 15,3 Grecia 1,1 0,9 0,9 1,0 0,7 0,5 Ungheria 0,5 0,5 0,8 0,8 0,7 0,8 Irlanda 0,7 0,7 0,6 0,7 0,6 0,7 Italia 10,9 11,4 10,7 10,6 10,6 10,9 Lituania 0,1 0,1 0,5 0,2 0,2 0,1 Lussemburgo 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 Lettonia 0,1 0,1 0,0 0,0 0,1 0,1 Malta 0,0 0,0 0,1 0,1 0,1 0,1 Paesi Bassi 6,4 6,6 7,1 8,4 7,9 6,9 Polonia 0,9 0,9 1,1 1,2 1,1 1,3 Portogallo 0,6 0,7 0,9 0,6 0,7 0,8 Romania 0,8 1,1 1,0 1,1 1,0 0,6 Svezia 3,0 2,9 3,0 3,0 2,9 3,0 Slovenia 0,2 0,2 0,3 0,5 0,4 0,3 Slovacchia 0,1 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati Eurostat I dati del 2010 e 2011 sono provvisori 30 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 30. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 4d - sAldi coMMerciAli dell’unione europeA A 27 con l’indiA suddivisi per pAese (vAlori in milioni di euro) 2006 2007 2008 2009 2010 Gen.-giu. 2011 U.e. a 27 1.778 2.591 2.058 2.145 1.663 143 Austria 230 338 377 284 349 200 Belgio 1.600 2.078 1.216 1.851 3.212 1.600 Bulgaria -12 -7 -5 -32 -4 17 Cipro -30 -32 -39 -35 -25 -11 Repubblica Ceca 184 219 222 257 324 192 Germania 2.374 2.966 3.333 3.580 3.699 1.734 Danimarca -130 -187 -88 -192 -166 -121 Estonia 3 -1 -2 2 3 11 Spagna -1.178 -1.339 -1.397 -821 -1.086 -601 Finlandia 214 311 368 285 352 138 Francia 811 1.004 420 103 -457 -621 Regno Unito -568 -1.318 -96 -1.366 -1.584 -554 Grecia -440 -416 -495 -433 -374 -163 Ungheria -13 -145 -270 -147 64 49 Irlanda -44 -75 -46 -71 -79 -53 Italia -809 -393 -340 -169 -437 -602 Lituania -4 -13 242 49 87 19 Lussemburgo 12 8 14 23 34 28 Lettonia -16 -14 -12 -6 13 27 Malta -14 -17 -29 -33 -50 -32 Paesi Bassi -761 -499 -1.113 -1.074 -1.890 -1.026 Polonia -121 -273 -286 -141 -247 -165 Portogallo -209 -317 -428 -227 -350 -246 Romania 18 72 -212 -232 -379 -100 Svezia 719 709 790 801 785 477 Slovenia -21 -44 -78 -117 -136 -41 Slovacchia -19 -23 12 5 5 -14Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati Eurostat I dati del 2010 e 2011 sono provvisoritAbellA 4e - posizione occupAtA dAll’indiA nellA grAduAtoriA dei pAesi clienti e Fornitori dell’u.e. A 27 Gen.-giu. 2006 2007 2008 2009 2010 2011 Posizione India come cliente 10° 8° 9° 8° 8° 8° Posizione India come fornitore 14° 11° 11° 10° 9° 8°Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati Eurostat I dati del 2010 e 2011 sono provvisori 31 Interprofessionalnetwork
  • 31. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 5A - interscAMbio coMMerciAle (4) dell’itAliA con l’indiA (vAlori in milioni di euro) Gen.-giu. Gen.-giu. 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2010 2011export Italia 1.034 1.034 1.097 1.273 1.679 2.166 2.995 3.090 2.735 3.387 1.504 1.920 % su export totale Italia 0,38 0,38 0,41 0,45 0,56 0,65 0,82 0,84 0,94 1,00 0,93 1,02 Variazione % rispetto al 2,7 0,0 6,1 16,1 31,8 29,0 38,3 3,2 -11,5 23,8 - 27,7 periodo precedenteImport Italia 1.668 1.587 1.682 2.027 2.201 2.976 3.388 3.429 2.904 3.823 1.814 2.522 % su import totale Italia 0,63 0,61 0,64 0,71 0,71 0,84 0,91 0,90 0,98 1,04 1,02 1,20 Variazione % rispetto al 2,6 -4,9 6,0 20,5 8,6 35,2 13,9 1,2 -15,3 31,6 - 39,0 periodo precedenteInterscambio totale 2.702 2.621 2.779 3.300 3.879 5.142 6.383 6.519 5.640 7.210 3.318 4.442% su interscambio totale 0,50 0,49 0,53 0,58 0,64 0,75 0,86 0,87 0,96 1,02 0,98 1,12 Italia Variazione % rispetto al 2,6 -3,0 6,0 18,8 17,6 32,5 24,1 2,1 -13,5 27,9 - 33,9 periodo precedentesaldi -633 -553 -585 -753 -522 -809 -393 -340 -169 -437 -310 -602Saldi normalizzati (5) -23,4 -21,1 -21,1 -22,8 -13,5 -15,7 -6,2 -5,2 -3,0 -6,1 -9,3 -13,6(4) I dati del 2010 e del 2011 sono provvisori(5) Il saldo normalizzato è il rapporto percentuale tra il saldo e la somma delle esportazioni delle importazioniFonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati Istat 32 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 32. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiFigurA 2 - rAppresentAzione grAFicA dell’interscAMbio coMMerciAle itAliA - indiA (vAlori in milioni di euro)tAbellA 5b - posizione occupAtA dAll’indiA nellA grAduAtoriA dei pAesi clienti e Fornitori dell’itAliA Gen.-giu. Gen.-giu. 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2010 2011 Posizione India come cliente 45° 43° 42° 40° 34° 33° 26° 27° 21° 25° 25° 24° Posizione India come fornitore 29° 29° 28° 26° 28° 26° 25° 26° 22° 21° 21° 20°Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati Istat 33 Interprofessionalnetwork
  • 33. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 5c - esportAzioni dell’itAliA in indiA suddivise per settori di Attività econoMicA (vAlori in milioni di euro) % su export % su export % su export Gen.-giu. % su export Gen.-giu. 2009 totale in 2010 totale in totale in India 2010 totale in India 2011 India IndiaAA01-Prodotti agricoli, animali e della 7,0 0,3 8,1 0,2 3,4 0,2 4,0 0,2cacciaAA02-Prodotti della silvicoltura 0,0 0,0 0,1 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0AA03-Prodotti della pesca e 1,1 0,0 0,9 0,0 0,5 0,0 0,4 0,0dell’acquacolturaBB06-Petrolio greggio e gas naturale 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0BB07-Minerali metalliferi 0,8 0,0 0,9 0,0 0,3 0,0 0,3 0,0BB08-Altri minerali da cave e miniere 29,1 1,1 57,2 1,7 27,0 1,8 24,5 1,3CA10-Prodotti alimentari 16,4 0,6 27,3 0,8 12,5 0,8 15,0 0,8CA11-Bevande 1,9 0,1 2,5 0,1 0,8 0,1 2,1 0,1CB13-Prodotti tessili 33,9 1,2 41,0 1,2 19,5 1,3 21,1 1,1CB14-Articoli di abbigliamento (anche in 8,9 0,3 14,5 0,4 6,0 0,4 8,6 0,4pelle e in pelliccia)CB15-Articoli in pelle (escluso 60,5 2,2 67,8 2,0 37,0 2,5 39,9 2,1abbigliamento) e similiCC16-Legno e prodotti in legno esughero (esclusi i mobili); articoli in 9,7 0,4 11,4 0,3 5,6 0,4 4,4 0,2paglia e materiali da intreccioCC17-Carta e prodotti di carta 36,4 1,3 38,6 1,1 21,1 1,4 30,9 1,6CC18-Prodotti della stampa e della 0,7 0,0 0,4 0,0 0,2 0,0 0,2 0,0riproduzione di supporti registratiCD19-Coke e prodotti derivanti dalla 8,1 0,3 8,3 0,2 5,5 0,4 4,9 0,3raffinazione del petrolioce20-prodotti chimici 207,1 7,6 265,6 7,8 140,2 9,3 147,7 7,7CF21-Prodotti farmaceutici di base e 64,3 2,4 72,2 2,1 34,6 2,3 40,1 2,1preparati farmaceutici 34 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 34. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiCG22-Articoli in gomma e materie 55,0 2,0 71,7 2,1 37,4 2,5 48,2 2,5plasticheCG23-Altri prodotti della lavorazione di 39,4 1,4 54,8 1,6 21,1 1,4 31,2 1,6minerali non metallifericH24-prodotti della metallurgia 198,4 7,3 245,1 7,2 109,5 7,3 135,0 7,0CH25-Prodotti in metallo, esclusi 212,6 7,8 153,1 4,5 73,1 4,9 69,7 3,6macchinari e attrezzatureCI26-Computer e prodotti di elettronicae ottica; apparecchi elettromedicali, 164,6 6,0 167,0 4,9 63,4 4,2 94,9 4,9apparecchi di misurazione e orologiCJ27-Apparecchiature elettriche eapparecchiature per uso domestico non 143,3 5,2 147,3 4,3 68,4 4,5 82,6 4,3elettrichecK28-macchinari e 1.144,9 41,9 1.428,9 42,2 648,3 43,1 807,5 42,1apparecchiature ncaCL29-Autoveicoli, rimorchi e 136,1 5,0 185,7 5,5 89,2 5,9 86,7 4,5semirimorchiCL30-Altri mezzi di trasporto 42,5 1,6 175,1 5,2 11,8 0,8 148,7 7,7CM31-Mobili 29,7 1,1 41,2 1,2 18,6 1,2 20,5 1,1CM32-Prodotti delle altre industrie 49,6 1,8 64,3 1,9 28,9 1,9 30,3 1,6manifatturiereEE38-Prodotti delle attività di raccolta,trattamento e smaltimento dei rifiuti; 28,1 1,0 32,6 1,0 18,2 1,2 16,5 0,9prodotti dell’attività di recupero deimaterialiJA58-Prodotti delle attività editoriali 3,4 0,1 3,1 0,1 1,6 0,1 1,9 0,1JA59-Prodotti delle attività di produzionecinematografica, video e programmi 1,7 0,1 0,1 0,0 0,1 0,0 2,3 0,1televisivi; registrazioni musicali e sonoreMC74-Prodotti delle altre attività 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0professionali, scientifiche e tecnicheRR90-Prodotti delle attività creative, 0,1 0,0 0,2 0,0 0,1 0,0 0,1 0,0artistiche e d’intrattenimentoVV89-Merci dichiarate come provvistedi bordo, merci nazionali di ritorno e 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0respinte, merci varieI dati del 2010 e del 2011 sono provvisori Classificazione utilizzata: Ateco 2007 a 2 cifre - DivisioniFonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministro Sviluppo Economico su dati Istat 35 Interprofessionalnetwork
  • 35. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 5d - iMportAzioni in itAliA dAll’indiA suddivise per settori di Attività econoMicA (vAlori in milioni di euro) % su import % su import % su import Gen.-giu. % su import Gen.-giu. 2009 totale 2010 totale totale dall’India 2010 totale dall’India 2011 dall’India dall’IndiaAA01-Prodotti agricoli, animali e della 96,9 3,3 125,2 3,3 57,3 3,2 88,6 3,5cacciaAA02-Prodotti della silvicoltura 1,4 0,0 2,0 0,1 1,0 0,1 1,1 0,0AA03-Prodotti della pesca e 0,0 0,0 0,4 0,0 0,0 0,0 0,2 0,0dell’acquacolturaBB07-Minerali metalliferi 3,5 0,1 4,9 0,1 3,2 0,2 5,8 0,2BB08-Altri minerali da cave e miniere 47,4 1,6 51,2 1,3 26,8 1,5 27,8 1,1CA10-Prodotti alimentari 113,8 3,9 137,5 3,6 68,6 3,8 100,5 4,0CA11-Bevande 0,4 0,0 0,3 0,0 0,2 0,0 0,2 0,0CA12-Tabacco 0,0 0,0 0,1 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0cB13-prodotti tessili 276,9 9,5 356,8 9,3 166,9 9,2 231,2 9,2cB14-articoli di abbigliamento 409,8 14,1 422,7 11,1 217,3 12,0 243,9 9,7(anche in pelle e in pelliccia)cB15-articoli in pelle (escluso 249,3 8,6 311,7 8,2 147,2 8,1 181,5 7,2abbigliamento) e similiCC16-Legno e prodotti in legno e sughero(esclusi i mobili); articoli in paglia e 4,0 0,1 4,8 0,1 2,2 0,1 1,6 0,1materiali da intreccioCC17-Carta e prodotti di carta 2,3 0,1 3,6 0,1 1,8 0,1 2,1 0,1CC18-Prodotti della stampa e della 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0riproduzione di supporti registraticD19-coke e prodotti derivanti dalla 128,5 4,4 426,4 11,2 188,2 10,4 333,8 13,2raffinazione del petrolioce20-prodotti chimici 272,5 9,4 406,1 10,6 187,5 10,3 267,4 10,6CF21-Prodotti farmaceutici di base e 54,7 1,9 72,7 1,9 38,1 2,1 51,7 2,0preparati farmaceuticiCG22-Articoli in gomma e materie 63,6 2,2 69,1 1,8 29,0 1,6 44,2 1,8plasticheCG23-Altri prodotti della lavorazione di 43,9 1,5 56,1 1,5 26,8 1,5 32,3 1,3minerali non metalliferi 36 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 36. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLicH24-prodotti della metallurgia 240,4 8,3 326,7 8,5 154,1 8,5 272,8 10,8CH25-Prodotti in metallo, esclusi 75,7 2,6 82,7 2,2 40,2 2,2 54,2 2,1macchinari e attrezzatureCI26-Computer e prodotti di elettronicae ottica; apparecchi elettromedicali, 45,2 1,6 168,8 4,4 32,6 1,8 58,5 2,3apparecchi di misurazione e orologiCJ27-Apparecchiature elettriche eapparecchiature per uso domestico non 46,9 1,6 65,2 1,7 28,5 1,6 38,1 1,5elettricheCK28-Macchinari e apparecchiature nca 149,0 5,1 184,0 4,8 82,8 4,6 131,0 5,2cL29-autoveicoli, rimorchi e 419,3 14,4 363,8 9,5 216,6 11,9 228,4 9,1semirimorchiCL30-Altri mezzi di trasporto 30,2 1,0 30,3 0,8 18,8 1,0 28,1 1,1CM31-Mobili 13,4 0,5 14,0 0,4 7,4 0,4 5,0 0,2CM32-Prodotti delle altre industrie 98,9 3,4 123,8 3,2 65,3 3,6 74,8 3,0manifatturiereEE38-Prodotti delle attività di raccolta,trattamento e smaltimento dei rifiuti; 2,3 0,1 2,0 0,1 0,9 0,0 2,6 0,1prodotti dell’attività di recupero deimaterialiJA58-Prodotti delle attività editoriali 1,0 0,0 1,2 0,0 0,5 0,0 0,4 0,0JA59-Prodotti delle attività di produzionecinematografica, video e programmi 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0televisivi; registrazioni musicali e sonoreRR90-Prodotti delle attività creative, 0,3 0,0 0,4 0,0 0,3 0,0 0,0 0,0artistiche e d’intrattenimentoRR91-Prodotti delle attività di biblioteche, 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0archivi, musei e di altre attività culturaliSS96-Prodotti delle altre attività di servizi 9,8 0,3 8,3 0,2 3,7 0,2 0,6 0,0per la personaVV89-Merci dichiarate come provvistedi bordo, merci nazionali di ritorno e 2,7 0,1 0,5 0,0 0,2 0,0 13,8 0,5respinte, merci varieI dati del 2010 e del 2011 sono provvisori Classificazione utilizzata: Ateco 2007 a 2 cifre - DivisioniFonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati Istat 37 Interprofessionalnetwork
  • 37. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 5e - esportAzioni dell’itAliA in indiA suddivise per regione di provenienzA (vAlori in milioni di euro) % su export % su export Gen.-giu. % su export Gen.-giu. % su export 2009 2010 totale in India totale in India 2010 totale in India 2011 totale in IndiaItaLIa norD occIDentaLe 1.376 50,3 1.599 47,2 738 49,1 848 44,2piemonte 239 8,8 282 8,3 128 8,5 152 7,9valle d’aosta 1 0,0 5 0,2 1 0,1 3 0,2Lombardia 973 35,6 1.213 35,8 562 37,4 640 33,4Liguria 163 6,0 98 2,9 47 3,1 53 2,8ItaLIa norD orIentaLe 828 30,3 1.157 34,2 463 30,8 713 37,1trentino alto adige 18 0,7 37 1,1 17 1,2 18 1,0veneto 293 10,7 372 11,0 166 11,0 214 11,2Friuli venezia Giulia 195 7,1 322 9,5 104 6,9 225 11,7emilia romagna 321 11,7 426 12,6 175 11,7 255 13,3ItaLIa centraLe 356 13,0 469 13,8 226 15,0 261 13,6toscana 168 6,1 200 5,9 91 6,1 112 5,8Umbria 41 1,5 69 2,0 42 2,8 33 1,7marche 95 3,5 121 3,6 59 3,9 68 3,6Lazio 52 1,9 79 2,3 35 2,3 48 2,5mezzoGIorno 174 6,4 160 4,7 76 5,0 96 5,0abruzzo 23 0,8 25 0,8 9 0,6 17 0,9molise 1 0,0 2 0,1 1 0,1 1 0,0campania 59 2,2 30 0,9 13 0,9 12 0,6puglia 55 2,0 56 1,6 31 2,0 39 2,0Basilicata 3 0,1 5 0,2 2 0,1 1 0,0calabria 4 0,1 3 0,1 1 0,1 2 0,1sicilia 12 0,4 13 0,4 5 0,3 8 0,4sardegna 17 0,6 25 0,7 13 0,9 16 0,9Diverse o non specificate 1 0,0 2 0,1 1 0,1 3 0,1I dati del 2010 e del 2011 sono provvisori Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati Istat 38 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 38. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 5F - iMportAzioni in itAliA dAll’indiA suddivise per regione di destinAzione (vAlori in milioni di euro) % su import % su import % su import % su import Gen.-giu. Gen.-giu. 2009 totale 2010 totale totale totale 2010 2011 dall’India dall’India dall’India dall’IndiaItaLIa norD occIDentaLe 1.449 49,9 1.725 45,1 849 46,8 1.260 50,0piemonte 260 8,9 338 8,8 170 9,4 194 7,7valle d’aosta 0 0,0 0 0,0 0 0,0 0 0,0Lombardia 1.089 37,5 1.161 30,4 567 31,3 808 32,0Liguria 100 3,4 226 5,9 113 6,2 258 10,2ItaLIa norD orIentaLe 746 25,7 1.158 30,3 529 29,1 683 27,1trentino alto adige 45 1,6 36 0,9 15 0,8 16 0,6veneto 409 14,1 704 18,4 324 17,8 380 15,1Friuli venezia Giulia 44 1,5 70 1,8 26 1,4 30 1,2emilia romagna 248 8,5 348 9,1 164 9,0 257 10,2ItaLIa centraLe 453 15,6 624 16,3 286 15,8 366 14,5toscana 216 7,5 250 6,5 128 7,1 163 6,5Umbria 17 0,6 19 0,5 9 0,5 8 0,3marche 68 2,4 133 3,5 57 3,1 59 2,4Lazio 152 5,2 223 5,8 92 5,0 136 5,4mezzoGIorno 255 8,8 316 8,3 150 8,2 199 7,9abruzzo 38 1,3 38 1,0 17 0,9 16 0,6molise 8 0,3 4 0,1 3 0,1 2 0,1campania 131 4,5 168 4,4 76 4,2 116 4,6puglia 43 1,5 50 1,3 26 1,4 30 1,2Basilicata 0 0,0 4 0,1 0 0,0 1 0,0calabria 3 0,1 7 0,2 3 0,2 13 0,5sicilia 25 0,9 36 0,9 22 1,2 12 0,5sardegna 6 0,2 9 0,2 3 0,2 9 0,4Diverse o non specificate 0 0,0 1 0,0 0 0,0 13 0,5I dati del 2010 e del 2011 sono provvisori Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministro Sviluppo Economico su dati Istat 39 Interprofessionalnetwork
  • 39. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi40 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 40. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Capitolo Secondo 02 A cura di Unioncamere percHè Fare BUsIness In InDIa 1 Caratteristiche del sistema Paese 2 Principali settori economici 3 Focus settori missione 4 Conclusioni1. Caratteristiche del sistema PaesetAbellA 1 – indiA: principAli indicAtori MAcroeconoMici (2007/2010) Unità 2007 2008 2009 2010 pIL (valore) Mld. US$ 1,242 1,213 1,380 1,729 tasso crescita reale % 9,9 6,2 6,8 10,4 pIL pro-capite US$ 1,105 1,065 1,195 1,477 consumo privato % del Pil 8,3 5,3 4,9 8,2 consumo pubblico % del Pil 7,0 8,8 7,6 8,8 Investimenti Fissi Lordi % del Pil 13,8 7,4 7,0 9,9 saldo Bilancia commerciale Mln. US$ -81.250 -103.767 -92.479 -105.552 Importazioni merci Mln. US$ 235.025 281.467 257.665 328.731 Import (var.) % 33,0 19,8 -8,5 27,6 Import % del Pil 24 29 24 esportazioni merci Mln. US$ 153.775 177.700 165.186 223.179 export (var.) % 27,6 15,6 -7,0 35,1 export % del Pil 20 23 20 Indice di produzione % 8,5 3,4 5 Industriale (var.) tasso di inflazione % 6,4 8,4 10,9 13,2 tasso di cambio sul $ Rupie 39.41 48.45 46.68 45.81Fonte: IMF e Data World Bank 41 Interprofessionalnetwork
  • 41. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi L ’India rappresenta la quarta economia al mondo e si caratterizza per essere una delle destinazioni più attrattive per quanto riguarda le opportunità di business e di investimenti: una forza lavoro smisurata, la varietà delle risorse naturali presenti e le basi macro-economiche la rendono uno dei Paesi a tasso di crescita più elevato. Allo stesso modo il processo di riforme attuato a partire dal 1991 ha contribuito ad attirare gli investimenti dall’estero e richiamare quindi l’attenzione a livello mondiale. Se si considera il periodo 2007/2010, è possibile notare come il Pil indiano sia cresciuto a un ritmo medio annuo pari all’8%, evidenziando un notevole sviluppo economico del Paese. grAFico 1 – indiA: vAriAzione pil (2007-2013) Fonte: IMF Come già accennato il 1991 ha rappresentato l’anno della svolta per la crescita economica, che nel corso di questi due decenni è stata trainata in particolare da due settori: il settore delle costruzioni e quello dei servizi. Con particolare riferimento a quest’ultimo è possibile notare come, nonostante si tratti di un settore che ha preso piede solo in tempi recenti, contribuisca per il 57,8% al Pil indiano, il doppio rispetto all’industria e addirittura il quadruplo se si considera l’agricoltura. Nel corso degli anni, infatti, i servizi ad alta tecnologia come biotecnologie, information technology, outsourcing service, aeronautica, elettromeccanica, sono apparsi sulla scena mondiale contribuendo in modo significativo alla modernizzazione dell’economia indiana e alla trasformazione del tessuto della società. tAbellA 2 – indiA: ripArtizione pil 2008-2009 2009-2010 2010-2011 est. quota sul GDp agricoltura 15,7 14,6 14,2 Industria 28,1 28,1 28 sett. manifatturiero 15,8 15,8 15,9 servizi 56,2 57,3 57,8 Fonte: EIU42 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 42. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi2. Principali settori vergenti rispetto a quelle di Stati Uniti e Unione Europea in materia di meccanismi di salvaguar- economici dia previsti per proteggere i paesi in via di svi- luppo dagli effetti di eventuali impennate nelle importazioni hanno rappresentato uno dei mag-L a crescita economica indiana continua a essere trainata dai servizi, che hanno registrato unaumento del 9,7% nel 2010, seguiti dall’industria giori ostacoli al raggiungimento di un accordo globale. Il Governo indiano non sembra ancora pronto a sopportare il costo politico che l’aper-(+9,9% nello stesso anno). Pure l’agricoltura, tura del mercato agricolo interno alle produzionibenché abbia fortemente risentito della siccità del americane ed europee potrebbe avere. In questo2009, si conferma come un settore fondamentale contesto anche l’Unione Europea sta negoziandoper il Pil indiano, anche se il suo peso continua a con il Paese asiatico un Free Trade Agreementridursi (la quota sul Pil per il periodo 2010/2011 (FTA) che riguarda tanto il commercio di beni eè scesa al 14,2%): il settore agricolo impiega servizi, quanto gli investimenti e che dovrebbecirca il 60% della forza lavoro e dall’andamento concludersi entro il 2011.dell’agricoltura, legata alle piogge monsoniche Nel corso degli ultimi anni l’India ha cominciatoe ai periodi di siccità, dipende non solo la ad assimilare il libero mercato e i principi suistabilità dei prezzi al consumo, ma anche la quali si fonda, anche se l’integrazione nel si-sostenibilità dello sviluppo economico dell’India. stema degli scambi, iniziata nel 1991, non si èLe principali colture indiane sono costituite da ancora compiuta. Le forti restrizioni al capitaleriso, frumento, sorgo, canna da zucchero e coto- estero (soprattutto nel settore finanziario) e ilne, mentre per quanto riguarda l’industria, sono complesso e lento sistema burocratico limitanoparticolarmente importanti il comparto della si- ancora la presenza delle imprese estere.derurgia e della meccanica, ma anche l’industria Sulla base della valutazione del rischio politico,cartaria, della gomma e la produzione di filati e economico, finanziario e operativo, il Countrytessuti di cotone, juta, lana e seta. Risk Rating assegnato al Paese da SACE è M1,Con riferimento alle industrie alimentari, la pro- che corrisponde a 4 in una scala da 1 a 9 induzione di zucchero rappresenta una delle più ordine crescente di rischio. Le valutazioni SACEimportanti attività agro-industriali. classificano l’India nella classe A, ovvero tra iA livello di risorse naturali, il Paese dispone di paesi assicurabili senza particolari restrizioni.risorse di carbone, ferro, manganese, rame e La categoria di rischio OCSE è la 3/7 (in questomica. caso alla prima categoria corrisponde il rischioLa produzione di energia elettrica è rilevante e, minore e alla settima il rischio maggiore) e lavisto il crescente fabbisogno energetico, il Pa- categoria Consensus è la seconda (indica il ri-ese sta investendo in progetti volti allo sfrutta- pagamento entro 10 anni).mento di alcuni bacini fluviali e alla costruzionedi centrali nucleari. Il vero punto di forza dellosviluppo indiano è però rappresentato, come giàdetto sopra, dal settore dei servizi, che contribu-iscono in misura maggiore alla crescita del Pil eoccupano il 34% della forza lavoro (dato riferitoal 2009).L’India è uno dei principali protagonisti del DohaRound (i negoziati organizzati nell’ambito delWTO a partire dal 2001 con l’obiettivo di abo-lire o comunque ridurre le barriere tariffarie alcommercio internazionale) e le sue posizioni di- 43 Interprofessionalnetwork
  • 43. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi tAbellA 3 – indiA: principAli MercAti di sbocco (vAlori in milioni di uS$) Paese 2009-2010 quota % 2010-2011(Apr-Dec) quota % variaz.% 1. EAU (1) 23.970,40 13,4 21.844,60 12,7 -9,7 2. U S A (2) 19.535,49 10,9 17.929,60 10,4 -9,0 3. Cina (3) 11.617,88 6,9 13.370,05 7,8 13,1 4. Hong Kong (4) 7.887,81 4,4 7.076,59 4,1 -11,5 5. Singapore (5) 7.592,17 4,2 6.889,85 4,0 -10,2 6. Olanda (6) 6.397,56 3,5 5.214,30 3,0 -22,7 7. Regno Unito (7) 6.221,39 3,4 4.893,77 2,8 -27,1 8. Germania (8) 5.412,89 3,0 4.510,90 2,2 -20,0 9. Belgio (12) 3.759,26 2,1 3.871,56 2,2 2,9 10. Indonesia (16) 3.063,36 1,7 3.842,33 2,2 20,3 11. Giappone (13) 3.629,54 2,0 3.696,25 2,1 1,8 12. Arabia Saudita (10) 3.907,00 2,1 3.531,72 2,0 -10,6 13. Francia (11) 3.819,83 2,1 3.509,67 2,0 -8,8 14. Sud Africa 2.058,50 1,1 3.232,25 1,8 36,3 15. Italia (15) 3.400,25 1,9 3.208,96 1,8 -6,0 16. Malesia (17) 2.835,41 1,5 2.920,08 1,7 2,9 17. Brasile (19) 2.414,29 1,3 2.789,86 1,6 13,5 18. Corea del Sud (14) 3.421,05 1,9 2.694,51 1,5 -27,0 19. Sri Lanka (20) 2.188,01 1,2 2.485,52 1,4 12,0 20. Bangladesh (18) 2.433,77 1,3 2.298,29 1,3 -5,9 Altri paesi 53.185,57 30,1 51.494,93 31,4 -3,3 totale export 178.751,43 100,0 171.305,59 100,0 -4,3 Fonte: Data World Bank Se si osservano i dati sopra riportati, si può notare che gli Emirati Arabi Uniti si confermano al primo posto nella classifica dei principali paesi di destinazione delle merci indiane, anche se nel suo complesso l’Unione Europea rappresenta il primo mercato per l’India; l’Italia si attesta al quattordicesimo posto.44 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 44. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 4 – indiA: principAli MercAti Fornitori (vAlori in milioni di uS$) Paese 2009-2010 quota % 2010-2011(Apr-Dec) quota % variaz. % 1. Cina (1) 30.824,02 10,6 29.926,08 12,1 -3,0 2. EAU (2) 19.499,10 6,7 19.771,70 8,0 1,4 3. Arabia Saudita (3) 17.097,57 5,9 14.782,97 5,9 -15,7 4. Svizzera (5) 14.698,43 5,0 13.765,96 5,5 -6,8 5. U S A (4) 16.973,68 5,8 13.292,59 5,3 -27,7 6. Germania (8) 10.318,18 3,5 8.247,64 3,3 -25,1 7. Australia (6) 12.407,37 4,3 7.937,70 3,2 -56,3 8. Nigeria (12) 7.287,90 2,5 7.896,58 3,1 7,7 9. Iran (7) 11.540,85 4,0 7.820,92 3,1 -47,6 10. Corea del Sud (10) 8.576,07 2,9 7.180,31 2,9 -19,4 11. Indonesia (9) 8.656,66 3,0 6.774,27 2,7 -27,8 12. Kuwait (11) 8.249,49 2,8 6.336,61 2,5 -30,2 13. Belgio (16) 6.019,20 2,0 6.109,70 2,4 1,5 14. Giappone (14) 6.734,18 2,3 5.905,64 2,3 -14,0 15. Hong Kong (19) 4.734,30 1,6 5.746,15 2,3 17,6 16. Iraq (13) 7.026,93 2,4 5.530,01 2,2 -27,1 17. Singapore (15) 6.454,57 2,2 5.077,59 2,0 -27,1 18. Sud Africa (17) 5.674,50 1,9 4.804,56 1,9 -18,1 19. Qatar (20) 4.648,52 1,6 4.701,48 1,9 1,1 20. Malesia (18) 5.176,78 1,7 4.285,46 1,7 -20,8 Altri Paesi 75.774,58 27,3 61.246,91 25,7 -23,7 totale import 288.372,88 100,0 247.140,83 100,0 -16,7Fonte: Data World BankA partire da questi dati si può notare come la Cina resti la principale fonte di importazione per ilmercato indiano, seguita da Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita. L’Unione Europea si confermacome principale fornitore dell’India e in particolare l’Italia si colloca al venticinquesimo posto nellaclassifica globale con una quota pari all’1,19% (nel 2009 si trovava in ventiquattresima posizione). 45 Interprofessionalnetwork
  • 45. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 5 – bilAnciA coMMerciAle (vAlori in milioni di uS$) 2009-2010 2010-2011 (apr.-dic.) Var. %export totale indiano 178.751,43 171.305,59 -4,2Import totale indiano 288.372,88 247.140,83 -16,7 saldo -109.621 -75.835 -44,6Fonte: Ministero del Commercio Indiano grAFico 2 – indiA: pil e inFlAzione Fonte: IMF, ultimo accesso 02/09/2011 grAFico 3 – dollAro-rupiA: cAMbi 2010-2011 grAFico 4 – euro-rupiA: cAMbi 2010-2011 Fonte: Reserve Bank of India Fonte: Reserve Bank of India 46 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 46. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi3. Focus settori italiano delle imprese. missione 2. InFrastrUttUreL a legge Finanziaria 2011-2012 conferma Il Governo Indiano ha annunciato un grande piano l’orientamento riformista del Governo indiano di adeguamento infrastrutturale, che prevedeguidato da Manmohan Singh e la volontà di rafforzare il raddoppio della spesa per le infrastrutturele basi economiche dello sviluppo del Paese. Per nel dodicesimo piano quinquennale (dal 2012la prima volta è stato presentato un programma di al 2016), per un valore complessivo pari apolitica industriale, volto ad aumentare entro dieci 1.000 mld $: l’obiettivo è di portare la spesaanni l’incidenza del settore manifatturiero sul Pil, complessiva in infrastrutture dall’attuale 6,5%passando dal 16% al 25%. Il Governo ha manifestato al 9% del Pil entro il 2014. Si assisterà a unl’intenzione di rendere più efficiente il sistema incremento della spesa pubblica per trasporti eddelle autorizzazioni e delle procedure burocratiche, energia, ma è sul maggiore afflusso di capitalidi rafforzare le Zone Economiche Speciali e di privati che il Governo conta. Nel dettaglio glipromuovere lo sviluppo infrastrutturale del Paese. investimenti maggiori saranno stanziati per: • strade e autostrade: è prevista la1. aUtomotIve (DesIGn, realizzazione di 35mila km di nuove strade e 17mila km di autostrade; enGIneerInG, • aeroporti: è in programma la modernizzazione componentIstIca, di 35 aeroporti non metropolitani e maccHInarI e tre aeroporti del Nord Est del Paese; appareccHIatUre) • ferrovie: sono previsti interventi tra cui l’ammodernamento di 236 stazioni, la costruzione di nuovi terminal, la posa inNel corso degli ultimi anni molti tra i principali gruppi opera di 1.300 km di nuove linee ferroviarie,stranieri hanno deciso di espandere la loro capacità l’utilizzo di energia solare, eolica eproduttiva in India, soprattutto nel comparto delle biodiesel in stazioni e passaggi a livello;automobili di piccola dimensione che rappresenta • porti: al fine di potenziare le capacitài ¾ della domanda interna. Allo stesso modo portuali verranno realizzati 254 progettil’India si sta sempre più prefigurando come Paese che comprendono interventi mirati a unachiave per la produzione di mezzi di trasporto, maggiore dotazione di macchinari edcon particolare attenzione al mercato dell’Asia. Il equipaggiamenti per la gestione dei cargo,settore automotive indiano presenta numerose dell’informatizzazione delle operazioni e delleopportunità di investimento, se si considera connessioni con le vie di trasporto terrestre;anche la crescente domanda interna legata alla • sviluppo urbano: nei prossimi dieci anni 40/60componentistica (secondo le stime entro il 2020 il miliardi di dollari all’anno verranno impiegatisettore della componentistica costituirà il 3,5% del per finanziare lo sviluppo urbano; è previstaPil). Numerosi partner stranieri sono stati attirati inoltre la costruzione di metropolitane in 8 trada una base produttiva a basso costo e altamente i maggiori centri dell’India.specializzata, ma anche da una produzione nazionaleche si caratterizza per la presenza di aziende capaci Sul piano delle infrastrutture la costruzione didi fornire prodotti di standard e qualità certificati. autostrade, porti; la gestione dei rifiuti; le attrezzatureIl settore dei mezzi di trasporto (auto, veicoli com- per l’edilizia; i materiali da costruzione, rappresentanomerciali e moto), la componentistica auto e le i settori di maggiore interesse per le imprese italiane.macchine utensili nel comparto automobilistico L’India esprime, inoltre, un fabbisogno sul piano deirappresentano le aree di interesse per il sistema 47 Interprofessionalnetwork
  • 47. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi servizi per i seguenti settori: architettura, ingegneria Italia nel settore dell’agro-food, e in particolare nelle strutturale, formazione, certificazione, monitoraggio. tecnologie di trasformazione e conservazione dei prodotti alimentari, nelle infrastrutture logistiche, nel packaging e nella catena del freddo, nelle biotecnologie 3. enerGIe rInnovaBILI e nei laboratori per il controllo qualità. L’obiettivo del Governo indiano consiste nell’investire nel food- Come già accennato, la crescita economica e processing e aumentare entro il 2025 dal 2 al 25% demografica del Paese ha determinato un maggiore la percentuale di alimenti trasformati. Le macchine fabbisogno energetico e in questo contesto le energie agricole occupano comunque una posizione di rilievo, rinnovabili stanno acquistando sempre più importanza. visto che il settore agricolo contribuisce per il 16% al Allo stato attuale, il contributo delle energie rinnovabili Pil del Paese e impiega circa il 60% della forza lavoro. alla capacità già installata di 159 Giga Watt è del 10% (circa 17 GW), ripartito nel seguente modo: 69% energia eolica, 16,1% energia idroelettrica, 8,2% cogenerazione bagasse, 5,2% biomasse, 0,4% da 4. Conclusioni combustione di rifiuti e 0,06% solare/fotovoltaico. L’obiettivo prefissato dal Governo indiano consiste nella produzione di 40 Giga Watt da energie C on delle previsioni di crescita del Pil superiore all’8% nei prossimi cinque anni, l’India si conferma come destinazione previlegiata degli rinnovabili entro il 2020 e di 200 GW entro il 2030. investimenti diretti esteri e in questo contesto l’imperativo per l’Italia è ritagliarsi una posizione 4. meccanIca di rilievo. Abbiamo visto come la presenza italiana nel Paese e gli accordi stipulati negli ultimi anni Per quanto riguarda le macchine utensili, le possibilità costituiscano una base di lavoro per sviluppi futuri. offerte sono molte soprattutto nel comparto delle L’economia indiana continua a essere trainata dal macchine per la lavorazione e il taglio dei metalli e settore dei servizi, anche se è opportuno precisare che delle pietre. L’India rappresenta infatti il più grande circa due terzi degli indiani ricavano il loro reddito consumatore di gioielli a livello mondiale, con direttamente o indirettamente dal settore agricolo. una quota del 20% sul consumo complessivo. Le carenze infrastrutturali e i vincoli amministrativo- Dal 2000 a oggi, l’acquisto di macchine utensili burocratici rappresentano ancora un grave problema è aumentato di quasi dieci volte, passando da per il Paese e un forte limite alla sua crescita: un valore pari a 200 milioni di dollari a oltre 1,5 il Governo ha tentato e sta tentando di risolvere miliardi di dollari con una crescita prevista nei queste problematiche attraverso la creazione di Zone prossimi cinque anni pari al 10/15%. Oltre ai Economiche Speciali, destinate prevalentemente macchinari per la gioielleria, l’incremento della alla produzione per l’export e caratterizzate da domanda di macchine utensili è determinato anche un regime fiscale vantaggioso e da un accesso dall’industria automobilistica, che impiega circa facilitato ai servizi amministrativi e alle infrastrutture. la metà del totale delle macchine utilizzate in India. I settori più interessanti per le imprese italiane Per quanto riguarda il settore del cuoio e della restano comunque quelli legati alla moda/design, pelletteria, l’industria indiana, la sesta al mondo all’agricoltura, alla meccanica, all’automotive e per dimensione in questo comparto, presenta componentistica, alle infrastrutture e infine alle diverse opportunità per le imprese italiane: nel energie rinnovabili, settori in cui il Governo di Nuova dettaglio il contributo delle calzature risulta essere Delhi sta intervenendo al fine di migliorare il clima particolarmente significativo, visto che l’India è imprenditoriale e favorire quindi l’acquisizione di diventata il secondo produttore di calzature al mondo. tecnologia e sviluppo, l’accesso al capitale per le Allo stesso modo l’India ha dimostrato e dimostra PMI, oltre a rafforzare il ruolo del settore privato di essere molto attenta alle competenze maturate in nell’ambito dello sviluppo delle competenze. Sono48 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 48. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiquesti comparti nei quali l’Italia, sulla base dellaspecializzazione della propria economia, può fornireun considerabile know-how al partner indiano.Più in generale, tuttavia, dovremmo fare uno sforzoper attrarre nel nostro Paese i “talenti” indiani chesono quelle migliaia di laureati in materie tecniche escientifiche formati dalle università indiane per i qualiquesto grande Paese eccelle. Il nostro Paese può faremolto per attrarre in percorsi di specializzazione questigiovani presso le nostre università con l’obiettivo diformare una classe dirigente indiana sensibile al nostromodello imprenditoriale e di Sistema-Paese. Attrarreoggi laureati indiani, permettere loro di conoscere inostri distretti industriali e le nostre PMI, significapoter disporre in futuro di altrettanti ambasciatori epromotori del nostro Made in Italy. A questo riguardosi ritiene utile segnalare il programma “Invest yourtalent in Italy” con il quale il MAE, il MISE, l’ICE ele Camere di commercio italiane hanno realizzato unpercorso formativo per laureati indiani presso le piùprestigiose università italiane.Per questo è consigliabile che il nostro Paese, ricco diun patrimonio scientifico e culturale di primo ordine,intensifichi i propri sforzi per investire sul terrenodella cultura e della cultura d’impresa in particolare. 49 Interprofessionalnetwork
  • 49. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi50 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 50. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Capitolo Terzo 03 A cura di Interprofessional Network1 strateGIe DI InGresso 1 Il quadro generale di riferimento degli investimenti esteri 2 La politica industriale La licenza per lo svolgimento di attività industriali 3 (industrial licensing) Nulla osta e autorizzazioni ambientali (environmental 4 clearences) 5 Politiche economiche per l’investimento estero 6 I controlli dei cambi 7 Diritto dell’economia 8 Strutture solitamente utilizzate dagli investitori stranieri 9 Finanziamento dell’attività in India 10 Merger and Acquisitions 11 Ristrutturazioni e Acquisizioni 12 Scissione di imprese 13 Vendite di universalità 14 Riduzione del capitale1. Il quadro generale tiche commerciali, industriali e degli investimenti di riferimento degli stranieri. investimenti esteri 1. La poLItIca DI apertUra DeL Governo InDIanoL a liberalizzazione delle politiche economiche in India ha avuto inizio nel 1991, dopo che il Go-verno centrale indiano si è reso conto degli effetti L’atteggiamento del Governo indiano nei confrontinegativi dei controlli sugli investimenti, sulle impor- degli investimenti esteri è cambiato significativa-tazioni e sui tassi di cambio esteri. La svalutazione mente durante l’ultimo decennio: in precedenzadel tasso di cambio della Rupia (INR) nel luglio 1991 consentiti unicamente in certi settori industriali e nelha aperto la strada alla liberalizzazione delle poli- rispetto di speciali condizioni, sono stati liberalizzati1 Il presente contributo deriva da un lavoro di ricerca comune degli autori. La stesura dei paragrafi è tuttaviaattribuibile a Carlo Mastellone, Pietro Mastellone, Carolina Ciardini e Giacomo Pailli per i paragrafi 3.1, 3.2, 3.3,3.4, 3.5, 3.6, 3.7 e a Gian Andrea Chiavegatti e Roberta Bonfanti per i paragrafi dal 3.8 al 3.14. 51 Interprofessionalnetwork
  • 51. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi praticamente a tutti i livelli. altri Stati, adottata a Washington il 18 marzo 1965 Attualmente le operazioni di investimento estero (ICSID Convention). diretto (Foreign Direct Investment – FDI) effettuati da non-residenti in azioni/obbligazioni convertibili/ 3. L’accorDo BILateraLe azioni privilegiate di una società indiana – contrap- ItaLIa - InDIa DeL 1995 poste sia alle operazioni di investimento di porta- foglio (Foreign Portfolio Investment) che alle ope- sULLa promozIone razione di semplice trading commerciale – sono e protezIone DeGLI liberamente ammesse virtualmente in tutti i settori InvestImentI di attività, incluso quello dei servizi, e possono ar- rivare fino al 100% della partecipazione societaria. Costituiscono un’eccezione l’investimento in quei Nei rapporti tra India e Italia, la promozione e pro- determinati settori e attività per i quali la relativa po- tezione degli investimenti è disciplinata da un ap- litica di settore (sectoral policy) governativa vigen- posito accordo bilaterale sulla promozione e pro- te consente l’investimento estero unicamente entro tezione degli investimenti, sottoscritto a Roma il una determinata quota di partecipazione al capitale 23 novembre 1995, ratificato e reso esecutivo con di società indiane (inferiore quindi al 100%), e quei L. 10 gennaio 1998, n. 12 (Agreement between the limitati settori o attività considerati strategici o par- Government of the Italian Republic and the Gover- ticolarmente sensibili dove l’investimento estero è, nment of the Republic of India on the promotion and invece, del tutto escluso. protection of investments). I percorsi d’ingresso per l’investimento estero diretto L’accordo ha l’obiettivo di creare le condizioni fa- (FDI) in India sono di due tipi: vorevoli a promuovere maggiori investimenti da • la procedura in via automatica (automatic rou- parte di persone fisiche e giuridiche di un Paese nel te), che si svolge sotto la vigilanza e il controllo territorio dell’altro, mediante la protezione reciproca della Reserve Bank of India (RBI) – la Banca di tali investimenti, intendendosi con tale locuzio- Centrale dell’India – alla quale il Governo india- ne ogni bene investito da un investitore italiano o no ha delegato specifici poteri in materia valu- indiano nell’altro Paese, in conformità con le leg- taria e di investimenti esteri; gi e i regolamenti del Paese nel cui territorio viene • la procedura di autorizzazione governativa effettuato l’investimento (anche se effettuati prima (Government approval route), la quale avviene dell’entrata in vigore dell’accordo) ed, in particola- tramite il Foreign Investment Promotion Board re, ma non esclusivamente: (FIPB) – il dipartimento speciale del Governo • beni mobili e immobili, compresi diritti in rem indiano sotto il Ministero delle Finanze. su proprietà di terzi, quali ipoteche, vincoli o pegni; • azioni, obbligazioni, partecipazioni azionarie o 2. IL panorama DeGLI ogni altro strumento di credito, nonché titoli di accorDI InternazIonaLI Stato e titoli pubblici in genere sulla base delle rispettive leggi e regolamenti nazionali; L’India è membro di i tutti principali network econo- • crediti finanziari o qualsiasi altro diritto deri- mici multilaterali, quali il Fondo Monetario Interna- vante da un contratto, avente un valore finan- zionale (IMF), la Banca Mondiale e la Banca Asiatica ziario, nonché redditi reinvestiti relativi all’in- di Sviluppo (Asian Development Bank, ADB). L’India vestimento iniziale; è altresì membro fondatore del GATT e dell’Organiz- • diritti di proprietà intellettuale e industriale, ivi zazione Mondiale del Commercio (WTO). compresi diritti d’autore, marchi commerciali, Si segnala, inoltre, che a oggi l’India non ha aderito brevetti, design industriali, know-how, segre- alla Convenzione per il regolamento delle controver- ti commerciali, denominazioni commerciali e sie relative agli investimenti tra Stati e cittadini di avviamento commerciale, in conformità con le52 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 52. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi pertinenti leggi della relativa parte contraente; svolgono attività connesse agli investimenti e• ogni diritto economico conferito per legge o dei membri delle loro famiglie (art. 4.5.). per contratto, nonché ogni licenza e concessio- ne, comprese quelle di prospezione, estrazione Particolare attenzione deve poi essere rivolta ver- e commercializzazione di petrolio e altri mine- so la specifica tutela in caso di nazionalizzazione rali. o esproprio (art. 5), misure che non possono in- teressare gli investimenti (cd. divieto di naziona-In base all’accordo, l’operatore italiano può contare lizzazione o esproprio degli investimenti). L’unicain India su «condizioni favorevoli» per il proprio eccezione a tale divieto si ha in presenza di misureinvestimento, sull’impegno dell’India che al proprio non discriminatorie di applicazione generale cheinvestimento sarà sempre accordato un «trattamen- i Governi normalmente adottano al fine di regola-to giusto ed equo», con garanzia della «piena pro- mentare l’attività economica nei loro territori o a finitezione e sicurezza» nel territorio indiano e che non pubblici, in conformità con le leggi prive di caratteridovranno essere in alcun modo applicate da parte discriminatori di quella parte, disposti dalle Autori-delle autorità indiane «misure ingiustificate o di- tà competenti, e – comunque – a fronte del «pieno,scriminatorie». effettivo e giusto risarcimento» da corrispondersi senza indebito ritardo, e con l’espressa previsioneInoltre, è garantito il cd. trattamento nazionale ed è del risarcimento per danni e perdite negli investi-prevista la clausola della nazione più favorita (art. menti subìti a causa di guerre o di altre forme di4), per cui, nella prospettiva dell’operatore italiano, conflitto armato, stati di emergenza nazionale, o di-l’India ha assunto i seguenti obblighi in relazione sordini civili (art. 6).agli investimenti provenienti dall’Italia:• obbligo di accordare agli investimenti effet- È altresì garantito (art. 7) il rimpatrio degli investi- tuati – ivi compresi la gestione, l’amministra- menti e dei redditi (previo adempimento degli ob- zione, la manutenzione, l’uso, il godimento o blighi fiscali), tra i quali: la disposizione da parte degli investitori – un • capitali e capitali aggiuntivi, ivi compresi gli trattamento non meno favorevole di quello ac- utili reinvestiti utilizzati per il mantenimento e cordato agli investimenti dei propri investitori l’accrescimento degli investimenti; o agli investimenti di investitori di uno Stato • i redditi di esercizio netti ivi compresi i divi- terzo (art. 4.1.); dendi, gli interessi, gli incrementi di capitali e• obbligo di concedere agli investitori, anche gli altri utili proporzionalmente alla loro quota in relazione ai redditi derivanti dai loro inve- di partecipazione azionaria; stimenti, un trattamento non meno favorevole • rimborsi di prestiti, ivi compresi gli interessi di quello riservato agli investitori di uno Stato relativi e gli investimenti; terzo (art. 4.2.); • pagamento delle royalties o emolumenti per• nel campo delle attività connesse con l’ap- servizi nella misura in cui essi sono connessi provvigionamento, la vendita e il trasporto agli investimenti; di materie prime e materiali lavorati, energia, • proventi derivanti dalla vendita totale o parziale combustibili e mezzi di produzione, nonché delle azioni; ogni relativa operazione ai sensi dell’Accordo, • proventi ricevuti dagli investitori in caso di li- obbligo di concedere un trattamento non meno quidazione; favorevole di quello riservato agli investimenti • remunerazioni corrisposte a cittadini italiani effettuati dai propri investitori o da investitori per prestazioni e servizi resi in relazione a un di uno Stato terzo (art. 4.4.); investimento effettuato in India.• obbligo di adoperarsi al fine di facilitare l’en- trata, il soggiorno, il lavoro e la circolazione L’Accordo prevede che le obbligazioni sopra descrit- nel proprio territorio dei cittadini italiani che te debbano adempiersi senza indebito ritardo – e in 53 Interprofessionalnetwork
