Your SlideShare is downloading. ×
0
LA CAMPANIA E LE RETI DI
IMPRESA, NORMATIVA E
CASI DI SUCCESSO
A cura della dott.ssa Liliana Speranza consigliere ordine d...
IL RUOLO DEI
COMMERCIALISTI
Le nuove sfide della globalizzazione e le
problematiche dell’attuale lunga crisi economica
ha...
Reti d’impresa trattamento fiscale e contabile alla
luce delle recenti normative:
 decreti crescita (art 45 DL22/06/2012 ...
Agevolazioni fiscaliAgevolazioni fiscali
 L’agevolazione fiscale prevista in favore delle imprese che
sottoscrivono o ade...
Agevolazioni e limiti
 L’agevolazione inoltre, opera esclusivamente in sede di
versamento del saldo delle imposte sui red...
agevolazioni fiscaliagevolazioni fiscali
requisitirequisiti
 Obbligo di asseverazione del contratto di rete
 Agevolazion...
ComunicazioneComunicazione
all’Agenzia delle Entrateall’Agenzia delle Entrate
Modello ‘RETI’Modello ‘RETI’
 Invio modello...
Riconoscimento dell’agevolazione
 Una volta che l`Amministrazione Finanziaria avrà ottenuto ed
elaborato tutti i dati pre...
Programma di rete
 Gli investimenti previsti dal programma di rete possono
essere completamente realizzati anche successi...
Cessazione dei benefici fiscali
Il regime di sospensione di imposta viene
meno (e gli utili accantonati a suo tempo
conco...
Decisione della
Commissione europea
la Commissione europea, che con la decisione C
(2010) 8939 def. del 26 gennaio 2011, s...
circolare dell'Agenzia delle entrate 20E
del 18 giugno 2013
due grandi categorie di reti:
quelle "a contratto" o leggere...
Decreti crescita
 La riforma delle reti di imprese attuata con i decreti
crescita è segnata da un rafforzamento dell’auto...
D. L. 22 giugno 2012, n. 83 art. 45 (cosiddetto decreto
crescita), e poi dall’art. 36 del D.L 18 ottobre 2012, n.
179 (cos...
1. LA “RETE-SOGGETTO”
la possibilità per la rete dotata di fondo
patrimoniale comune di acquisire la soggettività
giuridi...
il profilo tributario:contratto
soggetto
L’acquisizione della soggettività giuridica delle
reti in esame comporta l’esist...
Art. 73, comma 2, del Testo unico
delle imposte sui redditi (Tuir),
Tra gli enti diversi dalle società, comprendono,
oltr...
Trattamento fiscale delle reti che
svolgono attività commerciale
Di conseguenza nel caso in cui le reti
soggetto eserciti...
soggetti passivi ai fini IRAP
le reti soggetto non esercitino l’attività
commerciale in via principale o esclusiva, le
st...
Imponibile IRAP
In merito alla determinazione della base
imponibile Irap si specifica che qualora le reti
soggetto rientr...
Imponibile IVA
Ai fini IVA, la rete-soggetto rientra tra i soggetti
nei cui confronti ricorre il resupposto soggettivo
di...
Obblighi fiscali e contabili
Al riguardo, si rappresenta che nella dichiarazione
di inizio attività per l’attribuzione di...
Rete: Esercizio esclusivo e
abituale dell’attività commerciali
 In particolare, la rete-soggetto che ha per oggetto esclu...
Conferimenti iniziali
 i conferimenti iniziali, nonché gli ulteriori eventuali
contributi successivi, che ciascuna impres...
Rete soggetto: Conferimento in
un soggetto “distinto”
Le imprese che costituiscono una rete-soggetto
non si impegnano a r...
La Commissione europea, con decisione
C(2010)8939 def. del 26 gennaio 2011
 viene meno la possibilità per le imprese part...
2. LA “RETE-CONTRATTO
 In particolare, con circolare n. 4/E del 15 febbraio 2011,
è stato chiarito che l’adesione al cont...
