Your SlideShare is downloading. ×
MPRESA GIOVANIGUIDA PRATICA PER AVVIARE UN’ATTIVITÀ PROFESSIONALE.                                                       1
PRESENTAZIONEN        on è semplice essere giovani oggi, perlomeno in Italia. Tanti dicono        che sei un bamboccione p...
INDICE GUIDA - IMPRESA GIOVANI                    Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....
INTRODUZIONE                                                                                          stono tanti tipi e f...
Come può sembrare ovvio, l’elemento forse più importante senza il quale è molto difficile               riuscire ad entrar...
1.2 Ricerca dell’idea                                                                              ●	raccogliere il più po...
È importante per ogni nuovo imprenditore scegliere l’inquadramento giuridico che intende                                  ...
2.2 Le forme giuridiche                                                                                                   ...
È importante sottolineare che non esiste una forma d’impresa in assoluto migliore delle               Requisito imprescind...
2.4 Caratteristiche                                delle principali forme d’impresa                                Vengono...
●	Sezione tecnico-operativa: vengono descritti i fattori di tipo oggettivo che permettono               tecnologia utilizz...
sue caratteristiche, dal tipo di clientela cui è rivolto e dalle nostre finanze. Spesso è neces-       Quanto denaro occor...
4.1 Leggi nazionali                                                                                                       ...
4.1.2 Legge n° 236/1993                                                                              ●	la maggiore età al ...
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Guida Impresa Giovani TorinoGiovani
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Guida Impresa Giovani TorinoGiovani

1,659

Published on

Guida pratica per avviare un'attività professionale.
La Città di Torino ha deciso che l’autonomia è la chiave delle politiche per
i giovani.
Quindi, nell’ambito del “Piano Locale Giovani” finanziato dal Ministero
della Gioventù, abbiamo deciso di scrivere questa guida e di aprire lo sportello
“Impresa giovani”, per dare a ogni giovane tutte le informazioni utili per
sviluppare idee, renderle concrete e aprire un’impresa, un’attività commerciale
o una cooperativa.
Da come selezionare l’idea giusta ai vari tipi di impresa, da come si scrive
un business plan a dove trovare i finanziamenti: la guida che stai sfogliando
ti guiderà in tutti questi passaggi, perché la giungla di informazioni e notizie
non ti sommerga prima ancora che tu possa averci provato.

Published in: Sports
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,659
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
64
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Guida Impresa Giovani TorinoGiovani"

  1. 1. MPRESA GIOVANIGUIDA PRATICA PER AVVIARE UN’ATTIVITÀ PROFESSIONALE. 1
  2. 2. PRESENTAZIONEN on è semplice essere giovani oggi, perlomeno in Italia. Tanti dicono che sei un bamboccione perché vivi ancora con i tuoi genitori, ma ben pochi si preoccupano di darti gli strumenti e le opportunità per diventaredavvero autonomo: trovare un lavoro e andarsene di casa diventano così delleimprese. E se fosse proprio “l’impresa” la soluzione? E se il lavoro, invece chetrovarlo, lo creassi tu?La Città di Torino ha deciso che l’autonomia è la chiave delle politiche peri giovani. Quindi, nell’ambito del “Piano Locale Giovani” finanziato dal Ministerodella Gioventù, abbiamo deciso di scrivere questa guida e di aprire lo sportello“Impresa giovani”, per dare a ogni giovane tutte le informazioni utili persviluppare idee, renderle concrete e aprire un’impresa, un’attività commerciale 3o una cooperativa. presentazioneDa come selezionare l’idea giusta ai vari tipi di impresa, da come si scriveun business plan a dove trovare i finanziamenti: la guida che stai sfogliandoti guiderà in tutti questi passaggi, perché la giungla di informazioni e notizienon ti sommerga prima ancora che tu possa averci provato.Nell’ultima parte troverai altre informazioni molto utili, ossia l’elenco dei servizigià esistenti, con una breve illustrazione e tutti i riferimenti: tra incubatorid’impresa e associazioni datoriali il panorama di servizi e sportelli è vasto,per cui abbiamo pensato che fornirti uno strumento orientativo potesse essertidi grande aiuto per trovare a colpo sicuro il servizio che fa per te.Ora non ti resta che sfogliare l’indice, cercare le informazioni utili, leggerela guida e iniziare a costruire il tuo percorso di autonomia, scommettendosu di te e sulle tue capacità. E se avrai dei dubbi, potrai trovare i nostri operatoriallo sportello presso l’Informagiovani di Torino.Buona lettura. Marta Levi Assessore alle Politiche Giovanili della Città di Torino
  3. 3. INDICE GUIDA - IMPRESA GIOVANI Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 4. Forme di finanziamento e leggi correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 4.1 Leggi Nazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 1. L’idea imprenditoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 4.1.1 Legge n° 95/1995 (ex n° 44/1986) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 1.1 Motivazioni e capacità personali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 4.1.2 Legge n° 236/1993. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 1.2 Ricerca dell’idea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 4.1.3 Decreto Legislativo n° 185/2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 4.1.4 Legge n° 949/52 - Artigiancassa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 2. Le forme giuridiche d’impresa: attività professionali e Società . . . . . . . . . . . . . . 12 4.2 Leggi Regionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 2.1 Uno schema per orientarsi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 4.2.1 Legge Regionale n° 28/1999 - Articolo 18/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 2.2 Le forme giuridiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 4.2.2 Legge Regionale n°12/2004 - Articolo 8 ● Ditta individuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 (e integrazioni Legge Regionale n° 9/2007) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 ● Società semplice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 4.2.3 Legge Regionale n° 22/1997 (abrogata ● Società in nome collettivo (SNC) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 e sostituita dalla Legge Regionale n° 34/2008) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 4 ● Società in accomandita semplice (SAS) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 4.2.4 Legge Regionale n°1/2009 5 ● Società a Responsabilità Limitata (SRL) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 (ex Legge Regionale n° 21/1997 - Articolo 15) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31- impresa giovani - impresa giovani ● Società a Responsabilità Limitata Unipersonale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 4.2.5 Legge Regionale n° 23/2004 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 ● Società per azioni (SPA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 4.3 I Programmi della Città di Torino e il Microcredito. