Webinar: il ciclo di gestione della performance è una scelta strategica per i Comuni

  • 273 views
Uploaded on

Per accedere alla registrazione del seminario vai a questo link: http://goo.gl/ysfWDD …

Per accedere alla registrazione del seminario vai a questo link: http://goo.gl/ysfWDD

I webinar del Progetto Valutazione delle Performance (http://goo.gl/8cRWaU) sono una occasione di formazione per chiunque sia interessato al performance management nella PA.

I seminari on line sono dedicati anzitutto ai Comuni delle Regioni Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

Organizzati dal Dipartimento della funzione pubblica,con la collaborazione di FormezPa, i webinar integrano il percorso di affiancamento delle amministrazioni che hanno aderito al Progetto e sono rivolti, in particolar modo, agli attori principali del Ciclo di gestione della performance nei Comuni, ovvero ai direttori generali, segretari generali, dirigenti, funzionari apicali e ai componenti degli Organismi indipendenti di valutazione (Oiv).

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
273
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
5
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Il Ciclo della Performance: una scelta strategica per i Comuni Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto Valutazione delle Performance 25 marzo2013 h. 14.30 – 16.00
  • 2. AGENDA DEI LAVORI 14.20 – 14.30 Avvio del collegamento e accoglienza dei partecipanti 14.30 – 14.40 Introduzione al tema - Pia Marconi, DFP 14.40 – 15.15 Managing performance: il caso degli enti locali in Italia Giovanni Valotti– Dean Undergraduate School Università Bocconi 15.15 – 15.50 Il ciclo della perfomance - Mauro Bonaretti, DG comune di Reggio Emilia e Presidente ANDIGEL 15.50 – 16.00 Chiusura dei lavori - Delia Zingarelli, Esperto Progetto Valutazione delle Performance Moderatore: Niccolò Mattia, Segreteria del Progetto Valutazione delle Performance Progetto Valutazione delle Performance
  • 3. Managing performance: il caso degli enti locali in Italia Giovanni Valotti – Università Bocconi Progetto "Valutazione delle Performance” Il Ciclo della Performance: una scelta strategica per i Comuni Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro
  • 4. Il posizionamento relativo dell’Italia nelle comparazioni internazionali Use of performance budgeting system: indice composto da 14 variabili Fonte: OCSE (2007) 2
  • 5. 3 La forma corrisponde alla sostanza? • Le amministrazioni pubbliche in Italia, soprattutto a livello locale, hanno sviluppato negli ultimi venti anni sistemi di misurazione • Le esperienza sono, tuttavia, fortemente eterogenee 2 aspetti sono rilevanti: • la qualità dei sistemi di misurazione e gestione della performance • l’effettivo utilizzo di questi sistemi
  • 6. 4 Performance measurement ed accountability: interna ed esterna Piano della performance/ Bilancio Previsione Relazione sulla performance /Rendiconto Cittadini Programmazione (Budget) Controllo Reporting Amministrazione Accountability Esterna Amministratori Dirigenti Strutture Accountability Interna TRASPARENZA 26/04/2012
  • 7. Le condizioni abilitanti lo sviluppo dei sistemi di performance management  I Paesi con consolidata esperienza di performance management (interna/esterna) sono quelli in cui gli enti locali hanno elevata autonomia gestionale e finanziaria e domanda di accountability da parte degli stakeholder (NZ, Australia, USA, Canada)  Sono condizioni per lo sviluppo di sistemi di performance management “in action”: 1) l’autonomia gestionale e finanziaria degli enti locali 2) la responsabilizzazione degli amministratori e del management attraverso meccanismi di “quasi-mercato”.  Assessment esterno e indipendente della Performance  Benchmarking a livello regionale e nazionale  Transparency  Incentivi di sistema per gli enti legati alla performance  Lo sviluppo di forme di concorrenza nella gestione dei servizi 26/04/2012 5