  • 53. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi ogni caso entro sei mesi – ed essere pagate in ogni dustriale è stata interamente modificata e approvata valuta convertibile, al tasso di cambio di mercato nel 1956, successivamente modificata dal Governo applicabile alla data in cui l’investitore fa richiesta a mezzo di dichiarazioni (Statements, emanate nel del relativo trasferimento. 1973, 1977, 1980 e 1991), per poi essere costan- È prevista da un’una apposita complessa norma temente aggiornata e modificata mediante emenda- (art. 9) la disciplina sulla composizione delle con- menti (Amendments). troversie tra investitori e parti contraenti oltre che sulla composizione delle controversie tra le parti contraenti Italia - India (art. 10). 3. La licenza per lo In materia di legge applicabile (art. 11), viene pre- cisata la prevalenza di eventuali norme, generali o svolgimento di specifiche (in forza di leggi nazionali o di obblighi derivanti dal diritto internazionale), in virtù delle attività industriali quali gli investimenti effettuati dagli investitori di (industrial licensing) uno Stato abbiano diritto a un trattamento più fa- vorevole di quello previsto dall’Accordo. Infine, si stabilisce che tutti gli investimenti dovranno essere regolati dalle disposizioni dell’Accordo e dalle leggi C on la progressiva liberalizzazione e deregulation dell’economia indiana, il requisito delle licenze amministrative per lo svolgimento di attività indu- in vigore nel territorio dello Stato nel quale sono striali (industrial licensing) è stato sostanzialmente stati effettuati gli investimenti. ridotto. La competenza a concedere la licenza in og- getto spetta al Secretariat for Industrial Assistance 2. La politica (SIA), Department of Industrial Policy and Promo- tion (DIPP), Ministry of Commerce and Industry, ma industriale attualmente la industrial licence per attività produtti- ve è richiesta solamente nei seguenti casi: • attività industriali per le quali è richiesta la cd. I l programma governativo indiano di liberalizzazio- ne e di riforme economiche mira a una rapida e consistente crescita del Paese, oltre che a un’inte- licenza obbligatoria (compulsory industrial li- censing); • produzione di articoli riservati alla piccola in- grazione armonica con il mercato globale. Al riguar- dustria (small scale sector) da parte di imprese do, le riforme in materia di politica industriale hanno industriali di maggiori dimensioni (non-small ridotto l’ambito di applicazione del requisito delle scale industrial units); licenze e autorizzazioni per lo svolgimento di attività • quando lo stabilimento industriale proposto è industriali, rimosso restrizioni sull’investimento e lo soggetto a restrizioni in relazione alla sua spe- sviluppo, oltre che facilitato l’accesso delle impre- cifica ubicazione geografica. se indiane alla tecnologia estera e gli investimenti esteri diretti. Di seguito si analizzano nel dettaglio le tre predette Nel 1948, subito dopo l’ottenimento dell’indipen- categorie. denza, il Governo indiano introdusse la pratica delle risoluzioni di politica industriale (industrial policy resolutions) per rendere noto il proprio approccio 1. attIvItà InDUstrIaLI cHe finalizzato alla crescita e allo sviluppo industriale e, rIcHIeDono La “LIcenza al contempo, sottolineando l’importanza per l’econo- oBBLIGatorIa” mia di assicurare una continua crescita della pro- duzione e di garantirne l’equa distribuzione. Dopo Per svolgere le seguenti attività produttive è richie- l’adozione della Costituzione dell’India e la defini- sta la concessione della cd. licenza obbligatoria zione degli obiettivi socio-economici, la politica in- (compulsory industrial license) ai sensi dell’Indu-54 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 54. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaListrial (Development & Regulation) Act, 1951: nazionalità indiana o estera, è limitata a una percen-• distillazione e preparazione di bevande alcoli- tuale del 24% del capitale sociale: infatti, se la quo- che; ta di capitale detenuta da terzi supera la soglia del• sigari, sigarette e prodotti sostitutivi del tabac- 24%, l’unità industriale perde il connotato di “pic- co; cola impresa” e deve dunque procurarsi una licenza• tutti i tipi di apparecchiature elettroniche per le industriale per poter operar nel mercato. Per quanto aerospaziali e destinate alla difesa; attiene specificatamente al FDI, qualora il supera-• esplosivi industriali, compresi detonatori mento della soglia del 24% fosse dovuto all’apporto esplosivi, detonatori di sicurezza, polvere da di capitale di provenienza estera, l’operazione dovrà sparo, nitrocellulosa e cerini; essere autorizzata dal Governo indiano (in aggiunta• prodotti chimici pericolosi quali acido cianidri- all’obbligo di richiedere la licenza industriale). Inol- co e suoi derivati, fosgene e suoi derivati, iso- tre, requisito necessario per la concessione della cianati e diisocianati di idrocarburo, non speci- licenza industriale è che almeno il 50% della pro- ficati altrove (per esempio: metil-isocianato). duzione sia destinato all’esportazione.2. proDUzIone DI artIcoLI 3. restrIzIonI rIservatI aLLa pIccoLa sULL’UBIcazIone InDUstrIa (smaLL scaLe GeoGraFIca DeLLo InDUstrIes, ssI) staBILImento InDUstrIaLeLe imprese industriali di dimensione maggiore della Le imprese industriali sono libere di scegliere dovecosiddetta small-scale industries possono produrre situare i propri stabilimenti. La licenza per attivitàarticoli riservati alla piccola impresa solo previo ri- industriale è richiesta solamente qualora il luogolascio di apposita licenza per attività industriale. prescelto si trovi in un raggio di 25 km dal peri-Un’impresa industriale ricade sotto la definizione di metro urbano di una delle 23 città che hanno una“piccola impresa” se l’investimento di capitale negli popolazione di almeno 1 milione di abitanti in baseimpianti e macchinari non supera i 10 milioni di al censimento del 1991. Queste città sono le areeINR (pari a circa € 150.000,00). Le small scale units urbane di Greater Mumbai, Kolkata, Delhi, Chennai,possono produrre qualsiasi articolo e sono esenti Hyderabad, Bangalore, Ahmedabad, Pune, Kanpur,da restrizioni riguardanti l’ubicazione delle stesse. Nagpur, Lucknow, Surat, Jaipur, Kochi, Coimbato-La produzione di alcune categorie di prodotti (quali re, Vadodara, Indore, Patna, Madurai, Bhopal, Vi-prodotti di carta, legno, vetro e ceramiche, prodotti sakhapatnam, Varanasi e i perimetri del comune ditermoplastici, etc.) è riservata dal Governo indiano Ludhiana.esclusivamente al settore delle cd. small-scale in- Le restrizioni all’ubicazione non si applicano (condustries. A livello pratico, alla data del luglio 2010, conseguente esenzione dalla licenza per attività in-erano solamente 20 gli articoli la cui produzione era dustriale) nei seguenti casi:appannaggio esclusivo del settore della piccola im- • se lo stabilimento industriale viene costruito inpresa. Nonostante tale limitazione, la produzione di una zona classificata come “area industriale”questi articoli può essere concessa anche agli ope- prima del 25 luglio 1991;ratori industriali di dimensioni maggiori che richie- • in presenza di prodotti elettronici, software edano e ottengano una specifica licenza per attività stampa di computer e ogni altra attività cheindustriale. possa essere classificata come “attività indu-L’investimento diretto nelle piccole imprese è sot- striale non-inquinante”.toposto a una politica industriale particolare. In ge-nerale, la partecipazione societaria in una impresa Naturalmente, l’ubicazione degli stabilimenti in-piccola o artigianale da parte di un altro soggetto, di dustriali è soggetta ai vigenti piani regolatori e ai 55 Interprofessionalnetwork
  • 55. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi regolamenti in materia di destinazione di uso di ter- reni e in materia ambientale. 4. Nulla osta e autorizzazioni 4. aDempImentI per Le Imprese esentI ambientali DaLLa LIcenza per Lo (environmental svoLGImento DI attIvItà InDUstrIaLe clearences) Le imprese industriali esenti dalla concessione del- la licenza per lo svolgimento di attività industriale P er dare corso a un progetto industriale ricadente in una delle varie categorie di attività elencate nelle “comunicazioni” (notifications) emanate via sono unicamente tenute a depositare un cosiddetto via dagli organi governativi, occorre che l’impresa “promemoria dell’imprenditore industriale” (Indu- ottenga tutti i nulla osta e le autorizzazioni richiesti strial Entrepreneur Memorandum, IEM) secondo il dalla legge sia in materia di controllo dell’inquina- modulo prescritto, presso il Secretariat for Industrial mento che in materia ambientale (environmental Assistance (SIA), Government of India. clearences). L’elenco include complessi petrol- chimici, raffinerie petrolifere, cemento, impianti di 5. LIcenza per La energia termica, prodotti farmaceutici all’ingrosso prosecUzIone (bulk drugs), fertilizzanti, tinture, carta, etc. DeLL’attIvItà Tuttavia, se il progetto prevede un investimento in- ImprenDItorIaLe (carry feriore a INR 1 miliardo (pari a circa € 15 milioni), le environmental clearances non sono necessarie, on BUsIness, coB) salvo che si tratti della produzione di pesticidi, me- dicinali all’ingrosso e prodotti farmaceutici, amian- Ove a causa di un incremento del proprio giro di to e prodotti dell’amianto, stabilimenti integrati per affari una piccola impresa superi il limite dell’inve- la produzione di vernici, progetti minerari, progetti stimento prescritto per le small scale units (INR 10 turistici di certe dimensioni, strade asfaltate nelle milioni, pari a circa € 150.000,00), l’impresa dovrà aree dell’Himalaya, distillerie, tinture, fonderie ed munirsi di una licenza per la prosecuzione dell’atti- elettroplaccatura/galvanostegia. vità (Carry on Business, COB), basata sul volume di La creazione di impianti industriali in certe aree affari più elevato degli ultimi tre anni. Non è fissato considerate ecologicamente a rischio (per esempio: alcun obbligo di esportazione sulla capacità produt- Aravalli Range, aree costiere, Doon Valley, Dahanu, tiva per la quale è concessa la licenza COB. etc.) è regolata da specifiche “linee guida” emanate Tuttavia, in caso di ulteriore incremento della propria dal Ministero dell’ambiente e delle foreste. capacità produttiva oltre quella prevista dalla licenza Gli impianti industriali per i quali non è richiesto COB, per poter proseguire la propria attività, l’im- l’ottenimento delle suddette autorizzazioni e nulla presa dovrà ottenere la concessione della industrial osta ambientali devono comunque ottenere il rila- license vera e propria. scio di due certificati denominati «consent to esta- blish» e «consent to operate» da parte dei com- petenti organismi preposti al controllo dell’inquina- mento (Pollution Control Boards).56 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 56. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi5. Politiche parte di una società estera mediante emissione di nuove azioni, effettuata in base alla automa- economiche per tic route, l’operazione valutaria (bonifico este- ro in entrata) va comunicata alla RBI entro 30 l’investimento giorni tramite una banca autorizzata per conto estero della società indiana. Inoltre, entro 30 giorni dall’emissione delle nuove azioni, va effettuata una seconda comunicazione alla RBI (mediante1. I DUe percorsI modulistica, Form FC-GPR etc.), accompagna- ta da una valutazione del pacchetto azionario DI InGresso a cura di un commercialista iscritto al relativo DeLL’InvestImento estero albo (chartered accountant) e un certificato del DIretto (FDI) secretary della società; • se, anziché nell’emissione di nuove azioni, l’in- vestimento diretto consiste nella operazione diCome ricordato in apertura del presente capitolo, vi acquisizione di azioni esistenti, le comunica-sono due procedure o percorsi di ingresso per ef- zioni debbono essere effettuate dall’investitorefettuare un investimento estero diretto in India. Con estero (sempre tramite una banca indiana auto-la procedura in via automatica (automatic route) rizzata, mediante modulistica, Form FC-TRS).l’investitore estero o la società indiana non necessi-tano dell’approvazione da parte della Reserve Bank Come sopra menzionato, in alcuni limitati settori èof India (RIB) né del Governo indiano. Diversamen- consentito ricorrere alla procedura in via automaticate, nel caso della procedura di autorizzazione go- solo per investimenti esteri diretti rientranti entrovernativa (Government approval route), è richiesta una certa quota massima di partecipazione al ca-una preventiva approvazione da parte del Foreign pitale di società indiane, dovendosi invece fare ri-Investment Promotion Board (FIPB). corso alla preventiva autorizzazione governativa nel caso in cui tali quote vengano superate.1.1 La procedura in via automatica Per un elenco dei settori e delle attività nei qualiAll’investitore estero che effettua una operazione è consentito l’investimento estero diretto tramitedi investimento diretto seguendo la procedura di la automatic route, dell’indicazione della eventualeingresso in via automatica, non sarà richiesta al- quota massima di partecipazione consentita, nonchécuna autorizzazione governativa ma sarà sufficiente per le relative “altre condizioni”, si veda la Tabella 1notificare l’operazione valutaria alla RBI, tramite un riportata successivamente.operatore bancario autorizzato (la banca tramite la Nei settori e nelle attività non elencati nella tabella,quale viene effettuata l’operazione valutaria). Rice- e per i quali l’investimento estero non sia del tut-vuta notizia dell’operazione valutaria prospettata, la to escluso (vedi paragrafo seguente), è consentitoRBI sarà tenuta a verificare l’osservanza dei termini effettuare un FDI tramite la procedura in via auto-per la comunicazione e delle norme e dei regola- matica e senza quote massime di capitale socialementi vigenti, registrandone i dati in caso di esito (quindi, anche il 100%).positivo della verifica; in caso negativo, la RBI hapoteri di accertamento e sanzione e segnala, se del 1.2 La procedura di autorizzazione governa-caso, che l’operazione ricade tra quelle per le quali tivaè richiesta l’autorizzazione governativa. Più specifi- La procedura di autorizzazione governativa vienecamente: effettuata tramite il Foreign Investment Promotion• in caso di investimento diretto consistente Board (FIPB), ed è richiesta nei seguenti casi: nella operazione di acquisizione della parte- • per investimenti diretti in alcuni limitati settori o cipazione azionaria in una società indiana da attività (si veda la Tabella 1) per i quali è sempre 57 Interprofessionalnetwork
  • 57. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi richiesta l’autorizzazione governativa a prescin- • commercio di diritti di sviluppo trasferibili dere dalla quota di partecipazione, per esempio (transferable development rights, TDRs); l’attività di estrazione mineraria, il settore del tè • trasporto ferroviario (a eccezione dei sistemi di o quello della diffusione radiotelevisiva; in al- trasporto rapido di massa). cuni casi sono anche previste delle quote mas- sime di investimento estero; Si precisa che: • in altri settori e attività, quando la partecipa- • il Secretariat for Industrial Assistance (SIA), zione societaria supera la quota massima posta Department of Industrial Policy and Promotion dalla stessa tabella per l’automatic route, come (DIPP), Ministry of Commerce and Industry, ha per esempio nel settore delle telecomunicazioni la funzione di fornire uno sportello unico per o per l’investimento nei servizi aerei di trasporto assistenza alle iniziative imprenditoriali, facili- non di linea, charter e cargo. tazione agli investitori esteri, trattamento delle pratiche per le quali occorre l’autorizzazione La Tabella 1 specifica anche le condizioni speciali governativa, assistenza a imprese e investitori per ogni singolo settore o attività trattati. nella realizzazione di progetti; L’autorizzazione governativa da parte del Secretariat • il Foreign Investment Promotion Board (FIPB), for Industrial Assistance (SIA)/FIPB è richiesta, inol- Department of Economic Affairs, Ministry for tre, se trattasi dell’investimento estero di una quota Finance, ha la funzione di accelerare la crescita superiore al 24% del capitale sociale di un’impresa del settore industriale e incrementare il flusso che produce articoli riservati alla piccola impresa in entrata di investimenti esteri diretti in India, (small scale sector). fornire supporto istituzionale adeguato, proce- dure trasparenti e linee guida per la promozio- A prescindere dal percorso di ingresso richiesto, ne degli investimenti, gestire le pratiche di pro- gli investimenti esteri diretti sono consentiti vir- poste di investimenti esteri che non seguono la tualmente in tutti i settori e attività, salvo i seguenti via di ingresso automatica. specifici settori e attività nei quali invece gli investi- menti esteri sono del tutto esclusi: È previsto che SIA e FIPB, pur facendo capo a due diversi ministeri, operino in stretto collegamento Settori: per quanto riguarda la valutazione di proposte di • gioco d’azzardo e scommesse (inclusa l’apertu- investimento estero: una proposta la cui valutazione ra di un casinò); ricade sotto la competenza del FIPB, va infatti depo- • lotterie (incluse lotterie governative o su inizia- sitata presso il SIA che, effettuato un esame prelimi- tiva privata, anche online); nare, trasmette il fascicolo al FIPB per la successiva • attività o settori non aperti all’investimento a trattazione. opera di privati, quali l’energia atomica; • vendita al dettaglio (salvo la vendita al dettaglio di prodotti monomarca). Attività: • attività di chit fund (un particolare schema di risparmio praticato in India); • società nidhi (la nidhi company è una società cooperativa non bancaria avente a oggetto atti- vità finanziaria rivolta esclusivamente ai soci); • produzione di sigari, sigarette, tabacco o di surrogati del tabacco; • settore immobiliare o costruzioni di fattorie;58 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 58. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLitAbellA 1 - politicA speciFicA di settore per gli investiMenti esteri diretti (Fdi) in indiAGli investimenti esteri diretti nei settori e nelle attività sotto indicati sono consentiti fino alla quota massima di partecipazione societariaspecificata, secondo la procedura di ingresso applicabile, purché siano rispettate le altre condizioni riportate a margine.Per i settori e le attività non inclusi nell’elenco, la partecipazione societaria è ammessa senza quote massime e si applica sempre laprocedura di ingresso “automatica”, purché siano rispettate le vigenti disposizioni (rules & regulations) di settore. Quota settore massima di procedura settore/attività altre condizioni n. partecipazione d’ingresso societaria aGrIcoLtUra e aLLevamento a) Floricoltura; Orticoltura; Alle società che operano nel settore delle sementi o Coltivazione di vegetali e funghi dei vegetali geneticamente modificati si applicano in condizioni controllate; ulteriori condizioni, quali l’obbligo di rispettare b) Sviluppo delle sementi; specifiche norme di legge (contenute nell’Environment c) Allevamento di animali; (Protection) Act) e la necessaria approvazione da parte Piscicoltura, Acquacoltura; di alcuni comitati governativi (Genetic Engineering 1 d) Servizi collegati all’agricoltura 100% In via automatica Approval Committee e Review committee on Genetic ed a settori affini. Manipulation). Per l’importazione di organismi geneticamente NB: sono esclusi investimenti modificati debbono essere rispettate le condizioni esteri in altri settori e attività dettate nelle comunicazioni (Notifications) effettuate dell’agricoltura dal Governo indiano ai sensi del Foreign Trade (Development and Regulation) Act, 1992. Settore del tè, compresa la Dismissione del 26% del capitale in favore di un piantagione di tè Autorizzazione partner indiano privato o pubblico entro 5 anni e FIPB (Foreign 2 100% preventiva approvazione del governo statale interessato NB: sono esclusi investimenti Investment in caso di qualsiasi cambiamento futuro di destinazione esteri in altri settori e attività di Promotion Board) di uso del terreno. piantagione InDUstrIa mInerarIa Esplorazione ed estrazione di Regolato dal Mines & Minerals (Development & diamanti, pietre preziose, oro, 3 100% In via automatica Regulation) Act, 1957 argento e altri minerali (escluso il titanio). Estrazione del carbone e della lignite per la consumazione vincolata di progetti energetici, Si applicano le norme del Coal Mines (Nationalization) 4 ferro e acciaio, produzione di 100% In via automatica Act, 1973. cemento e altre attività qualificate permesse dal Coal Mines (Nationalization) Act, 1973. 59 Interprofessionalnetwork
  • 59. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Stabilimenti di lavorazione del carbone (lavaggio o taglio) a condizione che la società non5 venda il prodotto lavorato nel 100% In via automatica --- mercato aperto ma si limiti a riconsegnarlo alle imprese che hanno fornito la materia prima. Estrazione e separazione Si applicano le regolamentazione di settore, il Mines mineraria, minerali di titanio e and Minerals (Development & Regulation) Act, 1957 e minerali grezzi, lavorazione e le seguenti condizioni: attività integrate. i) gli impianti di lavorazione sono costituiti all’interno dell’India assieme al trasferimento di tecnologia; NB: sono esclusi investimenti Autorizzazione ii) l’eliminazione degli scarti durante la separazione6 100% esteri per l’estrazione di FIPB minerale deve essere effettuata in accordo con le “sostanze prescritte” elencate disposizioni previste dall’Atomic Energy Regulatory nella Governement of India Board quali l’Atomic Energy (Radiation Protection) notification No. S.O. 61 (E) datata Rules, 2004 e l’Atomic Energy (Safe Disposal of 18.1.2006 del Dipartimento per Radioactive Wastes) Rules, 1987. l’Energia Atomica. manIFattUra L’investimento diretto nei settori manifatturieri riservati alle piccole e medie imprese è soggetto a limiti di settore, procedure di autorizzazione e altri regolamenti di settore. Qualsiasi investimento eccedente il 24% del Manifattura di prodotti riservati capitale da parte di una società estera che non rientri alle piccole e medie imprese Autorizzazione nella qualifica di MSE necessita dell’autorizzazione7 vario FIPB e di una licenza industriale emessa ai sensi (Micro and Small Enterprises, FIPB oltre il 24% MSEs) dell’Industries (Development & Regulation) Act,1951. Tale licenza è soggetta ad alcune condizioni generiche e alla condizione specifica che la società estera si impegni a esportare una quota minima pari al 50% della produzione annuale di beni riservati alle MSE. DIFesa Soggetto al rilascio di una licenza ai sensi dell’Industries (Development & Regulation) Act,1951 rilasciata dal Dipartimento per le politiche e la promozione industriale (DIPP), facente capo al Ministero del Commercio e dell’Industria, previa consultazione con il Ministero della Difesa (il procedimento impiega una media di 10 settimane). L’investimento estero e il rilascio della necessaria licenza sono soggetti a numerose condizioni: il Autorizzazione richiedente deve essere una società o associazione8 Settore della difesa 26% FIPB indiana; la gestione della società o associazione deve essere affidata alla componente indiana, la quale deve detenere la maggioranza del Consiglio di Amministrazione; i Consiglieri delegati devono essere residenti in India; i dirigenti della società o associazione devono fornire informazioni dettagliate al Governo indiano, il quale si riserva il diritto di verificare le credenziali, la storia e le condizioni economiche anche degli altri collaboratori stranieri e dei promoter indiani; 60 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 60. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi benché non vi sia alcun requisito di capitalizzazione minima dell’investimento, il DIPP ne verifica l’adeguatezza agli obiettivi industriali prefissati; i trasferimenti di capitale tra investitori non residenti in India sono soggetti a un periodo di blocco di 3 anni e alla previa approvazione da parte del FIPB e del Governo. La concessione della licenza non rappresenta un impegno del Governo per l’acquisto dei prodotti militari. Vengono in certa misura resi disponibili dei programmi di acquisizioni pianificate (che, tuttavia, tendono a favorire l’acquisizione di manufatti militari prodotti dalle industrie pubbliche). Vi sono anche limitazioni per quanto riguarda la ricerca e lo sviluppo di teconologie militari e la vendita di prodotti militari ad altri stati, nonché l’obbligo di prevedere misure di sicurezza degli stabilimenti che vengono verificate periodicamente dalle agenzie governative preposte. enerGIa a) Produzione e trasmissione di energia elettrica prodotta in centrali idroelettriche o termiche a carbone, lignite, petrolio o gas; b) Produzione e distribuzione di energia elettrica da fonte rinnovabile;9 c) Distribuzione di energia 100% In via automatica --- elettrica a utenti privati, industriali e commerciali; d) Commercio di energia. NB: è escluso l’investimento estero nel settore dell’energia atomica servIzI avIazIone cIvILe10 Aeroporti Si applicano le disposizioni di settore comunicate dala. Nuovi progetti 100% In via automatica Ministero dell’aviazione civile Autorizzazione Si applicano le disposizioni di settore comunicate dalb. Progetti esistenti 100% FIPB oltre il 74% Ministero dell’aviazione civile Trasporto aereo compresi voli di linea nazionali per passeggeri; voli non di linea; voli charter; voli cargo; servizi di elicottero e11 idrovolante 49% - FDI; 100% - per È vietata la partecipazione, diretta o indiretta, da parte Servizi aerei di trasporto di linea/a. investimenti In via automatica di compagnie aeree straniere. Si applicano anche le nazionali di indiani non disposizioni di settore. residenti (nrIs) 61 Interprofessionalnetwork
  • 61. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi È vietata la partecipazione, diretta o indiretta, da parte 74% - FDI; In via automatica di compagnie aeree straniere nelle compagnie aeree 100% - per fino al 49%; Servizi aerei di trasporto non di non di linea e charter. Le compagnie aeree straniereb. investimenti autorizzazione linea, voli charter e voli cargo possono partecipare al capitale netto delle compagnie di indiani non FIPB tra il 49 e che operano su voli cargo. Si applicano anche le residenti (nrIs) il 74% disposizioni di settore. Servizi di elicottero/idrovolante Le compagnie aeree straniere possono partecipare che richiedono l’autorizzazione al capitale netto delle imprese che operano nellec. 100% In via automatica del Directorate General Civil compagnie di elicotteri e idrovolanti. Si applicano Aviation (DGCA) anche le disposizioni di settore.12 Altri servizi del settore dell’aviazione civile 74% - FDI; In via automatica 100% - per fino al 49%; Si applicano le disposizioni di settore ed è richiestaa. Servizi di gestione a terra investimenti autorizzazione l’autorizzazione di sicurezza. di indiani non FIPB tra il 49 e residenti (nrIs) il 74% Imprese di manutenzione e riparazione; istituti dib. 100% In via automatica --- addestramento di volo; e istituti di addestramento tecnico socIetà DI rIstrUttUrazIone Laddove ogni singolo investimento ecceda il 10% del capitale netto, devono essere rispettate le Società di ristrutturazione Autorizzazione13 49% (solo FDI) disposizioni della sezione 3(3) (f) del Securization and aziendale FIPB Reconstruction of Financial Assets and Enforcement of Security Interest Act, 2002. socIetà BancarIe 74% (FDI+FII) entro questo limite l’investimento Si applicano le linee guida della RBI sulla costituzione14 Settore privato FII (Foreign In via automatica di sedi secondarie/filiali di banche straniere. Insitutional Investor) non deve eccedere il 49%. Si applicano i Banking Companies (Acquisition &14 Settore pubblico 20% (FDI+FII) In via automatica transfer of Undertakings) Acts, 1970 e 1980. teLecomUnIcazIonI15 Diffusione radiotelevisiva Autorizzazione Si applicano le linee guida comunicate dala. Radio FM 20% FIPB Ministero. Si applicano le Cable Television Network Rules, 49% Autorizzazioneb. Network via cavo 1994 comunicate dal Ministero dell’informazione FIPB e della diffusione radiotelevisiva. 62 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 62. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 49% (FDI+ nrI + FII) entro questo Autorizzazione Si applicano le linee guida del Ministeroc. Satellitare (Direct-To-Home) limite, la FIPB dell’informazione e della diffusione radiotelevisiva. componente di FDI non deve eccedere il 20% In via automatica fino al 49%; Network Headend-In-The-Skyd. 74% (FDI+FII) autorizzazione --- (HITS) FIPB tra il 49 e il 74% Creazione di installazioni Si applica la Policy di Up-linking comunicata 49% Autorizzazionee. hardware quali up-linking, HUB, dal Ministero dell’informazione e della diffusione (FDI + FII) FIPB etc. radiotelevisiva. Collegamento in up-linking di 26% Autorizzazione Si applicano le linee guida del Ministerof. una stazione televisiva di notizie (FDI + FII) FIPB dell’informazione e della diffusione radiotelevisiva. e attualità Collegamento in up-linking di Autorizzazione Si applicano le linee guida del Ministerog. una stazione televisiva che non si 100% FIPB dell’informazione e della diffusione radiotelevisiva. occupa di notizie e attualità In via automatica fino al 49% Tutti gli altri servizi dih. 74% --- telecomunicazione Autorizzazione FIPB oltre il 49% aLtrI servIzI Si applica il Forward Contracts (Regulation) Act, 1952. 49% Società operanti nei mercati di Autorizzazione Le acquisizioni di FII devono essere limitate al solo16 (26% FDI + 23% futures relativi alle materie prime FIPB mercato secondario. Si applicano le disposizioni delle FII) competenti Authorities di regolamentazione. Si applicano alcune condizioni aggiuntive, Progetti di sviluppo edilizio, comprendenti: compresi alloggi, locali a. una capitalizzazione minima di USD 10 milioni per le commerciali, resort, istituzioni società interamente controllate e di USD 5 milioni per educative, attrezzature ricreative, le joint venture. I fondi dovranno essere apportati entro infrastrutture a livello cittadino e17 100% In via automatica sei mesi dall’inizio dell’attività della società; regionale, cittadine. b.l’area minima da sviluppare in ciascun progetto deve essere pari a 10 ettari in caso di sviluppo di nuclei NB: il FDI non è concesso abitativi provvisti di servizi, a 50.000 m2 in caso di per la mera gestione di affari progetti di sviluppo edilizio o ad una qualsiasi di immobiliari queste misure in caso di progetto misto. Autorizzazione18 Servizi di corriere espresso 100% --- FIPB Imprese di infrastrutture nei mercati azionari e obbligazionari 49% Le acquisizioni da parte di FII devono essere limitate al Autorizzazione19 come borse valori, società (26% FDI + 23% solo mercato secondario. Si applicano le disposizioni FIPB di deposito titoli, società di FII) delle competenti Authorities di regolamentazione. clearing 63 Interprofessionalnetwork
  • 63. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 49% (FDI+FII) All’investimento estero nelle CIC si applica il Credit Società di informazioni entro questo Autorizzazione Information Companies (Regulation) Act, 2005. Si20 commerciali (Credit Information limite, FIPB applicano le disposizioni delle competenti Authorities Companies – CIC) l’investimento di regolamentazione. di FII non deve eccedere il 24% Le condizioni applicabili per i progetti di sviluppo edilizio non trovano applicazione purché siano rispettate le seguenti condizioni: Parchi industriali in fase di i) i parchi siano costituiti da almeno 10 unità, nessuna21 100% In via automatica costruzione e già realizzati delle quali occupi più del 50% dell’area stanziabile; ii) la percentuale minima dell’area da stanziare per l’attività industriale non sia inferiore al 66% dell’intera area stanziabile. È necessario il rilascio di una licenza da parte22 Assicurazione 26% In via automatica dell’Insurance Regulatory & Development Authority23 Società finanziarie non bancarie (NBFC)i) Merchant banking Si applicano:ii) Finanziamento a. le norme sulla capitalizzazione minima di società finanziarie non bancarie basate su capitale – USD 0,5iii) Servizi di gestione del Portfolio milioni da versare in anticipo per FDI fino al 51%; USD 5 milioni da versare in anticipo per FDI superiori aliv) Servizi di consulenza per gli 51% e fino al 75%; e USD 50 milioni dei quali USD investimenti 7,5 da versare in anticipo e il saldo in 24 mesi, per FDI oltre il 75% e fino al 100%.v) Consulenza finanziaria b. le norme sulla capitalizzazione minima di societàvi) Intermediazione in titoli finanziarie non bancarie non basate su capitale (USD 0,5 milioni).vii) Gestione delle attivitàix) Servizio di custodia c. Gli investitori esteri possono costituire filiali 100% In via automatica operative al 100% senza la condizione di doverx) Factoring smobilizzare almeno il 25% del proprio capitale netto verso entità indiane, purché vengano apportati USDxi) Agenzie di rating 50 milioni, senza alcuna restrizione riguardante ilxii) Leasing & Finanziamento numero di filiali operative e senza l’apporto di capitale supplementare.xiii) Finanziamento edilizio d. 2 o più NBFC operanti in regime di joint venturexiv) Intermediazione di cambio investimento estero fino al 75% potranno anch’esse costituire filiali per altre attività di NBFC a condizionexv) Attività di carta di credito che anche le filiali soddisfino il requisito del capitalexvi) Attività di cambio minimo in entrata applicabile.xvii) Micro credito e. Rispetto delle linee guida della Reserve Bank of India.xviii) Credito rurale24 Settore del Petrolio e dei Gas naturali Raffinazione di petrolio operata Autorizzazione È vietata la cessione o diluzione della partecipazionea. da società statali (PSUs - Public 49% FIPB azionaria locale in società statali esistenti. Sector Undertakings) 64 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 64. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Altro rispetto alla raffinazione, compresi studi di mercato e formulazioni; investimenti o finanziamenti; creazione Si applicano le disposizioni di settore del Ministero del b. di infrastrutture per la 100% In via automatica Petrolio e dei Gas naturali. commercializzazione nel settore del petrolio e dei gas naturali; attività di esplorazione di nuovi giacimenti. 25 Media della carta stampata Pubblicazione di giornali e Si applicano le linee guida comunicate dal Ministero periodici che trattano di notizie Autorizzazione dell’Informazione e della diffusione radiotelevisiva a. 26% e attualità (comprese le edizioni FIPB (Ministry of Information & Broadcasting) il 4 dicembre indiane di riviste straniere) 2008. Pubblicazione di giornali Autorizzazione Si applicano le linee guida riportate nel Comunicato b. scientifici/ riviste specializzate/ 100% FIPB stampa 3 (2007 Series) datato 19 aprile 2007. periodici Si applicano le linee guida comunicate dal Ministry of Information & Broadcasting il 31 marzo 2006. L’investitore estero che propone l’investimento diretto Pubblicazione di edizioni fac- Autorizzazione (FDI) deve essere il proprietario della testata straniera. c. simile di giornali e periodici 100% FIPB La pubblicazione di edizioni fac-simile di giornali o stranieri periodici stranieri può essere eseguita solo da società registrate o costituite in India ai sensi del Companies Act, 1956. 26 Commercio Commercio all’ingrosso/ cash a. 100% In via automatica & carry Limitato al commercio B2B tramite piattaforma Commercio elettronico b. 100% In via automatica elettronica. (E-commerce) È esclusa la vendita di prodotti al dettaglio. Marketing di prova degli A condizione che l’approvazione al marketing di prova articoli per i quali una società Autorizzazione sia per un periodo di due anni e che l’investimento per c. 100% ha l’autorizzazione per la FIPB la creazione di attrezzature per la produzione cominci fabbricazione simultaneamente al marketing di prova. Si applicano le linee guida per il FDI nel commercio del Department of Industrial Policy & Promotion. Vendita al dettaglio di prodotti Autorizzazione d. 51% mono marca FIPB NB: Questo tipo di investimento rappresenta un’eccezione al generale divieto di investimento estero diretto (FDI) nella attività di vendita al dettaglio. Satelliti – Autorizzazione Si applicano le linee guida del Department of Space/ 27 74% Collocazione e operatività FIPB ISRO.Fonte: Consolidated Circular No. 1/2011 (D/o IPP F. No. 5(1)/2011-FC) datata 31 marzo 2011, emanata dal Ministry of Commerce & Industry, Department of IndustrialPolicy & Promotion, intitolata “Consolidated FDI Policy” 65 Interprofessionalnetwork
  • 65. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 1.3 Investimento estero di portafoglio 1.4 certificati di titoli in custodia americani Agli investitori istituzionali stranieri (Foreign Insti- (American Depositary Receipts) e certi- tutional Investors, FIIs) iscritti presso la Securities ficati di titoli in custodia globali (Global and Exchange Board of India (SEBI) e ai cittadini Depositary Receipts) indiani non-residenti (Non-resident Indians, NRIs), I certificati di titoli in custodia (Depositary Receipts, è consentito acquistare azioni e obbligazioni con- DR) sono titoli negoziabili emessi fuori dall’India vertibili emesse da società indiane in base allo da parte di una banca depositaria, per conto di una “schema” dell’investimento di portafoglio (Portfolio società indiana, rappresentativi delle partecipazioni Investment Scheme, PIS). Gli investitori istituzionali azionarie della società e denominati in rupie indiane, stranieri devono registrarsi presso la SEBI e osser- tenuti in deposito da parte di una banca depositaria vare i regolamenti valutari della Reserve Bank of In- in India. I DR sono negoziati sulle borse negli USA, dia (RBI). Singapore, Lussemburgo, etc. La registrazione come Foreign Institutional Investors I DR che vengono quotati e negoziati sui mercati sta- è consentita in relazione a fondi pensione stranieri, tunitensi sono conosciuti come Certificati di titoli in fondi comuni di investimento, trust di investimento custodia americani (American Depositary Receipts, (investment trusts), società di gestione patrimonia- ADRs), mentre quelli quotati e negoziati altrove le, compagnie di assicurazione o riassicurazione, sono conosciuti come Certificati di titoli in custo- società fiduciarie e società di gestione di portafogli dia globali (Global Depositary Receipts, GDRs). Nel azionari o ai loro rappresentanti. contesto indiano, i DR sono trattati alla stregua di I Foreign Institutional Investors registrati presso la investimenti esteri diretti (FDI). SEBI possono negoziare tutti i tipi di contratti deriva- Le società indiane possono procurarsi riserve di va- ti approvati dalla RBI/SEBI sulle borse riconosciute luta straniera all’estero mediante l’emissione di ADR/ in India, alle condizioni di collocamento e ai margini GDR, in conformità con lo “schema” per l’emissione prescritti di volta in volta dalla RBI/SEBI, così come di obbligazioni convertibili e azioni ordinarie in va- le stipulazioni relative alle garanzie collaterali se- luta straniera (Scheme for Issue of Foreign Currency condo le indicazioni della Reserve Bank of India. Ai Convertible Bonds and Ordinary Shares), attraverso Foreign Institutional Investors è, inoltre, accordata la il cd. meccanismo dei certificati di titoli in custodia possibilità di investire in titoli negoziati nei mercati (Depository Receipt Mechanism) del 1993 e le linee primari e secondari dell’India in base allo Schema guida diffuse periodicamente dal Governo indiano. PIS. I suddetti titoli comprendono azioni, obbliga- Una società può emettere ADR/GDR se è autorizzata zioni, garanzie, quote di fondi comuni di investimen- a emettere azioni a persone residenti fuori dall’India to, strumenti derivati e titoli governativi. in base allo Schema sugli investimenti esteri diretti Al fine di regolamentare gli investimenti dei FIIs, le (FDI Scheme). Qualora una emissione di ADR/GDR linee guida FII e i regolamenti RBI pongono determi- o di obbligazioni convertibili in valuta straniera (Fo- nati limiti di investimento. Tali restrizioni non trova- reign Currency Convertible Bonds, FCCBs) da parte no applicazione in caso di investimenti effettuati da di una società renda probabile l’aumento dei limiti FIIs tramite fondi offshore, certificati di titoli in cu- di investimento consentiti per l’investimento estero stodia globali (Global Depositary Receipts, GDRs), diretto in base al percorso di ingresso automatico certificati di titoli in custodia americani (American (automatic route), o qualora tale investimento sia ef- Depositary Receipts, ADRs) od obbligazioni conver- fettuato in forma di progetto che necessiti dell’auto- tibili in Euro. rizzazione governativa, questa deve essere ottenuta. Oltre agli enti che sono qualificabili come FIIs, anche altri investitori stranieri possono registrarsi come 1.5 Investimento tramite azioni privilegiate/ sub-accounts, e sono classificati in: obbligazioni convertibili • fondi di investimento e istituzioni collettivi; Gli investimenti esteri tramite azioni privilegiate • fondi proprietari; convertibili/obbligazioni convertibili sono tratta- • società e persone fisiche straniere. ti alla stregua di investimenti esteri diretti (FDI). È66 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 66. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLipossibile effettuare tali investimenti sia attraverso la 3. operazIonI DI capItaLeautomatic route che la Government approval route a (cApItAl AccoUntseconda della politica di settore (sectoral policy) edelle linee guida (guidelines). Le azioni privilegiate tRAnSActIonS)e le obbligazioni non necessariamente convertibiliin azioni (equity shares) sono trattate come presti- Le operazioni di capitale di un soggetto possono es-ti commerciali esterni (External Commercial Bor- sere classificate come segue:rowings, ECB) e devono conformarsi alle relative li- • operazioni di un soggetto residente in India;nee guida (ECB guidelines) emesse periodicamente • operazioni di un soggetto non residente in In-dalla Reserve Bank of India. dia. Le operazioni specificatamente consentite a soggetti6. I controlli dei cambi non residenti in India includono: • l’acquisizione e il trasferimento di proprietà im-1. La poLItIca DeI camBI mobiliari in India; • garanzie da parte di tali soggetti in favore di unaLa legge sulla gestione dei cambi del 1999 (Foreign persona residente in India;Exchange Management Act, FEMA) regola il mercato • importazione ed esportazione di valuta o banco-dei cambi in India. Prima dell’introduzione di questa note verso o dall’India;legge, il mercato dei cambi era regolato dalla RBI at- • depositi tra un soggetto residente in India e untraverso l’Exchange Control Department, dalla legge soggetto non residente in India;sulla regolamentazione dei cambi del 1947 (Foreign • conti in valuta estera in India di una personaExchange Regulation Act, FERA). non residente in India;In seguito al conseguimento dell’indipendenza dal • rimesse verso l’estero di capitali indiani di unRegno Unito nel 1947, fu introdotto il FERA come soggetto non residente in India.misura temporanea per la regolamentazione del flus-so in entrata di capitale straniero. Con lo sviluppo Di seguito riportiamo le principali disposizioni relati-economico e industriale, tuttavia si avvertì l’esigenza ve al rimpatrio di valuta estera per determinati scopi.di gestire la valuta estera e, conseguentemente, fuvarato il FEMA. 4. rImpatrIo DI capItaLe2. operazIonI correntI In via generale, è consentito il rimpatrio di capitale stra- (cURREnt AccoUnt niero investito in India insieme al relativo apprezzamento di capitale, previo pagamento delle tasse e imposte appli- tRAnSActIonS) cabili, in caso di investimenti autorizzati sul principio del rimpatrio o effettuati attraverso la procedura in via auto-La Rupia indiana (INR) è interamente convertibile matica (automatic route).per quanto riguarda operazioni correnti di pagamen-to. Ciò implica che la valuta estera è liberamente ac- 5. royaLtIes e LUmp sUmscessibile ai residenti indiani per rimesse a fronte ditransazioni correnti per molteplici scopi, quali viag- per Know-How tecnIcogi all’estero, istruzione all’estero, trattamenti mediciall’estero, etc., ma non per specifiche spese per le Alle società indiane è consentito effettuare pagamenti versoquali è richiesta l’approvazione della Reserve Bank l’estero di somme a titolo di compensi fissi forfetari (lumpof India. sums) e di royalties a fronte di contratti trasferimento di tecnologia (Foreign Technical Collaboration Agree- ments). 67 Interprofessionalnetwork
  • 67. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 6. compensI per 9. prestItI commercIaLI prestazIonI DI esternI (externaL consULenza tecnIca commercIaL BorrowInGs) È altresì consentito alle società indiane l’assun- zione di servizi di consulenza da parte di perso- Per prestiti commerciali esterni (External Com- nale tecnico straniero e di effettuare pagamenti mercial Borrowings, ECB) si intendono prestiti a titolo di corrispettivo per detta consulenza commerciali quali mutui bancari, linee di credito di tecnica a determinate condizioni, ma indipen- acquirenti o di fornitori, strumenti garantiti (quali dentemente dalla durata della permanenza del titoli a tasso variabile e obbligazioni a tasso fis- personale tecnico sul territorio indiano. so) forniti da finanziatori non-residenti, aventi una scadenza media di almeno 3 anni. Gli ECB possono 7. DIvIDenDI essere effettuati sia tramite la via di ingresso della procedura in via automatica (automatic route) che tramite la procedura di autorizzazione governativa I profitti e i dividendi conseguiti in India sono (Government approval route). rimpatriabili previa corresponsione delle tas- se e imposte applicabili. Non occorre alcuna 9.1 La procedura in via automatica autorizzazione da parte della Reserve Bank Le condizioni alle quali gli ECB sono concessi at- of India per effettuare i pagamenti in que- traverso la procedura in via automatica sono rela- stione, che devono tuttavia avvenire in con- tive ai seguenti elementi: formità a determinate condizioni specifiche. • mutuatari qualificati (eligible borrowers); Attualmente, i dividendi distribuiti sono esen- • finanziatori accreditati (recognized lenders); ti da imposte a carico del beneficiario, posto • importi e scadenze; che la tassazione avviene in capo alla società • utilizzazioni finali consentite; che li distribuisce (dividend distribution tax). • utilizzazioni finali non consentite. 8. aLtrI paGamentI mutuatari qualificati (eligible borrowers) Sono idonei a ottenere gli ECB: gli enti costituiti Non occorre la previa autorizzazione per il pa- in forma societaria, compresi quelli operanti nel gamento di profitti realizzati da sedi secondarie settore alberghiero, ospedaliero e informatico – (branch offices) in India di società straniere registrate ai sensi del Companies Act, 1956, a ec- – diverse da banche – verso le sedi ammini- cezione degli intermediari finanziari, quali banche, strative e di direzione centrali localizzate fuori istituzioni finanziarie (FI), società finanziarie per dall’India. Le rimesse dei proventi della liqui- l’edilizia (HFCs) e società finanziarie non bancarie dazione della sede secondaria indiana di una (NBFCs). Al contrario i suddetti prestiti non pos- società straniera sono consentite, ancorché sono essere concessi a persone fisiche, a trust né soggette all’autorizzazione della Reserve Bank a organizzazioni senza fini di lucro. of India. Inoltre, sono consentiti svariati tipi Le unità industriali situate nelle aree economiche di pagamenti per determinati articoli, compre- speciali (Special Economic Zones, SEZ) possono si regali, riparazioni di macchinari importati, ottenere gli ECB per le proprie esigenze, ancorché manutenzione e spese legali, purché entro certi nel rispetto di certe condizioni. limiti. Sono idonee a usufruire degli ECB anche le or- ganizzazioni non governative (Non-government organizations, NGOs) che si occupano di attività di micro finanza, nel rispetto di certe condizioni.68 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 68. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiFinanziatori accreditati (recognized lenders) gnate nelle attività di micro-finanza è consentitoAi “mutuatari qualificati” di cui sopra è consentito ricorrere a ECB fino a un massimo di USD 5 milio-ottenere gli ECB da parte di finanziatori internazio- ni suo equivalente in un esercizio finanziario. Unanalmente accreditati quali: banche internazionali, banca di gestione autorizzata e designata deve assi-mercati finanziari internazionali, istituzioni finanzia- curare che al momento del drawdown l’esposizionerie multilaterali (quali IFC, ADB, CDC, etc.), agenzie al rischio di cambio da parte del mutuatario sia pie-di credito all’esportazione, fornitori di attrezzature, namente coperta (hedged) per evitare perdite.società straniere con le quali sussistono rapporti di ECB fino a USD 20 milioni o equivalente in un eser-collaborazione, e titolari stranieri di azioni (a ecce- cizio finanziario sono consentiti con una scadenzazione dei c.d. erstwhile OCBs - Overseas Corporate media minima di 3 anni.Bodies, società straniere controllate almeno al 60% ECB superiori a USD 20 milioni o equivalente e finoda cittadini indiani non-residenti e costituite prima a USD 500 milioni o equivalente devono prevederedel 16 settembre 2003). una scadenza media minima di 5 anni.Per essere qualificato come “finanziatore accredi- ECB fino a USD 20 milioni o equivalente possonotato” attraverso la procedura di ingresso in via au- avere un’opzione di call/put purché la scadenza me-tomatica, il «titolare straniero di azioni» deve dete- dia minima di 3 anni sia trascorsa prima dell’eserci-nere una quota di capitale interamente versato nella zio dell’opzione di call/put.società mutuataria non inferiore alle seguenti:• per prestiti commerciali esterni (ECB) fino a Utilizzazioni finali consentite USD 5 milioni – capitale minimo interamente È consentito ricorrere a prestiti commerciali esterni versato del 25% detenuto direttamente dal mu- (External Commercial Borrowings, ECB) per le se- tuatario; guenti finalità:• per prestiti commerciali esterni (ECB) superiori • per l’investimento (ad esempio l’importazione di a USD 5 milioni – capitale minimo interamen- merci e macchinari necessari alla produzione, te versato del 25% detenuto direttamente dal capital goods, così come classificati dal DGFT mutuatario e rapporto debiti-capitale non ec- nel Foreign Trade Policy, nuovi progetti, mo- cedente 4:1 (cioè l’ECB proposto non deve es- dernizzazione o espansione di unità produttive sere quattro volte superiore alla partecipazione esistenti) nei settori immobiliare, industriale azionaria diretta straniera). (incluse piccole e medie imprese), delle infra- strutture e in specifici settori dei servizi (qualiImporti e scadenze i settori alberghiero, ospedaliero e informatico)È consentito a tutte le società (tranne quelle operan- in India. Per “settore delle infrastrutture” si in-ti nei settori alberghiero, ospedaliero e informatico) tendono i seguenti settori: energia, telecomu-ricorrere a prestiti commerciali esterni (External nicazioni, ferroviario, strade compresi i ponti,Commercial Borrowings, ECB) fino a un massimo porti e aeroporti, parchi industriali, infrastrut-di USD 500 milioni o equivalente durante un eser- ture urbane (progetti di fornitura di acqua, im-cizio finanziario. pianti igienici e rete fognaria), minerario, raf-Alle società operanti nel settore dei servizi (cioè i finazione ed esplorazione, impianti refrigeratisettori alberghiero, ospedaliero e informatico) è per l’immagazzinamento e la conservazione diconsentito ricorrere a prestiti commerciali ester- prodotti agricoli e loro derivati, prodotti marinini (ECB) fino a un massimo di USD 100 milioni o e carni (incluse le attività di pre-refrigerazioneequivalente in un esercizio finanziario, per far fronte a livello delle fattorie);a spese di capitale in valuta straniera e/o in Rupie • per investimenti esteri diretti in joint-venturesindiane, per finalità ammesse. Le somme ricevute (JVs) e società interamente controllate (whollya titolo di ECB non possono essere utilizzate per owned subsidiaries, WOSs), nel rispetto dellel’acquisizione di terreni. vigenti linee guida sugli investimenti esteri di-Alle organizzazioni non governative (NGOs) impe- retti in India; 69 Interprofessionalnetwork
