• Save
Economia aziendale ed etica: un binomio possibile ed auspicabile
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Economia aziendale ed etica: un binomio possibile ed auspicabile

on

  • 648 views

Il file è scaricabile da http://www.thefinc.eu/index.php/eventi/83-presentazioni

Il file è scaricabile da http://www.thefinc.eu/index.php/eventi/83-presentazioni
(solo utenti registrati, registrazione gratuita)

Statistics

Views

Total Views
648
Views on SlideShare
645
Embed Views
3

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 3

http://www.linkedin.com 2
https://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Economia aziendale ed etica: un binomio possibile ed auspicabile Economia aziendale ed etica: un binomio possibile ed auspicabile Presentation Transcript

  • FinCthe ECONOMIA AZIENDALE ED ETICA: UN BINOMIO POSSIBILE ED AUSPICABILE MARCO GIORGINO Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano Direttore, the FinC www.thefinc.eu Milano, 10 giugno 2010
  • FinC AGENDAthe  Introduzione  Aspetti evolutivi  Aree di intervento  Corporate Governance ed Etica: un’analisi empirica 2
  • FinC FINANZA ETICA VS. ETICA NELLA FINANZAthe Oggi si parla molto di Finanza Etica con riferimento ai Fondi etici, ovvero fondi comuni di investimento che rispettano l’ambiente e i diritti umani I parametri di eticità sono diversi per diverse culture Ad esempio, i fondi etici:  escludono gli investimenti nel business delle armi, degli alcolici, del tabacco, della pornografia  investono esclusivamente in società senza scopo di lucro o che hanno un obiettivo sociale  devolvono una parte delle commissioni, o dei rendimenti ottenuti, a favore di enti non profit Ma c’è un’accezione più ampia del connubio tra Etica e Finanza: l’ETICA nella FINANZA 3
  • FinC LA FINANZA ETICAthe La finanza è etica quando smette di essere fine a se stessa e opera a supporto dell’economia reale, sostenendo le famiglie, le imprese e lo sviluppo economico La finanza non deve essere un fine, ma un mezzo 4
  • FinC AGENDAthe  Introduzione  Aspetti evolutivi  Aree di intervento  Corporate Governance ed Etica: un’analisi empirica 5
  • FinC PERCHÉ L’ETICA È NECESSARIA? 1/2the L’Etica è la scienza della morale, che governa i nostri costumi e guida l’azione degli uomini verso comportamenti buoni, giusti, o moralmente leciti La legalità non è sufficiente:  Le leggi vengono emanate post factum per evitare il riverificarsi di eventi inaccettabili già avvenuti; inoltre è un processo lento  Le leggi non possono essere perfette perché il legislatore non possiede una conoscenza perfetta del mercato in quanto i mercati stessi non sono perfetti (asimmetria informativa) L’Etica previene il verificarsi di comportamenti inappropriati e quindi di eventi inaccettabili 6
  • FinC PERCHÉ L’ETICA È NECESSARIA? 2/2the Il sistema finanziario è fondato sulla fiducia Il credit crunch è stata una crisi della fiducia Credito deriva dal latino credere: prestar fede, affidare, confidare Fonte: Il nuovo etimologico - Dizionario Etimologico della Lingua Italiana, M. Cortelazzo, P. Zolli , Zanichelli 7
  • FinC UN ESEMPIO: LO SCANDALO DEI DERIVATI AGLI ENTI PUBBLICI 1/2the Tipologia: contratti swap con opzioni digital Strumenti difficili da capire, molto remunerativi per chi li vende! Nati in UK: bonus di £100,000 a chi riusciva a “piazzarli” agli enti locali italiani 8
