2.batteri stu dbio

1,161 views
868 views

Published on

Slides Microbiologia

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,161
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
36
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

2.batteri stu dbio

  1. 1. I batteriForma rotondeggiante Streptococci Cocci DiplococciStafilococci
  2. 2. I batteri Forma allungata Streptobacilli Bacilli DiplobacilliCorineformi
  3. 3. I batteri Forma curva o a spirale Spirilli VibrioniSpirochete
  4. 4. Quanto è grande un batterio ?Tipicamente ~ 0.1 - 5 µm (con alcune eccezioni) cocci 1 micron bacilli 1 x 5 micron
  5. 5. Altri componenti dei batteriCAPSULE PILI •scarsa antigenicità  pilina •fattori di virulenza  adesivitàPARETE CELLULARE Pili F Fattori sessualiFLAGELLI Coniugazione •flagellina - ATP •chemiotassi
  6. 6. La cellula battericaAlcuni procarioti sintetizzano strati esterni alla parete cellulare:CAPSULE, GUAINE, STRATI S (proteici), INVOLUCRI MUCOSI…la rimozione di questi strati esterni non comporta la perdita della vitalità
  7. 7. CAPSULACOMPOSIZIONE: polisaccaridi; anche glicoproteine.IDENTIFICAZIONE: MACROSCOPICA MICROSCOPICA
  8. 8. CAPSULAFunzione– Antidissecante (resistenza alla disidratazione)– Riserva nutrizionale– Ancoraggio (adesione) Streptococcus mutans– Virulenza antifagocitica (Bacillus anthracis) bassa immunogenicità (S. pneumoniae)
  9. 9. La capsulaE’ specie specifica Polisaccaridi o polipeptidi Fortemente o debolmente legata al cell wall Si colora con tecniche negative
  10. 10. Capsule batterichePoco antigenica, ed è fattore di virulenza
  11. 11. Colorazione negativa con inchiostro di china capsula di una specie di Bacillus
  12. 12. Le capsule sono spesso difficili da visualizzareLa capsula di Streptococcus pneumoniae non è osservabile con il comunemicroscopio a contrasto di fase ne con le classiche procedure dicolorazione perchè il polisaccaride che la forma è estremamente denso. Reazione di Quellung. Non è così spessa, è l’antisiero che si è complessato alla capsula rendendola più consistente
  13. 13. La cellula batterica
  14. 14. Lunghe appendici flessibili di natura proteica simili a “code”
  15. 15. I flagelliFunzione Movimento La maggior parte dei batteri mobili si muovono grazie ai flagelli
  16. 16. Numero e Posizione dei flagelli sono elementi importanti per la classificazione dei batteri. Alcuni batteri si muovono grazie a flagellazione mista: Per es alcune specie di Vibrio in acqua flagelli polari, flagelli laterali su agar.
  17. 17. I flagelliStruttura Costituito principalmente dalla Filamento Proteina Flagellina Motore Che permette un movimento rotazionale eccentrico (Spinning)
  18. 18. Struttura del flagello batterico Lungo filamento Gancio Corpo basaleMem. esterna Piastre e anelliMem. interna Citoplasma Motore Energia metabolica in energia meccanica.
  19. 19. Movimento sotto il controllo Della rotazione del flagello RUN e TUMBLE Antiorario = RunIn senso antiorario Direzione dritta Orario = TumbleIn senso orario Movimento casuale
  20. 20. Chemiotassi Risposta a sostanze chimiche attraenti o repellenti Run TumbleNutrimenti Nutrimenti Scarsi Abbondanti
  21. 21. PiliAppendici particolari che si proiettano al di fuori della superficiie cellulare con funzione di Adesione Coniugazione
  22. 22. All’ interno della capsula il Cell Wall
  23. 23. CELL WALL• Tutti i procarioti tranne i micoplasmi • Protegge da shock osmotici e dona rigidità alla cellula
  24. 24. QuickTimeª e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
  25. 25. Costituente principale polimeroMUREINA (PEPTIDOGLICANO) successione lineare di 2 amino zuccheri: Acido N-Acetyl Muramico (NAMA) N-Acetyl Glucosamina (NAGA) NAMA NAGA si ripetono Alternativamente QuickTimeª e un uniti da un legame decompressore sono necessari per visualizzare questimmagine. β1-4glucosidico LISOZIMA
  26. 26. aa alternati negli stereoisomeri D ed L
  27. 27. GRAM-Le catene polimeriche di QuickTimeª e unNAMA e NAGA affiancate decompressore sono necessari per visualizzare questimmagine.sono collegate e irrigidite da corte catenepeptidiche che formano i legami crociati. Peptide con legame crociato diretto tra due catene
  28. 28. GRAM+ QuickTimeª e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
  29. 29. crossbridge in Gram Positivi
  30. 30. Gram-positiviSpesso peptidoglicano (anche 40 strati, 40-80% del peso secco)
  31. 31. Gram-negativi2-3 strati di peptidoglicano (5% del peso secco)
  32. 32. Ac. Teicoici: polimeri formati da catene di ribitolo o glicerolo unite da legami fosfodiestericiFUNZIONE STRUTTURALE: contribuiscono alla forza ed elasticità della pareteFORTEMENTE IMMUNOGENICIFACILITANO L’ASSUNZIONE DI CATIONI: La presenza di tanti gruppifosfato ripetuti rende le molecole fortemente acide e cariche negativamente;legano cationi (K+; Ca++; Mg++) e facilitano la loro assunzione Ac. Teicoici (di parete) sono legati covalentemente al gruppo 6-ossidrile dell’ac. muramico 10-15%del peso secco di parete Ac. Lipoteicoico (di membrana) legato ai glicolipidi della membrana concentrato nei mesosomi.
  33. 33. Brock Text Version
  34. 34. LPS: maggior parte del foglietto esterno della membrana esterna CATENA LATERALE O Polimero di unità oligosaccaridiche di ripetizione (in media 40); Rappresenta la parte più variabile alla base della classificazione sierologica dei Gram- QuickTimeª e un decompressore COREsono necessari per visualizzare questimmagine. Oligosaccaride costante nellambito di un genere; Inner core Outer core porzione relativamente più variabile anche se vi sono presenti zuccheri a 6 atomi di C comuni. LIPIDE A Glicofosfolipide; Consiste in un dimero di NAG-fosforilata legato ad acidi grassi a catena lunga; Rappresenta la porzione idrofobica; Rappresenta il principio tossico dellintera molecola; Altamente conservato in tutti batteri Gram-
  35. 35. FUNZIONI DELL LPS•barriera di permeabilità selettiva :si oppone al passaggio dimolecole idrofobiche (dovuto alla catena laterale O,idrofilica) e di molecole idrofiliche (dovuto al doppio stratofosfolipidico) al di sopra di certe dimensioni.•coinvolto nelladesione (colonizzazione) e nella resistenzaalla fagocitosi;•determinante antigenici;•ENDOTOSSINA BATTERICA
  36. 36. QuickTimeª e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
  37. 37. QuickTimeª e un decompressoresono necessari per visualizzare questimmagine.
  38. 38. QuickTimeª e un decompressore sono necessari per visualizzare questimmagine. Permettono il passaggio di SOSTANZE IDROFILICHERESISTENZA AI FARMACI (a volte non vengono proprio sintetizzate)

×