  • 69. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi • nell’ambito del programma governativo di pri- sono relative ai seguenti elementi: vatizzazione (disinvestment) di partecipazioni • mutuatari qualificati; azionarie di società statali, per la prima fase di • finanziatori accreditati; acquisizione di tali partecipazioni azionarie e • importo e scadenza; anche nella seconda fase obbligatoria di offerta • utilizzazioni finali consentite; pubblica; • utilizzazioni finali non consentite. • per il pagamento di autorizzazioni (licenses/ permits) per il settore telefonia mobile, il cd. mutuatari qualificati 3G spectrum; Le seguenti tipologie di domande per prestiti com- • per prestiti a gruppi di auto-sostegno o per il merciali esterni (External Commercial Borrowings, micro-credito o per l’attività di micro-finanza ECB) sono coperte dalla procedura di autorizzazio- (cd. prestiti d’onore), inclusa la capacità ricet- ne governativa: tiva (capacity building) da parte di organizza- • le operazioni di credito attive della Banca di im- zioni non governative impegnate in attività di portazione ed esportazione indiana (Export-Im- micro-finanza; port Bank of India) per finalità specifiche sono • le società finanziarie per le infrastrutture (Infra- sottposte a una valutazione caso per caso; structure Finance Companies, IFCs), ossia le • per le banche e le istituzioni finanziarie che società finanziarie non bancarie (Non Banking hanno partecipato al pacchetto di ristruttura- Finance Companies, NBFCs) qualificate come zione del settore tessile o dell’acciaio appro- IFCs dalla Reserve Bank of India (RIB), posso- vato dal Governo è prevista un’autorizzazione no avvalersi degli ECB, inclusi gli ECB residui, a ricorrere a prestiti commerciali esterni (ECB) fino al 50% dei fondi posseduti. Tale possibi- fino all’importo del loro investimento nel pac- lità deve essere finalizzata al prestito al settore chetto, previa determinazione da parte della RBI dell’infrastruttura come definito dalle politi- su base prudenziale. Eventuali ECB ricevuti per che sugli ECB ed è soggetta al rispetto della tale scopo saranno detratti dall’importo al qua- normativa prescritta dalla circolare emanata le hanno diritto; dal DNBS (DNBS.PD.CCNo.168 / 03.02.089 / • ECB con una scadenza minima di 5 anni in 2009-10 del 12 febbraio 2010) e alla copertura media corrisposti a società finanziarie non (hedging) del rischio di cambio valutario. bancarie (Non-Banking Financial Companies, NBFCs) da parte di istituzioni finanziarie mul- Utilizzazioni finali non consentite tilaterali, istituzioni finanziarie regionali di Non è consentito ricorrere a prestiti commerciali buona reputazione, agenzie ufficiali di credito esterni (External Commercial Borrowings, ECB) per all’esportazione e banche internazionali, allo i seguenti fini: scopo di finanziare l’importazione di attrezza- • per operazioni di credito attive (on-lending) o ture infrastrutturali per il leasing a progetti di investimenti sul mercato finanziario o per l’ac- infrastrutture; quisizione di una società (o parte di essa) in • le Società finanziarie per le infrastrutture (In- India da parte di una società straniera; frastructure Finance Companies, IFCs), ossia • nel settore della proprietà immobiliare; le società finanziarie non bancarie (Non Ban- • per capitale circolante (working capital), sco- king Finance Companies, NBFCs) qualificate pi aziendali generali e il rimborso di prestiti in come IFCs dalla Reserve Bank of India (RIB), Rupie indiane attivi. che intendano avvalersi degli ECB, inclusi gli ECB residui, oltre il limite del 50% dei fondi 9.2. La procedura di autorizzazione (appro- posseduti, debbono seguire la procedura di au- val route) torizzazione governativa. Tale possibilità deve Le condizioni alle quali gli ECB sono concessi at- essere finalizzata al prestito al settore dell’in- traverso la procedura di autorizzazione governativa frastruttura come definito dalle politiche sugli70 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 70. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi ECB ed è soggetta al rispetto della normativa matico è consentito ricorrere agli ECB oltre il prescritta dalla circolare emanata dal DNBS valore di USD 100 milioni per esercizio finan- (DNBS.PD.CCNo.168 / 03.02.089 / 2009-10 ziario; del 12 febbraio 2010) e alla piena copertura • le società che, avendo violato la vigente po- (hedging) del rischio di cambio valutario; litica degli ECB, sono sotto indagine da parte• obbligazioni convertibili in valuta straniera della Reserve Bank of India e/o della Direzione (Foreign Currency Convertible Bonds, FCCBs) per l’Attuazione (Directorate of Enforcement) emesse a società finanziarie per l’edilizia che possono ricorrere agli ECB solo attraverso la soddisfano i seguenti criteri minimi: il patrimo- procedura di autorizzazione; nio netto minimo dell’intermediario finanziario • le ipotesi che non rientrano nell’ambito della durante i precedenti tre anni non deve essere procedura automatica e che rispettano i requi- inferiore a INR 5 miliardi; la quotazione sulla siti del periodo di scadenza. borsa di Bombay (Bombay Stock Exchange) o la borsa nazionale (National Stock Exchange); Finanziatori accreditati il taglio minimo delle obbligazioni convertibili I “mutuatari qualificati” possono ottenere gli ECB in valuta straniera è di USD 100; la richiedente da parte di: deve presentare lo scopo/il piano di utilizzazio- • fonti internazionali riconosciute quali: banche ne dei fondi; internazionali, mercati finanziari internazio-• veicoli societari costituiti per uno scopo spe- nali, istituzioni finanziarie multilaterali (quali cifico (Special Purpose Vehicles), o qualsiasi la International Finance Corporation, IFC, la altro ente notificato dalla Reserve Bank of India, Asian Development Bank, ADB, etc.), agenzie costituiti per finanziare esclusivamente società/ di credito all’esportazione, fornitori di attrezza- progetti di infrastrutture, vengono trattati alla ture, società straniere con le quali sussistono stregua di una istituzione finanziaria e gli ECB rapporti di “collaborazione”, e titolari stranieri a queste entità saranno trattati con la procedura di titolari stranieri di azioni (a eccezione dei cd. di autorizzazione; erstwhile OCBs - Overseas Corporate Bodies,• società cooperative multinazionali aventi a pre-esistenti al 16.09.2003); oggetto attività produttive, che soddisfano i • titolari stranieri di azioni (foreign equity hol- seguenti requisiti: solvibilità finanziaria della ders), qualora il capitale minimo interamente società cooperativa, e presentazione di un bi- versato detenuto direttamente dal finanziatore lancio aggiornato e oggetto di auditing; estero sia del 25% ma il rapporto tra l’ECB e• alle imprese di sviluppo in zone economiche il capitale ecceda 4:1 (cioè l’ECB proposto è speciali (Special Economic Zone, SEZ) è con- quattro volte superiore alla partecipazione sentito ricorrere agli ECB per fornire le SEZ azionaria diretta straniera). di infrastrutture, come previsto nella vigente politica degli ECB, cioè: energia, telecomuni- Importo e scadenza cazioni, ferrovie, strade compresi ponti, porti Alle società che operano nel settore dei servizi qua- e aeroporti, parchi industriali, infrastrutture li quello alberghiero, ospedaliero o informatico è urbane (fornitura di acqua, impianti igienici e consentito ricorrere agli ECB oltre il valore di USD rete fognaria) ed estrazione mineraria, raffinerie 100 milioni per esercizio finanziario, al fine di effet- ed esplorazioni, impianti refrigerati per l’imma- tuare spese in INR o in altre valute nell’ambito delle gazzinamento e la conservazione di prodotti utilizzazioni finali consentite. I ricavi degli ECB non agricoli e loro derivati, prodotti marini e carni possono essere però utilizzati per l’acquisto di pro- (incluse le attività di pre-refrigerazione a livello prietà fondiarie. delle fattorie); Alle società in generale è consentito ricorrere agli• alle società che operano nel settore dei servizi ECB per un importo ulteriore di USD 250 milioni quali quello alberghiero, ospedaliero o infor- con scadenza media superiore ai 10 anni di me- 71 Interprofessionalnetwork
  • 71. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi dia attraverso la procedura di autorizzazione, oltre pagamento dell’ultima rata al Governo; la Banca al limite esistente di USD 500 milioni tramite la Autorizzata (di categoria I) deve monitorare la procedura in via automatica, durante un esercizio corretta utilizzazione dei fondi; la Reserve Bank finanziario. Anche gli altri criteri per gli ECB quali of India (RIB) non può offrire alcuna garanzia; l’utilizzazione finale, il finanziatore accreditato etc., • nell’ambito del programma governativo di devono essere rispettati. Il pagamento anticipato e privatizzazione (disinvestment) di parte- le opzioni di call/put non sono consentiti per tale cipazioni azionarie di società statali, per tipo di ECB prima del termine di 10 anni. la prima fase di acquisizione di tali parte- cipazioni azionarie e anche nella secon- Utilizzazioni finali consentite da fase obbligatoria di offerta pubblica. È consentito ricorrere a prestiti commerciali esterni (ECB) per i seguenti fini: Utilizzazioni finali non consentite • investimento (quali l’importazione di merci e Non è consentito ricorrere a prestiti commerciali macchinari necessari alla produzione (capital esterni (ECB) per i seguenti fini: goods, così come classificati dal DGFT nel • per operazioni di credito attive (on-lending) o Foreign Trade Policy), nuovi progetti, mo- investimenti sul mercato finanziario o per l’ac- dernizzazioni/espansione di unità produttive quisizione di una società (o parte di essa) in esistenti, nei settori immobiliare, industriale India da parte di una società, a eccezione delle (incluse piccole e medie aziende), delle infra- Società finanziarie per le infrastrutture (Infra- strutture e in specifici settori dei servizi (quali structure Finance Companies, IFCs), delle ban- i settori alberghiero, ospedaliero e informati- che e delle istituzioni finanziarie; co) – in India. Per “settore delle infrastruttu- • nel settore della proprietà immobiliare; re” si intendono i seguenti settori energia, • per capitale circolante (working capital), sco- telecomunicazioni, ferroviario, strade compre- pi aziendali generali e il rimborso di prestiti in si i ponti, porti e aeroporti, parchi industria- Rupie indiane esistenti. li, infrastrutture urbane (progetti di fornitura di acqua, impianti igienici e rete fognaria) e minerario, raffinazione ed esplorazione, im- 7. Diritto dell’economia pianti refrigerati per l’immagazzinamento e la E conservazione di prodotti agricoli e loro deri- lemento senza dubbio positivo per l’investitore vati, prodotti marini e carni (incluse le attività occidentale è la derivazione del diritto indiano di pre-refrigerazione a livello delle fattorie); dal diritto inglese e, quindi, la sua stretta parentela • investimenti esteri diretti in joint venture (JV) e con quest’ultimo richiede all’operatore economico e società interamente controllate (wholly owned giuridico italiano di adattarsi alle diversità termino- subsidiaries, WOS), nel rispetto delle vigenti li- logiche, concettuali e di impostazione propri della nee guida sugli investimenti diretti esteri in India; common law anglosassone. I contratti potranno es- • pagamento da parte di mutuari qualificati delle sere liberamente negoziati e validamente conclusi autorizzazioni (licenses/permits) per il settore in lingua inglese. telefonia mobile (il cd. 3G spectrum) che ab- biano inizialmente pagato la concessione con 1. La LeGGe appLIcaBILe risorse in valuta indiana (INR) e successiva- mente intendano rifinanziare l’operazione con aI contrattI (InDIan ECB a lungo termine. In tal caso gli ECB pos- contract act, 1872) sono essere concessi solo tramite la procedura di autorizzazione e alle seguenti condizioni (in Il testo normativo di riferimento applicabile ai con- aggiunta alle altre condizioni ordinarie): gli ECB tratti è l’Indian Contract Act, 1872, che si applica a devono essere attivati entro 12 mesi dalla data di tutti i tipi di contratti regolati dal diritto indiano. La72 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 72. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLilegge è una “codificazione” che si basa sulla com- nel tempo, volti a un accordo tipicamente di joint-mon law inglese, e comprende quindi concetti e isti- venture contrattuale o societaria, di “collaborazionetuti tipici di tale diritto che non sono perfettamente commerciale” o di acquisizione societaria, nellarapportabili con quelli dell’ordinamento giuridico prassi commerciale internazionale le parti possonoitaliano, quali: proposal, promise, consideration, fare ricorso a documenti “pre-contrattuali” di de-voidable contracts, free consent, undue influence, rivazione anglosassone, noti come letter of intentfraud, misrepresentation, etc. (LOI), memorandum of understanding (MOU), he-In forza delle disposizioni dell’Indian Contract Act, ads of agreement, memorandum of intent, o a sem-1872, i requisiti perché un accordo (agreement) co- plici minute delle riunioni (minutes of meetings).stituisca un contratto valido ed efficace (contract) La prassi internazionale riconosce in via generalesono il libero consenso delle parti aventi capacità a l’assenza di effetti vincolanti di tali documenti, sal-contrarre (free consent of the parties competent to ve alcune clausole specifiche che possono esserecontract), la presenza di un legittimo corrispettivo dotate di effetti vincolanti, e in particolare la letter of(lawful consideration) e di un oggetto lecito (lawful intent riflette l’intenzione delle parti di non conclu-object), sempre che il contratto non venga espres- dere un accordo vincolante. Al riguardo, si osservasamente dichiarato privo di efficacia (not expressly che talora la mancanza di chiarezza e le ambiguitàdeclared to be void). Le parti del contratto hanno sono addirittura intenzionali, in quanto la preoccu-l’onere di eseguire o offrire di eseguire le obbliga- pazione di ciascuna delle parti pare essere quella dizioni rispettivamente assunte, salvo che la mancata vincolare l’altra parte a non rimettere in discussioneesecuzione sia legittimata dalla legge stessa. punti o clausole dell’accordo inseriti della LOI, eOve le parti abbiano convenuto il pagamento di una allo stesso tempo di lasciare a se stessi la possibi-determinata somma in caso di inadempimento o se lità di ridiscutere tali punti o clausole.abbiano convenuto una penale (penalty), la parte In via generale, per evitare sorprese si raccomandache ha subìto l’inadempimento ha diritto a riceve- di caratterizzare come segue la LOI:re dalla parte inadempiente un importo a titolo di • indicare chiaramente che non costituisce unragionevoli danni (reasonable compensation) fino contratto (contract);al massimo al suddetto importo oppure, a seconda • evitare il linguaggio tipico dei contratti di di-dei casi, la somma pattuita a tiolo di penale, sen- ritto inglese (evitando quindi i termini: “agree”za essere tenuta a fornire la prova di avere subìto “shall”, “In witness whereof”, etc.);un danno o una perdita equivalenti (actual damage • brevità, informalità, e utilizzo di espressionior loss). Inoltre, ha diritto al risarcimento la parte che si riferiscono a un futuro contratto;che risolve il contratto a causa dell’inadempimento • chiarire il significato di “good faith”;dell’altra parte. • chiarire che la parte che dovesse dare esecu-Per questioni non coperte dalle disposizioni del- zione a quanto contenuto nella LOI lo fa a pro-la legge indiana, suppliscono i principi del diritto prio rischio e a proprie spese;inglese a condizione che essi corrispondano alle • ciascuna parte si assume le rispettive spese pernorme della giustizia, della equità e della buona la trattativa;coscienza (rules of justice, equity and good con • inserire una clausola di legge applicabile e discience). giurisdizione o arbitrato.2. La Fase DeLLa 2.2. Documenti “subject to contract” e “wi- thout prejudice” neGozIazIone Nel diritto inglese un atto o documento recante l’inciso “subject to contract” o “subject to a formal2.1. Lettere di intenti (LoI) e altri documenti contract drawn up by our solicitors” costituisce una pre-contrattuali chiara e univoca espressione delle parti a non as-In presenza di negoziati complessi e prolungati sumere alcuna obbligazione vincolante. Un docu- 73 Interprofessionalnetwork
  • 73. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi mento recante la scritta “without prejudice” non può Pertanto, in diritto indiano l’interruzione delle trat- essere usato contro lo scrivente. tative non dà luogo in alcun caso a responsabilità “pre-contrattuale”. 2.3. accordi di riservatezza Di ben altra natura rispetto alla LOI è il cd. con- 3. FormazIone DeL contratto fidentiality agreement in uso nella prassi commer- ciale internazionale e ben noto anche agli operatori indiani, che costituisce un vero e proprio contratto Un contract può dirsi concluso e vincolante (bin- vincolante aventi a oggetto le informazioni segrete ding) quando l’accordo tra le parti è completo in e il know-how tecnico che potrà essere rivelato nel tutti i suoi termini essenziali – agreement upon all corso della trattativa, soprattutto in vista di accordi material terms – o quando questi sono determinati di acquisizione societaria, di cooperazione indu- o determinabili dalla legge o da un apposito mecca- striale, di licenza di know-how, nell’ambito dei qua- nismo previsto contrattualmente. li la disclosure di informazioni riservate costituisce Ove il contratto sia concluso ma il consenso di una una condizione essenziale; parimenti costituiscono delle parti sia stato determinato da fraud o mispre- un binding contract il divieto di trattare con terzi sentation dell’altra parte, il contratto sarà annullabi- (standstill clause) e il diritto di prelazione (right of le (voidable) a richiesta di quest’ultima. Il termine first refusal). “fraud” (Section 17 dell’Indian Contract Act, 1872) significa e include i comportamenti posti in esse- 2.4. obbligazioni delle parti durante le trat- re da una parte con l’intenzione di ingannare l’altra tative parte o di indurlo a concludere il contratto, quali: Occorre tenere presente che, diversamente dai si- rappresentare come veri fatti e circostanze che la stemi di civil law (come quello italiano) che pre- parte sa di essere falsi, oppure l’attivarsi per tenere vedono l’obbligo di buona fede nelle trattative e la nascosti all’altra parte fatti o circostanze dei quali si responsabilità precontrattuale in caso di ingiustifi- ha conoscenza, o la promessa effettuata senza avere cata interruzione delle stesse, i sistemi di common l’intenzione di eseguirla, qualsiasi altro atto tale da law (come quello indiano) sono meno propensi a trarre l’altra parte in inganno, o qualsiasi altro atto interferire con la libertà delle parti nella trattativa e od omissione che la legge consideri specificamente impongono semplicemente alla parte di comunica- come “fraudulent”.” re senza ritardo all’altra parte la propria decisione Diversamente, il mero silenzio in riferimento a fatti di interrompere le trattative. Può infatti dirsi che in che possono determinare la controparte a conclude- generale, negli ordinamenti di common law, non re o meno un contratto non costituisce fraud, salvo esiste una norma generale che impone alle parti di che le circostanze del caso siano tali per cui avuto negoziare in buona fede. riguardo alle stesse, la parte che rimane silenziosa La posizione in diritto inglese è riassunta in modo avrebbe il dovere di parlare, o salvo che il suo si- colorito ed efficace da Lord Ackner: “how can a lenzio non costituisca di per sé l’equivalente di una court be expected to decide whether, subjectively, a comunicazione. proper reason existed for the termination of negotia- tions? The answer suggested depends upon wheth- 17. “Fraud” defined – Fraud means and includes er the negotiations have been determined ‘in good any of the following acts committed by a party to faith.’ However, the concept of a duty to carry on a contract, or with his connivance, or by his agent, negotiations in good faith is inherently repugnant to with intent to deceive another party thereto or his the adversarial position of the parties when involved agent, or to induce him to enter into contract: in negotiations. Each party to the negotiation is en- (i) the suggestion, as a fact, of that which is not true, titled to pursue his (or her) own interest, so long as by one who does not believe it to be true; he avoids making misrepresentations”. - Walford v (ii) the active concealment of a fact by one having Miles (1992), in 1 All ER 453 (HL). knowledge or belief of the fact;74 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 74. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi(iii) a promise made without any intention of per- sentation fossero stati veri.forming it; Tuttavia, la misrepresentation non determina l’an-(iv) any other act fitted to deceive; nullabilità del contratto ex art. 17 cit. ove la parte(v) any such act or omission as the law specially avrebbe potuto scoprire la verità utilizzando l’ordi-declares to be fraudulent. naria diligenza; inoltre la fraud o misrepresentation rilevanti ai fini della annullabilità sono solo quelliExplanation – Mere silence as to facts likely to affect che hanno (direttamente) causato il consenso dellathe willingness of a person to enter into a contract is parte a concludere il contratto.not fraud, unless the circumstances of the case aresuch that, regard being had to them, it is the duty of Exception – If such consent was caused by mis-the person keeping silence to speak, or unless his representation or by silence, fraudulent within thesilence is, in itself, equivalent of speech”. meaning of Section 17, the contract, nevertheless, is not voidable, if the party whose consent was soIl termine “misrepresentation ” (Section 18 dell’In- cause had the means of discovering the truth withdian Contract Act, 1872) significa e include il com- ordinary diligence.portamento di una parte che, pur senza l’intenzionedi ingannare l’altra parte, viola l’obbligo generale Explanation – A fraud or misrepresentation whichdurante le trattative di fornire una rappresentazio- did not cause the consent to a contract of the partyne vera e accurate dei fatti e delle circostanze, in of whom such fraud was practiced, or to whom suchmodo tale da consentire all’altra parte di effettuare misrepresentation was made, does not render ala corretta determinazione se concludere o meno il contract voidable”.contratto, per cui una parte ha l’obbligo di non ef-fettuare una dichiarazione non veritiera né di sviare 4. specIFIcHe tIpoLoGIel’altra parte in relazione a fatti che sono rilevanti ai contrattUaLIfini della conclusione del contratto.18. “Misrepresentation” defined – ‘Misrepresenta- 4.1 contratti di trasferimento di tecnologiation’ means and includes: straniera (foreign technology collabora-(1 ) the positive assertion, in a manner not warrant- tion agreements) e contratti di licenza died by the information of the person making it, of that marchiowhich is not true, through he believes it to be true; I contratti di cooperazione aventi a oggetto il trasfe-(2) any breach of duty which, without an intent to rimento di tecnologia straniera (foreign technologydeceive, gains an advantage to the person commit- collaboration agreements), così come i contratti diting it, or any one claiming under him, by mislead- licenza di uso di marchi, sono oggetto di una spe-ing another to his prejudice, or to the prejudice of cifica e separata disciplina di legge e sono autoriz-any one claiming under him; zati in forza del Foreign Exchange Management Act,(3) causing, however innocently, a party to an agree- 1999 (FEMA) e della politica di investimento direttoment, to make a mistake as to the substance of the estero (FDI policy).thing which is the subject of the agreement”. Nei foreign technology collaboration agreements, il corrispettivo da versare alla società estera può con-Ne consegue (Section 19 dell’Indian Contract Act, sistere in un unico corrispettivo (lump-sum fee) e/o1872) che ove il consenso di una parte sia causato in una royalty a fronte del trasferimento della tecno-da fraud o misrepresentation, tale parte ha il dirit- logia, per il know-how tecnico, design e progetti, oto di considerare annullabile (voidable) il contrat- per servizi di engineering. Nei contratti di licenzato, salvo insistere per la esecuzione del contratto di marchio il corrispettivo assume generalmente lapurché sia reintegrato nella posizione che avrebbe forma di una royalty.avuto se i fatti che costituiscono fraud o misrepre- Il percorso di ingresso del know-how in caso di 75 Interprofessionalnetwork
  • 75. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi foreign technology collaboration agreements e li- per licenza di marchio). cenze di marchi (trademarks and brand names) può La royalty su marchi è generalmente calcolata sulle avvenire sia tramite la procedura in via automatica vendite nette, cioè sui prezzi di vendita lordi detrat- (automatic route) che tramite l’autorizzazione go- to: provvigioni di agenti di commercio o altri in- vernativa del Foreign Investment Promotion Board termediari, costo del trasporto, compreso trasporto (FIPB). marittimo, assicurazione, dazi doganali tasse e altri oneri, costo delle materie prime, delle parti e dei 4.2 parametri per la procedura in via auto- componenti importati dal licenziante estero o dalla matica: corrispettivi per trasferimenti di sua società controllata o affiliata. tecnologia La Reserve Bank of India consente il pagamento 4.4 La via di ingresso dell’autorizzazione da parte di società indiane nell’ambito di proposte governativa per accordi di Technology Collaboration secondo la Tutte le proposte di accordo di foreign technology procedura della automatic route entro i limiti che collaboration o trademark licence che non soddi- seguono: sfano uno o più dei parametri per la automatic route • pagamento di lump-sums fino a un massimo di ricadono sotto la competenza autorizzativa da parte USD 2 milioni; del Board per l’approvazione dei progetti – Project • il pagamento di royalties fino a un massimo del Approval Board (PAB) – oppure del Board per la 5% per vendite sul mercato nazionale e dell’8% promozione degli investimenti esteri – Foreign In- per vendite in esportazione è ammesso senza vestment Promotion Board (FIPB) – ove effettuati in alcuna restrizione di durata nel tempo. Il limi- combinazione con un investimento estero, sotto il te per le royalties è al netto delle imposte e le dipartimento della politica e promozione industriale stesse vengono calcolate secondo le condizioni – Department of Industrial Policy and Promotion – standard dettate dalla Reserve Bank of India. del Governo indiano. Va osservato che i pagamenti di compensi per tec- Le royalties relative ad accordi di Technology Colla- nici stranieri, trasferte all’estero di tecnici indiani, boration sono generalmente calcolati sul prezzo di etc. sono regolati da separati procedimenti della Re- vendita del prodotto netto franco fabbrica, escluse serve Bank of India. In forza dei regolamenti FEMA, le accise, detratto il costo dei componenti standard il limite massimo per le rimesse secondo la auto- e il costo a destino (landed cost) dei componenti matic route di corrispettivi per servizi di consulenza importati, a prescindere dalla fonte dell’approvvi- effettuati dall’estero (fuori dal territorio indiano) è gionamento, compreso trasporto marittimo, assicu- di USD 1 milione per progetto e di USD 10 milioni razione, dazi doganali, etc. per progetto in caso di consulenza relativamente a progetti per infrastrutture. 4.3 parametri per la procedura in via auto- matica: corrispettivi per l’uso di marchi 4.5 contratti internazionali di outsourcing (trade marks and brand names) A livello internazionale l’India (con la Cina) è uno dei Secondo la procedura in via automatica (automatic paesi leader per l’offerta di servizi in outsourcing. route), è consentito il pagamento fino a un massimo Sono particolarmente sviluppate in India tre tipolo- del 2% per vendite in esportazione e dell’1% per gie di outsourcing: information technology out- vendite sul mercato nazionale per la licenza di uso sourcing (IT), business process outsourcing (BPO) di marchi del partner estero non accompagnato da e knowledge process outsourcing (KPO). Il BPO alcun trasferimento di tecnologia. In caso di licenza comprende l’outsourcing relativo a servizi di con- di marchi unitamente a trasferimento di tecnologia, tabilità, risorse umane, paghe e contributi, attività il pagamento della royalty include il pagamento per finanziarie. Il KPO comprende l’outsourcing relativo uso del marchio del partner estero (in altri termini, a servizi legali, paralegali e altri servizi di personale non è ammesso il pagamento separato di royalties altamente qualificato.76 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 76. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiGli aspetti più importanti che richiedono particolare internazionale di beni si applichi il diritto indiano,protezione e tutela a livello contrattuale comprendo- questa sarà regolata tra l’altro dalle seguenti speci-no: la protezione dei dati personali, i diritti di pro- fiche leggi indiane: Indian Contract Act, 1872, Saleprietà intellettuale, security e riservatezza, business of Goods Act, 1930, Foreign Exchange Managementcontinuity challenges, aggiornamenti di tecnologia, Act, 1999, Competition Act, 2002, Foreign Tradecompliance legale, corrispettivi e termini di paga- Development and Regulation Act, 1992, Customsmento, proprietary rights, diritti di auditing, stan- Act, 1962 e Customs Tariff Act, 1975.dard qualitativi del servizio, legge applicabile e la Le parti possono concordare liberamente i terminirisoluzione delle controversie. e le condizioni dei contratti di vendita purché nelNel diritto indiano il contratto di outsourcing non rispetto delle suddette leggi indiane. In base ai re-costituisce un contratto “tipico” regolato da spe- golamenti vigenti, il pagamento del prezzo di mercicifiche norme di legge, ma la relativa disciplina è importate in India dovrebbe essere completato entrorinvenibile in varie fonti legislative. In particolare, 6 mesi dalla data della spedizione, salvo per even-al contratto internazionale di outsourcing regolato tuali importi trattenuti a garanzia dell’esecuzione,dal diritto indiano si applicano, tra l’altro, le di- etc.sposizioni dell’Indian Contract Act, 1872, dell’In- È consentito il pagamento in via anticipata per l’im-formation Technology Act, 2000, del codice penale portazione di merce, senza alcun tetto massimo.(Indian Penal Code, 1860), della legge relativa a ri- Tuttavia, se il pagamento in via anticipata eccedemedi specifici (Specific Relief Act, 1963), oltre che USD 200.000 o il suo equivalente in altra valuta,alle disposizioni relative alla protezione dei diritti di è necessaria una lettera di credito stand-by oppureproprietà intellettuale. una garanzia bancaria incondizionata e irrevocabi-Va osservato che al momento non vi è in India una le, da emettersi da un primario istituto di creditolegge specifica in materia di protezione dei dati internazionale situato fuori dall’India oppure da unpersonali e, quindi, la tutela dei dati si ottiene so- primario istituto di credito indiano in tal senso au-prattutto in via contrattuale. Riveste pertanto parti- torizzato (Authorised Dealer Category – I bank incolare importanza la clausola contrattuale di riser- India), se tale garanzia è emessa a fronte di contro-vatezza (confidentiality clause) a tutela della privacy garanzia da un primario istituto di credito interna-dei dati e delle informazioni che sono oggetto di zionale situato fuori dall’India.outsourcing, nella quale occorrerà specificare quali Tuttavia, se l’importatore in India non è in grado didati sono riservati e quali non lo sono. ottenere la garanzia bancaria da parte dei fornito-Occorrerà inoltre specificare in quale misura sia con- ri stranieri e la primaria banca indiana autorizzatasentito l’accesso ai dati riservati da parte del perso- ritiene soddisfacente la track record e il comporta-nale della società di servizi indiana in outsourcing o mento di buona fede dell’importatore indiano, puòda parte di terzi in caso di sub-fornitura. liberare l’importatore dall’obbligo di ottenere la ga-Infine, si raccomanda alle società straniere di in- ranzia bancaria o la lettera di credito stand-by persistere con la controparte indiana perché questa si pagamenti in via anticipata fino a USD 5 milioni.uniformi alla normativa europea in materia di prote- L’importazione materiale delle merci deve avere luo-zione dei dati e consegua le necessarie certificazioni go entro 6 mesi dalla data del pagamento.ISO. Per quanto riguarda, invece, l’esportazione di mer- ce dall’India, incombe sull’esportatore l’obbligo di4.6 contratti internazionali di vendita di realizzare e rimpatriare l’intero prezzo delle merci beni vendute entro un termine massimo di 12 mesi dal-L’India non è parte della Convenzione di Vienna del la data di esportazione, salvo che si tratti di merci1980 sulla vendita internazionale di beni mobili provenienti da zone economiche speciali (Special(probabilmente per gli stessi motivi legati alla tra- Economic Zones) per le quali non è fissato alcundizione del common law per i quali non vi ha ade- termine.rito la Gran Bretagna). Ove al contratto di vendita 77 Interprofessionalnetwork
  • 77. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 5. sceLta DeLLa LeGGe le leggi in vigore in India, talché la legge straniera deve essere oggetto di prova come qualsiasi altro appLIcaBILe fatto (Sezione 57 dell’Indian Evidence Act, 1872). Ne consegue che la parte che intende fare affida- Ove le parti si accordino per sottoporre il contratto mento sul diritto straniero, deve sottoporre il suo a una legge diversa dalla legge indiana, che potrà contenuto al giudice come un qualsiasi altro fat- essere la legge nazionale della controparte estera to e deve fornirne la prova tramite esperti di tale (per esempio la legge italiana) oppure la legge di diritto. La Suprema Corte dell’India ha statuito la uno Stato terzo che le parti considerino come neu- necessità che la parte che ne ha interesse fornisca trale (per esempio, in un contratto con un operatore la prova del diritto straniero ricorrendo alle norma italiano, il diritto svizzero), magari in combinazione sulle prove:3 nella sentenza in questione la Corte con una clausola di giurisdizione in favore di un stabilì che sarebbe stata in grado di interpretare il giudice diverso da quello indiano o una clausola di contratto in base alla legge applicabile scelta dalle arbitrato internazionale, va osservato quanto segue parti solo se le parti avessero fornito la prova di nella prospettiva dei giudici indiani. tale diritto straniero. La giurisprudenza dei tribunali indiani riconosce la validità di una clausola di scelta della legge ap- plicabile (proper law of the contract) in favore di 8. Strutture una legge diversa da quella indiana in un contratto commerciale “internazionale” – con una contropar- solitamente te estera. In una recente sentenza, la Bombay High utilizzate dagli Court ha ritenuta valida una clausola di scelta del- la legge inglese, peraltro in combinazione con una investitori clausola di giurisdizione del giudice inglese.1 La Corte Suprema indiana (Supreme Court of India) stranieri ha ritenuto che l’intenzione espressa dalle parti è generalmente decisiva nel determinare la «proper 1. UFFIcI DI coLLeGamento/ law of the contract». L’unica limitazione a questa UFFIcI DI rappresentanza regola è che l’intenzione delle parti deve essere espressa in buona fede, e sempre salvo il limite dell’ordine pubblico (public policy). La legge ap- Alle società straniere è consentito dalla Reserve plicabile al contratto è pertanto la legge risultante Bank of India (RBI) di aprire uffici di collegamento dalla scelta esplicita o implicita delle parti o con la (“LO”) in India (a condizione che sia stata ottenuta quale (in assenza di scelta) il contratto risulta avere una specifica approvazione) per svolgere attività il “collegamento più stretto” («closest and most in- di collegamento per loro conto. Tali uffici opera- timate connection with the contract»).2 no come canali di comunicazione tra le società A quanto detto sopra occorre aggiungere che, ai straniere e i clienti/fornitori indiani. Essi sono sensi della legge indiana sulle prove in materia ci- normalmente costituiti dalle società straniere per vile e commerciale (Indian Evidence Act, 1872), se promuovere i loro affari nel Paese attraverso la dif- il giudice non ha conoscenza legale (judicial no- fusione della conoscenza dei loro prodotti ed esplo- tice) di un fatto, tale fatto deve essere oggetto di rare nel contempo le possibilità di sviluppare una prova (Sezione 56 dell’Indian Evidence Act, 1872). loro presenza permanente in India. La costituzione di Il giudice indiano ha conoscenza legale solo del- un Liaison Office in India è anche assoggettata alle condizioni poste nella concessione rilasciata dalla 1 Rhodia Ltd. v. Neon Laboratories Ltd., in Reserve Bank of India. L’Ufficio di Rappresentanza AIR 2002 Bombay 502. deve essere iscritto al Registro delle Società. 2 National Thermal Power Corporation v. 3 Supreme Court of India, Harishankar Jain v. Singer Company, in AIR 1993 SC 998. Sonia Gandhi, in AIR 2001 SC 3689.78 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 78. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi1.1 Le attività consentite al Lo Comunque, in assenza dei requisiti sopra elenca-L’Ufficio di Rappresentanza può svolgere attività di ti, la società straniera dovrà interpellare la Reservecollegamento, come, per esempio, rappresentare la Bank of India per ottenerne l’approvazione.casa madre o le società di un gruppo, promuoverele esportazioni dall’India o le importazioni in In- 3. FILIaLe o sUccUrsaLedia, nonchè collaborazioni internazionali in ambitotecnologico, e operare come un canale di comuni- Le società straniere, che svolgono attività produt-cazione tra la direzione della società straniera e le tive o commerciali all’estero, possono aprire dellerealtà indiane. filiali per gestire i loro affari in India. Una filiale puòUn LO non può impegnarsi in nessuna attività, che svolgere le stesse, od analoghe, attività di quellegeneri ricavi od entrate, di natura lucrativa, com- svolte all’estero dalla casa-madre.merciale od industriale. Per costituire una filiale in India la società stranieraLe compagnie di assicurazione straniere possono necessita di una specifica approvazione della Re-aprire un Ufficio di Rappresentanza in India solo serve Bank of India. L’autorizzazione prescrive qualidopo aver ottenuto l’approvazione dell’Insurance attività la filiale può compiere in India. Conseguen-Regulatory and Development Authority (IRDA). temente, una società straniera non può svolgere in India attività diverse da quelle specificamente1.2 regime fiscale autorizzate dalla Reserve Bank of India. La filialeIl LO non è assoggettato a imposte sui redditi in deve obbligatoriamente iscriversi nel Registro delleconsiderazione del fatto che non produce alcun Società e adempiere certe formalità amministrativericavo in India. Lo status giuridico dell’Ufficio di previste dal Companies Act, 1956.Rappresentanza è definito dalle limitazioni impostedalla concessione della Reserve Bank of India, che Alla filiale è consentito impegnarsi nelle seguentiin generale non gli permettono di impegnarsi in at- attività:tività produttrici di reddito o in qualsiasi altra atti- • esportazione/importazione di beni;vità di natura lucrativa, commerciale od industriale. • prestazione di servizi professionali o di con-Le attività intraprese dai LOs sono considerate di sulenza;natura preparatoria e ausiliaria. • realizzazione di ricerche per il lavoro svolto dalla controllante o collegata;2. UFFIcIo DI proGettazIone • promozione di collaborazioni tecniche o finan- ziarie tra società indiane e società straniere oLa Reserve Bank of India ha concesso alle società loro collegate indiane;straniere una licenza generalizzata per la costituzio- • rappresentanza della società-madre od altrane di Uffici di Progettazione in India, a condizione collegata o controllata in India, anche agendoche abbiano stipulato un contratto per la realizzazio- come agente per l’acquisto e/o la vendita inne del progetto in India con una società indiana e: India;• il progetto sia finanziato direttamente con • prestazione di servizi nel campo informatico e fondi provenienti dall’estero; di sviluppo di software in India;• il progetto sia finanziato da un’agenzia finan- • prestazione di assistenza tecnica per i prodotti ziaria internazionale bilaterale o multilaterale; forniti dalle società del gruppo di appartenen-• il progetto sia stato autorizzato da una compe- za. tente amministrazione pubblica;• la società o altro ente in India, che sia parte Alle filiali non è consentito svolgere attività di pro- del contratto, abbia ottenuto un mutuo da una duzione o di trasformazione in India, né direttamen- istituzione finanziaria pubblica o da una banca te né indirettamente. indiane per la realizzazione del progetto. Una filiale è facile da gestire e non complicata da 79 Interprofessionalnetwork
