• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Convivio N°16
 

Trimestrale di Poesia Arte e Cultura dell’Accademia Internazionale ‘Il Convivio’...

Trimestrale di Poesia Arte e Cultura dell’Accademia Internazionale ‘Il Convivio’
Anno V - numero 1 - gennaio-marzo 2004
Fondato da Angelo Manitta
Via Pietramarina-Verzella 66 - 95012 Castiglione di Sicilia (CT) – Italia

Statistics

Views

Total Views
4,648
Views on SlideShare
4,648
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Convivio N°16 Convivio N°16 Document Transcript

    • Il ConvivioTrimestrale di Poesia Arte e Cultura dell’Accademia Internazionale ‘Il Convivio’ Fondato da Angelo Manitta Via Pietramarina-Verzella 66 - 95012 Castiglione di Sicilia (CT) – Italia Anno V numero 1 gennaio-marzo 2004 16 Lucha, Chiesa di San Rocco, Roma, 1997 (tecnica mista su masonite, cm 40x50)
    • Iannozzi F.(88), Ianuale G.(83), Iraci A.(23), Iurescia R.(16), IzziIl Convivio R.A.(88), Izzo R.(65), Jorio G.(32), Juvara P.(77), La Greca R.(30), La Pica F.(32), Lapisse S.(36), Latorre M.C.(47), LauroTrimestrale di Poesia Arte e Cultura, fondato M.(57), Leonardi G.(32), Lepri L.(87), Leroy G-C.(38), Li Voltida Angelo Manitta e organo ufficiale dell’Ac- G.(69), Littera F.(28), Lo Faro S.(64), Lo Giudice G.(50), Locademia Internazionale ‘Il Convivio’ Presti G.(44), Lokman C.U.(36), Longo R.(60), Luezior C.(39), Maccarrone S.(62, cop.), Mandalà G.G.(8), Mandorino L.(cop.),Registrazione al trib. di Catania n. 7 del 28 marzo Manzi C.(3), Manzini G.(31), Manzoni G.(64), Marafiori M.(7), Mariano A.(41), Martinez M.M.(35), Mastrodonato P.(71), Mazza2000. S.(87), Mejia S.M.(34) Melilli L.(27), Mercadante L.(53), MerighiDirettore responsabile: Enza Conti R.(30), Messina S.(6,74) Millico M.(31), Milone G.(32), MinardiDirettore editoriale: Angelo Manitta S.(30), Miranda H.(40), Mistretta M.R.(82), Molinaro I.(6),Redattore: Giuseppe Manitta Molinier P.(37), Monaco L.(67), Moschella G.(28), Mulas G.(76),Vice redattore: Maria Enza Giannetto Murgia D.(31), Natale M.P.(19), Orzes G.E.(67), Pagano G.(82),Redazione: Via Pietramarina-Verzella 66 - 95012 Palumbo C.(33), Pasquinelli E.(29), Paternò G.(33), Pereira T.(34),Castiglione di Sicilia (CT) Italia. Tel. e fax 0942-986036, Perlongo G.(71), Pesca V.(74), Piacenza G.(61), Piccirilli L.(29),cell. 333-1794694. Portale G.(78), Quasimodo F.F.(74), Querini F.(55), Rasteiro J.(45), Riccobene L.(72), Rossi D.(35), Rossi V.(70), RuffatoConto corrente postale 12939971, intestato a Conti C.(2,3), Russo M.(16), Saada A.(25), Sabetta A.(76), Saja C.(53),Vincenza Savary L.(38), Scalabrino M.(4), Scandalitta A.(33), ScarparoloStampa: Tipografia Messinatype, tel. 090-696841 I.(31), Scilio G.(83), Scribano G.(82), Sedda E.(86), SelvaggiE-mail: angelo.manitta@tin.it L.(75), Serra J.(68), Sessa E.(30,33), Sfilio B.L.(28), SiliquiniSiti Web (gestiti da Coco Salvatore, Treffiletti Salvatore, L.(27), Simionato E.(29), Soares A.(42), Sofia G.(57), Spera R.(3),Perlongo Gaetano, Maria Cristina Latorre): Spina I.(32), Street J.(33), Tamburrini B.(10,80), Tavcar G.(87), www.il-convivio.com Teixeira S.A.(41), Tessier F.(6), Thierry J.(39), Trefiletti C.(33), http://web.tiscalinet.it/ilconvivio Trevisani S.(19), Turano E.(29), Turco C.M.(5), Tuttolomondo http://ilconvivio.interfree.it I.(28), Valentini R.(31), Valle G.(46), Venturini G.(84), Villarreal E.(61), Villucci A.M.(13), Virgillito P.(87), Vizzari F.(17), http://web.tiscali.it/ilconviviomattinata Vorraro G.(28), Weber G.J.(43), Yurt Y.(36), Zagaglia C.(28), Zaninetti T.(18).Collaboratori: Giorgio Barberi Squarotti, Alvarez Vela-sco Francisco (Spagna), Andityas Soares de Moura (Bra- Associarsi all’Accademia Internazionale Ilsile), Haxhia Miranda (Albania) Angelucci Sandro, BaroneRosaria, Castellani Fulvio, Coco Salvatore (rivista telema- Convivio è semplice. È sufficiente versare la quotatica), Dilettoso Maristella, Izzi Rufo Antonia, Gambacorta associativa annua di € 25,00 (adulti), € 20,00 (perSimone, Giannetto Maria Enza, Lalli Franco Dino, Latorre associazioni culturali), € 15,00 (giovani e ragazzi);Maria Cristina (rivista telematica), Natale Maria Pina, estero: € 30,00; dagli altri continenti: $Usa 35,00 oPerlongo Gaetano (rivista telematica), Tamburrini Bruna, equivalente in altre monete. Socio Sostenitore: €Topa Pacifico, Treffiletti Salvatore (sito web). 50,00. Socio Benemerito: almeno € 100,00, la somma è da versare sul Conto Corrente Postale n. 12939971 oGli autori di questo numero (il numero tra tramite assegno circolare non trasferibile o vaglia po- stale o sul conto bancario con coordinate: U 01020parentesi indica la pagina): Are C.L.(84), Affinito I.M.(85),Agnello N.(81), Alaimo F.(80), Alapaf (79), Alonso E.(70), 84160 000417 014040, o anche in contanti; per l’este-Altamirano R.M.(47), Andrenacci S.(33), Angelone A.(68), ro: contanti o vaglia internazionale (giro postal inter-Antonelli M.(86),Aragona A.(32), Aranha C.(44), Arcifa A.(47, nacional) o sul conto corrente bancario, con coordina-69), Ardita P.(66), Baccelli V.(69), Baiamonte S.(31), Barros te: IT83 U 01020 84160 000417 014040, tutto inte-S.(45), Beccaccia N.F.(88), Bellone S.(32), Belluomini C.N.(30), stato a Conti Vincenza, Via Pietramarina–Ver-Bensi S.(81), Bilharinho G.(56), Boncompagni G.(31), Bonnet zella, 66 - 95012 Castiglione di Sicilia (CT) – Italia.C.(12), Botto R.(31), Branca D.(86), Brancatisano M.S.(29, 31), Il Socio ha la possibilità di: 1) ricevere gratis laBruscoli A.(3ª copertina) Burattini I.(3ª copertina), Cafaggi M.(3ª rivista; 2) avere inserita una poesia (max. 30 versi) ecoper-tina), Calisti M.(62), Cambi M.(26), Cappellucci R.(91),Cappuccini O.(28,84), Cara D.(85), Carandente G.(58), Careddu una recensione durante l’anno, oppure un raccontoS.(48), Carfora C.(27), Carone L.(30), Carpignano G.(37), Castelli (max. 2 cartelle), oppure un quadro in bianco e nero eS.(cop.), Caussat M.(38), Celi F.(30), Cerminara R.(65), Cesaro un articolo sulla personalità dell’artista; 3) partecipareG.(11), Chacon Z.C.(34), Chamblant L.(63), Chiaramida P.(29), gratuitamente ai concorsi banditi dall’Accademia; 4)Cipa A.(40), Coello D.(35), Colajanni P.(37), Consoli P.(17), partecipare alle attività del gruppo.Contarino R.(68), Conti F.(72), Cafiero D.F.(73), Craviotto S.(67), La collaborazione e la distribuzione della ri-Créquie G(6,37), Cros C.(cop.), Cuffaro A.(25), D’Alessio V.(73), vista sono gratuite, ma si accettano liberi contributi.De Corti A.(87), De Luca K.(32,33), De Lucia A.(79), De Rosa Ogni autore comunque si assume la responsabilità deiA(65), De Vincolis A.(54), Di Giambattista A.(77), Di Girolamo propri scritti. Manoscritti, dattiloscritti, fotografie o al-G.(77), Di Lauro A.(60), Di Rocco F.(31), Di Ruocco V.(77),Distefano A.(72), Distefano M.E.(28), Esposito V.(1), Evu E.(47), tro materiale non vengono restituiti. Attività cultura-Fedele A.(27), Fedele G.(77), Fernandes L.(43), Fiorente F.(26), le senza scopo di lucro ai sensi dell’art. 4 del D.P.R.Fontana M.(64), Fonte T.(56), Fragomeni E.(1), Gaourang D.S. del 26-10-72, n. 633 e successive modifiche.(36), Gatti P.(33), Genovesi A.P.(33), Giallombardo A.(8), Giorda- Tutti i dati saranno trattati nel più completono F.(73), Gitto F.(71), Gomes F.S.(46), Gonzalez A.M.(34), rispetto della legislazione italiana in termini di “tutelaGrasso M.(75), Greco A.(27), Gunjaca D.(54), Haliti F.(40), dei dati personali” L 675/96.
    • Dal prossimo numero tutti i Delegati del Controvento di Athos BruscoliConvivio non in regola con la quotaassociativa annuale saranno depennati La vagabonda Luna è tramontata, il silenzio lontano rompe l’aria! L’infinito desiderio di Luce è il concerto cosmico dei violini, Il Convivio vento stanco, malinconico! Rappresentanti delegati Randagio, sull’isola della Miseria, Italia: Acerra (NA): Piero Borgo, Via Zara 45. attendo invano all’Orizzonte, Aci Bonaccorsi (CT): Leone Salvo, via Stadio, 20; Aci S. la nave, con la stiva colma Filippo (CT): Pulvirenti Filippo, Via Nizzeti, 155/Z. Acireale d’altri naufraghi. (CT): Pinella Musmeci, Via Wagner 30. Agrigento: Benia- mino Biondi, Via Alessio Di Giovanni, 22. Grotte (Agri- Domani, ad Oriente, gento): Aristotele Cuffaro, via P.le Vinti, 4. Assergi (AQ): l’Occhio Solare Franco Dino Lalli, Via Portella, 23. Bellante (TE): Giovanni affiorerà dall’Oceano Di Girolamo, Via Collerenti 42. Belluno: Puglisi Ferruccio, e consolerà, ancora e per sempre, Piazza San Lucano 46. Bitonto (BA): Barone Rosaria, Via U. la mia Solitudine. La malfa 8. Catania: Grazia Butano, via Castagnola, 7/p – 95121. Cinto Euganeo (Pd): Deborah Coron, via Via Bomba, 38. Giarre(CT): Filippo Nasello, Corso Lombardia 1. L’Aqui- Nel silenzio dell’amore la: Mario Cavallo, via Castello 2/8. Marigliano(NA): Vincen- di Ivana Burattini zo Cerasuolo, Corso Umberto I, 259. Mattinata: Maria Cristi- na Latorre, via Madonna Incoronata 103. Messina: Flavia Il risveglio di assenti ricordi Vizzari, via Via G.B. Caruso, 3 - Camaro Inf.. Montegior- destano amore. gio(AP): Tamburrini Bruna, via Angelelli 11. Quinto di E di quelle carezze Treviso: Rina Dal Zilio, via Marconi, 3. Paternò(CT): Angela perdute nel balenio dei sensi Aragona, via Pordenone, 48; e Giacomo Paternò, via Co- non rimangono che note fuggenti stanzo, 43. Pescara: Francesco Di Rocco, Via fiume Verde, 24. Reggio Calabria: Fiorente Franco, Via Trapezi 19. Roma: dei miei desideri. Amalia Maria Amendola, via Federico Nansen, 104 B/2. Eppure mormorano ancora le voci Rutigliano(BA): Albanese Michele, Via Due pozzi 17. e ferite parole lasciate andare Sant’Antonio di G.(SS): Serena Careddu, via Giotto, 6. S. dove vagano le ombre e riposano i pensieri. Domenica Vittoria(ME), Nino Mantineo, Piazza Germanà, 8; Saranno pullulanti sospiri Trappeto(PA): Gaetano Perlongo, via Vittorio Emanuele, 47. a parlarmi d’amore Treviso: Ferruccio Gemmellaro, via S. Filippo 54, Meolo ed il sentire di cose vicine ai miei silenzi, (VE). Udine: Claudia Turco, Via Volturno, 89/9. alle ore vuote senza più sogni Estero: Albania : Miranda Haxhia (L. “G. Muco”, e profumi della fanciullezza. p. 69 – Lushnje). Algeria: M.lle Kidad, cete des 200 lgto Chi potrà rivelare i ritorni del passato BNTN=10 – 42100 Cerchell. Argentina: Buenos Aires: Clara Lourdes Bango, Rue Rio de Janeiro 622 P.B. C – 1405 Buenos se i volti delle rimembranze Aires. Australia: Melbourne: Giovanna Li Volti Guzzardi, sono discesi nell’abisso dell’anima 29, Ridley Ave Avondale Heights 3034 – Victoria. Brasile: e nulla più mi appartiene, Barbacena: Andityas Soares de Moura, Rua Theobaldo né richiami di fiamma, né fugaci malinconie Tollendal, 144 – Centro – Barbacena-MG, Cep 36200-010; nell’incedere dei giorni. Brasilia: Nilto Fernando Maciel, Caixa Postal n. 02205, DF- Chi potrà rivelare i ritorni di tenerezze CEP 70.349-970. São Paulo: Arlindo Nóbrega, Rua Rego se il tempo ha proibito palpiti alla giovinezza Barros, 316 - São Paulo - CEP 03460-000. Ciad: Darma e sorrisi alle mie primavere. Sylvain Gadourang s/c Mahamat Laye, B.C-T-R. – S.T.P.E. – Sì, forse il mio cuore morirà d’amore N’djamena. Colombia: Wiston Morales Chavarro, A. A 068 Neiva-Huila. Croazia: Gunjaca Drazan, Pula, Kandlerova 3/I. lontano dagli amati sguardi, Cuba : Carlos Chacón Zaldivar, edificio 41 C apto 1, escalera lontano dalle care nostalgie. A, calle 24 de Febbrero – 42800 Limonmar Matanzas. Francia: Sì, perirà senza l’amore Lagny sur Marne (77400): Frédéric Tessier, - 62, allée Louis disperdendo tutta la sua linfa Braille; Flize (08160): Jean-Claude Leroy, 1, rue de l’Isère; St. nei frammenti d’eternità e canti di solitudine. Claude, Christian Vandroux, 4 rue du Commandant Vallin. St. Raphael: Jean Sarraméa, 1565 A. Valescure, Bt Al Les Hts de Valescure. Cannes: Robert Botto, 147, avenue Maurice Cheva- Ricezioni lier “Le fenix A” – F-06150. Portogallo : João Vilela Rasteiro, di Maurizio Cafaggi Rua José Gomes Ferreira, lote 125 1° C - Bairro de Santa Apolonia, 3020-105 Coimbra. Spagna: Gijón (Asturias): Dei passi s’alimenta l’entropia Francisco Álvarez Velasco, Avda de Portugal, 35, 1°, A – il caos si nutre, evolve, dilaga 33207. Segovia: Juan Montero Lobo, Camino de la Presa 7-3°- le suola contrite s’arrestano D. Madrid: Mélanie Lafonteyn, C/o école maternelle, Plaza de auspicano la quiete Platón, 1 – 28027 Madrid. Stati Uniti: Prof. Orazio Tanelli, 32 per ascoltare le grida inudibili del Cosmo Mt Prospect Avenue - Verona NJ – 07044; Uruguay: Mon- ed oltre, l’urlo silente del nulla. tevideo: Norma Suiffet, casilla 5088 – succ.1.
    • Sebastiano Maccarrone, Paesaggio (olio su tela, cm 50x70) Spartaco Castelli, Parco di Autunno (olio su tela, cm 40x50) Lionello Mandorino, Sbarco degli albanesi a Otranto (olio su tela, cm60x45) Cros Chantal, Figura femminile
    • respiro, in cui si affrontano tematiche letterarie e non let-Contributo di Alberto Mario terarie, come ad es. il «breve lamento di Penelope dopo il ritorno di lui», l’umiltà e la purezza della prima famigliaMoriconi alla critica di se stesso francescana (a proposito di Jacopone da Todi e l’inter- di Vittoriano Esposito vento di Bonifacio) l’incerta presenza della Fortuna nelle umane vicende, i remedia amoris da Ovidio a Petrarca, il Un libro davvero straordinario, questo Autocom- peso e l’impronta del calcagno di Cesare nella storia, lamento (discreto) di Alberto Mario Moriconi (Liguori Editore, nobile lezione del Mazzini nel fallimento della Repubbli-Napoli 2003, pp. 150): originale nella impostazione, nuovo ca romana il monito del Brown dei negri lo strano mira-nelle finalità, ricco di spunti ermeneutici e di varia dottrina, colo per Copernico, il mistero della vita agitata e dolo-spaziante nei più disparati settori dello scibile letterario. Con- rosa di Torquato Tasso, la tragica fine del poeta russocepito inizialmente per corrispondere al bisogno di «render Esenin. Non sono, questi, che accenni sparsi e fuggevoli,chiari al massimo i significati letterali» e, qua e là, i «signi- che possono dare solo una idea molto vaga dello spessoreficati secondi» delle opere poetiche della propria maturità (la culturale dell’opera, spessore che ripropone un’antica ve-trilogia laterziana: Dibattito su amore, Un carico di mercurio rità sempre attuale e cioè: che si può far poesia, come at-e Decreto sui duelli, a cui vanno aggiunti Il dente di Wels e il testa l’alta esperienza d’Alberto Mario Moriconi, in mo-Rapagnetta “purgante”, meglio nominato D’Annunzio), in ef- do vero ed autentico pur con l’apporto e all’interno di unafetti poi ne è venuto fuori un testo utilissimo anche ai lettori solida dottrina.non comuni, più propensi ad indagare «i polisensi, i sottintesi,gli eliotiani correlativi oggettivi, i simboli, le allegorie» nelvariegato quadro «delle strutture e del lessico, del pluristili- Al mio fiore... gracilesmo, della polimetria» che hanno caratterizzato un itinerario (A mio figlio, pianista, dopo un incidente ad una mano)poetico tra i più complessi del secondo novecento. di Emilia Fragomeni Stando al titolo del libro, non si può non pensare adue illustri precedenti: Contributo alla critica di me stesso, di Eri un bocciolo tenero, piccolo,Benedetto Croce (da cui chiaramente deriva il titolo della no- ed io, stringendoti al petto,stra noterella), e Storia e cronistoria del Canzoniere (1948) di ho promesso che,Umberto Saba. Precedenti diversissimi, comunque, non solo mentre i tuoi petali si sarebbero aperti,tra sé, ma anche rispetto al lavoro di A. M. Moriconi: tra sé, ti avrei aiutato a schiuderli...perché l’uno tende a fra luce sulle problematiche inerenti alla ed ora che ghirigori aspriformazione dell’autore e ai rapporti di difficile intesa col pen- di nuvole di fumo annebbianosiero contemporaneo; mentre l’altro tende a documentare il i tuoi occhi stanchi, ora che le tue manipercorso del poeta triestino nel segno dell’onestà del dire, in contratte non danzano più sui tormentatiun tempo in cui la parola preferiva mimetizzarsi tra ghirigori tasti, non lasciare che l’amara sofferenzae sofisticherie tecniche. Il caso di Moriconi, in verità sta tutto turbi il tuo cuore e che la rinuncia erri,a sé. Moriconi, infatti, comincia a scrivere le sue note per vagabonda nemica, sul tuo animo cupo,chiarire innanzitutto a se stesso certi passaggi bruschi, certi issando la bandiera vittoriosa dell’indifferenza,lessemi e fonemi tipici del suo pluristilismo, certe immagini riemergi dall’abisso dell’angoscia,fulminanti e sfuggenti allo stesso io poetante, eppure «forte- che lentamente consuma i tuoi sognimente sentite, (per) incanto o incubo, vicine o lontane», e rese e ti conduce ai margini dell’esistenza,«toccate o invisibili», ciascuna con «suoi metri, suoi accenti, non permettere che una lama di ghiacciosuoi colori, suoi bui». lasci i segni nel tuo cuore, né che fantasmi Moriconi addirittura confessa, nelle pagine introdut- dispettosi manovrino i fili della tua esistenza!tive (ricche di acutissima auto-ironia), che non sa «parlare in Alzati e cercami... io ti ascolterò e asciugheròforma d’arte se non come scrittore di cose» (secondo la de- ogni tua lacrima, farò del tuo dolorefinizione di Pirandello), ossia come «scrittore di parole par- il mio e lo succhierò fino a quandolateg1i intensamente da cose nitide o fosche, veraci o illu- in te non ne resterà neanche una stilla...sorie, parole di vita vissuta patita e di vite tante altre più della e ti racconterò i miei sogni:sua interessanti». Con queste premesse, ci si aspetterebbe - tu, abbracciato allo strumento, lo percuoterai,inoltrandoci nella lettura dell’autocommento - delle chiose or- dialogando con la musica al pari di un vecchiodinarie, per una migliore conoscenza delle ragioni segrete del amico; io non ti disturberò: con gioia trepidaproprio dettato poetico; ed invece ci si trova di fronte ad un guarderò le tue mani che straziano i tasti,apparato di annotazioni minuziose e rigorose, che vanno ben i capelli scomposti, che chiudono il sipariooltre i lemmi da chiarire i nodi morfo-sintattici da sciogliere, sulle guance concitate, continuerò a sfiorareripresi puntualmente pagina per pagina, immettendosi in una il tuo viso con carezze dolciminiera preziosa di considerazioni sui motivi ispiratori sulle come perle di rugiada, continuerò ad asciugarepersone e sui personaggi richiamati nel testo, sulle particolari il tuo pianto... e ti amerò per sempre...situazioni in cui l’autore si è calato di volta in volta. e tu ricorderai che dentro di me ti cullavo Accade anche, al poeta commentatore di se stesso, di d’amore, credendo che avrei potutoindugiare su questioni etimologicamente storico-linguistiche proteggerti sempre dal dolore!antropologiche, estetiche, critiche, sempre discusse con estre-ma competenza. Non mancano, infine, pagine di più ampio 1
    • difficoltando e sofisticando all’estremo una comunica-Tradursi. L’autotraduzione zione interpretativa e tradizionale. Va ancora ricordato che non sempre la parola ‘traducente’ trasporta l’entitànei poeti dialettali semioconnotativa della corrispondente parola idiomatica di Cesare Ruffato di per sé sempre più irradiante elusiva e talora equivo- cante e meno esatta del termine letterario. E non va di- Il mio intervento non può esimersi dal ricorso a vari menticato come in genere la semantica degli idiomi e del-precedenti contributi personali sull’argomento e con maggior le lingue comporti variazioni e non sempre rispecchia-pertinenza per il dialetto, la cui esperienza si è protratta per menti con varianti onomatopeiche e reticoli allitterativi al-oltre un decennio ed è raccolta nel volume monografico di quanto suggestivi ed evocativi.poesia con titolo Scribendi Licentia. Queste rapide e parziali riflessioni acuiscono le Va ancora premesso come discussioni di tal genere problematiche della traduzione dialettale, indicando comeprofumino di nostalgia nella penombra di una civile consta- punti ideali e nodali: 1) professare possibilmente la scrit-tazione che ormai gran parte dei dialetti, soprattutto nelle aree tura col dialetto ‘congenito’ e del latte materno; se ac-di notevole emancipazione socio-economica, sussistano in uno quisito in seguito può considerarsi un ‘eteroidioma’ cioèstato di decadenza per l’assenza di una efficace e convinta in- non autentico con la formazione psicolinguistica basalecentivazione ed espansione. Si ha inoltre l’impressione che an- virtuale del soggetto; 2) l’autotraduzione, cioè l’impegnoche il panorama di produzione letteraria sia declive e trovi con- etico estetico culturale dell’autore del testo basale idio-forto nella scelta opzionale sempre più esile di autori tenaci matico. Naturalmente l’insieme delle considerazioni valeveramente convinti e difensori della propria ideologia idioma- peculiarmente ai fini di una operazione letteraria severatica, viventi in isole felici risonanti di nobile tradizione e di che, tra l’altro, implica una diffusione culturale del testooralità comunicativa dialettale. fra studiosi e letterati specifici di linguistica e fra lettori È assodato che la diffusione dell’opera dialettale ven- consoni, esperti, impliciti e strategici.ga agevolata dalla traduzione, la quale sempre, per quanto Nell’autotraduzione è importante non tradire lopertinente e rispettosa delle norme letterarie, attenua e pro- spirito di saggezza linguistico del testo dialettale, spiritomiscua l’autentica identità del testo sia pure nel riconosci- animato dall’ispirazione che deve essere trasfuso senzamento di una sua inalienabile priorità. fraintendimenti e con la debita sapienza del tempo del Il problema di un possibile approccio ambiguo e silenzio nella verbalità traduttrice. Pertanto l’autotradu-sviante con una lettura relativamente implicita e specifica si zione come seconda dimensione letteraria di quella delpone soprattutto per il lettore sprovveduto e per l’eventuale testo dialettale basale, deve esserne rispettosissima sia neltraduttore dialettofilo sia pure accorto ma non sempre in con- confronto topografico verbale sia in quello ermeneuticosona sintonia con l’universo bioritmico di scrittura, di oralità delucidativo in modo da fornire una stima appropriatae di tradizione del dialetto affrontato. Va anzitutto ricordato etico estetica dei due linguaggi soprattutto a favore delcome nella maggior parte dei dialetti ancora assiduamente rispecchiamento implicito del dialetto nella sapienza eti-frequentati, le parole fondanti arcaiche sfuggano alla diacro- mologica letteraria della lingua. Ritengo che soltanto cosìnia tattilizzante della comunicazione ed alcune non siano ri- il mondo basale dell’ispirazione e del sogno dialettaliportate (assieme a modi di dire) in vocabolari specifici, ben- possa rivivere e mettere in moto l’oralità implicita e con-ché note e relativamente praticate da parlanti anziani in isole quistare una reale e pura dignità letteraria.felici di koinè idiomatica. A tale proposito ne ho fatta espe- L’insieme un po’ si estranea e resta sottotono erienza personale rituffandomi nel mio idioma veneto provin- sviato nella metaletteratura della eterotraduzione. Opera-ciale, sempre esercitato con amorevole attenzione, con la fre- zione idealmente sleale può essere considerata nell’autorequentazione stimolante di soggetti ancorati solidamente ed em- anche la versione idiolettica del testo base in lingua perpaticamente al dialetto e severi custodi di un mosaico di tes- una compromissione sofisticata ed elusiva di momentisere verbali particolarmente significativo ed arcaico e con re- estetici della rêverie idiomatica, non più ispiratrice primagistri di oralità affascinanti. e dantescamente ‘dettante dentro’. L’autotraduzione an- Va poi ricordato come la stratificazione storica delle cora si realizza nell’autore una riappropriazione del testo;lingue comporti fenomeni progressivi e generativi molto più una certa sfumatura di narcisismo; un rispecchiamentocomplessi ed importanti in quanto legati ad una comunica- sulla specularità verbale dell’inconscio e della scrittura.zione panoramica nazionale perché lingue ufficiali, rispetto Esiste inoltre il confronto fra una prima traduzione ver-all’evoluzione degli idiomi, in genere restii a preganti conta- bale di base, cioè il testo idiomatico con l’insieme delleminazioni processuali e custodi più severi e rigorosi di nobili implicazioni di soggettività, ispirazione, silenzio mentale,tradizioni popolari. coscienza, tempi e modi di registrazione del testo, idioma Questi fenomeni appaiono sensibilmente tattilizzati e più o meno raggiungibile dal lettore comune (specificità,compromessi nell’attualità dalla comparsa dilagante del mon- rarità, permanenza d’uso del dialetto applicato, problema-do infosferico che ha aperto, in sintonia con le conquiste su- tica della in-leggibilità e fenomeno di comunicazione) eperlative ed incessanti della tecnica, possibilità inverosimili e la reale traduzione nella lingua nazionale corrente per ilstrabilianti estremizzando all’incredibile quali dimensioni viaggio del testo come operazione letteraria.strutturali, cronologiche e spaziali, coinvolgendo anche men- L’autotraduzione si rappresenta quindi come mo-talità coscienza registri di giudizio e verità. Nei confronti de- dalità privilegiata ed imprescindibile per fornire la basegli idiomi, nel contempo, il rapporto con la lingua ufficiale, in ermeneutica della fruizione del testo idiomatico, presup-continua accelerazione di scambi e prestiti soprattutto nelle posto ideale della sfera intima di ispirazione.formule correnti usuali, è meno agevole profondo e risolutivo 2
    • Il sogno del dialetto di Cesare Ruffato Carmine Manzi: La rimem-Il sogno del dialetto all’origine branza tra classicismo e modernitàmi adesca e irretisce di Giuseppe Manittami miagola le corde vocalie si diffonde al plesso di rimandi Nel panorama letterario contemporaneo, oggidegli echi rizomatici, stordisce molto complesso, vi sono poeti che vanno e che vengono,i legami labili di memoria narratori, anche di primissimo piano, che hanno un enor-nell’universo di lingua muta. me successo e poi vengono relegati nella memoria. SoloForse pertiene al fato dell’anima pochi lasciano una traccia indelebile, non solo per l’as-al labirinto della conoscenza sidua presenza, ma anche perché riescono a creare unaalla semplice estetica della naïvità. sospirata e aspirata “tradizione”, che Alberto Asor RosaForse contiene in sé virtuali oggi vede più che mai indispensabile.valenze di ideogrammi Non a caso si parla di Carmine Manzi, che ormaie geroglifici trasparenti da moltissimo tempo è il tratto distintivo di una poeticadel continente infosferico che si pone tra classicismo e modernità. L’analisi specu-custoditi dallo sguardo lunare lativa, che raggiunge il culmine nell’ultima silloge “Terrae dalle energie vitali di sole e stelle. Mia”, si rivolge alla crisi della coscienza contemporaneaE così elucubrando sempre più per approdare, in un continuo fluire dimensionale del tem-crocifisso doloroso in lacrimarum po, alla rimembranza. Il ricordo, dunque, è il filtro dell’o-valle dai suoni vocaboli e norme pera, un filtro che funge da ponte tra illusione e realtà,estenuati mi sbuccio e m’immio cioè tra inganno della Fortuna e voglia di vivere. Il lan-colgo chiodi spine spade ferite guore di fronte al mondo spinge alla riflessione, quel sen-sangue del suo calvario semiotico timento del contrario pirandelliano che assurge nel Manziinfondendo altre fonti prime ad una dimensione classicista, e non classica, d’equilibrioculturali d’emozioni e suggestioni formale e contenutistico. A questo punto si crea uno pseu-per una possibile nobile resurrezione do-dualismo tra cosa e parola, cioè tra ricerca e realtà. Mafra lingue patrie austere all’apice il ricordo li unisce in assoluta simbiosi, ampli-verso una Thule doviziosa ficando e metamorfosando gli elementi sensibili e sopra-di ideali avvolgenti salubri sorgenti sensibili, sotto forma di materia e di parola. In questorispettosa equa fraternità connubio, quasi processo d’astrazione, si fondono le di-ed un silenzio poetico del creato. mensioni temporali in cui il sentimento trasforma il visi-Il risveglio è frastuono babelico bile nell’invisibile e l’invisibile in realtà. Un atto inscin-immorale irrazionale ingravescente. dibile di questo rituale poetico è la natura, che si sviluppa in un alone di crisi di coscienza, e l’evoluzione della ter- Canto tra i rovi ra, in cui «si posano le farfalle smarrite / in cerca di pochi di Rosa Spera fiori nascosti / e vaganti le lucciole sognano / le bionde messi dai campi scomparse». Nella fusione delle dimen- Prive di germogli sioni temporali è il ricordo che scandisce i ritmi del tem- terre aduste imprigionate dall’ira ammantate da lune insanguinate po in cui si evocano le immagini antiche di una terra che, e cieli erosi da morsi euritmici. come sottolineano l’assessore di Mercato san Severino, Cavalcano orde di tormento Giuseppe Vitale, e il sindaco Giovanni Romano, «conser- tempi avulsi piegati alla diaspora va ancora intatto il senso della genuinità del mistero». che genera crepuscoli sterili Il poeta Manzi, quindi, si pone ad ammirare il pervasi da nenie controvento. Bello nella raffinata componente sonora della parola. Ma Scheggiate dall’odio la musicalità del verso che sembra fondarsi solamente s’adagiano le odierne stagioni sull’isocronia assonantica e ritmica riesce a rifuggire da su distese ove grumi raccontano una sterile e meccanica rigidità. Il fluire del verso si memorie di cuori pulsanti. accompagna al fluire del sentimento elevando la stabilità Si fa gelo il respiro del vento e l’instabilità dell’irrazionale. In questo processo si af- su giunchi dallo sguardo allibito fiancano al tempo e alla rimembranza una miriade di sen- procreando in spiriti inquieti timenti: le amicizie vecchie e nuove, la malinconia del scie perverse di lucciole morenti. passato, la gioia del presente, l’amore sbocciato, fiorito, Privi di germogli scomparso e poi miracolosamente il verde, insomma «vi questi aneliti affioranti alle labbra è un’irresistibile spinta a guidare il poeta nel malinconico da alvei tremori recupero memoriale del suo passato» (Alberto Granese). che plasmandosi alla fede dell’essere Non resta che, da pellegrino stanco, ripensare a rifulgono in ferventi preghiere. quelle valli, cercando di ricordare anche l’impossibile e Trionfa ancora canto eccelso tra i rovi, coro aulente in pagine d’attesa, poi aspettare un nuovo giorno tra gli archi della propria eleva al cielo un poema d’amore dimora «da festoni ricoperti d’edera / dov’è rimasto l’eco lenendo l’ala spezzata del sogno delle voci / che s’elevano per la volta al cielo». che invoca al tempo iridi di luce. 3
    • angusti, sebbene rassicuranti, limiti regionali e misurarsiDella traduzione poetica col mondo, con le lingue del mondo; un’occasione irri- di Marco Scalabrino nunciabile. Conoscevo Enzo Bonventre. Per la sua mili- tanza poetica nell’ANTIGRUPPO, per talune sue versio- Nat Scammacca (poeta, narratore, fondatore nel ni italiane dei componimenti di Santo Calì, per i suoi1968 dell’ANTIGRUPPO), i cui testi ho avuto il privilegio di adattamenti in Italiano di testi di autori contemporaneivolgere in Siciliano, ebbe a scrivere della poesia che essa statunitensi quali Arthur L. Clements e altri. Sapevo che,«pigghia tantu di ddu spaziu nna lu chiù nicu di li cucchiarini siciliano di natali, da anni ormai viveva a Firenze. Dachi ci vulissiru misati sani pi travirsàrilu di punta a punta». E tempo egli aveva trovato credito ai miei occhi. Ma quellaStanley H. Barkan, poeta ed editore newyorchese, ha pun- volta si trattava di confrontarsi con lui faccia a faccia otualizzato: «Translation is really transmutation. The important meglio verso a verso, si trattava di riempire di qualitàthing is for the poem to be a poem in the target language». Il quella sua scelta, si trattava in buona sostanza di daretraduttore assolve felicemente a entrambi gli uffici, soddisfa prova di stargli alla pari. E dunque occorreva che io,compiutamente entrambe le condizioni: attraversa il cucchiai- adeguatamente, mi attrezzassi! Occorreva che io leggessi,no, riconosce cioè la Poesia, e la consegna mutata eppure in- riflettessi, mi rapportassi intimamente con la sua opera.denne nella lingua di destinazione. Ecco consumarsi, per l’en- Solo quando avrò inteso quei testi, avrò credutonesima volta, l’atavico, irrisolto dilemma: della fedeltà della in loro, li avrò amati come fossero miei; quando essi, leg-traduzione. Della fedeltà alla parola, dell’asservimento alla geri spregiudicati beati, si saranno librati nei miei sensi,materia? O della fedeltà al pensiero, dell’anelito all’essenza? nella mia ragione, nelle mie viscere… solo allora - mi so- In realtà, non credo valga la pena ulteriormente at- no ripromesso - potrò accingermi a trasferirli, con convin-tardarsi su questo logorato topos. La soluzione al dilemma ri- zione, con fiducia, con orgoglio. La scelta, invero, risultòtengo sia scontata: la devozione all’uno e all’altro aspetto. E poi pressoché obbligata. Quasi ne avessero avuto perce-non tanto per codardia, per serafica salomonicità; quanto zione infatti, gli stessi testi mi chiesero udienza. E cia-perché stimo che il traduttore debba praticare il proprio “me- scun componimento, graziosamente, pretese di essere a-stiere” nel rispetto della originalità dell’autore, al contempo scoltato, interrogato, considerato. E ben presto realizzaiconvogliandone la lettera e catturandone lo spirito. Ma non che mai avrei potuto conciliare una comoda traduzione let-una devozione pedissequa, precostituita. La percentuale - se terale con l’urgenza di rendere il fulcro di quella poesia;così vogliamo definirla - della fedeltà all’una, la parola, e mai avrei potuto prestare un buon servizio all’autore tra-all’altra, l’essenza, è variabile; è da valutarsi circostanza per dotto, né tanto meno alla poesia e all’idioma siciliani, vol-circostanza. Deve esserlo! In funzione del risultato ultimo: la gendo pedissequamente la lettera di quella poesia; maiPoesia. Risultato che non lasci trasparire il lungo studio e il avrei potuto catturare (e trasferire quindi) la priorità digrande amore che sono stati necessari; che induca anzi il quella poesia se mi fossi attenuto all’ortodossia della paro-lettore alla considerazione che le poesie sembrano essere state la e non ne avessi, invece, esplorato il quid che la anima,concepite (nel nostro caso) in Siciliano. non ne avessi carpito la magia che la trascende, non ne Tradurre è impresa nella quale è bello, gratificante, avessi liberato - novello Aladino - l’alito che la pro-necessario riuscire. Ciò perché la traduzione (questa merite- muove.vole, poco considerata forse, faccia della letteratura) è per E proprio quell’alito vitale, in definitiva, io avreiforza di cose, in certa misura, reinvenzione del testo origina- dovuto trasporre in Siciliano; avrei dovuto fissare conle; è una sorta di passe-partout che ci introduce a un diverso forme, con immagini, con spirito profondamente siciliani.trip letterario; è uno stargate che ci spalanca l’altrui universo: Il dettato breve essenziale pulito, l’impiego dei simboliun universo composito, intriso di mito e radicato parimenti delle metafore delle analogie, il susseguirsi di istanti col-nella attualità, crudo e allucinante e altresì tenero e sognante, legati tra di loro sul tenue filo della vita connotano i trattiun universo che se per taluni caratteri rinveniamo sotto casa, della poesia di Enzo Bonventre. In tale ordito, le solu-per taluni altri ci svela spaccati, scene, luoghi esoterici e mi- zioni adottate (preferisco appellarle soluzioni proiezionisteriosi: la Poesia di ogni latitudine, di ogni lingua, di ogni trasposizioni, piuttosto che traduzioni) hanno precipua-vocazione. Il termine traduzione, a risultato acquisito, rischia mente inteso coniugare le peculiarità di questa poesia aidi apparire persino riduttivo. vincoli del mio dialetto. Un dialetto che, nell’attitudine a Paolo Messina, a proposito della silloge postuma di contemplare - senza inferiorità alcuna - tutte le complesseAldo Grienti (Catania 1926 - 1986) Dove passa il Simeto, i realtà del vivere, nella premura ortografica, nella doviziacui testi originariamente scritti in Siciliano vennero riproposti lessicale, pure mostra intatta la sua antica vitalità.nella versione in Italiano, ha preferito utilizzare il vocabolo:proiezione. Nell’introduzione a Poesie scelte, le mie versioni Finalmente, dopo infiniti ritardi e rinvii, è uscita, il 22in Siciliano delle sillogi Okusiksak e Leone assiro di Enzo dicembre scorso, la sintesi parossistica della produ-Bonventre (poeta e traduttore dal lessico e dagli esiti perso- zione poetica di Gaetano G. Perlongo: Metessi. L’o-nalissimi, che ha il merito di avere introdotto in Italia, tra gli pera, che comprende le raccolte de La licantropia delaltri, poeti quali Duncan Glen, J. K. Annand, Hugh Mac poeta, Il calabrone ha smesso di volare e poesie spar-Diarmid, tra i maggiori del rinascimento della poesia scoz- se, è stata presentata da Srda Orbanic, professore di let-zese) io pure ho adottato, in luogo di traduzioni, gli appel- teratura italiana presso l’Università di Zagabria (Cro-lativi: trasposizioni, soluzioni. azia). Chi lo desiderasse, può scaricare gratuitamente la Accettai di buon grado l’invito giratomi da Enzo silloge dal sito internet dell’Accademia del ConvivioBonventre. Una buona opportunità - ho intimamente valutato http://ilconvivio.interfree.it/primo_piano/orbanic.htm- per il mio dialetto; un conveniente viatico per eccedere gli 4
    • 6 - Nella nostra era è necessario più che maiPer un manifesto letterario: poter parlare di tutto, contaminando le forme d’espres- sione e le più diverse discipline. Nell’era di Internet nullaDecalogo flessibile proposto da può venire considerato “lontano”. La traduzione, qualeClaudia Manuela Turco attività creativa, deve interessare anche le piccole realtà regionali e dialettali. Inoltre, è necessario riflettere sulLa proposta di un manifesto letterario sta riscuotendo tipo di lettore cui ci si vuole rivolgere, perché non si puòl’attenzione di molti poeti ed artisti. Diversi giornali stranieri sempre parlare di tutto con tutti. Vogliamo rispettare lahanno dedicato spazio alla nostra iniziativa. La Revista, pe- sensibilità di ognuno e non comportarci in modo superfi-riodico argentino diretto da Miguel Martinez Marquez, ha ciale e offensivo come fanno spesso i mass media. Parla-dedicato addirittura quattro pagine. Ora si propone, insieme re di politica o pornografia non deve significare fare po-ad altre riflessioni, il Decalogo di Claudia Manuela Turco, litica o pornografia!Delegata del Convivio per Udine e provincia 7 - «L’autore non deve esprimere giudizi», così continuano a ripeterci. Ma quando noi decidiamo di usare una parola piuttosto che un’altra, ci siamo già posti in un Decalogo certo modo, abbiamo fatto una scelta e quindi ci siamo 1 - All’inizio del nuovo millennio siamo osservatori schierati. Come esistono persone riflessive, più profondeprivilegiati, anche se tutti continuano a ripeterci che non si di altre, devono esserci anche dei personaggi che cercanopuò essere considerati migliori soltanto perché si è scrittori di capire quello che gli sta succedendo, che commentanopoeti o artisti, ma noi vogliamo fare tutto il possibile per es- e giudicano. Vogliamo personaggi che ci facciano appas-sere persone migliori. Vogliamo restituire alla letteratura e sionare e schierare! Siamo stanchi di personaggi un po’all’arte la loro funzione sociale. La nostra missione non può buoni e un po’ cattivi, per cui alla fine dobbiamo stare unvenire rinnegata. Vogliamo combattere con parole e colori per po’ dalla parte di tutti e continuare a restare prigionieriil benessere comune e condividere il nostro malessere. della confusione tipica di un’era che non vuole giudicare 2 - Siamo un unico movimento ma un gruppo ete- perché non vuole essere giudicata. Vogliamo l’azione marogeneo. Vogliamo rivoluzionare insieme l’arte e la lettera- anche l’approfondimento psicologico.tura, però come una collezione non è data dalla semplice som- 8 - Prima di tutto ognuno deve giudicare se stes-ma dei suoi oggetti bensì anche dai rapporti simbolici che so e cercare di valutare onestamente la propria opera. Laintercorrono tra le parti, così ognuno di noi traccerà la sua coscienza ci deve dire che se oramai pochi lettori si ri-strada sulla mappa della “Città del Convivio”, una città che volgono alla poesia, allora la colpa è anche di noi poeti.continuamente si espande e dialoga con il resto del mondo. Per rigenerarla non si può pensare che sia sufficiente ri- 3 - «Sensibilità, tormento, originalità, temperamen- correre alla metrica tradizionale. Come si può nonto» saranno le nostre armi vincenti. Le nostre coscienze non chiudere subito un libro se i suoi primi versi sono del tiposaranno messe a tacere soltanto perché non ci viene ricono- «Che bello avere il cuore / se è pieno d’amore!»??? Versisciuto il ruolo che ci spetta nella società del nostro tempo. La come «Sanno il volto profondo del rancore / gli uominimaggioranza può sbagliare. Attenderemo con pazienza ma non che vivono da frutto / e mai furono fiore?» di Maria Lui-inerti. I giorni della luce arriveranno e l’umanità risplenderà sa Spaziani sono invece destinati a resistere al tempo. Oc-anche grazie alle nostre parole e ai nostri colori. La velocità e corre essere umili. Non si può ignorare quello che è statol’incessante mutamento ci frastornano e confondono, ma noi fatto prima di noi. Non si può riscrivere all’infinito quelloci riprendiamo il nostro tempo: scrivere e creare richiedono che è già stato scritto. Ha ragione la poetessa Gabriellacalma, pazienza, fatica, non improvvisazione e casualità. La Sica. I classici hanno già scritto tutto e noi non possiamocoscienza non può sorvolare o afferrare al volo. che cambiare il modo di dire quelle stesse cose. Contami- 4 - È vero che è necessario catturare la realtà che ci nare la poesia con altre discipline è indispensabile percirconda e ci pervade subito, prima che sia troppo tardi. Lo nutrirla di nuovo in modo corretto. La poesia potrebbepossiamo fare soltanto noi e ora. Però non vogliamo decretare diffondersi come lo slogan pubblicitario o gli SMS. Sela morte di nessun genere o forma letteraria che ci sembrano ciò non avviene, prima di tutto è colpa dei poeti. E deglipoco attuali. La memoria storica più va indietro nel tempo e editori. Ma la poesia si è vendicata. Può fare a meno an-più affonda nelle nostre radici. Non pensiamo che soltanto gli che dei poeti. Lei è ovunque: in una fotografia, nellostorici si debbano occupare di storia. Il romanzo storico resta sguardo di un cane che rincorre un rotolo di carta igienicainsostituibile. L’immaginazione e i sogni di un’epoca sono in uno spot pubblicitario, nella musica prodotta da unimportanti tanto quanto i suoi aspetti più concreti. cucchiaino in una tazzina di caffè, nelle parole di una 5 - L’attualità non deve escludere la tradizione o canzone.forme e contenuti (per esempio, il genere fantasy) ritenuti 9 - Anche un romanzo o una raccolta di racconti“fuorvianti”. La “tradizione” ha un’accezione molto più am- a volte può necessitare di qualche nota a piè di pagina.pia di quella cui di solito pensiamo. Non è soltanto metrica e Ricordiamo che ciò che può annoiare il lettore è moltoaridi schemi. Noi respiriamo in una tradizione che è continuo più grave di ciò che può annoiare l’autore. Se il lettoreinterrogarsi, continuo approfondimento, continuo sconvolgi- non comprende troppe parole o sottintesi, difficilmentemento. Nemmeno guardandoci indietro scorgiamo qualche proseguirà la lettura e se lo farà, alla fine non potrà checertezza, ma ci possiamo sentire meno soli. Ognuno può tro- dare un giudizio negativo. Del resto è spiacevole anchevare “anime gemelle” attraversando spazi e tempi umanamen- interrompere spesso la lettura per consultare il vocabo-te incolmabili, perché un vincolo divino unisce nell’infinita lario. Non si può essere incomprensibili. È necessario co-catena letteraria e dell’arte. Ognuno di noi è un anello di niare neologismi e accogliere le deformazioni del parlato.parole e colori. D’altro canto, è anche necessario elevare il tono con es- 5
    • pressioni ricercate. Il giusto equilibrio creerà una musica che rale. Essi tessono forse un dialogo semplice, reale, alil buono scrittore sa riconoscere. E anche il lettore. Di solito ritmo dei loro battiti, e cosparso talvolta di dolce metafi-non sono le note esplicative dell’autore a dare fastidio, bensì sica dove la poesia è solamente un vettore, ma un vettorequelle noiosissime introduzioni di critici abituati semplice- di tanto più efficace di quanto egli sia il riflesso naturalemente a scrivere libri su altri libri… di ogni cosa. Si può vedere che l’arte scritta, specifica- 10 - Quando rileggiamo un libro proviamo sen- mente la poesia, può provenire da sorgenti originali (ispi-sazioni diverse rispetto alla lettura o alle letture precedenti. razione) distinte: socio-politica, mistico, metafisica. E cheScopriamo sempre qualcosa di nuovo o che ci era sfuggito. la si può percepire secondo la luce delle parole... SecondoQuello che oggi ci piace non è detto che continuerà a piacerci me la poesia non sottostà ad alcuna costrizione, eccettodomani. Le esperienze ci cambiano e magari un romanzo giu- quelle eternamente imposte dall’uomo. Essa è una vastadicato negativamente in precedenza può all’improvviso rive- materia prima che bisogna andare a cercare nella profon-larsi un tesoro indispensabile per poter capire la nostra intera dità della nostra essenza. In fin dei conti la poesia restaesistenza o per darci un punto di vista diverso. un territorio incommensurabile, una scoperta continua, una libertà per ciascuno. Ma questa libertà, sia detto perTra le altre riflessioni proposte dagli amici degli Convivio, inciso, deve ridursi, o anche legittimare anarchicamentesi ripostano quelle di Ilenia Molinaro, Silvano Messina, un certo far-west prolifico...?» (Frédéric Tessier).Fédéric Tessier, Guy Créquie: «Come diceva Kirkegard, pensare è una cosa, esistere è un’altra cosa. Egli fa la differenza tra il fatto «In un mondo sempre più interessato all’evoluzione esistenziale e il sapere oggettivo. Il filosofo, come glitecnologica, esaltatore della sfrenata velocità, dell’insensato altri uomini, non è permeato esclusivamente dalle moda-sfruttamento, ci si chiede, giustamente, dove finirà quella sub- lità del sapere. Come essere umano, egli sogna, ama, halime dimensione acronica che è l’arte in sé. Nel nostro spe- dei desideri, soffre, è momentaneamente felice, conoscecifico, la letteratura, maestra di vita, la musica, la pittura... la malattia... Il mondo dell’emozione è quello del poeta. IlAnche il bello al servizio di uno sporco sistema e di un mer- poeta capta l’energia vitale che egli nasconde per eter-cato che ne scema l’incanto, meccanicizzandone il tutto? O è nizzare un’emozione, liberare le parole dell’impossibile.la mondanizzazione e l’apatia generale, specialmente e tri- Jeacques Berque dice che se l’uomo dimentica la poesia,stemente, giovanile? Non credo che un manifesto letterario sia egli dimentica se stesso. Saint John Perse precisa che lal’ideale a modificarne lo status. Concordo con Rolando Tani: poesia è il lusso dell’insolito, solo l’inerzia è una minac-un manifesto meccanicizzerebbe ulteriormente ogni forma cia. Jacques Prevert, scrive che la poesia è ciò che unod’arte, libera e scevra da qualsiasi compromesso, da ogni ri- s’immagina, ciò che uno sogna, ciò che uno spera e chegida barriera. L’artista non può e non deve piegarsi a “rego- spesso arriva, mentre Garcia Lorca afferma che nessun po-larizzare” la sua arte, spinta quasi dionisiaca (per alcuni ver- eta può descrivere che cosa sia la poesia» (Guy Créquie)si), di una mania, di una bramosa follia interiore. È nel crearee nella creazione conclusa che l’inventor spazia in una dimen-sione totalmente acronica ed infinitamente piacevole. Cano-nizzarla significherebbe rompere quest’incanto. Una collabo-razione, invece, di artisti ed un loro graduale avvicinamentofisico ed ideologico, fonderebbe tutte le follie all’unisono,sfociando in una composizione divina, comunistica e quasi Esprimi il tuo parere!paradossale; un tripudio epico» (Ilenia Molinaro). «Io penso che l’attività letteraria debba essere dis- Con le considerazioni contenute in questo decalogogiunta, separata dalla realtà quotidiana, dalla vita pratica di non si vogliono scatenare polemiche o conflitti. Ciòtutti i giorni, nel senso che non debba seguire tali regole. che preme ai membri del “Convivio” è il confrontoPenso che l’attività letteraria debba essere considerata su un finalizzato a un migliore approfondimento. Ipiano diverso, più alto, direi intoccabile, dalle “beghe” della dieci punti del decalogo qui proposto non hannomorale della politica e giudiziarie. Penso che, superato l’anno confini netti; si intersecano e sovrappongono in un2000 la Letteratura debba assurgere alla Totale Libertà Es- disegno unitario. Ogni socio del “Convivio” puòpressiva, solo per il fatto che è Arte o Letteratura e quindicosa scritta o dipinta, facente parte di un piano più alto direi proporre alla Redazione un suo decalogo (cheSpirituale» (Silvano Messina). verrà comunque vagliato) in ogni momento. In «Difatti, la grande domanda potrebbe essere: qual è seguito, ognuno potrà votare i suoi dieci puntila ragione che spingono certi ad utilizzare, fare, essere poe- preferiti tra tutti quelli che sono stati proposti.sia? C’è veramente una risposta? Quale può essere la conclu- Con i necessari adattamenti di raccordo fra i varisione poetica dal punto di visto stilistico, ci sono soprattutto punti, ne risulterà il nostro manifesto. Periodi-delle frontiere da non superare...? La poesia dalla maggio- camente sarà possibile riproporre altri punti e fareranza dei poeti è percepita in differenti modi. Certi la vedono nuove votazioni per aggiornarlo. Quando il mani-e lutilizzano come un utile, molto utile in diverse situazioni. festo sarà definito, ognuno potrà decidere se aderirviAltri avranno un approccio più, diciamo, mistico. Vedranno o o meno. L’adesione implica l’accettazione di al-tratteranno la poesia come una consorella, o più simbolica-mente, come una musa che infonde la quintessenza dello spi- meno 6 dei 10 punti, perché vogliamo una lette-rito, e si chiamerà ispirazione... Ispirazione che sarà percepita ratura che sia espressione di libertà e perché è sem-dal loro essere come divina essendo essi lo strumento, il ricet- pre possibile perfezionare la traccia delineata.tacolo oratorio. Altri poeti avranno una caratteristica più natu- 6
    • canicistica dell’universo, concepito come una massa infi-Dante e Foscolo: nita d’atomi che si aggregano e si disgregano provocando la vita e la morte. Secondo questa concezione ogni esseremetafisica e poesia nasce dal nulla e torna nel nulla. Foscolo vive i ridimen- sionamenti dell’ideologia illuminista, la rivoluzione fran- di Modesta Marafioti cese, la sconfitta degli ideali giacobini di uguaglianza, li- bertà e fraternità. Tutto ciò si traduce in un atteggiamento Un bel giorno l’Arte incontrò la Parola e nacque la pessimistico. La ragione non è più la facoltà onnipotentePoesia. Lo stesso giorno l’Uomo incontrò l’Eternità e nacque dei primi illuministi ma è ciò che rende l’uomo sven-la Metafisica. Da secoli la Metafisica incontra la Poesia e il turato perché gli consente di essere consapevole dell’inu-frutto di questo sublime connubio non è mai lo stesso: varia a tilità del dolore che è parte integrante dell’esistenza. Non-seconda dei tempi, dei luoghi, degli uomini. Nonostante il ostante l’asserito ateismo di Foscolo, è possibile parlaretentativo di conciliare la caducità dell’esistenza con l’innato di “religione dei miti e delle illusioni” per definire l’at-desiderio di eternità sia arduo, da sempre l’uomo si è impe- teggiamento soggettivo del poeta a riguardo della criticalagato nel mare delle sue contraddizioni, da sempre la lotta tra razionalistica dell’Illuminismo. Foscolo sostiene la ne-immanente e trascendente si consuma nella parte inconscia e, cessità dei miti, dei valori tradizionali e delle virtù moralia volte, in quella manifesta di ognuno. Il poeta, più d’ogni che erano state rinnegate. Pur ritenendo tutto ciò falso sulaltro, è quasi costretto dalla sua stessa arte a proiettarsi verso piano concreto e razionale rivaluta il loro ruolo sul pianouna dimensione diversa da quella della propria realtà, una sentimentale per dare senso e valore alla vita. La sostan-dimensione che sconfina nell’imperscrutabile. ziale, condanna illuministica nei confronti della tradizio- La poesia è veicolo, la vita è viaggio e l’uomo è va- ne non coinvolge tanto la storia quanto la cristallizza-gabondo. A volte, guidato dall’istinto, o semplicemente per zione ideologica che si era venuta a formare nel corso deicoincidenze fortunate, percorre lieto e sicuro il suo cammino. secoli. Sgombrato il campo della conoscenza dai pregiu-A volte, invece, si lascia trascinare dagli eventi. Centinaia di dizi, la storia non potrà che essere guidata dalla ragione.stimoli diversi si azzuffano nella mente e compromettono il La visione religiosa di Dante è invece, una visio-già precario equilibrio tra sentimento e volontà, tra speranza e ne cristiana che concepisce la storia come una progressi-ragione. È ancora il poeta colui che soffre di più per questa va rivelazione della Verità. Tutta la storia, anche quellaincertezza perché non può non domandarsi il senso di ciò che precedente, è considerata come anticipazione dell’eventoha attorno e di ciò che ha dentro, di ciò che non possiede e fondamentale della storia del mondo: l’incarnazione delnon conosce. Percorrendo la storia della letteratura italiana è Cristo. Anche sul piano personale la vita umana per Dan-impossibile non concentrare la propria attenzione su due gran- te non è che una lontana anticipazione della vita ultra-di nomi, cronologicamente distanti ma idealmente vicini: Dan- terrena. In sintesi, la vita è vista in relazione ad una di-te e Foscolo. Pur non essendo il caso di esplicare la questione mensione trascendente e metafisica e solo in questo mododel rapporto vita-poesia, una breve ricostruzione storica del- acquista senso.l’ambiente nel quale avvenne la genesi poetica dei due autori I due poeti sono insospettabilmente accomunatiè la premessa necessaria per una valutazione obiettiva e da un avvenimento che si rivelò devastante sul piano per-proficua. La concezione dantesca della vita si configura in un sonale e sentimentale di entrambi: l’esilio. Per Dante que-rapporto inscindibile di dipendenza dalla situazione politica e sto rappresenta l’evento fondamentale della sua matura-culturale della Firenze trecentesca. zione, da cui deriva lo slancio utopico che lo conduce ad La crisi delle due grandi istituzioni alto-medievali, elaborare nuovi valori quali l’ansia di una riforma moralel’Impero e il Papato, non poteva non influenzare l’uomo e della Chiesa, la pace e la conoscenza. Quest’ultimo mitol’artista. A livello istituzionale si registra una situazione gene- rappresenta la sintesi del pensiero dantesco. In un celebrerale d’incertezza e precarietà. Dante vive questa drammatica passo del Convivio («E sempre liberamente coloro chealternanza al potere di fazioni contrapposte con disprezzo. La sanno porgono de la loro buona ricchezza a li veri pove-vita politica fiorentina s’intreccia con la biografia di Dante e ri») Dante rivendica l’obbligo morale di diffondere la co-si rispecchia nei suoi versi. Le sue parole, sentite e vissute, si noscenza.legano alla sua vita e si caricano di un considerevole valore Per Foscolo la separazione dalla terra madre sisemantico. Partendo dalla crisi oggettiva della società a lui traduce, invece, in malinconia e solitudine che egli espri-contemporanea, il poeta elabora una concezione della realtà me con vibrante espressività nei suoi sonetti. È eviden-che tende a superare il crudele particolarismo dei clan e a pro- ziabile la correlazione tra il tema dell’esilio e quello del-porre un messaggio di profondo rinnovamento politico e mo- l’illacrimata sepoltura, in altre parole l’angoscia del po-rale. Dante supera i confini del municipalismo della sua epoca eta consapevole che la sua morte avverrà lontano dallaper elevarsi in una dimensione universale. Reinterpretando ed sua terra e dai suoi cari che avrebbero versato lacrimeestendendo ai giorni nostri il significato del pensiero dantesco sulla sua tomba. È proprio la tomba ad acquistare unrisulta inevitabile non notare quanto il concetto d’unità sia significato originale nella poetica foscoliana. Pur nonradicato nel suo animo. Unità non intesa come uniformazio- avendo nessuna valenza sul piano razionale, rappresentane, annullamento d’elementi differenzianti e individuali ma un legame con il defunto, un simbolo del ricordo e del-come abbattimento degli elementi disgreganti nel pieno l’affetto, la corrispondenza d’amorosi sensi. È una so-rispetto e nella salvaguardia delle diversità. pravvivenza illusoria:il defunto continua a vivere finché L’ideologia foscoliana è caratterizzata dalla creazio- c’è qualcuno che lo ha amato che continua a ricordarlo.ne di sovrastrutture personali fondate su basi illuministiche. La visione foscoliana è identificabile con la concezioneFoscolo eredita e metabolizza i caratteri principali del movi- precristiana pagana e laica, che non crede a una vita ul-mento. Appare quindi palese l’origine della sua visione mec- 7
    • traterrena ma esalta la sacralità della tomba in quanto depo-sitaria della religione dei padri. Federico De Roberto Dante, con la sua visione cattolico-medievale basatasull’ossessiva dicotomia vita-morte, considera la tomba comeprova della caducità dell’esistenza, risarcibile sul piano meta- e il sicilianismo di Girolamo Gino Mandalàfisico attraverso la fiducia nella vita ultraterrena che condurràal cospetto della pace eterna e dell’amore infinito di Dio. Federico De Roberto nacque a Napoli il 16 gen- L’individuazione di questa e altre analogie tra Dante naio del 1861 da Ferdinando, ufficiale di Stato Maggiore,e Foscolo si rivela difficoltoso ma allo stesso tempo interes- e da donna Marianna Asmundo, di nobile famiglia disante poiché permette di accantonare conoscenze puramente Catania. È probabile che il padre, ufficiale nell’esercitonozionistiche allo scopo di trovare una chiave di lettura più Borbonico, instaurata in Napoli la dittatura di Garibaldi,profonda che consenta di riconoscere ogni espressione arti- sciolto dal giuramento di fedeltà a Francesco II re dellestica come manifestazione dell’originalità d’ogni singolo in- Due Sicilie, chiese ed ottenne di entrare nell’esercito me-dividuo. Il passo successivo è quello di collocare i topoi dan- ridionale costituito dal governo provvisorio del dittatore1.teschi e foscoliani in un contesto più ampio, di astrarre dai De Roberto intraprese gli studi tecnici non quelli classici,riferimenti personali significati più profondi e proiettarli nella dando prova di grande cultura. Infatti ebbe voti molto altidimensione universale che tanto ha affascinato gli artisti d’o- per quei tempi, dieci in geografia, inglese e storia, in ma-gni tempo. tematica e fisica, 9 in italiano e francese. Si iscrisse al- l’Università di Catania nella Facoltà di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali. Ebbe ottimi maestri universitari, Ai nostri martiri 2003 frequentò un corso di letteratura italiana tenuto da Mario di Angela Giallombardo Rapisardi. Sole al tramonto Egli giovanissimo cominciò a pubblicare i suoi rosso infuocato scritti. All’età di sedici anni fece la cronaca dell’arrivo a sul deserto di sabbia dorato. Catania di Vincenzo Bellini. «Una dolorosa occasione, Passi aspettati poco dopo la nascita del “Don Chisciotte”, fece mettere scarponi chiodati in corrispondenza il De Roberto con Verga e Capuana. Il mani generose, 4 marzo 1881 Casamicciola, l’isola di Ischia, fu quasi in- volti dalla fatica provati teramente distrutta dal terremoto. Allora si usava racco- dalla pietà segnati. gliere denaro in favore dei disastrati mediante la pubbli- Acqua e sorrisi, medicine e carezze cazione di albi di editori o di numeri unici di giornali e con umanità distribuivano. rassegne. De Roberto, per comporre il numero unico del Dono d’amore il loro lavoro “Don Chisciotte”, chiese degli scritti a Verga a Milano, e dono di pace fu la prima volta che egli scrisse a Capuana, a Rapisardi e in una terra dalla guerra martoriata a sua moglie, Giselda Fojanesi. Mario Rapisardi doveva non ostentato ma, giorno dopo giorno, prestato. già essergli amico: a modo suo s’intende. De Roberto si Ma… un mattino… nutriva della poesia di Baudelaire, della prosa di Flaubert, un boato assordante e non poteva essere rapisardiano nemmeno a vent’anni, un inferno di fuoco siccome erano rapisardiani, poniamo i suoi coetanei, En- all’improvviso, lacera l’aria rico Onufrio e Giovanni Alfredo Cesareo»2. De Roberto rottami, tegole infrante, metalli contorti si mise dinanzi alle accuse che gli si rivolgevano per spie- coprono poveri corpi insanguinati garle, non per negarle4. Già da quest’osservazione si può mutilati dilaniati. dire chiaramente che De Roberto è un autore Sicilianista, Nero silenzio di morte privo in un certo senso della fede cristiana manzoniana, quell’angolo estremo di deserto avvolge. ma è emblema naturale del destino che avvolge tutto e Laddove la vita serena pulsava tutti come affermano Verga, Capuana e più in là anche ora l’ombra ostile e fredda avanza Pirandello. Il male ha una grande eccitazione sui sensi, il tra lamenti ed imprecazioni bene no. Sono lontani da lui e dalle sue opere il senso preghiere sommesse sussurrate. dell’amore, della fede e del sacrificio. Il mondo è sconvolto Il suo romanzo “Il Reuzzo” vuole rappresentare sembra più fragile, più piccolo la storia di un fanciullo amato dai genitori perché figlio attorno a quegli infelici rinserrato. unico. Essendo diventato orfano per mantenere le sorelle L’amore sopito e la madre trasportava sulle spalle pesanti corbelli di rena della Patria mai tanto amata rossa o sassi. Tutto è avvolto nella disperazione, nella cu- per un miracolo, ora, riaffiora riosità, nell’indifferenza della gente, nel ribrezzo. Sembra riscalda i cuori, le ferite lenisce. di trovarci in uno scritto del nostro conterraneo agrigen- Mani teneramente intrecciate tino Alessio di Giovanni che narra con ardore la vita dei nel dolore universale minatori nelle miniere di Cianciana di cui era proprie- ci sentiamo affratellati. tario. Non mancarono a De Roberto le soddisfazioni mo- Uomini ieri ignoti rali in quanto lo stesso Luigi Capuana ne tesse la lode. Il eroi, oggi, a tutti noti. De Roberto - egli scrisse - ha cominciato pazientemente a conoscere a fondo i processi tecnici dell’opera d’arte dai 8
    • più antichi ai più recenti, tanto da diventare soggetto d’invi- di una filosofia nella quale il sogno degli esseri umanidia, un principiante che sa con tanta maestria trar profitto del- non si può distinguere implicitamente dalla realtà. “I Vi-le conquiste altrui e se le assimila di primo acchito metten- ceré”, che dovevano essere un’opera che doveva trattaredovi del suo5. la storia di nobili prepotenti, si conclude con la storia di Nell’opera “Il Rosario” si nota più evidentemente il un casato che malgrado tutto anche attraverso le carichesuo Sicilianismo, il suo vittimismo che travolge tutte le crea- ecclesiastiche riesce a rinascere, anzi a rimpinguarsi.ture siciliane nel cosiddetto destino che sembra stritolare i «I viceré sono semplici, rozzi e volgari, nono-suoi personaggi di sventura in sventura. Egli vive assieme a stante l’alta nobiltà ed il fasto. Alcuni però hanno rilievoloro e per loro, li compatisce perché lo fanno operare. Anche dalla forza vigorosa dei loro vizi e della loro tracotanza.in quest’opera di second’ordine i cui contenuti assomigliano a Don Blasco e donna Ferdinanda primeggiano tra i loroquelle di Verga, il De Roberto è scrittore siciliano per la schiet- congiunti per la loro personalità; la prima terribile pertezza della sua prosa, per la sua filosofia del destino, che l’avaria e l’usura; l’altro, monaco benedettino, criticone esembra travolgere tutto e tutti. Mi diceva tanti anni fa un mio ficcanaso instancabile, violento e manesco»7. Le famigliemaestro di teologia che in Sicilia anche il Cristianesimo as- nobili siciliane dell’Ottocento esercitavano una quasi ti-sume una colorazione tutta propria, in quanto è difficile to- rannia maritale che si manifestava in veri e propri accordigliere dalla mente dei siciliani del passato e in parte di quelli che mirassero a impinguire il patrimonio e il fasto spa-presenti questo concetto di destino o di fato, di romana e la- gnolesco siciliano. Gli Uzeda rimangono sempre a galla,tina derivazione. Malgrado 2000 anni di evangelizzazione ma non sempre vincitori nei propri palazzi nobileschi.cristiana nell’intimo dei siciliani il concetto di Provvidenza Concludiamo la trattazione del Sicilianismo de-tanto amata dal Manzoni non attecchisce bene. È la terra robertiano attraverso un giudizio che dei viceré diedeavara dei suoi frutti, l’impotenza dinanzi ai fatti ineluttabili Verga: «La chiusa dei Viceré mi ha riconquistato salda-della vita umana che ci presenta questi personaggi tristi ma mente e completamente. Ecco in due parole il bene ed ilreali, lavoratori ma attaccati alla roba, credenti ma pessimisti. male che penso di essi - il bene in maggior misura poichéÈ in ciò che si racchiude il Sicilianismo non solo di De Ro- è il poco da correggere: avresti potuto farlo con due trattiberto, ma in tutti più grandi scrittori siciliani dell’Ottocento e di penna. Tagliando spietatamente in quelle fitte 700del Novecento. Mi confidava questo mio maestro che è anche pagine tutto ciò che non è strettamente necessario e stret-nelle confessioni sacramentali i siciliani talvolta non si ren- tamente legato all’argomento principale, che è una vera edono conto della responsabilità dei loro peccati ma che li at- stupenda trovata. So bene quel che mi dirai dell’oppor-tribuiscono all’ineluttabilità del destino, che sembra travol- tunità artistica di certe figure ed episodi secondari a com-gere tutto e distruggere tutto. pletare il gran quadro, ma credo che esso con maggior Il siciliano, come afferma Rosario Lo Duca nel libro parsimonia avvenne guadagnato di interesse e di effica-“Il Peccato di fare” ti giustifica perfino il male perché afferma cia. Ad ogni modo è una macchina poderosa che hai mes-testualmente: «Poveretto chissà come è stato costretto a so in piedi e dei cristiani di carne ed ossa che mi sembrafarlo», ma talvolta non ti giustifica il bene perché, afferma di aver conosciuto». Si tratta di un grande giudizio criticotestualmente, egli è frutto di superbia, che vuole attecchire che fa giustizia ai pregi e ai difetti dei Viceré che mal-ogni cosa. Trattandosi di scrittori laici e non confessionali il grado tutto nel Sicilianismo schietto trovano la loro affer-discorso fila in ogni sua parte, ma andando in fondo alla mazione, anche perché si tratta di un romanzo veramentemorale cristiana e alla evangelizzazione di una società che si storico.dice cristiana, il discorso rappresenta realisticamente i suoiostacoli. Ecco perché Papa Giovanni Paolo II afferma testual- _________ 1 Aurelio Navarria, Federico De Roberto, la vita e le opere, Niccolàmente che la società italiana è tutta da rievangelizzare nei Giannotta editore. Chiaravalle C.le l974. p. 11.suoi comportamenti privati e pubblici, mettendo in rilievo quel 2 Aurelio Navarria, op. cit. p. 16-17.che di buono vi è in essa, come l’attaccamento alla famiglia, 3 L’ultimo numero di “Don Chisciotte” uscì il 12 settembre del 1883al dovere, al lavoro, alla terra. e la stampa di “Araheschi” fu ultimata per l’editore Niccolò Giannotta il 30 ottobre successivo. “Arabeschi”, prima opera di De Roberto, è una Siamo partiti col De Roberto e il suo Sicilianismo e raccolta di scritti letterari scelti fra quelli pubblicate sul “Donstiamo quasi arrivando all’educazione alla mondialità in un Chisciotte” ed altri pubblicati su “Lo Statuto di Palermo”. De Robertoglobo terrestre le cui creature hanno bisogno tutti e di tutto, non fu un vero critico o perlomeno fu critico rare volte e di autori cheper cui possiamo concludere con Sant’Agostino che l’uomo amava: d’ordinario fu recensore scrupoloso, e fuori del proprio campo scrittore di cronaca. Tuttavia neg1i “Arabeschi” la scrittore precisa più amoderno è naturaliter cristianus, naturalmente cristiano, an- se stesso che agli altri, alla vigilia della sua opera narrativa, le sue ideeche quando è peccatore e non se ne accorge. Ritorniamo ai sull’arte, le convinzioni che si formò su vari metodi dell’arte narrativa.“Viceré” che è il romanzo derobertiano, da cui siamo partiti (Aurelio Navarria. op. cit. p.29.).per illustrare lo stato d’animo di pessimismo e di stanchezza 4 Con il metodo d’osservazione, egli incomincia, l’artista si attiene alla realtà sensibile ed esteriore dell’uomo, e ne trascura l’anima.della volontà di vita che sembrava travolgere i siciliani del- Questa trascuranza l’induce a negare l’amore, la fede, il sacrificio, al’Ottocento. «Al male di una vita praticamente infeconda, si lasciarsi imporre dai lati più tristi della vita. Pensiero e coscienzaaggiunge più grave il male della solitudine dell’anima, perché divengono per lui i fenomeni necessari, determinati da una serie dinessuna creatura umana - egli crede - è compresa da una crea- cause ineluttabilità: muore in lui la fede che il bene prevalga sul male. Dallo stesso esercizio dell’osservazione nasce nell’artista il pessimismotura umana. E su tutti questi affetti domina una concezione morale, causa a sua volta della tristezza delle rappresentazioni.materiale e meccanica dell’universo»6. Nei “Viceré” come 5 Aurelio Navarria, op. cit. p. 32. (Cfr. Libri e teatro, Catania, N.abbiamo più volte notato, tutto cambia perché tutto resti Giannotta, 1892).com’è nel fondo. Non importa essere liberali o cospiratori del 6 A. Navarna. op. cit. p. 67 7 A. Navarria. op. cit. p. 100.Borbone, ma attraverso tecniche matrimoniali o non siperpetua alla grandezza dei casati siciliani che sono sconfittima non vinti e che rinascono così com’erano prima. Si tratta 9
