QUESTO       RAPPORTO       È STATO       PRODOTTO IN       COLLABORAZIONE       CON: I2012Living PlanetReport 2012Biodive...
WWFIl WWF è una delle più grandi organizzazioni mondiali indipendenti per la con-servazione della natura, con oltre 5 mili...
IndiceIntroduzioneMantenere vivo il Pianeta vivente, di Jim Leape             4Essere protagonisti del cambiamento, di Adr...
A cura diRedattore capo: Monique Grooten.Redazione: Rosamunde Almond and Richard McLellan.Team editoriale: Nigel Dudley, E...
Living PlanetReport 2012Biodiversità, biocapacitàe scelte migliori~
Mantenere vivoil Pianeta viventeNoi tutti ben conosciamo la cruda serie di grafici sulle emissioni di                     ...
20 ANNI DOPO   ziamo: aumentare l’efficienza di edifici, autoveicoli e fabbriche può       L’EPOCALE EARTH    dimezzare la...
ESSERE PROTAGONISTIdel CaMBIAMENTOIn qualunque data si voglia porre il momento dell’acquisizione                          ...
Utilizzare al meglio     Sembra quindi che oltre a predisporre ed utilizzare nuove       gli strumenti     strumentazioni ...
IL FUTUROè nelle nostre maniSe i nostri modelli di produzione e consumo delle risorse naturali,se i nostri impatti sugli e...
Sono necessarie    possiamo diventare protagonisti di un cambiamento effettivo, nella risposte immediate    prospettiva di...
Agenzia Spaziale Europea: La Terra dallo spazio Quest’anno un nuovo partner ha contribuito alla produzione del Living Plan...
La Terra necessitadi uno spazio maggiore!Guardare fuori dall’oblò e ammirare la Terra dallo spazio è normale              ...
7 miliardi di aspettative,un PianetaNella vasta immensità dell’universo, un sottile strato di vita circon-        L’INDICE...
Fig. 1: Indice del                                             2Pianeta vivente(WWF / ZSL, 2012)                          ...
insieme a un’analisi specifica dei servizi ecosistemici da essi forniti.Vengono, inoltre, prese in esame le pressioni sull...
Come fare, quindi, per invertire il declino della biodiversità, riportare                         l’Impronta ecologica nei...
Il Living Planet Report 2012in breveCapitolo 1: Lo stato del PianetaIn tutto il mondo la biodiversità è diminuita  •	 l’In...
•	 attualmente la deforestazione e il degrado forestale sono respon-     sabili di circa il 20% delle emissioni antropogen...
Capitolo 1: Lo statodel Pianeta~L’immagine mostra la meticolosa pianificazione delle coltivazioni nel-le comunità autonome...
© KARI
L’Indice del Pianeta viventeL’Indice del Pianeta vivente riflette i cambiamenti di stato dellabiodiversità del Pianeta, ut...
© Jon Aars / Norwegian Polar Institute / WWF-Canon
Tenere sotto controllo             la biodiversità globale             Data la complessità della biodiversità globale, ris...
LPI                                                         GLOBALE                                                       ...
L’Indice del Pianeta viventeL’Indice del Pianeta vivente è un indicatore composito che misura levariazioni di dimensione d...
© naturepl.com / Doug Perrine / WWF-CanonSilhouette di un sub e un pesce vela atlantico (Istiophorus albicans) visti da so...
Indici del Pianeta vivente tropicale e temperato           L’Indice del Pianeta vivente tropicale è diminuito di poco più ...
gli uccelli nidificanti del Regno Unito, gli uccelli marini e gli uccelli                                             sver...
L’Indice del Pianeta vivente marino    L’Indice del Pianeta vivente marino è diminuito di oltre il 20% fra il    1970 e il...
che, quindi, nel 1970 l’Indice marino delle zone temperate sia partito                                 da una base molto i...
Trend di popolazione esemplificativi                                                                                      ...
Studio di un caso concreto: le tigri                                                  I numeri riguardanti le tigri (Panth...
Studio di un caso concreto: i delfini di fiumeLe popolazioni di cetacei d’acqua dolce sono in rapida diminuzione.Questi de...
Trend di popolazione esemplificativi 500                                                                                  ...
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Living planet report 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Living planet report 2012

5,647

Published on

Lanciata dallo Spazio l’edizione 2012 del ‘Living Planet Report’, l’indagine biennale del WWF sulla salute della Terra illustrata in orbita dall’astronauta dell’ESA, André Kuipers.
Le cifre: meno 30% di biodiversità in circa 40 anni, fino a -60% nei Tropici. In 1 anno consumiamo nel mondo le risorse di 1 Pianeta e mezzo; in Italia di 2,5 Pianeti ogni anno

Siamo talmente avidi che in un anno ‘divoriamo’ le risorse naturali di un Pianeta e mezzo (in parole povere utilizziamo risorse oltre la capacità che i sistemi naturali hanno di rigenerarle attraverso i loro cicli vitali). Una voracità che ha provocato, solo fra il 1970 e il 2008, la perdita del 30% di biodiversità a livello globale con punte del 60% nei Tropici, tra le aree geografiche più colpite del mondo. Un trend di sovrasfruttamento confermato anche dai dati sull’impronta ecologica degli ultimi anni: nel 2008, infatti, a fronte di una biocapacità (cioè della capacità che i sistemi naturali hanno di produrre risorse biologiche utilizzabili dagli esseri umani) della Terra di 12 miliardi di ettari globali (Gha) , corrispondenti ad una ‘porzione’ pro capite media di 1,8 gha – che nel 1961 era di 3,2 ettari globale, quasi il triplo - si è registrata un’impronta ecologica umana di 18,2 miliardi di gha complessivi per una quota procapite di 2,7 gha. In Italia superiamo addirittura la media mondiale con un consumo annuale di ben 2,5 Pianeti e una quota pro capite di 4,5 gha. http://bit.ly/JRAlVB

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
5,647
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
10
Actions
Shares
0
Downloads
93
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Living planet report 2012

  1. 1. QUESTO RAPPORTO È STATO PRODOTTO IN COLLABORAZIONE CON: I2012Living PlanetReport 2012Biodiversità, biocapacitàe scelte migliori
  2. 2. WWFIl WWF è una delle più grandi organizzazioni mondiali indipendenti per la con-servazione della natura, con oltre 5 milioni di soci e una rete globale attiva in oltre100 paesi. La missione del WWF è arrestare il degrado dell’ambiente naturale delnostro Pianeta e creare un mondo dove l’uomo possa vivere in armonia con la na-tura, tutelando la biodiversità, garantendo un utilizzo sostenibile delle risorse nat-urali rinnovabili e promuovendo la riduzione dell’inquinamento e degli sprechi.Zoological Society of LondonFondata nel 1862, la Zoological Society of London (ZSL) è un’organizzazione inter-nazionale scientifica dedita alla conservazione della natura e all’educazione am-bientale. La sua missione è ottenere e promuovere la conservazione delle specieanimali e dei loro habitat a livello mondiale. La ZSL dirige il Giardino Zoologico diLondra e il Parco di Whipsnade, fa ricerca scientifica nell’Istituto di Zoologia e par-tecipa in modo attivo nel campo della conservazione della natura a livello mondiale.Global Footprint NetworkIl Global Footprint Network promuove la scienza della sostenibilità lavorandosull’Impronta ecologica, uno strumento che consente di misurare la sostenibil-ità. Insieme ai suoi partner, questo network opera per migliorare e implementarequesta scienza coordinando la ricerca, sviluppando standard metodologici e forn-endo a coloro che devono prendere delle decisioni resoconti sulle risorse naturaliper aiutare l’economia umana a operare all’interno dei limiti ecologici della Terra.Agenzia Spaziale EuropeaL’Agenzia Spaziale Europea (ESA) è la porta di accesso allo spazio per l’Europa.La sua missione consiste nello sviluppo delle capacità spaziali europee e nellagaranzia che gli investimenti effettuati per la conquista dello spazio continuinoa produrre vantaggi e ricadute positive per tutti i cittadini europei e del mondo.L’ESA è un’organizzazione internazionale a cui appartengono 19 stati membri.Coordinando le risorse finanziarie e intellettuali dei suoi membri, l’Agenzia ri-esce a intraprendere programmi e attività che vanno ben oltre le possibilità deisingoli paesi. I diversi programmi dell’ESA sono finalizzati ad approfondire leconoscenze sulla Terra, lo spazio che la circonda, il sistema solare e l’universo.WWF International Global Footprint NetworkAvenue du Mont-Blanc 312 Clay Street, Suite 3001196 Gland, Switzerland Oakland, California 94607, USAwww.panda.org www.footprintnetwork.orgWWF Italia European Space AgencyVia Po, 25/c ESA HQ Mario-Nikis00198 Roma, Italia 8-10 rue Mario Nikiswww.wwf.it 75738 Paris Cedex 15 FranceInstitute of ZoologyZoological Society of LondonRegent’s Park, London NW1 4RY, UK LOGO FSCwww.zsl.org/indicatorswww.livingplanetindex.org
