Your SlideShare is downloading. ×
Milano agora' 2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Milano agora' 2010

714
views

Published on

Published in: Health & Medicine, Lifestyle

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
714
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. MICROLIPOCAVITAZIONEMULTIFREQUENZA A FREDDO NELLA LIPOEMULSIONE Dott.Stefano ToschiU.O. Chirurgia Plastica Ospedale dell’Angelo Mestre Coordinatore Veneto Aidme 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 2. CONCETTO DI LIPOEMULSIONESi tratta di procedure in grado diindurre fenomeni di adipocitolisi conliberazione del grasso intracellulareche viene successivamente eliminato dallorganismo attraverso i sistemi linfatico venoso ed immunitario 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 3. CHIMICA• Infiltrazione di fosfolipidi• Infiltrazione di soluzioni detergenti 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 4. FISICACarbossiterapi Laserlipolisi a RF Cavitazione Microlipocavitazion Transderm e 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 5. CAVITAZIONE• fenomeno fisico per il quale un’onda elastica propagandosi nei tessuti e nei fluidi extracellulari provoca una depressione repentina di valore tale da scendere sotto la tensione dei gas disciolti. Si creano pertanto microbolle che nel ciclo successivo, caratterizzato da aumento di pressione, implodono cedendo la loro energia alle membrane cellulari degli adipociti con successiva adipocitolisi. 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 6. TIPI• ESTERNA (transdermica)• INTERNA 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 7. MICROLIPOCAVITAZIONE 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 8. MICROLIPOCAVITATORE• Generatore di cavitazione multifrequenza a freddo dotato di cannula di 2mm di diametro da 140/180 mm di lunghezza• Capacità di concentrare l’energia prodotta dagli US (36/42 KHz) elettivamente sull’ estremità della cannula riducendo drasticamente i rischi di danno termico 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 9. ONDA ULTRASONICA 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 10. CANNULA FREDDA• il dispositivo cavitazionale non è allocato sulla cannula ma allestremità del manipolo in modo da non causare danno termico nè alla cute circostante i fori dingresso nè allarea adiposa trattata. 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 11. FOCALIZZAZIONE• US non focalizzati con maggiore area di distribuzione dell’onda• Focalizzazione non necessaria in quanto l’energia non viene dispersa da tessuti interposti 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 12. FREQUENZE• ricerca automatica della frequenza di lavoro per ogni singola cannula (test frequency) e test automatico della frequenza operativa ripetuto ogni 6 sec. durante l’uso per ottimizzare la potenza ed evitare il surriscaldamento 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 13. SOFT SWITCH ON/OFF• selettività in tempo reale con riconoscimento della consistenza dei tessuti attraversati quando si incontrano strutture organiche (vascolari ecc) diverse dal tessuto adiposo. 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 14. AUTODIAGNOSTICA• Prevenzione di eventuali microfratture della cannula . Presenza di allarme per malfunzionamento . 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 15. BIOCOMPATIBILITA’• i materiali usati per le cannule sono a base di Titanio materiale che per le sue caratteristiche strutturali veicola in modo ottimale gli ultrasuoni 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 16. UPGRADING• il generatore di US è in fase di sperimentazione per altre funzioni (pulsato, scollamento tissutale). 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 17. MINIMA INVASIVITA’nelle vie di accesso al tessuto adiposo in quanto le incisioni per consentire l ingresso della cannula sono di diametro molto contenuto (1,5 – 2 mm). 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 18. KIT PER MICROLIPOCAVITAZIONE• Siringhe da 2,5 10 e 50cc• Disinfettante• Guanti Garze e Teli• SF Lidocaina Adrenalina Bicarbonato• Ciotola• Bisturi lama n.11• Kit Microlipo (Manipolo e Cannule)• Steristrips e Cerotti Medicati 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 19. FOTO DISEGNO MISURE 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 20. CONSENSO INFORMATO• Il seguente modulo ha lo scopo di fornire al/alla Paziente, in aggiunta al colloquio pre-operatorio con il Chirurgo, le informazioni riguardanti le caratteristiche del trattamento di MICROLIPOCAVITATION® . La preghiamo di leggere attentamente quanto segue, di discutere con il chirurgo ogni termine che non le fosse chiaro e quindi firmare questo documento come conferma di aver ben compreso le informazioni ricevute.