  • 79. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi chiudere. Di più, la filiale può praticamente com- 4. socIetà controLLate o piere tutte le operazioni svolte dalla sede centrale coLLeGate (Interamente (inclusi stoccaggio e vendita dei suoi prodotti), nonché sostenere i propri costi senza carico di posseDUte o joInt ventU- imposte in India. Comunque, tenuto conto che re) l’operatività è strettamente condizionata dalle li- nee guida per il controllo sui cambi, la filiale non Le società straniere possono costituire delle società costituisce per una società straniera la miglior controllate o collegate in India. Per costituire una struttura per i suoi piani di espansione o diver- società in India occorre attenersi alle procedure di sificazione. costituzione previste dal Companies Act, 1956. Le società controllate o collegate possono essere 3.1 regime fiscale o interamente possedute dalla società straniera o Ai fini delle imposte sui redditi, la filiale è conside- costituite in joint venture. rata come un’estensione della società straniera in India e tassata con l’aliquota applicata alle società 4.1 società interamente a capitale straniero straniere, calcolata sull’imponibile prodotto (per Una società interamente controllata da una società l’anno fiscale terminato il 31 marzo 2010, aliquo- straniera può assumere la forma di una società a ta 41,82% + 2,5% di sopratassa + 2% education responsabilità limitata o di una società per azioni. cess). La prima richiede una capitale minimo interamente versato di INR 100.000 (€ 1.522,78) od il maggior Gli aspetti normativi e fiscali essenziali, concer- capitale previsto dall’atto costitutivo. La società per nenti la filiale, sono i seguenti: azioni richiede un capitale minimo, interamente ver- • essa è considerata soggetto passivo di impo- sato, di INR 500.000 (€ 7.615,29) ovvero il maggior sta; capitale previsto dall’atto costitutivo. • le operazioni commerciali tra la filiale e la so- cietà straniera sono assoggettate alla regola- 4.2 joint venture mentazione indiana sul transfer pricing; Alla joint venture si applicano le stesse norme delle • alla filiale è consentito acquistare proprietà società controllate o collegate, ma essa si distingue immobiliari necessarie od utili per svolgere da queste per l’esistenza di una partnership tra la le attività autorizzate dalla Reserve Bank of società straniera e un socio indiano. Si tratta di un India; metodo comunemente utilizzato dalle società stra- • dopo il pagamento delle imposte, gli utili sono niere per fare ingresso nel mercato indiano. Infatti, liberamente liquidabili ed esportabili alla so- la joint venture è stata di regola il miglior strumento cietà straniera; per assicurare una presenza in India, in particolare • il residuo attivo derivante dalla liquidazione nell’ambito di quelle attività produttive dove erano della filiale può essere versato alla società imposti limiti legali all’espansione della proprietà straniera, dopo aver ottenuto l’autorizzazione straniera in ditte indiane. Essa può dunque com- della Reserve Bank of India. portare diversi vantaggi per un investitore straniero. Con la progressiva apertura del mercato indiano, 3.2 Filiali di banche questa scelta è divenuta meno frequente, anche se Secondo il Foreign Exchange Management Act, la joint venture resta un’opzione interessante da un 1999, le banche straniere non hanno bisogno di punto di vista strategico. un’autorizzazione ad hoc per aprire una filiale in In- In confronto all’ufficio di rappresentanza o di colle- dia. Infatti, tali soggetti hanno l’obbligo di ottenere gamento la società controllata o collegata gode di la preventiva autorizzazione del Department of Ban- maggiore flessibilità nella gestione dell’attività in king Operations & Development, Reserve Bank of India. Tuttavia, le norme per la cessazione di una India, a norma del Banking Regulation Act, 1949. società sono più complicate di quelle applicabili80 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 80. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiad altre strutture come la filiale e gli uffici di col- I franchisees/licensees solitamente corrispondonolegamento o di progettazione, che possono essere al franchisor/licenziante un corrispettivo sotto for-chiusi più facilmente. Alcune delle caratteristiche ma di royalties e di commissioni per il trasferimentotipiche delle società controllate o collegate sono: di know-how tecnico.• è possibile raccogliere capitale di rischio, ca- Secondo le linee guida in vigore, emanate dal go- pitale di debito, sia straniero che locale, e altro verno dell’India, se la misura delle royalties non capitale sul mercato interno; eccede l’8% sulle esportazioni e il 5% sulle vendite• si applicano le norme sul transfer pricing; nel mercato nazionale (senza alcuna restrizione cir-• non è richiesto alcun benestare per il rimpatrio ca la durata dei pagamenti), ovvero, se corrisposta dei dividendi. sotto forma di una tantum, la somma non superi i due milioni di dollari americani, il pagamento può4.3 regime fiscale essere effettuato direttamente tramite un interme-Una società controllata o collegata, sia essa società diario autorizzato.a responsabilità limitata o società per azioni, costi- Nei casi in cui siano superate le misure su indicate,tuita in conformità alle norme del Companies Act, è richiesta la preventiva approvazione da parte del1956, è soggetta allo stesso regime fiscale delle Governo Indiano.società domestiche. Va rilevato che la Press Note 8 (2009 Series) haL’aliquota dell’imposta sul reddito, calcolata sull’im- previsto che la corresponsione di royalties, i paga-ponibile prodotto, è attualmente del 30% + la so- menti a forfait per trasferimenti di teconologia edpratassa del 10%, se il reddito è superiore a INR i pagamenti per l’utilizzo di marchi/denominazioni10.000.000 + il contributo educativo del 2%. commerciali debbano usufruire dell’Automatic Ro- ute. Rimane invece invariata la normativa in materia5. FrancHIsInG/contrattI DI di pagamenti all’estero disciplinata dal Foreign Ex- change Management Rules (2000). DIstrIBUzIone 5.2 Distribuzione5.1 Franchising/Licenza Anche la stipulazione di un contratto di distribuzio-Le società straniere hanno la possibilità di incarica- ne, con nomina di un distributore che sia o menore franchisee e/o licenziatari in India per la vendita provvisto di esclusiva è regolata esclusivamentedei propri prodotti, in conformità alle condizioni dalla libertà contrattuale tra le parti, senza che, inol-stabilite nel contratto di franchising e/o licenza. In tre, siano previste delle forme particolari di appro-India non è richiesta alcuna approvazione per tali vazione da parte delle autorità amministrative per lanomine di franchisee/licensee (fatta eccezione per nomina del distributore.alcuni ristretti ambiti). Le società straniere possono incaricare dei distri-Il rapporto commerciale trova la sua fonte esclusi- butori in India per la vendita dei loro prodotti, invamente nell’accordo contrattuale che intercorre tra conformità ai termini del contratto di distribuzione.le parti. Nessuna approvazione è richiesta per la nomina diPertanto, salvo scelte particolari delle parti, il con- un distributore.tratto di franchising, inquadrabile come contratto I contratti di distribuzione sono disciplinati in In-misto, sarà disciplinato dall’Indian Contract Act, dia da varie disposizioni, tra cui l’Indian Contract1872, che disciplina le obbligazioni contrattuali Act (1872), il Sales Goods Act (1930), il Consumersecondo il diritto indiano, nonché dalle altre leggi Protection Act (1986), il Trademarks Act (1999) ed ilspeciali deputate a regolamentare le ulteriori pre- Competition Act (2002). Il contratto di distribuzionestazioni previste dalle parti. può essere in esclusiva o meno, valutazione questaNon sono necessarie particolari forme di autorizza- che dipenderà dal grado di penetrazione che l’inve-zione per la nomina di un franchisee o di un licen- stitore vorrà realizzare sul vasto territorio indiano eziatario in India. al fine di realizzare una più capillare presenza, oc- 81 Interprofessionalnetwork
  • 81. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi correrà ricorrere a un accordo con un distributore 5.4 marchi cd. “organizzato”, cioè in relazione con più soggetti Una azienda o una persona fisica che intenda ot- distribuiti lungo la penisola indiana tenendo pre- tenere la registrazione di un marchio in India deve sente che il maggior o minor successo dipenderà presentare la domanda direttamente alla sede ter- appunto dalla loro capacità organizzativa e di mar- ritorialmente competente del Trade Marks Regist- keting. ry tramite un mandatario indiano. La competenza Non vi sono norme imperative che conferiscano al territoriale dell’Ufficio è determinata dal luogo distributore, in assenza di una specifica clausola della sede principale dell’impresa del richiedente contrattuale, il diritto di ottenere un’indennità al in India (principal place of business), o nel caso termine del contratto per gli investimenti effettuati; in cui quest’ultimo non abbia un’impresa, dall’in- un diritto al risarcimento del danno matura solo in dirizzo dell’agente del luogo precedentemente indi- caso di inadempimento contrattuale. viduato. In quest’ultimo caso è forte il rischio che l’agente si appropri del diritto sul marchio e che, 5.3 agenzia in caso di risoluzione del rapporto, si verifichino Il contratto di agenzia che, diversamente dall’ordi- spiacevoli conseguenze, per cui è consigliabile che namento italiano, non si differenzia dal contratto di l’imprenditore italiano, prima di dare incarichi di mandato, si sostanzia nella nomina di una figura distribuzione od agenzia, provveda a tutelare au- che assumerà la qualifica di agente e sarà l’inter- tonomamente i propri segni distintivi. L’esperienza mediario tra il potenziale acquirente dei prodotti e/o concreta di imprenditori che si sono trovati espulsi servizi e il potenziale cliente. dal o contingentati nel mercato a opera dei loro ex- Già previsto alla Sezione 182 dell’Indian Contract collaboratori induce a ritenere che la prudenza non Act, 1872, l’agente viene definito come «il soggetto sia mai troppa, soprattutto in un paese fortemente impiegato ad agire o rappresentare un’altra persona nazionalista come l’India, i cui giudici non sono di in operazioni con terzi». Egli ha diritto a ricevere consueto favorevoli alle parti straniere. una provvigione per ogni affare andato a buon fine e agisce in rappresentanza del mandante e ciò in forza 5.5 procedure di importazione ed esportazione dei principi sul mandato che sono appunto recepiti Per poter svolgere attività di importazione o di nella normativa sopra richiamata. esportazione dei beni è necessaro che il soggetto Il mandante è sempre rappresentato dall’agente in- sia dotato di un Import Export Code (IEC), il quale diano il quale dunque, in ogni sua azione, compierà viene rilasciato dall’ufficio locale competente per atti e assumerà diritti e obblighi in rappresentanza territorio. Va tenuto presente che per poter ottenere del mandante. lo IEC occorre avere già ottenuto il PAN, ed avere L’agente ha un ruolo fondamentale nella rappresen- aperto un conto corrente presso una banca com- tanza degli interessi di una società straniera in In- merciale autorizzata ad operare in valuta estera. dia. Egli deve infatti essere formalmente incaricato La normativa in materia di import-export (Exim attraverso un contratto avente forma scritta. Procedure o Foreign Trade Procedure) viene ema- Il contratto di distribuzione differisce dalla prima nata ogni cinque anni. Tra le più recenti novità in fattispecie in quanto il distributore indiano agisce in tale settore vi è l’ampliamento, ad opera della co- proprio, come un vero e proprio importatore e non municazione n. 25 del 2010, delle definizioni di già come mandatario del produttore/esportatore. “importazione” ed “esportazione”, che includono Mentre in costanza di un rapporto di agenzia, il cor- attualmente anche la tecnologia ed i servizi (inclusi rispettivo per l’agente si basa su una provvigione i servizi finanziari). da calcolarsi sul valore della vendita, nel contratto di distribuzione il profitto per il soggetto indiano è rappresentato dalla percentuale di “ricarico” che egli applicherà sulle vendite effettuate all’interno del territorio assegnatogli.82 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 82. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi9. Finanziamento prime rate si aggira oggi intorno al 14%. Le società indiane hanno la possibilità di prende- dell’attività in India re a prestito capitale in valuta estera da finanziatori stranieri. Tali finanziamenti, con durata minima di tre, cinque e dieci anni, in relazione all’importo del1. capItaLe socIaLe finanziamento, sono chiamati External Commercial Borrowings (ECB) e sono soggetti alla regolamen-Vi sono due tipi di capitale sociale: tazione emanata dalla Reserve Bank of India.• azioni privilegiate – significa quelle azioni che soddisfano le seguenti due condizioni: 3. oBBLIGazIonI e prestItI1. attribuiscono un diritto di prelazione per il pa- gamento di un dividendo di importo fisso o in Le obbligazioni sono definite alla Sezione 2 (12) del una percentuale definita, per esempio quando il Companies Act, 1956, che vi include obbligazioni, dividendo di ammontare definito o la percentuale titoli a reddito fisso e ogni altro titolo emesso dalla prevista debba essere pagato prima dei dividendi società che incida sul patrimonio della medesima. dovuti ai possessori di azioni ordinarie; Il potere di emettere obbligazioni può essere eser-2. attribuisce un diritto di prelazione sul rimborso citato per conto della società con deliberazione del del capitale nel caso di liquidazione o in altri casi. consiglio di amministrazione. Una società a larga Ciò significa che il valore delle azioni privilegiate base azionaria può, in ogni caso, richiedere l’ap- deve essere rimborsato ai possessori prima che provazione degli azionisti per prendere in prestito venga effettuato qualunque pagamento agli azio- denaro in misura eccedente il proprio patrimonio nisti ordinari. In altre parole, le azioni privilegiate netto. Il consenso degli azionisti potrebbe venire al- hanno la priorità sia nel pagamento del dividendo tresì richiesto in caso di vendita, locazione o dispo- che nel rimborso del capitale; sizione dell’intero complesso aziendale o di parte• azioni ordinarie – significa la parte del capitale sostanziale di esso. azionario della società che non è costituito da Le obbligazioni emesse ai sensi dell’Act non posso- azioni privilegiate. Esse possono attribuire o no attribuire alcun diritto di voto e indicano la forma meno il diritto di voto. con cui i portatori di obbligazioni possono essere invitati e legittimati.Il capitale sociale sottoscritto, indicato nell’atto costi- Le obbligazioni possono essere riscattabili o per-tutivo, rappresenta il massimo importo, sino a concor- petue, al portatore o nominative e convertibili o nonrenza del quale una società può raccogliere capitale. convertibili.Una società può aumentare il proprio capitale solo seciò sia consentito dalle previsioni del suo statuto.Una società può aumentare il capitale sottoscritto of- 10. Merger andfrendo il diritto di opzione sulle nuove azioni o emet-tendo azioni gratuite nei limiti delle riserve disponibili Acquisitionsuna volta pagati i dividendi. Nel caso in cui una socie-tà decida di offrire in opzione ai soci le nuove azioni,le azioni devono essere offerte in primo luogo ai soci L a disciplina che regola le acquisizioni inclu- de il Companies Act, 1956 e il Securities and Exchange Board of India (Acquisizione ordinariaattuali. di azioni e di aziende) Regulation, 1977 (“Codice delle Acquisizioni”). La Sezione 372A del Compa-2. capItaLe DI DeBIto nies Act, 1956 disciplina il potere di una società di acquisire azioni di un’altra società. Tuttavia, taleLe società indiane possono ottenere prestiti da ban- disciplina non si applica agli investimenti fatti da:che e istituzioni finanziarie indiane, in Rupie, sia • banche, assicurazioni, società immobiliari, nel-per le loro necessità correnti che per investimenti. Il 83 Interprofessionalnetwork
  • 83. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi la conduzione ordinaria della propria attività; inclusi almeno INR 5 miliardi in India, o • società costituite con lo scopo di finanziare un fatturato di oltre USD 6 miliardi, inclu- imprese industriali per l’acquisto di attrezza- si almeno INR 15 miliardi in India. ture e infrastrutture; • società la cui principale attività sia l’acqui- Il Competition Act, 2002 dispone inoltre che la sizione di quote, azioni, obbligazioni o altri Commissione per la Concorrenza dell’India abbia titoli; un termine di 210 giorni per chiedere chiarimenti • società a responsabilità limitata che non sia su ogni operazione. Trascorso tale termine senza controllata da una società per azioni; che la commissione sia intervenuta, opera il mec- • una holding in relazione agli investimenti me- canismo del silenzio-assenso e l’acquisizione si diante sottoscrizione, acquisto o altrimenti di intende approvata. titoli emessi da una società interamente par- In ogni caso, i summenzionati requisiti per l’ap- tecipata. provazione non sono finora ancora stati resi pub- blici dal Governo dell’India. Pertanto, i limiti sopra Lo scopo del Codice delle Acquisizione è quello ricordati non sono in vigore e diverranno cogenti di regolare l’effettiva acquisizione di azioni e di solo dopo la pubblicazione. aziende quotate in borsa. Il Codice delle Acqui- sizioni si applica quando l’acquisizione di parte- cipazioni risulta corrispondere, in una holding, al 11. Ristrutturazioni e 15 % o più del capitale con diritto di voto o in un cambiamento nel controllo della società. Acquisizioni Ai sensi del recente Competition Act, 2002, è ri- chiesta l’approvazione della Commissione per la Concorrenza dell’India, nel caso in cui una perso- L a procedura per le acquisizioni o le fusioni si presenta complessa. Le previsioni del Company Act, 1956 dalla Sezione 389 alla 396-A, disciplina- na o una società propongano una fusione o un’in- no i concordati, le intese, e le ristrutturazioni. L’ac- corporazione in cui: quisizione e la fusione richiedono l’approvazione • l’impresa risultante dalla fusione o l’impresa dei creditori e dei soci della società. Tali concor- creata quale risultato dell’incorporazione, a dati o tali intese tra la società e i suoi creditori, seconda dei casi, abbia: richiedono un’autorizzazione dell’Alta Corte (o del 1. in India, un patrimonio di oltre INR 10 mi- Tribunale Nazionale per la Legge sulle Società, che liardi (€ 152.288.232,72) o un fatturato di attualmente è ancora in fase di costituzione). oltre INR 30 miliardi (€ 456.907.335,97); 2. in India o all’estero, in totale, un patri- monio del valore di oltre USD 500 mi- lioni, inclusi almeno INR 5 miliardi (€ 12. Scissione di 76.148.086,58) in India o un fatturato di imprese oltre USD 15 miliardi, inclusi almeno INR 15 miliardi in India (€ 228.430.047,84); • oppure il gruppo, a cui l’impresa appartiene dopo la fusione o l’incorporazione, a seconda L a scissione di imprese rappresenta un proces- so di ristrutturazione in cui un’entità aziendale cede uno o più dei suoi rami (“aziende”) a un altro dei casi, abbia o potrebbe avere: soggetto, già esistente o costituito ad hoc. 1. in India, un patrimonio di oltre INR Il procedimento di scissione richiede l’approva- 40 miliardi (€ 609.096.775,79) o un zione dell’Alta Corte/TNLS, oltre all’approvazione fatturato di oltre INR 120 miliardi (€ degli azionisti e dei creditori. 1.827.109.818,82); 2. in India o all’estero, in totale, un patrimo- nio per un valore di oltre USD 2 miliardi,84 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 84. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi13. Vendite di zazione della Corte, nei seguenti casi: • acquisto di azioni o quote proprie in conformi- universalità tà con le previsioni delle Sezioni 77A e 77B del Companies Act; • annullamento delle azioni o quote se autorizza-V endita di universalità indica il trasferimento di una o più aziende per un corrispettivo forfettario senzauna specifica attribuzione di valore alle singole attività ta dal suo statuto per il mancato versamento dei soci nonostante il richiamo in tal senso da partee passività. L’azienda include ogni suo componente degli organi sociali;o una unità o una divisione dell’azienda o dell’attività • la società può accettare la valida rinuncia dellecommerciale nel suo complesso, ma non contempla azioni;singoli beni od obbligazioni o altre combinazioni che • la Sezione 94(1)(e) del Companies Act, 1956non costituiscano l’unità produttiva nel suo comples- consente a una società di annullare le azioni cheso. non sono state collocate o sottoscritte. In tal casoLa vendita di universalità non passa attraverso un l’ammontare del capitale azionario dovrà essereprocedimento giudiziale e può essere realizzata con diminuito.una semplice decisione degli azionisti e mediantecontratto. Rimborso dell’ammontare alle azioni privilegiate rimborsabili, per ridurre il capitale. La società deve rimborsare le azioni di risparmio alla scadenza di un14. Riduzione del periodo determinato. capitaleU na società per azioni o una società a responsabi- lità limitata, con capitale suddiviso in azioni o inquote, può, se autorizzata dal proprio statuto, tramiteuna speciale deliberazione, soggetta alla conferma delTribunale su istanza della società, ridurre il propriocapitale. Le previsioni della Sezione 100 del Compa-nies Act, 1956 sono rilevanti al riguardo. Ai sensi ditale sezione, la società può:• azzerare o ridurre il valore nominale di ognuna delle proprie azioni o quote in rapporto ai versa- menti non ancora eseguiti;• senza azzerare o ridurre il valore nominale di ogni sua azione o quota, ridurre il capitale per perdite non coperte o per insufficienza di attivo o senza azzerare o ridurre il valore di ogni sua azione o quota, ridurre il capitale in eccesso rispetto agli scopi della società;• ove la società abbia deliberato la riduzione del capitale, deve, tramite istanza, ricorrere al Tribu- nale nelle forme prescritte, al fine di ottenere un provvedimento di conferma della avvenuta ridu- zione.La riduzione di capitale può avvenire senza l’autoriz- 85 Interprofessionalnetwork
  • 85. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi86 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 86. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Capitolo Quarto 04 A cura di Interprofessional Network1 aspettI LeGaLI 1 Le società: forme giuridiche, costituzione, funzionamento 2 Marchi, Brevetti e Design 3 Tutela del Made in Italy e Desk Anticontraffazione 4 La risoluzione delle controversie1. Le società: • l’Indian Partnership Act, 1932; • il Limited Liability Partnership Act, 2008. forme giuridiche, Per chiarezza terminologica, si premette che la costituzione, nozione di società a responsabilità limitata secondo funzionamento il diritto indiano coincide, sostanzialmente, con il concetto già noto agli imprenditori occidentali. Anche secondo la nozione indiana di responsabilità1. premessa e FontI limitata, i soci rispondono delle obbligazioni sociali solo per l’importo di cui al capitale sottoscritto. I soci non possono essere obbligatiIn questo paragrafo verranno illustrati gli a rispondere col proprio patrimonio personale,strumenti a disposizione dell’investitore straniero per gli importi di cui alle obbligazioni contratteche voglia operare avvalendosi di una società di dalle società.diritto indiano: l’ente così costituito sarà regolato, Tuttavia, l’atto costitutivo (memorandum ofnel suo funzionamento, esclusivamente dalla association) può prevedere forme di società adisciplina dell’ordinamento giuridico indiano. responsabilità limitata con una garanzia a caricoLa scelta dell’operatore straniero potrà cadere su dei soci, consistente nell’obbligo di corrispondereforme societarie appartenenti a un modello più anche quanto necessario per affrontare le ulterioridiffuso e consolidato (la private limited company spese per la liquidazione della società.e la public limited company), ovvero su tipologie Se ricorre detta fattispecie, la responsabilità deisociali, codificate più di recente, di società di soci non si limita all’importo di cui al capitalepersone che possono comunque avvalersi dello conferito, bensì si estende ai costi di liquidazione,schermo della personalità giuridica (limited ma non agli ulteriori debiti maturati nell’esercizioliability partnership). dell’ordinaria attività di impresa.Le principali fonti di diritto societario sono:• il Companies Act, 1956;1 Il presente contributo deriva da un lavoro di ricerca comune degli autori. La stesura dei paragrafi è tuttaviaattribuibile a Stefano Dindo, Paolo Zucconelli e Vittorio Zattra per il paragrafo 4.1, a Fabio Brusa per i paragrafi 4.2e 4.3 e a John Kadelburger, Barbara Bonafini e Vittorio Zattra per il paragrafo 4.4. 87 Interprofessionalnetwork
  • 87. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 2. Forme GIUrIDIcHe ogni altra società indiana che non sia partecipata da soci stranieri. Si tracciano ora le linee di differenziazione tra le Le principali forme giuridiche sono costituite da: due forme societarie, le condizioni e le procedure • la private limited company; necessarie per la costituzione, i limiti dello statuto • la public limited company; e le forme di governo. • la limited liability partnership (LLP); Tuttavia, a ben vedere, le differenze essenziali tra • la partnership. le due forme societarie risultano (anche nella stes- sa ripartizione di norme del Companies Act) molto Le società devono essere iscritte nel Registrar of limitate e, per quanto consta ai fini della presente Companies (ROC – corrispondente al registro delle pubblicazione, poco rilevanti. imprese italiane); il ROC, unitamente al Company In sostanza, si può sostenere che la private limited Law Board (CLB), è un organo indipendente de- company sia una società che ha come principale putato a garantire l’omologazione delle società e presupposto un numero di soci limitato (comunque l’osservanza del Companies Act. consistente, poiché il numero massimo di soci è A seguito di una riforma del 2002 del Companies cinquanta). Act, sono stati introdotti due nuovi organismi di La peculiarità della private limited company è quel- controllo: il National Company Law Tribunal ed il la di prevedere una restrizione nel trasferimento e National Company Law Appellate Tribunal. nella circolazione delle azioni. Tali organismi saranno deputati a occuparsi di tutte La public limited company è invece una società che le controversie in materia societaria in sostituzione è pertinente definire “ad azionariato diffuso”, tanto delle competenze ora esercitate dalla High Court che una società costituita come public, ma con una ed assorbiranno tutte le funzioni del CLB che, di previsione statutaria che limiti la circolazione del conseguenza, verrà abrogato. capitale sociale, si trasformerebbe - di diritto - in Ad oggi, tuttavia, l’emendamento non è ancora una private limited company. operativo, in quanto la Corte Suprema nel 2010 ha Esclusivamente una public limited company può, rilevato dei profili di illegittimità costituzionale. di conseguenza, essere quotata in Borsa. Già dal 2009 il Governo Indiano sta discutendo una La disciplina della public limited company impo- proposta di legge (il Companies Bill n. 59/2009) ne ai soci la sottoscrizione di un capitale minimo per una nuova riforma complessiva della normativa all’atto della costituzione ben più elevato di quello in materia societaria. Tale disegno di legge cerca della private limited company, che inoltre può es- ora di recepire le indicazioni della Corte Suprema e sere costituita anche da due soli soci. sanare i punti di incostituzionalità rilevati. Ciò premesso, risulta intuitivo comprendere per- In conclusione, gli organi di riferimento restano ché la private limited company, le cui procedure di comunque, alla data odierna, il ROC e il CLB. costituzione sono più snelle, il capitale sociale e il numero minimo di soci sono bassi, rappresenti lo Ci si sofferma qui di seguito sulle forme giuridiche strumento più agevole con cui l’investitore stranie- più diffuse e idonee a soddisfare le esigenze dell’in- ro può operare nel mercato indiano. vestitore straniero: la private limited company e la public limited company (entrambe codificate nel Companies Act, 1956). 3. La prIvate LImIteD Ove un operatore straniero intenda investire in In- company e La pUBLIc dia è autorizzato a esercitare la propria attività per LImIteD company: mezzo di una delle menzionate società di diritto in- proceDUre DI diano, anche detenendo l’intero capitale sociale. Ovviamente la società sarà interamente disciplinata costItUzIone dalla legge indiana in particolare dal Companies Act, 1956 e successive modifiche, alla stregua di I requisiti minimi per la costituzione di una private88 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 88. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLilimited company sono: cantonamenti;• un capitale minimo di 100.000 Rupie; • la procedura per la liquidazione della società.• un numero minimo di 2 soci (sino a un mas- simo di 50); Si suggerisce di redigere uno statuto che contempli• un numero minimo di 2 amministratori. un oggetto sociale molto ampio, poiché – secondo un principio diffuso nei sistemi di common law -I requisiti minimi per la costituzione di una public le società non possono porre in essere attività nonlimited company sono: esplicitamente previste dallo statuto.• un capitale minimo di 500.000 Rupie; È poi necessario proporre almeno tre denomina-• un numero minimo di 7 soci (senza alcuno nu- zioni sociali alternative, che si differenzino sostan- mero massimo); zialmente l’una dall’altra, onde ottenere dal ROC un• un numero minimo di 3 amministratori. certificato di “idoneità della denominazione”. Le denominazioni:Considerate le premesse, si esaminano ora le proce- • devono includere, ove possibile, l’attività defi-dure di costituzione e iscrizione al ROC secondo lo nita nell’oggetto sociale della nuova società;schema necessario per fondare una private limited • non devono essere eccessivamente simili allacompany, soffermandosi, ove opportuno e rilevan- ragione sociale di altre società già registrate;te, sulle differenze della disciplina per l’iscrizione di • devono conformarsi alle linee guida emanateuna public limited company. dal governo centrale, onde evitare violazioniLa private limited company può essere fondata ex del Emblems and Names (prevention and im-novo, allo scopo di realizzare un nuovo business proper use) Act, 1950 (legge a tutela delle de-impresa, ovvero può essere costituita anche tramite nominazioni).la trasformazione in private limited company di unapartnership (società di persone). Le domande di iscrizione devono essere presentateLa procedura per la costituzione di una private limi- su un modulo predisposto dal ROC territorialmenteted company è agevole. competente, unitamente al pagamento di una tassa.In primo luogo devono essere redatti il memoran- L’ammontare della tassa di registrazione è propor-dum of association (l’atto costitutivo) e gli articles zionale all’importo di cui al capitale sociale dellaof association (lo statuto sociale). costituenda società. La domanda presentata al ROC deve essere correda-Il memorandum of association deve contenere: ta dai seguenti documenti:• la denominazione sociale; • il memorandum of association e gli articles of• l’importo del capitale sociale; association in carta bollata e in duplice copia;• il tipo di attività sociale; • se già esistente, una copia del contratto con gli• la ripartizione delle azioni; amministratori della società;• una dichiarazione che la responsabilità dei soci • la ricevuta di pagamento delle tasse e commis- è limitata; sioni di registrazione;• lo stato federale nel quale la società ha la pro- • copia della lettera con cui il ROC dichiara il pria sede. nulla osta alla utilizzazione della denominazio- ne sociale proposta.Gli articles of association devono contenere:• le procedure per la convocazione dell’assem- Verificati e approvati tutti i documenti necessari, il blea e per le delibere assembleari; ROC provvederà alla registrazione della nuova so-• la disciplina del trasferimento delle quote; cietà e a emettere un Certificato di Costituzione.• la disciplina del funzionamento del consiglio di L’emissione del Certificato di Costituzione corri- amministrazione; sponde al momento genetico della società che, solo• le condizioni per procedere a dividendi e ac- a seguito dell’emissione di tale documento, diviene 89 Interprofessionalnetwork
  • 89. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi un soggetto giuridico che può legittimamente ope- 5. L’ammInIstrazIone DeLLa rare con terzi. socIetà Una peculiarità è prevista per le public limited com- panies; queste, infatti, per completare le formalità necessarie all’esercizio dell’attività di impresa, de- L’attuale disciplina delle società non preclude la vono richiedere e ottenere dal ROC anche un certi- possibilità che tutti gli amministratori di una società ficato di inizio dell’attività imprenditoriale (comme- costituita secondo il diritto indiano (in entrambe le cement of business). forme principali di società a responsabilità limitata La public limited company, pertanto, può legittima- precedentemente descritte) siano stranieri. mente esercitare la propria attività solo a seguito È legittima, inoltre, una clausola dello statuto che dell’emissione di tale certificato. subordini la validità di una delibera del consiglio di Una lista pressoché completa di modelli e formulari amministrazione al consenso del membro del con- per l’iscrizione e la gestione di una società è reperi- siglio di amministrazione che rappresenti il socio bile anche in via telematica alla pagina web: straniero. http://www.mca.gov.in/MCA21/dca/downloade- Tuttavia, nel corso del 2009, è stato proposto un forms/Download_eForm_choose.html emendamento al Companies Act che, se approvato dal Parlamento Indiano, imporrà a ciascuna società costituita secondo il diritto indiano di essere ammi- 4. L’assemBLea e I DIrIttI DeI nistrata da almeno un amministratore che sia stabil- socI mente residente sul territorio indiano. Tale progetto di legge (Companies Bill n. 59/2009) L’assemblea generale dei soci delle società a re- è tutt’oggi in discussione, in quanto nel 2010 è sponsabilità limitata deve riunirsi almeno una volta intervenuta una pronuncia di incostituzionalità da all’anno. parte della Corte Suprema con riguardo ad alcuni L’assemblea ordinaria delibera, tra l’altro, l’approva- profili della riforma del Companies Act, 2002, pro- zione del bilancio, la nomina dei revisori dei conti e fili che dovranno quindi essere riformati con questo il loro corrispettivo, la nomina dei componenti del nuovo intervento legislativod (come già ricordato consiglio di amministrazione e la determinazione sub par. 2). del loro compenso. Il numero dei componenti del consiglio di ammini- L’assemblea straordinaria, per la quale è richiesta la strazione (members of the board) della società non maggioranza qualificata del 76% dei voti, delibera può essere superiore a 12, e ciò sia per la private li- la modifica dello statuto, l’ampliamento dell’ogget- mited company che per la public limited company. to sociale, la determinazione di specifici diritti dei La previsione statutaria di un numero di ammini- soci. stratori superiore a 12 necessita di una specifica I diritti dei soci variano a seconda della percentuale autorizzazione da parte dell’autorità governativa. di capitale sociale detenuto: Ciascun socio (persona fisica) può svolgere anche • il socio con una quota di capitale sociale infe- la funzione di membro del consiglio di amministra- riore al 10% può agire in giudizio contro azioni zione. illecite poste in essere dalla società; Il consiglio di amministrazione, di regola, deve riu- • il socio con una quota di capitale sociale di nirsi almeno 4 volte l’anno. almeno il 10% ha il diritto di intraprendere La durata in carica degli amministratori è deter- un’azione legale contro una decisione degli minata, liberamente, dallo statuto della società e, amministratori che sia pregiudizievole per la una volta decorso il termine di durata nell’incarico, società; l’amministratore può essere rieletto. • il socio con una quota di capitale sociale dal Gli amministratori possono inoltre recedere in qual- 26% sino al 49% può impugnare le delibere siasi momento dal loro incarico, ovvero essere og- che possano pregiudicare l’interesse sociale. getto di revoca.90 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 90. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiGli amministratori non hanno diritto a un’indennità sone priva di personalità giuridica.in caso di avvenuta revoca dall’incarico, salvo non Al contrario della public limited company e dellasia diversamente previsto dal contratto tra la società private limited company, ciascun partner della part-e i suoi amministratori. nership risponde illimitatamente e solidamente perNorme particolari in ordine alla durata dell’incarico le obbligazioni della partnership, anche se contrattee alla possibilità di suo rinnovo sono stabilite per le dagli altri partners.public limited companies, ovvero per quelle private Inoltre, una persona fisica o giuridica che non sialimited companies che siano società sussidiarie di residente in India, non è autorizzato a effettuare in-una public limited company. vestimenti nel capitale di una partnership (salvo di-Per tali società, se lo statuto non prevede esplicita- versa autorizzazione specifica, a seguito di esplicitamente conseguenze della rinuncia da parte di tutti richiesta da parte della Reserve Bank of India previai membri dell’amministrazione al termine di ogni consultazione delle Autorità governative).anno sociale: sono obbligati a ritirarsi, a rotazione, Per tali ragioni la partnership non rappresenta unoalmeno i 2/3 del totale degli amministratori. strumento di investimento diffuso per gli investitoriGli amministratori che devono ritirarsi per primi stranieri che intendono operare in India.sono quelli che sono in carica da maggior tempo. A decorrere dal 1° aprile 2009 è però possibile co-Gli amministratori che sono obbligati a recedere stituire, secondo il diritto indiano, le limited liabilitypossono comunque essere rieletti per gli esercizi partnership (LLP), a seguito della riforma interve-successivi a quello nel quale non possono svolgere nuta con il Limited Liability Partnership Act, 2008.l’incarico, secondo criteri di rotazione. La LLP combina il vantaggio della gestione flessi- bile della partnership col beneficio dello schermo6. scIoGLImento e della limitazione di responsabilità. LIQUIDazIone Tra le principali caratteristiche delle LLP si segnala quanto segue:Lo scioglimento e la conseguente liquidazione di • la LLP costituisce un’entità separata rispetto aiuna società può essere volontaria o conseguente a partner che la compongono, può essere tito-provvedimento giudiziale. lare di proprietà in nome proprio ed è dotataL’autorità giudiziaria può disporre la liquidazione di propria legittimazione processuale attiva ed’ufficio di una società a responsabilità limitata, se: passiva;• la società risulti inattiva per almeno un anno; • ciascun partner ha diritto di gestire direttamen-• vengano riscontrati dei vizi di forma negli atti te l’attività impresa; societari dopo l’iscrizione al ROC; • al contrario della partnership ordinaria, nella• il numero dei soci si riduce al minimo legale; LLP un partner non è responsabile solidalmen-• la società è insolvente; te per attività o negligenze di un altro partner e• ricorrano altre gravi ragioni per le quali la so- la responsabilità dei partner è limitata al pro- cietà non può proseguire la propria attività. prio contributo nella LLP; • il singolo partner, pertanto, non risponde, col7. La lIMItED lIAbIlIty proprio patrimonio, delle obbligazioni sociali, salvo il caso di frode; pARtnERShIp • i diritti e doveri del partner in una LLP sono re- golati dall’accordo tra partner e i partner hannoUna menzione merita anche la recente evoluzione la facoltà di decidere di la forma di successionedella figura sociale della partnership, disciplinata della partecipazione;dall’Indian Partnership Act, 1932, nella limited lia- • i partner della LLP possono essere sia personebility partnership. fisiche che persone giuridiche;La partnership, in quanto tale, è una società di per- • la LLP non può essere unipersonale, atteso che 91 Interprofessionalnetwork
  • 91. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi il numero minimo di partner richiesti per la sua legge sulla concorrenza allo sviluppo internazionale costituzione è di due. Non è invece previsto un dei commerci. numero massimo di partner; In base alle indicazioni così ricevute dal comitato, • un controllo contabile è previsto, obbligatoria- il Governo Indiano ha emanato, nel 2002, un nuovo mente, solo se il contributo di partecipazione Competition Act. ecceda le 2,5 milioni di rupie, ovvero qualora il fatturato annuale sia superiore a 4 milioni di 9. IL MonopolIES AnD rupie. REStRIctIvE tRADE È comunque obbligatorio provvedere alla nomina di pRActIcES Act DeL 1969 almeno 2 partner delegati che devono essere perso- ne fisiche che gestiscono l’attività della LLP. Il Monopolies and Restrictive Trade Practices Act del Almeno uno di questi deve essere residente in India. 1969, che mira a prevenire la concentrazione del po- Le procedure aggiornate per la costituzione di una tere economico in capo ad alcune imprese a scapito di LLP (ex novo o attraverso la trasformazione di una tutte le altre, provvede al controllo dei monopoli e alla Partnership già esistente) sono reperibili sul se- prova di pratiche commerciali monopolistiche, restrit- guente link del sito internet ministeriale: http:// tive e sleali, e tutela gli interessi dei consumatori. www.llp.gov.in/. Un’attenta lettura del MRTP Act, dimostra altresì che Il LLP Act, 2008 consente, in linea di principio a non vi sono definizioni, né previsioni espresse che ri- persone fisiche od enti stranieri di partecipare a una guardino determinate pratiche commerciali sleali che LLP; tuttavia, la recente riforma, per poter essere abbiano carattere restrittivo, quali abuso di posizione pienamente operativa da un punto di vista siste- dominante, cartelli, collusioni e fissazione dei prez- matico, richiede l’adeguamento di una serie di testi zi, manipolazione delle offerte, boicottaggi e rifiuto a legislativi a essa correlati, quali il Foreign Exchange trattare. Management Act, 1999 che disciplina le condizioni Questo provvedimento è in fase di abrogazione e verrà per gli investimenti esteri. sostituito dal Competition Act del 2002. Solo a seguito di tali necessari adeguamenti sarà consentito all’investitore straniero il pieno utilizzo 10. IL coMpEtIton Act DeL della LLP. 2002 8. reGoLamentazIone Il Competition Act è stato pensato come un codi- antItrUst ce unico per la trattazione delle questioni relative all’esistenza e alla regolamentazione della con- Il Monopolies and Restrictive Trade Practices Act del correnza e dei monopoli. L’oggetto di tale atto si 1969 (MRTP), entrato in vigore il 1° giugno del 1970, presenta come piuttosto ricco e include la promo- rappresenta il primo atto emanato in India per disci- zione e il sostegno della concorrenza nel mercato, plinare le questioni relative alla concorrenza. la protezione degli interessi dei consumatori e la Risultando, in seguito, inadeguato il contenuto del garanzia di libertà di commercio da parte degli altri MRTP Act ai fini dell’incoraggiamento della concor- partecipanti al mercato, il tutto sullo sfondo di uno renza sul mercato e dell’eliminazione delle pratiche sviluppo economico del Paese. L’atto stabilisce il anti-concorrenziali nell’ambito del commercio nazio- divieto di accordi anti-concorrenziali, il divieto di nale e internazionale, il Governo dell’India nell’ottobre abuso di posizione dominante, la regolamentazione 1999 ha nominato un comitato di alto livello per la po- dei gruppi, etc. litica e la normativa sulla concorrenza (il “Raghavan Committee”). Tale comitato aveva il compito di fornire Il Competition Act rende nullo qualsiasi accordo al Governo le indicazioni necessarie per adattare la relativo a produzione, forniture, distribuzione, stoc-92 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 92. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLicaggio e acquisizione o controllo di beni o servizi questioni relative alla concorrenza.che abbia l’effetto, reale o anche solo potenziale, didiminuire in modo apprezzabile la concorrenza in In seguito alla recente entrata in vigore della Sezio-India. ne 5 del Competition Act, 2002 in materia di con-La legge stabilisce un certo numero di fattori che centrazioni societarie, la CCI ha fissato delle sogliedevono essere presi in considerazione al fine di di fatturato per valutare la legittimità delle fusioni odeterminare quando un accordo può avere un ap- acquisizioni sottoposte al suo scrutinio.prezzabile impatto negativo sulla concorrenza. Per In particolare, le soglie previste per la concentra-esempio, si verificherà se l’accordo renda più dif- zione di società in termini di patrimonio o fatturatoficile l’ingresso di nuovi concorrenti o comporti congiunto sono le seguenti:l’uscita dal mercato di quelli già esistenti. • per le società: 1. patrimonio superiore a 15 miliardi di rupie oA differenza del MRTP, Il Competition Act non vieta fatturato superiore a 45 miliardi di rupie nelladi per sé alle imprese di raggiungere una posizione sola India; ovverodominante sul loro mercato, ma si limita a proibire 2. patrimonio superiore a 750 milioni di dollari ol’abuso della stessa che abbia un apprezzabile im- fatturato superiore a 2,25 miliardi di dollari inpatto negativo sulla concorrenza. tutto il mondo di cui fanno parte un patrimonioNel determinare l’esistenza di una posizione do- superiore a 7,5 miliardi di rupie o un fattura-minante, la quota di mercato rimane un importante to superiore a 22,5 miliardi di rupie nella solapunto di riferimento che viene però affiancato ad al- India;tri fattori quali la dimensione e la quantità di risorse • per i gruppi di società (che si hanno quandodell’impresa in rapporto a quelle dei concorrenti, il una società direttamente o indirettamente è insuo potere economico, i vantaggi competitivi, l’abi- grado di esprimere almeno il 26% dei voti intudine dei consumatori al marchio, le barriere all’in- un’altra società o di nominare più del 50% deigresso, la struttura del mercato, etc. membri del suo consiglio di amministrazione): 1. patrimonio superiore a 60 miliardi di rupie oLa Sezione 5 del Competition Act, 2002 relativa fatturato superiore a 180 miliardi di rupie nellaa concentrazioni, fusioni e acquisizioni è entrata sola India; ovveroin vigore solo negli ultimi mesi introducendo un 2. patrimonio superiore a 3 miliardi di dollari onuovo sistema di regole e sanzioni in materia che fatturato superiore a 9 miliardi di dollari in tuttosaranno esaminate più nel dettaglio nel paragrafo il mondo di cui fanno pare un patrimonio supe-successivo. riore a 7,5 miliardi di rupie o un fatturato supe- riore a 22,5 miliardi di rupie nella sola India;10.1 La competition commission dell’India • Per un periodo iniziale di 5 anni, saranno esen-L’organo apicale, a cui il Competition Act ha con- tati dall’obbligo di notifica le acquisizioni inferito la responsabilità di eliminare le pratiche con- cui la società bersaglio abbia un patrimoniotrastanti con la concorrenza, la responsabilità nel inferiore a 2,5 miliardi di rupie o un fatturatopromuovere e sostenere la concorrenza, nel tutelare inferiore a 7,5 miliardi di rupie.gli interessi dei consumatori, nell’assicurare il li-bero mercato anche da parte degli altri partecipanti Il Competition Act, 2002 assegna al CCI un termineal commercio in India, è conosciuto come Compe- di 210 giorni dalla notifica della fusione o acqui-tition Commission dell’India (CCI) – il “successo- sizione per sindacarne la validità. Trascorso inutil-re” della commissione MRTP. Il CCI non si occupa mente tale termine si applicherà la regola del silen-solamente dell’applicazione della legge, ma ha un zio assenso e l’operazione si avrà per approvata.ruolo attivo nella formulazione delle politiche eco-nomiche del Paese, adottando misure per la promo-zione della concorrenza, e rendendo conoscibili le 93 Interprofessionalnetwork