Nella rete-contratto assenza di
un’autonoma soggettività giuridica
L’assenza di un’autonoma soggettività giuridica e
gli ...
Organo e fondo comune
 Nella rete priva di soggettività giuridica, infatti, il fondo
comune – se esistente – costituisce ...
la diretta imputazione ai
singoli partecipanti
 Ai fini fiscali, l’imputazione delle singole operazioni
direttamente alle...
Riflessi fiscali sui singoli
partecipanti
Ciascuna impresa aderente alla rete, pertanto,
farà concorrere alla formazione ...
Conto corrente e ripartizione degli
interessi
un conto corrente acceso con il codice
fiscale della rete, gli interessi at...
L’IMPOSTA DI REGISTRO
Un cenno particolare merita l’imposta di
registro atteso che il contratto di rete di
imprese rientr...
Imposta registro reti soggetto
 reti–soggetto che svolgono attività commerciale sono
soggetti all’imposta la costituzione...
Imposta registro: reti contratto
Relativamente alle reti-contratto, si rende
applicabile, in linea generale, l’imposta di...
L’AGEVOLAZIONE FISCALE:
ULTERIORI CHIARIMENTI
 L’agevolazione fiscale prevista in favore delle imprese che
sottoscrivono ...
Requisiti beneficio fiscale
Il beneficio spetta a condizione che gli utili
di esercizio, siano vincolati alla
realizzazio...
ALCUNI DATI STATISTICI
1° TRIMESTRE 2013
(Fonte Osservatorio Intesa San
Paolo-Mediocredito Italiano)
Nel 1° trimestre 2013...
Le imprese partecipanti alle reti
hanno incrementato il fatturato
 Le imprese partecipanti alle reti hanno registrato un
...
Il nostro sistema industriale è caratterizzato da
una forte incidenza di Pmi: il 95% delle imprese,
infatti, occupa meno ...
Grazie Liliana Speranza
Occorre collaborare
per crescere
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Liliana Speranza, ODCEC Napoli, consigliere delegato

354

Published on

Il ruolo del Commercialista
La rete soggetto
La rete contratto

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
354
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of " Liliana Speranza, ODCEC Napoli, consigliere delegato"

  1. 1. LA CAMPANIA E LE RETI DI IMPRESA, NORMATIVA E CASI DI SUCCESSO A cura della dott.ssa Liliana Speranza consigliere ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Napoli Napoli, 9 luglio 2013
  2. 2. IL RUOLO DEI COMMERCIALISTI Le nuove sfide della globalizzazione e le problematiche dell’attuale lunga crisi economica hanno DA QUALCHE TEMPO portato alla ribalta il tema dei distretti produttivi e delle reti d’imprese, il ruolo di Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili è di tracciare le linee per permettere alle imprese di uscire dallo stretto ambito locale ed affrontare al meglio i mercati sia nazionale che internazionale.
  3. 3. Reti d’impresa trattamento fiscale e contabile alla luce delle recenti normative:  decreti crescita (art 45 DL22/06/2012 e 36 del DL18/10/2012)  circolare Agenzia dell’Entrate n.20 del 19 giugno 2013
  4. 4. Agevolazioni fiscaliAgevolazioni fiscali  L’agevolazione fiscale prevista in favore delle imprese che sottoscrivono o aderiscono a un contratto di rete consiste in un regime di sospensione di imposta di cui possono fruire gli utili d’esercizio accantonati ad apposita riserva e destinati alla realizzazione di investimenti previsti dal contratto asseverato.  Quindi, contrariamente a quanto inizialmente si auspicava e, purtroppo, come spesso avviene in Italia, Non si parla di detassazione degli utili, ma come detto di semplice differimento dell’imposta. Inoltre, la sospensione si applica esclusivamente ai fini delle imposte sui redditi e non opera ai fini dell’IRAP.  In merito poi alla determinazione dell’importo agevolabile è stabilito, altresì, che gli utili che non concorrono alla formazione del reddito non possono eccedere, in ogni caso, il limite di 1.000.000 di euro per ciascuna impresa della rete, nonché per ciascun periodo d’imposta in cui è consentito l’accesso all’agevolazione, fermo restando il limite complessivo pari a 14 milioni di euro per l’anno 2013.
