Social Media e cyber molestie: il fenomeno
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
362
On Slideshare
362
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
7
Comments
0
Likes
3

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA Foto di relax design, Flickr Social Media e cyber molestie: conoscere il fenomeno
  • 2. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA Chi sono Dr (Ph.D.) Ricercatrice a contratto (Inail-Settore Ricerca); Cultrice della materia Storia del giornalismo e relazioni internazionali (Università LUMSA Roma) e Comunicatrice; Lavoro e collaboro nel settore ricerca e comunicazione da oltre 10 anni con focus su comunicazione pubblica, ICT e social media, studi di genere, salute e sicurezza sul lavoro; Specializzazioni post universitarie in comunicazione pubblica, managment pubblico e relazioni internazionali. Varie esperienze formative e lavorative a carattere internazionale: NATO (North Atlantic Treaty Organization) – Bruxelles (Rappresentanza Permanente d’Italia-U. Stampa e Comunicazione); Wyeth Lederle S. p. A.- Aprilia (U. Marketing e Vendite); Amnesty International – Bruxelles (Sezione francofona-U.Stampa e Comunicazione); Università Statale M. V. Lomonosov –Mosca (Facoltà di Filologia); Responsabile del Coordinamento editoriale della Rivista accademica RES PUBLICA (www.lumsa.it) e collaboro con Testata giornalistica online di settore POWER&GENDER (www.power-gender.org); Socia dell’Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale e di Stati Generali dell’Innovazione (SGI). Faccio parte della Rete WISTER (Women for Intelligent and Smart TERritories);
  • 3. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA Ci sentiamo così quando si parla di molestie on line?
  • 4. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA Fonte dati: http://www.lse.ac.uk/media@lse/research/EUKidsOnline/EU%20Kids%20III/Classification/Country-classification-report-EU-Kids-Online.pdf In Italia: il 60% dei nostri ragazzi naviga online tutti i giorni o quasi con una media di 2-3 ore al giorno. Il 62% dei ragazzi che accedono al Web senza la supervisione di un adulto solo il 36% (la percentuale più bassa in Europa) in merito agli accessi informatici all’interno delle scuole
  • 5. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA “Il Web è social e amplifica le dinamiche psicologiche e sociali umane: riassume digitalmente le strutture sociali spontanee umane, replicandone le dinamiche, le regole e le distorsioni” (D. Chieffi Social media relations, 2013) “Internet non esiste, esistono le persone, non esiste la community, esiste il raggrupparsi, le tecnologie che abbiamo adesso servono per questo: per raggrupparsi e organizzarsi” (S. Iaconesi – Internet Festival Pisa, 2012)
  • 6. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA cyber stalking cyber molestie Cyber bullismo Uso distorto delle ICT (Information Communication Technologies) o altri strumenti tecnologici per perseguire incessantemente individuo, o gruppi di individui, con l'intenzione di: •spaventare o imbarazzare la vittima; • rovinarne la reputazione; •furto dell’identità reale o in rete della vittima; •distruggere dati; •sfruttare e molestare sessualmente la vittima, ecc I giuristi anglofoni distinguono tra cyberbullying (tra minorenni) cyberharassment (tra adulti oppure tra adulto e minore) Il termine cyberbullying è stato coniato dall'educatore canadese Bill Belsey
  • 7. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA Le tipologie del cyberbullismo (Nancy Willard) •Flaming: messaggi online violenti e volgari mirati a suscitare battaglie verbali; •Denigrazione: sparlare di qualcuno per danneggiare gratuitamente la reputazione, via e-mail, messaggistica istantanea, gruppi su social network ecc; •Sostituzione di persona (impersonation): farsi passare per un'altra persona per spedire messaggi o pubblicare testi reprensibili; •Rivelazioni (exposure): pubblicare informazioni private e/o imbarazzanti su un'altra persona; •Inganno: (trickery); ottenere la fiducia di qualcuno con l'inganno per poi pubblicare o condividere con altri le informazioni confidate via mezzi elettronici. •Molestie (harassment): spedizione ripetuta di messaggi insultanti mirati a ferire qualcuno; •Esclusione: escludere deliberatamente una persona da un gruppo online per provocare un sentimento di emarginazione; •Cyber-persecuzione (cyberstalking): molestie e denigrazioni ripetute e minacciose mirate a incutere paura; Fonte: Educator's Guide to Cyberbullying
  • 8. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA Il 64% dei ragazzi italiani di età compresa tra i 9 e 16 anni ha un profilo su un sito di social network il 35% di questi profili è pubblico ovvero visibile a chiunque.
