Le soluzioni tecnologiche
al servizio di un nuovo modello didattico
L’impegno di Microsoft per il mondo Education
www.micr...
44
5
possibilità che esistono già oggi per costruire un nuovo modo di imparare,
di insegnare e di sviluppare una conoscenza i...
SOMMARIO
IL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO E IL RUOLO DELL’INFORMATICA
Situazione della scuola italiana 8
Dotazioni informati...
88
Situazione della scuola italiana
Dotazioni informatiche
L’innovazione del sistema scolastico rappresenta il punto di pa...
9
Un aspetto da considerare, perché strettamente legato al livello di informatizzazione del sistema scolastico,
è la distr...
1010
L’universo dei potenziali utenti
di informatica in ambito scolastico

i più di sei milioni di studenti
e più di 700 ...
11
computer e di Internet anche nell’insegnamento
delle altre materie.
di vista sono il Regno Unito, la Svezia, la Finland...
1212
integrati con il sistema di
gestione della segreteria
scolastica del Ministero
della Pubblica Istruzione:
interrogazi...
È 
all’interno della comunità scolastica e a migliorare la didattica. Da sottolineare come, sempre più spesso,
le scuole ...
1414
Una soluzione a costo zero
per i PC ricevuti in donazione
Il fenomeno delle donazioni di computer alle scuole si sta ...
15
Per il Mezzogiorno…
Il programma Partners in Learning in Campania
Microsoft ha offerto la propria collaborazione all’As...
Raccordo scuola e lavoro:
le soluzioni per migliorare l’occupazione giovanile
Nel processo di individuazione delle strateg...
17
Il programma Microsoft IT Academy
Microsoft intende contribuire a creare una forza lavoro in grado di competere ed
emer...
1818
Le soluzioni per creare il ponte scuola-lavoro
S2B: Students to Business
Students to Business è un’iniziativa promoss...
19
strumento a supporto della ricerca,
diventata il mezzo per intavolare un
che rivoluzionerà le scienze naturali
esattame...
2020
degli strumenti tecnici, ma sono anche più esposti ai rischi derivanti da un uso poco responsabile della Rete.
Second...
21
Sicurezza della Rete e scuola: le iniziative per il mondo dell’Istruzione
Progetto Sicurezza Online: uso sicuro e consa...
2222
Migliorare la didattica: il valore della competenza
Il 12 novembre 2007, la Commissione Europea ha varato il progetto...
La connessione tra mondo professionale e mondo dell’istruzione,
per Microsoft, è sintetizzabile nell’attuazione dell’ambiz...
2424
Migliorare l’apprendimento: il ruolo della tecnologia
Il Programma Partners in Learning - Tecnologie innovative per l...
25
Non si tratta semplicemente di installare Personal Computer o reti informatiche nelle scuole, ma di costruire
modelli c...
Il nuovo modello collaborativo
La scuola come laboratorio multimediale interattivo
 

il rapporto tra docente e alunni ...
27
Nuovi strumenti
di collaborazione: l’innovazione
nel mondo dell’istruzione
Le nuove infrastrutture collaborative a bass...
2828
Le soluzioni “collaborative” di Microsoft
Windows SharePoint Services 3.0: Link Campus University of Malta
Un esempio...
29
Microsoft ha realizzato un portale online, un’area aperta
a tutti, capace di raccogliere virtualmente il patrimonio
cul...
© 2008 Microsoft. Tutti i diritti riservati.
Tutti i marchi e marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive ...
Brochure Microsoft Partner's in Learning_Wsinigoi_2007
Brochure Microsoft Partner's in Learning_Wsinigoi_2007
Brochure Microsoft Partner's in Learning_Wsinigoi_2007
Brochure Microsoft Partner's in Learning_Wsinigoi_2007
Brochure Microsoft Partner's in Learning_Wsinigoi_2007
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Brochure Microsoft Partner's in Learning_Wsinigoi_2007

339

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
339
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Brochure Microsoft Partner's in Learning_Wsinigoi_2007"

  1. 1. Le soluzioni tecnologiche al servizio di un nuovo modello didattico L’impegno di Microsoft per il mondo Education www.microsoft.com/italy/education/
  2. 2. 44
  3. 3. 5 possibilità che esistono già oggi per costruire un nuovo modo di imparare, di insegnare e di sviluppare una conoscenza in grado di farci vincere le attuali Viviamo in un mondo globalizzato, complesso, in cui sempre più spesso coesistono sistemi culturali diversi, che dobbiamo saper comprendere, se vogliamo creare una società veramente aperta, in cui i giovani possano agire come cittadini Per concorrere a questo obiettivo, la scuola deve adottare nuovi modelli di apprendimento, deve prevedere strumenti che favoriscano l’autonomia del pensiero e che aiutino gli studenti a orientarsi tra i diversi percorsi formativi, Deve infatti promuovere un cambiamento che orienti verso una conoscenza capace di cogliere le istanze globali di una società aperta, salvaguardando al contempo semplice grazie a Internet e alle nuove tecnologie, che rappresentano gli strumenti necessari all’educazione del futuro, in una scuola che favorisca una conoscenza animata da una tensione tra l’aspirazione a un sapere non parcellizzato per stimolare una formazione permanente che garantisca ai giovani la capacità Introduzione
  4. 4. SOMMARIO IL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO E IL RUOLO DELL’INFORMATICA Situazione della scuola italiana 8 Dotazioni informatiche - La diffusione del Personal Computer - La diffusione di Internet - La presenza del sito Web e l’offerta di servizi online Scenario futuro 13 RAPPORTO TRA SCUOLA E SOCIETÀ Una scuola aperta 14 - L’impegno nel nostro Paese - Per il Mezzogiorno... - Comunità montane: a lezione d’informatica Raccordo scuola e lavoro: le soluzioni per migliorare l’occupazione giovanile 16 - Premiare l’Eccellenza: una iniziativa Microsoft per migliorare il livello di competenza - Il programma Microsoft IT Academy Cyberbullismo e sicurezza in Rete 19 - SicuramenteWeb: l’impegno di Microsoft per un mondo digitale migliore  la collaborazione con la Polizia Postale e delle Comunicazioni LA SCUOLA DEL FUTURO Migliorare la didattica: il valore della competenza 22  Migliorare l’apprendimento: il ruolo della tecnologia 24 - Il Programma Partners in Learning - Tecnologie innovative per la scuola Il nuovo modello collaborativo 26 - La scuola come laboratorio multimediale interattivo - Nuovi strumenti di collaborazione: l’innovazione nel mondo dell’istruzione - L’e-learning per gli insegnanti: Progetto did@TIC - Apprendere in rete: il nuovo volto della didattica online
