• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Case history - Goglio | Business Continuity e High Availability
 

Case history - Goglio | Business Continuity e High Availability

on

  • 787 views

Come garantire la costante operatività dei processi aziendali in caso di fault o disastro? Lo raccontiamo nella nuova case history Goglio su business continuity e high availability.

Come garantire la costante operatività dei processi aziendali in caso di fault o disastro? Lo raccontiamo nella nuova case history Goglio su business continuity e high availability.

Statistics

Views

Total Views
787
Views on SlideShare
529
Embed Views
258

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

5 Embeds 258

http://www.xenesys.it 247
http://feeds.feedburner.com 7
http://podidoo.com 2
http://pinterest.com 1
https://twitter.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Case history - Goglio | Business Continuity e High Availability Case history - Goglio | Business Continuity e High Availability Presentation Transcript

    • Business Continuity e High Availability Tecnologie IBM, Cisco, Microsoft
    • Fondata nel 1850 a Milano, Goglio è leader nella produzione di sistemi completi per il confezionamento: laminati flessibili alta barriera, accessori plastici come valvole e bocchelli e linee di confezionamento costituiscono un sistema integrato, supportato da tecnologia e assistenza tecnica e rappresentato dal marchio Fres-co System®.   Con un fatturato 2012 di 324 milioni di € e oltre 1600 dipendenti è presente con 10 sedi produttive e 7 sedi commerciali in Europa, America e Asia. L’azienda
    • Goglio disponeva di un’’architettura informatica centralizzata con un'unica sala macchine presso la sede principale, connessa tramite WAN alle sedi decentrate. L’infrastruttura installata nella server room era composta da due farm separate: la prima per il landscape SAP ECC6.0 e la seconda per tutte le altre applicazioni office e legacy. In seguito a una Business Impact Analysis (BIA), Goglio ha individuato quale elemento di miglioramento nell’’infrastruttura l’’aumento della disponibilità dei servizi e la riduzione del rischio dovuto a un’’unica server room. Contestualmente ha manifestato la necessità di implementare una soluzione di Business Continuity per garantire la costante operatività dei processi aziendali in caso di disservizi, fault o eventi disastrosi, o più semplicemente in caso di manutenzione HW/SW. L’esigenza
    • Xenesys, in qualità di advisor tecnologico e system integrator, ha avvalorato l’’orientamento del cliente ad adottare una soluzione di tipo in-campus (due server room dislocate in due diversi edifici all’interno del polo produttivo principale, distanti alcune centinaia di metri) confrontando una tradizionale soluzione di Business Continuity (sito Active e sito Stand-by) con una più innovativa soluzione di High Availability dove sia i servizi sia i dati fossero eseguiti in una infrastruttura server/storage completamente ridondata e in metro cluster Active/Active. L’’ambiente di elaborazione è stato mantenuto logicamente separato (Landscape SAP/Altri servizi) con sistemi di elaborazione distribuiti in stretched-cluster fra le due sale macchine; lo stesso è stato fatto per gli storage, in questo caso contenenti i dati di entrambi gli ambienti (sia Landscape SAP che Altri servizi), con una gestione e un posizionamento anche per questi in stretched-cluster. Acegas | CollaboratioAceL’implementazione
    • Xenesys ha individuato con Goglio le migliori tecnologie in grado di favorire al massimo le funzionalità di questo sistema. Per la gestione efficace del cluster fra gli storage, è stata implementata la tecnologia IBM SVC, che ottimizza l'utilizzo delle risorse storage garantendone l’accesso in High Availability. Per facilitare l'interconnessione dei server alla LAN e alla SAN, sono stati installati switch CISCO NEXUS di ultima generazione, che si è posta come base tecnologica tale da permettere evoluzioni future. Infine, con l'obiettivo offrire un maggior livello di flessibilità e di archiviazione grazie a funzionalità quali migrazione in tempo reale e volumi cluster condivisi, è stata riconfermata la soluzione Hyper-V di MICROSOFT, ideale come elemento abilitante per il cloud computing. Acegas | CollaboratioAceLe tecnologie
    • Questo assetto di cluster geografico garantisce oggi a Goglio, in caso di fermi accidentali e/o pianificati in una sala macchine, di dare continuità di servizio agli utenti sfruttando l’infrastruttura presente nella seconda che è continuamente e automaticamente up&running in produzione, questo senza necessità di eseguire attività manuali di ripartenza dei servizi che erano in esecuzione nella prima sala macchine. Il team IT Goglio, parte attiva nella realizzazione del progetto, è stato particolarmente collaborativo e competente nell’’esprimere le proprie esigenze e supportare system integrator e vendor tecnologici nell’’implementazione del nuovo sistema. Risultati e teamwork
    • §  Disponibilità continua dei sistemi (zero interruzione) §  RTO e RPO uguale a zero per i servizi critici §  Sfruttamento di entrambi gli storage per uso in produzione §  I server lavorano in produzione in entrambe le sale macchine e con performance più elevate, in quanto sfruttano entrambi gli storage in produzione §  Le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria possono essere svolte in orario di lavoro, quindi subito all’occorrenza (senza la necessità di attendere finestre di disservizio pianificate e concordate con la produzione) e senza richiedere onerose risorse in extra-time Acegas | CollaboratioAceBenefici
    • Paolo Carabelli | Responsabile infrastruttura ICT Xenesys ci ha affiancato nelle scelte aiutandoci a esaminare a fondo gli aspetti tecnici delle varie tecnologie con atteggiamento super partes per portarci verso una soluzione rispondente alle reali esigenze di progetto. “   ”