Emma Pietrafesa Social media e cybermolestie: il cyberbullismo e il cyberstalking #d2dtodi

1,641 views

Published on

Dati su cyber molestie e cyber bullismo

Published in: Social Media
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,641
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
625
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Emma Pietrafesa Social media e cybermolestie: il cyberbullismo e il cyberstalking #d2dtodi

  1. 1. #d2dtodi #wister Foto di relax design, Flickr Social media e cybermolestie: (cyberbullismo e cyberstalking) Emma Pietrafesa
  2. 2. #d2dtodi #wister Social Media (User Generated Content e/o Counsumer Generated Media) = •tecnologie e pratiche online (applicazioni del web) che gli utenti adottano per condividere contenuti testuali, immagini, video e audio; •media che sono abbastanza flessibili per soddisfare le capacità sociali dei cittadini (Shirky 2008) Comprendono diverse categorie di media sociali molto diversificate tra loro: Blog (prima forma apparsa), podcasting, istant messaging, social network, wiki, tagging, Rss…(i.e.Youtube, Slidesshare,Twitter,Wikipedia, Filckr, Facebook, MySpace etc…) ma con uguali caratteristiche: • Favoriscono la creazione di legami tra gli utenti; • Sono altamente decentralizzate; • Il loro funzionamento si basa su norme sociali emergenti; • Sono estremamente flessibili; “Internet non esiste, esistono le persone, non esiste la community, esiste il raggrupparsi, le tecnologie che abbiamo adesso servono per questo: per raggrupparsi e organizzarsi” (S. Iaconesi – Internet Festival Pisa, 2012)
  3. 3. #d2dtodi #wister Fonte: www.robertoscano.info http://www.surfab.it/wp-content/uploads/2010/01/willy_coyote.jpg I Social Network sono invece reti “chiuse” ovvero piattaforme software di proprietà per accedere alle quali è necessario registrarsi e creare un proprio profilo, fornendo informazioni personali e firmando una relativa liberatoria per l’utilizzo. Funzionamento e regole sono stabilite autonomamente e in assoluta libertà dal proprietario della piattaforma
  4. 4. #d2dtodi #wister Fonte dati: http://www.lse.ac.uk/media@lse/research/EUKidsOnline/EU%20Kids%20III/Classification/Country-classification-report-EU-Kids-Online.pdf In Italia il 60% dei ragazzi usa internet tutti i giorni o quasi
  5. 5. #d2dtodi #wister Dati Istat 2011-2012 Graphic Design: Fabrizia Monticelli Illustrazioni: Angela Bornia. Fonte: Slideshare.com
  6. 6. #d2dtodi #wister Il 57% dei ragazzi italiani di età compresa tra i 9 e 16 anni ha un profilo su un sito di social network il 35% di questi profili è pubblico ovvero visibile a chiunque.
  7. 7. #d2dtodi #wister Fonte dati: http://www.lse.ac.uk/media@lse/research/EUKidsOnline/EU%20Kids%20III/Classification/Country-classification-report-EU-Kids-Online.pdf
  8. 8. #d2dtodi #wister • Le differenze di età e genere sono significative: i più piccoli non hanno competenze di base • Le diverse competenze sono correlate: maggiori safety skills migliorano anche le information skills e viceversa Fonte: http://www.lse.ac.uk/media@lse/research/EUKidsOnline/ParticipatingCountries/PDFs/IT%20SIPppt.pdf Competenze e consapevolezze
  9. 9. #d2dtodi #wister “Il Web è social e amplifica le dinamiche psicologiche e sociali umane: riassume digitalmente le strutture sociali spontanee umane, replicandone le dinamiche, le regole e le distorsioni” (D. Chieffi Social media relations, 2013)
  10. 10. #d2dtodi #wister Dove? Luoghi di vita e di lavoro (Settori più a rischio: scolastico, medico, infermieristico, ICT) E-mail 50%; Chat room 35%; Gruppo di discussione 15%; Siti web 31%; Siti di social networking 33%; Instantmessaging 31%; telefoni cellulari57% sms 17%; Blog23%; Altro17%. Fonte dati: Report on the ETUCE survey on cyber-harassment (2010) 35-40% delle molestie avvengono con strumenti ICT
