Your SlideShare is downloading. ×
0
Cavriani Marco - Responsabile dei Rapporti internazionali e comunitari - Ministero delle Infrastrutture
Cavriani Marco - Responsabile dei Rapporti internazionali e comunitari - Ministero delle Infrastrutture
Cavriani Marco - Responsabile dei Rapporti internazionali e comunitari - Ministero delle Infrastrutture
Cavriani Marco - Responsabile dei Rapporti internazionali e comunitari - Ministero delle Infrastrutture
Cavriani Marco - Responsabile dei Rapporti internazionali e comunitari - Ministero delle Infrastrutture
Cavriani Marco - Responsabile dei Rapporti internazionali e comunitari - Ministero delle Infrastrutture
Cavriani Marco - Responsabile dei Rapporti internazionali e comunitari - Ministero delle Infrastrutture
Cavriani Marco - Responsabile dei Rapporti internazionali e comunitari - Ministero delle Infrastrutture
Cavriani Marco - Responsabile dei Rapporti internazionali e comunitari - Ministero delle Infrastrutture
Cavriani Marco - Responsabile dei Rapporti internazionali e comunitari - Ministero delle Infrastrutture
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Cavriani Marco - Responsabile dei Rapporti internazionali e comunitari - Ministero delle Infrastrutture

170

Published on

Slides presentate a Roma il 21 gennaio 2014 in occasione del Workshop "L'Impiego del gas naturale liquefatto (GNL) nei trasporti stradali. Normative, Standard e Tecnologie" promosso da @ConferenzaGNL, …

Slides presentate a Roma il 21 gennaio 2014 in occasione del Workshop "L'Impiego del gas naturale liquefatto (GNL) nei trasporti stradali. Normative, Standard e Tecnologie" promosso da @ConferenzaGNL, un progetto a cura di Symposia e WEC Italia - TWITTER #GNL

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
170
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Workshop Progetto GNL Roma, 21 gennaio 2014 Stato della normativa per i trasporti a CNG-LNG su strada Marco CAVRIANI Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica del C.N.VV.F. Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
  • 2. Normativa Vigili del Fuoco per la distribuzione stradale - GN: DM 24 maggio 2002, rettificato dal DM 28 giugno 2002 - GPL: DPR n.340 del 2003, modificato dal D.I. del 23 settembre 2008 - IDROGENO DM 31 agosto 2006 - GNL: Circolare 3819 del 21 marzo 2013 Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 2
  • 3. Circolare 3819 del 21 marzo 2013 – Allegato I Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 3
  • 4. Circolare 3819 del 21 marzo 2013 – Allegato II UBICAZIONE IMPIANTO non possibile in - zona territoriale omogenea totalmente edificata, individuata come zona A nel piano regolatore g p g generale o nel p g programma di fabbricazione dell aggregato - nelle zone di completamento e di espansione dell'aggregato urbano nelle quali sia previsto un indice di edificabilità superiore a tre metri cubi per metro quadrato; - nelle aree, ovunque ubicate, destinate a verde pubblico Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 4
  • 5. Circolare 3819 del 21 marzo 2013 – Allegato II Elementi pericolosi dell’impianto GNC da GNL a) serbatoio/i fissi; b) punti di riempimento; c) pompe adibite alla compressione del GNL; d) t i f dd torcia fredda; e) vaporizzatori di GNL; f) pompe adibite al riempimento dei serbatoi fissi; g) tubazioni di collegamento. Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 5
  • 6. Circolare 3819 del 21 marzo 2013 – Allegato II SERBATOI CRIOGENICI la massima capacità dei serbatoi è complessivamente di 100 m3 per il riempimento si demanda alle indicazioni del costruttore misure di sicurezza per il riempimento, per lo spurgo e per l’allontanamento del GNL in caso di perdita, se i serbatoi sono realizzati con t li ti temperature non compatibili con quelle d l GNL t tibili ll del gli impianti di alimentazione GNL devono essere dotati di un sistema di emergenza avente le caratteristiche definite nella Circolare Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 6
  • 7. Circolare 3819 del 21 marzo 2013 – Allegato II Protezione Antincendio In prossimità di ogni elemento pericoloso dell'impianto di alimentazione GNL: - estintore portatile (almeno 34A-144B-C) - estintore carrellato a polvere 30 Kg per il punto di riempimento idrante id t con attacco di uscita DN70 per rifornimento dei mezzi dei tt it if i t d i id i Vigili del Fuoco (almeno 300 l/min a 0,2 MPa con riserva minima di 10 m3) - sorveglianza mediante l'istallazione di un impianto di rilevazione per gas naturale, collegato al sistema di emergenza (punto 10 nella Circolare) ) Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 7
  • 8. Circolare 3819 del 21 marzo 2013 – Allegato II Verifica sismica tutte le componenti critiche dell'impianto (in particolar modo serbatoio e vaporizzatore con relativi vincoli di fondazione ed idoneità del terreno) dovranno essere verificati per il rischio sismico valutando quest'ultimo anche per le linee di impianto e la congruenza d li spostamenti di queste con le componenti critiche degli t ti t l ti iti h dell' impianto stesso (con relative misure compensative). Per le verifiche dovrà farsi riferimento al decreto del Ministero delle infrastrutture di concerto con il Ministro dell'interno e con il Capo Dipartimento della protezione civile 14 gennaio 2008. Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 8
  • 9. Circolare 3819 del 21 marzo 2013 – Allegato II Sorveglianza dell'esercizio dell'impianto di alimentazione GNL L'esercizio è ammesso solo sotto sorveglianza di una o più persone formalmente designate al controllo dell'esercizio stesso, appositamente formate e che abbiano una conoscenza della pp conduzione dell'impianto, dei pericoli e degli inconvenienti che possono derivare dai prodotti utilizzati o stoccati (criogenici infiammabili). Tale sorveglianza (telerilevamento/reperibilità) dovrà essere assicurata anche durante i periodi di chiusura dell' impianto, al fine di garantire l'applicazione dei piani di emergenza previsti Dovrà l applicazione previsti. essere fatta particolare attenzione alla gestione del prodotto contenuto nei serbatoi in caso di prolungati periodi di inattività dell'impianto, dell'impianto predisponendo specifiche proced re scritte. procedure scritte Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 9
  • 10. GRAZIE PER L’ATTENZIONE L ATTENZIONE Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 10

×