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 ● Società in Accomandita per Azioni (SAPA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 4.3.1 Programma Accedo - Città di Torino. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 ● Società Cooperativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 4.3.2 Microcredito - Comune di Torino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 2.3 Impresa sociale e società cooperativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 indice guida indice guida 2.4 Caratteristiche delle principali forme d’impresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 5. Servizi di sostegno alla creazione d’impresa:. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 5.1 Servizi Pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 3. Il business plan: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 5.2 Altri servizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40 3.1 Struttura del business plan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 5.3 Associazioni di Categoria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40 3.2 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 5.4 Servizi specifici per finanziamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 3.3 Elementi tecnico-operativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 3.4 Costi e finanze necessarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 Sitografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 Sportello “Impresa Giovani” della Città di Torino. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 La versione on line della guida, con gli eventuali aggiornamenti, è consultabile su: www.comune.torino.it/infogio/autonomia/impresa
  4. 4. INTRODUZIONE stono tanti tipi e forme d’impresa. Nel secondo capitolo troverete un elenco completo, con le peculiarità di ognuna. Lo strumento tecnico-informativo di fondamentale aiuto nella progettazione della propria impresa è il Business Plan o Piano d’Impresa (vedi cap. 3). Mettersi in proprio richiede competenze sia umane sia professionali. La sua compilazione permette di pianificare l’idea imprenditoriale nel suo complesso e di Infatti è necessario possedere forte motivazione ed entusiasmo per decidere di intrapren- aiutare l’aspirante imprenditore a porsi alcune domande fondamentali a cui è importante dere un percorso sicuramente stimolante ma anche rischioso. rispondere prima di imbarcarsi in una nuova avventura imprenditoriale: che cosa voglio Se si possiede l’attitudine alla negoziazione, al cambiamento, all’accettazione del rischio produrre? Quanto voglio produrre? Dove voglio produrre? Come voglio produrre? allora si hanno le necessarie caratteristiche di personalità che potranno risultare vincenti. È lo specchio di ciò che l’impresa vuole essere ed aiuta qualsiasi altro destinatario e l’im­ Ma questo non basta; frasi come “imprenditori si nasce….” o “se c’è riuscito lui posso pren­ i­ore stesso a capire che cosa si vuole fare e quali risultati ci si prospetta di rag- dt riuscirci anche io” non possono essere la regola che ci guida alla creazione d’impresa. giungere. Un business plan compilato con attenzione e dedizione rappresenta uno degli Lo scopo di questa guida è illustrare il percorso che ciascun imprenditore deve affrontare elementi decisivi per il successo dell’azienda o comunque permette di ridurre il rischio se vuole che la sua attività abbia delle concrete possibilità di successo. imprenditoriale. L’imprenditore stesso, realizzandolo, può calarsi nella propria idea e con- Il primo elemento indispensabile è l’idea imprenditoriale (vedi cap. 1). È possibile dis- siderarne la fattibilità, i pun­i di forza e di debolezza. t porre già in partenza di idee precise sull’attività da svolgere, oppure la nuova impresa All’interno di questo documento il progetto d’impresa viene analizzato sotto il profilo strategi- può nascere da un’intuizione legata ai nuovi sviluppi tecnologici o all’espansione della co, organizzativo, commerciale, produttivo, legale, economico, finanziario e patrimoniale; tutto domanda di un prodotto o di un servizio. questo viene fatto immaginando l’andamento e lo sviluppo a tre - cinque anni dalla fondazione È necessario poi valutare con la massima lucidità le possibilità che la nostra idea imprenditoriale dell’impresa. Infatti l’impresa rappresenta anche un progetto esistenziale, ed è necessario che 6 7 offre e se questa si può trasformare in un business di successo. Rispondere in maniera obiet- l’imprenditore lo senta “suo”, dato che occuperà la maggior parte della sua vita futura.introduzione introduzione tiva a questa domanda è molto importante per evitare di investire inutilmente tempo e risorse. In realtà non esistono regole precise per la stesura di un business plan; non sono stati Gli esperti del settore raccomandano di tenere in considerazione sempre le proprie attitu- stabiliti dei parametri precisi di lunghezza e contenuto del piano. Infatti, ogni storia impren- dini ed i propri “sogni” non tralasciando mai lo studio dell’andamento del mercato. Infatti ditoriale è diversa così come colui o coloro che la intraprendono, la natura del prodotto da anche se un’idea è “nuova” ed “accattivante” non è detto che interessi al mercato: bisogna vendere e la complessità dei mercati in cui si opererà. valutare accuratamente che la nostra idea soddisfi bisogni e desideri che si manterranno Nella presente guida verrà proposta e spiegata una struttura di massima per un business nel tempo. Il mercato insegna che un’azienda prospera e si sviluppa quando fornisce plan completo, che toccherà i seguenti argomenti: qualcosa di utile e desiderabile. 1 presentazione dell’idea imprenditoriale; Trovata l’idea, è necessario passare ai fatti: bisogna necessariamente prendere alcune 2 caratteristiche professionali ed esperienze professionali dei soci; decisioni sulla sua struttura e forma giuridica ed avviare una serie di adempimenti fiscali 3 motivazioni; ed amministrativi (vedi cap. 2). 4 prodotti offerti; Prima di tutto è necessario decidere se si lavorerà da soli (azienda individuale) oppure con 5 caratteristiche innovative del prodotto; altre persone, costituendo una società. La scelta viene fatta tenendo in considerazione 6 come costruire il prodotto; i costi di gestione che il tipo di azienda scelta richiede, i maggiori o minori adempimenti 7 locali; amministrativi e fiscali da svolgere durante la vita dell’azienda, il tipo di responsabilità pa­ 8 dipendenti; trimoniale (cioè se si decide di assumere completamente il rischio d’impresa o limitare la 9 concorrenti; responsabilità ad una parte del proprio patrimonio), la struttura fiscale scelta che comporta 10 come farsi conoscere; diversi tipi di tassazione dei redditi ed il tipo ed entità di finanziamenti che l’azienda prevede 11 collaborazioni esterne; di utilizzare nella fase di start-up (fase di avvio dell’impresa). 12 piano di costi generali; In base alle decisioni prese, alle caratteristiche dell’impresa ed alle esigenze dei soci esi­ 13 fabbisogno finanziario.