    • glio. Nel libro appare nitida la figura dello Scià Moha-Soraya: med Reza. In un punto così lei lo descrive: «Non posso dire che M. Reza fosse dotato di un gran senso dell’umo- rismo. Giudicava gli altri con estrema perspicacia, mail palazzo della solitudine non sopportava la minima critica. Abituato ai compli- di Bruna Tamburrini menti dei cortigiani, suscettibile come tutti gli Iraniani, di fronte ad un giudizio negativo si rannuvolava, strin- La figura di Soraya, una delle mogli dell’ultimo scià geva le labbra e riduceva gli occhi a una fessura, a voltedi Persia, rimane nella storia come l’esempio, o meglio l’em- spaventando i suoi familiari stessi e persino la principes-blema, di una sensibilità struggente, una sensibilità che deve sa Ashraf che amava tenergli testa».combattere contro una logica di Stato e contro una mentalità «Ai romanzi preferisce i libri di storia e soprat-precostituita, ma anche contro la sfortuna ed il destino. Sui tutto i quotidiani che divora ogni mattina nel suo studio».giornali sono state scritte molte cose di lei: hanno detto che a Il matrimonio avviene il 12 febbraio e Soraya così com-volte è apparsa come una sognatrice anche un po’ velleitaria, menta: «È, strano, mi sono sposata il 12 febbraio e lal’hanno definita donna moderna che stava “sulle sue”. Qual- cerimonia si è protratta nella notte del 13. Sette anni do-cuno l’ha anche definita pigra, ma con la voglia di emergere, po, ripudiata dallo Scià, avrei dovuto lasciare definiti-altri hanno detto di lei che era ombrosa, suscettibile. Soraya vamente l’Iran un 13 febbraio, il giorno successivo al-era una donna di mondo senza dubbio, ma una donna sen- l’anniversario del nostro matrimonio. Persino i numeri asibile e desiderosa di amore. volte possono ferire...». Soraya racconta la gioia dei pri- Il palazzo della solitudine è la sua autobiografia ed è mi anni di matrimonio ed afferma che Mohamed Reza èun libro che si legge tutto d’un fiato, è accattivante e chiaro. riuscito a nasconderle la maggior parte delle preoccupa-Nella prima parte e in quella centrale, Soraya ricorda la sua zioni ed è apparso ai suoi occhi come un dio in grado diprovenienza, il suo favoloso matrimonio e poi la vita con lo risolvere ogni cosa. Ricorda volentieri i consigli dati aiScià, le sue esperienze, il suo impegno sociale e umano, ma cuochi per preparare qualche pietanza europea e, ad unoracconta soprattutto la sua angoscia che, giorno dopo giorno, ad uno, passa in rassegna tutte le persone politiche eaumenta sempre di più fino a paralizzarle l’anima. familiari vicine allo Scià. Descrive anche lo svolgersi Soraya, il cui nome in della sua giornata, dal mattino con la colazione a letto, al arabo è quello di una bagno, alla scelta dei vestiti da indossare, dal parruc- costellazione, nasce ad chiere alla visita dei suoi amministratori, pronti a sot- Isfahan ed è figlia del toporle il programma della giornata. Tutto viene narrato capo della nobile tribù nei minimi particolari. Nell’arco della giornata Soraya Esfandiary Bakhtiary, visita gli ospedali, gli orfanotrofi, fa anche molte opere di una tribù che per molti beneficenza e poi ritorna al palazzo dove incontra di anni ha dominato i ter- nuovo lo Scià, ma i due si vedono sempre più di rado. ritori più ricchi della Ciò che si nota è il rigore con cui vengono svolte le ini- Persia. Il padre si è in ziative: tutto diventa volutamente programmato e lei in seguito rifugiato in questa sua autobiografia ha un momento di riflessione: Germania, poiché il fu- «Oggi mi domando come ho potuto adeguarmi a tanto ri- turo sposo di Soraya gli gore. Come ho potuto, io, abituata alla spumeggiante ga- aveva espropriato le iezza delle studentesse europee, sportiva, allevata da una terre: la madre di lei è madre vivace e da un padre indifferente agli onori, vivere tedesca, ma nata a Mo- accanto ad un uomo austero e riflessivo che non si en- sca. Da giovane Soraya tusiasmava mai, non si abbandonava mai alla collera che studia in collegi scelti e non svelava mai un briciolo di follia? In realtà eravamovuole fare l’attrice, ma poi entrerà in una favola predestinata simili. Almeno in apparenza».con lo Scià, il quale è alla ricerca di una ragazza da sposare e Soraya ricorda così il suo innamoramento per loche sia in grado di dargli un figlio maschio, in quanto dalla Scià: «Per la prima volta in vita mia mi ero innamorata.precedente moglie aveva avuto solo una figlia femmina. Non come l’eroina dei film o la protagonista di un ro- Nel Palazzo della solitudine Soraya ripercorre le tap- manzo, ma come un essere umano che scopre, insieme, lape della sua vita, la conoscenza dello Scià, l’invito al palazzo, passione e il senso di responsabilità. Fra lo Scià e me sile sorelle, l’imperatrice madre, Shams: la sorella più vicina a era stabilito immediatamente un forte legame…». Ricor-lei. Ricorda le sue malattie, in particolare quella prima del da gli sguardi delle due sorelle che lei definisce nemichematrimonio e poi ecco il favoloso matrimonio con l’uomo che Chams e Ashraf, la prima perché lotta per ottenere la sualei ama pazzamente e dal quale è affascinata. Ricorda molti amicizia, la seconda vuole il suo posto. In mezzo a fra-momenti riguardanti il “galateo” di famiglia imperiale. Per telli, fratellastri e sorelle, Soraya cerca di mantenere unesempio le viene consigliato di ossequiare in questo modo posto neutro, per questo viene definita come una donnal’imperatrice madre: «Non appena la vedi, devi avvicinarti fredda. Quando lo Scià deve andare in esilio per problemicon trasporto e baciarla sulle guance. A ogni guancia conta interni all’Iran, tra i due cala un velo di tristezza e si falentamente fino a sette…uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sempre più impellente il bisogno di un figlio maschio.sette… penserà che l’ami come una figlia». Per questo visitano le migliori cliniche del mondo, ma A corte la futura sposa viene osservata nei minimi niente, pur non essendoci nessun problema, il figlio nonparticolari e un giorno, con la scusa di una nuotata, vogliono viene. Bisogna aspettare. Di ritorno a Teheran, Reza vuo-che lei indossi un costume da bagno per poterla osservare me- le risolvere il problema e prospetta a Soraya la possibilità 10
    • di sposare un’altra donna per avere il maschio, una donna chepoi avrebbe ripudiato per restare sempre con lei. Per Soraya Giuseppe Cesaro e il ma-questa proposta è come la spada di Damocle. Lascia Teheranil 13 febbraio 1958. Mohamed Reza, al momento della sua lessere esistenziale dell’uomopartenza, le dice: «Tornerete presto», ma lei risponde: «Forse di Enza Continon tornerò mai più». Egli non vuole che si sappia che è statada lui ripudiata. Giuseppe Cesaro è il “Poeta dall’infanzia reclu- Dopo questi suoi 7 anni sa” come lo stesso autore si è autodefinito. Egli nella sua Soraya nel libro rac- lirica mostra un lavorio interiore che vuole filtrare la cru- conta il suo rinascere da e dura realtà vissuta soprattutto da molti adolescenti, alla vita, il fatto che nel tentativo di dare loro più diritti dal momento in cui non riesce più a muo- sono spesso alla mercé di uomini senza scrupoli. Cesaro versi con naturalezza, ha scelto la poesia quale mezzo per esternare il malessere che non sa versare una esistenziale dell’uomo. Egli attraverso i suoi versi mani- tazza di tè, che non sa festa la ribellione interna contro alcuni sistemi carcerari, amministrare i soldi. parlando da agente e da educatore. La sua poesia assume Pian piano riprende a quindi la funzione di denunciatrice di sistemi che non rie- vivere, prova un’ondata scono a dare i frutti per cui sono stati istituiti, disapprova- d’amore per l’Italia e zione che appare netta nei versi: «Mi ribellai per rag- affitta una casa su una giungere una stella / aveva i colori di una farfalla / divisa collina tra Roma e il coi colori tristi dell’infanzia / anche se colorata dai raggi mare. Frequenta l’alta del sole». Al grido disperato contro l’ingiustizia subentra società ed inizia a fare il desiderio di un mondo più giusto che possa realizzare i provini per un film con sogni di tutti. Per i bambini i sogni sono le favole, una De Laurentiis. Riuscirà nuova vita dove le speranze non vengono frantumate. Ce- ad esordire come attri- saro si può definire il cantore degli emarginati, cioè di ce in un film, ma, cosa coloro che hanno solo il bisogno di essere creduti ed strana, tutte le copie ascoltati. A questi non si può negare il diritto di sognare e stampate del film inti- di sperare, perché attraverso il sogno e la speranza pos- tolato I tre volti di una sono conquistare la forza di sopportare le difficoltà quo-donna, spariscono dalla circolazione e Soraya nell’auto- tidiane. I suoi versi perciò risuonano di una forza inte-biografia afferma che «Questo è un gesto che somiglia allo riore che travalica l’apparenza, una poesia sentita che rie-Scià: il padrone che confisca l’immagine della donna che ha sce a comunicare con gli altri attraverso un profondo equi-spezzato le catene». È in occasione di queste riprese che librio tra parola e metafora. Cesaro può essere definitoincontra Franco Indovina, sposato con due figlie. Soraya quindi quale autore che dà libertà al pensiero, mettendo as’innamora perdutamente di lui e, come lei afferma, è un nudo il proprio vissuto non sempre facile, ma pieno diamore terreno che nasce quasi subito come per incanto, un ostacoli, in quanto va alla ricerca della giustizia, comeamore ritrovato e i due s’incontrano sempre più spesso. «Non l’elemento fondamentale della libertà interiore.voglio dire che Franco sia stato il mio amore più grande. LoScià ha avuto un peso enorme nella mia vita. Per una donnail primo uomo è sempre importantissimo. Non può dimen- I colori della farfalla divisaticarlo. Lo Scià era ponderato, terribilmente introverso.Franco è anticonformista e proprio il suo anticonformismo Mi ribellai per raggiungere una stella.mi attira enormemente. Lo sento molto vicino alla mia vera Aveva i colori di una farfallanatura». Ma purtroppo Franco Indovina morirà in un in- divisa coi colori tristi dell’infanziacidente aereo e Soraya sarà destinata a rimanere ancora sola e anche se colorata dai raggi del sole.sempre più triste. Volava sui fiori nel mondo della fantasia. Il 27 luglio del 1980, anche lo Scià muore e il libro Volava in un mondo incantato che non poteva lasciare.termina con la visita di Soraya alla tomba di M. Reza in Un giorno un Principe disse d’amarla.Egitto, al Cairo. L’autobiografia, che testimonia un grande E la portò nell’isola dei sogni.Palazzo di solitudine, termina così: «Il Cairo… la Sicilia.Mohamed Reza… Franco. Mi affiorano alla memoria i versidi ‘Omar Khayyam: Piccolo guerriero della luna Sulle tombe dei re galoppano le gazzelle. Su quelle del poeta fiorisce la margherita. Alla timida luce dell’alba Eravate diversi coi suoi baci la luna ti chiamerà là fuori. e io vi ho amati Muto, racchiuso in te come esseri tristi, quando nel cuore si ha ci sarà un silenzio dolore: canto-pianto, un galoppo di gazzelle... e una margherita? quasi dispettoso Come essere tristi, la verità del tuo cuore ferito. se esistono il passato e l’avvenire? Eroe del mondo magico o soltanto uomo di coraggio Soraya muore il 25 ottobre del 2001... è stato sui- questo mondo non lo potrai cambiarecidio? senza gli altri piccoli guerrieri della luna. 11
    • mento, rimessa in questione, dunque umiltà. Allora quan-Il disabile è uno come noi. do lo sguardo degli altri o le esclusioni tacite vengono ad aggiungersi, ciò può diventare drammatico.Aiutiamolo! L’esperienza e le ri- Con degli handicap, non ci si può spostare piùflessioni toccanti della poetessa fran- facilmente. Si disturba la velocità degli altri. Ci si fa spingere. Bisogna sopportare le riflessioni sgradevoli. Concese: Célyn Bonnet. degli handicap non si può più comunicare tanto facilmen- traduzione di Angelo Manitta te. Io soffro di disartria e molto spesso i miei interlocutori mi tolgono la parola o non hanno la bontà di ascoltarmi. Ogni individuo nasce libero ed uguale. Libertà ed u- Devo sempre prevedere un taccuino ed una matita nel casoguaglianza sono dei valori certi e fondamentali nella nostra in cui il mio interlocutore non potrebbe comprendermi. Misocietà. Ed è ciò che voglio proclamare a chi vuole bene in- accorgo che in questa società dove noi corriamo dietro iltendere. Ma siamo tutti in grado di capire il valore di queste tempo, le differenze disturbano le persone che sono inparole? Guardiamo allo stesso modo una persona sposata, attività. Con degli handicap, non si è più una donna topgenitore di due bambini, all’apice della sua carriera profes- modèle presentabile. Si è come una macchia d’inchiostrosionale, autonoma fisicamente e psicologicamente, e un essere su una tovaglia bianca. Con degli handicap, ci si rendeumano portatore di handicap che vive solo e che non avrà mai conto fino a che punto l’apparenza può disumanizzare lafigli e che si muove con difficoltà? nostra società. La vita non sarebbe allora riservata che alle Non è certo così. La persona normale ha un posto persone che possono fornire, produrre, correre in tutti iprivilegiato nella società ed avrà un posto molto importante sensi, sedurre per le loro apparenze, esprimersi corretta-nella società ed accesso a tutto ciò che desidera. Invece la per- mente e rapidamente? La vita non sarebbe riservata allorasona svantaggiata sentirà sguardi di rigetto, di pietà, di diffi- che alle persone che rispondono correttamente alle normedenza e di esclusione sociale. Non è più nel gioco sociale. Non definite dalla società? Questa stessa società che ha fatto laè più capace di tenere il suo ruolo sociale. Non è abilitata più a rivoluzione di 1789 per la libertà, l’uguaglianza, la frater-tenere il suo posto. La si metterà allora facilmente da parte. E nità e che accetta oggi di piegarsi alle dittature. Allora se-poi, è imbarazzante perché disturba l’ordine morale, ma biso- condo questi principi, finiamo per parcheggiare i portatorigna ricordare che l’handicap può arrivare ogni momento e a di handicap nei centri speciali per non disturbare lo sguar-tutti nella propria vita. do dei benpensanti? Continuiamo a considerare che queste Ho trentacinque anni. Sono una giovane donna che vi- persone non hanno più bisogno di rallegrarsi come gli es-ve parecchi handicap da alcuni anni. All’inizio non volevo am- seri “normali” e che la loro vita è in qualche modo finita?metterlo, perché non volevo sentirmi rigettata da una ‘politica’ Continuiamo a pensare che un portatore di handicap èsociale che non lascia più di posto ‘agli incompetenti’. Allora finito, non ha più un avvenire proprio, non ha più amoremi aggrappavo ad ogni costo al mio status per non vivere que- per il futuro, non ha più sogni, non ha più progetti, non hasta esclusione. Volevo fare ancora parte della corsa, “fare le più facoltà di avere di momenti di felicità, non ha piùproprie prove” per mostrare che si è qualcuno. Fare le proprie preferenze, non ha più sentimenti, non ha più sensibilità?prove per mostrare ciò che si vale. Sempre giustificare la pro- Si guarda tristemente il portatore di handicap e sipria esistenza allo sguardo degli altri. Sempre diventare mi- dice: «Meglio lui che io. Non amo essere al suo posto.gliore. Sempre essere sicura in tutti i campi. Mostrare che ci si Poveretto. La sua vita è finita. Non ha più niente di buonopuò adattare a tutto. Che si può entrare in una scatola rotonda, da attendere». Un portatore di handicap è un essere umanopiccola od ovale. Prendere il proprio posto nella scalata per in tutto e per tutto. È capace di amare, di pensare, di ana-non cadere in una certa forma di marginalità che porta all’e- lizzare, di sviluppare il suo potenziale, di avere dei sogni,sclusione dal gruppo sociale e che suscita gli sguardi offensivi. di ridere, di cercare l’amicizia degli altri. La sua sensibilitàL’uomo è come l’animale, ha un certo bisogno di ritrovarsi è ancora più evoluta. La sua sola differenza è che non sinella sua comunità. Di avere il suo posto per evolversi. Sentirsi attacca più all’aspetto esterno. Va diritto al cuore. Si attac-trasportato da quest’evoluzione e mutazione per avere l’im- ca alla bellezza del cuore. Si burla che il suo interlocutorepressione di non essere lasciato in disparte. sia bello, grande, ricco, biondo, pensionato, studente, com- E sì, accetto questi handicap. Mi sento meglio inte- merciante, sexy o altro. Sente appena la melodia del cuoregrandoli come parti della mia personalità. Sono un essere uma- del suo interlocutore. E avrà forse anche invidia di applau-no, ma io sono anche questi handicap. Mi accorgo tuttavia che dire a questa melodia che avrà intuito.la difficoltà di integrazione nella società è ardua. E più ancora Lancio un messaggio affinché l’intelligenza uma-quando si è una donna. In quanto portatrice di handicap, dirò na non si lasci disumanizzare. Affinché l’uomo trovi an-che il primo dei successi è di riuscire ad accettarsi come si è, cora un senso alle parole: Libertà, Uguaglianza, Fraternità.con ciò che ci resta. Continuare ad amarsi. Riscoprirsi. Perché Affinché lavoriamo tutti, mano nella mano per costruirenoi non siamo più la stessa persona di prima. Non funzioniamo un mondo privo di differenze. Affinché comprendiamo in-più allo stesso modo. Questo è anche, riorganizzare tutta la fine che la libertà, che abbiamo fatto tanto fatica ad otte-propria vita. Pensare ed agire differentemente. Questo è riu- nere, passi attraverso la fragilità e la riconoscenza delle dif-scire a trovare della felicità nei secondi che si vivono. Ringra- ferenze umane. E che proprio questa è la cosa più mera-ziare per questi secondi che ci danno sollievo. Questo è fare vigliosa in una vita. E soprattutto, se facessimo una pausadei progetti: professionali, viaggi, incontri, attività, matrimo- per ascoltare la melodia del cuore dell’altro, ci troveremonio, danza, corale, disegno. Questo lavoro è a volte doloroso. forse molta ricchezza, stupore e gioia.Nessuno può realizzarlo al nostro posto. E non c’è manualeper ciò. Bisogna anche mostrare immaginazione, ricerca, pa-zienza, lucidità, apertura di mente, ragionamento, ripensa- 12
    • con il loro andamento ritmico esse suggeriscono il sensoUna sciabica di stelle: di qualche cosa di compiuto, di appagato: la conquista o il ritrovamento, appunto, della fede, alla luce della qualeuna felice sintesi della poesia di il poeta interpreta i fatti, drammatici, della vita, ricono- scendo in essi la presenza di un ordine provvidenziale.Antonio Marcello Villucci Abbastanza scarsa, invece, è di Walter Tommasino la presenza di Come ogni poeta che, avendo una storia da raccon- termini sdruc-tare, riferita magari alla propria avventura umana, raccoglie in cioli (si posso-un unico corpo le voci del suo canto, così anche Antonio Mar- no contare): po-cello Villucci con le sette raccolte che raccontano il suo es- chi gli aggettivisere al mondo, uomo in mezzo agli uomini, ci offre l’imma- (libero, candi-gine di un complesso organismo, compatto e coerentemente do, complice...)legato nelle idee e nei sentimenti: un canzoniere in continua altrettanto isola-crescita, realizzato con l’accorta modulazione del narratore te le forme ver-che regola la perfetta corrispondenza tra le parti e con la bali (perderti,ripresa di temi-chiave, di motivi appena svolti o lasciati ca- tengono, danza-dere, di intensi rapporti umani nella ricerca affannosa di co- no), più nume-municare con gli altri e di trovare al tempo stesso un valore rosi i sostantivi,essenziale, autentico, capace di stabilire un legame vitale con alcuni dei qualila realtà; un racconto lungo, denso di riflessioni via via, con ripetuti anchegli anni, sempre più mature, che narra l’ansiosa ricerca delle più volte (ange-ragioni ultime dell’esistenza, nonché l’approdo a certezze lo, attimo, tran-intimamente rassicuranti. sito, anima, al- Una lirica “appendice” di questo ideale canzoniere beri...), altri fortemente allusivi (iride, immagine, brividi,può essere considerata la raccolta, ancora fresca di stampa, palpito...): sono termini utilizzati in clausola di verso perdal titolo Una sciabica di stelle (Antonio Marcello Villucci, prolungare l’eco del significato (Non so più perderti; TuUna sciabica di stelle, Prefazione di M. Grazia Lesina, Ba- riposavi a grappolo; tra poggi di frumento e rossore distogi 2003, pp. 48, € 5, 00). L’ardita metafora della rete a pampini; Quando giungerà l’attimo del transito; con alistrascico, che con la veloce scia iridescente richiama l’imma- grige d’angelo; sotto le azzurre ali degli angeli; Ricordogine di un succedersi luminoso di stelle, anticipa con straor- il tuo sorriso d’angelo; tra i fantasmi degli alberi) o indinaria sintesi il contenuto della raccolta: un’antologia di posizione iniziale privilegiata oppure centrale per un mag-motivi tematici, che attraverso il sottile gioco dei richiami ri- giore risalto (con la sua sciabica di stelle; sull’iride delpercorrono in una suprema sintesi l’avventura esistenziale del delta della vita; angeli tengono concerto; nella stagionepoeta, giunto alla maturità: costretto a sopravvivere più che a delle nuvole di spuma; nell’attimo del transito del Gol-vivere, egli, ora, nella piatta quotidianità della vita, sente di gota; accogli il mio palpito di creatura; il perderti nell’i-essere non più attore, ma incantato spettatore del mondo. sola del sogno; nell’attimo del transito; Libero, brindo Rete a strascico fu il primo titolo della raccolta che fin che la luce dura; e schiude candido di stelle) per e-segnò, dopo anni di silenzio poetico, l’inizio di una nuova sta- sprimere attraverso il suono prolungato della parola sen-gione della poesia montaliana; il poeta poi aveva corretto il ti- sazioni ed immagini, sfuggenti e vaghe, che rinviano al ditolo del libro in Satura, spiegando il termine con più signifi- là del reale, quando non si caricano di valenze metafi-cati: il motivo satirico che attraversa l’intera raccolta; il tratto siche.latino satura lanx, ad indicare un piatto pieno di cibi diversi; Sono appena quattro le poesie dedicate al paeseun genere letterario che registra varietà di metri e di temi. E dell’anima: nella prima Paese d’innocenza il poeta, risa-forse il secondo di questi significati potrebbe spiegare il titolo nato nell’anima, rigenerato nello spirito, esprime la fortescelto da Villucci per la sua ultima raccolta, nella quale con- convinzione di un ritorno (io verrò col cuor d’altrafluiscono, come stelle che brillano nel cielo di una notte di sponda) per rivivere i sogni di un tempo tra voli diestate, i poli tematici che più hanno attratto il poeta: il paese innocenza nell’azzurro; “altra sponda” è immagine evan-dell’anima, il nido familiare, la natura che incanta, la conqui- gelica che chiaramente ricorda l’invito di Gesù: “pensia-sta dell’approdo a lungo cercato con l’ansia del naufrago; la mo all’altra sponda”; il paese rivive nei suoi tratti es-risentita carica polemica che negli anni giovanili si esprimeva senziali, il monte fasciato di silenzio nella notte, le torricon improvvisi scatti di indignazione, ora lascia appena trac- appena distinte nell’ombra, la cinta muraria, le porte at-cia di sé in quegli scatti, anch’essi improvvisi, ma di tenera traversate dalla nenia del vento. In Vorrei tornare ladolcezza e di assoluto abbandono a Dio: la pienezza del cuore convinzione espressa nella lirica precedente sembra va-rivolge, qui, i suoi slanci verso orizzonti più vasti che parlano cillare alquanto, anche se forte è il desiderio del ritorno:di eterno e di infinito. All’inquieto e corrosivo interrogarsi nei versi, di più intenso sentire, il paese è rievocato nondegli anni giovanili è subentrata, con l’inevitabile consumarsi attraverso la descrizione, ma mediante alcune immaginidella vita, la saggezza serena dell’età che avanza, con un ap- essenziali, stilizzate, tratte dalla nebbia della memoria,pagamento dell’anima, che si riflette persino nelle più attente ma vere compagne di vita e perciò concentrate sul senti-scelte lessicali, con una evidente predilezione per le parole mento del tempo, cioè sull’infanzia (nella terra / dallepiane; collocate spesso in chiusura dei versi per lo più brevi, criniere bianche dell’infanzia), sul mutare delle stagioni (tra poggi di frumento e rossore di pampini), sulla corsa 13
    • del giorno che si avvicenda alla notte (nel cielo che s’imperla respiro veramente cosmico, oppure come termine di para-all’alba di rugiada), sull’avvertito bisogno, ora, di meditare e gone, o ancora come elemento meramente descrittivo: cie-riflettere (accostarmi al silenzio dei giusti). Quello che di lo e stelle, mare e terra e monti, venti e nuvole, albe e tra-negativo ha il paese viene trasferito e relegato nel detestato monti, sere e notti profonde, e poggi di frumento e ros-ricordo di una periferia di città o di paese, che è simbolo di sore di pampini, rami candidi di neve, prati fioriti e fanta-degrado e di avanzata miseria, con le sue case di latta, con i smi di alberi creati dalla luna; una natura varia e mute-bambini macilenti e cani famelici, dove l’erba è segnata da vole, che sfugge ad ogni riferimento geografico, ma sistille di sangue e persino la luna gioca a rimpiattino / tra i carica di valori allusivi e simbolici, insomma una naturafantasmi degli alberi (Detesto della città la periferia). I punti più metafisica che fisica, che offre al poeta occasioni perdi forza, e tutti positivi, ritornano, invece, nel ricordo di meditare e riflettere. Eugenio Montale ha scritto cheCampodimele, la lirica (l’ultima della raccolta) che condensa “l’uomo di oggi guarda ma non contempla, vede ma nonimmagini da sempre portate nel cuore e perciò idealizzate e pensa”1, parole che riecheggiano quelle di Geremia, ilridotte a simbolo: il linguaggio è ricco di metafore (flauto del quale oltre 2000 anni fa gridava che il mondo va malevento, brividi d’argento, la chiglia della piazza...): quia non est qui recogitet in corde suo: Villucci invece Quando il flauto del vento non solo contempla e pensa ma lancia all’uomo del suo ingorga il colle nella valle tempo un messaggio di fede e di speranza: bisogna comu- i tetti hanno brividi d’argento nicare, cioè, attraverso la natura con Dio, l’amor che dentro la catena delle torri muove il mondo e le altre stelle. Tre liriche, poi, pre- e la chiglia della piazza sentano un incontro diretto del poeta con la natura: pre- s’ormeggia all’olmo chioma verde. ziosi frammenti, che gli consentono di sollevarsi a Gli ultimi versi, poi, evocano i temi-chiave: il nido pensieri alti e solenni attraverso il virtuosismo analogico(le finestre, il focolare), la luce di Dio che illumina il mondo e simbolico. In quella che ha per titolo Il barbagianni sul(le stelle che schiudono il velario d’Occidente). Il ricordo del letto il poeta fissa i suoi occhi in quelli innocenti dell’uc-nido familiare in questa raccolta è tutto concentrato sulla cello, dal piumaggio bianco e color miele, che risplen-figura del padre. In Mio padre l’intenerito ricordo distende il dono di giallo come la luna nel buio; ma il colore ditesto in un’atmosfera rarefatta in cui la realtà si fa quasi quegli occhi è una carezza di luce che genera pensierileggenda: al centro il padre, che fu uomo d’armi / contro il profondi, vari e diversi, eppure facilmente intuibili, anchebanditismo in Sardegna. / In giberna per la guerra di Grecia, se non espressi. Intensa meditazione cogliamo in Ascoltoal centro di pericolose operazioni belliche, da cui riportò il mare: al poeta che avanza negli anni (vecchio gran-ferite: Non ebbe medaglie, ma ferite da schegge. chio) e che ancora si interroga sulle ragioni ultime dell’e- L’amara constatazione si stempera nel racconto di sistenza, l’eterno mare, con il linguaggio delle onde, laquegli ami difficili, ricordati dall’eco di passi chiodati battuti cui eco è racchiusa nel cavo di una conchiglia, offresulla roccia / nei giorni del grano. L’ossimoro creato dalle rassicuranti certezze che gli consentono visioni di cielo (edue immagini (il cadenzato procedere delle truppe in guerra, sogno stelle d’abisso) accompagnate dai ricordi dell’in-il tempo sereno della primavera avanzata quando si miete il fanzia, l’età dell’innocenza, soffusa di ingenuità e digrano) adombra la contraddizione che regola la vita dell’uo- radiosa purezza di corpo e di spirito (e presepi di latta).mo: la “necessità” della guerra e il desiderio di una vita In Dopo il silenzio, il poeta scampato alla furia del ventoserena. Ancora in un atto di eroismo e in una luce di eroica (il male del vivere) che impetuoso si era fatto vorticeleggenda ritorna il padre in Era un uomo dell’Arma: col volto nella solitudine della sua vita, avverte ora la placida cal-insanguinato, con la rabbia impetuosa del combattente e col ma del silenzio sotto la bianca luna: immagini simbo-coraggio intrepido dei forti (tra i colori dell’Arma / e anti- liche, che chiaramente indicano l’approdo o il supera-carro in pugno) distrugge il carro armato nemico. Più rilas- mento del varco, con la conquista della fede e quindi l’in-sata, accarezzata dall’affettuoso sorriso, forse lievemente timo appagamento del possesso della verità.canzonatorio del figlio, è l’immagine del padre in Rammento Il nucleo centrale della raccolta è rappresentatol’innocenza dei tuoi occhi, così come appare in una vecchia da 15 poesie, o 16, se includiamo nel gruppo Sei l’ormafotografia di famiglia, che lo ritrae nel vigore degli anni, con silente (e forse questa interpretazione scioglie ogni dub-occhi luminosi, capelli neri pettinati alla Rodolfo Valentino, bio): esse, tra colloquio e soliloquio, attraverso la lucidacol cappello di panama e frustino, elegante nel suo abito incisività della confessione, della preghiera, dell’implora-gessato e (sciccheria borghese!) con le ghette sulle scarpe: zione e attraverso il vigile impegno della riflessionecircola appunto nei versi una leggera commozione unita ad conducono a Dio. Nel limpido ascolto dell’anima, Villuc-una orgogliosa ammirazione e una giustificata fierezza per ci rivela le inquietanti tensioni che lo hanno agitato (lal’uomo, amato e venerato. Sempre al nido familiare condu- bassa marea della vita, figlio smarrito nel deserto, ilcono le liriche Per Pina (nell’isola di Trinacria), la cugina, di vento che si fa vortice nel deserto, il roveto ardente delcui il poeta si sente germano d’altra tempra e d’altro secolo; deserto...) e che si sono poi placate con la conquista dellaquella diretta ad un familiare, di non facile identificazione, In fede: viene, cioè, rivissuta la storia di un’anima, del pri-una bolla di rugiada; ancora, Il gallo inarca il canto del mat- mo incontro (L’incontro con Te), dei dubbi (Signore,tino che ritrae la nonna all’inizio di un nuovo giorno di faticae infine Sull’orma silente, di dubbia interpretazione, se 1rivolta, cioè, alla madre, l’angelo custode che protende sul Eugenio Montale, Auto da fé. Cronache in due tempi, Milano,figlio le ali dell’amorosa protezione, o a Dio, che accom- Il Saggiatore Garzanti, 1966, p. 132; altre edizioni, 1972, 1982; infine, 1995, con una Premessa di Giorgio Zampa, Milano,pagna in silenzio e costantemente il cammino dell’uomo. Mondadori. Nel libro sono raccolti i molti articoli giornalistici La natura è presente in quasi tutte le liriche della di Montale.raccolta, come sfondo senza limiti di spazio e di tempo, dal 14
    • ascolta la mia voce), delle certezze (Non so più perderti, una militanza di oltre 40 anni di attività’, tra banchi eVerrà il Signore, Tu sei il mio credo d’innocenza, Sei l’orma cattedra): cose apprese e lasciate a sedimentare nel fondosilente, Ti porto dentro), dei turbamenti (Mi assilla nella della memoria, ma sempre pronte ad affiorare al momen-notte, Fa’ che non avvenga), della gioia serena ed appagante to opportuno. Pertanto la mia assidua frequentazione con(Torno al mio Dio, Nell’innocenza dell’infanzia), insomma le la produzione poetica di Villucci3 ha fatto riemergereluci e le ombre di una fede ritrovata e conquistata con la quelle cognizioni letterarie apprese negli anni in unragione. Proprio in questo alternarsi di dubbio e di speranza, affollato disordine, ma tutte nitide, capaci di fornire deidi certezza e di nodi irrisolti Villucci riconosce la presenza, sicuri punti di riferimento. Le molteplici spie di tecnica eeterna e infinita, di Dio, che conturba e inquieta, addolcisce e di scrittura, di stile e di contenuto facilmente individuabi-conforta. Ora il pensiero del transito assilla il poeta e la sua li in quel corpus unitario, che abbiamo definito canzo-preghiera diventa più limpida e trasparente: è un’insistente niere, rinviano senza dubbio ai più alti modelli della poe-implorazione di perdono non solo per la sua anima senza sia moderna, italiana ed europea, che costituiscono, poi,peccato, ma anche per gli altri, per il passo insepolto di un’illustre eredità letteraria formatasi tra decadentismo eCaino, per l’iniquo destino di Abele, per il volto franato di simbolismo, parnassianesimo ed ermetismo, surrealismoGiuda, per i poveri, gli esclusi, gli oppressi: nel suo piccolo, ed espressionismo.anche egli ha raccolto una stella di latta e l’ha posta sul tetto La prima cosa che colpisce in Villucci è la sceltadi paglia del divino Bambino, perché ciascuno rinasca / col di una forma metrica dai versi brevi ed intensi, che, senzaNatale nel cuore. I versi di queste brevi poesie rivolte a Dio, rompere con la tradizione, di varia misura (prevalgonodal linguaggio scarno, tipico di una assorta meditazione, novenari, settenari, quinari, ma anche endecasillabi...),indicano in maniera convincente che ormai le tensioni e le vengono posti in sequenza non strofica, legati dal liberoombre, le dissonanze e le disarmonie dell’umana condizione gioco degli accenti: la forma si avvicina a quella tipicasi sono placate, decantate e pertanto il poeta in questa pietas del frammentismo vociano che, partito dalla nozioneper gli altri e per sé, in questo spirito di amore e di comu- crociana di liricità pura, in effetti se ne allontanava pernione - sostanza e miracolo di una vocazione spirituale - può aver privilegiato, rispetto all’espressione classica, il con-elevare il suo canto alla vita, affinata dalla consapevolezza trasto, la concentrazione violenta, la problematicità, col-della ineluttabilità del transito, lievitata dalla Grazia con la legandosi di fatto alle varie esperienze dell’avanguardiasperanza di infinito che è certezza di cielo: europea e avvicinandosi di molto all’espressionismo4: il O Signore frammento, per i vociani, è la forma che (in poesia come Nell’attimo del transito in prosa) consente in maniera più autentica l’espressione schiudi i tuoi cieli immediata della forza sorgiva e concentrata del proprio ai nostri sogni d’azzurro. io. E a proposito di espressionismo, quello a cui sembra La raccolta Una sciabica di stelle completa ma non avvicinarsi Villucci, è da intendersi in una accezione piùconclude, ovviamente, l’itinerario poetico di Villucci: la ampia, largamente diffusosi in Italia in anni recenti, pervastità e la ricchezza della sua produzione, tanto da comporre indicare forme diverse di rottura degli equilibri classi-un vero e proprio canzoniere, pone ora il problema della cistici, delle forme e anche del linguaggio (e per questogiusta collocazione dell’Autore nella molteplicità delle cor- ultimo aspetto si pensi a certi termini della recente rac-renti letterarie che hanno attraversato il nostro 900. Un colta: sciabica di stelle, criniere bianche dell’infanzia,problema, di non facile soluzione in quanto è sempre molto lindore d’acqua, l’iride del delta della vita, nuovo scro-difficile stabilire le ascendenze, i prestiti, gli echi, le disso- scio di fatica, la semiluna del teatro, il volto franato dinanze, le adesioni, gli intrecci, le suggestioni emotive, nonché Giuda, il passo insepolto di Caino, mi ormeggio algli scarti le soluzioni originali di un poeta: egli respira fasciame alla deriva, i passi, chiodati ...).comunque il clima comune, partecipa ad un comune orizzonte Anche la scrittura di Villucci, pur avendo unlinguistico, ma tende sempre ad una propria identità, a solu- proprio sigillo, richiama quella écriture automatique5, ca-zioni individuali e, per quanto gli è possibile, originali. Di qui ra agli scrittori e ai poeti del surrealismo: un metodo dil’impossibilità o la difficoltà a catalogare o etichettare inmaniera netta e precisa ciascuna esperienza poetica che rechi 3i segni sicuri del rapporto dell’io con la realtà. A questa Cfr. i nostri interventi: Esiste una linea di Poeti Aurunci?, inoggettiva difficoltà si aggiungono i limiti di chi scrive. «Civiltà Aurunca», n. 34 [1997], pp. 21-44 [35-37]; La Lettore, più o meno consapevole, soprattutto nelle va- “regressione al nido” nell’ultima raccolta di A. Marcellocanze estive, che trascorro al mare, quando le giornate di sole Villucci, in «Le Muse», 111, 3, settembre- dicembre 2001, pp. 49-55.sono rinfrescate dalla brezza discreta dello Jonio, mi sono 4 Espressionismo è un termine usato particolarmente insempre avvicinato ai poeti e agli scrittori, maggiori o minori Germania a partire dal 1910 (Der Expressionismus è il titolo diche siano, con serena castità, con animo aperto, spiando come un volume di Paul Fechter, del 1914) e assunto da artisti, scrit-dice Baudelaire in una sua giovanile poesia a Sainte-Beuve tori, musicisti impegnati nelle varie esperienze dell’avanguar-«l’écho lontain d’un livre, ou le cri d’une émeute»2; l’eco di dia europea. In Italia, furono vicini all’espressionismo Bome,un libro o di una sommossa, o rottura o ribellione ad un Jahier, Pea, Campana, Rèbora, Onofri, ma non ne furono im-ordine precostituito. muni lo stesso Ungaretti (per le prime raccolte), Gadda e molti Ho sempre, però, memorizzato le impressioni o le poeti dialettali. 5cose che, a mio avviso, avrei potuto utilizzare per il mio “me- Il metodo di scrittura automatica è stato teorizzato da Andréstiere” di docente (quello che in fondo sono restato durante Breton, Philippe Soupault, Benjamin Péret, Luis Aragon ed altri. Sul surrealismo, cfr. le luminose pagine di Carlo Bo, Bilancio del surrealismo, in Letteratura come vita, a cura di2 La citazione è di Franco Fortini, in F. Fortini-P. Jachìa, Fortini Sergio Pautasso, Milano, Rizzoli, 1994, pp. 859-925: il saggio èleggere e scrivere, Firenze, Marco Nardi Editore, 1993, p. 9. del 1943. 15
    • scrittura che dà libero sfogo alle immagini e al flusso con cuiesse si producono nella mente, e quindi all’inconscio, per Maria Russo: soffusa malin-esprimere sentimenti e fatti a lungo repressi e nascosti nelfondo della psiche. Questo accostamento è suggerito oltre che conia e senso di solitudinedal titolo della raccolta Una sciabica di stelle, anche dalle al- di R.. Iuresciatre numerose metafore, disseminate nei versi, alcune di nonfacile comprensione, dalle ardite analogie, dalle felici asso- «Emily Dickinson, in una sua breve poesia diceciazioni e comparazioni. Del resto più marcata appare l’ade- che una parola appena detta invece di morire subito allorasione di Villucci al surrealismo al tempo di Dopo lo spet- comincia a vivere. Ciò vale soprattutto per Maria Russotacolo e di Controcanto, quando alla ricerca di una soprare- che attraverso le sue parole, il suo messaggio riesce a re-altà per “cambiare la vita”, sotto la suggestione di un comu- galarci frammenti di vita autentica e verità del suo animonismo di tipo libertario, aveva impresso ai suoi versi l’aggres- che sono al di fuori del tempo e dello spazio delle nostresività concettuale di un crudo realismo. Sicché nell’ultima brevi esistenze terrene. Ora tocca a noi saper ascoltare ilraccolta del precedente impegno restano tracce di quell’a- suo messaggio ricco di raffinatezze verbali e di contenutidesione solo nella scrittura automatica, che saggiamente con- autentici e sinceri. Nei versi in continua evoluzione di sti-trollata e accortamente organizzata secondo scelte personali, le e di forma, si avverte una soffusa malinconia ed un pro-reca il marchio di una sicura identità, non priva di originalità. fondo senso di solitudine. La notte la fa tremare nell’at- Lo stile, infine: Villucci utilizza una sintassi scarna, tesa del nuovo giorno che le darà gioia e luce, che faràasciutta di apparente descrittiva facilità (sulla linea di Saba fugare ansia e paura e farà rinascere la fantasia e la voglia-Penna-Caproni?) nell’intento di fornire una limpida comuni- di vivere anche se la società odierna le appare alienante ecazione nonché l’espressione di stati d’animo affidata, oltre violenta. A volte si appiglia alla speranza e alla fede in-che ai richiami specifici, alle frequenti metafore e al ritmo del sieme al calore rasserenante degli affetti, ma sempre converso. Sono questi punti di riferimento o richiami che soddi- un solido senso della realtà e con la genuina sensibilitàsfano la curiosità del lettore che si pone a livello del discorso del suo cuore. Questa poetessa non ha false pretese, sacomune; che, naturalmente, non ha nulla a che fare col dove può e dove vuole arrivare e senza stupidi giri di pa-discorso qualsiasi, ma che è comune anzi e proprio perché role sofisticate riesce a comunicare le inquietudini e lecerca una comunanza di oggetti e di argomenti6: in fondo, contraddizioni della società contemporanea e ci indica laperò, sono essi che rivelano l’intenso fervore con cui Villucci strada da seguire per vivere i propri ideali, il bisogno diha lavorato, assorbendo, forse d’istinto, suggestioni ed emo- amore e di giustizia»zioni, sollecitazioni e spunti di varia natura (tecnica, scrittura,contenuto...) provenienti da tanta parte della poesia moderna, Non guardarmi cosìitaliana e straniera: sembra proprio che egli abbia messo afrutto la lezione dei simbolisti, di Mallarmé, dei primi erme- Non guardarmi con questi occhi tristi, pensosi, dolenti,tici, da Ungaretti per la mitologia familiare a Montale per la [amore mio...tensione esistenziale, così come sembra, che non sia stato Ho colto nel tuo sguardo stasera, una notaimmune dagli influssi del surrealismo, la corrente più consi- [triste, lacerante.stente che ha attraversato il nostro novecento e che resta parte L’ho afferrata ed ora stride qui nella mia menteintegrante dell’identità culturale del secolo, e dell’espressio- [con piccoli singulti;nismo, almeno per gli aspetti che abbiamo precedentemente a te io tendo l’anima mia oppressa e sofferente.indicati. Sicché quanto mai ricco e frastagliato è l’humus in Il tuo sguardo punge il mio cuore con spine di cristallo,cui risulta radicata l’esperienza poetica di Villucci, il quale, in lo frantuma in mille pezzi, lo schiaccia dentrodefinitiva, oltre all’innata creatività, si è avvalso di una forte [un pozzo nero,capacità di rielaborazione e di una lucida facoltà di pene- ove la speranza è solo un’effimera chimera.trazione, assicurando al suo canto i segni vivificanti di una Non guardarmi così, amore mio...propria personale identità e di una preziosa originalità7. Io camminerò tra le stelle e stringerò ancora le mie mani tra le tue; ruberò un raggio di sole per ridare luce allo sguardo tuo.6 Franco Fortini, Verifica dei poteri, Milano, Il Saggiatore Garzanti, Cammineremo ancora sul verde prato a primavera;1974 [1965], p. 49. sconfiggeremo il male che perverso impera.7 C’è qualche cosa che manca alla produzione lirica di Villucci ed è Non guardarmi più così amore mio,l’attenzione della grande editoria (“Lo specchio” di Mondadori, dammi la mano e insieme arriveremo sino alle stelle.“Poesia” di Garzanti con “I Garzanti Poesia”, “Nuovi Coralli” e“Supercoralli” di Einaudi, “Bur Poesia” di Rizzoli...) che alla finedecreta la consacrazione ufficiale di un poeta. In verità l’attenzionedelle grandi Case Editrici per la poesia è minima, perché essa non famercato. Sopperisce in gran parte l’attività di Editori minori e digruppi ristretti che negli anni 70/80 hanno dato vita a varie collane;Guanda, Scheiwiller (“All’insegna del pesce d’oro”) e ancora La-caita di Manduria, Manni di Lecce, Bastogi di Foggia, Crocetti diMilano, Rebellato di Firenze ed altri editori minori; ma si rimane poesia di Villucci possiamo soltanto formulare l’augurio chesempre in ambiti piuttosto ristretti e limitati, con la diffusa avarizia “qual-cuno”, di quelli che contano e possono, si accorga didi giusti e dovuti riconoscimenti. Occorre, pertanto, cambiare il questo valido poeta della Terra degli Aurunci, il quale ha spesosistema, soprattutto le regole dell’assegnazione dei premi letterari: gran parte della sua vita a “fabbricare versi”, e si adoperi perchécome? Qui poniamo il problema senza avere alcuna soluzione da possa egli ottenere l’ambita consacrazione ufficiale, a cui haproporre; a conclusione di queste nostre brevi considerazioni sulla pieno diritto. 16
    • matica che volge all’indagine, anche interna, del corpoMessina: Mostra dei giovani umano per evidenziarne le potenzialità. I fratelli Di Bella, particolarmente apprezzati da cultori presenti alla manife-di Spazio Libero stazione, sono esecutori anche a Messina, di opere reli- di Flavia Vizzari giose collocate, tra l’altro, nella chiesa di San Filippo Su- periore (ME), che raffigurano la Passione di Cristo nel Grandissimo successo di pubblico e di critica hanno momento del Calvario, dipinte in modo classico.ottenuto gli otto artisti che hanno partecipato alla collettivadel Premio Internazionale il Convivio, in occasione della ceri-monia di Premiazione, che si è svolta a Giardini Naxos, do-menica 5 Ottobre, presso l’ Hotel Assinos, alla cui manife-stazione sono intervenuti pittori, scrittori, poeti e cultori del-l’Arte da ogni regione d’ Italia, oltre che dalla Francia, dallaSvizzera, dalla Spagna e dal Brasile. Gli otto quotati e qualificati artisti partecipanti allacollettiva, alcuni dei quali sono studenti dell’Accademia diBelle Arti di Reggio Calabria, provengono dall’ambito cultu-rale messinese ed hanno sede a Messina in via Cavalluccion°3, “Spazio Libero”officina artistica ONLUS. La “Mostra-Collettiva” è stata molto apprezzata oltre che per la qualitàdelle opere, anche per la disposizione e collocazione nei varispazi fruibili, che hanno reso più prestigioso l’ambiente dalpunto di vista artistico-culturale. Evidenziata in tal sensoanche la pregevole opera dello studente in scenografia Ca-stano Giuseppe, che ha già avuto positive esperienze artisti- L’Associazione artistica “SpazioLibero” officinache nel campo teatrale (collaborazioni con il C.R.T. di Mila- artistica ONLUS, nasce soprattutto ad opera dei giovanino, per la ricerca espressiva nel teatro moderno – collabo- Fabio Di Bella e Giuseppe Castano i quali, soci-fondatorirazione con il regista Giuseppe Padolato - azione teatrale con dell’organizzazione, operano con l’intento di poter riu-il gruppo Arte Teatro e Handicap di Milano); l’installazione è scire a dare una svolta positiva allo sviluppo dell’Arte nelstata collocata nello spazio all’aperto con sfondo la fontana messinese. Attualmente, nella città di Messina, l’Arte haed è stata realizzata con sale grosso, petrolio e altri materiali pochi spazi fruibili e da ciò, dunque, è nata l’idea di es-artisticamente composti in maniera tale da evidenziare il porre durante le Festività natalizie in un tratto della viasignificato dell’equipararsi dell’essenzialità dell’acqua e del Dei Mille, avvicinando i cittadini al mondo dell’Arte. Sipetrolio. Scendendo la scalinata d’ingresso è stato possibile sono organizzati oltre che con l’esposizione di quadri, an-ammirare le sublimi opere di pittura di Antonello Irrera, che con la creazione di tele dipinte dal vivo, tra la gente,astratte e surreali, ove il colore dell’oro che predomina ne che ha osservato con entusiasmo ed ammirazione la cre-esalta la luminosità nell’accostamento con i blù intensi e i atività di questi giovani talenti di Spazio Libero. Libe-caldi arancio, le tele sono incorniciate mirabilmente dalle rando l’Arte e rendendola fruibile a tutti, non si nuoce ascultoree cornici realizzate dallo stesso artista, ed esposta da nessuno, anzi si attira la gente, divertendola anche, ma so-Irrera è stata pure la preziosa scultura realizzata con più prattutto dando la possibilità di una maggiore acquisizio-materiali (metallo, resine, oro, pietre…). Ancora entrando ne di cultura artistica e magari potrebbe essere gradita aisono state contemplate dai numerosi visitatori, le opere della pochi turisti che si fermano nella città dello stretto.giovane pittrice Tiziana Scandurra nata a Busto Arsizio(VA) esperta in varie tecniche (dipinge difatti anche su cera-mica, legno, terracotta, stoffa e uova di struzzo), la quale haseguito ad Alessandria il corso di “Tecniche della pittura su Cuore di ventoCeramica”; le sue opere presentano colori limpidi che richia- di Paola Consolimano i luoghi e le luci del mediterraneo. Di Renata Squilla-ci, nata a Treviso, pittrice e anche poetessa, laureatasi in Un grido nella notte rompe il silenzioLettere presso l’Università di Padova, abbiamo ammirato tele entra nelle case, penetra nel cuoredalla cromia lucente con una stesura coloristica decisa e dal- è un grido disperato, grido di dolore.l’atmosfera nostalgica tipica dei lavori della pittrice. Coor- Echeggia nell’aria, il vento lo fa suodinatori del gruppo sono stati i pittori Fadibè e Flavia Viz- con rabbia lo trasporta, dove? Non importa!zari. La pittrice messinese Flavia Vizzari, accademica del E va a toccar la siepe che ondeggia in una danza“Convivio”, ha esposto alcuni suoi lavori che sono già stati danza sfrenata, amara serenata.ammirati sia sulla rivista trimestrale dell’Accademia che sul E va a toccar le onde che parton furibondesito web della stessa (http://web.tiscalinet.it/ilconvivio) e dove e con il vento e il mare quel grido si confonde.sono ancora fruibili; sono tele permeate di una forte vitalità e Son fulmini e saette che escono dal cuore,la loro luminosità sembra voler espandersi per illuminare urlando contro il cielo chiede spiegazione.l’esistenzialismo buio dell’uomo. Fabio Di Bella (FADIBE’), Il vento fa ritorno fra quelle tristi mura,assieme al fratello Massimo Di Bella (MADIBE’) e al gio- gli penetra nel cuore,vane Giampiero De Francesco, hanno adornato con i quadri prendendo così il posto... del suo grande amore!lo sfondo della sala; di quest’ultimo è da evidenziare la te- 17
    • mobilieri, artigiani e artisti di quegli anni. Altri elementi,Mostra piena di echi e suggestioni comunque, s’introdussero rapidamente nel dilagare divive: Anna e Sergio Giraldo, quel nuovo stile; ora positivi, ora negativi (superflue e lussureggianti decorazioni, bizantinismi e faziosi pretestidue artisti che ‘fermano il tempo’ estetici), essi contribuirono all’avvicinarsi del suo inevi- di Teresio Zaninetti tabile e definitivo tramonto. Definitivo, sia chiaro, nei li- miti di uno stretto margine di tempo (o meglio, di moda), È il momento del Liberty nell’arte. In particolare, a perché il Liberty, a distanza di anni, sta ora conoscendoMilano, dal 24 novembre all’otto dicembre 2003, allo Spazio un “revival” alquanto notevole. Il che è anche ovvio:Oberdan di Via Vittorio Veneto, al numero 2. Sono stati molti sono stati i pregi e le indicazioni che questo stile haesposti opere e lavori di grande rilievo, propri del Moderno lasciato; e numerose sino le testimonianze, anche cosìStyle europeo. Uno stile che ha inaugurato il modernismo e dette “minori”, che oggi si possono trovare nelle case.che ha visto, per il Liberty, il tripudio di un certo Bagliori che Senza contare poi che i nati, tra il 1900 e il 1920 hannonel XV secolo, combattendo in Corsica contro gli spagnoli, avuto modo, chi più chi meno, di viverne praticamente inridiede la libertà ai suoi concittadini e venne soprannominato costante contatto. Allo stesso modo, Louís Comfort Tiffa-“Libertà”. Trasferitosi in Inghilterra, inglesizzandosi, tale no- ny, newyorkese (1848-1933), designer e precedentementeme si trasformò quindi in “Liberty”. Un suo erede, Sir Ar- pittore, si trovò a sperimentare varie tecniche nel campothur Lasenby Liberty (che fu anche Alto Sceriffo del Bukim- del vetro. Dal 1876 si trovò, infatti, a realizzare origina-ghanhire), nel 1875 fondò a Londra, in Regent Street, la ditta lissime vetrate in vetro opalino oltre a raffinatissimi og-Liberty & Co. produttrice di mobili e stoffe. Sua caratteristica getti ispirati al mondo vegetale creando particolari iride-era, appunto la decorazione, ispirata alla stilizzazione di fiori scenze (dette “Favrile glass”), le quali contribuirono ae piante. L’importazione in Europa, e specialmente in Italia, fare di lui il più importante esponente americano dellArtdilagò fino o a riassumere, col nome della ditta, l’intera pro- Nouveau fino alla morte del padre, Charles Lewis, di cuiduzione stilistica di quegli anni. proseguì l’opera di creatore e produttore di gioielli. Per cui, se è vero che un aggettivo può spesso rivela-re lo stile di un autore, anche il nome di uno stile può rivelare Una mostra piena di echi e suggestioni vivelo spirito del tempo in cui lo vide fiorire e anche, rapidamen-te, declinare. “Liberty” assunse, nei primi anni del secolo scor- È proprio in questo clima che s’inserisce il la-so, valore esotico di “libertà”, equivalente perciò a novità, ad voro, pregiatissimo, di Anna Maria Giraldo. Si esprime aeccentrico, soprattutto a rottura. Dire “Floreale”, infatti, era volte con la pittura tradizionale, altre volte si muove sucome ribattezzare tradizioni che ancora si prolungavano quello che è il suo terreno naturale: il vetro, con cui e su(dall’antico Egitto ai fasti romani, dal Gotico al Barocco e cui trae effetti coloristici superiori a qualsiasi aspettativa.persino al Luigi XVI) quando tutto tendeva invece al rinnova- La ricchezza di questi lavori deriva anche dalla passionemento. Curiosamente - ma fenomeno molto ricorrente qui da profonda per il restauro di vetrate di vecchio conio fino anoi -, questo nome si trovò dunque ad esprimere in Italia renderle nuovamente al proprio optimum.quello che divenne, per gli inglesi, l’Art Nouveau e che vo- Anna Maria Giraldo realizza questi oggetti inleva essere, forse più propriamente, il nostro floreale “Liber- caratteristico stile Líberty e utilizza, sostanzialmente,ty”, aveva però ben altre origini: quasi nulla, anzi, a che fare quella che è stata la dimensione di Tiffany prima dicon lo spirito di quel periodo. passare alla creazione di gioielli. Del resto, le lastre di ve- Una città (Torino) e una data (il 1902) segnano la tro con cui opera vengono importate in buona parte daglinascita ufficiale, in Italia, di quello che viene definito il “pe- Stati Uniti e, a volte, anche da Murano. Il lavoro di que-riodo Liberty”. Proprio in quella città si tenne, in quell’anno, st’artista è dovuto soprattutto ad una paziente passionel’Esposizione delle Arti Decorative. E vi affluirono, in che già l’aveva vista occuparsi, anni fa, di stoffe, seta epratica, quegli stessi elementi che già nel 1900, a Parigi, ceramica. La creatività è insita nei risultati che, talvolta,avevano inaugurato il cosiddetto Liberty europeo - allora specie quando sembra spostarsi sul terreno dell’Art Déco,denominato, però, specialmente in Inghilterra, Art Nouveau e la rende più simile ad un artigiano che ad un artista. E, incorrispondente (in Germania) allo Jugendstil e (in Francia) al effetti, l’artisticità di Anna Maria si traduce anche neiModern Style. In realtà, questo stile era nato negli ultimi preziosi e fantasiosi “progetti” per specchi, dimostrandosquarci del secolo precedente, in contrapposizione all’eclet- di conoscere a fondo l’utilità intrinseca del proprio fare etica “nobiltà” dell’arte tipicamente ottocentesca. L’intento dei del proprio operare.precursori del Liberty fu infatti proprio quello di opporsi ad Anna Maria Giraldo, con il padre Sergio, haun modulo artistico che si rivolgeva quasi esclusivamente a esposto dal 6 al 14 dicembre presso la Sala degli Stemmiben pochi privilegiati, per dare, in tal modo, la possibilità di di “Palazzo Ardicini” di proprietà del Comune di Goz-accedervi anche a tutti gli altri ceti sociali. Si trattò, dunque, zano (NO). Si ha cosi modo di gustare dal vivo questadi operare una decisa frattura con tutti i modelli del passato, i produzione esteticamente inappuntabile e nutrita da pulsa-quali, prerogativa della classe aristocratica, portavano addos- zioni che provengono da un passato che torna, come nelleso l’inconfondibile segno dell’imitazione classicistica fino al- mode, colto prepotentemente alla ribalta. Se, come si di-lora dominante. Nuove forme, ispirazione più pura ed origi- ceva un tempo, la moda non «dura che lo spazio d’unnale, soprattutto una più rigorosa funzionalità (lo si vide in mattino», è invece ora il caso di dire che anche ciò chemodo evidenziato nell’Art Déco e in particolare con l’archi- inizialmente erano mode, con il tempo diventano incante-tetto svizzero le Corbusier, ideatore dell’omonima e celebre vole testimonianza di quanto il cosiddetto passato sia“poltrona”, furono quindi le parole d’ordine cui s’ispirarono sempre contenuto nel presente, che per sua natura ha ra- dici propriamente storiche oltre che di costume. 18
    • Il padre di Anna Maria, Sergio Giraldo, che iniziò adipingere fin dai 13 anni, frequentando a Taino la bottega del Maria Pina Natale:maestro Mario Ponti, mette qui in esposizione buona partedella variegata gamma dei suoi lavori, che vanno dai soggetti Fragranza di marinenaturalistici con tratti impressionisti e anche macchiaioli, fino di Enza Contia certe impennate sublimi che ricordano Cézanne, Degas e Fragranza di marine è solo un esempio dellaMatisse. È indispensabile sottolineare che la padronanza poesia di Maria Pina Natale, che tanto ha dato alla let-tecnica e stilistica dì questo artista è riscontrabile in ciascuno teratura contemporanea. La sua poesia, per la ricercatezzadei suoi lavori, per i quali l’uso del colore diviene il motivo di lessico e l’alto contenuto evocativo, appare indirizzatadominante e soprattutto essenziale. La sua coloristica, in ef- ad un pubblico colto. Chi si accosta alla lettura dei suoifetti, assume toni che escono, si può dire, dai canoni consueti numerosi volumi nota l’occhio vigile di chi ha voglia didelle arti, anche se talvolta l’iperrealismo (si vedano i quadri scoprire le evoluzioni storiche e sociali della nostra realtà,con funghi, ad esempio, o quelli con certe nature sorte, o con oltre che i sentimenti umani. Lo sguardo puntato sul mon-strumenti musicali tipo il violino) permea di sé la bellezza do è il punto di partenza di un lavorio interiore che si pro-insuperabile che è nelle cose vere, reali, anche al di là della pone di far uscire dalle tenebre la società. Infatti Mariaconsumata e consumante quotidianità. Un vero e proprio ba- Pina Natale si colloca tra i poeti che vogliono dare vocegno refrigerante, quello che riserva l’opera pittorica di Sergio al silenzio dell’uomo, di cui «è basilare sentire la presen-Giraldo, uomo del proprio tempo che ci tiene - come si evince za - scrive Cesare Ruffato - o come pausa o come scartodai suoi lavori - a testimoniare quanto la natura sia più forte ed di senso. Il silenzio testimonia i connotati della parola:insopprimibile di certi progetti che appiattiscono il reale e fan- suono, immagine, odore, colore, struttura». Ed è ciò cheno sentire gli uomini - sempre meno padroni di se stessi, auto- si coglie nella lirica della Natale, lasciando ampio spaziomi ambulanti nel deserto del sempre più opprimente nichili- al lettore di interpretare il silenzio. La raffinatezza dellasmo sia spirituale che estetico, ma anche essenzialmente etico. sua poesia le ha fatto ottenere numerosi riconoscimenti. Ultimo a Roma il Premio di poesia Fitel, la cui giuria era presieduta da Mario Lunetta, con la lirica Ottica di mito. Dentro di me di Simona Trevisani Fragranza di marine Silenzio, si gira la penna verso le pagine della vita. Entriamo insieme nelle strade albate Metto in funzione l’ingranaggio all’uscita dal tunnel. delle onde cerebrali. Ci insegue l’eco della foce scura I miei occhi della mente ma carezza la fronte alito di terra mi dicono che la vita che sa d’umori d’erba e amore d’uomini. è una missione impossibile Dilegua l’ombra in cieli misteriosi per le ragazze d’oggi. ed è subito sacro il bianco-antico La vita per loro è sempre del nuovo giorno. stato d’allarme. Mordiamo (è rito) il fiore dell’oblio Una voce mi dice: per andare leggeri e senza storia - Ma che sei tutta matta? - tra le corride folli del pianeta. Continuo dicendo: c’è l’uomo che non sapeva amare Ci stimola fragranza di marine un angolo di paradiso che noi donne possediamo. che guida l’ala ai brividi dell’onda. Poi l’uomo della porta accanto Come sarebbe dolce regalare che non ci fa caso se ci trasforma questa sfuggente cabala d’azzurro e l’arpeggiare eolico del mare in una ragazza da sedurre giorno per giorno: sul pentagramma estatico del lido! non sei un uomo da affittare È triste non risponda nessun’eco ed io nemmeno. al generoso grido. Il mondo nelle mie braccia prendi È come cader di notte in una buca e una donna di seconda mano divento come il precipitar di volti ignoti e il velo da sposa in labirinti sempre più intricati. non posso indossare. Lo stupore si inchioda spalancato Il mio frutto proibito sull’urlo mozzafiato. ti sei preso, Fa marcia indietro l’impeto di amare non ho più nulla la mente snoda calcoli sbagliati per l’uomo che amo. s’impenna (zampe all’aria). Si contorce. Sei un uomo senza scampo È una trappola pazza. S’inabissa se fai subire una storia allucinante esalando in afasico vapore alla bella preda. ma non resiste all’unico richiamo. Non si sottrae ad un atto di violenza Sullo scrimolo ombroso di pinete neppure un uomo sposato. la notte si accende d’arguzia mattutina. La vita è ormai quasi una truffa Spumeggiante d’oblio e ci trasforma in isole perdute. levita il sogno soffici spirali fuor del grumo che inchioda i passi inerti al peso della terra. 19
    • semplice foglio d’informazione culturale è diventato inRoma: la premiazione del breve tempo una delle più prestigiose riviste italiane del suo genere, avendo anche carattere internazionale per laPublio Virgilio Marone nella forte presenza di autori stranieri. Si è quindi entrati nel vivo della manifestazione: i premiati – in massima parteprestigiosa sala del Cenacolo presenti - si sono accostati al tavolo della giuria, per ricevere il meritato riconoscimento. di Alessandra Iraci Si è passati innanzitutto alla premiazione degli Nella splendida cornice della sala del Cenacolo della autori stranieri: In lingua portoghese. Poesia a schema:Camera dei Deputati a Roma, si è svolta, venerdì 7 novembre, primo classificato: Del Maestro Humberto (Vitoria – ES-la cerimonia di premiazione del Premio letterario “Publio Vir- Brasile); Segnalazione di merito: Relva de Egypto Re-gilio Marone”, sezione del Convivio 2003 alla presenza di zende (Belo Horizonte – MG - Brasile). Poesia libera: 1)una nutrita e attenta platea e di numerosi poeti provenienti da Del Maestro Humberto (Vitoria – ES- Brasile). Segnala-ogni regione italiana, oltre che dall’estero. L’edizione della zione di merito: Antonio Donizeti (Marechal Candido -kermesse letteraria, lanciata e supportata dall’omonima rivi- PR - Brasile), Vilela Rasteiro João (Coimbra – Portogal-sta, si è svolta in maniera impeccabile. «Il premio – dichiara lo), Maria Cristina Carmello (Santa Rosa de Viterbo –Angelo Manitta – è riuscito ancora una volta ad unire poeti SP - Brasile). Silloge in portoghese: primo classificato:dalle diverse tendenze e dai diversi sentire». Brito José Carlos (Suzano - SP - Brasile). Per la lingua francese sez. Poesia libera e a schema: era presente la po- etessa Annie Hullet Briere (Bar - le Duc - Francia), prima classificata, premiata con la seguente motivazione:Da sinistra: Antonio Portaro, Rosa Spera, Prof. TommasoFrosini, Angelo Manitta, Amalia Maria Amendola, Enza Conti Il concorso era riservato esclusivamente alla poesianelle sezioni: poesia dialettale, poesia in lingua italiana, sil-loge di poesie, poesia a schema classico. Le opere premiatenel corso della cerimonia sono state selezionate nei mesi scor-si da un’attenta e qualificata giuria, presieduta dal prof.Tommaso Frosini, docente di Diritto costituzionale all’Uni- Annie Hullet Briere (a destra) e Rosa Speraversità di Sassari, mentre gli altri giurati, per le varie sezionisono stati: Francisco Alvaro Velasco (Spagna), poeta e ope- «Poesia in prosa, ma di un elevato lirismo. Il tema dellaratore culturale; Andityas Soares de Moura (Brasile), poeta e ricerca del silenzio è uno dei più cari a molti poeti con-docente di Diritto all’università di Minas Gerais; Iacyr An- temporanei. Annie Hullet Briere va alla ricerca del silenzioderson Freitas (Brasile), uno dei maggiori poeti brasiliani; Ma- per scoprire se stessa e penetrare i più profondi sentimentirio Angel Marrodán (Spagna), autore di circa trecento volu- umani. Per raggiungere un tale obiettivo non è necessariami, poeta e critico; l’on. Cosmo Sallustio Salvemini, direttore una versificazione tradizionale, ma solo una percezionedella rivista L’attualità; Rosa Spera (Barletta), poetessa e scrit- lirica e un sapiente accostamento di immagini, attraversotrice; Pasquale Francischetti (Napoli), direttore della rivista metafore e simboli molto cari ai francesi. Capire se stessi“Poeti nella società”; Antonio Portaro (Roma), funzionario vuol dire capire il mondo in cui l’uomo vive» (Angelodel Ministero del Tesoro, poeta, e studioso di storia patria; Manitta). Segnalazione di merito: Frédéric Tessier (LagnyMaria Pina Natale (Messina), scrittrice e poetes-sa; Amalia sur Marne-Francia), Forveille Silvie (Laval-Francia). Sil-Maria Amendola, delegata del Convivio per Ro-ma; e gli loge di poesie in francese: Primo Classificato: Marcelloscrittori e poeti: Serena Careddu, Alfonsina Campi-sano Can- Pandolfi (Aurillac-Francia). Segnalazione di merito: De-cemi, Maria Enza Giannetto, Enza Conti, Angelo Manitta, nise Bernhardt (Montmorency-Francia), Jean Mauget Dopo l’introduzione della Presidente della giuria, (Pessac-Francia). In spagnolo: Poesia libera e a schema:prof. Tommaso Frosini, è intervenuto Angelo Manitta, che ha Primo Classificato Valdivia Benjamin (Guanajuato-condotto la cerimonia di premiazione insieme ad Amalia Ma- Messico). Segnalazione di merito: Molina Lopez Saloméria Amendola, ringraziando gli intervenuti e tracciando a (Albacete-Spagna). Segnalazione di merito per la silloge:brevi linee la storia dello sviluppo del Convivio, che da Dario Rossi (Cordoba-Argentina). 20
    • Nella sezione Poesia libera italiana, era presente la pola (Australia), Giuseppe Bertola (TO), Amelia Ritaprima classificata Mina Antonelli (Gravina – BA), con la po- (Marigliano-NA), Iole Chessa O. (RM).esia Shoah e la motivazione: «La consapevolezza di estendere Riconoscimento di merito: Mirko Mocellin, Bru-il proprio pensiero tra rovi di memoria, per non dimenticare. nella Tega, Maurizio Leggeri, Sandro Angelucci, Adriana«Tessevano i silenzi / il ragno con lo scorpione, / assetate Assini, Mancini Francesca, Alfia Bevilacqua, D’Amicozolle / bevevano veleno / e sgolavano sangue i solchi / nei Cesidio, Tito Cauchi, Gianluca Puzzo, Luigi Siliquini,campi di sterminio». Ottimo componimento che si avvale di Picciolo Salvatore, Armando Romano, Alessia Torres,un lessico impreziosito da accostamenti e riflessioni che toc- Natalina Fabi Masi, Chiara Filippone, Alberto Cerbone.cano apici di liricità fortemente interiori. Versi di una dram- Premio Speciale per la poesia: Annalisa Graziamaticità intensa, proiettati a visioni originali che sviluppano Guerrera con la motivazione: «Poesia evocativa, quella dimetafore armoniose e moderne. Poesia con finale aperto alla Annalisa Grazia Guerrera, in cui si riesce a fondere ilsperanza» (Rosa Spera). personaggio, la sua biografia e le sue emozioni con quelli del lettore-autore. Dalla simbiosi tra emozione e senti- mento scaturiscono un’ilarità e una felicità coinvolgente. Quasi tra sogno e follia, l’arte assume una funzione catar- tica e purificatrice» (Angelo Manitta). Poesia a schema italiana. Primo classificato Giovanni Di Girolamo (Bellante-TE) con la motivazione: «Il tempo, l’amore, il cuore: tre elementi essenziali della poesia di Giovanni Di Girolamo, una poesia che utilizza uno schema nuovo e antico nello stesso tempo: il rondò italiano. Si tratta di un’innovazione e di un recupero del passato sia nella forma grafica e strutturale che nel con- tenuto. L’amore, elemento essenziale della poesia troba- dorica, come della poesia di ogni tempo, trova qui una sua espressione genuina ed originale, con una cadenza ritma classica e una sensibilità moderna, che volge verso l’incanto, la musicalità, il ritmo, nella continua ricerca di una certezza interiore e di una speranza futura». Mina Antonelli e il prof. Tommaso FrosiniSeconda classificata: Beatrice Torrente (Trapani) con la moti-vazione: «Dal componimento affiorano trasposizioni poeticheche elevano un inno all’universo femminile. L’Autrice, conversi brevi ma incisivi, esprime senza enfatizzazione pacatemeditazioni sui valori insiti della donna. Le gioie sublimate,le sofferenze taciute di questa galassia luminosa matrice dipianeti che in essa vivono e palpitano, delineano una figuraimprescindibile senza la quale il cielo non è completo» (RosaSpera). Terzo classificato Ernesto Riggi (Caltanissetta) con lamotivazione: «Maestosa signora dal fluente crine, così lapenna del Poeta definisce l’Etna, elevando un canto allestupende bellezze di una terra accarezzata dal sole. Dai versiemergono profumi di zagare e dorati aranceti, in un discorsolimpido e comunicativo dove si evince energia di pensiero che Giovanni Di Girolamo e il prof. Tommaso Frosinisi eleva dal grigiore della quotidianità per plasmare immaginidi personale suggestione» (Rosa Spera). Quarto classificato: Secondo classificato: Mariano Cerignoli (Roma)Mario Cambi (Roma) con la motivazione: «Soggettiva defini- con la motivazione: «La poesia di Mariano Cerignoli uti-zione dell’amore analizzato dall’Autore nelle varie sfaccetta- lizza uno schema classico e perfettamente costruito nellature. Son forse più belli gli amori incompiuti, gli amori an- versificazione, nelle pause, nei ritmi. La sua poesia, checora in boccio, mai sfiorati dalle tempeste del tempo? Questi ha un sapore tra il crepuscolare e il pascoliano, offre pro-amori possiedono la sottile magia dei teneri giochi, di antiche fondità di sentimenti ed emozioni antiche. La notte e laemozioni e dolci memorie che non conoscono disillusione, ali- morte si associano a livello simbolico in una descrizionementando il caldo riverbero del ricordo. Versi intrisi di sug- che trae spunto dalla realtà per andare oltre, verso una let-gestiva musicalità» (Rosa Spera). Quinta classificata: Rosetta tura metaforica. La tempesta e la pioggia esteriore diven-Mor Abbiati (Verolanuova-BS). Segnalazione di merito: Pie- tano simbolo di un tormento interiore che l’uomo con-tro Nigro (Noto-SR), Nicolò Antonio (CE); Elio Picardi (NA), temporaneo vive e sperimenta quotidianamente. In questoBruno Bianco (NA), Arcangelo Polito (Striano-NA). Menzio- scenario si proiettano i due mulattieri, scena inconsueta,ne d’onore: Malerba Giuseppe (Sant’Ilario-RE), Franco Cop- la cui semplicità di vita prospetta un complesso recupero del passato»; terzo classificato Laudato Sabato (Nocera 21
