Your SlideShare is downloading. ×
CONVEGNO: ECONOMIA, AMBIENTE, BENE COMUNE – FOLIGNO 12 GEN 2013 Daniela Quieti Relazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

CONVEGNO: ECONOMIA, AMBIENTE, BENE COMUNE – FOLIGNO 12 GEN 2013 Daniela Quieti Relazione

206

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
206
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. CONVEGNO: ECONOMIA – AMBIENTE – BENE COMUNEFOLIGNO Sabato 12 Gennaio 2013 - Sala Conferenze di Palazzo Trinci - Piazza della Repubblica RELAZIONE Daniela Quieti 1.4
  • 2. “Molti si sgomentano davanti alle enormi distanze nel tempo e nello spazio di questo forseinfinito universo, molti pensano che la nostra specie sia minuscola e insignificante di fronteall’universo. Eppure, quando mi capita di osservare quel bello spettacolo della natura che è uncielo stellato, mi meraviglio pensando come semplicemente analizzando la luce di quei debolipuntini luminosi che sono le stelle, semplicemente osservando i moti di quei puntini sulla voltaceleste, da questo granello di sabbia che è la nostra Terra di fronte all’universo, nel giro di pochemigliaia di anni la nostra mente sia stata capace di comprendere, secolo dopo secolo, l’immensitàdell’universo e i meccanismi che lo governano”.Ho desiderato introdurre le mie riflessioni sul tema “Economia-Ambiente-Bene Comune” conqueste significative parole della scienziata Margherita Hack, perché mi è sembrato che lei abbiasaputo cogliere la premessa e l’essenza di ogni considerazione possibile sul cosmo, la terra el’ambiente che ci ospitano per poi svilupparne le implicazioni economiche che ne derivano.Nell’universo infinito, in quell’universo che ognuno di noi rappresenta c’è sempre laconsapevolezza dei nostri limiti? Siamo in grado di guardarci intorno e riconoscere i doni delCreato? E siamo in grado d’integrarci con la terra, l’aria, l’acqua, gli alberi, gli animali; dicostruire una vita compatibile con questi beni non solo preziosi ma inestimabili, cui non possiamorecare offese irreversibili senza mettere a rischio la nostra stessa sopravvivenza? Le paroleessenziali, a mio parere, per non rinunciare al progresso economico, al benessere al qualeaspiriamo e che tutti vorremmo fosse ecumenico, sono compatibilità e sostenibilità. Sì allaproduzione di energia, senza la quale gli ospedali, i treni, le navi si fermerebbero ma noall’inquinamento dell’aria, allo sfruttamento dissennato delle risorse, alla distruzione delle foresteche ci assicurano l’ossigeno per respirare, allo sversamento di petrolio in mare o nelle faldeacquifere, allo smaltimento improprio di rifiuti, alla cementificazione selvaggia. E ancora, comenon tutelare una fonte di ricchezza grande come il mare, con le sue infinite possibilità vitali qualila pesca, il turismo, le cure mediche e come non tutelare le montagne, le sorgenti, i ghiacciai,anch’essi fonte di benessere fisico ed economico. Ma non tutti sono convinti che questi beni checi circondano siano un “bene comune” cioè un bene che non è patrimonio esclusivo di pochi ma,al contrario, di tutti, e tutti abbiamo l’obbligo di concorrere a non distruggerlo o anche,semplicemente, a non deturparlo.Siamo nella terra di San Francesco, che aveva una tale coscienza dell’ambiente tanto da chiamaresorelle e fratelli tutti gli elementi della Natura vivente. L’angoscia per il destino del pianeta in cuiviviamo oggi rivela l’attualità e la validità del messaggio contenuto nel “Cantico delle Creature”,da cui traspare una purezza di sentire tale da far nascere in ciascuno di noi, credente o noncredente, un desiderio di salvezza universale.L’ecologia ha assunto una portata di ordine esistenziale, filosofico e antropologico, a causa dellaminaccia ambientale che ci sovrasta.Noi, uomini del XXI secolo, siamo gli eredi del pensiero moderno che fa capo a Cartesio, il quale,nel suo “Discorso sul metodo” dice: “Conoscendo la forza e le azioni del fuoco, dell’acqua, dellestelle, del cielo e di tutti gli altri corpi che ci circondano, con la stessa chiarezza con cui noiconosciamo i diversi mestieri dei nostri artigiani, potremmo allo stesso modo impiegare queicorpi in tutti i loro usi peculiari, e diventare così padroni e possessori della natura”.Il problema è questo voler diventare padroni della natura fino al punto di abusare di essa. 2.4
