Ong best practices

2,096 views

Published on

Published in: Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,096
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
44
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ong best practices

  1. 1. Best  Practices  nei  siti  web  delle  ONG  italiane   1 Donato  Francavilla     Riassunto   Questa nota presenta alcune best practices tratte dai siti delle ONG italiane accreditate al Ministero degli Affari Esteri. Le best practices esaminate sono relative alle sezioni tipiche dei siti delle ONG: presentazione dell’associazione e dei suoi progetti, reclutamento dei volontari, fund-raising, ecc.   Indice   Introduzione .................................................................................................................................................. 4   Presentazione dell’associazione (es. Chi Siamo).......................................................................................... 4   1. Soleterre ...........................................................................................................................4   2. Azione Mondo Unito ........................................................................................................6   3. Ucodep .............................................................................................................................7   5. Wwf ..................................................................................................................................9   Comunicazione e Obiettivi del Sito ............................................................................................................ 10   1. Soleterre .........................................................................................................................10   2. Ucodep ...........................................................................................................................11   3. Cefa ................................................................................................................................12   4. Wwf ................................................................................................................................13   5. Unicef .............................................................................................................................14   Descrizione dei Progetti.............................................................................................................................. 15   1. Africa Mission ................................................................................................................15   2. ProgettoMondo Mlal ......................................................................................................16   3. Amici dei Bambini .........................................................................................................16   4. Engim Internazionale......................................................................................................18   5. Noi per Loro ...................................................................................................................19   6. Amref .............................................................................................................................20                                                                                                                             1 Questo documento è estratto dalla tesi di laurea magistrale in Teoria e Tecnologia della comunicazione di Donato Francavilla: "Analisi dei siti web delle ONG italiane", Università degli studi di Milano Bicocca, Relatore: Prof. Roberto Polillo, Contro-relatore: Prof.Piero Schiavo Campo, A.A. 2008 - 2009. Il testo di questo documento è reso disponibile con licenza Creative Commons “attribuzione, non commerciale, condividi allo stesso modo”: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/legalcode. La licenza non si estende alle immagini (screen shot dei siti Web citati, e altro), i cui diritti sono in capo ai rispettivi proprietari. 1    
  2. 2. 7. Centro Sviluppo Terzo Mondo .......................................................................................20   Reclutamento Volontari .............................................................................................................................. 22   1. Unicef .............................................................................................................................22   2. Ibo Italia .........................................................................................................................22   3. Asia Onlus ......................................................................................................................24   4. Cesvi...............................................................................................................................25   5xMille........................................................................................................................................................ 27   1. Soleterre .........................................................................................................................27   2. Centro Sviluppo Terzo Mondo .......................................................................................28   Donazioni Online ........................................................................................................................................ 29   1. Amref .............................................................................................................................29   2. Celim ..............................................................................................................................30   3. Cooperazione Internazionale ..........................................................................................32   4. Care & Share ..................................................................................................................34   5. Cooperazione Internazionale Sud Sud............................................................................37   6. Centro Italiano Aiuti all’Infanzia....................................................................................37   E-commerce ................................................................................................................................................ 38   1. Cooperazione Internazionale ..........................................................................................38   2. Terre des hommes Italia .................................................................................................40   3. Unicef .............................................................................................................................41   Calendario degli Eventi............................................................................................................................... 