  5. 5. Agevolazioni e limiti  L’agevolazione inoltre, opera esclusivamente in sede di versamento del saldo delle imposte sui redditi dovute per il periodo d’imposta riguardante l’esercizio cui si riferiscono gli utili destinati al fondo patrimoniale comune o al patrimonio destinato all’affare.  Per il periodo d’imposta successivo, l’acconto delle imposte dirette è calcolato assumendo come imposta del periodo precedente quella che si sarebbe calcolata con le regole ordinarie.  Si comprende bene cosa ciò finanziariamente comporti per le imprese, riducendo di fatto l’interesse nei confronti di questo strumento che, almeno sulla carta potrebbe, se adeguatamente incentivato, contribuire alla crescita dimensionale di molte PMI italiane.
  6. 6. agevolazioni fiscaliagevolazioni fiscali requisitirequisiti  Obbligo di asseverazione del contratto di rete  Agevolazione : regime di sospensione d’imposta sui redditi escluso IRAP  Limite di € 1.000.000 per impresa  Risorse stanziate : € 14.000.000 sia per il 2012 che per il 2013
  7. 7. ComunicazioneComunicazione all’Agenzia delle Entrateall’Agenzia delle Entrate Modello ‘RETI’Modello ‘RETI’  Invio modello dal 2 al 23 maggio
  8. 8. Riconoscimento dell’agevolazione  Una volta che l`Amministrazione Finanziaria avrà ottenuto ed elaborato tutti i dati presenti nei modelli "RETI" pervenuti, indicherà quale percentuale dell`agevolazione nominalmente spettante sarà riconosciuta a ciascun soggetto, dal momento, come detto, che i fondi destinati dallo Stato alle reti di imprese sono limitati.  In relazione al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2011 un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate ha riconosciuto alle imprese appartenenti a una delle reti d’impresa, riconosciute dall’articolo 42 del Dl 78/2010, il beneficio fiscale nella misura dell’86,5011 % del risparmio di imposta richiesto con il modello Reti. Il provvedimento ha spiegato che la misura del beneficio è dipesa dal rapporto tra il totale delle risorse stanziate per il 2012 che era pari a 14 milioni di euro, e l’importo del risparmio d’imposta complessivamente richiesto al Fisco con il modello Reti che, al 23 maggio 2012, aveva superato la quota di 16 milioni di euro.
  9. 9. Programma di rete  Gli investimenti previsti dal programma di rete possono essere completamente realizzati anche successivamente alla fruizione dell`agevolazione, purché` entro il termine del periodo d`imposta successivo a quello in cui gli utili sono stati accantonati (ex. utili accantonati a maggio del 2012: effettuazione degli investimenti entro fine del 2013).  Inoltre, non sarà necessario effettuare tutti gli investimenti previsti nel programma di rete, bensì solo quelli corrispondenti agli utili per i quali è stato accordato il beneficio della sospensione d`imposta  (ex. Il programma di rete prevede investimenti per 250, vengono accantonati utili per 190: quest`ultima e` la somma agevolata).
  10. 10. Cessazione dei benefici fiscali Il regime di sospensione di imposta viene meno (e gli utili accantonati a suo tempo concorrono alla formazione del reddito ai fini I.RE.S. o I.R.PE.F.) nell`esercizio in cui le riserve vengono utilizzate per scopi diversi dalla copertura di perdite, oppure, qualora venga meno il contratto di rete senza che siano stati portati a termine gli investimenti e dato compimento al programma di rete.