  3. 3. IndiceIntroduzioneMantenere vivo il Pianeta vivente, di Jim Leape 4Essere protagonisti del cambiamento, di Adriano Paolella 6Il futuro è nelle nostre mani, di Gianfranco Bologna 8Agenzia Spaziale Europea: La Terra dallo spazio 10La Terra necessita di uno spazio maggiore, di André Kuipers 117 miliardi di aspettative, un Pianeta 12Il Living Planet Report 2012 in breve 16Capitolo 1: Lo stato del Pianeta 18Tenere sotto controllo la biodiversità globale 22L’Indice del Pianeta vivente 24L’Impronta ecologica 40Popolazione, sviluppo e urbanizzazione 56L’Impronta idrica 66Capitolo 2: perché occuparsene 72Collegare biodiversità, servizi ecosistemici e persone 74Le foreste 78I fiumi a scorrimento libero 86Gli oceani 88La lotta per la terra 92Capitolo 3: Cosa ci riserva il futuro? 94Gli impatti dei cambiamenti climatici 96L’utilizzo degli scenari 102Progettare l’Impronta ecologica fino al 2050 104Modellazione del capitale naturale a Sumatra 105Il modello delle Foreste viventi 106Capitolo 4: Le scelte migliori per un Pianeta vivente 108Conclusioni128Allegati: Note tecniche e tabelle dati 130Allegato 1: L’Indice del Pianeta vivente 132Allegato 2: L’Indice dell’Impronta ecologica 138Allegato 3: Glossario e abbreviazioni 150Bibliografia 157
  4. 4. A cura diRedattore capo: Monique Grooten.Redazione: Rosamunde Almond and Richard McLellan.Team editoriale: Nigel Dudley, Emma Duncan, Natasja Oerlemansand Sue Stolton.Revisori esterniWilliam F. Laurance, FAAAS (Distinguished Research Professor andAustralian Laureate, Centre for Tropical Environmental and SustainabilityScience (TESS) and School of Marine and Tropical Biology, James CookUniversity, Cairns, Australia; and Prince Bernhard Chair for InternationalNature Conservation, Utrecht University, Utrecht, the Netherlands).Pita Verweij (Copernicus Institute of Sustainable Development, Facultyof Geosciences, Utrecht University, the Netherlands).Zoological Society of London (ZSL):Louise McRae and Ben Collen (gruppi direttivi: Indice del Pianeta vivente);con Stefanie Deinet, Peter Hill, Jonathan Loh, Jonathan E. M. Baille andVictoria Price.Global Footprint Network (GFN):Gemma Cranston (gruppo direttivo: Impronta ecologica); con MathisWackernagel, Michael Borucke, Alessandro Galli, Kyle Gracey, KatsunoriIha, Joy Larson, Scott Mattoon, David Moore, Juan Carlos Morales andPati Poblete.WWF:Neil Burgess, Antje Ahrends, Nirmal Bhagabati, Brendan Fisher, EmilyMcKenzie and Kirsten Schuyt (servizi ecosistemici); Jessica Battle (marino);Carina Borgstrom-Hansson (città); Ashok Chapagain (Impronta idrica);Bart Wickel and Lifeng Li (acque dolci); Elaine Geyer-Allely (popolazionee sviluppo); Rod Taylor and Therese Tepe (foreste); Nicholas Sundt(cambiamenti climatici).Un ringraziamento speciale per l’ulteriore revisione e i contributiva a: Naikoa Aguilar-Amuchastegui, Keith Allott, Jason Anderson, VictorAnderson, Simon Anstey, Alberto Arroyo-Schnell, Mike Baltzer, Adam Barlow,Eugenio Barrios, Andreas Baumueller, Karin Bilo, Gianfranco Bologna, BruceCabale, Sandra Charity, Boping Chen, Sarah Christie, Jason Clay, Carol Day,Adrian Dellecker, Kristina Van Dexter, Cristina Eghenter, Wendy Elliott,Helen Fox, Neva Frecheville, Erik Gerritsen, Aimee Gonzales, Johan van deGronden, May Guerraoui, Lasse Gustavsson, Pablo Gutman, Chris Hails, RayHilborn, Reinier Hille Ris Lambers, Richard Holland, Jeff Hutchings, ColbyLoucks, Andrea Kohl, Jim Leape, Lou Leonard, Aimee Leslie, Jonathan Loh,Imke Luebbeke, Gretchen Lyons, László Máthé, Anne Meikle, Sergy Moroz,Sally Nicolson, Stuart Orr, Anouk Pasquier, Helen Pitman, Mark Powell,Gerry Ryan, Anke Schulmeister, Alfred Schumm, Claudia Schweizer,Stephan Singer, Samantha Smith, Gerald Steindlegger, Paul Sunters,Jon Taylor, Michele Thieme, Samuel Turvey, Niall Watson, George White,Luke Wreford, Julia Young and Natascha Zwaal.European Space Agency:Robert Meisner (gruppo direttivo); with Rosita Suenson, Bernhard vonWeyhe, Nadia Imbert-Vier, Roberto LoVerde and Chiara Solimini.Edizione italiana a cura di: Eva Alessi, Gianfranco BolognaCoordinamento editoriale: Emanuela PietrobelliTraduzione: Patrizia ZarattiImpaginazione: Letré - Roma
  5. 5. Living PlanetReport 2012Biodiversità, biocapacitàe scelte migliori~
  6. 6. Mantenere vivoil Pianeta viventeNoi tutti ben conosciamo la cruda serie di grafici sulle emissioni di © WWF-Canon / www.ateliermamco.comcarbonio, la deforestazione, la carenza di risorse idriche e la pescaeccessiva che illustra nel dettaglio le modalità con cui stiamo indebo-lendo le risorse e la resilienza della Terra. Questa edizione 2012 delLiving Planet Report ci racconta il risultato di tutto ciò – la pressionecomplessiva che esercitiamo sul Pianeta e il conseguente declino del-lo stato di salute di quelle foreste, fiumi e oceani che rendono possi-bile la nostra esistenza.Viviamo come se avessimo un altro Pianeta a nostra disposizione.Utilizziamo il 50% in più delle risorse che la Terra può fornire e, senon cambieremo il corso delle cose, questa percentuale sarà destinataad aumentare rapidamente – entro il 2030, anche due Pianeti nonsaranno più sufficientiTuttavia, abbiamo l’opportunità di scegliere. Possiamo creare un fu-turo prospero, che fornisca risorse alimentari, idriche ed energeticheai 9, o forse 10, miliardi di persone che abiteranno il Pianeta nel 2050.Siamo in grado di produrre il cibo necessario senza incrementarel’Impronta dell’agricoltura – senza distruggere altre foreste o utiliz-zare una maggiore quantità di acqua o sostanze chimiche. Le soluzio-ni si trovano nella riduzione dei rifiuti, che attualmente sono costitu-iti in gran parte dagli alimenti che produciamo; in un miglioramentodell’utilizzo delle sementi e delle tecniche di coltivazione; nel renderenuovamente produttivi i terreni degradati; nel cambiare le abitudinialimentari - in particolare, nel ridurre il consumo di carne nei paesiad alto reddito.Siamo in grado di assicurare un approvvigionamento idrico sufficien-te a soddisfare le nostre esigenze preservando, allo stesso tempo, lasalute di fiumi, laghi e zone umide da cui le stesse risorse idriche pro-vengono. Tecniche d’irrigazione più intelligenti e una migliore piani-ficazione possono, per esempio, contribuire a un utilizzo più efficien-te di tali risorse. È, soprattutto, necessario mettere a punto regimi digestione delle risorse idriche che coinvolgano un maggior numero diattori e che gestiscano i bacini fluviali quali sistemi viventi complessie ricchi di diversità quali sono.Siamo in grado di soddisfare il nostro fabbisogno energetico per mez-zo di fonti pulite e abbondanti, quali l’eolico e il solare. Il principaleimperativo resta, però, quello di sfruttare meglio l’energia che utiliz-WWF Living Planet Report 2012 pagina 4
  7. 7. 20 ANNI DOPO ziamo: aumentare l’efficienza di edifici, autoveicoli e fabbriche può L’EPOCALE EARTH dimezzare la quantità totale di energia impiegata. Se impareremo a risparmiare, sarà possibile soddisfare le nostre esigenze grazie alle SUMMIT, energie rinnovabili, a patto, però, di inserire queste tecnologie nelle CI TROVIAMO DAVANTI economie e porre fine ai 700 miliardi di dollari di sussidi che ci ten- A UN’OPPORTUNITÀ gono legati a petrolio e carbone. CRUCIALE PER FARE A giugno 2012 le nazioni del mondo, le imprese e un’ampia rappre-IL PUNTO SUL PERCORSO sentanza della società civile si riuniranno a Rio de Janeiro per la Con- INTRAPRESO  ferenza ONU sullo Sviluppo Sostenibile. Venti anni dopo l’epocale DAL MONDO E SU QUALE Earth Summit, questo appuntamento rappresenta un’opportunità FUTURO vogliamo cruciale per fare il punto su dove sta andando il mondo e su quale futuro vogliamo. Questo evento può e deve rappresentare, per i governi, il punto di partenza di un nuovo percorso verso la sostenibilità. Costituisce, inoltre, un’opportunità unica per implementare le alleanze: governi di regioni come il Bacino del Congo o l’Artico che si uniscono per ge- stire le risorse condivise; città che competono e si ispirano l’un l’altra per la riduzione delle emissioni di carbonio e la creazione di spazi urbani più vivibili; aziende concorrenti sul mercato che uniscono le forze per rendere sostenibili le proprie catene di approvvigionamento e offrire prodotti che aiutino i clienti a utilizzare una minore quantità di risorse; fondi pensionistici e fondi sovrani d’investimento che in- vestono in professioni ecocompatibili. Queste soluzioni, insieme alle altre contenute in questa edizione del Living Planet Report, dimostrano come tutti dobbiamo contribuire a mantenere vivo e vitale il nostro Pianeta – conciliando ciò con un’e- qua gestione delle risorse alimentari, idriche ed energetiche e preser- vando gli ecosistemi che sostengono la vita sulla Terra. Jim Leape Direttore Generale WWF Internazionale Introduzione pagina 5