43   1. Unicef .............................................................................................................................43   2. Cooperazione Internazionale ..........................................................................................45   Newsletter e RSS Feed................................................................................................................................ 46   1. Cooperazione Internazionale ..........................................................................................46   2. Istituto Progetto Sud .......................................................................................................47   Form per l’iscrizione alla newsletter ..................................................................................47   3. Wwf ................................................................................................................................47   4. Amici dei Bambini .........................................................................................................48   Social Network............................................................................................................................................ 49   1. Cooperazione Internazionale ..........................................................................................49   2. Wwf ................................................................................................................................49   3. Unicef .............................................................................................................................50   2    
  3. 3. 4. Avsi ................................................................................................................................51   Localizzazione ............................................................................................................................................ 53   1.Soleterre ..........................................................................................................................53   2. Wwf ................................................................................................................................54   3. Unicef .............................................................................................................................55   Indice dei Siti .............................................................................................................................................. 57   Unicef (Quarto Quartile) ....................................................................................................57   Africa Mission (Primo Quartile).........................................................................................57   Amici dei Bambini (Quarto Quartile).................................................................................57   Amref (Quarto Quartile).....................................................................................................58   Asia Onlus (Quarto Quartile) .............................................................................................58   Avsi (Terzo Quartile) .........................................................................................................59   Azione Mondo Unito (Secondo Quartile)...........................................................................59   Care & Share (Terzo Quartile) ...........................................................................................60   Cefa Onlus (Terzo Quartile) ...............................................................................................60   Celim (Quarto Quartile) .....................................................................................................61   Cesvi (Terzo Quartile) ........................................................................................................61   Centro Sviluppo Terzo Mondo (Quarto Quartile) ..............................................................62   Centro Italiano Aiuti all’Infanzia (Quarto Quartile) ...........................................................62   Cooperazione Internazionale Sud Sud (Quarto Quartile) ...................................................63   Cooperazione Internazionale (Quarto Quartile)..................................................................63   Engim Internazionale (Quarto Quartile) .............................................................................64   IBO Italia (Terzo Quartile) .................................................................................................64   Noi Per Loro (Terzo Quartile) ............................................................................................65   ProgettoMondo Mlal (Quarto Quartile)..............................................................................65   Progetto Sud (Terzo Quartile) ............................................................................................66   Soleterre (Quarto Quartile).................................................................................................66   Terre des Hommes Italia (Quarto Quartile) ........................................................................67   Ucodep (Quarto Quartile)...................................................................................................67   Wwf (Quarto Quartile) .......................................................................................................68   3    
  4. 4. Introduzione   Una best practice riferita al web è un esempio di buona progettazione delle caratteristiche di un sito. Per le Ong è importante dare risalto a quelle che riguardano da vicino il mondo del volontariato non-profit e della cooperazione internazionale, che sono: • presentare i propri valori e la propria immagine; • ottenere finanziamenti da donatori privati e aziende; • far conoscere ad un vasto numero di persone le attività dell’Ong, con aggiornamenti dai luoghi intervento; • reclutare volontari e professionisti da impiegare nei progetti. L’analisi seguente è stata condotta non su tutti gli aspetti presenti in un sito web generico (su questo esiste da anni una vasta letteratura), ma specificamente su quegli aspetti che si ritengono rilevanti per i siti web delle Ong. In particolare ci si è concentrati sull’analisi delle seguenti sezioni e funzionalità, tipiche di questi siti: • presentazione dell'associazione – descrizione della Ong, della sua mission e delle sue attività; • scopo del sito – immediatezza con cui vengono comunicati i suoi obiettivi attraverso la homepage; • localizzazione - traduzioni dei contenuti dei siti nelle diverse lingue; • progetti e loro descrizione - descrizioni dei progetti in corso aggiornate ed efficaci; • reclutamento volontari – qualità della comunicazione, ovvero semplicità di presentazione online della propria candidatura; • newsletter e RSS Feed – semplicità nelle modalità di iscrizione alle newsletter o di scaricamento degli RSS Feed; • donazioni e fundraising – migliori procedure di donazione online; • social network – migliore uso delle potenzialità dei social network; • e-commerce – possibilità di acquisto semplice e veloce di oggetti e gadget online. Esaminiamo ora sinteticamente le best practices individuate. Presentazione  dell’associazione  (es.  