  11. 11. Decisione della Commissione europea la Commissione europea, che con la decisione C (2010) 8939 def. del 26 gennaio 2011, si è espressa ritenendo che la misura in favore delle reti di imprese non costituisce aiuto di Stato ai sensi dell’articolo 107, paragrafo 1, del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea.
  12. 12. circolare dell'Agenzia delle entrate 20E del 18 giugno 2013 due grandi categorie di reti: quelle "a contratto" o leggere e quelle "a soggetto" o pesanti viene attribuita, dopo il riconoscimento della soggettività giuridica (legge 221/2012), la soggettività tributaria e quindi la partita Iva.
  13. 13. Decreti crescita  La riforma delle reti di imprese attuata con i decreti crescita è segnata da un rafforzamento dell’autonomia negoziale delle parti, che possono ora scegliere tra  una rete-soggetto  rete-contratto.
  14. 14. D. L. 22 giugno 2012, n. 83 art. 45 (cosiddetto decreto crescita), e poi dall’art. 36 del D.L 18 ottobre 2012, n. 179 (cosiddetto decreto crescita-bis Per la prima volata la possibilità, per le reti dotate di fondo patrimoniale comune, di acquisire su base volontaria un’autonoma soggettività giuridica. Le imprese della rete, infatti, mediante l’iscrizione nella sezione ordinaria del registro delle imprese nella cui circoscrizione è stabilita la sede della “rete”, danno vita ad un nuovo soggetto di diritto, giuridicamente autonomo rispetto alle singole imprese aderenti al contratto.
  15. 15. 1. LA “RETE-SOGGETTO” la possibilità per la rete dotata di fondo patrimoniale comune di acquisire la soggettività giuridica, facoltativa e condizionata all’iscrizione del contratto di rete nella sezione ordinaria del registro delle imprese nella cui circoscrizione è stabilita la sede. La rete di imprese, per effetto dell’iscrizione diviene un nuovo soggetto di diritto (rete- soggetto) e, in quanto autonomo centro di imputazione di interessi e rapporti giuridici, acquista rilevanza anche dal punto di vista tributario.
  16. 16. il profilo tributario:contratto soggetto L’acquisizione della soggettività giuridica delle reti in esame comporta l’esistenza di un soggetto dotato di capacità giuridica tributaria autonoma rispetto alla capacità giuridica delle singole imprese partecipanti: ai fini del prelievo fiscale, La rete-soggetto, esprime una propria forza economica ed è in grado di realizzare, in modo unitario e autonomo, il presupposto d’imposta. qualora la rete acquisisca soggettività giuridica, la stessa diventa un autonomo soggetto passivo di imposta con tutti i conseguenti obblighi tributari previsti ex lege in materia di imposte dirette ed indirette.
  17. 17. Art. 73, comma 2, del Testo unico delle imposte sui redditi (Tuir), Tra gli enti diversi dalle società, comprendono, oltre alle persone giuridiche, le associazioni non riconosciute, consorzi e le altre organizzazioni non appartenenti ad altri soggetti passivi, nei confronti delle quali il presupposto dell'imposta si verifica in modo unitario e autonomo”. La rete-soggetto costituisce, infatti, una organizzazione non appartenente ad altri soggetti, nei confronti della quale il presupposto di imposta si verifica in maniera unitaria e autonoma.
  18. 18. Trattamento fiscale delle reti che svolgono attività commerciale Di conseguenza nel caso in cui le reti soggetto esercitino l’attività commerciale in via principale o esclusiva, le stesse rientrano tra gli enti commerciali di cui al citato articolo 73, comma 1, lettera b), e si rendono applicabili le disposizioni relative alla “Determinazione della base imponibile delle società e degli enti commerciali residenti”, di cui agli articoli 81 e seguenti del citato Testo unico.