  • FinC LO SCANDALO DEI DERIVATI AGLI ENTI PUBBLICI 2/2the Com’è stato possibile?  Insufficienza regolamentare  Analfabetismo finanziario  “Leggerezza” degli impiegati degli enti pubblici …oltre ad una assoluta mancanza di etica da parte di alcuni operatori L’utilizzo dei contratti derivati da parte degli enti locali è regolato dal D.M. 389/2003 e dalla successiva Circolare del Ministero dellEconomia del 27/05/2004 Le opzioni digital non sono contemplate Gli operatori che hanno firmato i contratti ignoravano completamente la portata di questi prodotti e le relative conseguenze, nonostante tutti avessero firmato la dichiarazione attestante la loro qualifica di «operatori qualificati». Questa dichiarazione è sufficiente per esentare le banche da qualunque responsabilità 9
  • FinC LA CRISI FINANZIARIA IN BREVE 1/3the Dai mutui subprime, al fallimento di Lehman Brothers, al crollo dei mercati finanziari, alla crisi economica I bassi tassi d’interesse, l’eccesso di liquidità ed i prezzi delle case in continuo aumento, hanno causato la bolla speculativa dei mutui subprime Si riteneva che i prezzi delle case sarebbero aumentati indefinitamente 10
  • FinC LA CRISI FINANZIARIA IN BREVE 2/3the Il crollo dell’immobiliare negli USA ha minato il valore dei mutui, delle cartolarizzazioni e la solidità degli attivi delle banche commerciali Fonti: Haver Analytics e Bloomberg Indice Dow Jones 11
  • FinC LA CRISI FINANZIARIA IN BREVE 3/3the La crisi dei mercati finanziari si è subito trasferita all’economia reale Come conseguenza della crisi dei mercati finanziari, le banche hanno irrigidito ulteriormente gli standard di concessione del credito (credit crunch), causando così difficoltà alle imprese % Banche che ha applicato irrigidimenti (Area Euro) Fonte: ECB – The Euro Area Bank Lending Survey – Novembre 2008 12
  • FinC LE CAUSE DELLA CRISIthe  Regolazione delle banche inefficace  Controlli inefficaci e conflitti d’interesse (società di rating, sistema Basilea)  Problema di agenzia (sistemi di incentivazione)  Speculazione (veicoli fuori bilancio, ingegneria finanziaria)  Mancanza di trasparenza (opacità dei bilanci) 13
  • FinC IL COSTO DELLA CRISIthe La ripresa economica è stata possibile solo grazie a pesanti interventi da parte dei Governi di tutto il mondo, che però hanno peggiorato notevolmente i conti pubblici Fonte: World Economic Organization Come risanare le voragini aperte nei conti pubblici dalla crisi? Ad esempio, introducendo una tassazione delle transazioni finanziarie Si stima che una mini-tassa (0,05%) porterebbe un gettito di 655 miliardi l’anno su scala mondiale 14
  • FinC E OGGI? 1/2the I bilanci 2009 dell’industria italiana non sono rosei Bilancio 2009 del Top Industria1:  Fatturato -12%  Margine operativo netto (MON) -22%  Utile netto -37% I gruppi che registrano il calo più accentuato del MON sono Fiat (-72%), Buzzi Unicem (-59%), Mondadori (-53%), Cir (-48%), Tenaris (-47%), Mediaset (-39%), Eni (-33%), Prysmian (-32%), Impregilo (-31%), Italcementi (-25%), Luxottica e Geox (-22%) 1 Fonte: Mediobanca - Ricerche e Studi S.p.A. "R&S“. “Top Industria” è composto da: A2A, Atlantia, Autogrill, Bulgari, BuzziUnicem, Campari, Cir, Eni, Exxor, Fiat, Finmeccanica, Geox, Impregilo, Italcementi, Lottomatica, Luxottica, Mediaset, Mondadori, Parmalat, Pirelli&C., Prysmian, ST, Telecom Italia, Tenaris e Terna. 15
  • FinC E OGGI? 2/2the Anche le banche soffrono, ma si salvano grazie alle attività finanziarie Top Banche2:  Ricavi +2,5% Il margine d’intermediazione è  Risultato corrente: -32% stato sostenuto dagli utili della  Utile netto -26% negoziazione di titoli sul  Margine d’interesse: -7% mercato, grazie anche al  Commissioni nette totali: -6,5% positivo andamento delle Borse La Finanza è purtroppo ancora scollegata dall’economia reale Obama: “Alcuni a Wall Street hanno dimenticato che dietro ogni dollaro in borsa o investito, cè qualcuno che cerca di comprare una casa, di pagare degli studi, di aprire unattività o di economizzare per la pensione. Dunque, quel che accade qui ha conseguenze reali in tutto il Paese” 2Fonte: Mediobanca - Ricerche e Studi S.p.A. "R&S“. “Top Banche” è composto da: Banca Popolare di Milano, Banca Popolare di Sondrio, Bper (Banca Popolare dell’Emilia Romagna), Banco Popolare, Carige, Credito Valtellinese, IntesaSanpaolo, Mediobanca, Monte dei Paschi diSiena, Ubi, UniCredit. Questi gruppi rappresentano quasi il 60% del sistema bancario in base agli impieghi. 16