  5. 5. 88 Situazione della scuola italiana Dotazioni informatiche L’innovazione del sistema scolastico rappresenta il punto di partenza nel processo di rinnovamento culturale, sociale ed economico del nostro Paese, reso necessario dall’affermarsi della società dell’informazione. Il ricorso agli strumenti informatici nel mondo dell’istruzione, infatti, arricchisce di nuove potenzialità i modelli di apprendimento, li rende più allineati alla realtà in cui i giovani vivono e interagiscono, consente di sviluppare competenze in grado di rispondere a una domanda di lavoro a sua volta in costante   alle esigenze del mercato. Un utilizzo più pervasivo delle tecnologie nel sistema scolastico è alla base degli stessi obiettivi della riforma della scuola:  • innovare il modo di imparare e insegnare attraverso • ridurre il divario digitale nell’ambito delle scuole, degli studenti e delle famiglie. L’innovazione della scuola, unita a una crescente propensione all’utilizzo di strumenti informatici nelle famiglie italiane, diventa funzionale al miglioramento delle future condizioni economiche e sociali del nostro Paese. Il numero totale delle scuole in Italia si aggira intorno alle 42 mila sedi: le scuole primarie sono grado (Fig. 1). Le scuole dell’obbligo rappresentano il 55% del totale delle scuole. Il Ministero della Pubblica Istruzione stima che nell’anno scolastico 2007/2008 il numero degli insegnanti si aggiri intorno alle 721 mila unità. (Fig. 2) Fig. 1: Le sedi scolastiche in Italia per ordine e grado di istruzione Fonte: Il sistema scolastico italiano e il ruolo dell’informatica 1 La presenza di PC nelle famiglie è passata dal 46,1% del 2006 al 47,8% del 2007; le famiglie con accesso a Internet erano il 35,6% del totale nel 2006 e il 38,8% nel 2007. “Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione: disponibilità e utilizzo degli individui”, 16 gennaio 2008 - publicazione ISTAT Sedi scolastiche Totale scuole dell’infanzia 13.631 Scuole primarie associate a circoli didattici 7.202 Scuole primarie associate a istituti comprensivi 8.820 Scuole primarie carcerarie associate ai Centri territoriali permanenti 98 Totale scuole primarie 16.120 Scuole secondarie di I grado associate a istituti principali di I grado 582 Scuole secondarie di I grado associate a istituti comprensivi 5.052 Scuole secondarie di I grado associate ai Centri territoriali permanenti 47 Totale scuole secondario di I grado 7.149 Istituti principali di II grado 2.200 Scuole secondarie di II grado associate a istituti principali di II grado 425 Scuole secondarie di II grado associate a istituti d’istruzione secondaria superiore 2.482 Totale scuole secondario di II grado 5.107 Totale sedi scolastiche 42.007
  6. 6. 9 Un aspetto da considerare, perché strettamente legato al livello di informatizzazione del sistema scolastico, è la distribuzione del personale docente in base all’età, dato che evidenzia una forte presenza di docenti con età superiore ai 40 anni e che rappresenta un fattore di freno all’adozione delle nuove tecnologie nelle  Docenti Scuola primaria 221.971 Scuola secondaria di II grado 219.484 Totale Docenti 721.579 Fig. 4: La distribuzione del personale docente per età Fonte: I numeri della scuola, Ministero della Pubblica Istruzione, settembre 2007 6,0% 5,5% 5,0% 4,5% 4,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% Finoa25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 Oltrei65 La distribuzione del personale docente per età Valori in % sul totale dei docenti italiani (721.579), dati relativi all’anno scolastico 2007/2008 stimati Fig. 2: Numero dei docenti delle scuole in Italia per ordine e grado d’istruzione Fonte: Fig. 3: Gli studenti iscritti per tipo di istituto nelle scuole secondarie di II grado Valori % degli studenti frequentanti la scuola secondaria di 2° grado per tipologia di istituto sul totale degli studenti Distribuzione studenti licei Licei Classici Licei Scientifici ex istituti e Scuole Magistrali Totale: 2.598.720 Istituti d’arte 2,1% Licei artistici 1,6% Istituti professionali 20,9% Istituti tecnici 33,8% Licei 41,6% 10,8% 23% 7,7%
  7. 7. 1010 L’universo dei potenziali utenti di informatica in ambito scolastico  i più di sei milioni di studenti e più di 700 mila insegnanti. aggiungere il resto del personale della scuola, ovvero impiegati che svolgono attività diverse dall’insegnamento. Un corretto utilizzo dell’informatica presupposto per innovare il sistema scolastico nel suo complesso e, di conseguenza, l’intera società utilizzo dell’informatica nelle nostre istituzioni scolastiche? Cerchiamo interrogativo analizzando il livello di informatizzazione del nostro sistema scolastico, confrontandolo La diffusione del Personal Computer La diffusione dell’informatica nelle istituzioni scolastiche non può che partire dalla dotazione di PC, tuttavia, il numero di PC presenti varia sensibilmente in relazione alla tipologia di istituto, in particolare: • i computer risultano essere maggiormente diffusi nelle scuole secondarie di II grado, secondo la media • le scuole secondarie di I grado europee, colcolando la media su 25 Paesi, sono caratterizzate • nella stessa media europea, le scuole primarie presentano 9,4 PC ogni 100 studenti. La maggiore dotazione di PC delle scuole secondarie di II grado è determinata soprattutto dall’età più  di altri necessitano di un supporto informatico nell’insegnamento delle discipline di propria competenza. L’Italia, sia per presenza di PC totali sia per PC collegati a Internet, si posiziona al di sotto della media  A fronte di un utilizzo elevato, è importante considerare il luogo in cui il PC viene usato e di conseguenza   delle scuole permette di usufruire di PC nella biblioteca o in altri luoghi scolastici accessibili agli studenti. 77 Numero e % laureati per area disciplinare Laureati facoltà tecnico-scientifiche anno accademico 2005/2006 Laureati 2005/2006 Totale:15.764,dato tecnologie informatiche non disponibile 91 9.496 150 163 21 5.766 Bioscienze e biotecnologie Chimica industriale Ingegneria Scienze Biotecnologiche Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Scienze Statistiche Scienze e Tecnologie Totale: 76.615 Area Scientifica 21.870 28,55% Area Sanitaria 10.340 13,50% Area Umanistica 10.937 14,28% Area Sociale 33.468 43,68%  Area disciplinare Corsi di laurea Corsi di laurea di 1° livello o ciclo unico di 2° livello  Area sanitaria 711 82 Area sociale 745 754 Fig. 5: Fig.6: Fonte:
  8. 8. 11 computer e di Internet anche nell’insegnamento delle altre materie. di vista sono il Regno Unito, la Svezia, la Finlandia, l’Olanda e la Danimarca. Il livello di utilizzo della dotazione informatica durante le lezioni è strettamente legato anche strumenti. Gli insegnanti con una maggiore più scettici nei confronti dell’utilizzo di tecnologie innovative in classe, ancorati ai metodi di insegnamento tradizionali e non ancora pronti a recepire i vantaggi che metodologie nuove possano apportare alla formazione e alla creazione di nuove competenze. Oltre che per l’insegnamento dell’informatica, le nuove tecnologie giocano un ruolo molto importante anche nell’insegnamento delle lingue straniere (più del 75% delle scuole europee utilizza il computer per lo studio delle lingue, in particolare La diffusione di Internet di formazione e aggiornamento dei docenti, di interazione con il mondo esterno alla scuola. di connessione a Internet. migliore - in termini di larghezza di banda - è il collegamento a Internet utilizzato. La diffusione veloci effettuati negli anni scorsi dal Ministero della Pubblica Istruzione. Essa risulta correlata alla numerosità degli alunni e al grado dell’Istituto, mentre non si riscontrano   In particolare, i livelli di diffusione minori si riscontrano nelle scuole piccole e di grado inferiore. Nello scenario europeo, ancora una volta sono i Paesi nordici a mostrare il tasso più elevato di diffusione della banda larga: il 95% delle scuole danesi  La presenza del sito Web e l’offerta di servizi online Possiamo comprendere meglio il livello di informatizzazione degli istituti i servizi online, l’e-mail scolastica. È dotate di un sito Web. L’Italia si posiziona al di sopra della media europea calcolata su 15 Paesi Fra i servizi che già vengono offerti attraverso il sito troviamo il calendario scolastico, la modulistica online, la possibilità di contattare la scuola, la consultazione e il download del Piano dell’Offerta Formativa. Fra i nuovi servizi che le scuole stanno erogando troviamo invece i servizi Numero di PC totali e PC connessi a Internet per 100 studenti nei principali Paesi Numero medio di PC in unità Danimarca Norvegia Olanda Regno Unito Svezia Finlandia Francia EU 15 EU 25 Spagna Germania Italia 27,3 24,2 21,0 19,8 17,4 16,8 12,5 12,1 11,3 9,5 8,9 8,0 PC locali Danimarca Norvegia Olanda Regno Unito Svezia Finlandia EU 15 EU 25 Francia Spagna Germania Italia 26,3 22,7 20,0 18,5 16,5 16,2 10,6 9,9 8,9 8,5 7,7 6,5 PC connessi a Internet Fig. 7: Numero di PC totali e PC connessi a Internet per 100 studenti nei principlai Paesi Fonte:
  9. 9. 1212 integrati con il sistema di gestione della segreteria scolastica del Ministero della Pubblica Istruzione: interrogazione situazione   visualizzazione curriculum scolastico dell’alunno, corsi, indirizzi e composizione delle classi, consultazione orario scolastico.  presenza di un sito Web va analizzata in relazione alla capacità del singolo istituto di sfruttarlo in modo interattivo, mettendo a disposizione servizi online alle famiglie e agli enti che con essa interagiscono. È dall’offerta di servizi online interattivi che emerge la maturità di un’istituzione scolastica nell’utilizzo via Web il piano dell’offerta formativa (POF).  un’interazione più complessa tra famiglie, alunni e docenti. fornisce strumenti per la collaborazione tra studenti e docenti. Ancora minore, inoltre, risulta essere la percentuale di scuole che consente di svolgere online operazioni insegnanti e famiglie, i Paesi che offrono un indirizzo e-mail scolastico alla maggior parte dei docenti e la Danimarca con l’89,5%. L’Italia si colloca al di sotto della media europea calcolata su 15 Paesi I servizi offerti online dalle scuole Percentuale di scuole che offrono i diversi servizi. Risposte multiple da scuole con sito internet, base: 10.400 Informazioni generali POF* Modulistica Materiale didattico prodotto da studenti Materiale didattico per studenti Strumenti di collaborazione Iscrizione PagamentiComunicazioni docenti 98% 87% 49% 40% 37% 35% 22% 10% 4% 2004 2006/20052005/2004 *Programma didattico Fig. 8: I servizi offerti online dalle scuole Fonte:
  10. 10. È  all’interno della comunità scolastica e a migliorare la didattica. Da sottolineare come, sempre più spesso, le scuole sperimentino nuovi servizi telematici per attività precedentemente svolte in maniera tradizionale. In Italia, si rileva una graduale affermazione di strumenti per la formazione a distanza, utilizzati dal 48%   più recenti normative, in particolare il Codice dell’Amministrazione Digitale. degli istituti utilizza la tecnologia VoIP per le proprie comunicazioni, sottovalutando probabilmente le opportunità di risparmio sui costi che tale tecnologia offre. Le scuole di grado superiore, in particolare gli istituti statali, manifestano una maggiore propensione un importante incentivo. La disponibilità di nuovi strumenti informatici e l’utilizzo dei servizi telematici in Rete sta progressivamente  Scenario futuro Seppur ancora importanti passi avanti vadano fatti perché si possa parlare di istituzioni scolastiche realmente informatizzate, è interessante osservare come sia stato intrapreso, anche nel nostro sistema scolastico, un percorso innovativo e di ammodernamento, dove l’informatica è fattore abilitante Tuttavia è necessario che le tecnologie informatiche vengano utilizzate appieno nella didattica, per favorire metodi di insegnamento e apprendimento innovativi, in grado di valorizzare il potenziale di docenti e studenti. • un miglioramento della tipologia di connessione ad Internet, ovvero una maggiore diffusione • un maggiore uso degli strumenti informatici in classe, ovvero durante le lezioni per tutte le attività È inoltre necessario che siano ampiamente diffusi e condivisi alcuni aspetti di particolare rilevanza: • le nuove tecnologie informatiche possono fornire soluzioni e strumenti innovativi per migliorare • un modello di formazione innovativo non può che essere un modello che sfrutti appieno il potenziale delle nuove tecnologie.
  11. 11. 1414 Una soluzione a costo zero per i PC ricevuti in donazione Il fenomeno delle donazioni di computer alle scuole si sta diffondendo sempre più e rappresenta un primo importante passo verso un ampio utilizzo della tecnologia in ambito didattico. Spesso, tuttavia, i computer non dispongono di software originali e ciò ne limita le possibilità di utilizzo.  alle scuole di ottenere il software e la documentazione di licenza gratuitamente e permette di ricevere, per ogni computer dotato di processore Intel Pentium II (o versioni precedenti) ricevuto in donazione, una copia di Microsoft Windows® 98 Seconda Edizione o di Microsoft Windows 2000 Professional, eliminando così ogni dubbio circa la legittimità della licenza del sistema operativo. Possono accedere al programma le scuole pubbliche e private, primarie e secondarie, che abbiano ricevuto in donazione Personal Computer con • in passato sul PC deve essere stato installato un sistema operativo Windows originale (di cui non è stata fornita alla scuola la documentazione).  2000 relative ai PC donati insieme a una copia del software su CD-Rom. Rapporto tra scuola e società2 Una scuola aperta Per milioni di persone la prospettiva di un mondo più confortevole, accessibile e interconnesso è una promessa negata: per gli abitanti delle aree meno sviluppate, ma anche per gli anziani, i disabili e per altre categorie dello svantaggio. Attraverso programmi come Unlimited Potential (UP) e Partners in Learning, attivi in oltre 100 Paesi in tutto il mondo, Microsoft offre formazione e accesso alle tecnologie a studenti, insegnanti e operatori del mondo della scuola. L’impegno nel nostro Paese In Italia Microsoft ha deciso di declinare il proprio impegno per limitare il divario digitale con obiettivi semplici ma ambiziosi: aumentare la presenza dei PC nel nostro Paese, incrementare le competenze informatiche e contribuire a creare posti di lavoro con l’aiuto delle nuove tecnologie. Per divario digitale si intende l’impossibilità che separa chi può accedere alle nuove tecnologie (Internet,  dal disagio sociale, alla disabilità, all’assenza di infrastrutture, come nel caso dei paesi meno sviluppati. Il divario digitale limita gli strumenti a disposizione per le società in via di sviluppo e incrementa le disuguaglianze già esistenti, soprattutto nell’economia di oggi, in cui la conoscenza e la produzione diventa lo strumento più utilizzato per trasmetterle, condividerle e applicarle. all’interno delle scuole e creando partnership con le istituzioni, a livello centrale e locale, come nei due esempi che seguono. il mondo, partecipando a un impegno collettivo volto a promuovere l’alfabetizzazione informatica e ad aumentare le possibilità di accesso agli strumenti tecnologici, alle competenze e alle innovazioni.