  • 93. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 11. La tUteLa DeI In particolare: • la Convenzione di Parigi del 1883; ai fini di consUmatorI questa nota si rileva che in base a essa l’im- prenditore italiano titolare di un brevetto in La tutela dei consumatori rientra nelle previsio- Italia può richiedere il deposito del medesimo ni della nuova disciplina introdotta in India il 15 brevetto in India entro un determinato periodo marzo 2003 denominata Consumer Protection Act, (12 mesi per invenzioni e modelli e sei mesi approvata nel novembre 2002 che segue a quella per i marchi); dell’1986, del 1991 e 1993. • la Convenzione di Washington del 1970 sul- La ratio di tale legge è quella di riconoscere una la cooperazione in materia di brevetti (PCT): sempre maggiore tutela e rispetto del consumatore questa Convenzione contiene una serie di di- in relazione al prodotto, nazionale od estero (o “na- sposizioni di carattere procedurale che con- zionalizzato”) acquistato per fini non professionali. sentono all’imprenditore italiano in maniera più Il testo normativo in questione introduce soprattutto semplice ed efficace di ottenere la protezione nuovi rimedi, più rapidi ed efficaci, in campo pro- del proprio brevetto in India rispetto a quanto cessuale come quello relativo al giudizio prelimi- previsto nella citata Convenzione di Parigi del nare sull’ammissibilità del ricorso che deve essere 1883: la richiesta va presentata o tramite l’Uffi- deciso entro ventuno giorni dalla sua proposizione cio Brevetti di Roma o tramite l’Ufficio Europeo per essere, l’intera procedura, terminata entro i suc- dei Brevetti con sedi a Monaco, L’Aia e Berlino cessivi cinque mesi. (UEB). La legge prevede inoltre la possibilità, per le corti indiane, di emettere provvedimenti anticipatori di Attualmente l’India non aderisce al Trattato di Ma- condanna, istituto assai innovativo nel sistema giu- drid del 1891 (né al protocollo di Madrid del 1989) diziario di questo paese, e introduce nuovi criteri sulla Registrazione Internazionale dei Marchi. per la selezione dei componenti delle Corti chiama- Negli ultimi mesi, tuttavia, è in discussione nel te a pronunciarsi sui ricorsi dei consumatori. Parlamento Indiano un progetto di legge che por- terà verosimilmente l’India a entrare nel “Sistema 2. Marchi, brevetti e di Madrid” per la registrazione internazionale dei marchi, il quale permette, tramite una singola do- design manda, di chiedere la registrazione del brevetto in tutti i paesi (selezionati dal richiedente al momento della presentazione della domanda stessa) aderenti 1. premessa al Protocollo. La legislazione sulla proprietà industriale in India 2. BrevettI sotto l’influenza inglese, risale nel tempo tanto è vero che una prima norma che tutela i brevetti era La norma di riferimento in materia di registrazione stata emessa nel 1856 (Act VI) e già nel 1872 ve- e protezione del brevetto in India è, come sopra ac- niva introdotta la protezione del design (Patterns cennato, il Patents Act del 1970, il quale è stato nel and Designs Protection Act). Attualmente, a rego- corso degli anni più volte modificato (da ultimo nel lamentazione dei brevetti, è in vigore il Patents Act 2005 quanto si rese necessaria un’integrazione per del 1970 più volte modificato, da ultimo nel 2005. armonizzare tale legge agli accordi TRIPS). Sul piano internazionale va rilevato che l’India ha L’India, come avviene in Italia, applica il principio aderito alla Convenzione di Parigi per la protezione del ‘First to File’ nel concedere i brevetti. Secondo dei Diritti di Proprietà Industriale e al trattato di Co- tale principio il diritto al brevetto per un’invenzione operazione sui Brevetti (Patent Cooperation Treaty, spetta al soggetto che primo che ne deposita la do- in seguito PCT). manda.94 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 94. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiL’ordinamento indiano prevede l’esistenza di diversi invenzione non abbia ancora fisicamente rag-tipi di domande di registrazione del brevetto: giunto la sua forma definitiva, ma possa essere- domanda di brevetto ordinario: proposta quando si già completamente descritta. In questi casi, pervuole ottenere la protezione del brevetto così come anticipare la protezione della propria invenzio-tradizionalmente inteso, (concesso per le invenzio- ne, il richiedente ha la possibilità di depositareni, dotate dei requisiti di novità e utilità, suscettibili una domanda di brevetto provvisoria e ha a suadi produzione industriale), senza rivendicare alcuna disposizione dodici mesi dalla data di depositopriorità di registrazione in uno dei paesi aderenti per sviluppare completamente il proprio brevet-alla Convenzione di Parigi del 1883 o all’interno to, senza timore di perdere il diritto di prioritàdello stesso territorio indiano. sull’invenzione in oggetto. In questo modo siIl brevetto può essere richiesto direttamente in In- consente un accesso semplificato al sistema didia presso l’Ufficio Brevetti Indiano (Indian Patent brevetti (non è previsto un esame sostanzialeOffice – IPO) articolato in Delhi, Mumbai, Kolkata della domanda e non è necessario includere le(Calcutta), Chennai e Ahmedabad, competenti terri- rivendicazioni).torialmente a seconda della sede dell’imprenditorerichiedente (se la domanda di registrazione provie- Va infine segnalato che, diversamente da quantone da un paese estero si farà riferimento alla sede accade in Italia, in India non sono brevettabili i cddel mandatario eletto in India). “modelli di utilità”. Non è quindi attualmente pos-La domanda deve essere presentata da un rappre- sibile proteggere quegli oggetti o modelli che costi-sentante autorizzato, dura per 20 anni e, in generale, tuiscono modifica di oggetti già esistenti e che sonoi requisiti di validità corrispondono a quelli richie- atti a conferirne particolare efficacia o comodità disti da UEB per la domanda di brevetto europeo e applicazione o di impiego.sono: Solo di recente (con la Patent Amendment Ordinance• domanda di registrazione di brevetto aggiunti- entrata in vigore in data 1/1/2005) è stata estesa la vo: proposta per ottenere la protezione di un’in- durata della protezione a 20 anni anche ai prodotti venzione correlata a una precedente, della qua- farmaceutici (dai 7 precedenti), consentendo pure la le costituisce uno sviluppo o una variazione; brevettazione del prodotto (e non solo del proces-• domanda di brevetto derivante da convenzione so). internazionale: proposta nei casi in cui si voglia Va in proposito rilevato che in India l’IPO può con- estendere la domanda di brevetto, presentata in cedere licenze obbligatorie a terzi, qualora, dopo tre uno dei paesi aderenti alla Convenzione di Pa- anni, il prodotto non sia distribuito in maniera con- rigi del 1883, al mercato indiano (la domanda forme alle esigenze del pubblico o non sia venduto a va presentata nel termine di 12 mesi dalla data un prezzo ragionevole o non sia lavorato nel territo- della richiesta effettuata nel paese straniero); rio indiano. Sul punto, va sottolineato che in data 24• domanda di brevetto ai sensi del PCT: si trat- agosto 2010 il Dipartimento per la Promozione e la ta del metodo di registrazione internazione del Politica Industriale (DIPP) ha emanato un dettaglia- brevetto previsto dalla Convenzione di Wa- to Discussing Paper on Compulsory Licensing allo shington del 1970, tramite il quale il soggetto scopo di aprire un dibattito fra istituzioni governati- richiedente ottiene una “data di priorità” che gli ve, studiosi della proprietà intellettuale e operatori consente (nel termine di 31 mesi) di presentare del mercato, in modo da favorire eventuali sviluppi la domanda di registrazione nei paesi aderenti normativi in materia. Da segnalare che a fine mar- al trattato, tra cui vi è appunto l’India; zo 2011 è stato pubblicato sul sito del Controllore• domanda di brevetto provvisorio: si tratta di Generale dei Brevetti, Designs e Marchi indiano1 il una procedura – generalmente prevista in al- Manual of Patent Office Practice and Procedure, che cuni paesi di Common Law (come Australia, si propone come una guida pratica diretta a illustrare Canada, Stati Uniti e, appunto, India) – utiliz- le varie fasi per l’ottenimento del brevetto in India. zata quando il richiedente ritiene che la propria 1 www.ipindia.nic.in 95 Interprofessionalnetwork
  • 95. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 3. marcHI e InDIcazIonI spazzolini rientrano nella medesima categoria com- merciale, ma anche perché si trattava di un illecito GeoGraFIcHe sfruttamento della notorietà e dell’avviamento di cui godono i marchi “Gillette“ e “ Mach 3”. La norma di riferimento in materia di marchi è il In India sono protette anche le Indicazioni Geogra- Trade Marks Act del 1999 (in vigore dal 15 settem- fiche e cioè quelle indicazioni relative a un Paese (o bre 2003). La disciplina ricalca generalmente quella a una località specifica all’interno di tale Paese) che delle legislazioni occidentali. identificano un prodotto in quanto le sue caratteri- Anche in tal caso la richiesta di deposito del mar- stiche sono derivate dal fatto di essere originario chio va presentato all’Ufficio Registro Marchi terri- di tale luogo (un esempio può essere dato dal “thé torialmente competente tra Delhi, Mumbai, Kolkata Darjieling”), la norma di riferimento è il Geographi- (Calcutta), Chennai e Ahmedabad, con successiva cal Indication of Goods (Registration & Protection) pubblicazione nella Gazzetta dei Marchi; se nessuna Act del 1999. obiezione viene fatta entro tre mesi, il marchio viene La domanda per ottenere la registrazione deve es- registrato: la registrazione del marchio ha una dura- sere presentata presso il Registrar of Geographical ta di 10 anni e può essere rinnovata indefinitamente Indications, che ha sede a Chennai. (entro i sei mesi dalla scadenza) per periodi di 10 I soggetti legittimati a proporre tale domanda pos- anni. È inoltre prevista la decadenza del marchio in sono essere una qualsiasi associazione di persone, caso di mancato uso per un periodo superiore a 5 di produttori, organizzazione o autorità legalmente anni. costituita, purché comunque il richiedente rappre- La domanda di registrazione deve contenere il mar- senti l’interesse generale dei produttori. chio (e la sua classe), i prodotti/servizi per i quali La registrazione, valida su tutto il territorio indiano, si intende utilizzarlo, il nome e l’indirizzo del richie- consente una tutela dell’indicazione pari a 10 anni, dente e del rappresentante (non obbligatorio) e, se è successivamente rinnovabile per ulteriori periodi di invocato il diritto di priorità, un certificato attestante 10 anni. lo stesso. Il tempo che intercorre tra la richiesta di A differenza della disciplina italiana e comunitaria, deposito e la successiva registrazione è di circa 1-2 solo gli “authorized user” inseriti in uno speciale anni. elenco possono utilizzare l’Indicazione Geografica Va segnalato che l’arretrato dell’Ufficio Registro e, oltre al titolare della registrazione, intraprendere Marchi in India (che era di circa 500.000 richie- un’azione per contraffazione. Inoltre, l’Indicazione ste) è stato smaltito e che solo nel periodo 2009- Geografica è considerata essere di proprietà “pub- 2010 sono stati rilasciati circa 68.000 certificati di blica”, comune a tutti i produttori dei beni che fanno registrazione contro i 64.000 rilasciati dal 1940 al riferimento alla stessa, e, contrariamente a quanto 2004. può accadere con un marchio, non può esser tra- Dal punto di vista giurisprudenziale, sembra oppor- sferita. L’unico caso di trasferimento ammesso è tuno rilevare che anche in India ha trovato spazio la quello che si verifica alla morte di un utilizzatore tutela del marchio noto. autorizzato, in tal caso il diritto in capo allo stesso In un caso del 2006 infatti (Montres Rolex S.A. con- si trasferisce al suo successore. tro sig. Amit Gupta e altri) è stato ritenuto illecito Si segnala infine che, con un avviso pubblicato in l’uso del marchio “Rolex” per cravatte sulla base data 24-25 aprile 2011, l’ente governativo indiano della considerazione che il marchio “Rolex” essen- preposto alla tutela dei diritti di proprietà intel- do “ben noto” deve essere difeso anche contro l’uso lettuale ha reso noto che nel Registro dei Marchi in settore diversi dall’orologeria. risultano mancare 44.404 files (fascicoli) relativi In un altro caso del 2009 (Gillette e altri contro sig. a marchi registrati. Si invitano pertanto i titolari Bhisham e altri) il convenuto è stato condannato di detti marchi a eseguire, entro il 31 luglio 2011, poiché utilizzava i marchi “Gillette“ e “Mach 3” per un’apposita procedura per l’inoltro della documen- spazzolini da denti e ciò non solo perché rasoi e tazione in loro possesso, al fine della ricostitu-96 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 96. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLizione del fascicolo. La circolare è leggibile al sito India su una precedente registrazione in altri Paesihttp://ipindia.nic.in/MissingFiles/PublicNotice_ aderenti alle stesse Convenzioni Internazionali. De-MissingFiles_26April2011.pdf. corso tale periodo, e venuto meno il copyright, nonSul sito del Controllore Generale dei Brevetti, Desi- sarà possibile registrare nuovamente il disegno o ilgns e Marchi indiano sono state pubblicate due gui- modello.de (il Revised Draft Manual of Trademarks Practice e Nel 2008 sono state modificate alcune regole pro-Procedure e il Manual of Geographical Indications), cedurali per la tutela, con i Designs (Amendment)che offrono una chiara panoramica delle procedure Rules.da seguire per registrare un marchio o un’indicazio- A fine marzo 2011 è stato pubblicato sul sito delne geografica in India. Controllore Generale il Manual of Designs Practice and Procedure, diretto a costituire – come il coevo4. DesIGn Manuale sui Brevetti - una guida pratica per l’ope- ratore interessato a ottenere, sul territorio indiano, una valida tutela del proprio diritto di design.La tutela del design industriale è un elemento dellaproprietà intellettuale e l’India, come aderente agliAccordi TRIPS, ha introdotto nel proprio ordina-mento norme applicative. 3. Tutela del MadeTali norme sono contenute nel New Design Act del in Italy e Desk2000 che ha il fine di promuovere e proteggerel’aspetto del design del produzioni industriali te- Anticontraffazionenendo presente la globalizzazione della economia. LLa tutela del design si applica a tutti i tipi di disegni a Legge Finanziaria 2004 (Legge del 24 dicem-o modelli, siano essi bi o tri-dimensionali, esteti- bre 2003, n. 350) ha previsto una serie di misurecamente apprezzabili e passibili di riproduzione a volte a rilanciare la promozione all’estero e poten-livello industriale. ziare la tutela del nostro “Made in Italy”. Tra questeSecondo l’art. 2 del New Design Act, infatti, per di- (art. 4, commi 74 e 75) era inclusa l’istituzione dasegno o modello devono esclusivamente intendersi parte del Ministero delle attività produttive, ora Mi-le “caratteristiche di forma, configurazione, motivo, nistero dello sviluppo economico, di appositi Ufficiornamento o composizione di linee o colori applicati di consulenza e di monitoraggio per la tutela dela qualsiasi prodotto, bidimensionali o tridimensio- marchio e delle indicazioni di origine e per l’assi-nali o entrambe, attraverso un qualsiasi processo di stenza legale alle imprese nella registrazione deilavorazione industriale o qualsiasi mezzo” (manua- marchi e brevetti e nel contrasto alla contraffazionele, meccanico o chimico, separati o combinati) “che e alla concorrenza sleale.nel prodotto finito attraggano la vista e siano giudi- Con provvedimenti ministeriali successivi, sonocati esclusivamente da essa”. stati istituiti presso la rete degli Uffici dell’IstitutoIl design deve essere nuovo e originale (la novità nazionale per il Commercio Estero (I.C.E.) 14 Uffi-può anche risiedere nell’applicazione di una forma ci, sinteticamente denominati Intellectual Propertyo modello conosciuta a un ambito diverso dall’ori- Rights Desk (IPR Desk), proprio con l’obiettivo diginale). Il disegno o modello non deve essere stato offrire alle imprese italiane all’estero un insiemepubblicato o usato in altri Paesi prima della data di di servizi di assistenza e consulenza in materia dideposito della domanda. proprietà intellettuale. Gli IPR Desk sono stati at-Per la tutela di disegni o modelli è prevista la pre- tivati presso quei Paesi nei quali è più intensa lasentazione di una domanda al Controller of Designs diffusione del fenomeno della contraffazione, siapresso una delle sedi dell’IPO, tramite un rappre- sotto il profilo della produzione di beni contraffattisentante. La durata della protezione è di 10 anni, che di quello della loro distribuzione, ovvero nelleestendibile a 15 anni ove sia rivendicata una priorità seguenti capitali e città:ovvero ove il richiedente basi la sua registrazione in 97 Interprofessionalnetwork
  • 97. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi • Cina: Pechino, Shanghai, Canton e Hong vative industriali presso gli organismi di certifica- Kong; zione locali e, più in generale, nella loro attività di • Taiwan: Taipei; contrasto alla contraffazione, allargando il proprio • India: New Delhi; spettro di azione alle pratiche di concorrenza slea- • Corea del Sud: Seoul; le. Gli IPR Desk potranno anche prestare alle azien- • Vietnam: Ho Chi Min City; de, eventualmente avvalendosi di supporti esterni, • Emirati Arabi Uniti: Dubai; consulenza legale di base su questioni riguardanti • Turchia: Istanbul; la difesa dei propri diritti di proprietà intellettuale, • Russia: Mosca; fornendo tutti gli elementi utili a definire il contesto • Stati Uniti: New York; nel quale l’azienda potrà proporre eventuali azioni. • Brasile: San Paolo. Il costo delle eventuali successive controversie le- gali sarà a carico delle imprese. La rete degli IPR Desk, pressoché completa e ope- Gli IPR Desk, nello svolgimento dell’attività di rativa in tutti i paesi citati, contribuisce a contrasta- costante monitoraggio dei mercati esteri, sotto il re la sempre maggiore pervasività e pericolosità del profilo dell’evoluzione della legislazione locale in fenomeno della contraffazione, offrendo specifici materia e delle azioni di prevenzione e contrasto servizi di supporto alle imprese italiane, impegnate alla contraffazione e alla concorrenza sleale mes- nel processo di internazionalizzazione. se in campo dalle autorità locali, hanno, altresì, il La missione primaria degli IPR Desk è quella di compito di segnalare al Ministero quei procedi- fornire alle imprese gli strumenti e le informazioni menti giudiziari in materia di tutela della Proprietà rilevanti per comprendere il sistema locale del- Intellettuale emblematici o rappresentativi di inte- la proprietà intellettuale, nel suo complesso, e le ressi diffusi che, per la loro portata e implicazioni, principali problematiche a esso legate, tramite, per possono costituire un precedente o un riferimento esempio, la ricognizione della legislazione nazio- utile anche ad altre imprese italiane. Tali procedi- nale in materia di marchi e brevetti, di indicazioni menti, cd. “cause pilota” potranno, previa adegua- di origine, copyright e design, inclusi gli aspetti ta valutazione, essere supportati finanziariamente contrattuali e la giurisprudenza rilevante. attraverso un apposito fondo, costituito presso il Per l’impresa moderna, si fa sempre più pressante Ministero dello sviluppo economico, destinato l’esigenza di individuare e gestire correttamente un all’assistenza legale internazionale alle imprese sistema di best practices dalle quali può dipendere (cfr. presentazione dei Desks Anticontraffazione il successo di una politica aziendale basata sull’uso da parte del Direttore Generale per la Promozione e lo sfruttamento della conoscenza e dell’innovazio- degli scambi del Ministero per lo sviluppo Econo- ne. Conoscere le procedure amministrative e i loro mico dott. Gianfranco Caprioli). costi, saper prevedere i tempi e le risorse necessa- rie all’ottenimento di un brevetto o di un disegno, 1. IL DesK gestire tutte le complesse problematiche di natura antIcontraFFazIone DI pratica e procedurale legate alla concessione e alla protezione di un diritto industriale richiedono un new DeLHI insieme di competenze tecniche, di cui le piccole e medie, ma anche le grandi imprese, sono spes- Di seguito i riferimenti dell’Intellectual Property so sprovviste. In molti casi, le imprese più piccole Desk con sede a New Delhi: non dispongono delle competenze e delle risorse necessarie per prendere adeguatamente coscienza Italian Trade Commission (ICE) del problema oppure si affidano a operatori non Trade Promotion Section of the Italian Embassy all’altezza correndo rischi aggiuntivi. A questo 50-E, Chandragupta Marg, Chanakyapuri proposito, gli IPR Desk possono offrire attività di New Delhi 110 021 assistenza alle imprese per la registrazione di pri- India98 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 98. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiTel: (0091 11) 24101272Fax : (0091 11) 24101276 4. La risoluzione delleE-mail: iprdesk.newdelhi@sviluppoeconomico.gov.itWebsite: www.ice.gov.it - www.italtrade.com/india controversieDal punto di vista procedurale gli atti illeciti incampo possono essere perseguiti con la richiesta In India le controversie possono essere risolte me- diante ricorso: • a organi giudiziari o quasi giudiziari;di inibitoria e risarcimento del danno di fronte allaCorte Distrettuale territorialmente competente. • all’arbitrato;Va segnalato che, mentre in Italia è facoltativo l’uti- • a tecniche alternative di risoluzione dei conflittilizzo del simbolo “r” (per “registrato”) sui prodotti, (le procedure ADR o di Alternative Dispute Re-in India esso è obbligatorio sui prodotti per disegni solution).e modelli, nella forma “Registered” o “Regd” ovve-ro “Rd”, seguita dal numero di registrazione. 1. IL sIstema DI rIsoLUzIoneQuanto ai brevetti, ai fini del risarcimento dei dan- GIUDIzIarIo o “QUasIni, è necessario aver contrassegnato il prodotto GIUDIzIarIo” DeLLecon l’indicazione “patent” o “patended” seguita an-che qui dal numero di registrazione. controversIePer ogni approfondimento si può comunque fare L’ordinamento indiano è caratterizzato da un siste-riferimento al sito di IPO www.ipindia.nic.in che è ma giudiziario indipendente e molto articolato. Alcompleto e facilmente consultabile nelle quattro vertice della giustizia ordinaria vi è la Corte Supre-articolazioni “Patents“, “Designs”, “Trade Marks” e ma, organo unico per tutto il territorio nazionale.“Geographical Indications “. Il sistema indiano è ulteriormente strutturato in 21In particolare si vedano i sopracitati: Alte Corti (High Courts), aventi giurisdizione su uno• Manual of Patent Office Practice and Proce- Stato, Unione Territoriale o gruppo di Stati2, e in dure; una pluralità di subordinate courts, competenti per• Revised Draft Manual of Trademarks Practice il primo grado di giudizio e ulteriormente specia- and Procedure; lizzate a seconda che si tratti di controversie civili,• Manual of Geographical Indications; penali, di diritto di famiglia, o di competenza delle• Manual of Designs Practice and Procedure. district courts. L’India, quindi, è costituita da un sistema giudizia-Si veda inoltre il rinnovato sito della “Direzione rio uniforme, radicato su tutto il territorio nazionale,generale lotta alla contraffazione - ufficio italiano caratterizzato da una sovrapposizione tra il dirittobrevetti e marchi” (www.uibm.gov.it) a cura del Mi- recente, di fonte statuale, con il complesso dellenistero dello Sviluppo Economico, nel quale sono norme tradizionali e delle regole popolari locali, pa-riportati i link agli uffici facenti parte la rete inter- rimenti presenti nel sistema delle fonti indiano.nazionale degli IPR desk e dove è possibile consul- Sebbene, poi, l’India sia un Paese con una tradizio-tare le newsletter da questi ultimi periodicamente ne giuridica peculiare, è indubbio che si tratti di unpubblicate. ordinamento secolare politicamente, religiosamente e ideologicamente aperto e pluralistico. I caratteri della secolarità e democraticità si riconoscono an- 2 Si ricorda che l’India è una federazione di Stati con parlamenti e governi autonomi. l’ordinamento indiano è strutturato in 28 Stati federati e 7 Territori. Ed ognuno di esso è ulteriormente suddiviso in distretti (e di distretti in alcuni Stati federati sono riuniti in divisioni). 99 Interprofessionalnetwork
  • 99. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi che nel sistema giudiziario indiano, che non risulta sola che limiti o escluda la facoltà di una o entram- particolarmente influenzato da fonti di derivazione be le parti di tutelare giurisdizionalmente i propri religiosa o etnica in ciascuna delle Regioni e degli diritti. Stati indiani. Inoltre, la validità della clausola di deroga della Le High Courts possono giudicare sia le contro- giurisdizione indiana presuppone un’indagine sulla versie civili che penali. Tuttavia, il nucleo centrale chiarezza dell’intero testo contrattuale e sulla man- dell’attività della maggior parte delle High Courts è canza di diverse scelte interpretative. quella di giurisdizione di appello per le istanze pro- La recezione del diritto inglese è determinante venienti dalle Corti di primo grado e per i c.d writs nell’ordinamento indiano. L’India si caratterizza, (cioè ordinanze, istanze o atti giudiziari su eccezioni dunque, per essere un Paese con una tradizione di violazione dei diritti costituzionali/fondamentali giuridica di common law, con conseguente appli- dei cittadini indiani come habeas corpus, certiorari, cazione del principio del precedente vincolante. Ac- etc..), ai sensi dell’art. 226 della Costituzione In- canto al sistema del precedente, nel 1950 la nuova diana. Costituzione del Paese ha introdotto un testo giu- Ogni Stato è poi diviso in distretti giudiziari pre- ridico corposo (di ben 395 articoli) che costituisce sieduti da un District and Session Judge (giudice una componente fondamentale dell’ordinamento distrettuale e di sezione). La distinzione tra district giuridico oggetto della presente trattazione, integra- judge e session judge si fonda su una sostanziale to successivamente dalla formulazione di un corpus diversità di competenze, in quanto il district judge di leggi scritte. giudica sulle controversie civili mentre al session Considerata, quindi, la parallela sussistenza di un judge è attribuita la competenza in materia penale. sistema di common law e di un articolato sistema Il sistema giurisdizionale “federale” è strutturato di provvedimenti legislativi, pronunce giudiziarie e in tre gradi di giudizio: la High Court (Alta Corte) regolamenti amministrativi, si rende decisamente è giurisdizione di terzo grado, mentre la District consigliabile affidarsi a un consulente legale in loco Court, presieduta da un District and Session Jud- per la trattazione e la definizione delle questioni le- ge, costituisce il secondo grado di giudizio, alla cui gali e delle eventuali controversie che possano sor- cognizione vengono devolute le controversie decise gere in relazione alle attività commerciali intraprese dai tribunali di primo grado (nominati in modo di- in territorio indiano. verso nei singoli Stati indiani). Si rammenta, infatti, che solo gli avvocati sono All’interno del sistema giudiziario indiano non autorizzati a praticare la professione; d’altro canto, vi sono, invece, sezioni specializzate in materia però, non sussiste l’obbligo di essere assistito da commerciale. Le controversie in materia commer- un legale e ogni Corte o autorità amministrativa può ciale sono infatti di competenza dei Tribunali civili autorizzare un soggetto, che non presenti i requisiti ordinari, a meno che non vi siano delle fattispecie di appartenenza e iscrizione all’Albo, a stare in giu- penalmente rilevanti, che devono essere trattate dai dizio personalmente per ogni controversia. In ogni Tribunali penali. Vi sono però delle procedure spe- caso, se un soggetto ha dato mandato a un legale ciali in materia di concorrenza. di rappresentarlo e difenderlo, può rinunciarvi solo Il Giudice indiano è competente a giudicare sulle con il consenso della Corte, che generalmente è controversie che sorgano in tutto o in parte all’inter- negato. Un soggetto dunque può decidere di rinun- no del territorio sottoposto alla sua giurisdizione. ciare a essere assistito da un legale e di stare per- È fatta salva la facoltà delle parti di derogare alla sonalmente in giudizio solo previa autorizzazione giurisdizione di una delle Corti indiane a favore di della Corte. una corte straniera e viceversa. La Corte Suprema Le parti possono scegliere la legge applicabile al ha stabilito che, ove la giurisdizione sia stata at- contratto. tribuita in via esclusiva a un giudice straniero, la Il Giudice indiano competente a decidere la contro- legislazione Indiana non sarà applicabile. versia dovrà, in tali casi, giudicare la controversia Secondo il diritto indiano, tuttavia, è nulla la clau- secondo le norme dell’ordinamento scelto dalle100 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 100. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiparti. quali vengono istituite. Esempi di Autorità o OrganiCome precedentemente osservato, l’India è un Pa- “quasi giudiziari” sono l’Autorità per il diritto fisca-ese culturalmente eterogeneo. Le lingue principali le, l’Autorità per l’elettricità, per il recupero crediti,sono 15, ma l’unica lingua utilizzata per il con- per le accise e le imposte, e infine l’Autorità per latenzioso nelle corti superiori è l’inglese. La lingua risoluzione delle controversie Telecom etc.ufficiale, dunque, delle High Courts e della Corte Ulteriori esempi di Organi quasi giudiziari sono iSuprema è l’inglese; i procedimenti giudiziari nelle Tribunali del lavoro, competenti principalmente perCorti inferiori vengono trattati nella lingua ufficiale controversie di natura lavoristica. Inoltre, si ricordadello Stato in questione e/o in inglese. che è in corso di approvazione il Companies Bill,La normale durata dei processi dipende, come sem- 2009 con il quale dovrebbero entrare in funzione ilpre, dalla complessità della controversia e dell’at- National Company Law Tribunal e il National Com-tività svolta dall’organo giudiziario. Generalmente pany Law Appellate Tribunal istituiti dal Companiesoccorrono parecchi anni per giungere a sentenza e Act, 2002 ma rimasti inattivi a causa di una pronun-l’esperienza degli operatori stranieri con il sistema cia di incostituzionalità della Corte Suprema di cuigiudiziario indiano inevitabilmente si scontra con si è riferito nel precedente paragrafo 2.un quadro giuridico estremamente burocratizzato, Anche in tale ambito le controversie vengono decisein cui la definizione delle controversie richiede una conformemente alle disposizioni di legge vigenti econsiderevole quantità di tempo. non devono essere erroneamente considerate comeAlla luce di quanto considerato finora, l’investitore forme di mediazione o di negoziazione (o comunquestraniero dovrebbe scegliere, in sede di negoziazio- di risoluzione alternativa delle controversie).ne dei contratti o di accordi commerciali, di adottare Infatti, vale la pena di ribadirlo, gli Organi “quasil’arbitrato e/o gli altri metodi alternativi di risoluzio- giudiziari” descritti sono competenti a rendere pie-ne delle controversie presenti nel sistema indiano, namente effettive le garanzie loro assegnate dallaal fine di garantirsi un meccanismo effettivo e più legge.rapido di risoluzione degli eventuali conflitti che Sulla base di quanto illustrato sinora, emerge unpossono sorgere. quadro caratterizzato da procedimenti di AutoritàBisogna tuttavia osservare che agli stranieri viene specializzate che rendono decisioni aventi forzamaggiormente garantito un equo processo e che esecutiva e vincolanti tra le parti. Tali decisioni sonosono pienamente rispettati i loro diritti ed equa- soggette ad appello dinnanzi ai tribunali ordinari.mente trattati nelle Corti indiane, al pari degli stessicittadini indiani. 2. L’arBItrato eOvviamente vi sono differenze rilevanti di trattamen- L’ARbItRAtIon AnDto a seconda dei vari Stati.La risoluzione delle controversie attraverso un or- concIlIAtIon Act DeL 1996gano “quasi giudiziario” rappresenta, invece, untentativo da parte delle autorità indiane di rende- Tutte le controversie commerciali, incluse quellere rapido ed efficiente l’iter giudiziario per mezzo relative al diritto di proprietà intellettuale e al risar-della semplificazione delle formalità procedurali ed cimento per responsabilità contrattuale, possonoevitare che il contenzioso arrivi in giudizio. Dette essere risolte mediante l’arbitrato. Le materie nonAutorità vengono nominate dal potere esecutivo e compromettibili in arbitrato sono essenzialmentesono formate da giudici e operatori specializzati in quelle inerenti alle questioni fiscali, allo sciogli-una determinata area giuridica. Vengono create su mento e alla liquidazione di una società, alle que-base permanente e sono accessibili anche da sog- stioni concernenti la cattiva gestione di una società,getti stranieri. in materia fallimentare, di antitrust, le locazioni eLe menzionate Autorità non sono tuttavia sosti- infine le fattispecie riguardanti le associazioni senzatutive dei tribunali in quanto svolgono un ruolo scopo di lucro o trust di utilità sociale.supplementare per specifiche controversie per le Non è prevista una particolare forma per l’accordo 101 Interprofessionalnetwork
  • 101. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi arbitrale ai sensi del diritto indiano ma deve esse- essere la legge applicabile alle proprie transazioni re rispettata la forma scritta. Se le parti hanno sta- e dai contratti commerciali internazionali. Possono bilito di far decidere ad arbitri le controversie tra poi nominare consulenti legali stranieri nei proce- loro insorte, l’autorità giudiziaria dovrebbe dunque dimenti arbitrali. I costi di un consulente e/o di un di regola negare la giurisdizione, sempre qualora arbitro per un procedimento arbitrale in India varia- l’arbitrato abbia sede in India. Se, invece, la sede no a seconda della controversia e della complessità dell’arbitrato è al di fuori del territorio indiano, l’au- della materia, oltre che dell’esperienza del consu- torità giudiziaria può valutare la validità dell’accordo lente o dell’arbitro, etc., ma si tratta comunque di sottoscritto tra le parti, sebbene si tratti tuttavia solo costi ripetibili, che sono generalmente a carico del- su una valutazione giuridica prima facie del merito la parte soccombente. oggetto di causa. L’arbitrato è straniero o estero quando almeno una La Commissione delle Nazioni Unite per il Diritto delle parti non è indiana. Tuttavia, ove il manage- Commerciale Internazionale (UNICITRAL) ha for- ment e il consiglio di amministrazione di una socie- mulato una Model Law sull’arbitrato commerciale tà siano esclusivamente indiani, se si tratta di arbi- internazionale, le cd. Unicitral Arbitration Rules, trati nazionali la legge applicabile può essere solo che sono riconosciute dalle Corti Indiane insieme quella indiana, mentre ove si versi in un’ipotesi di alle regole formulate dalla Camera di Commercio arbitrato internazionale o estero, le parti sono libere Internazionale di Parigi (ICC), e alle regole arbitrali di scegliere la legge applicabile alla controversia emanate dall’Istituto Arbitrale della Camera di Com- che intendono sottoporre al procedimento arbitrale. mercio di Stoccolma. L’autorità giudiziaria può, a seguito dell’approva- Le parti godono di una completa autonomia nella zione del Tribunale arbitrale, assistere alla raccolta determinazione della procedura da seguire nell’ar- dei mezzi di prova incluse le dichiarazioni e disclo- bitrato. Le procedure individuate nell’Arbitration sures. Detta facoltà può essere anche esercitata and Conciliation Act trovano applicazione solo in dall’autorità giudiziaria qualora si ritenga necessa- forma residuale, e quindi, in assenza di una precisa rio per l’equa trattazione della causa o per la com- formulazione della procedura da seguire. pensazione delle spese processuali. Le parti sono anche libere di scegliere gli arbitri, Un Tribunale arbitrale può, inoltre, adottare prov- che non devono necessariamente possedere alcu- vedimenti cautelari, che sono appellabili e possono na particolare qualifica, specializzazione o essere essere resi esecutivi seguendo l’ordinario procedi- membri dell’Albo degli Arbitri. Possono essere no- mento di cognizione. minati arbitri anche cittadini stranieri. L’Arbitration L’autorità giudiziaria può inoltre emettere un prov- and Conciliation Act (1996) prevede comunque una vedimento cautelare a garanzia del pagamento dei procedura di nomina degli arbitri che trova applica- costi dell’arbitrato. zione in via residuale, in caso di mancata nomina o Per quanto concerne, invece, le fonti di diritto com- di incapacità delle parti. merciale internazionale applicabili, si rammenta che Se si tratta di un arbitrato commerciale interna- l’India non è parte della Convenzione di Washington, zionale la nomina deve essere effettuata dal Chief e quindi formalmente non aderisce al meccanismo Justice of India, organo che presiede la Corte Su- multilaterale di arbitrato internazionale amministra- prema Federale Indiana, mentre negli altri casi alla to dall’ICSID (International Center for Settlement of nomina provvede il Chief Justice della High Court, Investiment Disputes), anche se il sistema indiano che ha competenza in merito. si richiama alle procedure ICSID. Ai sensi dell’Arbitration and Conciliation Act, gli ar- Tuttavia ha ratificato una serie di trattati bilaterali bitri devono essere indipendenti e imparziali e sono di investimento, tra i quali quello sottoscritto con inoltre tenuti a comunicare l’eventuale sussistenza l’Italia - e in vigore dal 1998 - sulla promozione e di conflitti di interesse in relazione alla controversia protezione degli investimenti (Bilateral Investment per la quale vengono nominati. Protection Act-BIPA), che prevede peraltro una par- Inoltre, le parti sono libere di scegliere quale debba ticolare procedura per la risoluzione delle contro-102 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 102. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiversie fra investitori delle parti contraenti e le auto- pretesa, e anche che non vi sono previsioni nellarità governative. normativa in materia di arbitrato e conciliazioneSempre in tema di investimenti, è opportuno ricor- riguardanti l’annullamento della sentenza arbitraledare che l’India è parte della MIGA, l’Agenzia per la straniera. Infatti, in materia di arbitrati stranieri leGaranzia Multilaterale degli Investimenti (Multilate- autorità giudiziarie indiane possono solo ricono-ral Investment Guarantee Agency), indirizzata agli scerne o rifiutarne l’esecuzione, in applicazioneinvestimenti nei Paesi in via di sviluppo, ed è uno della Convenzione di New York, ma non possonodei membri fondatori della WTO – Organizzazione annullare la decisione arbitrale.Mondiale del Commercio (World Trade Organiza- Recenti interventi giurisprudenziali hanno ammes-tion), di cui adotta anche il meccanismo di soluzio- so la possibilità di annullamento del lodo arbitra-ne delle controversie commerciali tra Stati. le estero qualora sussista un’ipotesi di violazioneL’India è, inoltre, membro del Trattato sulla Carta dell’ordine pubblico indiano (qualora sussistano,dell’Energia, avente come obiettivo l’istituzione di quindi, conflitti con l’ordine pubblico e costituzio-un quadro giuridico per la promozione di una coo- nale dell’ordinamento indiano).perazione a lungo termine nel settore dell’energia, e In conclusione, può dirsi che in India la risoluzioneha pure sottoscritto la Convenzione di New York del delle controversie mediante arbitrato viene pratica-1958 sul riconoscimento e l’esecuzione delle sen- ta correntemente e che gli operatori commercialitenze arbitrali straniere. spesso preferiscono tale metodo di composizione delle controversie in virtù della significativa ridu-2.1 arbitration and conciliation act: l’esecu- zione dei costi e dei tempi nella composizione delle zione della sentenza arbitrale interna liti; elementi, questi, di particolare rilievo se con-Ai sensi dell’art. 34 dell’Arbitration and Conciliation frontati con il lungo iter processuale che caratterizzaAct, una sentenza arbitrale ha forza esecutiva al pari la giustizia ordinaria indiana.di una sentenza emanata da un’autorità giudiziariaordinaria, se non è stata impugnata. 3. IL sIstema DI rIsoLUzIoneUna volta emessa, la sentenza arbitrale è esecutiva aLternatIva DeLLee ha per le parti in causa gli stessi effetti di unasentenza emessa da un Tribunale ordinario. controversIePuò essere impugnata entro tre mesi, ma soloper motivi assai limitati, indicati nell’art. 34 Nell’ordinamento indiano sono presenti diversidell’Arbitration and Conciliation Act. mezzi di alternative dispute resolution, ovvero di risoluzione alternativa delle controversie. Gli ambi-2.2 arbitration and conciliation act: l’esecu- ti in cui le procedure di ADR sono particolarmente zione delle sentenze arbitrali straniere o diffusi sono sicuramente quello commerciale, spe- estere cialmente in materia di joint ventures, progetti diSi è già rilevato che l’India è parte della Conven- investimento, partnership differences, il diritto dizione di New York del 10.07.1958, che stabilisce proprietà intellettuale, il danno alla persona, etc.l’obbligo del riconoscimento di lodi emessi in qual- I mezzi più diffusi di risoluzione alternativa dellesiasi Stato diverso da quello in cui l’esecuzione è controversie nel sistema indiano sono la negotia-richiesta, anche se non contraente, cui pertanto si tion, la mediation e la conciliation.rimanda.Importante, però, è ricordare che l’ Arbitration and 3.1 La negotiationConciliation Act, 1996 non prevede un termine di Trattasi di una procedura non vincolante di risolu-decadenza entro il quale una sentenza arbitrale deve zione delle controversie, per mezzo della quale leessere fatta valere per essere esecutiva, ma che la parti si riuniscono per tentare di raggiungere un ac-giurisprudenza ha stabilito un termine di tre anni, cordo senza l’intervento di una terza parte.entro il quale chi ha interesse deve coltivare la sua 103 Interprofessionalnetwork
  • 103. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 3.2 La mediation Procedura di natura volontaria e non formale in cui le parti scelgono un terzo soggetto neutrale che le guidi, svolgendo il compito di “facilitatore” nella ri- soluzione della loro controversia. Il terzo facilitatore è definito mediatore e il suo intervento costituisce un aiuto alle parti per raggiungere una risoluzione concordata della loro controversia, senza per que- sto poter dettare pareri né, tantomeno, decisioni vincolanti per le parti stesse. Il mediatore non ha autorità, quindi, nel rendere de- cisioni che siano vincolanti per le parti, ma adotta determinate procedure, tecniche e competenze che permettano di governare il processo di transazione e che facilitino la comunicazione tra le parti stesse con la finalità di giungere a una risoluzione con- cordata della loro controversia senza che la stessa venga portata davanti a un Tribunale. 3.3 La conciliation Le parti si impegnano di intraprendere una procedura di conciliazione, intendendosi con conciliazione un metodo alternativo di risoluzione delle controversie in cui la terza parte, il conciliatore, svolge un ruolo più incisivo nel condurre le due parti e nel suggerire le possibili soluzioni che favoriscano la risoluzione della loro disputa, con compiti anche compiti pro- positivi e valutativi. Le disposizioni concernenti la conciliazione si trovano nel citato Arbitration and Conciliation Act, 1996. Le Corti indiane generalmente riconoscono e danno esecuzione agli accordi provenienti dalle procedure di ADR, che sono anche previste dalla stessa le- gislazione indiana, le Corti vengono sollecitate a favorire e incoraggiare l’adozione di tali modalità di risoluzione alternativa delle controversie.104 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 104. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi Capitolo Quinto 05 A cura di Interprofessional Network1 aspettI trIBUtarI 1 Aspetti generali del sistema tributario 2 Imposte indirette 3 Cenvat 4 Service Tax 5 Central Sale Tax 6 Imposta sul valore aggiunto 7 Progetto di riforma: introduzione GST dal 2010 8 Imposte dirette sulle persone giuridiche 9 Imposte dirette sulle persone fisiche 10 Agevolazioni fiscali per gli investimenti esteri1. Aspetti generali del prietà. Il reddito viene tassato in India, in conformità con le disposizioni della Income-Tax Act, del 1961. sistema tributario Il Ministero delle Finanze (Dipartimento delle En- trate) opera attraverso la commissione centraleL a struttura fiscale indiana è ben demarca- ta tra l’amministrazione centrale e quel-la statale (riferita ai singoli stati che compon- delle imposte dirette (CBDT), un’autorità fiscale che implementa e gestisce direttamente le leggi fiscali. L’India ha intrapreso una serie di riforme fisca-gono il territorio) e le autorità o enti locali. li, dai primi anni 1990. L’attenzione è stata fo-Le imposte principali, comprese le imposte sul red- calizzata sulla razionalizzazione delle aliquo-dito, i dazi doganali e l’accisa sono riscosse dall’am- te fiscali e la semplificazione delle procedure.ministrazione centrale. D’altra parte, troviamo prelie-vi di imposta a livello statale come l’accise (Central 1. concetto DI resIDenza eExcise Duty), i Dazi, l’Imposta sul Valore Aggiunto(IVA), l’imposta sulle vendite e le imposte di registro. tassazIoneGli enti locali possono riscuotere le imposte qualil’Octroi (o tassa di entrata) e altre imposte di caratte- Le imprese e le persone fisiche si suddividono inre locale, come la tassa sull’acqua e quelle sulla pro- residenti e non residenti e secondo tale suddivisione1 Il presente contributo deriva da un lavoro di ricerca comune degli autori. La stesura dei paragrafi è tuttaviaattribuibile a Deborah Sassorossi per i paragrafi 5.1, 5.8 e 5.9, a Stefano Garelli per i paragrafi 5.2, 5.3, 5.4, 5.5, 5.6,5.7 e a Pietro Mastellone per il paragrafo 5.10. 105 Interprofessionalnetwork
