Freud e post freud

1,372 views
1,008 views

Published on

Published in: Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,372
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Freud e post freud

  1. 1. Freud e post-Freud Eugenio bedini eugeniobedini@libero.it
  2. 2. Precursori del pensiero freudiano• Charles Darwin• Friedrich W. Nietzsche (crisi della scienza e del linguaggio fisico)• Jean-Martin Charcot (ipnosi applicata all’isteria)
  3. 3. Il primo Freud:• Laurea in medicina nel 1881• Interesse per filosofia, anatomia, biogenetica• Allievo e amico di Enrst Brucke ( applicazione dei principi della fisica alla neurofisiologia)• Progetto di una psicologia scientifica, 1895• Primi studi sull’isteria (caso di Anna O.) metodo catartico Interpretazione dei sogni, 1899
  4. 4. La prima topica:• Conscio: coscienza, consapevolezza, sensazioni• Preconscio: barriera tra conscio e inconscio, rappresentazioni, memoria, esame di realtà (ciò che è «capace di diventare cosciente», Freud, 1938, 587)• Inconscio: desideri, pulsioni, pura realtà psichica dinamica lapsus, atti mancati, sogni, sintomi
  5. 5. La seconda topica:• Es: parte inconscia, oscura, inaccessibile, privo di giudizi di valore, con l’unico scopo «di ottenere soddisfacimento per i bisogni pulsionali nell’osservanza del principio di piacere» (Freud, 1932, 186)• Io: sé, coscienza, autoconservazione, soddisfacimento allucinatorio, difese, principio di realtà• Super-io: potere esterno interiorizzato (genitori), coscienza morale
  6. 6. “Vi sono nella memoria di ogni uomo certe cose che non a tutti egli confida, ma solamente agliamici. Ve ne sono anche certe altre che egli nonconfida nemmeno agli amici, ma solamente a sé stesso, e anche a sé stesso le confida in gran segreto. Ma ve ne sono, infine, delle altre ancora, che l’uomo ha paura di confidarepersino a sé medesimo; e di cose di questo tipo qui, ogni persona per bene ne accumula un bel po’.”Fedor Dostoevskij, Memorie dalsottosuolo, 1864
  7. 7. Gli stadi dello sviluppo psicosessuale:• Fase orale (nascita-1,5 anni): piacere di succhiare (tossicomanie, alcolismo, disturbi alimentari)• Fase anale (1,5-3/4 anni): espulsione e ritenzione, appropriazione dell’oggetto (aggressività, sadomasochismo, narcisismo)• Fase fallica (4-6 anni): piacere genitale e uretrale, angoscia di castrazione, complesso di Edipo (o di Elettra) (perversioni, omosessualità, feticismo, impotenza, frigidità)
  8. 8. • Fase di latenza (6 anni-pubertà): sospensione dell’influsso pulsionale, sostituzione delle figure genitoriali• Fase genitale (dalla pubertà in poi): scelta d’oggetto anaclitica, sublimazioni, ‘piacere preliminare’, sessualità matura
  9. 9. Limiti e critiche a Freud:• Metodi poco ortodossi (es: pranzi coi pazienti, terapie epistolari, …)• Sessocentrismo• Autogiustificazionismo• Erronee letture della teoria
  10. 10. Sviluppi successivi:• Post-freudiani: psicologi dell’Io (A. Freud, Hartmann, …), psicologi delle relazioni oggettuali (Klein, Bion, …), psicologi del Sè (Kohut, Stern, …), M. Mahler, D. Winnicott, J. Lacan• Olocausto e sviluppo negli USA• Sviluppo di altre teorie (es: sistemica)
  11. 11. Frasi celebri:• Una domanda a cui non sono riuscito a rispondere, nonostante 30 anni di ricerche sull’animo femminile, è: «Cosa vuole una donna??»• Scherzando, si può dire di tutto, anche la verità!• L’umorismo è il più eminente meccanismo di difesa• Inevitabilmente, tutti i grandi uomini conservano qualcosa di infantile• Non siamo mai così privi di difese come quando siamo innamorati• Fortuna dell’amore: potersi esprimere liberamente di fronte a un altro. Mistero dell’amore: poter tacere molte cose• Se uno smette di bere, fumare e fare l’amore non è che vive più a lungo; è che la vita gli sembra più lunga!
  12. 12. Grazie per l’attenzione!

×