  12. 12. 15 Per il Mezzogiorno… Il programma Partners in Learning in Campania Microsoft ha offerto la propria collaborazione all’Assessorato all’Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Campania per facilitare l’ingresso nel mondo del lavoro degli studenti, con una focalizzazione particolare rivolta agli studenti dell’Istituto ITIS Galileo Ferraris di Scampia (Napoli). L’iniziativa per la formazione e la valorizzazione delle opportunità lavorative nel campo dell’Information Technology, in cooperazione con Regione Campania e l’istituzione scolastica, è stata studiata per realizzare un progetto formativo pilota per la realizzazione di una IT     Comunità montane: a lezione d’informatica Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani (UNCEM), Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo di Torino e Microsoft Italia hanno varato un accordo per promuovere l’accesso alle tecnologie  montani o parzialmente montani (oltre 10 milioni di abitanti). Il progetto mira a contribuire al superamento del basso livello di informatizzazione che caratterizza alcune aree montane del nostro territorio. Le scuole di montagna, in particolare, si trovano oggi a dover affrontare gravi problemi derivanti   o i software più comuni, per esempio, può permettere una maggiore produttività nelle proprie attività, oppure l’accesso a opportunità di lavoro e di carriera altrimenti negate. Microsoft contribuisce, con i progetti e i programmi che promuove sul territorio, alla creazione di un ambiente favorevole allo sviluppo delle potenzialità di ogni persona, incoraggiando le giovani generazioni a esprimere la loro creatività, ad accrescere le proprie competenze e a essere fonte di ispirazione informatica, denominati Digital Literacy, nati per insegnare, in moduli progressivi, i concetti e le competenze di base in ambito informatico per consentire alle persone di utilizzare la tecnologia nella vita di tutti i giorni. Anche la lingua può essere un fattore di esclusione. Microsoft rende disponibile il proprio software nell’insieme più ampio di lingue parlate nel mondo, anche le meno diffuse. Per esempio Microsoft ha realizzato una versione di Windows in lingua Quechua, un idioma parlato da circa 7 milioni di persone in Perù. Un passo che testimonia ancora una volta un impegno a limitare il divario  È che anche in Italia, Microsoft offre il proprio supporto alle persone che lavorano nelle scuole per dare loro  Windows Vista… per vederci chiaro al computer Molti studenti e insegnanti, anche il personale amministrativo scolastico,  proprio a scuola. Con le integrazioni operate nel nuovo sistema operativo Windows Vista™ sono state introdotte varie funzionalità per soddisfare le esigenze degli utenti con disabilità motorie, visive e di udito. In particolare un nuovo pannello di controllo permette di gestire facilmente tutte  categorie interessate.  solamente le parti di testo e le aree interattive da selezionare con il mouse. sviluppati da terze parti per aiutare gli utenti diversamente abili a usare il PC con successo. Le funzioni di riconoscimento vocale integrate in Windows Vista permettono ormai di interagire con il PC a voce, dettando documenti e messaggi di posta elettronica, compilando moduli online o gestendo applicazioni mediante comandi vocali. Per approfondire: microsoft.com/italy/about/citizenship/
  13. 13. Raccordo scuola e lavoro: le soluzioni per migliorare l’occupazione giovanile Nel processo di individuazione delle strategie e delle soluzioni per ridurre la distanza esistente tra dell’alunno. Le esperienze di collaborazione realizzate tra scuola e impresa dimostrano, tuttavia, che nella gestione    della società. Il fattore chiave che contribuisce a favorire il raccordo scuola-lavoro e, di conseguenza, a frenare il tasso di disoccupazione giovanile, è da un lato l’impegno delle istituzioni governative a creare il contesto e le occasioni per i giovani studenti di fare concrete esperienze professionali all’interno dei corsi di studio,  Premiare l’Eccellenza: una iniziativa Microsoft per migliorare il livello di competenza Se da un lato il mercato offre poche possibilità di assunzione ai giovani neolaureati, dall’altro le aziende     in ambito tecnologico. Recuperare una maggiore competenza non si traduce   richieste è in costante cambiamento.  la scuola al mondo del lavoro, cioè un rapporto sinergico che permetta all’alunno mentre è ancora impegnato a terminare il ciclo di studi di effettuare stage e corsi di perfezionamento all’interno delle imprese, così che entrambi i soggetti coinvolti “Premiare l’Eccellenza” iniziativa promossa dal Ministero della Pubblica Istruzione e da Microsoft Italia, all’interno del più ampio programma  Nove studenti diplomati alle scuole medie superiori lo scorso luglio e vincitori dell’ultima edizione delle Olimpiadi Nazionali di Informatica (Bari - 2007), hanno la partner dislocate sul territorio. Gli stage, con durata da tre a sei mesi, saranno costantemente seguiti da tutor aziendali e permetteranno ai ragazzi di vivere un’importante esperienza di crescita culturale e professionale.  da Microsoft presso il Ministero della Pubblica Istruzione per essere più produttivi nella successiva esperienza in azienda e verranno dati loro inoltre tutti i materiali didattici e software utili per lo stage. “L’innovazione in Italia deve partire proprio nel mondo globalizzato dipenderà dalla nostra capacità di introdurre una valida formazione specialistica e tecnologica e di raccordare il mondo della scuola con quello del lavoro a dimostrazione che quando ci sono programmi chiari e condivisi la collaborazione pubblico-privato funziona Umberto Paolucci, Vice President Microsoft Corporation e Senior Chairman Microsoft EMEA legato a una carenza nell’area tecnico cinquanta per cento dei debiti scolastici sono in matematica e nelle materie all’interno della scuola il concetto di merito anche attraverso una serie di interventi per incentivare l’eccellenza grazie a partner Giuseppe Fioroni, Ministro della Pubblica Istruzione
  14. 14. 17 Il programma Microsoft IT Academy Microsoft intende contribuire a creare una forza lavoro in grado di competere ed emergere a livello globale anche attraverso altre iniziative che permettano di consolidare la padronanza della tecnologia e dei processi di innovazione, mettendo a disposizione il proprio know how e le proprie risorse, facendo tesoro delle best practice maturate all’estero, proponendo interventi concreti volti allo sviluppo e alla ricerca. Il programma Microsoft IT Academy nasce proprio per gettare un ponte fra la scuola e il lavoro avvicinando i programmi di studio alle effettive esigenze delle aziende  Tale programma, infatti: la preparazione, ne amplino le prospettive di carriera e permettano di realizzare • offre agli istituti didattici la possibilità di diventare un centro di competenza  un’organizzazione innovativa, leader nel settore della formazione tecnologica   Dalle applicazioni desktop per il mercato aziendale alle tecnologie di rete e sviluppo, Microsoft IT Academy costituisce in altre parole una soluzione formativo-tecnologica completa volta al conseguimento     e garantisce ottime credenziali per l’ingresso nel mondo del lavoro. L’adesione, che può avvenire a due livelli – Advancend ed Essential – abilita l’istituto a erogare formazione    Tour IT Academy,  e dagli specialisti Microsoft. Ecco i numeri da record del Tour IT Academy 2007: • 300 scuole coinvolte • 50 tappe • 18 regioni interessate • totale: oltre 3000 docenti  I due livelli di adesione: Advanced ed Essential L’istituto che aderisce al programma Microsoft IT Academy viene immediatamente messo nelle condizioni di poter formare un proprio docente. Solo dopo che tale docente avrà completato il suo percorso, potrà erogare a sua volta formazione. Gli istituti IT Academy livello Advanced potranno scegliere di seguire gratuitamente un corso  sia in aula. Al superamento dei 2 esami il docente diviene Tecnico Desktop.  Al superamento di 4 esami il docente diviene sistemista di rete. Nel caso in cui l’istituto aderisca a livello Essential, l’istituto riceve gratuitamente un Master Instructor kit per la formazione del docente, che comprende:  PowerPoint® , Access™ e Outlook® a livello Specialist)    • Corso in video conferenza per Amministratore di Test Center. “La partecipazione del nostro istituto un’occasione di crescita formativa culturale e professionale agli alunni, non solo teorica ma anche pratica, superamento degli esami, comporta oggettivamente riconosciute e spendibili in ambito lavorativo anche Prof. Giuseppe Pagano, Dirigente ITIS Galileo Ferraris di Napoli