  11. 11. #d2dtodi #wister cyber stalking cyber molestie Cyber bullismo Uso distorto delle ICT (Information Communication Technologies) o altri strumenti tecnologici per perseguire incessantemente individuo, o gruppi di individui, con l'intenzione di: •spaventare o imbarazzare la vittima; • rovinarne la reputazione; •furto dell’identità reale o in rete della vittima; •distruggere dati; •sfruttare e molestare sessualmente la vittima, ecc I giuristi anglofoni distinguono tra cyberbullying (tra minorenni) cyberharassment (tra adulti oppure tra adulto e minore) Il termine cyberbullying è stato coniato dall'educatore canadese Bill Belsey
  12. 12. #d2dtodi #wister 27% bullismo di cui 14% molestie e atti attraverso tutti gli strumenti ICT
  13. 13. #d2dtodi #wister in ottica di genere: al crescere dell’età anagrafica aumenta percezione del fenomeno soprattutto tra le giovani ragazze relative alle molestie di tipo sessuale o comunque ad esso legate (vedi cyberstalking)
  14. 14. #d2dtodi #wister Il cyberbullismo (Nancy Willard) •Flaming: messaggi online violenti e volgari mirati a suscitare battaglie verbali; •Denigrazione: sparlare di qualcuno per danneggiare gratuitamente la reputazione, via e-mail, messaggistica istantanea, gruppi su social network ecc; •Sostituzione di persona (impersonation): farsi passare per un'altra persona per spedire messaggi o pubblicare testi reprensibili; •Rivelazioni (exposure): pubblicare informazioni private e/o imbarazzanti su un'altra persona; •Inganno: (trickery); ottenere la fiducia di qualcuno con l'inganno per poi pubblicare o condividere con altri le informazioni confidate via mezzi elettronici. •Molestie (harassment): spedizione ripetuta di messaggi insultanti mirati a ferire qualcuno; •Esclusione: escludere deliberatamente una persona da un gruppo online per provocare un sentimento di emarginazione; •Cyber-persecuzione (cyberstalking): molestie e denigrazioni ripetute e minacciose mirate a incutere paura; Fonte: Educator's Guide to Cyberbullying
  15. 15. #d2dtodi #wister Fonte: Social Media & Cyber Bullying September 2013 Andy Cronin & Simon Small In Canada…
  16. 16. #d2dtodi #wister
  17. 17. #d2dtodi #wister Il fenomeno negli Stati Uniti : • 52% of students who reported being cyber bullied; • 33% teens who have experienced cyberthreats online; • 25% teens who have been bullied repeatedly through their cell phones or the internet; • 11% of teens who have had embarrassing or damaging pictures taken of themselves without their permission, often using cell phone cameras; • 52% teens who do not tell their parents when cyber bullying occurs; Fonte: Bureau of Justice Statistics, US Department of Health and Human Services, Cyberbullying Research Center Date Verified: 5.7.2013 Fonte: www.besteducationdegrees.com
  18. 18. #d2dtodi #wister SOURCE: U.S. Department of Justice, Bureau of Justice Statistics, School Crime Supplement (SCS) to the National Crime Victimization Survey, 2011. In 2011 9 % of students ages 12– 18 reported being cyber-bullied anywhere during the school year: 4% reported that another student had posted hurtful information on the Internet 4% reported being subject to harassing text messages; 3% reported being subject to harassing instant messages, 2%reported being subject to harassing e-mails; 1% each reported having their private information purposefully shared on the Internet, being harassed while gaming, and being excluded online.