  8. 8. ESSERE PROTAGONISTIdel CaMBIAMENTOIn qualunque data si voglia porre il momento dell’acquisizione © WWFItalia/M. Valerio“politica” dell’esistenza di un problema ambientale, si voglia il 1972anno della Dichiarazione di Stoccolma o il 1992 Conferenza di Rio,da allora ad oggi le condizioni ambientali e sociali del pianeta sonopeggiorate.Da anni, grazie anche al linguaggio divulgativo utilizzato da moltiricercatori, c’è una piena consapevolezza della profonda alterazionedegli equilibri ecologici e degli enormi rischi che l’umanità staaffrontando, è inoltre disponibile una gigantesca mole di elaborazioniscientifiche ed al contempo si può attingere ad un significativo bagagliodi soluzioni già sperimentate e immediatamente praticabili.Nonostante ciò l’uso delle conoscenze, soluzioni e strumentazionidisponibili, nonostante in sé siano efficaci, non si è dimostratorisolutivo.Ad esempio l’approfondimento delle conoscenze, la predisposizionee l’uso di modelli previsionali e di indicatori per il monitoraggiosono rimasti di pertinenza di nicchie di tecnici e di amministratori,e la possente innovazione tecnologica ha affiancato e non sostituitole soluzioni precedentemente adottate (all’aumento della quantità dienergia da fonti rinnovabili corrisponde un incremento dell’uso deicombustibili fossili anche ricorrendo a forme di estrazione, qualequello per le sabbie bituminose, con impatti ancora più consistentidi quelle dei tradizionali pozzi). Anche la ricerca dell’efficienza diprocessi e prodotti, che ha aumentato la qualità di alcune merci, nelbilancio complessivo è stata resa marginale dall’aumento dei consumie dalla diffusione di prodotti di bassa qualità ambientale e sociale.Infine la maggiore sensibilità ambientale delle istituzioni non si èconcretizzata in un effettivo ripensamento delle politiche; infatti anchein presenza di una crisi economica mondiale che mette in dubbio queiparametri, quali lo sviluppo materiale, fin qui ritenuti intoccabili, igoverni rincorrono comunque l’aumento del PIL perseguendo cosìuna incongruità non solo economica (non è possibile l’aumento deiconsumi quando si concentra troppo la ricchezza e si impoverisconofasce sempre più estese di popolazione) ma anche ambientale (non èpossibile consumare più della quantità delle risorse esistenti).Si può dunque dire che, nonostante la disponibilità di strumentazionidi enorme potenzialità, l’aumento della conoscenza e delle capacitàtecniche, l’aiuto di tecnologie a minor impatto, l’efficienza dei prodottie delle merci, la sensibilità delle istituzioni le condizioni del pianetasono peggiorate.WWF Living Planet Report 2012 pagina 6
  9. 9. Utilizzare al meglio Sembra quindi che oltre a predisporre ed utilizzare nuove gli strumenti strumentazioni sia necessario modificare le modalità con cui esse si mettono in pratica. L’elemento mancante, e che forse con la sua conoscitivi assenza invalida tutte le iniziative, è la partecipazione delle comunità e tecnologici nei principali processi decisionali. disponibili Un certo numero di decisioni, quelle più profonde, quelle che per ricomporre maggiormente delineano il futuro, non sono di pertinenza delle comunità e spesso nemmeno delle loro rappresentanze istituzionali. un sistema Dal costo dei cereali, a quello dei carburanti, alla speculazione in cui le comunità finanziaria solo per citare tre elementi sui quali si confrontano tutte le prendono possesso politiche nazionali non sono governati né dalle comunità, né dai lorodel proprio futuro. rappresentanti. Eppure queste decisioni hanno effetti destrutturanti nell’ambiente e sulle comunità intendendo con questo termine non solo l’insieme di individui ma anche la capacità produttive delle stesse e quindi il tessuto imprenditoriale in esse presente. Forse questo è il nodo della questione. Il rafforzamento della governance internazionale dell’ambiente, anche oggetto della prossima Conferenza di Rio + 20, seppure motivata e ragionevole, non riuscirà a risolvere i problemi se non inserita in un diverso contesto operativo dove governi nazionali ed istituzioni internazionali pongono attenzione a coloro che essi dovrebbero rappresentare e da cui, invece, sono sempre più distanti. Forse con la partecipazione attiva, con l’autonomia delle comunità, con la gestione diretta delle risorse si potrebbero ridurre i consumi e la crescita demografica, aumentare la qualità delle merci, diffondere le migliori tecnologie. Si potrebbero utilizzare al meglio gli strumenti conoscitivi e tecnologici disponibili, si potrebbe ricomporre un sistema in cui le comunità prendono possesso del proprio futuro e consapevolmente lo delineano. Quanto contenuto nel Living Planet Report va in questa direzione. Fornire elementi conoscitivi e ipotesi di intervento attraverso i quali, con consapevolezza e lucidità, esercitare una pressione sui governi per obbligarli a scegliere percorsi sostenibili e per recuperare quella autonomia decisionale delle comunità che, coordinata in una visione complessiva, sola può conservare e riqualificare l’ambiente, garantire occupazione, promuovere un benessere diffuso. Adriano Paolella Direttore Generale WWF Italia Introduzione pagina 7
  10. 10. IL FUTUROè nelle nostre maniSe i nostri modelli di produzione e consumo delle risorse naturali,se i nostri impatti sugli ecosistemi e la biodiversità e se le modalitàdi gestione delle nostre economie, centrate sulla continua crescitamateriale e quantitativa, continueranno senza essere profondamentemodificati e reindirizzati, l’intera umanità si troverà ad affrontarelivelli senza precedenti di distruzione e degrado.I trend attuali con i quali continuiamo a gestire la complessarelazione tra i sistemi naturali e quelli sociali, sono oggi chiaramenteinsostenibili per il futuro. è bene che tutti siamo consapevoli chequeste affermazioni non si basano su delle opinioni personali.La comunità scientifica internazionale che, da decenni, studiala dinamica dei sistemi naturali ed i suoi cambiamenti globali,analizzando e registrando l’impatto che l’attività umana esercita sudi essi, ha dimostrato che l’intervento umano sui sistemi naturalidel Pianeta è paragonabile alle grandi forze geologiche che hannomodificato e plasmato da sempre la nostra Terra, nei suoi 4.5 miliardidi anni di esistenza.Non è quindi un caso che, sin dal 2000, il premio Nobel per lachimica, Paul Crutzen, ha proposto di definire Antropocene il periodogeologico che va dalla Rivoluzione Industriale ad oggi, un piccolobattito di ciglia nella storia della Terra, proprio a dimostrazione delruolo dominante e pervasivo ormai esercitato dalla specie umana. Ilconcetto di Antropocene è stato richiamato persino nelle copertine dimagazine di fama internazionale, come “The Economist” e “Time”.E a fine marzo 2012 la comunità scientifica che si occupa deicambiamenti globali, l’autorevole Earth System Science Partnership(ESSP), nell’ambito della più grande organizzazione scientificamondiale, l’International Council for Science (ICSU), ha realizzatouna grande conferenza dal titolo “Planet Under Pressure”, durante laquale è stato fatto il punto delle conoscenze sin qui acquisite.La conferenza si è conclusa con uno “State of the Planet Declaration”,dove si sottolinea che il funzionamento del sistema Terra, grazie alquale è stata possibile la civilizzazione umana, è oggi a rischio. Senzaazioni urgenti la disponibilità di acqua, di cibo, di biodiversità e di altrerisorse fondamentali, sarà sempre più a rischio e ciò intensificherà lecrisi economiche, ecologiche e sociali, creando le potenzialità per ilverificarsi di emergenze umanitarie su scala globale.Ecco perché sono necessarie risposte immediate e concrete per avviarele società umane sulla strada della sostenibilità. Il “Living PlanetReport” del WWF ci dimostra quanto sia importante che tutti noiWWF Living Planet Report 2012 pagina 8