  • 105. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi sono soggetti alle imposte sui redditi. Le persone competenza dei rispettivi Governi. fisiche possono essere considerate anche “residenti In conformità alla Costituzione, il potere di applica- ma non ordinariamente residenti”. re i tributi è suddiviso tra tre livelli di governo. I residenti sono tassati con il concetto del “world A livello centrale sono applicate le seguenti princi- wide taxation principle”, con una tassazione sul red- pali imposte indirette: dito prodotto in India includendo anche tutti i redditi • la Central Value Added Tax (Cenvat); da qualsiasi fonte provengano secondo le previsioni • la Service Tax; dell’Income Tax Act. • i diritti di confine (Custom duties). A livello statale sono applicate le seguenti princi- I non residenti sono tassati sui redditi di fonte in- pali imposte: diana o redditi direttamente connessi come tali. • la CST- Central Sales Tax (imposta sulla ven- Una società è residente se è stata costituita e regi- dita interstatale di beni); strata nel CBDT (Central Board of Direct Taxes) e ha • gli stamp duties (diritti sul trasferimento di la propria sede in India o vi ha il suo management proprietà); effettivo (effective management). • la State excise (imposta sui prodotti alcolici). Per management effettivo si intende il centro di A livello locale sono applicate le seguenti princi- supervisione, management e controllo dell’impre- pali imposte: sa che ha sede dove il consiglio di amministrazio- • le octroi (imposte sulle merci utilizzate o con- ne si riunisce al fine esercitare le relative autorità sumate all’interno del territorio locale); decisionali e di sorveglianza e dove le imprese • le tax / user charges sulle utilities e su altri gestiscono la contabilità, dove sono individuati i servizi comunali (per esempio: acqua, rifiuti, dipartimenti aziendali con autorità decisionale, il etc.). luogo ove si riuniscono gli azionisti, dove si tro- va il personale e le immobilizzazioni dell’impresa. Attualmente in India il sistema delle imposte indi- Sono soggette a imposizione anche le società, le istitu- rette è così strutturato (cfr. International Vat Moni- zioni e le associazioni registrate comunque nel CBDT. tor, n. 4/2007, p. 293): Normalmente il reddito globale delle società dome- • sulle merci importate vengono pagati i dazi stiche, partnerships e enti locali è soggetto a un’ali- (custom duties), i quali spettano al Governo quota proporzionale predeterminata quando invece centrale; tali dazi sono composti da vari ele- le persone fisiche e altri specifici soggetti sono tas- menti, i principali dei quali sono il Basic Cu- sati secondo aliquote progressive. Le imprese estere stom Duty (BCD), il quale viene generalmente e le persone fisiche non residenti sono soggette a applicato con l’aliquota del 10% (esistono tut- una tassazione progressiva alla quale si aggiungono tavia altre aliquote) e l’Additional Custom Duty anche altre tasse con aliquote diverse su redditi spe- o Countervailing duty (CVD), l’Additional duty cifici conseguiti. of customs to countervail local taxes (SPL). Il CVD è detraibile dalla Cenvat e dall’imposta 2. Imposte indirette sui servizi (nel caso in cui i beni importati ven- gono utilizzati allo scopo di eseguire presta- zioni di servizi imponibili). Sulle importazioni L ’India è un Paese federale, composto da 28 Stati e da 7 territori, gli uni e gli altri, a loro volta, suddivisi in distretti (al momento attuale ne esi- non viene applicata l’Iva, essendo questa un tributo di competenza statale; • sulle merci prodotte in India viene applicata la stono 604). Cenvat, il cui gettito spetta al Governo Cen- La costituzione indiana prevede che: trale. L’imposta in questione viene applicata • il commercio con l’estero (importazioni ed con un meccanismo simile a quello dell’Iva: esportazioni) e il commercio interstatale, siano la Cenvat subita a monte è infatti detraibile di competenza del Governo centrale; dalla Cenvat applicata a valle. L’imposta in • il commercio all’interno dei singoli Stati sia di106 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 106. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi questione viene applicata anche alle merci che formano oggetto di cessione interstatale. Essa 3. Cenvat non viene applicata alle merci esportate; sulle merci importate viene applicata la CVD, di am- montare pari alla Cenvat; L a Central Value Added Tax (Cenvat, denominata anche Central Excise Duty) è un diritto di accisa imposto dal Governo centrale.• le cessioni di merci all’interno di uno stesso Stato sono soggette all’Iva. Tale imposta, al momento, colpisce solo le cessioni di beni, Fino all’anno fiscale 2005/2006 venivano applicate mentre le prestazioni di servizi sono colpite due tipologie di tributi: dalla specifica imposta sui servizi. L’Iva subita  il Basic Excise Duty (BED); sugli acquisti di merce posti in essere all’in-  lo Special Excise Duty (SED). terno di uno Stato è detraibile dall’Iva dovuta sulle vendite eseguite all’interno dello stesso A partire dall’anno fiscale successivo, la SED non è Stato. Nel caso di vendite interstatali (tra sog- più dovuta. getti registrati ai fini Iva in due Stati diversi), l’operazione è non imponibile (zero rated) sot- 1. presUpposto appLIcatIvo to il profilo dell’Iva, ed è soggetta alla CST - Central States Tax. Tale ultima imposta è un I fatti economicamente rilevanti che giustificano l’ap- tributo di carattere centrale, ma è amministrato plicazione della Cenvat sono quelli che soddisfano i dai singoli Stati; il suo gettito spetta allo Stato tre elementi del presupposto impositivo: di partenza della merce; l’aliquota della CST  elemento oggettivo: fabbricazione di beni è stata del 4%, sino al 31 marzo 2007; dal 1° destinati alla vendita; aprile 2007 è stata abbassata al 3%; a parti-  elemento soggettivo: effettuata nell’eserci- re dal 1° giugno 2008, è stata portata al 2% zio di imprese; (International Vat Monitor, n. 4/2008, p. 297).  elemento territoriale: posta in essere Le vendite interstatali poste in essere nei con- nell’ambito del territorio della Repubblica fronti di soggetti non registrati, sono soggette federale indiana. all’Iva dello Stato di partenza. Molti Stati, al momento dell’introduzione nel loro territorio di In linea generale, ogni persona che inizia un’attività merci provenienti da altri Stati della federazio- di produzione (manifatturiera) deve registrarsi pres- ne, applicano una entry tax di ammontare pari so la Central Excise Authority. all’Iva; tale imposta è detraibile dall’Iva dovuta Sono previsti esoneri di carattere soggettivo per le all’atto della vendita nel territorio dello Stato. imprese di piccola dimensione: imprese giro d’affari Le merci esportate sono non imponibili (zero non superiore a 15 milioni di INR (circa 230.688 € al rated), ai fini dell’Iva statale; le merci importate cambio attuale, 1,00 € = 65,023 rupie). non sono soggette all’Iva statale;• le prestazioni di servizi sono soggette all’im- La Cenvat non viene applicata sui beni esportati. posta sui servizi (Service Tax); l’imposta in questione è amministrata dal Governo centra- 2. Base ImponIBILe e aLIQUota le, al quale spetta anche il gettito della stessa. La Service Tax pagata a monte, è detraibile La Cenvat, riguardo alla gran parte dei prodotti di dall’imposta sui servizi (o dalla Cenvat) ap- consumo, destinati alla vendita al dettaglio, viene plicata a valle. Tale imposta non è detraibile applicata sul massimo prezzo di vendita degli stessi dall’Iva statale. L’aliquota ordinaria dell’impo- (MRP - Maximum Retail Price), indicato sulle rela- sta è del 10% (oltre alla sovraimposta del 3%) tive confezioni. ed è uguale per tutto il Paese. Tuttavia, per alcune merci, sono ammessi abbatti- 107 Interprofessionalnetwork
  • 107. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi menti dal 30% al 50% di tale prezzo. 5. DetrazIone DeLL’Imposta Le altre merci (e cioè quelle non destinate alla ven- dita al dettaglio) sono generalmente assoggettate al La Cenvat ha una struttura simile a quella dell’Iva; diritto in base al criterio del valore di transazione tra l’impresa manifatturiera ha la possibilità di dedurre soggetti indipendenti. dall’importo dovuto: Il Governo centrale ha comunque la possibilità di • la Cenvat pagata sui prodotti nazionali (locally fissare in via autonoma il valore delle merci (tariff sourced goods); values), da utilizzare quale base imponibile sulla • l’Additional Custom Duty in lieu of Excise quale applicare la Cenvat. (CVD), pagato sulle merci importate. L’aliquota alla quale viene applicato la Cenvat dipende dalla classificazione della merce ai fini dell’Excise Tariff. Nella pubblicazione della PWC “Destination India Tale Tariffa è basata sui criteri dettati dal SA - Siste- - Overview of the tax and regulatory framework in ma Armonizzato (HS - Harmonized System). India, settembre 2010, pp. 39-40”, viene affermato Il Governo, nel 2005, ha adottato una classificazione che: a 8 cifre; le prima 6, lo si ricorda, sono in comu- “The Cenvat credit can be utilised for payment of ne con tutti i Paesi del mondo che applicano il SA excise duty on the clearance of dutiable final pro- (cfr. in merito la documentazione riportata sul sito ducts manufactured in India. In the light of the inte- del Ministero delle finanze indiano: http://www.cbec. gration of goods and services tax initiated in 2004, gov.in/cae1-english.htm). manufacturers of dutiable final products are also Le principali aliquote della Cenvat sono zero, 10% eligible to avail CENVAT credit of the service taxes e 14%. Esistono altresì prodotti esenti dalla stessa. paid on input services used in or in relation to the Sull’ammontare complessivo del diritto è dovuta la manufacture of final products and clearances of final Cess del 2% e un’ulteriore Cess (SHEC - Secondary products upto to the place of removal. In addition, and Hight Education Cess) dell’1%. CENVAT credit is admissible Secondo il documento PKF - India Tax Guide 2011, on the following input services: p. 5, “CENVAT is generally applicable on an ad valo- • services used in relation to setting up, moderni- rem basis at the prescribed rates on the ‘transaction sation, renovation or repairs of a factory, a pre- value’ of the goods. Most goods are subject to basic mises of a service provider or an office relating excise duty of 10 %”. to such a factory or premises; • advertisement or sales promotion services; 3. momento ImposItIvo • services in relation to procurement of inputs; • activities relating to business such as ac- Come sopra affermato, il fatto generatore dell’impo- counting, auditing, financing, recruitment and sta (effettuazione dell’operazione) è rappresentato quality control, coaching and training, compu- dalla produzione di beni; l’imposta diventa esigibile ter networking, credit rating, share registry and da parte dello Stato a partire dal momento nel quale security, inward transportation of inputs or ca- i beni lasciano lo stabilimento o il magazzino. pital goods and outward transportation”. 4. FattUrazIone Nella pubblicazione della E&Y “The 2011 Worldwide VAT and GST Sales Tax Guide”, a p. 276, riguardo alla detrazione dell’imposta subita in relazione all’ac- Il produttore deve emettere fattura in relazione quisto di beni di investimento viene affermato che: all’uscita delle merci dallo stabilimento o dal magaz- “The Excise Duty paid on procurement of capital zino; tale fattura deve contenere le informazioni ri- goods is available as a credit to a manufacturer or chieste dalla normativa della Cenvat (soggetto emit- service provider. Fifty percent of the credit is availa- tente, soggetto acquirente, descrizione della merce, ble in the year of receipt, and the remaining 50% is corrispettivo, imposta, etc.). available in any subsequent year”.108 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 108. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi6. LIQUIDazIone DeLL’Imposta È ammessa la registrazione volontaria. Ove l’impresa di servizi, oltre alla sede legale, sia e DIcHIarazIonI perIoDIcHe dotata di unità locali, essa deve provvedere alla se- parata registrazione delle stesse.L’operatore deve periodicamente liquidare l’Imposta Tuttavia, ove l’impresa sia dotata di un sistema didovuta o a credito, facendo la differenza tra l’imposta fatturazione o di contabilità centralizzati, essa puòdovuta e l’ imposta subita sugli acquisti di beni e essere ammessa a effettuare un’unica registrazioneservizi, come indicato nel punto precedente. (centralizzata) per tutte le unità locali.In caso di saldo a credito (imposta a valle inferiore I soggetti non residenti operanti in India a mezzo diall’imposta a monte) generata da cessioni all’espor- stabili organizzazioni, devono registrarsi presso latazione è possibile chiedere e ottenere il rimborso competente autorità fiscale.del credito. La Service Tax si applica ai servizi specificamenteNegli altri casi il credito è riportabile in avanti per identificati dalla normativa sull’argomento.essere utilizzato in compensazione di futura imposta Al momento attuale la lista dei servizi soggetti all’im-a debito. posta in questione comprende circa 100 tipologie di servizi, per esempio: telecomunicazioni, servizi di4. Service tax agenzie di pubblicità, consulenza gestionale, servizi di manutenzione e di riparazione. Sono esenti dall’imposta, per esempio, i servizi sa-L ’imposta sui servizi è un’imposta a livello centra- le. Essa viene applicata con una modalità similea quella dell’Iva. nitari (esclusi gli interventi di chirurgia plastica e i check up) e i servizi di istruzione.È stata introdotta nell’ordinamento indiano a partire La normativa indiana, in tema di imposta sui servi-dal 1994 con progressivo allargamento dell’ambito zi, non detta regole precise in ordine all’elementoapplicativo. della territorialità. Essa fissa invece i parametri per poter considerare esportato un determinato servi- zio.1. presUpposto appLIcatIvo Sulla base di tali parametri (ragionando “a spec- chio”), è possibile affermare che una prestazione diI fatti economicamente rilevanti che giustificano servizi si considera effettuata in India, ove venganol’applicazione della Service Tax sono quelli che sod- soddisfatti i seguenti requisiti (varianti in funzionedisfano i tre elementi del presupposto impositivo: della tipologia di servizio reso):• elemento oggettivo: le prestazioni di servizi in- • la localizzazione (in India) del committente dicate in un apposito elenco allegato alla leg- della prestazione; ge; • il luogo di materiale esecuzione del servizio• elemento soggettivo: effettuate da ogni tipo di (territorio indiano); impresa individuale o societaria, comprese le • la moneta di pagamento (INR); imprese a capitale estero (FIE - Foreign Inve- • la localizzazione dei beni cui il servizio si rife- sted Enterprises); risce (India).• elemento territoriale: poste in essere nell’ambito del territorio della Repubblica federale indiana. Anche in India, così come nella Ue, il parametro del luogo di utilizzo ha suscitato notevoli problemi sulOgni soggetto che esegue a favore di terzi servizi piano operativo.assoggettabili all’imposta, per un ammontare supe- Nel caso di servizi resi da soggetti non residentiriore a una determinata soglia fissata dalla legge, è in India, privi di stabile organizzazione sul terri-obbligato a registrarsi preso la competente autorità torio indiano, ove gli stessi, in base alle regole difiscale e ad applicare l’imposta. territorialità indiane (così come sopra individuate)Attualmente la soglia è pari a 1.000.000 INR. si considerano effettuati in India, sorge in capo al 109 Interprofessionalnetwork
  • 109. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi committente indiano registrato l’obbligo di assol- carried out in India, the service was to be treated vere l’imposta con la procedura del reverse charge as “used” in India. The issue is addressed in a (International Vat Monitor, n. 5/2008, p. 400). clarification issued by the Ministry of Finance on 24 February 2009. This clarification explains that 2. Base ImponIBILe e aLIQUota the phrase “used outside India” is to be interpreted as meaning that the benefit of the service accrues outside India. It clarifies that it is possible that the La Service Tax viene applicata con l’aliquota del activities are carried out in India but the benefit of 10,30% (10% + 3% di sovraimposta cess) del cor- that service accrues to a person located outside In- rispettivo lordo dell’operazione. dia, and that that circumstance would satisfy the Le prestazioni di servizi “esportate” non sono sog- condition for treating the service as being exported. gette all’imposta. For example, an indian agency may undertake the Sono previsti specifici criteri, in funzione delle varie marketing of goods in India for a non-resident sup- tipologie di servizi, per stabilire se il servizio può plier, for which it receives a commission from the essere considerato esportato: non resident supplier in a foreign currency. Such • la localizzazione (all’estero) del committente a service, although performed in India, will be tre- della prestazione; ated as exported outside India for the purposes of • il luogo di materiale esecuzione del servizio Service Tax. (Paese estero); The Service Tax law do not contain place of supply • la moneta di pagamento (diversa dalla INR); rules. • la localizzazione dei beni cui il servizio si riferi- Instead, there are rules for deternining under which sce (Paese estero). circumstances service are to be regarded as being imported into India or exported out of India. The Sul punto è stato affermato (Bhavna Doshi Bharat S exportation of services is free of Service Tax and Raut & Co., KPMG,Mumbai, Internation Vat moni- the exporter is elegible to claim a refund of related tor, n. 3/2009, pp. 222-223) che: input tax. Exporters can use the input tax claim to “For export purposes of determining whether they reduce their output tax liability”. are exported, taxable services are subdivided into Nel corso del 2010 sono state apportate alcune im- three categories. For the first category, services are portanti modifiche in tema di servizi cross-border: regarded as exported if they relate to immovable “The system of taxation of cross-border services property located outside India. For the second ca- has been amended to the effect that the services of tegory, the criteria are based on the place where mandap keepers are no longer subject to tax at the the services are actually performed and, if part of place where they actually carry out their activities, the service is actually performed outside India, the but at the place where the immovable property is service is regarded as being exported. For the third located. Services of chartered accountants, cost category, the criteria are based on the place where accountants and company secretaries have been the recipient of the service is located: if the reci- shifted from the place where those service provi- pient is located outside India, the service is regar- ders actually carry out their activities to the place ded as being exported. The third category, however, where the recipient of the services is established. also contains the condition that the service must be The condition “provided from India and used out- “used” outside India. Thus, to be elegible for the side India”, which had caused substantial confu- benefit of the export regime, the service provider sion in determining whether or not a service is ex- had to prove that the recipient of the service would ported fromIndia, has been deleted”. (International use it outside India. Vat Monitor, May-June 2010, p. 220). The interpretation of the condition of “used outside India” has created significant controversies betwe- en tax-payers and tax officers, because the latter took the view that, where the activities were actually110 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 110. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi3. momento ImposItIvo dalla normativa della Service Tax.Il momento impositivo è costituito dall’avvenuta ese- 5. DetrazIone DeLL’Impostacuzione del servizio (ultimazione della prestazione).Tuttavia, in caso di pagamento anticipato, in tutto o L’imposta pagata sui servizi acquistati (input tax) èin parte, del corrispettivo previsto, l’imposta è dovu- scomputabile dall’imposta dovuta sui servizi esegui-ta in tale anteriore momento. ti a favore di terzi (output tax).La fattura (o la nota di addebito) deve essere emessa La Cenvat applicata sulla produzione di beni e l’Ad-entro 14 giorni dal data di ultimazione della presta- ditional Custom Duty applicato sulle importazioni dizione o, se anteriore, del ricevimento, in tutto o in beni, sono altresì detraibili dalla Service Tax, se iparte, del pagamento, beni acquistati o importati vengono utilizzati (comeNel caso di operazioni intragruppo, l’imposta è do- inputs) per la prestazione dei servizi soggetta a im-vuta al momento della registrazione dell’operazione posta.nelle scritture contabili dell’impresa che esegue la Lo stesso diritto è previsto per gli acquisti e le im-prestazione. portazioni di beni necessari per l’esecuzione dei ser-Nel caso di forniture continuative di servizi, l’impo- vizi esportati.sta sui servizi è dovuta all’atto dell’incasso del cor- Il diritto alla detrazione è normalmente negato nelrispettivo; se tali forniture sono eseguite all’interno caso di inputs utilizzati per eseguire servizi non sog-del gruppo, rileva la data di registrazione nelle scrit- getti (diversi da quelli esportati) o servizi esenti.ture contabili. L’operatore deve tenere apposite scritture volte a evi- denziare l’utilizzo dei beni e dei servizi acquistati.Nel caso di prestazioni di servizi (imponibili all’im-posta) eseguiti da soggetti non residenti in India a Nel documento della E&Y, p. 275, afferma che: “Iffavore di committenti operatori economici indiani, separate accounts are not maintained, a manufactu-l’imposta è dovuta dai committenti stessi con la pro- rer must pay 5% of the value of exempted goods (orcedura di reverse charge. reverse the credit), while a service provider must payL’imposta deve essere versata (all’Erario) entro il 6% of the value of exempted services after taking thegiorno 5 del mese successivo al pagamento del entire input tax credit.servizio o alla registrazione eseguita nelle scritture Alternatively, the manufacturer or service providercontabili (delle operazioni intragruppo). Nel caso di may claim the credit attributable to taxable goods orpagamenti in forma elettronica l’imposta deve essere services computed as per a prescribed formula”.versata entro il giorno 6 del mese successivo.Alla luce di quanto sopra, risulta che la procedura 6. LIQUIDazIone DeLL’Impostadel reverse charge non comporta l’immediata com- e DIcHIarazIonI perIoDIcHepensazione tra imposta a debito e imposta a credito(come avviene per la nostra Iva), ma si traduce inun effettivo versamento dell’imposta sul servizio ac- L’operatore deve periodicamente liquidare l’Impostaquistato con sua successiva contrapposizione con dovuta o a credito, facendo la differenza tra:l’imposta a debito. • l’imposta applicata sui servizi resi a terzi (output tax); • e l’imposta detraibile subita sugli acquisti di4. FattUrazIone servizi (input tax).A fronte di ogni prestazione di servi- Nel caso di saldo a debito, occorre procedere al pa-zi soggetta all’imposta il prestatore deve gamento dello stesso.emettere una fattura o una nota (“bill”). L’imposta deve essere pagata:Tale documento deve contenere gli elementi previsti • da parte degli operatori individuali e delle so- 111 Interprofessionalnetwork
  • 111. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi cietà di persone: entro il giorno 5 del mese successivo al trimestre solare di riferimento; il 5. central Sales tax saldo relativo al primo trimestre dell’anno deve essere versato entro il 31 marzo; • da parte degli altri soggetti: entro il giorno 5 del È stata introdotta nell’ordinamento indiano a partire dal 1956. Si tratta di un’imposta statale la quale viene tuttavia gestita dai singoli Stati della federa- mese successivo a quello di riferimento; il sal- do relativo al mese di marzo deve essere versato zione indiana. entro il 31 marzo. 1. presUpposto appLIcatIvo Nel caso di pagamento dell’imposta eseguito con mezzi elettronici, il medesimo deve avere luogo en- La CST - Central Sales Tax si applica sulla cessio- tro il giorno 6 del trimestre o del mese successivo ne interstatale di beni e cioè sulla cessione di beni a quello di riferimento (resta invece fermo il termine posta in essere da soggetti registrati in uno Stato del 31 marzo). nei confronti di soggetti registrati in altro Stato del Paese, con trasferimento degli stessi dallo Stato Nel caso in cui l’imposta subita sugli acquisti di ser- del cedente a quello dell’acquirente. vizi eseguiti in un determinato periodo di riferimento supera l’imposta dovuta sulle prestazioni di servizi La CST, per converso, non viene applicata: eseguite, l’eccedenza può essere chiesta a rimbor- • sull’importazione di beni (provenienti da fuori so solo se la stessa è generata dall’esportazione di dell’India); servizi. • sull’introduzione di beni nel territorio di uno Nel documento E&Y, p. 276, viene affermato che: Stato (provenienti da altro Stato della federa- “Refunds of Service Tax to units or developers of zione). Special Economic Zones (SEZs) are allowed with respect to services provided to SEZS, subject to cer- I soggetti che cedono beni a soggetti localizzati tain conditions”. fuori del loro Stato, sono obbligati a registrarsi e ad applicare la CST. Con riferimento a ogni anno solare devono essere Non sono previste soglie di esonero. presentate due dichiarazioni periodiche: È ammessa la registrazione volontaria. • una per il primo semestre dell’anno: entro il 25 Ottobre di ogni anno; Nel caso di operazioni poste in essere da sogget- • una per il secondo semestre dell’anno: entro il ti esteri muniti di stabile organizzazione in India 25 aprile dell’anno successivo. (branch), questa deve essere registrata presso il competente ufficio tributario dello Stato di insedia- 7. sanzIonI mento. Il mancato o il ritardato pagamento dell’impo- 2. Base ImponIBILe e sta è soggetto a una sanzione di 200 INR per aLIQUota giorno o, se più elevata, del 2% dell’imposta per mese, oltre a un interesse annuo del 13%. La base imponibile dell’imposta è rappresentata dal La violazione di ogni adempimento per il quale non corrispettivo della cessione. è prevista una esplicita sanzione, è soggetta a una Come già affermato, l’aliquota della CST, la quale sanzione di 1.000 INR. era inizialmente del 4%, è stata progressivamente Nel caso di gravi violazioni è prevista l’applicazione abbassata, dapprima al 3%, poi al 2%, con la pro- di una sanzione dal 100% al 200% dell’imposta non spettiva della sua soppressione. pagata. Nel caso di cessione all’esportazione (invio dei beni112 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 112. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLifuori dal territorio indiano), non viene applicata la CST.L’operatore economico deve comprovare l’opera- 6. Imposta sul valorezione di esportazione, secondo le modalità deline-ate in merito all’Iva. aggiuntoNella pubblicazione della E&Y, a p. 274, viene af-fermato che “The rate of CST varies depending on L ’India, similmente a quanto attuato dalla Cina, dalla Federazione russa e da altri oltre 130 Pa- esi del mondo, dopo lunghi anni di studio dell’ar-the status of the buyer and on the state where the gomento, nel 2005, ha deciso di introdurre nel suogoods are sold. If the buyer of the goods is a ma- ordinamento l’imposta sul valore aggiunto (multi-nufacturer or reseller or if it uses the goods for a point sales tax), a livello di singoli Stati.purpose prescribed by the CST law, CST applies at A livello del Governo centrale, come rappresenta-the concessional rate of 2%. In all other cases, CST to nei precedenti paragrafi esistevano già imposteapplies at the local VAT rate in the vendor’s state”. funzionanti con il metodo del valore aggiunto (la Cenvat e la Service Tax), mentre a livello Statale3. momento ImposItIvo esistevano imposte sul valore pieno (single point sales tax).L’operazione di cessione si considera effettuata nel Il legislatore indiano, nell’elaborare il model-momento del passaggio della proprietà dei beni; nel lo dell’Iva applicabile, si è attenuto alle best in-caso dei contratti di leasing, nel momento in cui, per ternational practices in materia. Tale modelloil locatario, sorge il diritto a utilizzare il bene. è delineato nel documento “A White Paper OnNel caso di forniture continuative di beni (per esem- State-Level Value Added Tax” (New Delhi, Ja-pio, in base a contratto di somministrazione), l’ope- nuary 17, 2005), messo a punto dal “The Empo-razione si considera effettuata nel periodo in cui vie- wered Committee of State Finance Ministers”.ne effettuata la fornitura dei beni. L’Iva è stata introdotta da parte di tutti gli Stati che4, FattUrazIone compongono l’India, a partire dal 1° aprile 2005; l’ultimo Stato ad averla introdotta è l’Uttar Pradesh, a partire dal 1° gennaio 2008 (per cfr. SukumarValgono le stesse regole previste per l’Iva, alle quali Mukhopadhyay, VAT at Last – In Half of India, In-si rinvia. ternational VAT Monitor, n. 5/2005). L’Iva viene amministrata dai singoli Stati, secon-5. DetrazIone DeLL’Imposta do i principi generali fissati a livello centrale. Sussistono differenze applicative tra i diversi StatiNon è prevista. della Federazione. Riguardo all’ambito applicativo dell’Iva indiana, per6. LIQUIDazIone DeLL’Imposta esempio, la VAT Guide dello Stato del Maharastra, e DIcHIarazIonI perIoDIcHe afferma: “The VAT system embraces all businesss in the production and supply chain, from manu- facture through to retail. VAT is collected at eachRiguardo alla periodicità della liquidazione dell’imposta stage in the chain when value is added to gooods. Ite delle dichiarazioni periodiche valgono le considera- applies to all businesses, including importers, ex-zioni delineate in merito all’Iva, alle quali si rinvia. porters, manufacturers, distributors, wholesalers, retailers, works contractors and lessors”.7. sanzIonIValgono le considerazioni delineate con riferimentoall’Iva. 113 Interprofessionalnetwork
  • 113. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi tAbellA 1 – ApplicAzione dell’ivA in indiA stati e Unioni territoriali (Ut) anno introduzione Iva Link per approfondimenti Andaman & Nicobar Islands - UT - http://www.and.nic.in/ Andhra Pradesh 2005 https://www.apcommercialtaxes.gov.in/ Arunachal Pradesh 2005 http://arunachalpradesh.gov.in/taxexcise/index.htm Assam 2005 http://assamgovt.nic.in/ Bihar 2005 http://comtax.bih.nic.in/ Chandigarh - UT 2005 http://chandigarh.nic.in/dept_excise.htm Chhattisgarh 2006 http://chhattisgarh.nic.in/ Dadra and Nagar Haveli - UT 2005 http://dnh.nic.in/Departments.html Daman and Diu - UT 2005 http://goidirectory.gov.in/daman.htm Delhi - UT 2005 http://goidirectory.gov.in/delhi.htm Goa 2005 http://www.goavat.com/ Gujarat 2005 http://goidirectory.gov.in/gujarat.htm Haryana 2003 http://haryanatax.com/ Himachal Pradesh 2005 http://hptax.gov.in/ Jammu and Kashmir 2005 http://jkcomtax.nic.in/ Jharkhand 2005 http://jharkhandcomtax.nic.in/ Karnataka 2005 http://kar.nic.in/ctax Kerala 2005 http://www.keralataxes.gov.in/ Lakshadweep - UT - http://goidirectory.gov.in/laksha.htm Madhya Pradesh 2006 http://goidirectory.gov.in/mp.htm Maharashtra 2005 http://www.mahavat.gov.in/mahavat/index.jsp# Manipur 2005 http://manipurtaxation.nic.in/ Meghalaya 2005 http://megvat.gov.in/ Mizoram 2005 http://mizoram.nic.in/ Nagaland 2005 http://finngl.nic.in/Directorates/Taxes.htm Orissa 2005 http://as.ori.nic.in/salestax/index.html Puducherry - UT 2007 http://goidirectory.gov.in/pondi.htm Punjab 2005 http://www.pextax.com/ Rajasthan 2006 http://rajtax.gov.in/vatweb/ Sikkim 2005 http://sikkim.gov.in/ Tamil Nadu 2007 http://www.tnvat.gov.in/ Tripura 2005 http://tripura.nic.in/taxes/ Uttar Pradesh 2008 http://upgov.up.nic.in/tradetax Uttarakhand 2005 http://gov.ua.nic.in/tradetax/ West Bengal 2005 http://wbcomtax.nic.in/welcome.asp Fonte: Elaborazione informazioni desunte dai siti delle Autorità fiscali dei singoli Stati della Federazione114 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 114. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiRiguardo alla detraibilità dell’Iva pagata sui beni pubblica federale indiana.di investimento (impianti, macchinari, ecc.) del-le tre configurazioni elaborate dalla dottrina: Gli operatori che realizzano un volume d’affari su-• imposta sul valore aggiunto tipo reddito lordo periore a una determinata soglia sono obbligati a (o tipo produzione): l’impresa non è ammessa registrarsi (ai fini Iva) presso la competente auto- a detrarre l’Iva subita sui beni d’investimento; rità fiscale statale. Nella maggior parte degli Stati• imposta sul valore aggiunto tipo reddito net- la soglia è fissata in 500.000 INR (circa 7.690 € al to: l’impresa è ammessa a detrarre l’Iva subita cambio attuale, 1,00 € = 65,023 rupie). sui beni d’investimento ma solo in proporzio- La soglia della registrazione è molto bassa o addi- ne alla quota di ammortamento del periodo; rittura nulla nel caso di importazione di beni nello• imposta sul valore aggiunto tipo consumo: l’im- Stato e di loro successiva vendita. presa è ammessa a detrarre integralmente e imme- Nella maggior parte degli Stati è ammessa la regi- diatamente l’Iva subita sui beni di investimento; strazione volontaria.i singoli Stati hanno scelto o la configurazione tipo L’obbligo di registrazione sorge al momento dell’ini-consumo o quella tipo reddito netto, prevedendo un zio dell’attività (salvo il caso in cui il volume d’affariperiodo di recupero di 3 anni. atteso sia sotto soglia) oppure al supero della so-Nei rapporti con l’estero è prevista la non appli- glia prevista.cazione dell’imposta (operazioni “zero rated”). La competente autorità fiscale rilascia un certificatoA differenza di quanto operato dalla normativa Iva ci- di iscrizione. Tale certificato, in molti Stati deve es-nese, similmente alla normativa UE (e, per esempio, sere esposto al pubblico nei locali dell’impresa.di quella della Federazione russa), viene concessa Se successivamente alla registrazione si verificanola piena detrazione dell’Iva subita sugli acquisti dei cambiamenti nelle informazioni trasmesse, occorremateriali (e degli specifici servizi sopra considerati) comunicare le stesse alla predetta autorità fiscale.incorporati nei beni esportati, con la conseguenza Nel caso di realizzo di un volume d’affari inferioreche tali beni vengono completamente detassati. alla soglia, è possibile chiedere la cancellazioneTrattandosi di un’imposta con circa 6 anni di vita, ri- della registrazione.spetto ai circa 40 dell’Iva dei Paesi UE, non devono La cancellazione della registrazione viene parimentistupire la minore elaborazione subita dalla stessa e chiesta in caso di cessazione dell’attività.dalla relativa prassi elaborata dalle Autorità fiscali All’atto della registrazione, all’operatore viene ri-statali, così come l’esistenza di situazioni operative lasciato il TIN - Tax Payer’s Identification Number,prive di adeguata disciplina. composto da 11 caratteri: • i primi due caratteri, rappresenta il codice dello1. presUpposto appLIcatIvo Stato di insediamento; • la strutturazione e il significato dei restanti 9I fatti economicamente rilevanti che giustificano caratteri, possono essere diversi in funzionel’applicazione dell’imposta sul valore aggiunto sono dello Stato di appartenenza.quelli che soddisfano i tre elementi del presuppostoimpositivo: Il TIN viene utilizzato per identificare gli operatori• elemento oggettivo: le cessioni di beni mobili ai fini dell’Iva, così come il PAN - Permanent Ac- materiali e immateriali; count Number, viene utilizzato ai fini delle imposte• elemento soggettivo: effettuate da ogni tipo di sui redditi. impresa individuale o societaria, comprese le La citata VAT Guide dello Stato del Maharashtra, ri- imprese a capitale estero (FIE - Foreign Inve- guardo ai vantaggi di essere un’impresa registrata ai sted Enterprises); fini Iva, afferma che:• elemento territoriale: poste in essere nell’am- bito del territorio di un singolo Stato della Re- “As a registered dealer you are entitled to: • collect VAT on the sales; 115 Interprofessionalnetwork
  • 115. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi • claim set-off of tax (input tax credit) paid on • la consegna di beni nel caso di vendita con pat- purchases; to di riservato dominio e in altri casi di vendita • issue tax invoices and be competitive”. con pagamento rateale; • la fornitura di prodotti alimentari e di ogni altro Le piccole imprese (“small business”) con un volu- articolo per il consumo umano o di bevande me d’affari tra 500.000 INR e 5.000.000 INR (al cam- come parte di una prestazione di servizi o in bio attuale 1 euro = 65,023 rupie, rispettivamente, qualunque altra modalità. 32.511 euro e 325.115 euro), possono optare per l’applicazione di un sistema forfettario (“composi- Nel caso dei work contract, nei quali vi è una com- tion scheme”). ponente beni e una componente servizi, l’operatore In base a tale regime, i venditori applicano l’impo- può adottare una delle due seguenti soluzioni: sta con un’aliquota variante tra lo 0,25% e l’1% del • individuare in modo analitico o forfettario (in corrispettivo della cessione (a seconda degli Stati), base ad apposite tavole elaborate dall’autorità senza diritto a portare in detrazione l’imposta subita fiscale) la componente beni; sugli acquisti. • oppure adottare il composition scheme. Riguardo ai soggetti abilitati a utilizzare il composi- tion scheme, la suddetta VAT Guide, afferma che: Sul punto in una nota apparsa sull’International Vat Monitor, n. 3/2008 (Bhavna Doshi Bharat S Raut & “The following classes of dealers are elegible for Co., KPMG, Mumbai), pp. 218-219, viene affermato option to pay tax under composition: che: • resellers selling at retail, i.e. to consumers; “Engineering Procurement and Construction Con- • restaurants, eating houses, hotel (excluding ho- tracts (EPCs) and similar contracts (“work con- tels having graduation “Four Star” and above), tracts”) involving a supply of both goods and ser- refreshment rooms, boarding establishments, vices are subiect to state VAT on the value of the clubs and caterers; goods, and to Service Tax on the value of the service • bakers; element of the contracts. In view of the difficulties • dealers in second-hand passenger motor vehi- involved in determining the value of the goods and cles and; services involved in such contracts, a composition • works contractors; scheme applies for the purposes of both state VAT • dealers engaged in the business of providing and Service Tax. Under that scheme, a specified mandap, pandal, shamiana”. percentage of the total value of the contract is paya- ble under both taxes. That rate was 2% in Service I soggetti non residenti operanti in India a mezzo di Tax, which is proposed to be increased to 4%. It is stabili organizzazioni, devono registrarsi presso la expected that the new rate will apply on ongoing competente autorità fiscale statale. contracts, in so far as payments are received on and L’Iva viene applicata sulla vendita di beni mobili, after the date on which the new rate will come into compresi i beni immateriali (“intangible goods”). effect”. In particolare, l’Iva si applica sulle seguenti opera- zioni: Sempre sull’argomento è stato affermato che: • la cessione di beni all’interno dello Stato; viene “In respect of work contracts, i.e. contracts invol- considerata cessione anche la consegna di un ving supplies of goods and services, for example bene in leasing finanziario; commercial construction contracts and engineering, • il trasferimento della proprietà di un bene re- procurement, and construction contracts for plants, alizzato in base a contratto d’appalto (“work application of the composition scheme had led to contract”); abuse: contractors were splitting up comprehensive • in specifiche circostanze, l’acquisto di beni contracts into separate contracts under which the presso soggetti non registrati ai fini Iva; most important and high-value material elements,116 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 116. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiinvolving the supply of equipment and machinery, • hiring charges for machinary and tools;were supplied on the basis of one contract and the • cost of consumables, such as, water, gas andother elements involving the supply of lowvalue ma- electricity;terials and work, such as construction and installa- • your administrative costs relating to labour andtion, on the basis of another contract. Although the services and any other similar expenses;second contract consisted of a very small element • any profit element that relates toof goods and amajor element of services, it would the supply of labour and services.nonetheless qualify as a package (“works contract”) Alternatively, in lieu of the deductions ofsubject to the optional composition schemes. As above, you may choose to discharge the lia-regards services tax, the contractor would then opt bility arising on works contracts by refer-for paying that tax under the composition scheme at ring to the table prescribed in the rules. (...).the rate of 4%. In some cases, equipment, machi- If you find it is too complicated to calculatenery, etc. would be provided by the customer and the deductions, you may opt for a compositionthe contractor would primarily install them and also scheme for any works contract”.supply some low-value installation materials in or-der to ensure that the services were subject to only L’Iva non viene applicata sulle importazioni (beni4% service tax. provenienti da Paesi esteri) e sull’introduzione nelFrom July 2009, that leakage of service tax has been territorio dello Stato di beni provenienti da altri Statiplugged by defining the total value of the package della Federazione.to include the entire value of the works, regardless L’Iva viene invece applicata sulla successiva venditaof whether the supply is made through a single con- degli stessi all’interno dello Stato.tract or several contracts, and also to include the va-lue of the goods provided by the customer.The new 2. Base ImponIBILe e aLIQUotaprovision does not apply to contracts in respect ofwhich the work has commenced or payments have La base imponibile è costituita dal corrispettivobeen made prior to that date. It should be noted dell’operazione di cessione.that the measure does not apply to the composition L’imposta viene applicata con le seguenti aliquote:scheme for VAT purposes.” (International Vat Moni- 0%,1%, 4%, 12,5% (aliquota ordinaria) e 20%,tor, September / October 2009, pp. 406-407). con qualche modifica a seconda dei singoli Stati. Per esempio:Riguardo ai work contracts, la VAT Guide dello Stato • aliquota zero (esenti dall’imposta): frutta e ver-del Maharashtra afferma che: dura, attrezzi agricoli, libri e giornali;“VAT applies only to the sale of goods. Supply of • aliquota 1%: oro, argento, altri metalli preziosiservices is not liable to VAT. Works contracts are e oggetti realizzati con gli stessi metalli;deemed sales where both, goods and services are • aliquota 4%: medicine, beni immateriali, mate-provided in a transaction and cannot be separated. rie prime per l’industria, prodotti dell’informa-A works contract may involve the creation of immo- tion technology, telefono;rable property, e.g. a house, a factory or a bridge. • aliquota 20%: alcol e carburanti per autotrazio-Some other examples of works contracts are photo- ne;graphy, repairs & maintenance, etc. • aliquota 12,5%: ogni altro prodotto.To calculate the amount you should include in yourturnover of sales, you may deduct, from the total Sono parimenti soggette all’aliquota zero le cessio-contract price the: ni all’esportazione (invio dei beni fuori dal territorio• cost of labour and service charges; indiano) e le vendite interstatali (queste sono sog-• amount paid to sub-contractors; gette alla CST, in via di progressiva soppressione).• charges for planning and designing, and any L’operatore deve comprovare l’avvenuta esportazio- architect’s fees; 117 Interprofessionalnetwork
  • 117. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi ne mediante una valida fattura di esportazione, la ponibili; documentazione del trasporto, la ricevuta di ricezio- • operazioni non assoggettate senza diritto a de- ne rilasciata dall’acquirente, etc. trazione (“exempt without credit”); corrispon- dono alle nostre operazioni esenti. A tale riguardo, viene affermato (http://www.worl- djute.com/wj_vat3.html), che: Tra le operazioni non assoggettate, con diritto a de- “Zero rate is applicable to goods for certain tran- trazione rientrano, per esempio, le seguenti opera- sactions under VAT and input tax credit is available zioni: on those transaction. Under VAT, the goods expor- • le cessioni all’esportazione; ted outside India, sold to an EOU and to a dealer • le cessioni assimilate alle cessioni all’esporta- having business under a Special Economic Zone zione e cioè la vendita di beni a soggetti ope- (SEZ), Software Technology Park (STP), Electronic ranti all’interno delle zone speciali (EPZs, SEZ, Hardware Technology Park (EHTP) are zero rated. STP, etc) e alle EOU; In these transactions the tax rate will be zero and • le cessioni interstatali (nei confronti di soggetti input tax credit will be available. The propose is that registrati ai fini Iva). the goods exported or sold to outside the State will be free of any load of tax in it, which will increase Tra le operazioni non assoggettate, senza diritto a competitiveness and encourage exports. detrazione rientrano, per esempio, le seguenti ope- Exempt goods are those goods whose tax rate is razioni: zero, but input tax credit will not be available. Es- • cessione di strumenti agricoli tradizionali sential items such as agricultural implements ma- (azionati a mano o con l’utilizzo di animali); nually operated or animal driven, books, periodi- • cessioni di libri, periodici, giornali, latte fre- cals, journals, fresh milk, etc. are in the exempted sco. category. (....) SET, STP etc. are being set up to promote indust- 3. momento ImposItIvo ry and create industrial base. Sales to a unit under SEZ, STP, etc. are treated on a par with export. Hen- L’operazione si considera effettuata: ce, the goods sold to SEZ, STP are zero rated to • nel caso della vendita: nel momento in cui viene encourage export”. perfezionato il passaggio di proprietà dei beni; • nel caso del leasing: nel momento in cui viene Riguardo alla determinazione della base imponibile, trasferito il diritto d’uso del bene. in presenza di spese accessorie, nella stessa fonte viene affermato che: Nel caso di forniture continuative di beni (per esem- “Packing material or containers are always sold with pio, in base a contratto di somministrazione), l’ope- some goods packed or contained in it. No separa- razione si considera effettuata nel periodo in cui te rate of tax is applicable on sale of such packing viene effettuata la fornitura dei beni. material/container. The rate of tax applicable to the goods packed in such packing material will be the rate of tax applicable on this packing material. Whe- 4. FattUrazIone re such goods are exempted from tax, the packing material/container will also be exempt from tax”. I soggetti registrati devono emettere una fattura fi- scale per tutte le cessioni soggette all’imposta effet- Le operazioni attive non assoggettate all’Iva vengo- tuate all’interno dello Stato nei confronti di opera- no distinte in due categorie: tori registrati. • operazioni non assoggettate con diritto a de- Le piccole imprese (“small business”) che appli- trazione (“exempt with credit” o “zero rated”); cano lo schema forfettario (“composition scheme”) corrispondono alle nostre operazioni non im- non sono generalmente abilitate a emettere fatture118 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 118. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLifiscali. 5. Iva trattenUta aLLa FonteNel caso di vendita a consumatori finali o a operato-ri non registrati: è sufficiente emettere una ricevuta In molti Stati, nel caso di “work contracts”, posti in(bill or cash memorandum), uno scontrino, etc. essere con soggetti registrati ai fini Iva, viene previ-La fattura fiscale è importante al fine di supportare sta la seguente procedura operativa:la detrazione dell’imposta nella medesima indicata. • l’impresa esecutrice (contractor) emette fatturaIl contenuto minimo obbligatorio delle fatture fiscali con applicazione dell’Iva;è disciplinato dalla normativa Iva dei singoli Stati. • il committente, paga al fattura trattenendo l’am-Sul punto, per esempio, la VAT Guide dello Stato montare dell’Iva, versando la stessa a favoredel Maharashtra afferma che: dello Stato.“The tax invoice must contain: Sul punto, per esempio, la VAT Gui-• the word “Tax invoice”, printed in bold letters at de dello Stato del Maharashtra afferma che: the top or at a prominent place; “The work contractor is obliged to pay the tax on• your name, address and registration number the works contracts executed by him. However, the (TIN); employer, i.e. the notified person who has enga-• the name, address and the registration number ged the works contractor is obliged to deduct tax of the purchaser; at the specified rate from the amount payable to• serial number of the invoice; the works contractor, excluding the amount of tax,• date of issue; if any, separately charged on Service Tax levied by• description of the goods, the quantity and the the contractor. The tax amount so deducted and price of the goods sold; paid to the Government treasury is considered as• rate and the amount of the tax charged and in- a payment made on behalf of the works contractor. dicated separately; The employer is required to deposit this tax and is-• prescribed declaration regarding validi- sue a certificate of tax deduction at source in the ty of the registration and payment of tax; prescribed format based on which the works con- and must be signed either by you or by someo- tractor is allowed to take the credit of the same while ne authorized by you”. discharging his tax liability”.Nel caso di modifiche dell’importo dell’opera- 6. controLLo DeLLezione o di suo azzeramento (in conseguenza,per esempio, di errori o di sopravvenuti accordi operazIonI InterstataLItra le parti o di restituzione parziale o totale deibeni), viene emessa una nota di variazione (nota Al fine di controllare la corretta esecuzione delledebito, in caso di variazione in aumento o nota cessioni interstatali (non assoggettate a Iva nellocredito, in caso di variazione in diminuzione). Stato di partenza: operazioni “zero rated”), l’autoritàLa nota di variazione, sotto il profilo dell’Iva, segue fiscale indiana ha predisposto un strumento similela sorte dell’operazione cui la medesima si riferisce. al Sistema V.I.E.S.-Vat Information Exchange Sy-La normativa Iva dei singoli Sta- stem - INTRASTAT dell’Unione Europea, denomina-ti prevede, normalmente, il contenuto mi- to TINXSYS - Tax Information Exchange System.nimo obbligatorio della nota di variazione. Si tratta di una banca dati centralizzata che contiene iAlcuni Stati prevedono un limite temporale (normal- dati informativi di tutti gli operatori indiani registrati.mente di 6 mesi) entro il quale è possibile emettere I venditori e gli acquirenti possono verificarela nota di variazione (in diminuzione), con valen- l’esistenza e la correttezza dei dati comunica-za ai fini dell’Iva (e cioè con possibilità di ridurre ti dalle rispettive controparti contrattuali, acce-l’ammontare dell’Iva dovuta indicata nella fattura dendo al sito del TINXSYS (www.tinxsys.com).originaria). Tale strumento viene altresì utilizzato dalle autorità 119 Interprofessionalnetwork