    • Superiore - SA) con la motivazione: «La poesia di Laudato traverso questo lungo passato, accumulando nell’animo eSabato, che apparentemente utilizza dei versi liberi, presenta nella mente le acerbità del malessere! Un sottinteso poeti-invece una profonda musicalità fatta di assonanze, di conso- camente felice ed efficace che si lascia indovinare senzananze e di rime perfette. Essa è divisa in due parti. La descri- apparire. Miracolo della vera poesia!» (Maria Pina Nata-zione dell’autunno, con i suoi eventi intrinseci, con i suoi sa- le); terza classificata: Luciana Chamblant (Roma) con lapori, odori, forme e colori e il ricordo che porta al recupero di motivazione: «Ad una lettura della silloge, a qualsiasi let-emozioni e sensazioni bambine. Nella poesia passato e pre- tore verrebbe subito in mente di intitolarla: L’amore, poi-sente si fondono così bene che ne scaturisce una profonda ché è dell’amore infatti che si tratta in tutte le composi-emotività, emozione che l’autore sa anche comunicare al zioni. Perfino allorché parla delle stelle il motivo domi-lettore». Segnalazione di merito: Coron Deborah (Cinto Eu- nante è sempre l’amore. In un mondo così tragicamenteganeo – PD), Antonio Noto (Montecatini – PT), Mangiantini diviso da guerre, da divergenze politiche, da gesti di vio-Floriano (Firenze), Flora Lalli (Brescia). Menzione d’onore: lenza e di prepotenza, da malvagità e criminalità, da op-Soldà Giacomo (Mestre), Silvio Craviotto (Varazze – SV), pressioni sui più deboli e da tante altre negatività, tutteAntonio De Lucia (Caserta). contrarie all’amore, l’averne parlato per un’intera silloge Poesia dialettale. Primo Classificato Paul Molinier poetica dà un senso di conforto e di sollievo. Meglio an-(Luc - Francia), secondo classificato Ottavio Marandino (Bat- cora che l’autrice ne abbia sfaccettato le peculiarità, inse-tipaglia – SA), terzo Raffaele Piras (Quartuccio – CA). Se- rendole in ogni momento del vissuto e dominando, di con-gnalazioni di merito: Silvana Andrenacci (RM), Nicola Bre- seguenza, tutti i momenti, i risvolti, le occasioni, i detta-scia (Fasano – BR), Arena Salvatore (PA). Menzione d’ono- gli» (Maria Pina Natale). Segnalazione di merito: Ciuffe-re: Giuseppe Attanasio (Gragnano – NA), Elio Picardi (NA). telli Sonia (AQ), Giacomo Manzoni (Lavis-TN), France- Silloge di Poesie. Primo classificato Gianni Ianuale sco Di Rocco (PE), Subrini Andrea (Grottazzolina-AP),(Marigliano-NA) con la motivazione: «Finalmente una poesia Antonelli Mina (Gravina-BA), Giuliana Milone (AV),religiosa che sa di poesia: autentica poesia... La silloge ha Ballo Francesca (MI). Menzione d’onore: Francesco A.inizio con una dichiarazione di resa a Dio. Ammirevole scel- Giunta (RM), Gianni Pierdomenico (Giulianova-TE), Sal-ta! Sotto l’usbergo di un Dio Patrono, ogni preghiera diventa vatore Lagravanese (Casal di P.-CE), Antonia Izzi Rufolecita, anzi scontata... Ma la preghiera a Dio Padre è sempre (Venafro-IS), Giuseppe Giacalone (TP), Caccia Angelainevitabile per cantare la Pace, perché il tempo è anche il (Cutro-KR), Maria Luisa Nicodemo (NA), Antonio Sa-tempo di Dio, cioè il tempo creato da Dio. E tutto ciò che è betta (Cutrofiano-LE). Riconoscimento di merito: Bonan-stato creato da Dio deve godere del diritto della pace. Inoltre, no Dorotea (RM), De Rocco Elisabetta (Vibo Valentia).se è vero, come è vero, che il tempo consuma tutto, convienedistaccarsi dalle miserie materiali e affidarsi ai poteri delloSpirito» (Maria Pina Natale). Un ricordo per Nino Ferraù di Loretta Bonucci Conobbi molti anni addietro, il poeta Nino Ferraù e quando avvenne la sua morte, mi dispiac- que moltissimo. Lo consideravo un fratello. Mi ven- ne a trovare quando abitavo in Toscana e fu per me un grande evento. Prima che lo conoscessi di per- sona, ebbi modo di leggere le sue poesie e mi piac- quero molto. Era un Poeta dall’animo nobile e si esprimeva con un linguaggio dolce e mistico. Non ricordo come fu che facemmo amicizia: forse era- vamo due spiriti che si cercavano per scambiarsi delle idee. A San Baronto Nino Ferraù conobbe la mia mamma, già sofferente per una paresi, e insie- me ai miei familiari e al Poeta passammo due giorni bellissimi, andammo a visitare la Chiesa di San Ba- ronto, chiesa molto antica e austera. Mi ricordo che mi fece notare che nei risvolti della sua giacca, te- neva sempre un ago con il filo, in caso di guasto al suo vestito. Poi non ci vedemmo più per un poco di anni. In quel periodo mi ero trasferita a Milano con Gianni Ianuale e Rosa Spera la mia famiglia, finché un giorno mi venne a trovare Seconda classificata Adriana Scarpa (Treviso) con e rimase a mangiare a casa mia e fu un giorno bel-la motivazione: «Struggente parabola da un ieri-fanciullo a un lissimo. Anche la mia nipote Maria Cristina, nono-oggi-senescente. Tutto è senza ritorno: uno dei tanti fremiti stante fosse piccola, capì che era una persona d’ani-che sgorga, cuore malato di nostalgia e di rimpianti. E questo mo eccelso e quando apparecchiai la tavola, ella intutto è colmo di ogni letizia, quali il sentore di fresco che solo mezzo alla tavola mise un mazzo di fiori. Passam-resta... dell’essere stati fanciulli, mentre l’ieri si fa sempre mo un giorno lieto, come il ritrovarsi di una sorellapiù lontano e irraggiungibile... Indubbiamente in tutto questo e un fratello che si specchiano al solito specchio, edondeggiare di malinconie, chissà quante sventure e malanni era lo specchio delle nostre anime.non vi siano sottintesi, che hanno infierito spietatamente at- 22
    • I vincitori sono stati: Autori stranieri: 1) Fran-Motta Camastra: cisco Evandro de Oliveira (Brasile), 2) Gerson Valle (Bra- sile), 3) Martin Michel (Francia). Segnalazione di merito:premiazione Natale 2003. Condorcet Aranha (Brasile), Maria Calandra de Mello (Brasile), Carlos Ribeiro Leite (Brasile). Menzione d’o- di Alessandra Iraci Tobbi nore: Marie-Claude Royer (Francia), Jean Daffix (Fran- Premio Fra Urbano della Motta, una poesia per il cia), Jean Sarraméa (Francia). Ragazzi: Fabio Silva Go-Natale, è stato il tema della cerimonia di premiazione tenutasi mes (Brasile). Per i ragazzi era presente Ottavia Rinaldiil 3 gennaio 2004 presso la chiesa madre di Motta Camastra, (Giarre-CT), premiata con la seguente motivazione: «Ilsplendido Comune della valle dell’Alcantara, nota per le sue Natale non è solo la commemorazione della nascita diGole, ed organizzata dall’organo ufficiale dell’Accademia In- Cristo, ma è soprattutto impegno sociale ed umano. Con-ternazionale Il Convivio, con la sponsorizzazione ufficiale del solare coloro che sono afflitti, portare aiuto a coloro cheComune di Motta Camastra, guidato dal sindaco Andrea Scar- hanno bisogno, rappacificarsi con una semplice stretta dipignato. Salvatore Maugeri (seguente foto), presidente del mano, sapersi sacrificare per gli altri: Natale è tutto que-Consiglio comunale, ha esposto brillantemente sul presonag- sto. Con parole semplici e incisive la giovane poetessa,gio di Fra Urbano della Motta, mentre la serata è stata allie- Ottavia Rinaldi, riesce con la sua lirica a lasciare un se-tata dalla presenza del gruppo folk della scuola Cola Pesce di gno nel cuore del lettore (Angelo Manitta).Messina. Per la sezione dialettale erano presenti: primo Hanno partecipato al classificato Salvatore Cambria (Cattafi-ME) premiato premio 182 autori di con la motivazione: «Un sottile velo nostalgico invade varie nazioni, con- l’animo del poeta, Salvatore Cambria, nel ricordare il sistente la presenza presepe dei giorni ormai trascorsi. Ed è proprio quel dal Brasile e dalla presepe fatto di piccole, umili cose che vorrebbero rifare Francia. La poesia, per la figlia, quasi che fosse un ponte di continuità nel lungi dal costituire quale la gioiosa memoria di giovinezza si ricollegano un’esperienza «di- imprescindibilmente all’odierna realtà. Il ritmo narrativo stante», sufficiente- ed il contenuto sono sicuramente indicativi di una grande mente al riparo e in maturità artistica del poeta» (Lucia Monaco). sospetto di solipsi- smo ed astrazione, vive in maniera pro- fonda il Natale con le sue registrazioni e i suoi affondi, con la sua poliedricità di messaggio libero e interrogante, con le sue testimonianze divalore profetico, i suoi rammarichi, le sue ferme denunce, lesue speranze. Il tema del concorso, il Natale, viene magni-ficamente affrontato dai vari poeti per ricordarci, in un mondoviolentemente lacerato da divisioni e da conflitti, il possibilericongiungimento a un unitario destino dell’uomo, il senso diuna vicenda comune, di un’unica creazione che, non cedendouna volta per sempre al silenzio e alla morte, continua trapiacevoli e fluidi versi. L’incontro ha inteso inoltre valoriz-zare e concretamente promuovere presso il pubblico il con-tributo culturale di prim’ordine offerto da personalità varia-mente collegate alla storia del Premio stesso, secondo un ba-gaglio di risorse interno validissimo. Grazie all’avveduta lun-gimiranza dei promotori, Angelo Manitta ed Enza Conti, e al-la loro generosa disponibilità si è potuta realizzare questa ma- Salvatore Cambria e il sindaco Andrea Scarpignatonifestazione culturale. La giuria era composta dal presidente Angelo Ma- Secondo classificato Tanino Platania (Piazza Armerina –nitta e dai giurati: Lucia Monaco, Salvatore Puglia, Francesca EN) con la motivazione: «In questa lirica di Tanino Pla-Gullotta, Fra Concetto Lo Giudice, Francesco Di Rocco, Ma- tania emerge il vero e profondo significato del Natale.ria Enza Giannetto. Presidente del premio: Enza Conti. «Il Natale dei grandi valori. Natale festa dei poveri, deglipremio – chiarisce il presidente della giuria Angelo Manitta – incompresi, degli umili. Natale lontano dagli sfarzi, dalleannovera nel suo albo nomi prestigiosi della cultura, non solo luci e dai riflettori. Natale festa vera per tutti coloro cheitaliana. La manifestazione, che ormai si è imposta a livello vogliono parlare il linguaggio della vita eterna e attenersiinternazionale, ha contribuito e continua a contribuire alla ai dettami della sacra scrittura. Il ritmo narrativo e la for-promozione della cultura». ma sono certamente degni di nota» (Lucia Monaco); ter- zo classificato: Mario Amico (CL). Segnalazione di meri- 23
    • to: Luciana Chamblant (RM), Franco La Pica (Taormina- Francesca Vergari (Monterotondo – RM), Alfio GrassoME), Paola Consoli (Giardini-ME), Carmelo Palumbo (CT), (Acireale-CT), Clara Giandolfo (Campo Calabro-RC).Gabriella Carlucci (BR). Riconoscimento di merito: Giavanni Menzione d’onore: Emilia Fragomeni (Genova), LisaPiazza, Paola Cozzubbo, Rosetta Di Maria, Vincenzo Macau- Carducci (Cina), Michele Fonzo (Benevento), Giacomoda, Aristotele Cuffaro, Graziella Florio. Paternò (Paternò). Riconoscimento speciale: Lydia Tede- Premio speciale della giuria: Domenico Peci (Pater- schi. Riconoscimento di merito: Rosaria Carbone, Marianò-CT) con la motivazione: «La poesia di Domenico Peci è Luisa Vanacore, Angela Aragona, Maria Grazia Murda-piena di pathos e di sentimento. Espressa in un dialetto vivo e ca, Rita Alessandro, Salvatore Mangione, Assunta Doria-incisivo, colpisce nel segno, ponendo l’attenzione su un’uma- na Mori, Barbara Accardo, Alessandra Panebianco, Rosanità sofferente che deve essere redenta attraverso la forza Anna Asaro, Francesca Pagano, Rosario Puglisi, Benia-dell’amore e della pietà. Natale, la festa della nascita di Cri- mino Rughi. Ragazzi: Daniele Schiavi.sto, si trasforma così in un atto di bontà e di comprensione,nel tentativo di abbattere il male dell’umanità e volgerla verso L’Accademia di Paestum premia la poesiail bene» (Angelo Manitta). Nell’austera cornice del Palazzo Vanvitelliano l’annuale incontro di poesia per l’assegnazione del Pre- mio Nazionale Paestum, giunto con il 2003 alla sua 44a edizione. Un vero e proprio avvenimento lettera- rio che supera le barriere della Provincia e della Re- gione Campania. Lo ha affermato il presidente del- l’Accademia, Carmine Manzi, ponendo l’accento sui premi come documentazione dell’attualità della poesia e come contributo alla scoperta dei nuovi talenti. Il presidente della Provincia Alfonso Andria si è fermato ad inquadrare il Premio Paestum nel più vasto quadro delle iniziative culturali che conferiscono al territorio di affermare il collegamento tra le vestigia del passato e le nuove generazioni. L’on. Tino Iannuzzi ha riper- corso il cammino dei primi 54 anni dell’attività del- l’Accademia rivedendo nelle varie tappe un fermento, sempre vivo per lo sviluppo del Mezzogiorno. Il Sindaco Giovanni Romano ha auspicato una collabo- razione sempre più intensa capace di proiettare nel futuro il patrimonio costruito da Carmine Manzi. L’intervento infine dell’on. D’Acunzi a nome del Consiglio Regionale della Campania, ha siglato i con- Gabriella De Falco e il sindaco Andrea Scarpignato tenuti dei diversi interventi, moderati dall’abilità di Luisa Trezza, presentatrice dell’interessante serata, au- Poesia in lingua italiana: Prima classificata Claudia spicando anche nel suo campo promozionale i motiviManuela Turco (Udine), con la motivazione: «In una tematica idonei e necessari per l’avvenire dell’Accademia dicome quella del Natale, indiscutibilmente importante e densa Paestum. Dai forti contenuti critici e letterari la pro-di significati ma, altresì, soggetta a facili interpretazioni e a lusione tenuta dal prof. Francesco D’Episcopo, del-scontati luoghi comuni, l’autrice Claudia Manuela Turco ha l’Università Federico II di Napoli, che nel nome disaputo cogliere una traccia di irresistibile originalità creando Masuccio Salernitano e di Alfonso Gatto ha trovato ilun parallelismo tra l’albero di Natale e la vita di ciascun es- preludio per il collegamento con le correnti umane esere umano. Albero e vita sempre protesi verso l’alto per gioi- sociali della letteratura contemporanea. Si è passatore in eterno nel trionfo della luce. Ricercata la forma, espres- quindi alla cerimonia di nomina dei nuovi Accademicisione di un lirismo attento e spontaneo» (Lucia Monaco); se- ed alla consegna dei premi speciali Paestum: per lacondo classificato Giannicola Ceccarossi (Roma), terzo classi- narrativa a Salvatore Cravotta, per la saggistica adficato Angelo Salvatori (Pomezia – RM), quarta classificata Alfredo Marro, per la pittura a Domenico AntonioAnna Cerisola (Savona). Era presente la quinta classificata Tripodi e per il teatro alla memoria dell’attore FrancoGabriella De Falco (Pomigliano - NA), premiata con la se- Angrisano di cui è stata ricordata l’opera dal figliuologuente motivazione: «Il Natale ridesta prepotentemente, nel Antonio con commosse ed elevate espressioni. La se-cuore della poetessa Gabriella de Falco, il ricordo dell’incon- rata di poesia si è conclusa con la passerella dei pre-trastato affetto nei confronti della propria nonna. Una nonna miati per le varie sezioni: narrativa, poesia in lingua eche dovette lasciare, in un lontano Natale, la terra natia con poesia in vernacolo: la medaglia del Presidente dellatutti i suoi colori e i suoi profumi. La nipote si ripromette di Repubblica a Raffaella Del Greco e medaglia d’oro ariportarla, in nome dell’amore, a quella sua terra sognata, pro- Pasqualina Iavarone, Maria Teresa Epifani Furno,prio nel giorno di Natale. Dal punto di vista contenutistico Giuseppe Isgrò, Eduardo De Biase e Marisa Santoro.emerge la notevole sensibilità della poetessa, la quale inoltre Tra gli enti patrocinatori il Ministero dei Beni edriesce sapientemente ad incanalare le proprie emozioni in un Attività Culturali, la Regione Campania, la Provinciainvidiabile contesto formale» (Lucia Monaco). Segnalazione di Salerno ed il Comune di Mercato S. Severino.di merito: Grazia Giara Lipari (MI), Antonietta Tafuri (RM), 24
    • dott. Demetrio Nunnari, sulla natura intimistica dei toniVitti, pinzau e scrissi: poesie lirici di Aristotele Cuffaro. L’ordinario è circonfuso di una luce nuova ch ene realizza l’epifania e ne scopre ladialettali di Aristotele Cuffaro vera essenza. In una sala gremitissima fino all’inverosi- di Giuseppe Manitta mile, alla fine l’autore stesso è stato invitato a leggere una poesia. La sua lettura coinvolgente e il suo timbro di Si è svolta, il 28 dicembre scorso, presso il Comune voce passionale e trainante della lirica “Matri” hannodi Comitini, la presentazione del volume di liriche dialettali di riempito completamente di emozione il pubblico, il qualeAristotele Cuffaro (Poeti nella società, Napoli 2003), alla pre- più volte ha interrotto l’autore con scroscianti applausi.senza di numerose autorità, tra cui il sindaco Antonio Contini, La serata è stata allietata anche dala delicata musica dellail vicesindaco Francesco Zambuto, l’assessore provinciale flautista Julia Di Stefano, mentre le poesie recitate daSantino Lo Presti e l’on. Vincenzo Milioto. Hanno relaziona- Chiara Alaimo e Annamaria Apa.to il prof. Angelo Manitta e il presidente del Cenacolo Ac-cademico Poeti nella Società, Pasquale Francischetti. Que-st’ultimo, dopo aver comunicato al poeta di essere stato no- Il tempo dei sospiriminato delegato del Cenacolo per Agrigento, ha parlato della di Albert Saada (Hollywood – Florida – USA)sua poesia, evidenziando che essa «in qualche modo cerca di traduzione dal francese di Angelo Di Maurofissare il rapporto dell’uomo con il proprio tempo; di giusti-ficare la tensione che le iniquità sociali fanno nascere nel suo Nel suo nido, la colomba che abbraccia la sua covata,animo, pur riconoscendo che esse sono sopraffazioni ataviche accoglie con ardore la piacevole fatica,e inevitabili in ogni tempo e in qualsiasi nazione». fiduciosa nel suo maschio e senza troppo muoversi. In silenzio uno stagno compie il suo dovere! E la sorte le sorride: nel mezzo del fogliame lei ha visto il suo salvatore alla fine del suo viaggio. Egli ritorna esausto, ansimante, pensoso; ma sulla soglia del suo nido, il padre è radioso! Affida alla madre il bottino che porta: è il prezzo del lavoro ottenuto con sacrificio. La sua anima è generosa, rinuncia alla sua parte. Sublime, durante il pasto, si mette da parte. Non potendo soffocare l’ardore che respira, di un amore infinito, egli limita il suo potere! E presto, rassegnato, fiero della sua missione, riparte pazzo di gioia, ebbro di passione. Ma un cielo tormentato gli annuncia un temporale e la tempesta esplode devastando tutto. Pieno di inquietudine, presagisce il pericolo. Sogna la sua fortuna, vuole proteggerla. Il vento è piovoso. La natura si agita.Pasquale Francischetti, Aristotele Cuffaro, Angelo Manitta L’eroe stanco ritorna allora al suo alloggio. Ma i suoi sono spariti... egli si impaurisce! L’intervento invece del prof. Manitta si è incentrato Preso di spavento e muto di stupore,su un’analisi stilistica e concettuale delle varie poesie, evi- scopre il suo nido sulla terra bagnata.denziando il rapporto tra sentimento e ragione, tra dialetto e La casa è squassata e tutto sparpagliato...tradizione. Infatti la presentazione del volume è stata anche Pieno di fervore, provato, si dibatte nell’oscurità.l’occasione per presentare alcuni prodotti tipici locali e so- Egli vacilla, impazzito, ai limiti della disperazione.prattutto far conoscere agli ospiti, gli elementi culturali di un E la madre si addormenta ricoperta di grandine,intero territorio, come il museo comunale e alcuni oggetti ed proteggendo i suoi piccoli, ma sotto un’ala inerte!immagini del nascendo museo delle zolfatare. Aristotele Cuf- Il padre è desolato. Percepisce la sua disgrazia.faro nella sua poesia pone tutto se stesso, esprimendosi attra- Si trascina, stordito, sconvolto dal dolore.verso una novità concettuale. «Questo mirabile effetto – hadetto Manitta - è il frutto dello stile brioso ed originale del E, credendo ascoltare un grido di sconforto,poeta agrigentino, impregnato di una ricerca musicale quasi un lugubre silenzio penetra la sua anima.capziosa, di un’espressività coinvolgente, di un’attenta parte- Destinando al suo Amore un eterno addio,cipazione interiore. Le rime, come le assonanze e le conso- va lontano per affidarsi a Dio...nanze, permeano l’intera raccolta di liriche, lasciando scatu- Innamorato! È così che l’amore ti maltratta.rire una delicata musicalità e suscitando una sensibilità elet- Ti ubriaca talvolta, ma spesso ti abbatte.tiva attraverso la trasformazione delle immagini in emozioni. È la speranza che vola via e il sogno con essa.Il verso è libero, benché nella silloge prevalgano senari e set- Non ti resta che subire pesantemente la tua noia.tenari: versi spezzati ed inquieti, quasi volessero rievocare Ma allora, se in questo giorno scivoli nell’amarezza,l’affannosa ricerca dell’uomo. Ed è questa la vera novità forse ricordati, infelice, di queste povere colombe.della poesia di Aristotele Cuffaro, che non ricalca schemi clas- Sottomettiti, senza gemere, alla tua sorte piena di fiele,sici, non cade nel crepuscolarismo né si fa emulo di espres- e getta con fervore uno sguardo verso il Cielo!sioni trite e ritrite». Alla manifestazione è interventuo pure il 25
    • A tal fine il coordinatore dei Centro Studi Uni-Reggio Calabria: concorso let- versum Francesco Fiorente si congeda dal pubblico con soddisfazione ed entusiasmo, rinnovando l’appuntamentoterario dedicato al bergamotto alla seconda edizione. La manifestazione, è stata presen- a cura di Franco Fiorente tata con grande professionalità da Mary Fulco, che è riu- scita a coinvolgere il pubblico e i concorrenti. La manife- Si è conclusa la prima edizione del premio di poesia stazione si è conclusa con un buffet a base di dolci alTrofeo del Bergamotto - città di Reggio Calabria, promossa bergamotto offerti dalla pasticceria di Franco Delfino didal Centro Studi Universum Calabria, con la manifestazione Pellaro - Reggio Calabria. Nell’occasione il presidentedel giorno 8 dicembre 2003 al Centro Civico di Pellaro (RC). dell’Associazione ha letto la sua poesia dal titolo:La manifestazione ha coinvolto numerosi artisti, oltre chepoeti non solo di Reggio Calabria ma di ogni parte d’Italia e Il bergamottodall’estero. di Francesco Fiorente Molto interesse ha destato tra i presenti la cono-scenza del prezioso agrume attraverso la poesia. Numerosi i A te Calabria,collaboratori istituzionali che hanno affiancato l’Associazione vorrei parlar del verde bergamotto,Culturale in tale iniziativa, tra i quali erano presenti: il Dr. come vorrei sparlare di un secondoFrancesco Crispo (Direttore del Consorzio del Bergamotto di per esportarlo in giro per il mondo.Reggio Calabria), il Dr. Alberto Cutuli (vicepresidente del- Son parole di conforto e di political’APT (Azienda Promozione Turistica) di Reggio Calabria, il a promuoverlo solo con la criticaProf. Angelo Manitta (Presidente dell’Accademia Internazio- lo si presenta,nale Il Convivio), la Dr.ssa Enza Conti (Direttrice della rivista oro verde per il mondoil Il Convivio), il Dr. Pasquale Melito (Presidente della Quin- come pure verso le Olimpiadi.dicesima Circoscrizione di Pellaro – Reggio Calabria) ed an-cora la Giuria che era composta, oltre che dal Prof. Angelo Parole povere e ricca fantasiaManitta, dal Prof. Enzo Zolea (Direttore Didattico) e dalla di chi governa e spande in ogni viaDr.ssa Francesca Elisa Nucara (Presidente della Giuria). quando non tiene denaro per pagare a chi lavora per quest’oro verde portando invece un portafogli al verde. A te Calabria, resta degrado e svalutazione del tuo salutare bergamotto volontà sarà d’ogni istituzione se ora con l’essenza resta morto. La cultura non avrà valore e nel futuro svanisce in te Calabria come il pregio del suo nome che il vento lo cancella sulla sabbia. Sull’Etna di Mario Cambi D’arida lava, intorno alla “terrazza”, nera è la terra; spicca più lontana, un poco a valle, qualche verde chiazza di fitto bosco, e l’ubertosa piana Alla conferenza sul bergamotto è intervenuto il Dr. verde, che in fondo pallida traspareF. Crispo sottolineando la validità e l’importanza dell’inizia- dalla bruma leggera di bonaccia,tiva: sia la poesia che il profumo del bergamotto danno emo- ed, oltre ancora, quasi grigio, il marezioni e forti sensazioni. Nel suo intervento invece la Dr.ssa chiuso del porto tra le lunghe braccia.Enza Conti ha messo in rapporto poesia e bergamotto, evi- Senso di vuoto e di desolazionedenziando le caratteriste del prodotto a cui il concorso è dedi- nel paesaggio desertico e lunare:cato. Dopo gli interventi si è passati alla premiazione. Ecco i secca e stepposa è la vegetazionevincitori: Sez. A in lingua italiana (tema il bergamotto): 1° sparsa qua e là sulle pendici avare.Francesca Messineo Cuzzocrea, 2° Isabella Lo Schiavo, 3° Vedi pali divelti, abitazioniUmberto Sabatini; Sez. B. in vernacolo (tema il bergamotto). sepolte dalla lava e l’irruenzaI° Bruno Ventura, 2° Margherita Laganà, 3° Minella Bellan- del vulcano: silenzi testimonitonio; Sez. C. in lingua italiana (tema libero): 1° Gioacchino della nostra arrogante imprevidenza.Amaddeo, 2° Viviana Opinato, 3° Emilia Scoleri Petrilli; Sez. Dorme il gigante, e placido il respiroD. in vernacolo (tema libero): I° Giovanni Filocamo, 2° Gae- ne appare quale lieve fumo scuro:tano Verduci. ci sembra amico; ma uno sguardo in giro di monito ci sia per il futuro. 26
    • Poesia ItalianaFinestra Monologo di teatro Morte di una farfalla di Ciro Carfora Gennaio 2004 di Antonio Greco di Luigi SiliquiniSono grandi le mie finestre. Era bellissima, stupenda;Si schiudono per lacrime Tentare l’impossibile aveva i colori dell’arcobaleno.e sorrisi. e seguire ogni volta Non volevo farla andar via,Accarezzano innocenze lo stato delle indecisioni era una stupenda farfalla,di bambini. bruciate dalla paura. mi fermai ed essa si fermò,Porgono mantelli Vorrei mettermi sempre aleggiava per non precipitare.alla vecchiaia. in aperta discussione Tentò di posarsi sulla mia mano, mentre il mondo prosegueSono dolci le mie finestre. mentre cominciava, pian piano, il consueto itinerario.Profumano di gerani Questo futuro nebuloso, ad assumere sembianze umane...e di mimose. apparso all’improvviso Ora non era più vicina a me,Lodano le stelle si staglia sullo schermo potevo vederla solo poco più in là.e la rugiada. della mia riflessione. Meravigliosa, fantastica fanciulla,Sono gentili le mie finestre. Vorrei alfine realizzare morbida, vellutata,Salutano il viandante tutti i desideri avvolta in un leggero velo bianco,e l’arrotino. trascurati e sottostimati il suo profumo m’inebriava, mi stordiva.Dissetano il passero in questa esistenza. Mossi lentamente alcuni passi verso di lei,e la formica. Nel mio quotidiano mi improvviso attore mentre le tendevo le mani,Sono grato alle mie finestre di una scena teatrale ma ella indietreggiava, leggera, soffice,che cancellano la noia ripetuta con assiduità. come a librarsi nell’aria.e l’inquietudine Nell’assordante monologo La inseguii, stavo per raggiungerla,nell’abbracciare un mondo con me stesso di certoche in fondo chiede poco. lei mi sorrise ed il mio petto già ansimava. ritroverò il dialogo D’un tratto, radiosa mi si fermò davanti, con quella donna.Tempo le presi le mani, gliele strinsi forte, Comunicherò a lei di Angelo Fedele ma un suo straziante grido di dolore le mie inquietudini per sognare l’amore mi fece rabbrividire:E se mirar dovessi entro me stesso vero e sacrosanto. «Uomo, che hai fatto? Mi hai uccisa!».sulle rovine assiso del tuo tempio, Quando calerà il sipario La guardai sgomento... povera farfalla,infante a lacrimar del mio dramma umano essa giaceva, orror per i miei occhi,desiata mano e l’abbandono suo, potrò così riscoprirlail bacio ed il saluto, tra le mie mani, morta stritolata. nel turbinio delle emozioni.ancor ti trovo e vanto e lodo e piango Inorridito balzai sul tetto gridando:fermo, ricamato tempo. «Nooo, non volevo farti male!». Silenzio! Indi mi guardai attorno,Tu, che ceselli di luci e ombre scure di Natalina Fabi Masil’orme di fuori, segni le mie mani stringevo ancora undi fuoco e di carboni ardenti e curi Straziano il cuore [cuscino...!l’animo infestato e aliti virtù, quegli squilli,coraggio, santa fede. attraversano il pianto La luce nelle tenebre quelle note. di Lucio MelilliCosì fu nei secondi, Oggi quel drapposcanditi minuti, ore, giorni, mesi, fermo a metà Si respira un’aria di trepidante attesa.così mi piace rinverdire gli anni ci ricopre tutti. Nel limpido firmamento le stelle,come se fosse l’uno. Non garrisce il tricolore, splendenti più di sempre,Mi avvicino all’eterno, lieve l’aere spira annunciano all’universocompagno che tu agogni e l’accarezza, il divino evento; e sulla terra,e verso cui distendi le tue brame. posa legger fino a ieri martoriata, sul nero nastro e piange. gli “Uomini” si concedono la tregua:Nodi d’idee Quando domani parlano e parlano di Ilaria Spina le luci saran spente di perdono, di pace, e tacerà il clamore di giustizia, di fede, d’amore.E mi ritrovo Mente Sparsa, “tss, silenzio!” È la Santa Notte! È Natale!guazzabugliando i pensieri, dormono in pace Ma all’alba di domanitra un infinito i miti eroi. si tornerà a combattere.e unomancato. 27
    • Solo un’illusione Il pavido topo Piccola foglia… di Giovanni Moschella di Giuseppe Vorraro (Rep. Ceca) di Clara ZagagliaMentre sono qui, Dalla paura trema il topolino Piccola foglia,seduto al centro della terra, alla presenza d’un bel gatto grosso. bagnata di pioggia,aspetto il domani... Perdona mio re, son troppo piccolino mi parliquando in me si accende una luce e indegno d’una lotta con un colosso. di fresco pulitodi mille colori e nel pensarti, della notte, Non affannarti mio caro subalternomi è bastato uno sguardo del silenzio ovattato, il pranzo m’ha già dato la natura,e tra noi... già un incanto è sbocciato. d’un mite mattin quindi ringraziando il PadreternoGiocavamo come acerbi bimbi di Maggio, sto in pace con ogni altra creatura.ed io non capivo che tu d’un lieve ticchettiocarezzavi il mio silenzio... Ma allora è veramente un difetto, della pioggerellina delicata….e, lentamente, mi sono accorto se l’uomo governante della terra Piccola fogliache tra le tue mani uccide un altro uomo per diletto della rosa in germoglio,un bambino è diventato un uomo. con la scusa formale d’una guerra. sei l’emblemaE noi, in compagnia del mare Quindi è meglio essere un animale del dolce misteropasseggiavamo che uccide solamente per la fame. dell’universo,sulla sabbia d’inverno. Invece l’uomo sazio il vero micidiale della quieta pacatezzaD’improvviso sparge la morte senza aver la fame. della naturala luce si è spenta, e dell’infinita poesiae ho smarrito quei colori, Natale di quella, minuta, gocciaquando di Maria Elena Di Stefano d’amor….nelle mani mi son trovatoinvano Mete profane Piccola foglia, bagnata,soltanto un filo promosse dall’uomo in te pongoche reggeva un aquilone al vento. a miti di oggi le profonde malinconieNon vorrei che tu fossi un sogno si danno convegno. dell’alma mia…solo per poter sognare...ma una realtà lontana dalla solitudine, L’assurdo esalta la mente Il risonare di antiche distanzeperché adesso sei un’illusione violando antichi valori di Franca Litterae niente più. che senza tutela piangono abbandoni. Il risonare di anticheLe stelle distanze L’uomo cammina da solo scorre lieve su prati di acacia di Iole Tuttolomondo mutando Divina Volontà e radure illimitate.L’astro potente, scende in falsità immanente Nello sguardo sereno di una madregià verso l’occaso... senza volgersi al Cielo. si incespicano gli occhiil mio sguardo lo segue, Sia il Natale [di un bimbo sedutoregistra immagini, sensazioni... Fede, Cultura, Ragione. in mezzo ai fiori L’azzurro languido della Cristo rinasce di Primavera. cupola che mi sovrasta, si per condurci al Creatore. Il ronzio di segugi penetra nelle ossa fa cupo, sempre più cupo. di anni trascorsi Si accendono i primi punti Inno al giorno e il mio pensiero è dolce e leggero luminosi... sembrano fiori di Maria Elena Di Stefano in questa casa fosforescenti, misteriosi. spenta di paura.A mano a mano l’oscurità Appena luce si espandeaumenta sempre più... il giorno ci chiama. Poesia di Natale 2003il cielo è un velluto blu. Col sole di sempre di Lia Sfilio Borina Innumerevoli sono le stelle: sorge la vita. come son belle! Palpitano... Natale: un angioletto rubicondo palpitano come il mio cuore; Giorno, luce di libertà va spargendo gli auguri sopra il mondocomunicare sanno con amore. riattiva la mente e nel silenzio della notte quieta a sospirate attese, prende un cerino e accende la cometa.Gocce di neve anima desideri, emozioni, umanità. Vola sul nostro stivale di Ornella Cappuccini e lancia un messaggio augurale Anche barboni, agli scrittori e ai poetiA prisma di cristalli d’abete afflitti, ammalati ed anche agli analfabeti.gocce di neve risplendono amano il giornoa uno spicchio di luna Ma l’angioletto rubicondo proseguimento di vita.riflessa in nastri d’argento guardando dall’alto sul mondoda rivoli del Firmamento. vede le cose nefande che son così tante: 28
    • delitti, conflitti, I fiori di Oslo Piango,non di gioia né di tristezza.paesi distrutti, di Luciana Piccirilli Mi attraversa questo fastidiosoe gente che compra venticello,inutili doni Questa sera sono ecco perché piango.per tristi e buoni; triste Le mie mani cercano di farmi strada,che mangia e stramangia la malinconia come se camminassi in una stanza buia.senza un pensiero mi invade Le mie gambe vanno piano,per chi sta digiuno davvero. la tua assenza passo dopo passo,Mi dici a che vale mi strazia. sento se c’è qualcosa di stranoil Santo Natale Chiudo gli occhi che non mi intralci la strada.se poi torneremo per ricordare Ho paura, timore, panico nella pancia,a farci del male? per vedere l’alba come si usa dire. sull’Oceano Paura di trovarmi su un bivioMi dici a che vale per bere il silenzio che non conosco,fare il cenone misterioso aspettare che arrivi qualcunocon il capitone sui fiordi battuti che mi indichima senza Gesù dall’acqua la via giusta da percorrere.che ormai non c’è più? per respirare Non è facile seguire solamente unaSenza il Protagonista il salmastro portato direzione,di questi giorni di festa dal vento la vita ci riserva mille sorprese.che ci vorrebbe per ammirare come Difficile pensare,ognuno più santo in sogno e fare solamente quello che tu vuoi,non oggi soltanto? il grande gabbiano devi ascoltare e imparare anche dagliIl dolce angioletto ad ali spiegate altri.si sente reietto: che becca il pane Non posso né aspettare,in mezzo alla siepe dalle tue mani. né avere tutto subito, veloce,di alberi adorni pazienza è una delle molte virtù.vorrebbe trovare Ascolta, Israele...! (Deuteronomio, 5,6)almeno un presepe. di Maria Stella Brancatisano MediterraneoMa invano lo cerca di Elisabetta Turanoe assai si dispera: ASCOLTA... Israele...perduta è per sempre Udivo gli inni di antiche memorie Ma Israele non ascolta... spara... sulle tue sponde di storia presente,quell’atmosfera. Uccide, insedia, sparge sangue... tra onde di vita sempre precarie,È l’alba: l’angioletto rubicondo ASCOLTA... ISRAELE...! ma... in ogni tuo scettro tra oriente e occidente.vola con ali stanche sopra il mondo Israele pian piano sta morendo... Si consumavan tra le tue costee contro i sogni della gente inquieta volti di sole e di tempesta:gonfia le gote e spegne la cometa. I BAMBINI SON MARTIRI uomini veri, d’orgoglio e paura, Il sangue si mischia... è sangue dei loro solchi sempre più fieri.Natale palestinese S’annegan passati di ruvide terre di Elena Pasquinelli o Israeliano...?!... è... sangue di uomo, nelle tue acque senza confini, donna, vecchio perdente o vincente nella mia guerraÈ giunto, miei cari, il giorno più bello, e bambino: È... sangue umano...!avvien la nascita del bambinello, mai lascerò i tuoi canti sereni.egli è disteso su un mucchio di fieno Ascolta... ISRAELE...! Mi tufferò nella tua libertàe guarda tutti con morte sereno. lungo le vie di sogni smarriti, LA VOCE DEI MORTI della tua gloria mi ergeròGuarda tutti col volto suo ridente AMMAZZATI se vana mi par la nostra vita.luminoso, come stella d’oriente Ascolta la lor voce, il canto delleed Egli, tutti vuole benedire, anime violate... A Adel Smithsapendo per noi, tanto soffrire! Ascolta... ISRAELE...! di Pasquale ChiaramidaMiei cari, dirò all’amato Bambino Non rimanere sospesa tra guerra e pace...! Che male ti fa,che vi faccia trascorrere giorni lieti quel Volto emaciato,e che, in questi dì siam tutti cheti SHALOM... ISRAELE...! stanco e dolorante,per udire le “grazie” del Divino! Deponi le armi...! con una corona di spineTutte le campane suonano a festa, SHALOM... ISRAELE... conficcata sul capo?chiamano la gente che corre lesta, Forse ti ricordasi avvicinano al Divin banchetto, SHALOM...! l’orrendo assassinioraccolti tutti sotto un solo tetto! di un Uomo Puro Mi muovoOra vi faccio gli auguri più belli dolce e innocente? di Elena Simionatoche non potete neanche immaginare, E tu vuoi toglierlo via?adesso contenti possiamo mangiare, Mi muovo, dentro questa fitta nebbia, Per delirante ignominia,e tutti insieme possiam festeggiare! i miei occhi non vedono nulla. 29
    • per tetra testardaggine, Qui lascerai le spine Lacrime gonfie.per odio e per infingardaggine. per rifiorire altrove. Abbandonate, nella stanza. L’abbandono Laggiù.Tu temi il dolce volto. del tuo grigio sudarioTu sai che Esso lascerà in me Io credorappresenta l’agnello innocente l’ombra di Rosanna Merighisgozzato per il Bene dell’umanità! di un vuoto tanto amatoQuel volto è la Vita, Io credo che molte di queste cose che… porterà con sé la mia vita,è l’Amore siano già dentro di noi la mia rabbiache trionfa sul male. e che nulla sia straordinariamente il mio dolore infinitoÈ la testimonianza [nuovo. per il qualedella tua crudeltà Provate, qualche volta, non saprò recitaree della tua malvagità. ad aprire la porta, e non avrò lacrime,Per questo vuoi annullarlo? a guardare fuori. tanta la disperazione.Non sai che nei millenni Non dobbiamo dimenticare Il tuo animo gentile, buono,il Suo prezioso volto come si fa. [dolce, altruistaè apparso ai Santi C’è un’immensa speranza il tuo amore sofferto, travagliato,ed ha cambiato il Mondo? per tutti, [per la vitaNo! La tua vendetta debole, ricca di sensibilità, coraggio, se impariamo ad amarci.sia per sempre maledetta. lascia l’eco di coscienze nereNoi amanti della Croce conficcate nel cuore. Viver d’amore per Te, Signoreovunque l’innalziamo Il calore del mio amore (A Santa Teresa di Lisieux)ed ovunque l’ammiriamo ti riscalderà e niente ci dividerà. di Rosario La Grecasia sui muri, che nei nostri cuori. Nel silenzio c’incontreremo ancora Innocente giglio fiorito appena sullo stelo, non è per noi la parola fine.Come puoi tu togliercelo? ma da sempre rivolto verso il cielo Sconfiggerò la morte offrì ogni dì con amore, dando la caccia alla tua presenzaChiediti perché i battiti e lo slancio del suo cuore; e ti avrò accanto… esistono i miracoli. di Simona Minardi tutto per Te, o Signore. Il nostro amore non ha parole... si respira. Assorta in silente contemplazione,Chiediti perché Mamma aprì l’anima ai flutti della divinaquando diventi donna [elargizione;senti la tua terra gridare... Non parole arricchendosi della Tua infinita tenerezza...e gridare non è vano... di Francesco Celi visse di grazia e di purezza,Ogni volta che fermi i tuoi passi tutto per Te, o Signore.e le canzoni... Per dar voce alle emozioni [non userò parole. Viver d’amore...è per fotografare il giorno Voglio parlarti con gli occhi; e donarsi pienamente a Te, ogn’istante,ma il tempo gli ha già offerto guarda, guarda questi rami era il suo anelito incessante,la sua spalla e il suo denaro... [secchi agli angoli, per seminar nei cuori gioia, serenitàGridare non è vano non sono rughe di espressione... e orientarli alla carità.se il grido è di bambina... chiamiamole esperienze; Viver d’amore...ma se una donna grida e trema nessun altro potrà parlarti e inceder sicura alla luce del Tuo fulgore...è troppo grande per tremare... [con i miei occhi. e riportar l’eco della Tua voce Voglio parlarti con le mani. [nel suo cuore,Allora chiediti perché Mani che hanno sfiorato il mondo. per far risuonare nel Creato,quando non sei più bambina Picchiato contro il fato, le armoniche lodi a Te, che sei l’Amato.senti la tua terra gridare... scritto sui muri “viva la libertà”Ti risponderai che nessuno... accarezzato amori,si ferma mai ad... ascoltare... ancora forti e piene di te.A Patrizia Non saranno, oggi, le parole, di Narcisa Belluomini Caleghini ma gli occhi, le mani, sguardi gesti che parleranno con teCon la mente assente per parlarti di noi.assistoal tuo finire nel nulla. SolitudineImpotente di Elvira Sessami arrendo a quest’immaginepregando Dio Nude.di lenire le tue sofferenze Sole.e confidando che questa libertà Lassù.ti ripaghi del suo costo. Sono due. Sul cuscino. 30
    • Solo tu... silenzioso ed enigmatico, Il tuo volto di Debora Murgia avrei voluto racchiuderla di Rita Valentini in giare...Forte cemento Il tuo volto scarno, Cottecaldo asfalto. il tuo sguardo che attraversa l’orizzonte nelle fornaciTu; assorbi, impetuoso invadi alla ricerca di mari tranquilli alimentate del fuocoogni confin... invano! [che non trovi, di coloroSotto te la sabbia cede, il porto dove arrancare la barca che lentamentee con lei te, così forte in superficie [sbattuta dai flutti. si consumano.ma logoro nel fondo Chi ti ha mosso i fili dell’anima Chiuderletra incertezze e paure. stracciandola a brandelli così che tu con il sigillo dell’amore non possa donarla a chiMinuscoli granelli conservarle nelle segrete [ti avrebbe amato.succubi al vento. del cuore Ad EraclitoTu; ogni metro ricorri, lontane dall’incubo di Salvatore Baiamonteimpossibile in te ogni frutto. della coscienza.Frutto di speranza Vagavo con i pugni ʔnesiv to̥ bʔouche in te aridisce sprofondati nelle tasche (Il movimento della vita)ma in cuor ardisce. fra l’erba fradicia in una campagna Il sorriso dell’estate si disperde... Cemento-Deserto malinconica e silenziosa. Raggi sfocati dall’ombra che si espande, Guerra Pace-Pace Guerra (In lontananza il frastuono riposano nel torbido torrente Bene-Male della vita) che si asciuga e si ritrae.Solo tu... la Verità! gli alberi spogli Proprio ieri i caldi colori di vogliosi frutti! mi apparivano E ciò che era delizia, ora è trascorso.All’orizzonte corpi senz’anima. E il tempo sfuma il chiaroscuro dei ricordi di Francesco Di Rocco Come spettri consumati e li risecca.All’orizzonte degli eventi invocavano pietà... Mentre il veliero dei sogni si allontana,polvere e luce alla rinfusa un ultimo gesto sospeso nel respiro,ridicolo sorgerà il canto. d’amore... ritrovo il mio silenzioSpaventoso. una giara... e vi sprofondo. un dolce sorriso…Rarefatto è lo spirito del silenzio un arrivederci. L’albadissolto groviglio di blu inesorabile di Gabriella Manzinial centro di tutte le parole.Amammo troppe malinconie Il vento (dedicato ad Elia) Dentro l’aria insonnolita del mattino,in un solo istante. di Mayra Millico non un grido.Immutabile. Svanì. Piegati su se stessi dormono i pioppi, Passi senza chiedere permesso mentre al limite del cielo,Nel tramonto irrequieto. tra i miei vestiti; il vento.Senza una storia da raccontare. esplodono mille colori di sole. Sembra che mi tocchi con la mano Il manto azzurro del cieloLa solitudine è una ballerina i capelli, il vento. va schiudendosi pian piano,sulle punte. Mi sfiori dolcemente le labbra; e l’aria si riempirà prestoDanza su corpuscoli grotteschi. entri nel mio corpo, ora le di sibili lontani,Nella deriva infinita dei vassoi anime si fondono in qualcosa mentre ovunque, si desterà il mondo.tra ruderi cosmici. che solo una persona alLabbra di donna. mondo può darmi: sei tuVermiglio cromatismo. il vento.Una giara un sorriso Questa strana estate di Giorgio Boncompagni di Ines ScarparoloAvrei voluto Giocano pioggia e solecatturare la nebbia rimbalzando sull’erbaper formare una nube e bagnandola d’oro.dove nasconderci Riflette la pozzangherapianti, lamenti profili di caseansie, paure dove ride l’arcobaleno.angosce e miserie. E mentre api goloseOgni volta mi sfuggiva. catturano corolleRimanevo a mani vuote profumate,protese nell’aria. una cicala cantaGuardavo stupito a questa strana estate.tutte le cose Robert Botto (disegno)avvolte da quel manto 31
    • Tu sei il sole Dalle crepe affaccia D I G I T A L E di Giuseppe Leonardi alla vita il verde, 01000100 01001001 01000111 che traccia 01001001 01010001Come il sole del mattino come una lunga scia di Angela Aragonache illumina il giorno di siepe posta sul nullala tua bellezza illumina la sera. a rompere del grezzo È l’era delle contusioni nervose. INVIO la monotonia. Delle metamorfosi multimediali INVIOAnche se ci sono le tenebre, In cima accanto al cielo tecnologiche INVIO.sei così bella come un sogno. il sagomar È l’era delle parentesiImmensa, infinita come l’universo di due selvaggi ulivi e dei dati tralasciati nell’archivio,Che cosa ne sarà della mia vita? di nana misura e se vogliamo il resto del mondoSenza il tuo sorriso, che nella pietra dura attraverso una finestra di Windowsnel domani il mio sarà un deserto. affondano radici. potrà essere eventualmente selezionato, Qua e là, sempre tagliato, eliminato:Erto e pieno di insidie nella scoscesa muraglia semplicemente INVIO.il tempo! Lo vorrei fermarea questa età. preziose come perle È l’era in cui l’anima distribuiti a scaglia ha il suono meccanico di tasto,II, Astri ondeggiano le ferule. il click di una scelta di Giovanni Jorio Equilibrista ardito sulla “scrivania” ad interfaccia variabile. il cappero fiorito. Ed è così che scegliamoBieca sorte scellerata, Fra tutti gli abitanti i nostri stessi inganni,hai tradito la bianca sorella della roccia, l’equo rifugionell’assenza del custode il ficodindia vive, per tutte le incomprensionidell’altare. e dalle sue spine, nella convivenza con gli altri uomini,La lirica melode sboccia. [ in mezzo.amica delle stelle PLAYER o HACKERnaviga inquieto mare, La verità solo per scommettere un attimo d’inerziae della fronda ornata di Giuliana Milone sulla rete, vetrina del mondo,fra scogli si dibatte. forse oltrepassare ogni atrio reale, Vivere per la verità venerare un pensiero e un sogno nella veritàLadra di fresco rivo nell’icona per riscattarsie dell’illusione digitale. dall’agghiacciante barbarie,che irrora dolci amori, è viverecorri per selve e fratte Addio anche nell’altro,maculando i fiori di Simona Bellone nella ragionecon l’inganno furtivo a lui spesso negata La tristezza zufola fiocadi furioso cavallo. quando un cerchio di fuoco e a ritmi arpeggiati si disperde.Tornerà dal meridione spiana È la certezza che per ogni altro addiol’astro puro di cristallo acque e silenzio ci sarà sempre come oraa brillar fra sole e stelle. e chiude ogni parola, una rocca sperduta fra le boscaglie, la verità è uno sguardo penetrante d’immenso,Il poeta trionfante pace, una frase che ripercuote le tue lacrime, di Katia De Luca frutto di giustizia, tremanti di pioggia settembrina.Taciturno viaggiatore in una vita Spera con fervoresu anonimi sentieri. degna di esser vissuta. come la mia speranza percorre lo spazio.con la sacca piena La verità è una. Gioca all’amoredi ombre e sogni quand’anche il viandante sifortunato superstite Prima della pioggia destreggerà a farlo.dalla furia dell’uomo di Ilaria Spina Pensami come l’acqua fresca ai sassi,cerca già ubriaco le felci ondulanti al vento,il calice dell’immenso. E se tutto fosse… il tempo insinuo al destino D’ali dipinte e le nostre albe saranno sereniDal mio terrazzo ciocche d’argento. [giochi d’acqua di Franco La Pica Un brusio d’api lontane. attorno alle barche sospiranti su mille gocce di sale.Roccia da millenni fusa Ed un urlo del maresulla mia testa straziato Irasovrasti minacciosa d’angoscia di Ilaria Spinacon tante crepe di bianco si cela,levigate da vento in una Sventrati,e s’erge maestosa conchiglia. o potreiove di spazio abusa. divorarti. 32
    • Il conto È un treno che passa soli ed in silenzio, di Chiara Trefiletti di Giacomo Paternò aravano le terreHo perduto il tempo Mentre sono qui, Di questa campagna, arruffata e stanca,tra le pieghe delle tue camicie a percuotermi di domande, basteranno i ragni ad intristirmi,ho perso ore all’ombra dei tuoi passi trascorre la mia esistenza con i loro intrecci a saliscendiho smarrito giorni tra l’ansia e l’attesa di paura, di indugi, di rimpianti. Il rintocco lento e amicoi sogni tra le tue cravatte dell’Ave Maria Cosa faccio,i desideri tra le tue carte mi ridona la veste, fermo in mezzo alla stazione,la mente sul tuo cielo anche se dura e sbiadita, quando non ascoltoil cuore sul terreno. della realtà: la voce vicinaPS. Li riperderei e li riperderò ancora... della notte più dolce ora almeno so che è ritornata e non colgo a palpitare la vita.Concerto ogni raggio di sole di Angela Genovesi Petronio che entra dalla finestra ‘A libertà da un’alba nuova, inutile e bella? di Carmelo PalumboEchi d’albe verginis’annullano Rimango Papà, chi è ‘a libertà?in canti d’amore solo spettatore È dda cosa c’ha futtutu menza umanità. del sincero affetto Pi idda ana morutu tanti gentinudità carezzate del mio copione, e sanu spupulatu continenti.si sgretolanoin sogni impossibili se di fronte a me stesso Pari ca l’omu non ni po fari a menu ho solo il dovere e su non l’avi è chinu di vilenu.teorie di parole di viaggiare, Pi mia è ‘na parola senza sensu,si perdono in sospiri di interpretare ciò che la vita è. fumusa comu i pampini d’incensu.di rossi tramonti L’amore è un treno che passa Si chiddu ca vulemu non sempri si po’ fariframmenti d’arcobaleno su cui devi salire, E semu sempri sutta a curriri e ammuttari,suscitano nei tuoi occhi perché non tornerà comu tu pozzu diri chi è la libertà!un concerto. Perciò apri l’aricchi e senti ‘a verità: Morire tra 1000 per riuscire a capireSpes ultima dea «L’unica e vera libertà ca resta di Josef Street (Malta) di Elvira Sessa è chidda ca c’avemu na la testa!». Morire soffocatoStrappata. da un colore La sindone de MaldénButtata. e dagli odori che emana, di Silvana Andrenacci MaldiniNegata. morire senza aver finito Sanguino. Che luce che te manna er Volto Santo l’ultima tela;Ma continuo a sognare… appitturato bene da Maldén, in ogni storia,l’azzurro del mare. te fa stordì, te spigne inzino ar pianto: in ogni immagine, gocce de sangue bianco… viè a vedé! c’è un frammentoLa dotta che non riusciremo Dar fonno scuro eppuro luccichente di Pietro Gatti1 mai a comprendere. de la rena der mare ch’è ferrosa ecchete che viè fòra fedelmenteEncomiabile e beL Realtà la Sindone de Cristo ch’è famosa!Nome, apprezzato, E di Adriano Scandalitta Quela vera e compreta sta a Torino;Zeffiro, dolce, per casT ner rimirà ‘sto quadro a tutte l’ore, Se in tiepide vasche di memorieAulico cui dà,‘l suo toT immergo teneri occhi di nostalgia pregamo qui, sentennoce vecino,Critiche su lirichE il cuore nuota come ai primordi ar ber lenzolo santo der Signore!O competenti pareR della vita Paese di polvereNobile, delicatA Felice afferro l’attizzatoio di Katia De LucaTorre nell’habitaT dal liscio camino dei ricordiInsigne della poesiA ma la fiamma della vita L’aria ha sapore di neve. si è spenta da un pezzo Anonime scritte e nella casa fredda sui muri scalcinati come bolla di sapone del paese che dorme. sale il mio respiro Non c’è tempo. Marzo guarda ancora Non sento voce 1 Acristico - Nuova ideazione la via dei suoi eremiti né odo rumore alcuno: nascosti tra luci lontane.di Pietro Gatti, composizione per la non voglio evocare autunni Sulla strada, solo polvere.direttrice Enza Conti) quando uomini amici, 33
    • Con la misma moneda Con la stessa monetaAutori stranieri di Manuel Mejia Sánchez - traduzione di Angelo Di Mauro Cambronero (Spagna)Lingua Spagnola Tu tarta de SONETOS me he comido La tua torta di Sonetti mi sono mangiato y han dejado a mi ALMA satisfecha, e hanno lasciato la mia Anima soddisfatta, rica harina salió de tu cosecha ricca farina uscì dal tuo raccoltoStagione di Feste y se volvió manjar enfebrecido. e diventò un febbrile manicaretto. di Teresinka Pereira (U.S.A.) traduzione di Giuseppe Filippone Del SONETO rebosa su latido Del Sonetto trabocca il suo battito y va en su caminar abriendo brecha, e va nel suo andare aprendo breccia,Che la nuova stagione ti porti traspasa el aire como ardiente flecha oltrepassa l’aria come ardente frecciauna febbre di speranze, y se adentro en tu ser, sin hacer ruido. e si addentra nel tuo essere, senza far rumore.un oceano di coraggio Al fijar la retina en su esqueleto Fissando lo sguardo nel suo scheletroed un’enorme ambizione di libertà. y verlo en su estructura tan completo, e vedendolo nella sua struttura così completo,Che la nuova stagione possa aggiungere el paladeo de ésta se enfatiza. il sapore di questa si enfatizza.negli alti palazzi della tua Camino del cerebro, raudo asciende; Verso il cervello, rapido ascende; [immaginazione, y al verse encaramada se sorprende al vedersi inerpicata si sorprendesemi di fragrante primavera de estar en esa rampa levadiza, di stare in quella rampa levatoia,la cui altezza metta radici nel tuo cuore. II IIChe le campane e gli applausiper l’anno nuovo risuonino lanza el vuelo desde ella sobre el viento lancia il volo da lei sopra il ventodi augurio di realtà prodigiose para sobrevolar de uno o otro lado per sorvolare da uno o un altro latoe che splendide e grandi el río, de SONETOS salpicado il fiume, di Sonetti spruzzatoavventure ti configurino presto a calmar la sed del más sediento. presto a calmare la sete del più assetato.un futuro illuminato Ya vista esa corriente en movimiento Vista già quella corrente in movimentoe traboccante di amore. tras explorar el caz y su calado, dopo aver esplorato il canale ed il pescaggio, junto al borde a beber se hubo quedado, giunto al margine a bere era rimasto,Elogio para un gato decidiendo tomar más tarde asiento. decidendo di prendere più tardi posto.que pasa tras la muerte di Carlos Chacón Zaldivar (Cuba) El brillo de los VERSOS contemplaba La lucentezza dei Versi contemplava y el flujo musical lo acariciaba ed il flusso musicale l’accarezzava con su enfoque silente y previsor. con il suo focalizzare silente e previdente.Muy terco tras su danzarvuelve a la página el gato Si beve sorso a sorso la cadenza Se bebe sorbo a sorbo la cadenciagruñe su ira en arrebato al fine di assaporare la viva essenza a fin de paladear la viva esenciay se echa sobre mi andar. ed il battito febbrile della sua dolcezza... y el latido febril de su dulzor...Miro la muerte pasar Artigianocual sombra que pide clientes, Artesano di Manuel González Álvarez (Spagna) Traduzione di Angelo Di Mauroy el gato de ojos ardientescubre sin tiempo mi verso He quemado la nave, Ho bruciato l’imbarcazione,y se queda blanco y terso la barca que lleva mis versos la barca che porta i miei versiclavando en mi voz los dientes. boga ya por el mar sin velamen voga già per il mare senza veli donde arden mis sueños. dove ardono i miei sogni. Quisiera ser artesano de palo y azada, Vorrei essere artigiano di manico e zappa,Elogio per un gatto esculpir dioses a mi antojo, scolpire divinità a mio piacere,che va oltre la morte cantos de navaja. canti di coltello. Artesano de brisa y tonada Artigiano di brezza e canzonetta traduzione di Angelo Di Mauro que inunde los valles che inondi le valli mueva los maizales, muova i campi di granoturco,Molto ostinato oltre il suo danzare y el helecho adorne e la felce adornivolge la pagina il gatto quando cade il meriggio. cuando cae la tarde.mostra la sua ira nell’impeto Artigiano di sogni Artesano de sueñose si getta sulla mia strada. che si affanna e che crea, que brega y que crea, que forja ilusiones che forgia illusioniGuardo la morte passare allá en la alta aldea. là nell’alto villaggio.come ombra che cerca clienti, Artesano rudo Artigiano rudee il gatto dagli occhi ardenti que quemo la nave che brucio l’imbarcazionecopre senza tempo il mio verso para hacer barquitos, per fare barchette,e rimane bianco e terso versos de madera versi di legnoinchiodando nella mia voce i denti. que esculpió una tarde... che scolpì un meriggio... 34
    • Miguel Martinez Marquez: Dario Rossi (Argentina)La Revista trad. di Angelo Manitta di Angelo Manitta -I- La Revista, è una prestigiosa rivista argentina, che Se han perdido Si sono persitratta argomenti culturali di un certo interesse ed è punto di de nuevo las cosechas di nuovo i raccoltiunione degli scrittori argentini. Direttore ne è Miguel Marti- porque la lluvia perché la pioggianez Marquez, Presidente della Commissione direttiva Antonia insiste, insiste,Izzo, di origine Italiana. Negli ultimi due numeri è stato dato en caer nel cadereampio spazio alle iniziative del Convivio con la pubblica- sólo solamentezione della traduzione dei testi sul manifesto letterario, coor- en los campos de batalla. sui campi di battaglia.dinati da Angelo Manitta e tradotti da Antonia Izzo, l’inizia- ....................................... ....................................tiva che vuole smuovere le acque dell’arte e porre un punto di Miro al cielo Miro il cielodiscussione e di confronto tra i vari autori. Tra gli altri scritti y me reconozco e mi riconoscodi un certo interesse della rivista sono da ricordare: Emilio en el dolor nel doloreSosa López, Apuntes para una biografia, testo di Gaspar Pio de los dientes apretados. dei miei denti stretti.del Corro, El universo de Borges, testo di Luz Samanez Paz, ...................................... ..................................Presidente dell’associazione dei Poeti di Cuzco, in Perù, Laficción, la historia y el policial en las novelas de Dámaso Ya no hay olor Non c’è più odoreMartinez, testo di Susana Chas. de olivos, di ulivi, Miguel Martinez Mar- humo y azufre fumo e zolfo quez, oltre ad essere di- en los cañaverales. nei canneti. rettore de La Revista, è anche uno studioso. Ha - II - al suo attivo diversi Los mayores Gli anziani saggi, tra cui El celi- discurren: discorrono: bato di Beethoven, di cui Los hombres, el honor, gli uomini, l’onore, riportiamo in sintesi le las mujeres, la vida, le donne, la vita, linee guida. La vita la guerra, una sombra la guerra, un’ombra sentimentale di Ludwig entorpeciendo intorpidendo Van Beethoven è stata los mas sencillos actos i più semplici atti spesso oggetti di di- de la casa. della casa. scussioni, per la sottile e soggettiva opinione che Y el hambre, E la fame, ciascuno ha rispetto al omnipresente onnipresente, suo celibato. Avendo fuera de toda discusión. fuori di ogni discussione. trovato una vasta docu- «Se irán primero «Andranno via primamentazione, tra carte olografe, note e memoria di terzi (diari los menores, i più piccoli,intimi) l’autore ha voluto semplicemente trarre le con- porque los niños perché i bambiniclusioni. Ma l’obiettivo del volume è semplicemente far co- en su mirada clara, nel loro sguardo chiaro,noscere, per quanto sia possibile, le confessioni contenute nei conservan la alegría». conservano l’allegria».suoi scritti, e soprattutto il contenuto spirituale che l’autore havoluto lasciare nel testamento che nel 1800 ha inviato ai suoi Nosotros, Noifratelli, confessando per la prima volta i suoi mali nascosti... estamos convencidos siamo convintiMiguel Martinez ha presentato una sintesi dei diversi autori que lo peor che il peggioche hanno scritto sugli aspetti più intimi dell’esistenza del nos estará pasando. sta per passare.musicista, sulla sua esistenza negativa a partire dalla suaprima moglie, da sua madre Maria Maddalena Kaverich, chegli ha trasmesso tutte le amarezze della vita, fino alle incom- Dimas Coello, scrittore spagnolo delle Isoleprensioni della sua adolescenza con le ragazze della sua età e Canarie, articolista e collaboratore del giornaledel suo tempo. È sembrato ugualmente necessario presentare “El día” nel supplemento culturale periodica-questo compendio con una disposizione cronologica, anche se mente pubblicato ogni giovedì, ha ottenuto ila volte lo schema salta per vari motivi. In questo contesto in titolo di “Guardia Nobile degli Hohenstaufen”fine è stata analizzata scrupolosamente la visione di alcuni con il grado e il rango di “Cavaliere d’onore”aspetti di questa sua vita, vista attraverso una particolare ana- dell’Associazione nazionale dei Cavalieri dellisi psicoanalitica. Può nascere da quest’analisi qualche deme- Corpo delle Guardie Nobili degli Hohenstaufen.rito sul personaggio, ma l’obiettivo non era quello di denigra- Il titolo è stato assegnato «per i suoi lavori let-re una così nobile ed eccelsa figura. Il volume si svolge nei terari ed artistici, specialmente di tema reli-seguenti capitoli: Sostrato cronologico delle informazioni rac-colte, L’amore come musa ispiratrice, Analisi psicanalitica e gioso».Conclusioni. 35
    • FranceseGece yarisi çocuklari Les enfant de minuit Il bambino di mezzanotte di Üzeyir Lokman ÇAYCI Traduit par Yak-up YURT traduzione di Angelo ManittaIçlerinde suskun bir savş anisi Un souvenir de guerre silencieux en eux Un ricordo di guerra silenziosa in loroDizierinde yorgunluk Une fatigue dans leurs genoux Una stanchezza nelle loro ginocchiaGüneşin önünde diz çöküyorlar Les enfants de minuit I bambini di mezzanotteGece yarisi çocuklari ... S’agenouillent devant le soleil... Si inginocchiano davanti al sole... Gözlerine tikanan Celle-ci est une Questo è uno Binierce aģridan Des milliers de douleurs Dei mille dolori Birisi bu ... Couvrant leurs yeux... Che coprono i loro occhi... Ay işiģina susamşçasina Comme s’ils avaient soif du clair Come se avessero sete del chiaro Gökyüzüne benzeyen De la lune comme une goutte Della luna come una goccia Bir damla gibi Ressemblant au ciel Che somiglia al cielo Karanlikta yürüyorlar Les enfants de minuit I bambini di mezzanotte Gece yarisi çocuklari... Marchent dans le noir... Camminano nel buio...Düşünceli insanlara siģmaz La tombée de la nuit La caduta della notteGecenin inişi Ne peut laisser les sensibles indifférents Non può lasciare indifferente isensibiliBilmem kaçinci yil sonra Je ne sais après combien d’années Non so dopo quanti anniGörüyorum onlari Je les revois Li rivedoYine aģliyorlar Et ils pleurent encore Ed essi piangono ancoraGece yarisi çocuklari... Les enfants de minuit... I bambini di mezzanotte...L’éternel retour L’eterno ritorno Laisse-toi de Serge Lapisse Trad. di Angelo Manitta di Darma Silvain Gaourang (Ciad)Je suis là, Sono là, Laisse-toi fondreDans l’ombre de mes nuits, Nell’ombra delle mie notti, entre mes mains, bien-aimée,Qui n’en finissent plus Che non finiscono più comme du beurre de karitéD’anéantir ma vie. Di annientare la mia vita. sur un tison de Glaouka. Tu n’es plus Tu non sei più Laisse-toi fondre Qu’un vague souvenir Che un vago ricordo entre mes bras, bien-aimée, Qui scintille Che scintilla comme un glace sur une braise. Au reflet des étoiles. Al riflesso delle stelle. Coule entre me doigts, bien-aiméePourtant j’ai si mal Tuttavia sto così male comme la moèlle préparéeSans ton coeur Senza il tuo cuore pendant des soleils,Au mien jadis uni Un tempo unito al mio de l’os compact du boeuf kouri.Dans la paix de notre histoire. Nella pace della nostra storia. Glisse entre mes bras, bien-aimée, Toutes les femmes Tutte le donne comme le silure de Gartchoutchou, Me parlent de toi Mi parlano di te [de Didi... Dans leurs élans Nei loro slanci de tous tes marigots sacrés Où je crois te saisir. In cui credo afferrarti. [de mon enfance.Tu es venue d’un ailleurs Sei venuta da un altroveAuquel j’aspire ... te rejoindre, dove aspiro... raggiungerti, LasciatiIntemporelle nymphe Immateriale ninfa traduzione di Angelo ManittaDe l’au delà. Dell’aldilà. Un jour... dans la clarté Lasciati sciogliere Un giorno... nella chiarezza D’une aurore qui s’étend, tra le mie mani, amata, Di un’aurora che si distende, Pauvre vagabond... je te reverrai come il burro di carità Povero vagabondo... ti rivedrò Nos âmes se mêleront à jamais. su un tizzone di Glaouka. Le nostre anime si mescoleranno Lasciati sciogliere [per sempre. tra le mie braccia, amata, come ghiaccio sulla brace. Uzeyir Cola tra le mie dita, amata, Çaucy come il midollo preparato al sole Ragazza dell’osso compatto del bue kouri. (matita Scivola tra le mie braccia, amata, su carta) come il pesce gatto di Gartchoutchou, [di Didi... di tutte le paludi sacre [della mia infanzia. 36
    • Pauvres soldats Poveri soldati Le Poème di Paul Molinier (Francia) traduzione di Angelo Manitta de Guy CréquiePauvres soldats perdus Poveri soldati perduti Les mains de l’hommeDans de grandes batailles nelle grandi battaglie Façonnent le poèmeIls auront répandu, avranno sparso, Mais elles ne peuvent le contenirDans la boue, leurs entrailles. nel fango, le loro viscere. Posé entre nos mainsNi vaincus, ni vainqueurs, Né vinti né vincitori, Soumis à nos yeux impatientsQuimporte les médailles che importano le medaglie Exposé aux vibrations du corps,Pourvu que dans nos coeurs purché nei nostri cuori Aux battements accélérés du coeurRevive la Victoire riviva la Vittoria Le poème dérange nos impressions,[Et pour si peu de gloire] [e per sì poca gloria] silences, fuites,De nos espoirs déçus! delle nostre speranze deluse! Nos assurances et nos certitudesVainqueurs et solitaires, Vincitori e solitari,Parce qu’ils ont perçu perché hanno percepito L’horizon promisLe prix de cette terre il valore di questa terra Est parfois bouleverséIls crèvent... Poussière ! si spengono... polvere! Sa vacuité chancelle Le repère recherchéGénéraux victorieux Generali vittoriosi Est parfois dérangéTout couverts de médailles, tutti coperti di medaglie, L’humanité sort renforcéeSous les assauts furieux sotto gli assalti furiosi De ce défi d’altérité.D’une immense racaille di un’immensa gentagliaS’écroulent tous vos rêves, crollano tutti i vostri sogni, La PoesiaEt votre joie fut brève. e la vostra gioia fu breve. traduzione di Angelo ManittaDe partout, ils sont venus, Dappertutto, sono venuti,Fantômes en guenilles, fantasmi in stracci, Le mani dell’uomoEnfants couverts de sang, bambini coperti di sangue, elaborano la poesiaViols de jeunes filles, stupri di ragazze, ma non possono contenerla.Femmes aux bras tendus, donne dalle braccia tese,Ils navaient plus le temps non avevano più il tempo Posta tra le nostre maniNi d’écouter, ni de croire né di ascoltare, né di credere Sottomessa ai nostri occhi impazientiVos mensonges de foire. le vostre menzogne da mercato. esposta alle vibrazioni del corpo,Voyez! en rangs serrés, Vedete! In righe strette, ai battiti accelerati del cuorePar milliers, ils déferlent. per migliaia, si infrangono. la poesia travisa le nostre impressioni,Ils voulaient cette paix, Volevano questa pace, silenzi, fughe,Mais ils sont enferrés. ma si sono compromessi. le nostre sicurezze e le nostre certezze.Les gouttes de sang perlent. Le gocce di sangue brillano. L’orizzonte promessoDos courbés sous le faix, Schiene curvate sotto il peso, è sconvolto talvolta,Ils ont bien mérité hanno meritato bene la sua vacuità vacilla,Un peu de cette liberté un poco di questa libertà il riferimento ricercatoQue vous aviez promise che avevate promesso talvolta è travisato,De toute éternité di ogni eternità l’umanità esce rinforzataQue vous n’avez remise. che non avete riportato. da questa sfida di diversità.La guerre, votre guerre, La guerra, la vostra guerra,Mais partez donc la faire ma partite dunque per farla,Nous n’avons plus de sang non abbiamo più sangueNous n’avons plus de larmes non abbiamo più lacrimePour crever sur les champs per morire sui campiDe batailles. di battaglie.Nous ne voulons pour armes Non vogliamo per armiQue les joies, que les champs che le gioie, che i campiDes batailles di battagliaDe l’amour dell’amorePour toujours. per sempre.Désire Desiderio trad. di Mohammed Mafhoum di Patrizia ColajanniLe tonnerre hurle sa voix : Il tuono urla la sua voce:tout les gens l’entend, la odono tuttiils ont terriblement peur. e si spaventano terribilmente.Si je naissais encore une fois Se nascessi un’altra volta Giovanni Carpignano, Ala dellaj’aimerais avoir un chat. vorrei un gatto. Memoria I (Acrilico su carta, cm 35x25) 37
    • Jean-Claude Leroy Louis SavaryJean-Claude Leroy è associato a ben 33 accademie nazionali Louis Savary, Le Théâtre (ed. Arcam – Francia 2003).ed internazionali, tra cui Il Convivio, e fa parte di numerose Si tratta di una serie di haiku di teatro dalla strutturaAssociazioni letterarie. Ha ottenuto diversi riconoscimenti. In diversa e costituiti da 4 versi di sei sillabe. La caratte-particolare nel 1996: Penna d’oro del romanzo (Roma e La ristica dei vari componimenti è che cominciano tutti con “C’est...”. Si tratta di motti di spirito, di battute scher-Spezia – Italia), medaglia di bronzo Nazionale per la lettera- zose, di pensieri profondi, di riflessioni filosofiche. Essitura a Bordeaux (Francia). 1998: Medaglia d’argento per la rispecchiano esattamente il suo autore, Savary, che sa iro-letteratura in Francia; Diploma di Accademico e di Merito nizzare su se stesso: Savary, ça varie. È vario? «No, as-dall’Accademia Trinacria (Italia); Diploma Arthur Rimbaud solutamente – risponde l’autore, - è al contrario monoto-et Paul Verlaine dall’Accademia internazionale Francofona no, ripetitivo, ostinato, ossesso. Se riporta qualche haiku(Francia). 1998: Penna d’oro del romanzo (Austria). 2000: per averne un’idea:Penna d’oro del romanzo a Old Saybrook (U.S.A.). 2002:Penna d’oro del romanzo Kyoto (Giappone). 2002: Primo ar- C’est un acte qu’on pose È un atto che si ponetista per la letteratura dall’Accademia Ferdinandea con diplo- en face d’un public di fronte ad un pubblicoma d’onore Jacques Prevert, Bertold Brecht e Trilussa. 2003: dans un cadre réel in una cornice realeeletto Cavaliere Accademico (Basilica di Firenze - Italia). d’apparence onirique. di apparenza onirica.Souvenirs amers C’est une contraction È una contrazione de vieux muscles meurtris di vecchi muscoli contusiJe regarde le pont où tu m’embrassais souvent quand la mémoire infirme quando la memoria invalidaLe pont reste et le temps passe a fait le mauvais tri. ha fatto la cattiva scelta.Nos baisers sont bien loinSoudain des larmes coulent à mes yeux C’est un miroir sans tain È uno specchio senza fogliaÔ regrets des heures charmantes du côté imprévu del lato imprevistoQui trop vite, hélas ont passé et celui qui croit voir e ciò che crede vedereTu n’as pas sû attendre chère trépassée est celui qui est vu. è ciò che è visto.Les promenades sur la grève tout n’est qu’oubliJ’ai fait mon deuil de toiEt toutes ces choses qui nous avaient unisCes mots que je répète hurlant au fond de moi Michelle CaussatTon regard fixe était déjà là-basTu n’avais plus l’espoir, ni la foi Michelle Caussat, Le petits sortilèges. Si tratta di unaLa tristesse m’affole piacevolissima composizione, dove l’elevatezza lirica èEt je ne saurais vivre où tu n’es pas fusa all’emozionalità interiore e alla perfezione stilistica.Toi qui as choisie la mort, sais-je pourquoi Se ne riporta una breve parte:Non tu n’étais pas assez forteMaintenant mon coeur hurle la douleur Il est si loinSont mal de toi. Dans les champs de sève blonde Les petits grains sucrés des mûresRicordi amari traduzione di Angelo Di Mauro Sur l’aile diaprée des oiseaux Sur l’ongle de diamantGuardo il ponte dove spesso mi baciavi, Sur la rosée des moussesil ponte resta ed il tempo passa,i nostri baci sono ben lontani. Il viendra un soir d’anges diaphanesImprovvisamente lacrime scorrono dai miei occhi. J’ôterai l’escargot de l’arrosoirOh rimpianto di ore meravigliose Je m’assoirai dans la lumière.che troppo rapidamente, ahimè, sono passate!Non hai saputo aspettare, cara trapassatale passeggiate sul greto, tutto è solo oblio.Ho pianto per te È così lontanoe per tutte queste cose che ci avevano unito, Nei campi dalla linfa biondaqueste parole che ripeto urlando in fondo a me. I piccoli grani zuccherati delle moreIl tuo sguardo fisso era già laggiù,non avevi più la speranza, né la fede. Sull’ala arabescata degli uccelliLa tristezza mi spaventa Sull’unghia di diamanteed io non saprei vivere dove non sei, Sulla rugiada di schiumetu che hai scelto la morte, io so perché. Verrà una sera d’angeli diafaniNo, tu non eri abbastanza forte. Toglierò la lumaca dall’innaffiatoioAdesso il mio cuore urla il dolore, Mi siederò nella luce.sto male per te. 38
