Your SlideShare is downloading. ×
0
ENTEROBACTERIACEAE
EnterobacteriaceaeUbiquitari, diffusi nell’ambiente e risiedono abitualmentenell’intestino della maggior parte degli anima...
EnterobacteriaceaeFlagello (antigene H)                        Lipopolisaccaride (LPS) o endotossina                      ...
Struttura Antigenica delle         EnterobacteriaceaeAntigeni di superficie determinano l’interazione con antisieri specif...
EnterobacteriaceaeAntigeni Somatici         O - catena polisaccaridica dell’LPS,resistenti al calore e alcool. Promuovono ...
Famiglia Enterobacteriaceae      31 generi più di 100 specie    Generi importanti per Patologie umaneEscherichia          ...
Classificazione   Stesso aspetto microscopico e macroscopicoPer      l’isolamento       ed      una     preliminare  carat...
Terreni cromogeniSostanze nutritive essenzialiCromogeni (cromoforo+zucchero)  C       Z
QuickTimeª e un                                                  Chromogenic E.coli O 157 agar:                           ...
Enterobacteriaceae• Diversità di specie• Ecologia    – Dovunque nel suolo, acqua,      vegetazione, flora microbica      u...
FATTORI DI VIRULENZA• ADESINE• INVASINE• TOSSINE• CAPSULA• VARIAZIONE DI FASE ANTIGENICA• SST3• SEQUESTRO DI FATTORI DI CR...
ADESINE                Macromolecole esterne alla parete                    PILI o FIMBRIE di tipo 1-4 I Pili determinano ...
Sistemi di secrezione di tipo III           Apparati macromolecolari costituiti da circa 20 proteineIn risposta a segnali ...
Sequestro di fattori di crescita                             SIDEROFORIIl Ferro è un importante fattore di crescita, ma è ...
CLASSIFICAZIONE DEI CEPPI   PATOGENI DI E. coli   • ETEC: ENTEROTOSSIGENI   • EAggEC: ENTEROAGGREGANTI   • EPEC: ENTEROPAT...
SINDROMI CLINICHE► SETTICEMIA► INFEZIONI DEL TRATTO URINARIO► MENINGITI NEONATALI► GASTROENTERITI► ALTRE AFFEZIONI
Genere Salmonella                        QuickTimeª e un                         decompressore     sono necessari per visu...
Il Genere Salmonella è stato suddiviso in 2 sole specieS. enterica è suddivisa in 6 sottospecie o gruppi (che si differenz...
Genere SalmonellaAntigeni somatici (Studi di cross-assorbimento hanno individuato circa                       67 diversi a...
Variazione di fase flagellareCellule esprimenti fliC sono di fase 1,Cellule esprimenti fljB sono di fase 2.Il gene fljB è ...
RIarrangiamenti del DNA:Variazione di fase in Salmonella
RIarrangiamenti del DNA:    Variazione di fase in SalmonellaL’orientamento flip-flop é controllato dal prodotto di Hin,   ...
Teoricamente qualunque sierotipo di Salmonella può causarele 4 manifestazioni cliniche principali delle salmonellosi:gastr...
QuickTimeª e un                                                      decompressore                                  sono n...
Isole di patogenicità di Salmonella (SPI)   Tra queste, SPI-1 e SPI-2 codificano per: T3SS-1 e T3SS-2.Questi sistemi rilas...
QuickTimeª e un                    decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.                            ...
SPI-1 espresso durante la tarda fase logaritmica in condizioni di alta osmolaritàe bassa tensione di ossigeno, tipiche del...
Salmonella:Invasion
Salmonella:Adhesion and "Membrane  Ruffling"
Salmonella:Adhesion and "Membrane  Ruffling"
Salmonella: Invasion
QuickTimeª e un                    decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
Salmonella               Terapia Antimicrobica   Febbri     enteriche–   β-lattamici   ma   soprattuttoCloramfenicolo. An...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

