Your SlideShare is downloading. ×
Il porting da piattaforme Sun SPARC a RHEL su x86
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il porting da piattaforme Sun SPARC a RHEL su x86

403
views

Published on

Il TechAdvisor Babel Michelangelo Uberti affronta un argomento oggi cruciale per molte aziende: "Il porting da piattaforme Sun SPARC a RHEL su x86". Partendo dal momento difficile per Clienti e …

Il TechAdvisor Babel Michelangelo Uberti affronta un argomento oggi cruciale per molte aziende: "Il porting da piattaforme Sun SPARC a RHEL su x86". Partendo dal momento difficile per Clienti e Partner derivante dall'acquisizione di Sun Microsystems da parte di Oracle, il TechAdvisor spiega i vantaggi, gli eventuali problemi e i passi da seguire per realizzare una piattaforma mission-critical basata su Red Hat Enterprise Linux per architetture x86.

I punti trattati durante la presentazione sono stati:
> La nostra storia: Babel e Sun Microsystems
> Le conseguenze dell’acquisizione di Sun
> L’opportunità offerta dai sistemi Intel x86
> Red Hat Enterprise Linux, l’outsider
> L’offerta di Babel e IBM
> Il piano di migrazione
> Quali componenti è possibile migrare?
> Aree di intervento
> Caso di successo

Per saperne di più, scaricate l’articolo o guardate il video integrale dell’intervento ripreso durante il Red Hat Symposium Open Source Day 2012.

http://www.babel.it/it/centro-risorse/2012/06/21/54--il-porting-da-piattaforme-sun-sparc-a-rhel-su-x86.html