  15. 15. 1818 Le soluzioni per creare il ponte scuola-lavoro S2B: Students to Business Students to Business è un’iniziativa promossa da Microsoft che coinvolge le aziende partner o clienti di Microsoft e i principali atenei italiani dove si insegna Information Technology. di giovani laureati/neolaureati in materie IT, offrendo una reale opportunità di carriera presso aziende partner o clienti di Microsoft. Per aderire al programma  un progetto formativo, individuare le competenze  la selezione dei candidati e inserire l’offerta nel sito S2B. Gli stage rappresentano per le aziende che collaborano con Microsoft un canale privilegiato per segnalare al mondo universitario le competenze necessarie  operativi in azienda sin dal principio della loro carriera. informazioni, Microsoft, attraverso le consolidate relazioni con i principali atenei italiani, è in grado di collaborare da vicino con le Università per offrire Curricula specializzati e risorse formative. L’iniziativa è rivolta a: • Studenti univerisitari di Information Technology che desiderano mettere in pratica ciò che hanno imparato all’Università • Aziende partner o clienti di Microsoft che cercano brillanti talenti da inserire nel loro organico • Professori universitari che insegnano tecnologie Microsoft all’interno dei loro corsi e che desiderano indirizzare i propri studenti verso concrete esperienze lavorative. www.s2bprogram.com/italy Microsoft Academy for University Hires (MACH) Il Microsoft Academy for University Hires (MACH) è un programma di inserimento in azienda di giovani brillanti laureati nelle aree Sales, Marketing, Technical Services. MACH facilita il passaggio dal mondo universitario alla vita professionale perché concilia l’inserimento attivo in azienda con percorsi di formazione internazionale, fornendo la formazione e il supporto continuo da parte dell’azienda. Il programma, strutturato nell’arco di due anni, prevede l’assunzione in Microsoft dopo i primi 12 mesi. Il candidato ideale è: • brillantemente laureato in una delle seguenti materie: Economia, Ingegneria, Informatica, • ha un’età massima di 28 anni • parla perfettamente inglese www.microsoft.com/italy/info/career/ mach/default.mspx Microsoft per l’Università e la ricerca Microsoft ha costruito il proprio successo a partire dall’impegno nelle attività di ricerca e sviluppo per la realizzazione di una nuova economia della conoscenza. Università e laboratori sono i luoghi in cui si costruisce il futuro, in cui dare alle persone una possibilità concreta di esprimere il proprio talento e contribuire alla crescita economica e culturale. Microsoft sostiene un vasto programma di ricerca per un investimento anno e collabora con enti pubblici e istituzioni  alla ricerca. Microsoft Research Oggi Microsoft Research (MSR), la divisione di Microsoft Corporation dedicata alla ricerca tecnologica, è responsabile delle nuove tecnologie Microsoft alla base di numerosi prodotti. Sei sono i centri Microsoft Research aperti negli Stati Uniti, in Europa, in Cina e in India, che occupano oltre 700 ricercatori. Nei nostri laboratori di Ricerca e Sviluppo si sono riuniti i migliori talenti per analizzare problemi del settore, elaborare soluzioni e creare i prototipi che rappresenteranno gli standard di domani. http://research.microsoft.com/ The Microsoft European Science Iniziative Investire in formazione e ricerca – in particolare   di innovazione. In Italia, per esempio, Microsoft ha promosso, in collaborazione con l’Università di Trento e con il sostegno del Ministero
  16. 16. 19 strumento a supporto della ricerca, diventata il mezzo per intavolare un che rivoluzionerà le scienze naturali esattamente allo stesso modo in cui la matematica ha rivoluzionato la Stephen Emmott Direttore e Fondatore del  di Microsoft Research Cyberbullismo e sicurezza in Rete Negli ultimi dieci anni la tecnologia digitale ha trasformato la società in modo profondo e straordinario. Oggi è possibile comunicare con amici e parenti in un istante e una nuova generazione di strumenti sta trasformando il modo di lavorare,  mondo in cui un accesso globale semplice e veloce Questo immenso potenziale deve fare i conti con il problema della sicurezza: i nostri PC sono vulnerabili all’attacco di virus e worm e, ancora più grave, ci si trova ad affrontare spyware software che nascondono le intrusioni (rootkit) e forme di truffa utilizzate dagli hacker per indurre con l’inganno gli utenti a divulgare i propri dati personali.  e processi che siano sempre più sicuri e in grado  la capacità della tecnologia utilizzata di proteggere la loro identità, la loro privacy e le loro informazioni. ma studiare e sviluppare maggiori conoscenze per mettere della Pubblica Istruzione, del Ministero per l’Innovazione e le Tecnologie e della Provincia Autonoma di Trento, la creazione di “Microsoft Research - University of Trento Centre for La ricerca in campo biologico, che studia miliardi di interazioni tra le molecole all’interno della struttura cellulare umana, potrà avvalersi dell’ausilio di tecniche computazionali    le regole di interazione tra le molecole all’interno di sistemi biologici, che possono essere compresi  i sistemi biologici reali, sfruttando la capacità dei computer di eseguire analisi accurate in tempi rapidi. http://www.cosbi.eu/  Il Centro, all’interno di AREA Science Park, si candida a divenire luogo di incontro tra Microsoft, i centri di ricerca nel settore dell’Information Technology e le aziende locali per sperimentare nuove tecnologie da applicare alle esigenze espresse dal tessuto produttivo ed economico della Regione. Il Centro consentirà, inoltre, di svolgere attività di formazione con l’obiettivo di offrire servizi e strumenti di didattica e un’ampia gamma di risorse online per l’apprendimento,  sarà valutato anche l’utilizzo del programma di formazione Microsoft IT Academy che mette a disposizione servizi e strumenti per l’erogazione   Microsoft e il mondo dell’Università Oltre alle attività di ricerca sviluppate in proprio, Microsoft ha attivato una rete di collaborazioni con istituti universitari di primaria importanza, per promuovere l’alta formazione e la ricerca nell’ambito informatico, per diffondere la conoscenza degli ambienti di sviluppo Microsoft e promuovere lo studio dell’interoperabilità dei sistemi. Questa attività – che si concretizza in donazioni di materiale per la didattica, supporto tecnico, corsi e sponsorizzazioni di eventi, seminari, programmi di studio e stage presso partner Microsoft – puntano alla formazione di nuove risorse specializzate e alla creazione di progetti innovativi utili al progresso del Paese.