  11. 11. Sono necessarie possiamo diventare protagonisti di un cambiamento effettivo, nella risposte immediate prospettiva di un solo Pianeta (One Planet Perspective). Dobbiamo tutti avere ben chiara la consapevolezza dei limiti biofisici e concrete per del nostro Pianeta rispetto alla nostra continua pressione, come avviare le società brillantemente e pionieristicamente, aveva indicato il Club di Romaumane sulla strada nel 1972, con il primo rapporto sui limiti della crescita (“The Limitsdella sostenibilità. to Growth”), più che mai con una popolazione mondiale che ha già sorpassato i 7 miliardi di abitanti e che nel 2050, secondo le Nazioni Unite, sarà di 9,3 miliardi. Applicare la sostenibilità vuol dire, in pratica, che tutti noi, istituzioni, imprese, società civile, dobbiamo imparare a vivere nei limiti di un solo Pianeta. Il WWF, con questo Rapporto e le sue attività concrete in tutto il mondo, contribuisce a indicare la strada per far sì che questo cambiamento diventi realtà. E noi tutti dobbiamo essere protagonisti del cambiamento. Gianfranco Bologna Direttore scientifico WWF Italia Introduzione pagina 9
  12. 12. Agenzia Spaziale Europea: La Terra dallo spazio Quest’anno un nuovo partner ha contribuito alla produzione del Living Planet Report, l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), impegnata ad arricchi- re le conoscenze sulla Terra, sull’ambiente che la circonda nello spazio, sul nostro sistema solare e sull’universo, a beneficio del Pianeta e dei suoi abitanti. Coordinato dal consiglio direttivo dei Programmi di osservazione della Terra, un crescente numero di satelliti fornisce un flusso costante di infor- mazioni che consentono di comprendere e analizzare lo stato del Pianeta, tenendo sotto controllo i cambiamenti. L’ESA si è dedicata all’osservazione della Terra dallo spazio sin dal lancio del primo satellite meteorologico, nel 1977. Sebbene continui a mettere a punto satelliti in campo meteorologico, attualmente la sua attenzione si è spostata sul comprendere i meccanismi di funzionamento del sistema Terra e su come l’attività umana influenzi i processi naturali. I satelliti offrono un pratico mezzo d’osservazione e controllo della Terra nel suo insieme. A bordo dei veicoli spaziali, strumenti sensibili raccolgo- no dati precisi volti a svelare le complessità del nostro Pianeta e a seguire le mutazioni nel loro avvenire, soprattutto quelle associate agli effetti dei cambiamenti climatici. Oltre ad apportare benefici alla ricerca europea, ciò fornisce a coloro che devono prendere decisioni le informazioni necessarie per fare fronte ai cambiamenti climatici, garantire un futuro sostenibile e rispondere ai di- sastri naturali e causati dall’attività umana. ERS and Envisat, le missioni chiave dell’ESA, hanno rivelato nuovi scena- ri su molti aspetti del Pianeta. Queste missioni, ognuna corredata di ap- propriate strumentazioni, hanno consentito una comprensione migliore dell’inquinamento atmosferico e dei buchi dell’ozono, redatto una mappa dell’innalzamento del livello e della temperatura della superficie del mare, tenuto sotto controllo i cambiamenti dei ghiacci artici e registrato le desti- nazioni d’uso del territorio. Le missioni Earth Explorer hanno affrontato pressanti questioni scien- tifiche quali la gravità terrestre, i mutamenti nello spessore dei ghiacci, il ciclo idrico, i campi magnetici, il ruolo delle nuvole del bilanciamento dell’energia terrestre e il ciclo del carbonio. Parallelamente, l’ESA ha messo a punto una serie di missioni chiamate Sentinels, finalizzate alla fornitura di servizi per il Programma europeo di monitoraggio della Terra (GMES). I dati sono stati utilizzati in una vasta gamma di applicazioni per la gestione dell’ambiente, come il monitoraggio della biodiversità, delle risorse naturali, della qualità dell’aria, della diffu- sione di idrocarburi e delle ceneri vulcaniche, nonché per sostenere le mis- sioni per gli aiuti umanitari e di risposta alle emergenze in caso di disastri.WWF Living Planet Report 2012 pagina 10
  13. 13. La Terra necessitadi uno spazio maggiore!Guardare fuori dall’oblò e ammirare la Terra dallo spazio è normale © André Kuipers / ESAper un astronauta come me. Nonostante ciò, mi sento privilegiato.PromISSe rappresenta la mia seconda missione nello spazio. Que-sta volta, rimarrò nella Stazione spaziale internazionale per 5 mesi,un tempo molto diverso dagli 11 giorni della mia prima missione nel2004. Tuttavia, quegli 11 giorni nello spazio cambiarono la mia vita.Guardare la Terra dallo spazio fornisce un punto di vista unico. Il no-stro Pianeta è un luogo molto bello e molto fragile, protetto solo da unsottilissimo strato di atmosfera, essenziale per la vita. Le grandi fore-ste sembrano molto piccole e spariscono dalla vista in pochi attimi. Èstata proprio questa prospettiva che mi ha consentito di comprenderemolte cose e mi ha spinto a diventare un ambasciatore del WWF.L’Agenzia Spaziale Europea sta portando avanti delle ricerche che for-niscano informazioni sulla salute del nostro Pianeta. Alcune minaccerisultano visibili a occhio nudo, mentre altre vengono tradotte in cifreche raffigurano come, dove e perché il nostro mondo stia cambiando.Ciò che io ho visto dallo spazio si riflette in questo rapporto.In questa nona edizione del Living Planet Report, ancora una volta gliIndici più importanti mostrano come il Pianeta sia sottoposto a pres-sioni insostenibili. Ora noi sappiamo che la domanda di risorse natu-rali quali pesce, legname e cibo stia aumentando rapidamente fino aun livello difficilmente reintegrabile in maniera sostenibile.Tutto ciò che è importante per me e che amo si trova su questo unicoPianeta.Questo Pianeta è la mia casa, la casa della mia famiglia, dei miei amicie di altri 7 miliardi di persone, ma anche di bellissime foreste, monta-gne, savane, oceani, laghi e fiumi, nonché di tutte le specie viventi. Ilnostro Pianeta è stupendo, ma anche molto fragile.Noi abbiamo la capacità di salvare la nostra casa, di proteggere il no-stro Pianeta. Non solo a nostro beneficio, ma soprattutto per le gene-razioni future. Noi possediamo la soluzione. Ognuno di noi può con-tribuire operando le scelte migliori nel modo di governare, produrre econsumare. Sta a noi prenderci cura del nostro Pianeta.André KuipersAstronauta, Agenzia Spaziale Europea Introduzione pagina 11
  14. 14. 7 miliardi di aspettative,un PianetaNella vasta immensità dell’universo, un sottile strato di vita circon- L’INDICEda un Pianeta. Su di esso, milioni di specie prosperano, delimitate inbasso dalla roccia e in alto dallo spazio. Insieme, esse formano gli eco- DEL PIANETAsistemi e gli habitat che noi conosciamo come pianeta Terra e che for- VIVENTE CONTINUAniscono una moltitudine di servizi ecosistemici dai quali dipendono A MOSTRARE UNl’umanità e tutte le forme di vita. DECLINO GLOBALETuttavia, la crescente domanda antropica di risorse esercita pressioni DI CIRCA IL 30%terribili sulla biodiversità. Ciò minaccia la continuità della fornituradei servizi ecosistemici, mettendo così a rischio non solo la biodiver- DAL 1970sità, ma anche la sicurezza, la salute e il benessere futuri della nostrastessa specie.Questa nona edizione del Living Planet Report documenta i muta-menti dello stato della biodiversità, degli ecosistemi e della domandaantropica sulle risorse naturali ed esplora le implicazioni di tali mu-tamenti per la biodiversità e le società umane. Il rapporto evidenziacome sia ancora possibile invertire i trend attuali operando sceltemigliori che pongano la Natura al centro delle economie, dei modelliaziendali e degli stili di vita.Il capitolo 1 presenta lo stato del Pianeta sulla base di tre indicatoricomplementari. L’Indice del Pianeta vivente, basato sui dati di un nu-mero di popolazioni di specie superiore a quello precedente, continuaa indicare un declino del 30% della salute della biodiversità, dal 1970ad oggi (fig. 1). Questo trend viene osservato negli ecosistemi terrestri,di acque dolci e marini, ma è maggiore per le specie di acqua dolce, lecui popolazioni mostrano una decrescita media del 37%. L’Indice delleacque dolci tropicali ha subito un declino ancora superiore, arrivandoal 70%. In generale, dal 1970 l’Indice tropicale globale è diminuito del60%. Di contro, nello stesso periodo l’Indice delle regioni temperateè aumentato del 30%. Tuttavia, ciò non significa necessariamente chela biodiversità delle zone temperate si trovi in uno stato migliore diquella delle zone tropicali, in quanto l’Indice temperato nasconde gra-vi perdite storiche precedenti l’inizio dell’analisi.L’Impronta ecologica mostra un trend consistente di sovraconsumo(fig. 2). Nel 2008, l’anno più recente per il quale siano disponibili dati,l’Impronta superava la biocapacità della Terra – la superficie realmen-te disponibile per la produzione di risorse rinnovabili e l’assorbimentodelle emissioni di CO2 – di oltre il 50%. L’Impronta del carbonio co-stituisce il fattore più significativo che determina il “superamento deilimiti ecologici” – terminologia utilizzata per descrivere il momento incui a livello globale l’Impronta ecologica supera la biocapacità.WWF Living Planet Report 2012 pagina 12
