Sette punti operativi

242 views
163 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
242
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
12
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sette punti operativi

  1. 1. Sette punti operativi per il processo di formazione di unPiano Territoriale Culturale Integrato (PTCI) – IntegratedCultural Territorial Plans (ICTP)Paolo ColarossiSapienza Università di Roma
  2. 2. CONVENZIONE EUROPEA DEL PAESAGGIO 2000EUROPEAN LANDSCAPE CONVENTION 2000Art. 1. Definizioni."Paesaggio” designa una determinata parte di territorio,così come è percepita dalle popolazioni, il cui caratterederiva dallazione di fattori naturali e/o umani e dalle lorointerrelazioni;"Landscape" is defined as a zone or area as perceived bylocal people or visitors, whose visual features andcharacter are the result of the action of natural and/orcultural (that is, human) factors. This definition reflects theidea that landscapes evolve through time, as a result ofbeing acted upon by natural forces and human beings. Italso underlines that a landscape forms a whole, whosenatural and cultural components are taken together, notseparately.
  3. 3. Articolo 2 - Campo di applicazioneFatte salve le disposizioni dellarticolo 15, la presenteConvenzione si applica a tutto il territorio delle Parti eriguarda gli spazi naturali, rurali, urbani e periurbani. Essacomprende i paesaggi terrestri, le acque interne e marine.Concerne sia i paesaggi che possono essere consideratieccezionali, sia i paesaggi della vita quotidiana sia ipaesaggi degradati.Article 2 – ScopeSubject to the provisions contained in Article 15, thisConvention applies to the entire territory of the Parties andcovers natural, rural, urban and peri-urban areas. It includesland, inland water and marine areas. It concerns landscapesthat might be considered outstanding as well as everyday ordegraded landscapes.
  4. 4. Un Piano Territoriale Culturale Integrato (PTCI) ha come oggetto ilpaesaggio.Un Piano Territoriale Culturale Integrato è (le sette qualità del PTCI):• programmatico, ma per progetti• strutturale (individuazione di gerarchie e sistema integrato dicomponenti)• incrementale (fatto di parti che hanno efficacia funzionale autonoma:minimi di elaborazione significativa)• implementabile (non occorre fin da subito un “Piano perfetto e completo”:le diverse parti possono essere articolate, complessificate e approfonditeper successive implementazioni)• flessibile (cioè non troppo difficilmente modificabile: non un piano “duro”e“normativo”, ma uno “scenario”, un programma di indirizzi e linee guidaper sviluppare i progetti componenti in modo coordinato e secondoobbiettivi di conservazione e valorizzazione delle risorse)• strategico (condiviso, partecipato, concertato, comunicativo)• gestito (“accompagnato” da Enti pubblici competenti, operatori eassociazioni)
  5. 5. Un Piano Territoriale Culturale Integrato può essere costruitoseguendo un processo che prevede l’elaborazione di settepunti in sequenza e con successive iterazioni (processo dielaborazione per successive implementazioni: i sette“strati):• 1. Carta del paesaggio;• 2. Carta della “Struttura culturale attuale” del territorio distudio;• 3. Scenario dell’assetto fisico e sociale;• 4. Indirizzi e linee guida, regole per i progetti ditrasformazione;• 5. Piani-programmi operativi;• 6. I progetti;• 7. L’accompagnamento del ICTP.
  6. 6. Uno dei possibili criteri per l’individuazione di un ambitodi paesaggio:criterio percettivo (il paesaggio è anche ciò che vediamo e come lovediamo: è il criterio più immediato e comprensibile).Per operare con il criterio percettivo occorre considerare tre tipi dipercezione del paesaggio, e tre conseguenti tipi di paesaggio:• Paesaggio lontano (il fondale, la scena)• Paesaggio intermedio (il paesaggio significativo dell’esperienzaquotidiana degli spazi vissuti, o delle memorie delle esperienze)• Paesaggio vicino (gli spazi vissuti, le “stanze” del paesaggio)Ci si può trovare in situazioni di percezione contemporanea dei tre tipidi paesaggi.Ma nell’ambito del criterio percettivo devono essere considerate nonsolo le percezioni visuali, ma anche le percerzioni che hanno gliabitanti del proprio territorio.
  7. 7. Paesaggio lontano
  8. 8. Paesaggio lontano
  9. 9. Paesaggio intermedio
  10. 10. Paesaggio intermedio
  11. 11. Paesaggio vicino (“le stanze”)
  12. 12. Paesaggio vicino (“le stanze”)
  13. 13. Paesaggio vicino (“le stanze”)
  14. 14. Paesaggio vicino (“le stanze”)
  15. 15. Paesaggio vicino (“le stanze”)
  16. 16. Paesaggio vicino “le stanze”
  17. 17. Paesaggio vicino (“le stanze”)
  18. 18. Paesaggio vicino (“le stanze”)