  19. 19. #d2dtodi #wister Fonte: TRU Insight and McAffe maggio 2012
  20. 20. #d2dtodi #wister • 18% essere esposti a contenuti offensivi e potenzialmente pericolosi (incitazioni all’odio 12%; all’anoressia 10% forme di autolesionismo 7%, consumo di sostanze stupefacenti 7%, suicidio 5%); • i6% uso improprio dei dati personali (password 7%, informazioni personali 4%, truffe online 1%); • esposizione alle immagini sessuali (7%). (Fonte dati: Ricerca Eu Kids Online Network (33 Paesi) dati rilevati su campione di 25 Paesi europei) In Italia… (Fonte: ricerca Eu Kids Online )
  21. 21. #d2dtodi #wister (4%) sexting ovvero messaggi sessualmente espliciti e/o immagini principalmente tramite telefono cellulare, ma anche tramite altri mezzi informatici; (4%) incontri offline con i contatti online; (2%) cyberbullismo I dati sull'incidenza sono al momento inferiori alla media europea (6%). Va considerato però che i bambini italiani hanno meno competenze nell’uso di internet rispetto alla media dei coetanei europei. (Fonte: ricerca Eu Kids Online ) Infatti proprio il fenomeno del cyberbullismo e la ricezione di messaggi sgradevoli o offensivi turba maggiormente i nostri ragazzi: il 27% sostiene di essere 'molto turbato', il 47% 'abbastanza sconvolto' e il 12% 'un po' sconvolto 'da messaggi sgradevoli o dannosi in linea.
  22. 22. #d2dtodi #wister Percezione dei genitori europei: Solo il 29% dei genitori di bambini che hanno subito atti di bullismo online ne è consapevole mentre il 15% dichiara di non esserne informato; il 56% esclude che questo sia mai accaduto; La consapevolezza aumenta tra i genitori di ragazze e di adolescenti tra 11-14 anni; Elevati livelli di inconsapevolezza da parte dei genitori si riscontrano in Cipro, Ungheria, Italia, Grecia e Romania; I genitori più informati sono in Finlandia, Olanda,Austria. Fonte:http://www.lse.ac.uk/media@lse/research/EUKidsOnline/ParticipatingCountries/PDFs/IT%20SIPppt.pdf
  23. 23. #d2dtodi #wister Fonte:www.besteducationdegrees.com Alcune riflessioni: 1) Bullismo tradizionale e cyberbullismo sono strettamente correlati coloro che sono vittime di bullismo a scuola, sono vittime di bullismo on line e coloro che sono bulli off line lo diventano anche in rete; ( Hinduja e Patchin , 2009; Kowalski & Limber , 2013; Ybarra , Diener -Ovest , e Foglia, 2007) 2) Le ragazze adolescenti hanno una maggiore probabilità rispetto ai ragazzi di sperimentare cyberbullismo (come vittima e autore del reato)( Studi internazionali: Floros et al , 2013; Kowalski et al , 2008; Hinduja & Patchin , 2009; Schneider et al . . . 2012) le adolescenti di 13-16 anni hanno subito più esperienze di cyberbullismo (7%) (dati europei Eu KIDS)
  24. 24. #d2dtodi #wister USA: 39% della popolazione vittima di cyber molestie Data Collection: National CrimeVictimization Survey (NCVS) il 33% delle cyber molestie sono a sfondo sessuale nel 60% dei casi versus donne e giovani donne
  25. 25. #d2dtodi #wister Tipologie comuni di cyber stalker Ossessivo: ex-partner che rifiuta fine relazione Delirante: estraneo con disturbi mentali (schizofrenia, delirio, disordine bipolare etc) convinto di essere destinato alla vittima e di avere un rapporto con essa Vendicativo: conoscente, amico, gruppo Troll: nel gergo di internet, e, in particolare, delle comunità virtuali, si indica una persona che interagisce con gli altri utenti tramite messaggi provocatori, irritanti, fuori tema o semplicemente senza senso, con l'obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi
  26. 26. #d2dtodi #wister Fontedati:ReportontheETUCEsurveyoncyber-harassment(2010) Cyber stalker e maggiori cause 39 % partner o ex 36% persone conosciute 33% estranei (Dati 2011 UK)
