Your SlideShare is downloading. ×
0
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Mana spindoctor [modalità compatibilità]
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Mana spindoctor [modalità compatibilità]

296

Published on

Marketing 2.0: case studies ispirative, Marketing non convenzionale,WOM marketing,Buzz Marketing,Viral marketing, Guerrilla, Web 2.0 e Social Networking strategie di new business, Web strategy

Marketing 2.0: case studies ispirative, Marketing non convenzionale,WOM marketing,Buzz Marketing,Viral marketing, Guerrilla, Web 2.0 e Social Networking strategie di new business, Web strategy

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
296
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  1. ManafactoryWELCOME IN OUR COLLABORATIVE WORLD
  2. “Chi non é strategico sul web oggi, soffrirà domani.
Molte aziende hanno incominciato ad accorgersene e iniziano ad investire sul web fin dall’inizio della definizione strategica delle proprie attività di comunicazione”
 Stefano Hesse - Head of Corporate Communication and Public Affair Southern Europe of Google.2
  3. Progettare strategicamente in chiave web: • La brand identity • Le attività di comunicazione interna • Le attività di comunicazione per il lancio di un prodotto, di un servizio, di un evento • I flussi, la struttura, i contenuti e i linguaggi • Le informazioni push e il direct marketing • L’interazione tra aziende e clienti • I servizi e le info • La formazione • Il customer care • Le attività di CSR • Le pr • La brand reputation • L’analisi dei “word of mouth”3
  4. Per affiancare le aziende a pianificare strategicamente le risorse SCEGLIERE LE AZIONI, GLI STRUMENTI, LE APPLICAZIONI TECNOLOGICHE E IL LINGUAGGIO PIU’ COERENTE4
  5. Ma le aziende sono pronte a “investire sul web fin dall’inizio della definizione strategica delle proprie attività di comunicazione”?5
  6. Questo è lo scenario che stiamo affrontando: LE AZIENDE USANO LA RETE COME “UNO” DEI MEDIA, CIOE’ COME UNO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE TRA GLI ALTRI. IN PIU’ , PARTICOLARMENTE ECONOMICO.6
  7. SE FOSSIMO UN’AGENZIA DI COMUNICAZIONE TRADIZIONALE:7
  8. Saremmo in competizione con i tipografi c’è una tendenza a trovare nella “tecnologia” il valore principale di questo strumento e quindi ad investire risorse sullo sviluppo e non sulla pianificazione strategica per scegliere le tecnologie più coerenti sulle quali investire.8
  9. Assumeremmo 100 copy a cliente: c’è difficoltà e timore sia per l’ impegno redazionale non indifferente che richiede la comunicazione web, sia verso l’apertura/dialogo che caratterizza la Rete.9
  10. Dovremmo pianificare le campagne solo in tv: c’è una tendenza a prediligere, tra le caratteristiche del web, i “numeri” e non gli obiettivi strategici.10
  11. …e dovremmo garantire la presenza in prima serata un’incertezza di fondo legata ai “tempi” e alla visibilità: la comunicazione Web va costruita nel tempo e raggiunge i suoi obiettivi a medio/lungo termine.11
  12. SAREMMO TIPOGRAFI CON BUDGET MILIONARI!12
  13. Quando viene condivisa l’importanza strategica di ottimizzare la comunicazione nel web senza confrontarla con i risultati e gli obiettivi della comunicazione tradizionale…13
  14. CI MISURIAMO CON I TRENDSETTER DEL WEB! E CON I CLIENTI CHE CERCANO DI STARE AL PASSO CON I TEMPI… …SEGUENDO LA STRADA DELL’ EMULAZIONE14
  15. Il “Mal di Web” e i suoi sintomi: - L’OSSESSIONE DA NETWORK - L’ANSIA DA PASSAPAROLA - LA MANIA DA INFOGRAFICA CHE FA “TECNOLOGIA” (ma poi costa troppo…) - VOLER SEMBRARE “SMART” COME STEVE JOBS IN AZIENDE FERME A WINDOWS ‘97 - CERCARE CONFORTO NEL MONITORAGGIO DELLA REPUTATION FATTO DA UN SOFTWARE - CERCARE CONFERMA DI ESISTERE NEI NUMERI DI PR ONLINE MASSIVE - CONVINCERSI CHE LA “GUERRILLA” SIA UN COMUNE EVENTO ALL’APERTO Ispiratore di queste scelte aziendali, quasi sempre è “uno degli spin doctors di Obama…”15
  16. Le conseguenze sono meno lievi… - RISULTATI MEDIOCRI - DIFFIDENZA TRA GLI UTENTI - DIFFICOLTA’ PER LE AZIENDE NELLA GESTIONE DELLE RISORSE ECONOMICHE - CRESCITA COSTANTE DI “COMPETITORS” NON STRATEGICI, MA “TECNOLOGICI” - UN MERCATO INCOMPRENSIBILE NEI PREZZI E FRAMMENTATO NELL’OFFERTA16
  17. LA RISPOSTA E’ NELLA WEBSTRATEGY17
  18. L’APPROCCIO PROGETTARE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE PER IL WEB “Chi non é strategico sul web oggi, soffrirà domani.
Molte aziende hanno incominciato ad accorgersene e iniziano ad investire sul web fin dall’inizio della definizione strategica delle proprie attività di comunicazione”
 …MA SE QUALCUNO SE NE RENDE CONTO ALLA FINE VA GIA’ MOLTO BENE18
  19. LA WEBSTRATEGY PER GUIDARE I CLIENTI NEL DELICATO PASSAGGIO CHE SI STA PRESENTANDO DALLA BRAND IDENTITY ALLA WEB IDENTITY19
  20. LA WEBSTRATEGY PER COSTRUIRE PROGETTI DI CORPORATE SUL WEB DAL SITO ALLA PALINSESTO ALWAYS ON20
  21. Telepromozioni Customer Relationship Below the line Management ON Customer Relationship WEB Pubbliche relazioni Management Comunicazione Above the line Corporate21
  22. LA WEBSTRATEGY PER PROGETTARE AZIONI TATTICHE PER PRODOTTI, SERVIZI O VALORI - GENERARE VISIBILITA’ E GOOD REPUTATION NELLA RETE - ALLARGARE I PUBBLICI DI RIFERIMENTO - DIALOGARE - FIDELIZZARE I CLIENTI - SUPPORTARE IL “CHANGE MANAGEMENT “ DELLA COMUNICAZIONE INTERNA - PIANIFICARE E PROPORRE APPLICAZIONI TECNOLOGICHE PER SERVIZI DEDICATI - GUIDARE O CORREGGERE LE OPINIONI22
  23. IL FLUSSO DI LAVORO Web Monitoring Reportistica settimanale e analisi qualitativa Webstrategy Pr online Report finale23
  24. PER OFFRIRE AI CLIENTI UN DOCUMENTO COMPLETO DELLE: - GUIDELINES STRATEGICHE Definire obiettivi, positioning, core target Definire e pianificare i media (web) Definire e pianificare le risorse economiche,strumenti e applicazioni tecnologiche - GUIDELINES CREATIVE Definire i valori di riferimento e il concept creativo Organizzare i contenuti (wireframe) Definire i linguaggi, copy e art24
  25. Fine presentazione

×