  5. 5. Come può sembrare ovvio, l’elemento forse più importante senza il quale è molto difficile riuscire ad entrare nel mercato è possedere il denaro per partire. Esistono molti modi per trovare i Finanziamenti necessari (vedi cap. 4): il capitale proprio (autofinanziamento), il capitale di rischio (dei soci) e il capitale di prestito. Per quest’ultimo caso è possibile fare riferimento alle varie forme di finanziamento dello Stato e di Enti Lo- cali, normate da leggi nazionali o locali, oppure agli istituti di credito e alle banche. All’inizio dell’attività le risorse finanziarie vengono utilizzate per l’acquisto di materiali, per l’affitto o l’acquisto di immobili, per i costi di produzione e di gestione previsti. Ecco perché è necessario conoscere le diverse forme di finanziamento, in modo da poter scegliere la più idonea alle esigenze della propria impresa. Schematizzando esistono tre principali forme di finanziamento: 1 finanziamento attraverso proprio capitale (autofinanziamento); 1. L’Idea Imprenditoriale 2 finanziamento attraverso capitale di rischio (capitale sociale dei soci); 3 finanziamento attraverso capitale di prestito (capitale fornito dalle banche). All’interno della presente guida troverete descritte le diverse tipologie di finanziamento, con particolare riferimento alle leggi agevolative che permettono di ricevere finanziamenti per 1.1 Motivazioni e capacità personali le giovani imprese. 8 Mettersi in proprio implica molte decisioni da prendere non sempre facili e spesso ci si può Prima di decidere di mettersi in proprio è necessario tenere in considerazione alcuni aspet- 9 sentire disorientati. Ma non bisogna spaventarsi e rinunciare: esistono molteplici Servizi ti essenziali riguardanti sia le motivazioni che ci spingono a farlo sia il tipo e la qualitàintroduzione l’idea imprenditoriale nel territorio (vedi cap. 5), che aiutano l’aspirante imprenditore a districarsi tra leggi, finan- dell’idea che si intende realizzare. ziamenti, business plan e forme giuridiche,… Nella presente guida troverete un elenco L’aspirante imprenditore deve porsi alcune domande a cui solo lui può trovare risposta, completo dei servizi presenti in Piemonte a cui rivolgersi nella delicata fase di start-up. riguardanti la profondità del desiderio che lo spinge verso questa strada e se possieda Schema esemplificativo dei passi da compiere per costituire una nuova impresa: o meno certe attitudini caratteriali che possono fare la differenza nel lungo periodo, influenzando decisamente il successo o il fallimento della propria impresa: ● Perché voglio fare l’imprenditore? IDEA IMPRENDITORIALE ● Riuscirò a dedicare gran parte della giornata alla mia attività, lavorando anche più di otto ore al giorno? ● I miei principali legami affettivi mi sosterranno nel mio progetto o ne risentiranno? SERVIZI IN APPOGGIO ● Mi piace l’idea di non avere più un “capo” ma di dovermi gestire in completa libertà? ● Riuscirò a tollerare la mancanza di certezza nelle decisioni che prenderò e delle loro DITTA INDIVIDUALE ripercussioni? FORMA GIURIDICA DELL’IMPRESA ● Come vivrò la mancanza di certezza dello stipendio fisso a fine mese? società ● Ho fiducia in me stesso e nella possibilità di gestire gli eventi esterni? ● Possiedo una moderata propensione al rischio? BUsiness plan ● Ho le capacità per guidare un gruppo di lavoro? ● Conosco bene il lavoro che andrò a fare? Ne ho sufficienti conoscenze tecniche? finanziamenti ● Possiedo una buona capacità organizzativa? ● Riesco a relazionarmi in maniera costruttiva con gli altri?
  6. 6. 1.2 Ricerca dell’idea ● raccogliere il più possibile informazioni sul settore che ci interessa, attraverso libri, riviste, ricerche di mercato pubblicate etc…; ● provare a sottoporre l’idea a qualcuno che potrebbe essere un potenziale cliente; Riuscire a trovare l’idea è sicuramente la prima difficoltà che l’imprenditore deve affrontare. ● pensare a tutti i possibili ostacoli che lo sviluppo della nostra idea potrebbe incontrare. Non esiste un percorso prestabilito per giungere alla scelta dell’idea imprenditoriale. Tut- tavia, un certo spirito d’osservazione, la curiosità e le passioni personali possono aiutare il Quali sono le caratteristiche che deve avere un’idea per risultare vincente? giovane imprenditore ad orientarsi nella scelta. Esistono in realtà tre possibili categorie di imprese a cui la nostra idea può essere appli- ● Innovazione: deve essere in grado di differenziarsi dal resto del mercato, anche se ci si cata: ispira ad un’idea già sviluppata da altri. ● nuova impresa; ● Attrattività: ci deve essere una potenziale clientela che è disposta ad acquistare i pro- ● acquisizione di un’impresa già esistente; dotti/servizi. ● avvio di un’ impresa in franchising. ● Competitività: è necessario elaborare scelte strategiche che ne permettono l’entrata nel L’idea imprenditoriale nasce dall’osservazione della realtà che ci circonda e corrisponde mercato. alla percezione di uno spazio di mercato che potenzialmente può essere occupato. L’idea ● Realizzabilità: deve essere possibile realizzarla con le risorse a disposizione. deve poter soddisfare un bisogno avvertito da un numero sufficiente di soggetti attraverso ● Redditività: deve fornire un giusto compenso economico all’imprenditore e consentire la l’offerta di prodotti o servizi. Ad esempio, si può individuare una domanda di beni o servizi continuità dell’impresa nel tempo. non sufficientemente soddisfatta per prezzo e per qualità. Di seguito proponiamo alcuni suggerimenti che possono aiutare a trovare un’idea.10 11 ● Osservare il mercato: leggendo giornali e pubblicazioni specifiche si traggono informa-l’idea imprenditoriale l’idea imprenditoriale zioni sull’economia locale, nazionale ed internazionale in modo da ottenere informazioni