Chi  Siamo)   1. Soleterre Home Page http://www.soleterre.org/ Link Best Practice http://www.soleterre.org/associazioni- umanitarie/associazione-umanitaria-soleterre.asp Caratteristica della best Practice Sommario Scopo Presentare in poche righe chi è l’Ong, cosa fa e perché lo fa. All'interno della pagina principale della sezione Chi Siamo del sito di Soleterre troviamo un breve sommario in evidenza, il cui contenuto riassume in maniera chiara e concisa chi è l'Ong, cosa fa e perché. 4    
  5. 5.   Home Page http://www.soleterre.org/ Link Best Practice http://www.soleterre.org/associazioni- umanitarie/associazione-umanitaria-soleterre.asp Caratteristica della Best Practice Tagline Scopo Rendere riconoscibile l’Ong al primo impatto visivo. Il sito di Soleterre presenta una tagline composta da un’immagine e da una breve frase dal valore simbolico, che rappresenta il motto dell'organizzazione. Home Page http://www.soleterre.org/ Link Best Practice http://www.soleterre.org/associazioni- umanitarie/bilancio-associazione.asp Caratteristica della Best Practice Bilanci e Trasparenza Scopo Fornire all’utente informazioni dettagliate dei bilanci dell’Ong In cima alla pagina del sito di Soleterre dedicata ai bilanci vi è un breve paragrafo che descrive la situazione economica dell’Ong nell’ultimo anno. Seguono una serie di documenti scaricabili, suddivisi per anno, con informazioni varie sullo stato economico dell’Ong. A lato viene mostrata l’indicazione di certificazione da parte di un organismo esterno (Price Water House Cooper). Questo è un chiaro segnale di trasparenza nei confronti dell’utente, su come viene distribuito il denaro all’interno dell’associazione. 5    
  6. 6.   2. Azione Mondo Unito Home Page http://www.azionemondounito.org/ Link Best Practice http://www.azionemondounito.org/ chi_siamo/sede.asp Caratteristica della Best Practice Utilizzo di Google Maps per indicare la sede dell’associazione Scopo Fornire una mappa dinamica con l’indicazione della sede dell’Ong L’Ong Azione Mondo Unito utilizza Google Maps per segnalare l’indirizzo della propria sede. 6    
  7. 7.   È una buona pratica riportare il testo dell’indirizzo ed utilizzare un link che sposta l'utente al sito web di Google Maps, dove sarà possibile ad esempio definire percorsi per raggiungere la sede dell’Ong. 3. Ucodep Home Page http://www.ucodep.org/ Link Best Practice http://www.ucodep.org/index.php? option=com_content&task= blogcategory&id=392&Itemid=878 Caratteristica della Best Practice Organigramma strutturato dell’associazione Scopo Fornire all’utente informazioni sull’organizzazione strutturale della Ong La pagina dedicata all’organigramma sul sito dell’Ong Ucodep presenta un’immagine contenente il grafico della propria struttura organizzativa. Ad esso segue una breve spiegazione delle funzioni degli organi istituzionali. Sulla destra è posizionato un sottomenu con una serie di link alle pagine che contengono le spiegazioni dettagliate dei singoli elementi dell’organigramma. 7    
  8. 8.   4. Cooperazione Internazionale Home Page http://www.coopi.org/ Link Best Practice http://www.coopi.org/it/chisiamo/ associazione/domande-frequenti/ Caratteristica della Best Practice Domande Frequenti sull’associazione (Faq) Scopo Fornire all’utente le risposte alle domande più frequenti poste all’Ong All’interno della sezione “Chi Siamo” del sito web dell’organizzazione Cooperazione Internazionale troviamo una pagina dedicata alle Faq. Al suo interno si trova un elenco di domande tipiche poste all’Ong. Le risposte fornite in molti casi contengono link ad altre sezioni del sito. In questo caso la pagina diventa un utile punto di partenza per la navigazione del sito. I link “Acqua e servizi igienico-ambientali” e “Agricoltura” sono pagine interne al sito. Inoltre è possibile scaricare interamente le Faq su file in formato Pdf. 8    
  9. 9.   Home Page http://www.coopi.org/it/home/ Link Best Practice http://www.coopi.org/it/chisiamo/ associazione/ Caratteristica della Best Practice Video di Presentazione Scopo Presentare l’associazione utilizzando video o presentazioni multimediali. La pagina iniziale della sezione Chi Siamo del sito di Cooperazione Internazionale contiene un breve video di presentazione, con alcune informazioni riguardanti l’associazione. L’utilizzo di musica, foto, video e testo integrate insieme è difficilmente paragonabile alla lettura del solo testo. 5. Wwf Home Page http://www.wwf.it/ Link Best Practice http://www.wwf.it/client/render.aspx? root=585&content=0 Caratteristica della Best Practice Dettagli dei membri Scopo Fornire informazioni dettagliate sui componenti dello staff 9    
  10. 10.   L’Ong Wwf dedica una pagina del proprio sito web alla presentazione dei membri del comitato scientifico. Per ogni membro viene mostrata la foto, il nome, il cognome, un breve paragrafo in cui si descrive il proprio ruolo all’interno dell’Ong ed infine, il sito web. Una buona pratica è mostrare un breve paragrafo, o un curriculum vitae di ogni membro dello staff. Si otterrebbe una aumento della trasparenza nei confronti dell’utente, che avrà accesso a più informazioni sui membri dell’Ong. Comunicazione  e  Obiettivi  del  Sito   1. Soleterre Home Page http://www.soleterre.org/index.asp/ Link Best Practice http://www.soleterre.org/index.asp Caratteristica della Best Practice Menu Principale Scopo Comunicare all’utente quali sono le sezioni presenti nel sito Il menu principale del sito dell'Ong Soleterre si trova in alto nella homepage. La voce corrispondente alla pagina in cui si trova l'utente è evidenziata con un colore diverso. Il labelling è coerente e auto- esplicativo, cioè è facile comprendere cosa conterrà la pagina associata ad ogni voce del menu. Ad esempio, la sezione “Informati” contiene informazioni e notizie sulle attività dell’Ong. Inoltre non è ambiguo, come si nota dalle due sezioni “Come aiutare” e “Sostegno a distanza”, in cui si distingue la donazione libera dal sostegno continuativo ad un progetto. 10    
