• Like
Freud e post freud
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Freud e post freud

  • 725 views
Uploaded on

 

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
725
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
9
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Freud e post-Freud Eugenio bedini eugeniobedini@libero.it
  • 2. Precursori del pensiero freudiano• Charles Darwin• Friedrich W. Nietzsche (crisi della scienza e del linguaggio fisico)• Jean-Martin Charcot (ipnosi applicata all’isteria)
  • 3. Il primo Freud:• Laurea in medicina nel 1881• Interesse per filosofia, anatomia, biogenetica• Allievo e amico di Enrst Brucke ( applicazione dei principi della fisica alla neurofisiologia)• Progetto di una psicologia scientifica, 1895• Primi studi sull’isteria (caso di Anna O.) metodo catartico Interpretazione dei sogni, 1899
  • 4. La prima topica:• Conscio: coscienza, consapevolezza, sensazioni• Preconscio: barriera tra conscio e inconscio, rappresentazioni, memoria, esame di realtà (ciò che è «capace di diventare cosciente», Freud, 1938, 587)• Inconscio: desideri, pulsioni, pura realtà psichica dinamica lapsus, atti mancati, sogni, sintomi
  • 5. La seconda topica:• Es: parte inconscia, oscura, inaccessibile, privo di giudizi di valore, con l’unico scopo «di ottenere soddisfacimento per i bisogni pulsionali nell’osservanza del principio di piacere» (Freud, 1932, 186)• Io: sé, coscienza, autoconservazione, soddisfacimento allucinatorio, difese, principio di realtà• Super-io: potere esterno interiorizzato (genitori), coscienza morale
  • 6. “Vi sono nella memoria di ogni uomo certe cose che non a tutti egli confida, ma solamente agliamici. Ve ne sono anche certe altre che egli nonconfida nemmeno agli amici, ma solamente a sé stesso, e anche a sé stesso le confida in gran segreto. Ma ve ne sono, infine, delle altre ancora, che l’uomo ha paura di confidarepersino a sé medesimo; e di cose di questo tipo qui, ogni persona per bene ne accumula un bel po’.”Fedor Dostoevskij, Memorie dalsottosuolo, 1864
  • 7. Gli stadi dello sviluppo psicosessuale:• Fase orale (nascita-1,5 anni): piacere di succhiare (tossicomanie, alcolismo, disturbi alimentari)• Fase anale (1,5-3/4 anni): espulsione e ritenzione, appropriazione dell’oggetto (aggressività, sadomasochismo, narcisismo)• Fase fallica (4-6 anni): piacere genitale e uretrale, angoscia di castrazione, complesso di Edipo (o di Elettra) (perversioni, omosessualità, feticismo, impotenza, frigidità)
  • 8. • Fase di latenza (6 anni-pubertà): sospensione dell’influsso pulsionale, sostituzione delle figure genitoriali• Fase genitale (dalla pubertà in poi): scelta d’oggetto anaclitica, sublimazioni, ‘piacere preliminare’, sessualità matura
  • 9. Limiti e critiche a Freud:• Metodi poco ortodossi (es: pranzi coi pazienti, terapie epistolari, …)• Sessocentrismo• Autogiustificazionismo• Erronee letture della teoria
  • 10. Sviluppi successivi:• Post-freudiani: psicologi dell’Io (A. Freud, Hartmann, …), psicologi delle relazioni oggettuali (Klein, Bion, …), psicologi del Sè (Kohut, Stern, …), M. Mahler, D. Winnicott, J. Lacan• Olocausto e sviluppo negli USA• Sviluppo di altre teorie (es: sistemica)
  • 11. Frasi celebri:• Una domanda a cui non sono riuscito a rispondere, nonostante 30 anni di ricerche sull’animo femminile, è: «Cosa vuole una donna??»• Scherzando, si può dire di tutto, anche la verità!• L’umorismo è il più eminente meccanismo di difesa• Inevitabilmente, tutti i grandi uomini conservano qualcosa di infantile• Non siamo mai così privi di difese come quando siamo innamorati• Fortuna dell’amore: potersi esprimere liberamente di fronte a un altro. Mistero dell’amore: poter tacere molte cose• Se uno smette di bere, fumare e fare l’amore non è che vive più a lungo; è che la vita gli sembra più lunga!
  • 12. Grazie per l’attenzione!