sull’andamento dei diversi settori e sulle possibilità di espansione o contrazione. ● Osservare gli altri: la scelta dell’idea può nascere dall’assenza o scarsità di concorrenti in un determinato settore o prodotto. ● Le passioni personali: i propri hobbies possono trasformarsi in un lavoro redditizio quando si intravede la possibilità di soddisfare un bisogno collettivo; potremmo possedere delle competenze che sottovalutiamo e che possono facilmente trasformarsi in un’attività. ● L’ambiente di lavoro: lavorare come dipendente per una piccola o grande impresa offre la possibilità di conoscere il mercato in un campo specifico e capire che cosa può esse- re migliorato, chi sono i clienti, i concorrenti e le possibilità di sviluppo. ● Usare idee già sviluppate da altri: è necessario che la propria idea sia per forza innova- tiva? La risposta è no: l’importante è che sia chiara e realizzabile. In ogni caso, sia che l’idea sia nostra sia che ci ispiriamo all’idea di altri, è necessario poi verificarla nel concreto per rendersi conto se può portare alla nascita di un’impresa di successo. Cosa si può fare per capire se la propria idea può dar vita ad un progetto reali- stico? Ecco alcuni passaggi essenziali: ● definire in maniera precisa l’idea chiarendo quale prodotto o servizio si vuole vendere; ● verificare/comprendere a quale mercato è diretta; ● capire in cosa la nostra idea è diversa rispetto all’offerta dei nostri concorrenti;
  7. 7. È importante per ogni nuovo imprenditore scegliere l’inquadramento giuridico che intende dare alla propria impresa e capire se intende operare da solo o con dei soci. È da tenere presente che la società si costituisce quando due o più persone conferiscono beni o servizi per l’esercizio in comune di un’attività economica allo scopo di dividerne gli utili (articolo 2247 del Codice Civile). Le società possono essere lucrative (di persone o di capitali) o mutualistiche (cooperative e società di mutua assicurazione). Più in generale, le attività economiche si dividono in: ● attività svolte da professionisti, in cui non vi è la cessione di beni o servizi, ma la semplice prestazione di un servizio professionale (il tipo di prestazione è intellettuale o artistico); 2. Le forme giuridiche d’impresa: ● attività svolte in forma di impresa. attività professionali e Società Per quanto riguarda le attività svolte da professionisti è obbligatorio richiedere la par- tita IVA e non è necessaria l’iscrizione alla Camera di Commercio. Tali attività professionali possono essere svolte sia dal singolo sia da un gruppo di professionisti. Le attività svolte in forma di impresa, a differenza delle precedenti, richiedono sempre 2.1 Uno schema per orientarsi l’iscrizione alla Camera di Commercio e si suddividono in:12 ● attività svolte dal singolo (ditta individuale); 13 Di seguito viene presentato uno schema riassuntivo delle attività svolte come professionisti ● società di persone: attività svolte da più persone che realizzano insieme l’impresa, chele forme giuridiche d’impresa le forme giuridiche d’impresa ed in forma d’impresa: è gestita da uno o più soci (società semplice, società in nome collettivo o società in accomandita semplice); attività svolte da professionisti ● società di capitali: attività svolte da più persone (soci) che creano l’impresa fornendo ca- pitali; la guida dell’impresa è affidata agli amministratori (società a responsabilità limitata, società per azioni, società in accomandita per azioni). dal singolo associazioni professionali Gli schemi che seguono illustrano le principali caratteristiche dei diversi tipi di società. Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla Guida agli adempimenti dell’Impresa - Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Torino (ed. 2009), oppure all’indirizzo attività svolte imprese internet: www.to.camcom.it/guidaadempimentiimpresa. in forma di impresa sociali lucrative mutualistiche svolte dal singolo società società di persone cooperative società di capitali
  8. 8. 2.2 Le forme giuridiche società a responsabilità limitata - s.r.l. DITTA INDIVIDUALE ● Prevede un atto pubblico per la sua costituzione ● È previsto un capitale minimo (10.000 euro) ● Più semplice ● Le quote di conferimento dei soci possono essere di diverso ammontare; il minimo ● Meno onerosa è fissato dalla legge (articoli 2482, 2500 del Codice Civile) ● Non è previsto un capitale minimo ● È necessaria l’attribuzione di partita IVA ● I soci non rispondono dei debiti della società ● Non è previsto un atto pubblico (basta l’iscrizione al Registro Imprese, Albi o elen- chi richiesti per l’esercizio di attività) ● L’imprenditore è l’unico responsabile (non è possibile essere titolare di più Imprese società a responsabilità limitata con un unico socio Individuali) s.r.l. unipersonale ● Può essere un’attività commerciale* ● Può assumere la forma di Impresa Familiare ● Le norme che ne regolano la costituzione sono come quelle della S.R.L. plu­ i­ er­ rp so­ ale, con differenze di carattere formale nell’atto e nella responsabilità illimitata n *Le attività commerciali sono soggette all’obbligo di iscrizione al Registro delle Imprese ed esercitano: at- tività industriali (dirette alla produzione di beni o servizi); attività intermediarie nella circolazione di beni; at- dei soci tività di trasporto per terra, acqua e aria; attività bancarie o assicurative; attività ausiliarie alle precedenti. ● Può essere un’attività commerciale ● È previsto un capitale minimo (10.000 euro) società semplice14 ● Non può essere un’attività commerciale 15 ● Non è previsto un capitale minimo società per azioni - s.p.a.le forme giuridiche d’impresa le forme giuridiche d’impresa ● L’amministrazione può essere congiunta o disgiunta ● Prevede un atto pubblico per la sua