Terzo paesaggio a montebelluna

867 views
783 views

Published on

Riflessione sull'estetica del Paesaggio

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
867
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
380
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Terzo paesaggio a montebelluna

  1. 1. Terzo Paesaggio a MontebellunaIl disordine come valore estetico
  2. 2. Amo gli spazi incolti, non vi si trova nulla che abbia a chevedere con la morte. Una passeggiata nell’incolto è aperta atutti gli interrogativi, quello che vi succede supera lespeculazioni più avventurose». (G.Clement)
  3. 3. Istruire lo spirito del non fare così come si istruisce lospirito del fare.-Elevare l’indecisione fino a conferirle dignità politica.Porla in equilibrio con il potere.-Immaginare il progetto come uno spazio checomprende riserve, domande da porre.-Considerare la non organizzazione come un principiovitale al quale ogni organizzazione si lascia attraversaredai lampi della vita.-Avvicinarsi alla diversità con stupore.
  4. 4. IL CONCETTO DI PAESAGGIO
  5. 5. Definizioni Paesaggio naturale. Il paesaggio naturale è il paesaggio plasmato dalle forze della natura.Paesaggio antropico. Il paesaggio antropico (o paesaggio umanizzato) è il paesaggio costruito dallintervento umano.
  6. 6. caosregole Natura
  7. 7. Se si attribuisce un valore alpaesaggio, questo valore deve essereprotetto
  8. 8. ratificata dall’Italia con la Legge 9 gennaio 2006, n. 14.Uno degli aspetti più eclatanti di questa convenzione sta nel fatto che, per la prima volta per l’Italia, il paesaggio acquisisce valore giuridico, infatti, la Convenzione recita“Ogni Parte si impegna a riconoscere giuridicamente il paesaggio in quanto componente essenziale del contesto di vita delle popolazioni, espressione della diversità del loro comune patrimonio culturale e naturale e fondamento della loro identità”.
  9. 9. “il paesaggio svolge importanti funzioni di interesse generale, sul piano culturale, ecologico, ambientale e sociale e costituisce una risorsa favorevole allattività economica, e che, se salvaguardato, gestito e pianificato in modo adeguato, può contribuire alla creazione di posti di lavoro;il paesaggio è in ogni luogo un elemento importante della qualità della vita delle popolazioni: nelle aree urbane e nelle campagne, nei territori degradati, come in quelli di grande qualità, nelle zone considerate eccezionali, come in quelle della vita quotidiana”
  10. 10. “Il termine " paesaggio " viene definito come una zona o un territorio, quale viene percepito dagli abitanti del luogo o dai visitatori, il cui aspetto e carattere derivano dallazione di fattori naturali e/o culturali (ossia antropici). Tale definizione tiene conto dellidea che i paesaggi evolvono col tempo, per leffetto di forze naturali e per lazione degli esseri umani.Sottolinea ugualmente lidea che il paesaggio forma un tutto, i cui elementi naturali e culturali vengono considerati simultaneamente.”
  11. 11. PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE ALLEGATO 27il paesaggio è costituito da tre grandi entità che si incontrano e sirimescolano di continuo:gli oggetti concreti (i prati e i boschi, le strade e gli edifici, i corsi d’acqua, le montagne e le pianure, ecc.), che si possono toccare, che nel loro insieme lo costituiscono, e mantengono in vitala seconda grande entità: i processi (le forze naturali e antropiche richiamate dalla convenzione) ela percezione che ognuno di noi ha di questi insiemi, che ci permette di interpretarli e viverli ognuno aproprio modo. Possiamo dire che il paesaggio è costituito da una parte oggettivamente rilevabile, quellaconcreta costituita da elementi definibili e misurabili, e una parte decisamente soggettiva, ma fortemente condizionata dalla prima.Le due parti si condizionano a vicenda attraverso continui scambi di informazioni che determinano l’evoluzione dei paesaggi (Gibelli, 2005-1).
  12. 12. il concetto di paesaggio è frutto del convergere di più cose:il territorio inteso come spazio fisico,biologico ed ecologico;gli accadimenti che su quel territorio avvengono nella storia;La percezione che di tutto ciò abbiamo come osservatori.