  • 9. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA Fontedati:http://www.lse.ac.uk/media@lse/research/EUKidsOnline/EU%20Kids%20III/Classification/Country-classification- report-EU-Kids-Online.pdf I Social Network sono piattaforme software di proprietà per accedere alle quali è necessario registrarsi e creare un proprio profilo, fornendo informazioni personali e firmando una relativa liberatoria per l’utilizzo. Funzionamento e regole sono stabilite autonomamente e in assoluta libertà dal proprietario della piattaforma
  • 10. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA 27% bullismo di cui 14% molestie e atti attraverso tutti gli strumenti ICT Fonte dati: Ricerca Eu Kids Online Network (33 Paesi) dati rilevati su campione di 25 Paesi europei
  • 11. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA • 18% essere esposti a contenuti offensivi e potenzialmente pericolosi (incitazioni all’odio 12%; all’anoressia 10% forme di autolesionismo 7%, consumo di sostanze stupefacenti 7%, suicidio 5%); • 16% uso improprio dei dati personali (password 7%, informazioni personali 4%, truffe online 1%); • 7% esposizione a immagini sessuali (4%) sexting ovvero messaggi sessualmente espliciti e/o immagini principalmente tramite telefono cellulare, ma anche tramite altri mezzi informatici; • 4% incontri offline con i contatti online; • 2% cyberbullismo I dati sull'incidenza sono al momento inferiori alla media europea (6%). In Italia… (Fonte dati: Ricerca Eu Kids Online Network (33 Paesi) dati rilevati su campione di 25 Paesi europei)
  • 12. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA (Fonte: ricerca Eu Kids Online ) il 27% sostiene di essere 'molto turbato', il 47% 'abbastanza sconvolto' e il 12% 'un po' sconvolto 'da messaggi sgradevoli o dannosi in linea. (Fonte: ricerca Eu Kids Online ) Va considerato però che i bambini italiani hanno meno competenze nell’uso di internet rispetto alla media dei coetanei europei. Infatti proprio il fenomeno del cyberbullismo e la ricezione di messaggi sgradevoli o offensivi turba maggiormente i nostri ragazzi:
  • 13. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA Percezione dei genitori europei: Solo il 29% dei genitori di bambini che hanno subito atti di bullismo online ne è consapevole Mentre il 15% dichiara di non esserne informato; il 56% esclude che questo sia mai accaduto; La consapevolezza aumenta tra i genitori di ragazze e di adolescenti tra 11-14 anni; Elevati livelli di inconsapevolezza da parte dei genitori si riscontrano in Cipro, Ungheria, Grecia Romania e…ITALIA 81% Fonte:http://www.lse.ac.uk/media@lse/research/EUKidsOnline/ParticipatingCountries/PDFs/IT%20SIPppt.pdf
  • 14. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA Fonte:www.besteducationdegrees.com Alcune riflessioni: Bullismo tradizionale e cyberbullismo sono strettamente correlati coloro che sono vittime di bullismo a scuola, sono vittime di bullismo on line e coloro che sono bulli off line lo diventano anche in rete; (Hinduja e Patchin , 2009; Kowalski & Limber , 2013; Ybarra , Diener -Ovest , e Foglia, 2007)
  • 15. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA Le ragazze adolescenti hanno una maggiore probabilità rispetto ai ragazzi di sperimentare cyberbullismo (come vittima e autore del reato) ( Studi internazionali: Floros et al , 2013; Kowalski et al , 2008; Hinduja & Patchin , 2009; Schneider et al . . . 2012) Le adolescenti di 13-16 anni hanno subito più esperienze di cyberbullismo (7%) (dati europei Eu KIDS) Fonte: www.besteducationdegrees.com
  • 16. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA
  • 17. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA Conclusioni •Cyber bullismo (cyber molestie) = uso distorto tecnologia •Maggiore consapevolezza utilizzo strumenti ICT •Differente percezione situazioni di pericolo anche on line tra ragazzi e adulti Ma ridurre l’impiego e/o imporre il divieto nell’uso dei social media per ridurne i rischi connessi comporterebbe solo il perdurare e perpetrare dell’attuale situazione di esclusione digitale dei bambini italiani nel contesto europeo e mondiale
  • 18. Emma Pietrafesa, 5 maggio 2014 #D2DPISA #WISTERCOMUNE DI PISA • Mail: emmapietrafesa@gmail.com • Twitter: @Epietrafesa • Facebook: Emma Pietrafesa