• La MICROLIPOCAVITATION® è una procedura chirurgica ambulatoriale che consente di ridurre efficacemente accumuli di grasso in eccesso da vari distretti corporei. La sua azione è quella di rimodellare il profilo corporeo attraverso unemulsione del grasso stesso e quindi non deve essere considerata un mezzo per dimagrire.• Le sedi dove questo trattamento consente i migliori risultati sono: la regione sottomentoniera, l’addome ,• i fianchi,larea sottoglutea , la regione trocanterica e la superficie laterale delle cosce così come l’interno delle ginocchia. Altre zone possono essere trattate, ad esempio l’interno o la superficie anteriore delle cosce e le braccia, ma i risultati possono essere meno evidenti e devono essere considerati preventivamente.• La MICROLIPOCAVITATION® inoltre tramite lutlizzo combinato della sonda cavitazionale esterna è normalmente in grado di migliorare la qualità della cute e le eventuali preesistenti irregolarità della sua superficie .• L ’intervento prevede lesecuzione di 2 o più micro tagli daccesso(2mm circa) per la cannula cavitazionale, normalmente chiusi con cerotti senza necessità di punti di sutura e si effettua in anestesia locale . Viene direttamente rimossa una piccola quantità di tessuto adiposo (circa 100 cc)mentre il restante grasso emulsionato viene lentamente eliminato attraverso le normali vie escretorie.• Il risultato, poichè come detto è collegato al fisiologico riassorbimento dellemulsione,richiede alcune settimane di tempo per evidenziarsi completamente, e presenta delle variazioni individuali dovute alletà,alla sede e alle capacità metaboliche dellorganismo. Sebbene lintervento sia di carattere ambulatoriale e comporti uno stress chirurgico molto modesto , sono possibili seppur rare alcune complicanze; tra queste sono da segnalare le ecchimosi (lividi) intorno allarea trattata , ledema(gonfiore) dei tessuti per alcuni giorni, la secrezione di siero e grasso emulsionato dalle piccole ferite chirurgiche. Complicanze maggiori quali la trombosi venosa e l’embolia grassosa non sono state fino a questo momento mai evidenziate. Tali inconvenienti possono essere comunque 12° CONGRESSO minimizzati se si seguono attentamente le indicazioni del Chirurgo, il quale va altresì informato preventivamente INTERNAZIONALE DI MEDICINA dell’eventuale esistenza di affezioni a carico del sistema cardiovascolare e della cute, di alterazioni della coagulazione, dell’eventuale terapia farmacologica domiciliare in 2010 della presenza di dispositivi elettrici o ESTETICA- MILANO atto e
  • 21. CONSENSO INFORMATO• Prima dell’intervento di MICROLIPOCAVITATION®• Informare il Chirurgo di qualsiasi trattamento con farmaci tipo: cortisonici, antiipertensivi, contraccettivi, ipoglicemizzanti, anticoagulanti, cardioattivi o tranquillanti ecc.• Sospendere l’assunzione di farmaci contenenti acido acetilsalicilico (Aspirina, Ascriptin, Bufferin, Cemerit, Vivin C ecc.) almeno 5 giorni prima dell’intervento.• Ridurre il fumo a un massimo di 2-3 sigarette almeno due settimane prima dell’intervento.• Segnalare la comparsa di raffreddore, mal di gola , tosse e malattie della pelle.• Avvisare il medico di eventuali affezioni a carico del sistema vascolare degli arti inferiori quali varici, insufficienza venosa o pregressi episodi di trombo-embolia.• Acquistare una guaina od un collant a compressione graduata (140 denari) e/o una panciera elastica.• Il giorno dell’intervento di MICROLIPOCAVITATION®• Fare un bagno accurato con un buon detergente della cute e non applicare creme sul corpo.• Non mangiare o bere nelle 2 ore precedenti il trattamento e comunque non introdurre alimenti ricchi in zuccheri e grassi o di difficile digestione• Dopo l’intervento di MICROLIPOCAVITATION®• E’ indispensabile indossare giorno e notte una guaina compressiva od un collant a compressione graduata per almeno 15 giorni (secondo la prescrizione del Chirurgo).• Sono utili a favorire il riassorbimento del tessuto emulsionato sia lesercizio fisico(sport,cavitazione esterna,pedana vibrante ecc) che un alimentazione povera di grassi• La formazione di ecchimosi come detto è rara e andrà risolvendosi spontaneamente nel giro di alcuni giorni. Utilli applicazioni di creme a 12° CONGRESSO base di eparinoidi come Lioton o Lasonil. INTERNAZIONALE DI MEDICINA• Se le aree da trattare sono ampie e/o numerose èESTETICA- MILANO 2010 MICROLIPOCAVITATION® a partire da 4 settimane possibile effettuare ulteriori sedute di dopo il primo intervento.