  • FinC CARITAS IN VERITATEthe «Tutta leconomia e tutta la finanza, non solo alcuni loro segmenti, devono, in quanto strumenti, essere utilizzati in modo etico così da creare le condizioni adeguate per lo sviluppo delluomo e dei popoli» «Gli operatori della finanza devono riscoprire il fondamento propriamente etico della loro attività per non abusare di quegli strumenti sofisticati che possono servire per tradire i risparmiatori. Retta intenzione, trasparenza e ricerca dei buoni risultati sono compatibili e non devono mai essere disgiunti» Infine il Pontefice chiede «tanto una regolamentazione del settore tale da garantire i soggetti più deboli e impedire scandalose speculazioni, quanto la sperimentazione di nuove forme di finanza destinate a favorire progetti di sviluppo» 17
  • FinC AGENDAthe  Introduzione  Aspetti evolutivi  Aree di intervento  Corporate Governance ed Etica: un’analisi empirica 18
  • FinC ETICA NELLA FINANZA: COME?the I risparmiatori devono essere tutelati:  con comportamenti aziendali corretti  favorendo la consapevolezza della clientela (awareness) Ci vogliono trasparenza e alfabetizzazione finanziaria! Tre aree di intervento:  Normativa, Controlli e Sanzioni  Incentivi  Istruzione 19
  • FinC NORMATIVA, CONTROLLI E SANZIONI 1/2 (SISTEMA FINANZIARIO)the Normativa Rafforzare la regolamentazione internazionale sul capitale delle banche e introdurre una disciplina prudenziale volta ad assicurare un patrimonio più robusto, una leva finanziaria più contenuta e a contenere i rischi di liquidità (Basilea 3) Introdurre disposizioni specifiche per gli intermediari sistemici, Systemically Important Financial Institutions (SIFI): ridurre la probabilità e l’impatto del fallimento; migliorare la capacità di gestire la crisi di gruppi articolati, attenuandone gli effetti sull’offerta di servizi finanziari essenziali; rafforzare le infrastrutture dei mercati per contenere i rischi di contagio (lavori in corso, FSB) Aumentare la trasparenza nei mercati regolamentati, introdurre regolamentazione nei mercati OTC Tutto deve essere coordinato a livello internazionale 20
  • FinC NORMATIVA, CONTROLLI E SANZIONI 2/2 (SISTEMA FINANZIARIO)the Controlli Riforma della Vigilanza finanziaria (European Systemic Risk Board, ESRB; European Supervisory Authorities, ESA) Agenzie di rating: ridurre la rilevanza dei rating nella supervisione, accrescere la concorrenza tra le agenzie di rating, controllare l’integrità dei loro processi decisionali e la trasparenza dei loro giudizi Conflitto d’interesse. Chi controlla i controllori? Sanzioni Nel breve periodo, sono l’unica strada 21
  • FinC INCENTIVIthe Bonus ai manager: è giusto avere un tetto? No, perché è necessario attrarre i bravi manager e per far ciò bisogna premiare le buone performance La remunerazione di un amministratore deve essere commisurata a:  Il contributo che egli dà in tema di competenze ed esperienza  La responsabilità di cui si fa carico  I rischi che assume per gestire un’azienda complessa  I rischi che fa correre all’azienda che gestisce  I risultati che è in grado di generare e per quanto tempo I bonus devono essere agganciati a risultati di medio-lungo periodo 22
