Your SlideShare is downloading. ×
Il contributo dell’Information Technology alle Reti di imprese del Tessile - CROSS-TEC  ( abbigliamento, case history, ebiz,ebusiness,edi, filiera,filiera fashion,filiera moda,  integrazione fornitori,interoperabilità, standard,supply chain, xml )
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il contributo dell’Information Technology alle Reti di imprese del Tessile - CROSS-TEC ( abbigliamento, case history, ebiz,ebusiness,edi, filiera,filiera fashion,filiera moda, integrazione fornitori,interoperabilità, standard,supply chain, xml )

54
views

Published on

MODA-ML …

MODA-ML
Bologna 2012
repository: DI135-010,
contributo IT www.moda-ml.org
Bologna 2012

abbigliamento,brutti,case history,de sabbata,ebiz,ebusiness,edi,enea,filiera,filiera fashion,filiera moda,innovazione fashion,integrazione fornitori,interoperabilità,moda-ml,standard,supply chain,tessile,xml

Published in: Technology

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
54
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • Interoperability Integration
    Autonomy Assimilation
    Loosely-coupled Brittle
    Sharing Conforming
    Local Vocabulary Standard Vocabulary
    Model-based Maps Scripts, Functions, Code
    Concrete and Conceptual Concrete
    The ability for different systems to work together may be characterised at various levels of
    co-operation (e.g. physical systems, application, business and networked organisation).
    Clearly, interoperability has the meaning of co-existence and co-operation, while integration
    relates to the notions of co-ordination and unification. Vernadat11 defines interoperability as
    the ability to communicate with pier systems and access the functionality of the pier systems,
    while integration is a broader concept embracing communication, co-operation and coordination
    capabilities. Thus, interoperability must be achieved to attain real integration.
    The difference between integration and interoperability has been further clarified in ISO 1425812.
    This standard considers that there are three ways to relate models (entities) to one another: (1)
    Integration: there is a standard format for all constituent systems. Diverse models are
    interpreted in the standard format. This format must be as rich as the constituent system
    models. (2) Unification: there is a common meta-level structure across constituent models,
    providing a means for establishing semantic equivalence. The meta-model is not in an
    executable entity as it is in the integrated situation but a model mapping mechanism. (3)
    Federation: the federated model scenario may exist if no agent successfully or globally can
    impose requirements for semantic equivalence across all models of an enterprise. According
    to ISO 14258, the federated situation is the most probable scenario for full interoperability
    wherein most models will not be in a standardised or common form because it is not
    economically feasible to put them in such a form. The advantage of the federated situation is
    that it not only allows to collectively provide a (complex) service, but also to preserve the
    independence and autonomy of its components, to be open to dynamic change in composition
    and distribution. In such a situation, interoperability requires co-operating entities being
    dynamically accommodated rather than having a predetermined meta-model. This assumes
    that the concept mapping (or semantic unification) is done at an ontology level, i.e. a semantic
    level.
  • Upstream pilots
    – linking producers with the network of suppliers
    – separate pilots for TC and Footwear
    – exchange of orders, order responses, order tracking,
    despatch advices and invoices.
     
    _ Downstream pilots
    – linking producers to retailers
    – TC and footwear will use common specifications,
    processes and data models
    – exchange of catalogues, sales data, orders, order
    responses, despatch advices and invoices.
     
    In some cases, downstream pilots will be linked to one or
    more corresponding manufacturing cluster (upstream).
    The manufacturer will act as hub so that
    inter-operability will be demonstrated
     
    Details about implementation:
    Phase 1
    1. Portuguese Footwear. Upstream/downstream. 5
    companies
    2. Spanish Footwear. Upstream/downstream. 5 companies
    3. Italian TC. Downstream. 1 producer and 4 retailers
    4. Italian TC. Upstream. 5 companies
     
    _ Phase 2
    – Extension to Pilot 2 of Phase 1
    – Extension to Pilot 4 of Phase 1 (cross border)
    5. Cross border Spain, Italy. TC. Upstream
    6. Cross border Italy, Romania. TC. Upstream
    7. Cross border. Italy, France, Germany. TC. Upstream
    8. Cross border. Germany, France, Bulgaria, Romania. TC.
    Upstream/downstream
    9. Germany. TC. Downstream
    10.Cross border. Germany, Czech Rep. Footwear.
    Downstream
    11.Germany. Footwear. Downstream
    The role of facilitators.
     
