Progetto Orso Bruno di WWF Italia

308 views

Published on

CONDANNATO A MORTE
NOME IN CODICE M13
REATO COMMESSO
ESSERSI AVVICINATO
TROPPO AI CENTRI ABITATI
REATI PREGRESSI
AVER PREDATO
ALCUNE PECORE
http://www.wwf.it/orsobruno

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
308
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Progetto Orso Bruno di WWF Italia

  1. 1. ©WILDWONDERSOFEUROPE/WIDSTRAND/WWF©M.FRATTON©FOTOORSO_FLICKRCREATIVECOMMONS©HOMOAMBIENSCONDANNATOAMORTENOMEINCODICE M13REATOCOMMESSO ESSERSI AVVICINATOTROPPO AI CENTRI ABITATIREATIPREGRESSI AVER PREDATOALCUNE PECOREM13 è stato abbattuto a febbraio del 2013 dalleautorità svizzere del Cantone Grigioni perchéconsiderato una minaccia per l’uomo. L’orso viveva inTrentino, ma non conosceva i confini degli Statidisegnati dall’uomo. All’inizio dell’inverno il personaledell’Amministrazione provinciale di Bolzano l’avevacatturato per mettergli il radiocollare e controllarne glispostamenti: M13 si era reso responsabile dellapredazione di alcune pecore. Nel caldo della suatana però M13 ha strappato via il radiocollare e al suorisveglio si è messo in cammino verso la Svizzera. Nonaveva paura dell’uomo, ma l’uomo aveva paura di lui.Qualche giorno prima di essere abbattuto M13 è statoavvistato da una ragazza di 14 anni finita in ospedalesotto shock per la paura di averlo incontrato. Oggi M13non fa più paura a nessuno. Ma a noi del WWF famolta paura un futuro senza l’orso.M13 è stato tradito dal suo carattere, quel suo essere perniente timido a dispetto di una stazza che mettevapaura. Lo ha tradito un inverno troppo breve, il sonnoinvernale finito anzitempo che gli aveva lasciato addossouna voglia matta di procurarsi cibo nei centri abitatiavvicinandosi troppo all’uomo.CONTRARIALLAPENADIMORTELi avevamo ridotti sull’orlo dell’estinzione. All’iniziodel secolo scorso l’orso bruno era praticamentescomparso dall’area alpina, a causa della caccia edel bracconaggio spietato. Oggi gli orsi stannotornando ma continuano ad essere uccisi e massacratiperché il loro ritorno riaccende immediatamente iconflitti con l’uomo.Siamo ormai abituati a una vita senza gli orsi e nonadottiamo più quegli accorgimenti chepotrebbero rendere la convivenza possibile.Arnie e cassonetti della spazzatura sono privi diprotezioni, pecore e capre pascolano incustodite, i pollainon hanno recinzioni.Per gli orsi costretti a vivere in spazi ristretti, queste sonotentazioni irresistibili. Inevitabilmente però i dannieconomici creati dagli orsi creano forti tensioni nellecomunità locali.Un orso che provoca danni non ènecessariamente pericoloso. L’abitudine adavvicinarsi a centri abitati non è sinonimo di aggressivitàverso l’uomo, quanto la manifestazione di un’abitudinealla presenza umana che rende gli orsi più confidenti.Un orso che impara a cercare cibonei centri abitati mette a rischioanche la sua incolumità.COLPEVOLE.REATO COMMESSO:ESSERSI AVVICINATOTROPPO ALL’UOMOPROGETTO ORSO BRUNO©FOTOORSO_FLICKRCREATIVECOMMONS©FOTOORSO_FLICKRCREATIVECOMMONS35INDIVIDUIRIMASTISULLEALPINOINONACCETTIAMOCHELEALPISITRASFORMINONELLESTANZEVUOTEDIUNPAESAGGIOABBANDONATO.Perchéfarlo,sarebbecomeaccettareun’esistenzasenzailsole,ilvento,glistambecchiolestellealpine.SIAMOCONTRARIALLAPENADIMORTE. © 1986 Panda Symbol WWF - World Wide Fund For Nature® “WWF” è