  15. 15. Fig. 1: Indice del 2Pianeta vivente(WWF / ZSL, 2012) Valore dell’indice (1970 = 1)Legenda Indice globale del pianeta vivente 1 Limiti di confidenza 0 1970 1975 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2008 AnnoFig. 2: Impronta 2ecologica globale(Global FootprintNetwork, 2011) Numero di Pianeti Terra 1 0 1961 1970 1980 1990 2000 2008 Anno Una nuova analisi dei trend di consumo dei paesi BRIICS (Brasile, Russia, India, Indonesia, Cina, Sudafrica) e di gruppi a livelli diversi di reddito e sviluppo, insieme ai trend di urbanizzazione e di popola- zione, ha evidenziato un preoccupante potenziale di un ulteriore in- cremento dell’Impronta umana nel futuro. L’Impronta idrica della produzione offre una seconda indicazione della domanda antropica sulle risorse rinnovabili. Per la prima volta, questo rapporto include l’analisi della disponibilità idrica, nel corso dell’anno, nei principali fiumi del mondo. Tale analisi ha mostrato come, nel mondo, 2,7 miliardi di persone vivano lungo bacini idrici che almeno un mese l’anno subiscono carenze idriche gravi. Il cap. 2 evidenzia i collegamenti fra biodiversità, servizi ecosistemi- ci e persone. Gli impatti dell’attività umana su tre ecosistemi – fore- ste, acque dolci e marino – vengono esaminati più dettagliatamente, Introduzione pagina 13
  16. 16. insieme a un’analisi specifica dei servizi ecosistemici da essi forniti.Vengono, inoltre, prese in esame le pressioni sulle risorse naturali, tracui quelle di interesse commerciale sui terreni agricoli nei Paesi in viadi sviluppo.Il Living Planet Report offre una visione dello stato di salute del Pia-neta. Il WWF guarda al di là dei dati scientifici per comprendere leaspettative, gli sforzi, le richieste e i contributi dell’umanità che stan-no causando tali cambiamenti sulla Terra. In questa edizione del Li-ving Planet Report, l’agricoltrice keniota Margaret Wanjiru Mundia ci UN PASSO AVANTIaiuta a fare ciò. Margaret verrà presentata nel capitolo 2. In contrastocon questo punto di vista, le straordinarie immagini dell’ESA. I GOVERNI E LE IMPRESEIl capitolo 3 analizza ciò che potrebbe riservarci il futuro. Vengono HANNO INIZIATO Apresi in esame i possibili effetti dei cambiamenti climatici e vengono IMPEGNARSI PERpresentati diversi scenari, compreso quello dell’Impronta ecologica. MITIGARE TALI RISCHIQueste analisi indicano che portare avanti uno scenario BAU avràgravi, potenzialmente catastrofiche, conseguenze. In particolare, i PROMUOVENDOcontinui incrementi delle emissioni di gas a effetto serra porteranno L’ENERGIA RINNOVABILEa un aumento irreversibile della temperatura media di oltre 2°C, chesconvolgerà gravemente il funzionamento di quasi tutti gli ecosistemimondiali e influenzerà drammaticamente lo sviluppo e il benessereumano.Chiaramente, l’attuale modello di sviluppo, che si basa su sempremaggiori consumi e fa affidamento sui combustibili fossili, unito a unapopolazione in continua crescita e a una scarsa gestione complessivadelle risorse naturali, risulta insostenibile. Molti paesi e popolazionistanno già facendo fronte a diverse problematiche connesse alla per-dita di biodiversità, al degrado dei servizi ecosistemici e ai cambia-menti climatici. Fra essi: la scarsità di risorse alimentari, idriche edenergetiche; l’aumentata vulnerabilità nei confronti dei disastri na-turali; i rischi per la salute; le migrazioni di popolazioni e i conflittiper le risorse. Tali rischi ricadono in maniera sproporzionata sullepopolazioni più povere, benché esse contribuiscano in misura minoreall’Impronta ecologica dell’umanità.Sebbene la tecnologia possa essere utilizzata per sostituire alcuni ser-vizi ecosistemici e per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici,in uno scenario BAU (Business As Usual) questi rischi potranno soloaumentare e diffondersi sempre più. Le economie emergenti corronoil pericolo di non riuscire a realizzare la propria aspirazione a stan-dard di vita più elevati, mentre i paesi e le comunità ad alto redditorischiano di veder intaccato il proprio benessere.Governi e imprese più lungimiranti hanno iniziato un percorso di ri-duzione di tali rischi, per esempio promuovendo le energie rinnovabi-li, l’efficienza delle risorse, le produzioni più ecocompatibili e i modellidi sviluppo inclusivi dal punto di vista sociale. Tuttavia, i trend e situa-zioni evidenziati in questo rapporto mostrano come molti degli attualitentativi si rivelino insufficienti.WWF Living Planet Report 2012 pagina 14
  17. 17. Come fare, quindi, per invertire il declino della biodiversità, riportare l’Impronta ecologica nei limiti del Pianeta e ridurre realmente i cam- biamenti climatici antropogenici contrastandone gli impatti dannosi? Come ottenere questi risultati garantendo, contemporaneamente, a un sempre maggiore numero di persone un accesso equo a risorse na- turali, alimentari, idriche ed energetiche? Il capitolo 3 offre alcune soluzioni già a portata di mano: futuri sce- nari alternativi, basati su modelli differenti di consumi alimentari in grado di arrestare la deforestazione e il degrado delle foreste, costitu- iscono alcune delle opzioni già disponibili per ridurre il superamen- to dei limiti ecologici e prevenire i pericolosi cambiamenti climatici. Tali tematiche vengono poi approfondite nel capitolo 4, che illustra la prospettiva One Planet del WWF per una gestione del capitale na- turale - biodiversità, ecosistemi e servizi ecosistemici – entro i limiti ecologici della Terra. Oltre agli impegni su larga scala per la conservazione e il ripristino degli ecosistemi, questa prospettiva esplora le scelte migliori, lungo l’intero sistema di produzione e consumi, per la salvaguardia del ca- pitale naturale, da sostenere reindirizzando i flussi finanziari e con politiche di gestione delle risorse più eque. L’implementazione di questo cambiamento costituirà una grande sfida, che comporterà de- cisioni e compromessi difficili. Tuttavia, i nostri scenari dimostrano come sia ancora possibile ridurre l’Impronta ecologica e i trend dei cambiamenti climatici utilizzando le attuali conoscenze e tecnologie e avviando un percorso verso società umane sane, sostenibili ed eque. The Living Planet Report e Rio +20 20 anni fa, quando i leader mondiali si incontrarono a Rio de Ja-TUTTI I 193 STATI neiro, furono messi a punto alcuni degli accordi internazionaliMEMBRI più importanti per fare fronte alle sfide che il nostro Pianeta do-DELLE NAZIONI UNITE veva affrontare. Fra le altre iniziative, furono sottoscritte la Con-SI SONO IMPEGNATI, venzione sulla Diversità Biologica e la Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici e fu avviata la procedu-CON GLI OBIETTIVI ra di creazione della Convenzione contro la Desertificazione. IlDI SVILUPPO messaggio basilare del meeting fu rinforzato dall’impegno di tuttiDEL MILLENNIO, i 193 stati membri delle Nazioni Unite per gli Obiettivi di SviluppoA PORRE FINE del Millennio – eliminare la povertà, proteggere la biodiversità e ridurre le emissioni dei gas a effetto serra. A giugno 2012, nel cor-ALLA POVERTÀ, so di Rio +20 verranno valutati gli avvenimenti di questi 20 anniPROTEGGERE e verranno individuate le nuove azioni da intraprendere per fareLA BIODIVERSITÀ fronte alle problematiche urgenti di sicurezza ambientale, equitàE RIDURRE LE EMISSIONI e gestione delle risorse. Il Living Planet Report contiene informa-DI GAS SERRA zioni importanti per questo summit cruciale e ai delegati verrà offerta la possibilità di leggere un riassunto speciale del rapporto per la conferenza (www.panda.org/lpr). Introduzione pagina 15