    Each pilot will have a facilitator, his role is to:
    – Facilitate the implementation of the pilot with every user
    – Monitor the implementation
    – Report to the WP leader
     
    _ From Ph.1 (Month 7 to 10) to Ph.2 (Month 13 to 20)
    – At the end of Ph.1 the WP leader and the project team
    will review the success of the pilots against KPI and the
    architecture
    – The final reference architecture will be released
    – Extended and new pilots will widen the number of linked
    companies and the scope of exchanged documents, will
    test interoperability and cross border linkages.
     
  • Transcript

    • 1. La Rete d’Impresa formalizzata: opportunità per le PMI - 1 Il contributo dell’Information Technology alle Reti di imprese del Tessile Piero De Sabbata – ENEA (CROSS-TEC) piero.desabbata@enea.it Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete ENEA, Centro Ricerche Clementel, Bologna, 10 maggio 2012
    • 2. Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 2 Sommario Introduzione 1 – Le promesse dell’ICT per le reti di imprese 2 – Uno sguardo più analitico 3 – L’esperienza di eBIZ-TCF 4 - Le lezioni apprese
    • 3. XLAB in breve Un centro di competenze costituito nel 2001 da ENEA ed FTI (Forum Tecnologie dell’Informazione), ora nel Laboratorio CROSS-TEC del Tecnopolo ENEA di Bologna dedicato alle TECNOLOGIE e STANDARD per l’INTEROPERABILITA’ Azioni di trasferimento tecnologico ed innovazione verso le reti di imprese, soprattutto di PMI, distretti e PA Attenzione su problemi di adozione e creazione di linguaggi di filiera e standard applicativi, tecnologie Internet a supporto dell’eBusiness e dell’interoperabilità Nuovo tema: applicazione metodi eBusiness nelle smart energy grids Collaborazioni con le associazioni industriali e con enti di standardizzazione italiani, europei ed internazionali Approccio problem driven Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 3
    • 4. 1 – Le promesse dell’ICT per le reti di imprese Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 4
    • 5. ICT e contratto di rete Le ICT per il contratto di rete Incorporano e rendono attuabili metodologie sofisticate di collaborazione (eProcurement, collaborative tendering, brokeraggio, …) Ottimizzano la condivisione informazioni (velocità, errori,..) Incorporano le nuove procedure aziendali Il Contratto di rete per le ICT Fornisce un supporto giuridico e contrattuale a modelli organizzativi per le reti di imprese ipotizzati dalla ricerca ICT (Enterprise Interoperability e Collaboration), risultati sinora di difficile attuazione Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 5
    • 6. Evoluzione dei concetti ICT a supporto della collaborazione tra aziende Scambio dati diretto 1 a 1 EDI (tramite HUB) Applicazioni ASP (market place, eBidding, ISP…) SOA (infrastrutture di servizi: ISU, SaaS) e … service park e constellation, cloud, sky (!) Paradigmi funzionali scambio ordini gestione dei fornitori supply chain management community e servizi di integrazione organizzazioni virtuali e… business ecosystems, Enterprise 2.0, social networks… Modello di impresa ! ! singola estesa virtuale (rete) MERCATOMERCATOMERCATO Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 6
    • 7. ICT nelle reti di imprese, esempi CRM/Business intelligence Customer relationship management, market analysis, customers feedback, … Servizi vendita estesi Cataloghi e Listini, disponibilità magazzino, configurazione prodotto (customer services, e-Catalogues) SCM Supplier discovering, e-procurement, basic order cycle management, order monitoring and tracking, e-Invoicing, logistics, trackability, planning and optimisation Financing e banking Operazioni finanziarie, pagamento tasse, gestione servizi bancari,… Co-Design (CAD, PDM, PLM) …stylistic design – industrial design – virtual prototyping – simulation – product data management, product life cycle management … etc Social software … etc Wiki, documentation repository, innovation and creativeness team support … CIM/MES Machinery setup and optimisation, Pipeline control, materials and goods characterisation, etc eBusiness