costituzione ● Il contratto può essere anche verbale ● È previsto un capitale minimo (120.000 euro) ● Le quote di partecipazione sono le azioni ● I soci non hanno illimitata responsabilità società in nome collettivo - s.n.c. ● Avviene tramite la stipula di un contratto sociale (atto costitutivo) che ha un conte- nuto minimo stabilito per legge (articolo 2295 del Codice Civile) società in accomandita per azioni - s.A.p.a. ● Non è previsto un capitale minimo ● Tutti i soci rispondono solidalmente e illimitatamente per le obbligazioni sociali ● Prevede un atto pubblico per la sua costituzione ● Tutti i soci sono amministratori ● Può essere un’attività commerciale ● Esiste la possibilità di adottare un’amministrazione di tipo disgiunto ● È previsto un capitale minimo (120.000 euro) ● I soci accomandatari hanno illimitata responsabilità società in accomandita semplice - s.a.s. ● Le norme che ne regolano la costituzione sono come quelle della società in nome società cooperativa collettivo ● Non è previsto un capitale minimo ● Prevede un atto pubblico per la sua costituzione ● I soci si distinguono in soci accomandatari (che gestiscono il capitale e amministra- ● È una società mutualistica no la società) e soci accomandanti (che forniscono il capitale e non compiono atti ● Non è previsto un capitale minimo di amministrazione) ● I soci non hanno illimitata responsabilità
  9. 9. È importante sottolineare che non esiste una forma d’impresa in assoluto migliore delle Requisito imprescindibile per costituire un’impresa sociale è l’assenza dello scopo di lucro, altre, poiché dipende dal tipo di attività imprenditoriale che si intende intraprendere. È che prevede quindi che l’organizzazione che esercita un’impresa sociale destini gli utili e gli fondamentale dunque effettuare opportune valutazioni per comprendere quale sia la forma avanzi di gestione allo svolgimento dell’attività statutaria o ad incremento del patrimonio. migliore per il proprio progetto. A tale fine è vietata la distribuzione, anche in forma indiretta, di utili e avanzi di gestione, nonché di fondi e riserve in favore di amministratori, soci, partecipanti, lavoratori o colla- boratori. Inoltre, l’organizzazione che esercita un’impresa sociale deve essere costituita con atto 2.3 Impresa Sociale E SOCIETà COOPERATIVA pubblico. Oltre a quanto specificamente previsto per ciascun tipo di organizzazione, secondo la normativa applicabile a ciascuna di esse, gli atti costitutivi devono esplici- Esiste poi un’altra forma di impresa, l’Impresa Sociale, regolata dal Decreto legislativo n. tare il carattere sociale dell’impresa, indicando l’oggetto sociale e l’assenza di scopo 155 del 2006, secondo cui possono essere definite tali tutte le organizzazioni private senza di lucro. scopo di lucro che esercitano in via stabile e principale un’attività economica di scambio o Per quanto riguarda le Società mutualistiche, ed in particolare le Cooperative, è impor- produzione di beni o di servizi di utilità sociale diretta a realizzare finalità di interesse gene- tante sapere che una cooperativa è un’associazione autonoma di persone che si uniscono rale. Possono quindi essere denominate imprese sociali: volontariamente per soddisfare i propri bisogni economici, sociali e culturali e le proprie ● le Associazioni (riconosciute e non); aspirazioni attraverso la creazione di un’impresa a proprietà comune, controllata democra- ● le Fondazioni; ticamente (www.confcooperative.it). Esse vengono costituite attraverso: ● i Comitati; ● l’Atto costitutivo: la cooperativa deve costituirsi per atto pubblico, cioè redatto dal nota-16 ● le Società (di persone e capitali); 17 io. L’atto costitutivo, di cui è parte integrante lo statuto, deve contenere i dati identificativi ● le Cooperative;le forme giuridiche d’impresa le forme giuridiche d’impresa di ogni socio fondatore e la nomina dei primi organi sociali: consiglio d’amministrazione ● i Consorzi. (tra cui presidente e vice presidente), eventuale collegio sindacale (tra cui presidente, Si considerano beni e servizi di utilità sociale quelli prodotti o scambiati nei seguenti settori: membri effettivi e membri supplenti) e incaricato del controllo contabile; ● assistenza sociale; ● lo statuto, strumento basilare che fissa le regole generali della società, che deve indica- re: la denominazione, la sede e la durata della società; i requisiti mutualistici; lo scopo e ● assistenza sanitaria; il soggetto sociale; le tipologie di soci previste; le condizioni per l’ammissione, il recesso ● assistenza socio-sanitaria; e l’esclusione dei soci; gli organi sociali e il loro funzionamento; la composizione del pa- ● educazione, istruzione e formazione; trimonio sociale; le norme per l’approvazione del bilancio; l’eventuale clausola arbitrale ● tutela dell’ambiente e dell’ecosistema; per le controversie; ● valorizzazione del patrimonio culturale; ● l’iscrizione al Registro Imprese: l’atto costitutivo viene depositato, a cura del notaio, presso il Registro Imprese nella cui circoscrizione è stabilita la sede legale della coope- ● turismo sociale; rativa; ● formazione universitaria e post-universitaria; ● l’iscrizione all’Albo delle cooperative, che è obbligatoria per tutte le cooperative. L’Albo ● ricerca ed erogazione di servizi culturali; è tenuto presso il Ministero delle Attività Produttive che si avvale degli uffici presso le ● formazione extra-scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica ed Camere di Commercio. Il numero di iscrizione a tale albo dovrà essere indicato negli atti al successo scolastico e formativo; e nella corrispondenza della cooperativa. ● servizi strumentali alle imprese sociali, resi da enti composti in misura superiore al set- tanta per cento da organizzazioni che esercitano un’impresa sociale.