  11. 11.   2. Ucodep Home Page http://www.ucodep.org/index.php Link Best Practice http://www.ucodep.org/index.php? option=com_content&task=blogcategory &id=133&Itemid=600 Caratteristica della Best Practice Ufficio Stampa Scopo Organizzare le informazioni per la Stampa L’Ong Ucodep dedica una sezione del proprio sito web all’ufficio stampa. All’interno di tale sezione vengono mostrati l’indirizzo e-mail e i numeri di telefono degli addetti stampa, i link alle sottosezioni contenenti i comunicati e le rassegne stampa, e una galleria fotografica (Flickr). I comunicati e le rassegne stampa vengono organizzati per mese. 11    
  12. 12.   3. Cefa Home Page http://www.cefaonlus.it/ Link Best Practice http://www.cefaonlus.it/ Caratteristica della Best Practice Grafica gradevole Scopo Comunicare in modo adeguato l’obiettivo del sito La home page del sito dell’Ong Cefa è molto gradevole dal punto di vista grafico. È una buona pratica creare siti web con una grafica gradevole, in quanto l’aspetto visivo incide anche sulla soddisfazione che ne deriva dall’interazione2.                                                                                                                           2  Patrick Lynch (2009) Visual Decision Making. http://www.alistapart.com/articles/visual- decision-making/   12    
  13. 13.   Home Page http://www.cefaonlus.it/ Link Best Practice http://www.cefaonlus.it/ Caratteristica della Best Practice Logo e Payoff Scopo Comunicare in modo adeguato i simboli e i valori dell’Ong nella homepage Nella home page del sito dell’Ong Cefa viene mostrato in alto a sinistra il logo dell’organizzazione, formato dal simbolo e dal nome della Ong. Una buona pratica è quella di inserire insieme al logo una breve frase (vedi l’immagine seguente) o un motto. Inoltre, nella parte centrale viene mostrato un breve testo che spiega l’attività dell’Ong. 4. Wwf Home Page http://www.wwf.it/ Link Best Practice http://www.wwf.it/client/render.aspx Caratteristica della Best Practice Primo Piano Scopo Evidenziare le attività in corso dell’Ong La Ong Wwf riserva una porzione molto ampia della home page ad una sezione che descrive le attività più recenti. Al suo interno vengono mostrate notizie importanti, iniziative solidali ed eventi. Tale sezione viene posizionata all’interno dello spazio più importante della pagina, in modo da catturare immediatamente l’attenzione dell’utente. 13    
  14. 14.   5. Unicef Home Page http://beta.unicef.it/ Link Best Practice http://www.wwf.it/client/render.aspx Caratteristica della Best Practice Banner Scopo Promuovere le attività/iniziative in corso dell’Ong La parte inferiore dell’homepage del sito dell’Ong Unicef mostra una serie di banner pubblicitari che promuovono, attraverso immagini e testo, inviti ad eventi e iniziative solidali. Una buona pratica per i siti delle Ong è quella di utilizzare i banner per evidenziare particolari situazioni di emergenza e per dare risalto ai risultati raggiunti. 14    
  15. 15.   Descrizione  dei  Progetti   1. Africa Mission Home Page http://www.africamission.org/ Link Best Practice http://www.africamission.org/ perforazione_pozzi.asp Caratteristica della Best Practice Cronistoria dello stato di Avanzamento del Progetto Scopo Informare l’utente sullo stato di avanzamento dei progetti in corso La sezione dedicata ai singoli progetti mostra all’utente la cronistoria del loro stato di avanzamento. Per l’anno corrente viene mostrata una scheda in cui sono riassunti alcuni dettagli che riguardano il progetto. Per descrivere gli obiettivi raggiunti negli anni precedenti viene mostrato, per ognuno, un breve paragrafo nel quale si descrivono i risultati raggiunti, come ad esempio il numero di pozzi creati e il numero di beneficiari diretti di tale risultato.   15    
  16. 16.   2. ProgettoMondo Mlal Home Page http://www.progettomondomlal.org/ Link Best Practice http://www.progettomondomlal.org/ progetto.php?id=25 Caratteristica della Best Practice Notiziario informativo sullo stato di Avanzamento del Progetto Scopo Informare l’utente sullo stato di avanzamento dei progetti in corso Lo stato di avanzamento dei progetti nel sito dell’Ong Progettomondo Mlal viene organizzato in notiziari scaricabili in formato pdf. I notiziari aggiornati sono inseriti nella pagina ogni 6 mesi dall’inizio del progetto. Al loro interno si possono leggere le notizie sulla vita nei luoghi di intervento e sulla situazione socio-politica del paese in cui si svolge il progetto. 3. Amici dei Bambini Home Page http://www.aibi.it/ Link Best Practice http://www.aibi.it/ita/progetti/aibi-mondo/bolivia/ Caratteristica della Best Practice Schede Informative dei singoli progetti Scopo Organizzare l’informazione dei singoli progetti 16    
  17. 17.   L’informazione relativa ai singoli progetti nel sito dell’Ong Amici dei bambini viene organizzata in schede, ognuna delle quali descrive un argomento che riguarda il progetto in corso. All’interno delle schede vengono descritti, ad esempio, il contesto, le foto scattate durante il progetto, la possibilità di donare per il progetto. Home Page http://www.aibi.it/ Link Best Practice http://www.aibi.it/ita/progetti/aibi- mondo/bolivia/aggiornamenti-bolivia/ Caratteristica della Best Practice News dal Paese Scopo Aggiornare l’utente con news e comunicati dai paesi in cui si svolgono i progetti All’interno della pagina che descrive il singolo progetto è possibile accedere alla sezione “News dal Paese”, selezionando il link in alto a destra nella pagina. Al suo interno sono presenti notizie aggiornate, scritte dagli operatori, sui risultati raggiunti e sugli eventi supportati dall’Ong Amici dei bambini nei vari paesi in cui opera. In questo caso, ad esempio, è possibile accedere alle notizie riguardanti la Bolivia. La parte centrale della pagina delle notizie è divisa in due parti: in alto troviamo gli ultimi aggiornamenti, mentre in basso le notizie meno recenti, organizzate per anno e mese di pubblicazione. 17    
  18. 18.   4. Engim Internazionale Home Page http://www.engiminternazionale.org/ Link Best Practice http://www.engiminternazionale.org/ index.php?option=com_content&task= view&id=106&Itemid=136 Caratteristica della Best Practice Progetti in Google Maps Scopo Organizzare la visualizzazione dell’insieme dei progetti dell’Ong L’Ong “Engim Internazionale” sfrutta la mappa dinamica offerta da Google Maps per visualizzare i progetti di solidarietà nel mondo. I segnaposto distribuiti sulla mappa indicano gli Stati in cui l’Ong opera. 18    
  19. 19.   Selezionando uno dei segnaposti presenti viene mostrata una finestra con l’elenco dei progetti in corso e realizzati. 5. Noi per Loro Home Page http://www.noiperloro.org/ Link Best Practice http://www.noiperloro.org/ pagine_interne.asp? AreaCode=NPLBEGAPM&idlingua=1 &sezione=progettomese Caratteristica della Best Practice Progetto del mese Scopo Evidenziare il progetto più recente La homepage del sito dell’Ong Noi per Loro mostra all’interno del menu principale un link, che conduce alla pagina del progetto più recente in corso. Si tratta di una buona pratica, finalizzata a dare risalto alle attività recenti, e potrebbe essere utilizzata, ad esempio, per attirare le donazioni verso tale progetto. 19    