  • 119. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi fiscali e statali al fine di eseguire controlli sui vari fattura di acquisto. operatori e per attuare un continuo monitoraggio La normativa della maggior parte degli Stati prevede delle operazioni. una lista di beni relativamente ai quali l’Iva viene considerata non detraibile. Sul relativo sito viene affermato che: Per esempio, viene generalmente considerata non “Tax Information Exchange System (TINXSYS) detraibile, l’Iva relativa ai seguenti acquisti: is a centralized exchange of all interstate dealers • beni utilizzati per la fabbricazione di prodotti spread across the various States and Union terri- esenti dall’Iva; tories of India. TINXSYS will help the Commercial • beni distribuiti come regali o come campioni Tax Departments of various States and Union Ter- gratuiti; ritories to effectively monitor the interstate trade. • materiali da costruzione; TINXSYS can be used by any dealer to verify the • arredi e attrezzature da ufficio; counter party dealer in any other State. Apart from • veicoli da autotrasporto e carburante destinato dealer verification Commercial Tax Department of- agli stessi. ficials will use TINXSYS for verification of central Statutory Forms issued by other State Commercial Nel caso in cui i beni acquistati sono utilizzati sia Tax Departments and submitted to them by the dea- per l’effettuazione di vendite imponibili (o zero ra- lers in support of claim for concessions”. ted, con diritto a detrazione), sia per vendite esenti, la normativa della maggior parte degli Stati preve- 7. DetrazIone DeLL’Imposta de: • o che il venditore mantenga separati libri con- È previsto il diritto di portare in detrazione dall’Iva tabili al fine di dimostrare in modo analitico la dovuta sulle vendite (output tax) l’Iva subita sugli destinazione dei beni; acquisti di beni destinati alla rivendita o utilizzati • oppure un meccanismo proporzionale. quali beni intermedi per la produzione di altri beni (“input tax”). Sul punto è stato affermato che: L’effettuazione di operazioni di cessione all’espor- “Where inputs are partly used for making taxable tazione o di cessione interstatale di beni non com- goods (or inter-State sales) and partly for making porta il venir meno del diritto a detrarre l’Iva subita exempt goods, the tax credit shall be reduced pro- sugli acquisti. portionately. To illustrate, X purchased machinery È detraibile anche l’Iva subita sull’acquisto di beni for Rs. 1 lakh and paid a tax of Rs. 12,500 on it strumentali (e cioè sui beni utilizzati nel processo di and used it in the manufacture of taxable as well fabbricazione dei prodotti). as exempted goods. At that time, he estimated that I beni in argomento sono generalmente soggetti the share of taxable goods made by the machine- all’aliquota del 4%. ry would be 80 per cent. In this case, his input tax Il diritto alla detrazione dell’Iva subita sull’acquisto credit will be restricted only to 80 per cent of Rs. dei beni in questione (input tax credt), a seconda 12,500 or Rs. 10,000”. della normativa in vigore nei vari Stati, viene con- cesso: 8. LIQUIDazIone DeLL’Imposta • o immediatamente, all’atto del ricevimento dei e DIcHIarazIonI perIoDIcHe beni; • o in modo rateizzato in un periodo di 3 anni, L’operatore deve periodicamente liquidare l’Imposta dalla data dell’acquisto. dovuta o a credito, facendo la differenza tra: • l’Iva sulle cessioni (output Vat); Al fine di poter procedere alla detrazione dell’impo- • e l’Iva detraibile sugli acquisti (input Vat). sta è necessario essere in possesso di una valida120 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 120. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiLa periodicità della liquidazione (mensile, trimestrale o • per le altre violazioni delle regole Iva.semestrale) è prevista dalla normativa dei singoli Stati.Nel caso in cui il saldo Iva sia a debito, occorre pro- Nel caso di mancato o di ritardato versamentocedere a eseguire il pagamento secondo le modalità dell’imposta è prevista anche l’applicazione di in-stabilite dalla normativa dello Stato. teressi.Nel caso in cui il saldo Iva sia a credito, è possi- La normativa in merito è contenuta nelle leggi deibile: singoli Stati.• attuare il riporto dello stesso al periodo suc- cessivo;• oppure utilizzare lo stesso per pagare la CST o 7. Progetto di riforma: altre imposte;• oppure presentare domanda di rimborso. introduzione GST dal 2010A fronte delle liquidazioni periodiche viene normal- Amente presentata una dichiarazione (periodica) alla vendo completato con successo l’estensionecompetente autorità fiscale. dell’Iva a tutti gli Stati della federazione india-La normativa di alcuni Stati prevede che oltre alle na e alle unità territoriali, il Ministro delle Finanzedichiarazioni periodiche venga presentata una di- nazionale, nel 2006, ha annunciato il proposito dichiarazione annuale riepilogativa. introdurre un’unica imposta nazionale sugli scambiIn alcuni Stati è previsto un controllo obbligatorio (GST - Goods and Services Tax), a partire dal 2010(“mandatory audit”) della dichiarazione periodica (International Vat Monitor, n. 4/ 2007, pp. 293-e/o annuale, da parte di un revisore indipendente 294).(“chartered accountant”).La relazione di tale revisore deve essere presentata Al riguardo, il primo e più importante problema,alla competente autorità fiscale. è quello di stabilire se la nuova GST deve essere introdotta a livello centrale o a livello statale o a9. rImBorso DeLL’Imposta aI entrambi i livelli. non resIDentI Ove la nuova GST fosse introdotta solo a livello centrale, ciò implicherebbe che tutte (o gran par- te) le imposte sui consumi sarebbero applicate aI soggetti non residenti, non dotati di stabile orga- livello centrale, con conseguente necessità di mo-nizzazione in India (not established in India) non dificare la costituzione. Le resistenze degli Stati neisono abilitati a chiedere il rimborso dell’Iva subita confronti di una simile soluzione sono facilmentein tale Paese. immaginabili:Il diritto al rimborso spetta, invece, ai non residenti • si passerebbe da una finanza decentrata (nel-operanti in India a mezzo di stabili organizzazioni la quale gli Stati contano su risorse proprie) aregistrate presso la competente autorità fiscale. una finanza accentrata (nella quale gli Stati si troverebbero a contare su trasferimenti federali,10. sanzIonI collegati in qualche modo ai consumi eseguiti in loco);È prevista l’applicazione di sanzioni: • il personale addetto alla gestione dell’Iva stata-• per il mancato o il ritardato pagamento del sal- le, si troverebbe a perdere gran parte dei propri do d’imposta; compiti, con necessità o di spostarlo all’ammi-• per la mancata o ritardata presentazione delle nistrazione centrale o di trovargli nuove man- dichiarazioni periodiche; sioni.• per la mancata o errata applicazione dell’impo- sta; Ove la nuova GST fosse introdotta solo a livello 121 Interprofessionalnetwork
  • 121. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi statale, sarebbe il governo centrale che dovrebbe esclusi quelli indicati in una negative list; rinunciare a una parte delle sue entrate (per esem- • più aliquote per le cessioni di beni e una ali- pio, in relazione alla Service Tax). Attualmente, oltre quota comune per le prestazioni di servizi; il 40% delle entrate del governo centrale vengono • non imponibilità delle esportazioni di beni e di trasferite ai singoli Stati, come contributi, in base servizi (zero-rated); a parametri che in molti casi hanno nulla a che fare • imposta federale con aliquota ordinaria varian- con il gettito delle imposte centrali generate nei sin- te dal 14 al 16%; imposta statale con aliquota goli Stati rispetto al gettito complessivo. Il mecca- ordinaria variante dal 12 al 14%. nismo attuale assicura una ragionevole allocazione delle risorse a favore degli Stati aventi un minor “The dual model of GST, under which both the livello di sviluppo. Union government and state governments would Inoltre, potrebbe ingenerarsi una inaccettabile con- have the power to levy a VAT type of tax on sup- correnza fiscale tra i singoli Stati mediante la mano- plies of goods and services, requires amendment vra delle aliquote dell’imposta. to the Constitution. Since such an amendment Vi sarebbe, infine, la necessità di trasferire agli Stati could affect the basic structure of the constitution il personale del Governo centrale che attualmente as regards the authority of the Union government amministra le imposte centrali destinate a essere and state governments to levy and collect taxes sostituite dalla nuova imposta. and, therefore, affects the autonomy of the states, Considerati i difetti delle due soluzioni sopra esa- it has been proposed to refer the matter to the Su- minate, risulta che l’unica soluzione praticabile sia preme Court to seek its opinion in this regard. By quella di introdurre la GST sia a livello centrale che the middle of June 2010, the reference had not yet a livello statale (dual system). been made. The Ministry of Finance is awaiting the La soluzione in argomento, comporterebbe una views of the Law Ministry on this issue. modifica della costituzione, in quanto, al mo- In the meantime, the Ministry of Finance and the mento attuale, gli Stati non hanno la possibi- Empowered Committee of State Finance Ministers lità di prelevare un’autonoma imposta sui ser- are working at achieving consensus on the main fe- vizi e il Governo centrale non è abilitato ad ap- atures of the new GST system, such as the tax base, plicare un’imposta sugli scambi estesa fino al GST rates, the list of exemptions, etc. In this con- settore del commercio al dettaglio compreso. text, special attention is being given to upgrading Inoltre, si procederebbe: the tax administration’s computer hardware and • a suddividere la Service Tax nelle due compo- software and conversion of printedata into digital nenti centrale e federale; la componente cen- format.” (International Vat Monitor, July - August trale verrebbe inclusa nella Cenvat, mentre la 2010, p. 297). componente statale verrebbe inclusa nell’Iva; • ad attribuire agli Stati il diritto di applicare l’Iva La nuova imposta avrebbe dovuto entrare in vigo- alle importazioni. re il 1° aprile 2010; tale data è stata inizialmente spostata al 1° aprile 2011 e, successivamente al Sul punto è stato sostenuto (Ernst & Young, Doing 1° aprile 2012. business in India, 2008, p. 98), che i caratteri sa- Come afferma Bhavna Doshi Bharat S Raut & Co., lienti di tale imposta sarebbero i seguenti: KPMG, Mumbai (International VAT Monitor, luglio/ • imposta applicabile sulle cessioni di beni e agosto 2011, VAT news, p. 267): “[...] it appears sulle prestazioni di servizi, con struttura del that, due to strong objections by some of the state tipo imposta sul valore aggiunto (“based on governments, it may be difficult to maintain April multistage consumption”); 2012 as the date for introduction of nationwide • sistema duale: imposta a livello Federale e im- GST. The proposed amendments to the Constitu- posta a livello Statale; tion29 necessary for the introduction of GST have • ambito applicativo: tutti i beni io i servizi, not yet been adopted and may not be adopted in122 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 122. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLithe near future. The Union Finance Minister is ho- • subsidiary office;wever continuing to pursue the matter and, in a re- • società di diritto indiano.cent meeting with commissioners of customs andexcise, which was held in first week of June 2011, 1. staBILe orGanIzzazIonehe mentioned that a pilot project establishing in- DI Un soGGetto estero:frastructure for indirect taxation would be launchedsoon in 11 states. This pilot project would facilitate bRAnch offIcE, lIAISonthe roll-out of GST”. offIcE, pRojEct offIcE8. Imposte dirette Le società straniere possono creare in India una branch, un liaison office, un project office o una so- sulle persone cietà detenuta completamente. La branch è permessa ma richiede l’approvazione di giuridiche uno specifico organismo poiché una società este- ra non può condurre un’attività in India se non èI soggetti di imposta previsti dal Companies Act specificatamente permesso dall’organo preposto, del 1956 sotto forma societaria includono le ed è soggetta al registrazione all’apposito registroCorporation pubbliche e private a responsabilità imprese secondo il Companies Act del 1956. È unalimitata (attraverso azioni o garanzie) e illimitata, le struttura molto flessibile da creare e chiudere ve-Partnership, le sole Propietorship, le Limited Lia- locemente anche se non può coprire totalmente lebility Partneship. esigenze pratiche per una vera espansione in zonaPer un investitore estero ci sono sostanzialmente le da parte di una società estera.seguenti forme di investimento in Cina: Dal punto di vista fiscale è trattata come un’esten-• subsidiary companies; sione della società estera e perciò soggetta alla tas-• branch di società estera; sazione applicabile per i soggetti non residenti.• liaison office; Le attività previste per tale struttura sono le seguen-• project office; ti:• società di diritto indiano partecipata da un • attività manifatturiera per una branch con sede soggetto estero. in specifiche zone; • attività di ricerca per la casa madre;La scelta tra queste possibilità come in altri paesi, • rappresentante in India per la casa madre condipende da quanto si vuole essere presenti sul ter- attività di agenzia di compravendita;ritorio, dall’attività e dalle ragioni strategiche che • attività professionale o di consulenza;necessitano di un partner locale. • import/export;Le imposte dirette sul reddito delle persone giuri- • promozione di collaborazione tecnica e finan-diche sono applicate su società di diritto indiano e ziaria tra società indiane e casa madre o gruppia capitale indiano, sia sulle società miste e anche esteri;sulle società straniere che esercitano un’attività • servizi IT e sviluppo software in India;economica in India attraverso una stabile organiz- • supporto tecnico ai prodotti forniti dalla casezazione producendo profitto in India e/o ricevono madre o dal gruppo;reddito di fonte indiana. • attività per compagnie aeree o marittime.Per semplificare vi sarà la seguente distinzione aifini della scelta da parte degli investitori esteri: La Liaison office è soggetta a una specifica appro-• soggetti; vazione e agisce come canale di comunicazione• stabile organizzazione di un soggetto estero: tra la società estera che la costituisce e il merca- Liaison office, Project office; to indiano per promuovere il proprio business ed• branch office; esplorare le opportunità di mercato al fine di creare 123 Interprofessionalnetwork
  • 123. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi una presenza permanente. È prevista per specifiche in loco includendo anche tutti i redditi da qualsiasi attività quali: fonte provengano. • promozione import/export; • rappresentante per la casa madre o il gruppo; 2. socIetà a partecIpazIone • promozione di collaborazione tecnica e finan- estera: sUsBIsIDIary ziaria tra società indiane e casa madre o gruppi esteri; companIes • canale di comunicazione con la casa madre e società indiane. Le società sussidiarie Subsidiary companies sono a partecipazione straniera nella forma di società pri- Il Project office è lo strumento per una società vate in India prevista dalla legislazione locale, sono estera che ha concluso un contratto per eseguire trattate come società indiane e tassate sulla stessa un progetto e lo può fare istituendo tale forma di base del concetto di “world wide taxation” previsto presenza in loco senza preventiva autorizzazione come reddito derivante dall’attività economica tipi- da parte dell’autorità preposta anche se in tal caso ca e da altri redditi il tutto decrementato dai costi sono comunque previsti certi requisiti. inerenti all’attività e altri costi quali quelli finanziari. Dal punto di vista fiscale è trattata come un’esten- Comparate con quelle trattate precedentemente, le sione della società estera e perciò soggetta alla tas- Subsidiary hanno maggiore flessibilità. sazione applicabile per tali soggetti non residenti. Si ricordano qui di seguito alcuni concetti di ca- 3. socIetà DI DIrItto InDIano rattere generale applicati internazionalmente per distinguere se una presenza su un territorio ha una Le società diritto indiano cosiddette “domestic rilevanza fiscale. company” sono di varie tipologie. Si rimanda per la Il termine “stabile organizzazione” ha rilevanza trattazione giuridica all’apposito capitolo. esclusivamente fiscale ed è la traduzione dell’espres- sione inglese “permanent establishment” usata nel diritto tributario internazionale e designa una sede 4. tassazIone fissa di affari per mezzo della quale l’impresa estera esercita la sua attività economica nel territorio di un Le società sono soggette all’imposta sui redditi determinato Stato e come tale viene tassata. delle persone giuridiche (Income tax) che colpisce La stabile organizzazione nel diritto internazionale il reddito suddiviso per capi di imputazione quali può riguardare normalmente la branch, la divisio- quello derivante dall’attività tipica, i capital gains e ne, l’agenzia, l’ufficio di rappresentanza o ogni altra i redditi derivanti da altre fonti per ognuno dei quali autonoma suddivisione attraverso la quale un’entità sono previste apposite deduzioni e calcolo dell’im- regolarmente svolge la propria attività imprendito- ponibile. Sono inoltre soggetti alla tassa alternativa riale nel paese estero. minima “minimum alternative tax, Mat”, alla tassa Un ufficio di rappresentanza può rappresenta- sulla salute e a quella sui fringe benefits. re gli interessi di un’entità legale estera limi- L’imposta sul reddito è riscossa sul reddito con- tandosi ad attività di natura non commerciale seguito durante l’anno fiscale per rate, tutto ciò è come l’ottenimento di informazioni, il marketing, previsto annualmente dal Finance Act. la preparazione di cataloghi e brochure e l’atti- È prevista anche una tassa sulle vendite intesa come vità di promozione al fine di contattare impre- consumi oltre a quella sui servizi. se o clienti cinesi per conto della casa madre. Sono soggette all’imposta sul reddito delle perso- Normalmente la tassazione della stabile organizza- ne giuridiche le società indiane registrate sotto la zione è comunque basata sul “world wide taxation giurisdizione indiana e ogni altra entità registrata al principle”, perciò una stabile organizzazione di CBDT (Central Board of Direct Taxes) il quale di- un’entità estera viene tassata sul reddito prodotto chiara che è registrata e ha la principale attività in124 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 124. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiIndia, nonché gli enti incorporati fuori dal territorio sere effettuato non oltre il decimo anno di valuta-indiano e altre entità che siano o no incorporate o zione successivo all’anno di accertamento in cui ilIndiane ma comunque dichiarate società dal CBDT. credito d’imposta è divenuto ammissibile. La MatAlcuni tipi di reddito sono calcolati in via presun- non è applicabile sui redditi esenti da tassazione ativa, quali quelli di società di costruzioni civili, di eccezione dei capital gain esenti di lungo termine,attività al dettaglio, trasporti ecc. su redditi di unità allocate in specifici distretti suiL’aliquota di imposta sul reddito delle impre- redditi di determinate aziende industriali sick.se locali è del 30% e per quelle estere del 40%. Una società residente è tassata sul reddito globale eAll’Income tax, imposta sul reddito, si aggiunge quella non residente è tassata sul reddito ricevuto,un’aliquota (surcharge) dal 7,5% al 10% applica- generato o ritenuto di origine indiana. Alcuni tipi dita sulle tasse e prevista per le imprese locali con reddito di pertinenza di una società non residenteredditi superiori a 10 milioni di INR; per le imprese vengono tassati sui profitti lordi privi di costi dedu-estere l’aliquota del surcharge è del 2,5%. Sono cibili, con apposite aliquote comprensive del sur-inoltre da aggiungere sulla tassazione un tasso del charge quali:3% così suddiviso: 2% (education cess - EC) per • interessi al 21,12%;attività educative e 1% per attività educativa secon- • royalties al 10,56% (per ammontari sotto i die-daria e superiore (secondary and higher education ci milioni di INR);cess - SHEC). • compensi per servizi tecnici al 10,55%.L’aliquota di imposta sul reddito delle persone giu-ridiche perciò si assesta su un 33,99% compren- Non sono previste tassazioni di gruppo ma sonosivo del surcharge ove contemplato, per le società previste esenzioni per trasferimenti di cespiti tranon residenti invece è prevista una tassazione sul casa madre e sussidiaria.reddito ricevuto o formato in India con un tasso del È prevista una forte agevolazione (tax holidays) per42,23% anch’esso formato dal 40% dell’aliquo- 5-10 anni per i profitti delle imprese esportatrici alta propria, il surcharge del 2,5% e il cess del 3% 100% o localizzate nelle free trade zone, nelle zonecome quelle residenti. per l’export, nelle SEZ, nei parchi tecnologici, ecc.Le società che hanno un’imposizione fiscale minore Le misure anti evasione generali non sono previstedel 18% dei profitti, secondo il Finance Bill 2010 salvo alcuni casi specifici riguardanti il transfer pri-(“book profits” appositamente calcolati) e secondo cing, le operazioni con holding, le immobilizzazioniil Finance Bill 2011 per certe limited liability part- ecc. Le operazioni tra parti correlate non sono per-nership del 18,5% sono obbligate a pagare la tassa seguite se sottoscritte a normali condizioni di mer-minima alternativa del 18% (Mat minimum alterna- cato, e comunque le regole del transfer pricing sonotive tax) in luogo della normale imposta sul reddito, basate sugli standard OECD e quindi sul principiocon un’aggiunta del normale surcharge del 10% e dell’arm’s lenght che viene applicato anche al costdel cess del 3%. La Mat non è applicata in certi casi sharing.quali per esempio aziende operanti nelle zone eco- Le transazioni con parti correlate non resi-nomiche speciali od in certi distretti. Normalmente denti devono essere appositamente segnalate.per il calcolo della Mat il consulente che prepara la Non sono previste norme sulle CFC (Controlled Fo-denuncia dei redditi effettua un’attestazione dell’am- reign Company) né norme sulla thin capitalization.montare del profitto. Questa tassazione serve per ri- Le società pagano anche la Securities Transactiondurre la tassazione a chi consegue profitti. Per le Tax (in seguito STT) cioè la tassa sulle transazioni,imprese con book profits maggiori di 10 milioni di nonché la Wealth Tax cioè la tassa sulla salute erupie l’aliquota è del 19,9305. È previsto inoltre un altre tasse.credito derivante dalla differenza tra la tassazione Le scissioni e le ristrutturazioni aziendali e certecome Mat e quella regolare, credito da portare in condizioni sono neutrali.avanti per diminuire la tassazione nell’esercizio in È previsto l’istituto dell’Advance Ruling al fine dicui verrà applicata la normale aliquota; ciò può es- evitare liti fiscali su argomenti non chiari anche per 125 Interprofessionalnetwork
  • 125. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi i non residenti. L’autorità preposta (AAR - Authority tare se non sono state applicate le ritenute alla fonte for Advance Rulings) costituita da giudici in pen- ecc. sione della Corte Suprema emette il parere entro sei I dividendi non sono deducibili ma le royalties e gli mesi dietro pagamento di una somma prevista e su interessi lo sono se relativi all’attività imprenditoriale. questioni non pendenti già in giudizio. Le svalutazioni nette dei crediti sono deducibili dal- le imposte, ma gli accantonamenti per crediti dubbi 5. esenzIonI non sono fiscalmente deducibili. Le società estere che operano attraverso una branch possono dedurre spese generali amministrative ef- Le più importanti esenzioni sono: fettuate dal head office al di fuori del territorio in- • i dividendi distribuiti a soci residenti, esenzio- diano. Tali spese devono essere valutate al valore ne in capo al socio se colui che li distribuisce minimo tra il 5% del reddito totale di riferimento e ha pagato la tassa sulla distribuzione dei divi- le spese attribuibili al business indiano; se il reddito dendi; di riferimento è una perdita la spesa è del 5% della • il reddito agrario con particolari previsioni se i media del reddito di riferimento come definito dalla reddito è parzialmente agrario; legge. • se le condizioni previste dalla legge sono as- solte, il reddito di fondazioni, istituzioni reli- giose e caritatevoli, trusts, ecc.; 7. maGazzIno • altri tipi di reddito previsti dalla legge. Materie prime, merci, prodotti finiti e in corso di 6. DeDUzIonI lavorazione vengono generalmente valutati con un metodo che rifletta il vero profitto in quanto non ci sono previsioni specifiche; il Lifo, per esempio, non Dalla base imponibile normalmente sono deducibili è autorizzato, L’importante è la buona fede poiché tutte le spese sostenute nell’esercizio corrente (ad l’ente accertatore può non ammettere il metodo adot- es. costi di produzione, costi del personale, ammor- tato e comunque è consigliabile che venga valutato tamenti ecc.) per il conseguimento di redditi impo- al più basso tra il costo e il valore netto realizzabile. nibili, purché debitamente documentate e inerenti nonché sostenute nell’esercizio fiscale di riferimento. L’imposta sul reddito non è deducibile, ma lo sono 8. ammortamentI tutte le spese per le altre tasse, i dazi, gli interessi per capitali presi a prestito da istituzioni finanziarie Gli ammortamenti coinvolgono vari gruppi di rife- ecc., il tutto se pagato durante il precedente eserci- rimento a seconda del cespite e della sua vita utile. zio o entro la data di presentazione della denuncia L’ammortamento è obbligatorio ed è applicato su dei redditi. categorie di cespiti e non singolarmente. In caso di Gli interessi per capitali presi a prestito per l’ac- mancata capienza per la sua deducibilità si può ri- quisizione di cespiti per incrementare il business portare in avanti senza limiti temporali finché non si non sono deducibili finché il bene non è entrato in conseguono redditi. funzione. Le aliquote vanno da un 5% per certi immobili a una La legge prevede specifiche deduzioni per la ricerca deduzione integrale per certe categorie tipo le attrezza- scientifica, per la proprietà intellettuale, perdite su ture per la protezione ambientale. Gli studi di fattibilità crediti ecc, nonché particolari aliquote in aggiunta per esempio possono essere dedotti in cinque anni. alle ordinarie per le spese di ricerca. I cespiti utilizzati per meno di 180 giorni nell’anno di Sono inoltre previste tutta una serie di spese non acquisizione hanno la possibilità di essere ammor- deducibili a certe condizioni tra cui la tassa sulla tizzati alla metà dell’aliquota prevista. salute, quella sui fringe benefit, le contribuzioni dei Per le attività manifatturiere o di produzione sono dipendenti a certe forme di previdenza complemen- previsti ammortamenti supplementari con l’aliquota126 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 126. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLidel 20% applicata sul costo dei nuovi macchinari e al capitale di almeno il 26% è tassato al 15%.impianti (diversi dalle navi o aeromobili) se acqui-stati e installati durante l’anno. La tassa sulla distribuzione di dividendi è applicataLe svalutazioni non usufruite possono essere porta- alle società residenti che dichiarano, distribuisco-te in avanti illimitatamente per poterle utilizzare per no o pagano dividendi con un’aliquota del 16,23%redditi futuri. comprensiva della surcharge tax ed educational cess. Sono previste specifiche tassazioni per alcu-tAbellA 2 – percentuAli di AMMortAMento ni tipi di società e fondi. Il capital gain è derivante dalla vendita di patrimoni classe tasso di (cosiddetti “asset” quali azioni, titoli, immobili, ecc). dell’immobilizzazione ammortamento annuo Per le imprese non è tassato separatamente e dipen- (%) de dal tipo di asset e dalla durata dell’investimento. Il capital gain è derivante dalla vendita di asset che Immobili (secondo la 5-10-100% siano di società o di persone fisiche, si divide in natura) due gruppi: • i capital gain di lungo termine: risulta tassabile Mobili e arredi 10-% se l’asset è stato detenuto per più di tre anni ma in caso di azioni, titoli, specifici fondi e ti-Immobilizzazioni immateriali toli quotati alla borsa indiana il termine di de- 25% (avviamento, ecc.) tenzione è previsto per più di un anno. I capital gain di termine lungo sono soggetti a un’ali- 15-30-40-50-60-80- quota del 20%. Sono previste alcune esenzioni Impianti e macchinari 100% per certe categorie di azioni o fondi mutual e in caso le somme vengano reinvestite in certe tipologie di titoli o se il capital gain è relativo ad assets acquistati prima di certe date;9. DIvIDenDI, capItaL GaIns e • i capital gain di termine breve: sono soggetti perDIte all’aliquota ordinaria sul reddito del percipien- te. Se il capital gain di breve termine deriva dalla vendita di titoli che hanno già scontato laI dividendi distribuiti da una società indiana (come tassa sulle transazioni (STT) allora è soggettopure dai mutual funds) arrivano in mano ai soci al tasso del 15%.in esenzione, ma in capo alla società i dividendidichiarati, pagati o distribuiti scontano un’imposta I capital gain di termine lungo su titoli possonosulla distribuzione chiamata Dividend distribution essere oggetto di indicizzazione per tenere con-tax (ddt) del 16,23% comprensiva della surcharge to dell’inflazione. La scelta dell’indicizzazione èe del cess. facoltà del soggetto di imposta. L’indicizzazioneSono previste delle esenzioni quali: all’inflazione per azioni e titoli viene opzionata dal• dividendi distribuiti da società di Zone SEZ percipiente che sarà soggetto al tasso del 20% o (cfr. paragrafo sugli incentivi); del 10% se rispettivamente ha adeguato il valore• società madre che distribuisce dividendi rice- dei titoli a lungo termine o no, la tabella dei tassi vuti dalla società figlia che ha già assolto l’im- di indicizzazione è rilasciata ogni anno dall’autorità posta su di essi e che non sia una sussidiaria competente. di un’altra società (detenzione del capitale La surcharge tax e la cess vengono applicate co- maggiore del 50% del nominale); munque sui capital gain.• il reddito conseguito da una società indiana La STT è applicata dal 2004 in borsa, ma non derivante da dividendi ricevuti da parte di una nelle transazioni al di fuori della borsa e nei buy- società estera detenuta con una partecipazione 127 Interprofessionalnetwork
  • 127. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi back ecco perché la tassazione sui capital gain le 2010 tale ritenuta è stata innalzata al 20%; essa è più alta laddove tale tassa non viene pagata. è tuttavia riducibile al 10%, ove la società estera, Le società estere sono soggette alla tassazione del a fronte di specifica richiesta, abbia ottenuto in at- 20% debitamente indicizzato poiché non possono tribuzione un PAN - Permanent Account Number. effettuare il pagamento della tassa sulle transazio- Si tratta di un codice alfanumerico di 10 caratteri ni. rilasciato unitamente a una “laminated card”. Le perdite di breve e di lungo periodo sono com- pensabili con redditi dello stesso genere in primis Al riguardo, è stato affermato che: e poi con gli altri redditi. Se tali perdite sono di ca- pitale o di impresa possono essere portate in avanti “As from 1 April 2010, every recipient (whether per otto anni soddisfacendo un test di continuità di resident or nonresident) of India-source in- maggioranza sul capitale sociale (oltre il 51%). come subject to withholding tax must fur- Se le perdite sono speculative possono essere com- nish a Permanent Account Number (PAN) pensate con quelle dello stesso tipo per i successivi to the Indian payer before payment is made. quattro anni. Le perdite di impresa come pure le The new rule was introduced into the Income Tax svalutazioni inutilizzate possono essere trasferite a Act, 1961 by the 2009 Finance Act No. 2. On 20 determinate condizioni. January 2010, the Central Board of Direct Taxes is- sued a press release confirming the requirement to 10. rItenUte sU DIvIDenDI, produce a PAN. Otherwise, tax will have to be with- held at the higher of the rate under Indian domestic InteressI e royaLtIes law or an applicable tax treaty, or 20%. Further, if the nonresident fails to submit a PAN to the payer, Su alcune categorie di reddito i pagamenti a resi- the tax authorities will not accept an application denti scontano delle ritenute applicate con le se- from the nonresident for a reduced rate of withhold- guenti aliquote non definitive di imposta quali per ing tax under a tax treaty. esempio: To illustrate, the domestic tax rate on royalties and • interessi 20% (se il totale non supera annual- technical service fees is generally 10% (plus the ap- mente 5.000 INR sono esenti da ritenuta); plicable surcharge and education cess) of the gross • dividendi pagati da società private 0% a soci amount. India’s tax treaties also typically provide for persone fisiche; a 10% withholding tax on such payments. Under • royalty 10% o 20%; the new rules, in the absence of a PAN, tax will be • servizi tecnici 10% o 20%. required to be withheld at the 20% rate, notwith- standing that a lower rate applies under both Indian Le aliquote delle ritenute applicabili per non resi- domestic law and a tax treaty. denti e società estere sono: The PAN must be included in all correspondence, • interessi 20% sul lordo; bill vouchers and other documents sent between the • dividendi 10%; payer and the recipient of income. • royalties 20%; A nonresident is required to file a tax return in India • servizi tecnici 20%; if the India- source income is in the nature of busi- • ogni altra tipologia di servizi – persone fisiche- ness profits, royalties or technical service fees, etc. 30% sul reddito netto; with some exceptions. Where the higher rate of tax is • società 40% del reddito netto. deducted because a recipient did not provide a PAN to the payer, the recipient would need to request a Riguardo alle royalties e ai servizi tecnici, occor- refund from the authorities by filing a return, and to re tenere presente che la normativa fiscale indiana, file the return, it would be necessary to obtain a PAN. sino al 31 marzo 2010, prevedeva l’applicazione di Nonresidents earning income from India should una ritenuta alla fonte del 10%; a partire dal 1° apri- obtain a PAN as soon as possible to avoid the im-128 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 128. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLiposition of higher withholding tax rates as from 1 razioni di carattere finanziario consigliano comun-April.” (Vijay Dhingra and Ashutosh Mahajan, Tax que l’espletamento della procedura necessaria perregistration number required to avoid higher with- l’applicazione dell’aliquota ridotta. Se poi la societàholding tax rate, Deloitte, India Tax Alert - 10 Febru- italiana si trovasse in perdita fiscale, l’ottenimentoary 2010). dell’aliquota ridotta si tradurrebbe in una diminu- zione dell’onere per imposte estere non deducibili.Con apposito emendamento di recentissima uscita La procedura da espletare (nel caso di richiesta dele con decorrenza primo ottobre 2011 il governo ha PAN on-line) può essere così sintetizzata ma poichésemplificato la procedura per il PAN potendo ora è in fase di cambiamento potrebbe subire modifi-utilizzare come prova della propria identità il nu- che:mero identificativo del proprio paese (citizenship • accesso al sito http://incometaxindia.gov.in;number or taxpayer identification) ed i documenti cliccare PAN e leggere le istruzioni ivi conte-del paese di residenza attestati dall’apposita auto- nute;rità, non dovendo più fare richiesta all’ambasciata • chiedere alla competente Camera di Commer-indiana. cio il rilascio di un certificato di iscrizione al Registro delle Imprese (sintetico); chiedereL’articolo 13 (Canoni e corrispettivi per servizi tec- l’autenticazione del certificato alla Camera dinici) della convenzione tra l’Italia e l’India del 23 Commercio (la quale, normalmente, non è di-novembre 1995, riguardo ai compensi in argomen- sponibile ad autenticare un documento dallato, afferma che: medesima emesso) o alla Prefettura;“1. I canoni e i corrispettivi per servizi tecnici pro- • far eseguire la traduzione giurata in inglese delvenienti da uno Stato Contraente e pagati a un re- certificato camerale;sidente di un altro Stato contraente sono imponibili • recarsi presso un istituto di credito e chiederein detto altro Stato. l’emissione di un “Demand Draft” (una sorta2. Tuttavia, detti canoni e corrispettivi per servizi di assegno circolare) di 744,00 rupie indianetecnici possono essere anche tassati nello Stato emesso a favore di NSDL-PAN di Mumbai;contraente dal quale essi provengono ed in con- • compilare e trasmettere la domanda (Modelloformità della legislazione di detto Stato, ma se il 49/AA), in via informatica (accedendo al sitopercettore è il beneficiario effettivo dei canoni o sopra citato); stampare la ricevuta di trasmis-dei corrispettivi per servizi tecnici, l’imposta ap- sione;plicata non dovrà essere superiore al 20 per cento • spedire la documentazione (certificato camera-dell’ammontare lordo dei canoni o dei corrispettivi le autenticato tradotto in lingua inglese e debi-per servizi tecnici. tamente legalizzato, Demand Draft, ricevuta di(...) trasmissione della domanda, copia della do-4. Ai fini del presente articolo l’espressione manda, mediante posta raccomandata, al NSDL“corrispettivi per servizi tecnici” designa i paga- - India (l’indirizzo è reperibile nelle istruzioni).menti di qualsiasi importo effettuati a chiunque, aeccezione dei pagamenti effettuati a dipendenti Dopo qualche tempo dovrebbe pervenire la car-della persona che li corrisponde, in corrispettivo ta (“laminated card”) recante indicato il PAN.di servizi di natura organizzativa, tecnica o di con- L’adempimento più difficile è quello dell’emis-sulenza, inclusa la prestazione di servizi di natura sione del “Demand Draft”; occorre trovare unatecnica o di altro personale”. banca disponibile a emettere tale documento; in caso di impossibilità pratica è opportuno appog-In base a quanto sopra esposto, è possibile notare giarsi a un fiduciario indiano o, addirittura, no-che la ritenuta alla fonte applicata in India, in as- minare un procuratore in India; a tale ultimo ri-senza di PAN, non supera (escludendo surcharge guardo il punto 14 del Modello 49/A afferma che:e cess) l’aliquota convenzionale; tuttavia conside- “Foreign Non-Individual entities having no office 129 Interprofessionalnetwork
  • 129. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi of their own in India may additionally mention their A tale ultimo riguardo si annota che, ai fini del calco- own name and care of address of their tax con- lo del credito d’imposta estera spettante, è da ritene- sultant in India in this column for the purpose of re che il compenso per royalties o per servizi tecnici communication address. This should be supported possa essere considerato nel suo ammontare lordo by Power of Attorney in favour of the tax cosultant e non nell’ammontare al netto delle spese necessarie duly notarised or attested by Indian Embassy/High per produrre tale reddito (in questo senso, pur con Commision or Consulate located in the country”. qualche dubbio, considerata l’assenza di una presa Per ogni informazione sull’argomento è possibile ri- di posizione da parte dell’Agenzia delle Entrata, si volgersi al Consolato indiano in Italia (chiedendo di pone autorevole dottrina: Marco Piazza, Guida alla essere messi in contatto con l’addetto al PAN). fiscalità internazionale, Il Sole 24 Ore, Milano, 2004, La società italiana, ottenuto il PAN, deve comuni- pp. 1052-1054; Alessandro Dragonetti, Valerio Pia- carlo alla società indiana, in modo da consentire a centini, Anna Sfrondini, Manuale di fiscalità interna- questa di applicare la ritenuta nella misura ridotta. zionale, IPSOA, 2010, p. 326). La ritenuta subita in India può essere portata in de- L’India ha numerosi accordi contro le doppie imposi- trazione dell’Ires italiana nei limiti e alle condizioni zione. Le società domestiche calcolando le imposte previste dall’articolo 23 della convenzione Italia - In- possono scomputare il credito sulle tasse assolte dia e dell’articolo 165 del Dpr n. 917/1986. all’estero.tAbellA 3 - indiA tAx treAty stAtus And rAtes 2011jurisdiction status Dividends Interest royalties notes •16.22%/ 15.759%/ • 21.63%/ 21.012%/ 20.6% • 10.815%/ 10.506%/ • 10.815%/ 10.506%/ 10.3% Defaults 15.45% (1) (2) 10.3% (3) (4) 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the Effectivesince1 the Armenian government; orArmenia the beneficial owner of the beneficial owner of the beneficial owner of the technical April 2005 any agreed Armenian financial the dividends. royalties. fees. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of technical fees in respect of technical or consultancy services, which are ancillary and subsidiary to 10%, if the recipient is the application or enjoyment the beneficial owner of of any such property or right 15%, if the recipient is Effectivesince1 15%, if the recipient is the royalties in respect of the to use, any copyright, patent,Australia the beneficial owner of April 1992 beneficial owner of the interest. use, or the right to use design or model, plan, secret the dividends. industrial, commercial or formula or process, trade mark scientific equipment. or other like property or right; or industrial, commercial or scientific equipment; or any such scientific, technical, industrial or commercial knowledge. 130 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 130. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to the Austrian government; or any agreed Austrian financial 10%, if the recipient is or government institution 10% if the recipient is the 10%, if the recipient is the Effectivesince1Austria the beneficial owner of appointed to collect such beneficial owner of the beneficial owner of the technical April 2002 the dividends. payment on behalf of the royalties. fees. government. 0%, where such interest is paid as per a loan or similar debt claim granted exemption by the Indian government. 10%, if the recipient 10%, if the recipient is the is the beneficial owner beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is of the dividends, and the beneficial owner of holds 10% of the capital 0%, if the payment is made to the royalties, other than The domestic rate on technical of the company paying Effectivesince1 the Bangladeshi government; royalties payments in fees applies as an alternativeBangladesh the dividend. April 1993 or any agreed Bangladeshi respect of the operation rate for technical fees are not financial or government of mineral deposits, prescribed in the tax treaty. 15% in all other cases institution appointed to collect sources and other natural where the recipient is such payment on behalf of the resources. the beneficial owner of government. the dividends. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is the beneficial owner 0%, if the payment is made to of the dividends, and the Belarusian government; holds 25% of the shares or any agreed Belarusian The domestic rate applies, The domestic rate on technical of the company paying financial or government Effectivesince1 as the rate in the treaty fees applies as the rate inBelarus the dividend. institution appointed to collect April 1999 exceeds that levied the treaty exceeds that levied such payment on behalf of the domestically. domestically. 15% in all other cases government. where the recipient is the beneficial owner of 0%, where such interest is the dividends. paid as per a loan or similar debt claim granted exemption by the Indian government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest and the loan is paid on a 15%, if the recipient is loan granted by a banking 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the Effectivesince1Belgium the beneficial owner of institution. the beneficial owner of the beneficial owner of the technical April 1998 the dividends. royalties. fees. •15%, in all other cases where the recipient is the beneficial owner of the interest. 131 Interprofessionalnetwork