  18. 18. Il Living Planet Report 2012in breveCapitolo 1: Lo stato del PianetaIn tutto il mondo la biodiversità è diminuita • l’Indice del Pianeta vivente globale è diminuito quasi del 30% fra il 1970 e il 2008; • nello stesso periodo, l’Indice tropicale globale è diminuito del 60%; • l’Indice temperato globale è aumentato del 31%; tuttavia, ciò na- sconde gravi perdite storiche precedenti al 1970; • gli Indici terrestre, delle acque dolci e marino globali sono dimi- nuiti, con l’Indice delle acque dolci che ha subito la diminuzione maggiore, del 37%; • l’Indice delle acque dolci tropicali ha subito un declino ancora maggiore, pari al 70%.La domanda antropica sul Pianeta supera l’offerta • nel 2008, l’Impronta ecologica dell’umanità ha superato la bioca- pacità della Terra di oltre il 50%; • negli ultimi decenni, l’Impronta di carbonio ha influito pesante- mente su questo superamento dei limiti ecologici; • la biocapacità pro capite è diminuita da 3,2 ettari globali (gha) del 1961 a 1,8 gha pro capite nel 2008, sebbene, nello stesso pe- riodo, la biocapacità totale mondiale sia aumentata; • il continuo incremento dei trend di consumo nei paesi ad alto reddito del mondo e in quelli BRIICS, insieme a una crescita de- mografica ininterrotta, mostra segnali d’allarme relativi a ulterio- ri, futuri aumenti delle Impronte.Molti bacini fluviali si trovano in una situazione di carenzaidrica • l’analisi della carenza idrica su base mensile rivela che molti ba- cini fluviali, la cui fornitura su base annua sembra sufficiente, si trovano attualmente in una condizione di sovrasfruttamento, che ostacola le principali funzioni ecosistemiche; • nel mondo, 2,7 miliardi di persone vivono nei pressi di bacini idrici che almeno 1 mese l’anno subiscono carenze idriche gravi.Capitolo 2: Perché occuparseneLa nostra ricchezza, la nostra salute e il nostro benesseredipendono dai servizi ecosistemici • molte aree ad alta biodiversità forniscono anche importanti ser- vizi ecosistemici come lo stoccaggio del carbonio, legna da arde- re, acqua dolce e stock ittici; le attività umane influiscono sulla fornitura continuata di tali servizi;WWF Living Planet Report 2012 pagina 16
  19. 19. • attualmente la deforestazione e il degrado forestale sono respon- sabili di circa il 20% delle emissioni antropogeniche globali di CO2, incluse le perdite dai terreni forestali; • solo un terzo dei fiumi del mondo, la cui lunghezza supera 1.000 km, scorre liberamente e senza dighe sul letto principale; • un aumento dello sforzo di pesca mondiale in mare di circa 5 vol- te, dai 19 milioni di tonnellate del 1950 agli 87 milioni di tonnel- late del 2005, ha causato il sovrasfruttamento di molti stock ittici; • frequenza e complessità delle competizioni per l’utilizzo della ter- ra aumenteranno col crescere della domanda antropica; in tutto il mondo in via di sviluppo si sta verificando una corsa senza pre- cedenti, da parte di investitori esterni, a garantirsi l’accesso ai territori per future produzioni di alimenti e combustibili; • la perdita di biodiversità e dei relativi servizi ecosistemi- ci colpisce in particolare le popolazioni povere, la cui so- pravvivenza dipende più direttamente da tali servizi.Capitolo 3: Cosa ci riserva il futuro?Gli scenari presentano una vasta gamma di possibili alter-native future • negli ultimi decenni abbiamo assistito a un riscaldamento clima- tico come mai si è verificato nei precedenti 400 anni; • limitare il riscaldamento medio globale sotto i 2°C rispetto ai li- velli pre-industriali richiederà probabilmente una riduzione delle emissioni di oltre l’80% rispetto al picco previsto; se le emissioni continueranno ad aumentare, probabilmente entro il 2040 alcu- ne grandi regioni sperimenteranno un aumento di oltre 2°C della temperatura media annuale; • la diminuzione dell’Indice del Pianeta vivente e l’aumento dell’Impronta ecologica evidenziano la necessità di politiche più sostenibili; gli scenari possono essere d’aiuto nel compiere scelte più informate per il futuro; • gli scenari evidenziano l’importanza della conservazione della biodiversità nella protezione dei servizi ecosistemici.Capitolo 4: Le scelte migliori per un Pianeta viventeEsistono soluzioni per vivere nei limiti di un solo Pianeta • il capitale naturale – la biodiversità, gli ecosistemi e i servizi eco- sistemici – deve essere preservato e, ove necessario, ripristinato, come fondamento delle economie e delle società umane; • la prospettiva One Planet del WWF propone soluzioni per gestire, governare e condividere il capitale naturale entro i limiti ecologici del Pianeta; • vengono evidenziate 16 “scelte migliori” dalla prospettiva globale One Planet, indicando gli obiettivi prioritari per la realizzazione di questi scopi. Introduzione pagina 17
  20. 20. Capitolo 1: Lo statodel Pianeta~L’immagine mostra la meticolosa pianificazione delle coltivazioni nel-le comunità autonome di Aragona (ovest) e Catalogna, nel nord-estdella Spagna. È possibile osservare la crescita di molte colture, fracui grano, orzo, frutta e verdure. La forma circolare di molti campiindica l’impiego di un’irrigazione a pivot centrale: un pozzo scavato alcentro di ogni cerchio fornisce acqua a una serie rotante di irrigatoria pioggia. design note: Check for gutter and re- peat image if necessary
  21. 21. © KARI
  22. 22. L’Indice del Pianeta viventeL’Indice del Pianeta vivente riflette i cambiamenti di stato dellabiodiversità del Pianeta, utilizzando i trend delle dimensioni dipopolazione delle specie vertebrate di differenti biomi e regioniper calcolare le variazioni medie delle loro dimensioni nel tempo.Include i dati di oltre 9.000 diversi modelli di monitoraggio dellepopolazioni selvatiche, raccolti con molteplici strumenti - dal con-teggio del numero di individui alle foto con fotocamere nascoste,alla sorveglianza di nidi e all’analisi della presenza di tracce.Immagine principale: Ricercatore e orso polare, Svalbard, Norvegia.Di seguito: i ranger applicano un anello di riconoscimento a un piccolodi Sula fosca.Fotografia da fotocamera nascosta del rinoceronte di Sumatra, Borneo.Applicazione di un dispositivo d’identificazione a uno squalo balena,Donsol, Sorsogon, Filippine. © Jurgen Freund / WWF-Canon © WWF-Malaysia / Raymond Alfred © Jurgen Freund / WWF-Canon
  23. 23. © Jon Aars / Norwegian Polar Institute / WWF-Canon
  24. 24. Tenere sotto controllo la biodiversità globale Data la complessità della biodiversità globale, risulta estremamente difficile fornirne un quadro completo dello stato di salute generale. Tuttavia, in maniera simile a un Indice del mercato azionario, che mi- sura lo stato del mercato tracciando i cambiamenti relativi alla capi- talizzazione di alcune imprese selezionate, le variazioni delle dimen- sioni (ovvero nel numero totale di individui di una data popolazione) delle specie selezionate possono essere impiegate come un indicatore importante dello stato ecologico del Pianeta. L’Indice del Pianeta vivente mostra come, nel 2008, in tutto il Pianeta le popolazioni di vertebrati siano diminuite in media di un terzo ri- spetto al 1970 (fig. 3). Ciò sulla base dei trend di 9.014 popolazioni di 2.688 specie di mammiferi, uccelli, rettili, anfibi e pesci - un numero Fig. 3: Indice del molto più elevato delle precedenti edizioni del Living Planet Report Pianeta vivente globale L’Indice mostra un declino (WWF, 2006b; 2008b; 2010a). di circa il 30% dal 1970 al 2008, sulla base di 9.014 popolazioni di 2.688 specie di uccelli, mammiferi, anfibi, rettili e pesci. In questa figura e in tutte le figure 2.0 dell’Indice del Pianeta vivente, è mostrata anche la banda di variabilità associata all’indice.Valore dell’indice (1970 = 1) Questa banda rappresenta il 95% dell’intervallo di confidenza: più è larga 1.0 -28% la banda, più è variabile questa misura (WWF/ZSL, 2012). Legenda Indice del pianeta vivente globale Limiti di confidenza 0 1970 1975 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2008 Anno WWF Living Planet Report 2012 pagina 22
  25. 25. LPI GLOBALE LPI Temperato terrestre Tropicale LPI Temperato marino terrestre LPI delle acque Tropicale Temperato dolci terrestre marino Tropicale Temperato marino d’acqua Specie dolce 1 Tropicale d’acqua Specie dolce Popolazione 2 1 Specie Popolazione 3 2 Specie 3Fig. 4: Trasformare Ogni popolazione dell’Indice del Pianeta vivente è classificata in basei trend di una alla localizzazione (regione temperata o tropicale) e all’ambiente prin-popolazione nell’Indicedel Pianeta vivente cipale in cui vive, sia esso un sistema terrestre, marino o di acqua dol- ce. Tali classificazioni risultano specifiche per ciascuna popolazione piuttosto che per la specie e, di conseguenza, alcune specie sono in- cluse in più di un Indice. Per esempio, le specie con popolazioni di acqua dolce e marine, come il salmone, o le specie migratrici presenti nelle zone sia tropicali sia temperate vengono registrate separatamen- te. Nessuna popolazione è stata conteggiata due volte. Questi gruppi comprendono gli Indici temperato e tropicale e quelli terrestre, di ac- que dolci e marino, che insieme servono a calcolare l’Indice del Pia- neta vivente globale (fig. 4). L’Indice temperato contiene un numero maggiore di popolazioni rispetto a quello tropicale. Di conseguenza, per evitare di influenzare l’Indice globale a favore dei trend di popola- zione nelle zone temperate, nell’Indice globale è stato assegnato ugua- le peso agli Indici tropicale e temperato (maggiori dettagli sull’argo- LE POPOLAZIONI mento si trovano nell’Allegato 1). DI VERTEBRATI Inoltre, ogni popolazione di specie terrestre e d’acqua dolce è stata classificata in un reame, in base alla sua localizzazione geografica. Gli DEL LPI GLOBALE Indici dei reami sono stati calcolati assegnando ugual peso a ogni spe- SONO DIMINUITE, cie, con l’eccezione del reame Paleartico dove, per la prima volta in MEDIAMENTE questa analisi, a ogni famiglia è stato assegnato ugual peso. Ciò allo DI UN TERZO scopo di ridurre l’errore sistematico relativo alle specie di uccelli, per le quali è disponibile un numero maggiore di dati rispetto ad altre spe- TRA IL 1970 E IL 2008 cie che occupano lo stesso reame. Capitolo 1: Lo stato del Pianeta pagina 23