  • 8. I diversi obiettivi della misurazione  Lo sviluppo dei sistemi di misurazione e valutazione della performance negli enti locali, risponde a diverse esigenze:  Migliorare la qualità delle strategie e la capacità di attuazione delle stesse  Amministratori  Migliorare l’efficacia e l’efficienza della gestione  Dirigenti  Rendere conto  Cittadini e stakeholder  Gestire le relazioni istituzionali  Altri livelli di governo e organi di controllo 26/04/2012 6
  • 9. Misurare per migliorare la qualità delle strategie: elaborazione, attuazione e impatto 7 Sistemidi pianificazione strategica Sistemidi misurazione della performance Documenti Processi Comportamenti Ambiente Aziende Indicatori
  • 10. 8 Misurare per migliorare la gestione
  • 11. Misurare per rendere conto 9
  • 12. http://www.whitehouse.gov/omb/expectmore/index.html 4. La misurazione nelle relazioni tra i livelli di governo 10
  • 13. Quali ambiti misurare? 21% 21% 46% 2% 7% 3% 0% Indicatori perambito - Francia Impatti Strategia Attività e servizi Salute finanziaria Salute organizzativa Salute relazioni Contesto 69% 21% 10% 0% 0% 0% 0% Indicatori perambito - Germania Impatti Strategia Attività e servizi Salute finanziaria Salute organizzativa Salute relazioni Contesto 34% 16% 22% 9% 7% 5% 7% Indicatori perambito - UK Impatti Strategia Attività e servizi Salute finanziaria Salute organizzativa Salute relazioni Contesto 32% 19% 24% 15% 7% 1% 2% Indicatori perambito - USA Impatti Strategia Attività e servizi Salute finanziaria Salute organizzativa Salute relazioni Contesto 11
  • 14. Gli aspetti qualificanti del sistema di misurazione • La significatività delle misure (selezione di KPI) • La stabilità delle misure (analisi di trend) • La confrontabilità delle misure (enfasi su benckmarking) • La credibilità delle misure (performing vs not performing) 12
  • 15. La stabilità degli indicatori e l’importanza dei trend: il caso Inps 13
  • 16. L’utilizzo delle misure • I dirigenti lamentano basso interesse dei politici verso le misure • I politici lamentano bassa disponibilità delle informazioni Un primo nodo: La creazione di cruscotti per categoria di destinatario Un secondo nodo: L’effettiva responsabilità sui risultati Un terzo nodo: La coerenza tra misure e responsabilità 14
  • 17. Policies evidence based  Laddove il livello di trasparenza è più alto ed il ruolo di soggetti esterni più incisivo, aumenta il grado di utilizzo delle misure da parte dei policy maker.  Il policy making fondato sulle evidenze migliora la qualità delle politiche e le capacità di implementazione delle stesse. 15
  • 18. Misure e produttività  Laddove il sistema di misurazione è più evoluto migliori sono gli indici di produttività  In un periodo di forte contrazione delle risorse disponibili, un buon sistema di misurazione è fondamentale per migliorare la qualità della spesa 16
  • 19. Il ruolo dei “tensori” interni e di sistema  Di grande importanza può essere il ruolo:  degli Organismi indipendenti di valutazione (o Nuclei di valutazione), che dovrebbero concentrarsi sulla performance organizzativa  dell’adeguamento dei sistemi di responsabilizzazione degli amministratori e della dirigenza (“dal danno erariale” alla responsabilità di risultato)  dell’adaguemento dei criteri e delle metodologie di valutazione da parte degli organi esterni di controllo 17
  • 20. Concludendo  I sistemi di misurazione, gestione e valutazione della performance sono fondamentali per il miglioramento delle organizzazioni  Gli enti locali più evoluti hanno lavorato su questi sistemi  Tuttavia emergono ampi spazi di miglioramento  L’effettivo utilizzo dei sistemi di misurazione dipende:  dalla qualità degli stessi  dal sistema di responsabilizzazione interno agli enti  dal mutare di condizioni di sistema 18