    • stesso. Da ciò scaturisce l’amore, pure questa una parolaClaude Luezior: dai mille risvolti, un suono che porta un simbolo e mille connotazioni oggettive e soggettive, come si evidenziaIl cercatore d’oro dalla seguente poesia: «Questa parola / Senza orpelli / Senza lotta / Per il potere / Questa parola / Nuda / Che di Angelo Manitta dimenticheremo / Di battezzare / Questa parola / Che si «Si può pensare solo con le parole, cioè in immagini. invoca / Talvolta / Amore».Per questo le parole dominano il mondo e le idee apparten- La poesia di Claude Luezior non è però solo teo-gono, nella loro azione diretta, alle parole». Quest’espres- ria e filosofia della parola e dell’emozione, non è purosione dello scrittore e saggista tedesco F. Blei, pone l’accento estetismo, è anche lotta sociale e sa calarsi nella realtà.sulla parola, quale elemento essenziale di comunicazione, ol- «Senza mai dimenticare un profondo intento estetico etre che di riproduzione di immagini. Se i geroglifici già danno senza offuscare la luce della speranza, l’opera di Claudel’idea dell’immagine e quindi limitano la fantasia, la scrittura Luezior rivela un coinvolgimento incisivo. Interroga ialfabetica al contrario porta all’immaginazione e soprattutto ‘centomila burocrati sensibili al peso delle mazzette’ etravalica il pensiero, in una perenne ricerca interiore che non ‘quegli stessi che hanno completato l’opera della nostravuole annichilire l’uomo, ma lo vuole spingere al confronto distruzione con colpi furtivi di grimaldello’».con gli altri in un dialogo costruttivo e immaginifico. «I puntidovranno diventare virgole e le virgole immagini affinché il Le triangle de Venuspoema spicchi il volo», conferma infatti Claude Luezior (poe- de Jan Thierryta francese, romanziere e narratore che ha al suo attivo ben Cueillir sa douce roséeventi pubblicazioni, oltre a numerosi articoli di carattere Un matin de fin d’étéscientifico, dal momento in cui è neurologo), nella sua recen- Quand nos corps enlacéste silloge dal titolo Il cercatore d’oro (trad. dal francese di Sont de l’amour epuisésRoberta Ricca - L’Harmattan Italia – Torino 2003. Titolo ori- Nos ardeurs helas ereintésginale: L’orpailleur Poèmes et aphorismes). Dune nuit aux assauts répétés La scrittura, e quindi la Ce combat maintenant arreté parola, è una pura con- Trêve enfin pour des corps fatigués venzione. É l’uomo poi Le sommeil on a la necessité che deve trovarci l’im- Pour retrouver notre lucidité magine. Il titolo del li- Mon coeur rompu a eclaté bro non è altro che una Vaincu par ses assauts répétés metafora dell’uomo che Mon corps est las et blessé setaccia il vero senso Par ce combat tant apprecié delle parole, ne svisce- De repos, elle ne veut accorder ra il significato, per tro- A son amant aux elans brisés vare poi quelle petite Il me faut cueillir sa rosée d’oro che sono i silenzi En ce matin de fin dété dell’anima, i tesori na- Dans son triangle de volupté scosti del sentimento, il Ma liqueur sest deversée . silenzio prezioso dellariflessione. La parola solca allora lo spazio infinito e il tempo Il triangolo di Venereindefinito. L’uomo medita e si strugge, ricerca le mille scheg- traduzione di Angelo Di Mauroge perdute per metterle insieme, quasi per ricostruire un mo-saico di pensieri. Il rapporto con la società diventa allora con- Cogliere la sua dolce rugiadaflittuale. Il ricordo e la memoria spezzano i sentimenti. «Il di- Una mattina di fine estatesamore è una bestiola che si nutre di occasioni mancate». La Quando i nostri corpi abbracciatiricerca diventa un labirinto, un riscoprire la barbarie insita Sono d’amore esauritinell’uomo e l’orgoglio di non accettare i propri limiti. La Pa- I nostri ardori ahimè spossatirola viene così crocifissa, tormentata, eliminata, abrogata; ma per una notte dagli assalti ripetutiè sempre la Parola., che dà potere fisico e morale, che rappre- Questo combattimento adesso finitosenta la speranza del futuro, che promette grandiosità. In È tregua infine per i corpi stanchiquesta sua lotta continua con l’altro, l’uomo cerca la libertà. Del sonno si ha la necessitàAlla fine però scopre che pure questa, pur essendo slanciata Per ritrovare la nostra luciditàoltre il silenzio e lo spazio, è elemento virtuale e sog-gettivo. Il mio cuore rotto è esploso La parola però porta alla poesia, alla metafora, all’in- Vinto dai suoi assalti ripetuticantesimo, alla parabola. Penetra soprattutto l’anima per rac- Il mio corpo è stanco e feritochiudere tutti i sensi dell’uomo. Diventa astrazione di se stes- Per questo combattimento così apprezzatosi, quasi preghiera, in un grido interiore, in un’unione con la Riposo non vuole accordaredivinità che attende il disfacimento dell’uomo. Ma l’uomo si Al suo amante dagli slanci spezzatirifugia nella preghiera, una preghiera laica, quasi ricerca, ed Mi occorre cogliere la sua rugiadaegli scopre che può trovare dei veri tesori solo in se stesso In questa mattina di fine estatequale misura per gli altri e negli altri quale misura per se Nel suo triangolo di voluttà Il mio liquore si è riversato. 39
    • Entrerò… Albanese nei labirinti delle grotte per vedere il bacio delle stalattiti,Babai che cadono nel dolore di ghiacciaio. di Faslli Haliti Correrò… nei tramonti dei negri,Vdiq babai. nei fiumi perdenti del futuro.Bota s’i uli flamurët, Volerò…Vetëm ne, bijtë dhe nëna uli kokat ulëm, sopra le montagne,fqinjët fikën radiot deri vonë, con la grande speranzafëmijët e lagjes nuk erdhën atë ditë di diventare il mio cuoretë luanin në oborrin tonë. di sangue, nel sole bruciato.Vdiq babai. Vivrò…Bota s’i uli flamurët. sulla fiamma.Dhe ne qejfi s’na mbeti.(nuk kishte përse,bota të ulte flamurët për të). Aleksandër Çipa: la poesia diNe keq nuk na erdhi aspak Fuggitivi rimastiQë bota babanë nuk e qau,por mirë na erdhi sa s’ka di Miranda Haxhiaqë bota babanë s’e shau. Appena prendi fra le mani questo volume di poe-Il padre sie, tutte le cellule del cervello si mettono in movimento. Traduzione di Miranda Haxhia Tutti gli impulsi concentrano il nostro sguardo sulle pagine del libro Fuggitivi rimasti. Quando il pensare è accompa-Mio padre se n’è andato. gnato da una concentrazione, allora i pensieri hanno un or-Le bandiere non hanno chinato la testa. dine logico e vengono di conseguenza; ogni pensiero scorreSolo noi ci siamo inchinati al dolore. come una conclusione del pensiero precedente. Letto il ti-I vicini hanno spento la radio sino a tardi. tolo, ci chiediamo: l’autore è fuggito o e rimasto? Le poesieI bambini del quartiere non vennero quel giorno di questo libro esprimono il mondo reale, che noi dobbiamoa giocare nel cortile. attraversare e trasformare. «Fin dai tempi antichi, - dice Pol Elyar - la poesia è la lingua che canta e credo che questa nonMio padre se n’è andato. cambierà mai».Le bandiere non hanno chinato la testa.Noi non soffriamo per questo Ikanakë të mbetur…(non c’era nessun motivoperché le bandiere piangessero). Pelegrin i vetmisë shkel lehtë vetminë,Noi non soffriamo e largët rruga për ikanakët e shkretë.perché il mondo non pianse per mio padre. Në vise të tilla ku veç ikjet rrinë,Gioiamo perché nessuno gjithnjë eleggi mungesash do të ketë…lo ha mai insultato. rënduar rënkimesh dhe ikje në kollë, në fije mushkrish ajri i Botës ndotet,Straniera nella mia terra fati i pelegrinit gjithnjë shkon fjollë di Miranda Haxhia ikanake, e vyshkur jeta që s’të soset. Abys i vërtetë në fatin e terrur, pa sySulla canzone scivola Dhe në ikje, shton dritë për të parë;il mio gemito, të dy ikanakë, por sërish të mbeturfuori la neve cade in silenzio, në mortin e ikjes së parë.come miliardi di farfalle morte.Straniera sono nella mia terra. Fuggitivi rimastiVivo come un eremita…. traduzione di Miranda HaxhiaI bufali anneriti delle nuvole,perseguono i miei passi uccisi Pellegrino della solitudine che calpesta dolcementealla fine dell’aeroporto, la solitudine, lontana la strada per i poveri fuggitivi.gli occhi tante volte mi affogano. Nei paesi dove solo le fughe rimangono,Vento del sud mi accarezza, sempre queste elegie mancheranno…gioisce con me un aero,come un soldato sul letto gemiti pesanti e dolorose fughe,quando arriva l’ultima guerra. nei polmoni l’aria del mondo si sporca Piangerò… il destino del pellegrino è sempre buono, come ogni volta, vecchia fuggitrice – la vita che non finisce. con pochi soldi in tasca, Cieco fuggitore del destino perfido con la tristezza nel bagaglio, nella partenza, trovi la luce, con le lacrime abbandonate tutti e due fuggitivi, anche se rimasti sulla canzone della mia terra. nel gemito della prima fuga. 40
    • Portoghese Aparecida Mariano de Barros: l’universale armonia di Angelo ManittaSueli Aparecida Teixeira: Aparecida Mariano de Barros, nata ad Artemis,Uma História Prohibida nel distretto di Piracicaba-SP, in Brasile, è associata a 37 entità culturali del Brasile e dell’estero. Ha partecipato a Inizialmente tengo a precisare che per me è una numerose antologie e collettive. Il suo nome figura in 5grande sorpresa il fatto che Sueli Aparecida sia una scrittrice, dizionari culturali e in uno di musica. Ha avuto diversidal momento in cui fino ad ora l’ho conosciuta solo come prestigiosi incarichi. A Jundiaí è stata presidente dell’Ac-poetessa. Soffio di umanità in Uma História Prohibida (Edi- cademia di lettere, Segretaria dell’accademia femminile ditora Alba – Brasile 2002). Tutti i suoi sensi, mani, occhi, boc- arte e di lettere, Presidente della Commissione municipa-ca, gesti, sono stati sempre rivolti alla poesia, al sonetto e alla le del Folclore, Agente culturale. Ha ottenuto diversi pre-vita poetica quotidiana. Tutto ad un tratto in Uma história mi sia in Brasile che all’estero. É cronista, narratrice, tro-prohibida, con inimmaginabile forza narrativa, fa scaturire vatore, poetessa ed ha collaborato e collabora con nume-una intensa filosofia che è vero soffio vitale di umanità. E rose riviste. Ha pubblicato ben otto libri ed ha scritto laSueli Aparecida sviscera il ritratto umano di E.T, che un prefazione a 19 volumi di altri autori. Attualmente è dele-giorno è giunto a Varginha, città brasiliana del Minas Gerais. gata del Club degli scrittori di Piracicaba. Una sua bio-Si nota subito intanto che l’autrice ha letto tutto ciò che è grafia ha scritto il poeta Rudolfo Colho Cavalcante. Re-stato scritto sull’E.T. di Varginha, che ha parlato con ufologi cente è la pubblicazione del volume À sombra da painei-interessati alla faccenda, con gente che ha partecipato all’e- ra. La raccolta di poesie, pone l’accento sul ricordo e sul-vento extraterrestre, con testimoni, ricercatori, editori, scritto- la descrizione di alcuni elementi naturali. In questo con-ri e persone comuni; ha consultato interviste a riguardo, ha testo le emozioni e i sentimenti si fanno forti e pregnanti.cercato documenti che si riferiscono all’inusitata visita di que- Il canto degli uccelli diventa universale armonia, il fo-st’essere spaziale ed ha scritto, con coscienza, Una Storia gliame del bosco note musicali che toccano le nostre orec-Proibita, una storia seria, ben costruita e soprattutto dalla pia- chie come una canzone naturale. La poesie di Aparecidacevolissima lettura. L’essere descritto da Sueli Teixeira, non Mariano de Barros, non ci lascia indifferenti, anche quan-ha nulla di diabolico. E.T, con il quale l’autrice è convissuta e do ad essere ricordata è una data storica, i 500 anni della cui anima potrebbe perfettamente alterare il nostro mondo, Brasile. Si tratta di una sintesi di eventi e di emozioni, diè venuto per aiutarci ad emergere quali autentici individui. É storia e di orgoglio patrio visto sotto l’aspetto religioso edvenuto per ricomporre la fiducia dell’uomo nei suoi simili. E umano, ma soprattutto nasce l’augurio di un nuovo mil-una delle sue virtù essenziali del suo soggiorno sulla terra è lennio diverso e un futuro prospero e felice per una dellel’amicizia. Il testo ha tutti gli ingredienti dei libri di autori nazioni più importanti della terra, il Brasile. Interessanteconsacrati, e perciò è destinato al successo. Una storia Proi- in tal senso è la seguente poesia proposta in traduzione:bita, offre, rivelazioni, sorprese, emozioni, coraggio e comuni-cazione tanto da materializzarsi in una bella ed avvincente sto- Cega ambição Cieca ambizioneria. La conclusione cui sono giunto è che dopo aver letto que- Os tiranos I tirannista deliziosa storia, ho capito che Sueli Aparecida ha fatto ca- que passaram pela Terra che sono passati sulla Terrapire, al di là dei sogni e della speranza degli uomini comuni, tiveram servos leais, hanno avuto servitori fedeli,che è possibile fare di questo mondo un luogo migliore per seus iguais, loro uguali,vivere (dall’introduzione di José de Souza Pinto). prestando ajuda che li hanno aiutati nos atos nelle azioniParlando d’Amore cruéis. crudeli. traduzione di Angelo Manitta No andar dos séculos Nell’andare dei secoliParlare d’amore non posso, senza fare a mancha sombria la macchia ombrosail suo nome, senza parlare di questa passione cresceu, è cresciuta,che brucia nel mio petto fino a che resiste, ofuscando, abbagliando,lacerando il mio povero cuore. marcando marchiandoIo non posso parlare d’amore, così... o livro da História. il libro della Storia.in qualunque modo. Così... senza più né meno... Era esquematizada Era schematizzataperché tutto in te è parte di me. selvageria selvatichezzaIntanto, ricordo i suoi occhi, almeno. irrefreável, irrefrenabile, destruindo enquanto che distruggeva mentreCosa che penetra nella mia anima, scoprendo construindo. costruiva.l’amore custodito da molto tempo.Senza più lungaggini e senza contrattempi Tiveram no periodo Avevano nel periodo crepuscular, del crepuscolo,te, mio caro, esalto e per te brindo! ruinosos projetos. progetti rovinosi.E, così, io parlo dell’amore convincente Sucumbiram. Sono caduti.perché egli è in noi, è evidente! Epílogo sem brilho... Epilogo senza splendore... à margem da fama. al margine della fama. 41
    • essere capite dalla razionalità umana, essendo esse createL’idea di giustizia secondo secondo questa stessa razionalità.Hans kelsen2 3. Nozione della giustizia nell’opera kelseniana: la giu- di Andityas Soares de Moura3 stizia è una qualità o una proprietà che può essere afferma- traduzione dal portoghese di Angelo Manitta ta in relazione ad oggetti diversi (di un individuo, visto in tal caso come virtù, o della condotta sociale di individui, d’accordo o no con una norma che prescrive una certaDedicato alla Prof.ssa Dott.ssa Elza Maria Miranda Afonso con-dotta – in entrambi i casi la giustizia ha la natura di(UFMG) e al Professor Dottor Joaquim Carlos Salgado una norma morale). La norma di giustizia prescrive un(UFMG), per tutto ciò che rappresentano per me determinato trattamento uguale di un individuo ad un altro individuo, specialmente il trattamento degli individui da parte di un legislatore o giudice.1. Hans Kelsen (1881-1973) rinuncia espressamente ad unadefinizione scientifica della giustizia. Come giurista, o meglio, 4. Conseguenze principali di questa definizione:specialista in Diritto, l’eminente professore viennese osserva a) Inesistenza di un criterio unico ed obiettivamente vali-che il concetto di giustizia è diverso da quei concetti che de- do per il conseguimento del giusto;finiscono ciò che è un albero o ciò che è uno Stato. È un con- b) La giustizia assoluta non esiste, essa è solamente rela-cetto (o idea) che non possiede l’obiettività necessaria perché tiva. Nella realtà si hanno molti concetti di giustizia, esia considerato scientifico, dato che la scienza rappresenta un nessuno di essi può essere obiettivamente migliore o peg-“massimo razionale” precisamente per il fatto di non operare giore di un altro;con meri giudizi di opinione o giudizi di valore nel senso stret- c) La definizione della giustizia ha un carattere totalmenteto. Tutto ciò che si pretende scientifico dovrebbe essere deten- soggettivo;tore di una validità universale, o meglio, in altre parole, dovreb- d) Non esiste un valore immanente alla realtà, dal mo-be valere per tutti, sempre ed in ogni parte – ovunque si esa- mento in cui Kelsen, ispirato in Kant, concepisce una rigi-mina l’attuale crisi e il conseguente dibattito tra i teorici della da delimitazione fra le sfere dell’essere (Sein) e del do-filosofia della scienza. Ma così non accade con il concetto di vere essere (Sollem); egiustizia. La scienza appena riconosce che c’è una grande va- e) La giustizia, o meglio, la molte “giustizie” si riferi-rietà di idee sulla giustizia, alcune contraddittorie fra loro, scono a realtà diverse, ad un hic et nunc rigorosamentepoiché nessun criterio è “più valido” o “migliore” che un altro. determinato.2. Le norme di giustizia sono essenzialmente di due tipi: 5. Il giudizio di valore attraverso cui una norma è rite-a) Metafisico-religiose: Sono quelle che procedono da un’istan- nuta come giusta o ingiusta non può esistere, poiché leza superiore, irraggiungibile per la conoscenza umana speri- norme sono espressioni di dovere-essere (Sollen), e la giu-mentale. Presuppongono la credenza, il dogma e la fede come stizia si riferisce appena ad un essere (Sein). Le norme so-elementi stretti di definizione. Queste hanno la pretesa di fon- no valide o non valide, secondo la Teoria Pura del Diritto.dare un ideale assoluto di giustizia, escludendo tutti gli altri: Riconoscere norme come giuste o ingiuste porterebbe al-«L’uomo dovrebbe credere nella giustizia che esse costituisco- l’assurdità di accettare che due norme valide sono con-no così come lui crede nell’esistenza dell’istanza da cui esse traddittorie: se una di esse – la norma della giustizia – pre-promanano, ma egli non può capire razionalmente questa giu- suppone una condotta come giusta e l’altra norma – la distizia» (Kelsen, Hans. La giustizia ed il diritto naturale, p. 18). diritto positivo – imputa una sanzione a quella condotta,b) Pseudo-razionaliste: Si tratta di norme che, per lo più, non tenuta dal legislatore, per ragioni diverse, come illecita.provengono da una sfera trascendente, potendo essere pensate Una norma positiva non può essere in se stessa giusta orazionalmente, così come stabilite per le azioni umane. Alcune ingiusta. Questo perché quando è in questione la validitàdelle dottrine pseudo-razionaliste trovano la validità delle loro di una norma del diritto positivo, noi non dobbiamo consi-norme di giustizia in una sfera metafisica (si veda la volontà derare la validità di una norma di giustizia che la con-della divinità, v.g. Tomasso d’Aquino), ma ciò non toglie loro traddice; e viceversa, quando è in questione la validità dila proprietà di unire concezioni a volte così disparate: possono una norma di giustizia, non dobbiamo considerare la vali- dità di una norma del diritto positivo che vi si oppone. Noi non possiamo considerarli contemporaneamente valide. Non esiste, poi, una norma valida del diritto positivo che2 sia vista simultaneamente come ingiusta da una norma di Compendio della monografia presentata al PAD: Giustizia - Teoriae Realtà, del Dipartimento di Diritto del Lavoro ed Introduzione allo giustizia valida. Ciò porterebbe ad accettare l’esistenza diStudio del Diritto della facoltà di Diritto dell’Università Federale di due ordini normativi validi nello stesso tempo e nelloMinas Gerais (Brasile) – UFMG. Il lavoro è stato premiato nella stesso territorio o l’esistenza di un legislatore universaledecima settimana della iniziazione scientifica della Università come Dio, la natura o la ragione umana. Entrambe le ipo-Federale di Minas Gerais – UFMG. tesi sono inaccettabili per la Teoria Pura del Diritto.3 Andityas Soares de Moura è Professore del Dipartimento di Dirittodel Lavoro ed Introduzione allo Studio del Diritto della facoltà di 6. Una norma giuridica positiva trova solamente la suaDiritto dell’Università Federale di Minas Gerais (Brasile) - UFMG e validità (ricordiamo, secondo Kelsen, validità = sensoricercatore in Filosofia del Diritto della facoltà di Diritto soggettivo di dovere-essere + senso obiettivo di dovere-dell’Università Federale di Minas Gerais (Brasile) – UFMG. È inoltrerappresentante dell’Accademia Internazionale Il Convivio in Brasile essere) in un’altra norma giuridica positiva, posta attra- verso atti legislativi o anche attraverso l’usanza. Questa è 42
    • la differenza tra un agente fiscale ed i saltimbanchi di stradaricordati da Sant’Agostino. Entrambi chiedono i nostri soldi. Luna FernandesAd entrambi diamo la somma richiesta. Ma solamente uno diloro, quale è l’agente fiscale, è legittimato e basato su una nor- João Augusto Luna Fernandes, o semplicemente Lunama di legge che autorizza il suo atto di riscossione (Teoria pu- Fernades, come preferisce firmare i suoi lavori letterari, èra del diritto, vol. II, p.1 e ss.). E così il fondamento normativo oggi uno dei più premiati poeti brasiliani, non solo incontinua fino a che non giungiamo ad una norma suprema, ge- Brasile, ma pure all’estero.neralissima, che più non è fondamentabile, ma fondamentale Oltre ai molti(Grundnorm). La validità oggettiva di questa norma è presup- premi ottenutiposta, sempre, per il pensiero giuridico. Essa si fonda così so- in altri generi,lamente nella forza coercitiva ed immanente del diritto, diver- come racconti eso dal jusnaturalismo che cerca il suo fondamento di validità narrazioni, Lu-in elementi estranei al diritto: la natura, Dio, la ragione ecc. na Fernades è anche ricono-7. Esisteranno ed esistono molte norme di giustizia, sciuto ‘trovato-diverse e nello stesso tempo contrapposte, utilizzate per la re’, possedendoconvalidazione di sistemi non solo giuridici-sociali. Il com- il titolo di “Ma-pito della scienza di fronte a tali norme è analizzarle obiet- gnifico Trova-tivamente, descrivendole, e non decidere ciò che è giusto o dor” – il più im-ingiusto. La scienza è capace anche di giungere ad un con- portante del ge-cetto generale di giustizia, determinando gli elementi comuni nere in Brasileesistenti nelle diverse concezioni (Perelman). Ma questa nor- – sancito dal-ma generale ed ipotetica prescriverà appena un certo tratta- l’Unione Brasi-mento che dovrebbe essere concesso agli uomini, senza affer- liana dei Trovatori.mare nulla sulla sua natura e i suoi mezzi: sarà una conce-zione vuota di contenuto, così come la formula del suum cui- O clamor das águasque che prescrive di dare ad ognuno ciò che gli è dovuto. Ora,solamente un ordinamento giuridico positivo può decretare Águas, outrora limpidas e puras,obiettivamente quello che è dovuto in un modo effettivo al brotadas de um recôncavo serrano,giurisdizionato. Altrimenti, ogni individuo potrebbe scegliere, percorriam seu curso extenso e plano,soggettivamente, ciò che gli è dovuto, ipotesi proibita da ogni sem agressões de manchas e misturas...ordinamento giuridico. Depois, foram turvando, ano após ano, essas águas, tornando-as mais escuras... transformando-as em tristes sepulturas Jornal Igaçaba de tudo o que não serve ao ser humano... E hoje, de águas toldadas, puluídas, di João Weber Griebeler. com toda a flora e fauna destruídas, agonizante, o rio chega á foz... Si tratta di un giornale che si interessa di eventi cult- E em seu murmulho, quando enfim deságua, urali, artistici e sociali. In diversi numeri è stato dato soa o clamor de cada gota de água, ampio spazio al Convivio. Il direttore João Weber Grie- num pedido de ajuda a todos nós... beler, missionario del Rio grande del Sud, figlio di Ro- que Gonzales, non è alle prime armi riguardo all’arte let- Il clamore delle acque teraria. Editore e proprietario del Jornal Cultural, (gior- traduzione di Angelo Di Mauro nale che ha quattro pagine dedicate alla letteratura di buona qualità) è ideatore e organizzatore del Concorso Acque, prima limpide e pure, letterario “Premio Missioni”, oltre ad essere responsa- sgorgate da un concavo altopiano, bile dell’organizzazione, pubblicazione e divulgazione percorrevano il loro corso esteso e piano, dell’antologia “Letras Contemporanea”, con cinque vo- senza aggressioni di macchie e miscugli... lumi già pubblicati. Weber Griebeler è anche poeta pie- no di talento, oltre che narratore con pubblicazioni in an- Poi, divennero più torbide, anno dopo anno, tologie, giornali e riviste culturali. Recentemente ha pre- quelle acque, diventando più scure... sentato l’universo della letteratura brasiliana con una no- trasformandole in tristi sepolture vella Um sonho que se foi, facendo uscire dalla sua pen- di tutto ciò che non serve all’essere umano... na, con semplicità e maestria che pochi scrittori hanno, E oggi, con acque intorbidite, impaludate, frammenti di vita di adolescenti, tenendo come scenario con l’intera flora e fauna distrutte, di fondo Porto Alegre/RS. Jornal Igaçaba. Indirizzo: rua agonizzante, il fiume giunge alla foce... padre Nobrega, 245 – Roque Gonzales – RS – 97970- 000 (Brasile). E nel suo gorgoglio, quando finalmente si svuota, risuona il fragore di ogni goccia d’acqua, in una richiesta di aiuto a tutti noi... 43
    • la raccolta, dove la narrazione coinvolge il lettore al pun-Condorcet Aranha: to che non gli permette di abbandonarne la lettura. I personaggi sonoHistorias do Famaliá racconti e cro- sempre posti in unnache dallo sfondo sociale. ambiente ben preci- di Giuseppe Manitta so che, pur essendo secondario rispetto Recente è la pubblicazione in Brasile del volume di alla narrazione, aiu-racconti, Historias do Famaliá, di Condorcet Aranha, scrit- ta a comprendere latore brasiliano di un certo prestigio. L’autore è ricercatore psicologia del per-scientifico, dottore in Scienze, chimico in Farmacia e biologo. sonaggio, il qualeHa al suo attivo circa 60 pubblicazioni scientifiche e alcuni diventa credibile earticoli su varie riviste. È stato collaboratore di diversi quindi esemplaregiornali, tra cui Diário do povo e Correio Popular, entrambi per il lettore, pro-di Campinas, nello stato di San Paolo. Ha pubblicato inoltre prio perché si avvi-poesie, racconti, e articoli politici. Il 2001 ha visto la luce il cina alla realtà esi-volume di poesie Versos diversos. Historias do Famaliá, vo- stenziale. La descri-lume presentato in Brasile l’11 dicembre 2003, ottenendo su- zione dell’ambien-bito positivi commenti da parte della critica letteraria, è una te, di solito citta-raccolta di racconti e cronache, la cui prefazione è stata curata dino, è pienamenteda Angelo Manitta. «A seleção de Condorcet Aranha, em pau- azzeccata con i suoi chiaro-scuri. Le azioni umane noncas palavras, - scrive il prefatore, - procura sensibilizar e cati- contrastano la quotidianità e non scendono nella banalità,var para sì o leitor, utilizando-se de todos os meios com um anzi al contrario permettono l’approfondimento dei senti-estilo atraente, seguindo as propostas da criação literária, e menti in una fusione completa tra realtà e finzione, tra ap-isso nos ajuda a compreender as diferenças sociais de uma parenza e sostanza. In tal senso emerge il rapporto amore-nação e de um mundo em contínua evolução». Ma ecco il te- sentimento e individuo-famiglia. Il sentimento nobilitasto completo della prefazione di Angelo Manitta: Scrivere una l’uomo e l’incanto della narrazione di Condorcet Aranhapoesia potrebbe sembrare semplice, scrivere un racconto an- avvince proprio perché non offre figure negative in ma-cora più semplice, ma non è così, perché la scrittura va su due niera gratuita, ma presenta la negatività quale faccia dellapiani diversi, quella personale e quella letteraria. Molta lette- stessa medaglia, e perciò da correggere, tanto che l’uma-ratura intimistica non fa altro che esprimere sentimenti ed nità riesce ad illudersi e vive in un’allegria intensa. Unemozioni individuali, che spesso non vanno oltre l’ambiente esempio ne è Anita, personaggio tra favola e sogno checircostante. La letteratura colta, quella cioè che nasce come canticchia canzoni, che sa esprimere tutta la sua gioia earte per arte, va invece oltre il tempo e la contingenza. con la sua voce sa esprimere la felicità dell’età adole- Di questo genere sono i racconti che lo scrittore bra- scenziale insieme alle sue illusioni.siliano, Condorcet Aranha, presenta in quest’ampia e variega- Dall’altra parte vi è, in Condorcet Aranha, unata raccolta di racconti, dico ampia e variegata per diversi mo- grande attenzione verso l’aspetto naturalistico, che mirativi: per l’approfondimento psicologico del personaggio, per non solo alla salvezza dell’uomo, ormai necessaria dopola partecipazione emotiva dell’autore, per l’esposizione avvin- gli sconvolgenti avvenimenti dell’11 settembre, ma purecente e soprattutto per la varietà dei temi, trattati con una degli altri esseri viventi che devono essere salvati anchetonalità realistica che va oltre il realismo novecentesco, temi attraverso una ribellione verso certi atteggiamenti sociali.che riguardano la società contemporanea in generale e bra- Emozionante è A menina e o papagaio, dove viene es-siliana in particolare, come ad esempio la famiglia, vista sotto pressa tutta la tenerezza di una bambina verso un pap-diverse sfaccettature in rapporto all’individuo. Un’attenzione pagallo ferito, preso dalla rete di un cacciatore di frodo,particolare è dedicata all’infanzia e all’educazione dei bam- mentre l’autore si schiera apertamente dalla parte dellabini per i quali l’età maggiormente critica è fino ai sei anni. vita e a favore del più debole. La raccolta di CondorcetQuesti devono essere trattati e aiutati psicologicamente, oltre Aranha in poche parole cerca di sensibilizzare e accat-che fisicamente, tanto da far dire all’autore che «essas crian- tivarsi il lettore con ogni mezzo, con uno stile avvincente,ças chegam na pré ou por vezes na adolescência, totalmente seguendo le giuste pretese della creazione letteraria erevoltadas por tantas discriminações sofridas». Si tratta di una questo ci aiuta a comprendere l’eterogeneità sociale dibattaglia a favore di un’infanzia emarginata e priva di tutto una nazione e di un mondo in continua evoluzione.ciò che è necessario, come una casa, la salute, l’alimenta-zione, la sicurezza e così via. Selva Se però la narrativa di Concorcet Aranha mette in di Gaetano Lo Prestievidenza una certa problematica, i suoi racconti non sono untrattato di sociologia, proprio per la tecnica narrativa e per la Dio creò il mondo, Ma quando sei nata tucapacità di presentare una vasta gamma di personaggi e di si affacciò il sole eri così bella,situazioni che evidenziano una società nel suo complesso, at- e lo chiamò giorno. che il cielo si contòtraverso una narrazione semplice, lineare e ben condotta dal- Nacque così e le mancò una stella.l’inizio alla fine, senza tralasciare un tono si suspense in alcu- la prima stella.ni racconti, come in “O estranho morador da casa 7”, che apre Nacqui io, sei nata tu! 44
    • la carne feroce che si chiude nel suo guscio maturo,João Rasteiro: capace di offuscare le cavità del vetro mentre l’uomo e il rettile si preoccupanoRespiração das vértebras con sottili veli d’oro e seta rara. di Angelo Manitta La rugiada scende dagli occhi delle ombre perché loro appartiene il regno mutevole della nebbia, João Rasteiro, poeta portoghese nato nel 1965, è la carne cresce come ciò che è immerso in salamoiaimpegnato operatore culturale e approfondisce frequentemen- e l’amore si erge tra la carne ed il tempote le letterature moderne, frequentando la facoltà di Lettere di nella pulsazione crescente della resurrezione cristologica,Coimbra. Ha pubblicato diverse poesie su riviste ed antologie dove tutti stanno col capo rivolto,ed appare, così come qualcuno ha scritto, «un essere intellet- mordendo il silenzio sacro di Beatrice.tualmente irrequieto e insoddisfatto». Recente è la pubblica- (Dall’inedito Dante ancora sogna (2002))zione di Respiração das vértebras. (Edições Sagesse – Porto-gallo 2003). Una silloge di poesie che va oltre l’emozionequotidiana, scandendo il tempo attraverso il silenzio e la ri- Samara Barros de Sousa:flessione interiore. Egli dialoga con se stesso e con gli altri inuno spazio indeterminato. La luce che illumina i pensieri, illu- la poesia delle piccole cosemina il tempo nella scorrevolezza delle azioni e del sentimen- di Angelo Di Mauroto, visto come soffio vitale o creazione dello spirito nella sco-perta del giorno primordiale, in un corpo intensamente solo. Samara Barros de Sousa è nata il 23 novembre La solitudine è quasi un meditare in silenzio, andan- 1980, nella città di Castanhal, Stato del Pará, in Brasile.do alla ricerca di se stessi, proprio come dice il poeta: «Onde Ha concluso i suoi studi secondari nel 1998, e studia Fi-o fogo lambe as cicatrizes / há um homem debaixo da pele». losofia nell’Istituto Superiore di Filosofia. Ha cominciatoPoesia del silenzio, delle parole che respirano, dei molteplici a scrivere dall’età di 12 anni, da quando cioè ha scopertosensi del sogno, del desiderio e dell’impossibilità di definire il poeta Gonçalves Dias. “Sonhos e Poesias” è la sua pri-lo spazio. Nel contrasto tra la materia e lo spirito, tra l’emo- ma opera, pubblicato nel 2001, un lavoro di piacevole let-zione e la parola scaturisce il sogno. Il corpo (ricettacolo del- tura, romantico e riflessivo. Intanto sta preparando un suol’anima) è sensibilità e deve stare in sintonia con il mondo, di secondo libro. Samara ci fa comprendere attraverso le suemodo che la respirazione delle vertebre, dell’essere sognatore poesie che i giovani ancora oggi sanno sognare, malgradoe rassegnato si integri in una personalistica coscienza del tem- la spersonalizzazione in cui si vive quotidianamente, inpo che soffoca il caos interiore. Il poeta potenzia una realtà un processo di perdita di valori. Il suo tono lirico mostravirtuale che è esplosione drammatica della sua poesia, impo- che la poesia si trova anche nelle cose semplici, che mol-tente alle voci che provocano l’erosione dell’io, un io che non te volte non valorizziamo, ma che trasformano la nostrasopravvive all’infinito disuguale. Nella poesia di “Respiração vita, come la luna, gli amici, il mare, i bambini, la città na-das vértebras”, c’è un vigore immaginativo, un’eterna ricerca tale. È, Samara non ha dimenticato Castanhal, la sua cit-del ritmo ed una perenne vocazione all’eterno. tà! Le sue parole semplici, ma obiettive, ci rendono eter- ni, il suo stile chiaro e preciso tocca i nostri cuori, avvin- cendoci nella lettura. Un volume del genere può nascere O amor e a carne solo da una giovane incantata dalla vita che vede tutto eSonho com o fruto de odor inquietante tutti con gli occhi dell’insolito e dell’inedito. Così è Sa-que o próprio ar espera ansioso e surdo mara, così è la sua poesia, come afferma la prefatrice al li-a vida nova onde o calor mais permanece bro, la prof.ssa Telma Lemos. Eccone un breve saggio:com o corpo coberto por uma veste sem tecidoa carne feroz que se fecha na sua concha madura, Desejos Desidericapaz de embaciar as ranhuras do vidro Queria ser uma brisa, Vorrei essere brezzaenquanto o homem e o réptil se preocupam para refrescar sua vida per rinfrescare la tua vitacom finos lençois de ouro e seda rara. e te acompanhar sempre ed accompagnarti sempreO orvalho desce dos olhos das sombras durante todo dia per tutto giornoporque deles é o reino mutável da névoa, Queria ser um passarinho, Vorrei essere un piccolo uccello,a carne cresce como que mergulhando no sal para voar ao teu lado, volare al tuo fiancoe o amor ergue-se entre a carne e o tempo e ser o peixinho ed essere il pescena pulsão crescente da ressureição cristológica daquele seu aquário. del tuo acquario.onde todos estão de cabeça para baixomordendo o silêncio sagrado de Beatriz. E quando você fosse E quando tu sei para o seu jardim, nel tuo giardinaggio, queria ser uma flor, vorrei essere un fiore,L’amore e la carne para que você ficasse perché tu fermassi traduzione di Angelo Manitta olhando para mim. lo sguardo su di me.Io sogno, con il frutto dall’inquietante odore Quanta coisa eu queria ser Quante cose vorrei essereche la propria aria aspetta ansiosa e sorda, se pudesse realizar, se si potessero realizzare,la vita nuova dove il calore maggiormente permane para que eu pudesse sempre perché io possa semprecon il corpo coperto da un veste senza ordito, ao seu lado estar. stare al tuo fianco. 45
    • Fábio Silva Gomes: Gerson ValleStoria delle famiglie di origine Gerson Valle (valle@compuland.com.br) ha alitaliana in Brasile suo attivo diverse pubblicazioni. Volumi di poesie: Con- fetes de Muitos Carnavais (ed. Independente, Rio, 1982), Origem das famílias de São Bernardo do Campo Passagem do Tempo (ed. Pirata, Recife, Pe 1984) e Apa-– Famílias tradicionais e ilustres (São Bernardo, Brasile rições (Poiésis, Petrópolis, RJ, 2001); Come traduttore e2002). Si tratta di un volume che presenta la storia di 58 fa- saggista: Lendas de Gustavo Adolfo Bécquer (Poiésis, Pe-miglie della città di San Bernardo, nello stato di San Paolo in trópolis, RJ, 1997); sulla sociologia dell’arte: Jorge Antu-Brasile, molte delle quali sono di origine italiana. Il volume è nes, um percurso de arte e política (Editora Sistrum, Bra-costituito di 256 pagine, ed è il primo di tre, due dei quali so- sília 2003), O século XIX na vida e na obra de Giuseppeno in fase di pubblicazione. L’autore Fabio Silva Gomes è an- Verdi - A propósito do centenário de sua morte (Revistacora giovanissimo, ma ha dato già valide prove di sé, pub- Cultura Vozes, da p. 123 à p. 141, vol. 45 de 2001); hablicando diverse opere, anche di poesia, e collaborando con i inoltre pubblicato circa 300 articoli su vari giornali di Riogiornali più prestigiosi della sua città. Fabio Gomes è nato il de Janeiro, Petrópolis, Francia; ed è autore dei libretti2 febbraio del 1988 a São Bernardo do Campo, prospera e d’opera: Olga (musica di Jorge Antunes), Fronteira (mu-bella città. Amando molto la scrittura, l’ha imparata all’età di sica di Gustavo Bauer) e A noite de Iemanjá (musica didue anni, mentre a cinque anni ha cominciato a scrivere il suo Odemar Brígido). Molte sue poesie sono state musicateprimo libro. Nel 1997 scrive le sue prime opere teatrali, mes- da Ernani Aguiar, Jorge Antunes, Guilherme Bauer e Ri-se in scena al teatro municipale Concita de Moraes a Santo cardo Tacuchian (in gran parte incise su CD commer-André. Tutte le poesie scritte tra il 1993 e il 1998 sono state ciali). Fa parte del Consiglio editoriale del giornale Poié-invece pubblicate nel 2000 nei volumi: Um Sonho e A neve e sis, literatura, pensamento e arte.a Rosa Vermelha. Fabio frequenta le scuole superiori e con ilsostegno della Prefettura di San Bernardo del Campo ha co- Occhiminciato a vendere i suoi libri passando per le scuole. Questa di Gerson Valle trad. di Angelo Manittaprecoce e brillante carriera gli ha portato numerosi premi, tracui, il premio speciale del Convivio per la poesia sul Natale Un giornonel 2003. io venni Origem das familias de São Bernando do Campo fa camminandoparte di un vasto progetto, creato nel 2000, con l’obiettivo di con le mie idee ingiallitericostruire la storia di San Bernardo attraverso le sue fami- quandoglie. Si è trattato di oltre tre anni di ricerca, per giungere alle passarono in mevere radici della città. Un tale lavoro ha richiesto molta pa- due occhi senza voltozienza e dedizione: ma certo per il suo autore è stato un gran- di una donna che non aveva corpode onore narrare la storia di una città così accogliente e stu- ma che intera contenevapenda. I dati raccolti in questo volume sono dovuti soprattutto qualcosa come il liquido della vitaalla collaborazione e alla disponibilità dei discendenti di quel- io allorale famiglie che si sono stabiliti nei tempi passati nella città. le tirai il tappo di sugheroMolti erano italiani, i quali avevano lasciato la loro terra na- e con la sete che avevotale soprattutto durante le guerre europee. Per un lotto di terra dolce gustosamentesi pagavano a quei tempi pochi soldi e perciò gli italiani com- la bevviprarono grandi appezzamenti di terreno, al centro della città. poiTutto cominciò con una piccola cappella, ancora oggi conser- gli occhi andarono viavata, nascosta tra i grattacieli di San Bernardo. Ma la vita non solifu facile per loro: per l’arduo lavoro nelle carbonaie, per il imponendo il percorso della sua donnaduro cammino per i boschi del Rio Grande, per la distanza e senza per nulla voltarsienorme dalla capitale, San Paolo. penetrarono in me Le famiglie che vengono citate e di cui viene ripor- per sempretata la storia nel primo dei tre volumi di Fabio Gomes sono: coinvolgentiArmani, Asêncio, Bassoli, Bechelli, Bellinghausen, Bernar-dello, Blum, Bonini, Braga, Butrico, Carlone, Cassettari, Ca- Testo originale: Olhos: um dia / eu vinha / caminhando /telan, Cavinato, Cestari, Copeinski, D’Angelo, Dellabarba, com minhas idéias amarelecidas / quando / passaram porDemarchi, Duzzi, Feriani, Ferro, Franchini, Francucci, Frezo- mim / dois olhos sem rosto / de uma mulher que nãolone, Gasparini, Gasparotto, Gastaldo, Gerbelli, Gianotto, tinha corpo / mas que inteira continha / algo como oGiusti, Gomes Miranda, Gracioto, Grotti, Jarouche, Marson, líquido da vida / eu então / tirei-lhe a rolha / e com oMassenzi, Medici, Miolaro, Oliveira Lima, Paggi, Pequini, resto de sede que tinha / doce gostosamente / bebi-a /Pezzolo, Piatto, Pinchiari, Rubino, Setti, Stangorlini, Suster, depois / os olhos partiram / sozinhos / comandando oTabet, Tavares, Toldo, Tonetto, Tosi, Versolatto, Vinturini, caminho de sua dona / e sem nunca voltarem / ficaramZanutto, Zechetti. em mim / para sempre / envolventes 46
    • Passare alla memoria... Equivalenze di Rafael M. Altamirano-Ninalquín (Argentina) di Eugen Evu (Romania), trad. di Angelo Manitta traduzione dallo spagnolo di M. Enza Giannetto L’ombra tagliata delle parole«Soprattutto un signore» tiene in equilibrio la punta della fiamma. Il bruciore senza principio e senza fine,parole di sua nipote e conferma di molti. paradiso frammentario,Una mattina, sole; la primavera porti per qualche tempo sulle tue spalle:verso le montagne grigie annuncia pioggia; il giardino semanticopassare dalla memoria familiare, specie spettrale dell’unica lucepassare alla memoria collettiva che sogna di penetrarci.per opera di un silenzio di 15 annidi un’etica, un nome ed una strada L’oscurità affamata di se stessae quel guardare socialmente l’uomo di Eugen Evu (Romania), trad. di Angelo Manittacon un fine culturale di ampi accenti,con la sua bontà, il suo fuoco, con le sue baruffe Per rientrareper la comunanza dei suoi orari nella lucenella continuità delle sue veglie. così come ne sono disceso,Una mattina, un’aria di rigoglio io mi nutroe le case di un quartiere con amici, di punteuna piazza piccola, una finestra, la pace di fiamma...di Traslasierra tra di noi,l’emozione vicinale, raccoglimento, Eugen Evu, poeta e organizza-un trattenersi a vedere, ad essere, a vedersi tore culturale, è il direttore enello specchio pulito di un ricordo, fondatore della prestigiosa rivi-un referente certo per darci sta rumena, Provincia Corvina.nello specchio terso dei fatti, La provincia Corvina è una delle storiche Province romane,una condotta, un albero, una vita, fondate nell’anno 101-102 d.C.una ragione di vita rettilinea.Storia, giornalismo, lotta civica, Lettera di un amore finitoin piedi sul palco della sua tempra di Maria Cristina Latorre (Mattinata – Italia)nella chiara relazione del suo gesto, Io non credo che tu sappia cosa significhi l’amore,il notaio Manuel Gregorio Sabas per te credere di amare è nell’esser certi che ciò chedimostra - per amore - che non è andato via; pretende dall’amata sia sicuro di averlo,passare dalla memoria familiare, credi che ti è dovuto, tu credi di amare ma eludi te stesso,passare alla memoria collettiva. io ti chiedevo solo amore e rispetto, ti chiedevo di amarmi fino nel profondo, tu mi dici di aver vissuto dei bei momenti con me,Dedicata alla città di Rieti (Acrostico) quel che tu credevi di aver vissuto sono momenti di Alfio Arcifa (Rieti – Italia) di non amore né passione, la passione sfuggiva la nostra ragione. Quel che tu vuoi farmi credereRisplendono al sole le mura, [di aver vissuto,I tetti, i campanili e gli archi, di aver amato momenti di vera passione sublime,E una quiete francescana in questi momenti che tu dici, io mi allontanavoTutta ti avvolge, idilliaca città col cuore e con l’animo. In quei momenti credevi di vincereInghirlandata dai tuoi verdi monti. invece perdevi. I bei momenti io li ho vissuti con te, i bei momenti per me erano quegli attimi in cuiCome conoscere vorrei il segreto [i nostri sguardiAntico per cui i selvaggi romani si incrociavano, quando le nostre labbra si toccavano,Partirono ed alle tue porte quando le nostre mani si sfioravano… Nel sentire la presenzaOnuste di silente quiete giunti, reciproca, i nostri cuori battevano, sai il mio impazziva,Luce di amore ottennero e di pace, impazziva d’amore, era così forte fin da vergognarmi del rossoUmano esempio a loro vivo delle mie guance che lasciavano intravedereOffrendo di saggezza [la mia passione.Giocondamente accettato, Tu mi amavi e me lo dicevi, io ti amavo e te lo feci capire,Onore dando così e ricevuto ognora. le nostre anime si plasmavano, si erano trovate, [si erano congiunteSia per te motivo di gloria, come in un unico fiore… L’amore prima o poi ha una fine,Antica terra che, con quel gesto tu come uno specchio hai frantumato le mie passioni,Ben ci spieghi l’atarassia [tradendomi,In cui vivi e ti adagi! cosa hai fatto, cosa hai fatto amore mio. Tutto è finito,Nulla di meglio vi è per me che vivere tutto resta come prima, tutto ha un inizio, tutto ha una fine.Ormai in questa oasi di sogno per l’eternità. Addio, dimentica ciò che è stato, in verità fallo sembrare un sogno e nulla resti in vita. 47
    • «Ah davvero? Pensavo fosse un rito scaramantico.Racconto Una dottoressa non dovrebbe badare a certe cose, lo sai?». «Il mondo è bello perché è vario. Considerami un fu- turo medico amante della superstizione positiva».Fiorista cerca amore «Che roba è?». di Serena Careddu «Un fiorista non può capire». «Senti, senti! E poi mi accusi di non essere umile». La sveglia, che tengo appesa alla parete di fronte alla Dopo aver pranzato, dopo aver fatto l’amore, dopo laporta, segna l’una. Sorrido felice perché fra pochi minuti la ri- riapertura e la chiusura del negozio, dopo aver cenato convedrò. Prima di chiudere la serranda del negozio, osservo con i miei suoceri, Angelica propone:ammirazione “le mie creature”. «Che ne dici di andare al cinema? Oggi proiettano Amo il lavoro da fiorista e soffermandomi a scrutare le Un medico in carriera, sai, potrei riscontrare punti in co-composizioni ho la certezza di udirne il linguaggio. I fiori so- mune con la protagonista».no stati il mio primo amore, la mia vera passione. Per questo «Vorrà dire che anche stavolta mi sorbirò uno di queimotivo riesco a donargli corpo e anima. Il merito è di mio pa- film pesanti e indigesti».dre che da sempre mi ha dato l’opportunità di seguirlo nei vi- «Non è un mattone, è un film realista».vai, nei giardini, impegnandomi in piccole mansioni. Ogni «Come vuoi tu, dottore. Ora scusami, ma telefono avolta che dalle mie mani nasce una creatura sento un brivido mia madre per avvisarla del ritardo».sulla pelle, una passione struggente, un orgasmo destinato a Mentre Angelica si prepara, io compongo il numeropochi. di casa mia. Mia madre risponde al primo squillo. Ancori alcuni metri e busserò alla sua porta. Ormai pran- «Pronto!» esclama ansiosa, quasi attenda da tempozo solo ed esclusivamente da lei. Quando degusto i piatti sfi- lo squillare del telefono.ziosi che appositamente prepara per me, vedo una lucentezza «Ciao mamma. Cos’hai?» domando preoccupato.nei grandi occhi castani, uno splendido sorriso fra le labbra Fra me e mia madre vi è un legame davvero profondo.carnose. Riusciamo a comprenderci da uno sguardo, da un sorriso e È bellissima. Stiamo insieme da cinque anni. Prima di addirittura intuiamo i nostri stati d’animo solo dalla voce.Angelica si sono affacciate alla mia vita diverse ragazze. Tut- «Ciao Marco, dimmi».te carine e interessanti, storie più o meno importanti. Flirt «Dimmi tu, cosa ti è successo?».esaltanti che innalzano al cielo e poi scaraventano al suolo. «Niente, sono solo un poco stanca. Dimmi pure». Dopo pranzo mi perdo nel suo corpo, nella pelle dorata, Le braccia di Angelica cingono il mio torso. Mi vol-nel seno prorompente, fra le cosce sudate. Desidero Angelica to appena e deduco che lei è pronta e impaziente di uscire.da impazzire, fino a quando l’acme del piacere non lascia «D’accordo, mamma. Volevo dirti che rientrerò tardispazio alla tenerezza. Verso le cinque riapro il negozio e lei stanotte. Vado al cinema».impegnerà le ore del pomeriggio negli studi universitari: po- «Va bene. A dopo» dice affrettandosi a cessare lachi esami e sarà una dottoressa! conversazione. Finalmente sono arrivato. Angelica è in cortile e mi salu- Angelica sorride. Resto quasi indifferente alla suata col braccio proteso, ricambio con un sorriso luminoso. bellezza e al trucco perfetto. Generalmente mi cimento in «Ti aspettavo» dice. grandi complimenti. «Non ti ho deluso, sono qui con te, ora». «Che cos’hai?» chiede notando il mio assenteismo. Afferra la mia mano e m’invita a prender posto, il pranzo «Pensavo a mia madre, mi sembra parecchio strana».è pronto. Con lei si parla, si ride, si scherza. Angelica non «Sarà semplicemente stanca».solo è bella e intelligente, ma anche molto simpatica. È la mia «È quello che dice anche lei, ma non le credo».dolce metà, l’altra parte della mela. Completa la mia perso- «Perché non dovresti crederle? Dai, andiamo».nalità e l’idea di unirci in matrimonio è piuttosto allietante. Ma anche durante la proiezione del film rimango as- «Stasera i miei genitori porteranno delle paste alla crema, sorto. Noto Angelica e il resto della platea ammaliati daquelle che piacciono a me. Quindi vieni a cena!» riferisce. quelle immagini luminose. Al termine del primo tempo, «Brava la mia golosa. Quand’ero piccolo adoravo le paste andiamo a comperare delle patatine e delle bibite. La miaalla crema. Prima di frequentare le classi elementari, la matti- fidanzata racconta estasiata le sue sensazioni. Io sorrido ena verso le quattro, seguivo mio padre al negozio. Prima del fingo di condividere le sue opi-nioni.lavoro mi portava al bar per la colazione e comprava le paste Terminata l’opera cinematografica m’affretto ad ac-alla crema per la nostra numerosa famiglia. Cinque figli stu- compagnala a casa e rientrare. Non mi sbagliavo. I mieipendi, ma il migliore sono io!» ironizzo. genitori e tre dei miei fratelli stanno radunati nel sog- «Sempre umile. Comunque anche io avrei voluto dei fra- giorno, chiacchierano e piangono. Guardo la famiglia at-telli o delle sorelle. Invece sono figlia unica e nonostante ab- tentamente e noto l’assenza del fratello piccolo: Luca.bia ventidue anni vorrei condividere questa casa con altre per- «Perché mi hai mentito, mamma? Avevo intuito chesone e avrei desiderato che i miei non impegnassero l’intera qualcosa non andava. Cos’è successo e dov’è Luca!?»giornata al lavoro. In ogni caso studio grazie ai loro soldi». apostrofo. «Che ragazza comprensiva!». «Calmati, Marco!» interviene papà. «Sciocco!» dice afferrando il dosatore del sale e gettan- Respiro profondamente. Esausto e inorridito attendodolo sulla mia testa. di udire l’accaduto. «Che modi sono!». «Marco» riprende papà alzandosi dalla sua grande «Il sale porta fortuna!» sorride. poltrona: «Si tratta di Luca. Tuo fratello è scappato di ca- 48
    • sa. O meglio ha preferito andare via. Luca ha dei grossi Ascoltai per intero quelle frasi maledette che sem-problemi». bravano pronunciate da un’altra persona. Non riuscivo a In pochi secondi balenano alla mente alcune scene e im- farmene una ragione. Per interi minuti restai in attesa chemagini di mio fratello. Avevo notato dei cambiamenti enor- Angelica si scusasse per la reazione, sicuramente dettatami. Un carattere ribelle, solitario, restio a qualsiasi dialogo dal nervosismo. Ma non si scusò. Lasciai la sua casa piùcon la famiglia. Ultimamente poi rientrava a casa alle prime sconcertato e triste che mai. Attesi le sue telefonate, ma illuci dell’alba, e usciva al risveglio. telefono taceva. Alla fine compresi che la mia donna era «È stato licenziato dal lavoro. Alla fine dopo una lunga stanca di me. Mi aveva lasciato senza dirmi niente diindagine abbiamo capito quello che stava capitando. Luca si preciso. Non mi era stata vicina abbastanza in quest’a-droga!». troce periodo e trassi conclusione che una donna simile Sgrano gli occhi senza dir niente. Non sono sicuro di non poteva essere partner della mia vita.aver capito bene. La droga è un problema fuori moda che Fui come intrappolato da una spirale discendente,riguarda solo gli emarginati o i ragazzi di strada. Non erano pronto a toccare il fondo e indifferente a qualsiasi situa-certo problematiche comuni a Luca. La droga è un tema trat- zione. Continuavo il mio lavoro e posso tranquillamentetato a scuola, un episodio di cronaca nera. Cosa c’entrava con affermare che quelle erano le uniche ore di piacere dellala nostra famiglia? Perché Luca aveva scelto una strada così? giornata. Terminato il lavoro mutavo il mio sorriso apertoChe senso aveva? Mi martello tartassando la mente. Interro- ai clienti in broncio.gativi su interrogativi, mentre il mio cuore sembra impazzire. Riccardo, un caro amico, veniva sempre a trovarmi al «Non possiamo fare niente per aiutarlo. L’unica cosa da negozio. Cercava di aiutarmi a reagire, raccontava bar-fare e attendere e sperare che Luca ammetta di essere malato zellette - a volte sconce - rideva per ogni sciocchezza chee decida di farsi aiutare» conclude mamma. diceva, mentre io non avevo certo voglia di ridere. Mi Dopo qualche attimo la famiglia si ritira per dormire. Io regalò un cellulare, lui aveva comperato per sé l’ultimorimango l’intera notte a guardare il soffitto al buio, attendo di modello. Mi inviava messaggi e obbligava a frequentarerisvegliarmi da un incubo. Appena i primi raggi di sole illu- gli amici. Il contatto con la gente esterna non mi ralle-minano Roma, corro da Angelica. Ho bisogno di lei, ora più grava, ero troppo chiuso nei miei pensieri e non avevoche mai. voglia di aprirmi. «Aiutami, Angelica, è terribile!» esclamo appena la vedo. Una sera, quasi per caso, per colmare quel periodo di Lei non parla, con lo sguardo pare chiedermi il motivo di solitudine decisi di connettermi ad internet. Non ero certotanto sgomento. un esperto ma questo non impedì di essere contattato da «Luca si droga!» sbotto. una signora di quarant’anni. Digitava da Olbia. Il nick era Angelica chiude gli occhi, poi mi guarda addolorata, è appunto: Sarda63. Lei mi scrisse col classico linguaggioincapace di esprimersi. usuale in chat. «Mi dispiace!» bisbiglia appena. Allunga le braccia in at- CM STAI?tesa che io riponga il capo sul petto e liberare il dolore con le 1 SKIFOlacrime. CS SUCCESSO? MIO FRATELLO SI DROGA E LA MIA LA VITA SENZA LUCA RAGAZZA MI HA MOLLATO! Trascorsero intere settimane. Luca sembrava inghiottito BRUTTA STORIA!dai quartieri malfamati di Roma. Qualche volta vagavo tra le Questo botta e risposta servì a lenire la mente. Ri-vie dimenticate da Dio e negli occhi di ogni malcapitato leg- devo come un pazzo. Le sue frasi erano ricolme di vita-gevo lo stesso dolore e la stessa disperazione di mio fratello. lità. Una donna dotata di una simpatia contagiosa. CiIn famiglia ci accingemmo a riprendere la normale vita, ma scambiammo l’indirizzo E-MAIL e subito dopo le foto.questo era tutt’altro che semplice. Dopo il lavoro continuavo Era bellissima. Contraccambiammo i numeri del cellularea recarmi da Angelica e farle carico della mia croce: e riuscimmo ad udire le nostre voci. La sua sembrava ap- «È colpa mia, avrei dovuto stargli più vicino. Non riesco partenere ad una giovanissima. Anche per telefono ridevaad immaginarlo in cattiva compagnia, mentre butta via la sua e riusciva a farmi ridere. Il cellulare regalato da Riccardogiovane vita!» ripetevo. era cadenzato dai messaggi dell’internista e dalle telefo- «Che ne dici di uscire stasera? Simone ha organizzato nate che ogni giorno diventavano più numerose.una festa per i suoi trent’anni, ci ha invitati ed è nostro dovere La nostra amicizia si solidificò e qualche settimanaparteciparvi» si svincolava. dopo c’incontrammo. Deciso ad una mia completa rina- I miei occhi persero la normale lucentezza, il volto s’illi- scita, m’imbarcai sull’aereo e raggiunsi Olbia. Giulia eravidì di rabbia a tal punto che Angelica ne fu leggermente lì, vestita come una ragazza. I capelli Rossi e ricci scivola-spaventata. vano lungo la schiena seminuda. I vestiti attillati risalta- «Sei pazza! Ti racconto di mio fratello e tu mi parli di vano la perfezione del corpo. Mi accostai, timido, a pochiuna stupidissima festa!». passi l’uno dall’altra. Giulia si gettò fra le mie braccia, «Sarà anche una stupidissima festa, ma voglio andarci con pizzicò le mie guance e unì la sua bocca alla mia. Diven-te o senza. Capito? Sono intere settimane che non fai altro che tai rosso come un peperone, ma felice e ottimista nei con-ripetere la solita tiritera. Sono stanca, Marco. Mi dispiace per fronti della vita. Mi condusse alla sua macchina. MentreLuca, mi dispiace davvero. Ma non hai diritto di rovinarmi guidava parlava di sé. Avevo la sensazione di conoscerlal’esistenza con questa storia, mi stai tormentando. Ti sarei da un’intera vita. Rideva tantissimo e anche io scoppiavograto se lasciassi i tuoi problemi fuori dalla porta. Sono gio- in sonore risa. Non ricordo di essermi divertito tanto invane e ho bisogno di uscire, sono giorni che sto marcendo tra così breve tempo.queste mura». 49
    • Passammo l’intero fine settimana fra un bar e un ristoran-te della città. Aneddoto più bello che mi rimane di lei, è quan- Un parcheggio in Paradisodo la domenica sera mi portò ad una costiera che distava po- di Guido Lo Giudicechi chilometri da Olbia. Il primo vento freddo disturbava laspiaggia, ma questo non le impedì di denudarsi e travolgermi Sono un giornalista, o almeno così si dovrebbe pensa-fra la sabbia candida. Non avevo mai fatto l’amore in spiag- re quando mostro il tesserino della casta. Attenzione pe-gia, ma lei riusciva a stuzzicare i miei sensi e far rivivere i rò, che se hai i capelli lunghi e lo sguardo che vagheggiamiei ormoni. Dopo quel fine settimana ve ne furono altri, ecci- lontananza impressi sulla foto, nonostante il tesserinotanti, divertenti e indimenticabili. Con il suo carisma e la sua dica che sei proprio tu, spesso non ti è concessa la certez-vitalità riuscì a farsi amare dalla mia famiglia, così tutti i fine za di essere a un vero e proprio reporter. Tanta diffidenzasettimana veniva a Roma per tenermi in compagnia al negozio. è alla base dell’ignoranza, e soltanto dopo della prudenza. Poco male. E comunque, io, non è che mi ci senta granché NUOVE SPERANZE giornalista, preferisco esser chiamato osservatore, quindi Con l’arrivo di novembre, la richiesta dei fiori s’incremen- non me ne faccio un grosso cruccio quando i tuareg-forzetò. Era il mese dei morti e i cittadini romani portavano petali dell’ordine mi perquisiscono prima di lasciarmi entrare incolorati ai loro cari. Spesso non mi era possibile rispondere qualche manifestazione che devo seguire per il giornale.alle chiamate della nuova fiamma, ancor più difficile era con- Però, se mi rivoltano come un calzino quando sono di cat-traccambiare i suoi messaggi. Per la seconda volta in vita mia tivo umore, ed entrambe le cose capitano piuttosto spes-mi sentii un incompreso. Giulia non credeva che il mio as- so, divento ben predisposto all’incazzatura. Prima o poisenteismo era dovuto al lavoro intenso, ma si convinse di es- sono certo che non me ne starò zitto e buono. Prima o poisere ciò che si definisce una cornuta! Vani i tentativi di farle succederà qualcosa di sgradevole, siete avvisati. Prima ocredere il contrario. Ossessionato, decisi di tagliare la storia. poi, ci gioco quello che volete, mi ribellerò a questo stato «Non ne posso più, non devi più trattarmi così! Basta! di cose. Prima o poi. Ma sarebbe meglio prima, che poi.Non farti più sentire. Stai perdendo il lume della ragione, L’abito fa ancora il maledettissimo monaco e così saràchiudiamola qui, è meglio per entrambi». finché non finiranno i secoli. Comunque, non è di questo Queste furono le ultime frasi scambiate. Provai un nodo che dovevo parlare.alla gola, fra me ripetevo che ce l’avrei fatta, che avrei sop- Mi avevano chiamato per un servizio. Una festa diportato anche questa situazione. Fu quello stesso giorno che rugbisti: qualche chiacchiera su uno sport virile e appas-al negozio venne a trovarmi Luca: solo l’ombra di mio fra- sionato, due parole di etica un po’ di filosofia spicciolatello. Avrei voluto dirgli tante cose, ma la presenza di quello ma comprensibile, vino, birra (la bevanda preferita dalscheletro malvestito, dal viso bruciato, dai capelli sporchi e rugbista) e cibo. Sembra allettante detta così? Fate voi,disordinati mi disarmò a tal punto da dirgli solo: ma io non ne avevo particolarmente voglia. Avevo un sac- «Come stai?». co di altre cose da non sbrigare. Però, costretto dal dove- Pronunciai queste parole senza guardarlo, ostinato ad re, prendo le chiavi della macchina, un macchinone enor-osservare un vaso ornato con dei tulipani. Anche lui lo guar- me di quelli che il centro della città sì fa due risate quan-dava. do arrivi per cercare parcheggio e mi dirigo verso la meta «È bello. Sei davvero bravo, Marco. Sono venuto qui per lavorativa. Ad accompagnarmi e era un fumante monacosalutarti. Ciao». afgano, lui sì, preda agognata dai tuareg in divisa col Finalmente rizzai il capo, protesi le braccia per fermarlo, mito della promozione. Almeno nel monaco avevo trova-ma lui si stava incamminando verso l’uscita. to qualcuno che parlasse la mia stessa lingua e che era «Luca, aspetta! Non te ne andare. Aspetta, ti prego». disposto a pensare a qualcosa di più importante della car- Corsi incontro afferrandogli la camicia sdrucita. riera e di tante mediocri rigidità sociali. «Fatti aiutare, Luca. Fatti aiutare!» urlai in lacrime, Il viaggio verso la meta non fu nulla di eccitante:poggiando il capo sul suo petto. niente radio nel macchinone e in testa neanche una can- Luca passò la mano fra i miei capelli. zone stampata a memoria per poter cantare; qualche idio- «Mi dispiace!» bisbigliò. ta che gira dove non si può e tu dietro, fermo ad aspet- «Torna con noi, ti aiuteremo!» insistevo. tare, mentre la mandria di auto alle spalle suonano avve- Lo afferrai per un braccio conducendolo verso casa. I lenate; poi qualche gradasso che tenta sorpassi improba-miei fratelli e i miei genitori reagirono in maniera analoga bili e un pullman che fa inversione a U dove servono al-alla mia. Diritti e attenti, pronti ad ascoltare. Luca si guardò meno sei manovre per farcela e tu sei costretto a perdereintorno ammaliato da quel paradiso. Con mezzo sorriso sulle la scia del semaforo verde. Insomma, normale amministra-labbra disse la vecchia battuta: zione nel quotidiano respiro affannato della città. Io an- «L’oro non si apprezza finché non si perde. Aiutatemi a davo tranquillo per la mia strada, infervorandomi il mini-venirne fuori!». mo indispensabile per non sembrare agli altri piloti meno E mi sembra alquanto banale e poco delicato descrivere grintoso di loro, così da non destare la voglia di venirla commozione della famiglia. Luca sta in comunità e lotta umiliato da un sorpasso meschino. La strada è giunglaper la guarigione. Io ho trent’anni e mi considero una persona ragazzi e la metropoli non perdona i tipi troppo attendisti.affermata. Nella mia vita rimane solo un vuoto: l’amore. Con- Il posto che dovevo raggiungere si trovava lungo unasidero questo sentimento l’apice della felicità. A volte mi via consolare, dove si viaggia senza aspettare o assecon-sembra di aver trovato la persona giusta, ma dopo alcuni mesi dare le decisioni altrui e io non avevo un ricordo precisomi sento già stanco e annoiato. della stradina da imboccare. Qua no. Qua neanche, un po’ Ho voglio d’innamorarmi e non riesco, qualcuno sa dirmi più avanti, forse ci sono. Sì, forse è quella là, ma devoil perché? passare dall’altra parte... Svolto a sinistra, repentinamen- 50
    • te, e faccio il curvone per l’inversione di marcia. Ora, le naco afgano, da tempo smaterializzatosi, me felicementemacchine che precedentemente mi camminavano all’opposto entrato nel mio spirito. Tutto fila liscio come l’olio finnon vogliono saperne di lasciarmi spazio, ma io, col macchi- quando non mi ritrovo sotto casa. Un bel respiro, toglitinone, faccio la voce grossa e mi butto in mezzo. Ma mentre la cintura di sicurezza così stai più comodo e poi puoiguardo dov’è che devo girare per infilare la giusta via, mi cominciare a cercare parcheggio col tuo lercio macchino-accorgo che uno sgorbio arcigno e tignoso strombazza e passa ne. Primo tentativo: la via a due isolati da casa. Si pro-spavaldo alla mia destra. “Cazzo!’, esclamo all’unisono col cede a passo lento, c’è traffico e il semaforo a valle èmonaco afgano e mentre guardo con odio l’oltraggioso sgor- quasi sempre rosso. Un posto libero, lo vedo, ma la mac-bio meccanico, mi sento salutare. Ciao ciao!, agita la manina chinina tanto graziosa che mi precede mette la freccia edivertito il viottolo che mi avrebbe portato sul luogo di s’insifona sculettando. «Stronzetta» pensiamo io e il mo-lavoro. Quel maledetto trabiccolo mi ha fatto perdere l’uscita naco. Dài, fatti coraggio, non sei mai stato uno di quelligiusta. Nessun problema però, penso con la fierezza dì un fortunati e sfacciati che telotrovo-io-il-parcheggio, prose-bronzo di Riace, faccio inversione e ci riprovo. L’inversione gui la tua ricerca senza disperare.va a buon fine, rifaccio tutta la manovra precedente e stavolta Il passo del serpentone di auto è sempre più lemme einfilo quel buco di via con precisione orgasmica. vorrei tanto poter girare a destra per arrivare a un solo Ok, finalmente ci sono. isolato da casa, se la signora davanti a me si spostasse di L’atmosfera è abbastanza smorta, niente musica, niente un paio di metri in avanti (ne avrebbe tutto lo spazio) epartita di rugby tra vecchie glorie e giovani emergenti, niente lasciasse libero il passaggio. Ma guardare lo specchiettodegustazione di formaggi, niente lucette colorate che fanno retrovisore non fa per lei, quello che le succede dietrosempre un po’ d’atmosfera, niente pargoletti gracidanti e so- non le interessa, così come si tappa gli occhi per non ve-prattutto niente donne di rugbisti. Per chi non fosse persuaso dere che nel mondo sono molte di più le persone chedal comandamento che tratta del non interessarsi alle donne soffrono la fame piuttosto che quelle che affogano tradegli altri, le partner dei rugbisti sono le migliori, di solito caviale e papaia. D’altronde, non voler sapere è il modobellissime, con visi delicati che poco hanno in comune con la migliore per mantenere pulita la coscienza. Scatta il ver-muscolosa estetica dei rispettivi partner. Ma poi, a ben vede- de a valle, la signora attende inutilmente che si muovanore, capisci il perché abbiano preferito uno come lui piuttosto le quindici macchine davanti per degnarsi di spostarsi deiche uno come te. Se fossi donna, mi basterebbe guardare una due metri che mi servivano e, con la mia barba già incoltasola partita di rugby per voler strappare all’istante i pantalon- leggermente più lunga, mi infilo nella stradina che fian-cini di un protagonista in campo. Io le partite le guardo per cheggia casa.lavoro e ogni volta che mi tocca farlo, la lascio a casa a Appena imbocco, ecco un posto, fa angolo e forse ciriposare sul letto la mia mascolinità. È facile annichilirla irre- entro. Due manovre, qualche lucente perla di sudore sullaparabilmente in quell’ambiente. Consiglio prudenza. fronte ed ecco fatto. ‘Mi pare che regge’, chiedo al mona- Fatto sta che della festa - che avevo con scarso rigore co mentre scendo dall’auto e guardo da varie prospettived’approfondimento inutilmente incensato in un articolo nei il veicolo parcheggiato. ‘A me pare che esci un bel po’giorni precedenti, - neanche l’ombra. Era ormai quasi l’ora di col sedere e che intralci l’entrata nella via’, risponde luicena, ma la stagione che porta con prepotenza il caldo dell’e- serissimo. Odiosa coscienza! Sono maledettamente facilestate mantiene sempre fino a tardi quel po’ di sole che rende il da convincere. Risalgo in macchina e ricomincio dacca-cielo roseo e sognante a lasciarti qualche speranza. Così, mi po, giù per la via, spazi angusti e sguardi indagatori deglifaccio forza e mi avvicino a un gruppo di persone sedute in- sfaccendati bivacchì laterali, alle pendici dei palazzi chetorno a un tavolo. colorano e intralciano il cielo. Niente posto, neanche a «Scusate» li interrompo, «ma qui non doveva esserci una pagarlo, finché non arrivo a un altro pedaggio del desti-qualche festa stasera?». no: una macchina in doppia fila, con davanti altre due Mi guardano come a dire: bello mio, questa è una do- auto, che oscurano la curva che dovrei intraprendere. Mimandaccia. Non ti sei guardato un po’ in giro? Poi uno si fermo, studio la situazione. Al fianco della prima mac-espone: china in doppia fila, quella che non mi permette il pas- «A dirti la verità io ho chiamato questa sera e mi hanno saggio, c’è una signora in vestaglia a fiori appena uscitadetto che è stato tutto rinviato alla prossima settimana. Per il da casa che spiega al figlio il motivo per cui la sua fottutatempo. Ha piovuto stamattina e hanno voluto aspettare gior- vettura non parte. “È la batteria, è scarica”, gracida tranate migliori». l’arrabbiato e il deluso. Lui si fa dare le chiavi scogliona- Avrei voluto sbraitare: «E se piovesse anche la prossima tissimo ed entra nella macchina innocuamente parcheg-settimana?» Ma mi accorgo in tempo che sarebbe una rea- giata lungo il marciapiede, al fianco di quella passibile dizione acida e iettatrice. Invece lo guardo e mi esce: «Mmh, un’improbabìle multa. I due parlottano facendo finta dibuono a sapersi. Grazie mille», e me ne vado con la coda tra non aver veduto il mio catafalco da 10 metri lì davantile gambe mentre quelli mi osservano, scorgono blocchetto e già da svariati giri di lancette.penna che fanno capolino dalla tasca dei pantaloni e se la «Non è che me la sposta questa macchina signora?ridono divertiti. Allora è vero che la categoria è formata da Da quanto ho capito è quella parcheggiata bene che nonuna branco di scemi, avranno detto suffragati dai fatti. parte. Questa in seconda fila sì, invece...» sbotto con fare Vabbè, capitano a tutti situazioni del genere, o almeno deciso ma non aggressivo e con un pizzico di preghieraspero. Ma non mi do per vinto. E allora risalgo in macchina, nel tono.giro la chiave, accendo e torno a casa. Aspetta però, potresti Lei scuote il capo come a biasimarmi.andare da qualche altra parte? No, meglio a casa. Meglio «Va bene, ora la sposto» mi dice come se dovesselasciare da parte altre grane, quando è possibile. mangiare con le bacchette sei chili di pesce crudo andato Il viaggio di ritorno è tutto un monologo a due col mo- a male. 51