  17. 17. 2020 degli strumenti tecnici, ma sono anche più esposti ai rischi derivanti da un uso poco responsabile della Rete. Secondo uno studio sviluppato dall’associazione americana Pew Internet & American Life Project1 , 13 milioni di adolescenti per esempio, un ragazzo su sette ha ricevuto minacce online. che usano abitualmente i siti di social networking come Facebook o Myspace. Circa il 40% dei teenager Le istituzioni scolastiche e gli insegnanti, nel momento in cui considerano l’impiego delle nuove tecnologie e in particolare della rete Internet una reale opportunità per studenti e docenti di migliorare la didattica e l’apprendimento, dall’altro hanno il dovere di mettere in allerta i ragazzi sulle insidie della Rete, controllare che non ne venga fatto un utilizzo improprio e istruire gli alunni su come difendersi dai rischi di molestia negli spazi Web dedicati alla comunicazione. SicuramenteWeb: l’impegno di Microsoft per un mondo digitale migliore   dei computer e aiutare ad aprire la strada a un’esperienza del PC basata su un accesso in Rete ampiamente diffuso, semplice e sicuro. SicuramenteWeb è un’iniziativa ideata da Microsoft Italia, focalizzata sui temi della navigazione protetta  sensibilizzare, sostenere e promuovere iniziative che abbiano un impatto concreto in termini di sicurezza per i minori e per contribuire a innalzare i livelli di consapevolezza e capacità reattiva nel Paese rispetto agli attacchi informatici. L’obiettivo è fornire competenze, tecnologie e risorse per diffondere cultura e informazione per un mondo digitale migliore, in partnership con il più ampio numero di istituzioni ed enti pubblici e privati. SicuramenteWeb coinvolge nelle sue attività importanti organizzazioni non governative: Telefono Azzurro, hanno nei rispettivi ambiti di attività, oltre a grandi aziende come Gruppo Poste Italiane e Telecom Italia e a un media partner primario come Topolino di Walt Disney. www.sicuramenteweb.it  la collaborazione con la Polizia Postale e delle Comunicazioni La Polizia Postale e delle Comunicazioni adotta uno strumento di indagine sviluppato da Microsoft contro     Il Sistema sviluppato da Microsoft è la prima piattaforma veramente internazionale per la caccia alla  Polizia Postale Italiana è la prima a livello europeo a utilizzare un sistema così   ed è la terza nel mondo insieme a Canada e Indonesia. L’alto grado di automazione del sistema rende possibile tenere sotto controllo e confrontare all’istante  la caccia alle illegalità e allo sfruttamento dei minori sia sul territorio italiano, sia nelle indagini che coinvolgono più Paesi. CETS è stato sviluppato da Microsoft in collaborazione con la polizia canadese e numerose polizie internazionali. Cyberbullying and Online Teens
  18. 18. 21 Sicurezza della Rete e scuola: le iniziative per il mondo dell’Istruzione Progetto Sicurezza Online: uso sicuro e consapevole dell’informatica in classe   dei computer e nell’aiutare ad aprire la strada a un’esperienza della tecnologia basata su un accesso alla Rete ampiamente diffuso, semplice e protetto. Sentendo forte l’esigenza di fare luce sul tema della sicurezza del Web, Microsoft ha promosso Progetto Sicurezza Online, con la collaborazione di ANP (Associazione Nazionale dei Dirigenti e della Alte Professionalità della Scuola) per il vademecum rivolto ai Dirigenti Scolastici e per la loro formazione, e di Giunti Labs per la realizzazione dei contenuti italiani. Lo scopo dell’iniziativa è di fornire ai docenti delle scuole primarie e secondarie gli strumenti necessari per aprire un dialogo costruttivo con gli alunni. I kit tematici di Progetto Sicurezza Online • Sicurezza del computer. Una breve rassegna dei principali sistemi antivirus il computer da attacchi che potrebbero comprometterne • Protezione dei dati personali. mondo di chat, forum e instant messaging, fonti di nuove • Sicurezza dei ragazzi. Una mappa per illustrare come muoversi evitando di addentrarsi in terreni che potrebbero • Comportamenti online. Nell’area riservata agli iscritti del portale www.apprendereinrete.it oltre 5.000 insegnanti hanno usufruito del materiale tematico, reso disponibile gratuitamente. Progetto Sicurezza Online ha visto coinvolti non solo il corpo docente e gli alunni, ma anche i Dirigenti Scolastici, scuola e coordinare tutte le attività in funzione del valore interdisciplinare delle attività didattiche. e comportamenti in tema di sicurezza informatica e tutela della privacy, disponibile sempre nell’area riservata di Apprendere in rete. www.apprendereinrete.it/ProgettoSicurezza/ Missione Internet Sicuro Missione Internet Sicuro è un progetto didattico che ha coinvolto UNICEF Italia e SicuramenteWeb, in collaborazione con la Polizia di Stato e la Polizia Postale e delle Comunicazioni, con il patrocinio del Ministero per le Politiche della Famiglia. Il progetto, concluso a giugno 2007, ha coinvolto 1.000 scuole secondarie di primo grado e decine di migliaia di studenti in tutta Italia, assieme ai loro insegnanti e genitori, attraverso due distinte fasi di sviluppo: una didattica, svolta direttamente in classe, l’altra di partecipazione a un concorso online che ha messo in palio 10 computer destinati alle scuole. Il tutto all’insegna di un obiettivo fondamentale: approfondire il diritto dei più giovani a un’informazione corretta e comprensibile, sempre più importante negli ultimi anni, per permettere loro di muoversi nel mondo di Internet liberi da pericoli e da rischi di manipolazioni. Web per amico Progetto Web nato per informare, tutelare ed educare studenti, genitori e insegnanti sui pericoli che si possono incontrare durante l’esplorazione della Rete e con l’obiettivo Sviluppato in collaborazione con SicuramenteWeb e il Movimento Italiano Genitori (Moige), parte dall’analisi del contesto sociale dell’utilizzo di Internet nelle scuole attraverso un’indagine che ha rilevato che su un campione di   e il 57% tra coloro che hanno più di 55 anni). Quindi una corretta informazione sull’esplorazione della Rete è l’unico modo per sfruttare le potenzialità del Web, senza subire La Scuola ricomincia navigando La Presidenza del Consiglio Comunale del Comune di Roma, in collaborazione con Polizia Postale e delle Comunicazioni, UNICEF Italia, SicuramenteWeb e Microsoft, Radio1 Rai - Newsgeneration e l’Assessorato alle Politiche Educative e Scolastiche del Comune di Roma, ha dato vita a una nuova campagna di sensibilizzazione – La scuola ricomincia navigando - sull’uso sicuro e responsabile di Internet rivolta a studenti, insegnanti e genitori. La scuola ricomincia navigando vuole creare momenti di formazione, tramite affrontare i pericoli e i rischi che Internet a volte nasconde, soprattutto per i più piccoli. Nell’ambito dell’iniziativa, in particolare, sarà data la possibilità alle singole scuole di programmare degli incontri con gli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni per coinvolgere ragazzi e genitori e per rispondere a dubbi e perplessità. Unitamente che coinvolge insegnanti e studenti per la produzione di un video sull’uso sicuro di Internet.
  19. 19. 2222 Migliorare la didattica: il valore della competenza Il 12 novembre 2007, la Commissione Europea ha varato il progetto Lifelong Learning Programm in cui, oltre a perseguire le direttive della cosiddetta agenda di Lisbona, cioè trasformare l’Unione entro il 2010 di trovare un nesso strategico tra uno sviluppo economico armonico e sostenibile, una prospettiva di impiego concreta per chi entra nel mondo del lavoro e un apprendimento permanente. Il Lifelong Learning Programm  essenziale per incentivare la crescita e l’occupazione in Europa. La scuola deve fare i conti con il mondo professionale e con il processo di diffusione dell’idea di una educazione permanente, che si protrae La grande innovazione del sistema formativo deve prevedere un dialogo continuo tra mondo dell’istruzione e mondo del lavoro, due universi che parlano linguaggi ancora troppo differenti e lontani tra loro, ma che possono essere collegati tra knowledge (conoscenze), skill (abilità) e habits Le nuove tecnologie sono indubbiamente un fattore cruciale per realizzare  un ruolo chiave “incentivare l’innovazione e l’uso delle nuove tecnologie Per creare specializzazione all’interno e all’esterno della scuola, un progetto d’innovazione, concreto e integrato del sistema d’insegnamento non  determinanti per la competitività europea a lungo termine, nonché per la possibilità di creare posti di lavoro e crescita. educativo gli strumenti necessari per migliorare la didattica, per incentivare lo sviluppo di competenze  formazione e mondo del lavoro e consegnare così alle giovani generazioni una reale opportunità per il futuro.  Negli ultimi anni il sistema scolastico italiano, caratterizzato da frammentazione e da una condizione di ritardo nell’ambito dell’utilizzo delle risorse informatiche rispetto agli altri Paesi europei, sta vivendo un’evoluzione che porta a rivedere la metodologia didattica nazionale, sicuramente valida e con solide radici culturali, ma con un notevole bisogno di aggiornamento soprattutto in funzione della capillare introduzione Rispetto all’impostazione passata, che ha privilegiato una visione storicistica e di stampo umanistico, le linee guida di una formazione moderna prevedono: • l’alfabetizzazione nelle tecnologie informatiche come competenza trasversale, per incoraggiare e sviluppare le doti creative e collaborative degli studenti. La scuola del futuro “Uninsegnamentoeunaformazionemigliori sono fattori decisivi per la competitività a qualità elevata se vogliamo che le riforme nell’ambito delle proprie competenze, questi problemi proponendo una serie di Ján Figel Commissario Europeo responsabile per l’istruzione, la formazione, la cultura e i giovani. Bruxelles, 6 agosto 2007 3