  • 21. Mauro Bonaretti Direttore Generale Comune di Reggio Emilia Presidente Andigel – Associazione Nazionale Direttori Generali Enti Locali Progetto "Valutazione delle Performance” Il Ciclo della Performance: una scelta strategica per i Comuni Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro IL CICLO DELLA PERFORMANCE
  • 22. Il Ciclo della Performance Gestire il ciclo della performance nei Comuni non è un adempimento normativo, ma una necessità
  • 23. Stabilire obiettivi chiari e misurabili e valutare i risultati può consentire di selezionare e focalizzare le azioni più strategiche per: Evitare tagli lineari della spesa Concentrare le risorse sulle priorità Il Ciclo della Performance
  • 24. I 5 fattori critici di successo 1. Quantificare gli obiettivi strategici attesi 2. Rendere coerenti pianificazione strategica e programmazione operativa 3. Allocare le risorse sulla base degli impatti attesi e delle azioni programmate per raggiungerli e non viceversa 4. Valutare in funzione delle responsabilità e degli obiettivi 5. Considerare performance, trasparenza e rendicontazione non solo un processo interno
  • 25. I fattori critici di successo 1. Definire in termini quantitativi di impatto gli obiettivi strategici attesi Es: Aumentare del 10% il n. dei posti disponibili negli asili nido/tot residenti 0-3 anni
  • 26. Il coinvolgimento del livello politico Sindaco e Giunta entrano nel ciclo della performance esprimendo gli obiettivi in modo misurabile e quantificabile
  • 27. I fattori critici di successo Rendere coerenti i livelli e gli strumenti della pianificazione strategica e della programmazione operativa Gli strumenti della pianificazione e della programmazione non sono indipendenti tra loro
  • 28. Obiettivo Incrementare la sicurezza e la sostenibilità ambientale nei trasporti INDICATORI Ridurre il numero di morti sulle strade nel territorio comunale del 5% Aumentare il numero di spostamenti in bicicletta del 2% 1. MODERAZIONE DEL TRAFFICO PROGETTI DI RIQUALIFICAZIONE PEDALARE RETE CICLABILE STRATEGICA BICIBUS UFFICIO MOBILITA' CICLABILE BICITTA' - PRONTO INTERVENTO BICI 3. QUALITA' DELL'ARIA INCENTIVI GAS 2. MOBILITA' CICLABILE Un esempio... OBIETTIVI E INDICATORI AZIONI E PROGETTI RPP PEG INDICATORI VALORE ATTESO Numero di alunni nell'anno solare che hanno aderito al bici-bus 560 Numero iniziative promosse per la mobilità sostenibile e sicura nei percorsi casa-scuola non meno di 3 Numero scuole aderenti al progetto sul numero totale di scuole primarie di 1° grado 20 su 40
  • 29. I fattori critici di successo 3. Allocare le risorse sulla base degli impatti attesi e delle azioni programmate per raggiungerli e non viceversa
  • 30. I fattori critici di successo PROCESSO TRADIZIONALE 1. Finanziare i budget 2. Programmare le azioni 3. Verificare gli impatti CICLO DELLE PERFORMANCE 1. Pianificare gli impatti attesi 2. Programmare le azioni 3. Finanziare i budget
  • 31. I fattori critici di successo E’ strategica l’introduzione di una “zona 30” in un quartiere della città?
  • 32. I fattori critici di successo SI se l’obiettivo è quello di ridurre il numero di incidenti e morti NO se l’obiettivo è aumentare la velocità del traffico
  • 33. I fattori critici di successo 4. Definire ambiti della valutazione molteplici e in funzione delle responsabilità e degli obiettivi
  • 34. Pre-condizioni trasversali agli ambiti e agli obiettivi Indicatori (es: costo per utente) Standard di riferimento (es: serie storica/benchmarking) Target (es: costo per utente 2011) Fonti (es: contabilità analitica) Per valutare occorrono:
  • 35. I fattori critici di successo Considerare performance, trasparenza e rendicontazione non solo un processo interno