    • 8. 1) La propagazione di informazioni: lungo la filiera consente di anticipare scelte di produzione in base ad andamenti del mercato (da valle a monte) o in base all’effettivo avanzamento degli ordini (da monte a valle) e quindi migliorare la pianificazione e ridurre gli sprechi (lancio in produzione di articoli non richiesti, sottostima del bisogno di scorte di magazzino, ritardo nella consegna al cliente, impianti fermi in attesa dei semilavorati o delle materie prime) 2) Nuovi servizi al cliente possono essere attivati, come la tracciabilità del proprio ordine, la vista sulle disponibilità di magazzino, l’emissione di certificati di qualità/difettosità, la personalizzazione del prodotto, aiutano a fidelizzare il cliente 3) Una più stretta collaborazione con il partner industriale (p.es. visibilità sugli avanzamenti e giacenze, pianificazione commesse, definizione di procedure e standard qualitativi comuni) aiuta a ridurre l’incertezza e gli imprevisti nella pianificazione e ad elevare i livelli qualitativi garantiti per il prodotto finale 4) cresce la trasparenza nelle relazioni: diviene possibile monitorare e stimare i comportamenti virtuosi o meno dei vari attori della rete Esempi di vantaggi attesi da cooperazione nella filiera Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 8
    • 9. 1) La propagazione di informazioni: lungo la filiera consente di anticipare scelte di produzione in base ad andamenti del mercato (da valle a monte) o in base all’effettivo avanzamento degli ordini (da monte a valle) e quindi migliorare la pianificazione e ridurre gli sprechi (lancio in produzione di articoli non richiesti, sottostima del bisogno di scorte di magazzino, ritardo nella consegna al cliente, impianti fermi in attesa dei semilavorati o delle materie prime) 2) Nuovi servizi al cliente possono essere attivati, come la tracciabilità del proprio ordine, la vista sulle disponibilità di magazzino, l’emissione di certificati di qualità/difettosità, la personalizzazione del prodotto, aiutano a fidelizzare il cliente 3) Una più stretta collaborazione con il partner industriale (p.es. visibilità sugli avanzamenti e giacenze, pianificazione commesse, definizione di procedure e standard qualitativi comuni) aiuta a ridurre l’incertezza e gli imprevisti nella pianificazione e ad elevare i livelli qualitativi garantiti per il prodotto finale 4) cresce la trasparenza nelle relazioni: diviene possibile monitorare e stimare i comportamenti virtuosi o meno dei vari attori della rete Esempi di vantaggi attesi da cooperazione nella filiera Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 9
    • 10. 12 maggio 2008 - 10 Progetto Leapfrog: nuovi metodi progettazione capi abbigliamento www.leapfrog-eu.org Fabric design Fabric production Virtual Fabric library Fabric behaviour prediction Outsourcing e Virtualizzazione nelle fasi di progettazione… Garment designer 2D CAD Virtual try on and animation services Target population 3D virtual body provider Catalogo Co-design Production Management & planning Planning, SCM Riduzione campionari Riduzione prototipi Riduzione lead-time Vestibilità/personalizzazione del capo servizi Servizi/partnership partnership
    • 11. Tutto molto bello …. Ma allora perchè sta funzionando poco? “Vorrei avere gli avanzamenti dei miei ordini ma il mio fornitore non me li da…” Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 11
    • 12. 2 – Uno sguardo più analitico Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 12
    • 13. Tra il dire ed il fare… “Vorrei avere gli avanzamenti dei miei ordini ma il mio fornitore non me li da…” - Problemi di riservatezza (mantenersi margini di manovra e… di costo) - Difficoltà organizzative (riorganizzarsi internamente) e competenze interne su tecnologie - Mancanza di interoperabilità dei sistemi ICT - Costo in termini di risorse/infrastrutture - Ritorno investimento dipende da adesione/partecipazione dei partner Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 13
    • 14. 1) I limiti della collaborazione Know-How su prodotto (progettazione, processo, prestazioni,..): rischio di perdere proprio know-how (essere ‘copiati’ o sostituiti, p.es.) Strategie e relazioni contrattuali: informazioni su mercato, informazioni per la pianificazione (migliori condizioni acquisto, concorrenza, R.M. Yarns Fabrics Clothing Trade org. Accessories Q.Check Feed-back SubcontractorsSubcontractorsSubcontractors Aree di condivisione della conoscenza Vincoli e limitazioni alla collaborazione da : Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 14