  19. 19. soggetti passivi ai fini IRAP le reti soggetto non esercitino l’attività commerciale in via principale o esclusiva, le stesse rientrano tra gli enti non commerciali di cui al citato articolo 73, comma 1, lettera c), Ai fini Irap, ai sensi del combinato disposto degli articoli 2 e 3 gli enti di cui alle citate lettere b) e c) dell’articolo 73, comma 1, del Tuir, sono, in ogni caso, soggetti passivi d'imposta in relazione all’attività esercitata.
  20. 20. Imponibile IRAP In merito alla determinazione della base imponibile Irap si specifica che qualora le reti soggetto rientrino tra gli enti commerciali di cui al citato articolo 73, comma 1, lettera b), del Tuir si rendono applicabili le disposizioni di cui all’articolo 5 del decreto legislativo n. 446 del 1997, mentre nel caso in cui le stesse rientrino tra gli enti non commerciali di cui al citato articolo 73, comma 1, lettera c), del Tuir si rendono applicabili le disposizioni recate dall’articolo 10 del decreto legislativo n. 446 del 1997.
  21. 21. Imponibile IVA Ai fini IVA, la rete-soggetto rientra tra i soggetti nei cui confronti ricorre il resupposto soggettivo di cui all’articolo 4 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, fermo restando che l’applicabilità in concreto della stessa imposta dipende anche dal verificarsi degli altri due presupposti (oggettivo e territoriale). La soggettività passiva ai fini IVA comporta l’attribuzione di un numero di partita IVA proprio della rete con la conseguenza che gli eventuali adempimenti
  22. 22. Obblighi fiscali e contabili Al riguardo, si rappresenta che nella dichiarazione di inizio attività per l’attribuzione di partita IVA, le reti-soggetto dovranno utilizzare nel modello AA7/10 il codice “59 – Rete di imprese”, per l’indicazione della natura giuridica. Si rappresenta, inoltre, che la rete-soggetto, rientrando tra i soggetti di cui all’articolo 13 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, è obbligata alla tenuta delle scritture contabili.
  23. 23. Rete: Esercizio esclusivo e abituale dell’attività commerciali  In particolare, la rete-soggetto che ha per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali rientra tra gli enti di cui alla lettera b), comma 1, del citato articolo 13 ed è, pertanto, obbligata alla tenuta delle scritture contabili di cui ai successivi articoli 14, 15 e 16.  Invece, la rete-soggetto che non ha per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali rientra tra gli enti di cui alla lettera g), comma 1, dell’articolo 13 ed è, pertanto, obbligata, ai sensi del successivo articolo 20, alla tenuta delle scritture contabili di cui agli articoli 14, 15 e 16, relativamente all’eventuale attività commerciale esercitata.
  24. 24. Conferimenti iniziali  i conferimenti iniziali, nonché gli ulteriori eventuali contributi successivi, che ciascuna impresa partecipante si impegna a versare al fondo patrimoniale comune, costituiscono un apporto “di capitale proprio” in un nuovo soggetto.  Le imprese che costituiscono una rete-soggetto non si impegnano a realizzare “direttamente” gli investimenti previsti dal programma comune, mediante la destinazione – “ideale” – al fondo patrimoniale di una quota di utili ma, sottoscrivendo il contratto, si impegnano ad effettuare dei conferimenti in un soggetto “distinto” cui compete l’effettiva realizzazione degli investimenti previsti dal programma di rete.
  25. 25. Rete soggetto: Conferimento in un soggetto “distinto” Le imprese che costituiscono una rete-soggetto non si impegnano a realizzare “direttamente” gli investimenti previsti dal programma comune, mediante la destinazione – “ideale” – al fondo patrimoniale di una quota di utili ma, sottoscrivendo il contratto, si impegnano ad effettuare dei conferimenti in un soggetto “distinto” cui compete l’effettiva realizzazione degli investimenti previsti dal programma di rete.