  • 36. La relazione con cittadini e portatori di interessi - Ascoltare nella definizione degli obiettivi - Esplicitare gli impegni - Coinvolgere nella valutazione - Rendere conto dei risultati
  • 37. Il percorso dei webinar Delia Zingarelli FormezPA Progetto "Valutazione delle Performance” - 25 marzo 2013 Progetto Valutazione delle Performance Seconda Fase
  • 38. Il terzo webinar: alcuni riscontri 6 marzo 2013 “Lo sviluppo del sistema dei controlli e il ciclo della performance” Relatori: Annalisa D'amato (Anci) Davide Galli (Università Sacro Cuore di Piacenza) 48 utenti, spesso in gruppi di più persone presso l'amministrazione 31 risposte al questionario di gradimento Progetto "Valutazione delle Performance " 25 marzo 2013
  • 39. I sondaggi (1) Sondaggio 1 - L’amministrazione ha approvato un regolamento sul sistema dei controlli interni? Progetto "Valutazione delle Performance " 25 marzo 2013 Sì 81,2% No 15,6% Non so 3,1%
  • 40. I sondaggi (2) Sondaggio 2 - L’amministrazione ha proceduto ad una revisione dei regolamenti di contabilità e di organizzazione al fine di rendere operativo il sistema dei controlli interni? Progetto "Valutazione delle Performance " 25 marzo 2013 Sì 39,3% No 50,0% Non so 10,7%
  • 41. I sondaggi (3) Sondaggio 3 - In una scala da 1 a 10, quanto ritenete che il nuovo sistema dei controlli interni incrementi l’onere delle attività delle unità preposte al controllo? Progetto "Valutazione delle Performance " 25 marzo 2013 Poco (1,2,3,4) 9,7% Abbastanza (5,6,7) : 42,0% Molto (8,9,10) : 48,3%
  • 42. I sondaggi (4) Sondaggio 4 - In quale mese dell’anno è stato approvato il Bilancio Previsionale 2012? Progetto "Valutazione delle Performance " 25 marzo 2013 (Gen)-feb-mar 7,6% Apr-mag-giu : 46,1% Lug-ago-set : 23,1% Ott-nov-dic : 23,1%
  • 43. I sondaggi (5) Sondaggio 5 - L’amministrazione si era dotata di uno schema di Piano-PEG contenente obiettivi 2012 prima dell’approvazione del Bilancio Previsionale 2012? Progetto "Valutazione delle Performance " 25 marzo 2013 Sì 43,3% No 50,0% Non so 6,7%
  • 44. I sondaggi (6) Sondaggio 6 - In una scala da 1 a 10, quanto ritenete sia stato critico per la gestione degli obiettivi adottare il Bilancio Previsionale 2012 nella data in cui è avvenuto? Progetto "Valutazione delle Performance " 25 marzo 2013 Poco (1,2,3,4) 10,7% Abbastanza (4,5,6,7) : 32,1% Molto (8,9,10) : 57,2%
  • 45. Il position paper Progetto "Valutazione delle Performance " 25 marzo 2013 Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell’art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper Febbraio 2013 www.qualitapa.gov.it/fileadmin/mirror/i-valperf/materiali/VDP_201303_Position_Paper_Controlli_interni.pdf
  • 46. Il parere sul III webinar Progetto "Valutazione delle Performance " 25 marzo 2013 Chiarezza delle relazioni Rilevanza del tema per l'amministrazione Adeguatezza del tempo rispetto alle esigenze di lavoro Adeguatezza del tempo rispetto ai contenuti Efficacia della modalità webinar Qualità della discussione con i partecipanti Utilità dei contenuti per lo sviluppo del CdP Applicabilità dei contenuti da parte dell'amministrazione 5,2 4,9 4,5 4,6 4,6 5,0 4,2 4,8
  • 47. I primi 3 webinar a confronto Progetto "Valutazione delle Performance " 25 marzo 2013
  • 48. I prossimi webinar Il quinto webinar a supporto del percorso di affiancamento del Progetto “Valutazione delle Performance” avrà luogo dopo la pausa pasquale Contatti : valutazioneperformance@funzionepubblica.it Progetto "Valutazione delle Performance " 25 marzo 2013
  • 49. L’area di lavoro rinnovata Progetto "Valutazione delle Performance " http://www.qualitapa.gov.it/iniziative-in-corso/valutazione- performance/
  • 50. Grazie per l'attenzione e buon lavoro Progetto "Valutazione delle Performance” 25 marzo 2013 Progetto Valutazione delle Performance