    • Faccio marcia indietro e mi allontano, perché da come è bero dirmi che sono un coglione ma che accettano volen-entrata in macchina arguisco che non ha una perfetta padro- tieri il mio galante gesto. Questo dovrebbero dirti in que-nanza del mezzo. Mentre vado indietro, mi accorgo che cam- ste occasioni, non grazie...».mina in mia direzione una splendida ragazza, mora, pelle Era uno di quei casi in cui un grazie sa davvero dirossa e lineamenti indiani, ma con le movenze suadenti e ma- presa in giro e in cui avresti preferito un gratificante insul-landrine di un’europea meridionale: ha proprio il tipico movi- to. E mentre vado avanti cercando di smaltire la bile in ec-mento di bacino che sa cementare lo sguardo. Freno per non cesso, respirando profondamente, mi prodigo nella quintainvestirla e guardo scrupolosamente dallo specchietto retrovi- inversione di marcia della serata. Ormai sono un profes-sore. Lei capisce che mi son fermato attendendo il suo pas- sionista e, mentre lo penso, vedo una macchina grandesaggio, un po’ per galanteria e un po’ per spiaggioneria, e tira tanto quanto la mia che si parcheggia senza alcun tipo didritta passandomi a fianco delicatamente, muovendo verso remora al posto all’angolo della via che avevo scartato al-me il viso di quel tanto che ti lascia intendere che ha inteso. l’inizio, dopo il parere negativo e coscienzioso del mona-Lo fa quasi ringraziandomi, carezzandomi lo sguardo e il co. A questo punto, scatta fragorosa la risata isterica:naso con una delicata scia profumata di vento primaverile e «AAAAAHIIH AAAAAHH AAAAAHH!!!». Do-ormoni squisiti. Intanto alla signora avevo lasciato lo spazio podiché la risata comincia a venir su di gusto. Vera, sen-per un autotreno e lei, dopo dieci minuti di sfrizionate robo- za sforzi di sorta: «AAAAHH AAAAHH IIIIIIHHanti, mi lascia passare sulla curva dove, messe in fila sul fian- UUUUHI IHI OOOOOHHH. Che sfiga co’ ‘sti par-co delle altre auto in doppia fila, sfilano immobili tre grazie, cheggi, AAAAIIH UUUUHH OOOOHH!!! È incre-capeggiate dalla scura e affascinante apparizione indiana che dibile, sono trequarti d’ora che cerco posto sotto casa eaveva messo alla prova il mio pessimo destino qualche secon- non lo trovo! AAAAHH OOOOIIHH».do prima. Mi guardano, io guardo loro e proseguo alla ricerca Incredibile? Perché incredibile? E poi c’è ben pocodel mio graal, sbirciando però dallo specchietto retrovisore da ridere ragazzo. È la pura, nuda e ossuta verità. Spigo-che impressione ho destato in tanta rappresa femminilità. Si, losa come alcuni mobili anni ‘70 dove è un piacere sbat-guardano verso la mia auto e una sorride pure, nonostante io terci il mignolo del piede. E la devi accettare. Se vuoi par-non sia un prestante rugbista. Bene, altro materiale da mettere cheggio, o ti trasferisci in un film americano dove non c’ètra i file delle occasioni perse. O forse potrei inserirlo tra mai problema di posteggi e puoi anche lasciare la mac-quelli utili nelle notti sognanti e bagnate di solitudine... china aperta, oppure devi allontanarti un po’ da casa, su- Il posto, intanto, non l’ho ancora trovato, ma non è il perare il benedetto semaforo che intralcia il traffico e an-caso di lasciarsi prendere dallo sconforto. Per fortuna che il dare nel quartiere accanto, più spazioso e meno avido disaggio monaco afgano ha una discreta resistenza e sa farmi posti auto riservati ai cittadini di buona volontà. Infatti,prendere con filosofia quasi tutti gli accadimenti di questo scattato il verde, mi imbatto da quelle parti e quasi imme-imbrunire. Proseguo il mio cammino, mi rimetto a fare la fila diatamente, d’improvviso, mi si apre ai lati uno squarciosulla via intasata dove ho cercato posto per la prima volta. È enorme tra una macchina e l’altra, entrambe semi addor-più intasata del naso di un bambino ai campionati mondiali di mentate sul ciglio della strada, ma impegnate a sorve-lancio della caccola. Ma il mio occhio di lince non tradisce. gliare quel bel parcheggio adatto alle mie considerevoliC’è una macchina in doppia fila che nasconde sorniona un dimensioni. Non mi sembra vero, ma se mi lasciassi an-posto vuoto, desideroso di essere occupato e amato. Da impac- dare alle urla di gìubilo che sento dentro verrei guardatociato pachiderma mi trasformo in aggressivo gattopardo, met- come a un matto. Meglio godere in silenzio, anche se lato la freccia e con due manovre veloci e decise fermo tutti e pazzia sa essere sinonimo di libertà.compongo un’eccellente e simmetrica inversione a U. Sono lì Metto la freccia, mi fermo e faccio una decina di ma-lì per entrare ed ecco materializzarsi dentro l’auto in doppia novre per accoccolarmi il meglio che posso in quel giaci-fila una ragazza che ingrana la retromarcia e mi fa cenno che glio tanto prospero che ospiterebbe un autobus. Lo squar-sta entrando lei in quel posto. Mi affianco sgomento e pronto cio della felicità, la terra promessa, il posteggio cercatoal litigio. con eccessivo affanno e trovato con estremo sollievo. Lo «Quanno ce vo’, ce vo’!» conferisco romanescamente stesso sollievo di chi è riuscito a trovare soluzione a unconvinto al monaco. problema che sembrava senza via d’uscita; sensazione sal- «Ti stavi mettendo dentro?» mi chiede sorridente, con lo vifica che nei casi estremi e irrisolti porta alla disperazio-sguardo di chi finge di cadere dalle nuvole. ne e, in determinate circostanze, anche alla violenza. «Veramente sì» m’impappino perdendo d’aggressività e Quante persone avrebbero fatto a cazzotti in situazionilasciandole intendere che basta una sua insistenza per farmi del genere? Io invece no. Io sono un angelo mortificato.andare via. Per oggi, ho pensato, ho dato quello che potevo dare al «Ma l’hai visto prima tu che era libero?» chiede con dia- destino. Chiusa la macchina, guardo il mio lontano appar-bolica ingenuità. tamento che svetta dal sesto piano. Mi scorge e mi sorri- «Non lo so, tu quando l’hai visto?» rispondo senza alcun de, io sorrido a lui, e poi guardo il mio tenace catafalcocriterio. mansueto e parcheggiato. Dentro di me cominciava a «Mi sono affacciata da casa, sai, abito qui davanti, l’ho scendere uno strano spirito di pace e camminando versovisto vuoto e sono scesa...» sorride leggera. casa, volgendo il capo in alto, sembrava che il cielo, con Ormai era fatta e invece di litigare la guardo e dico: un improvviso strappo, avesse reso il paradiso meta per «Vabbè, non ti preoccupare, ciao». chiunque. «Ciao e grazie» accenna con fare docile ma vincente. «Grazie al cazzo» urlo a me stesso indignato, appena leinon può vedermi. «Sono tre ore che cerco posto e mi ringra-ziano pure quando lo trovo e lo cedo stupidamente. Dovreb- 52
    • scamente fermata da una frase:Fu come una spruzzata di «Nessuno ha chiesto il tuo parere! Sporca ebrea!». Si bloccò sull’istante, con l’espressione di chi non saacqua fresca come difendersi. All’uscita si diresse piano piano verso la di Leonardo Mercadante e Cristina Saja4 strada di casa a testa bassa, senza guardare nessuno e vol- tò l’angolo. Io la raggiunsi, volevo dirle tante cose, ma lei La verità è che se mio figlio non mi avesse convinto a non volle parlarmi, sembrava quasi mi respingesse. Adtornarci, in quella casa non ci avrei mai rimesso piede. Ero lì un tratto si girò, mi guardò con gli occhi pieni di lacrimedove sono cresciuto, è buffo vedere come le cose non siano e mi disse:cambiate! Anche se vedere non è il termine esatto dato che «Non sei tu quello con cui ce l’ho, ma sembra che iltutto è ricoperto dalla polvere. Nonostante la puzza di chiuso, mondo intero ce l’abbia con tutti quelli come me, quandosentivo un non so che di familiare. Feci alcuni passi a tentoni pronuncio il mio nome, la gente si guarda e mi guardadato il caos e la scarsa visibilità e mi avvicinai alla finestra come un’appestata. Molte delle mie amiche si sono al-che dava sul cortile; la aprii e rividi il giardino dove avevo lontanate da me: “Non è conveniente stare con un’ebrea”trascorso la maggior parte delle mie giornate da bambino; dicono, non ho più un’identità, cosa faranno ora? Miecco riaffiorare alla mente i ricordi della mia andata infanzia: vieteranno persino di andare di andare a scuola...» e quitutte le cadute fatte, le ginocchia sanguinanti, i pianti e le urla scoppiò in lacrime.e poi la mia tata che mi consolava come nessuno sapeva fare. Cercai in tutti i modi di consolarla, ma non vi riuscii. Salii le scale indugiando un po’ per via degli scricchiolii Tornai a casa con un forte senso di frustrazione. Il pranzoe arrivai al piano di sopra; percorrendo il corridoio raggiunsi venne consumato in silenzio, poi mio padre cominciò ala mia stanza e la vidi come l’avevo lasciata: la radio sul parlare:comò, la scrivania con il calamaio e il pennino ancora lì ed «Li schiacceremo tutti quegli sporchi ebrei e final-accanto la mia libreria. Continuai ad aggirarmi in lungo e in mente la nostra razza non avrà contaminazioni, sarà puralargo per tutte le stanze. Stavo per andarmene quando, ad un e cristallina come l’acqua. Epurazione deve essere la no-certo punto, vidi la porta della cantina e non di una cantina stra parola d’ordine».qualunque, ma quella, la cantina dei miei ricordi più belli. Mi alzai, provai un conato di vomito, mio padre miAnche se con difficoltà riuscii ad aprire la porta; accesi un trafisse con uno sguardo gelidofiammifero per far luce e scesi giù attraverso le scale che «Hai bisogno di qualcosa?» mi chiese.scricchiolavano come quelle del piano di sopra ma con più «Niente» dissi e quella fu la bugia più grande di tuttainsistenza; mi fermai un secondo poi continuai a scendere ed la mia vita.ecco un flash-back. Salii in camera e riflettei: Che cosa ne sarebbe stato di Avevo sedici anni, io figlio del generale nazista Karl F., Helga e della sua famiglia? Il giorno dopo non era a scuo-persona fredda e autoritaria, antisemita acceso come del resto la; la cosa più strana era che nessuno ne parlava. Alzai latutti gli altri. Era il 15 marzo del 1938 io, studente liceale, en- mano. Il professore distolse lo sguardo dal suo libro.trai a scuola per ricominciare un’altra interminabile giornata. «Si, signor F.».Mi sedetti apaticamente sulla sedia in quarta fila e fu quello il «Mi chiedevo dove fosse la signorina M. e soprat-primo incontro. Il professore ci presentò una nuova compa- tutto perché non l’avesse nominata durante l’appello».gna: Helga M., era ebrea e si era appena trasferita. Fu come «Ti preoccupi di un ebreo» sentii dire dal fondo.una spruzzata di acqua fresca in un giorno d’estate. La vidi e «Come, lei non lo sa?» disse il professore. «Eppurefu come una scintilla. Non avevo mai provato qualcosa di si- dovrebbe essere il primo ad avere queste informazioni!mile, ero un po’ intimorito da quella strana sensazione. Si se- Nessun ragazzo ebreo può più frequentare le scuole pub-dette a tre banchi dal mio. Di quella giornata non ricordo nul- bliche, così ha disposto il Fuhrer».la, solo lei. All’uscita avevo una voglia matta di parlarle, ma Rivedevo il volto in lacrime di Helga, epurazione,non la conoscevo, come facevo ad attaccare? Avrei voluto dir- epurazione, mi risuonava nelle orecchie, abbiamo perdutole tante cose, ma non riuscivo a parlare; intanto lei si allon- la nostra identità. Tre giorni dopo sentii mio padre dire:tanava. Dovevo fare qualcosa, senza pensare alle conseguen- «Finiranno tutti come topi in dei campi di concen-ze la rincorsi fino a raggiungerla. La chiamai, all’inizio lei era tramento!».un po’ sorpresa, poi cominciammo a parlare in maniera più La sera non riuscivo a dormire, pensavo che la situa-sciolta. Avevo il cuore che batteva a mille mentre lei sem- zione diventava sempre più pericolosa per loro. Dovevobrava molto più calma. Avrei voluto che la strada fosse in- trovare il modo per farli scappare. Ma come? Le possibi-finita, però come ogni strada che si rispetti, anche quella finì. lità di fuga erano pochissime. E se li avessi nascosti? Ma-Tornai a casa frastornato. La prima ad accorgersene fu la tata. gari in qualche posto abbandonato. E dove? Di posti non «Che ti è successo?» mi disse con quel tono materno che ne conoscevo a parte... già la cantina! Chi li avrebbe cer-solo lei sapeva usare. «Hai visto un angelo?». cati proprio nella cantina di Karl F.? Ma c’era un intop- «Ci sei vicina» le dissi. po: dovevo contattarla poiché a scuola non veniva più, Lei capì al volo e tornò al suo lavoro. Quella notte rimasi dovevo andare a casa sua. Sapevo che c’era una porta sulinsonne per un bel po’ e non avevo altro pensiero che per retro e potevo arrivarci con facilità attraverso i giardini.Helga. Il giorno dopo fu lei a salutarmi per prima. La nostra Ci sarei andato l’indomani. La mia notte fu popolata da-amicizia cresceva e i giorni la trasformavano in un sentimento gli incubi: vedevo Helga messa in fila e trasportata sulforte, il primo amore. Ci fu una discussione in classe. Helga treno-merci, implorava, veniva messa a tacere da un col-si schierò dalla parte di uno dei due contendenti e fu bru- po di scudiscio. Volevo aiutarla. «Helga, Helga» mi sve- gliai madido di sudore.4 Studenti del Liceo scientifico “E. Medi” di Barcellona P. G. 53
    • All’alba sgusciai fuori dalle coperte, mi misi frettolo-samente qualcosa addosso, in punta di piedi aprii la porta di Guerra anche dopo la guerracasa e uscii nella notte. Arrivai ansimante da Helga, bussai di Drazan Gunjaca (Croazia)freneticamente, mi venne ad aprire la madre assonnata in ve-staglia. Agitato spiegai in modo confuso il mio piano e il pe- È estate, il caldo è soffocante ed il mare vicino – la so-ricolo a cui erano esposti. Si coprirono con i primi abiti che luzione sembra ovvia. Basterebbero pochi passi per immer- gere lo spirito stanco, in un corpo ancora più esausto, tra letrovarono arraffando poche cose. Per dieci giorni rimasero onde fresche; in qualcosa che la maggior parte del mondo ci-nascosti, poi con la complicità di amici antinazisti riuscirono vilizzato chiama vacanza. Ma non è tanto semplice. Bisognaa mettersi in salvo. Do un’ultima occhiata in giro, mi sembra saper riposare.di vederla lì rannicchiata contro il muro, il suo bel visetto Ricordo vagamente com’era prima dell’ultima guerraspaurito, mentre le porto da mangiare. Chissà dov’è? Sarà an- durata cinque anni che rombando ha attraversato questi luo-cora viva come lo è dentro il mio cuore? Mi guardai intorno, ghi ai quali sono stato condannato da Dio e dal mio incom-era già buio fuori. Accesi un fiammifero per far luce e via prensibile amore verso questa terra. Ricordo i tempi in cuisulla macchina. per questi luoghi camminava l’uomo. E poi è arrivata la guerra. All’improvviso, intollerabilmente arrogante come qualsiasi ospite indesiderato che non accetta di venir respin- Donne a testa nuda to. Anzi. E poi da un giorno all’altro sono sparite le persone di Adriana De Vincolis con le quali usavo divertirmi, poi vennero delle altre il cui divertimento non capivo per quanto mi sforzavo. Per non Ho tagliato i capelli cortissimi. sentirmi isolato, ho chiesto gentilmente ai nuovi venuti di Da un anno ormai meditavo questa decisione: trova- spiegarmi le ragioni della loro allegria al che loro, a mia vo opposizione nelle persone che avevo intorno e perfi- grande sorpresa, sono rimasti di stucco. Uno dovrebbe pur no in me stessa. Non è che non fossi convinta della bon- sapere perché è allegro, no? Dopo un po’ di tempo alcuni di tà ed utilità pratica ed estetica di avere finalmente una loro sono diventati per me un altro io, e gli altri hanno testa essenziale ed elegante, tutt’altro. Percepivo però iniziato ad evitarmi. vagamente la disapprovazione (maschile soprattutto) di Avete mai visto come riposano i guerrieri? In nessun decidere autonomamente di “denudare” - se così si può modo. Quando non sparano, bevono per dimenticare a chi e dire - il capo impunemente, in un tempo in cui circa la perché hanno sparato. Nel primo anno della guerra è sem- metà delle donne del mondo non sono libere di mostrarsi brata anche a me la migliore soluzione – ma la mia guerra a capo “scoperto”. non è terminata in tempo. Come nessuna guerra finisce mai Non sto esagerando. So bene che da noi in Occi- in tempo, indipendentemente da quanto è durata. Dopo al- dente un taglio di capelli è soltanto un taglio di capelli e cune sbornie terrificanti, ho capito che tutto questo non ave- noi, ex-ragazze del ‘68, abbiamo dato tagli ben più con- va niente a che fare con il riposo. sistenti negli ultimi decenni: alle gonne per iniziare; alla Dicono che tutte le guerre devono finire prima o poi. biancheria intima ridotta ai minimi storici; alle troppe Siete sicuri? Se è così, perché i guerrieri continuano a “ripo- sarsi” allo stesso modo anche dopo la guerra? gravidanze e forse alle gravidanze tout-court. Lasciamo perdere i guerrieri nel loro mondo che non Abbiamo dato tagli irreversibili a matrimoni spenti capiscono nemmeno loro stessi, e che tanto meno possono e logori; a lavori ripetitivi e mal pagati; Abbiamo dato capire gli altri. I guerrieri non potranno mai capire perché un taglio ancora più netto alle convenzioni sociali obso- col passare del tempo da eroi sono diventati dei lebbrosi lete ed agli autoritarismi patemi e paternalistici. Lascian- moderni dai quali tutti scappano, mentre tutti quelli che do inesorabilmente dietro a noi - donne ormai libere e scappano non capiranno mai perché fino a poco tempo fa affrancate - milioni di altre donne stremate dagli stenti, pensavano che quelli lebbrosi fossero degli eroi. dalla fatica, dall’assoluta mancanza di potere su se stes- È così difficile essere un piccolo uomo comune in guer- se in quanto donne, madri, figlie, esseri “umani”. ra, dovunque essa ti sorprenda. La storia si interessa solo di Ed oggi, mentre porto in giro con sguardo fiero il quelli che ritiene di sua misura. Non degli uomini comuni. mio nuovo look, mi accorgo di suscitare entusiasmi de- Forse tutto questo riuscirebbe in qualche modo a trova- cisamente eccessivi se rapportati al semplice atto di aver re un equilibrio e raggiungere un livello sopportabile di esi- tagliato tutti, ma proprio tutti, i miei rassicuranti femmi- stenza tra gli uni e gli altri se non ci fossero i terzi; quelli nili biondi capelli. che avevano bisogno di questa guerra finché è durata, ma Sento, dal tono ammirato e un po’ invidioso delle che ne hanno bisogno ancora di più ora che è “finita”. Le altre donne, di essere cresciuta nella loro valutazione. Ve- iene della guerra. Non capiscono né i guerrieri né i soffe- do, dallo sguardo compiaciuto e un po’ pedofilo degli uo- renti, e tanto meno hanno il bisogno di capire. Hanno biso- mini, che ho abbandonato con le mie ciocche dorate al- gno della guerra come l’automeccanico ha bisogno della meno gli ultimi dieci anni. Capisco, soprattutto, che non macchina guasta – per guadagnarsi da vivere. Se non ci sono macchine guaste, tanto peggio per loro. Si deve pur vivere di è il miglioramento estetico a fare la differenza, bensì la qualcosa. Ed è per questo che sono loro ad avere più percezione di un atto compiuto liberamente e percepito successo nelle loro “missioni”. In ogni senso. Per questo la come trasgressivo che mi avvolge in un’aura di fascino guerra non può finire finché loro si trovano in scena, dove si rendendomi agli occhi altrui attraente e misteriosa. sentono perfetti, dove con insopportabile facilità trasfor- E mi sento felice di vivere nella vecchia Europa, in mano nuovamente in guerriero qualche poveraccio perso, questo minuscolo triangolo di terra occidentale, la Sici- mentre dei sofferenti impauriti fanno degli struzzi che per lia, che tante intelligenze manda da sempre a spasso per troppa paura sotto la sabbia non mettono solo la testa ma ci il mondo. finiscono interi. Per non far inciampare per caso qualcuno di loro. 54
    • Cosa succederà se nonostante tutto alzi la testa? E loro ti notturni nelle piazze, preferiva sbrodolarsi da sola in casanotano. Forse non spareranno perché la guerra è formalmente propria, stando comodamente seduta a tifare davanti alla ti-finita. Ma useranno tutta la loro forza per spingerti a tornare vù; dall’altra, le nuove ferree norme igieniche a tutela dellaindietro, nella sabbia rovente, inzuppata di sangue e di lacrime. salute del consumatore, gl’imponevano di arrostire le sue ca-Con gli occhi aperti. Per non dimenticare più la lezione. Se poi stagne non più sopra la brace covata in un mezzo ex bidoneriesci a rimanere in superficie, saranno gli altri a non vederti. d’olio industriale bucherellato ad arte, bensì in un lustroLoro non glielo permetteranno. Se per caso gli altri sofferenti braciere ipertecnologico d’acciaio inossidabile. Ed anche ilriescono a scorgerti lo stesso, allora è il momento di andartene o coltellino con cui incideva le scorze doveva essere monouso.colmare in fretta le lacune nella tua educazione religiosa. Costi davvero insopportabili, che erodevano inesorabilmente Non ci credete? Fate pure. È un vostro diritto. Ma poi, per le sparute risorse economiche di un’impresa di quelle di-ogni eventualità, ripassatevi le varie preghiere; forse ne avrete mensioni!bisogno. Pensate che le vostre iene siano più civilizzate? Più Di fronte alla crisi congiunturale, sorda alle men chegarbate? Forse retoricamente non le riconoscete? Tutto ciò non elementari esigenze della famiglia - esigenze che aumenta-cambia la sostanza. vano di pari passo con l’aumentare del numero di figli extra- Bene, potete tentare qualcosa di più facile. Per esempio, comunitari che annualmente produceva - Kemal si convinseprovate a fare il turista nell’appena “liberato” Iraq. Passate lì la che l’unica via d’uscita era compiere un ulteriore passovostra vacanza. Perché no? Non è stato liberato? Fate amicizia avanti: l’occupazione a tempo pieno. Fu così che allargòcon i liberati. Condividete con loro la gioia della liberazione. l’ambito delle sue attività commerciali: agli angoli delleUna sensazione unica, credetemi sulla parola. strade vendeva cassette di pesche o di pesce, a seconda delle Ma quando ritornate dall’Iraq non chiedetevi mai: cos’è la mezze stagioni; per reclamizzare i suoi prodotti utilizzava unlibertà? Perché questa domanda vi dirige in una sola direzione - unico cartello, cui toglieva od aggiungeva un’acca, riuscen-direttamente al manicomio. Conosco molte persone impazzite a do così a realizzare significative economie di scala.causa della “libertà”. Se ci penso meglio, la cosa migliore che Una volta che non riuscì a smerciare tutto il pesce e lapotreste fare sarebbe dimenticare quello che ho scritto e godervi rimanenza, dopo alcuni pasti domestici, gli andò a male inla vita finché potete. Non potete comunque cambiare niente, quanto non aveva frigorifero per conservarla, si ritrovò da-eccetto... vanti ad una poltiglia maleolente, rifiutata anche dal più in- dignato dei gatti randagi: assolutamente inutilizzabile. Ma che era un gran peccato sprecare, pensava. Mentre si arrovellava il cervello per inventarsi il modoL’uomo che fabbricava pesci di poter riemergere da quella batosta finanziaria che rischia- di Franco Querini va di buttarlo fuori mercato, Kemal ebbe come una folgo- razione: gli balenò in mente l’idea di scartare il marciume del pesce e di recuperare le sole lische, per inserirle poi den- «Allah ti protegga, figliolo! Vai dove ti porta il cuore. Sappi tro vezzose formine di surimi1 , dall’aspetto simile ai pescio-solo che dovrai molto lavorare, molto sudare e molto faticare; e lini rossi dei cartoni animati. Lo slogan “Fish for kids” pro-non ti saranno risparmiate neppure le umiliazioni. Io però ti mosse un prodotto rivoluzionario nel suo genere, solamenteconosco, so bene quanto sei forte, saggio e coraggioso: sono cer- da diliscare e mangiare con grande tranquillità, essendo pri-to che saprai farti valere anche nel tuo nuovo paese, come già hai vo di altre spine traditrici.fatto in questo, dove però la terra è troppo avara per sfamare tutte Fu un successone, superiore a qualsiasi aspettativa, inle bocche della famiglia... Vai, figliolo, sii sempre fedele alla tua quanto ne rimasero ingolositi non solo i bambini, ma ancheSheila e - mi raccomando - crescete bene i vostri figli, che sono gli adulti, che ritrovavano in quei simulacri ittici i variopintila vostra unica vera ricchezza!». brandelli della loro perduta gioventù, e quindi ne facevano Un lungo abbraccio ed un bacio suggellarono le ultime pa- frequenti ed abbondanti pasti simbolici.role del padre di Kemal sulla banchina del porto da dove stava Le richieste cominciarono a piovere da ogni dove, alper staccarsi la sbilenca carretta del mare, stracolma di speranze punto che Kemal iniziò una raccolta sistematica di lischee di disperati pronti a giocarsi tutto all’en plein della vita. d’ogni forma e dimensione, dando così avvio ad una vera e Nella nuova patria Kemal si diede subito da fare: manovale, propria piccola attività regolare, non ben definibile dal puntocuoco, strillone, lavamacchine, badante, ...Qualsiasi lavoro anda- di vista normativo: ittico-conserviera? di trasformazione?va bene, ovunque, purché gli desse quello che bastava per tirare artistica? La Camera di Commercio optò per classificarla co-avanti la frugale famiglia e gli meritasse l’ammirazione e l’affet- me “industria estrattiva”. Il grande passo verso l’imprendi-to di Sheila, prodiga di dolci abbandoni e di figli sorridenti. toria privata era finalmente compiuto! Questi lavori precari non davano però sufficiente sicurezza e Anche i lussuosi ristoranti specializzati in pesce frescostabilità al bilancio familiare. Fu così che Kemal cominciò a pen- apprezzavano questo innovativo prodotto, per svariati moti-sare ad attività meno estemporanee e più stanziali; pur anche sta- vi: la lunga conservazione, la dimensione rigorosamentegionali; magari in proprio. standardizzata, l’aspetto allegro della pietanza, la facilità di Raggranellando i pochi risparmi strasudati, si decise al gran cottura e di servizio, senza più interiora e squame da pulire.salto verso il lavoro autonomo: d’estate vendeva angurie ghiac- Con quelli più importanti si stabilirono addirittura dei veri eciate a fette e d’inverno fumanti caldarroste a cartoccetti. Sbarca- propri contratti di buy-back, col riacquisto a prezzi prefissativa così il lunario, e non solo nelle due piene stagioni: restava pu- delle lische - se integre - utilizzate nelle precedenti forniture.re qualcosa per tirare avanti negli intervalli tra i lavoretti oc- A mano a mano che il nuovo pesce si affermava su tuttecasionali con cui riempiva le stagioni morte. le tavole, Kemal cominciò a lanciarne delle varianti per sod- Non aveva però fatto i conti con l’avanzare inesorabile del disfare specifiche esigenze, non volendo trascurare neppure iprogresso tecnologico e del quadro politico internazionale: da mercati cosiddetti “di nicchia”: ad esempio, cefali al saporeuna parte la bio-ingegneria genetica, inventando le mini-angurie di tamarindo, di cui si dimostravano ghiotte le belle signoremonoporzione, gli aveva sottratto una grossa fetta (è proprio il della buona borghesia, oppure una specie di pescepalla colo-caso di dirlo!) di mercato, in quanto la gente, anziché sputacchia- rato di marrone, rosso, verde e oro al sapore di fagiano tar-re neri semini in compagnia di allegri quanto casuali amiconi 55
    • tufato, fatto apposta per i cacciatori dotati di mira poco affinata edi palato molto raffinato. Il massimo dei massimi lo raggiunse, Tania Fonte: l’infanzia e il ricordo alperò, con il pesce parlante. Era, questo, un buffo delfinotto fucsiae verdino - nelle versioni da sei e da dodici porzioni - studiato centro di Angeli senza cieloappositamente per le feste di compleanno, e che, grazie ad una di Enza Contiminuscola batteria ad accumulo di calore che alimentava un cir-cuito elettronico miniaturizzato, non appena si cominciava ad af- La raccolta di racconti, Angeli senza cielo (Ser-fettarlo si metteva a fischiare “tanti auguri a te...” fino a quando rancangeli editore, Palermo 2003), di Tania Fonte, scrit-non si raffreddava. trice e poetessa palermitana alla sua prima pubblicazione, Gli affari andarono a gonfie vele, i soldi arrivarono a palate è impregnata di fantasia e realtà, connotazioni espressivee Kemal, con la saggezza popolare che l’aveva forgiato in gio- collegate al ricordo quale elemento di attesa e di sogno.ventù e sempre accompagnato nella maturità, decise che era L’aspetto onirico, infatti, nelle varie narrazioni prevale sugiunto il momento di rientrare in patria, per godersi in pace gli quello realistico. L’autrice è portata a pensare e soprat-ultimi bagliori di vigoria e gratificare il vecchio padre, confor- tutto a riportare nel presente l’infanzia, quale luogo ditandolo con quegli agi che gli erano mancati da sempre: vendette formazione e di aspirazioni, di favole e di immaginazioni.tutte le sue attività ad una multinazionale americana, imbarcò la Spesso, infatti, è l’adolescente ad essere protagonista. Lasua Sheila con la numerosissima e ben scalata prole sullo strepi- narrazione è impregnata di suoni, odori, colori, atmosferetoso yacht che si era comprato e fece rotta verso oriente. passate e ora non più recepite. Si tratta di un paradiso Attraccò al porto da cui era partito, proprio sotto il paesello perduto che si vuole riconquistare. A ciò si intrecciano lanatio, un villaggetto senza tempo abbarbicato su per i pendii im- problematica e le inquietudini che sono o sono state den-polverati di una petrosa montagna, eternamente condannato ad tro di noi. L’adolescenza diventa luogo e tempo tra realtàun’asfittica economia agro-pastorale. ed immaginario, tempo mitico di azioni e di gesta. Lo Al suo arrivo, tutta la gente del luogo - padre in testa - corse sfondo è la Sicilia, anch’essa luogo di miti e di memoria.incontro al redivivo, di cui ben poco si sapeva dal lontano giorno La raccolta deiin cui era partito. Furono baci affettuosi, abbracci calorosi, rac-conti meravigliosi. E fu gioia in ogni casa. Kemal, infatti, aveva tredici raccontipensato proprio a tutto ed a tutti: la grande fortuna di uno doveva ha una conce-essere anche la piccola fortuna di ognuno, foss’anche solo un zione unitaria,regalino. Quella notte passò così, tra canti e balli, in gran festa. espressa da uno Il mattino dopo, di buon’ora, Kemal fu svegliato brusca- stile delicato emente da sei miliziani che lo strascinarono senza troppi compli- sublime, piano ementi davanti all’Alta Corte dei Saggi, i quali - venuti a cono- profondo, per-scenza della sua trascorsa attività di fabbricante di pesci - all’i- vaso da un sot-stante decisero unanimemente di condannarlo ad una pena seve- tile sentimentorissima. La motivazione della sentenza fu: «Un uomo non deve che avvince siafare ciò che può fare solamente Allah». il lettore adulto che il ragazzo,Nota in quanto ognu-1 Surimi: Prodotto alimentare a base di farina di pesce, che si no vi riscontrapresenta come gommoso impasto bianco, sovente colorato di se stesso. Ana-arancione sulla superficie esterna. È conosciuto anche col nome lizzare i rac-di polpa dì granchio. conti singolar- mente sarebbe Guido Bilharinho, A poesia em uberaba: do ardua impresa, ma su qualcuno voglio porre l’attenzione. modernismo à avanguardia (Ed. Istituto Se un pomeriggio d’estate offre un dialogo serrato tra Triangulino de cultura– Brasile 2003). nonno e nipotina. L’argomento è forse banale: l’acquisto di un giocattolo; ma la problematica presenta il contrasto Si tratta di un’antologia di poeti brasiliani che stanno tra mo- generazionale di un nonno che tende al risparmio e alla dernismo ed avanguardia, curata da Guido Bilharinho, diretto- scelta oculata, e la bambina che vuole ad ogni costo rag- re della rivista Internazionale “Dimensão”, che come premes- giungere il proprio obiettivo. I sogni rubati si eleva a po- sa al libro pone un’ampia digressione sulla storia culturale di esia, semplice ed affascinante, che emoziona e suggestio- Uberaba, fondata tra gli anni 1806-1808. Il presente libro na ogni adolescente. La campagna e i sentimenti si fondo- inaugura una nuova collezione pubblicata dall’Istituto Trian- no in una musicalità armoniosa di interiore riflessione. gulino de Cultura. Il volume presenta i seguenti poeti: Valter Anche nel racconto Il mare ci porterà lontano l’abilità Campos de Carvalho, Santino Gomes de Matos, Moacir La- narrativa di Tania Fonte appare evidente. Qui prevalgono terza, Jorge Alberto Nabut, Xico Chaves, Paulo Vicente de le figure femminili. La protagonista sembra coincidere Sousa Lima, Carlos Roberto Lacerda, Teresinha Hueb de Me- con l’autrice: la bambina che fu, ma anche la donna che è. neses, Olívio Tomain Neto, Maria Aparecida dos Reis Lisboa, Più pacato è invece Angeli senza cielo, racconto dalla pro- Hugo Maciel de Carvalho, José Humberto Silva Henriques, fonda sensibilità, classificatosi primo al Concorso interna- Tony Gray Cavallheiro, Juliano Bologna, Marcos Bilharinho, zionale Il Convivio del 2001. Le variazioni psicologiche André Luis Fernandes da Silva. Gli autori sono divisi in pe- dei personaggi, il linguaggio lineare ed accattivante, ren- riodi e correnti: modernismo e discorsività negli anni 40 e 50, dono il libro adatto ad un lettura per i ragazzi, oltre che l’avangaurdia degli anni 60 e 70, il neobarocco negli anni 70 e 80, il costruttivismo degli anni 80 e 90, e infine l’avan- per gli adulti, e può essere benissimo adottato nelle scuo- guardia degli anni 90. le quale libro di narrativa. Il volume, infatti, si conclude con un apparato didattico e dei percorsi di lavoro. 56
    • Pittura Milvia Lauro Milvia Lauro, pluriaccademica, è una delle piùRubrica e testi a cura di Giuseppe Manitta affascinati poetesse e pittrici italiane. Non si tratta di un freddo elogio, ma di una vera ammirazione in quanto l’au- trice è riuscita e riesce a fondere geometrismi surrealistici e una viva passionalità esecutiva. Le immagini ci appaio- no completamente fresche, e i ritmi accesi e le linee nereGiuseppe Sofia di contorno fanno sognare atmosfere oniriche che assu- mono via via un’incisiva valenza simbolica, la quale si Giuseppe Sofia, pittore siciliano impiantato a Mila- materializza in lingue cromatiche intessute di memoria eno, è davvero un artista molto particolare ed interessante. Il di moralismo. La missione morale del dotto, quasi ‘fictia-suo approccio all’arte pittorica, avvenuto in età matura, riesce namente’ intesa, è forse l’unica via che riesce a scuoteread infondere nel fruitore quella passione interiore che elabora, l’animo della gente. Ecco allora che si affiancano ad im-rappresenta idealmente e materializza in disegni e colore. Ope- magini incantevoli e spensierate, immagini più tese era particolarmente singolare è la “Formula 1” in cui si privi- cruente che spingono alla riflessione.legia un tema abbastanza inconsueto che non è visto comemotivo ideale, ma come pura immagine di una passione versoi motori, passione che accompagna il Nostro ogni giorno nellavoro e che erompe in tensioni di pura bellezza. Pubblicità (olio e carta, 60x70) Formula 1 (olio su tela) Una riflessione che l’uomo moderno deve cercare all’in- Il quadro s’ispira ad una situazione empirica e cui il terno della pittura e del verso. Così l’arte visiva di Milviafruitore è abituato ad assistere, ma il punto d’osservazione si Lauro diviene poesia sperimentale che spezza il suo lin-sposta dall’esterno all’interno dell’azione, in cui vengono guaggio, ma che allo stesso tempo crea un’opera unitaria.svelati i segreti, anche se solo in parte, e i veri movimenti di Le sensazioni e le emozioni vengono raccolte ed esterna-una squadra. Inoltre l’autore è riuscito a creare nell’opera, che te in un connubio tra geometrie, cromatismi e fervida crea-si condensa in onde impressionistiche, forze attrattive e repul- tività. Forse eccessivo appare l’incontro-scontro tra esube-sive che trovano un centro comune nella macchina (attore ranza sintagmatica e amplissime campiture monocromati-ideale), in quanto tutti gli elementi confluiscono in essa, ma che. Comunque le due forze riescono a creare all’internoche occupa solo peculiarmente una ‘parte’ del quadro. La po- delle opere un equilibrio generale abbastanza suggestivo.etica che si trova alla base delle opere di Giuseppe Sofia è Così «la vivacità dell’impressione si unisce all’estremaquella del vero e della precisione: oltre trenta sono i perso- raffinatezza del segno. La capacità aneddotica dà luogo,naggi che si dispiegano nella prima e seconda linea orizzon- al tempo giusto, al suo vero respiro lirico... c’è il canto etale, ricostruendo con gusto molto suggestivo uno scorcio che c’è il silenzio. C’è il racconto e c’è l’anima» (Ugo Zinga-sta tra il cuore e la realtà. les). Se invece poniamo l’accento sul valore civile di Giuseppe Manitta un’opera d’arte, Pubblicità vuole scuotere l’animo dello spettatore nella sua apparente invadenza. In essa le im- magini stanno a significare la pauperizzazione interiore degli uomini, visti come ‘oggetti’ di mercato. Giuseppe Manitta 57
    • scimenti sia nell’ambito nazionale che in quello interna-Giulio Carandente zionale. Fra questi spicca il conferimento del titolo di Ca- valiere all’Ordine di Merito della Repubblica Italiana con- feritogli dal presidente Oscar Luigi Scalfaro. Cenni anagrafici: Giulio Carandente, pittore e grafico, Mostre: Incomincia ad esporre le sue opere nelle col-artista veneto dalle origini partenopee, è attualmente operativo lettive dei giovani a Salerno e in alcuni centri della Cam-nel territorio di Bassano del Grappa con studio nella città pania; poi dagli inizi degli anni sessanta in mostre perso-vicentina di Cassola. Nel corso degli anni ha vissuto anche a nali, collettive e itineranti in quasi tutte le principali cittàRoma, Brescia, Novara, Chieti, Rieti, Padova e Genova. del Sud e del Nord Italia mentre all’estero tra le tappe più salienti ricordiamo le mostre negli stati del Belgio, Cana- dà, Cecoslovacchia, Finlandia, Francia, Inghilterra, Spa- gna, Stati Uniti d’America e Sud Africa, toccando le cit- tà di Anversa, Bruxelles, Toronto, Montreal, Vancouver, Praga, Helsinki, Parigi, Nizza, Londra, Madrid, Segovia, Siviglia, Barcellona, Toledo, Huelva, New York, Phila- delphia, Washington, Denver, Toronto, Helsinki, Johan- nesburg, ecc. Amalfi (litografia) Studi: Diplomatosi all’Istituto Professionale di Stato diSalerno e al Liceo Artistico Statale di Cassino, ha poi studiatopresso la Facoltà di Architettura dell’Università di Venezia.Nel 1979 gli è stato conferito il Diploma di Accademico del-l’Accademia delle Arti dell’Incisione di Pisa e successiva-mente la Laurea honoris causa in Arte da parte della Intera- Positano (litografia)merican University of Humanistic della Florida. Ha parteci-pato a diversi stage accademici di approfondimento sull’arte Rassegne: Ha vinto numerosi concorsi di pittura emoderna e contemporanea ed ha completato una personale partecipato per invito ad altrettante rassegne in prestigiosiricerca sulle possibilità espressive del linguaggio artistico vi- luoghi espositivi come Il Palazzo Barberini di Roma, losivo. Ha studiato diverse tecniche pittoriche, approfondendo in Javitis Center di New York, il Castello Estense di Ferra-particolare modo quella dei colori ad olio, tecnica preferita sin ra, il Castello Colleoni di Thiene, il Museo L. Bonfanti edagli anni dell’adolescenza con la quale oggi prevalentemente la Villa Cà Cornaro di Romano d’Ezzelino, il Castello In-si esprime. Nell’ambito grafico, oltre al disegno, ha acquisito feriore di Marostica, Arte Fiera Internazionale di Padova,con lo studio e l’esercizio, anche la padronanza delle tecniche il Palazzo Roberti e l’Atelier Cadore di Bassano del Grap-calcografiche della serigrafia e della litografia, con le quali ha pa, il Grand Hotel di Rimini, l’Hotel Savioli di Riccione,realizzato opere monocromatiche e in quadricromia. Nella sua il Raadisson Sas Hotel di Nizza, L’Esart Galeria di Bar-età più giovanile Giulio Carandente è stato per un triennio an- cellona, il Palazzo Contarini dei Leoni di Mira, il Muni-che docente di discipline artistiche in alcune scuole e istituti cipio di Cassola, ecc.del Veneto, sperimentando con successo un proprio metodo Il suo stile: Inizialmente figurativo, fino al primo pe-didattico. riodo post-scolastico, ha gradualmente elaborato un perso- Carriera artistica: Giulio Carandente ha al suo attivo nalissimo stile, avvicinandosi ad una espressività tenden-una carriera artistica iniziata già dagli anni della sua adole- te all’astratto, trattando diverse tematiche inerenti la storiascenza e vissuta nel corso degli anni con intensa e vera pas- dell’arte, l’analisi critica della società contemporanea, ilsione, attualmente documentata da un sostanzioso dossier, progresso tecnologico, l’ecologia, e lo studio di alcunericco di affermazioni e numerosi premi e prestigiosi ricono- antiche civiltà, ecc. Giulio Carandente con la sua pittura, 58
    • fusione di due scuole come quella veneta e quella partenopea, d’Arte Moderna di Amsterdam. Nel 1977 una sua operaimperniata sullo studio cromatico e sulla creatività delle for- fu destinata al Museo civico di Bassano del Grappa eme, sostenuta da originali soluzioni architettoniche e da un recentemente una sua opera pittorica è stata destinata alsapiente gioco compositivo di linee; realizza opere di grande Museum of the Royal Hause of Portugal. Nel 1999 unaeffetto visivo e molto suggestive e capaci, attraverso l’inten- sua opera pittorica di grandi dimensioni intitolata Emo-sità espressiva, di coinvolgere emotivamente il pubblico, per zioni al Museo Bonfanti viene esposta, ed è tutt’oggi visi-questa loro peculiarità le sue opere vengono spesso richieste tabile, presso il Museo dell’Automobile Luigi Bonfanti diper illustrare opere letterarie e poetiche, nonché come sceno- Romano d’Ezzelino, Vicenza. Realizzata in occasione del-grafie in performance musicali, realizzando un felice connu- la manifestazione Un Secolo di Fiat, dove la Contessabio con le diverse forme artistiche. Diverse immagini di que- Donna Clara Agnelli, ospite d’onore alla cerimonia di in-ste opere si trovano nelle enciclopedie di arte contemporanea, augurazione, imprime le prime forme alla successiva ope-su siti Web della rete informatica e sono esaminabili presso ra d’arte eseguita da Carandente; nello stesso anno realiz-musei, biblioteche e in varie sedi istituzionali internazionali. za l’opera di pittura e grafica intitolata Frammenti d’arte contemporanea esposta presso le sale della Biblioteca ci- vica di Cassola. La mostra viene inaugurata dal calciatore Paolo Rossi. Nel 1997 illustra la silloge di poesie Magia in Costiera del poeta A. De Rosa e attualmente consulta- bile presso la Biblioteca Comunale di Amalfi, la Bibliote- ca Diocesana di Salerno, l’Accademia dei Concordi di Ro- vigo, il Museo Biblioteca Archivio di Bassano del Grap- pa, La Civica Bertoniana di Vicenza, La Stadtbibliothek di Bolzano, la Biblioteca Isontina di Gorizia, e le Bibliote- che Civiche di Verona, Vicenza, Padova, Venezia, Trento, Trieste, Udine, Feltre, Belluno Pordenone, Asiago, ecc. Eventi: Giulio Carandente, noto per la sua originale espressività nell’ambito figurativo, si è distinto anche co- me ideatore di eventi culturali di rilievo; ha infatti tenuto corsi sperimentali di pittura, fondato gruppi artistici, di- retto riviste d’arte e realizzato suggestive scenografie lu- minose. È stato invitato a far parte di giurie in concorsi d’arte regionali e nazionali ed ha presenziato e commen- tato rassegne di scultura, pittura, grafica. Ha svolto, inol- tre, attività di regista e scenografo per il noto gruppo ca- meristico Ars in Musica, realizzando spettacolari perfor- mance in teatri e chiese del triveneto. Altre ideazioni: Recentemente ha reso palese un suo progetto elaborato per le scuole imperniato sulla proiezio- ne di una raccolta di proprie opere pittoriche, ispirate al- l’architettura dei monumenti e storia del bassanese, con Cetara (litografia) intervento dello stesso autore nella discussione con scola- ri e docenti. Altra ideazione degli ultimi anni è la messa a Realizzazioni: Nel corso della sua carriera artistica ha fuoco della trilogia della pittura ampiamente spiegata sulrealizzato opere singole, cartelle litografiche e serigrafiche e campo, dove una singola opera viene concepita per tre di-cicli pittorici imperniati su diversi temi come: Ciclo dell’uo- verse espressività che sono: scenografia visiva, perfor-mo e della materia, Studio sulla flora e fauna marina, Bassa- mance musicale, illustrazione letteraria. Recentemente, ano nellarte, La Costiera amalfitana nell’arte, Bassano ne- conclusione di un’appassionata ricerca iniziata nel 1997,ll’arte contemporanea, Veneto incantevole, Civiltà in evolu- ha fondato il movimento culturale Multiarte, che si ponezione, Fantasie cromatiche, La donazione, Studi scenografici, come obiettivo lo studio, la ricerca e l’approfondimentoRomano nell’arte, Extraestetica, Romano silente, Rosales et delle possibilità espressive offerte dai diversi linguaggiVindimiales, Architettura feltrina, Studio sulla civiltà dei artistici e dal rapporto simbiotico che può crearsi tra leMaya, Gheranion, Flora del Monte Grappa, Metamorfosi di arti. In questo contesto ha ideato e diretto una cinquantinafarfalle ecc. Diverse di queste opere sono state oggetto di di Rassegne multidisciplinari con il contributo artisticostudio e corredate da testi di presentazione di critici e giorna- dal mondo delle arti visive, della musica e della lettera-listi, nonché da varie personalità del mondo dell’arte e della tura, con un riscontro decisamente positivo da parte delcultura. Recentemente per la prima volta ha prestato le sue pubblico. Impegnatissimo nell’ambito culturale, Giulioopere pittoriche per illustrare alcuni calendari artistici a scopo Carandente è membro di diverse Accademie e partecipecelebrativo, riscuotendo un grande successo editoriale. Nel- delle iniziative delle istituzioni per la diffusione dell’artel’anno 1979 realizza l’opera grafica Bassano città cadente fa- e della cultura, contribuendo attivamente alla promozionecente parte della cartella 20 Artisti per gli Archivi della Seri- dell’arte nel panorama artistico nazionale.grafia, consultabile presso il Museo d’Arte Moderna di Roma, Studio: Giulio Carandente - Via Giacomo Leo-il Museo d’Arte Moderna di Parigi, l’Archivio Nazionale di pardi N° 15 - 36022 Cassola, Vicenza - Tel: 0424-Roma, la Biblioteca Nazionale di Roma, la Biblioteca Nazio- 31057 E-mail: giuliocarandente@virgilio.it - Cellnale di Firenze, la Biblioteca Comunale di Ancona, il Museo 339-7823672 - 59
    • Raffaela Longo Alberta Di Lauro Raffaela Longo è pittrice e poetessa di raffinata e ra- Alberta Di Lauro, nata a Bari ma residente ara sensibilità. Dalle sue opere emerge un chiaro taglio ezio- Riposto (CT), è una delle pittrici più raffinate dell’interalogico che intende trovare la sua radice nell’abitazione del- Sicilia. Pittrice classico-ottocentesca ha diffuso e diffon-l’uomo, nella metafora che continua a nascondere o svelare la de in tutto il mondo le sue opere riscuotendo innumerevo-vera essenza della società civile. Un’essenza che però appare li successi soprattutto in Italia e negli Stati Uniti. È veropiatta, intensa e confusionaria, una sintesi tra positivo e ne- che le opere di quest’insolita artista ricalcano una tecnicagativo, una realtà che appartiene all’essere, ma che spesso si fiorita due secoli fa, ma dalla loro impostazione generale eallontana da esso alla ricerca del metafisico. Così nella pittura peculiare si nota come una tale definizione sia puramentedella Longo ritornano non solo quegli spunti metafisici, ma limitativa. Alberta di Lauro, infatti, parte dall’assimilazio-anche le esperienze che si dipanano in contrasti d’animo e ne tecnica di un tardo romanticismo in cui hanno fonda-d’immaginazioni reali, di paesaggi e di nature morte che si mentale importanza il gusto coloristico e luministico, mafondono. Esempio mirabile è “La casa della speranza”. la sua vera fonte d’ispirazione è proprio il nostro secolo. Figura di bimba (olio su tela 40x50) La casa della speranza (olio su tela) Non si tratta dunque di un anacronismo storico, Il connubio tra colori essenzialmente freddi e il con- ma di una scelta originalissima, in cui l’interpretazione deltrasto tra la loro luminosità rende il concetto della speranza passato e del presente si fondono in un sinolo di passione eabbastanza statico, che sembra eclissarsi oltre gli alberi, an- compostezza, di natura non assolutizzata e di umanismo.che loro cupi. La seconda fascia orizzontale, uniforme, cattu- Le sue opere nascono da un continuo dialogo tra anima era quella ‘casa della speranza’ per farne un tutt’uno con essa. natura, alla ricerca del silenzio. Ma il silenzio della DiQui la vacuità coglie il sentimento, si tramuta in finzione, Lauro non è un silenzio passivo, in quanto trova nell’a-quasi una finestra o un quadro nel quadro in cui appaiono gire il suo massimo fondamento: agire nel fruitore e col-come primi elementi due oggetti da natura morta. Come scri- pirlo nella sua interiorità. L’artista ritrae, dunque, gli ef-ve Ferruccio Gemmellaro «le opere pittoriche di Raffaela Lon- fetti del tempo sulla natura nel suo alternarsi, affascinati ego... appartengono, da un’analisi omologistica, alle risposte vitali scorci che saporano della terra di Sicilia. Così, comedel Mondo Questo, in cui è la solitudine ad istigare gli animi, ad esempio nell’olio su tela Rustico, la struttura prospet-che traina le avventure, e le fenditure dell’alter Es si rivelano tica e visuale si innalza verso i fremiti dell’animo nellaisole di tregua, fugaci approdi su mondi estranei. L’effetto loro più salda compostezza, che si materializza in und’appiattimento, già prerogativa delle icone orientali, che si equilibrio tra linee orizzontali e verticali, che eguaglianonota nelle configurazioni di questa giovane pittrice, reso oltre- realtà e visione. L’equilibrio formale si basa inoltre sullamaniera dalle preferenze cromatiche, è tropologico,: racchiu- contrapposizione, a volte lieve, tra colori caldi e freddiderebbe, infatti, una sofferenza dell’artista, sintomatica di un per sfiorare nell’opera tocchi impressionistici che dannotenace attrito d’àncora; la tela allora alluderebbe alla teca cor- vitalità al tutto. «I suoi paesaggi, dotati di luce propria,porea. Longo, insomma, pur votata al surrealismo, risente la incantano, fanno trapelare sensazioni di serenità, rifletto-lacerazione di una primitiva fase decisamente figurativa... in no un aspetto della personalità di un’artista il cui tempi-contrapposizione all’astrattismo: una delle ragioni che indur- smo è sinonimo di forte determinazione ed innato spiritorebbero ad interpretare le sue opere in chiave metafisica» di creatività» (J. Vaccari).(Ferruccio Gemmellaro). Giuseppe Manitta Giuseppe Manitta 60
    • Emma Villarreal Giuseppe Piacenza Emma Villareal, pittrice messicana, è dotata di una L’arte nella sua pluridimensionalità assume co-sensibilità fuori dal comune. Sin dal primo impatto ciò che stantemente una nuova valenza che si esprime nella con-colpisce maggiormente delle sue opere è un cromatismo acce- cezione esistenziale e spazio temporale dell’opera d’arte.so e vibrante, che dà movimento o staticità (secondo i casi) Una tale valenza viene colta sin dal primo impatto nellealle forme che in esso include. Le immagini fresche ripren- opere del pittore Giuseppe Piacenza. Nato a Masio (AL)dono il giocoso abbraccio del colore in paesaggi inusuali per nel 1939 e già docente d’educazione artistica nelle scuoleun fruitore europeo, ma dalla contemplazione del paesaggio si medie, svolge da diversi anni un’intensa attività sia in Ita-passa a quella del sentimento e della società civile in un con- lia che all’estero, attività testimoniata da mostre a Firen-tinuo passaggio tra simbolismo e naturalismo. «Su obra reve- ze, Roma, Milano, Parigi, Tokyo, Atene, New York.la infinitas inquietudes y un solo amor: el amor al arte». Romance matrimonial (olio su tela cm 120x150) Astronave Oliva (olio su tela cm 50x70) Con queste parole incisive Alfredo Gracia Vicente, L’opera di Giuseppe Piacenza si realizza in unacritico d’arte messicano, definisce l’essenza delle opere della dimensione protesa verso il futuro, in cui domina l’armo-Villareal. Memorie, impressioni, emozioni assumono simboli- nia del creato. Abbandonando il gusto descrittivo del rea-camente una chiara incidenza che si materializza nelle inqua- le, il pittore ha assunto la consapevolezza del trascenden-drature raccolte e silenziose che sembrano sfuggire agli occhi te, in un continuo fluire tra serenità visionaria e turbo-del tempo. Con la nostra autrice davvero la pittura si fa musi- lenza intergalattica. Così le astronavi squarciano il vuoto,ca e la musica si tramuta in poesia. Le opere della Villareal che poi vuoto non è, creando dei varchi singolari lungo ilnascono spesso dall’osservazione, ma si riempiono di bellez- cammino verso l’infinito. La speranza però delinea i voltize intrinseche, pur rimanendo fedelissime alla natura che le ha dei pianeti, la luminosità delle astronavi vede nella sua in-ispirate. Bello appare il motivo paesaggistico rappresentato in trospezione la centralità dell’uomo nell’universo, che mi-Romance matrimonial. La pennellata è densa, affascinate nel- sura costantemente la sua grandezza con l’infinità dell’e-la sua mobilità, il colore si mantiene puro, la sua compostezza terno. Tale rapporto, romanticamente inteso, viene a cre-viene determinata dalle sfumature delicate che accompagnano are moti di forza, che perlopiù tendono verso la materia-ogni colpo di pennello. L’opera assume un asse ideale al cen- lizzazione dell’incerto cammino dell’uomo. In Astronavetro, identificandosi nell’albero con variazioni dal giallo al vio- oliva il campo visivo viene invaso dall’esplosione magma-letto che si nota sullo sfondo. La fuga prospettica, che a dire tica del rosso e del giallo che divide la volta celeste lungoil vero non è molto accentuata, lascia spazio al contrastante la diagonale della tela. Saturno, nella sua magnificenza eammasso di alberi biondi e un cielo bianco con lievi sfuma- particolarità, osserva l’esplorazione dell’intelletto-astro-ture sul giallognolo. L’atmosfera sembra pervasa da tensione nave e s’illumina di luce riflessa. Così appare uno sfondoonirica, che si allontana dalla caducità del tempo e si concre- di drammaturgia cristiana in cui «la pienezza della dispo-tizza solo alla fine in elaborazioni cromatiche. L’animo e le nibilità all’amore universale è il segreto che alimenta que-percezioni sensitive, dunque, si trovano al centro dell’emozio- sta pittura, raffinata e ben composta, armoniosa nei tratti enalità di una pittrice che forgia le sue opere su una con-cordia nelle scelte cromatiche, capace di infondere nello spiritodi scorci e sull’enfatizzazione di effetti luminosi. di chi la osserva autentici aneliti di pace» (S. Perdicaro). Giuseppe Manitta Giuseppe Manitta 61
    • Marisa Calisti Sebastiano Maccarrone Abbiamo festeggiato il tre di marzo l’ottantesi- «Chi dipinge la natura, specie se in chiave realista, mo compleanno del pittore siciliano Sebastiano Maccar-ha bisogno di uno sguardo attento, di una mano sicura e di rone, che vive ed opera a Furci Siculo(ME). Dico abbia-un’anima curiosa, che sappiano equilibrare verosimiglianza e mo festeggiato perché un evento del genere rallegra tuttiinvenzione». Così Paolo Levi, nell’editoriale Giorgio Monda- noi amanti delle belle arti e della pittura. Infatti il nostrodori 1994, definisce le doti principali di un’artista, Marisa conterraneo, che con la sua arte si rifà ai canoni realistici,Calisti, che da allora ha avuto un’evoluzione esemplare di- è eccellente pittore e coglie con i suoi colori la bellezzastinguendosi da un percorso post-avanguadista per cogliere della terra di Sicilia facendola conoscere in tutto il mon-quell’antico messaggio metanarrativo che il genio poetico do. Le pulsioni interiori sono alla base della sua conce-sembra aver perduto nella maggior parte dei casi. La sua zione estetica, si tratta di pulsioni naturali e non di senti-pittura si caratterizza come interprete di visioni che vanno al- mentalismi patetici: per questo il suo realismo è partico-la ricerca del fascino, della spiritualità intrinseca nella natura. lare e molto interessante. Paesaggio verde (olio su tela, cm 70x50) Il suo percorso artistico, dopo gli studi a Venezia, Bo-logna e Oxford, ha sentito la necessità di razionalizzare gliimpulsi interiori ed esteriori, ridare valore alle luci e alle om-bre. Così nella ricognizione pittorica dell’esistenziale la for-ma si piega alla pennellata veloce, ma meditata, vibrante maallo stesso tempo armoniosa. La luce sembra incendiare il qua- Paesaggio (olio su tela cm 70x50)dro in un labirinto di colori e di contrasti, ma ad una più at-tenta osservazione appare come frutto di un’espressività che Così, mentre il mondo dell’arte festeggia un talesi basa sul fluire della materia. Tale fluire armonioso viene evento, noi come redazione del Convivio non possiamodescritto dall’autrice allo stesso tempo come tentativo di sin- lasciarlo inosservato. Nel numero 14 de Il Convivio usci-tesi tra materia e forma, tra realtà e fantasia. Sin dalle prime va un articolo sulla pittura di Sebastiano Maccarrone e ilopere il concetto della sublimazione e condensazione tra sen- nostro redattore Giuseppe Manitta così scriveva: «Motivitimento e natura trova spazio tra i colori della Calisti. Alcuni paesaggistici, scene legate alla vita quotidiana e ritratti so-punti fondamentali si trovano tra una prima produzione, come no i soggetti più ricorrenti nella sua arte, in cui ogni ele-Paesaggio verde, e un’ultima produzione, in cui il frammen- mento raffigurato emerge per la compostezza, per il rigo-tismo viene accentuato, il colore si mantiene sempre più puro. re analitico ed equilibrio formale. Acuto osservatore dellaIl carattere del movimento ascendente e discendente, che è il realtà con le sue mirabili doti introspettive riesce a co-risultato di una fusione tra forma e spazio, viene mantenuto gliere gli elementi del reale per elaborarli con toni origi-costantemente in un dinamismo che procede dall’emozione. nali in raffigurazioni incantevoli. Il ritmo veloce delleDunque l’opera di Marisa Calisti con intenso lirismo e sug- pennellate e la vibrazione della luce indagano con spicca-gestione evoca immagini della realtà naturale in un continuo ta sensibilità percettiva la realtà in un binomio tra uomo efluire di cromatismi accesi e delicati, in una sintonia armonica natura, da cui parte ogni momento ispirativo». Da questetra conoscenza spirituale e realtà oggettiva. La tessitura risalta parole è chiaro come siano presenti in questo autore com-per la sua compostezza e dinamicità timbrica, immergendosi postezza e complessità, realtà e immaginazione. Ma nonin memorie, impressioni e sensazioni che si congiungono per ci dobbiamo meravigliare in quanto parliamo di un artistacogliere le essenze simboliche del mistero vitale. che sin da giovanissimo si è dedicato con successo e pas- Giuseppe Manitta sione alla pittura. Ancora Auguri! Angelo Manitta 62
    • Lucha è la riappropriazione del reale, che trova il suoLucha fondamento idealistico all’interno di sé e fuor di sé. Nel complesso la pittura di Lucha è molto varia, ma sempre originale, fresca, d’immediata comprensione intellettiva, A dire il vero non conoscevo prima d’ora la pittura di dotata di perfette articolazioni che nei modelli esteticiLucha, Luciana Chamblant, e solo ora mi sono reso conto che sublimano in tensioni spirituali, impressioni e riflessioni.per me era oscura una delle pittrici più originali dell’ambiente «A guardare la pittura di Lucha», scrive G. Massimini,romano. La sua arte rifugge dal semplice descrittivismo, ma «sembra di vedere l’esperienza di una pittrice che abbianon si affianca all’originalità di una pittura-poesia postavan- seguito con intelligenza le vicende artistiche dell’ultimaguardista, si tratta di un’arte originale nel dettato, nella com- generazione. Qui la pittura diventa rappresentazione, unapostezza e nei tratti, in cui il cromatismo fornisce attimo dopo nuova prospettiva tridimensionale che congiunge la mate-attimo spunto di riflessione. La pittura è materia, fluido mag- ria coloristica alla linea segnica resa tattile e pastosa dallama che sgorga da una fredda e silenziosa tavola di masonite, tecnica a rilievo». Così il segno pittorico diviene realtàun magma che prende vita e sprigiona un’energia incon- immaginativa che prende possesso del reale status in cuitrollabile, il cui frutto è la deformazione dei soggetti. vive l’uomo. L’opera d’arte diviene punto d’incontro tra due dimensioni: quella immaginifica e interiore, quella re- ale e vissuta. Tale incontro è esemplare ne S. Spirito in Sassia, in cui le tonalità si fanno delicate e gradevoli, gli accenti dolci ma allo stesso tempo dinamici. Si materia- lizza insomma quella suggestività evocata dalla memoria e da armoniche visioni. Roma, S. Spirito in Sassia (acrilico cm 40x50) Vaso di rame con iris (pastello, cm20x30) Il taglio prospettico viene segmentato e rico- Le opere espressivamente più originali sono le rap- struito per accentuare l’effetto dell’opera, che risalta, perpresentazioni di monumenti, in cui il plasticismo architet- gusto coloristico, sia sullo sfondo che sull’ambiente circo-tonico si presta alla materia e alla pittura in una completa sin- stante. Lo spazio della masonite è restrittivo per il sog-tesi tra descrittivo e sublime, tra sublime e silenzio. Il silenzio getto, che tende ad uscire al di fuori, a protendersi versodei monumenti, dunque, parla dell’uomo e della sua gran- il fruitore. L’opera nel complesso appare equilibrata, man-dezza, del suo sentimento, della sua capacità di sconvolgere e tenendo la convezione architettonica della chiesa reale,piegare il reale. Lo spazio delle opere, però, non è uno spazio che in movimento ascensionale si eleva dalla staticità ba-reale, ma solo figurale, in cui i monumenti vengono idealiz- silare della piazza e della natura circostante. La naturazati in fresca e brillante tecnica materica. Questo è il fulcro però è qui intesa come sinolo di espressività interiore edessenziale dell’arte di Lucha: simbiosi tra classicismo ideale e esteriore dell’animo umano. Un taglio così dinamico puòforma moderna. Tale definizione sembrerebbe al primo im- essere affiancato ad opere, come il Tempio di Vesta, sem-patto una semplice contraddizione in quanto nel classicismo, pre per analizzare l’aspetto più originale e intenso di que-vecchio e nuovo, ideologia e forma coincidono. Ma il nuovo st’artista, in cui la tensione intellettiva si fa statica, in cuiclassicismo di Lucha sta nell’idealizzazione dell’oggetto che, l’unico movimento dinamico è la fuga prospettica aliena-definito e plasmato, non può essere colto diversamente da ta da un enorme monumento centrale. L’arte a questoquello che viene presentato sulla masonite. punto, così come nella dialettica hegeliana, non diviene Dunque l’idealizzazione storico-artistica di un monu- che azione dello Spirito «nel riconoscersi nella sua estra-mento, che viene privato della sua esteriorità modulare, divie- neazione in sentimento e sensibilità, nel concepirsi nelne palpabile rappresentazione metaforica del sentimento, si suo altro».tramuta in allegoria semantica che coglie nella pittura mate- Giuseppe Manittarica l’essenza di scultura, architettura e pittura: l’intento di 63
    • coinvolgenti, che si accumulano in una massa di tempoRecensioni simile ad un universo apparentemente statico, dove sem- bra che passato, presente e futuro abbiano un’importanza relativa, forse perché il tempo, in effetti, è una dimensio-Mariano Fontana, Voci della Liguria (antologia ne nascosta, mentre un libro che contiene parole, spesso si tramuta in una specie di “diario”, in una personale “pale-di poeti liguri contemporanei), ed. Cinque Terre. stra”, in un luogo giusto e adeguato atto a raccogliere tut- Mariano Fontana non è genovese di nascita, essendo te le varie “fioriture” della mente del poeta.siciliano, ma lo si può considerare tale di adozione perché nel E il poeta Manzoni sa far vibrare in modo sem-capoluogo ligure, dove si è stabilito dopo il servizio militare, pre nuovo le melodie dell’anima. E tra una gioia e l’altra,ha vissuto gran parte della sua esistenza lavorando come dise- tra un’amarezza e l’altra della vita, egli torna a cantare glignatore tecnico negli uffici della Provincia di Genova. Nono- azzurri dei cieli, gli amori struggenti eternati in musichestante il tipo di lavoro praticato, Mariano Fontana ha sempre malinconiche. La sua mente è un vero e proprio cantieredimostrato un notevole temperamento artistico, cimentandosi colmo di pensieri e di immagini residuati in un vasto re-nello studio, e nelle esecuzioni di pezzi classici con la chi- pertorio fotografico dell’anima e il suo cervello, un ar-tarra, e nel canto. Proprio cantando famose canzoni è stato col- chivio entro cui tutte le note poetiche si adagiano per poipito dal fascino della composizione poetica dei testi ed ha ini- legarsi - in perfetta simbiosi - con ogni singola cosa, conziato a scrivere versi. Una vocazione dunque, la sua, di perso- ogni singolo sentimento, con ogni attimo del tempo, conna adulta e consapevole, che vuole utilizzare il mezzo lirico ogni singolo problema, con ogni singolo ricordo, con o-per comunicare con gli altri, come faceva attraverso il suono gni singolo dolore e ogni singola gioia, riportando a gallamusicale ed il canto, e per commentare eventi di attualità, che volti, memorie, amori, nostalgie, rimpianti. Giacomo, concolpiscono la sua immaginazione, e quella collettiva. la sua poesia affidata alla chiarezza del linguaggio e alla Le sue composizioni liriche hanno, infatti, la carat- forza incantatrice della parola, mette in evidenza la va-teristica peculiare di essere estremamente concrete, di non riegata gamma delle emozioni umane che, tra contrad-divagare nel sogno o di perdersi nell’astratto, bensì di restare dizioni e inevitabili dolori, s’annida tra le oscure piegheancorate al presente, di sviscerarlo nel bene e nel male di cui del mondo, assieme agli ultimi gridi delle rondini, assie-è composto e di esporre al lettore con evidente chiarezza una me al profumo dei frutti maturi. E Giacomo, poeta sensi-visione realistica del mondo circostante, mai edulcorata dalle bile, coglie tutte queste emozioni le fonde con i suoi pen-illusioni. L’aspirazione alla pace e alla pacifica convivenza tra sieri, facendo così cadere sulle pagine bianche parole bel-i popoli è tema ricorrente nei versi delle sue poesie, ed è sen- le, dolci e leggere, come foglie sollevate dal vento.timento semplice e genuino, non retorica condiscendenza, è Flavia Lepresen-timento che unisce gli uomini nel desiderio di un mondomigliore. Sono queste le caratteristiche che gli hanno fatto Incedo per ignes, silloge di poesie di Sara Lomeritare tanti premi di poesia, addirittura dieci nel 2001. Faro, Giacomo Di Dio e Gianluigi Ruggieri. Mariano Fontana scrive poesie di disarmante cando-re, con una spontaneità serena ed una assoluta adesione alle In un bellissimo testo B. Russel scriveva checose: ne è esempio la poesia dedicata al Papa, che è stata in- «temere l’amore è temere la vita, e chi teme la vita è giàviata al Santo Padre, ottenendo una risposta di ringrazia- morto a tre quarti». Questa è l’immagine dell’amore chemento, e al Cardinale di Genova, nonché ad altre personalità appare anche dall’antologia “La parola perduta di Eros”,che hanno gradito l’iniziativa. La lirica ispirata alla tragedia edizione molto ben curata che contiene tre ampie sillogidell’undici settembre propone immagini di emozionante con- di Giacomo Di Dio, Sara Lo Faro e Gianluigi Ruggieri.cretezza, alternate alle sensazioni destate nel poeta dalla Tre autori le cui opere emergono dal panorama poeticovisione di tali immagini. siciliano per espressività linguistica e tensione emotiva, tra le quali si distingue per compostezza e innovazione la silloge “Incedo per ignes” di Sara Lo Faro. La poesia diGiacomo Manzoni Di Chiosca ritmo cronome- quest’interessante poetessa assume una dimensione atem-trico in Il tempo, le cose, i sentimenti (Ediz. Il porale che verticalizza la propria espressione tra passato ePortone / Letteraria, Pisa) presente, in un continuo ripercorrere, tra classicismi ter- minologici e impostazioni strutturali modernissime, un Con un libro pubblicato, chi scrive consente a se stes- viaggio verso l’Assoluto che evoca, con uno stile proprioso l’orchestrazione dei propri sentimenti, della propria fanta- della frammentarietà greca, la fusione tra realtà e inven-sia e si dà la possibilità di offrire la propria anima all’atten- zione, modernità e tradizione. A climax, così, si estendezione dei propri simili. Perché un libro di poesie - se di poesie il connubio tra eros e spiritualità, per conciliare una sa-autentiche si tratta (e queste di Giacomo, autentiche lo sono cralizzazione simbolica che può essere assunta come per-per davvero) - il poeta incide il proprio intimo “io” in uno corso di critica verso il presente, in cui «incedo per ignesspecchio magico che si frappone tra il tempo e la sconosciuta / dietro al caduceo d’argento. / Ti volti / alla voce dieternità. Per quel che personalmente posso dire, io ho ese- Euridice silente». Tale concezione adimensionale e asso-guito uno scandaglio accurato e profondo entro ogni singolo lutizzata di ‘Cupido’ lega il particolare all’universale perverso e, ancora una volta, affermo che il poeta ha saputo toc- innalzare alla fine un canto di ebbrezza spirituale: «Si-care le corde del mio cuore. Perché questa è una poesia sof- gnore dei mondi sommersi / la tua brezza sul viso / poi difusa non da un’infinità di stati emozionali, poesia che esercita nuovo gli abissi. / Gridano gli albatri / in processione /una dolcissima forza attrattiva, scandita con un ritmo quasi nel cielo vuoto».cronometrico, su di un piano di attimi chiaroscurali, intensi, Giuseppe Manitta 64