6. enterobacteriaceae

2,062

Published on

Slides Microbiologia

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,062
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
32
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Anche nelle cellule in fase 2 il gene fliC viene trascritto, ma il messaggero risultante viene degradato velocemente a causa della presenza di FljA. Questo fattore è una ribonucleoproteina che si lega al 5 ’ -UTR (intorno alla sequenza Shine-Dalgarno ) dell 知 R NA di fliC impedendone il legame ai ribosomi e causandone quindi la rapida degradazione.
  • IL gene hin è contenuto nella sequenza invertibile di 995bp.
  • Ricordate: Infezioni , quando il microrganismo direttamente provoca la malattia. (es. Tubercolosi, salmonellosi, brucellosi ecc.); Intossicazioni , dovute a tossine preformate (ad esempio intossicazioni da stafilococco aureo, clostridio botulino ecc.); Tossinfezioni , propriamente dette, dovute alla presenza di microrganismi vivi , non uccisi da cotture o da trattamenti di conservazione che, moltiplicandosi nel corpo umano, producono tossine .
  • Gastroenterite in questi casi la terapia antimicrobica non riduce la durata e la gravità dei sintomi e può di fatto prolungare la convalescenza e la permanenza intestinale del microrganismo. Tuttavia alcuni medici trattano con antibiotici I lattanti e le persone anziane con gastroenteriti acute per prevenire le complicazioni.
  • Transcript of "6. enterobacteriaceae"