  19. 19. Ma sono possibili altri criteri per la individuazione dell’ambito dipaesaggio, che dovrebbero essere tenuti in contocontemporaneamente:• Criterio del “bacino visuale” (criterio percettivo)• Criterio delle “delimitazioni morfologiche”• Criterio delle omogeneità culturali e sociali• Criterio degli usi attuali e possibili• Criterio delle relazioni e interdipendenze ambientali
  20. 20. Gli ambiti di paesaggio – La campagna abitata
  21. 21. Gli ambiti di paesaggio – La campagna abitata
  22. 22. Ambiti di paesaggio – criteri percettivi e d’uso
  23. 23. Indagine sui valoriRiserva Naturale della Valle del’ArcioneloElenco degli elaborati conoscitiviB – NORME DI TUTELA E REGIME DEI VINCOLI• B-1 Carta dei Vincoli, Piano Territoriale Paesistico, Piano Territoriale Paesistico Regionale• B-2 Carta delle Aree Naturali Protette, SIC e ZPS• C – PIANI URBANISTICI E DI SETTORE• C-1 Variante Generale al P.R.G.• D – ANALISI CONOSCITIVED1. AMBIENTE FISICO e BIOLOGICO• D1-1 Analisi fitoclimatica• D1-2 Relazione idrologica• D1-3 Relazione idraulica• D1-4 Carta delle Elevazioni e dell’Idrografia• D1-5 Carta delle Pendenze• D1-6 Carta geologica• D1-7 Carta geomorfologica• D1-6/7aCarta geologica e Carta geomorfologica: Relazione illustrativa• D1-8 Carta pedologica• D1-8a Carta pedologica: Relazione illustrativa• D1-9 Stato delle conoscenze sulla Flora• D1-10 Carta geobotanica• D1-10a Carta geobotanica: Relazione illustrativa• D1-11 Stato delle conoscenze sulla Fauna
  24. 24. D2. AMBIENTE UMANO• D2-1 Carta dell’Uso del Suolo (CORINE Land Cover)• D2-1a Carta dell’Uso del Suolo (CORINE Land Cover): Relazione illustrativa• D2-2 Carta del Patrimonio Storico-culturale• D2-2a Carta del Patrimonio Storico-culturale: Relazione illustrativa• D2-3 Carta di Analisi dei Sistemi Antropici (Impianti, Infrastrutture e Servizi) e del Turismo• D2-3a Carta di Analisi dei Sistemi Antropici (Impianti, Infrastrutture e Servizi) e del Turismo: Relazioneillustrativa• D2-4 Carta del Patrimonio Forestale• D2-4a Carta del Patrimonio Forestale: Relazione illustrativaE – SINTESI DELLE INDAGINI• E-1 Carta di sintesi del Sistema Ambientale - Habitat della Direttiva 92/43/CEE• E-1a Carta di sintesi del Sistema Ambientale - Habitat della Direttiva 92/43/CEE: Relazione illustrativa• E-2 Carta di sintesi del Sistema Ambientale - Valori e criticità floristico-vegetazionali• E-2a Carta di sintesi del Sistema Ambientale - Valori e criticità floristico-vegetazionali: Relazioneillustrativa• E-3 Carta di sintesi del Sistema Ambientale - Emergenze faunistiche: Relazione• E-4 Carta di sintesi del Sistema Antropico - Emergenze storico-culturali• E-4a Carta di sintesi del Sistema Antropico - Emergenze storico-culturali: Relazione illustrativa• E-5 Carta di sintesi del Sistema Antropico - Elementi di pressione antropica interagenti con gli aspettinaturali• E-5a Carta di sintesi del Sistema Antropico - Elementi di pressione antropica interagenti con gli aspettinaturali: Relazione illustrativaF – TAVOLE DI VALUTAZIONE• F-1 Carta delle Unità di Paesaggio• F-2 Carta dei Complessi Funzionali• F-1/2a Carta delle Unità di Paesaggio e Carta dei Complessi Funzionali: Relazione illustrativa
  25. 25. La morfologia naturale
  26. 26. I valori botanici
  27. 27. I valori storico-archeologici
  28. 28. I valori storico-archeologici. Le schede
  29. 29. I valori storico-culturali. Le schede
  30. 30. Carta del patrimonio forestale
  31. 31. Carta delle unità di paesaggio
  32. 32. Schemi del Piano
  33. 33. Il sistema dei progetti
  34. 34. Manuale di gestione. Schede
  35. 35. I progetti: Le passeggiate
  36. 36. Le strade nel paesaggio: le strade come luoghi
  37. 37. Le strade nel paesaggio: le strade come luoghi
  38. 38. Le strade nel paesaggio: le strade come luoghi
  39. 39. Le strade nel paesaggio: le strade come luoghi
  40. 40. Le strade nel paesaggio: le strade come luoghi
  41. 41. Le strade nel paesaggio: le strade come luoghi
  42. 42. Le strade nel paesaggio: le strade come luoghi
  43. 43. Le strade nel paesaggio: le strade come luoghi
  44. 44. CONVENZIONE EUROPEA DEL PAESAGGIO 2000Art. 1. Definizioni."Paesaggio” designa una determinata parte di territorio,così come è percepita dalle popolazioni, il cui caratterederiva dallazione di fattori naturali e/o umani e dalle lorointerrelazioni;"Landscape" is defined as a zone or area as perceived bylocal people or visitors, whose visual features andcharacter are the result of the action of natural and/orcultural (that is, human) factors. This definition reflects theidea that landscapes evolve through time, as a result ofbeing acted upon by natural forces and human beings. Italso underlines that a landscape forms a whole, whosenatural and cultural components are taken together, notseparately.

×