  26. 26. La Commissione europea, con decisione C(2010)8939 def. del 26 gennaio 2011  viene meno la possibilità per le imprese partecipanti al contratto di fruire dell’agevolazione fiscale prevista dall’articolo 42, comma 2quater, del decreto legge n. 78 del 2010, atteso che la stessa è condizionata alla realizzazione degli investimenti previsti dal programma di rete da parte delle “imprese che sottoscrivono o aderiscono a un contratto di rete”.  In tal senso, la Commissione europea, con decisione C(2010)8939 def. del 26 gennaio 2011, ha ritenuto che la misura fiscale in esame non costituisce aiuto di Stato, nel presupposto che la rete di imprese non può essere considerata una entità distinta e non ha personalità giuridica autonoma.
  27. 27. 2. LA “RETE-CONTRATTO  In particolare, con circolare n. 4/E del 15 febbraio 2011, è stato chiarito che l’adesione al contratto di rete non comporta l’estinzione, né la modificazione della soggettività tributaria delle imprese che aderiscono all’accordo, né l’attribuzione di soggettività tributaria alla rete risultante dal contratto stesso.  Tale impostazione è stata confermata con la risoluzione n. 70/E del 30 giugno 2011, con la quale è stato chiarito che alla rete può essere attribuito un proprio codice fiscale, visto che l’iscrizione all’Anagrafe tributaria è consentita anche alle organizzazioni di persone e di beni prive di personalità giuridica.
  28. 28. Nella rete-contratto assenza di un’autonoma soggettività giuridica L’assenza di un’autonoma soggettività giuridica e gli atti posti in essere in esecuzione del programma di rete producano i loro effetti direttamente nelle sfere giuridico-soggettive dei partecipanti alla rete. Nella rete-contratto la titolarità di beni, diritti, obblighi ed atti è riferibile, quota parte, alle singole imprese partecipanti; sebbene l’organo comune possa esercitare una rappresentanza unitaria nei confronti dei terzi.
  29. 29. Organo e fondo comune  Nella rete priva di soggettività giuridica, infatti, il fondo comune – se esistente – costituisce un complesso di beni e diritti destinato alla realizzazione del programma comune di rete e i rapporti tra gli imprenditori partecipanti al contratto di rete e l’organo comune sono riconducibili alla figura del mandato con rappresentanza incaricato dell’esecuzione del contratto.  una o più parti di esso -che agisce in veste di mandatario con rappresentanza dei contraenti -produce effetti giuridici direttamente nelle sfere individuali dei singoli rappresentati.
  30. 30. la diretta imputazione ai singoli partecipanti  Ai fini fiscali, l’imputazione delle singole operazioni direttamente alle imprese partecipanti si traduce nell’obbligo di fatturare da parte di queste ultime ed a queste ultime, rispettivamente, le operazioni attive e passive poste in essere dall’organo comune. Per i beni acquistati ed i servizi ricevuti nell’esecuzione del programma di rete, il fornitore dovrà, pertanto, emettere tante fatture quanti sono i partecipanti rappresentati dall’organo comune, intestate a ciascuno di essi e con l’indicazione della parte di prezzo ad essi imputabile.  Specularmente per le vendite e le prestazioni di servizi effettuate dall’organo comune, ciascun partecipante dovrà emettere fattura al cliente per la quota parte del prezzo a sé imputabile.
  31. 31. Riflessi fiscali sui singoli partecipanti Ciascuna impresa aderente alla rete, pertanto, farà concorrere alla formazione del proprio risultato di periodo i costi che ha sostenuto e i ricavi che ha realizzato per l’attuazione del programma di rete, a prescindere dall’esistenza o meno di un organo comune dotato di poteri di rappresentanza. Ne deriva che, ai fini fiscali, i costi ed i ricavi derivanti dalla partecipazione ad un contratto di rete saranno deducibili o imponibili dai singoli partecipanti secondo le regole impositive fissate dal testo unico ed andranno indicati nella dichiarazione degli stessi.
  32. 32. Conto corrente e ripartizione degli interessi un conto corrente acceso con il codice fiscale della rete, gli interessi attivi sono riferibili pro quota a ciascuna impresa partecipante in proporzione ai conferimenti effettuati.