un Marchio Registrato WWFWWF Italia ONLUS - Via Po, 25/c - 00198 RomaPerché siamo qui.Vieni a trovarci sul sito wwf.itPer fermare il degrado del pianeta e costruire un futuro in cui l’uomopossa vivere in armonia con la natura.PROGETTOORSOBRUNOQuestaspecieèinpericolointuttoilmondo.wwf.it/orsobrunoM12, fratello di M13,è morto, nel 2012,in un incidentenella zona di Bolzano.L’87,5percentodelle cause di mortalitàdegli esemplari ritrovatiè di origine antropica.35circasono gli individuirimasti sulle Alpi.M14 è stato investitoda un’automobileuna notte di aprile 2012.©FOTOORSO_FLICKRCREATIVECOMMONS
  2. 2. ©FOTOORSO_FLICKRCREATIVECOMMONS©SARABRAGONZI/WWFITALIA©SARABRAGONZI/WWFITALIASe deciderai di sostenereil progetto “Un’area per l’orso”,a settembre potrai venirecon noi a conoscere da vicinol’habitat dell’orso brunoe riceverai il nuovo adesivo“Sostenitore WWF”per ringraziarti del tuoimportante sostegno.Se vuoi venire con noi,chiama il servizio Sociallo 06.84497500o scrivi a soci@wwf.itCONILTUOAIUTOILNOSTROIMPEGNOTRELINEEDIAZIONEUNUNICOOBIETTIVO:UNACASAPERL’ORSOIl WWF intende creare un’oasi affiliata per favorire la presenza dell’orso.Non lontano, c’è il Maso Fratton, antica area rurale abbandonata per 50 anni e gestitagià dal WWF fin dal 1993 in accordo con il FAI che in quell’epoca la acquistò.AMPLIAMENTODELL’AREAL’orso ha bisogno di spazi ampi e sicuri per potersinutrire e riprodurre. Per questo è tanto importanteassicurare una nuova area protetta per l’orso:la casa dell’orso. Il sito si trova in una delle areepiù importanti per la presenza dell’orso sulle Alpi,il Massiccio dell’Adamello-Brenta. Con la creazionedi un’Oasi affiliata quindi ci proponiamodi ampliare questa’area secondo i principied i modelli delle Oasi WWF.INTERVENTIPERL’ORSOInterverremo sull’area per ripopolarla di orsi.Si prevede quindi l’acquisto e la distribuzionedi recinzioni elettrificate per la tutela delle greggi,delle arnie e delle colture dall’orso, il recuperodi frutteti abbandonati che possano tornare a offrirecibo per gli orsi, nonché la rinaturalizzazionedi alcuni lembi di bosco.INTERVENTISULLESTRUTTUREELOROVALORIZZAZIONESi prevedono interventi di recupero di alcunestrutture del Maso per renderle più funzionali alruolo didattico ed educativo (per esempio dotandoledi pannelli illustrativi). È importante la diffusionedi una cultura della conservazione che non faccia piùapparire l’orso come nemico e che mostri come siapossibile proteggersi dalla sua presenza.SPENDEREMO COSÌ I FONDI RACCOLTIANCHE GRAZIE AL TUO CONTRIBUTOGli interventi che riusciremo a realizzare dipendono dai fondi che raccoglieremo everranno spesi in funzione delle priorità di conservazione.40euroPOTREMORECUPERAREPIANTEDAFRUTTOUTILIPERL’ALIMENTAZIONEDEGLIORSI90euroCONTRIBUIRAIALL’ACQUISTODIUNKITPERLAREALIZZAZIONEDIUNARECINZIONEELETTRIFICATA120euroDOTEREMOL’AREADIALCUNEATTREZZATURENECESSARIEPERLAVISITAQUESTEATTIVITÀSONOURGENTIEPRIORITARIEPEREVITAREALTRIM13.ILTUOAIUTOÈFONDAMENTALE,ORAPIÙCHEMAI.DONAORA42.000EUROAcquisto di 30 recinzioni elettrificatecomplete di pannello solare e recuperodi vecchi frutteti abbandonati.100.000EUROAmpliamento della superficie gestitae recupero di alcuni ruderi dell’areadestinati a locali di servizio per la gestionedell’Oasi con recupero teleferica.ORSOAVVISTATONELL’ADAMELLOBRENTA

×