  20. 20.   6. Amref Home Page http://www.amref.it/ Link Best Practice http://www.amref.it /locator.cfm?SectionID=799 &CFID=12334183&CFTOKEN=59542742 Caratteristica della Best Practice Galleria Fotografica Scopo Mostrare le attività dell’Ong I progetti dell’Ong Amref nel mondo vengono sintetizzati in una galleria fotografica, presentata in una specifica sezione del proprio sito web. All’interno di tale sezione le fotografie sono organizzate per settore di intervento (“Infanzia”, “Acqua”, “Medicina e Formazione” ecc). 7. Centro Sviluppo Terzo Mondo Home Page http://www.cesvitem.org/ Link Best Practice http://www.cesvitem.org/it/pvs/progetto-radio- monapo.asp Caratteristica della Best Practice Galleria Fotografica del Progetto Scopo Arricchire la descrizione dei singoli progetti 20    
  21. 21.   Il sito web dell’Ong Centro Sviluppo Terzo Mondo mostra ai propri utenti una galleria fotografica dei singoli progetti in corso, accessibile dalla pagina principale che descrive il singolo progetto. La sezione che contiene la galleria fotografica è divisa in due parti. A sinistra troviamo le miniature delle foto, che l’utente può selezionare, mentre a destra viene mostrata la foto selezionata nelle sue dimensioni originali. Una buona pratica è inserire, per ogni scatto, una breve didascalia che descrive il soggetto della foto. 21    
  22. 22.     Reclutamento  Volontari   1. Unicef Home Page http://beta.unicef.it/ Link Best Practice http://beta.unicef.it/doc/502/collabora-con-noi.htm Caratteristica della Best Practice Invito a collaborare Scopo Invitare l’utente a collaborare con l’Ong L’Ong Unicef invita gli utenti a presentare la propria candidatura per diventare membro attivo dell’organizzazione attraverso un breve paragrafo. 2. Ibo Italia Home Page http://www.iboitalia.org/ Link Best Practice http://www.iboitalia.org/campi.asp Caratteristica della Best Practice Iscrizione ai Campi di Lavoro Scopo Permettere all’utente di inviare la propria candidatura per diventare volontario 22    
  23. 23.   L’Ong Ibo Italia offre all’utente la possibilità di inviare, compilando un apposito modulo online, la propria candidatura per partecipare ad attività di volontariato, in diverse zone del mondo. La pagina che mostra le varie offerte è suddivisa in tre aree geografiche: Italia, Europa e resto del mondo. Per ogni progetto sono previsti diversi periodi di lavoro, con il luogo, le date di inizio e fine, il numero di volontari e un pulsante per l’iscrizione, che è disattivato se il progetto è stato concluso o se i posti assegnabili sono esauriti. Selezionando un progetto, ad esempio “Bologna – Quartiere Lame – In Famiglia … Aperta” si accede ad una pagina che descrive brevemente il luogo, il lavoro da svolgere, e i periodi di lavoro, suddivisi in turni. Dopo aver selezionato il pulsante con l’etichetta “Iscriviti” si accede alla pagina di iscrizione una form, che richiede all’utente di compilare tutti campi per sottoporre la propria candidatura. 23    
  24. 24.   La modalità di reclutamento proposta da Ibo Italia utilizza la tecnologia disponibile al meglio, attraverso un servizio utile all'utente, e a chi deve gestire le risorse umane a disposizione, con un notevole risparmio di tempo e denaro. 3. Asia Onlus Home Page http://www.asia-ngo.org/ Link Best Practice http://www.asia-ngo.org/j15/index.php?option=com_ content&view=article&id=272&Itemid=59 Caratteristica della Best Practice Curriculum vitae Scopo Permettere all’utente di inviare il proprio curriculum vitae nel formato desiderato L’utente che vuole sottoporre la propria candidatura per diventare volontario dell’Ong, può farlo tramite l’invio diretto del proprio curriculum vitae, nella sezione “Lavora con noi” del sito dell’organizzazione Asia Onlus. È possibile infatti inviare il proprio documento utilizzando diversi formati di file, indicati nella form presente nella sezione. L’utente può decidere inoltre, di inviare un altro documento se necessario. 24    
  25. 25.   4. Cesvi Home Page http://www.cesvi.org/ Link Best Practice http://www.cesvi.org/hr.cesvi.org/index.htm?jtype=italy Caratteristica della Best Practice Posizioni Aperte Scopo Permettere all’utente di visualizzare le posizioni lavorative disponibili La sezione “Lavora con Noi” del sito dell’Ong Cesvi mostra l’insieme delle professionalità ricercate. Ogni posizione viene descritta nei dettagli in un apposita pagina. 25    
  26. 26.   Selezionando il pulsante “To Apply” si accede alla pagina con la form di iscrizione. In alto è possibile visualizzare le istruzioni necessarie per compilarla ed inviare i dati. 26    
  27. 27.       5xMille   1. Soleterre Home Page http://www.soleterre.org/ Link Best Practice http://www.soleterre.org/5-per-mille/5x1000.asp Caratteristica della Best Practice 5xMille Scopo Informare l’utente su come versare il 5xMille all’Ong La sezione dedicata al 5xMille del sito web dell’Ong Soleterre mostra un banner al centro della pagina che invita l’utente a dare il proprio contributo all’organizzazione. In basso un breve paragrafo indica il numero di codice fiscale da inserire nella propria dichiarazione dei redditi. Tale numero viene indicato con un carattere di grandi dimensioni. Una buona pratica è spiegare in dettaglio e con immagini esplicative la procedura che deve adottare l’utente per versare il proprio 5xMille all’Ong. 27    
  28. 28.   2. Centro Sviluppo Terzo Mondo Home Page http://www.cesvitem.org/ Link Best Practice http://www.cesvitem.org/it/sostienici/5-per-mille.asp Caratteristica della Best Practice Compilazione dei modelli fiscali Scopo Informare l’utente su come versare il 5xMille all’Ong La sezione “Sostienici” del sito dell’Ong Centro Sviluppo Terzo Mondo contiene una sottosezione dedicata al 5xMille. Un breve paragrafo introduce ai motivi che dovrebbero spingere l’utente a versare il proprio 5xMille all’Ong. In basso nella pagina viene mostrata un’immagine che indica all’utente come compilare i modelli fiscali 730, CUD e Unico. 28    