  33. 33. L’IMPOSTA DI REGISTRO Un cenno particolare merita l’imposta di registro atteso che il contratto di rete di imprese rientra tra gli atti soggetti a registrazione ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera a), del D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131.
  34. 34. Imposta registro reti soggetto  reti–soggetto che svolgono attività commerciale sono soggetti all’imposta la costituzione e l’aumento del capitale o patrimonio “delle società di qualunque tipo ed oggetto e degli enti diversi dalle società, compresi i consorzi, le associazioni.  reti–soggetto che non svolgono attività commerciale trovano applicazione le disposizioni dettate dagli articoli della Tariffa, parte prima, allegata al citato D.P.R. n. 131 del 1986. In via residuale, trova applicazione l’articolo 9 secondo cui l’imposta di registro è dovuta nella misura del 3 per cento “per gli atti diversi da quelli altrove indicati aventi ad oggetto prestazioni a contenuto patrimoniale”.
  35. 35. Imposta registro: reti contratto Relativamente alle reti-contratto, si rende applicabile, in linea generale, l’imposta di registro in misura fissa prevista all’articolo 11 della Tariffa, parte prima, pari ad euro 168,00, per gli atti pubblici o scritture private autenticate non aventi per oggetto atti a contenuto patrimoniale.
  36. 36. L’AGEVOLAZIONE FISCALE: ULTERIORI CHIARIMENTI  L’agevolazione fiscale prevista in favore delle imprese che sottoscrivono o aderiscono a un contratto di rete consiste in un regime di sospensione di imposta di cui possono fruire gli utili d’esercizio accantonati ad apposita riserva e destinati alla realizzazione di investimenti previsti dal contratto asseverato.  Quindi, contrariamente a quanto inizialmente si auspicava e, purtroppo, come spesso avviene in Italia, Non si parla di detassazione degli utili, ma come detto di semplice differimento dell’imposta. Inoltre, la sospensione si applica esclusivamente ai fini delle imposte sui redditi e non opera ai fini dell’IRAP.
  37. 37. Requisiti beneficio fiscale Il beneficio spetta a condizione che gli utili di esercizio, siano vincolati alla realizzazione, entro l’esercizio successivo, degli investimenti previsti dal programma comune di rete. gli utili d’esercizio accantonati ad apposita riserva e destinati alla realizzazione di investimenti previsti dal programma comune di rete, preventivamente asseverato.
  38. 38. ALCUNI DATI STATISTICI 1° TRIMESTRE 2013 (Fonte Osservatorio Intesa San Paolo-Mediocredito Italiano) Nel 1° trimestre 2013 sono state costituite 94 nuove reti d’imprese con la partecipazione di 455 realtà imprenditoriali; Le Regioni più attive sono : LOMBARDIA – EMILIA ROMAGNA - TOSCANA
  39. 39. Le imprese partecipanti alle reti hanno incrementato il fatturato  Le imprese partecipanti alle reti hanno registrato un aumento di fatturato del 10,1%; le imprese non in rete hanno registrato un aumento di fatturato del 4,6%.  Tra i macro settori più rappresentati nelle reti d’impresa, primeggiano l’industria e i servizi. Questi due settori rappresentano il 76,1% delle imprese in rete.  Numerose risultano anche le reti impegnate nella filiera delle Costruzioni e dell'Agroalimentare, soprattutto nelle regioni del Sud Italia.
  40. 40. Il nostro sistema industriale è caratterizzato da una forte incidenza di Pmi: il 95% delle imprese, infatti, occupa meno di 10 dipendenti (fonte Banca d'Italia). Lo sviluppo delle Pmi è un problema di politica economica, in quanto dalla tenuta delle aziende di minori dimensioni dipendono la stabilità dell'occupazione nel sistema industriale e la crescita del PIL.
  41. 41. Grazie Liliana Speranza Occorre collaborare per crescere
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×