  20. 20. La connessione tra mondo professionale e mondo dell’istruzione, per Microsoft, è sintetizzabile nell’attuazione dell’ambizioso Progetto Connected Learning Community: fornire la tecnologia, gli strumenti e il supporto per aumentare le opportunità di apprendimento e garantire allo stesso tempo Nella Connected Learning Community i nuovi dispositivi di elaborazione e l’esplosione globale dei servizi Web consentono di comunicare e apprendere senza vincoli di tempo e spazio, permettendo a studenti, educatori e genitori di accedere alle informazioni in ogni momento e in ogni luogo. Soluzioni per l’acquisizione del software Agevolazioni per le scuole e le Università Microsoft promuove una serie di opportunità commerciali per la diffusione delle tecnologie informatiche più innovative   riservate per il mondo Education, oltre ad assicurare i vantaggi che derivano dall’utilizzo di software Microsoft originale, garantiscono risparmi notevoli. Microsoft School Agreement Subscripition è un programma di noleggio del software, il cui canone viene calcolato in funzione del numero di PC (a partire da un minino di 50 postazioni) utilizzati dalla scuola. Durante il periodo di validità della licenza, l’istituto scolastico può installare i programmi Microsoft più utili nelle attività didattiche. Nell’arco del periodo previsto dal contratto, la licenza sarà estesa e consentirà di installare su tutte le macchine i vari aggiornamenti dei software previsti nell’offerta. School Agreement, inoltre, consente agli insegnanti di utilizzare i programmi anche a casa, a supporto della loro attività professionale. Alle Università Microsoft propone invece Campus Agreement Subscription  e l’aggiornamento del software su tutti i PC presenti nell’ateneo  a tutto il personale docente e non docente. Campus Agreement permette di gestire il software in modo centralizzato indipendentemente dal numero di PC, eliminando così le problematiche amministrative legate all’aggiornamento dei programmi e alla pirateria. Microsoft offre inoltre agli studenti e agli insegnanti delle scuole la Licenza Studente-Docente    di listino. modo stabile e organico la diffusione misure per lo sviluppo economico e Giuseppe Fioroni Ministro della Pubblica Istruzione Scuola, gli istituti tecnici tornano Roma, 25 gennaio 2007
  21. 21. 2424 Migliorare l’apprendimento: il ruolo della tecnologia Il Programma Partners in Learning - Tecnologie innovative per la scuola In una società in continua evoluzione, è giusto che la scuola e le Università possano disporre, accanto ai tradizionali strumenti didattici, anche di strumenti più aggiornati per fornire una cultura al passo con i tempi. Microsoft realizza da anni corsi di formazione, incontri, seminari e numerose altre iniziative per promuovere l’alfabetizzazione tecnologica di studenti e docenti delle scuole di ogni ordine e grado. di 250 milioni di dollari per supportare l’utilizzo dell’ICT nelle scuole a livello internazionale e si propone di favorire la diffusione di una vera e propria cultura tecnologica nella scuola italiana, dando vita a una comunità scolastica virtuale che, grazie al software e alla tecnologia, possa esprimere al meglio le proprie potenzialità. Il progetto ha già ricevuto l’adesione di oltre 100 differenti nazioni e di importanti istituzioni e realtà impegnate nel campo dell’istruzione e della cultura, come l’UNESCO,   studenti, docenti ed operatori del settore, rendendoli protagonisti delle iniziative e valorizzando la condivisione di conoscenze. Bill Gates, Chairman di Microsoft Corporation, in occasione del Government Leaders Forum Europe, l’evento annuale che raccoglie esponenti delle istituzioni, del business e del settore Education, per illustrare i progetti innovativi di Microsoft ha dichiarato il rinnovato impegno nel mondo Education con Partners in Learning - Tecnologie innovative per la scuola, il programma che offre un’ampia gamma di risorse didattiche e di formazione pensate per consentire agli studenti di realizzare il proprio potenziale. Per altri 5 anni sono stati stanziati 235,5 milioni di dollari per consentire a PiL di proseguire la sua attività di educazione informatica nelle scuole. In italia, Partners in Learning ha consentito di aprire più di 150 centri Microsoft IT Academy e di formare  Inoltre, attraverso Apprendere in rete, oltre 100.000 docenti che visitano il sito hanno la possibilità di condividere esperienze didattiche avanzate rese possibili dalla tecnologia informatica. 35.000 docenti sono già registrati nella community e partecipano attivamente alla comunità virtuale. Il programma, di respiro internazionale, mira a favorire l’accesso alla tecnologia e alla multimedialità e lo sviluppo di competenze didattiche del corpo docente, grazie a iniziative in ambito informatico. Partners in Learning si propone di:     • accompagnare l’evoluzione dei metodi d’insegnamento nelle istituzioni scolastiche di tutto il mondo. I progetti cardine su cui si basa oggi Partners in Learning sono iniziative mirate, studiate per favorire  la condivisione di esperienze didattiche e l’utilizzo della tecnologia attraverso comunità online dedicate, contenuti e percorsi formativi creati da “docenti per i docenti“. Ecco alcuni esempi: • Microsoft IT Academy • Apprendere in rete www.apprendereinrete.it • Fresh Start PC donati una partnership pubblico-privato che si ai contenuti formativi e alle necessarie L’iniziativa è stata investita del patronato del Presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso. www.e-scc.org/alliance/
  22. 22. 25 Non si tratta semplicemente di installare Personal Computer o reti informatiche nelle scuole, ma di costruire modelli che rendano produttivo l’accesso a tali risorse e che consentano di sfruttare strumenti come la multimedialità e l’e-learning. Le comunità virtuali rafforzano, così, il processo di apprendimento, favoriscono una maggiore partecipazione da parte degli studenti nella loro relazione con la scuola, e danno vita a una più solida integrazione tra scuola, docenti, studenti, famiglie e imprese. di un’offerta di prodotti studiata appositamente per soddisfare le esigenze di professori, studenti e istituzioni accademiche di ogni dimensione: si concretizza in un programma globale, Partners in Learning, che contribuirà a diffondere una vera e propria cultura tecnologica nel nostro Paese. Microsoft Student 2007: strumenti e contenuti per aiutare gli studenti a scuola e a casa. Microsoft Student 2007 è organizzato in base agli strumenti didattici e alle materie scolastiche, per offrire a studenti e insegnanti i migliori contenuti per affrontare la vita a scuola. Una risposta concreta di come la tecnologia possa intervenire  utili e pratici per un apprendimento più veloce e divertente. • Microsoft Math. Include una serie di strumenti che aiuteranno   • Ricerca di informazioni. Student 2007 include la versione completa di Encarta 2007 Premium, l’enciclopedia multimediale per eccellenza. Scopri come i ricchissimi contenuti di Encarta Premium possono aiutare  di argomenti. • Strumenti per lo studio delle lingue, per garantire agli studenti la possibilità di utilizzare Microsoft Word per tutti i loro compiti in inglese, francese e tedesco. • Strumenti e modelli didattici, tutorial e barre strumenti per guidare passo passo gli studenti a creare compiti, ricerche e presentazioni di cui essere orgogliosi. http://www.microsoft.com/italy/products/student/ •    trasformando le lezioni in un piacevole momento di scambio e condivisione.  2007 in tutti i suoi aspetti.  • Microsoft Learning Suite Risorse didattiche personalizzate per gli insegnanti concepite secondo i moderni metodi di insegnamento delle scuole primarie e secondarie. Microsoft Learning Suite ravviva le lezioni grazie a una serie di applicazioni desktop integrate che includono  Inoltre supporta differenti metodi di insegnamento e riunisce le più potenti applicazioni desktop in un unico set di prodotti integrati, familiari e di semplice utilizzo. Questi prodotti supportano diversi stili di apprendimento e aiutano a realizzare il potenziale  www.microsoft.com/emea/education/learningSuite/
  23. 23. Il nuovo modello collaborativo La scuola come laboratorio multimediale interattivo    il rapporto tra docente e alunni e impongono un nuovo modo di insegnare e di trasmettere la conoscenza.  Possiamo immaginare una struttura scolastica con un portale che renda possibile il dialogo e l’interazione di tutte le parti coinvolte nel mondo dell’istruzione: docenti, alunni, personale tecnico e amministrativo e dirigenti scolastici. Oppure, ancora più avveniristico, immaginiamo un Campus Internazionale all’interno Questi aspetti di condivisione, collaborazione globale e formazione a distanza, però, non possono stravolgere i canoni tradizionali dell’insegnamento fatto anche di rapporti diretti, di confronto tra persone, processo che continua ad avvenire all’interno delle scuole e Istituti di ogni ordine e grado. Ma è possibile cercare una strada di integrazione tra la modalità classica e forme più avanzate e tecnologiche (e magari più  Innanzitutto una scuola “collaborativa  dove docenti e alunni possano scambiarsi facilmente e in tempo reale le informazioni. In secondo luogo dovrebbe essere una scuola “interattiva Le istituzioni scolastiche hanno l’opportunità, grazie alla tecnologia, di condividere in Rete materiali didattici e creare vere e proprie classi virtuali con strumenti e sistemi server per la collaborazione Microsoft SharePoint® , realizzando così una comunicazione bidirezionale tra docenti e studenti ma anche tra insegnanti e genitori, con il coinvolgimento (perché no?) del vengano coinvolti direttamente dagli insegnanti a sviluppare attivamente programmi e progetti attraverso la tecnologia. La scuola ideale dovrebbe introdurre piattaforme wiki e blog all’interno dei portali d’Istituto, permettendo a tutti gli utenti registrati e autorizzati di co-creare i contenuti che la scuola stessa sceglie di veicolare all’esterno. lavagne multimediali  Oggi è già possibile offrire alla scuola un ambiente in cui creare contenuti didattici multimediali, condividerli con gli studenti di classi diverse e con altri docenti, secondo un approccio attivo e partecipativo all’apprendimento. Tutto ciò costituisce le basi per il futuro allestimento di un ambiente scolastico online che eroghi formazione multimediale in Rete, dentro e fuori le aule e i laboratori informatici. Un primo passo potrebbe essere utilizzare diffusamente un Personal Computer e una lavagna multimediale multimediali è possibile scrivere, annotare, disegnare o cancellare, ma soprattutto, salvare e catalogare automaticamente e spedire il documento creato via e-mail o stamparlo su carta.