  26. 26. L’Indice del Pianeta viventeL’Indice del Pianeta vivente è un indicatore composito che misura levariazioni di dimensione delle popolazioni di specie selvatiche, alloscopo di indicare i trend nello stato generale della biodiversità glo-bale. I trend di una particolare popolazione mostrano unicamentecosa accade a una specie all’interno di una data area. Allo scopo dicreare un Indice valido vengono raccolti dati dettagliati su tutte lepopolazioni e specie possibili nel mondo. Nel periodo in cui sono sta-te monitorate, alcune popolazioni sono aumentate e altre diminuite.In media, tuttavia, le diminuzioni sono state superiori agli aumenti,cosicché l’Indice mostra un declino globale. Fig. 5: Tonno rosso (Thunnus thynnus), 60,000 Oceano Atlantico occidentale Sin dagli anni ’70, livelli di pesca non sostenibili Stock di biomassa hanno causato una catastrofica diminuzione di (tonnellate) questa popolazione. Dato l’alto valore commercia- le del tonno rosso, le pressioni dell’attività di pesca sono continuate e, di conseguenza, la specie è ora a rischio estinzione. Nota: dati dell’International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas (ICCAT), in Safina and Klinger, 2008. 0 1971 2004 Fig. 6: Lontra (Lutra lutra), Danimarca 450 Dopo aver subito una grave diminuzione della popolazione negli anni ’60 e ’70, grazie a un mi- Numero di lontre glioramento nella qualità delle acque e al control- lo dello sfruttamento si è assistito a una ripresa, dal 1984 al 2004, in Danimarca e in diverse altre nazioni. Nota: dati da Normander et al., 2009. 0 1984 2004 Fig. 7: Albatro urlatore (Diomedea exulans), 1,800 Bird Island, South Georgia, Oceano Atlanti- Dimensioni della popolazione co meridionale (in coppie riproduttrici) Questa popolazione ha subito un rapido declino dal 1972. Si pensa che la causa primaria di questa dimi- nuzione sia attribuibile alla morte da cattura acci- dentale (bycatch) con gli attrezzi da pesca denomina- ti palangari. Allo scopo di proteggere questa specie sono state proposte la progettazione e l’implemen- tazione di attrezzature adatte ad evitare il bycatch. Nota: basato su dati inediti dal programma di mo- nitoraggio a lungo termine British Antarctic Survey 0 1972 2010 2012.WWF Living Planet Report 2012 pagina 24
  27. 27. © naturepl.com / Doug Perrine / WWF-CanonSilhouette di un sub e un pesce vela atlantico (Istiophorus albicans) visti da sotto, mentre attacca unbanco di sardine spagnole / sardina dorata / sardina europea / alaccia (Sardinella aurita) nella Penisoladello Yucatan, Messico, Mar dei Caraibi.
  28. 28. Indici del Pianeta vivente tropicale e temperato L’Indice del Pianeta vivente tropicale è diminuito di poco più del 60% Fig. 8: Indici del Pianeta dal 1970 al 2008, mentre, nello stesso periodo, quello temperato è vivente tropicale e temperato aumentato del 31% (fig. 8). Questa differenza si riscontra per mam- L’Indice tropicale è miferi, uccelli, anfibi e pesci, per le specie terrestri, marine e d’acqua calcolato sulla base dei dolce (figg. 9-11) e in tutti i reami biogeografici tropicali e temperati dati delle popolazioni terrestri e tropicali dei (figg. 16-20). reami Afrotropicale, A causa della mancanza di dati pubblicati prima del 1970, risulta im- Indopacifico e Neotropicale possibile registrare le variazioni storiche della biodiversità nell’In- e dalle popolazioni marine fra i Tropici del Cancro e dice del Pianeta vivente e, di conseguenza, tutti gli Indici sono stati del Capricorno. L’Indice impostati sul valore uguale a 1 al 1970. Tuttavia, come descritto più temperato è calcolato dettagliatamente nelle pagine seguenti, si sono verificate variazioni sulla base dei dati delle popolazioni terrestri e considerevoli nei trend di popolazione, sia fra le singole specie sia fra d’acqua dolce dei reami specie che condividono gli stessi vasti habitat. Paleartico e Neartico e dalle popolazioni di specie marine 2.0 a nord o a sud dei tropici. L’Indice tropicale globale +31% mostra una diminuzione diValore dell’indice (1970 = 1) oltre il 60% fra il 1970 e il 2008. Nello stesso periodo, l’Indice temperato globale è aumentato di circa il 31% 1.0 (WWF/ZSL, 2012). -61% Legenda Indice del pianeta vivente temperato Limiti di confidenza 0.0 1970 1975 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2008 Indice del pianeta Anno vivente tropicale Limiti di confidenza I recenti aumenti medi nella popolazione non implicano necessaria- mente che gli ecosistemi temperati si trovino in uno stato migliore di quelli tropicali. Il trend dell’Indice del Pianeta vivente temperato osservato rappresenta il risultato di quattro fenomeni interconnessi: una linea di base recente; le differenze di andamento fra i gruppi tas- sonomici; gli importanti successi nel campo della conservazione; la recente e relativa stabilità delle popolazioni di specie. Se l’Indice tem- perato si estendesse indietro nei secoli, invece che nei decenni passati, probabilmente mostrerebbe una diminuzione sul lungo termine della stessa entità di quella dell’Indice tropicale registrata negli ultimi anni. Di contro, un Indice tropicale a lungo termine probabilmente mostre- rebbe, prima del 1970, un tasso di variazioni più lento. Negli ultimi anni, le popolazioni di alcune specie temperate sono au- mentate grazie agli sforzi di conservazione. Fra queste, la fauna or- nitica delle zone umide statunitensi (BirdLife International, 2008), WWF Living Planet Report 2012 pagina 26
  29. 29. gli uccelli nidificanti del Regno Unito, gli uccelli marini e gli uccelli svernanti (Defra, 2010), e alcune popolazioni di cetacei, come la popo- lazione delle balene boreali (Balaena mysticetus) dell’Artico occiden- tale che è passata, con la proibizione della caccia a scopo commerciale, dai 1.000-3.000 individui fino a 10.545 individui del 2001 (Angliss and Outlaw, 2006).Fig. 9: Indice del Pianetavivente terrestre(a) L’Indice terrestre globale Indice del Pianeta vivente terrestremostra una diminuzione del L’Indice del Pianeta vivente terrestre globale è diminuito del 25% fra25% fra il 1970 e il 2008; (b) il 1970 e il 2008 (fig. 9a). L’Indice terrestre comprende 3.770 popola-l’Indice temperato terrestre zioni appartenenti a 1.432 specie di uccelli, mammiferi, anfibi e rettilimostra un aumento di circail 5%, mentre quello tropicale che vivono in una vasta gamma di habitat temperati e tropicali, fra cuiterrestre un declino di circa foreste, pascoli e zone aride. L’Indice tropicale terrestre è diminuito diil 44% (WWF/ZSL, 2012). quasi il 45%, mentre quello temperato terrestre è aumentato di circa il 5% (fig. 9b).Legenda 2.0 Indice terrestre globale Valori dell’indice (1970 = 1) Limiti di confidenza -25% 1.0 0.0 1970 1975 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2008 Anno 2.0Legenda Indice temperato Valori dell’indice (1970 = 1) terrestre +5% Limiti di confidenza Indice tropicale 1.0 terrestre Limiti di confidenza -44% 0.0 1970 1975 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2008 Anno Capitolo 1: Lo stato del Pianeta pagina 27