  10. 10. 2.4 Caratteristiche delle principali forme d’impresa Vengono sintetizzate di seguito le caratteristiche delle principali forme d’impresa: tipi attività capitale illimitata atto di impresa commerciale minimo responsabilitÀ pubblico Ditta SI NON PREVISTO SI NO individuale Società semplice NO NON PREVISTO SI DIPENDE 3. il business plan S.N.C. SI NON PREVISTO SI SI SI S.A.S. SI NON PREVISTO per accomandatari Scelta l’idea imprenditoriale da concretizzare e la forma giuridica, è necessario pensare a NO come l’impresa si svilupperà nel tempo e definirne le caratteristiche. per accomandanti SI Diversi studi europei hanno dimostrato che il tasso di insuccesso imprenditoriale è sensibil-18 S.R.L. SI € 10.000 NO SI mente inferiore alla media quando vengono utilizzati opportuni strumenti di valutazione sia 19 economica sia organizzativa della propria impresa; ciò può essere ulteriormente rafforzatole forme giuridiche d’impresa il business plan S.R.L. NO SI € 10.000 SI dall’utilizzo di servizi dedicati al sostegno all’impresa nella fase di start-up. Unipersonale a certe condizioni Uno strumento utile nella gestione di ogni fase della vita aziendale ed indispensabile nella S.P.A. SI € 120.000 NO SI fase di avvio è il business plan (o studio di fattibilità o piano/progetto d’impresa): esso per- SI mette al futuro imprenditore di verificare la fattibilità della sua idea riducendo drasticamente S.A.P.A. SI € 120.000 SI per accomandatari il rischio di “buttarsi nel buio”. Il business plan è un documento di sintesi, come un riassunto, che contiene la presentazio- Società SI NON PREVISTO NO SI ne dell’idea, la definizione degli obiettivi dell’impresa, l’individuazione dei mezzi (i locali, la cooperativa pubblicità), degli strumenti (macchinari e conoscenze tecnologiche), delle risorse (i capitali dei soci, i finanziamenti pubblici o privati, i dipendenti) per portarla al successo. Il piano d’impresa è necessario per una corretta gestione dell’attività scelta, ma è anche richiesto dalle leggi di finanziamento ed è necessario per l’accesso al credito bancario. 3.1 Struttura del Business Plan Non esiste una struttura ufficiale di business plan, tuttavia è possibile distinguere tre sezioni differenti, elencate di seguito. ● Introduzione: vengono elencate l’idea imprenditoriale, le caratteristiche personali (aspi- razioni, motivazioni) e professionali (studi effettuati, esperienze lavorative) dei soci.
  11. 11. ● Sezione tecnico-operativa: vengono descritti i fattori di tipo oggettivo che permettono tecnologia utilizzata di evidenziare la fattibilità dell’idea, specificando le conoscenze tecniche necessarie, i macchinari da utilizzare, i capitali necessari e la campagna pubblicitaria fondamentale In questo paragrafo vengono definite con precisione tutte le dotazioni tecnologiche neces- per entrare nel mercato. sarie: i brevetti, le attrezzature, gli arredi, i macchinari, gli impianti, gli immobili necessari ● Sezione finanziaria: di quanto denaro bisogna disporre per realizzare l’impresa? Dove si per lo svolgimento dell’attività. Si può ulteriormente specificare se alcuni di questi sono già possono reperire i fondi necessari? disponibili e quali invece saranno acquistati, specificando in che modo questi strumenti possano migliorare le prestazioni dell’impresa. 3.2 Introduzione locali L’idea imprenditoriale Dove verrà fisicamente localizzata l’azienda? Si possiedono già i locali adatti o si affitte- ranno? È necessario motivare la scelta della localizzazione dell’impresa sia dal punto di Si inizia con la descrizione dell’idea imprenditoriale, spiegando in che modo, in che forma e vista geografico (ad esempio: vicinanza a luoghi strategici dove è più facile trovare clienti o con quali prodotti/servizi si intende entrare nel mercato di riferimento . Vengono specificati disponibilità di aree attrezzate nelle vicinanze utili per l’operato dell’impresa), sia dal punto i risultati da raggiungere ed i tempi di realizzazione. È importante, inoltre, indicare i punti di di vista della tipologia del locale scelto. forza della nuova impresa ed in cosa si differenzia dalla concorrenza. piano di marketing: La presentazione dei soci20 ■ chi sono i potenziali clienti? 21 Vengono illustrate le competenze e le esperienze dei singoli soci e quali sono le moti- Per avviare un’impresa bisogna conoscere il mercato a cui è diretta, quali bisogni cercail business plan il business plan vazioni che hanno spinto ciascuno ad associarsi ed a scegliere quella particolare idea. di soddisfare ed individuare i potenziali consumatori. È necessario specificare il profilo dei Devono emergere chiaramente le professionalità di ognuno, le esperienze lavorative svolte futuri clienti: età, reddito, formazione, luogo di provenienza, abitudini di consumo, quale in relazione all’attività che si andrà a fare ed i tratti caratteriali significativi per la scelta di bisogno soddisfa il prodotto dell’impresa, che aspettative ha il cliente nei confronti del pro- mettersi in proprio (natura intraprendente, spirito imprenditoriale, capacità organizzative e dotto in termini di qualità, prezzo, consegna etc. In seguito si passa alla definizione degli di vendita, capacità relazionali). obiettivi di vendita da raggiungere. ■ chi sono i potenziali concorrenti? 