    1. 1. ENTEROBACTERIACEAE
    2. 2. EnterobacteriaceaeUbiquitari, diffusi nell’ambiente e risiedono abitualmentenell’intestino della maggior parte degli animali.Agenti eziologici di ~50% di tutte le setticemie, 70%infez. urinarie emolte infez.intestinali. •Corti Bacilli Gram- (1-5 µm) •Asporigeni •Mobili (flagelli peritrichi) (tranne Shigella e Klebsiella) –Fisiologia •Aerobi-anaerobi facoltativi •Richieste nutrizionali minime –Fermentano glucosio –Riducono nitrati a nitriti –Catalasi positive –Ossidasi negative (assenza di citocromo C)
    3. 3. EnterobacteriaceaeFlagello (antigene H) Lipopolisaccaride (LPS) o endotossina Polisaccaride O “Core” polisaccaridico Lipide A Membrana esterna Spazio periplasmatico Lipoproteina Peptidoglicano Membrana interna Citoplasma Pilo
    4. 4. Struttura Antigenica delle EnterobacteriaceaeAntigeni di superficie determinano l’interazione con antisieri specifici
    5. 5. EnterobacteriaceaeAntigeni Somatici O - catena polisaccaridica dell’LPS,resistenti al calore e alcool. Promuovono adesione in alcuni ceppidi E.coli (O:157) responsabili di diarrea e inf. Vie urinarie.La variazione da colonie lisce a ruvide è accompagnata dallaprogressiva perdita dell’antigene O liscio.Antigeni Flagellari H (HAUCH alito) – denaturati dal calore ealcool Proteus su piastre umide: sciamaggio simileall’appannamento causato dall’alito su di un vetro.Antigeni della capsula K (dal tedesco Kapsel) – ricoprono lasuperficie dell’antigene O e possono bloccare l’agglutinazione daparte di antisieri specifici per O.Antigeni della capsula Vi S.typhi
    6. 6. Famiglia Enterobacteriaceae 31 generi più di 100 specie Generi importanti per Patologie umaneEscherichia Edwardsiella Shigella Providencia Proteus HafniaSalmonella CitrobacterKlebsiella Enterobacter Yersinia Serratia Flow chart identificativa LATTOSIO
    7. 7. Classificazione Stesso aspetto microscopico e macroscopicoPer l’isolamento ed una preliminare caratterizzazione dei batteri enterici dai campioni clinici vengono utilizzati terreni selettivi e differenziali. In genere questi terreni contengono inibitori della crescita dei microrganismi Gram+
    8. 8. Terreni cromogeniSostanze nutritive essenzialiCromogeni (cromoforo+zucchero) C Z
    9. 9. QuickTimeª e un Chromogenic E.coli O 157 agar: E.coli non O 157 (colonie porpora) decompressore TIFF (LZW)sono necessari per visualizzare questimmagine. Non E.coli (colonie blu) E.coli O 157 (colonie bianche) 18-24 ore/37°C Non fermenta il sorbitolo→ colonie bianche Test di agglutinazione al lattice
    10. 10. Enterobacteriaceae• Diversità di specie• Ecologia – Dovunque nel suolo, acqua, vegetazione, flora microbica umana e di animali – Alcune specie sono associate con malattie • Es.: Shigella, Salmonella, Yersinia pestis – Alcune appartengono alla flora normale e possono diventare patogeni opportunisti • Es.:, E. coli, K. pneumoniae, P. mirabilis
    11. 11. FATTORI DI VIRULENZA• ADESINE• INVASINE• TOSSINE• CAPSULA• VARIAZIONE DI FASE ANTIGENICA• SST3• SEQUESTRO DI FATTORI DI CRECITA• RESISTENZA ALL’UCCISIONE MEDIATA DAL SIERO• RESISTENZA ANTIMICROBICA
    12. 12. ADESINE Macromolecole esterne alla parete PILI o FIMBRIE di tipo 1-4 I Pili determinano la specificità d’ospite e d’organo in base alla distribuzione dei loro recettori. Tipo 1: espressi in fase stazionaria, resistenza alla peristalsi e flusso intestinale e quindi colonizza.Tipo 2: permettono al batterio di causare malattia al di fuori della sua nicchia. E.coli urapoatogeni usano i pili P per legarsi aiP-glicolipidi delle cellule uretrali e renali e resistere alla peristalsi uretrale e al flusso dell’urina.
    13. 13. Sistemi di secrezione di tipo III Apparati macromolecolari costituiti da circa 20 proteineIn risposta a segnali ambientali (O2, Ca++,contatto cellula ospite…) secernono all’interno della cellula ospite proteine specifiche con diverse funzioni.
    14. 14. Sequestro di fattori di crescita SIDEROFORIIl Ferro è un importante fattore di crescita, ma è legato al gruppo eme (emoglobina, mioglobina) o alle proteine chelanti il ferro ENTEROBACTINA AEROBACTINA I complessi siderofori-ferro sono trasportati all’interno del batterio attraverso specifiche proteine della membrana esterna.
    15. 15. CLASSIFICAZIONE DEI CEPPI PATOGENI DI E. coli • ETEC: ENTEROTOSSIGENI • EAggEC: ENTEROAGGREGANTI • EPEC: ENTEROPATOGENI • EHEC: ENTEROEMORRAGICI • EIEC: ENTEROINVASIVI • DAEC: DIFFUSAMENTE ADERENTI
    16. 16. SINDROMI CLINICHE► SETTICEMIA► INFEZIONI DEL TRATTO URINARIO► MENINGITI NEONATALI► GASTROENTERITI► ALTRE AFFEZIONI
    17. 17. Genere Salmonella QuickTimeª e un decompressore sono necessari per visualizzare questimmagine.
    18. 18. Il Genere Salmonella è stato suddiviso in 2 sole specieS. enterica è suddivisa in 6 sottospecie o gruppi (che si differenziano biochimicamente) e più di 2 500 sierotipi gruppi QuickTimeª e un decompressore sono necessari per visualizzare questimmagine.