    • incidenze sull’eterna esistenza dell’oltretomba. SenzaRaffaele Izzo: la sintesi discuterli citiamo alcuni versi tratti da varie poesie: «Nell’invisibile vedo un atomo di esistenza». «Nel pro-visiva dei soggetti pittorici fondo silenzio dell’universo, / una splendida bellezza». «Un’armoniosa cantica di note umane/nell’infinita sin- La sintesi visiva dei soggetti e l’ispirazione meta- fonia dell’universo». «Sono salito, su, fino al sublime /forica delle scene si condensa nella pittura di Raffaele Izzo. Il cielo dell’assoluto». «Il cielo, / ...è ancora più bello dellavibratile andamento ritmico si fonde ad un’essenzialità del nostra / madre terra». In questa ottica metafisica la vita èmessaggio molto rara negli autori contemporanei. L’artista un viaggio verso l’eternità. La misericordia di Dio con-scruta con acutezza il reale e lo assembla, lo intride di simboli siste nella luce divina che vivifica la presenza dell’animache fanno scaturire un’opera unica. La ricerca e l’osserva- nel mondo. Attratto da valori escatologici e trascenden-zione della realtà trova così l’apice della riflessione nell’ana- tali, il poeta supera gli scogli e gli ostacoli che gli impon-lisi di verità nascoste o soltanto intuibili. Motivi pregnanti gono limiti fisici e restrizioni sociali (le sofferenze, ildella sua pittura sono dunque semplicità e naturalezza. Spesso dilagare della delinquenza, la morte, l’ignoranza) per rag-oggi la critica collega la semplicità alla banalità, ma Raffaele giungere altre dimensioni sul sentiero luminoso della giu-Izzo dimostra pienamente come un’opera apparentemente stizia e della libertà, oltre i margini di questa siepe. An-semplice nasconda una complessità inimmaginabile, comples- che il sentimento dell’amore assume una connotazione piùsità che va alla ricerca dell’essenza più che dell’apparenza. vasta superando l’effimero e il caduco, il contingente eMa l’arte è anche apparire in quanto essere stile originale. precario desiderio carnale. La sublimazione dei sentimenti avviene tramite l’indagine della libertà e la ricerca della verità, dell’eter- no e di Dio. Tale indagine aiuta il poeta a superare l’in- felicità e la solitudine, trasportandolo verso atmosfere oniriche che contengono immagini di alta spiritualità. Né per questo il poeta si propone tematiche filosofiche o teologiche, anzi egli resta nel campo della poesia che ri- cerca concetti sublimi: l’esistenza di Dio, immortalità del- l’anima, il fascino dell’oltretomba. La sua poesia non esclude concetti in un contesto immaginifero che con- duce alla scoperta ed al credo di ciò che esiste al di là di questa valle di lacrime. Da qui emergono anche la solida- rietà umana, la comprensione del prossimo, le difese del- la dignità umana, dell’ambiente e dell’ecologia (Cfr. Io- landa Serra nel Ponte italoamericano, marzo-aprile 2003 pag. 30). In questa nuova silloge di Antonio De Rosa la poesia diventa fede nella divina provvidenza, credo nei valori spirituali (cfr. La poesia Dall’alfa all’omega), Cristo insieme ai beati, (olio su tela, cm 101x81) incidendo sulla nullità dei nostri sforzi umani e dando un significato sublime alle nostre azioni. Per quanto riguarda E la segmentazione del colore permette alle opere di la forma, Antonio De Rosa privilegia il verso libero,Izzo di navigare «con la propria mente in un mare cosmico, facendo eccezione della lirica La capra che ostenta la ri-dove gli elementi dominanti sono l’iridescenza dei colori, un ma e propone soggetti neoclassici e mitologici.cromatismo vellutato, una serie di fraseggi artistici che Orazio Tanelliassemblano a meraviglia un tessuto di idee personalissime»(Gianni Ianuale). Così la pittura si tramuta in poesia e l’into-nazione dei colori dà un’intonazione armonica dell’emo- Rino Cerminara, ‘U jurnu r’o vinnimare (Ed.zionalità. Pubblisfera, S. Giovanni in Fiore, 2003, pag. 96) Giuseppe Manitta Nel panorama della poesia contemporanea, Rino Cerminara è a buon diritto ben collocato, in ragione delleOltre le porte del sole di Antonio De Rosa (ed. sue tante raccolte edite, dal lontano dicembre 1970. Ora,Cronache italiane, 2003, pp.64) con questo volume, tenta un suo inserimento anche nella poesia dialettale, con un testo che non è per nulla una Pluriaccademico e pluripremiato, Antonio De Rosa prosecuzione di strade già tracciata da altri. Intanto(1953) ha pubblicato quattro sillogi poetiche: Amari grappoli perché la sperimentazione dei codici linguistici, lingua edi poesia (1985), L’inquietudine (1990), Riflessi di vita dialetto, non ha avuto un’evoluzione parallela dal mo-(1995), Oltre le porte del sole (2002). Limitando il nostro mento che solo dopo quarant’anni di poesie in lingua, ildiscorso a quest’ultima raccolta, ma senza prescindere dalle dialetto ha fatto la sua comparsa, arricchito - nel metodo -altre, possiamo affermare che la poesia di Antonio De Rosa da questa lunga esperienza. Ad orientare in tale direzioneha compiuto passi da gigante sia per quanto riguarda la se- indirizza lo stesso titolo della raccolta dialettale chemantica che le immagini. Purificata dalle scorie del realismo, intende riaprire la perenne partita a scacchi del trascor-la sua lirica ora si eleva a valori universali e si propone di rere delle stagioni, in una dimensione che è grazia estudiare ed evocare il mistero della vita, superando il timore memoria insieme.della morte, tramite una tematica esistenziale che contiene 65
    • Si tratta, infatti, di poesie sempre ispirate ad eventi me: «Senza alcun dubbio, questa poesia di Cerminara siciclici naturali su temi per nulla disorientati, ma decisamente pone sullo stesso piano della poesia di un Michele Pane epragmatici; in questo alto tasso descrittivo ed evocativo pre- di un Vittorio Bufera: questi ultimi due grandi poetidomina il magma di vicende agresti, che sono come le arnie dialettali calabresi del Novecento».di un alveare inesauribile, il frinire ininterrotto di cicale di Biagio Belcastrouna lunga poesia narrativa. Pur nell’ineludibile bozzettismo edescrittivismo che sembra il miracolo dell’incanto che pic- La porta d’oriente: un nuovo romanzo di Pinacole, anzi infinitesimali cose, sanno suscitare, tanto da sor- Ardita (Il Convivio, Catania 2002)prendere e irretire, attraverso una poesia legata in modo con-tiguo all’oralità con l’associazione di gesti antichi e una voce Docente di lingue stra-sciolta, che scivola come l’acqua nei canali di irrigazione. Nei niere (francese e ingle-versi, specie dialettali, il suono è importantissimo, perché la se), Pina Ardita ha ini-base della poesia in vernacolo è l’oralità del suono, con le ziato la sua carriera ar-primigenie denominazioni di senso e percezione che le parole tistica con la pittura, af-appena udite hanno significato, secondo il bellissimo assunto fermandosi anche nei te-dell’autore, riportato a pag. 7 della nota introduttiva. mi religiosi: La gloria Rimane, altresì, la nitidezza di cose della memoria del Carmelo (una palache quasi non si conoscono più, e che devono la loro con- d’altare), L’incontro disistenza a un tempo totalmente andato e oramai illeggibile se Gesù con i discepoli anon attraverso la poesia. Momenti, cose e persone colti sem- Emmaus, Gesù e i bam-pre con una punta di nostalgia che non è mai malizia, da un bini. Dopo aver pubbli-occhio penetrante e vivo, esercitato ed educato al confronto e cato la sua prima sillogealla descrizione. A queste situazioni partecipano, senza solu- di poesie Pensieri silentizione di continuità, anche alcuni versi che non hanno nulla di (1998), Pina Ardita af-letterario; basti citare «a gatti ppé lli pennulara / avissi bolutu fronta il romanzo storicopigliari (la gatta per le sopracciglia avrebbe voluto prendere). con Soldato Angelo che narra la storia vera di un giovaneFrasi forgiate da un umanissimo popolarismo e salvate nella siciliano che partecipa alla prima guerra mondiale du-loro umiltà significante, che lette in uno scenario tipicamente rante la quale perde la vita a Vittorio Veneto.contadino del sud, rallegrano, convincono e intrigano, poiché Questo suo nuovo romanzo di stampo psicolo-appartengono al nucleo delle emozioni primarie assolute e gico, La porta d’oriente, pubblicato dal Convivio (2002)quindi pienamente e perennemente valide. con l’eccellente prefazione di Angelo Manitta. La narra- Pasquale Martiniello, in proposito, afferma: «Trattasi zione si svolge qui con linguaggio limpido ed essenziale,di una silloge preziosa introdotta da una nota, ampia e dotta, con dialoghi che sono piuttosto brevi e concitati, che de-che aiuta a capire le ragioni del recupero di una lingua di cul- notano la mancanza di comunicazione tra i personaggi.la e di una civiltà contadina in un tempo remoto, messa a soq- Questi si susseguono con brevi pennellate che incidonoquadro dalla civiltà tecnologica che tutto soppianta e omolo- più sulla loro psiche che sul loro tessuto somatico. Ilga. Vi è una grande partecipazione e il culto delle memorie tema principale di questo romanzo è la crisi interiore delcon tante radici comuni ai dialetti del Mezzogiorno. La vera, personaggio che rivela anche la tematica sociale in unalta poesia si realizza nella parlata dialettale, poiché la lingua contesto in cui la coscienza si trova a disagio. Il prota-italiana non ha i colori, i sapori, i profumi e le atmosfere che gonista, Pietro Miralda, inizia un vero esame di coscienzapuò rendere il dialetto, la voce propria e soave della natura. Il sopra la sua esistenza mortale in seguito alla morte deldialetto, fisicamente e carnalmente, traduce emozioni, incon- padre col quale non andava d’accordo e aveva rapportitri, suoni, voci, odori ed ha in sé le radici dell’anima, del cuo- piuttosto difficili. La dialettica ideologica di Pina Arditare, della musica che porta alle sorgenti della nostra alba spiri- si basa sul principio socratico del “gnosce te ipsum” chetuale. È dovere di ogni poeta e intellettuale recuperare nel scandisce la crisi interiore di Pietro provocando una veradialetto e con il dialetto la proprietà dell’appartenenza per sal- forza centrifuga che l’allontana dalla società e dalla fa-vare la memoria delle tradizioni, miti e riti della civiltà con- miglia. Sofferto è il mito dell’infanzia che conduce il pro-tadina e artigianale minacciate dalla civiltà delle macchine». tagonista alla ricerca della propria identità e del tempo Franco Loi annota, invece, che «l’ignoranza sociale perduto proustiano. Tutto gli sembra vano negli sforzidella poesie dei poeti è endemica, tanto più quando si tratta di quotidiani che si perdono e disperdono nell’oblio dellapoesie e arte del Sud». La poesia di Cerminara ha sempre due storia, nella relatività, nella verità, nella coscienza di unaspetti, quello lirico e quello narrativo che in questo libro di mondo effimero, nelle inutili contingenze della vita.poesia dialettale diventa più memoriale e descrittivo rispetto a In quest’ottica il personaggio non raggiunge laquelli in lingua. Il mondo che avanza tende a rimuovere il comprensione della sua psiche, pur coltivando semprepassato, cancellare la memoria; dimenticare una cosa triste, l’ultimo filo di speranza: la crisi esistenziale non lo con-che annulla, estirpa, cancella, mentre attraverso la memoria duce al suicidio perché egli si incammina nel sentiero lu-tutto torna a vivere. La poesia dialettale, più che quella in minoso della fede, nel quale riesce a ritrovare valori reli-lingua, ci aiuta - invece - ad avere maggiore coscienza di giosi e umanistici. In tal modo, la coscienza totale di sequello che veramente siamo, a capire il senso di appartenenza stesso, materiale e spirituale, lo induce ad accettare la vi-ad un territorio, alle sue tradizioni, ai suoi valori, a ritrovare il ta così com’è. Per la narratrice ogni personaggio è unalegame con le proprie radici. Diviene pertanto agevole scoperta, un motivo di studio e di indagine al fine di cono-convenire con Carmine Chiodo, dell’Università di Tor Verga- scere se stessi anche attraverso la problematica degli altri.ta in Roma, allorché afferma, a proposito del volume in esa- Orazio Tanelli 66
    • Silvio Craviotto e le sfaccettature introspettive di grafie istantanee che però, rileggendole, diventano per-Acqua alta (Il Convivio, Catania 2003) corsi e luminescenze difficilmente da non gustare: per nitore, per pienezza di calcografie sceniche, per giochi La silloge di Silvio Craviotto si apre con un pensiero sottesi e vividi di carezze, di passi, di profferte. Versidi Eugenio Montale e si conclude con un breve, ma sostan- come questi, del resto, parlano da soli: «Temo la rabbiazioso, saggio su Eugenio Montale. Un pass, dunque, per uno del vento che incalza / componendo in fragili barbagli /scandagliare ancora meglio la poesia, pulita e brillante, di un luminosi / quei cieli caliginosi che furono / i tuoi occhi».autore come Silvio Craviotto che giustamente, nella prefazio- È evidente che Lucia Monaco sa usare le parole giuste ene Enza Conti definisce «protagonista della cultura contem- mettere a fuoco i movimenti del cuore. È evidente altresìporanea», in quanto manifesta «una forza interiore che si che nella poesia trova ristoro al suo andirivieni giorna-trasforma in incisivi messaggi». Tutte le poesie di Acqua alta liero e che dalla poesia sa estrapolare non soltanto «luco-sono dei piccoli-grandi messaggi, dei conflitti, dei tuffi iride- re di mattini / smeriglianti», ma un insieme di effetti, discenti in direzione dell’uomo, delle sue attese, delle sue emo- movimenti interiori di accensioni emotivi che non a casozioni, del suo riandare a ritroso nel tempo per riappropriarsi riescono a costruire un mosaico di luci che si ricomponedi se stesso e di quanto lo ha veicolato in braccio all’oggi. nel segno di un sogno infinito.Non appena diciotto, le poesie; ma sufficienti a dare testimo- Fulvio Castellaninianza di un percorso lirico dai toni alti, dagli sviluppi nonepidermici, dalle intense sfaccettature introspettive. Liricità descrittiva in Rivoli d’argento di Elisa Silvio Craviotto ha scritto tra l’altro di considerare la Orzes Grillone (Il Convivio, Catania 2003)poesia «come monologo che conduce al dialogo e come dia-logo che riconduce al monologo ampliato, ma più serio e più Nel cielo della sere-severo, che è confronto del singolo con sé e col mondo». E nità si iscrivono ni-vero, verissimo. Basta soffermarci a leggere la poesia d’aper- tide e decifrabili letura sine titulo per rendersene conto con quel magico bussare poesie di Elisa Or-di «un mendico d’azzurro alla tua porta», porta che, logi- zes Grillone checamente, si apre e che dà modo di accarezzare «strumenti che chiare e leggere sidischiudono / orizzonti di lidi illimpiditi» ed un piacevolis- svolgono come can-simo rincorrersi «d’acque popolate / da riflessi di barbi» di didi cirri. Le parolesentimenti derivanti da «una tacita canizie / d’oleandri distesi, dettate da una cono-scarmigliati / da raffiche e incensi». E anche se dice con una scenza linguisticapunta di malinconia e di tristezza, di aver cessato di ricordare classica e dotta nonle dolcezze e la freschezza «dei tuoi baci», d’un subito Silvio turbano né ferisconoCraviotto si riappropria del mondo fantastico che lo circonda la sensibilità di chie che ritrova attento interprete di quell’io e di quel tu che alla legge pure comefin fine, sono l’essenza stessa della vita, una vita, nel suo adolescenti contem-caso, dedicata la poesia, alla gioia dell’osservare e del sostare planti. Lo splendoresperanzoso in attesa di altre macchie di luce di altri bisbigli del mondo in untra la veglia e il sonno, tra il visibile e il vissuto. fresco mattino. I pa- Fulvio Castellani esaggi che incorniciano le immagini dei personaggi che emergono nelle sue descrizioni, sono nordici, comeLa gioia di vivere in Caleidoscopio di emozioni di avvolti da un immobile freddo. Betulle, mughetti, violetteLucia Monaco (Il Gabbiano, Messina 2003) selvatiche sono fermate in un leggerissimo strato di ghiaccio, ma contraddittorio, poiché basta sfiorare con le La poesia di Lucia Monaco può sintetizzarsi in dita o alitare sulla superficie ghiacciata per infrangerla equesti versi: «Sentirmi viva nel sonno e / morire di sogni». scoprire il tepore della sua poesia sensibile e idillica.Una poesia, pertanto, la sua, che travasa sentimenti e che vola Inoltre, addentrandosi nei labirinti delle righe, si svela lain direzione del cielo, del rarefarsi delle nuvole, nell’attimo profondità del suo spirito, del suo osservare ciò che cir-che si fa vita e della vita che si perpetua nell’attimo. Lucia conda con attento amore, rivelando a noi l’angoscia cela-Monaco cavalca, dunque, il sogno e lo sa fare suo con versi ta, l’imperfetto, il malvagio, la tristezza delle delusioni, ildall’andamento verace, con flash fatti di immediatezza e di soffrire velato da pudichi sorrisi. Il pessimismo avanzamacerazione: come si conviene, del resto, a chi, come lei, sa silenzioso, paludato da scuri veli che persero i colorientrare nel vivo della realtà e dell’io per poi catapultarsi en iridati della speranza che allontana con mani che cercanoplein air alla ricerca di altri momenti da incorniciare, da far di celare i tremiti dell’illusione, che vede con occhi pro-suoi, da archiviare in maniera aerea, leggera, palpabile... Nel fondi e cupi che trattengono le lacrime della mestizia. Cisuo dire poetico «non c’è posto per il rimpianto», ha scritto in fa assistere al naufragio della speranza illusoria, dell’in-apertura di silloge Maria Froncillo Nicosia; quindi ha canto dei giorni che ormai sfioriscono e cambiano colaggiunto che il suo è «un vero canzoniere d’amore ove tutto passare del tempo, inevitabile eventi e quello che fu sbia-trabocca un poco: le parole, le pause, la cantabilità del verso». disce e scompare come della sera la luce. Parole, frasiLucia Monaco, in pratica, lascia trasparire la sua gioia di figurazioni si sublimano poi in una poesia eccelsa tecni-vivere e di provare emozioni non epidermide, la sua capacità camente perfetta, colta, che ben merita l’attenzione e idi denudarsi di fronte alla verità e di vestirsi a festa non plausi che i suoi lettori le prodigano.appena dalla memoria fuoriescono scampoli di diario effetti- Myriam Pierrivo dei più gratificanti. Poesie brevi, le sue, quasi delle foto- 67
    • Forli del Sannio – storia di una comunità dalle scenze’, affiorano una miriade di bollicine, le qualilontane origini di Antonio Angelone, (Comune di denotano un ribollire interno dei serbatoi dell’esistenza, cioè: anima, mente e cuore… Le dimensioni varie delleForli del Sannio, aprile 2003) bollicine indicano… l’entità del ricordo…Sono bollicine Ecco affollarmi la mente operosa d’immagini di vita incolori, o di colore scialbo, alcune (e poche) di colorequotidiana all’aria aperta. Ecco le ragazze da marito, in lan- rosso vivo, altre pigmentate…». Le bollicine affiorantiguida attesa, in vista del carnevale, sistemare lo iammacile, la altro non sono dunque, se non i ricordi che riemergonocamescétta di cotone candido e giù l’orlo e le pieghe della alla memoria, ma il tema del ricordo è rivissuto da Con-gonna del costume da festa. Le donne alla fontana ed il tarino con animo sereno, senza struggimenti, pascoliana-chiacchiericcio sulle tegole sparse dei passeri in amore; i mente quasi egli introduce spunti quotidiani, semplici,bambini che, seguendo il sentiero tra l’erbe - sempre lo stesso ma tali da indurre alla riflessione, in rime rispettose dei- corrono vociando appresso ai carri a buoi mentre un altro, canoni metrici. Sembrano versi scritti col sorriso sullendemmuate, stringendosi alla madre e indicando il gelataio labbra, il sorriso che scaturisce dall’osservazione delledel paese, fa «un grande fracasso per farsi confezionare un piccole cose, e dal trovarsi in pace con sé stessi.magnifico gelato, dal sapore squisito perché fatto con le scin- Si veda, ad esempio, Apprezzamento di un vola-tillanti e pure nevi prelevate dalle splendide punte delle Mai- tile: «Un uccellino, fuori alla finestra, / sul davanzalenardi…» (p. 139). E ora quel sentiero, quante volte è stato ri- della stanza mia, / cinguetta e fa movenze con la testa: /percorso, sempre lo stesso, sempre dai tuoi passi, cristiano. Ti mi dà una mano a ‘formular poesia’. / Ha le zampettese mai domandato quanto davvero abbia cadenzato la tua vita, scarne, ben drizzate, / la testolina di colore ‘rosa’; lequel sentiero? E se quella sera, al tramonto, avessi svoltato piume leggermente screziate: / immobil sta, come ‘mo-laggiù verso il bosco anziché proseguire per Roccasicura, co- della in posa’ / Io lo rimiro, mentre lui sta zitto / rote-sa sarebbe cambiato? «...E sebbene la morte possa nascon- ando gli occhi mi contempla e tace, / medita sul conte-dermi, e il più grande silenzio avvilupparmi, cercherò ancora nuto del mio ‘scritto’, / per, forse, poter dire: ‘beh!... mila vostra comprensione. Né cercherò inutilmente. Se ciò che piace!». Oppure, il tema ricorrente della solitudine, che,ho detto è verità, essa dovrà rivelarsi con voce più chiara, e per chi è provvisto di risorse interiori, non è mai fonte dicon parole più affini ai vostri pensieri. Io parto con il ven- vuoto o di tedio, ma stimolo alla riflessione, al ricordo, ato...» (G. K. Gibran). La memoria del vento ha la tenacia. È mettere ordine nei propri pensieri. I ricordi – ma dovrem-memoria quel fondersi viscerale appena cadenzato nel libro e mo dire le bollicine – possono scaturire dai luoghi, dalletra religione e magia che altro non sono che il riflesso nello persone, ma anche dall’osservazione o dal contatto conspecchio della storia. “Forli del Sannio” è un addentrarsi nei un oggetto. E c’è ancora, in Rosario Contarino, la grandementali meandri del luogo, nella forza di genti che sono ogni voglia di rendere un mondo migliore, ma senza saccen-popolo dalle tradizioni ancestrali come quel caprifoglio che teria né astiosità, si coglie, anzi, nei suoi versi, un vastoosa inerpicarsi laggiù, tra una parete e l’altra ed il sole e la respiro di umana comprensione, perché quella che da essiluna l’accompagnano, e la mano di un bambino cerca di stac- emana è una visione ottimistica e rasserenantecarlo ma il caprifoglio agreste è più forte di una mano, è più Maristella Dilettosoforte del fato stesso.Tali s’avvisano al lettore le genti cosìsapientemente descritte dall’Angelone artista, non a caso com- Impeti d’inverno e Pier Paolo Pasolini – storiamediografo; anime che il destino ha osato piagare, allontanare di un amore, i poliedrici interessi di Jolandadalla propria terra per rifugiare aintru anzenu logu (in sardo: Serra (Noialtri edizioni - Roma, 2001)tra le braccia di un luogo straniero, estraneo), ma la me-moria… signori, ancora la memoria! Cosa c’è di più forte del- Jolanda Serra, poetessa, scrittrice e saggista chela rimembranza stessa? Che il tempo può scalfire ma mai an- vanta già un’ampia bibliografia e un vasto numero di ri-nullare seppure omnia mutantur… oh, tempus edax rerum! conoscimenti, riesce a dedicarsi a generi letterari diversi Giovanna Mulas con lo stesso talento e la medesima passione, riscuotendo successi sia in Italia che all’estero. L’autrice riesce adRosario Contarino, poesia pascoliana in Bollicine amalgamare perfettamente il suo talento poetico con l’a-affioranti, (Fiumefreddo 2003) cuto senso critico e una fedele e precisa analisi psicoana- litica. A dar prova di questo poliedrico interesse sono due È una breve raccolta di 26 poesie, intervallate da lavori che, seppur diversi per genere e tematica, estrin-disegni, litografie, e richiami a detti e proverbi, dei quali l’au- secano pienamente il suo indubbio talento: la silloge ditore esorta a riscontrare la veridicità. Rosario Contarino, poesie “Impeti d’inverno” e il saggio “Pier Paolo Pasoliniripostese, è un docente di discipline nautiche ormai in pensio- - storia di un amore”.ne, che dopo avere concluso la sua attività di insegnante a Per quanto riguarda la silloge poetica, si tratta diSiracusa, si è stabilito a Giarre dove coltiva l’hobby di com- una poesia limpida, delicata ma allo stesso tempo raffi-porre versi tanto in lingua che in dialetto, ed ha già dato alle nata e robusta, in cui la tematica trattata viene presentatastampe i volumi di Mestica di aneliti e paturnie, Riposto – in un crescendo poetico che raggiunge il suo culmine nel-Talassomalia verseggiata, Percettibile dissolvenza, Ponderati la “luce-fede” ritrovata e nella certezza che questa resi-epifonemi, Dai nembi mattutini è il ravvisar d’occaso, Versi sterà in eterno. Ed eternità sembra essere la parola chiavedissolti nella risonanza, Declive sgorgar di ritentiva, Alter- dei due componimenti della silloge, dato che proprio al-nanza di versi: vernacolo e lingua. l’eterno e all’immortale si innalzano i versi della Serra. Il volumetto di Bollicine affioranti è datato 2003, ed Una struttura poetica volta alla ricerca interiore, cheè l’Autore stesso, in una nota introduttiva a questa sua nuova sembra basarsi sulla ricostruzione e che ben si addicefatica, a spiegare: «Sulla superficie del ‘mare delle remini- all’indole dell’autrice. Un’indole inquisitoria e analitica 68
    • che si esprime al meglio nel saggio psicoanalitico volto alla In realtà, Baccelli rivisita alcuni dei temi onni-riscoperta di una personalità tanto eclettica e complicata quale presenti nella letteratura d’ogni tempo: amore, disagio equella di Pier Paolo Pasolini. Il saggio è diviso in cinque ricerca interiore, ma riesce a farlo in maniera innovativa eparti, che risultano nella ricostruzione generale di un perso- scostandosi da archetipi ormai obsoleti. Un’opera diffici-naggio intorno al quale rimane comunque un alone di miste- le da catalogare e da definire vista la convivenza tra mo-ro. L’autrice ne rivela emozioni, sensazioni e pensieri, ne stu- derno e tradizione, storia e leggende. Racconti in cui ven-dia comportamenti con precisa e accurata “metodologia” pur gono ripresi i miti, rimaneggiati, distorti e usati in modorimanendone coinvolta da un sentimento di benevolenza. È da plasmare nuove situazioni e realtà. Un nuovo Pro-come se il lettore ripercorresse le dure battaglie che lo scrit- meteo, il narratore, che ricrea il passato, fino addirittura atore friulano ha combattuto e in parte vinto durante la sua far rivivere l’amata perduta in “Scaglie dorate”.esistenza. L’analisi si snoda attraverso lo studio di alcune Maria Enza Giannettotematiche trattate nelle sue opere o comunque di soggetti chene hanno accompagnato il credo letterario: Roma, il vento, la Senza Confini antologia del premio letterariodiatriba tra italiano e dialetto. Il risultato è un libro in cui ALIAS presieduto da Giovanna Li Voltil’accuratezza metodologica si alterna a una profonda passionee al calore umano nei confronti di quest’uomo mai piena- Guzzardi (Melbourne 2004)mente compreso e che trovò se stesso solo nella morte. Si tratta dell’ultima splendida e ben curata edi- Maria Enza Giannetto zione dell’antologia dell’Undicesimo premio letterario In- ternazionale ALIAS 2003 e che riguarda la poesia, laPeriodico Il Tizzone, rivista diretta da Alfio narrativa e la pittura. Molto bello il quadro di copertina diArcifa: Preludio al venticinquesimo Marco Manzotti, mentre nell’ultima di copertina figurano quadri di Nadia Galante, Franco Coppola, Salvatore Gia- È di fine anno 2003 la pubblicazione di un supple- cona e dell’Accademico del Convivio Sebastiano Mac-mento del periodico “IL TIZZONE” redatto a cura del Diret- carrone. Il volume, che raccoglie poeti ed amanti dell’artetore e intitolato: Dal “Centro d’Italia”. Alfio Arcifa offre di tutto il mondo, è introdotto da lettere o interventi diquesto preludio di chiara vita agli esseri intelligenti di buona varie personalità politiche, diplomatiche e culturali. Ilvolontà. Trattasi di un’opera autobiografica che, ripercor- Console generale Francesco Calogero scrive: «Questarendo le tappe di venticinque anni di attività del Periodico di manifestazione rappresenta un prezioso momento di con-Rieti, in parallelo con le notizie più salienti sulla vita del suo tatto – grazie alla accresciuta importanza della dimen-Direttore, rappresenta un momento di meditazione sui risul- sione internazionale del Premio ALIAS – tra italianitati raggiunti, ponendosi al tempo stesso come stimolo per le residenti in Patria, in Australia, e in altri Paesi lontani, -attività future e a un dialogo costruttivo che Alfio Arcifa consentendo uno scambio di esperienze e di sensibilitàvuole aprire con i suoi collaboratori, ai quali affida questo che ha grande valore soprattutto per la formazione spiri-ricordo di sé e della sua meritoria opera. tuale ed intellettuale dei giovani». Tra gli altri interventi Angelo Messina si citano quello di Simonetta Magnani dell’Italian Insti- tute of Culture, di Francesca Romana Reggiani del Segre-Il Nuovo Ordinamento Universale in Cinq et qua- tariato Generale della Presidenza della Repubblica Italia-rante, di Vittorio Baccelli (Prospettiva Editrice). na, L’Arcivescovo Francesco Canalini Nunzio apostolico dell’Australia, Giorgio G. Campanaro dell’Istituto Italia- Siamo di fronte all’ennesima e sempre stupefacente no di Cultura, Luigina Peddi della Direzione Generaleopera di ingegno di Vittorio Baccelli. Ancora una volta l’au- per la Promozione e la Cooperazione Culturale, Stevetore è riuscito ad amalgamare la formazione e l’esperienza Bracks ministro per gli affari culturali, Bob Sercombeumanistico-scintifiche all’interno di questa raccolta. In Cinq Membro federale del Maribyrnong, Mark Kennedy Sin-et quarante sono riuniti alcuni dei racconti che erano rimasti daco di Melbourne, Pino Lamberti de ‘Il Globo’ e Car-fuori dal suo ultimo lavoro Mainframe, più altre storie rivi- melo Caruso Delegato Nazionale dell’Associazione Na-sitate. Si tratta di un’opera che riesce a sconvolgere il lettore zionale Famiglie degli Emigrati per l’Australia. Tra gliper molti versi: innanzitutto ci troviamo di fronte ad un altri: Luisella Sanna, Enrico Marco Cipollini, Nicolamondo che a dir poco può essere definito ultrafuturista. La Rampin e la presentazione della Presidente Giovanna Litecnologia e l’ultramoderno sono una realtà talmente radicata Volti Guzzardi. Infine l’intervento del Presidente dell’Ac-e Baccelli è così a suo agio nella loro trattazione da non cademia Internazionale Il Convivio, Angelo Manitta, ilsentirsi minimamente in dovere di spiegare al lettore ciò di quale così scrive: «L’obiettivo di conservare e rivalutarecui si sta parlando. L’autore ci proietta in un mondo che l’italiano in Australia, in un mondo globalizzato in cuipresuppone addirittura un Nuovo Ordinamento Universale, un alcune lingue nazionali, come la nostra, potrebbero esserenuovo calendario, senza fornire delle delucidazioni riguardo in serio pericolo, data l’esiguità dei suoi parlanti, si rivelaal punto di partenza di questa nuova datazione e dando per certamente pregevole ed encomiabile. L’ALIAS e tutti iscontata una certa condivisione di cultura e conoscenza tra suoi collaboratori, svolgono in questo senso un lavoroscrittore e lettori. Racconti che trattano sentimenti e realtà ma meritorio, guardando oltre la contingenza presente in unin una chiave del tutto nuova e attraverso un uso della nar- mondo in cui la telematica ha ormai una funzionerativa che sembra trovarsi in una posizione diametralmente prevalente... E tangibile espressione di questo impegno èopposta a quella tradizionale. L’io narrante rende più reale appunto la stupenda antologia che ogni anno Giovanna Litutta la narrazione, come in “Regalo di Natale”, in cui la Volti Guzzardi pubblica, con immenso sforzo erelazione del protagonista con un’aliena assume connotazioni sacrificio».estremamente tangibili. Enza Conti 69
    • Los ecos del silencio encuentran una voz raccolta Vincenzo Rossi, amore per la natura e i suoidi racconti pieni di emozione dell’autrice uru- elementi in Garibaldi (Ed. Centro Studiguaiana Elda Alonso (Pegaso Ed. Uruguay 2003) Letterari Eugenio Frate, 2003) Questo di Elda Alonso Garibaldi è il terzo cane immortalato dalla penna è il secondo volume ferace ed operosa del grande scrittore molisano Vincenzo pubblicato, dopo una Rossi: Lola (1991), Ercole (1998), Garibaldi (2003), l’ul- silloge di poesie che ha timo compagno a quattro zampe del padrone. Questi tre partecipato al Premio lunghi racconti rientrano nell’ambito dell’ideologia uma- Internazionale Il Con- nistica dello scrittore molisano che ama la natura, le pian- vivio. Scrivere, per lei, te e gli animali e si propone come strenuo difensore del- oltre che una passione, l’ambiente. Nel suo ruolo di campione dell’ecologia Vin- è una necessità vitale, cenzo Rossi è un dichiarato vegetariano, nemico della come respirare, dormi- caccia e della pesca. Per lui gli animali sono creature sa- re, sognare. Los ecos cre che hanno il diritto di sopravvivere (ius preservandi del silencio è quasi sui), per cui gli uomini hanno il sacrosanto dovere di un’evoluzione della preservarli, proteggerli e rispettarli, senza arrogarsi l’or- forma poetica. Perché goglio di distruggerli. Partendo da queste premesse ideo- questo passaggio? Elda logiche, si capisce meglio la storia avventurosa di Gari- lavora con i bambini, li baldi che si autodefinisce “quadrupede filosofico e lette- orienta, li guida e in- rato”. Il cane, assieme al padrone, crede che “la stupidità segna loro la vita. Cre- umana continuerà” a crescere con il crescere verticaleatrice naturale, comunicatrice di sentimenti e valori, cerca della civiltà. E qui rientra tutta la tematica rossiana delsempre percorsi alternativi per giungere all’anima. Per questo rapporto e dello scontro tra umanità e incivile civiltà. Imotivo ha scelto il racconto, affinché i suoi bambini leggano colloqui tra il cane e il suo padrone che avvengono du-ed ascoltino sue narrazioni. Conoscendo il suo amore e la sua rante le passeggiate notturne contengono una sana filoso-preoccupazione per l’infanzia, è certo che li entusiasma con i fia della vita e della morte. E le immagini che sono evo-suoi personaggi e le situazioni narrative. L’autrice racconta la cate sono delicate e sensibili ad ogni mutamento di sta-realtà, che non può né deve evitarsi, con dosi di tenerezza, gione: il passare del tempo, i palpiti della natura, l’avvi-esaltando la compassione verso i deboli e i bisognosi. cinarsi dell’eternità, i battiti del cuore della pietra, la voce Cerca e trova parole che trasmettono speranza e con- delle rocce, il respiro dell’erba, l’incanto del firmamento.solazione, introducendosi con sottigliezza nella fantasia libe- Poesia e filosofia si fondono in una sintesi suprema diratrice di emozioni e incentivo di immaginazione. I giovani e pragmatismo e di idealismo, di sogno e realtà empirica,gli anziani sono entrambi recettori dei racconti di Elda. Ella fedeltà alla terra e difesa della terza età. Questo raccontoscrive per tutti. «Sono il mio pubblico» dice e sorride illu- di Vincenzo Rossi coinvolge il lettore in modo tale cheminando qualunque ombra. I suoi racconti esaltano l’inno- egli deve aderire alle premesse poetiche e umanistichecenza, la speranza e la saggezza propria dei suoi destinatari dei due protagonisti: il cane e il padrone. Non si trattaprediletti.Con orgoglio sostiene che scrive per gente sensibile. affatto di un monologo, ma di un vero dialogo intellet-I racconti preferiti dall’autrice sono “El buen Maestro”, tuale in cui sono messe in evidenza le ideologie di tolle-“Flores en el aire” e “No me dejes Adelaida”. Leggendoli si ranza e di libertà, d’amore e di rispetto reciproco. Gari-scopriranno i suoi valori espliciti ed intrinseci. Nelle pagine baldi racconta le sue azioni meritevoli evocate dall’autoredi questo libro scritto con diletto, pazienza ed emozione, non con linguaggio diretto e realistico, unitamente ad un certoc’è posto per rancori che non si trasformino in amore e pietà, umorismo bonario che amalgama l’ironia e la parodia.di odio e violenza che non si tramutano in rispetto della co- Mediante la lettura di questo racconto, il lettore crescescienza umana. Non esistono peccatori senza redenzione nella nella sua umanità e il suo rapporto genuino con il mondoprosa di Elda. Ella è Donna del futuro, affezionata alle radici, animale e quello vegetale, il mondo delle pietre e quelloalla terra benedetta, alla famiglia, pilastro su cui colloca i dello spirito di tolleranza. L’eulogia di Garibaldi è solovalori che ci salvano. È Donna dalle braccia aperte, dal cuore un pretesto letterario per dimostrare l’amore per la naturasensibile, cosciente della saggezza ancestrale che possiedono e i suoi elementi. Lo stile magistrale di Rossi è quialcuni esseri vissuti vicino alla Natura. È osservatrice di ogni purificato dalle scorie letterarie e dai lacerti futili che tan-nascita, del risveglio della natura, senza mai smettere di ti scrittori moderni mettono in mostra per evidenziare leelevare gli occhi al cielo. È questa l’autrice di “Ecos del loro pseudologie, che esaltano la civiltà del cemento esilencio”. Magari questi echi si trasformano in voci alte e certi valori occasionali, che non rientrano nell’ambitosonore che irradiano pace e buona volontà. Magari le sue della memoria storica. Rossi, invece, è il vero cantoreparole trasformate in racconti accattivanti e puri spingono alla della natura e dei valori umanistici che egli riesce a tra-ricerca di un mondo migliore, mentre respiriamo quell’aria sfondere anche negli animali, nelle piante e nelle pietre.incontaminata e viviamo gli scenari quotidiani dove lei ci Garibaldi è un modello in questo settore, tanto trascuratoporta (dall’introduzione di Raquel de León Echevarría). dalla letteratura d’avanguardia. In questo racconto Vin- cenzo Rossi, decano della poesia e della letteratura cont- emporanea, è il patriarca dello stile che riesce a conciliare nello spirito di tolleranza la filosofia idealistica e quel- l’empirica. Orazio Tanelli 70
    • Franco Gitto, Sulla via del mio ritorno, (Bar- ga a una coralità di voci che rimanda ad alcune tecnichecellona P. di Gotto 1994) di scrittura postmoderne (M. A. Srda Orbanic – Zaga- bria). Franco Gitto, detto anche, per il mestiere esercitato Succede spesso che un poeta contempli il mondoquando dismette gli abiti di verseggiatore, il poeta giardinie- dalla propria prospettiva e vede la forma di quell’uni-re, dopo aver visitato vari luoghi e paesi, è approdato, nel verso con un senso invisibile che ha cresciuto per gem-lontano 1971, nell’isola di Vulcano, dove, oltre a mettere ra- mazione nell’anima e nel cuore. Con una non semplicedici, ha trovato l’ambiente più consono ad esternare in versi matematica cerebrale riesce ad immaginare e creare unala sua anima più autentica. E infatti, nel 1988 ha pubblicato la realtà desiderata… e per acquisire questo stato di graziaraccolta Col tramonto nel cuore, cui ha fatto seguito, nel deve sollecitare tutti i sensi per esplorarsi, osservarsi,1990, A gomitate con la vita, fino a questo Sulla via del mio arrabbiarsi con versi splendidi, che dopo avergli dato laritorno, del 1994. Il libro è stato presentato da Giuseppe Iaco- forma dei sassi di una piramide, sono davanti a noi comelino, profondo conoscitore e storico eoliano, che così dichia- eleganti geroglifici da leggere ed interpretare. Così iora: «Alla mente mi si affacciano le verginali fioriture poet- sento la brillante poesia di Gaetano Perlongo, cercando diiche, quelle che caratterizzarono gli albori di ogni letteratura capire la sua lingua, la sua cultura e le sue radici, le sueallora quando ispirazione, lessico, costrutti di sintassi e me- ali e il suo cielo. Sotto il ritmo dei suoi versi anch’iotrica… venivano appena percepite come inviluppo unitario di immagino che la vita è: «…nidificazione della virtualità /stimoli atti a consentirti di tradurre con immediatezza le …aurora della fantasia /…impero della mistificazio-istanze interiori». In Gitto, poeta autodidatta ed istintivo, c’è ne…». Il poeta riesce ad esprimere la contraddizioneuna grande ricchezza d’immagini, un uso creativo ed innato della giustizia e dell’ingiustizia e prendere per sé la posi-di metafore, allegorie ed altre inconsapevoli figure retoriche, zione poetica. (Miranda Haxhia - Albania)come nel Testamento morale, dove il poeta, dopo avere asse-gnato a tutti quanto di meglio possiede, per sé decide una Pantaleo Mastrodonato, la poesia d’amoredestinazione insolita: «…In piena terra! In piena terra! / Così rivolta al sociale in Erato (Simposiacus, 2003)come un uom si sotterra… / e... niente scritta: Qui giace…/ma un ver monumento di pace: / Un ulivo imponente / che si Erato era, tra le nove muse, quella della poesiaabbarbichi al corpo putrito…/ per sì far che la gente / amorosa e della mimica. Il titolo che Pantaleo Mastro-beneficia del frutto nutrito, / così ch’io possa pur’anche dalla donato dà alla sua silloge, “Erato”, si richiama certa-fossa / offrire un messaggio di pace…/ un messaggio d’a- mente al tema dell’amore, anche se il taglio che l’autoremore…». vi dà è particolare, come del tutto particolare è lo stile. La poesia dialettale, in effetti, è molto più consona al Utilizza una metrica che si richiama al classico: strofeverseggiare di Gitto, che trova in essa maggiore naturalezza Saffiche, versi telesillei, esametri e trimetri giambici so-ed istintività, oltre ad una gamma più vasta di sfumature e prattutto. Si nota quindi un verso ampio ed epico nellopossibilità di espressione. Molte composizioni sono ispirate a stesso tempo. Non versi brevi e singhiozzanti, ma robustiricordi di luoghi e città, appartenuti ad un’altra vita, ma sem- e pacati, con riflessioni cariche di un’emozionalità inte-pre con grande disinvoltura linguistica ed esuberanza d’im- riore impregnata di religiosità. Siamo nell’ambito di unamagini: è, sempre e comunque, il rivedersi di chi ha ormai poesia religiosa e attraverso questo tema l’autore riesce atrovato e deciso, dopo tanto girovagare ed accumulare espe- tracciare un percorso profondamente umano, per rifu-rienze, un “ubi consistam”: «Siddu cocchi iornu / mi virria giarsi in un credo e in una misticità emotiva ed affettiva.vogghia di annari girannu, / v’assicuru chi non m’ingannu / L’apertura della silloge non lascia dubbi. «Signore delalla me terra nni farria ritornu... No, non purria sbag- cielo e della terra, / aiutami nelle sante tue vie! ... / Glighiari!!! / Si vogghia avirria di annari giranno / la me terra uomini fremono e truci impazzano / in scuri sogni di vitaturniria a visitari… / e spiculandu lu tempu tirannu / vurria vana». La preghiera porta all’uomo, ai suoi problemi ed’idda ogni particolari. / Picchì, ennu girannu / ci trovi ogni alla sua contingente quotidianità, nella riflessione. Em-angulu di munnu...» blematica è la seconda lirica “Alla punta dell’esplanade”, Maristella Dilettoso dove il silenzio si fa poesia, nel ricordo leopardiano della siepe, degli spazi immensi e dei sovrumani silenzi. SeMetessi: la poesia di Gaetano Perlongo, vista da spesso la poesia si fa preghiera, come in “Verso la finedue critici stranieri dei tempi”, il culmine della religiosità di Mastrodonato si raggiunge in “L’eterno è il mio pastore”, che ricalca e La raccolta di poesie Metessi di Gaetano Perlongo si riprende il noto salmo biblico, avvicinandosi a quella bi-presenta al lettore come una lettura estremamente interessante zantina di Clemente Alessandrino, Gregorio di Nazianzo,poiché è da subito evidente che si tratta di un’opera di squi- Anna Comnena, Giovanni Damasceno. «Ascolta ora, sesita e sapiente fattura. Divisa in vari cicli tematici, la raccolta vuoi, / il potere dell’amore; / e apprenderai che l’amore /poggia su un’enciclopedia intellettuale, letteraria e culturale è più grande di tutte le cose. / Di tutte? Di Quali? Nonvastissima, stratificata e variegata in cui vengono armoniosa- ascolti / l’Apostolo che grida?... L’amore è più grande: edmente mescolati riferimenti all’alta cultura, alla cultura di è tanto più grande, / perché senza di esso queste cose,massa e alla cultura popolare. Si tratta di un procedimento non sono assolutamente / di alcun giovamento a chi lecomposito che all’Autore offre la possibilità di creare un uni- possegga» scrive Simeone il Teologo. Ma Pantaleo Ma-verso poetico molto sfaccettato, con una sorprendente varietà strodonato, sa anche calarsi nella realtà. Ecco che alloradi contesti e legami intertestuali in cui viene radicata un’e- vede il mondo malato, l’odio dell’uomo, la sua ipocrisia,sperienza esistenziale che trascende l’individualità e si colle- le guerre inutili e in tutto questo male si pone l’interroga- tivo: Dove va l’uomo? La risposta a questa domanda, la 71
    • si trova forse alla fine di una delle più interessanti poesie, che Ferdinand De Saussure definì parole. Après nous leExcursus, in cui si parte da una guerra mondiale, per giun- déluge. L’aforisma originale è ben noto nella sua formu-gere all’altra. Si attraversa il Mein kampf di Hitler, il genoci- lazione storica. L’attuale, vi si discosta appena per il pro-dio degli ebrei, la distruzione e la morte per giungere alla con- nome. La nostra autrice, che pure nella nuova cifra dellaclusione: «Chi è Dio, se non il nostro rifugio?... È a lui che in- citazione si appropria, palesa una concezione alta dell’A-tesso le lodi nella storia: malato... malato è il mondo di oggi». more, che ha sì le scaturigini dal sentimento autentico, Angelo Manitta profondo, consapevole, ma che nell’unione, nella vita, nella complicità della coppia trova le ragioni ulteriori nelAlessandra Distefano: unicità della parole nel proprio consolidamento. Ecco, dunque, lei intercede pres-volume di poesie Inverno segreto so l’Amore. Lei e lei sola, però, se ne fa carico benché a vantaggio della coppia. Di ogni coppia, nessuna esclusa; Alessandra Distefano, giovanissima poetessa sicilia- della coppia in quanto tale, istituzione sociale. E allora,na, offre alla critica un bellissimo volumetto, ben presentato dopo l’amore, oltre l’amore, senza l’amore ... nulla altroda Alda Merini, in cui si profila un percorso poetico liri- esiste; nulla altro trova ragione di esistere. Nulla altro,camente calibrato da un linguaggio ritmico-espressivo degno eccetto la diaspora, l’apocalisse, il caos.di nota. La poesia, come viene notato nella prefazione, è mor- Marco Scalabrinote, ma si tratta di una morte apparente, una morte che preludela vita dell’esistere nell’essenza della parola. Così il canto Dall’eremo tipica dimensione benedettina diprende il volo per innalzarsi ad esprimere l’esistenziale, cioè Franco Conti (2001)quel complesso di sentimenti e sensazioni che devono trovar-si nella poesia, ma che sono stati già trattati sin dalle origini. Giornalista, pubblicista, collaboratore di varie te-Allora si delinea in Alessandra Distefano una concezione po- state, il poeta Franco Conti con questa silloge di poesieetica che s’inserisce a pieno nel panorama italiano: l’unicità ha aperto le porte del suo eremo. Dalla sua tranquillità,dell’uso della parola e la forma. Non appaiono, dunque, ec- sensibilità, accresciute nell’eremo in cui l’autore svolgecessivi virtuosismi, ma neppure semplici strutture sintattico- la sua fervida attività di scrittore, sono nate le cosiddetteespressive proprio perché la poesia non può essere banale e liriche solinghe, poesie imbevute di solitudine, madre di«non è aggredendo la poesia che la si conosce, ma offrendosi infinite ispirazioni e fonte del sapere consolidatosi con glia lei come corpo d’amore» (A. Merini). Il binomio amore- sforzi della mente nei momenti di più intensa concen-morte si distende verso dopo verso, aiuta a delineare un uomo trazione dell’uomo in cerca di se stesso. L’autore ha tro-isola dove tutto è velato di tristezza, si riempie di una visione vato quella tipica dimensione benedettina per poter stilaretra realtà e sogno alla ricerca del silenzio: «Balla per me / i suoi versi che decantano ciò che è dentro e ciò che sta aldanza del silenzio / ed io me ne sto qui / sdraiata sul letto / a di fuori del suo eremo, luogo non fatto di mattoni ma diguardare il soffitto bianco / e mi trasformo / in una bimba natura, di stagioni, di pensieri, di preghiere, di beatitudi-bionda / che mi ha rubato il tempo». ni, di montagne, di poesia, presenza quest’ultima guiz- Giuseppe Manitta zante nell’ambiente edificatosi attorno e a misura dell’au- tore. La figura esemplare di San Benedetto è stata ed èAprès nous le déluge di Lina Riccobene (Eranova per Franco Conti, più che un modello da imitare, uned. 1999) motivo per continuare la breve storia, quella tesi scritta anni addietro dal titolo Da Subiaco a Montecassino e Scorgiamo, in copertina, una bottiglia galleggiare. prolungata adesso con una poesia dedicata al santo dellaIntravediamo, trasparente dentro essa, un messaggio. Cono- preghiera, del lavoro e della solitudine. «Dagli anni gio-sciamo Lina Riccobene personalmente; e ci consta che ogni vanili / possiedo un eremo ./ Il tuo ‘Ora et labora’ / mi haespressione del suo consistere umano e artistico è mirato nella scavato dentro / questa misura che vivo / nella con-direzione degli affetti, del gusto, della poesia. Quanto lei ora templazione / e da tanti disagi / del vivere insieme mi a-si accinge a regalarci con i suoi versi, non può che essere, llontana» (Da “Eremo - a S. Benedetto”). Il rifugiarsi inquindi, in perfetta sintonia col suo sentire. E così, difatti, è. questo spazio, seppure immaginario, creato dalla percet-Quel cuore-messaggio che abbiamo testé sottratto alle acque, tibilità dell’autore, non significa fuggire per non risolvereadesso scopriamo - basta solo svitare il tappo alla bottiglia – le incombenze, anzi vuol dire rifletterci sopra, su comealtri non è che un ambasciatore; un ambasciatore d’amore. intervenire per fare del bene all’umanità. L’umanità haCiò malgrado l’amore, quantunque nella sua accezione più sete di ciò che gorgoglia all’interno dell’eremo e l’autorecompleta di sentimento di una persona verso un’altra, di ha aperto il suo eremo, l’ha reso vulnerabile esponendo iattrazione sentimentale e sensuale che implica una scelta e suoi versi al pubblico, ai lettori che costituiscono Lache tende alla reciprocità e all’unione, l’amore, sebbene com- condizione umana (Titolo di una poesia). «Fuori di noi loponente basilare di questa opera di Lina Riccobene, costi- splendore di Dio / dentro un groviglio di trame incon-tuisce solo un elemento di essa. ciliabili / far combaciare due mondi quasi impossibile: / Il poeta, e per esso la poesia - ne va altrimenti della specchio di perfezione l’uno / l’altro nido di disagi esi-sua stessa essenza - è tenuto a eccedere la materia, l’ispi- stenziali: / in perpetuo dissidio viviamo». Con questa rac-razione, la mimesis. La poesia, sappiamo, è altresì supera- colta l’autore ha interpretato i travagli e le gioie umane,mento di forme, rincorrersi di suoni, caleidoscopio di parole. ha dato un valore più grande alla Senilità, ha sofferto perIl nostro ufficio, pertanto, non è compiuto. Dobbiamo ancora il mondo degli animali, per un Paese abbandonato, peresplorare il raccordo mediante il quale il sentimento trascende un viaggio ed un ritorno all’insegna della nostalgia per ile la magia - della poesia - si registra, l’aspetto individuale e «paese del cuore / dove tutto però è cambiato / e dovecreativo del linguaggio, «l’atto di volontà e di intelligenza» non ci aspetta più nessuno». Adesso l’eremo si è rivelato, 72
    • non è più soltanto il luogo dell’autore, ma una benefica rica. Esso sta alla base della prima letteratura italiana. Edlettura per ogni ardire. oggi molti poeti siciliani scoprono il dialetto, anzi trova- Isabella Michela Affinito no molto confacente come propria forma espressiva solo il dialetto. “Scorcia ri limuna scamusciata” è una sillogeUna vita da farsa ne La farsa nella vita di dialettale, che sa fondere perfettamente tradizione, espres-Fortunata Cafiero Doddis (Messina, 2003) sività poetica, memoria, sentimento e cultura contadina e popolare. Filippo Giordano in un percorso onirico da una Una commedia in due atti intitolata, non a caso, La parte e realistico dall’altra percorre i temi della tradizio-farsa nella vita, in cui Fortunata Cafiero Doddis è riuscita ad ne attraverrso il ricordo, evidenziando una società in con-ottenere in due brevi sezioni, sia le caratteristiche della com- tinua evoluzione, cogliendola soprattutto nel suo pas-sag-media che quelle della farsa. Il carattere comico con i suoi to- gio dal mondo contadino a quello industriale, o meglioni caricaturali e le sue situazioni stravaganti da una parte e telematico. Il problema dell’emigrazione è forse il puntodall’altra il risalto dato alla trama, tipica della farsa, si me- nodale, il tema che unisce il passato al futuro nell’ambitoscolano all’attenzione e alla rappresentazione dei caratteri. di una continua e perpetua trasformazione del mondoDue atti ben costruiti per la messa in scena. Una narrazione agropastorale. La silloge corre su due filoni particolari: ilspedita e sciolta che mantiene il giusto equilibrio attraverso luogo e la memoria. Tanti e tanti sono i luoghi presentatil’analisi dei personaggi e soprattutto del protagonista maschi- nella silloge. Da Messina ad Enna, da Limina a variele, Matteo, l’uomo di casa e colui che è nel vero senso far- contrade che suscitano continue emozioni. Ai luoghi sisesco. Egli ha sempre dovuto tener fede a quella maschera e a contrappone la memoria: è la memoria della festa patro-quel ruolo affidatogli dalla moglie e dalle cognate che vivono nale, viva per chi andato via e ritorna, è l’asino sostituitoin casa sua. Un matrimonio “banale e monotono” per colpa di dai più moderni mezzi meccanici, i fichidindia, i limoniquesta maschera che Matteo è costretto a indossare e che che evocano odori e profumi. Il tutto si eleva poeticamen-accetta in modo irreprensibile. Il protagonista, infatti, tiene te attraverso sottili riflesisoni, una poesia che scaturiscetalmente fede a quel ruolo impostogli dalla situazione che dall’animo e dal cuore, dal legame con la propria terra eriesce addirittura a superarsi negli atteggiamenti e nei modi. con la propria gente: amicizie, colloqui, ricordi. «Iddi,Definito dalle tre donne un rozzo, un cafone, un burlone e l’amici, / turnannu runni sunu / (addabbanna ru mari, /uno sciocco, uno che non conosce le buone maniere, Matteo addabbanna a muntagna) / pighiaru i paroli, / i sfruniaru, iin realtà sarebbe stato un buon marito, se solo gliene fosse vuncieru». A quest’aspetto si contrappone quello rifles-stata data la possibilità. Una storia di famiglia, d’amore fra- sivo, che è dato dal «momento di annichilimento da doveterno, ma anche di opportunismo e intrecci variegati. Una sto- il discorso muove mettendo in circolo tutti i possibili datiria in cui l’uomo è costretto dalle situazioni a vestire e man- dell’uomo: il suo essere, il suo dover essere, il suo esseretenere una maschera che non gli appartiene a rischio del pro- stato» scrive nella prefazione Giuseppe Cavarra. «Il gro-prio matrimonio e soprattutto della propria identità, finché i viglio di situazioni e di motivazioni che viene a incidersicasi della vita non cambiano la situazione, offrendogli quel- sulla pagina non reca mai segni labili o inerti: le ragionil’opportunità, che tanto gli è mancata, di essere se stesso. Gli poetiche si fanno rivelatrici di una linfa vitale straordina-altri protagonisti sembrano usciti direttamente da una comme- ria proprio mentre ci consegnano un mondo in frantumi».dia del Ruzante, con le loro insicurezze e le loro abitudini. Angelo ManittaTra questi, Veronica che si è rinchiusa nel suo dolore e nelsuo egoismo per un amore perduto, o Lisa talmente dolce e Vincenzo D’Alessio, Elementi (introduzione dicandida da rifiutare l’amore per non abbandonare la sorella, e Emilia Dente (ed. Guarini, Solofra 2003).ancora il sensale Monti che la farsa vorrebbe pronto a tuttoper rimediare ad un matrimonio, ma che in realtà vorrebbe «Il percorso lirico di questo testo sperimenta itrovare un amore per se stesso, e infine Anna, la moglie che sentieri dell’inquietudine nelle cui ombre il poeta vaganon sa prendere una posizione autonoma nei confronti del solitario. L’umana sofferenza svelata nei suoi tanti volti.marito e si lascia pilotare dalle sorelle. Un intreccio fondato La rabbia dell’ingiustizia, la tristezza di chi, costretto, ab-su equivoci e interventi buffoneschi, tipici di quel tono bandona la propria terra, la nostalgia dei ricordi, la con-dissacratorio della farsa, eppure estremamente reali. sapevolezza amara della superficialità e dell’egoismo, lo Maria Enza Giannetto spettacolo cruento dell’ipocrisia che uccide, il potere ma- ligno del denaro che inalbera i superbi e umilia i deboli.Filippo Giordano, Scorcia ri limuni scamusciata Tante, intense, strazianti le percezioni dell’uomo e del poeta. Il cupo malessere è magma rovente che dalle vaste(ed. Il centro storico, Messina 2003) grotte della pietà affiora e sostanzia e modella questi ver- si. «È il male, maledetto male» il lacerante tormento a cui La poesia dialettale negli anni passati era stata posta l’Autore non si sottrae. Lingua di fuoco che furiosa segnain secondo piano, in quanto ritenuta espressivamente inferiore di rosso il cammino nella notte fonda del dolore e poie soprattutto meno raffinata che quella in lingua. Negli ultimi nutre, nel chiarore dell’alba, scie di vita. Nei versi l’eter-tempi invece c’è non solo una rivalutazione dei dialetti, ma na sfida tra la Vita e la Morte a cui ogni creatura assistepure una maggiore coscienza che il dialetto, quale lingua lo- impotente e sgomenta... Le mani dell’uomo sono intrec-calizzata, è più espressiva. Ed in effetti espressioni dialettali, ciate alle dita sottili dell’Essere... Intensamente toccantidi qualunque dialetto, sono spesso intraducibili nelle lingue le tematiche, complesse e feconde pure le indicazioninazionali: più vasta è la lingua, e quindi utilizzata da un mag- lessicali, finemente curato il repertorio di immagini e digior numero di persone, meno espressiva e più banale essa simboli, elaborata la scelta stilistica» (Emilia Dente).appare. Il dialetto siciliano ha una sua lunga tradizione sto- 73
    • Silvano Messina, poeta della riflessione giova». Da quest’amore per l’uomo scaturisce una fede granitica, che illumina la mente e indica un percorso in- teriore di vita e di ricerca della parola di Dio. La carità è Continua l’e- silenziosa e discreta, simile ad acqua di fiume, cristallina scalation dei e cheta. Essa riscatta la colpevole indifferenza; ravvede riconoscenti tutti i cuori, salva i più crudeli peccatori. La fede è il frut- conferiti al po- to primordiale che si pianta e si irriga, ma solo il creatore eta e scrittore può con rigoglio sviluppare. La speranza è la terza virtù Silvano Mes- teologale, che appare nella silloge di Quasimodo. Ed è sina. L’ultimo quasi il culmine della fede e della carità in un percorso gli è stato as- religioso che parte dalla Creazione per giungere, attraver- segnato duran- so la nascita del Cristo, le sue tentazioni e la sua vita pub- te la 13° edi- blica, la sua umiltà e la via del dolore, alla resurrezione, zione del pre- al “Surge Lazzare”, come recita il titolo di una poesia:mio Sciuri di Mucibeddu, la cui manifestazione si è svolta a «Pronto a marciare verso la vita eterna». Tale percorsoBiancavilla, suggestiva cittadina alle falde dell’Etna. La trova il suo culmine nel compimento dei tempi, nell’Apo-kermesse culturale è stata organizzata dal Centro culturale calisse. È quello il «giorno glorioso / del suo ritorno, / ilCalicari. Silvano Messina è stato premiato con la lirica Nuc- Messia / spezzerà il bastone dell’empio. / Sbaraglierà / icia. I versi ben delineano lo stile poetico dell’autore che con despoti dai troni. / Eleverà ai cieli / il muto; / riempirà ilgrande musicalità e ricercatezza lessicale vive e fa vivere il povero / di abbondanti doni. / Porterà con sé / tutte letormento di una generazione che va in cerca di ideali perduti. anime / più bisognose / della sua misericordia. / Soprag-Infatti, l’autore siciliano con il suo impegno profuso verso la giungerà / una nuova terra per gli umili. / Sorgerà / uncultura si fa portavoce dei mali della società, o meglio la nuovo Cielo per i puri».difficoltà che ogni uomo riscontra per poter trovare un mini- Angelo Manittamo di serenità interiore. Ed ecco che emerge l’impegno dellapoesia di Messina che spinge il lettore alla riflessione, svi- Canti d’amore di Vittorio Pesca, (ed. Uni-scerando paure e desideri per un mondo più “giusto” e più vi- versità Magna Graecia, Salerno 2003)cino a chi soffre. Ma alla 13° edizione Sciuri di Mucibedduha visto altri cinque poeti di Niscemi tra i premiati e si tratta Il volume di poesie scritto da Vittorio Pesca è undi Giovanni Parisi Avogaro, Salvatore Conti, Saru Camagna, vero e proprio inno all’Amore inteso nel suo più vastoEmanuele Verdura e Gaetano Parisi. significato. Infatti non si tratta del solito volume che rac- Enza Conti coglie poesie d’amore, ma è un testo in cui tale sentimen- to viene visto nelle sue più svariate sfaccettature: amoreColloqui con Cristo, silloge di poesie religiose di per l’universo, per la donna, per la propria famiglia, per il passato; amore quale linfa vitale dell’esistenza. L’autoreFedel Franco Quasimodo (Montedit, Milano 2003) con questa sua ultima produzione vuole porsi anche degli Gia il titolo della silloge di Fedel Franco Quasimodo interrogativi sui valori essenziali della vita. Infatti Cantiè un programma, è un voler delineare il tema essenziale della d’amore ha una sua valenza sociale. «Ancor di più in unaraccolta. Si tratta di una poesia religiosa che ha come tema società in cui mi sembra che la parola “sentimento” stiaparticolare Cristo, cioè il Dio fatto uomo o l’uomo fatto Dio. scomparendo dal cuore degli uomini, mi accingo adMa questo Cristo non è un essere astratto e lontano dall’uo- esprimere in versi l’incantevole ed affascinante mondomo, è un fratello, un amico con cui si può anche colloquiare. dell’amore» chiarisce Vittorio Pesca. In tutto questo laAnzi il colloquio è l’aspetto fondamentale di confronto. donna, quale figura preziosa, è posta al centro, così come«Queste poesie nascono dal silenzio di una profonda contem- evidenziano i quadri di Elena Ostrica, con i loro coloriplazione che inevitabilmente recupera i ricordi e le memoria leggeri. Qua e là spuntano fiori, volte celesti, immagini disedimentate durante l’umano percorso rivelatore ed infine si donne ed ancora l’azzurro del mare e viali alberati. Pescafondono con una vibrante religiosità. La sua poesia si fa pre- è un autore che scruta la profondità dell’animo. Non li-ghiera sommessa di un uomo che porta con sé la sofferenza mitandosi a progettare gli spazi vuoti, egli affronta la sof-quotidiana, quasi in un tentativo di purificazione: da qui la vi- ferenza fino ad innalzarsi al puro sentimento, fino a farsione che pone in primo piano il disegno divino di redenzione assurgere l’io verso l’orizzonte dell’Amore. La sua poe-umana e quella tensione alla riconciliazione dell’uomo con sia dall’intensità magica raggiunge una trasformazionel’uomo» scrive Massimo Barile. E quest’umano percorso si vitale. Essa diventa un affresco dove giochi di luce erivela catartico e purificatore, portando alla salvezza attraver- liricità si intersecano e l’amore riesce a diffondere sprazziso la fede e la speranza, attraverso l’amore e la pietà, ma so- di luminosità sulle ombre dell’esistenza e dei ricordi: «Ri-prattutto attraverso la coscienza del Bene quale entità ed membro / i giorni / della fanciullezza, / quando solitario /espressione della divinità positiva, della divinità che non ab- per le vie del borgo / la mattina vedevo il sole». Scrivebandona a sé stesso il mondo della creazione né tanto meno nella presentazione Antonella Sparano Ristori: «L’esitol’uomo, la creatura perfettibile fatta ad immagine di Dio. Il poetico di questa raccolta è comunque elevato: le emo-Male è lo scoglio da superare, l’amore e la carità sono le an- zioni psicologico-esistenziali che comunica al lettore so-core di salvezza. Il riferimento a San Paolo sembra superfluo: no pregnanti ed intense ed il senso dell’amore come forza«Se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e emblematica della vita appare un caleidoscopio che colo-tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da ra di sé ogni moto più bello dell’animo umano». Altret-trasportare le montagne, ma non avessi la carità, niente mi tanto lusinghiera è la presentazione di Luigi Reina, il qua- 74
    • le ha definito l’arte poetica di Pesca “naif”: uno stile che in dentro, si aprono nella mente, fermentano, / ci fanno an-versi riesce a trasmettere sentimenti come passioni e sofferen- dare, ci innalzano, fanno amare». Il sentimento dell’a-ze, aspirazioni e sogni. Il volume è corredato anche dai pre- more viene studiato nelle infinite funzioni e va oltre l’ap-stigiosi interventi di Luigi Crescibene, Elena Ostrica, Giusep- parire, ma è «l’amore che ha una veste impalpabile / conpe Ripa, Rosa Liguori, Michele Sessa, Ester Donatelli Colel- la leggerezza del volo, l’amore della vita / che ci man-la, Pino Sozio, Orazio Tanelli, Gianfranco Cucchi, Nunziata tiene stretto dentro quello che abbiamo». La poesia diCorrado e Franca Magaldi. Selvaggi non è altro che una poesia intima e sussurrata da Enza Conti un “io” che diviene entità ricca di sfumature. Enza ContiL’amore sopra il precipizio di Leonardo Selvaggi(ed. Cronache Italiane, Avellino 2002) Un amore infinito, romanzo d’amore di Melo Grasso (ed A.G.A.M.M., Settembre 2003) “L’amore sopra il precipizio” è un volumetto che dàtanto al lettore. Infatti dietro al titolo, che dà l’impressione di Un amore infinitouna silloge il cui unico tema è l’amore, si nasconde una poe- percorre in lungosia intensa, introspettiva, permeata da una ricchezza psicolo- ed in largo la vitagica e filosofica. Lo stile ricercato del lessico e delle argo- dei sensi dall’albamentazioni portano ben oltre ai versi. La bravura dell’autore, fino al crepuscolo,Leonardo Selvaggi, sta proprio nel riuscire a dare dei piccoli mediante una sin-colpi di pennello nei concetti chiave della sua poesia: il tonia ed una com-passato, l’amore, il ricordo e l’osservazione meticolosa della plicità fatta di de-società. L’autore riesce ad armonizzare i versi e a renderli siderio, di confes-fruibili, come se per incanto le parole prendessero forma sioni a parole, dimentre la musicalità si innalza ora forte ora lieve. Si tratta di confessioni silen-una poesia che ha bisogno di essere meditata per la sua labo- ziose durante iriosità. In essa la contemplazione diventa elemento chiarifica- momenti amorositore per comprendere la realtà. Qua e là si sprigiona una cro- trascorsi dai duematicità intrinseca alle parole. L’aspetto interiore e la ricerca protagonisti, Ro-dell’io, intesi come superamento del futile e dell’apparenza, si salba e Lorenzo.trasformano in guida poetica: «L’interiore armonia ha i colori Micro e macro-della natura, / suoni e felicità, passione ardente, estasi / che episodi riaffioranoesaltano, passano lungo valli fiorite, / scorrono come acque dalle pagine rive-pure. Ci sono cammini nell’animo / che svettano indorati dal lando una quoti-sole». dianità indissolubile dove la complicità trova nei sensi i La poesia di Selvaggi è un invito alla riflessione, in suoi orchestrali esecutori, dove la vita nel bene e nel malequanto va oltre la narrazione dei sentimenti e delle emozioni, diventa una delirante ingegnosità fin tanto che i riflettoririuscendo attraverso una ludica ricercatezza dei vocaboli ad si spengono e un amore infinito offre due lacrime a Dio.ottenere una “particolare evocazione”. «Spinto da uguali for- Il racconto di Melo Grasso punta l’indice sui tanti aspettime, dal suono delle parole, / come l’acqua che si muove del rapporto umano: l’amore forte, se pur travagliato, tra iallagando il vuoto, / si uniscono le parti per attrazione». Un due giovani, l’amicizia e il rapporto familiare. A tenere lemovimento cibernetico accompagna le parole che si trasfor- fila della narrazione però sono i due protagonisti, la cuimano in diario di un “Uomo” che vuole dare alla poesia una vicenda si consuma lungo il sentiero della vita, fatta didelle più importanti funzioni: la comunicatività. E Selvaggi vi lontananze ed incontri. L’Amore è sentimento puro cheriesce con grande maestria in quanto, pur attraverso la meta- trova spazio anche nei meandri bui dell’esistenza.fora, esprime la realtà con un linguaggio fatto di segni. Le La tematica induce il lettore a riflettere su alcunicose che hanno ispirato le sue parole ci inducono al senso di importanti aspetti sociali: le malattie, l’affidamento deialtre parole. La sua poesia va “oltre” il sensibile. Il poeta, minori e il lavorio interiore di chi vive nei drammi fisici eandando alla ricerca della propria verità, instaura un rapporto psichici. L’autore con grande impegno narrativo dà quelparticolare con chi legge, spingendolo alla contemplazione e quid cromatico ad ogni battuta e, nella descrizione deial manifestare l’Essere uomo, l’Essere poeta e l’Essere filo- paesaggi, ai luoghi prettamente settentrionali si alternanosofo. Siamo di fronte ad un poeta pensatore con lo sguardo quelli isolani. Angoli della Sicilia, infatti, affiorano qua evolto verso il passato, il presente ed il futuro, e il difficile là tra i ricordi del passato. Il nascere, il flettersi e l’alter-compito di tracciare i momenti dialettici della sua parte narsi di vicende passionali si trasformano in esigenze“construens” senza trascurare la propria identità di cittadino narrative per superare il substrato psicologico chedel mondo. Nei versi di Selvaggi la realtà fisica e psichica si pervade l’intero racconto. Melo Grasso, senza trascurarefondono e si condensano nel sincretismo della parola, fino a il linguaggio, che appare nitido, scava nel cuore dei dueprodurre immagini. La parola ha una funzione importante innamorati fino a raggiungere la patria segreta dell’A-nella sua poetica, quale crisma che indaga per raggiungere more e ne ricerca l’autenticità del sentimento, quale linfal’estasi: «Scorrono separati, ma sono riannodati; / fili comuni che li accompagnerà fino alla rivelazione del senso dellahanno fra loro, sono gruppi / particolari e girano in armonia vita che porterà Rosalba ad accettare, dopo la tragica mor-con il respiro, / punti che si richiamano in piena vitalità / con te dei suoi veri genitori, di essere una figlia adottiva. Quiquanto si muove intorno a noi: / stati psicologici e aspetti subentra una revisione psicologica e l’accettazione, sedella natura, / pensieri che ci tormentano che sono forze / pur dopo una crisi di sconvolto, della famiglia che l’ha 75