  30. 30. L’Indice del Pianeta vivente marino L’Indice del Pianeta vivente marino è diminuito di oltre il 20% fra il 1970 e il 2008 (fig. 10a). L’Indice marino comprende 2.395 popolazio- ni appartenenti a 675 specie di pesci, uccelli marini, tartarughe marine e mammiferi marini presenti negli ecosistemi marini oceanici, costieri e delle barriere coralline temperate e tropicali. Circa la metà delle spe- cie incluse nella definizione di questo Indice viene utilizzata a scopo commerciale. Gli ecosistemi marini mostrano la maggiore discrepanza fra le spe- cie delle zone tropicali e quelle delle zone temperate: l’Indice marino tropicale mostra una diminuzione di circa il 60% fra il 1970 e il 2008, mentre quello temperato un aumento di circa il 50% (fig. 10b). Tutta- via, esistono prove del fatto che, negli ultimi secoli, all’interno delle specie marine e costiere delle zone temperate si siano verificate forti decrescite a lungo termine (Lotze et al., 2006; Thurstan et al., 2010) e Fig. 11: L’Indice del Pianeta vivente marino (a) L’Indice marino globale 2.0 mostra una diminuzione di circa il 22% fra il 1970 e il 2008; (b) l’Indice marino temperato mostra unValori dell’indice (1970 = 1) aumento di circa il 53%, mentre quello marino -22% tropicale un declino di circa il 62% (WWF/ZSL, 2012).. 1.0 Legenda 10a Indice marino globale Limiti di confidenza 0.0 1970 1975 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2008 Anno +53% 2.0Valori dell’indice (1970 = 1) Legenda 10b 1.0 -62% Indice marino temperato Limiti di confidenza Indice marino tropicale 0.0 Limiti di confidenza 1970 1975 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2008 Anno WWF Living Planet Report 2012 pagina 28
  31. 31. che, quindi, nel 1970 l’Indice marino delle zone temperate sia partito da una base molto inferiore rispetto a quella delle zone tropicali. Di conseguenza, l’aumento relativo delle popolazioni marine delle zone temperate, verificatosi da allora, rappresenta probabilmente una leg- gera ripresa da tali depressioni storiche. Indice del Pianeta vivente delle acque dolci Il declino dell’Indice del Pianeta vivente delle acque dolci è stato su- periore a quello di tutti gli altri biomi. L’Indice comprende 2.849 po- polazioni appartenenti a 737 specie di uccelli, pesci, rettili, anfibi e mammiferi presenti nelle zone umide, nei laghi e nei fiumi d’acqua dolce temperati e tropicali. Complessivamente, l’Indice delle acque dolci globale è diminuito del 37% fra il 1970 e il 2008 (fig. 11a). L’In- dice delle acque dolci tropicali è diminuito del 70%, la percentualeFig. 11: L’Indice del maggiore fra quelle degli Indici dei diversi biomi, mentre l’Indice dellePianeta vivente delleacque dolci acque dolci temperate è aumentato di circa il 35% (fig. 11b).(a) L’Indice delle acque 2.0dolci globale mostra unadiminuzione del 37% fra il1970 e il 2008; (b) l’Indice Valori dell’indice (1970 = 1)delle acque dolci temperatemostra un aumento dicirca il 36%, mentre quellodelle acque dolci tropicaliun declino di circa il 70% 1.0(WWF/ZSL, 2012).Legenda 11a Indice globale delle acque dolci -37% Limiti di confidenza 0.0 1970 1975 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2008 Anno 2.0 +36% Valore dell’indice (1970 = 1)Legenda 11b 1.0 Indice delle acque dolci temperate Limiti di confidenza -70% Indice delle acque dolci tropicali Limiti di confidenza 0.0 1970 1975 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2008 Anno Capitolo 1: Lo stato del Pianeta pagina 29
  32. 32. Trend di popolazione esemplificativi -70% 2 Indice del pianeta vivente per le tigri (1980-2010) Valori dell’indice (1980 = 1) 1 5000 Tigre del Bengala (popolazione indiana) 0 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2010 Anno 0 1970 1990 2010 •• •• • •• • • • • •• • • • • • •• •• Tigre Malese 625 (1997-98) 500 • 300 • 1996 1997 1998 1999 1200 Tigre di Sumatra 0 1970 1978 2007 2010WWF Living Planet Report 2012 pagina 30
  33. 33. Studio di un caso concreto: le tigri I numeri riguardanti le tigri (Panthera tigris) sono da sempre stati bassi. L’Indice del Pianeta vivente indica per le tigri una rapida diminuzione nelle popolazioni: in media, una decrescita del 70% negli ultimi 30 anni. Obbligate a lottare per il territorio in alcune tra le regio- ni con la maggiore densità di popolazione della Terra, il •• • ••• numero delle tigri è diminuito fino al 7 % rispetto alla popolazione originaria (Sanderson et al., 2006). Le tigri •••• • sono classificate come Endangered (specie minacciate) •• nella Lista Rossa delle specie animali e vegetali a rischio120 di estinzione della IUCN (IUCN, 2011) e le stime del •• Tigre dell’Amur Piano globale per il Recupero della tigre indicano che Russia 60 (16 siti) sono sopravvissute solamente 3.200-3.500 tigri adulte Cina allo stato selvatico (Global Tiger Initiative, 2011). (1 sit0) La specie è a rischio estinzione a causa del bracconag- 0 1970 1990 2010 gio, delle uccisioni per ritorsione, della perdita di habi- tat e della scarsità di prede. Le più drastiche riduzioni nel numero di esemplari, riportate negli ultimi anni, sono avvenute al di fuori delle aree protette (Walston et al., 2010). Nelle aree in cui l’impegno per la conser- vazione è stato più intenso, le popolazioni risultano più stabili. Molte organizzazioni per la conservazione, fra cui WWF e ZSL, stanno concentrando i propri sforzi su- gli ultimi e più importanti habitat, nel tentativo di in- vertire il drammatico declino in tempi stretti. Obiettivo complessivo di questo impegno globale è raddoppiare la popolazione di tigri selvatiche fino ad almeno 6.000 esemplari entro il 2022. Siti monitorati Aree prioritarie per la conservazione Distribuzione attuale Fig. 12: Trend, distribuzione e priorità di conservazione delle popolazioni di tigre (a) Attuale distribuzione della tigre e recenti trend di popolazione. Le aree colorate indicano: l’estensione attuale (verde chiaro) (IUCN, 2011) e le aree prioritarie di conservazione (verde scuro); i cerchi rossi mostrano il valore centrale di ogni popolazione monitorata (il periodo di tempo e l’area di ricerca variano da studio a studio; i valori centrali a Sumatra, in Malesia e in Cina meridionale rappre- sentano le sottospecie controllo monitorate in siti diversi), e i grafici mostrano le variazioni di popolazione di cinque sottospecie di tigri. Le due linee dei trend dei calcoli relativi alla tigre del Bengala in India mostrano i risultati di due diversi metodi di studio; (b) Indice del Pianeta vivente per le tigri. L’Indice mostra la variazione media nelle dimensioni di 43 popolazioni dal 1980 al 2010 (a ognuna delle sei sottospecie è stato assegnato ugual peso). Il punto di partenza è fissato su un valore uguale a 1 nel 1980, a causa della mancanza di dati sulle popolazioni negli anni ’70 (WWF / ZSL, 2012). Capitolo 1: Lo stato del Pianeta pagina 31
  34. 34. Studio di un caso concreto: i delfini di fiumeLe popolazioni di cetacei d’acqua dolce sono in rapida diminuzione.Questi delfini e focene vivono in alcuni dei fiumi più grandi del mon-do, fra cui Gange, Indu, Yangtze, Mekong e Rio delle Amazzoni, che,si calcola, ospitino anche il 15% delle popolazioni umane del Pianeta.Lo sviluppo di infrastrutture come dighe, argini e sbarramenti, lacattura accidentale nelle reti da pesca, la collisione con barche, il so-vrasfruttamento degli stock ittici e l’inquinamento costituiscono tuttifattori che, negli ultimi 30 anni, hanno contribuito a un rapido declinodi molte popolazioni di delfini (ovvero i delfini che vivono solamentein fiumi e laghi), fino alla probabile estinzione di una specie, il delfinodel fiume Yangtze o baiji (Lipotes vexillifer) (Turvey et al., 2007; Fig.13). Anche le popolazioni di Orcella asiatica (Orcaella brevirostris),presenti in habitat sia marini sia di acqua dolce, sono diminuite. Iltrend in aumento della popolazione dei delfini del fiume Indu (Plata-nista minor) potrebbe essere dovuto a una ripresa dovuta alla proibi-zione della caccia o a un’immigrazione di delfini dalle zone circostanti(Braulik, 2006); tuttavia, sono necessarie maggiori informazioni inmateria e su tutte le specie di cetacei di acqua dolce allo scopo di rag-giungere una maggiore comprensione del loro stato complessivo. Leattuali conoscenze indicano la necessità di un’azione urgente, volta aprevenire l’estinzione di questi animali, tanto carismatici quanto an-cora sconosciuti.È NECESSARIA UN’AZIONE URGENTEPER EVITARE CHE QUESTI ANIMALICOSÌ AFFASCINANTI E MISTERIOSISI ESTINGUANOWWF Living Planet Report 2012 pagina 32
  35. 35. Trend di popolazione esemplificativi 500 500 Platanista dell’Indo Lipote 250 250 0 0 1970 1980 1990 2000 1970 1980 1990 2000 2010 3000 30 6000 1500 Platanista del Gange Focena dello Yangtze 20 3000 0 10 1980 1990 2000 2010 0 1980 1990 2000 2010 300 Orcella 50 0 1992 1998 2004 2010 2016 8 Inia 4 Gange Fig. 13: Trend e distribuzione delle Indu popolazioni di cetacei d’acqua dolce 0 1998 2000 2002 Distribuzione attuale Yangtze dei trend di specie e di popolazione per sei specie Mekong di cetacei d’acqua dolce. L’area colorata indica la distribuzione attuale Rio delle (IUCN, 2011) e i grafici mostrano i trend di Amazzoni popolazione esemplificativi di ogni specie. Capitolo 1: Lo stato del Pianeta pagina 33

×