  • FinC ISTRUZIONEthe Educazione finanziaria: Italia ultima della classe Fonte: rielaborazione Ambrosetti su dati IMD Nel Regno Unito la FSA ha investito 100 milioni di sterline nell’educazione finanziaria dei cittadini di tutte le fasce di età L’Etica richiede molto tempo per radicarsi nella cultura, bisogna investire sui giovanissimi 23
  • FinC AGENDAthe  Introduzione  Aspetti evolutivi  Aree di intervento  Corporate Governance ed Etica: un’analisi empirica 24
  • FinC ANALISI QUANTITATIVA DI CORPORATE GOVERNANCE: L’INDICE CGI DEL POLITECNICO DI MILANOthe La prima versione del CGI del Politecnico di Milano (2008) è nata per l’esigenza di offrire uno strumento in grado di valutare la Corporate Governance. In particolare gli obiettivi dell’indice sono:  fornire agli investitori istituzionali ed alle banche uno strumento di valutazione della governance delle aziende basato su un approccio quantitativo e oggettivo  dotare le imprese di uno strumento di auto-diagnosi e di benchmarking funzionale ad eventuali interventi migliorativi del proprio livello di “Corporate Governace” È evidente, più in generale, la logica di servizio al mercato che, attraverso questo indicatore, può essere valorizzata e può generare interessanti ritorni di immagine La versione del CGI del 2009 ha permesso di valutare la corporate governance con maggiore dettaglio e con una particolare attenzione all’efficacia oltre che alla presenza di particolari accorgimenti per un buon governo d’impresa 25
  • FinC L’INDICE CGI ED IL RAPPORTO CON L’ETICAthe L’indice di Corporate Governance permette di analizzare 4 dimensioni della corporate governance: board, remunerazioni, diritti degli stakeholder e azionisti, disclosure Alcuni aspetti valutati nel CGI sono direttamente riconducibili ai principi di un investimento etico, alcuni esempi di valutazione positive:  divieto di conflitti di interessi tra i consiglieri  remunerazioni del CEO “realmente” definite per il lungo termine  presenza di un codice etico  presenza di un bilancio ambientale  presenza di un bilancio sociale 26
  • FinC EVIDENZE CORPORATE GOVERNANCE 1/3the L’investimento in Corporate Governance, un’ analisi dei rendimenti: Stock picking basata sulla metodologia di valutazione della Corporate Governance sul segmento Standard e Star (Ritorni FTSE MIB vs portafoglio equipesato delle 5 migliori società vs portafoglio equipesato delle 5 peggiori società dal punto di vista della CG, valutazione CG sulle informazioni 2006, analisi dei rendimenti gennaio 2007 – giugno 2010) Fonte: Yahoo finance 27
  • FinC RELAZIONE TRA RENDIMENTI E CORPORATE GOVERNANCE 2/3the L’investimento in Corporate Governance, un’analisi del segmento Star: Analisi dello spread in termini di rendimento tra 2 portafogli (differenza dei ritorni (spread) tra un portafoglio equipesato che investe nelle 5 migliori società dal punto di vista della Governance ed un portafoglio che investe nelle 5 peggiori società dal punto di vista della Governance, valutazione CG sulle informazioni 2006, analisi dei rendimenti gennaio 2007 – giugno 2010) Fonte: Yahoo finance 28
  • FinC RELAZIONE TRA RENDIMENTI E CORPORATE GOVERNANCE 3/3the L’investimento in Corporate Governance, un’analisi del segmento Standard: Analisi dello spread in termini di rendimento tra 2 portafogli (differenza dei ritorni (spread) tra un portafoglio equipesato che investe nelle 5 migliori società dal punto di vista della Governance ed un portafoglio che investe nelle 5 peggiori società dal punto di vista della Governance, valutazione CG sulle informazioni 2006, analisi dei rendimenti gennaio 2007 – giugno 2010) Fonte: Yahoo finance 29
  • FinC CONTATTIthe Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Direttore, the FinC – the Finance Centre (www.thefinc.eu) marco.giorgino@polimi.it m.giorgino@thefinc.eu 30