    • accolta come propria figlia. Il passato si presenta nella sua Lughe de Chelu (e Jenna de Bentu) dicruda verità. L’autore in un gioco ad incastro tra realtà e Giovanna Mulas (ed Bastogi, Foggia 2003)fantasia lascia anche lo spazio alla fede. Infatti i due giovani,ormai sposati, vengono sottoposti all’ennesima prova. Si Il romanzo Lughetratta della malattia che colpisce la donna mentre è in attesa de Chelu (e Jennadel loro primo bambino. Ed ecco che all’interno dell’ospeda- de Bentu), l’ultimale, consapevole della difficile situazione in cui si trova la fatica letteraria del-giovane moglie, Lorenzo arriva ad «offrirsi in sacrificio, in la scrittrice sardacuor suo, al beato dei cieli... purché la sua donna venisse Giovanna Mulas in-salvata». «Un Amore infinito vuole essere – scrive Melo signita di numerosiGrasso nella breve prefazione – un tentativo di omaggiare una riconoscimenti, ètela con delle piccole pennellate di colore, le quali, racchiu- un’opera davverodono in sé dei toni implosi, attraverso un’attrazione scaturita encomiabile per ladal profondo, che fuoriescono dalle mani di un pittore che struttura narrativatale non è, ma tale vorrebbe essere». arricchita e viva- Alessandra Iraci cizzata dall’utilizzo del dialetto sardo.Florilegio di Antonio Sabetta: poesia che conduce «È la storia di unalla speranza (ed. Radar Sei, Bari 2002). viaggio, sgocciolato da una mente ad un Bastano trentasei liriche per potersi aprire un valico foglio, da un corponella poetica di Antonio Sabetta, poeta leccese che annovera di donna ferita nell’intimo e, perciò, autentica – scrivenumerosi riconoscimenti, nonché la presenza in numerose nella nota introduttiva l’autrice. - È sin troppo facile pre-antologie. La raccolta di liriche “Florilegio” è un vero e pro- cipitare nelle profondità della propria psiche; impresa ar-prio scrigno del percorso poetico dell’autore, che mette a nu- dua è risalirne sani, l’uscirne indenni». La tematica tratta-do la sua tristezza interiore, confidando nel raggiungimento ta è molto attuale: alcuni episodi di violenze psicologichedella luce, quale punto d’arrivo della verità e superamento si consumano dentro le mura domestiche o nei luoghi didelle delusioni dell’esistenza. Nelle liriche emerge un forte lavoro. A farsi portavoce sono i protagonisti: Giona (le cuiamore per la propria terra, con le sue bellezze paesaggistiche, lettere non sono altro che una confessione psicofilosofi-artistiche e le tradizioni popolari, cui si aggiunge anche la fe- ca), Giuseppe, Antonio, Mutino e Annichilina. La vicendade. Siamo di fronte a poesie che non trascurano l’aspetto filo- prende le mosse da un paese di pescatori della Sardegna esofico, espresso da un gioco linguistico sottile e intenso. Il ri- man mano si arricchisce attraverso la tessitura di episodicordo del passato, raffrontato al presente, diventa invece l’a- che puntano sullo scandaglio interiore dei personaggi enello di congiunzione della raccolta. «Tristemente ti guardo, / sulla descrizione dei paesaggi per lasciare poi spazio aimio vecchio albero amico, / ...e tu, albero mio caro, / rimarrai messaggi evocativi dei protagonisti. Lo stile dell’autrice èper me / come un vago ricordo», versi che testimoniano un al- ricco d’immagini. La parola assume una gamma di signifi-tro aspetto del pensiero poetico di Sabetta, quello dell’amore cati a più livelli. La chiave di lettura viene amplificata converso la natura in un rapporto particolarmente comunicativo l’inserimento di personaggi, simboli di tradizioni sociali econ questa. Il Poeta si presenta come osservatore del mondo credenze popolari. Il passato è visto come punto di parten-che lo circonda, sviscerandone ciò che c’è dietro l’apparenza. za della formazione dell’Essere inconscio. Accanto alla«Oh se tu, pietra, / suggello di antiche civiltà, / potessi parlare figura della strega Severina, una donna alla quale si attri-a noi mortali, / dal tuo “de profundis” / sgorgherebbero lacri- buiscono poteri soprannaturali, emerge la protagonistame / di pianto amare; / e mera emendatrice saresti / dei difetti Giona che, nell’evidenziare una problematica esistenziale,umani!». Appare un desiderio di mettere a nudo la crudeltà alla fine sceglie come fuga il convento.dell’uomo che pur di raggiungere meri traguardi non si preo- Un profondo tormento interiore appare anche inccupa d’infierire contro gli altri, contro se stesso e contro la Annichilina che alla propria poca grazia fisica contrappo-natura, di cui il poeta scruta la voce e ne capta i messaggi, ne la bellezza della sorella Elena. Sarà la gelosia e il ma-anche se è importante sottolineare che non la divinizza, ma lessere a spingerla a macchiarsi le mani di sangue propriopiuttosto la vede come «un tempio dove pilastri vivi / mor- il giorno in cui Elena e Sergio, che aveva in un primomorano a tratti indistinte parole» secondo l’espressione di momento giurato amore ad Annichilina, stavano pronun-Baudelaire. Florio Santini nella presentazione al volume de- ciando il fatidico si. Giovanna Mulas attraverso il suo ro-finisce Sabetta: «Il cantore di stati d’animo trasparenti, ne- manzo fa uno studio psicologico-sociale di quei perso-mico delle metafisichiere». Egli, attraverso un linguaggio naggi che la società definisce semplicemente “fuori dalsemplice ma ricercato, trasforma la poesia in icona della normale”. Essi non vengono giustificati, ma piuttosto stu-parola, dove l’immagine si apre sul mondo e ne esterna colori diati nei loro sentimenti. «Il sentimento è il primo, il piùe musicalità. La sua poesia, malgrado la sofferenza, conduce profondo e quasi unico senso degli uomini» afferma ilverso la speranza divina, verso la luce celeste, con la con- filosofo tedesco Herde.sapevolezza di ricordare all’uomo che in fondo è un piccolo Di un certo interesse è la tecnica stilistica dell’u-granello sulla terra. tilizzo del dialetto, che ha una doppia funzione nella nar- Enza Conti razione: rendere le storie più vicine alla realtà in cui na- scono e nello stesso tempo dare musicalità ai dialoghi. Il romanzo, uscito appena lo scorso anno, ben si inserisce tra 76
    • i modelli di letteratura che vedono sempre più spesso autori La fede nella rinascita in Sole Nuovo di Pietroimpegnati nel recupero delle proprie radici e di quell’identità Juvara, (Ed. La Valliva, Bari 1994)linguistica che è stata un po’ trascurata a causa del soprav-vento della globalizzazione. Per la Mulas il dialetto è un voler In questa raccolta di liriche, il poeta Pietro Ju-imprime il suo legame con “la terra che porta nel sangue”, vara esterna tutti i suoi credo più profondi nei confrontianche perché esso riesce a dare quelle sfumature lessicali che della realtà, o meglio, come recita il sottotitolo, della vita,non sempre dà la lingua italiana, proprio perché uomini, della fede, dell’amore e della morte. Poesie che si dispie-ambiente e lingua sono espressione di un determinato luogo. gano lungo il filo conduttore tracciato dai temi che il poe- Enza Conti ta tratta con estrema versatilità e trasporto. In particolare le 53 liriche si snodano su due versanti opposti, eppureI trecento stornelli della Stornellata a tre voci di convoglianti in un unico punto fermo che è la vita. La no-Giovanni Di Girolamo, Antonio Di Giambattista ta introduttiva è assai esplicativa e rende chiaro al lettore quale sarà il percorso della raccolta. Si passa dal realismoe Fedele Giorgio (Il Convivio, Gennaio 2004) pessimista, «il confine delle miserie umane, del dolore I tre poeti Giovanni Di Girolamo, Antonio Di Giam- quotidiano, della materialità, dell’egoismo, perciò dellabattista, Fedele Giorgio si sono incontrati in questa pubbli- disperazione» all’ottimismo legato alla fede, quello irrag-cazione, a cura de “Il Convivio”, dal titolo “Stornellata a tre giungibile che è «l’orizzonte della speranza, della fede,voci”. Stornellata, ovvero uno scambio di stornelli tra “can- della spiritualità, oltre il quale si scorge la luce dell’as-tori” in gara, anche se più che di una gara si tratta, in questo soluto». Una raccolta che oscilla tra questi due orizzonti,caso, di uno scambio di argute osservazioni sullo stesso tema tra la presa di coscienza amara, obiettiva eppur corag-ispirativo. I tre autori riprendono l’antica forma dello stor- giosa e la fede nel miglioramento e nella natura umananello, quel canto popolare dal tono satirico e scanzonato tanto (quant’è vicino Leopardi!). Il poeta non traccia alcunacaro alla tradizione meridionale. Una raccolta assai parti- spiegazione, non è vate e non vuole mostrare la retta via,colare e originale sia nei contenuti che nella forma. La prima egli è solo lucido osservatore della realtà nel primo oriz-parte presenta una sorta di querelle poetica in cui Giovanni zonte e uomo fiducioso e aperto alla fede nel secondo. IlDi Girolamo e Antonio Di Giambattista si incontrano/scontra- suo consiglio è quello di scegliere da soli e con coscienzano sulle stesse fonti di ispirazione che sono, per lo più, i fiori. a cosa votare la propria vita. Ambivalenza quindi è la pa-In particolare c’è una totale e perfetta corrispondenza tra le rola chiave della raccolta, ma anche il simbolo di unatematiche e gli stornelli vengono riportati a specchio con la chiusura e pacata accettazione che si apre a nuova spe-“Stornellata” di Giovanni Di Girolamo sulla pagina pari e la ranza, così come nella strofe finale della lirica che dà il“Risposta alla stornellata di Giovanni” di Antonio Di Giam- titolo al libro: «Eppure alle nostre spalle, / sopra il mare, /battista sulla pagina dispari. Di seguito si trova poi la parte sopra il cielo, / dal colore inconsueto, / risplende per tutto“Ed io ‘stornello’ invece in agrodolce” di Fedele Giorgio che / un Sole Nuovo». Per quanto riguarda la forma, le liricheoffre un ampio esempio del suo stornellare e l’appendice “In sono libere da ogni costrizione e schema. Seguono solo illode alla stornellata di Giovanni” di Antonio Di Giambattista. flusso dell’animo, del canto e dell’ispirazione poetica.Insomma un ricco recipiente di arguzie e trovate smaliziate in Poesie che cantano la vita, l’amore e l’amicizia, che sonocui i tre poeti, che hanno fatto della scrittura e della cultura la velate di pessimismo eppure fervide di immagini e colmeloro ragione di vita, si incontrano e “versano” gocce di questa di immediatezza, poesie in cui la cultura e l’origine delloro arte per offrirle poi in dono ai loro lettori. Per capire ve- poeta fa da sfondo ad ogni tema ispirativo e ad ogni ver-ramente il tono e l’acume di questi “pensieri” è necessario pe- so. Una sicilianità che non ha bisogno del dialetto per es-rò leggerla per intero ed avere così una visione d’insieme del- sere ostentata in tutta la sua forza, ma che fa capolino inle ideologie e degli stati d’animo che ne stanno alla base. Per ogni metafora, in ogni simbolo, in ogni immagine e so-quanto riguarda la tenzone della prima parte valgano ad prattutto in ogni visione della realtà. Poeta amabile e sin-esempio: «Fior di mirtillo, / fu tale il tuo sorriso, audace e cero, Pietro Juvara, che, insieme a tematiche su cui ragio-bello, / che a me trafisse il cuor come uno spillo.» (Stornellata nare e speculare, riesce ad offrire a chi lo legge il suo in-di Giovanni, pag 20 – stornello 12) contro a «Fior di mirtillo, tero mondo interiore./ il tuo sorriso, che fu audace e bello, / tendeva a trasformarsi Maria Enza Giannettoin un gingillo.» (“Risposta alla stornellata di Giovanni”, pag21 – stornello 12). A queste metafore e ironiche irriverenze I colori del cuore di Vittorio Di Ruocco (Ed.del dibattimento fa da contraltare lo stornello 91 di “Ed io Pandemos, 2003)‘stornello’ invece in agrodolce” che così recita: «Fior di mir-tillo, / il viso tu col trucco puoi far bello, / ma della grazia Un’anima sensibile che si mette a nudo per rega-manca… lo zampillo». Tematiche simili o del tutto corrispon- lare emozioni, questa è la bellezza de “I colori del cuore”denti che offrono con euforia la visione dell’amore e del rap- di Vittorio di Ruocco , poeta salernitano, alla sua secondaporto uomo-donna dei tre autori. E proprio l’amore è l’argo- pubblicazione dopo “Le mie mani sul cielo” (Ed. Il Cala-mento che fa da sfondo all’intero canzoniere, l’amore tratta- maio, 1996). Amore, Mare, Memoria si rivestono di im-to con uno stile canzonatorio perché i poeti sanno bene che magini e significati quante sono le situazioni della vita,«un gioco sempre fu l’amore» e che il «lacrimare è vano». Un mai uguali. E l’amore è estrema sensualità (“Sei tubel regalo che questi tre poeti hanno voluto fare ai loro lettori, carnoso fremito...”), remota nostalgia (“...due volte looffrendo il loro patrimonio culturale e artistico a coloro che stesso sole non risplende.”), rimpianti perduti (Un quadrocon animo aperto sono disposti ad apprezzarne la profondità. vuoto), commozione di padre, desideri intravisti. Il mare Maria Enza Giannetto è parte del poeta, come un amico sempre presente, di not- te, in tutte le stagioni, quando c’è tempesta e quando 77
    • splende il sole. Colpisce la costante presenza di termini d’Autore, 2001), Il pianto di Maria a Siracusa (Ed. Se-marinareschi e la grande varietà di paesaggi marini che la gno, Udine, 2001).Tanti i temi affrontati in Armaghedònmemoria del poeta sa rievocare. Il mare come ispirazione, ma (edizioni Segno, Udine 2003), ma tutti convergenti, comeanche come porto dove approdare, una certezza di cui egli dichiara lo stesso Portale nella Prefazione: «Questo libronon può più privarsi (“Sei spuma di mare tra le mie mani / ci offre uno spaccato dell’epoca in cui stiamo vivendo conscivoli via poi ritorni padrona / prigioniera del mio destino. / le grandi potenze visibili ed invisibili che si contendono ilSenza di te sarei mare di vetro / nessun fragore di tempesta / mondo. È uno sguardo all’estremo combattimento a cui ilmi scuoterebbe dall’angusta rada”). Il tema della memoria, ca- Signore Iddio chiama i credenti contro le potenze diabo-ro a Montale, ricorre spesso, sia come intero componimento liche e le forze del male che vorrebbero trascinare l’u-(Memorie) sia come momento di ripiegamento che scaturisce manità verso il baratro infernale».da attimi di solitudine e contemplazione (“Tirare a lucido la Dopo essersi soffermato sul progetto divino ememoria / in quel tardo pomeriggio di luglio / fu un azzardo sull’azione di Dio nella Storia, Giuseppe Portale passa adcome un’imboscata”; “Ho stretto il cuore / intorno ad un ri- analizzare l’offensiva di Satana contro Dio e contro l’uo-cordo...”; “Ma è senza voce il ricordo / il silenzio assordante / mo alla luce della Rivelazione e del Magistero della Chie-come il vagito di un giorno / che ancora deve nascere”). sa: «Attualmente, a quanto pare – scrive – siamo nel pe- Esperienze che rivivono sulla carta, trasfigurate dal- riodo cruciale della Storia, in quello del massimo trionfol’occhio visionario del poeta che, immerso nel flusso delle es- di Satana…», per poi elencare tutte quelle forme di tenta-senze, sa cogliere le analogie più suggestive. E dagli acco- zioni, distrazioni, quelli che a suo avviso sono i vari mez-stamenti di immagini nasce la liricità della sua poesia, giusto zi con cui il principe delle tenebre sta conducendo la suaequilibrio di aulico e prosaico, tipico di un registro moderno. battaglia: esoterismo, spiritismo, le varie forme di magia,Facile ritrovarvi i maestri: dal grande poeta d’amore Neruda la chiesa di Satana, ma anche tante dottrine oggi in voga,alla poesia ermetica italiana. I versi sono frantumi di frasi, o il materialismo e quei comportamenti che nei più svariatinuclei che racchiudono una qualche verità (“La vita è un modi allontanano gli uomini da Dio, per chiedersi: «Mavortice / senza vie d’uscita...”). Ma il poeta sa che la verità Dio, di fronte ad una tale provocazione diabolica che ri-non è dato conoscerla, se non come intuizione inafferrabile, schia di portargli via l’uomo, resta inerme? Non fa nullacosì dice: “Non chiedere di più / non ho risposte / so solo che per intervenire e far fallire questo disegno satanico?».il fiume corre / sempre verso il mare e non c’è pioggia / che La battaglia fra Bene e Male si concretizza nellaritorna al cielo”. Non solo amore, dunque, in questa raccolta, millenaria lotta fra la beata Vergine e il Maligno, che e-perché il sospetto di una riflessione esistenziale accompagna merge dalle pagine del libro attraverso le testimonianze el’opera, quasi inavvertitamente. A volte si manifesta come un il racconto delle apparizioni mariane più famose nellamalessere, a volte come la constatazione del tempo che passa storia della cristianità, a cominciare dal XIX secolo sino ai(frequente l’immagine dell’autunno e delle foglie ingiallite), giorni nostri: Parigi, La Salette, Lourdes, Fatima, Marien-ma diventa evidente quando si impone la vertigine della fried, Roma, Kibeho, Belpasso, Medjugorie e tante altremorte (“M’assale il desiderio di volare / tra le braccia della ancora. Giuseppe Portale incontra protagonisti e testimo-vita per morire / ai confini della morte / per rinascere”; “E ni di guarigioni inspiegabili e miracoli odierni ufficial-quando tra qualche tempo sarò polvere immemore”; “...ti mente riconosciuti dalla Chiesa, intervista gli interessati,stringerò in un abbraccio eterno / forse l’ultimo, certo il più i medici che hanno seguito i singoli casi, riporta gli esitibello / figlia mia”). Quella di Vittorio di Ruocco, sebbene delle analisi e le dichiarazioni ufficiali della Chiesa.trovi fondamento nella stagione lirica primonovecentesca, Quindi, in un dettagliato capitolo si sofferma an-non è poesia ermetica, ma relazionale e comunicativa. La che su quei prodigi, come lacrimazioni ed emografie, fe-poesia di cui oggi più che mai c’è bisogno, perché in grado di nomeni “scientificamente inspiegabili” del passato recen-raggiungere tutti, senza per questo banalizzarsi. Una poesia te, verificatisi in Italia e fuori, ma alcuni proprio in Si-fatta di metafore pure e suggestioni, che racchiude in sé il cilia, come la lacrimazione della Madonna a Siracusa -messaggio di un’esperienza di vita. della quale l’autore si era già occupato, in un precedente Amalia Maria Amendola e documentato saggio - le apparizioni di Belpasso ed una serie di strani quanto allarmanti episodi avvenuti a Cata-Armaghedòn: Bene e male a confronto nel nuovo nia, Adrano, Giampilieri Marina, riportando con rigore dilibro di Giuseppe Portale cronaca fatti e testimonianze. Dopo essersi chiesto l’ori- gine ed il senso di questi fenomeni, visti come probabili Armaghedòn è per molti soltanto un famoso film di segni attraverso i quali l’uomo, distratto, da interessi piùfantascienza (Armageddon – Giudizio finale) del 1998, con terreni o deviati, viene richiamato alla conversione, «HoBruce Willis, per la regia di Michael Bay, che, per la verità, voluto concludere il mio lavoro, ci dice Giuseppe Portale,ha mutuato il titolo da uno dei più drammatici e criptici passi con i segni dei tempi del ritorno di Gesù, la “Parousìa”,della Bibbia. Armaghedòn è il luogo in cui, secondo l’Apo- alla luce dei più recenti messaggi mariani e, soprattutto,calisse, si svolge lo scontro finale tra il Bene ed il Male (Apo- alla luce dell’Apocalisse di San Giovanni. Molte le ana-calisse 16,16: “La guerra del gran giorno di Dio onnipotente, logie fra quanto descritto nell’ultimo libro della Bibbia,…e radunarono i re nel luogo che in ebraico si chiama A- relativo agli ultimi tempi prima del ritorno di Cristo, ermaghedon”), e proprio a questo emblematico passaggio del quanto sta accadendo nei giorni nostri, con dei risvoltilibro di Giovanni si rifà il titolo dell’ultima pubblicazione del persino inquietanti e che lasciano senz’altro pensare».giornalista e scrittore cattolico Giuseppe Portale, la quarta in Un libro che si può definire coraggioso, in unordine di tempo dopo Padre Ildebrando Antonino Santange- momento in cui il rispetto umano vieta e inibisce quasi dilo: Vita – Pensiero – Opere - Testimonianze (Comunità edi- esternare interesse verso tutto ciò che appartiene alla sfe-trice, Adrano 1995), Il diavolo è tra noi? (Catania, Prova ra della spiritualità, in cui serpeggia un senso di orrore 78
    • del sacro, coraggioso quanto può esserlo soffermarsi su questi per la velocità con la quale si compiono tutte le azioniargomenti, indulgendo a tutti quei valori che non siano pura- della nostra esistenza, velocità che è più distruttiva chemente esteriori o materiali. costruttiva, nello stesso tempo. Maristella Dilettoso Margherita Rimi, nella sua poesia esprime invece tutta l’interiorità e la riflessività dell’essere umanoMeteore, antologia dell’A.L.A.P.A.F. di Bagheria che si confronta con il dolore, la strage, la morte, ma vol-(Palermo, ottobre 2003) ge attimo per attimo ad una speranza di vita e di felicità. Liliana Mamo Ranzino attraverso il filtro della memoria Decima crestomazia pubblicata in occasione della ricorda la bruciante esperienza della seconda guerra mon-cerimonia di premiazione del novembre 2003, contenente i diale, in una narrazione viva e fortemente partecipata.lavori che hanno preso parte al Concorso Internazionale di Giacomo Paternò, tratta invece un tema molto più pro-Poesia indetto appunto, dall’A.L.A.PA.F. di Bagheria. Il pre- fondo e spirituale. Il titolo è già emblematico: “Il donosidente Salvatore Baiamonte ha ‘aperto’ il florilegio con una della fede”. Qui appare la tensione dell’uomo verso Dio esua nota introduttiva, in cui presenta «il soggetto-poeta, come soprattutto la «ricerca di una logica follia, di un briciolomonaco che tiene stretto nella mano il suo obolo d’affetto». di luce che mi rischiari la via». Più impegnata nel socialeMolti i nomi di scrittori, poeti e pittori, inseriti nel volume, è invece la poesia di Domenico Peci. Nel suo mondo po-noti e meno noti. Fra gli autori, c’è la presidente Onoraria etico appaiono spesso i bambini, quali entità da proteg-Fondatrice dell’A.L.A.PA.F., Antonina Ales Scurti, della gere e da attenzionare, per una società migliore. Il dialet-quale è stato pubblicato uno stralcio del suo ‘Diario romanzo to siciliano dà molta espressività e colore alle sue liriche.in versi e in prosa’ ambientato nella seconda metà degli anni Di ambiente folcloristico e popolare, ma di una cura par-60 con protagonista Liliana, una donna sposata che vive le ticolare sotto l’aspetto stilistico è invece la lirica di Gio-sue contraddizioni tra l’amore coniugale e quello soltanto pla- vanni Piazza, dal titolo “Il Caliatore”. Il riferimento deltonico che ella sacrificherà per amore delle responsabilità ver- titolo è al grosso padellone che serviva per ‘caliare la ca-so la famiglia, il profondo credo religioso e se stessa. Una lia’ (abbrustolire i ceci). La poesia riporta indietro neldonna (l’autrice) che racconta le vicissitudini interiori di tempo, quando festosità e giovinezza si fondevano ad unun’altra donna immaginaria, ma attuale riguardo le sue con- desiderio di vita.flittualità. Fuori concorso, è entrata a far parte del volume an- Michela Isabella Affinitoche una lirica particolare del Presidente Salvatore Baia-monte, particolare perché il titolo già contiene un principio, Antonio De Lucia: divina musicalità in Sospiriquello di Eraclito “il movimento della vita”, il continuo di primo mattino (Edizioni Ler, Napoli 2002)divenire dove tutto si trasforma anche «ciò che era delizia,ora è trascorso». Il più originale dei Tra gli autori Vito Catalano, nato e residente a Ca- dialetti italiani ètania, con un suo brano dedicato al divin Raffaello, con- quello napoletano.tribuisce a rendere l’antologia più variegata, in quanto il suo Anche se per moltiracconto breve va oltre il solito componimento narrativo. C’è termini somiglia aluna sonorità cha sa di freschezza e di giovane inventiva ri- gergo popolare diproponendo un nuovo Raffaello, un pittore che con un suo tutto il Centro-quadro «aveva compiuto un’opera infinitamente più alta della Meridione d’Italia,raggiunta perfezione artistica: aveva salvato unanima». Paola esso si distingue,Consoli si dice esordiente, soltanto perché da più di un anno ha espressioni eha riordinato quanto di più ha scritto negli anni passati e con cadenze proprie, sila vibrante poesia in dialetto siciliano “Fa ca non sia” ha rivela inconfondi-espresso tutta la sua coralità sicula. Paola Cozzubbo ha bile, si riconoscecomposto brevi liriche, poi raccolte in “Schegge poetiche” in tra mille. E noncui il ritratto del suo animo appare ora in compagnia della solo da noi, do-colorita speranza, ora solo con un pallido smarrimento. Piero vunque, nel mon-Gai, di Belluno, ha scritto a proposito di ciò che la televisione do. La sua ori-comunica tramite i suoi programmi e lo ha fatto con un ginalità è nel calo-racconto, gridando le situazioni di disagio che purtroppo, re - il calore di chioggi si presentano davanti i nostri occhi di telespettatori. parla - che si sprigiona dall’eloquio, da ogni frase, quelAngelo Rullini è pittore e scrive componimenti in dialetto senso di bonaria ironia che si vuole comunicare agliispirati alla propria terra di Sicilia. La sua poesia, dal titolo interlocutori, quella levitas che investe gli spiriti e li pone“Questa notte o luna...”, corre tra il romantico e il nostalgico. in uno stato di benessere spirituale,ottimismo e allegraBeatrice Torrente ha insegnato Religione, mentre ora predisposizione nei confronti della vita, non sempre ro-partecipa ai concorsi letterari con poesie ed opere pittoriche. sea. La silloge di Antonio De Lucia, Sospiri di primo mat-Nel suo recente libro “La mattanza pesca sacra”, del quale un tino, si compone di liriche in vernacolo insieme ad alcunebreve tratto è stato inserito nell’antologia, c’è la teoria e la in lingua. Non c’è contrasto tra le une e le altre: sono tut-pratica della pesca del tonno, il sacro e il profano dell’usanza, te espresse con divina musicalità e verve tipicamente par-la filosofia e i gesti di questo rito antico. Pasquale Vinci- tenopea... «Quello che decisamente colpisce - scrive nellaguerra, pluriaccademico, è attento ai problemi dei ragazzi e prefazione Rosario Cerciello, - in questi tipici battibecchidella scuola. La poesia proposta nell’antologia ci fa capire napoletani, è la corrispondenza con la struttura corale delcome la nostra attualità sia decisamente diversa dal passato canto e del contro canto: è come se l’ego lirico si sdop- 79
    • piasse coralmente in due figure: il poeta che si interroga, e il non ci asseconda nelle nostre aspettative... Siamo protesicoro (che è sempre parte della sua interiorità) che risponde». verso il futuro e non ci dobbiamo arrendere: lo sforzoQuella carrozza che sembra un forno in “’A calandrella”, quel prolungato darà i suoi frutti...». Così esordisce l’Autrice esole rovente che fa “’mpazzì” («nun vola ‘na mosca e che- non interrompe il suo dirompente eloquio, il suo entusia-st’aria m’affoga») esprimono così bene il concetto, che si ha smo per Cara... Gli aforismi di “Pietra scissa” si dispon-la sensazione di viverla quella canicola e di non sopportarne gono «come semi di luce sparsa». Cara vuole “raccon-l’alta temperatura... Descrizioni particolareggiate, vive, di tarsi” ai suoi lettori in un viaggio che si svolge in modianimali e persone (innamorati): il gatto che fa la spia, il cane diversi: una nave di pietra (Utopia gioiosa), un elegante eche dorme, ‘nu lietto (che) se move... E poi, per consolarsi, e fine cavallo (Ornamenti per sella), il ritmo quieto e lentoper vincere quel calore insopportabile, il poeta Antonio De dei propri passi (Passeggiata nella brughiera), inLucia riesce ad uscirne, a trovare il refrigerio con l’immagi- “Filigrane innaturali”, in “Cardina macerie flumina”, ecc.nazione - quasi un miraggio - pensando alla grandine e al Ella li ha letti tutti i libri di Cara, e non solo, li ha pene-vento: «Mo’ ‘ncoppa a carrozza, nun fosse cchiù peggio / ‘a trati fin nei recessi più nascosti, ne ha fatto l’autopsia -rallene e ‘o viente int’e recchie?»... C’è tutta la città canora. con lo spirito - e ne ha tratto linfa per alimentare la suaVivacità nella lingua, immersione panica nella natura e nelle interiore ricerca del bello e del sublime... Ne è rimastasue immagini stupende... Bellissimi quei «prati fioriti sui sedotta, incantata, tanto che ha deciso di scrivere undeclivi», le balze, i boschi, le valli,,le aiuole coperte di rose, saggio-poesia (originale!) su di lui. Ascoltiamola nel suo«l’eden promesso, a chi giusto fu in terra». Visioni idilliche “post scriptum”: «Ho con me uno degli ultimi saggi diche colpiscono e stupiscono, che si proiettano, con il loro Cara, ‘Filigrane innaturali’. Avevo già sottolineato i pas-cromatismo, sulle pareti dell’animo. Gli artistici dipinti di saggi che più mi piacciono. Adesso basta metterli insie-Nicola Sgarbati, nei loro sobri colori e nelle loro reali me... Cara può rivelarsi a chi lo legge... Elettrizzante sim-riproduzioni, completano l’armonia del testo. biosi...». L’intervista di Marina Papa Ruggiero verte sulla Antonia Izzi Rufo poesia. Cara dà risposte precise, sia che si tratti del suo modo di sentire l’afflato poetico sia del modo come oggiFranca Alaimo, La firma dell’Essere: fasi di viene intesa e accettata la poesia, «in un panorama so-viaggio nella scrittura di Domenico Cara ciale in cui dominano il conformismo pacificante e l’in- dustrializzazione del pensiero». Seguono gli aforismi di(Edizioni Atti e Fatti Lombardi, Milano 2003) “Lunazione” in cui «è distillata la ricerca dell’Autore in Nel volumetto figurano tre nomi: Antonio Panetta, efficaci e oscuri anni di esplorazione sulla poesia».Franca Alaimo, Marisa Papa Ruggiero. Ognuno di questi Antonia Izzi Rufoesprime opinioni e giudizi critici su Domenico Cara. Nel deli-neare “la traiettoria” di Domenico Cara, Antonio Panetta ne Bruna Tamburrini: la ricerca della conoscenzamette in risalto la personalità e l’excursus poetico e ne evi- e della felicità in Atemporalità, (Cenacolo ac-denzia “la volontà e la vocazione” che, in sintonia, hanno cademico Europeo, Poeti nella società)permesso al poeta calabrese di produrre un numero stragrandedi opere che lo collocano, brillantemente, sulle vette dell’Eli- Racconti e poesie che sfilano in sintonia, in uncona. Cara s’è formato «senza scuole e maestri, nella propria unico discorso, emergente, del sociale e dei problemi del-officina, come un artigiano-artista che si crea da solo i propri l’animo. Sono «l’espressione di alcuni momenti di vita»strumenti». La sua evoluzione è avvenuta per gradi, «la co- dell’Autrice, Bruna Tamburrini, che si rifugia nei ricordigliamo da un testo irto di epifanie, alla ricerca di nuova co- per sfuggire ad una realtà da rigetto, per intraprendere unmunicazione sintetica e brachiologica» (F. Mazzioli). Incre- lungo viaggio verso la ricerca della conoscenza e delladibile il profluvio poetico e prosastico dello scrittore. In un felicità, spinta dalla volontà, e dall’interesse, di sfociarepamphlet di 27 paragrafi, un poema in prosa per evidenziare «in un mondo purificato di atemporalità», inedito. Toc-le condizioni e lo stato di “far poesia”, scompagina i negativi cante il primo racconto, “A te”; rispecchia una delle tantea squarci meridionali”, estende una rete amara sul Sud... situazioni precarie che affliggono l’umanità, quella dellaSalva solo una cinquantina di poeti. I poeti attuali, osserva famiglia, che non è più tale, e le conseguenze deleteriePanetta, ci hanno lasciato solo segni; essi si preoccupano della sua frantumazione: crollo dei valori, precipitare nelunicamente di essere in vetrina o sulla stampa, non delle vizio, desiderio di “farla finita” con l’esistenza. Senti-“ardue sentenze”. L’arte è morta, non ci sono più i canoni di menti di sfiducia e ipocrisia albergano negli uomini: sirigore di altri tempi; la libertà di leggere, parlare e scrivere vive, «incompresi e strani”, dietro maschere, «nella lon-«ha volgarizzato le funzioni grammaticali, scrittorie e poieti- tananza di un cielo / ormai perso». Perché succedonoche». Dove sono “i barlumi d’incanto” propri della lingua di certe cose, in questa società marcia?... Perché RobertaDante, Petrarca e Leopardi?... Cara rappresenta l’eccezione: non reagisce alle violenze che le vengono inferte neila sua è alta poesia, nei suoi versi «il vocabolario è messo a pressi di una chiesa?. «Non era il caso, oltre tutto avrebbedura prova...». E la sua opera non si è conclusa, al contrario dovuto affrontare la temerarietà della gente». Un conti-di tanti scrittori che si perdono per strada e cadono nell’oblio. nuo lavorio interiore si agita nell’animo della poetessa,Franca Alaimo illustra la ricerca dell’Autore sulla poesia tra sfoghi, risentimenti, tristezza, illusioni e delusioni, uncome aforisma. La sua esegesi si svolge nel profondo, dove cadere a terra ed un risollevarsi, ed un concludere cheha origine la “vita dell’essere”. Domenico Cara ha già «per vivere bene», «frammenti vibranti di poesia» devo-raggiunto l’apice, s’è conquistata la “firma dell’essere”, non è no lanciarci emozioni, invaderci e farci fremere perché lada tutti. «Il viaggio comincia al buio... Il sogno è più vicino al vita è ‘miracolo’ e per essa siamo «pronti a sorridere e avero». Non ci deludono i sogni, in essi realizziamo i nostri piangere». Quanta fantasia, legata agli extraterrestri, nelintimi desideri; la realtà è sorda alle nostre richieste, fredda, racconto “La storia del mondo!». Quegli esseri esistevano 80
    • già prima dei dinosauri, abitavano la terra... La scienza aveva una manciata fa bene al cuore, ma noi seminiamo amoredistrutto il pianeta ed essi si erano rifugiati in un altro corpo e raccogliamo sangue e patimenti. Il poeta ha viaggiatoceleste... «La vecchietta vide scendere la navicella... Poi tutto molto, ha avuto modo di vedere posti lontani, popoli ditornò normale, in quella bella giornata di sole», ma i bambini civiltà diversa dalla nostra e di incrementare la sua cul-non s’erano accorti di nulla e continuavano a giocare... Sem- tura. In questo testo, denso di testimonianze, ci raccontabrerebbe più un’allucinazione della donna anziana che un le sue esperienze e ci trasmette il suo entusiasmo.fatto realmente accaduto, nell’immaginazione, naturalmente. Antonia Izzi RufoL’autrice sottende, spesso, nei suoi scritti, un consiglio, unmonito, un messaggio. Sara Bensi: amore delle parole semplici in Antonia Izzi Rufo Ama guardare il sole (Pontedera 2001)Nino Agnello, il desiderio di cambiare il mondo in Sarà perché Sara non c’è più, o è proprio questoAccadimenti (Bastogi, Foggia 1998) il motivo da cui mi lascio influenzare? Non lo so dire. So solo una cosa: i suoi pensieri sono così leggeri, così eva- Significativo il titolo, nescenti che mi fuggono, scivolano via e non si lasciano “Accadimenti” di Nino sfiorare con le mani, solo col cuore... Volano lassù, oltre Agnello: preannuncia il il visibile, come esili piume imponderabili che io seguo contenuto del testo, il con stupore... Sono parole e frasi impresse con l’animo quale, anche se redatto sulla carta, con dolcezza e levità, dense di contenuto e quasi interamente in significato. Dicono libertà e amore; cantano gioia e spe- versi, si legge come se ranza; volano con i gabbiani, le nuvole, i fiocchi di neve, fosse scritto in prosa. vanno incontro al sole; si posano sui prati, sui fiori, sui Tre le sezioni: “I fatti monti, sugli alberi senza toccare terra; sono intrise di del disamore”, “A bas- delicatezza e tanta tenerezza... Il sole è il simbolo di sa quota”, “I giorni di Dio... Pochi riescono a contemplare le cose più nascoste e Caracas”. In un lungo preziose... C’è riflessione e saggezza nel suo discorrere, e monologo, e con precoce maturazione psicologica: pare di ascoltare una schiette considerazioni persona anziana... E lei era solo una giovane ventenne, che a volte sottendono agli esordi della vita... Il suo spirito religioso, nel volume una sottile ironia, l’au- postumo delle sue poesie dal titolo Ama guardare il sole tore, con un percorso con la prefazione di Marta Nicolucci Cortini e di Fabrizio programmato, mette in Porcini, traspare da ogni verso, ma senza fanatismo, sen- evidenza tutto quanto za eccessi, si esprime con discrezione, nel rispetto dei succede nel mondo - sentimenti degli altri. Dio lo scopre nel sole, nelle cose una realtà sconcertante belle della natura, nel suo prodigarsi per chi ha bisogno,e irreversibile - attraverso «un intrico di impressioni, sen- nell’essere riconoscente verso le persone che ama... «Sia-timenti, riflessioni, giudizi», per dirla con Riccardo Scribano. mo noi figli a dovere ringraziare i genitori per il donoAccuse pesanti alla società, lanciate con disappunto: egli della vita». «Volgi le mani / colme... a chi ti ha dato /vorrebbe cambiare il mondo, ma si rende conto che non è Vita e Domani». «Partire... tornare... e voler ripartire dipossibile, e ciò lo fa soffrire. Dalla prima parte emerge tutto nuovo». Ribadisce l’eterna insoddisfazione dell’uomo, ilquanto c’è di marcio tra gli uomini: disamore, innanzitutto, e suo continuo cercare e ricominciare, anche se ha trovatopoi dolore e confusione. «Il dolore è di tutti / la gioia di ciò che lo appaga. «Fuori / grigio, uniformità, piattezza: /pochi». Anche il paese punta “lance di tristezza”, se vengono Dentro: calore, intensità, gioia... È Dentro che rendecolpiti i vecchi, i giovani costretti ad emigrare come le Fuori». Leffimero è vuoto, senza calore né colore; è ciòrondini, le ragazze che «si tengono le vesti per difendersi dal che è nel nostro mondo interiore che è vera vita, che dàvento impudico», gli extracomunitari, vilipesi, umiliati, vita a ciò che è fuori... Siamo legati alle cose esterne, “achiamati a svolgere, per una misera paga, lavori che i cittadini un punto del mondo”,e abbiamo paura di perderle... Ilrifiutano... Quanta povertà s’incontra nel “giro del mondo”. E grande pericolo è celato in noi... Vita e morte, l’una nonquanta disonestà e crudeltà!... Mercato di bimbi, alcuni uccisi sussiste senza l’altra... Ella è contenta per la nascita diper vendere gli organi, neonati buttati nel cassonetto, genitori una parente, la signora che si reca all’obitorio è tristeabbandonati, “donne miele” dedite all’arte di sedurre... Padre perché le è morto il figlio... Mai si riscontra pessimismoStefano racconta le atrocità commesse nel cuore dell’Africa: nei suoi versi, mai risentimento per qualcuno, solouomini squartati come capretti, grovigli di morti e feriti, fiducia e gratitudine... È bello scoprire un giorno senzaanimali e piante scomparsi che hanno aumentato il deserto». affanni, il sorriso sincero di chi ti vuole bene, un sorrisoE non succede solo in Africa, ma in molti altri posti del che “gli occhi appannati” avevano cancellato... Mai sipianeta. Piange papa Wojtyla. E che cosa fa la “vile Europa”? lamenta, è sempre felice per quanto le viene dato... Se ne«Mira i putridi corpi e inorridita chiude i battenti per non sta al calduccio del ‘lettone’ con “Speranza” e “Ricor-scomporre ordini e confini». Dopo avere enumerato tutte le do”... E poi arriva la fatina che fa diventare i sogni realtàbrutture dell’umanità, Nino Agnello ci conduce, nella secon- (Natale). Quanto sensibile, fantasioso romanticismo inda parte, in un rifugio di pace ove trovare conforto, ove lenire questa lirica stupenda: c’è il volto vero della poesia:le sofferenze dell’animo: nel silenzio di una cattedrale, Char- luminoso, etereo, divino... Nella sua scrittura sembra ditres, Notre Dame... «Nei riflessi delle vetrate / si spengono i leggere il “Cantico delle creature” di San Francesco: lopassi degli uomini...». Seminare affetti è dovere, raccoglierne 81
    • stesso trasporto sincero verso le creature, lo stesso traboc- ai bambini, volendoli iniziare alle conoscenze astronomi-cante amore nelle parole semplici, la stessa voce mistica che con un linguaggio chiaro ed immediato. «Benvenuti!d’una preghiera che nasce spontanea, sentita, dal profondo. Volete giocare nello spazio? Eccovi accontentati. Il Sole Antonia Izzi Rufo e i 9 pianeti del Sistema solare vi aspettano per giocare insieme. Non vi preoccupate: sarà divertente rintanarciGiovanni Pagano - Amedeo Carmignani Fran- nei crateri della luna, sciare su Plutone, giocare con pallecesco Armaleo - Ludovico Magaudda - Giovanni di neve sporca, lanciarci nel vuoto nei canyon di Marte». E... voltando pagina ci sono tante sorprese. Si tratta di unBiondo - Antonino G. Ruggieri, Il politrauma- vero e proprio viaggio spaziale, durante il quale si impa-tizzato negli sport motoristici, Note di primo rano notizie utili e curiosità interessanti, si hanno descri-soccorso, (Angelo Manitta Editore, Catania 2003) zioni meticolose e stupefacenti... tutto nel massimo rigore scientifico. Si parte dalla terra, si va sulla luna, ci si ac- L’interessante libretto ha uno scopo prettamente costa la Sole, poi Mercurio, Venere, Marte... «Attenzio-didattico: dare utili informazioni sugli sport motoristici. Le ne! Sassi volanti! Ma che cosa sono? Si chiamano aste-norme sono dirette a tutti, non solo agli sportivi e agli spet- roidi e sono assai pericolosi perché possono colpire i pia-tatori; dovrebbero costituire una nuova disciplina – educazio- neti, compresa la terra. Alcuni sembrano pietre di mon-ne sportiva - da inserire tra le materie d’insegnamento e da tagna, altri hanno tanti buchi, altri ancora sono lisci». Poiintrodurre in tutte le scuole di ogni ordine e grado. La scuola si continua per Giove, Saturno, Urano, Nettuno, Plutone,non è più quella del ‘leggere e scrivere solamente. Siamo nel le Comete, e poi? «La cultura scientifica – afferma Mariabum dell’informatica, nell’era nucleare, stiamo per costruire Rosa Mistretta - deve essere proposta a tutti con metodiuna base spaziale sulla luna per decollare su altri pianeti, di-versi. Parlare di scienza non è solo un invito a sapere,stiamo esplorando il ‘pianeta rosso’. Gli orizzonti si sono ma è soprattutto un’esortazione a capire, uno strumentoampliati in modo tale che non si riesce più a calcolarne le utile per un orientamento su argomenti che altrimentidistanze, l’apprendimento di una seconda e terza lingua è sarebbero di difficile comprensione perché troppo vasti ».divenuta una necessità per comunicare in campo internazio- Enza Continale. Il famoso detto “Mens sana in corpore sano” non è piùuna massima da scoprire; oggi la gente lo mette in pratica, haimparato a curare l’immagine del corpo e la salute mentale; Il pessimismo velato di Giovanni Scribano intiene all’estetica e al benessere del proprio organismo, cono- Frammenti d’infinito, (Montedit, Milano 2002)sce le norme igieniche e quanto, come e cosa mangiare, amalo sport... Grandi e piccoli frequentano palestre, fanno pas- Una silloge breveseggiate - appena possono - e corse su strade di campagna ma densa di signi-non invase dalle macchine e dallo smog. Ma non tutti cono- ficati. In pensieriscono certe regole, tutte le regole... Perché, allora, non rime- profondi e medita-diare? L’opuscolo “Il politraumatizzato negli sport motori- te riflessioni, ilstici”, scritto da un’equipe di sei autori specializzati in chirur- Poeta Giovannigia, medicina e ricerca, è una guida pratica per chi si vuole Scribano dialogaaccingere o frequenta gli sport motoristici, come motocicli- con se stesso esmo, automobilismo, motonautica. Conoscere le norme di trae, della vita,primo soccorso è prevenire l’irreparabile, essere di aiuto a se conclusioni piut-stessi e agli altri, sia che si agisca da protagonisti che da tosto “amare”. Faspettatori, è doveroso per ognuno, direttamente o indiretta- suo, perciò, ilmente coinvolto. L’opuscolo, che approfondisce la dinamica “carpe diem” didei traumi e la loro valutazione, la priorità dei trattamenti, le Orazio e così parlaposizioni che bisogna fare assumere al paziente e infine il suo all’amata: «Amia-trasporto, contiene pure norme di sicurezza, triage sul campo, moci, / e il domaniprincipi di trattamento ospedaliero e farmaci di pronto gettalo via». Testi-soccorso. Guida certamente utile quindi per chi fa sport. mone dei suoi sfo- Antonia Izzi Rufo ghi è la notte, la misteriosa notte che, nel suo silenzio ambiguo, a volte pauroso, crea «folletti, spiritelli e fatine che preparano infusi» e permette di ascoltare le vociIl sole e la sua famiglia, un libro per bambini che nascoste del creato, della terra, degli astri, dei monti... Evogliono avventurarsi nel sistema solare, di Maria poi l’alba: «E quando un livido biancheggiare mi coglieRosa Mistretta (Armando editore, Roma 2003) alla finestra... aiuole assopite... taciturni uccelli... chio- stri... lumache sul davanzale... ambulanti e bambini... e, Si tratta di un volume di divulgazione scientifica per dentro le case, un tempestare di passioni che si nascondebambini. Un libro agile e snello, ma nello stesso tempo affa- alla vista». Ovunque c’è la natura con le sue meraviglie.scinante. Maria Rosa Mistretta, autrice di Il sole e la sua fa- La poesia “Sul fiume” è il suo “biglietto da visita”. Invitamiglia, è laureata in Scienze naturali all’università di Torino e la sua donna a lasciare «orologio cruciverba e musicas-dal 1986 si occupa di divulgazione scientifica, con attività sette» e ad andare ad ammirare con lui il respiro del fiu-presso scuole di ogni ordine e grado. Collabora con alcune me, le nuvole che «sussurrano dolci promesse ai campiriviste e partecipa al progetto Science Center della provincia arsi», le cime innevate, i salmoni gravidi che risalgono li-di Torino. Ha pubblicato vari racconti e poesie. Ma quest’o- beri... Egli s’inginocchierà umile sulla riva e vedrà il suopera è certo di particolare interesse soprattutto perché rivolta 82
    • (di lei) volto di «dispettosa chimera» in ogni anfratto, in ogni fedele compagna, e tutto si risolve in lieto fine. Il raccon-roccia, in ogni ciottolo... La grande, divina natura, guarisce. to è importante perché l’autore, grazie alla sua esperien-Egli s’immerge nella primavera, nell’estate, nell’autunno, za, fa conoscere le cause prime delle malattie del sistemanell’inverno... Ogni stagione mostra aspetti idillici che nervoso - nel suo caso un genitore “padre padrone” e unacolpiscono l’animo... C’è il romanticismo cupo di Leopardi in madre “chioccia” -, le fasi del procedimento, i metodi“Notturno” e in “Muti accordi”, il pessimismo della “natura adottati, i risultati e gli “effetti collaterali” (per lui l’es-matrigna” in “Entro la rete”, il nichilismo di certi esi- sersi innamorato della psicoterapeuta). Viva e scorrevolestenzialisti in “Presagio”... Il suo, però, non è il pessimismo l’esposizione dalla quale emerge, a volte, una divertentedi chi è superficiale... I superficiali non vanno oltre la coltre autoironia. Frequente l’immergersi dell’autore nell’incan-del caduco, non penetrano nei meandri dell’intus per trarne to della natura per trarne ispirazione e dare riposo allo“Frammenti d’infinito”, per scoprire il divino che è in ognuno spirito. Gli altri due racconti, “La festa di San Giovannidi noi, la vita vera, quella che non si estingue ma continua a Battista” e “La signora del treno”, anch’essi “racconti invivere, si fonde nello spirito universale per rinascere in nuovi prima persona”, riportano alla memoria dell’autore ricor-esseri e ricominciare il ciclo eterno. Il pessimismo (non so se di del passato che egli rivive con un senso di nostalgia eil temine è del tutto appropriato) di Giovanni Scribano è di pacata malinconia.natura diversa dal significato che di solito si attribuisce al Antonia Izzi Rufotermine... Il suo è ricerca nell’intimo per “sentire” il suonodella voce interiore, captarla, ricevere risposte alle sue invo- Gianni Ianuale, Ho incontrato un angelocazioni e chiarezza sul mistero celato in ognuno di noi, e chenoi soli, nessun altro, può decifrare e comprendere. «Il cuore (Edizioni Ler, Napoli 2002)di Giovanni Scribano è colmo di parole – scrive MassimoBarile nella prefazione – di un uomo ferito dal volto pensoso, «Mi è bastato /pervaso da una inquietudine sempre tesa a disvelare le ombre vivere il tuo bene /che offuscano la vita e soffocano i sogni e le speranze». Mo- per capire cosanologo con lo spirito, quindi. Ma il poeta non si perde, non siamo / e cosas’abbatte del tutto perché riesce - in ultimo - a trovare un desideriamo es-canale d’emergenza e a riappropriarsi della luce che sembrava sere / in questospenta, a risorgere: «Avevi perso il gusto della vita / ...ma tempo / fatto diora... disperso sei tornato... caduto, sei risorto». soli frammenti... / Antonia Izzi Rufo ho capito che l’a- more / è un diario di bellezza, / un’i-Giovanni Scilio, profondità psicologica e analisi sola che rema / suldel personaggio in Racconti in prima persona, lago dei sentimen-(Nicola Calabria, Patti 2003)) ti». Questi versi della poesia dal Tre racconti. Il più lungo, e il più significativo, è il titolo “Con loprimo, dal titolo “Era solo un transfert”. Non so se definirlo sguardo di un an-un diario o un romanzo o una lunga seduta psicanalitica, o gelo” sono forse iltutte e tre le cose insieme. Si tratta di una lunga storia e l’au- punto nodale del-tore narra gli avvenimenti con meticoloso ordine cronologico l’intera silloge di Gianni Ianuale, poeta di Marigliano ine dovizia di particolari. Nel preambolo afferma che egli scrive provincia di Napoli, che ha al suo attivo numerose pub-per «liberarsi del peso di un’esperienza che ancora lo turba e blicazioni ed ha ricevuto diversi prestigiosi premi. A li-per mettere in guardia gli altri da certi rischi». Sembrerebbe vello concettuale è, infatti, l’angelicità dell’uomo e deiun messaggio, invece è solo il desiderio di confidarsi, di sentimenti a prevalere nella silloge, angelicità quale sim-esternare un’angoscia intima, ciò che affiora insieme ad uno bolo di purezza, di bellezza, di felicità, di amore. E l’a-scopo altruistico: aiutare, essere utile agli altri. Inizia così a more (quale pura sentimentalità vissuta) è l’altro grandeparlare di sé e del suo stato ansioso-depressivo che lo induce tema che la percorre. «Amor vincit omnia et nos cedamusa consultare un neurologo. La cura a base di medicinali, se amori» (L’amore vince tutto e noi cediamo all’amore),dapprima dà esiti positivi, dopo si rivela fallimentare. Il secondo l’espressione del poeta latino Virgilio.dottor Raimondi, allora, gli consiglia di sottoporsi a sedute di Lo stile di Gianni Ianuale è semplice ed accatti-psicoterapia. È da questo momento che la storia comincia a vante, così come accattivante è la sua poesia, piena di me-delinearsi come un vero e proprio romanzo d’amore. La tafore e di delicatezza d’animo, di immagini e di rifles-dottoressa Stefania De Falco è molto bella ed egli finisce per sioni. L’uomo appare in tutta la sua essenzialità spiri-innamorarsene. La donna sembra ricambiare i suoi senti- tuale. Il divino è il senso angelico con cui l’uomo dialogamenti, però il suo diventa un gioco ambiguo che fa soffrire il e sa sublimarsi. In tal senso la poesia di Ianuale correpaziente. Gli dà speranza, lo illude e lo delude. Infine gli sulla scia della lirica d’amore della letteratura italiana edspiega, con sadica freddezza, che tutto quanto avviene in lui europea, come afferma Alfio Rapisarda nella presenta-si chiama “transfert”, il processo che porta il paziente a zione. Leggendo le sue poesie «viene spontaneo pensareconcentrare sull’analista le sue pulsioni negative o positive. alla grande tradizione della poesia stilnovistica e alla con-Profondo soffrire, risentimento e crisi in famiglia, giacché cezione della donna-angelicata che, ci pare, risulta tantoalla moglie, che lo conosce bene, non sfugge la sua infa- cara e vicina al nostro poeta». La terminologia è spessotuazione per la dottoressa. Infine egli riesce “a ragionare”, a etera: ricordi di mistici luoghi, esili fiori, vie dell’anima,diventare “adulto”, anche grazie alla comprensione della 83
    • aria di luna, meridiano d’amore, contemplazione, notturno, Ornella Cappuccini, Re Guiscardo l’arram-sogno, come si può già dedurre dai titoli delle liriche. «Il trat- pichino (Tigullio-Bacherontius, Genova 2002)to distintivo di queste poesie, che desteranno nel lettore unaforte carica emozionale, sta in una oscillazione rigenerante tra Definire “Re Guiscardo l’arrampichino” di Or-il terrestre e l’ineffabile e lo scorrere silenzioso del tempo» nella Cappuccini un poemetto cavalleresco sarebbe limi-scrive Caterina Grasso nella prefazione. Ed è proprio nell’e- tativo, definirlo una poesia sarebbe fuori luogo, definirlotereità ed angelicità che sta la poesia di Ianuale, fatta di una satira sarebbe riduttivo. In effetti l’opera, agile e bre-piccole cose, di piccoli gesti, di emozioni semplici e coin- ve, della poetessa e saggista romana Ornella Cappuccinivolgenti, di voci interiori che scorrono nelle vene «perché tu è un po’ tutto questo. Si tratta di una parodia cavallere-sei una storia, / un desiderio vicino agli occhi, / un miraggio, sca, in cui il tema è trattato con brio e vivacità, ma doveuna guida / che dona gioia / lontana dagli inganni. Egli «si in fondo l’autrice si pone l’obiettivo di comunicare al let-ispira alla purezza di un angelo e alle sue trasfigurazioni, per- tore attento con “sensibile intendimento” un messaggioché rappresenta un Ente che... sublima il poeta, traspor- profondamente umano. Il lettore viene affascinato dallatandolo quasi in un mondo irreale, dove il trascendente non si musicalità del verso, dalle battute mordaci e beffarde, dal-stacca mai dallo spirito poeta e così vibra finanche nell’in- la serietà buffonesca dei protagonisti. E l’intento vieneconscio» (Biagio Di Meglio). Il tempo non muore, resta raggiunto. Il poemetto ha come oggetto Re Guiscardo. Ileterno e l’angelo dell’amore fa da guida. riferimento potrebbe essere a Roberto il Guiscardo, duca Angelo Manitta di Puglia e fondatore del domino normanno in Italia, morto nel 1085. Siamo quindi nel pieno medioevo e nelGloria Venturini, Camminando tra i giardini fiorire della cavalleria. Il re è un arrampichino che si in-dell’anima... (ed. in proprio) tende, come molti politici, di monete: un nuovo principe, un nuovo arricchito, anche se ormai in età avanzata. Lui La vita umana sulla terra è per molti un mistero. ora si è messo in testa di riconquistare la vita e «dall’altoL’uomo fin dall’antichità ha voluto darsene delle spiegazioni. d’emblematico regno / fatiscenti scudieri chiama a con-Ecco allora la creazione di miti e di leggende, di un’epoca vegno». La figura del re è sarcastica: ha anelli sulla puntad’oro in cui gli uomini erano felici, di un Eden perduto per il del naso, cerchi d’oro alle caviglie, quando parla sbuffa eloro peccato agli albori dell’umanità. Ed ora è questo paradiso soffia, ha la bocca piena di bava, la sua voce è cavernosa,perduto che, giorno dopo giorno, si vuole riconquistare. La la testa è un pupazzo di cartapesta. Con questo atteggia-conquista ha come fine la felicità, la bellezza, la vitalità in un mento fa l’adunata e dice ai suoi: «A me, valenti soldati,mondo che è un giardino di fiori, di alberi, di esseri viventi. io son Guiscardo re dei pezzenti e dei maleducati. S’in-Ma ecco che il giardino reale si trasforma in metafora, in frange il muro, io sono un osso duro, ora che mi son fattogiardino dell’anima, che l’uomo percorre e contempla. E la vecchio, del mondo ho pieno rispetto». Ma dietro l’ironiapoesia di Gloria Venturini, nella sua prima silloge dal titolo e la satira, vige un messaggio profondo. «Con sensibile ar-emblematico “Camminando tra i giardini dell’anima...”, è un guzia di un mondo sbagliato – continua il re – debelliampercorso interiore di pensieri, affetti, sentimenti, che l’uomo l’ingiustizia. Soldati, mi avete compreso bene, via le reci-sa costruirsi nel rapporto con gli altri. Tra le aiuole rappresen- proche pene... fioriscano prestanti emozioni... al buono,tate dalle poesie della Venturini «possiamo percorrere il sen- sano e giusto con fierezza alziam la testa!». Il discorsotiero dell’amore tra uomo e donna, il sentiero degli affetti fa- del re appare ai suoi seguaci arduo! Essi si riuniscono permiliari, il sentiero dell’anima, il sentiero dell’impegno socia- discuterne il contenuto. È diventato folle? Come è pos-le, nel comune dipanarsi tra l’incanto dei fiori» scrive nella sibile portare il Bene sui campi di battaglia? Ma qualcunoprefazione Ernesto Vidotto. Ma per comprendere meglio que- commenta: «Non vi accorgete che il mondo ci sta crol-sta poesia, bisogna soffermarsi sulle parole chiave delle sue lando addosso, abbandoniamo l’egoismo, alla giustizialiriche e queste sono, come ha bene messo in evidenza Vidot- apriam la pista!». Il discorso diventa convincente, si voltato, amore, anima, cuore, e poi fiore, incanto dolcezza, profu- pagina, comincia la riscossa e «diretto fila il treno suimo, luce speranza, vento, stella, vita, ali, memoria, voce, nu- binari di libertà alla conquista della felicità».vola. Sono tutti elementi che hanno una connotazione essen- Angelo Manittaziale: la felicità e la libertà spirituale dell’uomo. Non a caso lepoesie sono divise in sei gruppi, quasi a trattare tematichespecifiche, che comunque portano ad un unico denominatore: Il volo della farfalla di Lidia Are Caverni (Ipoesie d’amore, poesie degli affetti familiari, poesie dell’ani- quaderni letterari di Pomezia-notizie)ma, poesia ed umanità, poesia di donna, poesia e natura. Se Lidia Are Caverni è nata ad Olbia (SS) il 3 no-l’elemento lirico fa da trait d’union tra le varie composizioni, vembre 1941, ma risiede da molti anni a Mestre-Venezia.è il pensiero dell’autrice, insieme al suo misticismo naturale e Insegnante in pensione, vincitrice di importanti premilaico, ad emergere. La più emblematica delle poesie in tal letterari, ha pubblicato opere di poesia e di narrativa, trasenso è certo “Anche l’amore muore”, poesia di donna per le cui si ricordano: Un inverno e poi... (1989), La fucinadonne. «Come occhi di donna, / guardo l’anima incerta. / Con degli dei (1994), Il satiro e la bambina (2001), Il giornoocchi di donna / vedo lo spuntare di lacrime amare. / Tanta di Ognissanti (2002). Si interessa di studi storici e antro-polvere nera /smorza il sorriso. Un dolore antico, / nato pologici e collabora alla rivista I viaggi di Erodoto dellaall’origine della vita, / punge fino a trafiggere il cuore, / e in casa editrice Bruno Mondadori. Con Bruno Mondadoriun attimo l’angoscia lancia lampi di paura, / dagli occhi di nel 2002, ha pubblicato il romanzo per bambini Clotilde edonna». le lucciolette. Il volo della farfalla è quasi un inno alla Angelo Manitta natura. Numerosi sono le metafore tratte dal mondo 84
    • naturale, ma soprattutto le immagini realistiche, di insetti, composita e lacerata quotidianità...». L’intero meccani-alberi e fiori. L’uomo, in questo scenario, appare perfetta- smo conduce a tensioni individuali e a forme particolarimente integrato. Quale farfalla che osserva il mondo, senti- di ascolto, da cui «insorgono le relazioni fisionomichementi ed emozioni si mescolano a paesaggi incantevoli. dei significati». Angelo Di Mauro Angelo ManittaIl dialogare dell’ascolto, il tempo e la parola in Isabella Michela Affinito, Sacralità. I e IIDomenico Cara (Campanotto editore, Udine 2003) volume (Poeti nella società, Napoli 2001) «Tanti segreti si nascondono nella selva, / e in ogni Si tratta di duecaso firmano il loro / diario di millenni, le altre spoglie. // Ma volumi di poesieadesso i dialoghi tacciono, / si estingue l’alone del mito che di Isabella Af-fluttua». Questi versi che danno inizio alla raccolta di poesie finito, poetessadi Domenico Cara, dal titolo Il dialogare dell’ascolto, sono la nata a Frosinone echiave di un’interpretazione semantico-concettuale dell’intera che vive a Fiuggi,silloge, come si può dedurre anche dal titolo. Ascolto e silen- i quali hanno co-zio, dialogo e parola sono entità convenzionali dell’uomo che me oggetto il sa-permettono l’espressività del pensiero e soprattutto la sua col- cro. Sono pre-locazione nel tempo e nello spazio. Parola e spazio, infatti, ghiere, narrazioni,sono collegati tra loro nella prospettiva di un’affermazione descrizioni, rifles-della personalità umana. Il silenzio è meditazione, ma è anche sioni personali,ascolto e l’ascolto può tramutarsi in dialogo. Il tempo poesie d’occasio-dell’ascolto è il tempo della riflessione, ma anche della fuga, ne, che spesso at-fuga dal tempo reale e dalla realtà metaforica, fuga da un traverso un lin-«ricorrersi di atteggiamenti e di tenui catastrofi». guaggio metafori- Attraverso una versificazione chiara e decisa, con una co travalicano ilpoesia elevata ed ispirata liricamente (frutto di decennale quotidiano. Il Ve-esperienza), bella e convincente, Domenico Cara incentra le nerdì santo è l’oc-sue riflessioni sul tempo, che diventa comune denominatore casione per la descrizione di un atavico rito. La cat-delle altre emozioni. Il tempo si presenta quale rapporto tra tedrale di Claude Monet, ispira alla poetessa la poesiapresente, passato e futuro, e si identifica con lo scorrere delle omonima. Abbazie, santuari, chiese gotiche e romaniche,azioni umane. In contrapposizione al passato, il presente «so- chiostri, monasteri, si riempiono di aura di sacralità. «Te-miglia a quei sentieri / di fumo, di poltiglia salata, golosa, / se orie di statue, di Apostoli e di Santi / che in parallelo /interpreto un argomento infantile, / in tutto stregato dal tempo copiano il tragitto / del profilo di un arco / e poi, ripiom-che passa, / diventato tensione esteriore, fritto / che annulla bano nel perpetuo movimento / senza destare / la pre-l’impossibile lusso». Il tempo conduce allo spazio, spazio vi- ghiera unitaria / che vive all’unisono / con la Gothicatale, delimitato dagli oggetti circostanti, spazio fisico che ap- Cattedrale». Nel secondo volume sono alcune figure adpartiene «totalmente alla noia, eluso ancora / dalla veemenza emergere: Pio da Pietrelcina, madre Teresa, Sansone esolare, dal meriggio / estremo dinanzi alla caduta o flessione / Dalila; o figure di artisti che hanno tracciato immaginidella soave risacca». Il tempo è pure Nulla, cioè annichi- sacre: El Greco, Raffaello, Beato Angelico.limento di se stesso e della personalità umana. Il tempo è pure Enza Contiricordo e memoria, è il passato che riemerge a tratti nel pre-sente, senza poter fare a meno della storicità dell’Essere: Isabella Michela Affinito, Una pioggia di«Felicità a-storica, ma volo fiammante, tensione, / essenza Poesie, (ALI Penna d’autore, Torino 1999)d’eternità, nel primo credo / che si allontana dall’effimero,dal guasto». Il tempo è pure parola, perché la parola storicizza Si tratta di un volume di poesie che, attraversoe ferma il tempo in una concezione diacronica della vita. Il una classicità espressiva, caratteristica dell’autrice, toccatempo è odore e profumi, il tempo è sensibilità, è scoperta dei vari temi e di un certo rilievo, ma soprattutto alcuni per-sensi, proprio perché esso conduce dall’astrazione (utopia o sonaggi visti nella loro intimità. Vogliamo porre l’atten-fantasia) alla materialità dell’essere e quindi alla coscienza di zione su Cassandra che «spargeva predizioni / come se-sé. Il tempo è pure natura, natura che equivale a suoni e me- me al vento / che non attecchisce / perché non fa in tem-lodie. Il suono incita all’ascolto e conduce nuovamente alla po / a mettere radici / su di un terreno ostile ed arido / co-semantica del tempo. Si tratta di un cerchio che si chiude, ri- me era diventato il suo». Riccardo III, con il suo freddocongiungendosi al suo inizio. «Concerto di suoni misti... ca- calcolo politico, che lo fece diventare crudele. O la figurastità di barbagli... Qui ascolto la tregua del rumore che / di Tamara, pittrice dallo sguardo languido e suadente,invade l’udito alle foci / del fiume, ogni altra baraonda / androgina affascinante, modellata dolcemente con l’amo-spenta dall’acqua piovana, dalle ripe / alla sabbia mediterra- re per l’avventura. Isabella Michela Affinito, nata a Fro-nea.». Proprio come afferma Domenico Cara nella nota con- sinone nel 1967, vive a Fiuggi Terme (FR) dal 1993.clusiva del libro «lo svolgimento della ricerca è una passione Dopo aver terminato l’Accademia di Costume e di Moda ache i versi adeguano al modello essenziale dell’espressione Roma, ha unito le sue precedenti esperienze di graphic -contenuta nei testi e – insieme – a una consapevolezza emo- designer, stilista di moda, costumista teatrale, computer -tiva e concettuale che presiede alle stesse incertezze della grafica, pittrice, con l’altra sua grande passione: lo scri- vere. Nei suoi libri d’arte ha cercato di trattare diversi 85
    • argomenti, da quello religioso, “Psicologia e grafica dei sette Nei vicoli della memoria, poesia per il Sud divizi capitali”, all’ambiente esoterico con “Le Donne dello Mina Antonelli (Spring Ed., Caserta 2003).Zodiaco secondo la mia grafica”. Dallo studio sull’Astratti-smo e Costruttivismo Russo, “Quando la Geometria diventa «...e a piedi nudi la memoria / s’incammina nellaArmonia”, ad un saggio della critica d’arte con una realiz- notte». Sono due versi tratti dalla poesia d’apertura dellazazione grafica d’image de modes, ispirate alle opere dei silloge di Mina Antonelli, poesia che prende lo stessosuddetti artisti, il cui titolo è “Quando l’arte si può indos- titolo del volume: “Nei vicoli della memoria”. Incam-sare”. Dal 1997 ad oggi ha partecipato a moltissimi concorsi minarsi nella notte a piedi nudi per ricordare, metafo-di Poesia nazionali ed internazionali ottenendo numerosissimi ricamente esprime il significato di lasciare ogni presentepremi. Le sue opere sono pubblicate in diverse raccolte anto- azione (a piedi nudi), per tornare nel buio dei ricordi,logiche. Iscritta a diverse Accademie anche a carattere inter- verso la notte della genesi natìa, in quella terra dove lanazionale, la poetessa collabora con riviste per la stesura di natura è madre e matrigna, benevola e ostile, generosa ecritiche letterarie nonché recensioni. Si occupa anche di avida: il Sud. Mina Antonelli è nata a Gravina, provinciaTeatro ed è scrittrice di fiabe. di Bari, e codesta sua raccolta ha preso anteriormente Enza Conti parte all’ottava edizione del Premio “Penisola Sorrenti- na”, indetto dall’associazione culturale ‘Il Simposio delleEmanuela Sedda, un intreccio quasi poliziesco in Muse’, che ha ritenuto meritevole premiarla con unaIl Capello Biondo Oro nel Pagliaio (Lalli Editore, pubblicazione. Possedendo la parte trascendentale del Sud nelle proprie vene, l’autrice è entrata così “Nei vicoliSiena 2003) della memoria”, illuminandoli di luce nostalgica e di L’inizio del libro dà la sensazione di avere tra le ma- gioia purtroppo tenuta repressa, perché nel Sud «Fiumini un romanzetto come tanti altri e ci si accinge a leggerlo d’arsura / s’aprivano allo sguardo, / il vento sonnecchiavasenza particolare entusiasmo. A mano a mano che si procede, / nella calura del giorno / e lo stridore delle cicale / graf-però, si cambia opinione: con l’interesse comincia a manife- fiava il cielo» (Da “Donne del Sud”). La poetessa pu-starsi una certa curiosità e ci si domanda come finirà la gliese mette continuamente a confronto il lato positivovicenda. La narrazione è un intreccio di avventure che si veri- con quello negativo del suo Sud. Anche nei versi si alter-ficano in strane circostanze. L’argomento è quasi tutto “frutto nano le due fasi in cui all’inno verso la propria terra, se-della fantasia”. I protagonisti, alcuni realmente esistiti, chi guono accenni di biasimo, anche se ad arrendersi sonocoinvolto direttamente chi per caso, danno vita ad un giallo solo i vecchi, mentre i giovani, sfogliando tra le paginedegno di Arsenio Lupin. La protagonista abita in una vecchia della memoria, continuano a credere, o meglio voglionocasa che sta andando in rovina. Pare non abbia famiglia credere alla resurrezione del lento Sud. Questo in sintesiperché non ne fa cenno alcuno, in nessuno dei capitoli. O non l’intendimento poetico dell’autrice che accetta la moder-ne vuole parlare? Lo fa supporre una frase pronunciata in un nità soltanto come àncora di salvezza della sua terra emomento di sconforto: «Il mio passato meglio scordarlo, il non come sopraggiunta realtà che vorrebbe cancellare lepresente... che stanchezza, il futuro... che ne sarà di me?». Vi- preziose memorie, di quando col «suo scialle nero / miave sola ed è impiegata nella biblioteca del Comune. Il lavoro madre / avvolgeva la notte / e cullava tra le braccia / ila soddisfa. Infatti le dà la possibilità, col modesto stipendio, miei sogni di bambina. / Raccontava stagioni / tra le ru-di tirare avanti ma anche di farsi una cultura. La biblioteca è ghe del viso / stanco più degli anni / ma negli occhiuna specie di circolo ricreativo dove non si va solo per brillavano / mattini di sole» (Da “Tra le pietre”). Quasi inleggere o prendere libri in prestito, ma anche per partecipare a ogni verso è presente un volto di madre natura con ungiochi a quiz che si organizzano un paio di volte la settimana. vestito nuovo, sentimentalmente descritto e in questoGiusy, la bibliotecaria, è una ragazza romantica. La sera pre- modo la voce dei ricordi non si assopisce, non cade nelferisce guardare la luna e le stelle, il vento “che muove le languore, ma è sempre vivida e mentre prosegue il suofoglie” e la pioggia anziché mettersi di fronte alla televisio- racconto riscalda le membra di chi ascolta, di chi nellane... È una sognatrice. Come al solito, è nel vano della fine- mente ridisegna la lontana infanzia trascorsa «tra i campistra, quella sera di maggio, quando vede arrivare una mac- e banchi di scuola, / all’ombra delle case / bianche dichina giù in strada. Spegne la luce per non essere notata. calce / dove cresceva il melograno. / Teneri germogli /Dalla macchina scende un uomo con un pacchetto in mano e fiorivano d’amore / e brillavano al sole / parole di ru-in pochi secondi è attorniato da una ventina di ragazzi ai quali giada» (Da “Un tempo di ricordi”).distribuisce droga, in cambio di soldi. Ella si spaventa. Chiu- Isabella Michela Affinitode bene tutte le finestre e fa barricate con sedie e altri mobilidietro le porte. Ha paura di essere riconosciuta perché “ha Le isole del sole, un viaggio tra mito e liricità divisto”. Da quel momento cominciano i guai... Viene salvata Domenico Branca (Bastogi, Foggia 2003)da un giovane, “il francese”, da qualcuno che spara da unamacchina. Con questi poi scappa a Parigi da cui si trasferisce Se non fosse che già c’è stato in letteratura unin Svizzera, sempre con lui... Fughe, inseguimenti, sotterfugi, Odisseo (Ulisse), perseverante eroe-navigatore ed esplo-ricerca accanita di documenti in un monastero, suspense, pau- ratore di luoghi leggendari, punito dal dio Poseidone edra, peripezie varie. Infine finiscono, lei e l’amico, per asso- a maggior ragione costretto da costui a peregrinare perciarsi ad una organizzazione di Templari... Un poliziesco vero molti anni in mare prima di poter tornare in patria, sicu-e proprio, ma la storia non finisce. Così l’autrice: «Chissà... ramente il moderno Ulisse, o l’odierno Omero, sarebbeUn giorno mi sveglierò e continuerò a scriverla». stato il poeta e professore di materie letterarie, Domenico Antonia Izzi Rufo Branca di Fùrnari, della provincia di Messina. Ma perché le prodezze di Ulisse e la verbosità di Omero associate 86