    • 15. Evoluzione dello scenario ICT OGGI Fabric Suppl. Garm.designer Catalogues …Fabrics Selection Fabric Suppl. Garm.designer Requirements Selection Co-desIgn 3D design & 3D/2D flattening tools Fabric engineering supports (Library, manufacturability prediction) Customised Catalogues …Fabrics Fabric Library. and predictionDomani? Virtual try on Reference 3D virtual bodies 2D design Vi è una crescente complessità dei componenti SW coinvolti a supporto della progettazione e un crescente flusso di informazioni da scambiare Collaborative fabric design tools Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 15
    • 16. 2) Mancanza di interoperabilità dei sistemi ICT Una pluralità di modelli • Company portal • Peer to Peer (P2P) • ASP • P2P con Hub di comunicazione • Framework basato su standard Trade Trade Trade ASP Trade HUB Trade HUB Trade HUB Trade HUB Trade ASP Trade HUB ATTENZIONE alla scelta del modello appropriato!!Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 16
    • 17. Criticità verso i sistemi ICT Una breve checklist puramente indicativa … Quali funzioni e conoscenze condivido Chi governa? Se manca leader serve broker? (relazioni m x n) Come gestire dinamicità rete (ingresso ed uscita membri, apertura a partner esterni) Delimitare e modellare la collaborazione, quali ricadute su procedure interne Salvaguardare investimenti pre-esistenti, pluralismo soluzioni ed architetture Evitare duplicazioni Costo di avvio, basso valore in assenza di massa critica Come verificare il rispetto delle procedure di collaborazione Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 17
    • 18. 2 – Il contributo della ricerca ICT Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 18
    • 19. La ricerca ICT Alcuni temi di ricerca che impattano sulle future reti di impresa Future Internet (infrastruttura ‘smart’ per una internet di oggetti, servizi, persone, conoscenza): ubiquità, mobilità, trust, sicurezza, adattività, ecc ecc Tecnologie per l’interoperabilità Paradigmi del software orientato ai servizi (applicazioni come servizio, servizi come commodity) Strumenti per produrre/gestire innovazione Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 19
    • 20. Interoperabilità vs Integrazione Integrazione: uniformarsi a principi comuni - tendere a comportarsi come oggetto unico - p.es. uniformare rappresentazione delle informazioni Interoperabilità: concordare regole tra diversi - ‘accoppiamento lasco’ tra oggetti autonomi - p.es. mantenere proprie rappresentazioni interne delle informazioni Si vedano le ottime definizioni nei risultati pubblici della NoE ‘Interop’: D 6.1 Practices, principles and patterns for interoperability Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 20
    • 21. ICT per l’interoperabilità Sistemi interoperabili: richiedono accordo su processi, rappresentazione delle informazioni, canali di trasporto Modello centralizzato: • leader definisce regole generali e specifiche, • fornitore tecnologia predispone strumenti e tecnologie • ogni partecipante si adatta Modello a rete di pari (P2P): • linguaggio base e interfacce standardizzate • ogni partecipante pubblica le proprie capacità, • negoziazione diretta di un accordo con il partner potenziale • riconfigurazione automatica interfaccia in base all’accordo raggiunto • riuso in più reti Esempi: ebXML, BPEL, e WSDL Soluzioni proprietarie Standard + Soluzioni proprietarie Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 21
    • 22. Standard applicativi standard tecnologici ---> standard applicativi (html, http, xml, sql, ..) (UBL, GS1, rosetta.net, step…) sviluppo sw, comunicazione, interoperabilità, collaborazione Per l’azienda il grosso dello sforzo è concentrato in due aree: • Allineare i processi organizzativi con i partner • Mappare le informazioni interne verso rappresentazioni esterne Grazie a standard applicativi riconosciuti internazionalmente può • adattare i sistemi interni una volta sola usando modelli ‘noti e condivisi’, allo stato dell’arte, quindi meno ambigui • riusare le interfacce, ovvero svilupparle una volta sola per parlare con partner in tutto il mondo • Evitare inerzie… (effetto “guida a destra“ degli inglesi!) Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 22
    • 23. ? oppure… ASP Trade Vantaggio degli Standard applicativi Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 23
    • 24. 3 - L’esperienza di eBIZ-TCF Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 24