  • 3. L’esperienza dimostra che la natura quando subisce, restituisce la violenza subita producendoconseguenze incontrollabili. Dovremmo recuperare un approccio anche spirituale con l’”anima mundi”,con la natura, degna di rispetto perché non è opera nostra, ma di una sacralità che ci supera nel segnodella riconciliazione dell’uomo con Dio, con se stesso e con gli altri uomini. Il dilemma ambientale non èsolo scientifico, tecnico e politico, ma anche culturale, morale e religioso. La scienza non stabilisce ciòche è buono e giusto, bisogna affidarsi all’etica di una fraternità universale orientata al “bene comune”.La progressiva devastazione del patrimonio naturalistico, e quindi, del benessere umano, scaturiscono dainsensibilità ecologica individuale e collettiva, o da ritardi decisionali.L’uomo travisa spesso il passo della “Genesi” in cui Dio gli affida la sovranità sulle creature della Terra.Non significa essere il conquistatore assoluto del complesso ecosistema del quale è parte integrante, inosmosi con il creato. Tuttavia non si possono attribuire le iniquità ricorrenti dell’homo sapiens allascienza.Grazie a essa abbiamo trasformato la caverna in casa, la mortalità per infezioni in salvezza; ma anche laclava in bomba atomica, le frecce in cannoni, la purezza del cielo in inquinamento globale. La scienza èpotere e come ogni potere può mutarsi in distruzione.Noi dobbiamo adattarci alla Natura e non viceversa, evitando quelli che il filsofo Francis Baconchiamava gli “experimenta fructifera” (l’utilitarismo selvaggio che sfrutta le risorse della Terra come sefossero inesauribili, e così la offende e la depaupera contro l’interesse stesso dell’umanità), maricercando gli “esperimenta lucifera” (quelli che illuminano gli uomini e studiano le cause profonde dellecose naturali).Gli uomini sono le uniche creature della terra capaci di creare letteratura, con le conseguenti ricadutecomportamentali, ambientali e socio-economiche.Il mondo culturale esorta al rispetto dell’ecosistema dando voce a un umanesimo non antropocentrico,ma in grado di realizzare rapporti di giusta convivenza dell’uomo con le altre specie e con l’ambiente. Ilpoeta Jacques Prevert, per esempio, nella sua raccolta di poesie Alberi già nel 1976, osservava: “Untempo / gli alberi / erano persone come noi / Ma più solidi / più felici / più innamorati forse / più saggi”.Ma gli alberi perdono identità in chi ne violenta l’evoluzione.La modernità ha infranto l’originaria armonia fra il creato e gli esseri viventi ma la letteratura, la poesiain modo particolare, continua a farsi portavoce della natura, perché essa, come ha sostenuto Jung, non èsoltanto un “ozio nobile”, ma una voce che nasce dalla logica profonda dell’inconscio. Rispettare lanatura significa rispettare il nostro futuro, perché esso non diventi una “marginalità” amara e degradante,come quella descritta da Pier Paolo Pasolini in un passo de “La religione del mio tempo”: “è morta unaterra arrisa / da religiosa luce, col suo nitore / contadino di campi e casolari; / è morta una madre che èmitezza e candore / mai turbati in un tempo di solo male; ed è morta un’epoca della nostra esistenza, chein un mondo destinato a umiliare / fu luce morale e resistenza”.Vorrei aggiungere alcuni versi dalla poesia I fiumi di Ungaretti, scritti nella trincea della prima guerramondiale: “mi sono riconosciuto / una docile fibra / delluniverso / Il mio supplizio / è quando / non micredo / in armonia”.Dante e il buco nella fascia dellozono, Montale e leffetto serra, Shakespeare e la deforestazione possonoavere in comune l’anelito a ritrovare l’antico stupore dei presocratici sull’attuale disincanto, o al convitodella conoscenza di Platone.Letteratura ed ecologia procedono parallelamente nella missione di costruire una coscienza naturalisticacon il contributo di tutti e invitano a riflettere sul fatto che luomo non è padrone ma passeggero sullaTerra, e il suo passaggio è vincolato a un comportamento armonioso ed etico nei riguardi dell’ambiente,di se stesso e degli altri, affinché la terra non appaia desolata, come quella descritta da Eliot, negli anni‘20 del secolo scorso, o come quella minacciata dalla follia tecnologica intuita da Svevo nellultimaemblematica pagina de La coscienza di Zeno. 3.4