  27. 27. #d2dtodi #wister E-mail 32 % Facebook 16% Websites 10.5% Texting 7.25% Message Boards 7% Blogs 4.25% Chat 4% Twitter 3% Gaming 2.5% Instant Messaging 2.5% YouTube 1.5% E-mail 50% (soprattutto gli uomini) Chat room 35% Gruppo di discussione 15% Siti web 31% Social networking 33% Instant messaging 31% (soprattutto gli uomini) telefoni cellulari 57% sms 17% Blog 23% Altro17% Fonte:OnlineBullying:11PlacesHarassmentBeginswww.Huffingtonpost.ca Fonte:ReportontheETUCEsurveyoncyber-harassment(2010) Strumenti utilizzati: Canada versus Europa
  28. 28. #d2dtodi #wister ) Initial Contact Environment with Harasser Fonte: Cyberstalking in the United Kingdom An Analysis of the ECHO Pilot Survey 2011 4% da Online a OFFline ovvero Face to Face Casi di Stalking
  29. 29. #d2dtodi #wister (Fonte: Sam Houston State University. "New study examines victims and cyberstalking“ ScienceDaily, 12 Feb. 2013. Web. 18 Nov. 2013.) USA: New study 2012 compares the similarities and differences in experiences reported by victims of stalking and cyberstalking: nei casi di stalking: circa il 70% delle vittime sono donne (40.8 years old); 40% dei casi violenza domestica; nei casi di cyberstalking: vittime femminili rappresentano circa il 58% (38.4 years old) UK: Sondaggio del 2011 il 35% delle vittime di cyberstalking erano uomini che lamentavano minacce, danni alla reputazione e perdite finanziarie.
  30. 30. #d2dtodi #wister Fonte:CyberstalkingintheUnitedKingdomAnAnalysisoftheECHOPilotSurvey2011 Malgrado natura e diversità del fenomeno cyberstalking la varietà di risposte emotive che le vittime hanno riferito sono legate alle stesse tipologie dello stalking. Includono paura, depressione, stress, ansia, diminuzione dell'autostima, e una perdita di fiducia nelle altre persone. Main Fear (Maggiori Ansie) Total Male Female Physical injury to self 23.8% 14.7% 28.0% Injury to feelings 13.0% 10.5% 13.8% Damage to reputation 34.3% 46.3% 28.4% Financial loss 1.9% 3.2% 1.3% Physical injury to significant others 5.9% 5.3% 6.2% Other 21.3% 20.0% 22.2%
  31. 31. #d2dtodi #wister Fear Distress All 80.9% 94.1% Male 76.8% 90.5% Female 82.7% 95.6% Fonte:CyberstalkingintheUnitedKingdomAnAnalysisoftheECHOPilotSurvey2011
  32. 32. #d2dtodi #wister Conclusioni •Cyber harassment (cyber molestie) = uso distorto tecnologia •Maggiore consapevolezza utilizzo strumenti ICT •Differente percezione situazioni di pericolo anche on line tra ragazzi e adulti Ma ridurre l’impiego e/o imporre il divieto nell’uso dei social media per ridurne i rischi connessi comporterebbe solo il perdurare e perpetrare dell’attuale situazione di esclusione digitale dei bambini italiani nel contesto europeo e mondiale
  33. 33. #d2dtodi #wister Le ICT fattore chiave di: •promozione culturale tra i cittadini: l'innovazione è un seme da impiantare nelle istituzioni e che può creare un vantaggio competitivo per le aziende nel breve periodo; •cambiamento nell’ambito organizzativo-gestionale con impatto su ambienti di lavoro, ambienti di vita e condizioni stesse di lavoro; •risposta alle grandi sfide della società: invecchiamento della popolazione attiva, attenzione a nuovi modelli di supporto socio- sanitari; energia sostenibile; istruzione; prevenzione e sicurezza, ecc •forza e perno dei cambiamenti sociali: i social media con i propri formati partecipativi hanno traslato i mondi fisici in quelli virtuali e viceversa in maniera dinamica e fluida favorendo condivisione di saperi e competenze necessari alla crescita personale e professionale; Fonte:http://romebusinessschool.it/sviluppo-personale/
  34. 34. #d2dtodi #wister • Mail: emmapietrafesa@gmail.com • Twitter: @Epietrafesa • Skype: emma.pietrafesa • www.wister.it / @WISTERWISTER Grazie dell’attenzione

×