    • insieme nella stessa persona di Domenico Branca? Perché lui perdono. Disobbedienza, noncuranza e ancora trasgres-è un appassionato di archeologia, tradizioni popolari e scrive sione delle quali l’uomo continua a macchiarsi e per que-in forma poetica le sue sensazioni di viaggiatore assoluto per sto deve espiare per ottenere il perdono e il premio pro-‘Le isole del sole’. Si chiamano isole del sole giacché più messo. Nei Sacri Misteri l’Autore vede la via predispostavicine all’equatore e sono le isole del poeta Branca: Strom- e nell’intimo rapporto tra Dio e l’umanità, la possibilitàboli, Vulcano, Salina, Alicudi, Filicudi, Panarea, Lipari, che per quest’ultima di adempiere ai compiti preassegnati performano l’arcipelago delle Eolie, a nord della Sicilia, nel mar il suo iter vitale. Improntare l’esistenza secondo la volon-Tirreno. Il nome Eolie deriva da Eolo, il re dei venti che, tà del Creatore è il sentire di Tavčar ed egli lo proponesecondo l’immaginazione omerica, risiedeva a Lipari, da cui attraverso una raccolta di versi che si susseguono comedirezionava i suoi venti. Verità e mitologia legate assieme nei una cascata di acqua purissima e inarrestabile come lafigurativi versi dell’autore siciliano che, più di una cartina vita degli uomini, finché Dio vorrà.geografica, più di una mostra geologica, più di una guida Guido Bavaturistica del luogo, ha saputo rendere visibili in poesia le sueisole: «Ribolle a Ponente il mare, / gorgoglia il fango / tra Arianna De Corti, La sarabanda del tempovapori bianchi, / sibilanti, / dall’acre odore... / le acque s’in- (Premio Città di Pomezia 2003).frangono / sulla spiaggia / dalla sabbia nera. / L’ocra dellozolfo / è tra i colori / di questo Eden / col verde della macchia Arianna De Corti è nata a Trieste. Pianista e or-/ di boschi rigogliosi / e poi lazzurro / delle acque trasparenti ganista, ama scrivere poesie, saggi e romanzi, nonché di-/ del mare, / il grigio del fango, / rimedio per tanti mali» (Da pingere. Ha ottenuto primi premi e premi unici sia per le“Vulcano”). Il suo sapere entusiastico propenso all’archeo- poesie che per la prosa e la pittura. Sue poesie si trovanologia, lo ha portato a fare della poesia una grande scoperta anche in antologie straniere tradotte in tedesco e inglese.interiore: il suo vero Eden, dove il mondo antico non ha mai La poesia di “La sarabanda del tempo” è imperniata sulcessato di esistere, con le differenti usanze di ciascuna civiltà, ricordo e sul pensiero. Da ciò scaturisce una profondacon i loro ideali e stili di vita, con la loro eredità artistica che, espressività emotiva e una liricità naturale, che appareogni tanto il mare di Sicilia amorevolmente restituisce in evidente negli squarci paesaggistici. Un tono di nostalgiaforma di reperti millenari. Lo scrittore e prefatore del volume, e di amarezza unite alla tristezza e al malessere a volte siCarmelo Aliberti, ha riconosciuto in Branca la preponderante fa palese in alcune liriche più esplicitamente personali».influenza classica «come traspare dalla limpidezza del verso,nella icasticità delle raffigurazioni, nella struttura e nel lin- Senzio Mazza, Le rosse stagioni (Coppola ed.).guaggio concisi. Tali caratteristiche affiorano in ogni compo-nimento: una vera celebrazione della cultura classica si evi- «Il volume di poesie perlustra emozioni e statidenzia nella lirica “Al teatro di Tindari”, il luogo appropriato, d’animo, sì da poter salvare qualcosa dell’ininterrotto edove nell’antichità venivano rappresentate le tragedie greche» impassibile fluire del tempo: l’agitazione dei primi turba-(Dalla Prefazione). menti amorosi... il bisogno di sentire vicino la persona Isabella Michela Affinito amata e dichiararle il suo intatto amore, l’essere profon- damente siciliano...» (Flora Restivo Cugurullo).La memoria delle origini: poesia profondamentereligiosa di Giovanni Tavčar (Il Convivio, 2003) Pippo Virgillito, L’edicola votiva della Ma- donna delle Grazie sulla scalea monumentale La copiosa ed ap- di Paternò (Catania 2003). prezzata produzione poetica di Giovanni «L’amore per la propria città si manifesta anche Tavčar si arricchisce di attraverso la valorizzazione del suo patrimonio storico ed questa sua nuova opera è sulla scia di questo sentimento che Pippo Virgillito con- che offre spunti di segna alla sua città un’altra pregevole opera dedicata a uno profonda riflessione e dei monumenti più noti di Paternò: la scalea monumen- meditazione sulla na- tale della matrice e la sua, forse meno conosciuta, edicola tura umana nel suo votiva della Madonna delle Grazie» (Angelo Spartà). rapporto con Dio. Dalla complessa silloge, sud- Lucio Lepri, Viaggio I (Rosso e Nero edizioni, divisa in sei passi dalla novembre 2003). “Creazione” alla “Me- moria delle Origini”, «Un libro non è mai solo un libro. La sua reale e dall’interrogativo “Ma oggettiva misura sfugge a qualsiasi semplificazione, spe- che Chiesa siamo” al cie quando esula dai canoni, dalle regole, da ciò che co- “Tempo di crocifis- munemente si presume siano le modalità indispensabili sioni”, da “Adesione e per la realizzazione di un libro... Il caso riguardante que-trasformazione” al conclusivo “Lo spazio di Dio”, si evince sto libro di Lucio Lepri è, senza mezzi termini, un casoquanto la storia dell’uomo non sia altro se non un progetto effettivamente esemplare. La sua ricchezza esplicativa eDivino al quale, nonostante tutto, l’uomo stesso non può sot- l’ampiezza dimensionale dello scibile umano di quantotrarsi. Dio, dunque, come artefice dalla creazione al Giudizio viene affrontato è di indubbio valore contenutistico, este-Finale, Dio che ha previsto ogni cosa dalla trasgressione di tico e spesso introspettivamente calibrato al punto da ri-Adamo alla propria Incarnazione per immolarsi per il suo sultare maieutico... l’opera di Lucio lepri si rivela anche 87
    • irrorata da quello spirito del musicista, anche inconsapevole,che si viene avvertendo proprio nel dispiegarsi delle sue frasi, Francesco Federico, L’albero e la rama (Editrice Nuovidelle sue annotazioni, del procedimento che ha il fraseggio ed Autori, Milano 2003)il ritmo, la pausa musicale del jazz» (Teresio Zaninetti). Porfirio Mamani Macedo, Voix au-delà des frontières,La poesia d’amore di Antonia lzzi Rufo in Intus préface de Jorge Cornejo Polar, tradotto dallo spagnolo da Elisabeth Passedat (L’Harmattan, Francia 2003).(ALI, Torino 2004) Nei trattati di psico- Raffaela Bergamo, I bambini e il gioco (edizioni logia e di psichiatria si Gruppo culturale (Guarini”- Solofra 1994). omette la parola intus, Nide Fontana Beccaccia, Velas & Velas (Physis – Bra- in quanto troppo diffi- sile 1999). «Quando Nide Beccaccia ha alzato le vele cile da definire e troppo della sua barca ed è giunta in alto mare, ha sentito il sof- letteraria quindi, prefe- fio dei venti e la brezza soave delle onde che la condur- rendola al sé che spesso ranno al porto sicuro della Poesia. La luce che intravede- diviene consapevolezza va all’orizzonte, una piccola candela, si è poi trasformata dei nostri atti. Ma an- in un fuoco immenso che ha illuminato la sua rotta e ha che qui tra gli studiosi fatto attraccare i suoi ormeggi fermamente e decisamente di materia grigia non nel campo dei sentimenti, dell’amicizia, dell’amore, della c’è accordo, troppo speranza e della nostalgia» (Walter Rossi, Presidente complesso anche sé della “Casa do poeta Limpião de Gás”). non a torto, da definire. Sappiamo, quasi per in- Aparecida Mariano de Barros, No vôo da Andorinha, tuizione, che cosa sia il (editora Apçao2 – Brasile 2003) «Quando a composição profondo meandro che musical povoava a mente, eu tive dias alegres e muitas chiamiamo «intus», na- surpresas. Nunca musiquei un poema: a letra e a melodia scondendo i nostri pen- vinham juntas derramadas como bênçãos» (L’autrice).sieri, gioie, emozioni e quando lo decidiamo di disoccultare,ci troviamo come chi stende la propria biancheria intima inmezzo alla via: c’è chi capirà e chi no e neppure si sforzeràpreso dalle sue pseudo-certezze ed ottusità. Già c’è una spie-gazione a quanto detto sopra in maniera più semplice e chiara Il sorriso vermiglionella Prefazione della stessa Izzi Rufo: «magico», la mia di Fernando Iannozziparola magica: «tutto nel creato è magico: il volo con Erato, ildolce soffrire, ciò che soddisfa, ciò che rende felici, ciò che si Candida infrangelascia amare e desiderare, ciò che ricorda in ogni istante, che il sonno atro delle strade.in te c’è un’anima divina che palpita, che vive, che ama...». Sorriso violento,Ed è questo palpitare che sa d’innocenza che rende grande fatale,tale silloge, una delle migliori dell’Autrice, proprio, petita ju- sporca di vermigliovant, per il sapore indicibile d’amore e di innocenza. Leg- l’alvo della notte.giamo Managgia: «Non si può esser sinceri / non si può dire: Favilla bugiardati amo... / Perdono, / non lo faccio più / (che ho fatto?) ma io D’occhi lontani«Tì AMO!!!». Scusate, ma c’è Catullo e c’è l’amato Ovidio trafigge sette veli,“Intus habes quod poscit” come ci fa sapere Antonia Izzi la corazza di pelle mucida del dubbioRufo. E ritornando a Catullo e ai moderni della lirica d’amore Incanta.erotica, dove l’innocenza li toglie dalla porneia, dalla Venere Accende.pandemia, leggiamo altri versi: «E un brivido / mi serpeggia Esalta.dentro / ...si spande o ancora / e d’amore l’alito tuo», che Piega.compendia l’abilità della nostra poetessa presa da tale amore. Dita ossute e laccateTutto ciò che trepida dentro, nel suo Intus, catullianamente lo segnano la scenasente nell’intimo dell’animo e lo esprime senza mediazioni, dove fermocon naturalezza con innocenza e qui troviamo forza espres- recitasiva tanto da farci vibrare le corde del cuore con grande e il futuro parallelo.intensa interezza. Qui la poesia diventa lirica varia di tonalità, Un augure smarritoche ci tocca intimamente, intus anche qui, il tirso più intimo con gli occhi dipinti dell’argodel nostro cuore: ivi tutto è espressione commossa e degna di interpreta uccellifede dei sentimenti più reconditi dell’ego qui aperti a tutti nel dalle piume di paglia.loro fluttuare. Grazie da parte di chi leggerà Intus e com- Si spegne,prenderà e non solo capirà. il sorriso vermiglio. Si nasconde Enrico Marco Cipollini Un’altra volta nel lupanario del passato.Libri ricevuti 88
    • Corrente alternativa, direttore Gianni Alasia, c. p. 149, 10123Riviste amiche Chieri (TO). Corriere del cittadino, mensile, dir. Graziano Luigi Vitelli, Via XIX settembre, 1-63100 Ascoli Piceno. Periodico di variaNella diffusione delle proprie iniziative “Il Convivio” ha cultura.incontrato nell’ultimo anno il favore di numerose riviste, sia Devulgação de concursos Literários, rivista ideata da Helenaitaliane che straniere, le quali hanno fatto conoscere le Cristina Tavares Garrido – Caixa Postal 2553 – CEP 11021- 970, Santos – SP (Brasile), divulga concorsi letterari, avendonostre attività culturali o hanno pubblicato recensioni di un’ampia diffusione nazionale.volumi pubblicati dagli Amici del Convivio. È questo il mo- Diario do Nordeste, dir. Amaury Candido, SGAN 910mento per porgere, a tutti coloro che hanno collaborato con Conjunto F – Brasilia 70790-100 (Brasile).noi e ci sono stati vicini, il più sentito ringraziamento, spe- Dimensão, dir. Guido Bilharinho, caixa Postal 140 – 38001rando di fare da parte nostra ancora meglio per il futuro. Uberaba (Brasile) Eventual-mente, rassegna italiana di letteratura ed arti, diret-Association Poétique Henri Pourrat, Bulletin, B.P. 50 – 63240 Le tore resp. Francesca Cabibbo, dir. Editoriale Nicola RampinMontdore (Francia) (via Paolo Braccini, 33/c - 97010 Pedalino (RG).Art et Poésie, dir. Jean-Claude George, 2, rue du Vieux Pont – Ferdinandea Notizie, organo dell’Accademia Ferdinandea di55190 Pagny sur Meuse (Francia). Scienze, Lettere ed Arti, presieduta da Francesco RomeoA Voz, mensile diretto da Genildo F. Da Silva, A. Dr. José Ruffino, Guzzetta, Via Condelli, 17 – 95127 Catania.3625 – Tejipió Recife-PE, CEP 50930-000 – Brasile. Il giornale si Fiorisce un cenacolo, dir. Carmine Manzi, vice dir. Annainteressa di arte e cultura generale, ma pure di poesia e letteratura. In Manzi, Eremo Italico - 84085 - S. Severino (SA). Si tratta diuno dei numeri precedenti è stato pubblicato per intero il bando di una delle più prestigiose e longeve riviste letterarie italiane, cheConcorso del Convivio ed ha dato ampio spazio alla nostra si è imposta per l’ampio impegno e preparazione cultu-rale delAccademia. suo fondatore Carmine Manzi.A.S.L.A.I., rivista diretta da Maria Teresa Cortelezzi Piazza, via Fondation Maurice Carême, av. Nellie Melba, 14, 1070 Bru-Montesuello 14 - 25128 Brescia. xelles (Belgio).A.U.P.I. News, trimestrale di informazione culturale, dir. Otmaro Fonte de Letras, dir. Sérgio Bernardo, Caixa Postal 89659 –Maestrini, via Cesariano 6 - 20154 Milano. L’editore di “Agenda dei 28610-972 Nova Friburgo –RJ (Brasile).Poeti” non manca di farci godere ottime poesie, e soprattutto farci Future Shock, direttore Antonio Scacco, via Papa Giovanniconoscere autori di un certo prestigio. Paolo I, n. 6 / M-A, 70124 Bari.Alcai, foglio informativo dell’Accademia di Lettere, Scienze e Arti Gazeta de Maracanaú, dir J. Damasceno, Rua 16, n° 271 –di Inhumas – GO (Brasile), Caixa Posta 133, Inhumas –Goiás, CEP- Maracanaú –CE CEP 61932-190 (Brasile).75400-000 Brasile. Gazzettino di Giarre, dir. Salvatore Agati, vice dir. GiuseppeAlhucema, rivista spagnola diretta da Emilio Ballesteros, C/ Ramon Portale, via Callipoli 18 – Giarre (CT).y Cajal, 18220 Albolote (Spagna). La rivista, organo dell’associa- GSA-Master News, quindicinale per editori e giornalisti,zione culturale ‘Alhaja’, ha ora cambiato veste. Si tratta di un direttore responsabile Domenico Fiordelisi.volume di circa 170 pagine e vengono pubblicate opere di autori di Hyria, Direttore Aristide La Rocca, Via Tansillo, 4 – 80035ogni parte del mondo, ma soprattutto della Spagna e dell’america Nola (NA). Prestigiosa rivista che spazia dalla poesia, allelatina. Si occupa pure di teatro. recensioni, al teatro, alla pittura e alla critica in genere.Alla Bottega, dir. Sergio Manca, Via Angelini 16 – 27100 Pavia. Hojas Sueltas de literatura, rivista colombiana diretta daAmitiés Littéraires du Gãtinais, M.me Lucette Moreau, 42, rue des Winston Morales. aniquirona@yahoo.comGillets – 45210 Fontenay sur Loing (Francia). Il Ficodindia, Ass. Trinacria, dir. Salvatore Samuel Mugavero,Arts – Sciences – lettres, dir. Jocelyn Pinoteau, 46 rue Lauriston – P.O. Box 160 Ermington NSW (Australia). Vengono pubblicati75116 Paris (Francia). scritti sia in inglese che in italiano. Unisce molti dei nostriArt et Poésie, dir. Jean-Claude George, 2, rue du Vieux Pont - 55190 emigrati in Australia, e non solo.Pagny sur Meuse (Francia). Splendida rivista in lingua francese. Il foglio letterario, dir. Andrea Panerini, dir. resp. MassimoAtheneum, dir. resp. Andrea Bellucci, dir. editoriale Fabrizio Ma- Gherardi, via Boccioni, 28 – 57025 Piombino.nini, via Petrarca 43-45 - 57025 Piombino(LI). Il foglio Notizie, libera corrispondenza itinerante, resp. Pas-Aujourd’hui Poème, mensile d’informazione poetica, direttore quale Chiaramida, casella Post. 185 – 72100 Brindisi.André Parinaud, 105 bd. Hausmann - 75008 Paris (Francia). Il foglio volante, dir. Amerigo Iannacone, resp. Mario DiAZ Arte cultura, dir. Antonio Magnifico, redazione via Athos Nezza, red. Via Annunziata Lunga, 21–86079 Venafro (Is).Ammannato, 19 – 00136 Roma. Il globo, quotidiano di Melbourne, dir. Germano Spagnolo,Bacherontius, dir Marco Delpino, via Belvedere, 5 – 16038 S. 582, Nicholson St., Nort Fitzroy, Vic. 3065 – AustraliaMargherita Ligura (GE). Periodico di attualità, cultura, politica e Il Grillo, dir. Leonardo Boriani, via Montevideo, 19 – 20144satira, fondato nel 1969. Milano. Bimestrale di cultura e di poesia. Si distingue per laBalaio Poetico, dir. Murilo Teixeira, Rua Q. Costa, 412 – Vila pubblicizzazione di numerosi premi letterari e per le ottimeBretas. 35 032-630 Governador Valadares–MG (Brasile). Bollettino recensioni scritte da valenti critici.d’informazione. Il nuovo Sud, dir. Michele Lombardi, rivista di cultura, arte eBali, Boletim académico Letras Itaocarenses, rivista brasiliana poesia. Via Landone, 6 – 83051 (AV).diretta dal dr. Kleber Leite, caixa postal 47, Itaocara–RJ – 28570- Il Ponte Italo-americano, rivista internazionale di cultura, arte970 (Brasile). Si tratta di un bimestrale di 20 pagine con copertina a e poesia, diretta da Orazio Tanelli, 32Mt. Prospect Avenue,colori. Tratta argomenti vari di letteratura, cultura, arte e poesia. Verona – New Jersey 07044 (Usa). Si tratta di una delleBinoculo, mensile diretto da Dias Da Silva (Brasile), R. Pe. Migue- migliori riviste in italiano pubblicate all’estero.lino, 940 – apto. 602 Bairro de Fátima – 60040-300 Fortaleza-CE. Il Richiamo, bimestrale di Storia e Attualità, direttore GiovanniBrontolo, mensile satirico umoristico, fondato da Nello Tortora, dir. Jorio, Via M.a De Prospero 105 – 71100 Foggia.Donatella Tortora, via Margotta 18-84127 Salerno. La rivista si Il Segnalibro, dir. Ruggero Bruno Fontana, Via Ugo dedistingue proprio per la satira. Carolis, 60 – 00136 Roma.Clarin, dir. Augustin Garcia Alonso, Urazurrutia, 37 – bajos – Il tecnologo, bimestrale, dir. Antonio Mastominico, Via An-48003 Bilbao –Vizcaya (Spagna) drea Diana 44 - 81036 S. Cipriano D’Aversa (CE). Pubblica soprattutto poesia e saggistica ed è espressione dell’Acca-demia 89
    • d’arte e cultura “Il Rombo”. Tra gli autori figurano gli amici del 33600 Pessac (Francia).Convivio: Rosa Spera e Vincenzo Cerasuolo. Le courrier Francofone, pres. de l’Accadémie francofone, Jo-Iornal Cultural, direttore Júlio Cesar Cabral, Caixa Postal 451 seph Krotky, B.P. 716 – F-73017 – Chambery sud CedexBarbacena – MG CEP 36200-000 (Brasile). (Francia)Jornal Igaçaba, dir. João Weber Griebeler, rua padre Nobrega, 245 Le jornal de la Poésie d’aujourd’hui, dir. Jean-Michel Adde,– Roque Gonzales – RS – 97970-000 (Brasile). Si tratta di un 3, rue Romain Rolland – 69700 Givors (Francia).giornale che tratta eventi culturali, artistici e sociali. In diversi Le manoir des Poètes, dir. Maggy de Coster, 23 alleé desnumeri è stato dato ampio spazio al Convivio. Myosotis, 95360 Montmagny (Francia)Jornal da Cidade (Brasile) sito: www.jor.cidade.com.br Le muse, bimestrale per il mondo dell’arte e della cultura, dir.La Cigogne, bimestrale, ed. Berard Godefroid, 53, rue Van Soust – Paolo Borruto, via Ravagnese Sup, 42 – 89127 Reggio Calabria.B-1070 Bruxelles (Belgio). Le nuvole, Bollettino di informazione a cura dell’A.D.I. Re-La forêt de mille Poétes, dir. René Varennes, 13, avenue Reignier – sponsabile Maria Pia De Martino, Via Enea, 47 – 80124 Napoli.03310 Néris-les-Bains (Francia). Le voci, dir.Claudio Perillo, casella post. 124 – 80038 Pomi-La voce di Pasqualino, dir. Gabriele Salini, Via duca degli Abruzzi, gliano d’Arco (NA)10 – 64033 Bisenti – TE. Les Nouveaux Cahiers de l’Adour, dir. Philippe Saubadine 24,L’agora, dir. Vital Heurtebize, 16, rue Monsieur Le Prince – 75006 Av. de l’Adour – 64100 Bayonne (Francia). Si tratta di una bel-Paris (Francia). la rivista, in cui si possono leggere poesie, racconti, saggi critici.L’area di Broca, dir. Mariella Bettarini, Via San Zanobi, 36 – Lettres et arts septimaniens, fond. Robert Giraud, Bibliothè-50129 Firenze. que municipale, 31 rue Jean Jaurès – 11100 Narbonne (Francia).L’Attualità, pubblicazione del Movimento G. Salvemini, dir. Co- Libelle, mensile di poesia francese, direttore Michel Prades,smo Sallustio Salvemini, via P.L. Guerra, 8/C – 00173 Roma. 116, rue Pelleport – F-75020 Paris (Francia)Mensile di ampio respiro, che tratta le tematiche più svariate ed Literarte, direttore Arlindo Nóbrega, Rua Rego Barros, 316 -attuali. São Paulo - CEP 03460-000 - Brasile. Rivista culturale di autoriL’aurelia, direttore Tito Bianchi, Corso Matteotti 305 A, 57023 brasiliani, ma ha rappresentanti e corrispondenti di diverseCecina (LI). nazioni: per l’Italia il rappresentante è Angelo Manitta.L’Auriga, dir. Gioacchino Florio, organo dello Studio Ralfi. Studio Literatura, dir. Nilto Maciel, Rua Haroldo Torres, 1111-apto.Ralfi, Via Salso Trav. C, 65 – 92027 Licata (AG) tel. 0922-804265, 101 Monte castelo – CEP 60357-100 Fortaleza Cearà (Brasile).e-mail: ralfiflorio@tin.it È certamente una delle più prestigiose e curate riviste brasiliane.L’eco dell’arte, dir. Michele Giordano, Piazza de Gasperi, 41 – Meya Ponte, dir. Arnaldo Setti, Sqs 305 – Bl.J – Ap. 603 –03043 Cassino (FR). Rivista di Politica, cultura e attualità. CEP 70352-100 Brasilia – DF (Brasile).L’infinito, dir. Franco Penza, Via Carlo De Marco, 21 B – 80137 Miscellanea, Periodico di arte e cultura, dir. Michele Melilli,Napoli. Via Monticelli – Parco Gardenia – Villino 23, 84090 SanLettres et arts septimaniens, fondatore Robert Giraud, Biblio- Mango Piemonte (SAthèque Municipale, 31 rue Jean Jaurès – 11100 Narbonne (Francia). Nuovo frontespizio, dir. Egidio Finamore, Via A. Costa, cas.Mensile d’informazione in lingua francese, in cui vengono pub- Post. 198, 47900 Rimini.blicati anche saggi critici di un certo interesse. Novo Liberal, dir. Arlindo Nobrega, Caixa postal 546, CEPL’immaginazione, dir. Anna Grazia D’oria, via Nino Bixio, 11/B – 08701-970 – Mogi das Cruzes-SP (Brasile), coordinatrice:73100 Lecce. maria Aparecida de Mello Calandra.L’isola, Bimestrale, dir. Francesco Paolo Catania, L’altra Sicilia, Bd. O Capital jornal de resistência ao ordinário, dir. Ilma Fontes,De Dixmude 40bte 5–B–1000 Bruxelles (Belgio). Si tratta di una ri- Rua Laranjeiras, 996 – Aracaju, SE – 49010-000 (Brasile). Unvista di siciliani, fatta per i siciliani, ma che parte dai siciliani giornale brasiliano controcorrente.all’estero. O municipio, dir. João Carlos de B. Brant Ribeiro, rua CantidioL’Ortica, dir. Davide Argnani, Via Paradiso, 4 – 47100 Forlì. Drumond, 11 – Ponte Nova-MG CEP 35430-228 (Brasile). Pe-La cigogne, dir. Bernard Godefroid, 53, rue Van Soust - 1070 riodico brasiliano di varia cultura.. Ampio spazio è stato dato alBruxelles (Belgio). Convivio.La Copertina, foglio informativo dell’omonimo movimento cultu- Omero, diretta da Vincenzo Muscarella, Piazza De Nicola, 30 –rale, Via San Filippo 54, Meolo (VE). Il movimento è stato fondato 80139 Napoli.da Remigio Bottazzi, Sergio Del moro, Ferruccio Gemmellaro, Da- Paideia – quaderni di poesia, dir. Francesco De Napoli, via G.nilo Sartorelli. Il sodalizio è gemellato, tra gli altri, con Il Convivio. Parini, 9 – 03043 Cassino (FR).La fonte, dir. Maria Teresa Bovenzi, cond. Mary Attento, via Papirola, dir. Norma Padra, C.C n° 17 Suc. 49(b) – C.P. 1449Tevere, 18 –81100 Caserta. Capital – Buenos Aires (Argentina).La Procellaria, rassegna di varia cultura, dir. Francesco Fiumara, Peloro 2000, diretta da Domenico Femminò, via Duca degliVia De Nava 1C - 89100 Reggio Calabria. Si tratta di una delle più Abruzzi 3, 98121 Messina.prestigiose riviste italiane, ed anche delle più longeve. Penna d’autore, dir. Nicola Maglione, resp. Davide Maglione,La Revista, prestigiosa rivista argentina, che tratta argomenti cultu- Via Sospello, 119/8 – 10147 Torino.rali di un certo interesse. Ha pubblicato la traduzione dei testi sul Pick Wick, dir. Flavio Casella, via Romagna, 41 - 20052manifesto letterario del Convivio. Direttore Miguel Martinez Mar- Monza (Mi).quez, Presidente della Commissione direttiva Antonia Izzo. Indiriz- Poeti nella Società, diretta da Pasquale Francischetti, viazo: José Hernandez 4627-B° P. Liceo – Cordoba 5019 (Aregentina) Parrillo 7 - 80146 Napoli. Rivista di un certo spessore, che siLa riviera ligure, Fondazione Mario Novaro, dir. Maria Novaro. distingue soprattutto per il grande impegno profuso dal suoCorso Aurelio Saffi 9/11 - 16128 Genova. direttore, che di recente ha fondato l’omonima Accademia.La tribuna letteraria, dir. Giacomo Luzzagni, resp. Stefano Pomezia notize, rivista diretta da Domenico Defelice, via Fra-Valentini, via Gattamelata, 130 – 35128 Padova. telli Bandiera 6 - 00040 Pomezia (Rm). Rivista di ampio ap-La Urpila, direttrice Norma Suiffet, Casilla 5088 – suc. 1, Monte- profondimento critico.video (Uruguay). Semestrale di pubblicazione poetica, curata dalla Presenza, direttore Luigi Pumpo, via Palma 89 – 80040 Strianorappresentante del Convivio in Uruguay, Norma Suiffet. (NA). Bimestrale di arte e cultura, si distingue per gli articoli diLa voce dell’emigrante, dir. Angelo De Bartolomeis, Vico un certo spessore critico.Sportello, 10 – 67035 Pratola P. (AQ). Prospektiva, dir. Giannasi Andrea, Via Nicolao Arcangelo, 2/CLe funambule, bollettino di arte e lettere, organo dell’associazione – 00053 Civitavecchia (Roma).“Echos de Vénus”, pres. Jean Mauget – 15 Place de Navarre – F- 90
    • Provincia, dir. Rafael Mario Altamirano, libertad s/n., Casa 16 –Barrio Los Olivos – 5870 Villa Dolores (Argentina).Provincia Corvina, dir Eugen Evu, plata George Enescu, 6 – 2750 ConcorsiHunedoara (Romania).Punto di Vista, trimestrale di lettere e arti, direttore M. Rosa Dal prossimo numero saranno pubblicati so-Ugento, C. P. 990 - 35100 Padova. Si tratta di una delle piùprestigiose riviste letterarie italiane. lo i bandi di concorso che giungono in manie-Quaderni dell’Asla, ass. siciliana per le lettere e le arti, dir. Ugo ra sintetica dalle 10 alle 20 righe.Zingales, C. P. 350 poste centrali - 90133 Palermo. Rivista di variacultura, è frutto di grande passione per la Sicilia. Premio poesia 2000Renouveau, dir Aline Morzier, 28 route de Chancy, CH-1213 Petit- Scadenza 28 marzo 2004. Il premio è diviso nelle sezioni: Sez.Lancy (Belgio). A - Poesia in lingua italiana; Sez. B - Poesia in lingua siciliana.Rimbaud, semestrale internazionale, dir. Samuel Brejar, BP 49 – F- Gli elaborati dovranno essere inviati o consegnati brevi manu al22130 Plancoet (Francia). seguente indirizzo: Endas Direzione provinciale Via Fanti d’Ita-Salpare, Periodico di Attualità e cultura, diretto da Neria de Giovan- lia n. 27, 95123 Catania. I lavori dovranno essere inviati in 6ni, Via Manzoni 67 – 07041 Alghero. La rivista si presenta in una (sei) copie dattiloscritte unitamente alla scheda d’adesione, de-veste molto elegante e gradevole e tratta argomenti di vario interes- bitamente compilata e firmata. Ogni autore potrà partecipare conse. Nell’ultimo numero “Arte e cultura della pace” di Ugo Mugnaini. un massimo di 3 poesie per ogni sez. max 40 versi. È richiestaInteressante la rubrica “Le copertine” della direttrice Neria De una tassa di lettura di € 5. Per informazioni tel. 095-476169.Giovanni.Sentieri Molisani, dir. Antonio Angelone, direttore responsabile Trofeo Medusa AureaMassimo Di Tore, via Caravaggio 2, - 86170 Isernia Scadenza: 30 marzo. L’accademia internazionale d’arte moder-Silarus, rassegna bimestrale di cultura fondata da Italo Rocco, na, presieduta da Francesco De Benedetta, il premiol “TrofeoCasella Postale 317 - 84091 – Battipaglia (SA). Si tratta di una Medusa Aurea”, in due sezioni, la prima riservata alle Artidelle più prestigiose e longeve riviste italiane. Si è sempre distinta Figurative: pittura (con dipinti di cm 50 minimo e 80 massimo),per la qualità degli interventi. scultura (di peso non superiore a Kg.10), architettura con dise-Simposiacus, diretto da Pantaleo Mastrodonato, via La Marina 51, gni e plastici, grafica e decorazione. È richiesto un contributo70052 Bisceglie (BA). per rimborso spese e polizza assicurativa. La sezione letterariaSpiritualità e letteratura, dir. Pietro Vassallo, Via M. T. 11, n° 2 - comprende la partecipazione di poesia edita (A), e inedita sezio-90132 – Palermo. ne (B). Il bando di concorso in forma integrale potrà essere sca-Talento, diretta da Lorenzo Masetta, capo redattore Graziella Granà, ricato dal sito Internet www.aiam.it alla voce di indice Concor-C. P. 23 - 10100 Torino. si, Premi della Cultura. La scheda di adesione va spedita aUniverso, Rivista letteraria, dir. Simona Taddei, Via della Cava, 269 mezzo posta tradizionale a AIAM, Via Giulio Sacchetti 10 -– 57013 Rosignano Solvay (LI). 00167 Roma.Verso il futuro, direttore Nunzio Menna, Via Scandone, 16 – Premi Tigullio BacherontiusAvellino. Scadenza: 31 marzo. Premi: targhe, monete d’oro e 520,00 € inZahav del Mediterraneo, dir. Gaetano Messina, Loc. Calzata, premio ai vincitori. Concorso “Franco Delpino” (a tema libe-90010 Campofelice di Roccella (PA). ro), si articola in varie sezioni: 1) Poesia - massimo tre poesie, La conchiglia 2) Narrativa - un racconto che non superi le 5 cartelle dattilo- di Rita Cappellucci scritte, 3) Libro edito di poesia o di narrativa (raccolte poetiche, romanzi, racconti o saggi), 4) Silloge di poesie - raccolta di poe- La bella conchiglia sie inedite (minimo 12, massimo 24) in una copia, 5) Artistico sbattuta sullo scoglio del mare, fotografico - massimo tre foto a colori a tema libero e in forma- sembra dirmi: raccoglimi, ti voglio parlare. to a scelta, 6) Giornalismo - un articolo a tema libero. Concorso M’inchino, allungo la mano, “Vivere il mare”. Tre sezioni: poesia (massimo tre poesie), la raccolgo dolcemente narrativa (saggio o racconto, massimo 3 cartelle), artistico/foto- e m’incanto a guardare, grafica (massimo 3 foto a colori o in b/n sul tema del mare o su guardar il suo colore coi riflessi del mare, un’opera artistica in tema, nel formato a scelta). Tutte le opere dovranno essere inviate in una sola copia. Gli Autori finalisti guardar la sua forma particolare, potranno entrare a far parte dell’ormai tradizionale e annuale guardar la bellezza che la rende reale. raccolta antologica. Concorso “Gente di Liguria”. Tre sezio- L’avvicino al mio orecchio, ni: Poesia (tre poesie in lingua italiana dedicata alla Liguria per udirne il fruscio del mare, oppure in dialetto ligure, con relativa traduzione in italiano); come d’incanto la sento parlare. Breve racconto o Saggetto dedicato alla Liguria (massimo tre Mi parla di te, tesoro mio, cartelle); artistico fotografico (per i pittori e/o fotografi) massi- mi dice cose che non hai mai detto; mo 3 foto a colori o in b/n di un’opera avente come soggetto mi racconta i tuoi segreti, le tue ansie, (artistico o fotografico) la Liguria. Tutte le opere dovranno i tuoi sogni, i tuoi timori e le tue paure, pervenire in una sola copia. Concorso “Oltre la vita”. Dedi- ma anche la tua gioia di vivere e lottare; cato alla spiritualità dell’anima, all’eternità, al mistero dell’I- lottare per una vita di pace e d’amore. gnoto e al grande tema di Dio e del Creato, il Concorso si arti- In sottofondo il fruscio del mare, cola in tre sezioni: poesia (sino a un massimo di tre liriche), nar- la bella conchiglia continua a parlare. rativa (saggio racconto, massimo 3 cartelle), libro edito (di Mi dice: non ti preoccupare, poesia o narrativa). Tutte le opere vanno inviate in una sola il tuo tesoro è forte e felice, copia. Tutti i finalisti saranno inseriti (se lo desidereranno) in le difficoltà lo hanno temprato, un’opera editoriale. La Giuria ha la facoltà di scegliere un vinci- ed il tuo affetto l’ha sostenuto; tore assoluto al quale verrà assegnata (oltre a una targa d’argen- sa che l’ami teneramente, to) una sterlina d’oro. Concorso “Per un domani di pace”. Il premio si articola in tre sezioni: poesia (da 1 a 3 poesie, ma lo stesso digli spesso: massimo 40 righe), narrativa (un saggio o un racconto di Amore mio, ti voglio tanto bene. 91
    • fantasia, massimo 3 cartelle dattiloscritte) o pensieri, ricordi, aned- lingua italiana edito dal 1° gennaio 2000 in poi. I testi delledoti (in un massimo di 3 cartelle dattiloscritte). Tutte le opere do- poesie non devono superare i 36 versi, possono essere editi ovranno essere inviate in una sola copia. La quota di partecipazione inediti e mai premiati. Per la sez. C dovranno essere corredatiunica per tutti i premi è di 20 Euro, e si riceverà la rivista, per ogni della traduzione in lingua italiana. I concorrenti dovranno invia-sezione integrare 5 euro, da versare a ANPAI - S. Margherita re n° 9 copie di cui 8 anonime ed una con nome, cognome, dataLigure, oppure versate sul c/c postale n. 28745487 intestato a di nascita, indirizzo, numero di telefono, dichiarazione firmata“Tigullio-Bacherontius” - S. Margherita Ligure (GE), specificando che trattasi di opera di propria esclusiva produzione e l’indica-chiaramente la causale. Tel.-0185/286167 cell. 338/5926117 Posta zione della sezione cui si partecipa. Per la sez. D inviare 3 copietelematica in Internet: m.delpino@libero.it (su una soltanto i dati personali). Quota di partecipazione: € 15 per le sez. A, C e D; € 8 per la sez. B. Spedire gli elaborati allaPremio Il suono del silenzio Segretaria del concorso Gastaldi Ines Loc. Geirolo 12, 17057Scadenza: 2 aprile. La TA.TI. Edizioni progetta la pubblicazione Bardineto (SV). Per ulteriori chiarimenti Telefonare alla segre-dell’antologia “Il suono del silenzio 2004”. Gli autori dovranno taria a: 019/7908068 oppure e-mail: inesgastaldi@tiscalinet.itinviare max tre poesie dattiloscritte, inedite, di massimo 30 versi, atema libero, in cinque copie, di cui una corredata di nome, cognome, Poesia Giovane 2004.indirizzo, numero di telefono, indirizzo e-mail, se in possesso, e Scadenza: 30 aprile. Si partecipa inviando 3 poesie in 5 copiefirma. È possibile inviare anche un eventuale curriculum di massimo predisposte in fascicoli, ogni copia dovrà riportare nome,5 righe, che sarà pubblicato con la poesia. Al poeta che invierà la cognome, indirizzo anno di nascita. Da inviare al Gruppo Faramigliore lirica saranno pubblicate gratuitamente 20 copie di una di Bergamo – Casella Postale 145 – 24100 Bergamo. È richiestosilloge di 45 pagine. Le poesie dovranno essere inviate per posta (o un contributo di 10 euro da versare sul c.c. p. n° 10689248,per e-mail (tatiedizioni@yahoo.it) a: TA.TI. Edizioni, Via Silvio intestato alla segreteria dello stabile di poesia: Giulia Bran-Pellico, 32 - 22070 Limido Comasco (Co). Farà fede il timbro dolisio, via Legionari in Polonia, 5 – 24128 Bergamo.postale. Per ulteriori informazioni: tel. 031-935838, 339-3394073. Premio Una rosa per Santa Rosa.Premio S. Leonardo Murialdo Scadenza 30 aprile. Tassa d’iscrizione 30 euro, mentre per iScadenza: 5 aprile. In collaborazione con Il Grillo, Il Convivio, disoccupati, studenti, casalinghe, pensionati ed operai a bassoBrontolo, Penna d’autore, si indice la quarta edizione del concorso reddito la tassa di partecipazione è di 5 euro. Questi ultiminazionale e narrativa “S. Leonardo Murialdo” nelle sez.: a) Poesia a dovranno fornire documentazione scritta verificabile. I premi:tema libero, a bis) Poesia a tema: “La pace infinita degli uomini 1° posto 750 euro e un bocciolo di rosa in oro, 2° posto 500liberi”, b) Poesia ispirata alla vita di San Leonardo Murialdo, c) euro e un bocciolo di rosa in argento, 3° posto 250 euro e unPoesia in vernacolo, d) Poesia a tema libero per i ragazzi al di sotto bocciolo di rosa in argento. Sono previsti altri premi. Perdei 18 anni, e) racconto breve o piéce teatrale (max 5 cartelle). Sez. informazioni rivolgersi a Pasqualina Genovese D’Orazio viaA, A bis, B, C, E, la quota è di 15,00; per la sez. D € 5. Per tutte le Dei Monti snc, Capranica, 01012 (VT), cell. 3385909435.sezioni inviare max due poesie, rigorosamente inedite, in sei copie,di cui una soltanto con firma, indirizzo, numero telefonico e dichia- Premio Filoteo Omodeirazione d’autenticità. Per la sez. E: un lavoro in sei copie di cui una Scadenza: 30 aprile 2004. È diviso in 6 sezioni: 1) Una poesiafirmata. Per la sezione B un genitore garantirà la data di nascita e inedita sul tema: l’uomo, l’ambiente e i parchi. 2) Un saggiol’autenticità dei lavori. Premi consistono in coppe, targhe, oggetti inedito. 3) poesia a tema libero in lingua dialettale). 4) Tesi did’arte e diplomi. Le opere devono essere inviate a: sig. Francesco laurea su qualunque argomento che riguardi la Sicilia. 5) UnArcoraci, c/o Segreteria dei Premio “S. Leonardo Murialdo”, via numero di Rivista o Periodico pubblicato. 6) Poesia, compo-Pincherle, 144 - 00146 ROMA. Per informazioni tel: 065414781 nimento e disegno per i ragazzi sul tema: l’uomo, l’ambiente e i Parchi. Da inviare in cinque copie, di cui una con generalità, aPremio Renato Giorgi Redazione “Il Convivio”: Premio Filoteo Omodei, Via Pie-Scadenza: 15 aprile 2004. Si articola nelle seguenti sezioni: a) rac- tramarina–Verzella, 66 - 95012 Castiglione di Sicilia (CT) –colta di poesie a tema libero, (scadenza 15 maggio); b) poesia giova- Italia. Per ulteriori informazioni: tel. 0942-986036, cell. 333-ne (dai 15 ai 25 anni), c) narrativa (racconti brevi). Sezioni: d) riser- 1794694, e-mail: angelo.manitta@tin.it.vate alle scuole. Inviare il materiale in sei copie dattiloscritte tutte ri-gorosamente anonime. Tassa d’iscrizione € 8. Inviare su C/C postale Premio Campania -G. Bufalino Scadenza: 30 aprile. Il bimestrale “Il Tecnologo” e l’accademia10889400 intestato a: Le voci della luna - Sasso Marconi - Premio Nazionale d’Arte e cultura “Il Rombo”, organizzano il premio“Renato Giorgi” 2004. G. Bufalino di Narrativa e Saggistica. Le sezioni previste so-Premio Marco Tanzi no sei: a) poesia in lingua edita e inedita, b) poesia in vernacoloScadenza 30 aprile. Il premio è diviso in tre parti, intitolati rispet- partenopeo o dialetti regionali con traduzioni edite o inedite, c)tivamente a: 1) Marco Tanzi (Poesia: XVIII edizione). Inviare sei silloge di poesie edite e inedite, d) Poeti in erba fino a 17 anni,copie dattiloscritte di tre poesie in lingua italiana. Ogni poesia deve e) narrativa edita e inedita, f) Artistica edita o inedita. E il pre-portare in calce nome, cognome, indirizzo completo, numero telefo- mio Campania si divide in 4 sezioni e si partecipa con: a) trenico e data di nascita. 2) Marisa Priori (Poesia edita: XVIII edizione) poesie a tema libero non superante ciascuna versi 40, b) comespedire una sola copia di poesie in lingua italiana pubblicato negli punto A, c) silloge di poesie a tema libero max 300 versi, d)ultimi tre anni con generalità come sopra. 3) Livio Paoli (Narrativa ragazzi: una sola poesia di massimo 30 versi. Il premio Bufalinoedita: XII edizione): inviare quattro copie di un libro di narrativa è diviso in due sezioni. Si partecipa con: e) un racconto a temaedito in lingua italiana negli ultimi tre anni con generalità come libero di max 5 cartelle dattiloscritte spazio uno. f) con una rip-sopra. Premi in denaro da 200 a 750 €. Saranno segnalati gli autori roduzione fotografica di opere di pittura, scultura, ceramica,più meritevoli. Viene richiesto per spese di segreteria il contributo di grafica o con fotografia d’arte in bianco e nero. La quota di par-€ 15 da inviare insieme alle opere. Chiedere il bando completo al tecipazione per le sezioni a, b, c, e, f, è di Euro 15,00. Per ipresidente Giovanni Paoli, via Olinto Fedi, 27 – Casella Postale 14 - ragazzi la partecipazione è gratuita. Se si partecipa a due sezioni50050 San Mauro a Signa (FI). tel. 055-8739083, fax: 055-8739822. si ha il diritto allo sconto di Euro 5,00. Gli elaborati vanno in- viati in cinque copie di cui una sola firmata e completa di gene-Premio Italo Carretto 2004 ralità, da inviare a Il Tecnologo, Accademia nazionale Il Rom-Scadenza 30 aprile. Diviso in quattro sezioni: SEZ. A: Poesia singo- bo C/o prof. Antonio Mastrominico, Via Andrea Diana, 44 –la in lingua italiana a tema libero. SEZ. B: Poesia singola in lingua 81036 - S. Cipriano d’Aversa (CE). Per maggiori informazioniitaliana a tema libero riservata ai ragazzi sino a 18 anni. SEZ. C: tel. 081-8921236 (ore serali), 349-3215834 (ore pomeridiane).Poesia singola in dialetto a tema libero. SEZ. D: libro di poesia in 92
    • Premio Ischia Poesia giovani fino a 21 anni: 1º premio € 500,00, 2º premio €Scadenza: 30 aprile. L’Accademia Universale Giosuè Carducci e la 250.00, 3º premio € 150,00. Saranno inoltre riservate sei se-U.A.O.C. indicono la Quinta Edizione del Premio ISCHIA: L’Isola gnalazioni speciali per entrambe le sezioni. I poeti premiati edei Sogni. Il Premio e articolato nelle seguenti Sezioni: A) Poesia o segnalati riceveranno inoltre pergamene con profilo critico e unProsa in lingua italiana edita o inedita a tema su Ischia max 30 versi. prodotto tipico dell’artigianato locale. Si partecipa con unB) Poesia o Prosa in lingua italiana edita o inedita a tema libero max massimo di tre poesie non superiori a 40 versi, inedite e mai30 versi. C) Silloge edita o inedita di cinque poesie max da 30 versi premiate o segnalate in precedenti concorsi alla data di scaden-con titolo. D) Poesia in vernacolo edita o inedita a tema libero, za del bando, in 8 copie, di cui una sola con generalità (i gio-esteso a tutte le regioni max 25 righe con traduzione. Il tutto in un vani dovranno indicare anche la data di nascita). Quota di parte-solo foglio formato A/4 con testo originale a sinistra e traduzione sul cipazione: € 15 per gli adulti, € 5 per i giovani, tramite bonificolato destra (stesso foglio). E) Massime-Pensieri (non. più di 7) in una bancario c/c 32000 ABI 3556 CAB 67730 o assegno circolaresola pagina a tema libero max due righe. F) Artistica: inviare non trasferibile intestati alla Tesoreria del Comune di Soglianouna-due foto a colori - formato 10 x 15 - a tema libero con sul retro al Rubicone. Invio delle poesie alla Segreteria del Premio Ago-tecnica, misure, e dati personali con telefono. G) Racconto o Fiaba stino Venanzio Reali, c/o Comune di Sogliano, Piazza della Re-breve, max trenta battute in una sola pagina. Si partecipa con una pubblica 35, 47030 Sogliano al Rubicone (Forlì – Cesena) consola opera a Sezione - da inviare in duplice copia - di cui una sol- l’indicazione sulla busta in stampatello Premio Agostino Ve-tanto con dati e telefono. Gli elaborati, mai premiati in altri concorsi nanzio Reali. Per informazioni e richiesta del bando: Telefonaree ben dattiloscritti, vanno inviati - previo raccomandata - insieme a al n. 0541948610 dalle ore 9.00 alle ore 13.00 - Comune didue bolli prioritari e un contributo di dieci euro in contanti a: Cav. Sogliano al Rubicone – Segreteria del Premio “Agostino Ve-Gianni Ianuale Via Napoli, 6 - 80034 Marigliano (Napoli). Per nanzio Reali”; e-mail: urp@comune.sogliano.fo.it. Il bandoeventuali informazioni telefonare allo 081-885-34-31. integrale e i vincitori sono leggibili sul sito internet: www.delfo.forlì-cesena.it/cosogliano e sul sito: www.literary.it,Concorsi Letterari ed Artistici della caARTEiv dove verranno esposti in permanenza.Scadenza 30 Aprile. Tre sezioni: Luna, Miraggio, Avventura. 3ª ed.neConcorso “Poetando con i Del Carretto” a Millesimo. (prem.ne Premio Città di Pomeziaagosto 2004).3 sezioni: Gioventù, Silenzio, Vecchiaia. 2ª ed.ne Con- Scadenza: 31 maggio. L’Editrice POMEZIA-NOTIZIE - viacorso “Omaggio al Prof. Renato Pancini” a Cengio (prem.ne settem- Fratelli Bandiera 6 - 00040 Pomezia (RM) - Tel. 06-9112113 -bre 2004). 3 sezioni: Parole, Sensi, Colori. - Poesia in Dialetto non E-Mail: defelice.d(@tiscali.it - organizza, per l’anno 2004, lapremiata (con traduzione in lingua italiana, solo per Riofreddo e solo XIV Edizione del Premio Letterario Internazionale CITTA3 premi). Haiku non premiato (lirica di 3 versi: solo per concorso a DI POMEZIA, suddiviso nelle seguenti sezioni: A - RaccoltaRiofreddo e solo 3 premi). Racconto breve non premiato (4 cartelle, di poesie (max 500 vv.), da inviare fascicolata e con titolo, pena30 righe la pagina cad. solo per Millesimo e 1 premio). Poesia a esclusione. Se è possibile, inviare, assieme alla copia cartacea,tema libero non premiata (solo per concorso a Millesimo e solo 3 anche il dischetto; B - Poesia singola (max 35 vv.); C - Poesiapremi). Libro poesie edito non premiato (solo per Cengio “Omaggio in vernacolo (max 35 vv.), con allegata versione in lingua; D -al Prof. Renato Pancini” solo 1 premio). Poesia a carattere umo- Racconto, o novella (max 6 cartelle. Per cartella si intende unristico che tratti d’attualità (solo per concorso a Cengio e solo 3 foglio battuto a macchina - o computer - da 30 righe per 60premi) Gli elaborati in 4 copie anonime spediti a: Pres. Bellone battute per riga, per un totale di 1800 battute. Se è possibile,Simona C.P. 36 - 17017 Millesimo (SV). Allegare foglio a parte con inviare, accanto alla copia cartacea, anche il dischetto); E – Fia-recapito, tel. e dati (Sezione: Adulto, Ragazzo, Bambino) elencando ba (max 6 cartelle, come sopra, lettera D); F - Saggio criticoi testi presentati. Quota poesie € 6 cad., racconti € 8 cad., libri editi (max 6 cartelle, c. s.). Non possono partecipare alla stessa se-di poesie € 10 cad., haiku € 6 ogni 5, senza limite di offerta e zione i vincitori (i Primi classificati) delle trascorse Edizioni. Lepartecipazione, dati gli scopi benefici, per le Chiese di Riofreddo, di opere (non manoscritte, pena l’esclusione), inedite e mai pre-Murialdo e Cengio, l’Avis e la Croce Rossa: per chi partecipa a più miate, con firma, indirizzo chiaro dell’autore e dichiarazione didi 10 sezioni si richiedono solo € 50 totali. Al c/c post.: n° 28772119 autenticità, devono pervenire – all’indirizzo della rivista e ino al n° di c/c banc. 40334 CRS-Gruppo Carige abi 6310 cab 49440 unica copia. Le opere straniere devono essere accompagnate daMillesimo SV. Per pittori-scultori-fotografi… presentare minimo 1 e una traduzione in lingua italiana. Ad ogni autore, che puòmax 4 opere artistiche per ogni artista a tema libero. Esposizione partecipare a una sola sezione e allegare un breve curriculum diopere: Luglio c/o Chiesa di S. Rocco in Riofreddo di Murialdo (SV) non oltre dieci righe, è richiesto un contributo di 20 Euro per la€ 15 (1 giorno - festa). Agosto c/o Chiesa di San Gerolamo di sezione A e 10 Euro per le altre sezioni, da versare sul c. c. p.Millesimo (SV) € 25 (1 settimana esposizione); Settembre c/o le N° 43585009 intestato a: Domenico Defelice - via FratelliScuole di Cengio Alto (SV) € 15 (1 giorno – festa patronale). Solo € Bandiera 6 - 00040 Pomezia (RM). Sono esclusi dal contributo50,00 per le 3 manifestazioni prenotate. Consegna opere artistiche: i minori di anni 18 (autocertificazione secondo Legge Bassa-entro la vigilia di ogni manifestazione c/o pres. Bellone Simona o la nini). Non è prevista cerimonia di prerniazione e l’operato dellasala caARTEiv - Piazza Italia 5 - 17017 Millesimo – SV - tel. 019 Commissione di Lettura della Rivista è insindacabile. i Premi565277. Per informazioni: www.caarteiv.it simona.bellone@tin.it. consistono nella sola pubblicazione dei lavori. All’unico vinci-7ª ed.ne Concorso “Poetando alle pendici del Monte Camulera” a tore della Sezione A verranno consegnate 20 copie del Qua-Riofreddo –Murialdo (prem.ne luglio 2004). derno Letterario Il Croco (supplemento di Pomezia-Notikie), sul quale sarà pubblicata gratuitamente la sua opera. Tutte lePremio Il Convivio 2004 altre copie verranno distribuite gratuitamente, a lettori eScadenza: 30 maggio 2004. Diviso in 5 sezioni: 1) Una poesia collaboratori, allegando il fascicolo al numero della Rivistainedita, 2) Un racconto inedito, 3) Libro edito a partire dal 1994, 4) (presumibilmente quello di ottobre 2004). Sui successivi numeriPittura e scultura, 5) Poesia sezione studenti Gli elaborati vanno saranno ospitate le eventuali note critiche e le recensioni. Aiinviati in cinque copie, alla Redazione de “Il Convivio”: Premio vincitori delle sezioni B, C, D, E, F e ai secondi classificati perPoesia prosa e arti figurative, Via Pietramarina–Verzella, 66 - ciascuna sezione, verrà inviata copia della Rivista o del95012 Castiglione di Sicilia (CT) – Italia. Per ulteriori Quaderno Letterario Il Croco - che conterrà il loro lavoro. Pre-informazioni: tel. 0942-986036, cell. 333-1794694, e-mail: mio Pomezia-Notizie. Vincitori delle precedenti edizioni: Pas-angelo.manitta@tin.it. quale Maffeo: La melagrana aperta; Ettore Alvaro: Hiuricedhi; Viviana Petruzzi Marabelli: Frammento d’estate; VittorioPremio Poesia Agostino Venanzio Reali Smera: Menabò; Giuseppe Nalli: A Giada; Orazio Tanelli: Can-Scadenza 31 maggio. Premi per la sez. A Poesia adulti: 1º premio € ti del ritorno; Solange De Bressieux: Pioggia di rose sul cuore1000,00, 2º premio € 500.00, 3º premio € 250,00; per la Sez. B 93
    • spento; Walter Nesti: Itinerario a Calu; Maria Grazia Lenisa: La Premio Teatrale “Angelo Musco”ragazza di Arthur; Sabina Larussi: Limen; Leonardo Selvaggi: I tem- Scadenza: 15 giugno 2004. Diviso in tre sezioni: 1) Opera tea-pi felici; Anna Maria Salanitri: Dove si perde la memoria. trale inedita in dialetto siciliano. 2) Opera teatrale inedita in lin- gua italiana (anche dialettale, ma con traduzione italiana). 3)Concorso A.L.I. Penna d’Autore Opera teatrale edita o inedita in qualunque lingua o dialetto. DaScadenza 31 maggio 2004. Si partecipa con una poesia (edita o ine- inviare in cinque copie, a Redazione de “Il Convivio”: Premiodita) non superiore a 35 versi, con tema l’amore. Narrativa: racconto Teatrale “Angelo Musco”, Via Pietramarina–Verzella, 66 -o lettera d’amore (edito o inedito) max. tre pagine. Le opere in copia 95012 Castiglione di Sicilia (CT) - Italia. Per ulteriori: tel.unica, dattiloscritte, devono essere inviate a: A.L.I. Penna d’Autore - 0942-986036, cell. 333-1794694, e-mail: angelo.manitta@tin.it.Casella Postale, 2242 – 10151 Torino. Tel. 011 2205902 - 3390934037. Concorso internazionale A.L.I.A.S. Scadenza: 30 giugno. Sono previste quattro sezioni in linguaPremio Zorini italiana: 1) Poesia, 2) Narrativa, 3) Primi passi: lavori di bambi-Scadenza: 31 maggio. Il premio è diviso nelle sezioni: a) Sez. gior- ni e ragazzi fino ai 16 anni, 4) Pittura (inviare foto dell’opera).nalisti nel mondo, articolo o inchiesta, pubblicati su quotidiani o pe- Gli scritti (che saranno inseriti in antologia) devono essere in-riodici. Otto copie dattiloscritte, in lingua italiana, per un massimo di viati in 6 copie, di cui una sola firmata, a: Acc. Giovanna Licinque cartelle da trenta righe per sessanta battute ciascuna. B) Sez. Volti Guzzardi – 29 Ridley Avenue – Avondale Heights VICediti in lingua italiana: raccolta di poesie o singolo componimento 3034 – Australia. Per informazioni e bando completo: sito inter-poetico, inviare tre copie. C) Sez. giovani, nati fra il ‘77 e l’83: net http://go.to/alias e indirizzo e-mail: alias_aus@hotmail.combrano di narrativa, a tema libero, inviare otto copie dattiloscritte max Premi speciali del Presidente della Repubblica Carlo Azegliocinque cartelle. Inviare a: Circolo Culturale G.V. Omodei Zorini Se- Ciampi e di sua Santità Papa Giovanni Paolo II. È richiesta unagreteria premio letterario 2004, casella postale n. 76 - 28041 Arona quota di partecipazione di $ 20.00 australiani o corrispondente(NO). Per informazioni tel. 340.7743137 - 0331.973152. in valuta estera. Le opere finaliste verranno pubblicate in anto-Premio Giorgio La Pira logia.Scadenza 31 maggio: È diviso in due sezioni: Narrativa. Si partecipa Premio ISTMI - Racconti di solidarietàcon un racconto non superiore a 6 cartelle, da inviere in sei copie, di Scadenza: 30 luglio 2004. Il premio è diviso in tre sezioni: A)cui una con generalità. Poesia: si può partecipare con 3 poesie, max Riservata ai bambini delle classi IV e V elementare. Possono40 versi, in sei copie, di cui una con generalità. È richeisto contri- partecipare gli alunni residenti in Italia con un componimento inbuto di € 15. Per maggiori informazioni. Premio Letterario Giorgio lingua italiana sul tema della solidarietà, in cui essi riportinoLa Pira,, Centro studio Donati, Piazza S. Francesco, 60 – 51100 esperienze vissute direttamente o indirettamente grazie alle qua-Piostoia. Tel. 0573-367251. li hanno compreso l’importanza del gesto altruistico o dell’aiutoPremio L’Epigramma concesso a persone in difficoltà, dello slancio nei confronti diScadenza 31 maggio. L’associazione culturale “L’Epigramma” di chi ha bisogno o è solo. Saranno premiati i primi tre classificatiAcireale, presieduta dal dott. Giuseppe D’Anna, bandisce il 3° festi- ed i primi tre segnalati. Ciascun bambino dovrà riportare,val nazionale di poesia a tema libero in lingua italiana e in vernacolo sull’elaborato, le proprie generalità, il numero telefonico die di narrativa. I partecipanti dovranno inviare solo un elaborato in 4 casa, la classe e la scuola di appartenenza, nome e cognomecopie, di cui soltanto uno contenente i dati personali, presso dott. dell’insegnante. B) Riservata ai ragazzi delle classi IV e V delleGiuseppe D’Anna, Fermo Posta - 95024 Acireale (CT). La pre- scuole medie superiori. Possono partecipare i ragazzi residentimiaizione prevede l’assegnazione di coppe personalizzate. La quota in Italia con un racconto in lingua italiana che abbia comedi partecipazione è di euro 10 per sezione. Per ulteriori informazioni: oggetto il tema della solidarietà. Saranno premiati i primi tretel: 349-1472945. classificati ed i primi tre segnalati. C) Per un racconto sul tema della solidarietà. Possono partecipare cittadini adulti residenti inPremio Alessandro Contini Bonacossi Italia con un racconto in lingua italiana di massimo 5 cartelleScadenza: 31 maggio. Si articola nelle seguenti sezioni: a) libri di (1800 battute a cartella) sul tema proposto. Per la Sezione Cpoesia in lingua italiana editi nell’arco del quinquennio ’99-2004; b) sono previsti i seguenti premi: € 600,00 al primo classificato, €Poesia; c) Poesia giovani. Le poesie non devono superare i trenta 400,00 al secondo classificato, € 300,00 al terzo. La cerimoniaversi e su una recare generalità ed indirizzo. È prevista una tassa di di premiazione si terrà a Pescara nel mese di settembre-ottobrelettura di € 10. Inviare il materiale in quattro copie o chiedere 2004. I vincitori dovranno ritirare personalmente i premi, penainformazioni a Tita Paternostro, via Redolone, 25 D – 51034 Casal- la decadenza degli stessi. I testi corretti dovranno essere inviatiguidi (PT). Tel.0573-929049. a Concorso ISTMI-ADMO c/o Annamaria Albertini Via B. Croce 197 - 65126 Pescara. Gli alunni delle scuole potrannoPremio Letterario Elsa Morandi consegnare il lavoro nella Segreteria dell’Istituto. Informazioni:Scadenza: 31 maggio 2004. Possono partecipare, con opere inedite, Francesco Di Rocco, Via Fiume Verde, 24 - 65128 Pescara, Tel.autori italiani e stranieri (ma con opere scritte in italiano). Sezioni: 085- 4311900; Cell 0347 - 1917462.a) Una raccolta di poesie che non superi le 56 pagine (foglio 15 x 21cm) composte di 30 righe. Quota d’iscrizione € 15; b) una poesia Premio “Cinque terre - Ettore Cozzani”singola che non superi le 30 righe. Quota d’iscrizione € 11; c) Un È articolato in cinque sezioni: Silloge inedita, Volume edito diromanzo per un totale massimo di 391.000 caratteri. Quota d’iscri- poesia, Poesia singola, Narrativa e Poesia religiosa. Per mag-zione € 20; una raccolta di racconti, che non superi le 120 pagine. giori informazioni: Premio “Cinque terre” – Ettore Cozzani eQuota d’iscrizione € 15. Un racconto singolo che non superi le 10 Virginia Sommovigo Conturla – Via Chiodo, 137 – 19121 Lapagine. Quota d’iscrizione € 12. Spedire 3 copie per ciascuna opera, Spezia, tel. 0187-736696; 0187-733536. Premi in denaro.con generalità a PROPOSTE EDITORIALI - c.a. Valeria Borgia Ar-ca -Via Manfredi Azzarita 185 – 00189 Roma. Le quote d’iscrizione Centro studi “LOGOS"da inviare esclusivamente a mezzo c/c postale, sul numero 76550003, Articolato in 7 sezioni: a) Poesia in lingua italiana - b) Poesie inintestato a Picc. Soc. Coop. arl Proposte Editoriali - Via Cervinara vernacolo (tutti dialetti), c) Narrativa: novelle, fiabe, racconti;50 - 00010 Roma. Informazioni Richiederle alla Segreteria del d) Silloge: raccolta di poesie, di novelle, di fiabe, di racconti, e)Premio: tel. 06/41482559 - central. 06/414821 - fax 06/4190771 - poesie in lingua straniera (lingue Europee), f) Folklore: leg-cell. 320.0228959 o per E-mail: proposte.editoriali@tin.it oppure: gende, canti in disuso, storielle, detti, proverbi, racconti paesaniv.borgia@cisconet.it - Visitare anche i siti: ecc... g) Musica, canzoni, parodie, testo poetico letterario dellewww.proposteditoriali.com e http://tamtam-sito.it composizioni. È consentita la partecipazione contemporanea a 94
    • più sezioni, con componimenti editi ed inediti, non sono previsti li- cordiale saluto a tutti i presenti. Alunni premiati per la poesia:miti di lunghezza o di numero, si può concorrere con quanti elabo- Edvige Priscilla Galbo, Moltisanti Desirèe, Ranzino Liliana,rati si desidera. Premi: Penne in oro 18 kt, trofei e medaglie in oro Turlà Eleonora; per il racconto: Bonino Concetta, Catalano Raf-18 kt., coppe e targhe. Per la sezione G saranno assegnati premi spe- faele e Giulio Peri; per l’Arte: Amodio Crescenzio e Lorenzociali in oro raffigurante l’attività artistica svolta dell’autore. Per ogni Francesca. I Poeti premiati per la poesia singola: Altina Oscaropera che partecipa alla sezione A/B la quota di adesione è di 5,00 Antonio, Artale Irene, Baiamonte Salvatore, Botrugno Angelo,euro, per ogni opera che partecipa a tutte le restante sezioni la quota Buccoleri Anna, Caldara Rosa, Conforto Corrado, Da Re Laura,di adesione è di € 8,00. Per partecipare al concorso è necessario Di Maggio Ina, Donzello Lina, Galbo Micòl Alice, Galfo Mi-chiedere alla segreteria del premio, la SCHEDA di adesione e il chele, Galluccio Mauro, Ingemi Andrea, Isgrò Giuseppe, Lobando integrale di concorso a: Centro studi “Logos” via Silvio Franco Eddy, Mamo Liliana, Marrone Quirino, Mineo Ludo-Pellico trav. E, 13, 92027 Licata (Agrigento). vico, Mirto Galbo Finella Paola, Nani Carlo, Porcu Salvatore, Ragonesi Nunzia, Restivo Filomena, Rustico Giuseppe, Spatuz-Premio Ripa grande za Gaetano, Vinciguerra Pasquale, Zito Filippo Secondo, Zum-La compagnia Ripa grande in collaborazione con Il Grillo, Il Con- bo Demetrio. Per la poesia in dialetto: Borrometi Grazia,vivio, Brontolo, Penna d’autore. Indice la sesta edizione del Concor- Castiglia Vincenzo, Cozzubbo Paola, Fiorito Pietro, Neri Mar-so Nazionale di poesia e narrativa. a) Poesia a tema libero, b) Poesia gherita, Tomasello Alfio. Per la prosa: Amodeo Luigi, Gallettiispirata a San Francesco, c) Poesia in vernacolo, d) Poesia ragazzi Barbara, Liparoti Giulio, Molignoni Giancarlo, Piccione Seba-max 18 anni, sez. e) Racconto breve o pièce teatrale max 5 cartelle). stiana. Per i libri: Avellino Salvatore, Calabrese Franco, Casci-Per le sez. A. B, C, E la quota è di € 15; per la sez. D, € 5). Inviare no Ignazio, Coppone Filadelfio, Melisurgo Lidia, Pardini Na-max. 2 poesie, rigorosamente inedite, in sei copie, di cui una soltanto zario, Romano Armando, Valentini Liliana. Premio Arte sacracon firma, indirizzo, numero telefonico e dichiarazione di autenti- e poesia religiosa: Attard Mario, Cantagalli Alberto, Copponecità. Per la sez. E una sola opera con le modalità delle altre sezioni. Filadelfio, Crimi Rosaria, Isgrò Giuseppe, Montuori Pasquale,Per informazioni tel. 065414781. Le opere e le relative quote devono Nanì Carlo, Salonia Carmelo, Sauto Mariangela, Pasquale Vin-essere indirizzate a: Francesco Arcoraci, c/o segreteria dei premio ciguerra, Zangara Piera. Per l’Arte Sacra: Bruno Maria, GerbinoRipa grande piazza S. Francesco d’Assisi n. 88 - 00153 Roma. Salvatore, Greco Melina, Melilli Rosa, Massimiliano Ornato, Saraceno Concettina, Scarantino Grazia Maria Pia. Premio Le quattro stagioni: Attard Mario, Calì Maria, Nanì Carlo, Sauto Mariangela, Scardamaglia Mariella, Vinciguerra Pasquale.Risultati Concorsi Premio Trofeo delle 9 provincie: Caltanissetta a: Mariangela Sauto; Catania: Paola Cozzubbo; Messina: Giovanna Bartolo-Premio Contea di Modica1 meo; Palermo: Ludovico Mineo; Ragusa: Carlo Nanì; Siracusa: Irene Artale; Trapani: Beatrice Torrente. Per la prosa alla Domenica 4 gennaio Scrittrice Antonella Sorrentino. Sono stati inoltre assegnati a 2004, nell’aula con- numerosi poeti e artisti i titoli di Accademici associati, Accade- siliare del Comune mici di merito, Senatori dell’Accademia, Cavalieri dell’Accade- di Modica, in pre- mia, Cavalieri della croce d’oro, Dame Accademiche, Dame senza di Autorità d’onore Accademiche. La Presidente N.D. Lucia Tumino Can- Civili e Militari e di nata ha consegnato, alla fine, quattro targhe d’onore in ricordo un folto pubblico, della solenne cerimonia del ventennale accademico in segno di s’è svolta la ceri- ringraziamento. La Presidente ha assegnato infine una targa monia ufficiale del particolare al partecipante più anziano del ventennale accade- 20° anniversario mico, Poeta Salvatore Porcu di Nettuno di anni 96. della fondazione dell’Accademia In- Premio l’Attualità - Bartalucci ternazionale di Let- Il 25 novembre 2003, presso l’Associazione dei Lucani, via tere Scienze e Arti Nizza 56 - Roma, si è svolta la premiazione del VII° Premio “Contea di Modica” internazionale L’attualità – Bartalucci. Giuria: presidente Anto- fondata e diretta nietta Mancuso; membri: Flora Longini, Teresa Periotto, Gian- dalla N.D. Lucia federico Brocco; segretaria: Elena Andreoli. I premiati per la Tumino dei Mar- sezione poesia inedita: 1° Nicola Rizzi, 2° Alessandra Pittini, chesi Cannata; Ma- 3° Liana Boticelli. Per la sezione poesia edita i premiati sono: drina la Signora 1° Adalgisa Biondi, 2° Olimpia Affuso, 3° Anna Cardelli Ma- Raffaella Frasca rena. Per la sezione narrativa inedita: 1° Giuseppina Silvestri,Torchi. Prima d’iniziare l’assegnazione dei premi, ha impartito la 2° Piero Gai, 3° Rita D’Andrea. Inoltre il presidente dellabenedizione il sacerdote Filadelfio Coppone di Catania. La cerimo- UN.I.A.C. prof. Cosmo Sallustio Salvemini ha consegnato deinia è stata presentata dall’attore Gilberto Paraschiva. La Commis- riconoscimenti a Maria Elena di Stefano, a Franca Aveta e asione Giudicatrice formata da Enza De Feo Pascero, Pietro Fratan- Maria Francesca Cherubini.taro, Fournier Marie Christine, Teresa Giunta, Roberto Girasa, Mar- Premio Sicilia 2003tino Iuvara, Nicola Rampin, Carmela Sterlino e Pina Tumino. Ospiti: Assegnato il 3° premio internazionale, di narrativa e di sag-la Giornalista Marie Christine Fournier, la Signora Raffaella Frasca gistica Sicilia 2003 indetto dall’Asla. Vincitori. Narrativa: Sez.Lucifera Torchi di Modica, il Duca d’Alcantara Edoardo Antonio novelle: Francesco Bruno; Sez. romanzo, Mino De Blasio; Sez.Gullotto Presidente dellAccademia imperiale di Randazzo, il Sin- favole: Maria Pirrotta; Sez. racconti, Gabriella Zurli Orioli.daco del Comune di Ispica Dott. Rosario Gugliotta, la Signora Du- Saggistica: Sez. scuola e didattica: Arnaldo Baroffio; Sez. an-chessa Anna Maria Papa Gullotto, il Cav. Gerardo Salvatore Papa di tropologia Culturale: Carlos Enrique Berbeglia; Sez. cultura eRandazzo. Il Sindaco del Comune di Modica Piero Torchi Lucifera società: Fulvio Castellani; Sez. attività amministrativa: Giusep-s’è congratulato per la riuscita della manifestazione ed ha porto un pe Citarrella; Sez. Storia di Sicilia: Santi Correnti; Sez. am- biente e natura: Domenico Defelice; Sez. teatro: Carmelo De- petro; Sez. attualità: Vincenzo Fontana; Sez. scrittori stranieri:1 Nella foto: la direttrice del Convivio Enza Conti e Raffaella Francesca Giuliano”; Sez. religione e comunità ecclesiale: GinoFrasca Torchi Mandalà; Sez. scrittori siciliani: Angelo Manitta; Sez. metodo- 95
    • logia della ricerca: Salvatore Monti; Sez. scrittori contemporanei ita- Sangiovanni, Mina Antonelli, Renata Greco, Wladimiro Tomai-liani: Domenico Pisana; Sez. costume e tradizioni: Roberto Reggia- no, Angelo Moro Episcopo e Armando Giorgi. Segnalati: Ange-ni; Sez. scienze sociali: Tommaso Romano; Sez. arte contempo- la Aprile, Fausta Atanasio, Paola Barberi, Carmela Basile, Mariaranea: Sergio Sà; Sez. ricerche sociali: Vincenzo Scozzaro; Sez. Bella, Silvano Forte, Maria Gisella Giumento, Pasquale Marti-ricerca scientifica: Antonia Stanislao. nello, Maria Teresa Massavelli, don Ottavio Menato, Loredana Pistritto, Gaetano Quinci, Beatrice Torrente, Adelina Voltolina.Premio Poesia dialettale dell”AslaLa giuria composta da: Salvatore Cagliola (presidente), Rosa Gaz- Centro culturale Marco Tanzizara Siciliano, Giovanni Marletta, Francesco Romeo Guzzetta, Ugo I risultati del premio: 1° Luciana Tagle , 2° Giovanna Vizzari,Zingales, Rosa Anna Asaro (segretario) - ha assegnato il 1° premio a 3° Elio Andrioli. Segnalati: Beatrice Bausi, Giovanni Caso,Giovanni Noto per la poesia “Silenziu di petra”, il 2° premio a Sal- Condorcet Aranha (Brasile), Cristina di Lagopesole, Ivan Fede-vatore Nocita per la poesia “Vecchiu paisi”, il 3° premio a Marghe- li, Giovanna Fozzer, Patrizia Fazzi. Giuria: presidente prof.rita Neri per la poesia “La notti di San Giuliano”; sono stati premiati Vittorio Vettori. Componenti: Andrea Bolognesi, Simona Co-con menzione speciali: Matteo Formica, Francesco Leone e Giusep- sta, Giorgio Luti, Nazario Pardini. I risultati del premio poesiape Miceli. Menzione d’onore: Adriana Abbate Virga, Maria Grasso edita Marisa Priori. 1° Onano Rossano, 2° Sergio Calzone; 3°Conti, Maria Molinari, Agatina Motta, Antonella Pizzo. Segnalazio- Walter Rossi; Segnalati: Sante Ancona, Gaspare Bernardi,ne di merito: Giovanna Abbate, Santina Alessandro Palumbo, Fran- Duccia Camiciotti, Marco di Bari, Anna Maria Ferramosca,cesco Contorno, Rita Elia, Enrico D’Angelo, Rosa Maria di Salva- Marco Furia, Caterina Trombetti. Giudice unico: prof.ssa Ruthtore, Girolamo Squatrito. Cardemas. Premio di narrativa Livio Paoli. 1° Gabriele Bellucci, 2° Gioacchino Anastasi; 3° Lia Borina Sfilio. Segna-Premio internazionale Poesia Sicilia 2003 lati: Terza Agnoletti, Giovanna Gualdi, Angela Micaelli Batta-Risultati: La Giuria era composta dai giornalisti: Ugo Zingales (pre- ni, Marcello Fabbri, Francesco Tassinari, Gennaro Costanzo,sidente), Antonio Calcara, Mara Perloni, Giuseppe Martucci e Calo- Arianna De Corti. Giuria: popolare.gero Montanti. A Margherita Biondo il 1° premio per il libro Tetra-rchia degli elementi. Il 2° premio a Mino De Blasio per il libro Il vi- Premio Ungarettivere lirico; 3° premio a Brunella Mallia per il libro L’isola del so- Il centro studi AGORÁ rende noto i vincitori della V° edizionegno; 4° a Teresa Bettei per il libro Riflessi; 5° Maria Grasso Conti del premio Ungaretti. Sez. poesia italiana: 1° De Mola Carmen,per il libro Momenti. Menzione speciale a: Carlos Enrique Berbeglia, 2° Bartolucci Pierubaldo, 3° Gloria Venturini. Sez. poesiaGeroge Friedenkraft, Denis Koulentianos, Juliana Petrian, Costas dialettale: 1° Maieri Lugo Diana, 2° Muscetta Giuseppe, 3°Michelis Stamatis. Menzione speciale alla memoria: Nino Muccioli Gregorin Sergio. Il premio per la sez. giovani, dedicato a Pietroper il libro Voga nell’iride. Menzione d’onore: Andrea De Rosa, Aretino, è andato a Nunzia Di Falco. Premio della giuria a RisoLydia Galvano Quattrocchi, Lina Macari Missere, Pietro Nigro, Sil- Marilena, Olivotto Eliana, D’Alessandro Carla, Antonio Nicolò,via Ragazzini Martelli. Segnalazione di merito: Adriana Abbate Vir- Managò Marco, Borgogna Maria Francesca, Pirisi Cosimo,ga, Elena Angelini, Antonia Bifulco, Giorgina Busca Gernetti, Maria Penso Mara e Giambisi Barbara.Rosaria D’Alfonso, Liliana Mamo Ranzino, Maria Molinari, ElianaMontebello, Daniela Pericone. Premio regionale di poesia “Dono d’amore” Il Gruppo Donatori Volontari Sangue di Paternò, FIDAS diPremio Poesia inedita Sicilia 2003 (CT) rende noti i vincitori del Premio: Sezione A: Rina De Pa-La Giuria ha assegnato il 1°) premio Angela Ferro Quinci, 2°) Gian- ola (Cerro Al Volturno – IS), Armando Giorgi (GE), Pasqualinoni Vianello, 3°) Francesca Pagano, 4°) Alessandro Corsi, 5°) Lydia Merlino (Stra-VE), Carmelita Randazzo Nicotra (S. Pietro Cla-Galvano. La Menzione speciale e stata assegnata ad Autori stranieri: renza - CT), Assunta Oddi (Lugo Dei Marsi – AQ), Laura Leti-Rita Cappellucci, Wilson De Oliveira Jasa, Denis Koulentianos, zia (Capo D’Orlando – ME), Antonio Basile (Marano di Napo-Santiago Montobbio, Juliana Petrian, Franziska Radek Novak, Giu- li-NA), Mattia Badalucco Cavasino (TP), Marianna Simonettaseppe Ranieri, Zdenka Rose. Premiati con Menzione d’Onore: Gio- (Monreale–PA). Sezione B: Gabriella Gisotti Pirrone (PA),vanna Abbate, Teresa Bettei, Maria Pia Buccoleri, Salvatore Chiar- Francesca Rizzo (Paternò-CT), Rina De Paola (Cerro Al Vol-chiaro, Maria Rosaria D’Alfonso, Gabriella Gisotti Pirrone, Erman- turno-IS), Elisabetta Lombardo (CT), Filippo Rizza (ME) Ric-no Lombardo, Liliana Mamo Ranzino, Eliana Montebello, Giuseppe cardo Fragapane (Caltagirone-CT), Michelina Petrazzuoli (Alvi-Morfino Piccione, Carmela Tuccari. Segnalazione di Merito: Gio- gnano-LE), Marianna Simonetta (Monreale-PA), Filippo Secon-vanna Bartolomeo, Walter Brook, Chiara Filippone Melito, Paola do Zito (Agira – EN), Laura Letizia (Capo D’Orlando-ME). Se-Filizzola, Piero Giannone, Giuseppe Giglio, Teresa Giordano Baz- zione C: Alfonsina Campisano Cangemi (Caltagirone), Patriziazano, Carlo Lari, Giusy Maugeri, Liliana Patti, Angelo Rullini, Patanè Grasso (Acireale-CT), Michelangelo Grasso (Catena-Ninfa Sansone, Domenica Sindona Catanese. nuova-EN), Turi Marchese (Paternò-CT), Santino Franco Ca- ponnetto (CT), Angelo Cappello (Motta Sant’Anastasia-CT),Centro di cultura Salvatore Zuppardo Carlo Trovato (CT), Antonino Vinciguerra (CT). Sezione gio-I nomi dei vincitori del 4° Concorso nazionale di poesia La Gorgone vani: Ylenia Citino (Trecastagni - CT), Mariangela Miciottod’Oro. Sez. A poesia religiosa: 1° Agostino Bagordo, 2° Franco Ca- (Cefalù-PA), Desiré Palumbo (Paternò-CT), Gabriele Barba-sadei, 3° ex equo Sr. Barbara Ferrari e Giorgio Talio, 4° ex equo gallo (Castanea – ME), Gaetano Biondo (ME), Santa TorrisiLivio Furno Rosso e Carla Carloni Mocavero, 5° ex equo Claldia (Paternò – CT). Sezione giovani multimediale: Fabio GalvagnoRegnani, Ruggero Serra, 6° ex equo Milvia Lauro, Maria Stella (S. Maria Di Licodia – CT). La premiazione avverrà il 9 maggioBrancatisano, Romeo Battaglia, Germana Maggio, Maria Giovanna 2004 (e non il 2 maggio come annunciato nel bando) nell’Au-Mossa Trincas. Segnalati: Giuseppe Bagnasco, Alfonsina Campisa- ditorium “Don Milani” di Paternò (CT) alle ore 16.00.no Cancemi, Ciro Carfora, Grazia Cannata, Esmeralda Cernigliaro,Adriana Comollo, Silvana Crotti, Riccardo Di Pasquale, Silvano Concorso MesmerForte, Riccardo Fragapane, Pietro Fratta, Gianni Ianuale, Milvia Premiati: Adulti: 1° Claudio Zaninotto (Garlasco–PV), 2° De-Lauro, Vincenzo Macauda, Francesco Musante, Rosa Perna, Luisa metrio Nunnari (ME), 3°Antonio Nicolò (Marcianise-CE); Pre-Pestrin, Maria Rosa Pino, Alfredo Quinto, Roberta Rendini, Gianni mio Giovani Sergio Conti: Cuculiuc Ioan Daniel (Sansepolcro-Rescigno. Sez. B. poesia tema libero: 1° Giancarlo Interlandi, 2° AR). Premi Speciali della Giuria: Ivana Burattini (AN), CapriaGiovanni Caso, 3° ex equo Elena Cimino, Massimo Cassarà, 4° ex D’Aronco Renata (UD), Enza Calcagno (Arenzano- GE);equo Giuseppe Giacalone, Mara Librizzi, Rosa Perna, Luisa Pestrin, Premio sorpresa: Giovanna Maria Murgiano (CA). La pre-5° ex equo Paola Barberi, Domenico Luiso, Silvano Placenti, Anto- miazione sarà il 21 marzo p.v. alle ore 11 nella Galleria “Tinanietta Tafuri, Giuseppe Vetromile, 6° ex equo Livia Furno, Paolo Modotti”, ad Acerra, Piazza Montessori, 25. 96