  29. 29.   Donazioni  Online   1. Amref Home Page http://www.amref.it/ Link Best Practice http://www.amref.it/ Caratteristica della Best Practice Pulsante o link per la sezione Donazioni Scopo Evidenziare l a presenza di una sezione dedicata alle donazioni Il sito web dell’Ong Amref permette all’utente di effettuare donazioni online. La homepage mostra infatti un pulsante di grandi dimensioni con la dicitura “Dona Adesso”. È una buona pratica, soprattutto per le organizzazioni che finanziano i propri progetti attraverso le donazioni libere di privati e aziende, evidenziare in ogni pagina del sito, tramite un pulsante o un link facilmente visibile, la possibilità di donare online. Home Page http://www.amref.it/ Link Best Practice http://www.amref.it/locator.cfm? PageID=5354 Caratteristica della Best Practice Donare online Scopo Permettere all’utente di effettuare le donazioni all’Ong La sezione dedicata alla donazioni presente nel sito web dell’Ong Amref, mostra un paragrafo che spiega brevemente come effettuare la donazione, seguito da una form nella quale selezionare il progetto che si desidera finanziare, la modalità di pagamento desiderata, e l’importo della donazione. 29    
  30. 30.   Dopo aver selezionato la modalità di pagamento appare una ulteriore form in cui inserire i propri dati personali e terminare la procedura. Gli unici dati obbligatori da immettere nella form sono il nome, il cognome e la e-mail. Una buona pratica è dare la possibilità all’utente di selezionare tra diverse modalità di pagamento, sia online sia più tradizionali come ad esempio il bonifico bancario e il conto corrente postale. 2. Celim Home Page http://www.celim.org/ Link Best Practice http://www.celim.org/pag/ donaonline.php?progetto=&euro= Caratteristica della Best Practice Procedura di donazione online Scopo Permettere all’utente di donare online 30    
  31. 31.   La sezione del sito web dell’Ong Celim dedicata alle donazioni online mostra una form da compilare. Una buona pratica presente in questa sezione è presentare all’utente una form breve, con pochi dati obbligatori da inserire. Dopo aver selezionato il pulsante prosegui viene mostrata una pagina di riepilogo con i dati inseriti. L’utente può, tramite i due pulsanti in basso, confermare, o tornare indietro nel caso in cui i dati inseriti siano errati. Quando l’utente ha completato la procedura di immissione dei dati può procedere al pagamento, che differisce a seconda del servizio bancario utilizzato dall’Ong. 31    
  32. 32.   3. Cooperazione Internazionale Home Page http://www.coopi.org/ Link Best Practice http://www.coopi.org/it/shop/dona-ora/ Caratteristica della Best Practice Procedura di donazione online Scopo Permettere all’utente di donare online in modo semplice e veloce. La sezione dedicata alle donazioni, alla quale si accede tramite il pulsante “Dona Ora”, mostra una form molto semplice, in cui si richiedono due campi, l’importo e il destinatario della donazione. È possibile inserire l’importo e lasciare che sia l’Ong a decidere la sua destinazione. Infatti, come opzione predefinita nel menu a tendina in basso viene riportato il testo “Dove c’è più bisogno”. La pagina che segue richiede l’inserimento delle generalità dell’utente. I campi obbligatori sono segnalati dal font in grassetto. Un breve paragrafo iniziale rimanda ad informazioni molto importanti, come la privacy, la detraibilità e deducibilità dalle tasse delle donazioni. Una check box posizionata sotto i primi 3 dati obbligatori da all’utente la possibilità di iscriversi alla newsletter. 32    
  33. 33.   Un altro elemento molto importante della pagina è il box posizionato a destra, di colore blu, che indica i passi e le istruzioni necessarie a portare a terminare con successo la donazione. Come si può notare dalla terminologia e dall’icona del carrello, la donazione viene considerata come l’acquisto di un oggetto in un sito di e-commerce. Cooperazione Internazionale offre nel suo sito una sezione dedicata all’e-commerce. Infine è necessario selezionare il tipo di pagamento. Dopo aver inserito i dati e selezionata la modalità di pagamento, la pagina successiva conferma l’avvenuto pagamento e mostra la ricevuta dell’ordine. Si può notare la corrispondenza tra il titolo centrale della pagina “Conferma Ordine” e la voce contenuta nel box a destra. È stata effettuata una donazione simbolica per comprendere il funzionamento della sezione dedicata alle donazioni online del sito di Cooperazione Internazionale. 33    
  34. 34.   La pagina successiva a quella di conferma dell’ordine, si trova nel sito della banca in cui si effettua il pagamento della donazione. In alto a destra si notano il logo dell’Ong e della banca che fornisce il servizio. La form che viene mostrata all’utente richiede di inserire i dati relativi alla carta di credito. Al termine della transazione viene mostrata una ricevuta di conferma dell’avvenuto pagamento. 4. Care & Share Home Page http://www.caresharegermany.de/ Link Best Practice http://www.careshare.org/it/htm/cs-comedonare.asp Caratteristica della Best Practice Visualizzazione del numero dei passi necessari per effettuare una donazione Scopo Guidare l’utente nella procedura di donazione online La pagina dedicata alle donazioni online di Care & Share permette di selezionare tra tre diverse opzioni. Le prime due sono le donazioni tradizionali tramite il Bonifico Bancario ed il versamento su un conto corrente postale. La terza è la donazione online. Per accedervi è necessario selezionare il pulsante “Aiutaci”. 34    
  35. 35.   Ciò che rende una buona pratica la procedura per donare online di Care & Share è un metodo molto intuitivo, che consiste nell’utilizzare una serie di numeri composti graficamente, in serie, ad indicare il numero di passi necessari per portare a termine la donazione. La pagina dedicata al passo corrente viene evidenziata con un colore più scuro. Home Page http://www.caresharegermany.de/ Link Best Practice http://www.careshare.org/it/htm/cs-comedonare.asp Caratteristica della Best Practice Form per le donazioni Scopo Permettere all’utente di decidere a quale attività destinare la propria donazione 35    
  36. 36.   La pagina principale delle donazioni online del sito dell’Ong Care & Share è composta da 4 form. La prima contiene l’importo totale della donazione da versare. Le restanti 3 form consentono all’utente di decidere a quale opera solidale destinare il proprio sostegno, come, ad esempio, le adozioni a distanza, il rinnovo di un’adozione o un progetto in corso. Una volta selezionata la propria donazione tramite il pulsante “Aggiungi” l’importo verrà visualizzato nella form iniziale. È possibile effettuare più di una donazione nella medesima pagina. Tramite il pulsante alla destra dell’importo (il segno “-“) si elimina dalla form l’elemento selezionato. 36    