3.3 Elementi tecnico-operativi Fondamentale è lo studio della concorrenza. Chi è già presente sul mercato con un pro- dotto simile o uguale al nostro? Quanto spazio di mercato è ancora libero? La concorrenza Prodotti/servizi offerti può essere distinta tra “diretta”, costituita da aziende che offrono il medesimo prodotto/ servizio allo stesso target di clienti e che quindi competono all’interno dello stesso seg- È necessario descrivere nel dettaglio i prodotti/servizi offerti, le caratteristiche tecniche del mento di mercato ed “indiretta”, riferita alle aziende che apparentemente offrono prodotti/ prodotto/servizio (cioè se è ad esempio un prodotto artigianale, seriale, se presenta delle inno- servizi differenti ma che soddisfano un bisogno simile (per esempio, pizzeria, cinema e vazioni rispetto a ciò che già esiste sul mercato etc…), la tipologia di bisogni che soddisfa. bowling vendono svaghi per il tempo libero tra cui il potenziale cliente può scegliere). ■ come farsi pubblicità? Caratteristiche innovative dei prodotti/servizi offerti La promozione ha il fine di comunicare al nostro potenziale cliente l’esistenza del nostro È indispensabile descrivere i vantaggi offerti al consumatore, sottolineando le differenze prodotto e come fare per ottenerlo. Prima di poter effettuare una politica pubblicitaria è rispetto alla concorrenza (ad esempio: consegna a domicilio gratuita, periodo di prova necessario definire con precisione le caratteristiche del prodotto e del mercato di riferi- gratuito, offerta di sconti o regali con un tot di spesa). mento; infatti il modo in cui si intende fare pubblicità è condizionato dal prodotto e dalle
  12. 12. sue caratteristiche, dal tipo di clientela cui è rivolto e dalle nostre finanze. Spesso è neces- Quanto denaro occorre? sario creare un marchio/logo che ricordi il prodotto o servizio venduto; per i canali pubbli- citari si può scegliere tra internet, affissioni, stampa, radio, partecipazione ad eventi come Dopo aver descritto i diversi livelli dell’azienda è necessario chiarire qual è la natura del fab- fiere o convegni, sponsor. Solitamente la modalità di presentazione del prodotto/servizio bisogno finanziario. Bisogna infatti far fronte agli investimenti preventivati, come immobili, offerto viene scelta ad esempio attraverso un catalogo o un book di presentazione. pubblicità, personale etc… Questo conto è fondamentale per evitare poi di avere delle “sorprese” quando l’azienda i dipendenti sarà già aperta. Con il passare degli anni le competenze richieste al personale delle nuove aziende sono Break Even Point sempre più alte, sia da un punto di vista qualitativo sia quantitativo. Ecco perché le “risorse umane” diventano un elemento che può decretare il successo o il fallimento di una giovane Dopo aver calcolato l’entità delle finanze necessarie si procede a stabilire il Break Even impresa; l’imprenditore deve dedicare buona parte del tempo lavorativo e delle risorse Point (BEP) : questo termine deriva dall’inglese ed indica il “punto di pareggio”, cioè finanziarie al reperimento e alla formazione del personale adatto agli scopi aziendali. Soli- la quantità di vendita da raggiungere affinché si riescano a coprire i tutti i costi sostenuti tamente la selezione si basa su alcuni aspetti cruciali: conoscenze professionali, capacità (pareggio). Questo valore richiede l’utilizzo di alcune formule di matematica finanziaria. Nel relazionali ed organizzative, forte motivazione. quinto capitolo troverete l’elenco dei servizi sparsi sul territorio che potranno aiutarvi in questo. CONSULENTI DI SUPPORTO ALLE IMPRESE Quando si decide di aprire un’impresa è necessario tener conto di alcuni servizi esterni Dove/come procurarsi il denaro necessario22 indispensabili come il commercialista, l’avvocato, i consulenti per il lavoro e le varie con­ - 23 sulenze tecniche (tecnico del computer, elettricisti, idraulici etc…). È possibile dividere le forme di finanziamento in tre grandi categorie:il business plan il business plan ● Capitale proprio: si intende l’autofinanziamento, attraverso le riserve costituite nel corso degli anni, anche attraverso utili non distribuiti. Questo tipo di risorsa è però inesistente 3.4 Costi e finanze necessarie per una nuova impresa. ● Capitale di rischio: è quello fornito dai proprietari dell’azienda, dai soci, tramite la sotto- previsione dei costi scrizione degli aumenti di capitale sociale o dagli apporti a titolo equivalente. ● Capitale di prestito: si può far ricorso al mercato finanziario attraverso banche o istituti di È necessario indicare separatamente i costi “fissi” e quelli “variabili”. credito, oppure a finanziamenti emanati attraverso leggi dello Stato (vedi cap. 4). I costi fissi sono tutti quelli che non si modificano al variare delle quantità prodotte, come ad esempio il costo di affitto o acquisto degli immobili, il costo dei macchinari indispensabili e gli stipendi dei dipendenti. Questi costi vanno sostenuti indipendentemente da quanto l’azienda produce e se produce. I costi variabili sono invece tutti i costi che cambiano al variare delle quantità prodotte dall’azienda. Esempio principale è il costo delle materie prime: più l’azienda è in attivo e produce più questo costo aumenterà. previsione dei ricavi Bisogna specificare il volume d’affari che si intende realizzare per tutti gli anni in cui si effet- tua la previsione. Di solito il business plan fornisce una previsione di sviluppo a tre-cinque anni dalla costituzione dell’impresa.
