Your SlideShare is downloading. ×
Nello Iacono: Smart Knowledge Working #d2dnapoli
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Nello Iacono: Smart Knowledge Working #d2dnapoli

301
views

Published on

Nei prossimi anni il lavoro è destinato a trasformarsi radicalmente. Soprattutto nelle società “avanzate” europee il lavoro dovrà diventare sempre più un lavoro ad alto contenuto di conoscenza e di …

Nei prossimi anni il lavoro è destinato a trasformarsi radicalmente. Soprattutto nelle società “avanzate” europee il lavoro dovrà diventare sempre più un lavoro ad alto contenuto di conoscenza e di tecnologia, e quindi lavoro in cui i parametri “tempi e orari” saranno sempre meno significativi, l’identificazione della “sede” sempre meno possibile, la dimensione del “dipendente” e del “subordinato” sempre meno diffusa.
Lavoratori nomadi, che si connettono dai propri computer, dagli smartphone, ma anche costantemente in viaggio per realizzare idee e contenuti, per i quali il telelavoro, il lavoro in mobilità non è un’eccezione, ma la normalità. Per questo è necessario affrontare il tema del lavoro della conoscenza dal punto di vista delle condizioni organizzative, culturali e normative utili a favorirlo, a partire dallo smart working.
Intervento avvenuto nell'ambito del primo Learning Meeting dal titolo Personal branding e Web opportunity svolto a Napoli il 13 marzo 2014.
http://www.wister.it/il-prossimo-wister-learning-meeting-personal-branding-e-web-opportunity-13-marzo-napoli/

Published in: Career

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
301
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. #d2dnapoli #wister Foto di relax design, Flickr Smart Knowledge Working Nello Iacono Vicepresidente SGI
  • 2. #d2dnapoli #wister Knowledge Worker “I lavoratori della conoscenza sono quelli che producono conoscenza a mezzo di conoscenza, accrescendone il valore sociale (offrendo un servizio), il valore economico (creando reddito e patrimonio) e il valore intrinseco e diffusivo”. F. Butera
  • 3. #d2dnapoli #wister Una nuova organizzazione del lavoro L’organizzazione del lavoro richiede più motivazione che controllo, più creatività che burocrazia, più etica che astuzia, più estetica che pratica, più equilibrio vitale che overtime, multitasking e reperibilità. Di qui la possibilità di “telelavorare”, svolgendo in casa dove il lavoratore preferisce, quel lavoro che generalmente si va a fare in ufficio quotidianamente, spostandosi senza altra ragione che una abitudinaria ritualità. D. De Masi
  • 4. #d2dnapoli #wister Smart Working e Knowledge worker • Bricks, il layout fisico degli spazi di lavoro; • Bits, la capacità di sfruttare le potenzialità delle tecnologie digitali per il ripensamento dello spazio virtuale di lavoro; • Behaviours, in termini di stili di lavoro e policy organizzative, cultura del top management e comportamenti delle persone. Le caratteristiche dello Smart Working secondo l’Osservatorio del Politecnico di Milano
  • 5. #d2dnapoli #wister  Il lavoro intellettuale richiede motivazione, ma viene gestito soprattutto con il controllo. Le donne studiano e lavorano meglio ma fanno meno carriera. Le distanze culturali tra vertice e base aziendale si accorciano ma la forbice degli stipendi si allarga. Nella vita cresce il ruolo dell’emotività ma nell’azienda si continua a privilegiare la razionalità. Si elogia la meritocrazia ma prevalgono le cordate. I manager hanno sempre più bisogno di conoscere il contesto, il mercato, i gusti dei clienti e i valori emergenti, ma vivono sempre più overtime in azienda, disinteressandosi della famiglia, del quartiere, della società, della cultura, della politica. Si richiede al lavoratore un’integrazione crescente nei confronti dell’azienda, ma lo si estrania con i tornelli, i controlli, il mobbing e la minaccia dei licenziamenti. Si invoca collaborazione ma si pretende competitività D. De Masi Paradossi e ostacoli da superare
  • 6. #d2dnapoli #wister Il nuovo paradigma organizzativo si sviluppa come effetto combinato di alcuni fattori: 1.un più alto grado di libertà (self-management, empowerment); 2.concetti di virtualità nei team e nei gruppi di lavoro; 3.gestione di interventi che si focalizzano su indicatori basati sui risultati; 4.flessibilità del luogo e dell'orario di lavoro; 5.condizioni dell'ambiente fisico di lavoro, come lavoro da casa, tecnologia di comunicazione mobile (come laptop connessi in modo remoto alla rete, smartphone, applicazioni online e portali, servizi per teleconferenze); 6.condizioni culturali, come modalità di lavoro, processi organizzativi e stili di management (verso una organizzazione basata sulla conoscenza); 7.coworking, Come (deve) cambia(re) l’organizzazione
  • 7. #d2dnapoli #wister 1. Utilizzare un più alto grado di libertà (self-management, empowerment) e lavorare per risultati; 2. Partecipare e gestire a team e gruppi di lavoro virtuali; 3. Gestire luogo e orario di lavoro; 4. Organizzare l'ambiente fisico di lavoro, con tecnologie di comunicazione mobile (come laptop connessi in modo remoto alla rete, smartphone, applicazioni online e portali, servizi per teleconferenze); 5. Coworking … ma anche ciascuno di noi…
  • 8. #d2dnapoli #wister I luoghi Smart di lavoro e la creazione di valore (tratto da http://globalblog.posco.com/poscos-way-of-working-the-innovative-smart-workplace/ )
  • 9. #d2dnapoli #wister Un quadro di interventi • Ambienti e luoghi che favoriscano lo smart working • Politiche che favoriscano il coworking e il knowledge working • Riuso di esperienze • Piattaforme di collaborazione • Piattaforme di innovazione aperte • Organizzazioni basate sulla conoscenza • Normative che tutelino il lavoro della conoscenza • Reddito minimo, servizi di base • Imprenditoria innovativa • Lavoro in mobilità by default
  • 10. #d2dnapoli #wister GRAZIE DELL’ATTENZIONE Approfondimenti sull’eBook Smart Knowledge Working – 40K Unofficial

×