  37. 37.   5. Cooperazione Internazionale Sud Sud Home Page http://www.cissong.org/ Link Best Practice http://www.cissong.org/it/progetti/progetto-di-sostegno- alla-salvaguardia-del Caratteristica della Best Practice Sostenere un progetto Scopo Permettere all’utente di donare online per un progetto specifico Le pagine dei singoli progetti del sito di Cooperazione Internazionale Sud Sud mostrano al centro della pagina un link, che permette di effettuare una donazione online per il progetto descritto. 6. Centro Italiano Aiuti all’Infanzia Home Page http://www.ciai.it/ Link Best Practice https://www.paypal.com/it/cgi-bin/webscr?cmd=_ Caratteristica della Best Practice Integrazione di Paypal nel sito dell’Ong Scopo Fornire all’utente più opzioni per donare online La pagina dedicata alle donazioni online del sito dell’Ong Centro Italiano Aiuti all’Infanzia fornisce all’utente la possibilità di donare utilizzando il servizio di pagamento online Paypal. Come si nota dall’immagine seguente il logo dell’Ong è stato aggiunto alla grafica predefinita. 37    
  38. 38.   Una buona pratica è fornire all’utente diverse opzioni per donare online, come ad esempio il servizio offerto da una banca oppure i servizi di pagamento come paypal. E-­commerce   1. Cooperazione Internazionale Home Page http://www.coopi.org/ Link Best Practice http://www.coopi.org/it/ shop/settore/artigianato/ Caratteristica della Best Practice Sezione e-commerce Scopo Permettere all’utente di acquistare online La pagina dedicata all’e-commerce del sito dell’Ong Cooperazione Internazionale è suddivisa in tre colonne. A sinistra è possibile selezionare i settori merceologici a cui appartengono i prodotti in vendita. Nella colonna centrale sono elencati i prodotti, descritti da: una foto, il prezzo e un link che conduce ad una scheda di approfondimento. Nella colonna di destra viene mostrato il carrello, che conterrà la lista degli acquisti dell’utente. 38    
  39. 39.   Quando l’utente ha deciso quali prodotti acquistare basterà selezionare il pulsante “aggiungi al carrello”. In seguito con il pulsante “Concludi l’ordine” l’utente può decidere di confermare l’acquisto dei prodotti. 39    
  40. 40.   2. Terre des hommes Italia Home Page http://www.terredeshommes.it/ Link Best Practice http://www.superegali.com/ Caratteristica della Best Practice Sito e-commerce Scopo Permettere all’utente di acquistare online L’Ong Terres des hommes offre all’utente un intero sito di e-commerce. Al suo interno non è possibile acquistare oggetti, ma finanziare i progetti tramite regali “virtuali”, gesti simbolici come ad esempio l’acquisto di una o più visite oculistiche ai bambini dei paesi poveri del Sud America, uno o più test sull’aids per le comunità dell’Africa, uno o più kit scolastici, uno o più personal computer e così via. Per ogni “regalo” è possibile visualizzare una breve descrizione. 40    
  41. 41.   Inoltre è possibile registrarsi al sito e creare una propria lista dei desideri (“wish list”) degli acquisti che si desidera effettuare in futuro. 3. Unicef Home Page http://beta.unicef.it/ Link Best Practice http://www.prodottiunicef.it/ Caratteristica della Best Practice Sito e-commerce Scopo Permettere all’utente di acquistare online 41    
  42. 42.   L’Ong Unicef dedica un intero sito alla vendita di prodotti equosolidali che servirà a finanziare i progetti dell’organizzazione. Il sito è stato creato utilizzando tecnologia flash, in tre dimensioni. Al suo interno viene mostrata una casa in cui ogni stanza corrisponde uno specifico settore merceologico. I prodotti selezionati dall’utente vengono aggiunti al carrello degli acquisti. Una volta completata la selezione dei prodotti l’utente potrà effettuare il pagamento in una sezione apposita. 42    
  43. 43.   Calendario  degli  Eventi   1. Unicef Home Page http://www.unicef.it/ Link Best Practice http://beta.unicef.it/ tdoc/23/24/25/26/27/agenda.htm Caratteristica della Best Practice Descrizione degli eventi Scopo Informare l’utente sui prossimi eventi organizzati dall’Ong L’Ong Unicef dedica una pagina ai vari eventi, organizzati in una lista ordinata secondo la data. Ogni evento ha un titolo, a cui è associato un testo che lo descrive, una data e il luogo di svolgimento. Quest’ultimo elemento viene utilizzato come strumento di navigazione. Infatti, selezionando il luogo in cui si svolgerà l’evento verranno mostrati tutti gli eventi che avverranno in quel luogo. 43    
  44. 44.   Selezionando ad esempio “Napoli” verranno filtrati tutti gli eventi organizzati nella città Campana. Allo stesso modo se selezioniamo “Campania” o “Unicef in Italia” possiamo applicare un filtro variando l’ampiezza dell’insieme di eventi. 44    
  45. 45.   2. Cooperazione Internazionale Home Page http://www.coopi.org/ Link Best Practice http://coopi.org/it/cosafac ciamo/initalia/appuntamenti/ Caratteristica della Best Practice Calendario Scopo Informare l’utente sui prossimi eventi organizzati dall’Ong Gli eventi mostrati nel sito dell’Ong Cooperazione Internazionale sono ordinati all’interno di una lista. Per ogni appuntamento viene mostrata l’immagine di un calendario in cui è evidenziata la durata degli eventi. 45    
  46. 46.   Newsletter  e  RSS  Feed   1. Cooperazione Internazionale Home Page http://www.coopi.org/ Link Best Practice http://www.coopi.org/ it/service/info/newsletter/ Caratteristica della Best Practice Iscrizione alla newsletter Scopo Permettere all’utente di ricevere la newsletter sulla propria casella e-mail Nella home page dell’Ong Cooperazione Internazionale viene mostrata una piccola form per l’iscrizione alla newsletter. La pagina successiva non è una conferma d’iscrizione, ma contiene un breve paragrafo che descrive i vantaggi che si ottengono dall’iscrizione, e una ulteriore form con i dati da inserire. Come si nota dall’immagine di seguito il parametro e-mail risulta già compilato, ed essendo l’unico dato obbligatorio, l’utente può decidere di inserire i propri dati personali oppure di procedere selezionando il tasto “Invia”. 46    
  47. 47.   2. Istituto Progetto Sud Home Page http://www.progettosud.org/ Link Best Practice http://www.progettosud.org/ Caratteristica della Best Practice Form per l’iscrizione alla newsletter: Iscriviti e cancella iscrizione Scopo Permettere all’utente di cancellare la propria iscrizione alla newsletter La form per l’iscrizione alla newsletter mostrata dal sito dell’Ong Progetto Sud richiede l’inserimento della propria email, ed Inoltre, se l’utente è già iscritto, decidere di cancellare la propria iscrizione selezionando il pulsante Cancella Iscrizione. 3. Wwf Home Page http://www.wwf.it/ Link Best Practice http://www.wwf.it/client/rss.aspx Caratteristica della Best Practice RSS Feed Scopo Permettere all’utente di essere aggiornato in tempo reale Dal sito dell’Ong Wwf è possibile scaricare gli RSS Feed, suddivisi in: aggiornamenti sulle attività a livello nazionale e aggiornamenti provenienti dalle sedi regionali. Inoltre è presente una breve spiegazione sul loro utilizzo. 47    
  48. 48.   4. Amici dei Bambini Home Page http://www.aibi.it/ita/ Link Best Practice http://www.aibi.it/ita/feed Caratteristica della Best Practice RSS Feed Scopo Permettere all’utente di essere aggiornato in tempo reale Il sito dell’Ong Amici dei Bambini fornisce all’utente la possibilità di scaricare un unico RSS Feed con le notizie aggiornata su eventi, progetti e iniziative. Nella parte alta di ogni pagina del sito web viene mostrata l’icona di colore arancio che indica la presenza degli RSS Feed. 48    
