Your SlideShare is downloading. ×
Humour Leghista
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Humour Leghista

206

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
206
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Humour leghista
  • 2.
    • MILANO
    • Un napoletano vive in un sottotetto.
    • Un giorno l’abitazione prende fuoco.
    • Il napoletano urla: “San Gennaro, San Gennaro, aiutami tu!
    • Dall’alto compare una figura: “Ciro, apri la finestra e lanciati giu“. Ma S.Gennaro, e come posso salvarmi così!”
    • “ Fidati Ciro, ti salverò io con la mia mano”.
    • Allora Ciro si lancia dalla finestra ma si sfracella al suolo.
    • Arrivato in Paradiso S.Pietro gli dice: “Ciro che ci fai qui? Ti aspettavamo tra vent’anni!”
    • E Ciro: E’ colpa di San Gennaro: la mia casa ha preso fuoco, lui mi ha detto di buttarmi, ma non mi ha afferrato come promesso!!.”
    • San Pietro è perplesso.
    • Allora porta Ciro nella stanza dei santi e gli dice di indicare San Gennaro.
    • E Ciro: “Eccolo, è lui.”
    • San Pietro va verso il santo e gli dice:
    • Ambrogio quand’è che la smetti di fare il pirla.!?!
  • 3.
    • Cosa rappresenta in Italia
    • 740
    • MILANO: la denuncia dei redditi
    • ROMA: un modello della Volvo
    • NAPOLI: le 8 meno venti
    • PALERMO: … che minchia di calibro è questo?
  • 4.
    • Il mago Otelma incontra
    • un lombardo, un toscano e un napoletano.
    • "Sono Otelma", dice, "se avete un malanno, basta che io vi tocchi e il malanno vi passera subito'".
    • Il lombardo dice: "io ho un reumatismo a questa spalla". Otelma gli tocca la spalla e il reumatismo passa.
    • Il toscano dice: "Io ho preso una storta e mi fa male questa caviglia". Otelma gli tocca la caviglia e il male passa.
    • Il mago Otelma guarda il napoletano e dice: "E tu figliolo, qual e' il tuo problema?".
    • E il napoletano: "Guagliò, non mi toccare che tengo ancora sei settimane di malattia!!
  • 5.
    • Al reparto alimentari di un ipermercato si presenta un omino di Cinisello con faccia da piantagrane, e chiede al commesso mezzo cocomero.
    • "Un momento solo signore, devo chiedere al responsabile".
    • Il commesso si avvia verso la direzione senza accorgersi che il cliente lo segue. Entra nell'ufficio del caporeparto e prorompe :"Direttore, c'è un cretino di là che mi ha chiesto mezzo cocomero". Cenni disperati del responsabile, che ha visto il cretino in questione. Il commesso si gira e, senza fare una piega, dice: "E poi ci sarebbe questo gentleman che sarebbe interessato a prendere l'altra metà...”
    • Risolta la situazione, il responsabile e il commesso restano soli nell'ufficio: "Giovanotto", dice il direttore, "stava per combinare un bel disastro, ma non ho potuto fare a meno di ammirare il sangue freddo con cui ne è uscito. Come si chiama?".
    • "Mi chiamo Pasquale Quagliarulo,signore, e vengo da Napoli, città di grandi calciatori e grandi mignotte".
    • Il direttore: "Mia moglie è di Napoli...".
    • "Ah, si'? E in che ruolo gioca?" .

×