  • 4. . Letteratura ed ecologia procedono parallelamente nella missione di costruire una coscienza naturalistica con il contributo di tutti e invitano a riflettere sul fatto che luomo non è padrone ma passeggero sulla Terra, e il suo passaggio è vincolato a un comportamento armonioso ed etico nei riguardi dell’ambiente, di se stesso e degli altri, affinché la terra non appaia desolata, come quella descritta da Eliot, negli anni ‘20 del secolo scorso, o come quella minacciata dalla follia tecnologica intuita da Svevo nellultima emblematica pagina de La coscienza di Zeno. Cari giovani, qualche riflessione diretta specialmente a voi, che siete la generazione dalle cui scelte dipenderà il futuro universale della qualità della vita. Le catastrofi ambientali accrescono la drammaticità dell’inquinamento del nostro habitat. “Cronache di tragedie annunciate”, si potrebbero dire! Ma di fronte a questi disastri gli Stati non reagiscono con un “pensiero univoco” sulla gravità della situazione e sui rimedi. La classe dirigente mondiale mostra ritardo nel governare gli aspetti negativi del progresso tecnologico e neppure gli scienziati sono d’accordo fra loro. Assistiamo all’aumento esponenziale di mortalità per cancro o malattie polmonari, mancanza di acqua potabile, pescatori senza più pesce da pescare, aria irrespirabile nelle città, radiazioni, cibi immangiabili, minacce nucleari… questa meravigliosa Natura “il vicario di Dio onnipotente” violentata invece che persuasa (Epicuro). E allora, non ci resta che piangere? No, non siamo così disperati, vogliamo reagire alle politiche mondiali scorrette sull’ambiente. Ci vuole, forse, una “rivoluzione culturale” che punti su voi giovani, che, cominciando dalle scuole elementari, insegni, con ostinazione martellante, il rispetto per l’ambiente in cui siamo nati e che ci circonda, le cose giuste da fare e quelle non giuste da evitare. Voi, giovani, sarete la nuova classe dirigente. Vi guarderete intorno e direte: “ma cosa stiamo facendo? Stiamo distruggendo il Creato, l’aria, il mare, il verde, gli animali, noi stessi. Cosa stiamo preparando per i nostri figli?”. E allora vi preoccuperete e metterete in atto politiche corrette per l’ambiente. Nasceranno generazioni che saranno sintonizzate con la natura, che capiranno che dobbiamo fare dei sacrifici per tutti se vogliamo amarci, che la civiltà è “verità, bellezza, avventura, arte, pace”. Spero che tutto ciò avvenga, che la “nostra” determinazione eroica vinca la disperazione. Desidero concludere con alcune citazioni sulla natura che mi sembrano particolarmente suggestive: “La Natura non fa nulla d’inutile” (Aristotele), e “Gli uomini, anche geni, hanno bisogno dell’ambiente (don Luigi Sturzo). Infine, egregi professori, colto pubblico, e, permettetemi, cari studenti, ancora a voi mi rivolgo in particolare. Vi esorto a osservare la natura con fiducia, con speranza, anche come fonte di occupazione e reddito, tanta è la generosità che essa ci dispensa. Plinio il Vecchio affermava che è tutt’altro che facile dire se la natura si sia dimostrata per l’uomo una madre generosa o una spietata matrigna. Per quanto mi riguarda non ho dubbi: la natura è l’immagine di un Dio buono e misericordioso. Ringrazio l’Associazione Culturale VADO, nella persona del suo Presidente il Dott. Donato Vallescura, i Kiwanis Club e tutti coloro che hanno concorso a organizzare questo Convegno per gli obiettivi che perseguono, e che mi hanno dato la possibilità di svolgere queste mie considerazioni. E ringrazio voi, giovani, per la vostra attenzione. Daniela Quieti 4.4

×