  49. 49.     Social  Network   1. Cooperazione Internazionale Home Page http://www.coopi.org/ Link Best Practice http://www.coopi.org/it/home/ Caratteristica della Best Practice Social Buttons Scopo Informare l’utente sui social network a cui è iscritta l’Ong I social network ai quali l’Ong Cooperazione Internazionale è iscritta vengono mostrati all’interno di un’area della home page. Una buona pratica in questo caso è inserire le ultime pubblicazioni dall’associazione nei vari social network, come ad esempio l’ultimo video caricato su Youtube e l’ultimo post su Twitter. 2. Wwf Home Page http://www.wwf.it/ Link Best Practice http://www.facebook.com/pages/WWF- Italia/88997912868?v=wall#/pages/WWF- Italia/88997912868?ref=mf Caratteristica della Best Practice Facebook Scopo Utilizzare i social network al massimo delle potenzialità 49    
  50. 50.   L’Ong Wwf utilizza il social network Facebook come compendio del proprio sito web. Al suo interno vengono mostrate notizie, eventi, foto, video, discussioni sulle attività dell’Ong, informazioni presenti anche sul sito web dell’organizzazione. Gli utenti iscritti possono ad esempio, inserire commenti, foto, aprire discussioni su un argomento e dichiarare la propria partecipazione agli eventi dell’Ong. 3. Unicef Home Page http://beta.unicef.it/ Link Best Practice http://www.flickr.com/photos/unicefitalia/ Caratteristica della Best Practice Flickr Scopo Utilizzare i social network al massimo delle potenzialità Tutte le foto delle iniziative e degli eventi organizzati dall’Ong Unicef vengono mostrate all’interno del social network Flickr. Gli scatti fotografici dei vari eventi vengono divisi in gallerie. 50    
  51. 51.   Tramite un link all’interno della pagina contenente la galleria fotografia è possibile visualizzare le foto in sequenza temporale (slide show). 4. Avsi Home Page http://www.avsi.org/ Link Best Practice http://www.avsi.org/ Dinamico/main/Filmati.asp Caratteristica della Best Practice Youtube Scopo Utilizzare i social network al massimo delle potenzialità L’Ong Avsi integra all’interno del proprio sito web, sotto forma di notiziario, un insieme di contenuti video, inseriti all’interno social network Youtube. Per ogni video è presente un titolo ed una breve 51    
  52. 52.   descrizione. Sono presenti video dedicati, ad esempio, a spot pubblicitari che promuovono iniziative ed eventi, a reportage nei luoghi in cui si svolgono i progetti e a interviste agli operatori. Selezionando uno degli elementi presenti nella lista si accede ad una pagina con il contenuto video ed un breve paragrafo di descrizione. I contenuti video dell’Ong Avsi sono visibili anche all’interno del canale Youtube dell’organizzazione. 52    
  53. 53.   Sarebbe utile impiegare questa buona pratica quando l’Ong possibile più di un canale sul social network Youtube. Localizzazione   1.Soleterre Home Page http://www.soleterre.org/ Link Best Practice http://www.soleterre.org/uk/index.asp Caratteristica della Best Practice Siti locali Scopo Permettere all’utente di visualizzare il sito in 2 lingue L’Ong Soleterre offre all’utente due versioni del proprio sito, una in lingua italiana e una versione ridotta in lingua inglese. Quest’ultima è uniforme nell’aspetto grafico rispetto a quella italiana. I contenuti mostrati nella versione in lingua inglese sono stati tradotti da quelli del sito originale, tranne che per gli aspetti specifici della realtà italiana. Sito in versone Italiana: 53    
  54. 54.   Sito in versione Inglese: 2. Wwf Home Page http://www.wwf.org/ Link Best Practice http://www.wwf.org/ Caratteristica della Best Practice Siti locali Scopo Permettere all’utente di selezionare il sito nella propria lingua 54    
  55. 55.   L’Ong Wwf è presente in varie regioni del mondo. Su www.wwf.org è possibile visualizzare la lista di tutte le versioni locali del sito dell’Ong. Dato che molte Ong utilizzano l’estensione “org” (organizzazioni senza scopo di lucro) per i loro siti, la soluzione utilizzata da Wwf è una buona pratica per indirizzare l’utente alla versione locale del proprio sito. Tale soluzione potrebbe essere ulteriormente migliorata visualizzando in nomi delle varie regioni utilizzando la lingua e l’alfabeto locale. 3. Unicef Home Page http://www.unicef.org/ Link Best Practice http://www.unicef.org/ Caratteristica della Best Practice Siti locali e scelta della lingua Scopo Permettere all’utente di visualizzare il sito nella propria lingua La soluzione che adotta Unicef per segnalare l’esistenza dei siti locali, è utilizzare le bandire delle varie nazioni come link ai siti dei comitati locali dell’Ong. Inoltre, in alto al centro della home page è possibile selezionare tra le 5 lingue più usate al mondo per la visualizzazione del sito globale di Unicef nella lingua prescelta. 55    
  56. 56.   L’utilizzo della bandiera è una buona pratica in quanto simbolo univoco riconoscibile di ogni nazione. 56    
  57. 57.   Indice  dei  Siti   Unicef (Quarto Quartile) http://beta.unicef.it/ Africa Mission (Primo Quartile) http://www.africamission.org/ Amici dei Bambini (Quarto Quartile) http://www.aibi.it/ 57    
  58. 58.   Amref (Quarto Quartile) http://www.amref.it/ Asia Onlus (Quarto Quartile) http://www.asia-ngo.org/ 58    
  59. 59.   Avsi (Terzo Quartile) http://www.avsi.org/ Azione Mondo Unito (Secondo Quartile) http://www.azionemondounito.org/ 59    
  60. 60.   Care & Share (Terzo Quartile) http://www.caresharegermany.de/ Cefa Onlus (Terzo Quartile) http://www.cefaonlus.it/ 60    
  61. 61.   Celim (Quarto Quartile) http://www.celim.org/ Cesvi (Terzo Quartile) http://www.cesvi.org/ 61    
  62. 62.   Centro Sviluppo Terzo Mondo (Quarto Quartile) http://www.cesvitem.org/ Centro Italiano Aiuti all’Infanzia (Quarto Quartile) http://www.ciai.it/ 62    
  63. 63.   Cooperazione Internazionale Sud Sud (Quarto Quartile) http://www.cissong.org/ Cooperazione Internazionale (Quarto Quartile) http://www.coopi.org/it/home/ 63    
  64. 64.   Engim Internazionale (Quarto Quartile) http://www.engiminternazionale.org/ IBO Italia (Terzo Quartile) http://www.iboitalia.org/ 64    
  65. 65.   Noi Per Loro (Terzo Quartile) http://www.noiperloro.org/ ProgettoMondo Mlal (Quarto Quartile) http://www.progettomondomlal.org/ 65    
  66. 66.   Progetto Sud (Terzo Quartile) http://www.progettosud.org/ Soleterre (Quarto Quartile) http://www.soleterre.org/ 66    
  67. 67.   Terre des Hommes Italia (Quarto Quartile) http://www.terredeshommes.it/ Ucodep (Quarto Quartile) http://www.ucodep.org/ 67    
  68. 68.   Wwf (Quarto Quartile) http://www.wwf.it/ 68    
  69. 69. Sviluppi  Futuri    69   69    

×