    • 25. La nostra esperienza Settore tessile abbigliamento, situazione di partenza: assenza di leader, moltissime aziende piccole medie esperienze piccole e spesso in difficoltà piccole comunità chiuse (lock-in dei fornitori servizi) molteplicità di modelli sistemi ERP (non sempre) e ruolo SW. House scarsa propensione a EDI anche verso vendita timore a condividere dati grandi progetti innovativi di filiera senza seguito (“quick-response”) assenza di massa critica (e benefici) Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 25
    • 26. Evoluzione • All’inizio c’era EDITEX (anni 90, tecnologia EDIFACT)... • Moda-ML, www.moda-ml.org, progetto europeo (IST Take up Action), 2001-2003; paralleli: eTexML (Francia), eVisit (Germania); basati su XML • TexSpin, un workshop CEN/ISSS (comitato europeo di standardizzazione, 2002-2003), raccoglie Moda-ML ed eTexML • Moda-ML cresce e diviene gruppo permanente di iniziativa (2004) • Sviluppo e adozione in progetti locali ed EU (TQR, Cross, Trame, Penelope, 2003-…) • TexWeave, nuova iniziativa CEN/ISSS (2005-2006) nuovi processi • Leapfrog Integrated project (FP&, NMP, 2005-2009), smart garment organisation : tools e ontologia settoriale (Onto-Moda) • Progetti nazionali (DDTA, IPSA) ed Europei usano specifiche TexWeave • Progetto eBIZ-TCF (DG Ent, 2008-2010), architettura per armonizzare l’eBusiness nei settori tessile abbigliamento e calzatura Risorse e Ciclo di vita degli standard Strumenti ad hoc Intreccio tra ricerca, standardizzazione e dimostrazione sul campo Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 26
    • 27. Bulgaria Czeck Croatia France Germany Italy Netherland Portugal Romania Spain eBIZ-TCF: armonizzare l’eBusiness  A public Call for ‘Expression of Interest’  17 pilots, from 20 countries, grouped in transnational small clusters  More than 150 organisations directly involved,  16 IT suppliers  37 fashion producers and suppliers  13 Facilitators supporting industries  89 retail companies Austria Belgium Denmark Estonia Finland Greece Slovenia Hungary Latvia Sweden Slovakia www.ebiz-tcf.eu, www.moda-ml.org
    • 28. Problemi-soluzioni Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 28 - COMPRENSIBILITA’: una architettura di riferimento, documentazione e risorse online (esempi, schemi, guida all’eBusiness) - VELOCITA’ REAZIONE: Document factory per manutenzione delle versioni - COMPLESSITA’ DEGLI ACCORDI: suite di strumenti online - LENTEZZA START-UP: strumenti di addestramento e validazione, corsi online - TIMORI STAKEHOLDERS: approccio aperto, community e partecipazione a standardizzazione
    • 29. 29 – Napoli 19th of October, 2011 English version: http://www.youtube.com/watch? v=DePJTVrQfpA Italian version: http://www.youtube.com/watch?v=LM-ZGLSM6u8 I video di eBIZ English version: http://www.youtube.com/watch? v=DePJTVrQfpA Italian version: http://www.youtube.com/watch?v=LM-ZGLSM6u8
    • 30. 4 - Le lezioni apprese Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 30
    • 31. Requisiti per RETI di PMI Esistenza attori super-partes garanti Azioni di standardizzazione e creazione consenso Specifiche molto focalizzate su settore per ridurre ambiguità ed errori e facilitare comprensione Usabilità e documentazione Adottabilità incrementale (architetture scalabili) Tutti debbono poter diventare Fornitori tecnologia (apertura) Disponibilità componenti SW dimostrativi Facilità e controllo sulle potenziali estensioni (da Dizionari comuni) Attività di ricerca e innovazione a supporto dell’adozione Coinvolgimento delle associazioni industriali e dei fornitori di tecnologia e servizi Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 31
    • 32. Conclusioni Le reti di PMI chiedono alla ricerca : credibilità e ‘persistenza’ degli operatori, linguaggio di settore, risorse pubblicamente accessibili, nessun lock-in, basse soglie di ingresso per ‘iniziare il gioco’, pianificazione con ritorni a breve termine, risultati tangibili Le attività di standardizzazione a livello applicativo in un settore basato su PMI sono un processo ciclico sempre aperto, e richiedono sinergie tra moltissimi attori, XLAB è presente. La promozione dell’adozione di metodi di collaborazione interaziendale richiede un mix di attività di standardizzazione, ricerca/innovazione e dimostrazione e promozione. Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 32
    • 33. Riferimenti piero.desabbata@enea.it www.xml-lab.it ma anche www.moda-ml.org www.ubl-italia.org www.lisealab.it www.ebiz-tcf.eu www.texweave.org Grazie per l’attenzione e ricordate che come Paese abbiamo un ritardo sugli standard applicativi e settoriali, mettiamoci al lavoro !! Workshop sulle attese delle PMI dal Contratto di Rete - 33