Published in: Technology

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
403
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Il porting da piattaformeSun SPARC a RHEL su x86Michelangelo UbertiBabel - Sales Engineer
  • 2. AGENDA  La nostra storia  Le conseguenze dell’acquisizione di Sun  L’opportunità offerta dai sistemi Intel x86  Red Hat Enterprise Linux, l’outsider  L’offerta di Babel e IBM  Il piano di migrazione  Quali componenti è possibile migrare?  Aree di intervento  Caso di successo2 MICHELANGELO UBERTI
  • 3. La nostra storia  Fondata nel 1994 da un gruppo di sistemisti Unix  Dal 1996 al 2009 è stata il “braccio armato” di Sun Microsystems presso numerose realtà italiane  System integrator specializzato nella realizzazione di infrastrutture per il mercato delle telco Il rapporto con Red Hat:  Red Hat Premier Business Partner  Red Hat Advanced ISV Partner per Mailware Collaboration Suite3 MICHELANGELO UBERTI
  • 4. Le conseguenze dell’acquisizione di Sun  L’acquisizione di Sun da parte di Oracle conclusasi a inizio 2010 ha causato una drastica riduzione delle attività progettuali abitualmente erogate da Sun  A fine 2010 Babel è diventata Quali conseguenze a breve termine?  i Partner hanno perso fatturato  i Clienti hanno perso il supporto on-site  i Competitor ne hanno approfittato4 MICHELANGELO UBERTI
  • 5. Le conseguenze dell’acquisizione di SunSupporto di terze parti? Cambio di tecnologia? Partner storici di Sun  Sostituzione HW Competitor  Migrazione del SW …nessun supporto?  Formazione del personale 5 MICHELANGELO UBERTI
  • 6. L’opportunità offerta dai sistemi Intel x86 Scalabilità orizzontale Vs. Scalabilità verticale Economicità Virtualizzazione6 MICHELANGELO UBERTI
  • 7. Red Hat Enterprise Linux, l’outsider Anni fa era opinione comune che l’approccio comunitario fosse al contempo il più grande vantaggio e il principale limite delle tecnologie open source. Le idee vincenti di Red Hat:  Contribuire allo sviluppo comunitario e definire delle roadmap precise  Pacchettizzare il software ed introdurre delle funzionalità dedicate al mercato enterprise  Distribuire patch e software mediante repository privati gestiti direttamente dal vendor  Supporto tecnico multicanale (web, mail, telefono)  Offrire delle garanzie legali sul software licenziato7 MICHELANGELO UBERTI
  • 8. L’offerta di Babel e IBM  L’hardware basato su architettura x86 è un’alternativa  Red Hat Enterprise Linux è un’alternativa Cosa manca? Mancano solo i servizi di migrazione! + =8 MICHELANGELO UBERTI
  • 9. Il piano di migrazione 1. Analisi preliminare  individuazione dei requisiti e degli obiettivi tecnici/economici del Cliente  individuazione del perimetro di migrazione 2. Assessment e progettazione  definizione dell’approccio e del relativo piano di migrazione  dimensionamento dell’infrastruttura di destinazione  esportazione della stima relativa a tempi e costi del progetto 3. Migrazione  set-up delle nuove componenti infrastrutturali (server, storage, network)  migrazione dei sistemi operativi, del middleware, delle applicazioni custom  migrazione dei dati  collaudo Cliente9 MICHELANGELO UBERTI
  • 10. Quali componenti è possibile migrare? A livello teorico la risposta alla domanda è… tutto! Conviene migrare tutta l’infrastruttura o solo alcune componenti? Dipende…10 MICHELANGELO UBERTI
  • 11. Provate a rispondere a queste domande: 1. Quanto costa in termini di mq, BTU, kWh, etc.? 2. Quanto costano le licenze? 3. E’ ancora possibile rinnovare il servizio di assistenza e manutenzione? 4. La componente è obsoleta e quindi non è più riparabile o scalabile? 5. Il suo utilizzo impedisce l’adozione di nuovi prodotti o tecnologie in quanto incompatibili? 6. Opera su protocolli e/o interfacce standard e pertanto potrebbe essere sostituita senza impatti significativi?11 MICHELANGELO UBERTI
  • 12. Aree di intervento  Hardware (server, storage & backup, networking, etc.)  Sistema Operativo (clustering, storage management, backup, disaster recovery, etc.)  Middleware (application server, directory server, etc.)  Database (Oracle, DB2, etc.)  Messaging & Collaboration (MTA, mailbox store, webmail, etc.)  Applicazioni custom sviluppate in C, C++, Java, etc.12 MICHELANGELO UBERTI
  • 13. Aree di intervento SORGENTE DESTINAZIONE SPARC - Solaris x86 - RHEL Oracle SPARC M-Series IBM xSeries rackable e Oracle SPARC T-Series BladeCenter Oracle Sun Blade x86 e SPARC Oracle Sun Fire x86 e SPARC Hardware Oracle StorageTek IBM System Storage Oracle SAN & NAS Storage IBM System Storage IBM Storwize Oracle Solaris 9 Red Hat Enterprise Linux 6.x Oracle Solaris 10 Oracle Solaris 11 Sistema Oracle Solaris Cluster Red Hat Cluster Suite Operativo Symantec Veritas Cluster Server Symantec Veritas Cluster Server Oracle Solaris Containers RHEV 3.x Oracle VM Server Citrix XenServer13 MICHELANGELO UBERTI
  • 14. Aree di intervento SORGENTE DESTINAZIONE SPARC - Solaris x86 - RHEL Symantec Veritas NetBackup Symantec Veritas NetBackup Zmanda Sistema Amanda Operativo Bacula Oracle Solaris Volume Manager Linux Volume Manager (LVM) Symantec Veritas Volume Manager Sun Directory Server Red Hat Directory Server 389.org (ex Fedora DS) OpenLDAP Apache Directory Server Middleware Sun Java System AS JBoss Application Server Oracle GlassFish Server Apache Webserver Oracle iPlanet Webserver Apache Tomcat Oracle WebLogic Server Apache TomEE14 MICHELANGELO UBERTI
  • 15. Aree di intervento SORGENTE DESTINAZIONE SPARC - Solaris x86 - RHEL Apache Webserver Apache Webserver Middleware SAP ERP SAP ERP Oracle 9i Oracle 9i Oracle 10g (R1 o R2) Oracle 10g (R1 o R2) Oracle 11g (R1 o R2) Oracle 11g (R1 o R2) Database IBM DB2 IBM DB2 MySQL 4.x MySQL 5.x MySQL 5.x Sun Java Messaging Babel Mailware Collaboration Suite Messaging & Oracle Communication Suite Prodotti commerciali su Linux Collaboration CriticalPath Integrazioni open source custom Openwave Email Mx15 MICHELANGELO UBERTI
  • 16. Caso di successo TWT S.p.A., operatore di telecomunicazioni indipendente, ha scelto Babel come partner per la migrazione della propria piattaforma di Posta Elettronica Certificata che ospita oltre 20mila utenti verso tecnologie open source. Fabrizio Amodio, IT manager di TWT, racconta: “Recenti cambiamenti di mercato, tra cui lacquisizione del precedente vendor di tecnologia, ci hanno spinto a valutare soluzioni alternative, che garantissero un elevato livello di supporto e contestualmente consentissero di ridurre sensibilmente le spese annuali connesse alla gestione del sistema”. "Nelle fasi preliminari abbiamo coinvolto Babel per analizzare dettagliatamente i vincoli esistenti e condividere gli obiettivi che avrebbero dovuto guidare il progetto di migrazione. […] La scelta ci permette oggi di garantire la massima interoperabilità tra le componenti, dosando le risorse con modularità, facendo leva sulle potenzialità interne per contrastare lincidenza dei canoni annuali e acquisendo di fatto maggiore competitività nella nostra offerta di servizi”.16 MICHELANGELO UBERTI
  • 17. Grazie per l’attenzione!Visitate www.babel.it

×