    19. 19. Genere SalmonellaAntigeni somatici (Studi di cross-assorbimento hanno individuato circa 67 diversi antigeni O);Antigene capsulare (o di superficie);Su circa 2 500 sierotipi di Salmonella, l’antigene K è presente solo in tresierotipi: Typhi, Paratyphi C, e Dublino.Alcuni ceppi di questi sierotipi possono anche non avere lantigene Vi.Antigene Flagellare (H), si conoscono circa 35 antigeni flagellariSalmonella è unico tra i batteri enterici in quanto, la maggior parte dei suoisierotipi può esprimere alternativamente due flagelli con diversa specificitàantigenica (Fase 1 o Fase 2).Poche salmonelle (a esempio, Enteritidis, Typhi) producono un unico tipo diflagellina (Antigene H monofasico);Pochissime specie hanno 3 fasi sierologiche H (Trifasiche),in rari casi le salmonelle possono perdere la struttura antigenica H,diventando immobili.
    20. 20. Variazione di fase flagellareCellule esprimenti fliC sono di fase 1,Cellule esprimenti fljB sono di fase 2.Il gene fljB è parte di un operone contenente anche il gene fljA, codificanteun repressore post-trascrizionale del gene fliC. L’antigene di fase 1 (specifica) ricombinazione sito-specifica:sequenze ripetute e invertie hixL e hixR QuickTimeª e un decompressore sono necessari per visualizzare questimmagine. L’antigene di fase 2 (aspecifica) ribonucleoproteina
    21. 21. RIarrangiamenti del DNA:Variazione di fase in Salmonella
    22. 22. RIarrangiamenti del DNA: Variazione di fase in SalmonellaL’orientamento flip-flop é controllato dal prodotto di Hin, Hinun gene che esprime una ricombinasi sito specifica. specificaIl DNA invertibile è fiancheggiato da sequenze invertiteripetute di 14bp (hixL e hixR)
    23. 23. Teoricamente qualunque sierotipo di Salmonella può causarele 4 manifestazioni cliniche principali delle salmonellosi:gastroenteriti, febbre enteriche, batteriemia e lo stato diportatore sano.Alcuni sierotipi hanno maggiore probabilità di essere associatiad una particolare sindrome.Salmonella typhimurium E’ attualmente il singolo sierotipopiù frequentemente isolato fra le salmonelle che causano intutto il mondo gastroenteriti, batteriemia e lo stato di portatoresano.
    24. 24. QuickTimeª e un decompressore sono necessari per visualizzare questimmagine.Ingestione - infetta lintestino tenue (cellule non fagocitiche), entrando,attraverso le cellule M situate al di sopra delle placche del Peyer.Sebbene la maggior parte delle infezioni da Salmonella rimangonolocalizzate a livello intestinale, nel caso del tifo la Salmonella riesce atraslocare attraverso lo strato epiteliale intestinale e a raggiungere il vanosotto-epiteliale: disseminazione al fegato e alla milza attraverso il flussosanguigno e il sistema linfatico. Essendo anche un patogeno intracellulare facoltativo è in grado di sopravvivere e replicare anche nel fagosoma,
    25. 25. Isole di patogenicità di Salmonella (SPI) Tra queste, SPI-1 e SPI-2 codificano per: T3SS-1 e T3SS-2.Questi sistemi rilasciano nella cellula ospite oltre 30 proteinespecializzate (proteine effettrici), che agiscono coordinatamenteper modificare il citoscheletro, le vie di trasduzione del segnale, iltraffico di membrana della cellula ospite e le risposte pro-infiammatorie dell’spite.Ciò consente a Salmonella di invadere le cellule epiteliali nonfagocitiche, stabilire e mantenere una nicchia intracellularereplicativa, o vacuolo contenente Salmonella (SCV) e, in alcunicasi, diffondere e causare malattie sistemiche.
    26. 26. QuickTimeª e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine. QuickTimeª e un decompressore sono necessari per visualizzare questimmagine.
    27. 27. SPI-1 espresso durante la tarda fase logaritmica in condizioni di alta osmolaritàe bassa tensione di ossigeno, tipiche dell’ambiente intestinale: lingresso diSalmonella in cellule non fagocitiche, innescando linvasione e la penetrazionedellepitelio gastrointestinale (sintomi diarroici).SPI-2 richiesto per le fasi successive del contagio, sopravvivenza ereplicazione nei fagociti, diffusione sistemica e colonizzazione degli organidell’ospite. QuickTimeª e un decompressore sono necessari per visualizzare questimmagine.
    28. 28. Salmonella:Invasion
    29. 29. Salmonella:Adhesion and "Membrane Ruffling"
    30. 30. Salmonella:Adhesion and "Membrane Ruffling"
    31. 31. Salmonella: Invasion
    32. 32. QuickTimeª e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
    33. 33. Salmonella Terapia Antimicrobica Febbri enteriche– β-lattamici ma soprattuttoCloramfenicolo. Anche se ceppi resistenti sonoCloramfenicolocomparsi. Gastroenterite – normalmente non richiede terapiaantibatterica. Ma somministrazione di acqua edelettroliti.
    1. A particular slide catching your eye?

      Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

    ×