  • 131. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 7.5%, if the recipient is 0%, if the payment is made to the beneficial owner of the Botswana government; or the dividends and holds any agreed Botswana financial 25% of the share capital or government institution of the company paying appointed to collect such 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1Botswana the dividend. payment on behalf of the the beneficial owner of the the beneficial owner of the April 2009 government. royalties. technical fees. •10% in all other cases where the recipient is 10%, if the recipient is the beneficial owner of the beneficial owner of the the dividends. interest. 15%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. The agreement provides that this reduced rate will not apply if the interest arising in India is paid to a Brazilian permanent establishment of an enterprise The domestic rate applies The domestic rate on technical 15%, if the recipient is Effectivesince1 situated in a third State. as the rate provided in the fees applies as an alternativeBrazil the beneficial owner of April 1992 treaty exceeds the tax rate rate for technical fees are not the dividends. 0%, if the payment is made to levied domestically. prescribed in the tax treaty. the Brazilian government; or any agreed Brazilian financial or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 15%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. The domestic rate applies The domestic rate on technical 15%, if the recipient is 0%, if the payment is made to Effectivesince1 as the rate provided in the fees applies, as the rate inBulgaria the beneficial owner of the Bulgarian government; or April 1997 treaty exceeds the tax rate the treaty exceeds that levied the dividends. any agreed Bulgarian financial levied domestically. domestically. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of technical fees in respect of technical or 15%, if the recipient is 15%, if the recipient is consultancy services, which the beneficial owner of the the beneficial owner of are ancillary and subsidiary to interest. the dividends and holds the application or enjoyment directly or indirectly The domestic rate applies of any such property or right 0%, if the payment is made to Effectivesince1 10% of the voting as the rate provided in the to use, any copyright, patent,Canada the Canadian government; or April 1998 power of the company treaty exceeds the tax rate design or model, plan, secret any agreed Canadian financial paying the dividends. levied domestically. formula or process, trade mark or government institution or other like property or right; appointed to collect such Otherwise, the domestic or industrial, commercial or payment on behalf of the rate applies. scientific equipment; or any government. such scientific, technical, industrial or commercial knowledge. 132 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 132. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is the 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 the Chinese government; or beneficial owner of the technicalChina the beneficial owner of the beneficial owner of the April 1996 any agreed Chinese financial fees and is tax resident of the dividends. royalties. or government institution China. appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is the beneficial owner of 0%, if the payment is made the dividends and holds to the Cypriot government; or 10% of the shares of any agreed Cypriot financial The domestic rate applies, The domestic rate on technical the company paying the or government institution Effectivesince1 as the rate in the treaty fees applies, as the rate inCyprus dividend. appointed to collect such April 1993 exceeds that levied the treaty exceeds that levied payment on behalf of the domestically. domestically. 15% in all other cases government. where the recipient is the beneficial owner of 0%, where such interest is the dividends. paid as per a loan or similar debt claim granted exemption by the Indian government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is the beneficial owner of technical 0%, if the payment is made fees received in respect of the 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 to the Czech government; or rendering of any managerial,Czech Republic the beneficial owner of the beneficial owner of the April 2000 any agreed Czech financial technical or consultancy the dividends. royalties. or government institution services including the provision appointed to collect such of services by technical or other payment on behalf of the personnel. government. 15%, if the recipient is the beneficial owner of the dividends and holds 10%, if such interest is paid The domestic rate applies The domestic rate on technical Effectivesin- 25% of the shares of on a loan of whatever kind as the rate provided in the fees applies, as the rate inDenmark ce1January the company paying the granted by a bank. treaty exceeds the tax rate the treaty exceeds that levied 1990 dividend. levied domestically. domestically. 15%, in allothercases. Otherwise, the domestic rate applies. The domestic rate The domestic rate applies applies as this treaty The domestic rate applies The domestic rate applies as as this treaty does not Effectivesin- does not contain as an alternative rate for an alternative rate for technicalEgypt contain provisions to reduce ce1July 1970 provisions to reduce royalties is not prescribed fees is not prescribed in the tax withholding tax payable in withholding tax payable in the tax treaty. treaty. India. in India. 133 Interprofessionalnetwork
  • 133. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to Effectivesin- 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the the Armenian government; orFinland ce1January the beneficial owner of the beneficial owner of the beneficial owner of the technical any agreed Armenian financial 2011 the dividends. royalties. fees. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made Effectivesin- 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the to the French government; orFrance ce1January the beneficial owner of the beneficial owner of the beneficial owner of the technical any agreed French financial 1995 the dividends royalties. fees. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the Signed on 24 10%, if the recipient is theGeorgia the beneficial owner of the beneficial owner of the beneficial owner of the technical August 2011 beneficial owner of the interest. the dividends. royalties. fees. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the Effectivesince1 the German government; orGermany the beneficial owner of the beneficial owner of the beneficial owner of the technical April 1997 any agreed German financial the dividends. royalties. fees. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. The domestic rate The domestic rate applies The domestic rate applies applies as this treaty The domestic rate on technical as this treaty does not as this treaty does not Effectivesince1 does not contain fees applies as an alternativeGreece contain provisions to reduce contain provisions to April 1964 provisions to reduce rate for technical fees are not withholding tax payable in reduce withholding tax withholding tax payable prescribed in the tax treaty. India. payable in India. in India. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the Effectivesince1 to the Hungarian government;Hungary the beneficial owner of the beneficial owner of the beneficial owner of the technical April 2005 or any agreed Hungarian the dividends. royalties. fees. financial or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 134 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 134. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the Effectivesince1 the Icelandic government; orIceland the beneficial owner of the beneficial owner of the beneficial owner of the technical April 2008 any agreed Icelandic financial the dividends. royalties. fees. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is the beneficial owner of 0%, if the payment is made to the dividends and holds the Indonesian government; 25% of the shares of or any agreed Indonesian The domestic rate applies The domestic rate applies as the company paying the financial or government Effectivesince1 as the rate provided in the an alternative rate for technicalIndonesia dividend. institution appointed to collect April 1988 treaty exceeds the tax rate fees is not prescribed in the tax such payment on behalf of the levied domestically. treaty. 15% in all other cases government. where the recipient is the beneficial owner of 0%, where such interest is the dividends. paid as per a loan or similar debt claim granted exemption by the Indian government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is the beneficial owner of technical 0%, if the payment is made fees received in respect of the 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 to the Irish government; or rendering of any managerial,Ireland the beneficial owner of the beneficial owner of the April 2003 any agreed Irish financial technical or consultancy the dividends. royalties. or government institution services including the provision appointed to collect such of services by technical or other payment on behalf of the personnel. government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to the Israeli government; or any agreed Israeli financial or government institution 10%, if the recipient is the appointed to collect such beneficial owner of technical payment on behalf of the fees received in respect of the 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesin- government. rendering of any managerial,Israel the beneficial owner of the beneficial owner of the ce1July 1996 technical or consultancy the dividends. royalties. 0%, if the payment is on a loan services including the provision made, refinanced, guaranteed of services by technical or other or insured or a credit extended, personnel. refinanced, guaranteed or insured by the Reserve Bank of India, or any other another banking or government agency agreed between the two countries. 135 Interprofessionalnetwork
  • 135. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 15%, if the recipient is 15% the beneficial owner of Effective the dividends and holds 0%, if the payment is made The domestic rate applies The domestic rate on technical since 1 April 15% of the shares of to the Italian government; or as the rate provided in the fees applies, as the rate inItaly 1997, applied the company paying the any agreed Italian financial treaty exceeds the tax rate the treaty exceeds that levied respectively to dividend. or government institution levied domestically. domestically. 1 April 1996. appointed to collect such Otherwise, the domestic payment on behalf of the rate applies. government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is the Japanese government; or 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the Effectivesince1Japan the beneficial owner of any agreed Japanese financial the beneficial owner of the beneficial owner of the technical April 1990 the dividends. or government institution royalties. fees. appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made The domestic rate applies The domestic rate on technical 10%, if the recipient is Effectivesince1 to the Jordan government; or as the rate provided in the fees applies, as the rate inJordan the beneficial owner of April 1998 any agreed Jordan financial treaty exceeds the tax rate the treaty exceeds that levied the dividends. or government institution levied domestically. domestically. appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is the beneficial owner of technical 0%, if the payment is made fees received in respect of the 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 to the Kazakh government; or rendering of any managerial,Kazakhstan the beneficial owner of the beneficial owner of the April 2000 any agreed Kazakh financial technical or consultancy the dividends. royalties. or government institution services including the provision appointed to collect such of services by technical or other payment on behalf of the personnel. government. The domestic rate applies The domestic rate applies as 15%, if the recipient is Effectivesince1 as the rate provided in the an alternative rate for technicalKenya the beneficial owner of 15% April 1986 treaty exceeds the tax rate fees are not prescribed in the the dividends. levied domestically. tax treaty. 0%, if the payment is made to the Korean government; or any agreed Korean financial 15%, if the recipient is or government institution the beneficial owner of appointed to collect such the dividends and holds payment on behalf of the The domestic rate applies The domestic rate on technical 20% of the capital of Effectivesince1 government. as the rate provided in the fees applies, as the rate inKorea the company paying the April 1991 10%, where the recipient is treaty exceeds the tax rate the treaty exceeds that levied dividend. the beneficial owner of interest levied domestically. domestically. paid on a loan granted by a Otherwise, the domestic bona fide banking business. rate applies. 15%, in all other cases where the recipient is the beneficial owner of the interest. 136 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 136. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is the beneficial owner of technical 0%, if the payment is made fees received in respect of the 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 to the Kuwaiti government; or rendering of any managerial,Kuwait the beneficial owner of the beneficial owner of the April 2008 any agreed Kuwaiti financial technical or consultancy the dividends. royalties. or government institution services including the provision appointed to collect such of services by technical or other payment on behalf of the personnel. government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made The domestic rate applies The domestic rate on technical 10%, if the recipient is Effectivesince1 to the Kyrgyz government; or as the rate provided in the fees applies, as the rate inKyrgyzstan the beneficial owner of April 2001 any agreed Kyrgyz financial treaty exceeds the tax rate the treaty exceeds that levied the dividends. or government institution levied domestically. domestically. appointed to collect such payment on behalf of the government. The domestic rate The domestic rate applies The domestic rate applies applies as this treaty The domestic rate applies as as this treaty does not as this treaty does not Effectivesince1 does not contain an alternative rate for technicalLibya contain provisions to reduce contain provisions to April 1983 provisions to reduce fees is not prescribed in the tax withholding tax payable in reduce withholding tax withholding tax payable treaty. India. payable in India. in India. Signed on 26Lithuania 5%/15% 10% 10% 10% for technicalfees. July 2011 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is the beneficial owner of technical 0%, if the payment is made to fees received in respect of the 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 the Luxembourg government; rendering of any managerial,Luxembourg the beneficial owner of the beneficial owner of the April 2010 or any agreed Luxembourg technical or consultancy the dividends. royalties. financial or government services including the provision institution appointed to collect of services by technical or other such payment on behalf of the personnel. government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the Effectivesince1 the Malaysian government; orMalaysia the beneficial owner of the beneficial owner of the beneficial owner of technical April 2005 any agreed Malaysian financial the dividends. royalties. fees. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 137 Interprofessionalnetwork
  • 137. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 10%, if the recipient is •10%, if the recipient is the the beneficial owner of beneficial owner of the interest. the dividends and holds 25% of the shares of 0%, if the payment is made to The domestic rate applies The domestic rate on technical the company paying the Effectivesince1 the Maltese government; or as the rate provided in the fees applies, as the rate inMalta dividend. April 1996 any agreed Maltese financial treaty exceeds the tax rate the treaty exceeds that levied or government institution levied domestically. domestically. 15% in all other cases appointed to collect such where the recipient is payment on behalf of the the beneficial owner of government. the dividends. 0%, if the payment is made to the Mauritian government; or any agreed Mauritian financial or government institution 5%, if the recipient is appointed to collect such the beneficial owner of payment on behalf of the the dividends and holds government 10% of the capital of The domestic rate applies The domestic rate applies as the company paying the Effectivesince1 0%, if the transactions is as the rate provided in the an alternative rate for technicalMauritius dividend. April 1983 received by a Mauritian bona treaty exceeds the tax rate fees is not prescribed in the tax fide banking business. levied domestically. treaty. 15% in all other cases where the recipient is 0% on transactions approved the beneficial owner of by Indian authorities for the dividends. exemption. In all other cases, the domestic rate applies. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the Effectivesince1 the Mexican government; orMexico the beneficial owner of the beneficial owner of the beneficial owner of the technical April 2011 any agreed Mexican financial the dividends. royalties. fees. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 15%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to the Mongolian government; or any agreed Mongolian The domestic rate applies The domestic rate on technical 15%, if the recipient is financial or government Effectivesince1 as the rate provided in the fees applies, as the rate inMongolia the beneficial owner of institution appointed to collect April 1994 treaty exceeds the tax rate the treaty exceeds that levied the dividends. such payment on behalf of the levied domestically. domestically. government. 0%, where such interest is paid as per a loan or similar debt claim granted exemption by the Indian government. 138 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 138. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 5% if the recipient is the beneficial owner of 10%, if the recipient is the the dividends, and is beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is the a company, other than beneficial owner of technical a partnership, which 0%, if the payment is made to fees received in respect of the holds 25% of the capital 10%, if the recipient is Effectivesince1 the Montenegrin government; rendering of any managerial,Montenegro of the company paying the beneficial owner of the April 2009 or any agreed Montenegrin technical or consultancy the dividend. royalties. financial or government services including the provision institution appointed to collect of services by technical or other 15% in all other cases such payment on behalf of the personnel. where the recipient is government. the beneficial owner of the dividends. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 the Moroccan government; orMorocco the beneficial owner of the beneficial owner of the the beneficial owner of the April 2000 any agreed Moroccan financial the dividends. royalties. royalties. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to The domestic rate applies as 7.5%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effective from the Mozambique government; an alternative rate for technicalMozambique the beneficial owner of the beneficial owner of the 1 April 2012 or any agreed Mozambique fees is not prescribed in the tax the dividends. royalties. financial or government treaty. institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to The domestic rate applies as 5%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effective from the Burmese government; or an alternative rate for technicalMyanmar the beneficial owner of the beneficial owner of the 1 April 2010 any agreed Burmese financial fees is not prescribed in the tax the dividends. royalties. or government institution treaty.1 appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to The domestic rate applies as 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 the Namibian government; or an alternative rate for technicalNamibia the beneficial owner of the beneficial owner of the April 1999 any agreed Namibian financial fees is not prescribed in the tax the dividends. royalties. or government institution treaty. appointed to collect such payment on behalf of the government. 139 Interprofessionalnetwork
  • 139. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 10% if the recipient is the beneficial owner of the interest and is a Nepalese bank 10%, if the recipient is institution undertaking bona the beneficial owner of fide banking business. the dividends and holds 10% of the shares of 15% in all other cases where The domestic rate applies The domestic rate applies as the company paying the the recipient is the beneficial Effectivesince1 as the rate provided in the an alternative rate for technicalNepal dividends. owner of the interest. April 1989 treaty exceeds the tax rate fees is not prescribed in the levied domestically. tax treaty. 15% in all other cases 0%, if the payment is made to where the recipient is the Nepalese government; or the beneficial owner of any agreed Nepalese financial the dividends. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of technical fees in 10%, if the recipient is the respect of technical or beneficial owner of technical consultancy services, fees in respect of technical or which are ancillary consultancy services, which 10%, if the recipient is and subsidiary to the are ancillary and subsidiary to the beneficial owner of the application or enjoyment the application or enjoyment interest. of any such property of any such property or right or right to use, any to use, any copyright, patent, 10%, if the recipient is 0%, if the payment is made copyright, patent, design design or model, plan, secret Effectivesince1Netherlands the beneficial owner of to the Dutch government; or or model, plan, secret formula or process, trade mark April 1987 the dividends. any agreed Dutch financial formula or process, or other like property or right; or government institution trade mark or other like or industrial, commercial or appointed to collect such property or right; or scientific equipment; or any payment on behalf of the industrial, commercial such scientific, technical, government. or scientific equipment; industrial or commercial or any such scientific, knowledge. technical, industrial or commercial knowledge. The domestic rate applies in allothercases. The domestic rate applies in allothercases. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 15%, if the recipient is 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1New Zealand the beneficial owner of the New Zealand government; the beneficial owner of the the beneficial owner of the April 1987 the dividends. or any agreed New Zealand royalties. technical fees. financial or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 140 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 140. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 15%, if the recipient 15%, if the recipient is 10%, if the recipient is is the beneficial owner 10%, if the recipient is the beneficial owner of the the beneficial owner of the of the dividends and the beneficial owner of the interest. royalties. holds 25% of the technical fees. capital of the company 0%, if the payment is made to The treaty also includes Effectivesince1 paying the dividends, The treaty also includesNorway the Norwegian government; provisions stipulating that April 1988 and such dividends are provisions stipulating that or any agreed Norwegian where Indian authorities attributable to a new where Indian authorities have financial or government have negotiated a lower contribution negotiated a lower rate in institution appointed to collect rate in another tax treaty another tax treaty this rate will such payment on behalf of the this rate will instead Otherwise, the domestic instead apply. government. apply. rate applies. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is the beneficial owner of 0%, if the payment is made the dividends and holds to the Omani government; or 10% of the shares of any agreed Omani financial The domestic rate applies the company paying the The domestic rate applies, as Effectivesince1 or government institution as the rate provided in theOman dividend. the rate in the treaty exceeds April 1998 appointed to collect such treaty exceeds the tax rate that levied domestically. payment on behalf of the levied domestically. 12.5% in all other cases government. where the recipient is the beneficial owner of 0%, where such interest is the dividends. paid as per a loan or similar debt claim granted exemption by the Indian government. 0%, if the payment is made to the Filipino government; or any agreed Filipino financial or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 15%, if the recipient is the beneficial owner of 0%, where such interest is the dividends and holds paid as per a loan or similar The domestic rate applies The domestic rate applies as 10% of the shares of Effectivesince1 debt claim granted exemption as the rate provided in the an alternative rate for technicalPhilippines the company paying the April 1997 by the Indian government. treaty exceeds the tax rate fees is not prescribed in the dividend. levied domestically. tax treaty. 10%, if the recipient is a Otherwise, the domestic financial institution (including rate applies. an insurance company); and is the beneficial owner of the interest. 15% in all other cases where the recipient is the beneficial owner of the interest. 141 Interprofessionalnetwork
  • 141. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 15%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to the Polish government; or any agreed Polish financial or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. The domestic rate applies The domestic rate on technical 15%, if the recipient is Effectivesince1 as the rate provided in the fees applies, as the rate inPoland the beneficial owner of April 1990 0%, if the recipient is the treaty exceeds the tax rate the treaty exceeds that levied the dividends. beneficial owner of the levied domestically. domestically. interest, providing it is paid on a loan or credit extended or endorsed by the Export-Import Bank of India (Exim Bank), to the extent such interest is attributable to financing of exports and imports only; or any other another banking or government agency agreed between the two countries. 10%, if the recipient 10%, if the recipient is the is the beneficial owner beneficial owner of technical of the dividends, fees in respect of technical or 10%, if the recipient is providing the owner is consultancy services, which the beneficial owner of the a company that, for an are ancillary and subsidiary to interest. uninterrupted period of the application or enjoyment two fiscal years prior of any such property or right 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is Effectivesince1 to the payment of the to use, any copyright, patent,Portugal the Portuguese government; the beneficial owner of the April 2001 dividend, owns 25% of design or model, plan, secret or any agreed Portuguese royalties. the capital stock of the formula or process, trade mark financial or government company. or other like property or right; institution appointed to collect or industrial, commercial or such payment on behalf of the 15% in all other cases scientific equipment; or any government. where the recipient is such scientific, technical, the beneficial owner of industrial or commercial the dividends. knowledge. 5% if the recipient is 10%, if the recipient is the beneficial owner of the beneficial owner of the 10%, if the recipient is the the dividends and holds interest. beneficial owner of technical 10% of the shares of fees received in respect of the the company paying the 0%, if the payment is made 10%, if the recipient is Effectivesince1 rendering of any managerial,Qatar dividend. to the Qatari government; or the beneficial owner of the April 2000 technical or consultancy any agreed Qatari financial royalties. services including the provision 10% in all other cases or government institution of services by technical or other where the recipient is appointed to collect such personnel. the beneficial owner of payment on behalf of the the dividends. government. 142 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 142. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 15%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to the Romanian government; or any agreed Romanian 15% if the recipient is financial or government the beneficial owner of institution appointed to The domestic rate on technical the dividends and holds collect such payment on fees applies, as the rate in The domestic rate applies 25% of the shares of behalf of the government. the treaty exceeds that levied Effectivesince1 as the rate provided in theRomania the company paying the 0%, if the recipient is the domestically. April 1988 treaty exceeds the tax rate dividend. beneficial owner of the levied domestically. interest, providing it is paid 5% rate applies to Otherwise, the domestic on a loan or credit extended or commissions. rate applies. endorsed by the Export-Import Bank of India (Exim Bank), to the extent such interest is attributable to financing of exports and imports only; or any other another banking or government agency agreed between the two countries. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the 10%, if the recipient is the interest. beneficial owner of technical fees received in respect of the 10%, if the recipient is 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is Effectivesince1 rendering of any managerial,Russia the beneficial owner of the Russian government; or the beneficial owner of the April 1999 technical or consultancy the dividends. any agreed Russian financial royalties. services including the provision or government institution of services by technical or other appointed to collect such personnel. payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. The domestic rate applies as 5%, if the recipient is 0%, if the payment is made 10%, if the recipient is Effectivesince1 an alternative rate for technicalSaudi Arabia the beneficial owner of to the Saudi government; or the beneficial owner of the April 2007 fees are not prescribed in the the dividends. any agreed Saudi financial royalties. tax treaty. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 143 Interprofessionalnetwork
  • 143. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 5%, if the recipient is the beneficial owner of 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the the dividends, providing the beneficial owner of the beneficial owner of technical the dividends are paid interest. fees received in respect of the to a company that holds rendering of any managerial, 25% of the capital of 0%, if the payment is made 10%, if the recipient is Effectivesince1 technical or consultancySerbia the company paying the to the Serbian government; or the beneficial owner of the April 2009 services including the provision dividends. any agreed Serbian financial royalties. of services by technical or other or government institution personnel, providing such fees 15% in all other cases appointed to collect such are not deemed to be taxable as where the recipient is payment on behalf of the income in India. the beneficial owner of government. the dividends. 10%, if the recipient is the beneficial owner of technical 10%, if the recipient is the fees in respect of technical or beneficial owner of interest consultancy services, which paid on a loan granted by a are ancillary and subsidiary to bona fide banking business 10%, if the recipient is the application or enjoyment 10% if the recipient is or similar financial institution, the beneficial owner of of any such property or right the beneficial owner of including an insurance the royalties, excluding to use, any copyright, patent, the dividends and holds company. payments made for the design or model, plan, secret 25% of the shares of lease of ships or aircraft formula or process, trade mark the company paying the 15% in all other cases where Effectivesince1 used in the transportation or other like property or right;Singapore dividend. the recipient is the beneficial April 1994 of sea or air passengers, or industrial, commercial or owner of the interest. mail, livestock, or goods; scientific equipment; or any 15% in all other cases or the maintenance or such scientific, technical, where the recipient is 0%, if the payment is made to rental or containers used industrial or commercial the beneficial owner of the Singaporean government; in connection with such knowledge; but excludes any the dividends. or any agreed Singaporean transportation. service that does not enable the financial or government person acquiring the service to institution appointed to collect apply the technology contained such payment on behalf of the therein. government. The domestic rate applies in allothercases. 5% if the recipient is 10%, if the recipient is the beneficial owner of the beneficial owner of the 10%, if the recipient is the the dividends and holds interest. beneficial owner of technical 10% of the capital of fees received in respect of the the company paying the 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is Effectivesince1 rendering of any managerial,Slovenia dividends. the Slovenian government; or the beneficial owner of the April 2006 technical or consultancy any agreed Slovenian financial royalties. services including the provision 15% in all other cases or government institution of services by technical or other where the recipient is appointed to collect such personnel. the beneficial owner of payment on behalf of the the dividends. government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the 10%, if the recipient is the interest. beneficial owner of technical fees received in respect of the 10%, if the recipient is 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is Effectivesince1 rendering of any managerial,South Africa the beneficial owner of the South African government; the beneficial owner of the April 1999 technical or consultancy the dividends. or any agreed South African royalties. services including the provision financial or government of services by technical or other institution appointed to collect personnel. such payment on behalf of the government. 144 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 144. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 15%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is 0%, where such interest is the beneficial owner of paid as per a loan or similar royalties paid for the use debt claim granted exemption The domestic rate on technical 15%, if the recipient is of, or the right to use, Effectivesince1 by the Indian government. fees applies, as the rate inSpain the beneficial owner of industrial, commercial or April 1996 0%, if the payment is made to the treaty exceeds that levied the dividends. scientific equipment. the Spanish government; or domestically. any agreed Spanish financial Otherwise the domestic or government institution rate applies. appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to The domestic rate applies as 10%, if the recipient is Effectivesince1 the Sri Lankan government; an alternative rate for technicalSri Lanka 15% the beneficial owner of the April 1981 or any agreed Sri Lankan fees are not prescribed in the royalties. financial or government tax treaty. institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 the Sudanese government; orSudan the beneficial owner of the beneficial owner of the the beneficial owner of the April 2005 any agreed Sudanese financial the dividends. royalties. technical fees. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the recipient is the beneficial owner of the interest, and is derived in connection with a loan or credit extended or endorsed 10%, if the recipient is the by the Reserve Bank of beneficial owner of technical India, the Industrial Finance fees received in respect of the 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 Corporation of India, the rendering of any managerial,Sweden the beneficial owner of the beneficial owner of the April 1998 Industrial Development Bank technical or consultancy the dividends. royalties. of India, the Export-Import services including the provision Bank of India, the National of services by technical or other Housing Bank, the Small personnel. Industrial Development Bank of India or the Industrial Credit and Investment Corporation of India, or any other another banking or government agency agreed between the two countries. 145 Interprofessionalnetwork
  • 145. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 0%, if the interest is paid on a 10%, if the recipient is the loan or other indebtedness in beneficial owner of technical respect of an ‘approved loan’, fees received in respect of the one that has been approved rendering of any managerial, 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 as such by the Indian technical or consultancySwitzerland the beneficial owner of the beneficial owner of the April 1996 government. services including the provision the dividends. royalties. of services by technical or other 0%, if the payment is made personnel, providing such fees to the Swiss government; or are not paid in respect of the any agreed Swiss financial provision of education. or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government. 5%, if the recipient is the beneficial owner of the dividends, providing 10%, if the recipient is the dividend is paid to the beneficial owner of the a company other than interest. a partnership, which The domestic rate applies as owns at least 10% 0%, if the payment is made 10%, if the recipient is Effectivesince1 an alternative rate for technicalSyria of the shares of the to the Syria government; or the beneficial owner of the April 2009 fees are not prescribed in the company paying the any agreed Syria financial royalties. tax treaty. dividend or government institution appointed to collect such 10% in all other cases payment on behalf of the where the recipient is government. the beneficial owner of the dividends. 10%, if the recipient is In force since the beneficial owner of the 12 August interest.0%, if the payment 2011; effective 12.5% if the recipient is is made to the Taiwanese 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is in Taiwan fromTaiwan the beneficial owner of government; or any agreed the beneficial owner of the the beneficial owner of the 1 January the dividends. financial or government royalties. technical fees. 2012, and in institution appointed to collect India from 1 such payment on behalf of the April 2012 government. 5% if the recipient is the beneficial owner of 5% if the recipient is the dividends, providing the beneficial owner of the payment is made to the dividends, providing a company, other than the payment is made to a partnership, which a company, other than a The domestic rate applies as holds at least 25% of 10%, if the recipient is Effectivesince1 partnership, which holds at an alternative rate for technicalTajikistan the share capital of the the beneficial owner of the April 2010 least 25% of the share capital fees are not prescribed in the company paying the royalties. of the company paying the tax treaty. dividend. dividend. 10% in all other cases where 10% in all other cases the recipient is the beneficial where the recipient is owner of the dividends. the beneficial owner of the dividends. 146 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 146. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 10%, if the recipient is a company which holds 12.5% at least 10% of the shares of the company 0%, if the payment is made to The domestic rate applies The domestic rate applies as Effectivesin- paying the dividend for the Tanzanian government; or as the rate provided in the an alternative rate for technicalTanzania ce1January a period of six months any agreed Tanzanian financial treaty exceeds the tax rate fees are not prescribed in the 1982 immediately preceding or government institution levied domestically. tax treaty. the date of payment of appointed to collect such the dividends. payment on behalf of the government. 15%, in allothercases. 0%, if the payment is made 15%, where the Indian to the Thai government; or company is engaged any agreed Thai financial in an eligible industrial or government institution undertaking and the appointed to collect such beneficial owner is a payment on behalf of the The domestic rate applies The domestic rate applies as Effectivesince1 company owning at government. as the rate provided in the an alternative rate for technicalThailand April 1987` least 10% of the voting treaty exceeds the tax rate fees are not prescribed in the shares of the paying 10%, if the interest is received levied domestically. tax treaty. company. by a financial institution, including an insurance Otherwise, the domestic company. rate applies. 25% in allothercases. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is the beneficial owner of technical 0%, if the payment is made fees received in respect of the 10%, if the recipient is 10%, if the recipient isTrinidad and Effectivesince1 to the Trinidad and Tobago rendering of any managerial, the beneficial owner of the beneficial owner of theTobago April 2000 government; or any agreed technical or consultancy the dividends. royalties. Trinidad and Tobago financial services including the provision or government institution of services by technical or other appointed to collect such personnel. payment on behalf of the government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of interest payable on a loan granted by a bank or a financial institution. 15% in all other cases where the recipient is the beneficial The domestic rate applies The domestic rate on technical 15%, if the recipient is Effectivesince1 owner. as the rate provided in the fees applies, as the rate inTurkey the beneficial owner of April 1994 treaty exceeds the tax rate the treaty exceeds that levied the dividends. 0%, if the payment is made levied domestically. domestically. to the Turkish government; or any agreed Turkish financial or government institution appointed to collect such payment on behalf of the government 147 Interprofessionalnetwork
  • 147. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the the beneficial owner of the beneficial owner of technical interest. fees received in respect of the rendering of any managerial, 10%, if the recipient is 0%, if the payment is made to 10% if the recipient is the Effectivesince1 technical or consultancyTurkmenistan the beneficial owner of the Turkmenistan government; beneficial owner of the April 1998 services including the provision the dividends. or any agreed Turkmenistan royalties. of services by technical or other financial or government personnel, providing such fees institution appointed to collect are not deemed to be taxable as such payment on behalf of the income in India. government. 0%, if the payment is made to the United Arab Emirates’ government; or any agreed United Arab Emirates financial or government institution appointed to collect such 10%, if the recipient payment on behalf of the is the beneficial owner government. of royalties, other than The domestic rate applies as 10%, if the recipient is Effectivesince1 those paid in respect of an alternative rate for technicalUAE the beneficial owner of April 1994 5%, if the recipient is the the operation of mines or fees are not prescribed in the the dividends. beneficial owner of interest quarries or exploitation of tax treaty. paid on a loan granted by a petroleum or other natural bona fide banking business or resources. similar institution. 12.5% in all other cases where the recipient is the beneficial owner of the interest. 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is the the beneficial owner of the beneficial owner of technical interest. fees received in respect of the rendering of any managerial, 0%, if the payment is made to 10%, if the recipient is Effectivesince1 Effectivesince1 April technical or consultancyUganda the Ugandan government; or the beneficial owner of the April 2005 2005 services including the provision any agreed Ugandan financial royalties. of services by technical or other or government institution personnel, providing such fees appointed to collect such are not deemed to be taxable as payment on behalf of the income in India. government. 10%, if the recipient is the beneficial owner of the 10%, if the recipient is interest. the beneficial owner of the dividends and is a 0%, if the payment is made to company other than a the Ukrainian government; or partnership with holds any agreed Ukrainian financial 25% of the share capital 10%, if the recipient is 10%, if the recipient is Effectivesince1 or government institutionUkraine of the company paying the beneficial owner of the the beneficial owner of the April 2002 appointed to collect such the dividend. royalties. technical fees. payment on behalf of the government. 15% in all other cases where the recipient is 0%, where such interest is the beneficial owner of paid as per a loan or similar the dividends. debt claim granted exemption by the Indian government. 148 Ministero dello Sviluppo Economico
  • 148. Dossier India L’impresa verso i mercati internazionaLi 10%, if the recipient is the beneficial owner of interest paid on a loan granted by a bona fide banking business or similar financial institution, provided that the UK recipient is not exempt from tax on such income in the United Kingdom, providing that the beneficial owner of the interest does not sell or make a contract to sell the holding 10%, if the recipient is the from which the interest derives beneficial owner of technical for a period of three months fees in respect of technical or of the date the owner acquired consultancy services, which such holding. are ancillary and subsidiary to 10%, if the recipient is the application or enjoyment 15% in all other cases where the beneficial owner of of any such property or right the recipient is the beneficial royalties paid in respect to use, any copyright