  • 22. PREPARAZIONE APPARECCHIO 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 23. PREPARAZIONE PAZIENTE 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 24. SCOLLAMENTO 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 25. LIPOINFILTRAZIONE CON LA SOLUZIONE ANESTETICA 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 26. ANESTESIA• FISIOLOGICA 500 cc• LIDOCAINA 2% 30 meq• ADRENALINA 1% ¼ fl• BICARBONATO 2 ml 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 27. CAVITAZIONE 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 28. MEDICAZIONE 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 29. COMPRESSIONE 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 30. AREE TRATTABILI• Addome• Fianchi• Trocantere/coscia est• Coscia interna• Area sottoglutea• Interno ginocchia• Polpacci e caviglie• Mento• Mammella maschile• Dorso 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 31. PAZIENTI NON TRATTABILI• Pz affetti da gravi patologie attive di tipo vascolare o cardiaco• Pz portatori di pacemaker• Pz in terapia con farmaci antitumorali e antirigetto o cortisonici• Grandi fumatori• Gravidanza/Allattamento• Dismorfofobici/A tendenza isterica• Aspettative eccessive DI MEDICINA 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE ESTETICA- MILANO 2010
  • 32. PROTOCOLLO• 1-2 aree per seduta• Infiltrazione media 100/150 cc per seduta per area• Compressione con guaine o calze 140 denari per 15 gg• Ripetibilità nella stessa area dopo 30 giorni 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 33. EFFETTI COLLATERALILOCALI SISTEMICI• Edema • Non descritti• Dolore• Ecchimosi• NON Iperpigmentazioni o teleangectasie da surriscaldamento 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 34. RISULTATI• Richiedono 8-12 settimane per manifestarsi completamente• È consigliato precoce esercizio fisico• Successive sedute di cavitazione esterna determinano un’ ulteriore definizione dell’area trattata 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 35. ASPETTI MEDICO-LEGALI• Dispositivo medico attivo di classe IIb (93/42 Cee)• Utilizzable in locali adibiti ad uso medico di gruppo 1 o superiore (Cei 64-8/710)• Classe di protezione 1 tipo b 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 36. INDICAZIONI• Aree di trattamento localizzate• Controindicazioni alla liposuzione• Esiti di liposuzione• Eta’• Compliance del pz. 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 37. 12° CONGRESSOINTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 38. 12° CONGRESSOINTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 39. POST 20GG 12° CONGRESSOINTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 40. POST 30GG 12° CONGRESSOINTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 41. 12° CONGRESSOINTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 42. 12° CONGRESSOINTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 43. 12° CONGRESSOINTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 44. 12° CONGRESSOINTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 45. CONCLUSIONI• 1) è selettiva e circoscritta all’area sede del flusso energetico,• 2) è in grado di determinare una progressiva riduzione del tessuto adiposo immediata e differita,• 3) non compromette la rete vascolare adiacente al campo di azione,• 4) evoca la liberazione di trigliceridi e colesterolo in forma proporzionale alla durata del trattamento,ma comunque al di sotto delle normali capacità di metabolizzazione dell’organismo• 5) ha una valenza terapeutica significativamente potenziata dall’infiltrazione locale di soluzione fisiologica erogata con i principi della “lipoaspirazione tumescente”. 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 46. VANTAGGICurva di apprendimento breveTrattamento AmbulatorialeSelettività TissutaleCannula fredda NO DANNO TERMICORipetibilità in tempi breviCompliance 12° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010
  • 47. GRAZIE 12° CONGRESSOINTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA- MILANO 2010