  24. 24. 27 Nuovi strumenti di collaborazione: l’innovazione nel mondo dell’istruzione Le nuove infrastrutture collaborative a basso costo – dalla telefonia gratuita via Internet ai software open source – consentono a migliaia di utenti non più solamente di usufruire della tecnologia ma di co-creare contenuti e risorse condivisibili dalla comunità, in modalità immediata e gratuita. Basti pensare alla diffusione e proliferazione più grande al mondo cui tutti possono contribuire  ci trasformiamo in prosumer, attori e spettatori nello stesso momento. Questa evoluzione rapida dei mezzi di comunicazione e della loro fruibilità, stanno rivoluzionando non solo il concetto di informazione ma anche sempre più ampio, le tecniche didattiche e le modalità di apprendimento. È molto importante, di conseguenza, che gli  dall’inizio a familiarizzare con le nuove tecnologie: Web 2.0, piattaforme di condivisione, blogging, da trasferire a coloro che stanno per entrare nel mondo del lavoro. L’insegnamento non può trascurare la nuova dimensione sociale della Rete, per cui il Web diventa  da persone. Web 2.0 abbraccia così i concetti di intelligenza collettiva, di contenuti aperti e si oppone alla chiusura della produzione di conoscenza, mettendo in discussione il principio di autorità. Tale processo di rinnovamento della didattica attraverso i giusti strumenti deve accompagnarsi delle nuove tecnologie rivolte contemporaneamente a studenti, insegnanti, dirigenti scolastici e personale amministrativo. È di soluzioni tecnologiche che favoriscano un nuovo approccio alla formazione nelle scuole e nelle Università. La scuola del futuro sarà una combinazione sempre più omogenea di cultura tradizionale e sapere informatico. Il suo ruolo sarà molto più importante che in passato, perché il successo di ciascuno si misurerà sulla sua capacità di apprendere lungo l’intero arco della vita. Le persone metteranno a disposizione esperienze e conoscenze e allargheranno gli orizzonti del proprio apprendimento all’interno di una comunità didattica mondiale, di cui la tecnologia rappresenta il fattore abilitante. Potranno così esprimere al meglio il proprio potenziale, accedendo liberamente e collaborando
  25. 25. 2828 Le soluzioni “collaborative” di Microsoft Windows SharePoint Services 3.0: Link Campus University of Malta Un esempio di come le nuove tecnologie aiutino a sviluppare un nuovo sapere condiviso è sicuramente il caso del Campus University of Malta,  offrire agli studenti percorsi formativi personalizzati e strumenti didattici all’avanguardia che favoriscono e arricchiscono il processo di apprendimento. Grazie alle potenzialità avanzate di streaming e all’elevata integrazione   preparazione seguendo percorsi di auto-valutazione.  Campus di aggiudicarsi importanti gare di formazione a distanza per il personale della Pubblica Amministrazione, oltre ad attirare l’interesse del mondo accademico internazionale. L’e-learning per gli insegnanti: Progetto did@TIC Dopo il grande successo riscosso dalle due edizioni di Progetto Docente, che negli anni 2004 e 2005 attuò i programmi di e-learning previsti dalla Riforma Moratti offrendo a oltre 15.000 insegnanti un’opportunità di Giunti Labs, a Progetto did@TIC, un’iniziativa online per aggiornare i docenti della scuola secondaria sulla metodologia didattica basata sul Project Based Learning (PBL, ovvero “apprendimento basato La metodologia PBL ha evidenziato come la tecnologia e l’uso dei software siano strettamente legati  del gruppo, la risoluzione dei problemi e la condivisione del lavoro. Gli strumenti tecnologici diventano Lavorare su un progetto, costruito attorno a un problema da risolvere in gruppo, stimola gli studenti   un “facilitatore dell’apprendimento A dimostrazione dell’importanza che continua ad avere anche la formazione in presenza, lo stesso Progetto I seminari, realizzati con la collaborazione degli Istituti Regionali per la Ricerca Educativa del Ministero (IRRE)  e psico-sociale sulle metodologie didattiche basate sul Project Based Learning. Apprendere in rete – il nuovo volto della didattica online  Web, non può rimanere indifferente ma deve aggiornare strumenti e metodo per superare non solo il limite 
  26. 26. 29 Microsoft ha realizzato un portale online, un’area aperta a tutti, capace di raccogliere virtualmente il patrimonio culturale , rendendolo più dinamico e soprattutto condivisibile: Apprendere in rete – didattica online per i docenti. Apprendere in rete è il progetto sviluppato da Microsoft in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione e realizzato grazie al prezioso contributo degli stessi insegnanti. Nato per diffondere all’interno di tutte le scuole la conoscenza e l’utilizzo delle tecnologie, attualmente conta la più vasta community virtuale di docenti online Il portale offre percorsi didattici online a carattere  di approfondimento o da link. Tali percorsi costituiscono di semplici suggerimenti per tenere lezioni in classe servendosi degli applicativi Microsoft. Il sito, inoltre, si è trasformato nella più grande piattaforma di condivisione di materiali didattici, una grande sala professori globale dove gli insegnanti di ogni parte di Italia possono condividere il sapere e creare lezioni nate dal frutto di più menti all’interno di uno spazio privilegiato di osservazione.  ai punti d’incontro virtuali in cui confrontarsi con professionisti dell’IT e altri colleghi sui temi più discussi della didattica e della tecnologia.
  27. 27. © 2008 Microsoft. Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi e marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Visitateci su Internet www.microsoft.com/italy/ Servizio clienti: www.microsoft.com/italy/info

×