  13. 13. Relazione Spazio fisicoPercezione Storia
  14. 14. Terzo PaesaggioClement raggruppa nel terzo paesaggio tutte le aree abbandonate dall’uomo, che come specificato nel libro, sono dei residui (dèlaissè),spazi incolti (friche) che rappresentano rifugi per la diversità.Clement ne parla anche come di “spazi indecisi”, dove le amministrazioni o l’uomo non ha intenzione di intervenire e che diventano “terrain vague” dove non è più evidente un’ordine, ma solo una evoluzione naturale della flora e della fauna che sfruttano l’inappetenza umana alla conquista.Nel libro si parla di “frammentazione degli insiemi primari”, di riserve, di endemismo, di comunicazioni e di corridoi biologici, tutti concetti creati nel campo di studio dell’ecologia.
  15. 15. diversitàIl Terzo Paesaggio è lo spazio privilegiato che accoglie la diversità biologica e si contrappone all’insieme dei territori antropizzati sottomessi alla gestione e allo sfruttamento dell’uomo. La gestione antropica delle componenti naturali del paesaggio seleziona la diversità e a volte l’esclude del tutto.
  16. 16. Non ci sono regole
  17. 17. Nei siti industriali, nelle città, in quasi tutti i luoghi dell’attività umana, dalturismo alle colture agricole e forestali, si riduce a poco o nulla labiodiversità.
  18. 18. Per Gilles Clément il Terzo Paesaggio è come il Terzo Stato, del quale l’Abbé Siéyès diceva: “Cos’è il Terzo Stato? Tutto. Che ruolo ha nel presente? Nessuno. Cosa vuole diventare ? Qualche cosa.”
  19. 19. Istruire lo spirito del non fare così come si istruisce lo spirito del fare.Elevare l’indecisione fino a conferirle dignità politica. Porla in equilibrio con il potere.Immaginare il progetto come uno spazio che comprende riserve, domande da porre.Considerare la non organizzazione come un principio vitale al quale ogni organizzazione si lascia attraversare dai lampi della vita.Avvicinarsi alla diversità con stupore.
  20. 20. L’estetica del terzo paesaggio si basa sul disordine, sulla nonorganizzazione, sul non controllo.
  21. 21. IL Paesaggio urbano
  22. 22. C’è un controllo sul paesaggo urbano?C’è un’estetica?
  23. 23. Quale senso del bello?
  24. 24. Genius lociQuale relazione tra gli abitanti e il paesaggio che abitano?Quale il senso dei luoghi?
  25. 25. Raffaele Milani:“In Europa, in questi ultimi decenni, campagna e città si assemblano in un spazio misto, ibrido, senza anima, quell’anima che invece hanno sempre avuto.È la fine dell’identità dei luoghi, tutti uguali ovunque (…). Si è affermata, tra il degrado, l’indifferenza e lo stile uniforme, la rinuncia alla bellezza, quella bellezza fatta di cultura materiale, di lavoro umano costruito per secoli sul riconoscimento simbolico, visivo, tecnico del paesaggio in un incontro tra etica ed estetica.Le antiche bellezze non erano solo espressione dell’arte e della filosofia. Perdere la memoria del luoghi vuol dire perdere la memoria della bellezza che è connaturata allo spirito della terra”
  26. 26. - urbanizzazione diffusa elevata e consumo di suolo;- destrutturazione del Paesaggio, determinata dalla forte frammentazione del tessuto paesistico ambientale costituito dalle infrastrutture lineari e lo sviluppo insediativo indotto;- banalizzazione ecosistemica delle aree rurali e fluviali;- scarsa valorizzazione delle risorse naturali, anche in riferimento alla biodiversità;- perdita della diversità dei paesaggi con tendenza all’omologazione, soprattutto in pianura.
  27. 27. Risorse- Pierre Hadot, Il velo di Iside, storia dell’idea di natura, Einaudi, Torino 2006.- Eugenio Turri, Il paesagio come teatro, Marsilio, Venezia 1998.- James Hilmann, L’anima dei luoghi, Rizzoli, Milano 2004, pag. 55.- Eugenio Turri, Il paesaggio ed il silenzio, Marsilio, Venezia 2004, pag. 73.- Christian Norberg-Schulz, Genius Loci, Electa, Milano 1979, p. 18.- Vito Teti, Il senso dei luoghi, Donzelli, Roma 2004.- Paolo D’Angelo, Estetica della natura, bellezza naturale, paesaggio, arte ambientale,Laterza, Roma-Bari 2001, pag. 160.- Eugenio Turri, Antropologia del paesaggio, Edizioni di Comunità, Milano 1974, pagg.103/104.- Eugenio Turri, Il paesaggio come teatro, op. cit., pag. 168.- http://www.studifilosofici.it/paesaggi.html

×