  13. 13. 4.1 Leggi nazionali 4.1.1 Legge n° 95/1995 (ex n° 44/1986) Si rivolge ai giovani che vogliono avviare una nuova impresa avvalendosi delle agevolazioni previste dalla legge, che devono mettersi d´accordo per costituire una società che abbia i seguenti requisiti: ● maggioranza assoluta di giovani tra i 18 e i 29 anni residenti nei territori di applicazione della legge il 1° gennaio 1994 (la maggioranza assoluta deve essere sia finanziaria che numerica); ● totalità di giovani tra i 18 e i 35 anni residenti nei territori di applicazione della legge il 1° 4. forme di finanziamento gennaio 1994; ● sede legale, amministrativa e operativa ubicata nei territori di applicazione della legge. e leggi correlate Le tipologie di società ammissibili sono: ● società in nome collettivo; ● società semplici; ● società in accomandita semplice;24 ● società in accomandita per azioni; 25 ● società per azioni; Come abbiamo visto nel precedente capitolo, le fonti di finanziamento per le imprese siforme di finanziamento e leggi correlatie forme di finanziamento e leggi correlatie ● società a responsabilità limitata; distinguono in tre tipologie*: ● società cooperative (comprese le piccole società cooperative). ● capitale proprio, cioè l’autofinanziamento (è il capitale di cui si può disporre au­o­ o­ a­ t n m Sono escluse le ditte individuali, le società di fatto e le società aventi un unico socio. mente); Oltre ad essere in possesso dei requisiti formali, per accedere alle agevolazioni è indispen- ● capitale di rischio, fornito dai soci proprietari dell’azienda (nel caso di imprese che pre­ sabile presentare un convincente progetto d´impresa (business plan) che descriva nel detta- ve­ ano soci investitori); d glio obiettivi, mezzi, strategie e risorse delle neo costituite società. Le società, al momento ● capitale di prestito, fornito per esempio dalle banche. della presentazione della domanda di agevolazione, non devono avere iniziato l´attività. Sono ammissibili nuove iniziative nei settori: Esistono poi forme di finanza agevolata, grazie alle quali lo Stato o la Regione erogano ● produzione di beni in industria e artigianato; fondi attraverso modalità e criteri differenti a seconda dei destinatari. Riportiamo di seguito ● produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli; le principali forme di finanziamento agevolato**. ● fornitura di servizi alle imprese. Sono pertanto esclusi i servizi alle persone (e quindi le iniziative nei settori del commercio, del turismo e della formazione) e alle amministrazioni pubbliche (Stato, Enti locali e imprese * Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla Guida agli adempimenti dell’Impresa - Camera di Commercio partecipate). Vi sono settori non finanziabili sulla base della vigente normativa comunitaria. Industria Artigianato e Agricoltura di Torino (ed. 2009) oppure all’indirizzo internet www.to.camcom.it/guida- Non sono ammessi progetti che prevedono investimenti superiori a circa 2,5 milioni di euro. adempimentiimpresa. Per ulteriori approfondimenti: www.invitalia.it ** Per informazioni generali sulla legislazione e per eventuali aggiornamenti fare riferimento a: www.sviluppo- economico.gov.it e www.comune.torino.it/infogio/autonomia/impresa
  14. 14. 4.1.2 Legge n° 236/1993 ● la maggiore età al momento della presentazione della domanda; ● la non occupazione; Si rivolge ai giovani che vogliono avviare una nuova impresa avvalendosi delle agevolazioni ● la residenza italiana (da almeno 6 mesi); previste dalla legge, che devono mettersi d´accordo per costituire una società che abbia i ● l’ubicazione della nuova attività sul territorio nazionale. seguenti requisiti: ● maggioranza assoluta di giovani tra i 18 e i 29 anni residenti nei territori di applicazione I progetti d’impresa possono riguardare le seguenti attività: della legge il 1° gennaio 1994 (la maggioranza assoluta deve essere sia finanziaria che ● produzione di beni nei settori dell’agricoltura, dell’industria o dell’artigianato e fornitura numerica); di servizi in favore delle imprese. Investimenti previsti non superiori a € 2.582.000; ● totalità di giovani tra i 18 e i 35 anni residenti nei territori di applicazione della legge l´1 ● fornitura di servizi nei settori della fruizione dei beni culturali, del turismo, della manu- gennaio 1994; tenzioni di opere civili e industriali, della tutela ambientale, dell’innovazione tecnologica, ● sede legale, amministrativa e operativa ubicata nei territori di applicazione della legge. dell’agricoltura e della trasformazione e commercializzazione di prodotti agroindustriali. Investimenti previsti non superiori a € 516.000; Le tipologie di società ammissibili sono: ● cooperative sociali per la produzione di beni in agricoltura, industria e artigianato e for- ● società in nome collettivo; nitura di servizi all’imprese. Investimenti previsti non superiori a € 516.000. ● società semplici; ● società in accomandita semplice; I benefici previsti riguardano le agevolazioni finanziarie per l’investimento sotto forma di ● società in accomandita per azioni; contributi a fondo perduto e di mutui agevolati. In particolare, i contributi a fondo perduto ● società per azioni; sono previsti per le spese di gestione, i servizi di formazione e l’assistenza tecnica in fase ● società a responsabilità limitata; di realizzazione degli investimenti e nel primo anno. La domanda va presentata ad Invitalia26 ● società cooperative (comprese le piccole società cooperative). on-line. 27 Per ulteriori informazioni: www.invitalia.it Sono escluse le ditte individuali, le società di fatto e le società aventi un unico socio.forme di finanziamento e leggi correlatie forme di finanziamento e leggi correlatie Oltre ad essere in possesso dei requisiti formali, per accedere alle agevolazioni è indi- 4.1.4 Legge n° 949/52 - Artigiancassa spensabile presentare un convincente progetto d´impresa (business plan) che descriva nel dettaglio obiettivi, mezzi, strategie e risorse delle neo costituite società. Sono ammissibili I beneficiari di tali agevolazioni sono le imprese artigiane. In particolare per quanto riguarda nuove iniziative nei settori: la Regione Piemonte il finanziamento deve essere destinato esclusivamente a: ● fruizione di beni culturali; ● impianto, ampliamento e ammodernamento del laboratorio per i locali posti al servizio ● turismo; delle attività svolte dall´impresa; ● manutenzione di opere civili e industriali; ● acquisto di macchine, attrezzi nuovi e usati e autoveicoli nuovi, posti al servizio delle ● innovazione tecnologica; attività svolte dall´impresa. ● tutela ambientale; ● acquisto di software, diritti di brevetto, marchi, licenze, sistemi di qualità aziendali e ● agricoltura, trasformazione e commercializzazione di prodotti agroindustriali. costruzione di siti internet aziendali; Vi sono settori non finanziabili sulla base della vigente normativa comunitaria. ● acquisizione di aziende e loro rami a seguito di cessione totale o parziale di imprese, Non sono accoglibili progetti che prevedano investimenti superiori a 500 mila euro circa. compreso l’avviamento; Per ulteriori approfondimenti: www.invitalia.it ● formazione di scorte di materie prime e di prodotti finiti. Per tali tipologie di beni deve essere presentata una domanda separata. 4.1.3 Decreto Legislativo n° 185/2000 Il contributo in conto interessi è riconosciuto per una durata massima, comprensiva Riguarda gli incentivi all’autoimprenditorialità e all’autoimpiego. Le misure agevolate riguar- dell´eventuale periodo di utilizzo e/o preammortamento, di: dano il lavoro autonomo, la microimpresa e il franchising. I requisiti per accedere ai finan- ● 10 anni per i finanziamenti destinati all’impianto, ampliamento, ammodernamento di ziamenti sono: laboratori e all’acquisizione di aziende;

×