Federico Gavazzi - Digital Media Planning

  • 359 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
359
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
29
Comments
0
Likes
2

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Digital Media Planning:pianificare gli investimenti online @fedegavazzi
  • 2. Digital Media Planning: cosè
  • 3. Digital Media Planning Obiettivi RisorseStrumenti Tempistiche
  • 4. Definizione degli obiettivi Obiettivi * Di visibilità del brand; * Di traffico: accessi unici al sito, page views, tempo speso; * Di vendita: incremento rendite e- store;Definire un obiettivo implica la definizione dei KPI inbase a cui valuteremo i risultati della nostra attività!
  • 5. Valutazione delle Risorse Costi * Produzione creativa; * Tecnologia (sviluppo, hosting, tracking...); * Acquisto spazi media. Sfruttare le risorse gratuite reperibili in rete!
  • 6. Scelta degli Strumenti Strumenti * Individuare la strategia più efficace per raggiungere il proprio pubblico in maniera rilevante; * Da one-to-many a one-to-one: esigenza di messaggi personalizzati. Non esiste il modo perfetto di comunicare!
  • 7. Definizione delle TempisticheTempistiche * Distinguere tra strategia e tattica; * La rete opera in tempo reale, ma i risultati sono visibili sul medio-lungo periodo. Tutto e subito..non esiste!
  • 8. Evoluzione dello scenario
  • 9. Un nuovo Customer Journey Necessità di sviluppare un approccio multi device
  • 10. Lepopea del Mobile La fruizione avviene sempre più in mobilità
  • 11. Aumentano i touch point... ...ma anche le possibili vie di fuga!
  • 12. Nuove modalità di fruizione
  • 13. Dalla Conversione allaConversazioneE’ necessario dunque instaurare una conversazione multi-device per accompagnare il consumatore durante tutte lefasi del ciclo di acquisto.
  • 14. Approccio multi-device: ilDesignPrevedere i comportamenti dinavigazione degli utenti epredisporre touch-pointadeguati
  • 15. Approccio multi-device: Adv* Il messaggio e le modalità dierogazione devono variare aseconda del device. * Segmentazione dellaudience: 1. Propensione allacquisto; 2. Comportamento di visita; 3. Livello di coinvolgimento.
  • 16. Approccio multi-device: Adv
  • 17. Punti chiave1. Precisione;2. Rilevanza;3. Timing;4. Misurabilità.
  • 18. Concludendo
  • 19. In sintesi... 1. Lo scenario odierno presenta una sempre maggiore complessità: la rete offre però gli strumenti per governarla; 2. Necessità di un approccio multi device; 3. Segmentazione del pubblico in cluster quanto più precisi; 4. Misurabilità dei risultati